...

new york

by user

on
Category: Documents
15

views

Report

Comments

Description

Transcript

new york
Come stampare la guida
why?
A
stampa la guida su fogli A4,
orientamento orizzontale,
stampa dimensioni effettive
B
piega ogni foglio a metà lasciando
la stampa all’esterno
C
when?
what?
who?
where?
sovrapponi i fogli piegati, mantenendo
l’ordine indicato dal numero di pagina e
rilegali tutti insieme con una pinzatrice o
una spirale
La tua azienda in questa guida
Se hai una attività commerciale in questa città e ritieni che i tuoi servizi possono essere utili al
turista ed in linea alla qualità offerta dalla guida, scrivi a: [email protected]
Pernottamento: hotel,
bed and breakfast, camping ecc.
GUIDA di
new york
scarica le altre guide su www.weagoo.com
Ristorazione: ristoranti,
trattorie, pizzerie, bar,
gelaterie ecc.
Servizi: farmacie, officine,
negozi in genere, assicurazioni ecc.
Eventi: sponsorizza un
evento nella guida della
tua città.
Con l’intento di fornire all’utilizzatore della guida un servizio migliore, WeAGoo si riserva di selezionare la presenza nelle proprie Guide.
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
FREE!
Manhattan © Diliff
vista livello regione
New York: città entusiasmante, ricca e multiforme
vista livello nazione
3
Cercare di catturare in una guida l’anima di
New York, avvertiamo subito, è impossibile.
Potremo dare un’impressione, accurata sicuramente, della città ma per cogliere la “tua New
York” non c’è altra via se non quella di visitarla,
respirarla, viverla. Abbiamo detto la “tua New
York” perché questa splendida capitale ha una
caratteristica unica: sa offrire una dimensione
particolare e speciale per ciascun visitatore. E’
difficile da spiegare ma ogni persona potrà vivere New York in maniera differente, trovando
il suo spazio e la sua prospettiva ideale, che
porterà con se indelebilmente.
ale. E’ una città multietnica, camaleontica ed
allo stesso tempo custode di uno dei simboli
più importanti dello spirito americano, la statua
della Libertà. E questo spirito di tradizione ed
orgoglio della nazione si è fatto ancor più forte
dopo lo shock subito a seguito del tragico attentato dell’11 settembre 2001, attentato che
ha distrutto uno dei simboli della metropoli, le
Torri Gemelle, ma che ha scatenato una travolgente reazione della città e dell’intero popolo
americano, rendendo Ground Zero testimonianza, in tutto il mondo, di forza e contrasto a
qualunque forma di terrorismo.
Si sono sprecate definizioni per cercare di
definire questa città, da la Grande mela (the
Big Apple) a Gotham City, da la città che non
dorme mai (The city that never sleeps) a la
capitale del mondo, sicuramente per i suoi
abitanti è “La Città”, unica e indiscussa regina
del panorama internazionale. D’altra parte è la
città più popolosa degli Stati Uniti d’America,
è sede delle Nazioni Unite e soprattutto sede
della borsa Wall Street. Ma non è solo questo,
New York è la città più ambita degli States, da
sempre caratterizzata da un fermento culturale
importantissimo, luogo dove nascono nuove
tendenze, centro della moda americana e non
solo, città eletta residenza da numerose star
del cinema e dello spettacolo, celebrità, artisti
e personaggi di spicco del jet set internazion-
Geograficamente New York sorge sulla costa
orientale dell’America settentrionale, affacciata
all’Atlantico, proprio alla foce del fiume Hudson.
Questa particolare topografia ha fatto sì che
la città diventasse uno dei più importanti porti
del mondo sin dall’epoca coloniale. Fa parte
dell’omonimo stato di New York di cui, però,
non ne è capitale, lasciando tale titolo alla città
di Albany. La città è suddivisa amministrativamente in 5 distretti o circoscrizioni (boroughs)
che a loro volta sono divisi in decine di quartieri
(neighborhoods). Curiosamente solo uno dei
distretti, il Bronx, si trova sul continente vero
e proprio, mentre due, Brooklyn e Queens occupano l’estremità occidentale di Long Island,
e gli altri, Manhattan e Staten Island occupano
due isole omonime di dimensioni intermedie.
4
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
vista livello paese
CITTà
LALACITTà
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
All’inizio del 1800 l’importanza del porto di
New York crebbe notevolmente in seguito
all’apertura del Canale Erie, che collegava la
valle dell’Hudson con il Lago Erie, mettendo
così in comunicazione tutta la regione dei
Grandi Laghi con la costa atlantica. New York
divenne, grazie a questo canale, il principale
punto di approdo delle merci e degli immigranti
© Noebu
Ponte di Brooklyn © Andrew c mace
5
provenienti dall’Europa. Molti dei nuovi arrivati
si stabilirono proprio in città e ciò fece si che
la popolazione di New York crebbe vertiginosamente. Nel 1812 ci fu la guerra con l’Inghilterra,
nel 1827 fu abolita la schiavitù in tutto lo Stato
e durante la guerra civile, lo Stato fu fedele
all’Unione. Il 1832 fu l’anno della costruzione
della prima ferrovia che attraversava Manhattan.
Tra il 1874 ed il 1898 i confini di New York
City, fermi a quell’epoca all’area di Manhattan,
furono considerevolmente ampliati, dapprima
con l’aggiunta del Bronx e poi con quella degli altri tre distretti. la realizzazione del ponte di
Brooklyn (1883) aveva materialmente già unito
New York City alla città di Brooklyn, allora la
terza degli Stati Uniti dopo la stessa New York
e Chicago. Nonostante l’annessione un sentimento di “autonomia” sopravvisse nel distretto
di Brooklyn per decenni, tanto che fino al 1920
la sua metropolitana rimase separata da quella principale di Manhattan, Bronx e Queens.
Nell’ottobre del 1929 ci fu il “grande crollo” a
Wall Street che segnò l’inizio della depressione
legato alla grave crisi economica mondiale e
nell’immaginario collettivo associata all’infausto
“martedì nero”, il 29 ottobre.
A causa dei prezzi proibitivi dei terreni sull’isola
di Manhattan, tra gli anni ‘10 e gli anni ‘30 si
iniziò a costruire in verticale, con edifici sempre
più alti, i famosi grattacieli, oramai uno degli elementi caratteristici della città. Tra questi, il più
celebre è sicuramente l’Empire State Building
che, costruito nel 1931, fu il più alto del mondo
prima di essere superato, nel 1973, dalle famose torri gemelle del World Trade Center,
tragicamente note per un altro episodio fondamentale della storia di New York, gli attacchi
terroristici dell’11 settembre 2001. Nel 1952,
infine, venne inaugurata la sede dell’ONU
sull’East River.
Grazie alla forte immigrazione New York divenne una grande metropoli, multiculturale e
multirazziale. Ciò ha senza dubbio contribuito a
rendere la città unica, vivace, in continuo movimento, ricca sia culturalmente che artisticamente. Ma queste innumerevoli anime cittadine
non hanno sempre convissuto pacificamente.
Durante gli anni Sessanta, infatti, la città fu tea6
tro di forti conflitti razziali e disordini sociali che,
negli anni, si sono risolti o, se non proprio, si
è comunque trovata la maniera di comporre le
tensioni in maniera costruttiva e senza la passata violenza. Ovviamente tante culture e tante
tradizioni non sempre convivono serenamente,
tuttavia, New York ha saputo dare a ciascuno il
suo spazio, la sua dimensione, rendendo possibile una convivenza a volte difficile ma senza
dubbio ricca, creativa, e speciale. Proprio in
questo aspetto di New York risiede, secondo
noi, il motivo di tanta forza, tanta bellezza e
tanta unicità, caratteristiche che attirano, ogni
anno, milioni di visitatori da ogni paese e soprattutto che rendono questa metropoli, per
molti, il centro del mondo.
Statua della Libertà © wwarby
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Dal punto di vista storico la regione di New
York fu scoperta da Giovanni Verrazzano nel
1524, mentre era in servizio per Francesco I re
di Francia, mentre l’entroterra venne invece esplorato per la prima volta dal marinaio inglese
Henry Hudson nel 1609, per iniziativa della
Compagnia olandese delle Indie Orientali alla
ricerca del passaggio a nord - ovest. Nel 1621
venne, dunque, concesso a questa compagnia, dagli Stati Generali delle Province Unite,
lo sfruttamento del territorio e l’organizzazione
amministrativa. La città fu così fondata nel
1625 dagli olandesi con un insediamento sulla
punta sud dell’isola di Manhattan chiamato
originariamente Nieuw Amsterdam. Nel 1664
gli inglesi conquistarono tale insediamento
dandogli l’attuale nome di New York in onore
del Duca di York, fratello del re Carlo II (sullo
stemma risulta ancora il nome in latino: No-
vum Eboracum). Il primo sindaco della città
fu Thomas Willet che rimase, ad esclusione
di un breve periodo in cui tornarono al potere
gli Olandesi nel 1673, sotto il dominio degli Inglesi. Nel 1711 si aprì il mercato degli schiavi a
Wall Street. Nel 1725 venne pubblicato il primo
giornale, la New York Gazette. Quindi nel 1733
il New York Weekly Journal, mentre nel 1732
venne inaugurato il primo teatro e nel 1754 il
Kings College (oggi Columbia University). Nel
1776 iniziarono le ostilità tra coloni e truppe
inglesi che occuparono New York. Durante la
Guerra di Indipendenza la città fu teatro di aspre battaglie che terminarono nel 1783 con la
Pace di Versailles che obbligava gli Inglesi a
ritirarsi: la colonia si trasformò quindi in Stato
nel 1777 e, il 26 luglio 1788, ratificò la Costituzione degli Stati Uniti d’America. Tra il 1785
e il 1790, New York fu sede del governo degli
Stati Uniti e qui venne eletto presidente George
Washington nel 1789. In questi decenni venne
fondata la Bank of New York, poi la prima società di assicurazioni e, nel 1792, nacque la
Borsa di New York.
LA CITTà
Esistono anche numerose isole di dimensioni
più piccole, come Ellis Island, celebre isola in
cui un tempo sbarcavano le navi di immigrati
provenienti dall’Europa, e dove questi venivano
tenuti in quarantena per un certo periodo prima
di essere ammessi al resto degli Stati Uniti, o
Liberty Island, l’isola dove è situata la Statua
della Libertà. La città vera e propria conta circa
12.000.000 abitanti ma se consideriamo l’intera
area metropolitana questa si estende su tre
stati (New York, New Jersey e Connecticut) e
conta circa 21 milioni di abitanti, risultando così
ancora oggi la più popolata al mondo.
LA CITTà
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
METRO
La metropolitana è senza dubbio il sistema
più rapido ed affidabile per muoversi in città.
La rete si estende per oltre 1142 Km ed è una
delle più estese al mondo. Molte linee funzionano 24 ore su 24 anche se le corse notturne sono meno frequenti, mentre altre con
orario continuato tra le 6:00 e la mezzanotte.
Nel corso degli ultimi anni la metropolitana di
New York è stata completamente rinnovata: le
carrozze sono moderne, ben illuminate e dispongono tutte di aria condizionata. Vi capiterà
spesso di vedere segnalate le entrate con sfere
luminose: verdi se la biglietteria è aperta 24
ore al giorno, rosse in caso contrario. In alcuni
casi, invece, l’ingresso alla stazione metro è
segnalato solamente da un cartello con il nome
della stazione e dai numeri e/o dalle lettere dei
percorsi serviti dalla stazione stessa. Potrete
utilizzare due tipi di treni, i local che fermano in
tutte le stazioni e quelli più veloci, che effettuano solo alcune fermate, chiamati express. Nelle
cartine troverete dei pallini bianchi ad indicare
le fermate servite da entrambi i treni, mentre
con i pallini neri sono segnalate le fermate servite solamente dai treni locali. Fa parte della
rete metropolitana anche l’AirTrain JFK, che
© Noebu
collega la città con l’Aeroporto Internazionale
© Pamhule
JFK di New York. La frequenza è di un treno
ogni 2-5 minuti nelle ore di punta (rush hours),
ogni 20 minuti fra la mezzanotte e le cinque del
mattino e ogni 10-15 minuti durante la giornata.
La sicurezza sulle carrozze è notevolmente
migliorata negli anni. Consigliamo comunque
di non avventurarsi in percorsi a nord di Central
Park soprattutto nelle ore notturne. Inoltre, e
con particolar riguardo alle ore serali, è meglio
preparare il percorso e viaggiare sicuri per non
attirare l’attenzione ed utilizzare i marciapiedi
e le vetture centrali perché più affollate. Inoltre
nelle stazioni ci sono delle aree contrassegnate
da alcuni cartelli gialli che rappresentano delle
zone di sicurezza, infatti in questi punti il personale può controllare la situazione a vista o
tramite telecamere. Sia di giorno che di notte,
come in tutte le metropoli, occorre comunque
fare attenzione a eventuali scippi e quindi tenete sempre d’occhio borse, zainetti o marsupi
soprattutto se siete in piedi o vicino alle porte.
Non sostate in angoli poco illuminati ed evitate
eventuali provocazioni. In caso di emergenza
contattate il custode della stazione.
Il viaggio in metropolitana costa 2,25$ per i
treni local, 5,50$ sui treni express. I bambini
viaggiano gratis se accompagnati da un adulto:
sino a 3 bambini sui local (i bambini non devono superare le 44 inchs, circa 111 cm) e un
bambino fino a due anni sugli express, a patto
che si sieda sul grembo dell’adulto. Si accede
tramite una tessera magnetica chiamata MetroCard disponibile in diversi tagli: Unlimited
7
Ride Metro Card (solo metro e local): settimanale (29$), mensile (104$). E’ disponibile
anche la Pay-per-Ride Metro Card ricaricabile
a piacimento a partire da 4,50$ sino ad 80$.
E’ possibile acquistarla in appositi distributori
posti all’ingresso della stazione metro utilizzando sia contante che carta di credito, in diversi
distributori automatici e i vari negozi autorizzati.
I percorsi sono identificati da lettere o numeri
e servono Manhattan, il Bronx, Brooklyn e
Queens. Il Staten Island Railway (SIR) serve
invece Staten Island. Nelle stazioni ricordatevi
di chiedere una mappa gratuita.
A volte le line possono subire temporanee
modifica a causa di lavori in corso o manutenzione alle line: controllate sempre gli avvisi nelle
stazioni e nel dubbio non esitate a chiedere al
personale di servizio.
Per ulteriori info www.mta.info
BUS
Gli autobus urbani della città, blu e bianchi, offrono oltre 200 itinerari nei cinque distretti, percorsi da circa 3.700 mezzi. La maggior parte è
in funzione tutti i giorni, 24 ore su 24. Si tratta
di mezzi moderni, puliti e con aria condizionata.
Costituisce senza dubbio un mezzo meno affollato della metro, sicuro e ideale per il turista
in visita alla città. A bordo è proibito fumare e
gli animali, tranne i cani-guida per non vedenti,
non sono ammessi. I bus fermano solo alle apposite fermate. Seguono una direzione nordsud sui viali principali, fermandosi ogni due o
tre isolati. I bus che attraversano la città da est
a ovest fermano ogni isolato. Molti itinerari godono di un servizio continuato, anche se meno
frequente di sera e di notte; altri bus operano
solo nelle ore di punta della giornata. Le fermate, gran parte delle quali è dotata di pensilina, sono segnalate da cartelli bianchi e blu e
da strisce gialle sull’asfalto ed espongono una
cartina che indica gli orari. Una volta identificato il vostro bus, entrate dalla porta anteriore e
depositate le monete o il gettone nell’apposita
cassetta.
Informatevi presso l’autista sulla fermata più
vicina alla vostra destinazione. Per richiedere
una fermata, dovete premere il pulsante situato tra i finestrini; nella cabina si illuminerà
automaticamente la scritta “Stop Requested”.
Scendete attraverso la porta posteriore; il con8
ducente la sbloccherà non appena il bus si
sarà fermato, ma sarà necessario spingerla
per aprirla. Le linee sono identificate con una
lettera seguita da un numero. La lettera indica
la zona dove opera principalmente quella linea,
quindi M in Manhattan, B in Brooklyn, Bx in
Bronx, Q in Queens, S in Staten Island, mentre
X indica che quella è un linea rapida (attenzione perché il costo cambia in 5,50 $). Inoltre
se il bus effettua solo un numero limitato di fermate, questo viene segnalato da un apposito
segnale arancione sul vetro del bus.
La tariffa è la stessa della metropolitana, si
paga sull’autobus con la MetroCard o con monete da un dollaro, 25 cents (quarter), 10 cents
(dime). Non vengono invece accettati i pennies
o le monete da mezzo dollaro. Puoi cambiare
linea, ma in questo caso quando sali sul primo
autobus devi chiedere il biglietto “transfer”
all’autista (questo vale un’ora e per un’unica
direzione, quindi non puoi utilizzarlo come biglietto di ritorno). Per quanto riguarda i bambini
valgono le stesse regole della metropolitana.
www.mta.info
Per quanto concerne i bus diretti nel resto degli USA e in Canada, questi partono dal Port
Authority Bus Terminal (W 40th Street and
8th Avenue - tel. 564/8484). Dal terminal,
all’estremità di Manhattan dalla parte di George
Washington Bridge, partono i pullman locali per
il nord del New Jersey e per la contea di Rockland. I biglietti sono venduti nella Ticket Plaza.
La compagnia specializzata in lunghi percorsi,
la Greyhound Coaches, e quella per pendolari, la Short Line, dispongono delle loro biglietterie. Non si può riservare un posto sui pullman
della Greyhound, mentre la Short Line accetta
prenotazioni. Le toilette custodite sono aperte
dalle 6:00 del mattino alle 10:00 di sera.
TAXI
Il taxi è il sistema più sicuro e conveniente di
muoversi a New York, soprattutto se dovrete
muovervi a Mahnattan. Rimarrete stupiti dalla
quantità di taxi gialli che percorrono le strade,
soprattutto in confronto alle auto private. D’altra
parte è davvero un mezzo comodo e semplice
da utilizzare: se il numero sul tetto è illuminato
non vi resterà altro da fare che alzare un brac-
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
La città di New può vantare uno dei sistemi
di trasporti pubblici più vasto e complesso del
mondo. La Subway si articola in ben 22 linee
(per un totale di circa 368 chilometri con ben
468 stazioni). Utilizzando la metro potrete arrivare praticamente ovunque e, nonostante
l’apparente groviglio di linee e colori scoprirete
che è semplice orientarsi utilizzando le mappe
consultabili in ogni stazione.
Accanto alla metro, il sistema dei trasporti
pubblici di New York utilizza una fitta rete di
autobus (248 linee). I newyorkesi preferiscono spostarsi sempre in bus e metro poiché il
servizio pubblico è davvero efficiente, addirittura molti cittadini non possiedono un’auto ed alcuni nemmeno la patente. In casi d’emergenza
o particolari occasioni piuttosto preferiscono
servirsi dei taxi. Si calcola che nella metropoli
circolino circa 12.000 taxicab, in buona parte
concentrati nella zona di Manhattan.
TRASPORTI
COME MUOVERSI A NEW YORK
TRASPORTI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
TRAGHETTO E WATER TAXI
A New York potrete usufruire di due traghetti
che offrono tragitti di interesse turistico. La Circle Line salpa da Battery Park, all’estremità
sud di Manhattan, per la Statua della Libertà
ed Ellis Island. Il traghetto di Staten Island fa
servizio gratuito sul canale 24 ore al giorno con
partenza da Battery Park e offre uno splendido
panorama di della Statua della Libertà e dello
skyline di Lower Manhattan, di Ellis Island, dei
ponti e di Governors Island gratuitamente.
Esiste inoltre il servizio del New York Water
Taxi che collega diversi punti della città navigando tra l’East River e il fiume Hudson, con
GIRARE A PIEDI
Una città come New York, al di là delle distanze
che dovrete percorrere, è una città splendida
da girare a piedi, almeno per quanto concerne
alcune zone. La struttura urbanistica consente
di orientarsi davvero in maniera semplice: pensate ad una griglia su cui vi muoverete tenendo
conto che da nord a sud si snodano le Avenue
e da est ad ovest le Street. La maggior parte
degli incroci tra le Avenue e le Street è dotata
di semafori (con i classici indicatori rossi e verdi) che agevolano l’attraversamento pedonale
ma fate attenzione oltre che ai normali mezzi
di trasporto come bus e auto, anche a pattina-
BICI
Nel passato gli amanti delle due ruote dovevano limitarsi ad utilizzare i percorsi e le piste
ciclabili lungo i viali di Central Park o lungo il
fiume Houdson e l’East River se non volevano
rischiare nel traffico cittadino. Oggi, New York è
stata capace di sviluppare nuove piste ciclabili
anche in città ed ha promosso un programma
di sviluppo del servizio di bike sharing che entro l’estate del 2012 dovrebbe andare a regime.
AAA Bicycle in Central Park per noleggiare una
bicicletta (tel. 861/4137).
© Noebu
© Thomas Hawk
9
tori e ciclisti (questi ultimi usano un fischietto
come avvisatore acustico) che spesso sbucano
all’improvviso. A livello pratico ricorda che nel
considerare gli isolati da percorrere, quelli che
vanno da nord a sud sono più brevi rispetto a
quelli da est ad ovest: 20 isolati lungo le avenue
o 10 isolati lungo le streets sono circa 1.600 mt.
Ovviamente affidatevi al vostro giudizio o chiedete informazioni prima di addentrarvi a piedi
in zone particolari, soprattutto nelle ore serali.
TRENO
La città di New York ha due stazioni principali:
Grand Central Terminal da dove partono i
treni pendolari per i sobborghi e quelli diretti nel
Connecticut, e Pennsylvania (Penn) Station
(7th Ave. -31st St. & 33rd St.-), che è il capolinea per treni provenienti dal resto degli Stati
Uniti e dal Canada.
La principale stazione ferroviaria della città è
senza dubbio la Grand Central Station, famosa
anche grazie a molte scene di film ambientate
proprio lì, a due passi dalla Fifth Avenue, in
East 42nd street 89. Potrete notare, visitandola che è sempre affollata di newyorkesi, oltre
che di turisti. Si tratta di uno splendido edificio,
maestoso, dove verrete accolti, nell’atrio principale, dal simbolo del patriottismo americano.
Si tratta della stazione con più binari al mondo,
ben 67, e potrete rifocillarvi in uno dei numerosi
ristoranti e fast food.
AUTO
Sconsigliamo vivamente a chi volesse godere
di una piacevole permanenza in città di scegliere l’auto come mezzo di trasporto cittadino. Il
traffico intenso e gli elevati prezzi delle auto a
noleggio nonché dei parcheggi potrebbero seriamente compromettere la vostra permanenza in città. Soprattutto a Manhattan, infatti,
l’utilizzo dell’auto è altamente sconsigliato per
ragioni pratiche di tempo, di parcheggio ed
anche di costi: i mezzi pubblici sono davvero la
scelta migliore.
Oltre ai parcheggi privati, che espongono sempre le tariffe, in alcune zone ci sono parchimetri
per periodi limitati a 20-60 minuti. Non sostate
presso parchimetri non funzionanti, potreste
prendere una multa. I segnali gialli indicano
divieto di parcheggio. Quasi tutte le strade
hanno il parcheggio a lati alterni; le auto pos10
sono essere lasciate tutto il giorno e la notte ma
vanno spostate sull’altro lato il giorno successivo prima delle 8:00. Per noleggiare un’auto è
necessario aver compiuto almeno 25 anni, una
patente di guida e una carta di credito (con numeri in rilievo, non prepagata). E’ caldamente
consigliato stipulare un’assicurazione per la
responsabilità civile e il furto, fenomeno piuttosto comune. Tenete presente che se proprio
avrete la necessità di un’auto, è più conveniente noleggiarla in città che negli aeroporti.
DA/PER L’AEROPORTO
Aeroporto Internazionale JFK
Meglio conosciuto come il JFK, il John Fitzgerald Kennedy International Airport è situato a
Jamaica nel Queens nella parte sud-orientale
di New York ed è l’aeroporto principale non
solo di New York ma anche degli Stati Uniti con
9 terminal.
I collegamenti da e per l’aeroporto JFK sono
garantiti da diversi mezzi.
Taxi: è sicuramente il sistema più comodo e
veloce per raggiungere qualsiasi vostra destinazione dall’aeroporto e i tempi di tragitto variano tra i 30 e i 60 minuti a seconda della zona
che dovrete raggiungere. Il costo base della
corsa è di circa 45$ per qualsiasi destinazione
a Manhattan al quale vanno poi aggiunti il pedaggio e la mancia. www.panynj.gov
Shuttle: utilizzando uno dei diversi servizi
navetta che collegano l’aeroporto con le principali destinazioni in tutta l’area di New York
potrete sicuramente risparmiare qualche dollaro. Troverete tutte le informazioni nell’area
arrivi e richiesta bagaglio di tutti i terminal, per
le diverse compagnie che offrono tale servizio
(New York Airport Service Express Bus, SuperShuttle Manhattan, Airlink, ETS Air Shuttle, Go
AirLink NYC)
Trasporto pubblico: se deciderete di utilizzare i mezzi pubblici considerate che questi
non sono pensati per il trasporto di bagagli
ingombranti e potreste avere dei disagi nel
loro utilizzo. Le fermate della metropolitana
sono raggiungibili attraverso il servizio offerto
dall’AirTrain che collega tutti i terminal con le
stazioni di Howard Beach e Jamaica da dove
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
il tipico colore giallo che richiama i taxi su strada. Il servizio del Water Taxi include la parte
più settentrionale di Manhattan fino a Fort
Wadsworth a Staten Island, ideale per raggiungere Brooklyn o il Bronx da Manhattan.
TRASPORTI
cio e chiamarlo. Fate però attenzione ad utilizzare solo i mezzi autorizzati più sicuri e sicuramente più convenienti. Il tassametro partirà
quando l’autista accetterà la corsa e le tariffe
variano a seconda dell’orario. E’ ancora preferito il pagamento in contanti ma tutti i taxi accettano anche la carta di credito. Per la mancia
non superate il 15%. A volte i tassisti sono immigrati che non padroneggiano ancora bene la
lingua, accertatevi che abbia compreso esattamente la vostra destinazione prima di partire o
meglio, scrivetela in modo da evitare spiacevoli
fraintendimenti.
Vicino al tassametro e dietro sono esposte la
foto del tassista e il suo numero così che se riterrete di aver pagato più del dovuto o per qualsiasi altro problema potrete segnalare targa e
numero alla stazione di polizia più vicina.
TRASPORTI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Aeroporto Laguardia (LGA)
Il più piccolo tra gli aeroporti dell’area di New
York prende il suo nome da un ex sindaco di
New York, Fiorello LaGuardia. Gestisce quasi
esclusivamente voli nazionali (eccezionalmente voli continentali).
