...

Parte generale - Arpae Emilia

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Parte generale - Arpae Emilia
IL PROGETTO “MAPPATURA DELLE ZONE DEL TERRITORIO REGIONALE
INTERESSATE DALLA PRESENZA DI AMIANTO”
PIANO REGIONALE DI
PROTEZIONE DALL’AMIANTO
PIANO REGIONALE DI
PROTEZIONE DALL’AMIANTO
IL PROGETTO “MAPPATURA DELLE ZONE
DEL TERRITORIO REGIONALE INTERESSATE
DALLA PRESENZA DI AMIANTO”
IL PROGETTO “MAPPATURA DELLE ZONE DEL TERRITORIO
REGIONALE INTERESSATE DALLA PRESENZA DI AMIANTO”
SITUAZIONE AL 30 SETTEMBRE 2005
Responsabile del progetto:
Emilio Renna
ARPA sezione provinciale di Reggio Emilia
Hanno predisposto il volume:
Emilio Renna
Federica Paoli
Orietta Sala
Davide Menna
ARPA sezione provinciale di Reggio Emilia
Maria Riefolo
Regione Emilia-Romagna - Servizio Sanità Pubblica
2
Hanno contribuito alla raccolta dei dati:
Giuseppe Biasini
Chiara Cremonesi
Simona Ghetti
ARPA sezione provinciale di Piacenza
Alberto Berselli
Cristina Fattori
Chiara Melegari
Giovanni Saglia
ARPA sezione provinciale di Parma
Sabina Bellodi
Riccardo Gazzini
Davide Menna
Federica Paoli
Giovanni Pecchini
Emilio Renna
Orietta Sala
ARPA sezione provinciale di Reggio Emilia
Lella Checchi
Simona Righi
ARPA sezione provinciale di Modena
Samantha Arda
Anna Maria Casali
Dora Nicoli
ARPA sezione provinciale di Bologna
Paolo Maroncelli
Claudio Ricci
ARPA sezione provinciale di Ravenna
Sanzio Aguzzoni
Davide Barlotti
Palmiro Capacci
Carlo Ravaioli
ARPA sezione provinciale di Forlì-Cesena
Delves Fozzato
Giovanni Garasto
Marco Piva
ARPA sezione provinciale di Ferrara
Eolo Barucci
Leonardo Ronchini
ARPA sezione provinciale di Rimini
3
INDICE
PRESENTAZIONE ..........................................................................................................................................................7
INTRODUZIONE.............................................................................................................................................................9
1. PREMESSA.............................................................................................................................................................10
2. MATERIALI E METODI ......................................................................................................................................11
2.1. PROCEDURA PER LA REALIZZAZIONE DELLA MAPPATURA .................................................................11
2.2. ANALISI DELL’ALGORITMO ...........................................................................................................................15
3. DATI GENERALI ....................................................................................................................................................17
3.1. IMPIANTI DI CAT. 1 E SITI DISMESSI............................................................................................................17
3.1.1. Impianti di Categoria 1....................................................................................................................................17
3.1.2. Siti Dismessi....................................................................................................................................................21
3.2. EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA...........................................................................................................23
3.2.1. Scuole di ogni ordine e grado.........................................................................................................................30
3.2.1.1. Amianto friabile in Scuole di ogni ordine e grado ............................................................................35
3.2.2. Ospedali e Case di Cura .................................................................................................................................36
3.2.3. Penitenziari.....................................................................................................................................................42
3.2.4. Biblioteche .....................................................................................................................................................43
3.2.5. Luoghi di Culto ..............................................................................................................................................47
3.2.6. Grande Distribuzione Commerciale ...............................................................................................................50
3.2.7. Impianti Sportivi ............................................................................................................................................53
3.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno....................................................................................................................57
3.3. SITI CON PRESENZA NATURALE DI AMIANTO..........................................................................................61
4. DATI AGGREGATI A LIVELLO PROVINCIALE...........................................................................................66
4.1. PROVINCIA DI PIACENZA ...............................................................................................................................66
4.1.1. IMPIANTI DI CATEGORIA 1 E SITI DISMESSI.......................................................................................67
4.1.2. CATEGORIA 2 - EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA ......................................................................71
4.1.2.1. Scuole di ogni ordine e grado............................................................................................................71
4.1.2.2. Ospedali e Case di Cura ....................................................................................................................76
4.1.2.3. Penitenziari........................................................................................................................................80
4.1.2.4. Biblioteche ........................................................................................................................................80
4.1.2.5. Luoghi di Culto .................................................................................................................................80
4.1.2.6. Grande Distribuzione Commerciale ..................................................................................................84
4.1.2.7. Impianti Sportivi ...............................................................................................................................87
4.1.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno .......................................................................................................90
4.2. PROVINCIA DI PARMA.....................................................................................................................................92
4.2.1. IMPIANTI DI CATEGORIA 1 E SITI DISMESSI.......................................................................................93
4.2.2. CATEGORIA 2 - EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA .......................................................................96
4.2.2.1. Scuole di ogni ordine e grado............................................................................................................96
4.2.2.2. Ospedali e Case di Cura ..................................................................................................................102
4.2.2.3. Penitenziari......................................................................................................................................105
4.2.2.4. Biblioteche ......................................................................................................................................105
4.2.2.5. Luoghi di Culto ...............................................................................................................................106
4.2.2.6. Grande Distribuzione Commerciale ................................................................................................110
4.2.2.7. Impianti Sportivi .............................................................................................................................112
4.2.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno .....................................................................................................117
4.3. PROVINCIA DI REGGIO EMILIA...................................................................................................................120
4.3.1. IMPIANTI DI CATEGORIA 1 E SITI DISMESSI.....................................................................................121
4.3.2. CATEGORIA 2 - EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA .....................................................................125
4.3.2.1. Scuole di ogni ordine e grado..........................................................................................................125
4.3.2.2. Ospedali e Case di Cura ..................................................................................................................133
4.3.2.3. Penitenziari......................................................................................................................................137
4.3.2.4. Biblioteche ......................................................................................................................................137
4.3.2.5. Luoghi di Culto ...............................................................................................................................139
4.3.2.6. Grande Distribuzione Commerciale ................................................................................................143
4.3.2.7. Impianti Sportivi .............................................................................................................................146
4.3.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno .....................................................................................................151
4.4. PROVINCIA DI MODENA ...............................................................................................................................154
4.4.1. IMPIANTI DI CATEGORIA 1 E SITI DISMESSI.....................................................................................155
4.4.2. CATEGORIA 2 -EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA .....................................................................160
4.4.2.1. Scuole di ogni ordine e grado..........................................................................................................160
4.4.2.2. Ospedali e Case di Cura ..................................................................................................................168
4
4.4.2.3. Penitenziari......................................................................................................................................172
4.4.2.4. Biblioteche ......................................................................................................................................172
4.4.2.5. Luoghi di Culto ...............................................................................................................................174
4.4.2.6. Grande Distribuzione Commerciale ................................................................................................177
4.4.2.7. Impianti Sportivi .............................................................................................................................181
4.4.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno .....................................................................................................186
4.5. PROVINCIA DI BOLOGNA .............................................................................................................................189
4.5.1. IMPIANTI DI CATEGORIA 1 E SITI DISMESSI.....................................................................................190
4.5.2. CATEGORIA 2 - EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA .....................................................................194
4.5.2.1. Scuole di ogni ordine e grado..........................................................................................................194
4.5.2.2. Ospedali e Case di Cura ..................................................................................................................200
4.5.2.3. Penitenziari......................................................................................................................................204
4.5.2.4. Biblioteche ......................................................................................................................................204
4.5.2.5. Luoghi di Culto ...............................................................................................................................205
4.5.2.6. Grande Distribuzione Commerciale ................................................................................................209
4.5.2.7. Impianti Sportivi .............................................................................................................................212
4.5.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno .....................................................................................................217
4.5.3. ALTRI SITI MAPPATI ...............................................................................................................................220
4.6. PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA.....................................................................................................................221
4.6.1. IMPIANTI DI CATEGORIA 1 E SITI DISMESSI.....................................................................................221
4.6.2. CATEGORIA 2 - EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA ....................................................................223
4.6.2.1. Scuole di ogni ordine e grado..........................................................................................................224
4.6.2.2. Ospedali e Case di Cura ..................................................................................................................228
4.6.2.3. Penitenziari......................................................................................................................................231
4.6.2.4. Biblioteche ......................................................................................................................................231
4.6.2.5. Luoghi di Culto ...............................................................................................................................231
4.6.2.6. Grande Distribuzione Commerciale ................................................................................................237
4.6.2.7. Impianti Sportivi .............................................................................................................................240
4.6.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno .....................................................................................................244
4.7. PROVINCIA DI RAVENNA .............................................................................................................................246
4.7.1. IMPIANTI DI CATEGORIA 1 E SITI DISMESSI.....................................................................................247
4.7.2. CATEGORIA 2 - EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA ....................................................................251
4.7.2.1. Scuole di ogni ordine e grado..........................................................................................................251
4.7.2.2. Ospedali e Case di Cura ..................................................................................................................257
4.7.2.3. Penitenziari......................................................................................................................................260
4.7.2.4. Biblioteche ......................................................................................................................................260
4.7.2.5. Luoghi di Culto ...............................................................................................................................260
4.7.2.6. Grande Distribuzione Commerciale ................................................................................................263
4.7.2.7. Impianti Sportivi .............................................................................................................................264
4.7.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno .....................................................................................................269
4.8. PROVINCIA DI FERRARA ..............................................................................................................................272
4.8.1. IMPIANTI DI CATEGORIA 1 E SITI DISMESSI.....................................................................................273
4.8.2. CATEGORIA 2 - EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA ....................................................................273
4.8.2.1. Scuole di ogni ordine e grado..........................................................................................................273
4.8.2.2. Ospedali e Case di Cura ..................................................................................................................279
4.8.2.3. Penitenziari......................................................................................................................................281
4.8.2.4. Biblioteche ......................................................................................................................................281
4.8.2.5. Luoghi di Culto ...............................................................................................................................282
4.8.2.6. Grande Distribuzione Commerciale ................................................................................................287
4.8.2.7. Impianti Sportivi .............................................................................................................................290
4.8.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno .....................................................................................................295
4.9. PROVINCIA DI RIMINI....................................................................................................................................298
4.9.1. IMPIANTI DI CATEGORIA 1 E SITI DISMESSI.....................................................................................299
4.9.2. CATEGORIA 2 - EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA ...................................................................302
4.9.2.1. Scuole di ogni ordine e grado..........................................................................................................302
4.9.2.2. Ospedali e Case di Cura ..................................................................................................................309
4.9.2.3. Penitenziari......................................................................................................................................311
4.9.2.4. Biblioteche ......................................................................................................................................313
4.9.2.5. Luoghi di Culto ...............................................................................................................................314
4.9.2.6. Grande Distribuzione Commerciale ................................................................................................315
4.9.2.7. Impianti Sportivi ............................................................................................................................317
4.9.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno .....................................................................................................321
5
Allegato 1 ........................................................................................................................................................................324
Allegato 2 ........................................................................................................................................................................327
Allegato 3 ........................................................................................................................................................................335
Allegato 4 ........................................................................................................................................................................337
Appendice........................................................................................................................................................................387
6
PRESENTAZIONE
Con l’emanazione del Decreto del Ministro dell’Ambiente n. 101 del 18 marzo 2003, in data 9
maggio 2003 è stato attuato il Regolamento per la realizzazione di una mappatura delle zone del
territorio nazionale interessate dalla presenza di amianto, ai sensi dell’articolo 20 della Legge 23
marzo 2001, n. 93.
Sulla base di tale Regolamento, la Regione Emilia-Romagna che ha sempre attribuito una
particolare attenzione sia alla protezione della popolazione dai rischi legati alla presenza di amianto
che dell’ambiente naturale, ha adottato con Delibera di Giunta regionale n. 1302 del 5 luglio 2004 il
“Progetto Mappatura amianto”.
Il presente Volume contiene una notevole quantità di dati elaborati, informazioni e risultati
dell’attività di mappatura delle strutture di seguito indicate:
-
gli impianti industriali attivi o dismessi, con presenza di amianto friabile o compatto, già censiti
(1997) e non ancora bonificati;
i siti dismessi (edifici ex civili ed ex produttivi ) già noti (1997) e non ancora bonificati;
gli edifici pubblici interessati dalla presenza di amianto compatto o friabile (scuole di ogni
ordine e grado, ospedali e case di cura, impianti sportivi, grande distribuzione commerciale,
istituti penitenziari, cinema, teatri, sale convegni, biblioteche, luoghi di culto);
le aree con presenza naturale di amianto - Pietre Verdi.
I dati che vengono forniti sono di sicuro interesse per gli operatori del settore e consentono di
rendere nota la situazione regionale, nonché di svolgere azioni finalizzate alla bonifica.
Nello specifico questa Regione si è avvalsa dell’Agenzia Regionale per la Prevenzione e
l’Ambiente (ARPA) - Sezione Provinciale di Reggio Emilia - per la realizzazione del suddetto
Progetto in quanto la stessa risulta possedere una comprovata e solida competenza in tale settore
rappresentata dal Laboratorio “Amianto e Fibre”, struttura di riferimento per tutto il territorio
regionale, ed una consolidata esperienza di georeferenziazione secondo i criteri del Sistema
Informativo Nazionale Ambientale (SINANET).
La collaborazione prodotta tra la Regione - Servizio Sanità Pubblica, l’ARPA - Sezione Provinciale
di Reggio Emilia, i Dipartimenti di Sanità Pubblica delle Aziende USL, i Servizi Territoriali ed i
Servizi Sistemi Ambientali di ogni Sezione Provinciale ARPA della Regione Emilia-Romagna si è
rivelata particolarmente proficua e produttiva per una conoscenza approfondita del rischio
sull’intero territorio regionale.
Un profondo e sincero ringraziamento viene rivolto a tutti gli Autori ed operatori coinvolti in questo
Progetto.
La procedura approvata dalla Conferenza degli Assessorati alla Sanità e all’Ambiente e dalla
Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome è stata utilizzata per la
determinazione degli interventi urgenti di bonifica.
Sono state definite cinque classi di priorità che derivano dall’utilizzo dei seguenti fattori principali:
tipologia di materiale contenente amianto, tipologia di attività, accessibilità, presenza di
confinamento.
Sono stati effettuati da parte dei tecnici dell’ARPA sopralluoghi per ottenere informazioni utili alla
classificazione dei siti e nei casi di incertezza sulla natura del materiale sono stati eseguiti anche dei
prelievi.
7
Si ricorda che ciascun sito è stato georeferenziato secondo gli standard SINANET (coordinate
UTM, fuso 32) come previsto dal D.M. n. 101/2003 sopra menzionato, mediante l’utilizzo dello
strumento GPS, o in alternativa facendo riferimento alle Carte Tecniche Regionali a scala 1:5000.
La mappatura ha permesso di individuare le strutture con presenza di amianto friabile e/o compatto
ed in particolare la loro localizzazione e tipologia di impiego.
Ciò consente di classificarle utilizzando determinati indicatori di gravità del rischio, che sono
riportati in un capitolo di questa pubblicazione, e rende possibile l’avvio della verifica delle
situazioni che richiedono interventi di bonifica, da attuarsi sulla base di indirizzi operativi
concordati con le Aziende USL e l’ARPA e forniti dall’Assessorato Politiche per la Salute.
É importante rilevare che le aziende specializzate che attuano le bonifiche devono presentare ai
Dipartimenti di Sanità Pubblica un piano di lavoro per garantire che i loro addetti opereranno in
condizioni di sicurezza e senza provocare un rilascio di fibre nell’aria.
I Dipartimenti di Sanità Pubblica e le Sezioni Provinciali dell’ARPA, inoltre, svolgono programmi
di vigilanza e controllo per monitorare le situazioni che non implicano bonifiche o rimozioni.
Questo Volume pertanto vuole rappresentare uno strumento valido ed efficace per individuare le
varie situazioni che presentano un rischio per la salute e conseguentemente per adottare idonee
misure di prevenzione e protezione che garantiscano la sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita.
Responsabile del Servizio Sanità Pubblica
dott. Pierluigi Macini
8
INTRODUZIONE
L’impegno della Regione Emilia-Romagna verso la bonifica degli ambienti di vita e di lavoro, dopo
il primo grande intervento di censimento del 1997 sull’amianto friabile, si è ulteriormente arricchito
con l’applicazione del D.M. n. 101/2003 e si completano così le conoscenze anche per i materiali in
matrice compatta (tetti e pavimenti).
