...

Scarica il catalogo - Le Rose di Posillipo

by user

on
Category: Documents
52

views

Report

Comments

Transcript

Scarica il catalogo - Le Rose di Posillipo
Le Rose di Posillipo
rose antiche e rare
Le Rose di Posillipo
rose antiche e rare
Viaggio
tra le rose antiche
Cari amici,
sfogliando questo piccolo catalogo vi accorgerete che le rose elencate sono prevalentemente rose antiche e vi chiederete subito
cosa s’intenda per rose antiche.
Non esiste una linea di demarcazione definitiva tra rose antiche e moderne dal momento
che sono entrambe ibridi, frutto di incroci,
ma esiste un albero genealogico diverso.
Nella prima metà dell’Ottocento vengono
portate in Europa le prime rose Tè o Tea
(originarie della Cina e frutto di ibridazioni tra rose cinesi e R. gigantea), queste rose
incrociate ad altre daranno origine a delle
nuove rose: gli ibridi di Tè dalle quali discenderanno le rose moderne.
Le nuove rose, ottenute ai primi del Novecento, segnano la linea di confine con le rose
precedenti che oggi chiamiano “antiche”.
Ma ciò che veramente determina la differenza tra le rose antiche e le moderne è dato dal
portamento, dalla forma dei fiori e delle foglie, dal profumo e dalla resistenza alle malattie. Per questo motivo le abbiamo scelte e
ci auguriamo di diffonderle tra un pubblico
sempre più vasto che sarà ripagato con generosità della scelta fatta. Sì perché riteniamo molto importante ricordare che per avere
dei buoni risultati bisogna saper scegliere la
rosa giusta per il luogo in cui verrà piantata
tenendo presente vari fattori: l’esposizione,
lo spazio di cui si dispone e, non ultimo, quel
che si è disposti a dare a quella rosa.
Noi abbiamo iniziato così creando un giardino
in cui fosse possibile studiare la crescita delle rose, il nostro giardino si trova in città, in
una zona residenziale che ha conservato una
piccola parte del ricco patrimonio verde che
contraddistingueva la collina di Posillipo.
Si sviluppa nella proprietà Pica-Ciamarra in
una superficie di circa 1.200 mq, divisa in tre
quote diverse che seguono il naturale pendio
della collina, e nasce sul “giardino di frutti”
di un’antica masseria come testimoniano gli
albicocchi e i susini ancora presenti. Gode di
un’esposizione a Sud, Sud-Ovest.
Ridisegnato nel 2000 come giardino di rose,
esso delinea nella quota inferiore un percorso che riproduce la corolla di una rosa.
Il progetto del giardino è opera degli attuali occupanti costituitisi in Associazione: Le
Rose di Posillipo.
Nato dalla grande passione per le rose antiche, il giardino è concepito come esposizione delle varietà storiche più importanti e
si è arricchito di un vivaio dove si possono
acquistare rose antiche e rare. La collezione
possiede una buona varietà colturale: sono
presenti circa 450 piante di rose di specie,
classi e varietà diverse: Galliche, Muscose,
Damascene, Portland, Bourbon ma in maggior numero Tè, Cinesi, Noisette, Pimpinellifolie e Botaniche che si sono rivelate eccezionali per il clima mediterraneo. Sotto la
guida di questa esperienza è nata la scelta
per la collezione del nostro catalogo.
Piccola nota sui nomi delle rose
Noterete dei caratteri diversi nel modo in cui
sono scritti i nomi delle rose.
Per le rose antiche si usano termini latini in
corsivo. Il primo nome indica il genere: Rosa,
il secondo designa la specie o sezione botanica, ad esempio Rosa canina. Il terzo indica il
nome del botanico che per primo l’ha descritta: Rosa canina L(inneus).
Dopo il nome della specie viene indicata, in
caratteri normali, la varietà all’interno della
specie: Rosa carolina plena o Rosa gallica
versicolor L.
In generale tutte le rose botaniche sono indicate in latino e gli ibridi, gli incroci, sono
evidenziati da un “x”. Le varietà orticole,
frutto di ibridazioni naturali o dovute all’uomo sono indicate in caratteri normali.
Catalogo
Rose cinesi pag. 6
Rose Noisette
pag. 19
Rose Tè
pag. 31
Botaniche
pag. 52
Wichuraiane
pag. 67
Pimpinellifoliae
pag. 71
Rose fuori catalogo
pag. 76
Le Rose di Posillipo
Rose Cinesi
Alice Hoffman
Hoffman, 1897.
Piccolo cespuglio compatto che dona fiori a
profusione di un bel colore rosa chiaro e cremisi all’esterno. Ha un profumo dolce e leggero, di facile coltivazione, non dovrebbe mai
mancare in un giardino. E’ adatta per bordure
e anche in vaso. m 0,70x0,50.
Archiduc Charles
Francia Laffay 1825.
Da un seme di Old Blush una varietà poco
frequente. Arbusto dal portamrnto un po’
allargato col fogliame verde scuro e spine
Catalogo 2009
rossastre. Fiore pieno inizialmente rosa poi
gradualmente cremisi profumato di banana.
Molto interessante per la diversità dei suoi
colori sia all’interno delle corolle che tra gli
stessi fiori. m 1.20 x 1.50
Arethusa
Paul, 1903.
Rosaio vigoroso e versatile dai fiori scompigliati di un melange tra il giallo, l’albicocca, limone e rosa. Lievemente profumata. m
0,90x0,90.
Bloomfield Abundance
Thomas, 1920.
Arbusto grande e vigoroso ma nello stesso
tempo leggero e arioso, tipico delle rose cinesi. Ha fiorellini piccoli rosa madreperla con i
sepali lunghi e ben distinti. Profumata, è ottima come esemplare isolato o anche vicina a
rose come Triomphe de Luxembourg, Souvenir de la Malmaison rampicante.
m 1,80x1,50.
Brennus
Laffay, 1830.
Le Rose di Posillipo
“Brutus, Queen Victoria”. Non è sicura la
classificazione di questa rosa che presenta
un portamento eretto poco somigliante alle
cinesi. Ha fiori doppi, grandi, rosa cremisi dal
profumo fragrante. m 1,20x0,90.
Camélia Rose
Prèvost, 1830 circa.
Cespuglio vigoroso con fiori a mazzi rosa sfumati di lilla a forma di camelia. E’ molto ricco
di fogliame e tollera l’ombra, ma richiede un
clima mite. Adatto anche a bordure se posto
in secondo piano. m 1,20x0,90.
Cécil Brunner
Ducher, 1881.
“Maltese Rose, Mignon, Sweetheart Rose.”
Catalogo 2009
Rosaio piccolo ma di grande fascino, rappresenta bene la grazia delle cinesi ed è sempre
in fiore. I suoi piccoli fiori rosa perla sono
come delle miniature di HT. Delicatamente
profumata. Esiste anche la varietà rampicante. Adatta a bordure o anche in vaso.
m 1,20x0,60. m 8,00x6,00.
Comtesse du Cayla
Guillot, 1902.
Cespuglio dal portamento aperto, con fogliame chiaro e un’abbondante fioritura. Profumata di Tè e di piselli odorosi, ha un colore
rosso nasturzio e arancio. Molto resistente e
robusta è una varietà validissima in gruppo.
m 1,00x100.
Cramoisi Supérieur
Coquereau, 1832.
“Agrippina, Queen of Scarlet.” E’una pianta
allo stesso tempo fine e vigorosa. Foglie scure e lucide, spine a uncino, fiori a gruppi di 3
o 4 rosa carminio profondo molto profumati.
Le Rose di Posillipo
10
Continuamente in fiore. 0,90x0,60. La varietà
rampicante del 1885 di Couturier è del tutto
simile al cespuglio. m 4,50x3,00.
Empress of China
Stati Uniti 1896 Jackson-Perkins.
Rampicante non comune, piuttosto spinoso
ma di molto fascino. Fogliame prima rossastro poi verde grigio. Fiori doppi rosa carico
dal profumo forte. Occasionalmente rifiorisce
nei luoghi caldi. Bella accanto a Gigantea.
m.3
Hermosa
Marcheseau, 1840.
“Armosa, Mélanie Lemaire, Mme. Neumann.” Ottimo rosaio per bordure, per piccoli
giardini o da coltivare in vaso. Dal bel ricco
fogliame spuntano copiosi fiori rosa delicato
sfumato di lilla a forma di coppa pieni. Sempre in fiore questo piccolo e utile cespuglio
tollera l’ombra. m 0,90x0,60.
Catalogo 2009
11
Iréne Watts
Guillot, 1895.
Cespuglio molto profumato dal portamento
basso e rustico con fiori doppi e grandi squartati rosa sfumato di salmone. Rosaio adatto
per formare bordure e aiole, sempre in fiore, dà molta soddisfazione anche in vaso. m
0,70x0,70.
Grüss an Tepliz
Geschwind, 1897, Ungheria.
Rosaio dal portamento eretto, con fiori grandi
e moderatamente doppi di un colore cremisi
chiaro, caratterizzati da un profumo forte e
speziato. Ottimo per siepi, fiorisce per tutta la
stagione, la classificazione è incerta e a volte
è confusa con le Bourboniane. m 1,80x1,20.
Le Vèsuve
Laffay, 1825. “Lemesle”.
La caratteristica di questa rosa sono i fiori a
forma conica allungati, molto eleganti, profu-
Le Rose di Posillipo
12
mati, di un rosa argenteo con sfumature più
scure. E’ un cespuglio dal portamento allargato, molto fiorifero, ama il pieno sole e può
essere coltivata anche in vaso. m 0,90x0,90.
Little White Pet
Handerson, 1879.
Questo piccolo rosaio è uno sport di Fèlicité
et Perpetue, presenta un portamento prostrato
e dona una continua fioritura. I fiori piccoli a
mazzetti hanno bocciuoli rossi che, aprendosi,
formano fiori che schiariscono fino al bianco
crema rosato, delicatamente profumati. Molto
resistente e adatto per bordure e aiuole.
m 0,60x0,60.
Louis Philippe
Guerin,1834.
“President d’Olbecque, Crown, Purple.” Rosaio dallo sviluppo contenuto, presenta un
portamento un pò spigoloso con fiori di media
grandezza rosso scuro vellutato, più chiaro al
centro. Ottima per siepi ed aiuole accompagnata a rose più chiare. m 0,60x0,60.
Mme Laurette Messimy
Francia J.B. Guillot 1887.
Arbusto piuttosto eretto dal fogliame lucente
verde grigio. Dai boccioli lunghi molto eleganti si aprono fiori grandi, semidoppi rosa
salmone che maturando schiariscono.
Molto fiorifera, adatta a “macchie” di rose,
tollera l’ombra. La fioritura autunnale è splendida. m 1.00x1.00
Catalogo 2009
13
Mutabilis
“Tipo Ideale, Rosa Turkistanica”.
Origini sconosciute, introdotta nella seconda
metà dell’Ottocento da Correvon, un vivaista di Ginevra, a cui fu regalata dal Principe
Gilberto Borromeo. Si tratta di un cespuglio
piuttosto alto, dalla straordinaria fioritura,
continua anche in inverno. I fiori sdoppi, di
grande leggerezza, tanto da sembrare farfalle, si aprono con un giallo arancio per mutare
in giallo chiaro, rosa ed infine bronzo scuro.
Appoggiata ad un muro può arrivare anche a
sei metri. Più esemplari vicini formano un boschetto multicolore. m 2,50x1,80.
Odorata
“Hume’s Blush tea - scented China, Fun Jwan Lo”.
Le Rose di Posillipo
14
Origini sconosciute. Si tratta di una rosa storica, portatrice della rifiorenza in molte rose.
E’ infatti un rosaio molto fiorifero dai bei fiori globulari, bianchi sfumati di rosa leggero
profumatissimi. Pianta vigorosa e di grande
soddisfazione da non confondere con la rosa”
Indica Major”, molto simile, ma non rifiorente. m 2,00x1,50.
Old Blush
Parson, 1789.