Per spostarsi dall’aeroporto o per raggiungerlo
vi segnaliamo i mezzi descritti qui di seguito.
Taxi: il sistema sicuramente più comodo e
veloce che vi porterà ovunque lo vogliate. I
tempi di tragitto variano tra i 30 e i 60 minuti a
seconda della zona che dovete raggiungere. Il
costo della corsa varia dai 21$ ai 30$ per Manhattan oltre eventuali pedaggi e la mancia. Per
informazioni sulle tariffe vi consigliamo il sito
www.laguardiaairport.com.
Shuttle: potrete utilizzare questo mezzo e
risparmiare rispetto al taxi. Le navette vi porteranno verso le principali destinazioni in tutta
l’area di New York. Troverete tutte le informazioni nell’area arrivi e richiesta bagaglio di tutti i
terminal, per le diverse compagnie che offrono
tale servizio (New York Airport Service Express
Bus, SuperShuttle Manhattan, Airlink, ETS Air
Shuttle, Go AirLink NYC) Il costo si aggirerà tra
i 15 e i 20 dollari.
Trasporto pubblico: Per raggiungere Manhattan o il Queens è possibile utilizzare i bus M60,
Q33 e Q47 mentre il Q48 solo per il Queens.
Da qui potrete utilizzare la metro e proseguire
la corsa verso la destinazione scelta poiché
© Noebu
gli
autobus vi collegheranno cone le principali
Auto privata e limousine: è inoltre possibile
prenotare un’auto privata con autista che vi attenderà all’uscita dell’aeroporto (o del vostro
albergo/appartamento). Sono diverse le compagnie che effettuano questo servizio come
Carmel o TelAviv che oltre ad un’auto possono
anche prenotarvi una limousine.
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Auto privata e limousine: è inoltre possibile
raggiungere la vostra destinazione prenotando
un’auto privata con autista che vi attenderà
all’uscita dell’aeroporto (o del vostro albergo/
appartamento). Sono diverse le compagnie
che effettuano questo servizio come Carmel
o TelAviv che oltre ad un’auto possono anche
prenotarvi una limousine che a New York,
come noterete, non è una cosa strana.
stazioni metro di quei distretti.
TRASPORTI
è possibile prendere sia la metropolitana che la
Long Island Rail Road (LIRR) che i bus. www.
airtrainjfk.com sito in cui troverete tutte le informazioni su come raggiungere la vostra destinazione ed il costo.
TRASPORTI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Aeroporto Internazionale di Newark (EWR)
Il Newark Liberty International Airport è situtato
nello stato del New Jersey tra le città di Newark e Elisabeth nella parte sud-occidentale di
New York. È più lontano dalla città, rispetto ai
precedenti aeroporti ma è meno affollato, gestisce voli sia nazionali che internazionali. www.
panynj.gov/airports/newark
Taxi: il sistema sicuramente più comodo e
veloce è rappresentato dal taxi. Il costo della
corsa è fissa a seconda della zona che dovete
raggiungere (si aggirano solitamente intorno
ai 40 dollari). Al prezzo indicato dovrete poi
eventualmente aggiungere eventuali pedaggi e
la mancia. Per maggiori informazioni sulle tariffe: www.newarkairport.com
Bus: Nel Terminal A i Ground Transportation
Services sono situati sul lato del terminal adiacente al Ground Transportation Counter. Nel
Terminal B i Ground Transportation Services
sono situati sul parcheggio di fronte al terminal,
mentre nel Terminal C i Ground Transportation Services sono situati agli arrivi di fronte al
terminal. www.trips123.com. Il costo si aggira
intorno ai 15 dollari, decisamente più conveniente che il taxi.
AirTrain: l’AirTrain è un servizio di collegamento gratuito tra i terminal, i parcheggi, le piattaforme dove sostano gli shuttle degli alberghi, e
i servizi di noleggio auto. Il servizio invece è a
pagamento per il collegamento con le stazioni
della New Jersey Transit e Amtrak. Per maggiori informazioni www.airtrainnewark.com
11
12
INFORMAZIONI UTILI
Siti Internet Della Città
Per informazioni generali visitate i siti:
www.nyc-site.com
www.newyork.it
ufficio informazioni turistiche
Official NYC Information Center-Midtown
810 Seventh Ave. (bet. W. 52nd and W. 53rd
Sts.), 212-484-1222
Subway: B, D, E to 7th Ave.; 1 to 50th St.; N,
R to 49th St.
Apertura al pubblico: Lun-Ven, 8:30–18:00;
Sab–Dom, 9:00–17:00; festivi, 9:00–15:00
www.nycgo.com
Official NYC Information Center-Times
Square Alliance
1560 Broadway (bet. W. 46th and W. 47th
Sts.), 212-730-7555
Subway: 1, 2, 3, 7 to 42nd St.; N, R to 49th St.
Apertura al pubblico: tutti i giorni 9:00–19:00;
festivi, 9:00–15:00 www.timessquarenyc.org
Official NYC Information Center-Harlem
The Studio Museum in Harlem, 144 W. 125th
St. (bet. Malcolm X and Adam Clayton Powell
Jr. Blvds.), 212-222-1014
Subway: 2, 3, A, B, C, D to 125th St.
Apertura al pubblico: Lun-Ven, 12:00–18:00;
Sab–Dom, 10:00–18:00; (chiuso i festivi)
Official NYC Information Kiosk-City Hall
Southern tip of City Hall Park on the Broadway
sidewalk at Park Row, 347-512-4220
Subway: 2, 3 to Park Pl.; 4, 5, 6, R to Brooklyn
Bridge/City Hall; A, C to Broadway/Nassau St.;
E to WTC/Chambers; J, Z to Fulton St.
Apertura al pubblico: Lun-Ven, 9:00–18:00;
Sab–Dom, 10:00–17:00; i festivi 9:00-15:00
Official NYC Information Kiosk-Chinatown
Triangle where Canal, Walker and Baxter
Streets meet, 917-494-3271
Subway: 6, J, N, Q, R, Z to Canal St.
Apertura al pubblico: tutti i giorni 10:00–18:00;
festivi, 10:00–15:00
LGBT Community Center
Il West Village è uno dei quartieri con la mag-
13
14
gior densità di abitanti gay di New York, ed è
qui che troverete il LGBT Community Center,
che organizza centinaia di incontri ed eventi
ogni settimana, e offre consulenza, servizi di
viaggio e numerose pubblicazioni gay locali.
West Village 208 W 13th St, tra la Sixth Ave e
la Seventh Ave
tel: 212 620 7310 www.gaycenter.org
Tavern on the Green Visitor Center & Gift
Shop
67th Street and Central Park West, 212-8747874
Subway: 1 to 66th St.; A, B, C to 72nd St.
Apertura al pubblico: tutti i giorni 10:00–15:00;
(chiuso i festivi)
Consolato italiano
690, Park Avenue, 10022
tel: 212 737-9100 Fax 212-2494945
www.italconsulnyc.org
[email protected]
Giurisdizione: Connecticut, New Jersey (solo le
contee* Bergen, Essex, Hudson, Morris, Passaic, Sussex, Union, Warren), New York, Bermuda.
Per altre richieste rivolgersi al
vice Consolato a Newark, NJ
New York, 744 Broad Street, Suite 2800 - Newark, NJ 07102
Tel 973-6431448
Fax 973-6433043
www.reference.it/vcnewark
[email protected]
Giurisdizione:
New Jersey (solo le contee* Bergen, Essex,
Hudson, Morris, Passaic, Sussex, Union, Warren).
* Per il visto contattare il consolato di New York.
Numeri Utili
Emergenze numero unico Polizia, Vigili del
Fuoco, autoambulanza 911
Emergenze mediche 800-3953400
Hotline per le vittime del crimine 5777777
Taxi: reclami NYCTAXI
Ufficio postale (sede centrale) 9678585
Consulenti multilingue per informazioni turistiche 212-484-1222
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
info utili
TRASPORTI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
NEW YORK PASS
Il New York Pass è una tessera in tagli da 1, 2,
3 e 7 giorni che consente l’accesso a più di 70
attrazioni, trasporti con i bus double decker e
sconti per teatri e numerosissimi negozi come
ad es. Macy’s e Bloomingdale’s. Con la tessera
non è necessario fare la fila per l’acquisto dei
biglietti di ingresso alle attrazioni. Tra le principali attrazioni incluse riportiamo: la crociera
Circle Line, l’osservatorio dell’Empire State
Building, la Statua della Libertà e Ellis Island,
l’osservatorio del Top of the Rock, i musei
Guggenheim, Metropolitan, Moma, il Museo
di storia naturale, il museo della polizia di New
York, un tour del Bronx e tanto altro ancora.
Prezzo
1 giorno 80$ (60$ bambini dai 4 ai 12 anni)
2 giorni 130$ (110$ Bambini) ecc.
www.newyorkpass.com
New York Explorer pass
E’ una card ideale per i visitatori che vogliono
vedere senza fretta tutte le attrazioni che desiderano. Basta scegliere tra oltre 50 attrazioni
Noebuil numero che si preferisce, 3, 5, 7 o 10
o© tour
Prezzo
74,99$ 3 attrazioni ($ 52,99 bambini 3-12 anni)
124,99$ 5 attrazioni ($ 82,99 bambini 3-12)
159,99$ 7 attrazioni ($ 106,99 bambini 3-12)
199,99$ 10 attrazioni ($129,99 bambini 3-12)
Telefoni
Per effettuare chiamate dai telefoni locali, bisogna digitare il codice 011 + 39 + prefisso
della città dello stato che intendete chiamare +
numero. 011 è il codice utilizzato per chiamare
all’estero dagli Stati Uniti. Se si decide di acquistare una carta telefonica prepagata direttamente a New York, la più conveniente è la “Total Talk New York Phone card”. Si acquista
presso un qualsiasi negozio di souvenir, costa
$5. Con la tessera bisogna chiamare il numero
di accesso locale (212-201-1040 da Manhattan, in inglese o 1041 in spagnolo), inserire il
pin presente nel retro della carta e quindi comporre il numero di telefono nel formato: 011 +
prefisso città che si intende chiamare + numero
telefonico italiano con prefisso.
New York Accessibile
Il sito ufficiale della città di New York ha una
sezione piuttosto ampia dedicata ai turisti. Esiste anche un sito web ufficiale (Mayor’s Office
for People with Disability - nyc.gov/mopd, 212788-2830, TTY: 212-788-2838) che raccoglie
tutte le informazioni utili per i cittadini disabili.
Il sito ufficiale dedicato al turismo e al tempo
libero è www.nycgo.com, parzialmente navigabile anche in italiano. Maggiori informazioni
sono disponibili sul numero verde di New York
City (311 o 212-NEW-YORK).
Esiste un’associazione non-profit, denominata
Big Apple Greeter, che mette in contatto turisti
e volontari per visitare insieme uno o più distretti di New York.
Big Apple Greeter
1 Centre Street - New York, NY 10007
Tel: 212-669-8159 (informazioni generiche);
212-669-8159 (informazioni per i turisti); 212669-8273 (TDD- per non udenti)
Fax: 212-669-3685
15
[email protected] (informazioni
generiche);
[email protected]
www.bigapplegreeter.org/index.html
Hospital Audiences Inc
Un’ottima risorsa per i visitatori disabili è la
Hospital Audiences Inc, che pubblica una guida online, Access for All, che rivela il grado di
accessibilità reale dei vari luoghi della città e
fornisce informazioni come l’altezza dei telefoni
e le entrate alternative.
tel: 212 575 7660
www.hospaud.org
Per quanto riguarda i trasporti pubblici, il livello
di accessibilità è complessivamente molto alto
e nel sito della Metropolitan Transportation Authority troverete una pagina dedicata alla disabilità www.mta.info/accessibility
Nel sito della Port Authority of New York and
New Jersey è possibile reperire informazioni
utili, anche in materia di accessibilità, sugli
aeroporti, gli autobus e i treni di tutta l’area
metropolitana.
Tutti gli autobus MTA sono dotate di ascensori
per sedie a rotelle, che consentono agli utenti
su sedia a rotelle di salire a bordo attraverso
la porta posteriore. Questi autobus facilitano
anche l’imbarco ai passeggeri con mobilità ridotta, comprese le persone anziane e persone
con stampelle o bastoni. E’ possibile contattare
il Transporation Support, Transit Surface (718)
927-7703. Sono aperti nei giorni feriali dalle
9:00 alle 17:00 Inoltre, i disabili godono delle
tariffe scontate del 50%.
Divisione assistenza clienti
370 Jay Street, 7th Floor
Brooklyn, New York 11201
tel (718) 243-4999, TTY (per non udenti) (718)
596-8273.
Per quanto concerne le maggiori attrazioni turistiche vi segnaliamo:
The Metropolitan Museum of Art (MET)
1000 Fifth Avenue - New York, NY 10028-0198
Tel: 212-535-7710 (TTY: 212-650-2921)
www.metmuseum.org
Orari: martedì-giovedì 9.30-17.30; venerdì16
sabato 9.30-21; domenica 9.30-17.30. Chiuso
lunedì (tranne se festivo), Giorno del Ringraziamento, 25 dicembre e 1° gennaio.
Sono a disposizione dei visitatori una serie di
guide ai servizi del museo suddivise per tipologia di disabilità. Ci sono parcheggi riservati, ascensori, servizi igienici attrezzati, noleggio gratuito di sedie a rotelle, visite guidate in lingua
dei segni, audioguide, percorsi tattili, brochure
stampate con caratteri ingranditi o in braille,
possibilità di richiedere gratuitamente un accompagnatore per disabili motori (in questo
caso è necessario un preavviso di almeno
due settimane, via telefono, al numero 212570-3954, o via e-mail, all’indirizzo [email protected]
metmuseum.org). Per ulteriori informazioni in
materia di accessibilità, è possibile anche telefonare al numero 212-650-2010 o scrivere
all’indirizzo [email protected]
The Museum of Modern Art (MoMA)
11 West 53 Street New York, NY 10019
Tel: (212) 708-940
www.moma.org
Orari: sabato-lunedì 10.30-17.30; mercoledì
10.30-17.30; giovedì 10.30-17.30 (fino alle
20.45 in luglio e agosto e ogni primo giovedì
del mese); venerdì 10.30-20.
Oltre ad avere spazi completamente fruibili
da parte dei visitatori in sedia a rotelle (ce ne
sono anche a disposizione, gratuitamente,
all’entrata), servizi igienici attrezzati, brochure
in braille o stampate con caratteri ingranditi e
ascensori, vengono organizzate numerose visite guidate e attività particolari, differenziate in
base alla tipologia di disabilità. Per maggiori
informazioni telefonare al numero (212) 4086347 o inviare una e-mail all’indirizzo [email protected]
Solomon R. Guggenheim Museum
1071 Fifth Avenue (incrocio 89th Street)
New York, NY 10128-0173
Orari: domenica-mercoledì 10-17.45; venerdì
10-17.45; sabato 10-19.45. Chiuso il giovedì, il
Giorno del Ringraziamento, il 24 e il 25 dicembre.
Tel: 212 423 3618
[email protected]
www.guggenheim.org/new-york
Il museo è completamente accessibile tram-
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
CITY PASS
Si tratta di una tessera che include 6 attrazioni:
Empire State Building, Museo di storia Naturale, Museo Guggenheim o Top of the Rock, il
Museo di Arte Moderna (MoMA), il Metropolitan
ed un’attrazione a scelta tra la crociera Circle
Line e il battello per la Statua della Libertà e Ellis Island. Ha una validità di 9 giorni a partire da
quando si effettua la prima visita ad una delle
attrazioni e da diritto al 45% di sconto sugli ingressi. Per acquistarlo è sufficiente inserire il
nome di una sola persona: infatti sono i voucher ad essere nominativi, mentre i CityPASS
sono liberamente utilizzabili da chiunque. Una
volta acquistato on-line, sarà sufficiente ritirarlo
alla biglietteria della prima attrazione che vorrai
visitare, presentando semplicemente la ricevuta che ti arriverà per e-mail.
Prezzo
89$ adulti
64$ ragazzi dai 6 ai 17 anni.
www.citypass.com/new-york
e potrete visitarle nell’arco di 30 giorni. La card
da diritto a non fare la coda per l’acquisto degli
ingressi e il 45% di sconto sugli stessi.
info utili
Materiale su NYC 800-NYC-VISIT o 212-3978222
info utili
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Sanità
Prima della partenza si consiglia la stipula di
© Noebu
una
assicurazione sanitaria che preveda, oltre
Clima
Il tempo a New York può variare di giorno in
giorno, e persino di ora in ora, ma un’idea delle
le stagioni può aiutare a pianificare il vostro
guardaroba. La primavera di New York City
è caratterizzata dalla fioritura delle piante, da
vento leggero e pioggia, con temperature che
possono variare dal freddo ad un caldo estivo. L’estate è caratterizzata da luminose, soleggiate, e piuttosto calde giornate che durano
più a lungo poiché i tramonti avvengono più
tardi, a volte accompagnati da fresche brezze
nelle zone vicino all’acqua. Il caldo estivo può
risultare fastidioso a causa dell’umidità. La stagione autunnale è fresca ma può presentare
temperature che cambiano anche di diversi
gradi, quindi è consigliabile vestirsi a strati per
fronteggiare gli sbalzi. I mesi invernali sono
freddi e nevosi con meno luce, anche se il
cielo è spesso soleggiato e chiaro. Solitamente
il periodo migliore per un viaggio a New York
va da metà settembre a metà ottobre, oltre al
mese di maggio e inizi di giugno. Purtroppo,
questo è anche il periodo in cui i turisti sono
più numerosi, e di conseguenza i prezzi delle
sistemazioni alberghiere aumentano. A novembre e aprile la città è molto piovosa, mentre da
dicembre a febbraio non mancano la pioggia,
il gelo e la neve, anche se lo spettacolo delle
luci della città in concomitanza con le feste di
Natale è imperdibile.
Mancia
Anche se l’usanza della mancia per molti è
inusuale, considerate che in America è praticamente un obbligo. La ragione si fonda sul
basso stipendio percepito dai camerieri ai quali
17
viene riservato un minimo sindacale davvero
basso al quale aggiungere poi le mance del
cliente.
Per non perdere tempo in calcoli strani, un
trucco per calcolare velocemente l’importo da
lasciare come mancia è quello di raddoppiare semplicemente le tasse che troverete sul
conto: otterrete così una mancia che si aggira
attorno al 16%. In alcuni casi l’importo della
mancia è già indicato nello scontrino del conto,
non vi resterà che leggerlo.
Ma non solo nei locali, tenete presente che in
molte occasioni vi troverete di fronte ad una
persona in attesa della mancia. Ad esempio il
portiere dell’albergo che vi ha appena aiutati
con i pacchi o vi ha chiamato un taxi si aspetta
almeno 1$, la metà se ad aiutarvi è il facchino.
Anche i tassisti solitamente ricevono il 15/20 %
del totale della fattura. Anche nei locali i baristi
si aspetteranno un dollaro per ciascun drink
che vi sarà servito.
di Sicurezza Nazionale (Department of Homeland Security) e l’Ufficio delle Dogane e della
Protezione delle Frontiere (Customs and Border Protection) degli Stati Uniti mettono a disposizione un Sito Web sicuro con un modulo
automatico che può essere compilato dal richiedente, o da terzi, per l’inoltro della domanda
di autorizzazione al viaggio. Dopo aver inserito
i dati anagrafici e le informazioni di viaggio richieste dal Sito Web sicuro, la domanda viene
processata dal sistema, per determinare se
il richiedente ha diritto a viaggiare negli Stati
Uniti nell’ambito del Programma Viaggio senza
Visto (Visa Waiver Program). Il sistema fornirà
una risposta automatica e, prima dell’imbarco,
la compagnia aerea di trasporto confermerà
elettronicamente con l’Ufficio delle Dogane
e della Protezione delle Frontiere (Customs
and Border Protection) degli Stati Uniti che il
viaggiatore sia in possesso dell’autorizzazione
al viaggio approvata.
Tasse
Fate attenzione al prezzo reale degli oggetti che
state per acquistare, il più delle volte l’importo
è tasse escluse. A New York City la tassa di
vendita è pari all’8,375 % con alcune eccezioni:
non esistono tasse di vendita sui prodotti alimentari comprati dal fruttivendolo ad esempio,
così come non ci sono tasse sull’abbigliamento
e sulle calzature a meno che il totale non ecceda i 110 dollari, allora si applicherà una tassa
di 4,375%.
L’autorizzazione al viaggio si rende obbligatoria
per tutti i passeggeri che viaggiano nell’ambito
del Programma Viaggio senza Visto (Visa
Waiver Program) che devono richiederla prima di partire per gli Stati Uniti per via aerea
o marittima. Perfino i bambini piccoli, privi di
biglietto aereo, devono essere in possesso di
un’autorizzazione al viaggio, se non dotati di
visto di viaggio per gli Stati Uniti.
Attenzione però che anche se l’autorizzazione
elettronica al viaggio viene approvata, questo
permesso è limitato solo all’accettazione del
diritto del richiedente di viaggiare per gli Stati
Uniti nell’ambito del Programma Viaggio senza
Visto (Visa Waiver Program), ma non garantisce il diritto del richiedente di entrare negli Stati Uniti. Al momento dell’arrivo negli Stati Uniti,
come sempre, il viaggiatore sarà soggetto ad
intervista da parte di un funzionario dell’Ufficio
delle Dogane e della Protezione delle Frontiere
(Customs and Border Protection) del porto di
entrata, che avrà il diritto di dichiarare il viaggiatore non idoneo, nell’ambito del Programma
Viaggio senza Visto (Visa Waiver Program) o
per qualsiasi altra ragione relativa alle leggi degli Stati Uniti.
DOCUMENTI AEROPORTO
ESTA (Electronic System for Travel Authorization)
A partire dal 12 gennaio 2009, i viaggiatori
stranieri che intendono viaggiare negli Stati
Uniti, nell’ambito del Programma Viaggio
senza Visto (Visa Waiver Program), sono ora
soggetti a maggiori requisiti di sicurezza. Dal 8
settembre 2010 la registrazione avrà un costo
di 14 dollari. Tutti gli individui idonei, che desiderino viaggiare nell’ambito del Programma
Viaggio senza Visto (Visa Waiver Program),
devono richiedere un’autorizzazione seguendo
il procedimento descritto nel sito https://esta.
cbp.dhs.gov
Con questa procedura in pratica il Dipartimento
18
L’autorizzazione al viaggio è valida per due
anni dalla data di emissione, o fino alla scaden-
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
The Statue of Liberty National Monument
Liberty Island - New York, NY 10004
Tel.: (212) 363-3200 (informazioni); (212) 3638343 (TTY per i disabili uditivi)
Fax: (212) 363-6304
www.nps.gov/stli/index
Orari: 9.30-17. Chiuso il 25 dicembre.
I traghetti e tutte le aree del Parco di Liberty Island e di Ellis Island sono accessibili (i traghetti
però non hanno servizi igienici attrezzati). I
visitatori in sedia a rotelle possono accedere al
monumento, in particolare al vestibolo, al museo e alla passeggiata più in basso. La piattaforma panoramica sul piedistallo si raggiunge
tramite un ascensore e una scala di 24 gradini.
Per ricevere assistenza è possibile chiedere
allo staff del Parco Nazionale, ai Ranger del
Parco o agli agenti di Polizia del Parco. Ci
sono alcune sedie a rotelle a disposizione dei
visitatori, gratuitamente. La corona può essere
visitata previa prenotazione, ma prevede una
salita di 354 gradini. La torcia non è aperta al
pubblico. Gli unici animali ammessi sui traghetti
e nel Parco sono i cani guida per non vedenti.
Nei parcheggi di Battery Park e (Lower Manhattan) e Liberty State Park (Jersey City), ci
sono posti auto riservati, ma è richiesto un
contrassegno. Presso il Centro Visitatori ci
sono audioguide e brochures stampate in
caratteri ingranditi. Ad orari prefissati le visite
guidate sono condotte in ASL (American Sign
Language - Lingua Americana dei Segni). Per
informazioni relative ai servizi, alle attività e
all’accoglienza per le persone disabili, si prega
di contattare il Parco almeno sette giorni prima
della visita.
alla copertura delle spese mediche, anche il
rimpatrio aereo o il trasferimento in altro paese,
poichè le spese medico-ospedaliere sono
molto costose negli Stati Uniti. La New York
County Medical Society (tel: 212-684-4670;
www.nycms.org) vi metterà in contatto con un
medico in base al vostro problema e alla vostra
lingua. Travel MD (tel: 212-737-1212; www.
travelmd.com). Un’équipe di medici che offre
un servizio rivolto appositamente alle persone
in visita alla città. Dopo aver chiamato verranno
direttamente nella vostra stanza d’albergo o
potrete andare nella loro sede dell’East Side.
info utili
ite rampe e ascensori tranne la High Gallery,
che si trova in cima alla prima rampa dopo due
piccoli gradini. I servizi igienici attrezzati si trovano al primo piano (presso il bar), nel seminterrato e al settimo piano. Ci sono sedie a rotelle a disposizione, gratuitamente, all’entrata.
L’accompagnatore di un disabile in sedia a rotelle può ottenere un biglietto ingresso gratuito.
All’ingresso sono disponibili guide con caratteri
ingranditi e audioguide.
info utili
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
VISA WAIVER PILOT PROGRAM (viaggio
senza visto)
A partire dal 26 ottobre 2006, tutti i passaporti rilasciati a partire da questa data da un
Paese aderente al Programma “Viaggio senza
visto” devono essere passaporti elettronici affinché i viaggiatori VWP siano idonei a entrare
negli Stati Uniti senza un visto. Un passaporto
elettronico è dotato di chip elettronico a circuito integrato contenente le stesse informazioni
stampate sulla pagina dei dati del passaporto:
nome e cognome, data di nascita ed altre informazioni anagrafiche del titolare. I passaporti
elettronici devono essere conformi agli standard tecnici internazionali stabiliti dalla Organizzazione internazionale dell’aviazione civile.
E’ possibile recarsi negli Stati Uniti senza visto
nell’ambito del programma “Viaggio senza
Visto” se, e solo se, si è in possesso di un passaporto individuale a lettura ottica. A partire
dal 26 ottobre 2005 si aggiunge un ulteriore
requisito: è richiesto che tali passaporti contengano una fotografia digitale. La fotografia
digitale è stampata sulla pagina, non incollata o plastificata sul documento. I passaporti a
lettura ottica rilasciati prima del 26 ottobre 2005
rimangono idonei ai fini del “Programma Viaggio senza Visto”. Inoltre dovrete viaggiare esclusivamente per affari e/o turismo e la vostra
permanenza negli Stati Uniti sarà di un periodo
non superiore ai 90 giorni ed avete un biglietto
di rientro. In questo caso potrete aderire al programma Viaggio senza Visto, in caso contrario
dovrete fare richiesta di visto.