Nel presente progetto “Mappatura delle zone regionali interessate dall’amianto” la scelta di
privilegiare i luoghi ad uso collettivo quali scuole, ospedali, luoghi di cura, cinema, teatri, luoghi di
culto, impianti sportivi, biblioteche, grande distribuzione, è stata sicuramente strategica per la tutela
della salute dei cittadini.
L’affidamento ad ARPA del compito di eseguire la mappatura sottolinea ancora una volta i tratti
caratteristici della nostra agenzia: multireferenzialità dei soggetti in campo, sistema di relazioni con
istituzioni, Servizi Pubblici e Privati.
In particolare ARPA, nel realizzare questo progetto, ha implementato ulteriormente il sistema
informativo ambientale.
L’organizzazione a rete di ARPA (Servizi Territoriali, Servizi Sistemi Ambientali ed in particolare
l’Eccellenza Amianto della Sezione Provinciale di Reggio Emilia che ha coordinato il lavoro) ha
consentito un intervento capillare in ogni Comune della Regione con oltre 4000 contatti di strutture
pubbliche e private.
Il report finale fornisce informazioni di dettaglio per oltre 1000 edifici e più di un centinaio tra siti
dismessi e impianti industriali; infine il precedente progetto “Pietre verdi” sempre coordinato da
ARPA ha consentito di arricchire con le schede di dettaglio le informazioni sulla mappatura dei siti
con affioramenti ofiolitici.
La metodologia utilizzata che prevede la rappresentazione georeferenziata dei siti della Regione sia
per tipologia che per classi di priorità oltre che le tabelle di punteggio, consente una valutazione
critica e ragionata del risultato di più di 1300 sopralluoghi. Le mappe così ottenute potranno essere
aggiornate annualmente con i dati dei piani di lavoro delle bonifiche che via via si effettueranno.
Le schede sinottiche inoltre rendono immediatamente fruibile, ad ogni Provincia, l’informazione
circa l’entità della presenza di materiali contenenti amianto ancora in opera, sia per
estensione/quantità che per impatto sulla popolazione.
Il lavoro presentato, per il quale ringraziamo gli Autori e tutti gli operatori coinvolti, messo a
disposizione della Regione, dovrebbe nelle nostre intenzioni, essere di utilità a quanti, Enti Locali
ed Aziende USL, sono deputati ad assumere decisioni in materia di pianificazione territoriale oltre
che di tutela della salute pubblica e dei lavoratori.
Direttore della Sezione Provinciale di
Reggio Emilia ARPA Emilia-Romagna
dott.ssa Fabrizia Capuano
9
1.
PREMESSA
Il D.M. n. 101 del 18 marzo 2003 (regolamento attuativo della L. 23 marzo 2001):
a. indica le procedure per la mappatura completa delle zone del territorio nazionale ancora
interessate dalla presenza di amianto, individuando le tipologie di edifici da prendere in
considerazione:
§ Categoria 1 – IMPIANTI INDUSTRIALI ATTIVI O DISMESSI
§ Categoria 2 – EDIFICI PUBBLICI O PRIVATI
§ Categoria 3 – PRESENZA NATURALE DI AMIANTO
§ Categoria 4 – ALTRA PRESENZA DI AMIANTO DA ATTIVITÀ ANTROPICA
b. definisce i principi per l’individuazione dei siti per i quali si rendono necessari interventi di
bonifica urgenti;
c. prevede che le Regioni trasmettano al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio:
- entro il 24/08/2003 la procedura per la determinazione degli interventi di bonifica urgenti
(art. 1 comma 2, D.M. n. 101/2003);
- ogni anno, entro il 30 giugno, i risultati della mappatura del proprio territorio, i dati
relativi agli interventi di bonifica effettuati, nonché quelli descrittivi degli interventi che
devono ancora essere effettuati e le relative Priorità ( art. 1 comma 3, D.M. n. 101/2003).
L’ARPA (Agenzia Regionale per la Prevenzione e l’Ambiente) Sezione Provinciale di Reggio
Emilia in relazione alla Delibera della Giunta Regionale n. 1302 del 5/7/2004, ha assunto la
realizzazione del Progetto Mappatura Amianto con l’obiettivo specifico di mappare:
1. Gli impianti Industriali Attivi o Dismessi, interessati dall’amianto, già censiti dalla Regione
Emilia-Romagna (1997) e non ancora bonificati, con presenza di amianto friabile o
compatto;
2. I Siti Dismessi (edifici ex civili ed ex produttivi) già noti (1997) con presenza di amianto
friabile o compatto per i quali non è ancora stato presentato un piano di lavoro ex art. 34
D.Lgs. 277/91;
3. Gli Edifici Pubblici interessati dalla presenza di amianto compatto o friabile (categoria 2
indicata nel D.M. n.101 del 18 marzo 2003) con l’esclusione degli uffici della pubblica
amministrazione e degli edifici residenziali. In particolare sono stati ritenuti da mappare:
- Scuole di ogni ordine e grado
- Ospedali e Case di Cura
- Istituti Penitenziari
- Biblioteche
- Luoghi di Culto
- Impianti Sportivi
- Grande Distribuzione Commerciale
- Cinema, Teatri, Sale Convegni;
4. Le Aree con Presenza Naturale di Amianto - Pietre Verdi (categoria 3 indicata nel D.M.
n.101 del 18 marzo 2003).
10
2.
MATERIALI E METODI
2.1. PROCEDURA PER LA REALIZZAZIONE DELLA MAPPATURA
ARPA - Sezione Provinciale di Reggio Emilia ha svolto la funzione di realizzazione del progetto
avvalendosi della collaborazione dei Servizi Territoriali e dei Servizi Sistemi Ambientali di ogni
Sezione Provinciale ARPA della Regione Emilia-Romagna (RER).
Per la mappatura degli Impianti Industriali e dei Siti Dismessi è stato utilizzato l’elenco fornito
dalla Regione Emilia-Romagna ricavato dai piani annuali e dalle attività di vigilanza e controllo dei
Servizi di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro (SPSAL) dei Dipartimenti di Sanità
Pubblica delle Aziende USL della RER.
Per la mappatura degli Edifici Pubblici in area urbana sono stati considerati i locali ad uso
collettivo interessati dalla presenza di amianto sia friabile che compatto e costituenti edifici a sé
stanti, escludendo le strutture inserite in un contesto condominiale. Per tali tipologie, non esistendo
un elenco di partenza a cui fare riferimento, è stato necessario predisporre indirizzari dei proprietari
a cui spedire apposita lettera con richiesta di informazioni circa l’eventuale presenza di materiali
contenenti amianto. In particolare sono stati individuati gli Uffici Tecnici/Responsabili dei Servizi
Prevenzione e Protezione (RSPP) dei Comuni, delle Province, delle Aziende USL e delle Aziende
Ospedaliere, le strutture Ecclesiastiche quali Curie, Vicariati o Parrocchie. La ricerca è stata
completata ricavando, per ogni tipologia di Edificio Pubblico, gli indirizzi delle strutture private
dalle specifiche voci delle Pagine Gialle.
Per la mappatura dei siti con presenza di amianto naturale sono stati acquisiti i dati di dettaglio del
lavoro del Gruppo regionale “Pietre Verdi”.
Nei casi di positività dichiarata o di dubbia presenza di amianto, è stato effettuato da parte dei
tecnici ARPA un sopralluogo nel corso del quale sono state raccolte tutte le informazioni necessarie
alla classificazione dei siti. L’effettuazione del sopralluogo è avvenuta, ove possibile, dopo aver
contattato il Proprietario o il Dirigente o il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione
(RSPP) delle strutture; per ciascuna situazione, è stata compilata la scheda di rilevamento dati
(Allegato 1) concordata con il Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia-Romagna e
contenente tutte le informazioni necessarie per l’applicazione dell’algoritmo e per la realizzazione
della Mappatura.
In caso di situazioni di incertezza sulla natura del materiale (presenza/assenza di amianto), in
accordo con i proprietari dei siti, sono stati effettuati prelievi e analisi di materiale.
Ciascun sito è stato georeferenziato secondo gli standard SINANET (coordinate UTM, fuso 32)
tramite l’utilizzo di strumento GPS, o in alternativa facendo riferimento alle Carte Tecniche
Regionali a scala 1:5000 partendo dalle indicazioni di chi lavora direttamente sul territorio o dagli
indirizzi degli stessi.
Nel caso due siti abbiano lo stesso indirizzo, le coordinate rappresentano il fattore discriminante per
la loro identificazione.
I calcoli utili alla determinazione degli interventi urgenti di bonifica, in accordo con l’Assessorato
Politiche per la Salute della Regione Emilia-Romagna, sono stati effettuati utilizzando la procedura
approvata dalla Conferenza degli Assessorati alla Sanità e all’Ambiente e dalla Conferenza dei
Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome (Allegato 2) che prevede due differenti
metodologie di calcolo: una per Impianti Industriali attivi o dismessi (Categoria 1) e per Edifici
Pubblici in Area Urbana (Categoria 2) e l’altra per le Aree con Presenza Naturale di Amianto
(Categoria 3).
11
Nel primo caso, il documento definisce cinque Classi di Priorità (si veda tabella 1) che derivano
dall’utilizzo di quattro indicatori secondo il diagramma di flusso riportato:
Fig.1: diagramma di flusso per il calcolo della Classe di Priorità.
A ciascun sito viene assegnato un punteggio ottenuto dalla combinazione della Classe di Priorità di
appartenenza e dei valori assunti dagli altri indicatori, attraverso l’algoritmo:
ìD * i1 + i6 + i7 + i11 + i14 * i15 + C * i1 + i2 + i4 + i9 + i12 + i13 + i16 +ü
P=í
ý * (i5 + i3 ) * Coeff _ classe
îB * i9 + i4 + i7 + i10 + i13 + i15 * i14 + i16 + A * i2 + i6 + i8 + i10 þ
dove i fattori A, B, C, D indicano rispettivamente: tipologia di materiale contenente amianto (mca),
tipologia di attività (pubblica o privata), accessibilità del sito, presenza di confinamento; mentre gli
indicatori in sono i parametri caratteristici del sito in oggetto (Tab. I).
Si tiene a precisare che:
- Con il termine “accessibilità”, ci si riferisce al sito in questione e non al materiale in amianto
in esso presente: possono rientrare in questa tipologia anche edifici con copertura in
cemento-amianto. Sebbene questo tipo di materiale non sia a diretto contatto con la
popolazione che gravita attorno al sito, può comunque rilasciare fibre di amianto
nell’ambiente circostante, soprattutto se soggetto a meccanismi degradativi per effetto di una
lunga esposizione ad agenti atmosferici.
- Gli Edifici Pubblici in Area Urbana sono sempre classificati come siti ad utilizzo pubblico.
Per questo motivo sono gli unici che possono ottenere la Classe di Priorità 1 e, per contro,
non possono risultare in Classe 3.
- Gli Impianti Industriali e i Siti Dismessi sono classificati ad utilizzo non pubblico. Per
questo motivo sono gli unici che possono rientrare in Classe 3 e, analogamente, non possono
ottenere la Classe di Priorità 1. Possono invece rientrare in Classe 2 se siti ad accesso libero
e con presenza di mca friabile.
12
Tab.1 : elenco indicatori utilizzati per il calcolo del punteggio.
in Descrizione
in Descrizione
i1
i2
i3
i4
i5
i6
i7
i8
quantità di materiale stimato
presenza di programma di controllo e manutenzione
attività
presenza di cause che creano o favoriscono la
dispersione di fibre
concentrazione di fibre aerodisperse
area di estensione del sito
superficie esposta all’aria
coinvolgimento del sito in lavori di urbanizzazione
i9
i10
i11
i12
stato di conservazione delle strutture edili
tempo trascorso dalla dismissione
tipologia di amianto presente
dati epidemiologici
i13
i14
i15
i16
frequenza di utilizzo
distanza dal centro abitato
densità di popolazione interessata
età media dei soggetti frequentatori
Si ricorda comunque che la determinazione effettiva degli interventi urgenti di bonifica è di
competenza della Regione.
È stato creato un data-base tramite un applicativo in Access, in cui sono stati inseriti tutti i dati
raccolti in sede di sopralluogo.
Il data-base consente il calcolo delle Classi di Priorità e dei punteggi secondo l’algoritmo sopra
citato.
Ad ogni sito mappato è associato un report in cui sono riassunte tutte le informazioni contenute
nella scheda di rilevamento, la Classe di Priorità e il punteggio ottenuti (figura 2).
In particolare nella prima parte del report sono indicate le caratteristiche anagrafiche del sito, i
quattro quesiti che ne determinano la Classe di Priorità (“Tipologia di mca”, “Presenza di
Confinamento”, “Accessibilità”, “Tipologia di attività”) e la presenza di amianto (nel tetto, nel
pavimento e/o in altro). Immediatamente dopo vengono riportati gli altri indicatori necessari per il
calcolo dei punteggi con i valori e punteggi assunti da ciascuno di essi.
Infine si trovano i valori assunti dai fattori A, B, C, D, il Coefficiente di Classe e il risultato
dell’algoritmo di calcolo.
I dati raccolti sono stati organizzati in un sistema informativo geografico (GIS) utilizzando il
software ArcView che, oltre alla visualizzazione cartografica a diversi livelli di dettaglio (regionale,
provinciale, comunale, per categoria, per Priorità e per punteggio), consente anche la consultazione
dei dati e dei report riassuntivi associati a ciascun sito.
13
Fig. 2: esempio di report associato a ciascun sito mappato.
14
2.2. ANALISI DELL’ALGORITMO
L’applicazione dell’algoritmo di calcolo attribuisce a ciascun sito di ogni tipologia di edificio una
Classe di Priorità ed un punteggio, riassunti nello specchietto seguente:
Classe di
Priorità
5
Condizioni necessarie per l’assegnazione delle
Classi
Punteggio Punteggio
Max
min
mca friabile o compatto confinato.
1488
mca friabile o compatto non confinato; sito non
accessibile.
mca friabile o compatto non confinato; sito accessibile;
3
utilizzo non pubblico.
mca friabile non confinato; sito accessibile; utilizzo non
2(a)
pubblico.
mca compatto non confinato; sito accessibile; utilizzo
2(b)
pubblico.
mca friabile non confinato; sito accessibile; utilizzo
1
pubblico.
* valore minimo raggiungibile tramite l’applicazione dell’algoritmo di calcolo
** valore massimo raggiungibile tramite l’applicazione dell’algoritmo di calcolo
4
57*
1776
104
2928
246
3532
295
4326
355
6768**
554
Sulla base della formulazione dell’algoritmo è possibile individuare quali siano i parametri che
contribuiscono maggiormente all’assegnazione dei punteggi e quali invece abbiano un’influenza
media o scarsa:
1. Indicatori che hanno una elevata incidenza sulla determinazione del punteggio:
- Fattore D (confinamento): presente nell’algoritmo come fattore moltiplicativo, può
assumere i valori 1 e 2,5;
- Fattore C (accessibilità): presente nell’algoritmo come fattore moltiplicativo, può
assumere i valori 1 e 2,5;
- Fattore B (tipologia di attività – pubblica/non pubblica): presente nell’algoritmo
come fattore moltiplicativo, può assumere i valori 1 e 2,5;
- Fattore A ( tipologia di mca – compatto/friabile): presente nell’algoritmo come
fattore moltiplicativo, può assumere i valori 1 e 2;
- (i3+i5)1 (attività in funzione e concentrazione di fibre aerodisperse): presente
nell’algoritmo come fattore moltiplicativo, può assumere un valore compreso tra 2 e
8;
- i9 (stato di conservazione delle strutture edili - danni): può assumere un valore
corrispondente a 5 o a 30;
- i13 (frequenza di utilizzo): può assumere un valore corrispondente a 5, 10 o 20;
- (i1 x i15) (distanza dal centro abitato e densità di popolazione interessata – contesto
urbano): può assumere un valore compreso tra 2 e 20;
- i1 (quantitativo di materiale presente): può assumere un valore corrispondente a 5,
10 o 15;
1
Nei casi concretamente mappati, l’indicatore i5 ha avuto una scarsa influenza sulla determinazione del punteggio
poiché le misure di concentrazione di fibre aerodisperse sono state effettuate in poche situazioni.
15
2. Indicatori che hanno una media incidenza sulla determinazione del punteggio:
- i2 (presenza di un programma di controllo e manutenzione): può assumere un valore
corrispondente a 1 o a 10;
- i7 (superficie esposta all’aria): può assumere un valore corrispondente a 5, 8 o 10;
- i12 ( dati epidemiologici): può assumere un valore corrispondente a 1 o 10;
- i16 (età media dei soggetti frequentatori): può assumere un valore corrispondente a 2
o 10;
3. Indicatori che hanno una scarsa incidenza sulla determinazione del punteggio:
- i4 (presenza di cause che creano o favoriscono la dispersione di fibre): può assumere
un valore corrispondente a 1 o 5;
- i6 (area di estensione del sito): può assumere un valore corrispondente a 3, 5 o 9;
- i8 (coinvolgimento del sito in lavori di urbanizzazione): può assumere un valore
corrispondente a 1 o 3;
- i10 (durata del periodo di dismissione): può assumere un valore corrispondente a 1, 3
o 7;
- i11 (tipologia di amianto presente come materia prima): può assumere un valore
corrispondente a 1 o 3.