“Common Blush, Old Pink Daily, Old Pink
Monthly, Parson’s Pink, Common Monthly,
Rosa chinensis pallida”. Rosa storica e notevole, coltivata in Cina per secoli, venne portata
in Europa da Parson. E’ una rosa fondamentale per la sua rifiorenza e non può mancare in
un giardino o terrazzo. Ha fiori rosa argentei
striati di cremisi profumati. Tollera l’ombra.
Adatta anche in vaso. m 1,80x1,20.
Park’s Yellow China
Park, 1824.
Catalogo 2009
15
“Old Yellow tea, Rosa odorata ochroleuca”.
Si ritiene questa, la prima rosa Tè da cui traggono origine tutte le altre. È un grande arbusto dal portamento eretto e maestoso ottimo
come esemplare isolato. La fioritura copiosissima e profumata è precoce e la non rifiorenza
è compensata dalla bellezza del fogliame e la
grandiosità della pianta. m 2,50x2,50.
Perle d’Or
Commercializzata da Dubreuil, 1883.
Cespuglio fitto dal bel fogliame verde e prugna, con rami quasi privi di spine. I fiori che
sembrano di porcellana sono di un bel melange salmone, albicocca e giallo con sfumature
rosa. Ha un profumo delicato e ama le posizioni soleggiate. Può stare anche in vaso.
m 1,20x1,00.
Pompon de Paris
Cina, 1839.
Le Rose di Posillipo
16
Sport di “Pompon de Paris” cespuglio. Rosaio
vigoroso quasi sempre in fiore. Non si spoglia
mai e le foglie ricordano quelle delle felci. I
deliziosi piccoli fiori donati a profusione sono
di un bel rosa brillante e il profumo è delicato.
È bellissima accostata a Old Blush. m 4,50.
Rosa Indica major
Cina, origine sconosciuta.
Si tratta di una rosa misteriosa, spesso confusa con “Odorata”. Fiorisce una sola volta in
maniera sontuosa e con fiori pieni di grazia.
Ha un ricco fogliame verde chiaro e poche
spine. Rosa robusta e di facile coltivazione.
m 2,50x1,50.
Sanguinea
Cina, 1887.
“Miss Lowe’s Rose”. Rosaio dalla crescita
angolosa e un pò intricata dal bel fogliame
grigio verde. Fiori sempre presenti a cinque
Catalogo 2009
17
petali di un bel colore rosso Tiziano che maturando virano al cremisi creando un bel contrasto con le foglie. Pianta vigorosa anche adatta
a crescere in vaso, splendida in più esemplari
vicini. m 0,90x0,90.
Sophie’s Perpetual
Origini sconosciute.
Arbusto superbo o piccolo rampicante, dal
fogliame denso, sano, verde scuro e rami quasi privi di spine. Fiori globosi, di colore rosa
chiaro con sovrapposizioni di rosa intenso e
ciliegia, molto profumati. Tollera bene l’ombra. m 2,50x1,80.
Yvonne Rabier
Turbat, 1910.
Piccolo cespuglio di modeste dimensioni adatto a bordure, piccoli spazi o in vaso, molto
fiorifero e sempre al lavoro. Ha un bel fogliame lucido verde chiaro con grandi mazzi di
fiori bianchi molto profumati. m 0,90x0,60.
Viridiflora
”R. chinensis Viridiflora, Rose Verte”. 1833 circa.
Le Rose di Posillipo
18
Mutazione probabile di una rosa cinese (Old
Blush?). E’ una vera curiosità botanica impiegata soprattutto per composizioni di fiori secchi, in compenso fiorisce in continuazione è
adatta a stare in vaso e tollera l’ombra.
m 0,90x0,90
Catalogo 2009
19
Rose Noisette
Aimée Vibert
Francia Vibert 1828.
“Bouquet de la Mariée, Nivea”. Si tratta di
una delle più antiche e vigorose Noisette.
Rampicante dal fogliame fitto verde scuro,
fiori a mazzetti bianco puro e boccioli striati
di carminio. La sua fioritura è tardiva ma lunga e profumata di anisetta. A volte dona una
seconda fioritura. Non ama il pieno sole.
m 5,00x3,00.
Alister Stella Gray
A. H. Gray, 1894.
“Golden Rambler”. Rosaio che dona grappoli
di fiori color giallo uovo che tende a schiari-
Le Rose di Posillipo
20
re fino al crema. Fioritura pressochè continua
profumata fortemente di Tè. I rami sottili e
flessuosi la rendono ideale per archi e grillage. m 4,50x3,00.
Belle Vichysoise
Francia, Lévèque, 1897.
Questo piccolo rampicante dona una fioritura
lunga e spettacolare per i grandi mazzi di fiori rosa profumatissimi. La vegetazione di un
bel verde scuro si mantiene a lungo. Rosa particolarmente rara e fascinosa. m 2,50x1,80.
Blanc Pur
Francia Mauget 1827.
Una delle prime Noisette. Rosaio molto vigoroso, bel fogliame, notevoli spine. Bianchi
i fiori, grandi e pieni con dei leggeri riflessi
verde pallido. Buon profumo. m da 3 a 4.
Blush Noisette
USA Noisette, 1825.
Catalogo 2009
21
Rampicante dalla crescita lenta che darà poi
grandi soddisfazioni con grappoli di fiori rosa
incarnato lilla dal profumo speziato. Fogliame
verde scuro, ottima la rifiorenza e la resistenza
al freddo. Per le sue dimensioni contenute può
essere impiegata anche come grande arbusto.
È una delle prime Noisette. m 2,50x1,80
Bouquet d’Or
Francia, Ducher, 1872.
Rampicante vigoroso dal fogliame rosso prugna da giovane poi verde scuro brillante. Fiori
doppi in coppa globulosa giallo ramato con i
petali che arricciano al centro. Come Gloire
de Dijon, da cui deriva, ama posizioni soleggiate e calde. m 3x2.
Bougainville
Francia Cochet-Vibert, 1822.
Rampicante dalle dimensioni contenute, ma
vigoroso, dona una precoce e copiosa fioritura rosa lilla. Adatta anche a piccoli giardini
e terrazzi. L’omonimia con la bouganvillea è
casuale perché il nome di questa rosa deve riferirsi al grande navigatore ammiraglio Bougainville. m 1,50x1,50.
Céline Forestier
Trouillard, 1842.
“Lusiadas, Liésis”. Non completamente rampicante, è una pianta sempreverde. I fiori
grandi a coppa piatta, prodotti a mazzi o singoli, sono di un bel giallo chiaro più scuro al
centro, quasi color limone e molto profumati.
Le Rose di Posillipo
22
Si può utilizzare come un cespuglio alto.
m 1,50x1,75.
Champney’s Pink Cluster
USA Champney, 1802.
Rosa storica, fondamentale per lo sviluppo
delle Noisette, non può mancare in un giardino. Pianta vigorosa con fiori doppi e semidoppi a grappoli rosa incarnato dal profumo
intenso. m 4,00x2,50.
Claire Jacquier
Francia Bernaix, 1888.
Rosaio di crescita vigorosa e rapida, di grande
dimensione, notevole in giardino, tollera bene
l’ombra. Produce grandi mazzi di fiori doppi
di medie dimensioni giallo Nanchino che sfuma in crema. Emana un profumo intenso e si
fa notare per il suo carattere. m 5,00x2,50.
Catalogo 2009
23
Claudia Augusta
Francia, Damaizin, 1858.
Piccolo rampicante dal bel fogliame scuro
su cui spiccano boccioli rosso cremisi che si
aprono in fiori rosa pallido più sostenuto al
centro leggermente profumati. m da 2 a 3
Crépuscule
Francia. Dubreuil, 1904.
Una delle più belle Noisette, molto affidabile
e vigorosa. La sua strepitosa fioritura la rende fondamentale in un giardino. Su fogliame
verde chiaro spiccano i fiori di un melange albicocca, giallo e salmone. Ama posizioni soleggiate. Particolarmente fascinosa in coppia
con “Lamarque”. m 4,5x3,00.
Le Rose di Posillipo
24
Desprez à fleurs jaunes
Francia. Desprez, 1830.
“Jaune Desprez, Noisette Desprez”. Bel rampicante con fiori doppi a quarti, giallo caldo
sfumato di albicocca. Durante la prima fioritura i fiori sono decisamente gialli, mentre
più avanti nella stagione il giallo vira verso il
rosa e l’albicocca. Fogliame verde tenero su
cui spiccano i morbidi fiori profumati.
m 7,00x3,50.
Duarte de Oliveira
Brassac, 1879.
Piccolo rampicante, prezioso per i suoi fiori a
mazzetti, rosa salmone con base bronzo, molto profumati. Come tutte le Noisette, dona abbondanti e splendide fioriture. m 3,20x2,00.
Catalogo 2009
25
Duchesse d’Auerstädt
Bernaix, 1888.
Rosaio poco conosciuto, molto affidabile dalla crescita vigorosa, quasi eccessiva. Presenta fiori grandi, doppi a coppa giallo dorato e
giallo chiaro con petali interni rosa salmone.
Molto fiorifera ama posizioni soleggiate.
m 4,50x3,50.
Etendard de Jeanne d’Arc
Francia, Garçon & Margottin, 1882.
«Jeanne d’Arc». Piccolo e prezioso rampicante
dai fiori bianco puro, molto profumati. Adatta
a piccoli spazi e in vaso. m 2.50x2.00.
Fellemberg
Prec. 1836, “La Belle Marseillaise”.
Ibrido di Noisette e Cinese, clssificata spesso fra le ultime. Piccolo rampicante o arbusto
Le Rose di Posillipo
26
eretto, dal fogliame rossastro nei rami giovani, poi verde scuro. Fiori medi, semidoppi, dai
petali irregolari e disordinati rosso carminio
vivo con tocchi di bianco. Rosa molto fiorifera e dal buon profumo. m 2.00x1.50.
La Biche
Francia, Toullier (Trouillet?), 1832.
Rampicante molto vigoroso, dal fogliame
folto e scuro. Fiori bianchi appena soffusi di
rosa, dai petali morbidi e profumati. Bello il
contrasto di quesa rosa fascinosa se avvicinata ad Anemone Rose. m 5.00/6.00.
Lamarque
Francia, Marechal,1830
“Général Lamarque, The Marechal”. Se appoggiata a una parete protetta, questa rosa
offre uno spettacolo eccezionale. Ha un fogliame copioso verde chiaro che tende a reclinare. Produce mazzi di fiori doppi bianchi
dal cuore giallo paglia e dal profumo intenso.
Stupenda compagna per tutte le altre Noisette.
m 5,00x3,00.
Louise d’Arzens
Lacharme, 1861.
Pianta vigorosa con fogliame lucido. Fiori
che in boccio sono rosei e aprendosi diventano bianco crema, doppi di media grandezza.
Utile come piccolo rampicante. m 3,00x2,00.
Catalogo 2009
27
Marie Dermar
Ungheria, Geschwindt, 1888.
Piccolo rampicante nato da un seme di Louise d’Arzens. I fiori, profumati, di un bel rosa
chiaro, sono a mazzetti sdoppi e di medie dimensioni. Rosaio adatto a stare anche in vaso.
m 2.00x1.50.
Mme Alfred Carrière
Francia, Scwarz, 1879.
Rosaio vigoroso, tollera posizioni ombreggiate e muri a nord. Ha una fioritura precoce e
continua con magnifici fiori medio - grandi,
bianco rosato, portati singolarmente, utili anche per essere recisi. Notevole il profumo e la
rifiorenza. m 4,00x3,00.
Le Rose di Posillipo
28
Mme Alfred de Rougemont
Francia, Lacharme, 1862.
Classificazione incerta fra Noisette e ibridi
rifiorenti. Rosaio dal fogliame verde scuro,
dentellato, un po’ spinoso. I fiori sono grandi,
pieni, bianco rosato più chiaro ai bordi e gradevolmente profumati. m 3.00-4.00.
Mme Pierre Cochet
Francia, Cochet, 1891.