© Noebu
LA CARTA VERDE (Green Card)
La Carta Verde è un visto di residenza permenente, è il permesso di soggiorno illimitato negli
Stati Uniti tramite la quale è possibile vivere e
lavorare in qualsiasi città degli Stati Uniti per
un tempo illimitato. Ogni anno 50.000 visti sono
assegnati a nominativi estratti a caso tra cittadini appartenenti a nazioni a basso flusso migratorio. Quindi ogni anno tramite una lotteria
c’è la possibilità di vincere una “Green Card” e
assicurarsi così di poter vivere negli Stati Uniti
senza limiti di tempo.
La Lotteria Green Card è conosciuta formalmente come “Diversity Immigrant Visa Lottery
Program” (Programma di Lotteria per il Visto
di “Diversità e Immigrazione”) ed è gestito dal
Dipartimento di Stato degli USA. Questo programma è stato creato con una legge del Congresso americano, l’“Immigration Act” del 1990.
Il programma assegna un numero specifico
di Visti, “Green Cards”, fra coloro che ne abbiano fatto richiesta, appartenenti alle nazioni
del mondo precedentemente stabilite. Nonostante lo statuto autorizzi una disponibilità di
55.000 Visti, cinque mila di questi sono stati
messi a disposizione permanente, a partire
dal DV-99 e per il tempo necessario, del Programma NCARA (“The Nicaraguan and Central
American Relief Act”, Legge per l’Assistenza al
Nicaragua e all’America Centrale), un provvedimento che nasce con la legge approvata dal
Congresso americano nel 1997. Il numero di
Visti veramente disponibile, quindi, è di 50.000.
I vincitori della lotteria sono estratti a sorte dal
Dipartimento di Stato degli USA.
Le domande dei candidati vengono presentate
negli uffici governativi competenti e devono
pervenire entro un breve periodo, della durata
di circa un mese. Tutte le domande vengono
numerate individualmente. Le domande che
non hanno i requisiti, non sono state preparate
correttamente, o non sono pervenute nel periodo di ammissione, verranno scartate e non
parteciperanno alla lotteria. Il Dipartimento di
Stato americano poi seleziona circa 100.000
nomi a caso, ai quali verrà notificata la vin19
cita. I primi 50.000 che si saranno registrati e
qualificati riceveranno diversi moduli da compilare, e avranno un breve colloquio presso
l’Ambasciata o il Consolato USA più vicino, prima di ricevere la Green Card. Anche i membri
addizionali della famiglia inclusi nella domanda
d’ammissione riceveranno la Green Card. I vincitori già residenti negli USA possono ricevere
la Green Card senza lasciare gli Stati Uniti.
REQUISITI PER OTTENERE UN VISTO
Coloro che richiedono un visto come visitatori
devono dimostrare di avere i requisiti richiesti
dalla Legge di Immigrazione e Nazionalità. Il
presupposto della legge è che, chiunque faccia
domanda di visto, è considerato come un potenziale immigrante. Per questo motivo, coloro
che richiedono un visto come visitatori devono
superare questo presupposto dimostrando
che: (1) Lo scopo del viaggio è entrare negli
Stati Uniti per affari o per turismo; (2) Il loro intendimento è quello di rimanervi per un periodo
di tempo specifico e limitato. (3) La loro residenza è al di fuori dagli Stati Uniti ed obblighi e
legami garantiscono il ritorno al proprio paese
di residenza al termine della visita.
Ci sono essenzialmente tre tipi di visto per entrare negli Stati Uniti, il Visa Waiver Program,
il Visto per Non-Immigranti e il Visto per Immigranti. Nella maggior parte dei casi è sufficiente
il primo e lo possono utilizzare i cittadini delle
nazioni che partecipano a questo programma
e che viaggiano negli Stati Uniti per turismo o
affari per un massimo di 90 giorni.
Partecipando al Visa Waiver Program, non è
necessario richiedere un visto ed è sufficiente
riempire un modulo sull’aeroplano. In tutti gli altri casi è necessario richiedere un visto.
20
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Maggiori informazioni sulla procedura sono disponibili sul sito del Security America’s Border al
seguente indirizzo:
www.cbp.gov/xp/cgov/travel/id_visa/esta
Informazioni ulteriori sono disponibili nel Comunicato Stampa dell’Ambasciata del 26 ottobre 2005.
info utili
za del passaporto, a seconda della condizione
che si verificherà per prima.
Le domande di richiesta di autorizzazione possono essere inoltrate in qualsiasi momento, prima del viaggio negli/per gli Stati Uniti. Il Dipartimento di Sicurezza Nazionale (Department of
Homeland Security) degli Stati Uniti consiglia
di inoltrare le domande almeno 72 ore prima
della partenza.
info utili
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Tempio Emanu-El
Temple Emanu-El
840-842 5th Ave - New York
Fondato nel 1845, il Tempio Emanu-El, prima sinagoga di New
York dedicata all’ebraismo riformato, è oggi il più grande luogo
di culto ebraico del mondo. L’edificio, in stile bizantino-mediorientale, presenta sulla facciata un imponente arco, all’interno del
quale sono riportati i simboli delle 12 tribù di Israele. All’interno,
invece, sono visibili terracotte smaltate Gustavino e vetrate istoriate. Il tempio è anche sede del Herbert & Eileen Bernard Museum of Judaica.
2
674-678 5th Ave - New York
Costruita tra il 1911 ed il 1914 su progetto degli architetti Cram,
Goodhue e Ferguson, la chiesa, in stile gotico, presenta una
magnifica facciata sulla quale si apre il portale d’ingresso circondato da diverse statue ed elementi decorativi, ed il grande rosone centrale. All’interno, degna di nota la superba pala d’altare,
alta 24 metri, decorata con 60 figure realizzate da Lee Lawrie.
DA VISITARE
3
TiP
chiese...................................................pag1
palazzi..................................................pag5
musei....................................................pag 9
monumenti e strutture..........................pag13
teatri.....................................................pag21
varie......................................................pag23
Chiesa di San Tommaso
Saint Thomas Church
Cattedrale di San Patrick
St. Patrick’s Cathedral
630 5th Ave - New York
È la più grande cattedrale gotica decorata del nord America. Nel
1810, il terreno su cui sorge oggi, era destinato ad una scuola di
gesuiti; solo quando Papa Pio IX dichiarò la diocesi di New York
Arcidiocesi, venne fatta erigere la cattedrale. I lavori terminarono
nel 1878. All’interno è divisa in 3 navate e decorata con sculture
in marmo. Il suo fascino aumenta grazie al contesto in cui è inserita: i grattacieli di Manhattan.
(tourist informations in pills)
chiese.............................................pag22
palazzi............................................pag26
musei..............................................pag32
strutture..........................................pag38
monumenti......................................pag42
quartieri..........................................pag46
piazze/vie.......................................pag50
parchi - teatri..................................pag54
ellis e governors island...................pag58
isole................................................pag60
harlem............................................pag62
bronx..............................................pag66
queens............................................pag68
brooklyn..........................................pag70
4
Sinagoga Centrale
Central Synagogue
645 Lexington Ave - New York
Costruita tra il 1870 e il 1870 su progetto di Henry Fernbach,
la sinagoga, in stile revival moresco, è la più vecchia sinagoga
ancora in uso a New York. La facciata è caratterizzata da due
torrette sormontate da due sfere con dettagli dorati, da un rosone
centrale caratterizzato da una decorazione a stelle e da cinque
portoni con lunette.
© WanderingtheWorld
21
22
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
CHIESE
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
325 Park Ave - New York
Costruita tra il 1917 ed il 1930 su progetto di Bertram Goodhue, la chiesa è caratterizzata, all’esterno, dal triplo portale in
stile romanico-francese, opera di Stanford White, dalla terrazza
e dalla cupola ricoperta da mattonelle decorate. All’interno, invece, degne di nota le vetrate e i mosaici di Hildreth Meiere, il
fonte battesimale in marmo, realizzato da Bertel Thorvaldsenil,
e l’organo a canne più grande di New York e uno dei dieci più
grandi al mondo.
6
Chiesa Collegiata Riformata in Marmo
Marble Collegiate Reformed Church
10
Cattedrale Vecchia di San Patrizio
St. Patrick’s Old Cathedral
261 Mulberry St - New York
Costruita tra il 1809 e il 1815 su progetto di Joseph-François
Mangin, la chiesa, in stile neogotico, fu il primo luogo in cui si
riunì la congregazione cattolica prima di trasferirsi sulla Quinta
Strada. L’edificio fu anche un importante punto di ritrovo degli immigrati, soprattutto irlandesi, tanto che ancor oggi vi si tengono
regolarmente liturgie in inglese, spagnolo e cinese. All’interno,
degno di nota l’altare in marmo, decorato con foglie d’oro.
Chiesa dell’Ascensione
The Church of the Ascension
11
36 5th Ave - New York
Costruita nel 1840 su progetto di Richard Upjohn, la chiesa, in
stile gotico, fu restaurata tra il 1885 ed il 1889 ad opera dello
studio McKim, Mead & White sotto la supervisione di Stanford
White. All’interno, degno di nota il coro, la tela raffigurante
“l’ascensione di Nostro Signore”, opera di John Lafarge, l’organo
realizzato dalla ditta Holtkamp e due dipinti di Edwin H. Blashfield, “l’angelo con la spada fiammeggiante” e “nella casa del
carpentiere”.
8
Chiesa di San Marco
Church of St. Mark
200 E 10th St - New York
Costruita nel 1799 sul luogo in cui in origine sorgeva la fattoria del governatore olandese Peter Stuyvesant, la chiesa fu ristrutturata nel Novecento, in seguito all’incendio del 1978. Oggi,
l’edificio è conosciuto soprattutto per le sue proposte culturali, tra
le quali il “Poetry Project”. Degne di nota le vetrate decorate con
motivi astratti, e l’ottocentesco campanile, in stile greco revival,
attribuito a Martin Euclid Thompson e Ithiel Town.
272-276 5th Ave - New York
Costruita, in marmo, nel 1854 su progetto dell’architetto
Samuel Warner, la chiesa, in stile romanico revival, presenta
un’imponente torre caratterizzata dalla guglia con una banderuola in stile olandese, dall’orologio con quattro quadranti installato
nel 1957 e dalla campana che, a partire dal 1862, anno della
morte di Martin Van Buren, suona alla morte di ogni presidente.
All’interno degno di nota l’organo donato da William Garrigues,
in memoria della moglie Elena.
7
9
Cappella di San Paolo
St. Paul’s Chapel
222 Broadway - New York
Costruita nel 1766, la chiesa, in stile revival, è famosa per essere la cappella dove George Washington era solito pregare,
in particolare subito dopo essere stato eletto presidente degli
Stati Uniti nel 1789. Luogo di sostegno spirituale dopo il tragico
evento dell’11 settembre 2001, l’edificio ospita oggi una mostra
in ricordo di quel giorno.
Grace Church
Grace Church
12
788-804 Broadway - New York
Progettata nel 1843 da James Renwick Jr, la chiesa, recentemente restaurata, fu costruita in stile neogotico, con il marmo
estratto dai detenuti di Sing Sing. All’esterno l’edificio è caratterizzata dall’imponente verde guglia, e dal portale d’ingresso
sormontato da una lunetta con bassorilievo. Degne di nota le
magnifiche vetrate istoriate e la pala d’altare raffigurante gli
evangelisti.
Trinity Church
Trinity Church
75-81 Broadway - New York
Ricostruita per tre volte, è una delle chiese più antiche di NY.
L’edificio attuale fu ricostruito nel 1846, è alto 85 metri ed è in
stile gotico revival. Dal punto di vista architettonico si devono notare tre porte in bronzo della facciata, disegnate da Richard Morris Hunt che si ispirò alle famose porte in bronzo del Battistero a
Firenze. Nel cimitero della chiesa ci sono le tombe di personaggi
famosi come Alexander Hamilton, Robert Fulton, Francis Lewis
e William Bradford.
23
24
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Chiesa di San Bartolomeo
St. Bartholomew’s Church
CHIESE
5
CHIESE
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Dakota
Dakota
100-124 Central Park West - New York
Costruito tra il 1880 e il 1884 su iniziativa di Edward Clark, il
Dakota riprende i caratteri tipici dell’architettura rinascimentale
nord-europea, con alti timpani, tetti inclinati, abbaini e nicchie.
L’edificio presenta, inoltre, in alto sopra l’entrata che dà sulla
72nd Strada, la statua di un indiano Dakota. Il palazzo è soprattutto noto per essere stato il luogo in cui fu girato il film “Rosemary’s Baby” di Polanski e dove John Lennon fu assassinato nel
1980.
2
Time Warner Center
Time Warner Center
1 Columbus Cir - New York
Costruito nel 2000 sul luogo in cui sorgeva il New York Coliseum, il palazzo è caratterizzato da due torri alte 229 metri circa.
All’interno sono ospitati uffici, appartamenti di lusso, il Mandarin
Oriental hotel, ristoranti e un grande centro commerciale. L’atrio
di sette piani, che offre splendide vedute su Central Park attraverso la facciata in vetro, ospita nelle zone comuni opere di
Botero.
3
Plaza Hotel
Plaza Hotel
14 E 58th St - New York
Costruito nel 1907, su progetto di H. J. Hardenbergh, lo stesso
architetto che ha disegnato il Dakota Apartments, questo hotel è
considerato quasi un monumento. Durante gli anni ha ospitato
personaggi famosi ed è stato il set di alcuni film molto noti come
Appartamento al Plaza (1971), Arturo (1981), Mr. Crocodile
Dundee (1986) e Mamma ho riperso l’aereo: mi sono smarrito
a New York (1992).
4
Rockefeller Center
Rockefeller Center
610 5th Ave - New York
È un complesso di 19 edifici per lo più in Art Deco, ad uso principalmente commerciale. La prima parte fu costruita da Jhon D.
Rockefeller Jr. nel 1931, la seconda fu aggiunta negli anni ‘60. Vi
è una Promenade con fontane, statue bronzee e bacini d’acqua;
inoltre, nella Lower Plaza, a Natale viene installato un enorme albero natalizio. È possibile effettuare delle visite guidate agli studi
della NBC e partecipare agli spettacoli della Radio City Music All.
25
26
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
PALAZZI
CHIESE
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
22-98 W 49th St - New York
Inaugurata nel 1933, questa terrazza panoramica, posta a 70
piani sopra Midtown e progettata in omaggio dei transatlantici,
è un luogo incredibile da cui ammirare la città. Chiusa nel 1986
per ristrutturate il ristorante “Raimbow Room”, la struttura è stata
riaperta nel 2005.
Biblioteca Pubblica di New York
New York Public Library
10
499 5th Ave - New York
Costruita all’inizio del Novecento da Carrère and Hastings, la
biblioteca pubblica di New York è la terza biblioteca più grande
dell’America del Nord. La struttura è costituita da 87 raccolte:
quattro specializzate, quattro principali che prestano i volumi,
una biblioteca per i non vedenti e diversamente abili, e 77 biblioteche suddivise nelle filiali degli altri quartieri.
7
Libreria Pierpont Morgan
Pierpont Morgan Library
25-37 E 36th St - New York
Realizzata nel 1902 dalla collezione privata del banchiere J
Pierpont Morgan, la libreria, istituzione pubblica dal 1924, ospita
una collezione di circa 350.000 opere, tra i quali libri rari, manoscritti, disegni, stampe e opere d’arte. Degna di nota una Bibbia di Gutenberg, l’edizione illustrata de “I racconti di mia madre
l’Oca”, di Charles Perrault, uno spartito autografato da Mozart,
illustrazioni di John Tenniel e opere di da Vinci, Michelangelo,
Rembrandt e Picasso.
Stazione Centrale
Grand Central Terminal
11
120 Park Ave - New York
Costruita tra il 1903 e il 1913 su progetto di Whitney Warren e
Charles Wetmore, la stazione presenta una facciata caratterizzata da un grande orologio, sormontato da tre sculture raffiguranti Mercurio, Ercole e Minerva; e dalla statua del magnate delle
ferrovie Cornelius “Commodore” Vanderbilt. All’interno, degna di
nota la grande volta decorata con la costellazione dello zodiaco.
8
Palazzo di Vetro
United Nations Headquarters
760 United Nations Plaza - New York
L’edificio alto 154m, eretto grazie a un generoso contributo di
Rockefeller, ospita l’ONU dal 1952. In origine le Nazioni Unite
chiesero che la sede fosse disegnata da tutti i più grandi architetti mondiali, ma per i numerosi dissapori, il progetto fu affidato
solo a Niemeyer. Sebbene di proprietà degli USA, la zona gode
dei diritti di extraterritorialità. Molto interessanti sono anche i giardini e le statue all’esterno del palazzo.
Aperto dalle 8.30 alle 24.00. Ingresso $25, ridotto $16 - $23.
6
9
Empire State Building
Empire State Building
350 5th Ave - New York
È una delle costruzioni più celebri al mondo ed è la più alta di
NY con i suoi 381 metri. Fu progettato nel 1930 da Lamb e Harmon in stile Art Déco ed è quasi completamente adibito a centro
direzionale. All’86° piano vi è una terrazza panoramica da cui
si gode di una spettacolare vista sulla città. La cima è generalmente illuminata con colori che corrispondono alle varie ricorrenze (dopo l’11 settembre 2001 le luci sono rimaste a lungo dei
colori della bandiera americana). Aperto dalle 8.00 alle 2.00. Ingresso $25.
Chrysler Building
Chrysler Building
12
405 Lexington Avenue - New York
Nato da quella folle gara a costruire l’edificio più alto al mondo che contraddistinse NY negli anni 20, fu progettato da Van
Allen come sede della Chrysler. In cima vi è una guglia in Art
Deco in acciaio inossidabile, alta 38m. Van Allen si ispirò proprio all’azienda Chrysler: agli spigoli del 40esimo piano mise 4
giganteschi tappi di radiatori in metallo. Accanto ad essi, intorno
all’edificio, vi è un fregio raffigurante ruote di automobili stilizzate.
Chelsea Hotel
Chelsea Hotel
224-226 W 23rd St - New York
Costruito nel 1883 su progetto dello studio Hubert, Pirsson &
Company, il Chelsea Hotel ospitò numerosi pittori, scrittori e artisti famosi, tra i quali Thomas Wolfe, Arthur Miller, Marilyn Monroe, Jane Fonda, Al Pacino, Andy Warhol, Janis Jopolin, Jimi
Hendrix, Bob Dylan e James Browne. L’edificio è, inoltre, ricordato per un fatto di cronaca nera, infatti in un di queste camere
Sid Vicious, bassista dei Sex Pistols, uccise, sotto l’effetto
dell’eroina, la sua compagna.
27
28
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Top of the Rock
Top of the Rock
PALAZZI
5
PALAZZI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
2-98 E 24th St - New York
Costruita nel 1909 dallo studio d’architettura Napoleon LeBrun
& Sons, la torre, in stile rinascimentale italiano, si ispira al campanile della basilica di San Marco a Venezia. La struttura, che
con i suoi 213 metri d’altezza, fu il più alto edificio del mondo fino
al 1913, presenta su ogni facciata un orologio del diametro di 8
metri. Dal 2002 la torre è dotata di un sistema computerizzato
di illuminazione notturna che prevede l’uso di colori diversi nei
giorni festivi.
14
Flatiron Building
Flatiron Building
18
Palazzo Woolworth
Woolworth Building
226-238 Broadway - New York
Terminato nel 1913 su disegno dell’architetto Cass Gilbert,
il palazzo, in stile neogotico, con i suoi 60 piani per 319 metri
d’altezza, rimase l’edificio più alto di New York fino al 1930, anno
in cui il Chrysler Building gli rubò il primato. Nato come quartier
generale della catena di grandi magazzini a basso costo di Frank
Woolworth, oggi il palazzo ospita diversi uffici.
Università di New York
New York University
19
25-35 Waverly Pl - New York
Nata nel 1831 dall’idea di Albert Gallatin, segretario al Tesoro
durante la presidenza di Thomas Jefferson, di creare un piccolo
centro di studi superiori aperto a tutti gli studenti senza alcuna
discriminazione, l’Università di New york è oggi un’immensa realtà che conta una popolazione di oltre 54000 studenti, più di
16000 impiegati, e sedi in tutta Manhattan. L’università è famosa
soprattutto per i corsi di cinema, teatro, scrittura, medicina e
legge.
16
Municipio
City Hall
Steve Flanders Square - New York
Costruito tra il 1803 e il 1812 su progetto di Joseph Francois
Mangin e John McComb Junior, il municipio, in stile francese
rinascimentale, è costituito da un corpo centrale e due ali.
L’edificio ha subito nel corso dei secoli diverse ristrutturazioni,
di cui l’ultima nel 1954, durante la quale fu completamente rifatta
l’originale facciata in marmo del Massachusetts.
175-187 5th Ave - New York
ll Flatiron Building (“ferro da stiro”) è uno dei palazzi più famosi
della città. Costruito nel 1902, è alto 86,9m ed è caratterizzato
dalla sua forma triangolare. I newyorkesi furono subito attratti
dall’edificio tanto da scommettere quanto a lungo sarebbe riuscito a resistere alle forti raffiche di vento che soffiano in quella
zona. L’edificio è stato il primo grattacielo di New York dotato di
una struttura in ferro, nonchè il palazzo più alto della città fino al
1909.
15
17
Federal Hall
Federal Hall
29 Wall Street - New York
L’edificio attuale, progettato da Pierre Charles L’Enfant, risale
al 1812 e sorse sull’originaria New York City Hall (1700) che fu
sede dell’amministrazione di New York City. È costruito in stile
neoclassico: le colonne doriche della facciata sono ispirate al
Partenone di Atene; la copertura invece riprende quella del Panteon di Roma e simboleggia la potenza economica. All’entrata vi
è una statua di George Washington, primo presidente degli Stati
Uniti d’America.
Palazzo Comunale
Municipal Building
20
Municipal Bldg Path - New York
Costruito tra il 1913 e il 1918 su progetto di William M. Kendall, il magnifico palazzo di 25 piani, in stile “federal”, ospita varie
agenzie governative, dall’ufficio matrimoniale all’ufficio del fisco,
fino alla stazione radiofonica pubblica locale WNYC. L’edificio
è caratterizzato dall’arco di Costantino, circondato da colonne
corinzie, e dalla statua della “Civic Fame” di Adolph Weinman,
posta in cima alla torre.
New York Stock Exchange
New York Stock Exchange
20 Broad St - New York
È la famosa borsa di New York, che con i suoi oltre 3.000 titoli,
tra azioni e obbligazioni, rappresenta uno dei punti caldi della
finanza mondiale. È qui che gli operatori dell’epoca hanno vissuto il drammatico crac del ‘29, la depressione degli anni ‘30 e
il famoso “lunedì nero” (19 ottobre 1987) quando il Down Jones
segnò un ribasso di 508 punti. La sala delle contrattazioni è detta
Trading Hall.
29
30
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Metropolitan Life Tower
Metropolitan Life Tower
PALAZZI
13
PALAZZI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
The Guggenheim
The Guggenheim
1071 5th Ave - New York
È uno dei più importanti musei di arte moderna al mondo. Fu
costruito per esporre le avanguardie artistiche ed è oggi ospitato
dall’edificio progettato da Frank Lloyd Wright: una spirale bianca sulle cui pareti sono esposti i dipinti. Sembrerebbe somigliare a una Torre di Babele rovesciata, con il valore simbolico di
volere riunire i popoli con la cultura. Ospita opere di Picasso,
Kandinsky,Mirò, Mondrian, Renoir, Chagall…
Sabato - Mercoledì dalle 10.00 alle 17.45; Venerdì fino alle 19.45. Ingresso $22.
2
Metropolitan Museum
Metropolitan Museum
1010 5th Ave - New York
Inaugurato il 20 febbraio 1872, è uno dei più grandi ed importanti musei del mondo. La collezione permanente del Met contiene più di due milioni di opere d’arte, suddivise in diciannove
sezioni: opere risalenti all’antichità classica e all’antico Egitto,
dipinti e sculture di quasi tutti i più grandi maestri Europei, una
vasta collezione di arte statunitense e moderna. Vi sono anche
collezioni di strumenti musicali, abiti e accessori d’epoca. Da Martedì a Giovedì e Domenica: 9.30-17.15; Venerdì-Sabato fino alle 21. Ingresso $25.
3
Whitney Museum
Whitney Museum
943 Madison Ave - New York
Realizzato nel 1931 dalla scultrice Gertrude Vanderbilt Whitney,
il museo, dedicato all’arte moderna statunitense, è attualmente
allestito nel Palazzo Breuer, progettato da Marcel Breuer ed inaugurato il 27 settembre 1966 da Jacqueline Kennedy. All’interno
sono esposte opere di Stuart Davis, Charles Demuth, Alexander
Calder, Edward Hopper, Maurice Prendergast e molti altri.
Aperto da Mercoledì a Domenica dalle 11.00 alle 18.00; Venerdì fino alle 21. Ingresso
$12.
4
The Frick Collection
The Frick Collection
2-4 E 70th St - New York
Progettata dall’architetto Thomas Hastings, il museo fu costruito
fra il 1913 e il 1914 nella Henry Clay Frick House, ex residenza
del magnate dell’acciaio Henry Clay Frick. Oggi è uno dei più importanti piccoli musei degli Stati Uniti e comprende una notevole
collezione di dipinti di grandi maestri tra i quali Vermeer, Bernini,
Piero della Francesca, Tiziano, sono inoltre ospitate sculture,
porcellane, mobili d’epoca e tappeti.
Aperto da Martedì a Sabato dalle 10.00 alle 18.00; Domenica fino alle 17.00. Ingresso
$18.
31
32
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
musei
PALAZZI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
35-37 W 53rd St - New York
Il MOMA fu fondato nel 1929 grazie alle donazioni di 3 donne
(la Sig.ra Rockefeller e 2 amiche) con lo scopo di promuovere la
conoscenza dell’arte moderna a New York e negli USA. Per la
prima volta accanto ad opere di pittura e scultura venivano raccolte opere di design, film, video e fotografia. Con le sue 300.000
opere è il museo d’arte moderna più importante al mondo. Tra gli
altri vi sono capolavori di Monet, Boccioni, Picasso, Van Gogh.
Museo della Portaerea Intrepid
Intrepid Sea-Air-Space Museum
Hudson River Greenway - New York
Aperto nel 1982, su iniziativa del filantropo Zachary Fisher e
del giornalista Michael Stern, per salvare l’Intrepid dalla rottamazione, il museo espone aeromobili di tutte le epoche, dai
primi tentativi di volo fino all’Apollo, e modelli di navi. Degna di
nota la portaerei della Seconda Guerra Mondiale USS Intrepid, il
sottomarino USS Growler, un Concorde e un ricognitore supersonico Lockheed A-12.
Lunedì-Venerdì dalle 10.00 alle 17.00, Sabato-Domenica fino alle 18. Ingresso $24.
Aperto tutti i giorni 10.30 - 17.30; Venerdì fino alle 20; il Martedì 26 giu-25 sett. $25.