16
3. DATI GENERALI
Per ogni tipologia di edificio oggetto della mappatura sono riportate nei paragrafi successivi tutte le
attività svolte, la loro distribuzione per Provincia per Classi di Priorità e di punteggio ed in
particolare, sulla base dei punteggi derivati dall’applicazione dell’algoritmo, gli edifici mappati
sono stati raggruppati in opportune Classi di punteggio per la descrizione/illustrazione degli esiti
complessivi del progetto.
Dall’analisi simulata dell’algoritmo descritto nel capitolo precedente, si è calcolato che il punteggio
minimo assegnabile è pari a 57 mentre quello massimo è di 6768.
Concretamente il punteggio minimo acquisito in tutte le schede mappate è di 105 mentre quello
massimo è di 2164. Al fine di evitare la formazione di numerose Classi vuote sono stati utilizzati
cinque intervalli (≤ 500, 501÷1000, 1001÷1500, 1501÷2000, ≥ 2001), cioè cinque Classi di
punteggio.
3.1. IMPIANTI DI CAT. 1 E SITI DISMESSI
Gli impianti di categoria 1 rientranti nel Progetto Mappatura sono stati:
- Impianti già censiti (1997) e non ancora bonificati con presenza di amianto friabile o
compatto;
- Impianti di lavorazione di amianto dismessi;
- Impianti con presenza di amianto nelle strutture e attrezzature, attivi o dismessi.
Per Siti Dismessi si è inteso:
- Edifici già noti con presenza di amianto friabile o compatto non ricompresi tra quelli di Cat.
1.
Per tali tipologie di edificio è stato utilizzato l’elenco fornito dalla Regione Emilia-Romagna
ricavato dai dati del primo censimento (1997) filtrati dai piani annuali e dalle attività di vigilanza e
controllo degli SPSAL dei Dipartimenti di Sanità Pubblica delle Aziende USL della RER.
3.1.1. Impianti di Categoria 1
In tabella 2 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di Priorità e per Provincia.
La maggior parte degli Impianti di Categoria 1 risulta in Classe 3 e 4 in quanto:
- siti di utilizzo non pubblico in cui vi è presenza di materiali contenenti amianto di tipo
compatto (Classe 3);
- edifici non accessibili liberamente (Classe 4).
Si verifica solo un caso in Classe 2 in Provincia di Parma, determinato dalla presenza di una
guarnizione in amianto friabile in un sito accessibile liberamente.
Si ricorda che causa la formulazione dell’algoritmo, nessun Impianto di Cat. 1 può rientrare in
Classe 1.
La Provincia di Modena è quella in cui è stato censito il maggior numero di Impianti di Categoria 1
con presenza di materiali contenenti amianto.
Per la Provincia di Ferrara l’Azienda USL non ha segnalato edifici di questo tipo con presenza di
mca.
17
Tab. 2: Impianti di Cat.1 divisi per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
-
0
0
13
3
16
-
1
0
4
1
6
-
0
1
13
0
14
-
0
13
18
3
34
-
0
0
6
1
7
-
0
2
0
0
2
-
0
0
10
4
14
-
0
0
0
0
0
-
0
1
2
4
7
-
1
(1%)
17
(17%)
66
(66%)
16
(16%)
100
In tabella 3 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di punteggio e per Provincia.
Tab. 3: Impianti di Cat.1 divisi per Classi di punteggio e Province.
Provincia
<500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
≥ 2000
senza
punteggio
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
13
5
11
21
5
0
14
0
6
75
(75%)
1
1
3
8
2
2
0
0
1
18
(18%)
0
0
0
5
0
0
0
0
0
5
(5%)
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
(-)
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
(-)
2
0
0
0
0
0
0
0
0
2
(2%)
16
6
14
34
7
2
14
0
7
100
Come si può osservare, il 75% degli Impianti di Categoria 1 mappati assume un punteggio inferiore
a 500, in relazione al fatto che la maggior parte di essi non è accessibile al pubblico.
Il punteggio massimo che viene raggiunto in questa tipologia di edificio è 1125. I dettagli sui siti
mappati e i relativi punteggi vengono illustrati nel corso dei capitoli dedicati alle singole Province.
Nelle tabelle seguenti sono evidenziati per Classe di punteggio il numero di casi per Classi di
Priorità e il numero di casi che presentano definiti fattori e indicatori per ogni tipologia di edificio,
in particolare le prime quattro voci riportate coincidono con i fattori (indicati in maiuscolo) che, si
ricorda, oltre a influenzare l’assegnazione dei punteggi, definiscono le Classi di Priorità.
Per ciascun fattore e indicatore esaminato, vengono riportati gli elementi che lo caratterizzano (es.
presente/assente, no/sì, compatto/friabile, etc.) posizionando sulla destra quelli corrispondenti ad un
rischio e a un punteggio piú elevato, sulla sinistra quelli corrispondenti ad un rischio ed a un
punteggio più basso.
Si è scelto di far corrispondere agli elementi che determinano un rischio maggiore e un punteggio
più elevato la colorazione rossa, mentre a quelli che determinano un livello di rischio inferiore e un
punteggio più basso la colorazione verde e infine le soglie intermedie, qualora presenti, assumono
una colorazione gialla: viene colorata la casella con il punteggio piú elevato o che rappresenti
18
almeno il 70% dei casi. Ad esempio se almeno il 70% dei casi, in una determinata Classe di Priorità
all’interno di una specifica Classe di punteggio, non presenta confinamento sul mca, tale casella è
colorata di rosso (rischio probabile); nel caso in cui il 70% di essi presenti confinamento la casella è
colorata di verde (rischio basso o nullo); mentre nei casi intermedi (valori compresi tra il 30% e il
70%) viene colorata di giallo la casella che assume sempre il valore maggiore.
La prevalenza del colore rosso all’interno delle Classi rende immediatamente evidente la Priorità
che i siti assumono per eventuali operazioni di bonifica, rispetto a quelli in cui prevale il giallo e
soprattutto il verde.
Spostandosi orizzontalmente lungo le Classi di punteggio è possibile osservare la importanza dei
quattro fattori nel determinare le Classi di Priorità (aumentano le caselle colorate in rosso).
Spostandosi verticalmente all’interno di una stessa Classe di Priorità, rimangono costanti i quattro
fattori che le determinano, ma variano gli altri indicatori che determinano i punteggi dei siti mappati
(aumentano le caselle colorate in rosso).
Tab. 3.1.1.a: Impianti di Categoria 1 con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
CONFINAMENTO
ACCESSIBILITÀ
USO PUBBLICO
TIPO AMIANTO
Attività in
funzione
Danni
Contesto
Urbano
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
Classe 5*
Classe 4#
Classe 3
presente
assente
15
0
no
si
14
1
no
si
15
0
compatto
friabile
8
7
si
no
14
1
< 10%
≥ 10%
14
1
lontano
vicino
8
7
bassa media
alta
3
6
6
alta
bassa media
14
1
0
presente
assente
59
0
no
si
59
0
no
si
59
0
compatto
friabile
33
26
si
no
46
13
< 10%
≥ 10%
52
7
lontano
vicino
42
17
bassa media
alta
17
7
35
bassa media
alta
44
14
1
presente
assente
1
0
no
si
1
0
no
si
1
0
compatto
friabile
1
0
si
no
1
0
< 10%
≥ 10%
1
0
lontano
vicino
1
0
bassa media
alta
0
0
1
bassa media
alta
1
0
0
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
15
59
1
0
* in 1 Impianti di Categoria 1 in Classe 5 non è stato determinato il punteggio perché il sito è risultato bonificato.
#
in 1 Impianti di Categoria 1 in Classe 4 non è stato determinato il punteggio perché il sito è risultato bonificato.
0
Dalla tabella 3.1.1.a si evince che:
- la presenza di amianto sia compatto che friabile, anche se presente in quantitativi elevati, in
assenza di confinamento ma in siti non accessibili al pubblico comporta un punteggio basso
(≤ 500);
- i siti che ottengono un punteggio inferiore a 500 sono 75 di cui 15 in Classe 5, 59 in Classe
4 e 1 in Classe 3;
- l’amianto friabile è presente in 40 di essi, rispettivamente 7 in Classe 5 e 33 in Classe 4;
- complessivamente 24 sono in contesto urbano e per 58 di essi si ha una elevata frequenza di
utilizzo;
- i danni maggiori al 10% si sono rilevati solo in 8 casi;
- il sito inserito in Classe 3 si trova in Provincia di Modena ed è ad accesso libero.
In tabella 3.1.1.b. vengono illustrati i fattori e gli indicatori che determinano i punteggi compresi tra
501 e 1000 per 18 impianti: 6 in Classe 4, 11 in Classe 3 e 1 in Classe 2.
Il sito inserito in Classe 2 si trova in Provincia di Parma ed è caratterizzato dalla presenza di
amianto friabile. In altri 3 casi in Classe 4 è presente amianto friabile.
19
Complessivamente 5 siti sono collocati all’interno di un contesto urbano e in 13 su 18 vi è
un’elevata presenza di mca.
Tab. 3.1.1.b: Impianti di Categoria I con punteggi compresi tra 501 e 1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
USO PUBBLICO
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
Classe 4
Classe 3
Classe 2
assente
presente
6
0
no
si
6
0
no
si
6
0
friabile
compatto
3
3
no
si
4
2
≥ 10%
< 10%
4
2
vicino
lontano
3
3
alta
bassa media
6
0
0
alta
bassa media
4
2
0
presente
assente
11
0
no
si
11
0
no
si
11
0
compatto
friabile
11
0
si
no
6
5
< 10%
≥ 10%
9
2
lontano
vicino
10
1
bassa media
alta
7
0
4
bassa media
alta
6
5
0
presente
assente
1
0
no
si
1
0
no
si
1
0
compatto
friabile
1
0
si
no
1
0
< 10%
≥ 10%
1
0
lontano
vicino
1
0
bassa media
alta
1
0
0
bassa media
alta
1
0
0
6
11
1
0
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
Tutti e cinque i casi con valori compresi tra 1001 e 1500 riportati nella tabella 3.1.1.c. sono in
Classe 3 e sono Impianti non più in funzione caratterizzati da quantitativi intermedi di mca
compatto, non confinato e con danni superiori al 10%, sono tutti collocati al di fuori del contesto
urbano. Queste situazioni sono state rinvenute nella Provincia di Modena.
Tab. 3.1.1.c: Impianti di Categoria I con punteggi compresi tra 1001 e 1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
assente
presente
5
0
si
no
5
0
no
si
5
0
compatto
friabile
5
0
no
si
5
0
< 10%
≥ 10%
0
5
lontano
vicino
5
0
bassa media
alta
4
0
1
bassa media
alta
4
1
0
0
5
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
I dettagli sui siti mappati e i relativi punteggi vengono riportati nel corso dei capitoli dedicati alle
singole Province, in cui sono anche illustrate le dislocazioni geografiche per ciascuna tipologia di
edificio.
20
3.1.2. Siti Dismessi
In tabella 4 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di Priorità e per Provincia.
Tab. 4: Siti Dismessi divisi per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
-
0
2
5
0
7
-
0
0
0
0
0
-
0
2
4
0
6
-
0
2
6
1
9
-
0
0
11
0
11
-
0
0
0
0
0
-
0
0
1
0
1
-
0
0
0
0
0
-
0
1
6
0
7
-
0
(-)
7
(17%)
33
(80%)
1
(3%)
41
Tutti i Siti Dismessi rientrano in Classe 3 e 4 ad eccezione di un'unica situazione in Provincia di
Modena che ottiene la Classe 5 poiché presenta una copertura in cemento-amianto confinata.
Si ricorda che causa la formulazione dell’algoritmo, nessun Sito Dismesso può rientrare in Classe 1.
Le Province di Modena e di Bologna sono quelle in cui è stato registrato il maggior numero di Siti
Dismessi con presenza di materiali in amianto.
Per le Province di Ferrara e di Forlì-Cesena l’Azienda USL non ha segnalato Siti Dismessi con
presenza di materiali in amianto.
In tabella 5 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di punteggio e per Provincia.
Tab. 5: Siti Dismessi divisi per Classi di punteggio e Province.
<500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
Provincia
1
5
1
0
PC
0
0
0
0
PR
2
2
2
0
RE
3
5
1
0
MO
7
4
0
0
BO
0
0
0
0
FC
0
1
0
0
RA
0
0
0
0
FE
5
1
1
0
RN
TOTALE
18
18
5
0
(44%)
(44%)
(12%)
(-)
(%)
≥ 2000
TOTALE
0
7
0
0
0
6
0
9
0
11
0
0
0
1
0
0
0
7
0
(-)
41
Il 44% dei Siti Dismessi mappati assume un punteggio inferiore a 500 e un altro 44% tra 501 e
1000. I punteggi più elevati rispetto alla tipologia precedente (Impianti di Categoria 1) sono
determinati dal fatto che questi edifici risultano dismessi per cui vi è un fattore di rischio superiore
legato all’assenza di ogni tipo di controllo e manutenzione sui materiali pericolosi presenti
(valorizzato attraverso l’indicatore i3 – attività in funzione).
21
Il punteggio massimo che viene raggiunto in questa tipologia di edificio è 1293.
Nelle tabelle seguenti sono evidenziati per Classi di punteggio il numero di casi per Classi di
Priorità e il numero di casi che presentano definiti fattori e indicatori.
Tab. 3.1.2.a: Siti Dismessi con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Contesto
Urbano
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
presente
assente
1
0
no
si
1
0
no
si
1
0
compatto
friabile
1
0
no
si
1
0
< 10%
≥10%
0
1
lontano
vicino
0
1
alta
bassa media
1
0
0
bassa media
alta
1
0
0
presente
assente
17
0
no
si
17
0
no
si
17
0
compatto
friabile
17
0
si
no
16
1
< 10%
≥10%
7
10
lontano
vicino
9
8
bassa media
alta
14
0
3
bassa media
alta
16
0
1
N. di casi
1
17
CONFINAMENTO
ACCESSIBILITÀ
USO PUBBLICO
TIPO AMIANTO
Attività in
funzione
Danni
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥10%
< 10%
≥10%
< 10%
≥10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
Dalla tabella 3.1.2.a si evince come:
- 18 siti, di cui 1 in Classe 5 e 17 in Classe 4, ottengono un punteggio uguale o inferiore a 500;
- solo in uno di essi vi è ancora dell’attività, probabilmente differente da quella che la
caratterizzava nel periodo in cui è stata inserita negli elenchi dell’Azienda USL;
- per 14 di essi si segnala la presenza di un quantitativo elevato di amianto compatto, 9 si
collocano all’interno di un contesto urbano.
Tab. 3.1.2.b: Siti Dismessi con punteggi compresi tra 501 e 1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
USO PUBBLICO
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
si
no
Danni
< 10%
≥10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
Classe 4
Classe 3
assente
presente
16
0
no
si
16
0
no
si
16
0
compatto
friabile
16
0
no
si
16
0
≥10%
< 10%
15
1
vicino
lontano
15
1
bassa media
alta
0
3
13
bassa media
alta
15
1
0
presente
assente
2
0
no
si
2
0
no
si
2
0
compatto
friabile
2
0
si
no
2
0
< 10%
≥10%
1
1
lontano
vicino
2
0
bassa media
alta
2
0
0
bassa media
alta
2
0
0
16
2
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
< 10%
≥10%
< 10%
≥10%
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
I casi compresi tra 501 e 1000 sono 18, tutti senza amianto friabile ma quasi tutti (16 su 18) con
danni ≥ 10% sul mca (tabella 3.1.2.b).
22
Tab. 3.1.2.c: Siti Dismessi con punteggi compresi tra 1001 e 1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥10%
< 10%
≥10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
assente
presente
5
0
si
no
5
0
no
si
5
0
compatto
friabile
5
0
no
si
5
0
≥10%
< 10%
5
0
lontano
vicino
3
2
alta
bassa media
5
0
0
bassa media
alta
4
1
0
0
5
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
< 10%
≥10%
< 10%
≥10%
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
Tutti e cinque i casi in Classe 3 con valori compresi tra 1001 e 1500 riportati nella tabella 3.1.2.c
sono caratterizzati da elevati quantitativi di mca compatto, non confinato e con danni superiori al
10%, due di essi sono presenti in contesto urbano in Provincia di Reggio Emilia, degli altri uno è in
Provincia di Piacenza, uno in quella di Modena e un altro in quella di Rimini.