Nata da un seme di Rêve d’Or, è un bel rampicante, poco spinoso dal fogliame denso.
Splendidi boccioli elongati si aprono in fiori
gialli sfumati di rosa e arancio. Molto profumata e fiorifera. m 3.00-4.00.
Princesse de Nassau
Francia, Laffay,1835.
Piccolo rampicante dal portamento compatto
con fogliame verde chiaro. Produce grandi
mazzi di fiori semidoppi di medie dimensioni.
Molto elegante il colore bianco crema con
Catalogo 2009
29
stami gialli ed eccezionale il profumo di rosa
moscata. Fiorisce in continuazione e tollera
l’ombra. Sta bene anche in vaso.
m 2,50x1,50
Rêve d’Or
Francia, Ducher, 1869.
“Condesa da Foz”. Affidabile e vigoroso,
questo rampicante dal bel fogliame lucido e
abbondante, ama posizioni soleggiate. I fiori pieni. di un melange albicocca- giallo con
tracce di camoscio sono molto profumati.
Rosaio di carattere, ma discreto, utile in ogni
giardino. m 4,00x3,00.
Triomphe des Noisettes
Francia, Pernet, 1887.
Pianta vigorosa e affidabile, Ha rami spinosi
Le Rose di Posillipo
30
e fogliame molto scuro. I fiori rosa brillante
sfumati di porpora, sono grandi e doppi dolcemente profumati. La prima fioritura è strepitosa. m 3,00x1,80.
William Allen Richardson
Francia, Ducher, 1878.
Sport di “Rêve d’Or” è una delle Noisette più
belle, ama i posti riparati e caldi. Rosaio dalla
crescita veloce e vigorosa è sempre in fiore. I
fiori dal profumo intenso, sono doppi, di medie dimensioni, di color giallo ambrato pallido tendente al giallo-albicocca verso il centro.
m 4,00x2,5
Catalogo 2009
31
Rose Tè
Cespugli, rampicanti e ibridi
Adam
Francia, Adam, 1837.
“The President”. Forse la prima rosa Tè. Piccolo rampicante, o grande arbusto dai rami
spinosi, è molto rustico e si moltiplica facilmente per talea. I fiori grandi, ben formati,
rosa salmone chiaro più sostenuto al centro
sono intensamente profumati. m 2.00-3.00.
Andreola Vettori
Introdotta da Branchi, 1998.
È una antica Tè ritrovata e reintrodotta da
Le Rose di Posillipo
32
Walter Branchi. Cespuglio di grandi dimensioni, molto vigoroso ed elegante. I bellissimi
fiori grandi e pieni, rosa argenteo, sono molto
profumati. Di grande soddisfazione non deve
mancare in un giardino. Utile come esemplare
isolato. m 1,50x1,50.
Anna Olivier
Francia, Ducher, 1872.
Arbusto molto vigoroso e rustico. I fiori a
coppa, grandi e pieni, profumati, sono di un
bel colore giallo carico col centro più scuro
rosa bronzo. m 1.00x090.
Archiduc Joseph
Francia, Nabonnand, 1872.
Nata da un seme di “Mme Lambard”, questa
rosa si distingue per il vigore e la ricchezza
del colore dei fiori e del fogliame verde ce-
Catalogo 2009
33
nere. I fiori singoli o a mazzi, sono un misto
di rosa porpora e arancio. Ama il pieno sole
e può essere usata sia come grande cespuglio
che come piccolo rampicante. Come molte altre rose la fioritura autunnale è particolarmente bella. Può essere utilizzata anche in vaso,
ma piuttosto grande. m 1,50x1,20.
Axeline - Blossom Time
USA, O’ Neal, 1951.
Introdotta da W. Branchi nel 1996. Rampicante di grande effetto, con fiori a mazzi o singoli,
di medie dimensioni, color rosa medio e con il
bordo dei petali revoluto rosa più intenso. Ha
un bel fogliame verde scuro, una lunga fioritura
estiva e non ama il pieno sole. m 3,00x2,50.
Bianca di Corbara
Intr. Branchi, 1977.
Incerta la sua collocazione fra le Tè, forse un
ibrido di Tè, è un bel cespuglio dal portamen-
Le Rose di Posillipo
34
to eretto, molto profumato e fiorifero. I fiori
grandi e pieni sono bianchi a volte appena
sfumati di rosa. m 1.00x070.
Baronne Henriette de Snoy
Francia, Bernaix, 1897.
Arbusto vigoroso dal portamento un po’ angoloso di grandi dimensioni se appoggiato a
una spalliera. I fiori dai petali ricurvi un po’
disordinati, sono dicolor rosa crema più chiari
al centro e carminio al revers dei petali. Profumato e di buona rifiorenza. m 1.50x1.50.
Beautè Inconstante
Francia, Pernet-Ducher, 1892.
“Beautè de Lyon”. Come dice il nome, questa rosa non ha mai fiori della stessa forma
e colore. Il profumo è sublime e i suoi colori
spaziano dal rosso bronzo arancio e sfumano
nel giallo e caminio. È un cespuglio compatto
e ricco di fogliame, sta bene sia in vaso che in
giardino. m 0,90x0,80.
Bon Siléne
Francia, Hardy, 1839.
Catalogo 2009
35
Rosaio molto fiorifero dalla forma allargata e
vigorosa, resistente al freddo e caratterizzato
da una crescita rapida. Molto eleganti i boccioli di forma allungata che si aprono poi in
fiori grandi, doppi, rosa scuro marmorizzato
dal profumo fragrante. Bel cespuglio anche
isolato. m 1,50x1,20.
Catherine Mermet
Francia, J. B. Guillot fils, 1869.
Cespuglio compatto dal fogliame abbondante
e lucido. Fiori grandi e pieni, con petali retroflessi di color rosa carne che sfuma nel pesca.
Profumo discreto, ma persistente.
m 1,20x0,90.
Clementina Carbonieri
Italia, Bonfiglioli, 1913.
Cespuglio pieno e vigoroso, dal portamento
allargato e molto fiorifero. I fiori sono grandi
e doppi dal bel color salmone, arancio e rosa
fusi con il giallo. Di facile coltivazione è adatta anche a stare in vaso. Il profumo è delicato
ma persistente. m 1,50x1,20
Comtesse de Caserta
Francia, Nabonnand, 1877.
“Mlle la Comtesse de Caserta, Rosalba Pavoncelli”. Cespuglio vigoroso con splendidi
fiori rosa ciliegia fumati di giallo e bronzo, il
profumo è notevole.
I rami sono di un verde un po’ rossastro e
Le Rose di Posillipo
36
donano al cespuglio un bel portamento. m
1,20x0,8.
Devoniensis
Foster, 1838.
“Magnolia Rose”. Questa rosa profumatissima, tanto da essere assimilata alla magnolia,
produce fiori bianco crema grandi e doppi
leggermente sfumati di rosa. Il rosaio, se protetto, riesce a esprimere tutta la sua eleganza
e bellezza. m 1,20x0,80.
Dr. Grill
Francia, Bonnaire, 1886.
Catalogo 2009
37
“Dulce Bella”. Cespuglio dal portamento allargato con bel fogliame. Fiori doppi di colore rosa velato di arancio, molto profumata.
Adatta anche a stare in vaso. m.0,90x0.
E. Veyrat Hermanos
Francia, Bernaix, 1895.
“Pillar of Gold” Rosaio vigoroso e rustico,
di crescita veloce, dal fogliame abbondante e
con grande ricchezza di tonalità. I fiori grandi
doppi con sfumature dall’albicocca al crema
sono molto profumati. Splendida la fioritura
estiva, migliore della prima troppo abbondante. m 4.00-5.00.
Fortune’s double yellow
UK. Fortune, 1845.
“R. odorata pseudoindica, Beauty of Glazenwood, San Raphael Rose, Gold of Ophir,
Wang-Jan-Vè”. Una pianta notevole che può
Le Rose di Posillipo
38
essere utilizzata sia come esemplare isolato
che come rampicante. Dona una sola lunga
fioritura profumata, i fiori grandi semidoppi
portati a mazzetti sono di un bel giallo arancio. Questa rosa è stata trovata da Fortune nel
giardino di un mandarino cinese.
m 2,50x2,00.
Francis Dubreuil
Francia, Dubreuil, 1894.
Cespuglio dal portamento allargato, dai fiori
profumatissimi rosso scuro vellutato, molto
eleganti anche in boccio. Ha un bel fogliame
verde scuro e accostata ad altre Tè dai colori
più chiari e rosati forma bellissime aiuole. m
1,20x0,90.
Gloire de Dijon
Francia, Jacotot, 1853.
Da Desprez à Fleurs Jaunes x Souvenir de la
Malmaison. Unica rosa ottenuta da Jacotot, ma
che rosa! Di difficile classificazione è inserita
a volte nelle Noisette, altre nelle Tè. Il suo ottenitore la incluse nelle bourbon. Rampicante
molto rustico dal bel fogliame verde scuro. I
fiori sono grandi, pieni piuttosto piatti con i
petali ‘chiffonnès’ di colore giallo camoscio
caldo con sfumature rosate. Molto profumata
non può mancare in un giardino.
Général Gallieni
Francia, Nabonnand, 1899.
Rosaio vigoroso molto fiorifero. Ha un fogliame chiaro e fiori grandi con petali un po’
disordinati dallo strano colore bronzo ros
Catalogo 2009
39
so arancio e cuoio. Profumata, questa rosa è
adatta a stare anche in vaso. m 1,20x0,90.
Géneral Schablikine
Francia, Nabonnand, 1878.
Fiori stradoppi sempre presenti con una bella
combinazione di rosso rame e ciliegia dal profumo delicato. Rosaio vigoroso, portamento
compatto, una classica Tè. m 0,90x0,60.
Gribaldo Nicola
Francia, Soupert-Notting, 1890.
Le Rose di Posillipo
40
Rosaio rampicante dai bei fiori quartati che
ricordano le Bourbon. I fiori grandi, rosa con
sfumature gialle, sono delicatamente profumati. Le migliori fioriture avvengono sui rami
di un anno o due, è bene ricordarlo ai fini delle potature. m 3,00x2,00.
Guinée
Francia, Mallerin, 1938.
Ibrido di Tè rampicante. Fiori doppi, vellutati,
cremisi molto scuro, con boccioli corti, che
si aprono piatti, mostrando un ciuffo di stami
dorati, che la impreziosiscono ancora di più,
oltre al profumo che si propaga nell’aria. Varietà superba, qualche volta rifiorisce in autunno. m 4,50x2,50.
Julius Fabianics de Misefa
Ungheria, Geschwindt, 1902.
Arbusto dal portamento piuttosto eretto, molto
vigoroso e di bel fogliame. Fiori leggermente profumati, larghi, doppi, a forma di coppa
rosso cremisi. Fioritura abbondante per tutta
la stagione.
La Sylphide
Francia, Vibert, 1838 o Boyau 1842.
Cespuglio dal bel fogliame con portamento
un po’ allargato. Fiori doppi rosa con sfumature albicocca. Forte profumo di Tè.
m 1.20x1.00.
Lady Hillingdon
Gran Bretagna, Lowe-Shawier, 1910.
Si tratta di un rosaio “sempre al lavoro” per
la sua grande rifiorenza. I rami ed il fogliame,
Catalogo 2009
41
che da giovani sono di un bel color rosso prugna, da adulti diventano verde cupo.
I fiori, moderatamene doppi, sono di un bel
giallo albicocca caldo che tende a schiarire
nella fioritura. Può essere coltivata in vaso e
ama posizioni soleggiate. m 0,90x0,90.
Lady Hillingdon rampicante
Hicks, 1917.
In tutto uguale all’omonimo cespuglio cambia solo la dimensione. Una rosa veramente
fascinosa. m 5,00x2,00.
Lorraine Lee
Australia, Clarke, 1924.