6
9
Museo delle Arti e del Design
Museum of Arts and Design
10
2 Columbus Cir - New York
Trasferito, nel 2008, nell’attuale palazzo, opera di Edward Durell
Stone, il museo, dedicato al design e all’artigianato, espone una
grande quantità di opere, da quelle in vetro soffiato e legno intarsiato a elaborati gioielli in metallo. All’interno vengono allestite
mostre innovative, come “Read my Pins: the Madeleine Albright
Collection”, dedicata alle spille del segretario di stato americano
durante la presidenza Clinton.
Museo delle Cere di Madame Tussaud
Madame Tussaud
200-298 Lincoln Hwy - New York
Il museo espone più di 200 statue in cera raffiguranti personaggi
famosi, musicisti, sportivi, politici, attori, tra cui il Dalai Lama,
John F. Kennedy, Martin Luther King Jr., la principessa Diana,
Marilyn Monroe, Charlie Chaplin, i Beatles, Jennifer Lopez, Al
Roker, Carrie Underwood, Daniel Craig e il presidente Barack
Obama. Da non perdere il Cinema 4D.
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.00. Ingresso $36.
Aperto da Martedì a Domenica 11.00-18.00; Giovedì-Venerdì fino alle 21. Ingresso$15.
7
New York Historical Society
New York Historical Society
11
Centro Internazionale di Fotografia
International Center of Photography
170 Central Park West - New York
Istituita nel 1804 per conservare i reperti storici e culturali della città, la New York Historical Society è il museo cittadino più
antico e anche il primo museo d’arte pubblico di New York. La
collezione comprende oltre 60.000 oggetti, di cui campanacci e
sonagli per neonati del XVII secolo e la gamba di legno del governatore Morris. Degna di nota l’Henry Luce III Center for the
Study of American Culture.
1121-1133 6th Ave - New York
Istituito nel 1974 da Cornell Capa, il museo, allestito nella storica casa di Willard Straight, è anche sede dal 1985 dell’Infinity
Awards, i prestigiosi premi assegnati annualmente ai maestri
della fotografia. All’interno è esposta una ricca collezione di oltre
100.000 pezzi tra materiale fotografico d’epoca, negativi, slide e
oggetti che hanno fatto la storia della fotografia. Degne di nota le
opere di Cartier-Bresson, Robert Frank e Gordon Parks.
Martedì - Sabato dalle 10.00 alle 18.00; Venerdì fino alle 20; Domenica 11-17. $15.
Aperto da Martedì a Domenica 10-18; Giovedì e Venerdì fino alle 22. Ingresso $12.
8
Museo Americano di Storia Naturale
American Museum of Natural History
12
79 W 79th St - New York
Fondato nel 1969, è uno dei musei musei più importanti della
città. Il museo è famoso per lo scheletro di un dinosauro (Barosaurus), per le ricostruzioni di habitat di mammiferi Africani,
Asiatici e Nordamericani, per il modello in grandezza naturale di
una balenottera azzurra e per la “Stella dell’India”, il più grande
zaffiro blu esistente al mondo. Ospita inoltre una zona dedicata
ai Vertebrati, inclusi i dinosauri, e collezioni di antropologia.
Museo del Fuoco
Fire Museum
278 Spring St - New York
Allestito all’interno di una magnifica caserma dei pompieri risalente al 1904, il museo ripercorre l’evoluzione dei sistemi utilizzati per intervenire contro gli incendi, a partire dalle “ Bucket brigades” (le brigate dei secchi). Degne di nota le mostre dedicate
ai pompieri caduti durante il crollo del World Trade Center e la
collezione di antiche carrozze dorate e delle tipiche autopompe
rosse.
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.45. Ingresso $19.
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00. Ingresso $8.
33
34
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Moma
Moma
musei
5
musei
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
138 Wooster St - New York
Creata dall’artista Walter De Maria, la Earth Room dal 1980 lascia stupiti i visitatori con qualcosa che non si trova facilmente
a New York: la terra. Attraversare questo piccolo spazio è
un’esperienza unica, perché il profumo vi darà l’impressione di
essere in una foresta umida e la vista di una tale quantità di terra,
per la precisione 127.000 chilogrammi, risulterà sorprendentemente toccante.
Domenica-Martedì e Giovedì 10.00-17.45; Mercoledì 10.00-20.00; Venerdì 10.0015.00/17.00 (16 mar-2 nov). Ingresso $12.
Mocca - Museum of Comic & Cartoon Art
Mocca - Museum of Comic & Cartoon Art
18
594 Broadway - New York
Il museo è dedicato a tutto ciò che riguarda i fumetti, i cartoni
animati giapponesi e non, i film di animazione, le vignette, le illustrazioni di satira politica, le caricature, i fumetti e molto altro
ancora. Lo scopo del museo è quello di cercare di avvicinare la
gente al mondo dei cartoni e dei fumetti, spiegandone il significato e l’impatto storico che hanno avuto nel mondo.
Museo del Grattacielo
Skyscraper Museum
20-34 Battery Pl - New York
Allestito al piano terra del Ritz-Carlton Hotel, il museo è suddiviso in due sezioni: la prima ospita mostre temporanee, come
quella dedicata ai grattacieli ecologicamente sostenibili; la
seconda, invece, ripercorre la storia dei grattacieli, e contiene
un’enorme cartina che riporta tutti i più alti edifici del mondo, oltre
a esposizioni sull’Empire State Building.
Aperto da Martedì a Domenica dalle 12.00 alle 17.00. Ingresso $6.
15
Museo Ebraico Heritage
Museum of Jewish Heritage
30-40 1st Pl - New York
Eretto in ricordo dei sei milioni di ebrei morti durante la shoah, il
museo, di forma esagonale per riprendere la stella di David, espone oggetti personali, fotografie e documentari. Da non perdere
“il giardino di pietre”, ideato da Andy Goldsworthy, costituito da
18 massi che formano un angusto sentiero da cui si può contemplare la fragilità dell’esistenza umana.
Mercoledì - Domenica dalle 12.00 alle 18.00 (chiuso 10 giu-12 sett). Ingresso gratuito.
14
17
Aperto da Mercoledì a Domenica dalle 12.00 alle 18.00. Ingresso $5.
Nuovo Museo di Arte Contemporanea
New Museum of Contemporary Art
19
Museo Nazionale degli Indiani d’America
National Museum of the American Indian
237-241 Bowery - New York
Realizzato nel 2005-2007 da Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa, il Nuovo Museo di Arte Contemporanea è l’unico museo
di New York dedicato esclusivamente all’arte contemporanea,
proveniente da tutto il mondo. All’interno sono esposte opere di
artisti poco conosciuti ma anche di nomi noti, come Ana Mendieta, William Kentridge, David Wojnarowicz, Paul McCarthy e
Andrea Zittel.
1 Bowling Green - New York
Allestito nell’ex US Customs House, il museo, fondato nel 1916
da George Gustav Heye, è il più importante museo del paese
dedicato all’arte dei nativi americani. All’interno sono esposti un
milione di pezzi, tra manufatti e oggetti di uso quotidiano. Il museo offre, inoltre, un ricco programma culturale che comprende
spettacoli di danza e musica, letture per bambini, dimostrazioni
d’artigianato e proiezioni cinematografiche.
Aperto da Mercoledì a Domenica dalle 10 alle 18; giovedì fino alle 21. Ingresso $14.
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00; Giovedì fino alle 22.00. Ingresso gratuito.
16
Tribute Wtc Visitors Center
Tribute Wtc Visitors Center
20
120 Liberty St - New York
Il centro che commemora i tragici eventi dell’11 settembre, espone commoventi immagini e reperti, tra i quali le uniformi rovinate dei Vigili del Fuoco. Inoltre è possibile partecipare a visite
guidate di un’ora lungo il perimetro del World Trade Center.
Museo della Polizia di New York
New York City Police Museum
29-43 Old Slip - New York
Il museo espone la più grande collezione pubblica di manufatti,
documenti, fotografie e altri oggetti appartenuti alla polizia di
New York. Degna di nota una Indian Motorcycle del 1952, una
Harley Davidson Motorcycle del 2000, la collezione delle uniformi del NYPD del XIX secolo, cimeli dell’11 settembre e una
vera prigione.
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00; Domenica fino alle 17.00. Ingresso $15.
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00; Domenica dalle 12.00. Ingresso $8.
35
36
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
New York Earth Room
New York Earth Room
musei
13
musei
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Centro Lincoln
Lincoln Center
W 65th St 136 - New York
Realizzato negli anni ‘60 su iniziativa di John D. Rockefeller III,
il Centro Lincoln è un complesso di edifici destinati in gran parte
allo spettacolo, vi riesiedono infatti 12 importanti organizzazioni
artistiche, tra le quali la Juilliard School, il Lincoln Center Theater, la New York Public Library for the Performing Arts, la New
York City Opera, la New York Philharmonic e il Lincoln Center
for the Performing Arts.
2
Zoo di Central Park
Central Park Zoo
831 5th Ave - New York
Aperto nel 1860, lo Zoo ospita, su una superficie di cinque ettari,
circa 500 animali, divisi nei diversi habitat delle tre maggiori zone
climatiche: tropicale, temperata e polare. All’interno si potranno
ammirare pinguini, leoni marittimi, foche, orsi polari, panda rossi,
lemuri, serpenti, macachi giapponesi. Lo zoo è stato riprodotto
nel film di animazione “Madagascar”.
3
Madison Square Garden
Madison Square Garden
Penn Plaza 14 - New York
Anche conosciuto come The Garden, lo stadio fu aperto nel 1968
e costò 123 Mln di dollari su progetto di Charles Luckman; ospita
19.763 spettatori. Presta il nome al “Madison Square Garden
Network”, un canale sportivo che trasmette molti degli eventi che
vi si tengono. Nella struttura si svolgono le partite di basket dei
New York Knicks e di hokey dei New York Rangers, ma ospita
anche le manifestazioni al chiuso della città come concerti, incontri di pugilato e Wrastling.
4
Chelsea Piers
Chelsea Piers
Hudson River Greenway - New York
Costruiti all’inizio del Novecento come terminal per le navi, questi
moli sono attualmente sede del Chelsea Piers Sports & Entertainment Complex. Le strutture ospitano un centro benessere,
l’Hoop City per il basket, gabbie per il baseball, pareti per le arrampicate, una sala da bowling, un campo d’allenamento a 4
livelli di golf, piste di pattinaggio sul ghiaccio, una scuola di vela
per bambini e una grande palestra con piscina.
37
38
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
strutture
MUSEI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Hudson River Greenway - New York
Noto anche come Christopher Street Pier, il Pier 45 è una striscia
di cemento lunga circa 260 metri, oggetto di un’importante riqualificazione. Oggi, il pontile, che vanta un bel prato, aiuole, un bar,
tende per ripararsi dal sole e una fermata per il New York Water
Taxi, è frequentato di giorno dalle famiglie della zona, mentre la
sera da gruppi di giovani gay.
6
La Gabbia
The Cage
South Street Seaport
South Street Seaport
E River Bikeway - New York
Molto frequentato dai turisti per l’aria di mare, l’atmosfera intrisa
di storia nautica, le esibizioni degli artisti di strada e per gli affollatissimi ristoranti, il South Street Seaport è formato da 11 isolati
di negozi, banchine e attrattive varie. Degno di nota il Pier 17,
sul quale è stato costruito un edificio con negozi, bar e ristoranti.
World Financial Center
World Financial Center
11
Vesey St 228-250 - New York
Centro finanziario più importante di New York, il World Financial Center è composto da quattro edifici, costruiti nella seconda
metà degli anni ottanta, e dal Winter Garden, un atrio di vetro con
palme che ospita durante tutto l’anno concerti, balletti e mostre
d’arte. All’interno di questi edifici hanno sede gli uffici di compagnie tra cui American Express, Dow Jones e Merrill Lynch.
8
Castle Clinton
Castle Clinton
S Street Viaduct - New York
Fortificazione a pianta semicircolare, fu costruito durante la
guerra del 1812 su una piccola isola, West Battery, unita alla terraferma nel 1855. Il nome è in onore di DeWitt Clinton, all’epoca
sindaco di NY. Per anni fu utilizzato come centro di smistamento degli immigrati, a fronte della grande ondata immigratoria
proveniente dall’Irlanda, a seguito di una carestia che si era abbattuta sul loro Paese.
10
320-334 6th Ave - New York
Il West Fourth Street Courts, noto come la “gabbia”, è un piccolo
campo da basket, circondato da grate di ferro, in cui si svolgono
alcune delle migliori partite di streetball di tutto il paese. Il campo,
che richiama grandi folle di tifosi e turisti, ebbe il suo momento di
massima popolarità nel 2001 quando la Nike lo scelse per uno
spot pubblicitario.
7
9
Ponte di Brooklyn
Brooklyn Bridge
Brooklyn Bridge Promenade - New York
È un ponte sospeso sull’Hudson, lungo 1825m, che collega la
East side di Manhattan con il quartiere di Brooklyn. Inaugurato
nel 1883, la sua costruzione impiegò ben 13 anni. Articolato su
due livelli: uno inferiore per le auto, quello superiore per pedoni
e ciclisti che possono osservare lo splendido skyline di Lower
Manhattan.
Century 21
Century 21
12
19 Church St - New York
Questo grande magazzino di quattro piani dai pavimenti in marmo, è il discount di abbigliamento più amato da molti newyorkesi,
per i forti sconti su linee di abbigliamento firmato, come Donna
Karen, Marc Jacobs e Armani, accessori, scarpe, profumi e biancheria.
Ponte di Manhattan
Manhattan Bridge
E River Bikeway - New York
Realizzato su progetto dell’ingegnere Ralph Modjeski, il ponte,
aperto al pubblico il 31 dicembre 1909, è l’ultimo dei tre ponti
sospesi che collegano il downtown di Manhattan a Brooklyn,
dopo il Ponte di Brooklyn e il Ponte di Williamsburg. Oggi, grazie
alle sei corsie stradali e alle quattro linee della metropolitana, è
attraversato giornalmente da 78.000 veicoli e 350.000 persone.
39
40
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Pier 45
Pier 45
strutture
5
strutture
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Tomba di Grant
Grant’s Tomb
490 Riverside Dr - New York
Costruito nel 1892 su progetto di John Duncan, il mausoleo contiene i corpi di Ulysses Grant, generale durante la Guerra Civile
Americana e XVIII Presidente degli Stati Uniti, e sua moglie, Julia
Dent. L’opera è caratterizzata, all’esterno, da una scalinata delimitata da due aquile, da un portico sorretto da colonne doriche
e da un imponente tamburo con colonne ioniche, sormontato da
una cupola. All’interno, invece, sono posti 5 busti realizzati da
William Mues e Jeno Juszko
2
Monumento ai Soldati e ai Marinai
Soldiers & Sailors Monument
160 Riverside Dr - New York
Realizzato nel 1920 dagli architetti Carlo e Arthur Stoughton, il
monumento è dedicato ai soldati dell’Esercito dell’Unione ed ai
marinai che prestarono servizio nella Guerra Civile Americana.
L’opera, in marmo bianco, riprende le forme di un tempio corinzio, costituito da un corpo centrale circolare, posto su un alto
basamento. L’interno presenta due fasi: quella inferiore caratterizzata da 6 nicchie, e quella superiore caratterizzata da alte
paraste corinzie.
3
Monumento Nazionale Uss Maine
USS Maine National Monument
Columbus Cir - New York
Realizzato nel 1913 in ricordo dei marinai uccisi a bordo della
corazzata USS Maine, il monumento, in stile Beaux-Arts, fu progettato da Harold Van Buren Magonigle. L’opera è sormontata
da un gruppo scultore in bronzo dorato che raffigura la Vittoria
alata tra due cavalli, opera di Attilio Piccirilli, dalla placca “In Memoriam”, realizzata da Charles Keck, e da nove statue in marmo.
4
Statua di Colombo
Statue of Columbus
Columbus Cir 80 - New York
Posta al centro di Columbus Circle, la statua, opera dello scultore italiano Gaetano Russo, fu eretta nel 1892, in occasione
del quattrocentesimo anniversario dello sbarco di Colombo nelle
Americhe. L’opera è costituita da un piedistallo, sul quale è posto
un angelo che tiene tra le mani un globo, sopra il quale si erge la
colonna con rilievi bronzei, raffiguranti la Nina, la Pinta e la Santa
Maria. Il tutto è sormontato dalla statua in granito di Colombo.
41
42
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
monumenti
strutture
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
5th Ave 631 - New York
Realizzata dallo scultore Lee Lawrie e installata a Manhattan nel
1937, la scultura in bronzo raffigura il titano greco Atlas mentre
sostiene sopra la propria testa il cielo. L’opera in stile Art Deco,
con un’altezza totale di 45 metri e un peso di 7 tonnellate, è la più
grande scultura del Rockefeller Center.
6
Statua di George Washington
George Washington Statue
9/11 Memorial
9/11 Memorial
Liberty St 151-199 - New York
Progettato dall’architetto Michael Arad e dal paesaggista Peter
Walker, il 9/11 Memorial fu realizzato in ricordo delle circa 3000
persone uccise durante gli attacchi terroristici dell’11 settembre
2001. L’opera è costituita da due piscine, dotate delle più grandi
cascate artificiali del Nord America e realizzate sull’area in cui
sorgevano le Torri Gemelle. Ai bordi delle vasche sono incisi i
nome delle vittime degli attacchi terroristici.
Arco di Washington Square
Washington Square Arch
11
26-28 Washington Square N - New York
Costruito in legno nel 1889, per celebrare il centenario
dell’elezione presidenziale di George Washington, l’arco, alto 22
metri, fu ricostruito nel 1905 in marmo bianco di Dover, ornato
di statue del generali in tempo di guerra e in tempo di pace. Il
monumento è famoso anche per l’impresa dell’artista Marcel Duchamp, che nel 1916 salì sulla cima dell’arco dichiarando il parco
“ Repubblica libera e indipendente di Washington Square”.
8
Irish Hunger Memorial
Irish Hunger Memorial
101-199 North End Ave - New York
Opera dell’artista Brian Tolle, il monumento è realizzato per tenere viva la memoria della Grande Carestia irlandese che uccise
fino a un milione di persone tra il 1845 e il 1852. L’opera, realizzata con pietre provenienti da tutte e 32 le contee irlandesi, rappresenta cottage abbandonati, muretti di pietra e campi di patate.
10
30 E 14th St - New York
Simbolo di Union Square, la statua, inaugurata nel 1856, fu realizzata da Henry Kirke Brown. L’opera è la prima scultura pubblica eretta a New York dopo la statua equestre inglese di Giorgio
III del 1770, e la prima scultura equestre americana realizzata
in bronzo.
7
9
Charging Bull
Charging Bull
25 Broadway - New York
Realizzato da Arturo di Modica, il Charging bull, icona di Wall
Street, è una scultura bronzea di tre tonnellate, raffigurante un
toro alla carica, simbolo di un ottimismo finanziario aggressivo
e di prosperità. Il monumento, posto in questa strada dopo essere comparso misteriosamente di fronte alla New York Stock
Exchange nel 1989, due anni dopo il crollo dei mercati finanziari,
è oggi uno dei soggetti più fotografati dai turisti.
Kim Lau Memorial Arch
Kim Lau Memorial Arch
12
22 Chatham Square - New York
Eretto nel 1962, il Kim Lau Memorial Arch fu costruito come
monumento commemorativo dei cinesi morti durante la Seconda
Guerra Mondiale. L’opera prende il nome dal tenente Benjamin
Ralph Kimlau (1918-1944), un cinese-americano pilota bombardiere che morì servendo il suo paese durante il secondo conflitto
mondiale.
Statua della Libertà
Statue of Liberty
1 Liberty Is - New York
Detta anche Lady Liberty, è alta 46 m. e poggiata su un piedistallo che porta l’altezza totale a 93 m. Opera di Gustave Eiffel,
fu donata dalla Francia agli USA per il centesimo anniversario
dell’indipendenza. Raffigura una donna vestita da una lunga
toga che tiene in una mano una fiaccola, simbolo della libertà, e
nell’altra un libro con inciso 4 luglio 1776, data dell’indipendenza
americana. Ai piedi vi sono delle catene spezzate, simbolo della
liberazione dal tiranno.
43
44
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Atlas
Atlas
monumenti
5
monumenti
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Il Bronx
Bronx
Cruger Ave 1945-1983 - New York
Unico distretto di New York collegato direttamente alla terraferma, il Bronx, sviluppatosi nel XVII secolo, subì un forte degrado,
anche a causa della speculazione edilizia, verso il 1960. Nonostante la sua fama di luogo sordido e malfamato, il quartiere
vanta molte attrazioni, tra le quali il più vasto zoo degli Stati Uniti,
il Bronx Zoo. In questa zona sono nati alcuni americani famosi
come Edgar Allan Poe, F. W. Woolworth e Duke Ellington.
2
Harlem
Harlem
101-107 W 123rd St - New York
Noto come il quartiere nero di NY, è stato fondato dagli olandesi
nel 1658 come area residenziale per la borghesia, e solo successivamente abitato dagli ex schiavi neri utilizzati per la costruzione di Broadway. Harlem è stato ed è tutt’ora, una delle culle
della comunità afro-americana. Gli anni ‘20 e ‘30 lo hanno visto
protagonista sulle scene del grande Jazz. Gli anni ‘60 hanno
segnato invece un punto di svolta negativo: povertà, criminalità
e sovraffollamento.
3
Upper East Side
Upper East Side
3rd Ave 1369 - New York
Situato sul lato orientale di Central Park, l’Upper East Side è considerato, nonostante oggi gli affitti non siano più i più alti di New
York, la zona più esclusiva degli Stati Uniti. Il quartiere, ricco di
importanti musei, è chiamato “The Silk Stocking District” (il quartiere delle calze di seta), grazie ai suoi eleganti edifici di marmo
innalzati a fine Ottocento da ricchi magnati, come Astors e Tiffany.
4
Chelsea
Chelsea
400-498 W 28th St - New York
Sviluppatasi nel XIX secolo, Chelsea ebbe un forte impulso dal
punto di vista commerciale nel 1870, grazie alla costruzione di
una delle prime ferrovie sopraelevate. In questo stesso periodo
il quartiere fu anche il luogo in cui si concentrò l’industria dello
spettacolo, con l’apertura di teatri e sale per concerti. Dopo un
periodo di declino, solo in questi ultimi anni la zona sta vivendo
una fase di ripresa.
45
46
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
quartieri
monumenti
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
W 4th St 44 - New York
È uno dei quartieri più affascinanti di New York, il quale ha conservato tutta la sua atmosfera bohémien nonostante sia uno dei
luoghi dove il costo delle abitazioni è il più alto di Manhattan.
Caffetterie, bar, librerie e locali alla moda affollano le strade del
Village dove si respira un’aria culturalmente differente rispetto al
resto della città. Epicentro turistico del quartiere è Washington
Square con il famoso arco da dove inizia la Quinta Strada.
6
Soho
Soho
Ground Zero
Ground Zero
Church St 39-51 - New York
Qui sorse nel 1988 il World Trade Center, due grattacieli identici alti 411.48m, che divennero il simbolo di NYC e dell’America
stessa. L’11 settembre 2001, a causa di un attentato terroristico,
le torri crollarono causando 2.896 vittime. Oggi, al loro posto,
vi è un enorme buco al cui fondo spicca una croce. Nel 2002
fu indetto un concorso per la ricostruzione: verrà eretto il One
World Trade Center, con la Freedom Tower, alta 1776 mt. (anno
dell’indipendenza americana).
Little Italy
Little Italy
11
155 Mulberry St - New York
Nonostante l’identità etnica si sia notevolmente diluita negli ultimi
cinquant’anni, infatti verso la metà del Novecento molti dei suoi
abitanti si trasferirono in quartieri periferici più tranquilli, Little
Italy resta comunque il più famoso dei quartieri con popolazione
italiana negli Stati Uniti. Ogni anno, nel mese di settembre ha
luogo, per due settimane, la festa di San Gennaro, durante la
quale si può assistere alla processione lungo Mulberry Street.
8
Tribeca
Tribeca
77 Franklin St - New York
Il nome di questo quartiere di Manhattan deriva dalla sua posizione (“Triangle Below Canal Street”) ed è famoso per la presenza di numerosi ristoranti alla moda e per il fatto che Robert De Niro vi organizza ogni anno un suo festival del cinema.
TriBeCa è popolato oggi dalla ricca borghesia newyorchese ma,
a differenza di SoHo, conserva tuttora un’atmosfera tranquilla e
rilassata da piccola cittadina.
10
Spring St 80-90 - New York
Il quartiere di Soho è così denominato per il fatto di estendersi a
sud di Houston Street (“South of Houston Street”). Fino agli anni
‘60 del secolo scorso aveva un carattere prevalentemente industriale, successivamente alcuni artisti cominciarono a stabilirvisi
grazie alla presenza di ampi ed economici loft. Oggi nella zona vi
si possono trovare molte gallerie d’arte, artisti di strada, celebrità
e particolari negozi.
7
9
Il Centro
Downtown
32 Broadway - New York
Situato, nonostante il nome, all’estremità sud di Manhattan,
il centro è la zona in cui si stabilirono i primi insediamenti dei
coloni. L’area ospita il municipio e il distretto finanziario, oltre
agli approdi dei traghetti che collegano l’isola con Ellis Island e
la Statua della Libertà.
Chinatown
Chinatown
12
156 Canal St - New York
Abitata da circa 150.000 orientali e in continua espansione, Chinatown è uno dei distretti più frenetici e caotici di New York. Il
quartiere famoso per il suo diamond district offre anche, con i
suoi numerosi negozi e bancarelle, la possibilità di uno shopping
economico.
Brooklyn
Brooklyn
Flatbush Ave 60 - New York
Sviluppatosi a partire dalla metà del Seicento grazie agli olandesi, Brooklyn, con una popolazione di circa 2,5 milioni di persone,
è il più popoloso distretto newyorkese. Il quartiere è famoso per
il Ponte di Brooklyn, per la zona di Brooklyn Heights e per il Park
Slope.
47
48
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Greenwich Village
Greenwich Village
quartieri
5
quartieri
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Fifth Avenue
Fifth Avenue
5th Ave - New York
Una delle strade più famose di NY. È affiancata da eleganti
edifici, residenze storiche e musei. Nel tratto tra la 34ª e la 59ª
Strada è considerata una delle vie più importanti al mondo per
lo shopping. Nei primi anni del ‘900, i cittadini più ricchi si trasferirono nel tratto della Fifth Avenue tra la 59th St e la 96th St,
ovvero il tratto che si affaccia su Central Park. Quest’area ospiti
diversi edifici notevoli, risalenti agli anni ‘20 e progettati da Rosario Candela e J.