I dettagli sui siti mappati e i relativi punteggi vengono riportati nel corso dei capitoli dedicati alle
singole Province, in cui sono anche illustrate le dislocazioni geografiche per ciascuna tipologia di
edificio.
3.2. EDIFICI PUBBLICI IN AREA URBANA
Per la mappatura degli Edifici Pubblici in area urbana sono stati considerati i locali ad uso
collettivo interessati dalla presenza di amianto sia friabile che compatto (pavimenti, rivestimenti,
ecc.) e costituenti edifici a sé stanti, escludendo le strutture inserite in un contesto condominiale.
Per tali siti, non esistendo un elenco di partenza a cui fare riferimento, è stato necessario predisporre
indirizzari dei proprietari a cui spedire apposita lettera con richiesta di informazioni circa
l’eventuale presenza di materiali contenenti amianto.
La scelta della Regione Emilia-Romagna di mappare le tipologie di Edifici Pubblici sopra citati,
comporta che gli enti pubblici quali Comuni, Province e le strutture ecclesiastiche siano di norma
titolari di informazioni per più tipologie di edifici e, pertanto, possano fornire informazioni in
merito a più edifici (cioè tutti quelli di loro proprietà od utilizzo).
In tabella 6 si riporta la sintesi delle attività svolte, relativamente agli Edifici Pubblici in area
urbana, dalla quale si può ricavare che:
- complessivamente hanno dato risposta alla richiesta di informazioni il 37% delle strutture
interpellate (Province, Comuni, Curie, Vicariati o Parrocchie e strutture private);
- nel 91% dei sopralluoghi effettuati, è stata constatata l’effettiva presenza di materiali
contenenti amianto.
23
Tab. 6: Edifici Pubblici in area urbana.
a) lettere inviate
4133
b) risposte ricevute
1533
c) risposte con segnalazione di siti con possibile presenza di amianto
1123
d) sopralluoghi effettuati
1123
e) siti in cui è stata verificata la presenza di amianto
1020
In tabella 7 si riporta la sintesi degli Edifici Pubblici mappati divisi per tipologia di edificio e Classi
di Priorità.
Tab. 7: Edifici Pubblici mappati, suddivisi in base alle Classi di Priorità.
Tipologia di
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
edificio
Scuole di ogni ordine e
grado
Ospedali e Case di
Cura
Classe 5
TOTALE
16
299
-
32
84
431
4
74
-
4
12
94
Penitenziari
0
0
-
1
0
1
Biblioteche
0
7
-
1
1
9
Luoghi di Culto
0
97
-
8
7
112
Grande Distribuzione
Commerciale
0
50
-
4
10
64
Impianti Sportivi
4
204
-
12
31
251
Cinema Teatri e Sale
Convegno
0
36
-
10
12
58
24
(3%)
767
(75%)
-
72
(7%)
157
(15%)
1020
TOTALE
(%)
24 casi (3%) ottengono la Classe di Priorità 1, a causa della presenza di materiali con amianto in
matrice friabile non confinato.
Il 75% degli Edifici Pubblici mappati si collocano in Classe 2 in quanto siti accessibili con
presenza di mca compatto e non confinato.
Nel 7% dei casi il mca si trova in locali non accessibili liberamente, mentre nel 15% risulta
confinato.
Le Scuole e gli Impianti Sportivi sono le tipologie di edificio di cui è stato censito il maggior
numero di casi con presenza di materiali contenenti amianto.
In tabella 8 si riporta la sintesi degli Edifici Pubblici mappati divisi per tipologia di edificio e Classi
di punteggio.
La Classe di punteggio maggiormente rappresentata è quella compresa tra 1001 e 1500, seguita da
quella tra 501 e 1000.
Solamente in tre Scuole di Classe 1 è stata superata la soglia di 2000.
24
Tab. 8: Edifici Pubblici mappati, suddivisi in base alle Classi di punteggio.
Tipologia di
≤ 500
501÷1000 1001÷1500 1501÷2000
≥ 2000
edificio
TOTALE
Scuole di ogni ordine e
grado
113
96
205
14
3
431
Ospedali e Case di
Cura
15
44
34
1
0
94
Penitenziari
1
0
0
0
0
1
Biblioteche
1
4
4
0
0
9
Luoghi di Culto
15
61
36
0
0
112
Grande Distribuzione
Commerciale
14
32
18
0
0
64
Impianti Sportivi
41
72
134
3
1
251
Cinema Teatri e Sale
Convegno
21
19
18
0
0
58
221
(21,7%)
328
(32%)
449
(44%)
18
(2%)
4
(0,3)
1020
TOTALE
(%)
Come prevedibile sulla base della formulazione dell’algoritmo, la maggior parte degli edifici
Pubblici (767 su 1020) si colloca in Classe 2.
In tabella 9 si riporta la sintesi degli Edifici Pubblici di Classe 2 mappati, divisi per Classi di
punteggio di ampiezza pari a 100 e per tipologia di edificio, ad esclusione dei Penitenziari per i
quali non sono presenti edifici in tale Classe di Priorità.
Tab. 9: Edifici Pubblici di Classe 2, suddivisi per Classi di punteggio di ampiezza pari a 100.
501
601
701
801
901
1001
1101
1201
1301
1401
1501
1601
1701
1801
Tipologia
÷
÷
÷
÷
÷
÷
÷
÷
÷
÷
÷
÷
÷
÷
di edificio
600
700
800
900
1000
1100
1200
1300
1400
1500
1600
1700
1800
1900
1901
÷
2000
Scuole di ogni
ordine e grado
1
1
4
26
61
85
47
22
21
26
3
2
0
0
0
Ospedali e Case
di Cura
0
3
3
20
17
12
5
9
4
0
0
0
0
0
1
Biblioteche
0
1
0
2
0
1
1
0
0
2
0
0
0
0
0
Luoghi di Culto
5
7
9
15
25
14
6
11
5
0
0
0
0
0
0
Grande
Distribuzione
Commerciale
0
0
4
15
13
10
3
1
4
0
0
0
0
0
0
Impianti
Sportivi
0
6
6
24
34
63
21
9
30
10
0
0
1
0
0
Cinema Teatri e
Sale Convegno
1
0
4
3
10
8
2
2
6
0
0
0
0
0
0
TOTALE
7
18
30
105
160
193
85
54
70
38
3
2
1
0
1
In figura 3 si riporta la distribuzione dei punteggi per Classi di frequenza di ampiezza pari a 100 per
tutti gli Edifici Pubblici.
25
Fig. 3: punteggi assunti dagli Edifici Pubblici di Classe 2.
Edifici Pubblici in Classe 2
200
180
160
numero di siti
140
120
100
80
60
40
20
0
Biblioteche
Ospedali
Scuole
Cinema
Luoghi di Culto
TOTALE
Grande Distribuzione Commerciale
Impianti Sportivi
Dal grafico è possibile osservare che:
- complessivamente, i punteggi degli Edifici Pubblici di Classe 2 si distribuiscono in fasce di
punteggio che vanno da 501 a 2000, concentrandosi prevalentemente nella fascia 1001-1100
in cui sono presenti 192 casi (25% degli Edifici Pubblici in Classe 2) e, immediatamente
dopo, in quella che va da 901 a 1000 in cui sono presenti 160 casi (21% degli Edifici
Pubblici in Classe 2);
- i punteggi delle Scuole di Classe 2 si concentrano prevalentemente nella fascia 1001-1100 in
cui sono presenti 85 casi (28% delle Scuole di Classe 2);
- gli Impianti Sportivi di Classe 2 si distribuiscono in fasce di punteggio che vanno da 601 a
1800 concentrandosi prevalentemente nella fascia 1001-1100 in cui sono presenti 63 casi
(31% degli Impianti Sportivi di Classe 2), pertanto in linea con i valori assunti dalle Scuole;
- i Luoghi di Culto di Classe 2 si distribuiscono in fasce di punteggio mediamente inferiori a
quelle delle Scuole e degli Impianti Sportivi ma superiori a quelle delle strutture
Ospedaliere;
- i punteggi degli Ospedali e Case di Cura di Classe 2 si concentrano prevalentemente nella
fascia 801-900; pertanto si può osservare che i punteggi delle strutture Ospedaliere sono
mediamente inferiori a quelli delle Scuole, sebbene in un edificio venga superato il valore di
1900 (unico caso per questa Classe di Priorità);
- per la Grande Distribuzione Commerciale è possibile affermare che vengono assunti valori
inferiori sia alle Scuole che agli Impianti Sportivi che ai Luoghi di Culto;
26
- i Cinema, Teatri e Sale Convegno di Classe 2 si distribuiscono in linea con i valori assunti
dai Luoghi di Culto;
- i punteggi delle 7 Biblioteche di Classe 2, dato il limitato numero di casi, si distribuiscono
uniformemente nelle diverse fasce di punteggio.
Dalla formulazione dell’algoritmo deriva anche che i punteggi più elevati si ottengano per i siti di
Classe 1 che complessivamente sono 24, di cui 16 Scuole, 4 Ospedali e Case di Cura e 4 Impianti
Sportivi.
Nel grafico successivo (fig. 4) si riporta, per gli Edifici Pubblici di Classe 1, la distribuzione dei
punteggi per Classi di frequenza di ampiezza pari a 100, da cui è possibile osservare che:
- complessivamente, i punteggi degli Edifici Pubblici di Classe 1 si distribuiscono in fasce di
punteggio che vanno da 1101 a 2200, concentrandosi prevalentemente nella fascia 19012000 in cui sono presenti 6 casi su 24;
- i punteggi delle Scuole di Classe 1 si concentrano prevalentemente nella fascia 1901-2000 in
cui sono presenti 6 casi su 16;
- i punteggi degli Impianti Sportivi di Classe 1, dato il limitato numero di casi, si
distribuiscono uniformemente in quattro fasce di punteggio;
- i punteggi delle 4 strutture Ospedaliere di Classe 1 si distribuiscono nelle prime 4 fasce di
punteggio prese in esame.
Fig. 4: punteggi assunti dagli Edifici Pubblici di Classe 1.
Edifici Pubblici in Classe 1
numero di siti
6
4
2
0
Ospedali
Impianti Sportivi
Scuole
TOTALE
La scelta di impiegare solamente 5 Classi di punteggio si è resa necessaria per poter effettuare in
poche tabelle l’inserimento degli elementi caratteristici (fattori e indicatori) dei siti e la valutazione
della loro influenza sulla determinazione dei punteggi in relazione alla formulazione dell’algoritmo.
Questo non sarebbe stato praticamente possibile considerando molte Classi di punteggio con
un’ampiezza più ristretta.
27
Nelle tabelle seguenti sono evidenziati per Classi di punteggio il numero di casi per Classi di
Priorità e il numero di casi che presentano definiti fattori e indicatori.
Tab. 3.2.0.a: Edifici Pubblici con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
presente
assente
157
0
no
si
132
25
no
si
157
0
compatto
friabile
127
30
si
no
155
2
< 10%
≥ 10%
129
28
vicino
lontano
143
14
alta
bassa media
62
35
60
alta
bassa media
139
9
9
presente
assente
64
0
no
si
64
0
no
si
64
0
compatto
friabile
40
24
si
no
61
3
< 10%
≥ 10%
55
10
lontano
vicino
52
12
bassa media
alta
39
18
7
bassa media
alta
47
8
9
N. di casi
157
64
CONFINAMENTO
ACCESSIBILITÀ
USO PUBBLICO
TIPO AMIANTO
Attività in
funzione
Danni
Contesto Urbano
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
Dalla tabella 3.2.0.a si evince che:
- il confinamento del materiale in amianto (Classe 4), sia friabile che compatto, o la non
accessibilità del sito (Classe 5) comporta un punteggio basso (≤ 500);
- i siti che ottengono un punteggio inferiore a 500 sono 221 di cui 157 in Classe 5 e 64 in
Classe 4;
- l’amianto friabile è presente in 54 di essi, rispettivamente 30 in Classe 5 e 24 in Classe 4;
- complessivamente 195 siti sono collocati all’interno di un contesto urbano;
- in 184 casi il mca presenta danni < 10%.
Tab. 3.2.0.b: Edifici Pubblici con punteggi compresi tra 501 e 1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
USO PUBBLICO
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
assente
presente
8
0
no
si
8
0
si
no
8
0
compatto
friabile
8
0
si
no
7
1
< 10%
≥ 10%
6
2
lontano
vicino
0
8
bassa media
alta
5
1
2
bassa media
alta
7
0
1
Classe 3
Classe 2
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
8
0
28
assente
presente
320
0
si
no
320
0
si
no
320
0
compatto
friabile
320
0
si
no
319
1
< 10%
≥ 10%
316
4
lontano
vicino
252
68
alta
bassa media
189
46
85
alta
bassa media
252
17
51
320
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
Nella tabella 3.2.0.b vengono illustrati i fattori e gli indicatori che determinano i punteggi compresi
tra 501 e 1000 per 296 Edifici Pubblici di cui 8 in Classe 4 e 320 in Classe 2 caratterizzati dalla
presenza di mca compatto non confinato all’interno di edifici pubblici accessibili.
Si fa presente che in 7 edifici collocati in Classe 4 e in uno in Classe 2 l’attività non è più in
funzione. Complessivamente 260 edifici si collocano all’interno di un contesto urbano e 194
presentano una quantità intermedia di materiale. Solamente in 6 casi il materiale presenta danni
≥10%.
Tab. 3.2.0.c: Edifici Pubblici con punteggi compresi tra 1001 e 1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
0
0
0
Classe 2
Classe 1
assente
presente
440
0
si
no
440
0
si
no
440
0
compatto
friabile
440
0
si
no
437
3
< 10%
≥ 10%
237
203
vicino
lontano
428
12
alta
bassa media
222
28
190
alta
bassa media
413
10
17
presente
assente
9
0
no
si
9
0
no
si
9
0
compatto
friabile
9
0
si
no
9
0
< 10%
≥ 10%
9
0
lontano
vicino
7
2
bassa media
alta
4
3
2
bassa media
alta
9
0
0
440
9
In tabella 3.2.0.c si osserva che:
- 449 siti ottengono un punteggio compreso tra 1001 e 1500, di cui 440 in Classe 2 e 9 in
Classe 1 (mca friabile non confinato in edifici pubblici accessibili);
- complessivamente 435 edifici sono posizionati all’interno di un contesto urbano;
- per 224 si ha una consistente quantità di materiale;
- in 203 casi il materiale presenta danni ≥ 10%.
Tab. 3.2.0.d: Edifici Pubblici con punteggi compresi tra 1501 e 2000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
29
Classe 2
Classe 1
assente
presente
7
0
si
no
7
0
si
no
7
0
compatto
friabile
7
0
no
si
6
1
< 10%
≥ 10%
3
4
vicino
lontano
6
1
alta
bassa media
4
2
1
bassa media
alta
6
0
1
presente
assente
11
0
no
si
11
0
no
si
11
0
compatto
friabile
11
0
si
no
11
0
< 10%
≥ 10%
10
1
lontano
vicino
10
1
bassa media
alta
6
2
3
bassa media
alta
11
0
0
7
11
In tabella 3.2.0.d vengono mostrati gli indicatori che determinano il passaggio a punteggi compresi
tra 1501 e 2000 per 7 siti in Classe 2 e 11 in Classe 1.
Tra quelli in Classe 2, in 6 situazioni l’attività non risulta più in funzione. Complessivamente 16
edifici si trovano all’interno di un contesto urbano e 14 presentano danni nel materiale ≥ 10%.
Tab. 3.2.0.e: Edifici Pubblici con punteggi ≥ 2000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
0
assente
presente
4
0
si
no
4
0
si
no
4
0
friabile
compatto
4
0
si
no
4
0
< 10%
≥ 10%
4
0
vicino
lontano
4
0
alta
bassa media
2
2
0
alta
bassa media
4
0
0
4
Per quattro edifici in Classe 1 (tabella 3.2.0.e) viene superata la soglia dei 2000: tutti e quattro i
casi, collocati all’interno di un contesto urbano, sono caratterizzati da amianto friabile con danni ≥
10% .
Nei paragrafi successivi vengono illustrati i dettagli su Classi di Priorità e punteggi ottenuti per tutte
le tipologie di Edifici Pubblici.
3.2.1. Scuole di ogni ordine e grado
Per le Scuole di proprietà o gestione di enti pubblici si è fatta richiesta di informazione agli Uffici
Tecnici/RSPP dei Comuni, delle Province, delle Università; gli indirizzari delle Scuole private sono
state ricavate dalle Pagine Gialle, utilizzate come fonte, alla voce specifica “Scuole Private”.