Forse un ibrido di Gigantea, questo rosaio,
con un bel portamento compatto e il fogliame
verde scuro e lucido, si presta bene anche per
siepi. I fiori dal profumo lieve sono a coppa
Le Rose di Posillipo
42
in una interessante mistura di colori rosa, albicocca e terracotta. Ama posizioni calde e
soleggiate, anche in terrazzo. m 0,70x0,60.
Madame Bravy
Francia, Guillot père, 1845.
“Adèle Pradel, Alba Rosea, Danzille, Josephine Maltot, Mme Denis, Mme de Sertat,
Mme Maurin”. Fiori bianco crema con sfumature rosa dal profumo intenso. Rosaio un
po’ diverso dalle Tè per il suo portamento
eretto e lo sviluppo contenuto, si presta ad
una coltivazione in vaso. m 0,90x0,60.
Madame Jules Gravereaux
Lussemburgo, Soupert – Notting, 1901.
Questo rampicante dal ricco fogliame verde
scuro, presenta fiori molto doppi gialli con
sfumature pesca e salmone leggermente profumati. Una rosa abbastanza inconsueta e raffinata. m 4,00x2,00.
Madame Lambard
Francia, Lacharme, 1878.
Catalogo 2009
43
“Mme Lombard, Mme Lambart”. Molto fiorifera e resistente al freddo, questa rosa, ha fiori
molto doppi e profumati che da rosa salmone
sfumano scurendo. In autunno il colore dei
fiori è più scuro e carico. m 0,90x0,90.
Marie van Houtte
Francia, Ducher, 1871.
Cespuglio vigoroso dal portamento allargato,
un po’ scomposto, e dal fogliame verde scuro. Ha i fiori molto doppi color crema scuro
sfumato di rosa brillante su base arancio. Il
profumo è intenso. m 0,90x0,90.
M. lle La Comtesse de Leusse
Francia, Nabonnand, 1878.
Rosaio molto vigoroso, dal portamento compatto che produce fiori in abbondanza di colore rosa con sfumature zafferano al centro. Ha
un buon profumo e sta bene sia in giardino
che in terrazzo. m 1,00x0,80.
Mme Berard
Francia, Levet, 1872.
Da Gloire de Dijon x Mme Falcot. Piccolo
rampicante di grande fascino, rustico dal bel
fogliame. I fiori grandi, quartati, molto profumati sono color albicocca con sfumature rosate. m 2.50-3.00.
Mme Camille
Francia, J.B. Guillot fils. 1871.
Cespuglio compatto e vigoroso dalla fioritura
continua. Fiore grande e pieno di un bel rosa
tenero con riflessi violetti. Buon profumo.
m 0.80x0.70.
Mme Driout.
Francia 1902. Bolut & Thirat.
Le Rose di Posillipo
44
Rosaio dalla fioritura precoce con fiori doppi
molto profumati color rosa scuro con striature carminio brillante, un po’ meno nella fioritura autunnale. Poco conosiuta ma molto
affascinante. m. 3 x 2.
Mme de Tartas
Francia, Bernède, 1859.
Cespuglio dal portamento un po’ allargato.
Molto profumati i suoi fiori grandi e pieni di
color rosa sfumato di giallo. m 1.00x1.00.
Mme Falcot
Francia, J.B. Guillot fils, 1858.
Arbusto di grandi dimensioni, un pò allargato
con bel fogliame lucente e germogli rossastri.
Fiori grandi, doppi, di color giallo avorio sfumato di rosa e salmone. Buon profumo delicato. m 1.20x1.50.
Mrs Herbert Stevens
Irlamda del Nord, McGredy, 1910.
Arbusto vigoroso e fiorifero ama posizioni
calde e soleggiate. Fiori grandi e doppi, dai
lunghi petali retroflessi alle punte, bianchi
sfumati di limone al centro, sono delicatamente profumati. m 1.20x1.00.
Monsieur Tillier
Francia, Bernaix, 1891.
Rosaio rustico e molto rifiorente, fino a novembre se il clima è favorevole. Il suo colore
Catalogo 2009
45
rosso carminio attira immancabilmente l’attenzione in un giardino. I fiori grandi, doppi, quartati, passano dal rosso vivo al viola
aprendosi. Molto profumata. m 1.50x1.00.
Mrs B. R. Cant
Inghilterra, Cant, 1901.
Arbusto compatto con fogliame verde scuro
lucido. Fiori pieni a coppa di forma molto regolare, leggermente profumati. Il colore rosa
argentato è più scuro al revers dei petali.
m 1.20x1.00.
Mrs Foley-Hobbs
Gran Bretagna, Dickson, 1910.
Questo rosaio molto vigoroso, ha fiori grandi
doppi e particolarmente belli, tanto da essere sempre usati nelle esposizioni. Il colore è
bianco crema e avorio con sfumature rosa al
bordo dei petali, il profumo è delicato. Può
essere coltivata anche in vaso e ama posizioni
soleggiate. m 0,90x0,90
Niphetos
Francia, Bougère, 1835.
Le Rose di Posillipo
46
“Mathilde”. Coltivata in Francia nell’Ottocento per i fiori recisi, è una pianta molto fiorifera adatta a climi caldi e protetti. I boccioli
ovali e allungati, bianco puro, si aprono in fiori grandi molto profumati. m 1.00-1.20.
Noëlla Nabonnand
Francia, Nabonnand, 1901.
Boccioli allungati e stupendamente formati.
Fiori grandi, semidoppi, rosso cremisi translucido e vellutato, intensamente profumati.
Rosaio molto vigoroso con fioritura precoce
e lunghissima. È una delle varietà più belle e
fascinose. m 4,00x3,00.
Ophelia
Gran Bretagna, Paul, 1912.
Rosaio dal portamento eretto con bel fogliame verde chiaro. Ha un profumo fragrante e
Catalogo 2009
47
bellissimi fiori bianco rosato caldo. La pianta
è molto robusta e i fiori invecchiano bene.
m 4,50x2.
Papa Gontier
Francia, Nabonnand, 1883.
Rosaio a cespuglio dal portamento vigoroso
e allargato, presenta fiori grandi e pieni di un
bel rosso carminio con striature bianco crema
dal profumo delicato. Bellissimi i boccioli allungati. Pianta che ama il pieno sole e che può
essere coltivata anche in vaso. m 1,20x1,00.
Papà Gontier Rampicante
Hosp, 1898.
Versione rampicante dell’omonimo cespuglio di Nabonnand. Molto vigoroso e fiorifero
è piuttosto spinoso. Fiori carminio sfumati di
rosa con tocchi chiari. Petali reversi per tutta
la lunghezza come le dalie, un po’ scapigliati.
Tollera l’ombra. m 3,50.
Le Rose di Posillipo
48
Paul Lédé
Inghilterra, Lowe, 1913.
“Monsieur Paul Lédé”. Classificato tra gli
ibridi di Tè è un rosaio rustico molto generoso
in giugno, utile per guarnire archi e pilastri.
Fiore pieno rosa albicocca sfumato di giallo
translucido dal profumo dolce e intenso.
m 3,00-4,00.
Papillon
Francia, Nabonnand, 1878.
Rosaio di facile coltivazione può essere utilizzato sia come rampicante che come grande
arbusto. Presenta fiori semidoppi a mazzetti
che si ergono come farfalle, rosa con riflessi
bronzo, profumati. Rosa poco conosciuta ama
posizioni soleggiate. Anche in vaso dà molta
soddisfazione. m. 2,50.
Philippa Pirette
Introdotta da Branchi, 1997.
Questa rosa, trovata all’ingresso di un vecchio
albergo in disuso, è veramente incantevole.
Catalogo 2009
49
La bellezza della forma dei suoi fiori, pieni,
grandi, ma leggeri e dolcemente profumati,
dal colore rosa bronzo e setosi ne fanno un
rosaio veramente prezioso. m 1,50x1,20.
Roi de Siam
Francia, Laffay, 1825.
Piccolo rampicante dai bei fiori rosso carminio intenso, dalla forma perfetta con petali
lievemente piegati sui bordi come le vere Tè.
Il suo profumo è forte e persistente. Non può
mancare in giardino. m 2,50x1,80.
Safrano
Francia, Beauregard, 1839.
Si tratta di un rosaio che, se riparato può diventare un cespuglio abbastanza grande .
Dai boccioli bronzo scuro allungati si aprono
fiori moderatamente doppi giallo zafferano
chiaro con sfumature albicocca e all’esterno
Le Rose di Posillipo
50
un che di perlaceo. Profuma di garofano.
m 1,20x1,20.
Solfatare
Francia, Boyau, 1843.
“Solfaterre, Augusta”. Ama posizioni calde e
soleggiate, splendida appoggiata a un muro
accanto a Lamarque dal cui seme è nata. Fiori grandi, doppi, giallo zolfo chiaro e scuro,
molto Profumati. m 3.00x2.50.
Sombreuil
Francia, Robert, 1850.
“Mlle de Sombreuil, Mme de Sombreuil”. È
una delle rose antiche più belle e non può assolutamente mancare in un giardino. Ha i fiori
grandi e piatti, ricchi di petali, bianco crema
con leggere sfumature di rosa, molto profumati. La forma del fiore è unica e la fioritura
uno spettacolo. m 3,50x2,50.
Catalogo 2009
51
Souvenir de Mme Léonie Viennot
Francia. Bernaix 1897.
Splendido rampicante dalle dimensioni notevoli. Rami grandi e vigorosi con fogliame
verde chiaro portano fiori doppi, rosa, con
sfumature bronzo che virano in albicocca,
intensamente profumati. Resistente al freddo,
non è adatta a crescere in vaso. Questa rosa
ritenuta estinta è stata ritrovata in un giardino
della Nuova Zelanda e reintrodotta in Europa.
m 5,00x4,00.
Souvenir d’Auguste Legros
Francia, Bonnaire, 1890.
Cespuglio dalla crescita vigorosa e il portamento piuttosto allargato. Boccioli elongati
molto eleganti si aprono in fiori rosso cremisi
venati di scuro molto profumati. Preziosa in
aiuole miste. m 1.00x1.00.
Souvenir du President Carnot
Francia, Pernet-Ducher, 1894.
Cespuglio dal portamento eretto, adatto a
crescere in vaso. Eleganti lunghi boccioli si
aprono in corolle grandi e piene, rosa conchiglia sfumato alle estremità dei petali. Molto
profumata. m 0.90
Triomphe du Luxembourg
Francia, Hardy e Sylvan-Péan, 1835.
Rosaio vigoroso dal portamento un po’ spigoloso e forte. Produce fiori singoli, grandi e
pieni di un bel rosa salmone che si illumina di
giallo. Profumato, ha un bel fogliame verde
scuro e lucido, i rami sono molto spinosi.
m 0,90x0,60.
Le Rose di Posillipo
52
Botaniche
Adélaide d’Orleans
Francia, Jacques, 1826.
“Léopoldine d’Orleans, Princesse Adélaide
d’Orleans”. Ibrido di R. sempervirens. Insieme a Félicité et Perpétue, se protetta, è quasi
una sempreverde. I fiori di media grandezza,
rosa crema raccolti a mazzetti, sono delicatamente profumati. Adattissima per archi o supporti orizzontali, per la sua flessuosità e per i
fiori che tendono ad essere penduli.
m 4,50x3,50.
Anemone Rose
Germania, J.C.Schmidt, 1895.
Catalogo 2009
53
“R. laevigata anemonoides”. Botanica rifiorente con rami vigorosi dotati di spine uncinate e foglie chiare lucidissime. Porta fiori
semplici, grandi, color rosa malva, leggeri,
tanto da sembrare di cartavelina. Ha un profumo delicato e persistente, con un tocco vagamente orientale. È di notevole effetto accanto
a Pompon de Paris. m 3,00x2,50.
Canary Bird
Intr. 1908.
“R. xanthina spontanea. Rosa splendida, di
un caldo giallo vivo, crea un cespuglio eretto
allargato, con fitto fogliame, particolarmente
bello ed elegante in autunno quando sfuma
nel bronzo dorato. È fra le prime a fiorire e a
lungo. Ottima come esemplare isolato.
m 2,50x1,80.
Félicité et Perpétue
Francia, Jacques, 1827.