2
Riverside Drive
Riverside Drive
Riverside Dr - New York
Progettata dal paesaggista Frederick Law Olmsted, Riverside
Drive è una panoramica arteria stradale che attraversa da nord a
sud il quartiere di Manhattan. Su di essa si affacciano alcuni famosi monumenti ed edifici come la statua di Eleanor Roosevelt,
il monumento ai soldati e marinai, la statua di Giovanna d’Arco, il
memoriale dei Vigili del Fuoco, la Tomba di Grant e la Schwab
House, costruita per il magnate dell’acciaio Charles M. Schwab.
3
Columbus Circle
Columbus Circle
Columbus Cir - New York
Costruita nel 1905 su progetto di William P. Eno, la piazza, più
volte ristrutturata, ospita, tra i vari edifici, il Time Warner Center,
il Trump International Hotel and Tower, la Porta del Mercante di
Central Park e il Museo delle Arti e del Design. L’area è caratterizzata dalla centrale statua di Colombo.
4
Times Square
Times Square
Times Square - New York
Simbolo di NY, è nota soprattutto per i grandi cartelloni pubblicitari digitali che la circondano interamente. All’inizio del ‘900,
l’editore del New York Times spostò la sede del giornale nella
42nd St a Longacre Square e convinse il sindaco a costruire lì
una stazione della metropolitana: l’area venne rinominata “Times
Square” l’8 aprile 1904. Appena tre settimane dopo comparve il
primo cartellone pubblicitario elettrificato. Di notte offre uno spettacolo irresistibile.
49
50
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
piazze / vie
quartieri
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Broadway - New York
Il famoso viale trae origine da un antico sentiero indiano che tagliava Manhattan; una delle sue caratteristiche principali è che non
segue la griglia delle streets ed avenues, ma taglia Manhattan in
obliquo, formando delle piazze, la più famosa dei quali è Times
Square. Proprio in questo tratto vi sono molti teatri di Broadway,
che ospitano una sempre mutevole offerta di rappresentazioni
teatrali, in particolare musical, considerati i più spettacolari al
mondo.
6
Herald Square
Herald Square
Mulberry Street
Mulberry Street
Mulberry St - New York
Cuore di Little Italy, Mulberry Street è oggi meta di molti turisti,
per i negozi di souvenir, i bar e i ristoranti italiani. Su di essa si
affacciano l’”Umberto’s Clam House”, dove negli anni ‘70 fu ucciso il gangster Joey Gallo, il “Mulberry Steet Bar”, uno dei ritrovi
preferiti di Frank Sinatra, e il “Ravenite Social Club”, un tempo
ritrovo del crimine organizzato, frequentato da personaggi del
calibro di Lucky Luciano e John Gotti.
Union Square
Union Square
11
Union Square - New York
Inaugurata nel 1831, Union Square è oggi un importante punto
di ritrovo per i newyorkesi. L’area visse diversi periodi: durante
la Guerra di Secessione e fino all’inizio del Novecento fu teatro
di innumerevoli manifestazioni, da quelle sindacali a quelle politiche; durante la Prima Guerra Mondiale cadde in declino fino
al trasferimento di numerose associazioni operaie; e infine negli
anni ‘60 divenne il regno degli hippy, grazie a Andy Warhol che
qui aprì la sua Factory.
8
Bowery
Bowery
Bowery - New York
Nata come la via dei marinai e degli immigrati, Bowery in passato
era famosa per essere una strada malfamata, regno delle gang,
della prostituzione e del gioco d’azzardo. La via fu riqualificata
solo a metà Novecento con l’apertura di alcuni club, tra i quali
il Five Spot Café e il CBGB, famosi per aver scoperto alcune
icone del punk come Patti Smith, i Blondie, i Ramones e i Talking Heads.
10
W 34th St 100 - New York
Nata dall’intersezione di Broadway, sixth Avenue e 34th Street,
Herald Square deve il proprio nome al New York Herald, un giornale, non più esistente, che qui aveva la propria sede. La piazza,
grazie ad un’area pedonale dotata di sedie, tavoli e ombrelloni,
è oggi un luogo di sosta per migliaia di newyorkesi e turisti e una
mensa per gli impiegati di midtown. Herald Square è famosa inoltre per ospitare l’opera “James Gordon monument” e il grande
magazzino Macy’s.
7
9
Canal Street
Canal Street
Canal St - New York
Terminata nel 1820, Canal Street prende il nome da un vero e
proprio canale che fu scavato nel XIX secolo per drenare i contaminati e i malati nel fiume Hudson. Oggi, la strada, arteria principale di Chinatown, è un vivace quartiere commerciale, affollato
da case a basso affitto, venditori di strada, banche e negozi di
gioielli.
Christopher Street
Christopher Street
12
Christopher Street - New York
Situata nel Greenwich Village, Christopher Street è, a partire dagli anni ‘70, la via simbolo del movimento gay e del gay pride.
La strada è famosa per ospitare lo Stonewall Inn, un gay bar
nel quale, il 28 giugno 1969, ebbero inizio i moti di Stonewall,
dai quali prese poi vita il movimento di liberazione omosessuale militante. Nel 1991 è stata inoltre installata nella via l’opera
dell’artista George Segal, “Gay Liberation”.
Wall Street
Wall Street
Wall Street - New York
La via è famosa soprattutto per la presenza della borsa di New
York che rappresenta il fulcro dei mercati finanziari statunitensi.
Wall Street è stata teatro di numerose vicende anche piuttosto cruente. Tra le tante, l’attentato del 16 settembre 1920, che
costò la vita a 40 persone ed il ferimento di oltre 400. Nel 1929 in
conseguenza alla grande crisi il luogo fu vetrina di numerose
sommosse in seguito al crollo della borsa.
51
52
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Broadway
Broadway
piazze / vie
5
piazze / vie
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Strawberry Fields
Strawberry Fields
Strawberry Fields - New York
Situato in Central Park, il Strawberry Fields, un giardino di 10.000
metri quadrati a forma di lacrima, è dedicato alla memoria del
cantante John Lennon. L’area, progetta da Bruce Kelly, fu inaugurata il 9 ottobre 1985, in occasione del quarantacinquesimo
anniversario della nascita del cantante, in presenza della vedova
Yoko Ono. Degno di nota il mosaico che riporta la parola “Imagine”.
2
Central Park
Central Park
65th Street Transverse - New York
È un esteso parco rettangolare circondato da alti grattacieli; chiamato “il polmone verde di NY, è un’oasi di pace e di verde per i
cittadini. Fu aperto nel 1856 dopo una grandiosa opera di bonifica voluta dagli architetti Olmsted e Vaux. Al suo interno vi sono
diversi laghi artificiali, estesi sentieri, due piste da pattinaggio,
parchi giochi per bambini, campi sportivi. Ogni estate si tengono
rappresentazioni teatrali all’aperto nel Delacorte Theatre.
3
Parco di Piazza Madison
Madison Square Park
2 Madison Ave - New York
Aperto nel 10 maggio 1847, il parco, dopo essere stato recentemente riqualificato, è oggi frequentato dagli abitanti del quartiere,
ma anche dai molti turisti. L’area ospita alcune statue di personaggi famosi del XIX secolo, tra cui il senatore Roscoe Conkling
e l’ammiraglio David Farragut. Inoltre, fra il 1876 e il 1882, è qui
che fu esposto il braccio della Statua della Libertà recante la
torcia.
4
Washington Square Park
Washington Square Park
26-28 Washington Square N - New York
Noto luogo di incontro e centro di attività culturali, il Washington Square Park è uno dei più frequentati parchi pubblici di New
York. L’area, caratterizzata dall’Arco di Washington e da una
grande fontana, comprende aree giochi per i bambini, sentieri
per passeggiare, un’area attrezzata per giochi quali Scacchi e
scarabeo, tavoli da pic-nic e diverse statue commemorative.
53
54
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
parchi
piazze / vie
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
139 Avenue B - New York
Inaugurato nell’Ottocento, il parco prende il nome da Daniel
Tompkins, vicepresidente degli Stati Uniti sotto la presidenza di
James Monroe, e governatore di New York dal 1807 fino al 1817.
Dopo essere stata negli anni ‘80 una sorta di accampamento
per senzatetto, sporca e disseminata di siringhe, oggi l’area, riqualificata, è frequentata da famiglie, studenti, anziani e turisti,
ed è sede del “Howl! Festival of East Village Arts” e del “Charlie
Parker Jazz Festival”.
6
Columbus Park
Columbus Park
10
Radio City Music Hall
Radio City Music Hall
26 W 51st St - New York
Progettato da Donald Deskey, il teatro fu inaugurato il 27 dicembre 1932 con la versione cinematografica della commedia
“The Animal Kingdom”, di Philip Barry. L’edificio ospita, oltre il
tradizionale spettacolo natalizio “Radio City Christmas Spectacular”, concerti di importanti artisti, tra i quali Frank Sinatra, Linda
Ronstadt, Bill Cosby, John Denver, Liza Minnelli, Sting, Celine
Dion.
Bowling Green
Bowling Green
11
5 Broadway - New York
Luogo in cui il colono olandese, Peter Minuit, pagò ai nativi americani l’equivalente di 24 dollari per comprare l’isola di Manhattan,
il Bowling Green è il parco più antico e forse il più piccolo di New
York. Concesso in affitto ai newyorkesi dalla Corona inglese
nel 1733, questo triangolo verde presenta oggi, al centro, una
grande fontana, posta in sostituzione della statua di re Giorgio
III, distrutta nel 1776 da una folla di rivoltosi.
8
Teatro Lyceum
Lyceum Theatre
132-154 W 45th St - New York
Costruito nel 1903 su progetto degli architetti Herts & Tallant,
il teatro, gestito per circa quarant’anni dall’impresario Daniel
Frohman, è il più vecchio teatro di New York ancora in funzione.
L’edificio, in stile Beaux Arts, presenta una facciata caratterizzata da colonne corinzie, e da una cornice ondulata. All’interno,
invece, le pareti e il soffitto sono riccamente decorati con affreschi, pannelli in marmo e statue di bronzo.
170 Worth St - New York
Realizzato verso il 1890, il parco, molto frequentato dagli abitanti del quartiere, ospita partite di mahjong e domino sui tavoli all’aperto, e persone che si esercitano nel tai chi o nel judo.
L’area corrisponde al punto in cui sorgeva in passato il quartiere
“Five Points”, sede delle prime case popolari e noto per aver
ispirato il film di Martin Scorsese, “Gangs of New York”.
7
9
Carnegie Hall
Carnegie Hall
900 7th Ave - New York
Costruita nel 1890 dal filantropo Andrew Carnegie, la Carnegie
Hall, inaugurata con un concerto di Tchaikovsky, è uno dei luoghi
più importanti della musica classica e leggera a livello mondiale.
All’interno sono presenti tre sale: l’Isaac Stern Auditorium che
conta 2804 posti; la Zenkel Hall con 599 posti; e la Weil Recital
Hall con 268 posti. Qui suonarono alcuni dei musicisti più famosi
al mondo, come Mahler, Caruso, Toscanini, Leonard Bernstein,
Frank Sinatra e i Beatles.
Battery Park
Battery Park
12
S Street Viaduct - New York
Deve il suo nome alla presenza di una batteria di 28 cannoni
costruiti per difendere la zona, quando ancora era una colonia
olandese e britannica. Il parco si estende per 8,5 ettari e ospita diversi monumenti: uno dedicato a Giovanni da Verrazzano,
esploratore italiano che scoprì il golfo di NY nel 1524; vi è poi
un memoriale delle vittime dell’AIDS; il Castle Clinton, e l’East
Coast War Memorial, dedicato ai militi caduti nell’Atlantico nella
seconda guerra mondiale.
Teatro Delacorte
Delacorte Theatre
West Dr - New York
Fondato nel 1962, il teatro, con una capacità di 1872 posti a
sedere, ospita ogni anno il “New York Shakespeare festival”, durante il quale viene messa in scena almeno una tragedia dello
scrittore inglese. Su questo palco hanno recitato anche attori del
calibro di Meryl Streep, Al Pacino, e Philip Seymour Hoffman.
55
56
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Tompkins Square Park
Tompkins Square Park
teatri
5
parchi
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Ellis Island
Ellis Island
1 ellis island - New York
Inizialmente fortificata per proteggere la baia, venne trasformata
nel 1892 in centro per gli immigrati provenienti dall’Europa fino
al 1954. Nel 1917 vennero introdotte alcune norme per limitare
il numero degli immigrati, poi inasprite nel 1929 in seguito alla
grande depressione. Nel 1954 gli uffici dell’immigrazione vennero spostati ma fu creato il Museo dell’Immigrazione.
2
Museo dell’Immigrazione di Ellis Island
Ellis Island Immigration Museum
Ellis Is 1 - New York
Allestito, nel 1990, nell’edificio principale del complesso dell’ex
stazione d’immigrazione, il museo racconta, attraverso manufatti, fotografie, stampe, video, display interattivi, storie orali, e
mostre temporanee, le storie dei 12 milioni di immigrati arrivati in
America all’inizio del Novecento. Degno di nota l’American Family Immigration History Center, che offre ai visitatori la possibilità
di ricercare, su computer avanzati, notizie sugli immigrati.
3
Castello Williams
Williams Castle
Governors Is - New York
Costruito tra il 1807 e il 1811 da Jonathan Williams, a difesa dagli
eventuali attacchi inglesi, il forte, in arenaria rossa, è caratterizzato da centro feritoie disposte su tre file. La struttura, utilizzata
anche come prigione e carcere militare, ospitò durante la Prima
Guerra Mondiale il prigioniero Walt Disney.
4
Governors Island
Governors Island
100 Andes Rd - New York
Utilizzata come forte durante la Guerra d’Indipendenza, come ufficio di reclutamento dell’Union Army durante la Guerra di Secessione e come punto di decollo del famoso volo di Wright, Governor’s Island dal 2003, grazie al lavoro del National Park Service e
alla Governor’s Island Preservation and Education Corporation,
è diventata un grande parco pubblico molto frequentato. L’isola
è dotata di un picnic point, di un campo da minigolf, di una pista
ciclabile e di una spiaggia.
57
58
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
ellis e governors
island
parchi / teatri
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
City Island
City Island
596-598 City Island Ave - New York
Lunga 2,5 chilometri, City Island, fondata dagli inglesi nel 1685,
è abitata da un’antica comunità di pescatori. Caratterizzata da
case in stile vittoriano rivestite da assicelle in legno che ricordano il New England, l’isola conta molti scali di alaggio, sei yacht
club e diversi ristoranti di pesce. Questo è il luogo ideali per gli
appassionati di immersioni, vela o pesca.
2
Isola Roosevelt
Roosevelt Island
548-550 Main St - New York
Acquistata nel 1637 dagli olandesi che la ribattezzarono “Isola
del Cinghiale”, l’isola assunse l’attuale denominazione nel 1973,
in previsione della costruzione di un edificio in memoria al presidente Roosevelt, opera mai terminata. L’area ospita due centri
per la terapia a lungo termine di malati cronici, e diversi edifici,
molti dei quali abitati da diplomatici stranieri. L’isola è raggiungibile anche attraverso una funicolare.
3
Staten Island
Staten Island
18-24 Richmond Terrace - New York
Collegata a Manhattan dallo Staten Island Ferry, l’isola, che si
sviluppa su 265 chilometri quadrati, è suddivisa in due zone: il
“projects”, sorto nel secondo dopoguerra e abitato soprattutto
dalla popolazione di colore e di origine ispano-americana; e la
parte “storica” caratterizzata da abitazioni unifamiliari e piccole
villette in stile coloniale, risalenti all’inizio del Novecento.
4
Coney Island
Coney Island
2529 Neptune Ave - New York
È una penisola il cui nome deriva dalla lingua olandese Konjn ovvero coniglio. Infatti, quando nell’anno 1654 fu barattata dai primi
coloni olandesi in cambio di fucili e munizioni, era invasa dai conigli. È il 1895 l’anno più importante della storia di Coney, venne
infatti aperto il primo parco dei divertimenti, LUNA (da cui luna
park). Vennero in seguito costruiti ippodromi, saloon, alberghi e
casinò, oltre che lo straordinario Dreamland.
59
60
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
isole
ellis e governors
island
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
I Chiostri
Cloisters
99 Margaret Corbin Dr - New York
Sede distaccata del Met, i chiostri, realizzati negli anni ‘30, incorporano frammenti murari di antichi monasteri francesi e spagnoli
e conservano la collezione di affreschi, arazzi e dipinti medievali
del Met. Degna di nota una piastra d’oro del IX secolo raffigurante San Giovanni Evangelista, antiche vetrate istoriate con
scene religiose, una statua duecentesca in avorio della Madonna
con il Bambino e il magnifico chiostro di Saint-Guilhem.
Mar-Ott: Martedì-Domenica 9.30-17.15. Nov-Feb: Martedì-Domenica 9.30-16.45. $25
2
Museo della Società Ispanica d’America
Hispanic Society of America
3755 Broadway - New York
Il museo, dedicato all’arte spagnola e portoghese, ospita una
ricca collezione di opere letterarie, sculture, dipinti e ceramiche
risalenti al periodo moresco. Degna di nota la famosa Custodia
di Cristóbal Becerril, il dipinto “Dopo il bagno” di Joaquín Sorolla
y Bastida, le tombe del monastero di San Francisco de Cuéllar
e un mosaico raffigurante Medusa, rinvenuto nella città romana
di Canania.
Aperto da martedì a domenica dalle 11.00 alle 17.30. Ingresso £ 8, ridotto £ 6.50.
3
Chiesa Battista Abissina
Abyssinian Baptist Church
132-198 Odell Clark Pl - New York
Fondata da un uomo d’affari etiope, la chiesa, centro della
tradizione gospel di Harlem, fu realizzata nell’attuale posizione
nel 1923. L’edificio, in stile gotico-Tudor con vetrate e arredi in
marmo, ha assunto un importante ruolo nella vita politica, sociale
e religiosa di New York. All’interno, degno di nota lo splendido
coro.
4
Harlem Ymca
Harlem Ymca
180 W 135th St - New York
Costruito nel 1919, l’Harlem YMCA è famoso per essere stato il
luogo in cui trovarono alloggio molti afroamericani, tra cui James
Baldwin, Jackie Robinson e Malcolm X, che, arrivati a New York,
furono cacciati dagli alberghi che applicavano la segregazione
razziale. L’edificio è dotato di campi da basket all’aperto, dove è
visibile un murales che riporta la frase “Harlem gioca il miglior
basket del paese”.
61
62
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
harlem
isole
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
288 Malcolm X Blvd - New York
Aperto nel 1939, il Lenox Lounge è noto soprattutto per aver
ospitato celebrità del jazz statunitense come Billie Holiday, Miles
Davis, John Coltrane, James Baldwin e Langston Hughes. Lo
storico locale di Harlem, votato “Best of the Best” dalla guida Zagat Survey nel 2002 e dal New York Magazine nel 2001, appare
nel film “American Gangster” di Ridley Scott.
6
Teatro Apollo
Apollo Theatre
10
Il Museo del Barrio
El Museo del Barrio
1229-1239 5th Ave - New York
Aperto nel 1969 da un gruppo di artisti, educatori e attivisti portoricani, il museo ha l’obiettivo di celebrare la cultura portoricana,
latino americana e caraibica. All’interno è suddiviso in 4 sezioni: la prima dedicata all’arte moderna e contemporanea, comprendente dipinti, fotografie, video; la seconda dedicata all’arte
del XX-XIX secolo; la terza espose oggetti archeologici caraibici;
e l’ultima dedicata ad oggetti delle tradizioni popolari.
Aperto da Martedì a Sabato dalle 11.00 alle 18.00; Domenica 13-17. Ingresso $9.
Chiesa sul Fiume
Riverside Church
11
490 Riverside Dr - New York
Costruita nel 1930 per volere della famiglia Rockefeller, la chiesa, in stile gotico, è caratterizzata all’esterno da una imponente
torre alta 392 piedi e dal portale d’ingresso circondato da bassorilievi raffiguranti il Cristo seduto, circondato dai simboli degli
evangelisti e da personalità di spicco della religione, della filosofia e della scienza. L’edificio è, inoltre, dotato del più grande carillon del mondo, costituito da 74 campane.
8
Cathedral of St. John the Divine
Cathedral of St. John the Divine
1047 Amsterdam Ave - New York
È la più grande cattedrale neogotica del mondo, sotto la sua
cupola centrale infatti, potrebbe stare in piedi la Statua della
Libertà. Eretta nel 1892 seguendo lo stile romanico, è stata poi
modificata in stile gotico. La chiesa può ospitare 10.000 persone.
Notevoli sono le vetrate a mosaico delle finestre. È spesso possibile assistere a rappresentazioni teatrali e concerti. Per problemi
economici, non è stata ancora completata, è dunque detta “St.
John the unfinished”.
200-298 Dr Martin Luther King Jr Blvd - New York
Aperto verso il 1860 dal generale Edward Ferrero come luogo
dedicato alla danza e al ballo, l’Apollo, dopo essere stato trasformato nel 1872 in un teatro, divenne nel 1928 un centro musicale,
grazie a Bill Minsky. Il teatro è oggi uno dei più famosi club musicali degli Stati Uniti, ed il più noto al mondo per quanto riguarda
gli spettacoli di musicisti afroamericani, qui, infatti, furono lanciati
Ella Fitzgerald, James Brown, Gladys Knight, Michael Jackson
e Lauryn Hill.
7
9
Museo della Città di New York
Museum of the City of New York
1220 5th Ave - New York
Fondata nel 1923 come società privata senza scopo di lucro, il
museo è dedicato interamente al passato, al presente e al futuro
della città di New York. All’interno, sono esposti dipinti, disegni,
stampe, fotografie, costumi, mobili, giocattoli, libri rari e manoscritti. Degno di nota il plastico di Nuova Amsterdam, la mostra
dedicata ai musical di Broadway, una sedia appartenuta a Sarah
Rapelje e la ricostruzione della casa di John D. Rockefeller.
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 16.00. Ingresso $10.
Columbia University
Columbia University
12
598 W 116th St - New York
Fondata nel 1754, la Columbia University è la quinta università più antica degli Stati Uniti, e uno tra i più prestigiosi atenei
del mondo, grazie ai suoi pionieristici programmi di studio nel
campo della medicina, delle scienze, delle arti e delle discipline
umanistiche. Qui, inoltre, hanno insegnato o si sono laureati ben
93 vincitori di un Premio Nobel. Degna di nota la Low Library e
l’Hamilton Hall, famosa per essere stata occupata nel 1968 dagli
studenti.
Graffiti Hall of Fame
Graffiti Hall of Fame
28-98 E 106th St - New York
Fondata nel 1980 dall’artista Ray Rodriguez e da un gruppo di
sostenitori di questa forma d’arte, questa galleria di street art,
realizzata in un cortile di una scuola, vuole rendere omaggio a
ogni genere di graffito urbano. Durante la manifestazione vera e
propria “Graffiti Hall of Fame”, che ha luogo nel mese di giugno,
arrivano writers da tutto il mondo per aggiungere le loro opere
sui muri.
63
64
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Lenox Lounge
Lenox Lounge
harlem
5
harlem
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Giardino Botanico di New York
New York Botanical Garden
Bronx Park Rd - New York
Inaugurato nel 1891, il giardino botanico comprende 20 ettari
di foresta vergine, 48 splendidi giardini e l’Enid A. Haupt Conservatory, un’imponente serra vittoriana in ferro e vetro. Il parco
ospita anche il Lorillard Snuff Mill, il più antico edificio per la produzione del tabacco negli Stati Uniti, una biblioteca e un museo,
all’interno del quale è esposto un erbario con migliaia di erbe e
piante disseccate.
2
Belmont
Belmont
E 183rd St 685 - New York
Conosciuto anche come la vera Little Italy, Belmont ospita numerose pizzerie, panetterie, pescherie, macellerie e trattorie, tra
cui il “Roberto Restaurant”, considerato da molti newyorkesi il
miglior ristorante italiano della città. In questo quartiere fu girata
una scena del film “Il padrino”.
3
Bronx Zoo
Bronx Zoo
2300 Southern Blvd - New York
Fu aperto nel 1899 con 22 attrazioni, ben 843 animali e con lo
scopo di studiare la zoologia, proteggere gli animali e diffondere l’amore per la natura. Fu il primo zoo negli USA a spostare
gli animali dalle gabbie in aree grandi ed aperte per ricreare il
più possibile il loro habitat naturale. Il parco è suddiviso in zone
tematiche: La giungla, La foresta del Congo, con scimmie e gorilla, il mondo dei rettili, il mondo degli uccelli, il mondo dell’oscurità
con pipistrelli.
4
Yankee Stadium
Yankee Stadium
1 E 161st St - New York
È uno stadio di baseball di New York, si trova nel quartiere noto
come The Bronx. Dal 2009 è lo stadio dei New York Yankees,
una delle due squadre professionistiche MLB della città. Il New
Yankee ha una forma quadrangolare a ventaglio aperto, può ospitare fino a 52.325 spettatori. I posti a sedere migliori si trovano
in una serie di palchi a 5 piani sovrapposti, posti a libro aperto
attorno al diamante centrale.
65
66
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
bronx
harlem
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Casa-Museo Louis Armstrong
Louis Armstrong House Museum
32-56 107th St - New York
La casa, oggi trasformata in museo, è l’edificio in cui Louis Armstrong trascorse gli ultimi 28 anni di vita. All’interno sono conservate 1.600 registrazioni, 5.000 fotografie, 86 album, documenti, lettere, manoscritti, cinque trombe, 14 bocchini, 120 premi
e targhe, tra i quali i dischi d’oro vinti dall’artista.
Martedì - Venerdì: 10.00-17.00; Sabato e Domenica: 12.00-17.00. Ingresso $10.
2
Museo d’Arte del Queens
Queens Museum of Art
Avenue of the States - New York
Allestito all’interno di un edificio costruito nel 1939 in occasione
dell’Esposizione Universale, il museo conserva un’interessante
collezione di arte moderna e una mostra dedicata alle Esposizioni Universali del 1939 e del 1964. Degno di nota il “Panorama of
New York City”, un plastico di 840 metri quadrati che riproduce
New York con tutti gli edifici in miniatura, posto in una stanza
grande quanto tre campi da tennis.
Aperto da Mercoledì a Domenica dalle 12.00 alle 18.00. Ingresso $5.
3
Flushing Meadows Park
Flushing Meadows Park
Meadow Lake Promenade - New York
Realizzato come sito della Fiera mondiale di New York del 19391940, il parco ospita, su una superficie di 5 km², diversi campi da
gioco, parchi ricreativi, piste ciclabili e il lago Meadow. L’area è
anche sede del Queens Theater in the Park, della New York Hall
of Science, del Queens Museum of Art, del Terrace on the Park,
dell’Arthur Ashe Stadium, del Louis Armstrong Stadium, e del
Shea Stadium, sede dei New York Mets.