In alcuni casi sono state contattate associazioni di Scuole (es. FISM: Federazione Italiana Scuole
Materne) che hanno agito come intermediari raccogliendo le informazioni richieste da ARPA.
Agli uffici tecnici di Comuni e Province che non hanno dato risposta alla prima lettera inviata da
ARPA di richiesta di informazioni, è stata inviata una seconda lettera di sollecito.
Ai Comuni inadempienti anche a tale sollecito, è stato inviato un ulteriore sollecito di invio delle
informazioni da parte del Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia-Romagna. In caso di
ulteriore mancata risposta si è dovuto ritenere che in tali Comuni non vi siano edifici con materiali
contenenti amianto.
I Privati o le Associazioni che non hanno dato risposta alla richiesta di informazioni, sono stati
considerati privi di edifici con presenza di materiali in amianto.
In Allegato 3 si trasmette il prototipo di lettera inviata per la richiesta di informazioni.
30
Sono stati effettuati i sopralluoghi solamente nei casi di positività dichiarata o di dubbia presenza di
materiali contenenti amianto.
In tabella 10 si riporta la sintesi dei dati e le attività riferite alle Scuole della Regione.
Tab. 10: Scuole di ogni ordine e grado.
Province
Comuni
Università
Associazioni/
Scuole Private
TOTALE
a) lettere inviate
9
341
582
932
b) solleciti inviati
3
158
84
245
c) risposte ricevute
d) risposte con segnalazione di siti con
possibile presenza di amianto
e) sopralluoghi effettuati
f) siti in cui è stata verificata la presenza di
amianto
8
273
217
498
71
365
58
494
71
365
58
494
65
310
56
431
Dalla tabella si può ricavare che:
- hanno dato risposta alla richiesta di informazioni:
a) tutte le Province, ad eccezione di Forlì-Cesena,
b) l’80% dei Comuni,
c) il 37% di Università, Scuole Private (o Associazioni);
- nell’87% dei sopralluoghi effettuati, è stata constatata l’effettiva presenza di materiali
contenenti amianto.
In tabella 11 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di Priorità e per Provincia.
Tab. 11: Scuole di ogni ordine e grado divise per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
0
1
5
0
0
0
0
1
9
21
37
44
75
39
16
23
22
22
-
7
2
8
1
0
0
5
0
9
1
2
24
16
9
1
8
11
12
29
42
81
92
48
17
36
34
52
16
(4%)
299
(69%)
-
32
(7%)
84
(20%)
431
Il 4% delle Scuole ispezionate si collocano in Classe 1, poiché siti pubblici accessibili e con
presenza di materiali in amianto friabile non confinato.
Nella maggior parte dei casi (69%) è stato rinvenuto materiale in amianto in matrice compatta, non
confinato, in edifici accessibili e pertanto rientranti in Classe 2.
Si ricorda che causa la formulazione dell’algoritmo, nessun Edificio Pubblico in area urbana può
rientrare in Classe 3.
31
Le Province di Modena e di Reggio Emilia sono quelle in cui è stato rilevato il maggior numero di
Scuole con presenza di materiali contenenti amianto.
In tabella 12 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di punteggio e per
Provincia.
Tab. 12: Scuole di ogni ordine e grado divise per Classi di punteggio e Province.
< 500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
≥ 2000
Provincia
6
13
10
0
0
PC
4
10
27
1
0
PR
32
9
35
3
2
RE
16
16
58
2
0
MO
9
16
23
0
0
BO
1
6
9
1
0
FC
13
13
10
0
0
RA
11
0
21
2
0
FE
21
13
12
5
1
RN
TOTALE
113
96
205
14
3
(26%)
(22%)
(48%)
(3%)
(1%)
(%)
TOTALE
29
42
81
92
48
17
36
34
52
431
Le 113 Scuole mappate che ottengono un punteggio inferiore a 500, rientrano tutte in Classe 5 e 4,
solamente 3 siti in Classe 4 assumono un punteggio compreso tra 501 e 1000 poiché strutture in cui
l’attività non è più in funzione.
Le due Classi di punteggio maggiormente rappresentate sono 501÷1000 e 1001÷1500.
I punteggi più elevati (1501÷2000 e ≥ 2000) sono determinati principalmente dai fattori che
definiscono la Classe 1, ovvero presenza di amianto friabile non confinato in un sito accessibile di
utilizzo pubblico.
Per questa tipologia di edificio, il punteggio più elevato è di 2165 e corrisponde al punteggio
massimo ottenuto tra tutti i siti mappati.
Nelle tabelle seguenti sono evidenziati per Classi di punteggio il numero di casi per Classi di
Priorità e il numero di casi che presentano definiti fattori e indicatori.
Tab. 3.2.1.a: Scuole di ogni ordine e grado con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
presente
assente
84
0
no
si
69
15
no
si
84
0
compatto
friabile
62
22
si
no
84
0
< 10%
≥ 10%
73
11
vicino
lontano
81
3
alta
bassa media
29
28
27
alta
bassa media
80
3
1
presente
assente
29
0
no
si
29
0
no
si
29
0
compatto
friabile
18
11
si
no
29
0
< 10%
≥ 10%
27
2
lontano
vicino
25
4
bassa media
alta
23
5
1
bassa media
alta
24
1
4
N. di casi
84
29
CONFINAMENTO
ACCESSIBILITÀ
USO PUBBLICO
TIPO AMIANTO
Attività in
funzione
Danni
Contesto Urbano
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
32
0
0
Nella tabella 3.2.1.a sono riportati gli elementi (fattori e indicatori) per cui 113 edifici, di cui 84 in
Classe 5 e 29 in Classe 4, ottengono valori ≤ 500.
Tra gli edifici di Classe 5 con punteggio inferiore a 500 sono presenti alcune situazioni in cui
l’amianto si trova in matrice friabile e il sito è accessibile: i punteggi bassi sono determinati
prevalentemente dal fatto che l’attività sia sempre in funzione (indicatore i3) e che non siano state
effettuate misure per la determinazione di fibre aerodisperse (indicatore i5).
Infatti, data la formulazione dell’algoritmo, in queste condizioni (mca friabile confinato, attività in
funzione, senza misure di rilevazione di fibre aerodisperse) il punteggio massimo acquisibile è 558.
Concretamente, il punteggio massimo raggiunto è 409 e corrisponde ad un sito pubblico accessibile,
collocato all’interno di un contesto urbano in Provincia di Rimini, in cui è presente una quantità
“media” di materiale friabile confinato con danni maggiori del 10%.
Analogamente tra gli edifici di Classe 4 con punteggio inferiore a 500 sono presenti alcune
situazioni in cui l’amianto si trova in matrice friabile: i punteggi bassi sono determinati
prevalentemente dal fatto che l’attività sia in funzione (indicatore i3) e che non siano state effettuate
misure per la determinazione di fibre aerodisperse (indicatore i5).
Infatti, data la formulazione dell’algoritmo, in queste circostanze (mca friabile non confinato, sito
non accessibile, attività in funzione, senza misure di rilevazione di fibre aerodisperse) il punteggio
massimo acquisibile è 666. Concretamente, il punteggio massimo raggiunto è 469 e corrisponde ad
un sito pubblico non accessibile, collocato all’interno di un contesto urbano in Provincia di Rimini,
in cui è presente una piccola quantità di materiale friabile con danni maggiori del 10%.
Tab. 3.2.1.b: Scuole di ogni ordine e grado con punteggi compresi tra 501 e 1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
USO PUBBLICO
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
assente
presente
3
0
no
si
3
0
si
no
3
0
compatto
friabile
0
3
no
si
3
0
< 10%
≥ 10%
3
0
lontano
vicino
0
3
alta
bassa media
3
0
0
bassa media
alta
3
0
0
Classe 3
Classe 2
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
3
0
assente
presente
93
0
si
no
93
0
si
no
93
0
compatto
friabile
0
93
si
no
93
0
< 10%
≥ 10%
90
3
lontano
vicino
81
12
alta
bassa media
49
8
36
alta
bassa media
82
4
7
93
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
Complessivamente 97 Scuole ottengono punteggi compresi tra 501-1000, di cui 3 in Classe 4 e 93
in Classe 2 (tabella 3.2.1.b).
Tutti e 3 gli edifici in Classe 4, sono situazioni dismesse in cui l’attività non è più in funzione.
Complessivamente, i danni maggiori al 10% si sono rilevati solamente in 3 casi.
In tabella 3.2.1.c vengono mostrati i fattori e gli indicatori che determinano i punteggi compresi tra
1501 e 2000, per 201 Scuole in Classe 2 e 4 in Classe 1.
Nel caso di edifici ad accesso libero e con presenza di amianto compatto (Classe 2) il passaggio da
punteggi compresi tra 501 e 1000 a punteggi compresi tra 1001 e 1500 è legato prevalentemente
all’incremento dei quantitativi del mca e al peggioramento del suo stato di conservazione (3.2.1.c).
33
Sempre per i siti in Classe 2, la presenza di mca in siti in cui l’attività è dismessa determina
punteggi compresi tra 1501 e 2000 (tabella 3.2.1.d).
Anche nel caso di presenza di amianto friabile (Classe 1) le variazioni dei punteggi sono legate
soprattutto allo stato di conservazione dei materiali e alle quantità presenti (tabelle 3.2.1.c, 3.2.1.d ).
Tab. 3.2.1.c: Scuole di ogni ordine e grado con punteggi compresi tra 1001 e 1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
0
0
0
Classe 2
Classe 1
presente
assente
0
201
si
no
201
0
si
no
201
0
compatto
friabile
201
0
si
no
2
199
< 10%
≥ 10%
125
76
vicino
lontano
197
4
bassa media
alta
10
80
111
alta
bassa media
192
5
4
presente
assente
0
4
no
si
4
0
no
si
4
0
compatto
friabile
4
0
si
no
0
4
< 10%
≥ 10%
4
0
lontano
vicino
3
1
bassa media
alta
2
1
1
bassa media
alta
4
0
0
201
4
Tab. 3.2.1.d: Scuole di ogni ordine e grado con punteggi compresi tra 1501 e 2000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
Classe 2
Classe 1
presente
assente
5
0
no
si
0
5
si
no
5
0
compatto
friabile
5
0
no
si
5
0
< 10%
≥ 10%
3
2
vicino
lontano
4
1
alta
bassa media
4
1
0
bassa media
alta
5
0
0
presente
assente
9
0
no
si
9
0
no
si
9
0
compatto
friabile
9
0
si
no
9
0
< 10%
≥ 10%
8
1
lontano
vicino
0
9
bassa media
alta
4
2
3
bassa media
alta
9
0
0
5
9
Dalla tabella 3.2.1.e si evince che tutti e tre i casi con valori superiori o uguali a 2000 sono
caratterizzati da materiale con amianto in matrice friabile, non confinato, con danni superiori al
10%, collocati in un sito all’interno del contesto urbano.
Di queste situazioni due sono state rinvenute nella Provincia di Reggio Emilia e una in quella di
Rimini.
34
Tab. 3.2.1.e: Scuole di ogni ordine e grado con punteggi ≥ 2000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
0
0
0
presente
assente
3
0
si
no
3
0
si
no
3
0
friabile
compatto
3
0
si
no
3
0
≥ 10%
< 10%
3
0
vicino
lontano
3
0
alta
bassa media
2
1
0
alta
bassa media
3
0
0
0
3
3.2.1.1. Amianto friabile in Scuole di ogni ordine e grado
Complessivamente sono state rilevate 49 Scuole (11% del totale) con presenza di materiale in
amianto friabile delle quali solamente 16 (33% del totale) rientrano in Classe 1 (amianto friabile
non confinato in un sito accessibile di utilizzo pubblico).
In tabella 13 si riporta il numero di Scuole in cui è stato rinvenuto materiale friabile, suddiviso per
Classe di Priorità e per Provincia.
Tab. 13: Scuole di ogni ordine e grado con amianto friabile, divise per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
0
1
5
0
0
0
0
1
9
-
-
0
2
0
0
0
0
0
0
9
0
0
10
0
0
0
1
0
11
0
3
15
0
0
0
1
1
29
16
(33%)
-
-
11
(22%)
22
(45%)
49
Negli 11 casi che ottengono la Classe 4 i materiali in amianto friabile sono posizionati in ambienti
separati dai locali scolastici e non accessibili al pubblico: quelli in Provincia di Parma
corrispondono a materiali da laboratorio non più utilizzati e quelli in Provincia di Rimini a
guarnizioni di caldaie o centrali termiche.
Per i siti in Classe 5 (45% dei casi) l’amianto friabile risulta confinato.
Ovviamente, data la formulazione dell’algoritmo, nessun Edificio Pubblico accessibile con amianto
friabile non confinato può rientrare in Classe 2.
35
Le Province di Rimini e di Reggio Emilia sono quelle in cui è stato rilevato il maggior numero di
Scuole con presenza di materiali con amianto friabile.
In tabella 14 si riporta il numero di Scuole in cui è stato rinvenuto materiale friabile, suddiviso per
Classe di punteggio e per Provincia.
Tab. 14: Scuole di ogni ordine e grado con amianto friabile, divise per Classi di punteggio e Province.
TOTALE
<500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
≥ 2000
Provincia
0
0
0
0
0
0
PC
2
0
0
1
0
3
PR
10
0
0
3
2
15
RE
0
0
0
0
0
0
MO
0
0
0
0
0
0
BO
0
0
0
0
0
0
FC
1
0
0
0
0
1
RA
0
0
0
1
0
1
FE
20
0
0
8
1
29
RN
TOTALE
33
0
0
13
3
49
(67%)
(-)
(-)
(27%)
(6%)
(%)
Le Scuole con amianto friabile che ottengono i punteggi più elevati (1501÷2000 e > 2000) sono
quelle che ottengono la Classe 1. In particolare delle tre Scuole con punteggio più elevato, due sono
in Provincia di Reggio Emilia e una in quella di Rimini.
I dettagli sui siti mappati e i relativi punteggi vengono riportati nel corso dei capitoli dedicati alle
singole Province, in cui sono anche illustrate le dislocazioni geografiche per ciascuna tipologia di
edificio.
3.2.2. Ospedali e Case di Cura
Per questa tipologia di edificio sono stati considerati Ospedali*, Case di Cura e Poliambulatori di
proprietà sia pubblica (Aziende USL e Aziende Ospedaliere) che privata, gli Impianti Termali.
Perciò la predisposizione degli indirizzari ha interessato le Aziende USL, le Aziende Ospedaliere, le
Case di Cura Private presenti sulle Pagine Gialle alla voce “Case di Cura e Cliniche Private”.
In tabella 15 si riporta la sintesi dei dati e delle attività effettuate per Ospedali e Case di Cura, da cui
si può ricavare che:
- hanno dato risposta alla richiesta di informazioni il 52% di Ospedali/Case di Cura;
- alla data del 31/05/2005 sono stati effettuati il 98% dei sopralluoghi sui siti segnalati;
- nel 95% dei sopralluoghi sui siti segnalati, è stata constatata l’effettiva presenza di materiali
contenenti amianto;
- nel 77% dei casi in cui è stata verificata la presenza di amianto, si tratta di edifici di
proprietà di enti pubblici (Ospedali, Poliambulatori delle Aziende USL e Case di Riposo
comunali), mentre il restante 23% comprende Case di Cura private e stabilimenti termali.
*Con il termine Ospedale, per la seguente mappatura, si intendono le strutture edili che li compongono, pertanto un
Ospedale può essere rappresentato da più strutture caratterizzate da coordinate geografiche differenti.
36
Tab. 15: Ospedali e Case di Cura.
a) lettere inviate
283
b) risposte ricevute
146
c) risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (segnalati da enti pubblici)
d) risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (segnalati da privati)
e) risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (totale)
76
23
99
f) sopralluoghi effettuati
99
g) siti in cui è stata verificata la presenza di
amianto (siti pubblici)
h) siti in cui è stata verificata la presenza di
amianto (siti privati)
i) siti in cui è stata verificata la presenza di
amianto (totale)
73
21
94
Nelle tabelle successive 16 e 17 si riportano il numero di Ospedali e Case di Cura divisi per Classe
di Priorità e per Provincia, distinguendo i siti di proprietà di enti pubblici e quelli privati.
Per le strutture pubbliche solamente 2 casi su 73 mappati risultano in Classe 1, poiché siti pubblici
ad accesso libero e con presenza di materiali in amianto friabile.
La maggior parte dei casi (82%) rientra invece in Classe 2 poichè edifici pubblici ad accesso libero
ma con presenza di materiali in amianto compatto.