Le Rose di Posillipo
54
“R. sempervirens”. Il suo nome deriva dalle
prime martiri cristiane. Pianta rustica e vigorosa con un’unica eccezionale lunga fioritura.
Grandi mazzi di piccoli fiori, bianco crema con
boccioli rosa cremisi, dal profumo inebriante e
speziato. Rampicante molto conosciuto e apprezzato per la sua velocità di crescita e generosità di fioritura. Bellissima accanto a una rosa
Gigantea. Adatta a grandi pergole. m 6,00.
Fortune’s Banks
Cina, Fortune 1840.
“R. fortuniana, R. fortuneana”. Incrocio fra
R. banksiæ e R. laevigata e quasi privo di spine, questo rosaio è molto interessante. Ha una
fioritura precoce con fiori grandi, singoli o a
mazzi, bianco latte a forma di rosetta, molto
profumati.
Il fogliame verde scuro è molto lu-cido e
gradevole. Ama posizioni calde e riparate. m
4,50x2,50.
Francis E. Lester
Lester Rose Garden, 1946.
Catalogo 2009
55
Ibrido di R. moschata. Vi coglierà impreparati
la spettacolare fioritura di questa rosa. I boccioli rosa corallo si aprono pian piano fino a
formare una coltre di piccoli fiori bianchi con
leggere sfumature rosa molto simili ai fiori
del melo. Il profumo è penetrante e gradevole. m 4,50x3,00.
Gigantea
Himalaya, 1889.
Molto importante come genitrice di molte
rose Tè, può essere utilizzata come esemplare isolato per le sue dimensioni e la capacità di autosostenersi. Presenta rami vigorosi,
dotati di spine uncinate e foglie lucide, come
quelle delle camelie, che portano fiori semplici, grandi, bianchi con stami gialli molto
pronunciati. Il profumo è delicato e leggero.
Accostata a una Rosa banksiae alba plena o a
Félicité et Perpétue dà un effetto straordinario. m 12,00.
Kew Rambler
Gran Bretagna, Kew Garden, 1912.
Ibrido di Rosa soulieana. Grande e vigorosa
sarmentosa che produce nell’unica spettacolare fioritura, mazzi di piccoli fiori rosa con
cuore bianco e stami dorati. Belli i cinorrodi
arancioni in autunno. Utile per molte situazioni, ma soprattutto per crescere sugli alberi.
m 5,50x3,50.
Le Rose di Posillipo
56
Lijiang Rose
Cina.
Ibrido di R. gigantea o Cinese. Introdotta recentemente da Gianlupo Osti, porta il nome
della zona della Cina dal quale proviene. Rosa
stupenda, dalla crescita rapida e vigorosa. I
suoi fiori grandi, globosi e reclinati, sono di
colore rosa sfumato di albicocca. Il profumo
di Tè è intenso. È una rosa eccezionale e richiede grandi spazi. m 5,00.
Maria Leonida
Ibrido di R. bracteata, Moldenke, 1832.
“Leonida”. Rosa caratterizzata da crescita vigorosa e rifiorenza, con foglie sempreverdi. È
indicata per rivestire muri o arrampicare sugli
alberi. Molto robusta si sviluppa notevolmente, senza necessità di supporto. Forma siepi
impenetrabili e non richiede potatura. Fiori
grandi, doppi, bianco crema, a rosetta, che si
presentano in gruppi diffusi, molto profumati.
m 3,00x2,50.
Mermaid
UK, W. Paul, 1917.
Ibrido di R. bracteata. Rosaio gigantesco dal
denso fogliame verde brillante, dona una fio
Catalogo 2009
57
ritura prolungata, con eleganti fiori, grandi e
semplici, giallo zolfo di delicata fragranza. Al
sud porta fiori anche in inverno. Richiede potature minime ed è molto resistente alle malattie. Riesce a coprire grandi spazi. m 10,00.
Purezza
Italia, Mansuino, 1961.
Ibrido di R. banksiæ. Questo splendido rosaio, appartiene al gruppo delle Rose Mansuiniane, ottenute dal celebre ibridatore Quinto
Mansuino da incroci con R. banksiæ. Mazzi
di fiori medi, bianco puro molto profumati.
Rifiorisce in autunno. m 4,00x3,00.
Rosa banksia banksiæ
Cina, Intr. Kerr, 1807.
“Lady Banksia, R. banksiæ Alba Plena,
Snowflake, White Lady Banks”. Questo grande rosaio non porta spine ed appartiene alla
gloriosa famiglia delle banksiane che non
Le Rose di Posillipo
58
mancavano mai nei giardini di una volta. Si
tratta di una pianta vigorosissima in grado di
autosostenersi che dona mazzi di piccoli fiori
a rosetta, doppi, bianchi, dolcemente profumati in un’unica sorprendente fioritura.
m 4,50x3,00.
Rosa banksiæ lutea
Cina, 1824.
“Kimokko Bara, Yellow Lady Banks”. In tutto uguale alla Alba, salvo il colore giallo dei
suoi fiori e la dimensione più grande. Splendida accostata alla rosa Mermaid.
m 6,00x4,00.
R. banksiae lutescens.
Cina 1870.
I fiori semplici sono un po’ più grandi della
R. rosa banksiae lutea. Il profumo più dolce
e il fogliame abbondante sui lunghi rami ne
fanno un rosaio prezioso. Molto vigoroso e
sano. m. 6 x 3.
Rosa banksiæ “normalis”
Cina 1796. Intr.1877.
Catalogo 2009
59
È la vera “specie” di R. banksiæ. Rampicante
fortissimo i cui tronchi, invecchiando, perdono la corteccia e prendono un colore quasi
arancio. Rami lunghi con foglioline piccole.
Diventa una montagna di piccoli fiorellini
semplici, bianchi e profumati. m 8,00.
Rosa bracteata
Cina, 1793.
“Macartney Rose”. Venne portata dalla Cina
da Lord Macartney e si adattò bene al clima
del sud degi USA. Spine feroci su steli grossi
con un bel fogliame piccolo, carnoso, lucido,
verde scuro persistente. Fiori grandi, bianchi
a 5 petali con stami giallo arancio. Fioritura
intermittente da giugno a novembre. Grande
cespuglio strisciante o rampicante. Tollera la
mezz’ombra e ama i climi miti, perfetta addossata a una parete a sud. m 3,00x2,00.
Rosa brunoni “la Mortola”
Giardini Hanbury, Italia, 1954.
Le Rose di Posillipo
60
“Himalayan Musk Rose”. Grande rampicante
dai rami flessuosi, adatta ad arrampicare sugli
alberi, molto vigorosa, ma teme il freddo. Fogliame grigio-celeste, chiaro, lungo e a punta.
Ricchi corimbi di fiori semplici, bianchi con
stami dorati. m 10,00.
R. californica plena.
America 1894.
Eccellente arbusto ornamentale con fiori rosa
lilla semidoppi dal delicato profumo, somiglianti ai fiori dell’Altea. Rosaio dal portamento eretto, ricco di un bel fogliame verde
grigio e rami poco spinosi. Tollera terreni poveri, utile anche come esemplare isolato.
m.2,5 x 1,5.
R. x dupontii.
Europa. Prima del 1817.
Probabile incrocio tra R. gallica x R. moscata. Arbusto dal portamento forte e vigoroso,
rami verde chiaro e fogliame ampio grigio
verde. Belli i fiori bianco puro con stami
pronunciati, dolcemente profumati. Fiorisce
piuttosto tardivamente e occasionalmente rifiorisce a estate inoltrata. m. 2 x 1,5.
Rosa eglanteria
Europa e Asia temperata. 1550 circa.
“Eglantine, R. rubiginosa, R. suavifolia,
Sweet Brier”. Parente della R. canina, questo
cespuglio fitto e spinoso, ha rami legnosi e foglie piccole profumate di mela. I fiori semplici, piatti, rosa sfumato con i petali a forma di
cuore sono molto profumati. Adatta a gruppi
o a siepi di confine: con il vento il profumo
della pianta si sente a notevole distanza.
Da m. 1,80 a 2,50.
R. richardii, R. sancta. The Holy Rose.
Abissinia 1897
Catalogo 2009
61
Fiori semplici di forma bellissima, profumati,
color rosa tenue. Pianta con portamento basso
un po’ allargato, foglie verde scuro e opache.
La sua origine è molto antica e non conosciuta, probabilmente un ibrido di gallica x
macrantha. m. 1 x 1,2.
Rosa farreri persetosa
Cina. Portata da Reginald Farrer dal Gansu
nel 1915.
Cespuglio con rami coperti di setole fiissime
come seta, che portano foglioline minuscole e
fiorellini rosa lilla cm. 1,5 di diametro. Profuma delicatamente e tende a pollonare. Adatta
come esemplare isolato o a gruppi.
m 1,50x1,50.
Rosa filipes “Kiftsgate”
Cina occidentale. Introdotta nel 1908.
Si tratta di una varietà di Rosa filipes trovata nei giardini Kiftsgate. Un vero gigante dai
fiori sdoppi portati a mazzi in grande quantità
nell’unica grande fioritura. I fiori copiosi in
corimbi sono bianco crema con un profumo
intenso e speziato. Migliaia di cinorrodi in autunno. Ha bisogno di grandi spazi, molto utile
per coprire muri o pergole. m 12,00x10,00.
Rosa foliolosa
Nord America, 1840.
Nuttal ex Torrey & Gray. Coltivata in Europa
dal 1880. Arbusto con rami ricurvi, esili, quasi senza spine.
Fogliame allungato, particolarmente bello,
fiori semplici color fuxia, con stami dorati in
evidenza, leggermente profumati. Adatta a
colonizzare suoli anche molto poveri.
m 0,80x1,20.
Rosa gentiliana
Cina, 1886 o 1907.
Introdotta da Léveillé e Vaniot. “R. multiflora
cathayensis”. Pianta vigorosa con fiori bianchi dal bordo leggermente rosato, disposti a
mazzi ricadenti e dal bel fogliame verde blu.
Ha un buon profumo. m 2,00x1,00.
Rosa glauca
Coltivata dal 1814, sulle montagne del Sud
Le Rose di Posillipo
62
Europa, dai Pirenei alla Jugoslavia. Lunghi
rami eretti rosso scuro, fogliame che nasce
rosso per diventare poi bluastro rendono questo rosaio particolarmente interessante. I rametti più giovani sono violetti e si sposano
molto bene con i piccoli fiori rosa lilla dai petali appuntiti e dal profumo leggero. Ottima
per grandi siepi che si ricoprono di cinorrodi
rossi. m 1,80x2,50.
Rosa laevigata
Cina.
Introdotta in Europa nel 1780 circa, fiorisce
solo nei paesi meridonali come Spagna, Italia,
Grecia e sud della Francia. Negli Stati Uniti in
Georgia, cresce nei campi, e viene chiamata
“Cherokee Rose”. Rami lunghi arcuati, con
foglie lucide permanenti, verde brillante, spine rade ma forti. Fiori semplici molto grandi,
singoli, bianco crema con stami gialli ben visibili. Profumo delicato. m 6,00.
Rosa longicuspis
Cina Occidentale.
Itrodotta da F. Kingdom Ward, nel 1915. Rosaio gigantesco e vigoroso, particolarmente
adatto a crescere sugli alberi, ama posizioni
calde e riparate.
Non perde quasi mai le foglie, che nascono
rossastre per diventare poi verde scuro, lunghe e seghettate. Produce grandi corimbi di
fiori bianchi semplici con stami gialli molto
pronunciati dal profumo delicato.
m 9,00x4,50.
Catalogo 2009
63
R. macrantha.
Circa 1880.
Originatasi probabilmente dalle Galliche, è un
arbusto molto vigoroso dal portamento ampio.
Fiori abbondanti, semplici, rosa che va a sfumare nel bianco con stami molto prominenti e
buon profumo. Abbondante il fogliame verde
scuro. In autunno si copre di frutti rossi molto
ornamentali. m. 1,3 x 1,8.