4
Giardino Botanico del Queens
Queens Botanical Garden
134-0-134-74 Dahlia Ave - New York
Luogo ideale per rilassarsi e apprezzare la natura, il giardino,
realizzato in occasione della “New York World’s Fair” del 1939,
ospita, su un’area di circa 40 ettari, una vasta gamma di piante.
Il 27 settembre 2007 fu inaugurato, alla presenza del sindaco
Bloomberg, il nuovo centro visitatori, progettato dallo studio di
architetti BKSK.
31 Marzo-31 Ottobre: Martedì-Domenica 8.00-18.00. 1 Novembre-30 Marzo: MartedìDomenica 8.00-16.30. Ingresso $4.
67
68
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
queens
bronx
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1
Williamsburg
Williamsburg
Bedford Ave 502-520 - New York
Riscoperto dai turisti ma anche dagli stessi newyorkesi negli
ultimi anni, Williamsburg è un quartiere in cui si respira un’aria
rilassata e multiculturale, in cui gli abitanti, soprattutto giovani
e artisti, cercano di allontanarsi dal conformismo della Grande
Mela. Qui i vecchi capannoni dismessi sono diventati pub, locali,
gallerie di arte contemporanea, negozi vintage, ristoranti alla
moda e laboratori artigianali. Da non perdere il mercatino delle
pulci “Brooklyn Flea”.
2
Dumbo
Dumbo
Water St 175 - New York
Caratterizzato da un’aria antica, ma allo stesso tempo bohemien
e sperimentale, il quartiere Dumbo, dopo anni di abbandono e
degrado, a partire dagli anni ‘70 visse un periodo di ripresa, dovuto soprattutto ai numerosi artisti che lo scelsero come loro studio visto gli affitti bassi. Il quartiere, oggi frequentato da numerosi
turisti, è caratterizzato da vecchi magazzini trasformati in laboratori artigianali e loft in cui allestire spazi fotografici, mostre e
happening.
3
Brooklyn Heights
Brooklyn Heights
Willow St 70 - New York
Amato dai turisti ma anche dai newyorkesi, Brooklyn Heights è
famoso per i palazzi con i tipici brownstones (i mattoncini rossi),
le antiche chiese, le case in stile federale con decorazioni in terracotta, i numerosi edifici storici ottocenteschi e i lunghi viali alberati. Caratterizzato da un’atmosfera d’altri tempi, il quartiere ha
richiamato negli anni molti personaggi famosi, come il vincitore
del Premio Pulitzer Norman Mailer e il regista Truman Capote.
4
Museo sulla Storia della Società di Brooklyn
Brooklyn Historical Society
126 Pierrepont St - New York
Aperto nel 1980 in un edificio progettato da George Post, il museo ripercorre, attraverso fotografie, dipinti, cimeli e mostre interattive, i 400 anni di sviluppo di Brooklyn. Degna di nota la
biblioteca, che contiene una ricca collezione di libri rari, periodici,
documenti istituzionali, tra cui una copia originale del Proclama
di Emancipazione, manoscritti e atlanti su vari gruppi etnici che
vivono nel quartiere.
Mercoledì-Venerdì e Domenica: 12.00-17.00; Sabato: 10.00-17.00. Ingresso $6.
69
70
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
brooklyn
queens
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
1-41 Boerum Pl - New York
Allestito all’interno di una vecchia stazione della metropolita risalente al 1936, il museo ripercorre gli oltre cento anni della storia
dei trasporti di New York. Nel seminterrato è possibile salire a
bordi di 13 vetture originali della metropolitana e della ferrovia
sopraelevata realizzate nel 1904.
Martedì-Venerdì: 10.00-16.00; Sabato-Domenica: 11.00-17.00. Ingresso $7.
6
Accademia di Musica di Brooklyn
Brooklyn Academy of Music
Brooklyn Museum
Brooklyn Museum
200 Eastern Pkwy - New York
Secondo museo d’arte di New York, tra i più grandi degli Stati
Uniti, fu fondato nel 1897 da Augustus Graham. Ospita una
collezione permanente che consta di più di un milione e mezzo
di oggetti, dall’arte egizia a quella contemporanea. Si estende su
una superficie di 52,000 m² e riceve annualmente circa 500.000
visitatori.
Mercoledì, Venerdì, Sabato: 11.00-18.00; Giovedì: 11.00-22.00; prima Domenica del
mese: 11.00-23.00. Ingresso $12.
Park Slope Historic District
Park Slope Historic District
11
5th Ave 412-416 - New York
Storico e tollerante quartiere residenziale, è uno dei luoghi più
affascinanti di Brooklyn con le sue boutique, i suoi caffè e i suoi
rinomati ristoranti. Vi si trova inoltre il Prospect Park, bellissima
oasi di verde dove si tengono numerosi concerti all’aperto durante i mesi estivi. Tra i benestanti residenti si annoverano molti
politici e personaggi dello spettacolo.
8
Biblioteca Pubblica di Brooklyn
Brooklyn Public Library
1 Grand Army Plaza - New York
Istituita alla fine dell’Ottocento, la biblioteca di Brooklyn è la
quinta più grande biblioteca pubblica degli Stati Uniti. All’interno,
sono conservati 1,5 milioni di libri, riviste, materiali multimediali,
fotografie, mappe e manoscritti. Completato nel 1940 su progetto degli architetti Githens e Keally, l’edificio, in stile Art Deco, è
caratterizzato dal portone centrale decorato con elementi dorati.
10
25 Lafayette Ave - New York
Inaugurata nel 1861, la Brooklyn Academy of Music, comprendente la Howard Gilman Opera House e il Rose Cinema, è
uno dei più antichi centri di rappresentazioni artistiche deli Stati
Uniti. Molti gli artisti di livello internazionale che hanno presentato spettacoli teatrali, balletti e concerti, tra i quali Philip Glass,
Peter Brook, Pina Bausch, Merce Cunningham, Laurie Anderson, Lee Breuer, Steve Reich, Robert Wilson e Ingmar Bergman.
7
9
Giardino Botanico di Brooklyn
Brooklyn Botanic Garden
Washington Ave 902-940 - New York
Aperto nel 1910, il giardino ospita, su 210.000 metri quadrati
circa, oltre 12.000 specie di piante divise in 25 giardini. Degno
di nota il giardino delle rose che ospita la terza più importante
collezione di rose di tutti gli Stati Uniti, il giardino delle orchidee,
il giardino dei bambini, il giardino delle fragranze, creato per i
non vedenti, e il giardino giapponese, opera di Takeo Shioten,
caratterizzato da un piccolo lago, un padiglione d’attesa e da una
casa del tè.
Prospect Park
Prospect Park
12
Flatbush Ave 401 - New York
Progettato da Frederick Law Olmsted e Calvert Vaux, Prospect Park comprende il “prato lungo” (36 ettari), la Casa Picnic,
all’interno della quale si trovano alcuni uffici e un salone adibito alle feste, la Litchfield Villa, un tempo casa di Edwin Clark
Litchfield, il Prospect Park Zoo, la Boathouseche con il centro
visitatori, l’unico lago di Brooklyn e la Bandshell Prospect Park,
un’area per concerti gratuiti estivi. Il parco è dotato inoltre di numerosi impianti sportivi.
Prospect Park Zoo
Prospect Park Zoo
416-440 Flatbush Ave - New York
Inaugurato il 3 luglio 1935 e ristrutturato nel 1989, lo zoo è suddiviso in tre aree distinte: “il mondo degli animali”, “le abitudini degli
animale” e “gli animali nella nostra vita”. All’interno sono ospitati
400 animali di oltre 80 specie, tra i quali i cani della prateria, i
canguri, i babbuini e i panda rossi.
71
72
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Museo dei Trasporti di New York
New York Transit Museum
brooklyn
5
brooklyn
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
CHI SIAMO
Weagoo è un’azienda specializzata nella raccolta ed elaborazione di informazioni turistiche
brevi ed essenziali a carattere storico, artistico,
culturale, naturalistico ed architettonico. WeaGoo, nella sua attività di ricerca e recensione
dei siti, con gli attuali 24.000 punti d’interesse,
110 province, 1.400 comuni e tutte le città
d’arte italiane, sta costantemente e progressivamente realizzando una mappatura capillare
del territorio che comprende anche località minori, ma non per questo prive di storia.
Il nostro obiettivo è creare il più grande data-
base d’informazioni turistiche localizzate e descritte in modalità “short information” concepite
per fornire un’informazione essenziale ma utile
al turista prima e durante la visita della città.
Tutte le nostre descrizioni dei punti di interesse
sono informazioni oggettive, storiche, prese da
fonti ufficiali, che seguono uno standard di realizzazione preciso in cui la georeferenziazione è
sicuramente una parte fondamentale.
L’attività primaria di WeAGoo consiste nel riversare queste informazioni nel proprio portale
weagoo.com.
Il portale ti permette di
Registrati al portale...conviene!
Creare itinerari personalizzati
Ricercare POI per città
Ricercare per nome attrazione
Filtrare per tipologie d’interesse
Visualizzare risultati in modalità elenco
o mappa
Scaricare guide turistiche gratuitamente
Visualizzare i virtual tour
73
74
La registrazione al portale ti porterà via solo
pochi secondi e ti permetterà di creare itinerari
multi-città, modificare l’ordine dei POI e delle
città tramite drag and drop così da pianificare
perfettamente il tuo roadbook di viaggio e successivamente condividerlo con i tuoi amici. Inoltre settimanalmente ti verrà inviata un’email
con interessanti spunti di viaggio e le novità
riguardanti le nostre utili guide.
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
brooklyn
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
ITINERARI CONSIGLIATI
La visita ad una città come New York richiederebbe diversi giorni così come una guida
dettagliata sui percorsi cittadini richiederebbe
l’impiego di moltissime pagine, requisito che
contrasta con il concept alla base delle nostre guide. Per questo motivo, pensando alle
necessità della maggior parte dei turisti che
si recano a New York per la prima volta, abbiamo deciso di limitarci a dare degli spunti
per visitare l’area di Manhattan indicando degli itinerari semplici e diretti, senza dare troppe
indicazioni sui punti di interesse che troverete
ampiamente documentati nell’apposita sezione
di questa guida. E dunque partiamo alla scoperta di questo distretto, il cuore pulsante della
città, attraverso una visita che potrete adattare
alle vostre esigenze ed ai vostri ritmi senza, tuttavia, perdere nessun tratto saliente della City.
ITINERARIO 1: Arte e nuove tendenze dal
Village a TriBeCa attraversando SoHo
La premessa fatta all’inizio della sezione itinerari (ogni percorso è indicativo ed è soggetto
a variazioni a seconda della tua curiosità), è
quanto mai valida per questa zona. Non ci sono
infatti grandi luoghi da visitare, ma tutta una serie di “particolari” da scoprire. La prima parte
di questo percorso ti farà attraversare il Greenwich Village. In ogni angolo sarete sorpresi da
performance artistiche, rappresentazioni, mostre o semplicemente colorati e splendidi graffiti
sulla parete di un edificio o su un tombino. In
questo percorso non incontrerete grandi centri
commerciali, piuttosto graziosi negozietti e botteghe, teatri nel Village, gallerie d’arte a SoHo,
respirerete l’aria intellettuale di TriBeCa.
Inizieremo questa visita all’incrocio tra Broadway e 14th St. in Union Sq (A). Da qui seguite
la 14th St. fino a incrociare la 5th Ave girando
quindi a sinistra sino a raggiungere la 10th
St. Lungo il tragitto vedrete il Forbes Magazine Building (12th St. & 13th St.), il Salmagundi Club (12th St.), la First Presbyterian
Church (11th St. & 12th St.) e la Chiesa
dell’Ascensione (10th St.). Arrivati quindi sulla
10th St. svolteremo a destra incamminandoci
verso 6th Ave (B). Raggiunto l’incrocio, a sinistra troverete il Jefferson Market Courthouse
sulla destra. Lasciando alle spalle l’edificio
chiese...................................................pag1
palazzi..................................................pag5
musei....................................................pag 9
monumenti e strutture..........................pag13
teatri.....................................................pag21
varie......................................................pag23
Atlas © gepiblu
75
76
giriamo a destra su Christopher St. (C), e la
percorreremo fino a Wawerly Pl. Da dove, a
sinistra, noterete la Norhtern Dispensary.
Continuando su Christoper St. verso Bedford
St., incroceremo Sheridan Sq. (D) che è considerato il cuore di Greenwich Village. Raggiunta Bedford St. (E) potrete ammirare uno dei
più vecchi teatri sorti al di fuori di Broadway,
del Theatre District, il Lucille Lortel Theater.
Seguite ora a sinistra Bedford St. lasciandovi
catturare dai palazzi che incontrerete. Arrivati
sulla 7th Ave giriamo a sinistra fino a Barrow
St. sulla quale svolteremo verso destra. Da qui
ancora a destra su west 4th St. fino a raggiungere la grande Washington Sq (F). All’angolo
nord-est incamminatevi attraverso University
Pl., con la sede della New York University,
fino a 8th St. (G) dove svolteremo a destra
verso Broadway. Nuovamente a destra arriveremo in Astor Pl. Seguendo Broadway verso
sud fino a Houston St. (H) prendetevi qualche
minuto per sbizzarrirvi facendo shopping in uno
dei tanti negozietti. Ci troviamo al confine tra il
Village e SoHo, quartiere che attraverseremo
continuando sulla Broadway.
Nel tragitto fino a Prince St. non potrete mancare ad una visita, programmata, al New Museum of Contemporary Art (I). Su Prince St.,
vedrete il Singer Building e a pochi passi,
all’incrocio con Greene St., potrete ammirare i
particolari di una facciata di un palazzo che altro
non è che un grande trompe l’oeil che vi ingannerà da lontano e vi catturerà con gli impressionanti particolari appena vi avvicinerete. Da
qui stiamo per raggiungere la via principale del
quartiere, West Broadway, il cuore di SoHo.
Imboccando West Broadway scenderemo fino
a Spring St., sulla quale ci incammineremo
verso sinistra direzione Broadway. Faremo una
piccola deviazione su Greene St., verso destra,
per ammirare l’edificio definito King of Greene
Street (J). Riprendendo Greene St. sino a
Broadway dove, svoltando a destra, raggiungeremo Broome St (K). Qui noterete due edifici
interessanti, l’Haughwout Building (488-492
Broadway) ed il Roosevelt Building (478-482
Broadway) un po’ più a sud. Ritornando su
Broome St. continuate sino a svoltare su West
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
CONSIGLI DI VIAGGIO
ITINERARI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Itinerario 1
Beautiful. Arrivati su Irving Place, svoltiamo a
sinistra sino ad incrociare 18th St. dove ha sede
la Pete’s Tavern (F), il locale che contende alla
McSorley’s Old Ale House il primato di locanda
più antica di New York. Seguiamo ancora Irving
Place, sino ad imboccare a destra 17th St. fino
a Broadway. Questa zona di Broadway fa parte
del famoso Ladies’ Mile (il tratto compreso tra
8th St. e 23rd St., caratterizzato da edifici storici di una certa rilevanza e bellezza). Seguiamo
Broadway in direzione nord fino a 20th St., percorrendola verso destra: ci porterà a visitare la
casa dove è nato Theodore Roosevelt (H), al
civico 28 east. Proseguiamo su questa Street
ad est sino ad incrociare Gramercy Park dove
ha sede, al numero 15, il National Arts Club
(G). Dalla piazza avviatevi su 21st St. per due
isolati fino a raggiungere Broadway che percorreremo sulla destra fino a 23rd St. dove si
erge il Flatiron Building (I), inconfondibile con
la sua forma a “ferro da stiro” ed importante
poiché fu il primo ad utilizzare una struttura in
acciaio. Poco più avanti nel tratto compreso tra
23rd St. e 24th St., precisamente al numero
200 di 5th Ave., c’è un orologio che segna la
Itinerario 2
77
78
fine del Ladies Mile Historical District. Arriviamo
così a Madison Sq. nella zona del Flatiron Disrict. Sul lato est della piazza c’è la Metropolitan
Life Tower, la The Appellate Division of New
York State Supreme Court e il New York Life
Insurance Company Building.
Ammirati questi sorprendenti edifici, proseguiamo su Madison Ave. (J), in direzione nord,
fino a 29th St., che imboccata a sinistra ci porterà su Broadway. Passeggiando vedrete la
Little Church around the Corner e la Marble
Collegiate Reformed Church (K). Attraverso
Broadway ritorneremo nuovamente al punto
di partenza con la possibilità, ora si, di saccheggiare il centro commerciale Manhattan
Mall. Oramai l’ora sarà matura per un gustoso pranzo ristoratore, in attesa della seconda
parte del nostro percorso. Non esagerate con
il cibo perché la visita della città vi porterà, ora,
ad addentrarvi nel cuore di Manhattan, lungo
un percorso che è tappa obbligata per qualsiasi
turista che arrivi in città. L’Empire State Building, la New York Public Library, il Rockefeller
Center, la Saint Patrick’s Cathedral, la Trump
Tower, il MOMA ed i lussuosi negozi, primo tra
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
ITINERARIO 2: Alla scoperta di Chelsea, del
Flatiron district e Fifth Avenue
Questo itinerario prevede un percorso diviso in
due momenti: mentre la seconda parte vi immergerà nel cuore della City, visitando uno dei
simboli della città, la Fifth Av., la prima parte si
snoderà tra le costruzioni tipiche di New York,
i grattacieli. Proprio in questa zona, tra Downtown e Midtown vi sono importanti costruzioni
che hanno segnato la storia dell’edilizia cittadina. Inoltre, nonostante non vi siano concen-
trati musei o centri culturali, questi isolati sono
ricchi di negozi per qualsiasi esigenza o gusto.
Inizieremo la passeggiata da Herald Sq. (A)
(Metro: B, D, F, N, Q, R, V, W fermata 34th St.)
per visitare il quartiere di Chelsea. Sulla 34th
St. dirigetevi verso 7th Ave. Fiancheggiando, e
visitando, il più grande magazzino del mondo, il
famoso Macy’s (B). lasciando lo shopping per
l’ultima parte del nostro itinerario, proseguite
sulla 7th Ave. fino a 33rd St. In questa zona
potrete ammirare e fotografare il celebre Madison Square Garden (C) eretto sopra ad una
delle due principali stazioni ferroviarie di New
York, la Pennsylvania Station. Dalla 7th Ave.,
in direzione sud, raggiungerete 23rd St. su cui
svolterete a destra e proprio su questa via ammirerete uno dei più celebri hotel cittadini, il
Chelsea Hotel (D). Ritornando sui nostri passi
seguiamo quindi 23rd St. fino a 6th Ave o Avenue of the Americas che imboccheremo verso
destra, fino a raggiungere 14th St. Percorrendo
quest’ultima sulla sinistra raggiungeremo Union Sq. Continuando su 14th St., al 145 east si
trova il Con Edison Energy Museum (E), un
museo dedicato alla storia dell’elettricità. Arrivati all’altezza di 3rd Ave imbocchiamola verso
sinistra ed ancora a sinistra su 19th St. percorrendo quello che gli abitanti chiamano il Block
ITINERARI
Broadway, che all’incrocio con Canal St. (L),
segna il confine tra SoHo e TriBeCa. Da subito
noterete che l’atmosfera è probabilmente meno
vivace, più composta, ma non per questo meno
interessante. Proseguendo nel nostro itinerario
raggiungeremo Franklyn St. che percorreremo
fino a Greenwich St. (M) dove all’angolo alla
tua destra c’è il famoso Tribeca Grill di Robert
De Niro. Imbocchiamo Greenwich St. verso sud
e giriamo a sinistra su Harrison St. All’incrocio
con Hudson St la percorriamo verso destra
seguendola fino all’incrocio con West Broadway. Durante la visita di TriBeCa osservate,
respirate, immergetevi nell’atmosfera particolare del quartiere, scelto da molti artisti come
luogo ideale per lavorare e creare.
ITINERARI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
ITINERARIO 3: Da Murray Hill e Midtown al
East Side e Upper East Side
La zona di Murray Hill e Midtown è con tutta
probabilità una delle zone più visitate di New
York, dove ammirare il Chrysler Building, la
Grand Central Station e la sede della Nazioni
Unite. Inoltre alcune delle sue vie, in particolare
Madison Ave., Lexington Ave. e 57thSt. sono
decisamente un posto ideale per lo shopping.
L’East Side e l’Upper East Side offrono una
vista in una zona bella e residenziale ed un
tratto di Madison Avenue scelto da molti stilisti
come sede delle loro esclusive boutique. Inoltre, sempre in questo quartiere potrete visitare
alcuni tra i più importanti musei della città e del
mondo.
Potrete iniziare la visita dall’incrocio tra Park
Ave. e 42nd St., sarà la visita alla Grand Central Station (A) a dare il la all’itinerario di oggi.
La grande stazione di New York si trova praticamente sotto il Metropolitan Life Building, anche
se è forse più noto con il suo precedente nome,
Pan Am Building. Lasciandovi la stazione alle
spalle dirigetevi verso sinistra sulla 42nd St.
fino a 1st Ave. Lungo questo tratto noterete edifici interessanti come la Home Saving Bank,
il Chrysler Building (B), probabilmente il grattacielo più bello di NYC, il New York Daily
News Building ed infine Tudor City. A questo
punto svoltate a sinistra su 1st Ave. in direzione
nord. Sulla destra andrete incontro al maestoso
edificio sede delle Nazioni Unite (C). Ritornate
quindi su 1st St. e percorretela fino a 47th St.,
per poi svoltare a sinistra. Tra 1st Ave. e 2nd
Ave., sebbene in questa zona non vi sia una
gran concentrazione di musei, troverete la Japan Society (D).
Raggiunta Lexington Ave., svoltate a destra
fino a 50th St. dove passerete di fronte
all’entrata posteriore del prestigioso Waldorf
Astoria ed al General Electric Building. Arrivati all’altezza della 50th St. girate a sinistra
per arrivare a Park Ave. Qui verrete sorpresi
dall’ingresso principale del Waldorf Astoria (E),
e sulla destra noterete la St. Bartholomew’s
Church. Proseguite ancora fino a Madison
Ave., sulla quale vedrai la Villard House (F)
e, sulla sinistra, la parte posteriore di St. Patrick’s Cathedral. Facendo ritorno su Park Ave.
attraverso 51st St., svoltate a sinistra per raggiungere 52nd St. Tra questa strada e 53rd
St., c’è il Seagram Building (G), mentre tra
53rd St. e 54th St., vedrete la Lever House.
Avviatevi a destra su 52nd St. fino a Lexington Ave. Su questa via, a sinistra vi sono le fa-
Itinerario 3
79
80
mose grate della metropolitana da cui usciva
l’aria che alzava la gonna di Marilyn Monroe in
“Quando la moglie è in vacanza”. Procedendo
svoltate a destra su 53rd St., e poi a sinistra su
3rd Ave. Sulla destra si erge un grattacielo che
i newyorchesi hanno soprannominato Lipstick
per la particolare forma ovale. Ancora a sinistra su 54th St. e quindi a destra su Lexington
Ave. che seguirete fino a 60th St. ammirando
la Central Synagogue (H)e Bloomingdale un
notissimo grande magazzino. Qui l’ideale è fermarsi per una breve sosta prima di proseguire
addentrandovi nell’East Side.
Raggiunto l’incrocio tra Lexington e 63rd St.
svoltate a sinistra e quindi a destra su Park
Ave., che seguirete fino a 66th St. passando
davanti al Seventh Regiment Armory. Con una
piccola deviazione verso l’incrocio tra 5th Ave.
e 65th St potrete visitare il Temple Emanu-El,
una grande ed interessante sinagoga. Percorrete 66th St. fino a 5th Ave., girando a destra
e risalendo fino a 71st St. dove potrete visitare
la Frick Collection (I)con una ricca collezione
di opere prodotte tra il 1300 ed il 1800. Svoltate a destra e quindi a sinistra su Madison
Ave. fino a 79th St. Arriverete così al Whitney
Museum (J) che espone opere di arte contemporanea americana. A sinistra su 79th St.
e quindi a destra su 5th Ave fino a 82nd St.:
ecco il più importante museo di New York, il
Metropolitan Museum of Art (K). Proprio per
la straordinaria concentrazione di musei, la
porzione di 5th Ave., compresa tra 80th St. e
105th St., è stata rinominata Museum Mile. Su
questo tratto hanno sede alcuni musei famosi
quali, il Guggenheim Museum (L), il CooperHewitt Museum ed il Jewish Museum ed altri
meno famosi come il Museo Nazionale di disegno dello Smithsonian Institution e la National
Academy of Design ed il museo a carattere
etnico, El Museo del Barrio. Successivamente
svoltate a destra su 94th St. e quindi a sinistra
su Madison Ave. dove c’è lo Squadron Armory,
che una volta ospitava un arsenale.
A questo punto potrete girare a sinistra su 96th
St. e quindi a destra su 5th Ave. fino a 104th
St. dove c’è la sede del Museum of the City
of New York (M), tappa che conclude il nostro
itinerario.
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Of Television And Radio dedicato alla televisione e alla radio, mentre il secondo, su 53rd
St., è il prestigioso Museum of Modern Art.
Sempre nell’angolo con 53rd St. c’è anche la
St. Thomas Church.
A questo punto arriviamo alla 55th St.
Nell’angolo nord-est c’è il negozio della Disney e poco più avanti quello della Coca Cola.
Imboccando la 55th St. verso destra e camminando per un isolato fino a Madison Ave., tra
55th St. e 56th St. c’è un grattacielo inconfondibile, il Sony Building. Sempre attraverso 55th
St., ritorniamo su 5th Ave., verso destra fino al
civico 725. All’ombra della Trump Tower riconoscerete la famosa gioielleria Tiffany. Da qui
noterete un panorama atipico rispetto a quello
che vi ha accompagnati nelle ore scorse: una
macchia verde che vi attirerà verso di sé, il
Central Park.