Anche per le strutture private solamente 2 casi su 21 mappati risultano in Classe 1, mentre il 67% si
colloca in Classe 2.
Si ricorda che causa la formulazione dell’algoritmo, nessun Edificio Pubblico in area urbana può
rientrare in Classe 3.
Le Province di Reggio Emilia, Bologna e Modena sono quelle in cui è stato rilevato il maggior
numero di Ospedali e Case di Cura pubblici con presenza di materiali contenenti amianto.
La Provincia in cui è stato mappato il maggior numero di strutture private è quella di Piacenza.
Tab. 16: Ospedali e Case di Cura pubblici divisi per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
1
1
0
0
0
0
0
0
0
4
2
18
13
15
3
2
0
3
-
0
0
0
1
1
1
0
0
0
1
0
3
2
0
1
0
0
1
6
3
21
16
16
5
2
0
4
2
(3%)
60
(82%)
-
3
(4%)
8
(11%)
73
37
Tab. 17: Ospedali e Case di Cura privati divisi per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
0
2
0
0
0
0
0
0
0
5
0
1
1
3
1
3
0
0
-
0
0
0
1
0
0
0
0
0
1
0
0
0
1
0
1
1
0
6
2
1
2
4
1
4
1
0
2
(9%)
14
(67%)
-
1
(5%)
4
(19%)
21
Nelle tabelle successive 18 e 19 si riportano il numero di Ospedali e Case di Cura divisi per Classe
di punteggio e per Provincia, distinguendo i siti di proprietà di enti pubblici e quelli privati.
Tab. 18: Ospedali e Case di Cura pubblici divisi per Classi di punteggio e Province.
<500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
≥ 2000
Provincia
1
4
1
0
0
PC
0
2
1
0
0
PR
3
9
9
0
0
RE
2
9
5
0
0
MO
1
5
10
0
0
BO
2
2
1
0
0
FC
0
1
1
0
0
RA
0
0
0
0
0
FE
1
1
2
0
0
RN
TOTALE
0
10
33
30
0
(-)
(14%)
(45%)
(41%)
(-)
(%)
Tab. 19: Ospedali e Case di Cura privati divisi per Classi di punteggio e Province.
<500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
≥ 2000
Provincia
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
TOTALE
6
3
21
16
16
5
2
0
4
73
TOTALE
1
4
0
1
0
6
0
0
2
0
0
2
0
0
1
0
0
1
1
0
1
0
0
2
1
3
0
0
0
4
0
1
0
0
0
1
1
3
0
0
0
4
1
0
0
0
0
1
0
0
0
0
0
0
5
(24%)
11
(52%)
4
(19%)
1
(5%)
0
(-)
21
38
Per gli Ospedali e Case di Cura pubblici il massimo punteggio ottenuto è di 1499 corrispondente ad
un sito in Classe 1 in Provincia di Piacenza.
Per le strutture private il massimo punteggio ottenuto è di 1917 (unico caso con punteggio superiore
a 1500), corrispondente ad una struttura in Provincia di Piacenza che ottiene la Classe 2 e in cui è
stata rilevata una concentrazione di fibre superiore a 1 ff/L (indicatore i5, presente come fattore
moltiplicativo all’interno dell’algoritmo – si veda pag. 8).
In entrambi i casi le Classi di punteggio maggiormente rappresentate sono quelle comprese tra 501
e 1000 e tra 1001 e 1500 e si collocano in Classe 2.
Per le poche situazioni rientranti in Classe 1 non viene mai superata la soglia di 1500.
Nelle tabelle seguenti sono evidenziati per Classi di punteggio il numero di casi per Classi di
Priorità e il numero di casi che presentano definiti fattori e indicatori, distinguendo le strutture
pubbliche da quelle private.
Dalla tabella 3.2.2.a si evince come la presenza di amianto sia friabile (un caso) che compatto (9
casi) in presenza di confinamento (8 casi) o all’interno di siti non accessibili al pubblico (3 casi)
comporti un punteggio basso (≤ 500) per 10 Ospedali e Case di Cura.
Un Ospedale in Classe 5 con punteggio inferiore a 500 presenta amianto friabile confinato: si tratta
di una struttura in funzione, collocata all’interno di un contesto urbano in Provincia di Rimini, in cui
è presente un’elevata quantità di materiale in buono stato di conservazione.
Tab. 3.2.2.a: Ospedali e Case di Cura pubblici con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
presente
assente
8
0
no
si
7
1
no
si
8
0
compatto
friabile
7
1
si
no
0
8
< 10%
≥ 10%
6
2
vicino
lontano
8
0
alta
bassa media
4
4
0
alta
bassa media
8
0
0
presente
assente
2
0
no
si
2
0
no
si
2
0
compatto
friabile
2
0
si
no
0
2
< 10%
≥ 10%
1
1
lontano
vicino
2
0
bassa media
alta
1
1
0
bassa media
alta
1
1
0
N. di casi
8
2
CONFINAMENTO
ACCESSIBILITÀ
USO PUBBLICO
TIPO AMIANTO
Attività in
funzione
Danni
Contesto Urbano
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
Dalla tabella 3.2.2.b si evince che:
- l’assenza di confinamento in un sito non accessibile (Classe 4) comporta il passaggio ad una
Classe di punteggio superiore (501÷1000) per un’unica situazione (Provincia di ForlìCesena) in cui l’attività non è più in funzione;
- i 32 casi in Classe 2 con punteggio compreso tra 501 e 1000 sono caratterizzati dalla
presenza di mca compatto di cui uno solo con danni ≥ 10%;
- 12 di essi presentano elevati quantitativi di mca.
39
Tab. 3.2.2.b: Ospedali e Case di Cura pubblici con punteggi compresi tra 501 e 1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
USO PUBBLICO
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
Classe 3
assente
presente
1
0
no
si
1
0
si
no
1
0
compatto
friabile
1
0
no
si
1
0
< 10%
≥ 10%
1
0
vicino
lontano
1
0
alta
bassa media
1
0
0
bassa media
alta
1
0
0
0
Classe 2
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
1
0
assente
presente
32
0
si
no
0
32
si
no
32
0
compatto
friabile
32
0
si
no
32
0
< 10%
≥ 10%
31
1
vicino
lontano
27
5
alta
bassa media
16
12
4
alta
bassa media
32
0
0
32
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
Dalla tabella 3.2.2.c è possibile constatare che:
- i siti che ottengono un punteggio compreso tra 1001 e 1500 sono 30 di cui 28 in Classe 2 e 2
in Classe 1;
- si segnala che per 18 dei siti di Classe 2 si è in presenza di materiali danneggiati per un
valore ≥ 10%;
- in tutti e due i casi con mca friabile (Classe 1), il materiale presenta un buono stato di
conservazione con danni inferiori al 10%; di queste situazioni una è stata rinvenuta nella
Provincia di Parma e una in quella di Piacenza;
- tutti e 30 i siti con punteggi compresi tra 1001 e 1500 sono collocati all’interno di un
contesto urbano.
Tab. 3.2.2.c: Ospedali e Case di Cura pubblici con punteggi compresi tra 1001 e 1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
Classe 2
Classe 1
assente
presente
28
0
si
no
28
0
si
no
28
0
compatto
friabile
28
0
si
no
28
0
< 10%
≥ 10%
18
10
lontano
vicino
28
0
alta
bassa media
14
4
10
alta
bassa media
26
0
2
presente
assente
2
0
no
si
2
0
no
si
2
0
compatto
friabile
2
0
si
no
2
0
< 10%
≥ 10%
2
0
lontano
vicino
2
0
bassa media
alta
1
1
0
bassa media
alta
2
0
0
28
2
In tabella 3.2.2.d si riportano gli elementi che caratterizzano le 5 strutture Ospedaliere private con
punteggi < 500: 4 in Classe 5 e 1 in Classe 4, tutti con presenza di materiale compatto. In 4 casi il
materiale è confinato e in uno è collocato all’interno di un sito non accessibile al pubblico.
40
Tab. 3.2.2.d: Ospedali e Case di Cura privati con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
presente
assente
4
0
no
si
3
1
no
si
4
0
compatto
friabile
4
0
si
no
4
0
< 10%
≥ 10%
4
0
lontano
vicino
2
2
alta
bassa media
2
2
0
alta
bassa media
2
2
0
presente
assente
1
0
no
si
1
0
no
si
1
0
compatto
friabile
1
0
si
no
1
0
< 10%
≥ 10%
1
0
lontano
vicino
1
0
bassa media
alta
1
0
0
bassa media
alta
1
0
0
N. di casi
4
1
CONFINAMENTO
ACCESSIBILITÀ
USO PUBBLICO
TIPO AMIANTO
Attività in
funzione
Danni
Contesto Urbano
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
Le 11 strutture Ospedaliere private con punteggio compreso tra 501 e 1000 si trovano tutte in Classe
2 in quanto si è in presenza di mca compatto non confinato in un sito accessibile. Per 4 di esse si è
in presenza di alti quantitativi di mca (tabella 3.2.2.e).
Tab. 3.2.2.e: Ospedali e Case di Cura privati con punteggio compreso tra 501 e 1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
assente
presente
11
0
si
no
11
0
si
no
11
0
compatto
friabile
11
0
si
no
11
0
< 10%
≥ 10%
11
0
lontano
vicino
3
8
alta
bassa media
5
4
2
alta
bassa media
9
0
2
11
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
Dei 4 casi con punteggio compreso tra 1001 e 1500 riportati in tabella 3.2.2.f, 2 si collocano in
Classe 2 e 2 in Classe 1 (mca friabile non confinato in un sito accessibile): i due casi con amianto
compatto presentano elevati quantitativi di mca con danni ≥ 10%, in quelli con amianto friabile il
mca presenta danni <10%.
Tutte le 4 situazioni sono collocate all’interno di un contesto urbano.
La soglia di 1500 viene superata in un solo caso, situato in Provincia di Piacenza, in cui è stata
rilevata una concentrazione di fibre superiore a 1 ff/L (indicatore i5 – concentrazione di fibre
aerodisperse): come fattore moltiplicativo contribuisce ad elevare il punteggio rispetto ad un’altra
struttura del tutto simile in cui non sono state eseguite delle misure di questo tipo (tabella 3.2.2.g).
41
Tab. 3.2.2.f: Ospedali e Case di Cura privati con punteggio compreso tra 1001 e 1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
0
0
0
Classe 2
Classe 1
assente
presente
2
0
si
no
2
0
si
no
2
0
compatto
friabile
2
0
si
no
2
0
≥ 10%
< 10%
2
0
vicino
lontano
2
0
alta
bassa media
2
0
0
alta
bassa media
2
0
0
presente
assente
2
0
no
si
2
0
no
si
2
0
compatto
friabile
2
0
si
no
2
0
< 10%
≥ 10%
2
0
lontano
vicino
2
0
bassa media
alta
1
1
0
bassa media
alta
2
0
0
2
2
Tab. 3.2.2.g: Ospedali e Case di Cura privati con punteggio compreso tra 1501 e 2000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
0
0
0
assente
presente
1
0
si
no
1
0
si
no
1
0
compatto
friabile
1
0
si
no
0
1
< 10%
≥ 10%
1
0
vicino
lontano
1
0
bassa media
alta
1
0
0
alta
bassa media
1
0
0
1*
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
*è stata rilevata una concentrazione di fibre superiore a 1ff/L.
I dettagli sui siti mappati e i relativi punteggi vengono riportati nel corso dei capitoli dedicati alle
varie Province, in cui sono anche illustrate le dislocazioni geografiche per ciascuna tipologia di
edificio.
3.2.3. Penitenziari
La predisposizione degli indirizzari ha interessato i Penitenziari presenti sulle Pagine Gialle alla
voce specifica “Penitenziari”.
La sintesi di lettere inviate, risposte ricevute, siti segnalati e siti positivi verificati relativamente ai
Penitenziari è riportata in tabella 20.
42
Tab.20: Penitenziari.
a) lettere inviate
10
b) solleciti inviati
2
c) risposte ricevute
5
d) risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto
2
e) sopralluoghi effettuati
2
f) siti in cui è stata verificata la presenza di amianto
1
Dalla tabella si può ricavare che:
- hanno dato risposta alla richiesta di informazioni il 50% dei Penitenziari;
- sono stati effettuati tutti i sopralluoghi sui siti segnalati;
- dei due siti segnalati in uno è stata verificata la presenza di materiali contenenti amianto,
l’altro, situato in Provincia di Modena, è stato bonificato nel corso della realizzazione del
Progetto Mappatura.
L’unico Penitenziario mappato, nella Provincia di Rimini, ottiene la Classe di Priorità 4, in quanto
sito non accessibile, e un punteggio corrispondente a 440.
Tab. 3.2.3.a: Penitenziario con punteggio inferiore a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
USO PUBBLICO
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
0
assente
presente
1
0
no
si
1
0
si
no
1
0
compatto
friabile
1
0
si
no
1
0
< 10%
≥ 10%
1
0
lontano
vicino
1
0
alta
bassa media
1
0
0
alta
bassa media
1
0
0
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
1
0
0
0
Dalla tabella 3.2.3.a si desume che nel Penitenziario mappato vi è la presenza di un quantitativo
elevato di amianto compatto con danni maggiori o uguali al 10%, in un ambiente non accessibile. Il
punteggio derivante dall’applicazione dell’algoritmo di calcolo è di 440.
3.2.4. Biblioteche
Per questa tipologia si sono considerate solo le biblioteche aperte al pubblico.
43
Si ricorda che in molti casi si tratta di strutture comunali o provinciali; pertanto sono state
considerate valide le lettere già inviate a Comuni, Province, Curie, Vicariati o Parrocchie
(complessivamente per la Regione 654).
L’acquisizione degli indirizzari per le Biblioteche private è stata effettuata utilizzando come fonte le
Pagine Gialle alla voce “Biblioteche Private”.
In tabella 21 si riporta la sintesi dei dati per le Biblioteche specificando che il numero di lettere
inviate e di risposte ricevute si riferisce solamente alle biblioteche private, mentre il numero di siti
segnalati si riferisce a tutte le Biblioteche, sia pubbliche che private, così come il numero di siti
positivi verificati.
Tab. 21: Biblioteche.
a)
lettere inviate (Biblioteche private)
134
b)
solleciti inviati
15
c)
risposte ricevute
43
d)
risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (segnalate da Comuni)
risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (segnalate da privati)
risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (totale)
e)
f)
9
0
9
g)
sopralluoghi effettuati
9
h)
siti in cui è stata verificata la presenza di
amianto
9
Dalla tabella si può ricavare che:
- hanno dato risposta alla richiesta di informazioni il 32% delle Biblioteche (private);
- tutti i siti segnalati come positivi sono di proprietà dei Comuni in quanto Province, Curie,
Vicariati e Parrocchie non hanno segnalato edifici rientranti in tale tipologia;
- sono stati effettuati tutti i sopralluoghi sui siti segnalati;
- in tutti i sopralluoghi effettuati sui siti segnalati, è stata constatata l’effettiva presenza di
materiali contenenti amianto.
Nella tabella 22 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di Priorità e per
Provincia.
Tab. 22: Biblioteche divise per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
1
3
1
0
0
1
1
-
0
0
1
0
0
0
0
0
0
0
0
1
0
0
0
0
0
0
0
0
3
3
1
0
0
1
1
0
(-)
7
(78%)
-
1
(11%)
1
(11%)
9
44
Ad eccezione di due situazioni in Provincia di Reggio Emilia che risultano una in Classe 4 e una in
Classe 5, tutte le Biblioteche mappate risultano in Classe 2.
Si ricorda che, causa la formulazione dell’algoritmo di calcolo, nessun Edificio Pubblico in area
urbana può ottenere la Classe 3.
Le Province in cui sono state individuate Biblioteche con presenza di materiali contenenti amianto
sono Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara e Rimini.
Nella tabella 23 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di punteggio e per
Provincia.
Tab. 23: Biblioteche divise per Classi di punteggio e Province.
<500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
Provincia
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
≥ 2000
TOTALE
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
1
1
1
0
0
3
0
1
2
0
0
3
0
1
0
0
0
1
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
1
0
0
1
0
1
0
0
0
1
1
(12%)
4
(44%)
4
(44%)
0
(-)
0
(-)
9
Le Classi di punteggio maggiormente rappresentate corrispondono a quelle comprese tra 501 e 1000
e tra 1001 e 1500.
Il punteggio più elevato ottenuto in questa tipologia è di 1456.
Nelle tabelle seguenti sono evidenziati per Classi di punteggio il numero di casi per Classi di
Priorità e il numero di casi che presentano definiti fattori e indicatori.