R. moschata.
Sud Europa – Medio Oriente. Molto antica.
Piccolo rampicante con fogliame grigio verde
e rami con rade spine uncinate. Grandi grappoli di fiori bianco crema molto profumati
compaiono a Luglio e continuano la fioritura
fino a Settembre. Frutti piccoli ovati.
m. 3 x 2.
R. roxburghii, Burr Rose, Chesnut Rose.
Cina 1814.
Arbusto medio alto dal portamento allargato. I
rami sono bruno bronzei leggermente angolosi con spine lunghe e forti disposte a coppie.
Ha foglie composte fino a 15 fogliole piccole
verde chiaro e molto fitte. Fiori semplici rosa
madreperlaceo. Il frutto sferico giallo arancio
è ricoperto di una peluria corta e rigida.
m. 2,5 x 2,5
Le Rose di Posillipo
64
Rosa roxburghii plena
Cina, Himalaya, Giappone. 1814, Rehder.
“Chesnut Rose”.
Arbusto con rami incurvati, forti, che invecchiando diventano grigio beige. Fogliame
piccolo e chiaro, molto gradevole, accompagna una bella fioritura rosa vivo, profumata.
Particolari i cinorrodi che somigliano al riccio
di una castagna. Accostata ad un muro questa
splendida rosa si arrampica, ma dà il meglio
di sé come esemplare isolato. m 2,50-3,00.
Rosa rubus
Cina centro occidentale. Introdotta el 1907.
“Blackberry rose”. Si tratta di una varietà
molto simile alla Rosa helenae. Nell’unica
lunga fioritura, dona mazzi ricchi di piccoli
fiori biancorosati da profumo intenso. Molto
rampicante, si riempie poi di cinorrodi rosso
violacei grandi come piselli. m 6,00.
Catalogo 2009
65
Sir Cedric Morris
Gran Bretagna.1979.
Ibrido spontaneo tra Rosa glauca e Rosa mulliganii. Si tratta di un vero e proprio gigante
e come tale richiede il suo spazio. Fogliame
verde grigio su lunghi rami, produce grandi
mazzi di piccoli fiori bianchi profumati, in cui
spicca il giallo dorato degli stami. Fioritura
lunga e copiosa, dona in autunno numerosi
piccoli cinorrodi arancioni. Splendida per rivitalizzare un albero morto o un muro.
m 10,00-12,00.
Sénateur La Follette
France, Busby, 1900 circa.
“La Follette”. Ibrido di R. gigantea. Rosa
molto affascinante dalla rapida crescita e lunga fioritura. Bellissimi i lunghi boccioli che si
aprono in fiori grandi, dal profumo fragrante,
rosa carico sfumato, dall’aspetto un po’ scapigliato. Copioso fogliame verde scuro. Splendida accanto alla Rosa gigantea sua progenitrice. m 6,00-8,00.
Wedding Day.
Gran Bretagna. Stern 1950.
Ibrido di R. sinowilsonii, è una rosa notevole
e di carattere. Fogliame verde brillante molto
lucido e fusti quasi privi di spine. Fiori grandi
con stami gialli prominenti raccolti in grandi
Le Rose di Posillipo
66
mazzi profumati, belle bacche in autunno.
Portamento rampante capace di arrampicare
su alberi e pergole, tollera l’ombra.
m. 9 x 4.50.
Catalogo 2009
67
Wichuraiane
Albéric Barbier
Francia, Barbier, 1900.
Si tratta di una bellissima e robusta sarmentosa
molto comune nei vecchi giardini. Dal fogliame ricco e lucido, molto scuro, spiccano fiori
molto doppi e quartati, bianco avorio, profumati di mela. Ha una lunga e copiosa fioritura
che a volte ripete in autunno. Eccezionale su
grandi muri o lasciata crescere liberamente su
di un albero. m 4,50x3,50.
Albertine
Francia, Barbier, 1921.
Una delle rose più romantiche, porta il nome
di un personaggio di Proust. Rosaio stupendo
capace di coprire densamente qualsiasi super-
Le Rose di Posillipo
68
ficie. I boccioli sembrano confetti rosa salmone, si aprono poi in fiori rosa corallo, finendo
poi rosa sfumato. Emana un profumo intenso
ed è adatta ad arrampicarsi lungo un pergolato
o su di una parete. m 4,50x3,50.
François Juranville
Francia, Barbier, 1906.
Cespuglio sarmentoso, con foglie verde scuro, piccole, molto lucide, con riflessi bronzei.
Fiori molto raffinati, piccoli, eleganti, color
corallo rosa, gialli al centro. I lunghi rami
flessuosi la rendono particolarmente adatta a
pillar o catenarie. m 4,50x3,50.
Leontine Gervais
Francia, Barbier, 1903.
Eccellente sarmentosa, alta e vigorosa, dal
fogliame verde scuro lucidissimo. I fiori raccolti a mazzi, sono doppi, piatti e arruffati, di
Catalogo 2009
69
un bel colore salmone e giallo, con sfumature
rosso arancio. Bellissima arrampicata assieme alla R. laevigata. m 4,45x3,50.
May Queen
USA, Van Fleet-Glenn Dale, 1898.
Rampicante vigorosa, lunghi sarmenti, fogliame fittissimo, lucente, molto spinosa. Produce
una grande massa di fiori rosa lilla luminoso,
a mazzetti, molto profumati. Si adatta molto
bene in qualsiasi posizione, se lasciata libera,
diventerà un enorme cespuglio denso e arcuato, da usare come esemplare isolato.
m 4,50x2,50.
Paul Transon
Francia, Barbier, 1900.
Questo rampicante presenta un bel fogliame
lucido verde brillante che si combina bene
con i fiori, molto doppi e piatti, di un bel sal-
Le Rose di Posillipo
70
mone carico con toni ramati e giallo crema.
La sua flessuosità lo rende adatto a catenarie e
pergolati. Una delle poche sarmentose capaci
di rifiorire dopo una prima intensa esplosione
di colori. m 3,00x2,50.
Rosa wichuraiana
Cina, 1860.
Questa sarmentosa è l’antenata di molte rose
rampicanti. È sempreverde ed ha un bel fogliame lucido e scuro. Produce grandi corimbi di fiori bianchi, semplici e dal profumo
delicato. Molto robusto e resistente, fiorisce
tardivamente. m 6,00.
Catalogo 2009
71
Pimpinellifoliae
Rosa foetida
Asia sec.XVI.
“Rosa lutea Miller, Austrian Briar Rose, Austrian Yellow Rose”. Si tratta di una rosa molto importante come portatrice del colore giallo
nelle rose moderne. Arbusto dal portamento
eretto, con rami marroni quando sono giovani
e grigi quando invecchiano. I fiori giallo oro
spiccano sul fogliame molto decorativo. Profumo un po’ acre. Da impiegare come esemplare isolato. m 2,50x1,50.
Rosa foetida “persiana”
Asia, 1837.
Le Rose di Posillipo
72
“Persian Yellow Rose, Rosa lutea plena, Rosa
lutea persiana”. Arbusto con rami incurvati
che nascono verde chiaro e invecchiando diventano color tabacco. Fiori globulari, doppi,
di un vivissimo giallo oro con stami arancio,
su un fogliame verde scuro, la rendono molto
deorativa. m 1,80x1,20.
Rosa ecae - Aitch
Intr. nel 1880 dall’Afghanistan in Inghilterra.
Arbusto eretto dai rami bruni, molto spinoso,
con piccole foglie verde scuro dentellate. I
fiori molto piccoli, graziosi, semplici, giallo
vivo abbondanti sui rami. Rosa molto particolare può essere usata come esemplare unico.
m 1.50x1.50.
Rosa hemisphaerica
Turchia, prima del XVII sec.
“Rosa sulphurea”. Introdotta in Olanda da
Catalogo 2009
73
Clusio verso il 1600. Cespuglio leggero, alto,
con fogliame verde grigio chiaro, pollonante. Fiori sferici, singoli, pieni, e come dice il
nome giallo sulfureo. Una rosa bellissima prima che fiorisce, ma, basta un po’ di pioggia, e
i fiori non si aprono e marciscono sulla pianta.
Rosa dai molti amatori. m.1,50x1,180.
Rosa hugonis
Cina nord-occidentale, 1899.
I semi vennero portati a Kew da Padre Hugh
Scallan. Cespuglio molto bello con rami marroni e spine uncinate. Foglioline piccole, delicate, verde medio, simili a quelle delle felci.
Fiori semplici, giallo zolfo, prodotti in grande
quantità. Cinorrodi piccoli rosso scuro. Utile
come esemplare isolato. m 2,50x2,50.
Rosa primula
Turkestan e Cina settentrionale, intr. nel
1910.
“Incense Rose”. Cespuglio diritto o angoloso
Le Rose di Posillipo
74
con rami rossi che poi diventano marroni, pieni di spine feroci. Fiori singoli giallo chiaro,
si appoggiano leggeri come farfalle sui rami e
spiccano fra le minuscole foglioline aromatiche. Lunga fioritura precoce e un intenso profumo fra incenso e mirra. Bello come esemplare isolato. m 2,50.
Rosa sericea “Pteracantha”
Cina occidentale, Sichuan, intr. 1890.
Cespuglio molto allargato, con rami diritti e
foglioline minuscole. “Pteracantha” significa “spine a forma di ali”, infatti i nuovi rami
producono spine rosso rubino, trasparenti,
grandissime, che poi diventano matte e grigie.
Fiori piccoli, bianchi, a quattro petali, leggermente profumati e poi in autunno, cinorrodi
arancioni. Rosa molto particolare, da usare
solo come esemplare isolato. m 3,00.
Stanwell Perpetual
UK, Lee, 1838.
Catalogo 2009
75
Cespuglio dal portamento leggero ed elegante, con rami ricadenti, dal fusto spinoso rossastro e piccole foglie verde grigio. Fiori rosa
pallido, doppi e delicatamente profumati, che
sembrano di cartavelina. Rosa di grande rifiorenza, piuttosto insolita e robusta. Molto bella
da sola, ma anche in piccoli gruppi.
Le Rose di Posillipo
76
Rose fuori catalogo
Sono disponibili anche alcuni esemplari delle antiche varietà più conosciute tra Galliche, Alba, Damascene, Centifolie, Muscose,
Portland, Bourbon, Moschata, Ibridi Perenni e Rugose
Belle Poitevine.
Francia. G. Bruant. 1894. Rugosa.
Arbusto alto, compatto e spinoso dal bel fogliame verde scuro. I fiori, dai boccioli lunghi e appuntiti, si aprono grandi, quasi doppi
di color magenta. Rifiorente dona in autunno
grossi frutti rosso scuro. m. 1,8 x 1,5.
Blanc Double de Coubert
Francia, 1892, Cochet-Cochet & Coubert.
Ibrido di rugosa.
Cespuglio denso dal fogliame ricco verde
scuro. Fiori bianchi, quasi doppi, leggerissimi
da sembrare di cartavelina, molto profumati.
Rosa bellissima sia sola che in compagnia di
altre rugose come Hansa e Scabrosa.
m 1,50x1,20.
Buff Beauty.
Gran Bretagna. Pemberton. 1939 o prima.
Catalogo 2009
77
Una delle migliori fra gli ibridi di Moschata.
Arbusto vigoroso dal portamento aperto con
fogliame verde scuro.
I fiori doppi, molto profumati, prodotti in
grandi mazzi, si aprono a forma di coppa. Il
colore varia a seconda del tempo e del terreno, dal giallo all’albicocca sfumando a volte
verso il primula. m. 1,5 x 1,5.
Boule de Neige
Francia, 1867, Lacharme. Bourbon.
“Snowball”. Arbusto piuttosto alto e stretto
dal fogliame scuro. I fiori si presentano in
mazzi con boccioli inizialmente tinti di rosso
porpora, che poi si aprono in corolle globose,
doppie, bianco neve, molto profumate. Può
essere coltivata con successo anche in vaso su
balconi e terrazzi, oppure per bordure in secondo piano. Tollera l’ombra. m 1,20x0,80.