ITINERARI
tutti Tiffany: questo è quello che vi aspetta nelle
prossime ore. Da Herald Sq. seguite 34th St. in
direzione est per ammirare il favoloso ed imponente Empire State Building (L) all’angolo tra
5th Ave. e 34th St. Seguiamo quindi 5th Ave. in
direzione nord, e, per gli appassionati di computer, nell’isolato compreso tra 37th St. e 38th
St. sulla sinistra troviamo un enorme negozio
dove trovare tutto il software e l’hardware che
si possa desiderare. All’altezza della 40th St.
c’è, invece, la New York Public Library (M), la
più grande biblioteca di New York. Siete ancora
sulla 5th Ave. Ed all’angolo con 47th St. gli appassionati di diamanti potranno fare una breve
deviazione su questa strada nel tratto compreso tra 5th Ave. e 6th Ave. nella Diamond
& Jewelry Way. Ritornando indietro sulla 5th
Ave continuiamo a seguirla in direzione nord
fino all’isolato compreso tra 49th St. e 50th
St. dove incontreremo il famoso Rockefeller
Center (N). Terminata la visita a questo centro, dirigiamoci sul lato opposto della 5th Ave
dove, nell’isolato compreso tra 50th St. e 51st
St., c’è St. Patrick’s Cathedral. Proseguendo,
nel tratto tra 5th Ave. e 6th Ave, potrete visitare
due musei: il primo, su 52nd St., è il Museum
ITINERARI
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Per quanto concerne la sera newyorkese il
modo migliore per tenersi informati è quello di
far riferimento a riviste e siti internet specializzati, magari preparandovi un piccolo programma già da casa, prima di partire. In città,
poi, prestate attenzione ai numerosissimi flyer
che vengono distribuiti nei locali e nei negozi:
potreste davvero scoprire che proprio durante
la vostra permanenza si terrà quell’evento a cui
tanto avreste voluto assistere! E non lasciatevi
limitare dall’idea che New York sia una città
poco sicura: certo le sue dimensioni e il tasso di
clandestini portano ad una certa percentuale di
crimini, ma con un po’ di attenzione, e soprattutto a Manhattan, potrete vivere la notte come in
una qualsiasi altra capitale. Un altro consiglio,
se siete intenzionati a bere alcolici, è di portare
sempre con voi un documento d’identità che vi
verrà chiesto praticamente ovunque anche se
avete più di 21 anni ma avete comunque un
aspetto giovanile.
Indipendentemente da quale sia la vostra idea
di serata ideale, New York sarà in grado di
soddisfarvi, anzi, di stupirvi ad ogni occasione.
Bar, Lounge, teatro, cabaret, musica dal vivo,
discoteche, qualsiasi sia lo scenario eletto ogni
sera vi verrà offerta la possibilità di divertirvi.
Vi segnaliamo una rivista diffusissima tra i resi-
denti ed immancabile tra le risorse di un turista
con la t maiuscola, Timeout NewYork, autorevole rivista settimanale che vi fornirà tutti i
consigli ed i suggerimenti su come trascorrere
le serate e le notti in città. www.timeoutny.com.
La serata potrebbe iniziare con un aperitivo ed
in questo caso i bar e le birrerie sono senz’altro
i luoghi più economici dove bere e mangiare
qualcosa o dove fare un aperitivo. Questo in
linea generale poiché i bar di New York spaziano dalla classica “bettola” vista in un film sui
sobborghi, a veri e propri locali dal design moderno e raffinato. L’atmosfera durante l’aperitivo
vi coinvolgerà con la sua vivacità e soprattutto
con l’immancabile sottofondo musicale. Vi accorgerete presto che nelle serate e notti newyorkesi immancabile è la musica, spesso con
DJ’s che animano la gente con performance
dal vivo. Durante gli Happy Hours i lavoratori
riempiono i locali per concludere spensieratamente la giornata tanto che l’aperitivo in città
è diventato una vera e propria istituzione che
coinvolge non solo i lavoratori ma persone di
tutte le età. E questo fenomeno ha portato al
proliferare di locali hi-design che propongono
cocktail irresistibili, a volte eccentrici, preparati
da barman pronti ad esaudire ogni richiesta.
Oltre che per un aperitivo, i bar ed i lounge
bar possono essere l’ottimo luogo per passare
una serata piacevole senza avventurarsi nel
mondo, senz’altro più caotico, dei club. In ogni
distretto cittadino troverete innumerevoli bar e
lounge che rispecchiano altrettanti gusti, dallo
stile tradizionale a quello di ultima tendenza, da
quelli minimal a quelli più kitsch.
Uno degli aspetti che caratterizza New York
è lo stretto legame del popolo della notte con
la musica ed in generale con l’intrattenimento
dal vivo. Potrete accorgervi, ad esempio, che
molti lounge bar, interessantissimi anche da un
punto di vista dell’arredo, offrano performance
dal vivo di altissimo livello e quasi sempre gratuitamente; questa circostanza ha fatto si che si
sia diffusa la tendenza a passare da un locale
all’altro per assistere a diversi spettacoli nella
stessa serata, al solo costo della consumazione. Consumazione che è per eccellenza il
81
cocktail! Celebri il Manhattan, il Cosmopolitan
ed il Long Island così come il Bellini inventato
proprio in città dall’italiano Cipriani. E la multiculturalità della città si riversa anche in questo
ambito con le immancabili Margarita, le Caipirinha, i Daiquiri ed i Pisco Sour.
Addentrandoci nella notte cittadina, inizieremo
il nostro viaggio tra le mille luci della città dai
teatri e dagli spettacoli di cabaret, gli show dal
vivo e le rassegne cinematografiche sempre
affollatissimi in ogni giorno della settimana.
Per quanto concerne il cinema, troverete le
moderne sale che proiettano il blockbuster del
momento così come potrete rifugiarvi in un vecchio cinema d’essai, magari nel Village, per la
proiezione di una pellicola francese in lingua
originale. Se preferite la frizzante atmosfera
del cabaret o degli spettacoli live, sempre nel
Village potrete scegliere tra numerose offerte
di spettacoli divertenti o alternativi, lasciandovi
coinvolgere dall’entusiasmo del pubblico. Se
cercate spettacoli scenografici, ma non avete
un’ottima padronanza della lingua, l’ideale è
assistere ad un musical di Broadway o una
commedia teatrale, con i suoi effetti speciali
e le sue coloratissime luci famose in tutto il
mondo. Per gli appassionati di opera e balletto, invece, sottolineiamo come New York è
diventata con il tempo il più importante centro
di opera del mondo, grazie agli spettacoli che
si tengono al Lincoln Center, l’Amato Opera
Theatre e parecchie altre location sparse nella
città. Senza scordare che, oltre agli spettacoli che si tengono nelle sedi canoniche, ogni
giorno in città potrete trovare rassegne di ogni
genere, festival artistici, teatri d’avanguardia.
In precedenza abbiamo citato Broadway,
ma senza soffermarci a descriverla: si tratta
della più lunga strada di Manhattan, che si
estende da Nord a Sud, attraversando moltissimi quartieri tagliando in diagonale il reticolato geometrico composto dalle streets e dalle
avenues dell’isola. Times Square è la piazza
all’incrocio di Broadway con la Seventh Avenue, incrocio tra i più famosi e più illuminati
del mondo. La zona intorno Times Square e
alla 42nd Street è chiamata Theater District
dove già agli inizi del ‘900 vennero eretti i primi
grossi teatri di New York. A partire da quel mo82
mento Times Square venne arricchita sempre
più da costruzioni spettacolari sino a divenire
il centro della vita notturna newyorkese fino
alla fine degli Anni ’60. Nel successivo trentennio la piazza cambiò progressivamente veste
e molti teatri furono sostituiti da cinema porno
e sexy shop rendendo la zona malfamata e
pericolosa. Da metà anni novanta, soprattutto
grazie al polso fermo, a volte con metodi drastici, dell’ex sindaco Giuliani, Times Square ed
il Theater District hanno ricominciato ad essere
il centro nevralgico del turismo grazie al ritorno
dei teatri, sia storici che nuovi, alla riduzione
della criminalità ed ai finanziamenti per mettere a nuovo molte costruzioni della zona. Se il
teatro e gli spettacoli sono la vostra passione,
ed avete a disposizione un po’ più di tempo,
vi consigliamo comunque di informarvi anche
sugli spettacoli degli altri quartieri per non lasciarvi sfuggire vere e proprie “chicche”.
Se durante la vostra permanenza in città è
vostra intenzione orientarvi verso la musica, ed
aggiungerei l’ottima musica vista la scena newyorkese, potrete soddisfare ogni vostro gusto
musicale: dalle delicate note di musica classica
ai ritmi incalzanti della musica RAP; dal Jazz
sofisticato alle sonorità energiche del Rock;
nuove tendenze, sperimentazioni, la musica
invade la città in ogni suo angolo diventandone
parte integrante e imprescindibile. Il Jazz, ad
esempio, trova in città la sua Capitale che lo
ha consacrato tra gli Anni ‘20 e gli Anni ‘40,
periodo durante il quale il centro della cultura
Jazz era Harlem. Con Ella Fitzgerald, Duke Ellington, Cab Colloway, tra i più significativi, il
quartiere venne rinominato la Parigi Nera che
vide protagonista, tra gli altri, Louis Armstrong.
I grandi templi Jazz del passato ora hanno lasciato il posto a nuovi club, ed il jazz ha un carattere più funky ed attuale ma New York, ed in
particolare Downtown, rimangono comunque al
centro del panorama Jazz mondiale. Per tenervi informati vi consigliamo, oltre alle già citate
riviste, l’opuscolo Hot House, gratuito. Oltre ai
locali troverete indicati numerosi festivals come
ad esempio il JVC Jazz Festival, Giugno e Luglio, con concerti all’aperto nei numerosi parchi
della città. Central Park Summerstage, da metà
Giugno ai primi d’Agosto a Central Park.
Anche il Rock, come il Jazz, non trova le sue
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
la sera
La New York dopo il tramonto è un vero e proprio susseguirsi di esperienze, emozioni, avventure di tale varietà da non reggere il confronto con nessun’altra metropoli al mondo. E’
un mondo multicolore, multiforme, ventaglio
inimmaginabile di possibilità. E non si limita ad
un orario preciso, New York vive ininterrottamente tutta la notte. Potrete cercare esperienze più tradizionali, più convenzionali ma anche
avventuravi tra nuove musiche, nuove espressioni artistiche, nuove esperienze culinarie,
nuove mode e tendenze: sarete coinvolti in un
vortice che vi porterà a non voler più andare a
letto per non perdere nemmeno un istante delle
infinite possibilità che questa città vi offre! Ed
allora cercheremo di darvi un assaggio, lungi
dall’essere completo ed esaustivo, di quello
che potrete vivere, assaporare, respirare durante la notte newyorkese.
COSA FARE
COSA FARE
COSA FARE
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Anche in riferimento alla musica classica, come
noterete dalla programmazione dei concerti, il
livello artistico è eccellente. Il Lincoln Center,
il centro per le arti forse più grande al mondo,
è noto a livello internazionale per essere sede
privilegiata di concerti e spettacoli imperdibili.
Situato nei pressi di Columbus Circe, in Upper
West Side, il Centro è noto anche come sede
ospitante della famosissima New York Philharmonic Orchestra che può vantare tra i suoi
direttori maestri del calibro di Gustav Mahler,
Arturo Toscanini, Igor Stravinskij, Leonard
Bernstein e Lorin Maazel. Altro punto di riferimento per gli amanti di questo genere musicale è la Carnegie Hall. Tuttavia, anche chi
non può permettersi i biglietti di questi “templi”,
potrà deliziare orecchie e spirito in uno dei tanti
concerti in una delle moltissime sale alternative
della città come ad esempio musei, chiese o
scuole che organizzano concerti durante tutte
le serate della settimana. Numerosi anche i
festivals estivi disseminati per la città tra i quali
segnaliamo Concerts in Bryant Park, ogni
anno nei mesi di Luglio e Agosto.
proposte nei locali della notte, spesso con contaminazioni che rendono le sonorità davvero
uniche. La scena del clubbing newyorkese è
mutevole, camaleontica, ma la certezza è che
indipendentemente dal nome o dal luogo del
locale in cui troverete la musica che amate,
la nottata che passerete sarà frizzante, energica, entusiasmante. Potrete perdervi ballando
in uno dei mega-locali che spesso presentano
diverse tipologie di musica, oppure muovervi a
ritmo di sonorità più ricercate in un club più piccolo ed esclusivo. Tenete presente che la maggior parte dei locali non offre solo un genere
di musica, più spesso la serata è legata al Dj
di quella sera e dunque la selezione musicale,
l’ambiente ed il pubblico spesso cambiano radicalmente da una sera all’altra. Un fenomeno
peculiare dell’isola di Manhattan è rappresentato da feste mondane che vengono confermate all’ultimo per aumentare l’attesa ed evitare, inoltre, la presa d’assalto del locale. Non
si tratta di feste private ma serate che vengono
spostate di location o di orario fino all’ultimo.
Per organizzare una serata di sicuro successo
vi consigliamo di chiamare alcuni locali che vi
ispirano, chiedere che tipo di serata hanno in
programma e farvi inserire, se possibile, nella
lista d’ingresso. Ciò vi permetterà di non rischiare di restare fuori dai locali e, soprattutto, di
avere più opzioni per la stessa serata, basterà
infatti lasciare un locale che non vi soddisfa
e sfrecciare con un taxi al successivo club in
cui avevate lasciato il vostro nome. Tenete
presente, però, che i prezzi di ingresso per le
serate possono risultare anche parecchio alti, e
non sempre con consumazione inclusa.
Infine, concludiamo il nostro sintetico ma attento viaggio nella notte di NYC occupandoci
del popolo della notte per antonomasia: gli
amanti del nightclubbing. Sebbene gli ’80 e ’90
siano stati l’età d’oro di questo tipo di intrattenimento in città, la quale non aveva rivali in tutto
il mondo in merito a svago notturno e clubs,
anche oggi New York riveste un ruolo di primo
piano nello scenario mondiale. La globalità e
multiculturalità della città arricchisce anche le
selezioni musicali dei club: rap, garage, hiphop, reggae, techno, soul, house, drum’n’bass,
disco, musica latina ed ogni genere di sonorità
in grado di farvi muovere e scatenare vengono
con i bambini
Una città tanto ricca di attrazioni, tanto eclettica e globale non poteva che trovare anche
una sua dimensione speciale anche per i più
piccoli. E anche in questo caso NYC non vi
deluderà visto che può a pieno titolo essere
considerata un enorme e meraviglioso parco di
divertimento per grandi e piccini.
Non abbiate paura dei cliché attribuiti alla città,
che la vogliono troppo confusionaria, troppo
grande e poco sicura per un bambino. Se New
York vi creerà un problema, semmai, sarà
quello di portare di nuovo alla realtà i vostri figli.
Ovviamente tenete conto che alcuni periodi
fine anni ’70 con l’uscita dell’album Rapper’s
Delight degli Sugarhill Gang, e da li avrebbe
rivoluzionato irreversibilmente il panorama
musicale mondiale. Il grido di rabbia che era
partito dal Bronx in breve tempo si diffuse in
tutti gli Stati Uniti sino a conquistare la scena
globale. New York potrà offrire agli amanti del
RAP una scena di primordine e per aggiornarvi
sugli eventi in città durante il vostro soggiorno
vi consigliamo il sito internet www.daveyd.
com, ed il magazine The Source.
83
84
dell’anno sono molto freddi e che alcune zone
davvero molto affollate e dunque poco adatte
alla sicurezza dei più piccoli ed alla scomodità magari di un passeggino. Ma aldilà di ciò, è
davvero una città che può offrire molto anche
alle famiglie. Splendide passeggiate nei parchi,
zoo, grattacieli, incredibili store di giocattoli,
musei interattivi, viaggi in battello e tanto altro
per rendere indimenticabile la visita anche ai
più piccoli.
Ed allora non mancate di visitare lo Staten
Island Zoo (www.statenislandzoo.org - tutti
i giorni dalle 10:00 alle 16:45, adulti 8$, bambini dai 3 ai 14 anni 5$), il Lincoln Center
Out-of-Doors (www.lincolncenter.org - una
manifestazione che ogni anno, tra luglio ed
agosto, porta in città la musica con possibilità, anche per i bambini, di partecipare ad un
workshop sugli strumenti musicali e sui suoni
o semplicemente ballare magari sulla ritmata
musica tradizionale indiana). Se volete stupirli
con uno spettacolo di magia, portateli al Tannen’s Magic Studio (www.tannens.com - 24
West 25th Street). Portate i vostri bambini
nel mondo incantato dell’Enchanted Forest
(85 Mercer Street), una ricostruzione di una
foresta incantata dove i più piccoli potranno interagire con giochi di ogni tipo. Anche Halloween colpisce sempre i bambini, ed allora non
mancate di visitare uno dei negozi più famosi e
forniti di NYC, ricco di gadget, maschere ed accessori (19 West 21st Street in Manhattan). Ma
il vero paradiso dei giocattoli, oltre ogni vostra
immaginazione lo troverete tra Fifth Avenue e
58th Street dove spesso nel pomeriggio vengono organizzati giochi e racconti di fiabe per
intrattenere i visitatori. La gran parte dei negozi
più belli si trova nella zona di Midtown (dalla
34th St. alla 59th St.), alcuni anche nell’Upper
West & Upper East Side. Oltre che giocattoli, in
queste zone della città troverete tantissimi punti di interesse per i vostri bimbi. Il Walt Disney
Store (210 West 42nd Street) vi sorprenderà
con migliaia di pupazzi, video, cartoni animati,
giocattoli: un mondo di fantasia. Lo stesso dicasi per il Warner Bros Store (Fifth Avenue e
57th Street). Un altro enorme negozio di giocattoli che vi consigliamo caldamente di visitare si
trova ad Herald Square, vicino al grosso centro
commerciale Macy’s.
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
COSA FARE
origini in città ma ha trovato qui la sua Mecca.
Proprio a New York si svolgono alcuni tra i più
importanti concerti a livello mondiale. Fin dagli
anni ’70 le band rock e punk venivano in città
per proporre le loro sonorità e i loro testi, spesso con riferimenti al sesso, alla droga e alla
violenza. Velvet Underground, Ramones, Talking Heads, Patti Smith e Blondie si esibivano i
quelli che oramai sono considerati i locali storici
del rock, testimoni di eventi memorabili come
i concerti di Andy Warhol. Ancor oggi il club
CBGB è il locale simbolo della live music cittadina. Il panorama rock, nelle sue varie declinazioni ha sempre prediletto New York come
palcoscenico e così negli anni ’80 si esibivano
i gruppi che da Washington D.C sostenevano
la straight-edge, con no drogs, no alcol e no
smoking in contrapposizione all’idea oramai
diffusa della rock star trasgressiva e sregolata.
A cavallo tra gli ’80 ed i ’90 la scena post punk
era capeggiata da band come i Sonic Youth
e i Pavement. Nel recente passato, e tuttora,
tutte le band storiche in attività, i nuovi gruppi,
le rock stars che stanno influenzando la scena
mondiale, non mancano di tenere i loro concerti
a New York: Bob Dylan, Iggy Pop, Black Crowes, Red Hot Chili Peppers, R.E.M., Beck e tanti
altri nei loro tour fanno tappa in città, ed l’offerta
musicale spazia tra rock, grunge, heavy-metal,
punk-rock e nuove tendenze. Non solo Manhattan, anche e soprattutto Brooklyn.
Dalla fine degli anni ‘90 quest’ultimo distretto,
con quartieri come Williamsburg, Park Slope
e Flatbush, si contende la scena musicale con
Manhattan. Rimanendo invece sull’isola, i concerti rock si concentrano soprattutto a Downtown: East Village, West Village e Lower East
Side sono i quartieri dove potrete ascoltare
ogni sera numerosissime band, più o meno
note, caratterizzate da ogni genere di sonorità.
Se, al contrario, il vostro orecchio predilige canzoni più orecchiabili, magari l’ultimo successo
passato alla radio, gioite perché anche in tal
caso siete nel posto giusto. Le più importanti
icone del pop si esibiscono a New York immancabilmente.
Gli amanti del RAP sanno che il genere musicale che tanto amano è nato proprio a New
York, nel Bronx a metà degli anni ’70. Accompagnato dalle improvvisazioni freestyle e dalla
break dance, il RAP si affermò ufficialmente a
COSA FARE
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
85
SHOPPING
New York non delude nemmeno in fatto di
shopping. Anzi, a pieno titolo può essere considerata una mecca per gli amanti degli acquisti. Qui, infatti, potrete trovare ogni genere di
articolo, proveniente da ogni parte del mondo,
grazie agli infiniti negozi, store e mega store
che offrono una vastità di oggetti e prodotti
inimmaginabile. Vi assicuro che questa città
saprà conquistare anche il turista più restio e
meno interessato agli acquisti. Non potrete fare
a meno di cogliere questa o quell’occasione
nella vastità dell’offerta che vi si presenterà.
Non si tratta solamente di fare acquisti. Qui a
New York potrete seguire e soddisfare ogni
vostra passione in un susseguirsi di negozi e
vetrine che vi incanterà. Questo aspetto di NYC
ha fatto si che moltissime persone arrivino da
ogni parte degli Stati Uniti, ma anche da ogni
parte del mondo solo per fare shopping, per
soddisfare egregiamente ogni necessità o ogni
capriccio. Noterete gruppi di giapponesi entrare ed uscire dalle boutique pieni zeppi di shopping bags! Una così grande e vasta offerta richiede però un po’ di attenzione e calma al fine di
cogliere al meglio le opportunità offerte. Così il
nostro consiglio è di curiosare, comparare ed
infine acquistare al prezzo migliore l’oggetto
del vostro desiderio. Tenete d’ occhio i saldi, le
vendite promozionali e gli stock, vendite di capi
provenienti dalle sfilate d’alta moda a prezzi da
ingrosso. Cercate nei magazzini di Garment
District, in qualche piccolo negozio dell’East
Village o negli Outlet che trovate fuori città.
Come in tutte le grandi città i differenti negozi
sono concentrati in diverse aree. Per ragioni
di praticità ci soffermeremo a darvi qualche indicazione sulle zone di Manhattan, da Sud a
Nord, ed alcuni suggerimenti che riguardano
il distretto di Brooklyn. Sono infatti questi due
distretti a presentare l’offerta più vasta, anche
se in tutta la città si possono trovare ottime occasioni.
In Downtown, la parte meridionale dell’isola
di Manhattan, potrete curiosare nella zona più
giovane della città, costellata di locali notturni
e migliaia di negozi di ogni genere. L’enorme
Village ed i quartieri etnici, SoHo e le zone più
trendy...
86
Nell’area di Lower Manhattan e del financial
district non troverete una zona con numerosissimi negozi, ma è sede di un enorme centro
commerciale, vero paradiso per ogni genere di
acquisti. All’interno del South Street Seaport
sul Pier 17 e su Fulton Street trovate alcuni
grandi magazzini e negozi di catene famose.
Se visiterete il Lower East Side considerate
che Orchard Street è l’arteria principale del
commercio gestito dagli ebrei e non mancano
negozi di vestiti economici, soprattutto la domenica, quando l’intera zona diventa pedonale
ed il quartiere sembra essere un enorme bazar
all’aperto; interessante l’offerta di confezioni
in pelle, tra cui borse, giacche e portafogli. Le
personalità creative e bizzarre che vivono in
questa zona hanno aperto interessanti negozi
alternativi ed originali a sud di Houston Street
tra Allen e Clinton Streets.
Anche Chinatown può considerarsi interessante dal punto di vista degli acquisti, soprattutto relativamente ai prodotti freschi alimentari, particolarmente economici lungo Mott Street,
mentre il cibo già pronto lo si trova soprattutto
nella parte sud di Canal Street. Sparse per la
zona, ed in particolare lungo Canal Street,
moltissime bancarelle con prodotti di imitazione
delle marche più famose. Troverete comunque
anche interessanti pezzi originali scontati
come vestiti, oggetti per la casa ed accessori
d’abbigliamento (scarpe, cinture, borse). Mott
Street, tra Pell Street e Chatman Square, ospita pochi ma buoni negozi di antiquariato cinese
assolutamente da non perdere.
L’area South Houston Street (SoHo), come
anticipato, è senza dubbio una delle più vivaci e trendy di NYC, cuore della moda e delle
nuove tendenze. Splendide boutique vi faranno
sognare in quello che per molti è un vero e proprio paradiso dello shopping. I prodotti di alta
qualità si trovano compresi nell’area che va da
Broadway a West Broadway e da Houston a
Canal Streets. A Broadway troverete i negozi più commerciali, tra cui un enorme store multipiano che offre
qualsiasi cosa possiate immaginarvi, dall’intimo
ai jeans, dalle scarpe all’abbigliamento usato. Ma L’attenzione delle fashion victim sarà
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
New York gay
A New York, dove si calcola che oltre il 20%
della popolazione sia gay, si può dire che
l’integrazione sia ormai totale, più di ogni altra
città al mondo. Qui come a San Francisco la
comunità è oramai libera di esprimersi, ad ogni
livello sociale ed in ogni campo. inizialmente
concentrata a Harlem, la comunità si è allargata a tutta l’isola di Manhattan, in particolar
modo nel Greenwich Village e nel quartiere di
Chelsea.
Non solo comunque le discoteche di Chelsea
ed i bar affollati del Village: in quasi tutta l’isola
di Manhattan si respira un’aria di libertà e di
tolleranza ed i locali che propongono serate
omosex sono numerosissimi. Un altro luogo
amato dalla comunità lesbo in particolare è
Park Slope a Brooklyn, quartiere pieno di bar
tranquilli nei quali rilassarsi e conoscere qualcuno. Nell’area di Chelsea troverete senza
dubbio la maggior parte di locali/bar/ristoranti/
negozi/alberghi per omosessuali e lesbiche
ma frequentati anche da moltissima clientela
eterosessuale. Spostandovi da Chelsea ma
rimanendo sempre a Manhattan consigliamo
la zona del Greenwich Village in particolare
la parte sinistra, a ridosso del fiume Hudson. Il
West Village, ha un’area artistica ed una sensazione bohemien impagabile dovuta ad una
comunità punk-rock-glitter-fashion giovane,
multi-etnica e più disinibita sessualmente che
in qualsiasi altra parte della città. Informatevi
anche sulla zona di East Village e di Alphabet
City, la parte sinistra del Greenwich Village, se
siete alla ricerca di una serata particolarmente
trasgressiva.
Verso la fine di giugno New York ospita la più
importante manifestazione omosessuale cittadina, la New York city Gay Pride, un’enorme
festa che coinvolge tutta la città, anche la
parte etero, in un vortice viola e rosa che non
risparmia nemmeno l’Empire State Building.
La partecipazione del pubblico è incredibile,
migliaia di spettatori fanno a gomitate per accaparrarsi un posto in prima fila e godersi lo
spettacolo di una della sfilate più eccentriche,
colorate, vivaci che possiate immaginare.
Anche la notte si anima con numerose serate
dove i più famosi DJ internazionali fanno ballare un’intera città. Ma le feste e manifestazioni
organizzate dalla comunità omosessuale sono
davvero tantissime, da Wigstock (www.wigstock.nu), che si svolge la prima domenica di
settembre, al Lesbian & gay festival o al New
York Mr. Leather Contest.
SHOPPING
Sempre a Manhattan e sempre a Midtown, troverete l’NBA Store sulla Fifth Avenue, un negozio enorme, dedicato al merchandising del
basket NBA dove potrete sfidare i vostri bambini a suon di tiri liberi.
Noterete, poi, che anche il momento del pranzo
o della cena possono diventare un momento
divertente, basterà scegliere uno dei numerosissimi ristoranti o fast-food a tema, come ad
esempio Mars 2112, Pig Heaven, Hard Rock
Cafè, Planet Hollywood, Harley Davidson Cafè
e il Jekyll & Hyde Restaurant.