Tab. 3.2.4.a: Biblioteche con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
presente
assente
1
0
no
si
1
0
no
si
0
1
compatto
friabile
1
0
si
no
1
0
< 10%
≥ 10%
1
0
vicino
lontano
1
0
alta
bassa media
1
0
0
bassa media
alta
0
0
1
N. di casi
1
CONFINAMENTO
ACCESSIBILITÀ
USO PUBBLICO
TIPO AMIANTO
Attività in
funzione
Danni
Contesto Urbano
Classe 4
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
45
0
0
In un solo edificio in Provincia di Reggio Emilia è stata constatata la presenza di amianto friabile
(tabella 3.2.4.a) che ha un punteggio ≤ 500 in quanto l’amianto è confinato (Classe 5).
Tab. 3.2.4.b: Biblioteche con punteggi compresi tra 501 e 1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
USO PUBBLICO
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
Classe 3
presente
assente
1
0
no
si
1
0
si
no
1
1
compatto
friabile
1
0
si
no
1
0
≥ 10%
< 10%
1
0
lontano
vicino
1
0
alta
bassa media
1
0
0
alta
bassa media
1
0
0
0
Classe 2
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
1
0
presente
assente
3
0
si
no
3
0
si
no
3
0
compatto
friabile
3
0
si
no
3
0
< 10%
≥ 10%
0
3
vicino
lontano
2
1
alta
bassa media
2
0
1
alta
bassa media
2
1
0
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
3
0
Il punteggio tra 501 e 1000 (tabella 3.2.4.b) è risultato per 4 Biblioteche, 1 in Classe 4 e 3 in Classe
2. Si può osservare come la presenza di danni ≥ 10% ed un elevato quantitativo di mca implichi che
il sito inserito in Classe 4 raggiunga la stessa Classe di punteggio dei 3 edifici in Classe 2, in cui il
mca presenta danni < 10 %.
Nel caso specifico il sito in Classe 4 ha un punteggio di 565 mentre quello minimo in Classe 2 di
653.
Tab. 3.2.4.c: Biblioteche con punteggi compresi tra 1001 e 1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
assente
presente
4
0
si
no
4
0
si
no
4
0
compatto
friabile
4
0
si
no
4
0
< 10%
≥ 10%
2
2
vicino
lontano
4
0
bassa media
alta
0
1
3
alta
bassa media
4
0
0
4
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
Gli elevati quantitativi di amianto per 3 casi su 4 e l’aumento dei danni che esso presenta,
comportano un incremento dei punteggi ottenuti (tabella 3.2.4.c) dai 4 siti, tutti in Classe 2, con
Classi di punteggio compreso tra 1001 e 1500.
I dettagli sui siti mappati e i relativi punteggi vengono riportati nel corso dei capitoli dedicati alle
singole Province, in cui sono anche illustrate le dislocazioni geografiche per ciascuna tipologia di
edificio.
46
3.2.5. Luoghi di Culto
Nella maggior parte dei casi per i Luoghi di Culto, anziché contattare direttamente tutte le
Parrocchie presenti sul territorio, si è scelto di fare riferimento alle Curie Vescovili o ai Vicariati
individuati come tramite per le singole Parrocchie.
Si ricorda che, spesso, le Parrocchie sono proprietarie di strutture quali Scuole, Impianti Sportivi o
Cinema, prese in esame anche in altre fasi del progetto. Pertanto i siti segnalati dalle stesse possono
non corrispondere tutti a Luoghi di Culto e sono stati quindi inseriti nelle tipologie appropriate.
Per altri Luoghi di Culto la ricerca è stata effettuata utilizzando come fonte le Pagine Gialle alla
voce religione nella categoria “Chiese e centri di altri culti – religioni varie”.
In tabella 24 si riportano i dati e le attività riferiti ai soli Luoghi di Culto.
Tab. 24: Luoghi di Culto.
Curie
Vicariati
Parrocchie
Altri
TOTALE
a) lettere inviate
14
31
259
132
436
b) risposte ricevute
10
18
40
39
107
c) risposte con segnalazione di siti con
possibile presenza di amianto
116
116
d) sopralluoghi effettuati
116
116
e) siti in cui è stata verificata la presenza
di amianto
112
112
Dalla tabella si può ricavare che:
- hanno dato risposta alla richiesta di informazioni:
a) 10 Curie su 14 interpellate,
b) il 58% dei Vicariati interpellati,
c) il 15% delle Parrocchie,
d) il 29% di Altri Luoghi di Culto;
- nel 96% dei sopralluoghi sui siti segnalati, è stata constatata l’effettiva presenza di materiali
contenenti amianto.
Talvolta le Curie interpellate hanno svolto la funzione di intermediari chiedendo alle singole
parrocchie di trasmettere direttamente ad ARPA le informazioni richieste.
Le risposte avute dai Vicariati hanno fornito informazioni in merito a più edifici, cioè a tutti quelli
di loro pertinenza.
In tabella 25 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di Priorità e per Provincia.
L’87% dei Luoghi di Culto mappati si collocano in Classe 2 poiché edifici pubblici accessibili con
presenza di materiali contenenti amianto compatto.
Non sono stati riscontrati edifici accessibili con presenza di amianto friabile non confinato.
Si ricorda che, vista la formulazione dell’algoritmo, nessun Edificio Pubblico in area urbana può
ottenere la Classe 3.
Le Province in cui è stato censito il maggior numero di Luoghi di Culto con presenza di materiali
contenenti amianto sono Ferrara, Forlì-Cesena, Piacenza e Bologna.
47
Tab. 25: Luoghi di Culto divisi per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
0
0
0
0
0
0
0
0
0
16
10
4
2
13
33
3
16
0
-
0
0
2
2
0
2
2
0
0
0
2
0
0
2
0
0
3
0
16
12
6
4
15
35
5
19
0
0
(-)
97
(87%)
-
8
(7%)
7
(6%)
112
In tabella 26 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di punteggio e per
Provincia.
Tab. 26: Luoghi di Culto divisi per Classi di punteggio e Province.
<500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
Provincia
0
10
6
0
PC
2
9
1
0
PR
2
0
4
0
RE
2
1
1
0
MO
2
9
4
0
BO
2
29
4
0
FC
2
3
0
0
RA
3
0
16
0
FE
0
0
0
0
RN
TOTALE
15
61
36
0
(13%)
(55%)
(32%)
(-)
(%)
≥ 2000
TOTALE
0
0
0
0
0
0
0
0
0
16
12
6
4
15
35
5
19
0
0
(-)
112
Le Classi di punteggio maggiormente rappresentate corrispondono a quelle comprese tra 501 e 1000
e tra 1001 e 1500.
Il punteggio più elevato ottenuto in questa tipologia è di 1360.
Nelle tabelle seguenti sono evidenziati per Classi di punteggio il numero di casi per Classi di
Priorità e il numero di casi che presentano definiti fattori e indicatori.
I dettagli sui siti mappati e i relativi punteggi vengono riportati nel corso dei capitoli dedicati alle
singole Province, in cui sono anche illustrate le dislocazioni geografiche per ciascuna tipologia di
edificio.
Dalla tabella 3.2.5.a si evince che vi è un Luogo di Culto in Classe 4 (sito non accessibile) in cui è
stato rilevato materiale friabile e che ottiene un punteggio inferiore a 500 poiché l’attività risulta in
funzione e pertanto il materiale è potenzialmente controllabile (fattore che abbassa la probabilità di
rischio); inoltre esso presenta un quantitativo intermedio di mca friabile in buono stato di
conservazione ed è localizzato all’interno di un contesto urbano in Provincia di Modena.
Sempre con punteggio ≤ 500 vi sono altri 13 Luoghi di Culto, di cui 7 in Classe 5 e 8 in Classe 4.
48
Tab.3.2.5.a: Luoghi di Culto con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
7
assente
0
presente
0
assente
8
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
0
si
7
no
8
si
0
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
0
si
7
no
0
si
8
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
7
friabile
0
compatto
7
friabile
1
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
7
no
0
si
7
no
1
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
4
≥ 10%
3
< 10%
6
≥ 10%
2
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
0
vicino
7
lontano
0
vicino
8
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
bassa
1
media
4
alta
2
bassa
3
media
5
alta
0
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
Frequenza
Utilizzo
bassa
0
media
2
alta
5
bassa
1
media
1
alta
6
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
7
8
0
0
0
Dalle tabelle 3.2.5.b e 3.2.5.c si evince che:
- 96 Luoghi di Culto (86% del totale) sono collocati in Classe 2 in quanto presentano amianto
compatto, in assenza di confinamento, in luoghi accessibili e di utilizzo pubblico;
- 61 di essi hanno acquisito un punteggio compreso tra 501 e 1000;
- 36 di essi hanno acquisito un punteggio compreso tra 1001 e 1500 in relazione ai maggiori
quantitativi di mca (16 casi) e all’aumento dei danni in esso presente (24 casi).
Tab. 3.2.5.b: Luoghi di Culto con punteggi compresi tra 501 e1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
presente
0
assente
61
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
no
0
si
61
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
no
0
si
61
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
61
friabile
0
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
si
60
no
1
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
61
≥ 10%
0
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
15
vicino
46
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
20
media
40
alta
1
bassa
media
alta
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
6
media
11
alta
44
bassa
media
alta
N. di casi
0
0
0
49
61
0
Tab. 3.2.5.c: Luoghi di Culto con punteggi compresi tra 1001 e1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
presente
assente
36
0
si
no
36
0
si
no
36
0
compatto
friabile
36
0
si
no
36
0
≥ 10%
< 10%
24
12
vicino
lontano
36
0
alta
bassa media
16
16
4
alta
bassa media
34
0
2
36
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
3.2.6. Grande Distribuzione Commerciale
L’acquisizione degli indirizzari per la spedizione delle lettere è stata effettuata utilizzando come
fonte le Pagine Gialle alla voce “Supermercati, Grandi Magazzini, Centri Commerciali”.
La sintesi dei dati e delle attività effettuate relativamente alla Grande Distribuzione Commerciale è
riportata in tabella 27.
Tab. 27: Grande Distribuzione Commerciale.
a) lettere inviate
762
b) risposte ricevute
302
c) risposte con segnalazione di siti con
possibile presenza di amianto
67
d) sopralluoghi effettuati
67
e) siti in cui è stata verificata la presenza di
amianto
64
Dalla tabella si può ricavare che:
- hanno dato risposta alla richiesta di informazioni il 39% dei Supermercati;
- nel 95% dei sopralluoghi sui siti segnalati, è stata constatata l’effettiva presenza di materiali
contenenti amianto.
In tabella 28 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di Priorità e per Provincia.
50
Tab. 28: Grande Distribuzione Commerciale divisa per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
0
0
0
0
0
0
0
0
0
5
4
8
6
7
6
1
11
2
-
0
0
1
2
0
1
0
0
0
1
0
2
0
3
1
0
2
1
6
4
11
8
10
8
1
13
3
0
(-)
50
(78%)
-
4
(6%)
10
(16%)
64
Il 78% dei siti della Grande Distribuzione Commerciale mappati si collocano in Classe 2 poiché
edifici pubblici accessibili con presenza di materiali contenenti amianto in matrice compatta, mentre
solo una piccola percentuale rientra in Classe 4 (6%) e in Classe 5 (16%).
Non sono stati riscontrati edifici pubblici accessibili con presenza di amianto friabile.
Si ricorda che, vista la formulazione dell’algoritmo, nessun Edificio Pubblico in area urbana può
ottenere la Classe 3.
Il maggior numero di edifici della Grande Distribuzione Commerciale con presenza di materiali
contenenti amianto è presente a Ferrara, Reggio Emilia e Bologna.
In tabella 29 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di punteggio e per
Provincia.
Tab. 29: Grande Distribuzione Commerciale divisa per Classi di punteggio e Province.
<500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
≥2000
Provincia
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
TOTALE
1
5
0
0
0
6
0
2
2
0
0
4
3
3
5
0
0
11
2
5
1
0
0
8
3
7
0
0
0
10
2
4
2
0
0
8
0
1
0
0
0
1
2
4
7
0
0
13
1
1
1
0
0
3
14
(22%)
32
(50%)
18
(28%)
0
(-)
0
(-)
64
I 14 siti con punteggi più bassi (≤ 500) sono gli stessi che ricadono in Classe 4 e 5.
La Classe di punteggio maggiormente rappresentata corrisponde a quella compresa tra 501 e 1000.
Il punteggio più elevato ottenuto in questa tipologia è di 1370.
Nelle tabelle seguenti sono evidenziati per Classi di punteggio il numero di casi per Classi di
Priorità e il numero di casi che presentano definiti fattori e indicatori.
51
Tab. 3.2.6.a: Grande Distribuzione Commerciale con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
presente
assente
10
0
no
si
10
0
no
si
10
0
compatto
friabile
9
1
si
no
10
0
< 10%
≥ 10%
8
2
lontano
vicino
8
2
bassa media
alta
1
3
6
alta
bassa media
10
0
0
presente
assente
4
0
no
si
4
0
no
si
4
0
compatto
friabile
3
1
si
no
4
0
< 10%
≥ 10%
3
1
lontano
vicino
2
2
bassa media
alta
2
2
0
bassa media
alta
4
0
0
N. di casi
10
4
CONFINAMENTO
ACCESSIBILITÀ
USO PUBBLICO
TIPO AMIANTO
Attività in
funzione
Danni
Contesto Urbano
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
Dalla tabella 3.2.6.a si evince che in 14 siti della Grande Distribuzione Commerciale hanno assunto
un punteggio ≤ 500, 10 in Classe 5 e 4 in Classe 4. I 2 siti, uno in Classe 5 (materiale confinato) e
l’altro in Classe 4 (sito non accessibile), in cui è stato rilevato materiale friabile, ottengono un
punteggio inferiore a 500 poiché l’attività risulta in funzione e pertanto il materiale è
potenzialmente controllabile.
Tab. 3.2.6.b: Grande Distribuzione Commerciale con punteggi compresi tra 501 e 1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
assente
presente
32
0
si
no
32
0
no
si
0
32
compatto
friabile
32
0
si
no
32
0
< 10%
≥ 10%
32
0
lontano
vicino
7
25
alta
bassa media
19
10
3
bassa media
alta
32
0
0
32
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
Anche nel caso della Grande Distribuzione Commerciale la maggioranza degli edifici si colloca in
Classe 2 (mca compatto, non confinato, sito accessibile e di utilizzo pubblico): dei 50 complessivi
32 ottengono una Classe di punteggio tra 501 e 1000, 18 quella immediatamente superiore
(1001÷1500) in relazione all’entità dei danni e al quantitativo del mca (tabelle 3.2.6.b e 3.2.6.c).
52
Tab.3.2.6.c: Grande Distribuzione Commerciale con punteggi compresi tra 1001 e 1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
presente
0
assente
18
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
no
0
si
18
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
no
0
si
18
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
18
friabile
0
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
si
18
no
0
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
8
≥ 10%
10
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
3
vicino
15
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
1
media
3
alta
14
bassa
media
alta
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
0
media
0
alta
18
bassa
media
alta
N. di casi
0
0
0
18
0
I dettagli sui siti mappati e i relativi punteggi vengono riportati nel corso dei capitoli dedicati alle
singole Province, in cui sono anche illustrate le dislocazioni geografiche per ciascuna tipologia di
edificio.
3.2.7. Impianti Sportivi
Per gli Impianti Sportivi di proprietà pubblica, è stato ritenuto valido quanto già richiesto a Comuni,
Province e Parrocchie (oppure Curie Vescovili e Vicariati) poiché proprietari e/o gestori di parte di
tali strutture. Le lettere con richiesta di informazioni circa l’eventuale presenza di amianto negli
Impianti Sportivi di proprietà o gestione di enti pubblici in tutta la Regione sono state 654.
Per gli Impianti Sportivi Privati, l’acquisizione degli indirizzari è stata effettuata utilizzando come
fonte le Pagine Gialle alle voci:
- Palestre nella categoria "palestre";
- Impianti Sportivi nella categoria "sport impianti e corsi - varie discipline".
La sintesi dei dati e delle attività effettuate relativamente agli Impianti Sportivi è riportata in tabella
30, dalla quale si può constatare che:
- hanno dato risposta alla richiesta di informazioni il 25% degli Impianti Sportivi di proprietà
privata interpellati;
- il 78% delle segnalazioni di siti con possibile presenza di materiali contenenti amianto è
stata effettuata dai Comuni;
- nel 92% dei sopralluoghi sui siti segnalati è stata constatata l’effettiva presenza di materiali
contenenti amianto.
53
Tab.30: Impianti Sportivi.
a) lettere inviate
1056
b) risposte ricevute
265
c) risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (segnalati dai privati)
d) risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (segnalati dai Comuni)
e) risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (totali)
214
f) sopralluoghi effettuati
274
g) siti in cui è stata verificata la presenza di
amianto
251
60
274
In tabella 31 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di Priorità e per Provincia.