Le Rose di Posillipo
78
Celsiana
Antecedente al 1750. Damascena.
Arbusto con rami incuvati e portamento morbido e arioso. I fiori si raccolgono in grandi
infiorescenze che emanano un dolcissimo
profumo. Le corolle sono grandi, semidoppie,
rosa delicato con stami dorati al centro. Rosa
splendida ed elegante, molto vigorosa, può
essere impiegata sia singola che in gruppi, oppure per realizzare siepi particolarmente raffinate. Tollera i terreni poveri. m 1,50x1,20.
Charles de Mills.
Francia.
Varietà antica proveniente dalla collezione
della roseraie de l’Hay. Rosa di incerta origine, ma tra le migliori galliche. Pianta vigorosa
con fogliame scuro, fiori grandi e profumati
Catalogo 2009
79
in una mescolanza di porpora intenso appena
piu chiaro alle estremità dei petali.
m. 1,2 x 1,2.
Clothilde Soupert
Luxembourg, Soupert & Notting, 1890. Polyantha.
Piccolo cespuglio dal fogliame denso verde
chiaro. Fiori grandi, pieni dai petali imbricati bianco perla all’esterno, e rosa sfumato
al centro. Leggermente profumata è una rosa
molto fiorifera. m 050x080.
Cornelia
Gran Bretagna, 1925, Pemberton. Ibrido di R.
moschata.
Arbusto vigoroso, con fiori piccoli, doppi, raccolti a mazzetti, color rosa albicocca sfumati
di rosa scuro, profumati. In autunno donano
una seconda fioritura di una tonalità più calda,
sui rami prodotti durante l’estate. È bella lasciata crescere liberamente. m 1,50x1,50.
Coupe d’Hébé
Francia, 1840, Laffay, Bellevue-Meudon.
Bourbon.
Cespuglio piuttosto alto con fogliame verde
chiaro. Fiorisce generosamente in primavera
e ripete qulche volta in autunno. Splendidi
fiori, doppi, grandi, globosi, profumatissimi
color rosa intenso. m 2,00x1,20.
Cuisse de Nimphe
Francia, antecedente al 1738. Alba.
Le Rose di Posillipo
80
“Great Maiden Blush, Incarnata, La Royale,
La Séduisante, La Virginale, R. alba incarnata, R. carnea”. Cespuglio alto, eretto, rami
solidi con poche spine, su cui si aprono fiori
morbidi, doppi, rosa chiaro, a forma di rosetta, deliziosamente profumati. Rosaio robusto
che crescerà senza paura anche in posizioni
difficili. Bello e versatile per molti accostamenti. m 2,50x1,50.
Duchesse d’Angoulême.
Francia. Vibert 1835.
Imparentata forse con le centifolie, questa
rosa dai fiori stupendi rosa carnicino, doppi e
delicati nello stesso tempo, molto profumati,
non può mancare in un giardino. La loro trasparenza e leggerezza forse all’origine del
sinonimo “ Wax Rose”. m. 1,2 x 1,2.
Duchesse de Portland
1790 circa. Portland.
“Paestana, Portland Rose, R. paestana, Scar-
Catalogo 2009
81
let Four Season”. Sembra che questa rosa sia
stata introdotta in Inghilterra dall’Italia dalla
duchessa di Portland, intorno al 1800, e la sua
origine derivi da un’incrocio fra R.damascena
bifera x R. chinensis semperflorens. Arbusto
con rami diritti, fogliame scuro, fiori semidoppi e semplici, cremisi brillante con stami
dorati in evidenza, intensamente profumato.
m 0,90x0,90.
Kathleen.
Gran Bretagna. Pemberton. 1922.
Ibrido di Moschata. Rosaio molto vigoroso
dal fogliame verde scuro e fusti grigio verdi
Fiori di media grandezza, quasi semplici, di
color rosa chiaro con sfumature più scure delicatamente profumati. m. 2,5 x 1,5.
Empereur du Maroc.
Francia. Guinoisseau 1858.
Da un seme di “Géant des Batailles » nasce
questa superba rosa dai fiori stradoppi con
apertura piatta, color cremisi intenso molto
profumati. I fiori in grandi grappoli qualche
volta sono troppo pesanti per essere sostenuti
dai rami spinosi. Una buona potatura rimedia
l’inconveniente. Molto rustica ma sensibile
all’oidio. m. 1,2 x 1.
Enfant de France.
Francia, 1860, Lartay. Ibrido perenne.
Cespuglio di dimensioni medie, con bel fogliame verde chiaro. Fiori grandi, pieni, molto doppi, di colore rosa con riflessi argentei,
molto profumati. Adatto a essere coltivato sia
in giardino che in vaso. m 1,20x0,90.
Rosa gallica “Complicata”
Origine e data sconosciuta, Medioevo.
Le Rose di Posillipo
82
Ibrido di Rosa gallica. È una delle rose a fiore semplice più bella. Corolle molto grandi,
rosa brillante con centro più chiaro e stami
dorati, molto pronunciati. Cespuglio grande,
molto vigoroso con bel fogliame. Fioritura
spettacolare a maggio, forma siepi dense dal
colore verde vivo.
m 2,00x2,50.
Rosa gallica “Officinalis”
Europa, Asia, 1600. Ibrido di Rosa gallica.
“Double French Rose, Officinalis, Red Rose
of Lancaster, Apothecary’s Rose”. Rosa storica, scelta dalla famiglia dei Lancaster, come
emblema nella guerra delle Due Rose. Sin dal
Medioevo è stata utilizzata per produrre profumi, acqua di rose e per vari impieghi medicinali. Arbusto basso e compatto, produce fiorisemidoppi, cremisi con stami dorati, molto
profumati. Per la sua tendenza a pollonare è
adatta a colonizzare aree del giardino dove si
voglia coprire il terreno, oppure per realizzare
bordure. m 0,70x0,70.
R. gallica “Versicolor”. Rosa Mundi.
Europa – Asia Occidentale.
Molto antica , è una mutazione della r. gallica
officinalis alla quale è identica tranne che per
il colore variegato,in una mescolanza di cre-
Catalogo 2009
83
misi chiaro e bianco. Molto profumata forma
assieme alla gallica officinalis delle siepi bas-
se e compatte. Una antica leggenda dice che
prese il nome da “Fair Rosamund” amante di
Enrico 2°. m. 0,9 x 0,9.
Gruss an Aachen.
Germania. Hinner 1909.
Classificata come ibrido di te o floribunda.
Pianta bassa e cespugliosa dalbel fogliame
verde scuro. Fiori armoniosi, doppi, profumati, di un bel colore che va dal rosa albicocca
al bianco crema. Costantemente in fiore è una
superba piccola preziosa rosa. m. 0,6 x 0,6.
Hansa
Olanda, 1905, Shaunt & Van Tol. Ibrido
di R. rugosa.
Cespuglio molto vigoroso con bel fogliame
verde scuro e denso. Fiori grandi, doppi, rosso purpureo, prodotti per una lunghissima stagione. Profumo intenso e magnifici cinorrodi
Le Rose di Posillipo
84
rossi, grossi e tondi. Splendida per realizzare
siepi o gruppi con altre rugose. m 1,50x1,50.
Iceberg
Germania, 1958, Kordes. Floribunda.
Rosa molto famosa per i suoi fiori candidissimi. semidoppi, raccolti a mazzi, presenti per
tutta la stagione. Arbusto sano, quasi senza
spine, con fogliame lucido e scuro. Rosaio
molto versatile, può essere coltivata anche in
vaso. m 0,90x0,70.
Iceberg climbing
Cant, 1968.
La forma rampicante di questa varietà, mantiene tutte le belle qualità del cespuglio. È
adatta a creare pareti fiorite di grande bellezza. m 5,50x3,00.
Impératrice Josephine, R. x francofurtana.
Francia. Descemet. 1815 circa.
Cespuglio dal portamento piuttosto allargato
ma denso di fogliame e privo di spine.
I fiori singoli o in bouquet, eccezionalmente
profumati, sono di un bel rosa intenso venato
di lavanda. Una rosa fascinosa che non può
mancare nel vostro giardino. m. 2 x 1,2.
Ispahan.”Pompon des Princes, Rose d’
Ispahan “. Medio Oriente 1832.
Arbusto eretto dal bel fogliame e poco spinoso. In confronto alle altre damascene, ha una
lunga stagione di fioritura.
I fiori rosa chiaro dai petali un po’ disordinati
Catalogo 2009
85
sono molto attraenti e profumati.
m. 1,5 – 1,8.
Jacques Cartier
Francia, Moreau – Robert, 1868. Portland.
Arbusto dalla crescita eretta e compatta, produce una gran quantità di bellissimi fiori,
doppi, pieni, un po’ appiattiti i cui petali si
arruffano al centro.
Il colore rosa intenso è molto luminoso e il
profumo, tipico delle rose damascene, è molto persistente. Rifiorente, è adatta a crescere
anche in vaso. m 1,00x0,90.
Kazanlik
Medio Oriente, molto antica. R. damascena.
“Trigintipetala”.
Pianta coltivata da secoli in Bulgaria, assieme
alla rosa Alba Semiplena, per produrre essenza di rosa. I petali profumati, sono ideali per
essere conservati sotto forma di “pot-pourri”.
Le Rose di Posillipo
86
Cespuglio vigoroso, con fogliame verde scuro,
produce fiori doppi, un po’ arruffati, con petali leggeri di color rosa caldo. m 2,00x1,20.
Lavander Lassie
Germania, Kordes, 1960. Ibrido di R. moschata.
Se lasciata crescere liberamente, questo arbusto si sviluppa molto alto, aggraziato, in lunghi tralci, con bellissimo fogliame. Produce
grandi mazzi di fiori doppi rosa lavanda, gra
devolmente profumati, in continuità per tutta
la stagione. Molto sana e vigorosa , può essere utilizzata anche per siepi basse sostenuta
da paletti. m 1,50-2,00x1,50.
La Ville de Bruxelles.
Francia. Vibert 1836. Damascena.
Arbusto forte, vigoroso, eretto e piuttsto alto.
I fiori grandi pieni, molto profumati, sono di
un bel rosa puro, quartati e con piccolo occhio
al centro. Il suo ottenitore, Vibert, dice che ha
un “fogliame singolare”. m. 1,8.
Marie Pavié
A. Alégatière, 1888. Polyantha.
Catalogo 2009
87
Cespuglio compatto e allargato, quasi senza
spine, dal fogliame abbondante verde scuro.
Fiore medio, semidoppio, raccolto in piccoli
bouquet, bianco rosato deliziosamente profumati. m 0,80x1,00.
Mme. Louis Lévêque
Francia, 1898, Lévêque. Centifolia Muscosa.
Cespuglio fitto, dai rami eretti e tomentosi,
con grandi foglie verde scuro. I fiori, di un
tenero rosa caldo, sono globosi e si aprono a
coppa, molto grandi, come poggiati nel loro
nido di tomento. Petali morbidi e setosi, molto profumati, ne fanno una rosa veramente eccezionale. m 1,50x1,00.
Mme Pierre Oger.
Francia. Oger – Verdier. 1878. Bourbon.
Le Rose di Posillipo
88
Mutazione della “La Reine Victoria”. Fiori
a coppa come piccole ninfee rosa argentato
molto chiaro, translucidi, deliziosamente profumati. Cespuglio medio con bel fogliame.
m. 2,2 x 1,2.
Mme Sancy de Parabère.
Francia. Bonnet 1874.
Una delle poche rose Boursault. Fiori doppi e
grandi rosa intenso con petali un po’ arricciati all’interno e allungati a smerlo all’esterno.
Profumo delicato, fogliame verde scuro, fusti
senza spine. Rosa bellissima e unica.
m. 4,5 x 3.00.
Nozomi
Giappone, 1968, Onodera. Tappezzante.
Catalogo 2009
89
Una pianta densa e ricoprente, con fogliame
minuscolo verde brunito e spine uncinate.