Tra i posti imperdibili di New York, per tutta la
famiglia, non dimenticate Central Park, dove
potrete rilassare corpo e mente allontanandovi
per qualche ora dalle attrazioni più affollate. Tra
alberi secolari e scoiattoli, la scultura di Alice in
Wonderland ed il Belvedere Castle il pomeriggio volerà in un lampo. Qui troverete oltre venti
aree gioco per i bambini, il Children’s Zoo, il
Carousel e la sua grande giostra (all’altezza
della 64th Street), un laghetto con modelli di
imbarcazioni chiamato Conservatory Water,
tutte concentrate nella parte sud del parco.
All’altezza dell’81st Street troverete, inoltre,
lo Swedish Cottage Marionette Theater, dove
verrete allietati con simpatici spettacoli di marionette.
Una particolare attenzione ai più piccoli è riservata loro anche da numerose strutture culturali e musei, e molti teatri, soprattutto a Broadway, organizzano rappresentazioni adatte ai
più piccoli. Tra i musei ricordiamo che il Lower
East Side Museum, il Metropolitan Museum of
Art, il Moma ed altri hanno delle sezioni dedicate ai più piccoli ed al loro apprendimento. Al
Children’s Musuem of Manhattan (212 West
83rd Street), ad esempio, potrete guardare
i vostri bambini familiarizzare con vere opere
d’arte, crearne delle loro stimolati dal personale
addetto o lasciarli provare l’esperienza di tour
simulati all’interno del corpo umano e dietro le
quinte di uno show televisivo. Al Museum of
Natural History (Central Park West e 79th St.),
inoltre, i bambini potranno scoprire i dinosauri,
le farfalle, le stelle e i pianeti divertendosi.
COSA FARE
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
scelta. Non troverete le grandi marche, fatta
eccezione forse per la zona attorno alla NY
University, ma potrete fare acquisti di abbigliamento e accessori per la casa molto carini a
prezzi abbastanza contenuti. Lungo Bleecker
e Christopher Streets invece troverete numerosi negozi di abbigliamento in pelle ed un
buon numero di boutique gestite da giovani artisti con poche pretese, le vie sono allegre e
l’atmosfera è molto piacevole.
Il West Village è bellissimo da percorrere a
piedi, fra le vie strette e costeggiate da case
basse si scovano sempre piccoli negozi poco
conosciuti, librerie con volumi introvabili e piccoli shops che vendono praticamente ogni genere di oggetto. Il West Village è anche il quartiere gay per eccellenza, insieme a Chelsea.
Su Christopher St., in particolare, troverete
negozi con ogni tipo di oggettistica, sexy shop
e moltissimo altro. La parte centrale del Village
è conosciuta dagli amanti dello shopping per i
negozi di scacchi e scacchiere e per quelli di
vintage clothing, oltre che cd e vinili a prezzi
scontati e grandi negozi per gli appassionati di
fumetti. Particolari le bancarelle che vendono
copioni o sceneggiature di film più o meno
famosi, borse, occhiali da sole di ogni tipo e
colore, cappellini e quadretti dipinti a mano
a prezzi davvero contenuti. Infine, la parte di
Broadway che attraversa il Village è uno dei
punti di riferimento per lo shopping giovane
di Downtown. Verso nord, tra Union Square,
Chelsea ed i grattacieli di Midtown, potrete deliziarvi nello shopping più esclusivo. Le vetrine
della Fifth Avenue e di Madison Avenue, le
boutique dei nuovi stilisti a Chelsea, i department stores di Herald Square ed i grossi
centri commerciali della città sono concentrati
87
qui. Tra Broadway e la Sixth Avenue c’è una
zona chiamata the Ladies’s Mile proprio perché una volta erano uno dei centri fulcro per
l’abbigliamento, e dopo un periodo di abbandono l’area è stata rimessa a nuovo riprendendo il ruolo di protagonista della moda in città.
Anche la maggior parte dei grandi magazzini
sono concentrati in quest’area, in particolare
nel flatiron district. La piazza tra la 34th Street,
Sixth Avenue e Broadway, Herald Square, è
la sede del magazzino più grande del mondo,
Macy’s e di un enorme negozio di giocattoli.
Tra Sixth Avenue e 33rd Street si trova il Manhattan Mall, accanto all’Empire State Building,
meta preferita da chi è alla ricerca di sconti ed
occasioni. Durante le festività ed i periodi dei
saldi sarà davvero un’impresa fare acquisti
qui. Oltre ai grandi stores troverete anche gli
ingrossi di note marche a prezzi davvero bassi.
Molti venditori ambulanti e bancarelle abusive
rendono caotica Broadway e le vie adiacenti
ad Herald Square, ma non abbiate paura della
sicurezza, si tratta solo di una zona molto affollata e dunque basterà avere un minimo di
attenzione per non incorrere in spiacevoli episodi. Uno dei quartieri che al momento è sotto
i riflettori è quello di Chelsea, dove potrete
trovare sicuramente qualche idea non convenzionale. Non tanto sulla Sixth Avenue quanto
spostandovi verso la Seventh e la Eight Avenues, nel cuore di Chelsea, troverete negozi
molto carini ed originali e quelli dedicati alla
clientela gay. Tra la 26th e la 30th Streets, in
quello che è conosciuto come Flower District,
sono presenti moltissimi negozi di piante e fiori
di ogni genere e provenienza. A est di Broadway e West 28th Street potrete acquistare vestiti e scarpe a prezzi scontati. La zona di Times
sq e il theatre district si stanno specializzando
in offerte per le famiglie e la clientela composta
da turisti. Verso la West 47th Street tra Fifth
e Sixth Avenue, si trova il famoso Diamond
District composto da una intera strada dedicata allo scambio e la vendita di diamanti, oro
e gioielli. Troverete anche moltissimi negozi di
elettronica, davvero fornitissimi. L’unica cosa
da tener in conto è che il sistema video utilizzato negli USA è l’NTSC, totalmente incompatibile con l’europeo PAL System.
La Fifth Avenue è sempre stata il simbolo
88
dello shopping newyorkese ma il caro vita
e l’aumento degli affitti ha fatto si che molti
marchi spostassero i loro negozi in altre zone
della città. Nella zona compresa fra la 42nd e la
59th Sts., troverete solo un’offerta abbastanza
turistica poiché molte delle boutique e degli atelier d’alta moda si sono spostati sulla parallela
Madison Avenue, più elitaria ed elegante. Sulla
Quinta Strada sono nati enormi centri e negozi
commerciali che attirano le grandi masse e la
stessa gioielleria Tiffany è circondata da vetrine di negozi sicuramente meno storici ed esclusivi. Nonostante il generale allontanamento
delle marche la Fifth Avenue rimane comunque
un punto di riferimento per Versace, Chanel,
Dior, Cartier, Bergdorf Goodman, Henry Bendel e Bulgari che mantengono i loro negozi in
questa via. Lungo il Museum Mile, troverete invece gli interessanti negozi legati ai musei che
offrono un’ampia scelta di riproduzioni di opere,
stampe e oggetti regalo, oggetti insoliti per un
regalo diverso.
Nella parte nord di Manhattan, dall’inizio di
Central Park la prima zona che incontriamo è
quella dell’Upper west side. Come ogni zona
che si considera intellettuale, colta e politicamente impegnata caratterizzata da moltissime
librerie, ristoranti e bar, negozi di oggetti antichi, di abbigliamento e di design. Sono molti
i negozi dedicati all’arredamento della casa e
agli accessori di uso comune. Inoltre questo
è il quartiere del Museum of Natural History e
che quindi potete trovare negozi nei quali acquistare copie di fossili, uova e ossa. L’Upper
east side è senza dubbio la zona dello shopping più costoso di Manhattan. Madison Avenue infatti, tra la 57th e la 79th Streets, ha
strappato progressivamente il titolo di Fashion
Avenue a Fifth Avenue. Ammirerete qui le boutique di abbigliamento più lussuose al mondo,
e se siete fortunati potrete spendere in questo
paradiso cifre davvero astronomiche per la
maggior parte delle persone. Non solo per la
moda, il discorso vale anche per l’antiquariato
e le opere d’arte. Vengono venduti manufatti
originali che spaziano dal Neolitico agli Anni
’50. Le possibilità di acquistare rarità, un gioiello egiziano, etrusco o romano, una scultura o
un osso di dinosauro sono reali, ed ogni pezzo
è accompagnato da certificato di autenticità.
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
East 9th Street tra Second Avenue e Avenue
A è costellata da un’innumerevole quantità di
boutique, molte sono di proprietà degli stilisti
emergenti che vendono abbigliamento femminile di buon livello a prezzi modesti. Se invece cercate qualcosa di davvero introvabile,
bizzarro, al limite della legalità recatevi a St.
Marks Place (8th Street verso est, tra la Third
Avenue e Avenue A). Un susseguirsi di bancarelle si snoda nella zona compresa tra la
Second e Third Avenues, che è anche il posto migliore per le bancarelle di lp e cd usati.
Questa via è la porta d’accesso all’East Village
e ad Alphabet City, una passeggiata qui vi farà
capire il lato underground della città, per una
panoramica completa sulle varie tipologie dello
shopping in città. Anche le persone che vedrete
sono tra le più varie tra punk, studenti, freakettoni, e rockettari vestiti nei modi più disparati
vi daranno la possibilità di acquistare davvero
ogni sorta di oggetto. Se state cercando un
regalo unico da portare con voi allora il posto
ideale è il Greenwich Village. Novità e rarità
editoriali, negozi di piccole opere d’arte artigianali e antiquari, gourmet food market e negozi alimentari vi lasceranno l’imbarazzo della
Quinta Strada © WanderingtheWorld
SHOPPING
senz’altro catturata dalle famose boutique di
marchi internazionali. Percorrendo Broadway,
da Canal Street fino ad Astor Place i negozi di
scarpe, jeans e accessori affollano i palazzi,
sebbene la zona sia diventata un po’ troppo
commerciale si possono trovare pezzi unici.
Nella zona subito a nord di Little Italy troverete un quartiere ideale per lo shopping, con
boutique, piccole e piene di stile, creazioni di
designer emergenti, splendide ed originali realizzazioni. Mott Street è un tripudio di accessori, e tantissimi negozi vi faranno brillare gli
occhi anche su Elizabeth Street. Per quanto
concerne l’East village e St. Marks place,
queste zone sono abitate principalmente da
giovani alla moda ed attenti alle nuove tendenze che amano scovare il pezzo unico in negozi
dell’usato e non spendere cifre astronomiche
in capi d’alta moda. Da qui la particolarità dei
negozi dove potrete trovare quanto di bizzarro
e di più strano si possa pensare. Magliette con
scritte di ogni genere, parrucche, tatoo, abbigliamento trash e fetish. Da vedere anche senza
solo per la curiosità delle creazioni.
SHOPPING
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Altro fenomeno tipico di NYC è quello degli
outlet e spacci. Poiché solitamente non sono
concentrati in una zona particolare richiedono
un po’ più di tempo per lo shopping ma la soddisfazione ed il risparmio sono garantiti. Gli Outlet sono solitamente fuori città, nel New Jersey
o a Long Island ed occasionalmente vengono
aperti al pubblico, offrendo gli abiti smessi delle
sfilate, le seconde scelte dei grandi stilisti o
le collezioni precedenti. Gli spacci offrono le
stesse possibilità ma sono ospitati da grandi
magazzini, i prezzi possono essere meno buoni e la scelta meno di qualità. Tuttavia il risparmio difficilmente scende sotto il 50%. Informatevi prima sugli indirizzi e i periodi di apertura,
solitamente in autunno o la primavera.
Flea Market Annex © IseFire
Mercati e mercatini
I mercatini, sarebbe meglio chiamarli con il
nome corretto, Flea Markets, si svolgono solitamente nei fine settimana. Le occasioni migliori
si trovano al mattino presto, ma anche una
visita dopo un ricco brunch non mancherà di
soddisfarvi. Se il tempo è bello spuntano anche
le bancarelle abusive e le vendite improvvisate
agli angoli delle strade di Downtown Manhattan
o nel quartiere di Williamsburg di Brooklyn. Il
Flea Market Annex, che si tiene nel parcheggio sulla Sixth Avenue (angolo 26th Street) è il
più famoso della città ed è l’unico ad essere a
pagamento, ma non temete, l’ingresso si aggira attorno al dollaro. Sempre nei dintorni il
Garage Antique Show, un’autorimessa che
nei week-end si svuota e lascia spazio ad ogni
genere di venditore. Il Grand Bazar è il più
grande della città e conta oltre 250 venditori,
così come importante è il Records Flea Market, un vero e proprio appuntamento imperdibile per gli appassionati di vecchi LP, manifesti
di concerti e spartiti originali. Anche su Broadway, all’altezza della New York University (8th
St.), ci sono due grandi spazi dedicati al mercato dell’usato, così come nell’East Village (11th
St & Avenue A), vicino a Tompkins Square,
dove ogni domenica giubbotti, magliette, lampade e poster vengono venduti a prezzi interessanti. Ovviamente potrete trovare oggetti di
ogni prezzo e qualità, tanto che tra le offerte
più pregiate potreste imbattervi in una lampada
Tiffany per cui vengono chiesti anche 1.000 $.
Ma la cosa davvero speciale di questi mercatini
è l’atmosfera: rilassata, tranquilla, cordiale ma
popolata di persone attente e competenti.
89
CUCINA
La cucina newyorkese non ha una identità
specifica, o meglio, la sua specificità è data
dalla vastità, richezza ed ecletticità dell’offerta
culinaria. E’ una città globale, multietnica e
multirazziale, centro di mode e di tendenze di
ogni genere: tutto questo non poteva che influire fortemente anche nel cibo proposto in
città. Soprattutto i ristoranti di medio alto livello, vengono spesso influenzati dalle mode
e dunque la proposta culinaria può variare di
anno in anno, di stagione in stagione, tanto
che, a parte alcuni ristoranti storici, la scena
gastronomica di NYC cambia ad una velocità
impressionante e quel fantastico ristorante che
avevate provato durante la vostra precedente
visita in città potrebbe già non esserci più. Ma
aldilà della prelibatezza dei piatti che andrete
a gustare, del cibo che vorrete provare, vi
consigliamo di prestare altrettanta attenzione
al locale in cui vi troverete, alla gente che lo
frequenta, al personale: anche questi aspetti
sono fondamentali per conoscere meglio la
città, la sua anima, le sue sfaccettature, e
dunque l’esperienza gastronomica si rivelerà, per voi, anche una esperienza culturale,
di arricchimento. L’importante è aver voglia di
lascarsi conquistare, di provare nuovi piatti, di
sperimentare, per il resto ci penserà New York.
Prima di gettarvi sulle tavole dei ristoranti, vorremmo darvi qualche informazione utile per vivere al meglio il momento dei pasti.
Tenete presente che l’acqua in bicchiere è gratuita e non abbiate paura che non sia buona.
Le porzioni sono molto abbondanti quindi prima
di ordinare molte pietanze, iniziate con quella
che più vi attira ed eventualmente, una volta
arrivata la porzione, ordinate anche qualcosa
d’altro. E se avrete esagerato non abbiate
timore a chiedere il Doggy Box, qui è più che
normale portare a casa il cibo non consumato
e gustarlo in un secondo momento, con calma.
Altra dritta da considerare è che quasi sempre
il costo dei piatti durante il pranzo è notevolmente inferiore che quello dei menù serali o del
fine settimana. Ciò significa che se siete attratti
da un ristorante ma temete abbia dei costi elevati, meglio andarci per il pranzo.
90
Se cercate dell’ottima cucina italiana non pensate di fermarvi a Little Italy ma dovrete rivolgere le vostre attenzioni ad altre zone, ed in
particolare Midtown, Chelsea e tutto l’Upper
West e l’Upper East Side. La cucina italiana,
infatti, è una tra le più rinomate in città e i ristoranti migliori sono veri e propri locali esclusivi.
Anche a Little Italy troverete un’offerta discreta,
ma dovrete saper scegliere e tener presente
che se siete buoni conoscitori di questa cucina,
ed in particolare del caffè all’italiana e del buon
vino, informatevi su che tipo di caffè vi serviranno onde evitare un beverone scolorito e diffidate dal vino sfuso spesso di qualità scadente.
A Chelsea potrete scegliere tra numerose trattorie italiane, spesso con personale italiano,
che vi coccoleranno e vi intratterranno con allegria e prelibatezze.
Anche la cucina francese trova un posto di
riguardo in città, amatissima e richiestissima
spesso si fonde sapientemente con la cucina
americana e sud americana in piatti davvero
sofisticati. Fate però attenzione ai prezzi e soprattutto alla carta dei vini per non incorrere in
sorprese “salate”. Un prezzo medio di una cena
in un ristorante francese alla moda non scenderà sotto gli 80$. Per quanto concerne la cucina
cinese, l’offerta si concentra principalmente a
ChinaTown. Non lasciatevi scoraggiare da
queste vie caotiche e sporche, troverete dei
chioschetti o dei ristorantini apparentemente
di quart’ordine che sapranno deliziarvi con i
loro piatti. Gli appassionati di cucina indiana
dovranno recarsi in East Village 6th Avenue
tra 1 e 2 Avenue, nella zona conosciuta come
Indian Row, dove troveranno eccentrici e sgargianti ristoranti pronti a servire abbondanti piatti
a prezzi convenienti, solitamente non superiori
ai 20$.
Se invece vorrete immergervi nell’universo
americano, non vi resterà che deliziarvi con
hamburger cucinati in mille modi e serviti con
altrettante salse, oppure assaporare deliziose
bistecche di carne. Altra prelibatezza di New
York è il pesce, in fondo è una città di mare.
Provate gli Scallop (grandi capesante) e Clam
(le vongole atlantiche grandi quanto le ostriche), le aragoste del Maine, i soft-shell crab
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Se vi trovate ad Harlem, la zona più interessante è senza dubbio quella lungo la 125th
Street tra Park e Eight Avenue. Resistono qui
numerosi negozi per acquisti non banali ed a
prezzi contenuti nonostante la incipiente diffusione delle grandi catene anche in quest’area.
Sempre ad Harlem troverete il miglior posto
in città per l’artigianato africano con un’ampia
scelta di medicine naturali, prodotti per il corpo,
strumenti musicali, maschere e molto altro, e
sempre in questa zona vi è un piccolo negozietto che offre una splendida selezione di titoli
di storia Africana e Afro-Americana. Ma non
solo Manhattan offre buone opportunità di fare
shopping. Nel distretto di Brooklyn troverete
un’ampia e ricca offerta di abbigliamento, oggettistica e vintage. Particolare menzione meritano i numerosi negozi di libri e dischi usati e
non solo. Se siete dalle parti di Williamsburg
fate un giro fra i negozi di modernariato di
Bedford Avenue, dove si scovano pezzi delle
grandi firme del designa prezzi bassi.
cucina
Proprio qui hanno sede le più importanti case
d’asta: Christie’s (502 Park Avenue e 59th
St) dove trovare gioielli e oggetti di alto antiquariato appoggiato da Christie’s East dove i
lotti hanno prezzi più convenienti. Sothesby’s
(1334 York Ave) propone aste settimanali con
differenti temi (monili, monete dipinti antichi),
Phillip’s mette all’ incanto dipinti, monili e monete antiche mentre E&J Farnkiel (1040 Madison Ave) propone tessuti, porcellane e statue
raffiguranti la figura sacra di Buddah.
SHOPPING
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Concludiamo la nostra panoramica dall’inizio,
cioè dalla colazione. I newyorkesi spesso approfittano del tragitto verso il lavoro per bere un
caffe camminando o in metropolitana, accompagnando il tutto con una ciambella o un muffin. Ma non disperate, NYC è piena di venditori
ambulanti o chioschi per una colazione volante
ma anche di localini tranquilli che vi serviranno
un’abbondante colazione e del buon caffè fumante. Se è questo che cercate andate in un
Diner o in un Coffe Shop.
WI-FI E HOT SPOT
New York è sempre stata all’avanguardia in tema di WiFi gratuite. Moltissimi gli esercizi commerciali
che offrono WiFi hotspot, ovvero degli access point dai quali è possibile connettersi liberamente ad
internet. Ma anche all’aria aperta troverete la possibilità di navigare in tutta libertà; la maggior parte
dei Parchi di New York, oltre 30 in totale, offre WiFi gratuito da diversi anni oramai. Insomma per
le vostre vacanze a New York non dimenticatevi il computer o smartphone a casa. Infine, anche gli
Apple Store offrono la possibilità di sfruttare un ottimo segnale gratuitamente ai loro visitatori. Per
i più abili ricordiamo che oltre alla connessione, c’è anche la possibilità di scaricare gratuitamente
numerose app utili per visitare la città, non vi resterà che cercare quella adatta alle vostre esigenze
e godervi New York!
Cocktail Manhattan
Ingredienti: 4-5 cubetti di ghiaccio; 1 parte di
Vermouth Dolce; 3 parti di Rye Whisky o Bourbon Whiskey; 1 goccia di Angostura; una ciliegina per decorare.
Preparazione: Mettete i cubetti di ghiaccio in
un mixing glass. Versatevi Angostura, il Bourbon Whiskey o il Rye Whisky ed il Vermouth
Dolce. Mescolate delicatamente, poi filtrate il
tutto in una coppetta per cocktail precedentemente raffreddata. Al momento di servirlo, potete aggiungere una ciliegina come decorazione.
DIZIONARIO
Sì: Yes
No: No
Salve, Ciao: Hello
Arrivederci, Ciao: Goodbye
Grazie: Thank you
Per favore: Please
Mi scusi, Scusa: Excuse me,
Sorry
Non capisco: I don’t understand
Aperto: Open
Chiuso: Close
Sinistra: Left
Destra: Right
(Sempre) Diritto: Straight on
Lontano: Far
Vicino: Near
Buono: Good
Mappa, Cartina stradale: Map,
road map
Cocktail Cosmopolitan
Ingredienti: 1 parte e 1/2 di Vodka; ½ parte di
Cointreau; ½ parte di Succo di lime; 1 parte di
Succo di mirtillo rosso.
Preparazione: Versare nello shaker abbondante ghiaccio (circa 3/4). Aggiungere nell’ordine,
la Vodka secca, il Cointreau, il succo di lime
e il succo di mirtillo rosso. Shakerare e filtrare
in una doppia coppa Martini, precedentemente
raffreddata. Decorare con una scorzetta di
lime. Inventato a Miami, riscosse subito molto
successo a New York.
91
92
Informazioni turistiche: Tourist
information
Strada, Via: Street
Piazza: Square
Torre: Tower
Ponte: Bridge
Ospedale: Hospital
Polizia, Stazione di polizia: Police, police station
Farmacia: Pharmacy
Ristorante: Restaurant
Museo: Museum
Banca: Bank
Negozio: Store, shop
Bar tipico della zona: Pub
Prima colazione: Breakfast
Pranzo: Lunch
Cena: Dinner
Acqua: Water
Vino: Wine
Birra: Beer
Pane: Bread
Caffé: Coffee
Carne: Meat
Pesce: Fish
Verdura: Vegetable
Il conto, per favore: The bill,
please
Quanto costa?: How much it is?
Accettate carte di credito?: Do
you accept credit cards?
Dove é il bagno?: Where is the
toilette?
Parla...?: Do you speak...?
Avreste...?: Do you have..?
Camere libere: Vacancies
Vorrei un taxi, per favore: I’d like
a taxi, please
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Ma New York non è solo ristoranti, ma un
susseguirsi anche di bar, deli e diner.
I Deli (Delikatessen ), in origine con menù rigorosamente kosher, sono ora localini per gustare
qualcosa di veloce in piedi, al volo, mentre nei
Diner potrete sedervi ai tavoli e mangiare anche
piatti oltre che panini, spesso in un’atmosfera
familiare magari con particolari degli anni ’50.
Come per i ristoranti anche per i bar vale la
stessa varietà: ne troverete di tutte le razze e
di tutte le culture, anche se la nomea di miglior
pub spetta inevitabilmente ai bar anglosassoni,
forse i più caratteristici. Nei bar e nelle birrerie,
oltre che bere, potrete gustare alcuni piatti in
menù, infatti molti bar hanno una saletta nel
retro, dedicata a chi vuole mangiare.
wi-fi / dizionario
(granchietti oceanici) e se non badate a spese
provate le ostriche fresche giganti in un Oyster
Bar.
cucina
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
94
93
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
SCRIVI QUI I TUOI APPUNTI DI VIAGGIO
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
CHIESE
1 Sinagoga Centrale - p.22
2 Chiesa di San Bartolomeo - p. 23
5 Cattedrale di San Patrick - p. 22
6 Chiesa di San Tommaso- p. 22
26 Chiesa Collegiata Riformata in
Marmo - p. 23
32 Chiesa dell’Ascensione - p. 23
PALAZZI
3 Rockefeller Center - p. 26
10 Top of the Rock - p. 27
16 Biblioteca Pubblica - p. 27
17 Stazione Centrale - p. 27
18 Chrysler Building - p. 27
19 Palazzo di Vetro - p. 28
20 Libreria Pierpont Morgan - p. 28
21 Empire State Building - p. 28
25 Chelsea Hotel - p. 28
28 Metropolitan Life Tower - p. 29
29 Flatiron Building - p. 29
MUSEI
8 Moma - p. 33
14 Museo Madame Tussaud - p. 34
15 Centro di Fotografia - p. 34
MONUMENTI
4 Atlas - p. 43
31 Statua di G. Washington - p. 43
STRUTTURE
24 Chelsea Piers - p. 38
34 Pier 45 - p. 39
PIAZZE / VIE
7 Quinta strada - p. 50
11 Times Square - p. 50
13 Broadway - p. 51
22 Herald Square - p. 51
23 Chelsea - p. 46
30 Union Square - p. 51
33 Christopher Street- p. 51
per approfondire scansiona il QRcode
www.weagoosocial.com
www.weagoo.com
copyright © 2012 weagoo
PARCHI
27 Parco di Piazza Madison - p. 54
TEATRI
9 Radio City Music Hall - p. 56
12 Teatro Lyceum - p. 56
95
V. 1.0
Weagoo non fornisce alcuna garanzia sulla qualità e l’accuratezza delle informazioni così come al carattere esclusivo delle stesse. Parte del materiale presente in questa guida è soggetto a licenze “Commons”, immagini, suoni e altro materiale sono di proprietà dei rispettivi proprietari, le mappe
sono di Google Maps - ©2012 Google Inc. e Tele Atlas North America, Inc. Altri marchi, nomi e prodotti menzionati e non, sono dei rispettivi proprietari.
WeAGoo adotta una procedura di segnalazione, gestione delle obiezione o reclami concernente il materiale e il contenuto di questa guida, ovvero
ritieni che il materiale e il contenuto pubblicato lede il tuo diritto d’autore, contattataci senza indugio attraverso l’apposita procedura di segnalazione
presente all’indirizzo : http://www.weagoo.com/it/contact. Le informazioni possono variare anche senza preavviso e sono puramente indicative.
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
NEW YORK
Fly UP