Ideale per ricadere da un muretto, oppure in
contenitori alti. Molto decorative le foglioline
lucidissime su cui spicca una copiosa fioritura di piccoli fiorellini semplici, bianco crema,
leggermente rosati, dal delicato profumo.
m 0,50x1,80.
Omar Khayyam.
Gran Bretagna. 1894.
Ottenuta ai Kew Garden. Damascena. La leggenda vuole che dai semi di un rosaio trovato sulla tomba del poeta Omar Khayyam nel
Nashipur sia nata una pianta cresciuta sulla
tomba di Edward Fitzgerald e da questa propagata fino a noi. Cespuglio piuttosto basso
con fogliame grigio verde e fiori di un bel
rosa luminoso. m. 0,9 x 0,9.
Pink Pavement.
Germania. Baum 1985. Ibrido di rugosa.
Questa rosa poco conosciuta vive bene nelle
penombre di giardini o parchi, anche rivieraschi perchè è molto resistente ai venti marini.
Arbusto di medie dimensioni con splendido
fogliame verde scuro e bellissimi fiori semidoppi, rosa carico, dolcemente profumati. Ripete la fioritura nella stagione. Adatta anche
per siepi o gruppi di più esemplari. m. 1,5.
Pink Surprise
Ibrido di R. bracteata x R. rugosa.
Le Rose di Posillipo
90
Pianta molto vigorosa, dal bel fogliame da rugosa e rami da bracteata irti di grosse spine.
Fiori grandi, singoli, semplici, bianchi con
stami dorati molto evidenti, e ogni tanto la
sorpresa di qualche fiore rosa. Ha una lunga
fioritura e può essere lasciata crescere libera,
sia come cespuglio molto fitto che appoggiata
come un piccolo rampicante. m 2,50x3,00.
Quatre Saisons
Medio Oriente, molto antica. “R. x damascena bifera, Autumn Damask”.
Rosa molto antica, forse un incrocio tra Rosa
gallica x Rosa moschata. Cespuglio un po’ allargato con fogliame grigio e vellutato. Fiori
grandi, doppi, ma con petali non fitti di grandi
dimensioni e colore morbido, rosa luminoso,
molto profumati. Fiorisce una seconda volta e
tollera la potatura meglio della maggior parte
delle rose di questo gruppo. m 1,20x0,90.
Raubritter.
Germania, Kordes, 1936. Ibrido di R. macrantha.
Catalogo 2009
91
Arbusto strisciante di grande fascino, eccellente per scarpate, oppure posta al piede di
altre rose che tendono a spogliare alla base.
Mazzi di fiori a coppa, semidoppi, rosa argentato brillante, nascono lungo rami spinosi,
immersi in un fogliame opaco, verde grigio.
Al termine della fioritura, purtroppo, soffre
per l’oidio. m 0,90x1,80.
Rose de Rescht
Iran. 1840. Intr. 1932.
Collocazione incerta fra Damascene e Portland. Pianta vigorosa, con foglie abbondanti
grandi scure. I fiori, di colore rosso-fuxia con
sfumature porpora, hanno la forma a rosetta,
quasi a pompon e sono prodotti a gruppi, tra
una gran quantita di foglie. Il profumo è inebriante. Ideale per essere impiegata in piccoli
spazi e in posizioni di primo piano. Adatta anche in vaso. m 1,00x1,00.
Sally Holmes
Gran Bretagna, Holmes, 1976. Ibrido di
R.moschata.
Le Rose di Posillipo
92
Arbusto dal portamento eretto con bel fogliame, sano e vigoroso. Un vero spettacolo sono
le enormi infiorescenze avorio con leggere
sfumature rosate, formate da fiori sdoppi di
grandi dimensioni, delicatamente profumati.
Una rosa affidabile, versatile e sempre in fiore. m 1,80x1,80.
Scabrosa
Gran Bretagna, Harkness, intr. 1960. Ibrido di
R. rugosa.
Cespuglio denso ed eretto, con fogliame
bellissimo, verde scuro, su cui spiccano fiori
enormi, color ciliegia argentato con stami dorati bene in mostra. Molto profumata, questa
rosa è adatta per siepi o in gruppo con altre
rugose più chiare. m 1,80x1,20.
Souvenir de la Malmaison
Francia, 1843, Beluze. Bourbon.
È la più bella e famosa delle Bourbon, il cui
nome deriva dal giardino collezione dell’Im-
Catalogo 2009
93
peratrice Josephine. Rosa di rara bellezza,
purtroppo teme l’umidità. Infatti le fioriture
estive e autunnali, meno umide di quelle primaverili, sono decisamente più appaganti. I
fiori sono grandi, doppi, quartati, biancorosati con sfumature più scure al centro, molto
profumati. Bellissima appoggiata ad un castelletto. m. 2,50. Cespuglio m.1,50x1,50.
Thérèse Bugnet
Canada, 1950, Bugnet. Ibrido di R. rugosa.
Rosa dalla vegetazione densa e forte, portamento elegante, con foglie lunghe verde pisello. Fiori doppi, grandi, arricciati, rosa scuro
che schiarisce gradualmente, molto numerosi
e profumati. Resiste bene anche a mezz’ombra. Particolarmente adatta per siepi o gruppi.
m 1,50x1,80.
Tuscany Superb.
Gran Bretagna. Paul 1848.
Le Rose di Posillipo
94
Mutazione della “Tuscany”. È una rosa superba, dai fiori semidoppi grandi, profumati, rosso scuro vellutato con stami dorati molto pronunciati. Ne esistevano molte varietà adesso
estinte. m. 1,2 x 1.
Vanguard
USA, 1932, Stevens. Ibrido di R. wichuraiana x R. rugosa alba.
Arbusto molto vigoroso che produce fiori
semidoppi di color salmone bronzeo, molto
profumati. Ha una crescita eretta con fogliame ricco lucido e scuro. Adatta come grande
arbusto o piccola rampicante. m 2,50x1,80.
Veilchenblau.
Germania. J. K. Schmidt. 1908. “Bleu violet,
Blue Rambler, The Blue Rose”.
Rampicante vigoroso o grande arbusto che si
Catalogo 2009
95
apre a fontana. Produce grandi mzzi di piccoli fiori semidoppi, profumati, color lavandaporpora chiazzati di bianco al centro. Maturano verso il lilla bluastro e scoloriscono sul
lilla grigio. Bellissima accanto a Rambling
Rector quando i rispettivi fiori si fondono fra
loro creando un buon effetto d’insieme.
m. 4 x 3.
Rosa multiflora ‘watsoniana’
Ibrido di Rosa multiflora
Probabilmente una variertà orticola giapponese introdotta negli Stati Uniti prima del
1870. Grande cespuglio, molto particolare per
via del suo fogliame inconsueto che ricorda
quello del bamboo.Corimbi di fiorellini minuscoli biancorosati. m 1,80x1,50.
Le Rose di Posillipo
96
Messa a dimora
Una volta scelto il posto in cui piantare una
rosa, in base all’esposizione e al tipo di pianta, procedete alla piantumazione ponendo la
rosa nel contenitore o nel terreno, evitare tale
operazione quando il terreno è bagnato o gelato. Bisogna ancora rammentare che non va
mai piantata una rosa dove precedentemente
ve n’era un’altra, lo sviluppo della nuova sarebbe gravemente compromesso dai microorganismi residui, se la pianterete in un vaso
cambiate la terra, se la rosa andrà in piena terra, fate una buca profonda mezzo metro e larga 40 cm di diametro e cambiate il terreno.
Usate sempre un terriccio che non abbia un
ph, livello di acidità, superiore a 7.
Assicuratevi che il punto d’innesto sia al livello del terreno e innaffiate abbondantemente ricordando che le rose non amano il ristagno d’acqua.
Quando le innaffiate, evitate di bagnare le
foglie e irrigate solo il piede della rosa e nel
periodo estivo curate di innaffiare non spesso,
ma con abbondanza in modo da raggiungere
le radici profonde e abituare la pianta a cercare l’umidità in profondità.
Concimazioni
e trattamenti
Usate un concime organico, letame maturo, almeno una volta all’anno, in autunno e
concimate con concime inorganico a febbraio
prima della ripresa vegetativa.
Va considerato che le piante ben arieggiate e
ben tenute si ammalano poco, ma mal bianco
e oidio sono in agguato e allora i trattamenti
vanno effetuati in maniera preventiva e solo
durante la ripresa vegetativa delle piante: fungicida: a base di rame e di zolfo ( verderame)
Catalogo 2009
97
ogni 4-5 settimane, insetticida sistemico a largo spettro una o due volte l’anno.
Rispettate
il riposo delle rose
Il riposo delle rose è dovuto alla mancanza di
calore in inverno e all’eccessivo calore in estate lasciatele tranquille e aspettate fiduciosi.
Le Rose di Posillipo
98
Bibliografia
Accati Elena – Costa Elena. Theatrum rosarum.
U.Allemandi & C.Torino 2005
Austin David. The Heritage of the Rose. Antique collectors’ Club Ltd. Suffolk, 1990
Austin David. English Roses. Conran Oatopus Limited. London, 1993
Beales Peter. Le Rose Classiche. Zanichelli. Bolo-gna,
1989
Beales Peter. Le Rose del XX secolo. Zanichelli. Bologna, 1990
Bosi Anna Maria. Rose Antiche, Edagricole, Bolo-gna,
1998
Dikerson C. Brent. The Old Rose Advisor. Timber
Press, Portland Oregon,1992
Ducrot Vicky, Un giardino per le rose, Ed I viaggi dell’elefante, Roma, 2001
Coggiati Stelvio. Rose di ieri e di oggi. Mondadori,
Milano. 1986
Gibson Michael. Growing Roses. Croom Helm Ltd,
Kent, 1984
Joyaux Francois, La rose de France, Imprimerie Nationale , Paris,1998
Joyaux Francois, Nouvelle Encyclopedie des Roses
anciennes, Ulmer, Paris 2005
Harkness Jack. Roses. J M Dent & Sons Ltd, Lon-don,
1978
Mollia Michela. Rose Rampicanti. Edagricole, Bo-logna, 2001
Paterson Allen. La Storia della Rosa. Garzanti, Milano, 1984
Phillips, Roger e Rix Martin. Riconoscere le rose. De
Agostini, Novara, 1968
Quest- Ritson Charles &Brigid Encyclopedia of Roses.
The Royal Horticoltural Society,2003
Thomas Graham Stuart, Shrub Roses Today. J M Dent
& Sons Ltd, London, 1986
Thomas Graham Stuart, Le Rose rampicanti, Rizzoli,
Milano, 1980
Thomas Graham Stuart, Le Rose antiche da giardino,
Rizzoli , Milano, 1981
Catalogo 2009
99
Condizioni di vendita
Si ricorda che le piante sono vendute in vaso
e quindi possono essere piantate in qualsiasi
periodo dell’anno anche se consigliamo di acquistarle nei mesi di febbraio-marzo, a radice
nuda, sia per avere una maggiore scelta varietale, sia per godere di una più ricca fioritura.
Gli acquisti si possono fare direttamente al
vivaio che è visitabile per appuntamento
telefonando a
Silvana Panadisi
339 3475010
[email protected]
[email protected]
Stefania Perito
333 3349126
[email protected]
[email protected]
Il vivaio è visitabile su appuntamento
e rimane chiuso nei mesi di luglio e agosto
Le Rose di Posillipo sono associate a:
L’Associazione Nazionale della Rosa Roseto
Niso Fumagalli - Monza
The Royal National Rose Society Chiswell
Green St. Albans, Herts,AL2 3NR England
Les Amis de la Roseraie du Val de Marne
94240 L’Haÿ-les-Roses, France
Rosa Gallica, Conservatoire de variétées
rares, 53470 Commer, France
Grafica ADARTE - Illustrazioni PAOLA MARGHERITA
Le Rose di Posillipo
rose antiche e rare
Napoli
Via Posillipo
176/177
Le-Rose
di Posillipo
www.lerosediposillipo.it
rose antiche e rare
Napoli - Via Petrarca 38
www.lerosediposillipo.it
Fly UP