L’ 81% degli Impianti Sportivi si colloca in Classe 2 poiché siti accessibili ad utilizzo pubblico con
presenza di materiali contenenti amianto in matrice compatta.
Solamente 12 siti su 251 si collocano in Classe 4, in quanto non accessibili liberamente.
Si ricorda che causa la formulazione dell’algoritmo, nessun Edificio Pubblico in area urbana può
rientrare in Classe 3.
Le Province di Bologna, Ferrara, Reggio Emilia e Modena sono quelle in cui è stato rilevato il
maggior numero di Impianti Sportivi con presenza di materiali contenenti amianto.
Tab. 31: Impianti Sportivi divisi per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
0
0
0
0
0
0
0
0
4
10
19
30
25
34
25
22
30
9
-
0
0
1
2
2
1
1
0
5
0
2
5
4
9
1
1
6
3
10
21
36
31
45
27
24
36
21
4
(2%)
204
(81%)
-
12
(5%)
31
(12%)
251
In tabella 32 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di punteggio e per
Provincia.
I 41 Impianti Sportivi mappati che ottengono un punteggio inferiore a 500, rientrano tutti in Classe
4 e 5, solo due casi in Classe 4 ottengono un punteggio compreso tra 501 e 1000 poiché strutture in
cui l’attività non è più in funzione, pertanto non controllabili e potenzialmente a rischio più elevato.
Analogamente le due Classi di punteggio maggiormente rappresentate (501÷1000 e 1001÷1500)
sono determinate prevalentemente dai fattori che individuano la Classe di Priorità 2.
Il punteggio più elevato per questa tipologia di edifici corrisponde a 2165, unico caso in cui viene
superata la soglia di 2000.
54
Tab. 32: Impianti Sportivi divisi per Classi di punteggio e Province.
<500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
Provincia
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
≥2000
TOTALE
0
6
4
0
0
10
2
7
12
0
0
21
5
10
21
0
0
36
6
8
17
0
0
31
11
10
24
0
0
45
2
18
7
0
0
27
2
10
11
1
0
24
6
1
29
0
0
36
7
2
9
2
1
21
41
(16%)
72
(29%)
134
(53.4%)
3
(1.2%)
1
(0.4%)
251
I dettagli sui siti mappati e i relativi punteggi vengono riportati nel corso dei capitoli dedicati alle
singole Province, in cui sono anche illustrate le dislocazioni geografiche per ciascuna tipologia di
edificio.
Nelle tabelle seguenti sono evidenziati per Classi di punteggio il numero di casi per Classi di
Priorità e il numero di casi che presentano definiti fattori e indicatori.
Tab. 3.2.7.a : Impianti Sportivi con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
presente
assente
31
0
no
si
27
4
no
si
31
0
compatto
friabile
29
2
si
no
31
0
< 10%
≥ 10%
24
7
vicino
lontano
24
7
alta
bassa media
15
4
12
alta
bassa media
26
1
4
presente
assente
10
0
no
si
10
0
no
si
10
0
compatto
friabile
6
4
si
no
9
1
< 10%
≥ 10%
9
1
lontano
vicino
7
3
bassa media
alta
6
3
1
bassa media
alta
5
2
3
N. di casi
31
10
CONFINAMENTO
ACCESSIBILITÀ
USO PUBBLICO
TIPO AMIANTO
Attività in
funzione
Danni
Contesto Urbano
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
Nella tabella 3.2.7.a sono riportati gli elementi (fattori e indicatori) per cui 41 edifici, di cui 31 in
Classe 5 e 10 in Classe 4, ottengono valori ≤ 500.
Sono stati rilevati 2 Impianti Sportivi in Classe 5 con materiale friabile confinato che ottengono un
punteggio inferiore a 500 poiché l’attività risulta in funzione e pertanto potenzialmente
controllabile: i due siti hanno piccole quantità di mca in buono stato di conservazione (danni minori
del 10%) e sono situati all’interno di un centro abitato in Provincia Rimini.
Analogamente, 4 siti non accessibili (Classe 4) con materiale friabile non confinato ottengono un
punteggio inferiore a 500: tutti e quattro corrispondono a strutture in cui l’attività è in funzione,
55
possiedono piccole quantità di mca in buono stato di conservazione (danni minori del 10%) e sono
situati all’interno di un centro abitato in Provincia Rimini.
Tab. 3.2.7.b: Impianti Sportivi con punteggi compresi tra 501 e 1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
USO PUBBLICO
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
Classe 3
presente
assente
2
0
no
si
2
0
si
no
2
0
compatto
friabile
2
0
no
si
2
0
< 10%
≥ 10%
1
1
vicino
lontano
2
0
bassa media
alta
1
1
0
bassa media
alta
2
0
0
0
Classe 2
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
2
0
presente
assente
70
0
si
no
70
0
si
no
70
0
compatto
friabile
70
0
si
no
70
0
< 10%
≥ 10%
70
0
vicino
lontano
45
25
alta
bassa media
45
8
17
alta
bassa media
39
6
25
70
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
Nel caso in cui il materiale non sia confinato e il sito non accessibile, si ha il passaggio ad un
punteggio compreso tra 501 e 1000 così come per due Impianti Sportivi (uno in Provincia di Reggio
Emilia e l’altro in quella di Rimini) non più in funzione (tabella 3.2.7.b).
In questo intervallo si collocano anche siti accessibili e con presenza di materiale con amianto
compatto non confinato (Classe 2): il passaggio ad una Classe di punteggio superiore (tra 1001 e
1500) è legato prevalentemente all’incremento dei danni nel mca (≥ 10%) e ad una maggiore
vicinanza ai centri abitati (tabella 3.2.7.c).
In questa fascia di punteggio si colloca anche un sito in Classe 1, situato al di fuori del contesto
urbano in Provincia di Rimini, che presenta piccoli quantitativi di amianto friabile con danni
inferiori al 10%.
Tab. 3.2.7.c: Impianti Sportivi con punteggio compreso tra 1001 e 1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
56
Classe 2
Classe 1
assente
presente
133
0
si
no
133
0
si
no
133
0
compatto
friabile
133
0
si
no
132
1
< 10%
≥ 10%
74
59
lontano
vicino
5
128
alta
bassa media
74
50
9
bassa media
alta
3
7
123
presente
assente
1
0
no
si
1
0
no
si
0
1
compatto
friabile
1
0
si
no
1
0
< 10%
≥ 10%
1
0
lontano
vicino
1
0
bassa media
alta
1
0
0
bassa media
alta
1
0
0
133
1
Per le situazioni in Classe 2, solamente in un caso in Provincia di Ravenna (tabella 3.2.7.d), si ha un
punteggio compreso tra 1501 e 2000: è un sito non più in funzione con presenza di una piccola
quantità di amianto compatto con danni maggiori o uguali al 10%.
All’interno di questo intervallo si collocano anche due siti di Classe 1 (Provincia di Rimini) che
presentano piccoli quantitativi di amianto friabile con danni maggiori o uguali al 10%: l’aumento
dei quantitativi di materiale e la maggiore vicinanza ai centri urbani determina il superamento della
soglia dei 2000, così come per un Impianto Sportivo in Provincia di Rimini (tabella 3.2.7.e).
Tab. 3.2.7.d: Impianti Sportivi con punteggio compreso tra 1501 e 2000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
0
0
Classe 2
Classe 1
assente
presente
1
0
si
no
1
0
si
no
1
0
compatto
friabile
1
0
no
si
1
0
≥ 10%
< 10%
1
0
vicino
lontano
1
0
bassa media
alta
1
0
0
bassa media
alta
1
0
0
presente
assente
2
0
no
si
2
0
no
si
2
0
compatto
friabile
2
0
si
no
2
0
< 10%
≥ 10%
2
0
lontano
vicino
1
1
bassa media
alta
2
0
0
bassa media
alta
2
0
0
1
2
Classe 2
Classe 1
0
Tab. 3.2.7.e: Impianti Sportivi con punteggio compreso ≥ 2000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
presente
assente
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
0
assente
presente
1
0
si
no
1
0
si
no
1
0
friabile
compatto
1
0
si
no
0
1
< 10%
≥ 10%
1
0
lontano
vicino
1
0
alta
bassa media
1
0
0
alta
bassa media
1
0
0
1
3.2.8. Cinema, Teatri e Sale Convegno
Oltre alle informazioni pervenute da Comuni, Province e Parrocchie o Curie Vescovili e Vicariati,
ai quali sono state spedite complessivamente 654 lettere, l’acquisizione degli indirizzari per i
Cinema, Teatri e Sale Convegno privati è stata effettuata utilizzando come fonte le Pagine Gialle
alle voci “Cinema”, “Teatri” e “Sale Convegno”.
57
La sintesi dei dati e delle attività effettuate relativamente a Cinema, Teatri e Sale Convegno è
riportata in tabella 33.
Tab.33: Cinema, Teatri e Sale Convegno.
a) lettere inviate
520
b) risposte ricevute
167
c) risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (segnalati dai privati)
d) risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (segnalati dai Comuni)
e) risposte con segnalazione di siti con possibile
presenza di amianto (totali)
30
32
62
f) sopralluoghi effettuati
62
g) siti in cui è stata verificata la presenza di
amianto
58
Dalla tabella si può ricavare che:
- hanno dato risposta alla richiesta di informazioni il 32% di Cinema, Teatri e Sale Convegno;
- il 52% delle segnalazioni di siti con possibile presenza di materiali contenenti amianto, è
stata effettuata dai Comuni;
- nel 93% dei sopralluoghi effettuati sui siti segnalati, è stata constatata l’effettiva presenza di
materiali contenenti amianto.
In tabella 34 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di Priorità e per Provincia.
Tab. 34: Cinema, Teatri e Sale Convegno divisi per Classi di Priorità e Province.
Provincia
Classe 1
Classe 2
Classe 3
Classe 4
Classe 5
TOTALE
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
0
0
0
0
0
0
0
0
0
2
5
3
5
3
2
3
10
3
-
0
0
0
1
1
0
2
0
6
0
0
1
1
6
0
1
1
2
2
5
4
7
10
2
6
11
11
0
(-)
36
(62%)
-
10
(17%)
12
(21%)
58
Il 62% di Cinema, Teatri e Sale Convegno mappati si colloca in Classe 2 poiché siti accessibili ad
utilizzo pubblico con presenza di materiali contenenti amianto in matrice compatta.
Si ricorda che causa la formulazione dell’algoritmo, nessun Edificio Pubblico in area urbana può
rientrare in Classe 3.
Le Province di Bologna, Ferrara e Rimini sono quelle in cui è stato rilevato il maggior numero di
Cinema, Teatri e Sale Convegno con presenza di materiali contenenti amianto.
58
In tabella 35 si riporta il numero di siti positivi censiti divisi per Classe di punteggio e per
Provincia.
Tab. 35: Cinema, Teatri e Sale Convegno divisi per Classi di punteggio e Province.
<500
501÷1000
1001÷1500
1501÷2000
≥2000
Provincia
PC
PR
RE
MO
BO
FC
RA
FE
RN
TOTALE
(%)
TOTALE
0
0
2
0
0
2
0
4
1
0
0
5
1
3
0
0
0
4
2
4
1
0
0
7
7
2
1
0
0
10
0
0
2
0
0
2
2
4
0
0
0
6
1
1
9
0
0
11
8
1
2
0
0
11
21
(36%)
19
(33%)
18
(31%)
0
(-)
0
(-)
58
Il 36% di Cinema, Teatri e Sale Convegno mappati ottiene un punteggio inferiore a 500.
Le due Classi di punteggio maggiormente rappresentate (501÷1000 e 1001÷1500) sono determinate
prevalentemente dai fattori che individuano la Classe di Priorità 2.
Il punteggio più elevato ottenuto per questa tipologia di edifici corrisponde a 1360.
Nelle tabelle seguenti sono evidenziati per Classi di punteggio il numero di casi per Classi di
Priorità e il numero di casi che presentano definiti fattori e indicatori.
Tab. 3.2.8.a: Cinema, Teatri e Sale Convegno con punteggi inferiori o uguali a 500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
presente
assente
12
0
no
si
8
4
no
si
12
0
compatto
friabile
9
3
si
no
10
2
< 10%
≥ 10%
9
3
lontano
vicino
12
0
bassa media
alta
2
5
5
bassa media
alta
5
0
7
presente
assente
9
0
no
si
9
0
no
si
9
0
compatto
friabile
6
3
si
no
8
1
< 10%
≥ 10%
8
1
lontano
vicino
8
1
bassa media
alta
2
1
6
bassa media
alta
4
0
5
N. di casi
12
9
CONFINAMENTO
ACCESSIBILITÀ
USO PUBBLICO
TIPO AMIANTO
Attività in
funzione
Danni
Contesto Urbano
Classe 3
Classe 2
Classe 1
presente
assente
presente
assente
presente
assente
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
no
si
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
Dalla tabella 3.2.8.a si evince che 21 siti con presenza di materiale in amianto confinato (12 casi) o
collocato in ambienti non accessibili (13 casi), comporta un basso punteggio (≤ 500).
Sono stati rilevati 3 Cinema, Teatri e Sale Convegno in Classe 5 con materiale friabile confinato
che ottengono un punteggio inferiore a 500 poiché l’attività risulta in funzione e pertanto
potenzialmente controllabile: tutti e tre i siti hanno mca in buono stato di conservazione (danni
59
minori del 10%) e sono situati all’interno di un centro abitato, due in Provincia di Bologna e uno in
Provincia di Reggio Emilia.
Analogamente 6 siti non accessibili (Classe 4) con materiale friabile non confinato ottengono un
punteggio inferiore a 500: tutti e sei (Provincia di Rimini) corrispondono a strutture in cui l’attività
risulta in funzione e possiedono piccole quantita di mca in buono stato di conservazione (danni
minori del 10%).
Tab. 3.2.8.b: Cinema, Teatri e Sale Convegno con punteggi compresi tra 501 e 1000.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
USO PUBBLICO
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
si
no
Danni
< 10%
≥ 10%
Contesto Urbano
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
bassa
media
alta
bassa
media
alta
N. di casi
Classe 3
assente
presente
1
0
no
si
1
0
si
no
1
0
compatto
friabile
1
0
no
si
1
0
< 10%
≥ 10%
1
0
lontano
vicino
1
0
alta
bassa media
1
0
0
bassa media
alta
1
0
0
0
Classe 2
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
1
0
assente
presente
18
0
si
no
18
0
si
no
18
0
compatto
friabile
18
0
si
no
18
0
< 10%
≥ 10%
18
0
vicino
lontano
18
0
alta
bassa media
13
3
2
alta
bassa media
12
0
6
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
18
0
Per un Teatro (Provincia di Ravenna) non più in funzione, in cui il materiale non è confinato e il
sito non accessibile, si ha un punteggio compreso tra 501 e 1000 (tabella 3.2.8.b).
In questa Classe di punteggio si collocano anche siti accessibili e con presenza di materiale con
amianto compatto.
Tab. 3.2.8.c: Cinema, Teatri e Sale Convegno con punteggi compresi tra 1001 e 1500.
Fattori e
indicatori
rilevanti
Classe 5
Classe 4
Classe 3
Classe 2
presente
assente
presente
assente
presente
assente
ACCESSIBILITÀ
no
si
no
si
no
si
USO PUBBLICO
no
si
no
si
no
si
TIPO AMIANTO
compatto
friabile
compatto
friabile
compatto
friabile
si
no
si
no
si
no
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
lontano
vicino
lontano
vicino
CONFINAMENTO
Attività in
funzione
Danni
Contesto
Urbano
Quantità
materiale
Frequenza
Utilizzo
N. di casi
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
0
0
assente
presente
18
0
si
no
18
0
si
no
18
0
compatto
friabile
18
0
si
no
18
0
≥ 10%
< 10%
12
6
vicino
lontano
18
0
alta
bassa media
12
0
6
alta
bassa media
14
2
2
18
Classe 1
presente
assente
no
si
no
si
compatto
friabile
si
no
< 10%
≥ 10%
lontano
vicino
bassa
media
alta
bassa
media
alta
0
I 18 siti in Classe 2 con punteggi compresi tra 1001 e 1500 (tabella 3.2.8.c) si caratterizzano per un
maggior quantitativo di mca e un aumento dei danni presenti (≥ 10%) rispetto alla Classe di
punteggio inferiore.
60
I dettagli sui siti mappati e i relativi punteggi vengono riportati nel corso dei capitoli dedicati alle
singole Province, in cui sono anche illustrate le dislocazioni geografiche per ciascuna tipologia di
edificio.
3.3. SITI CON PRESENZA NATURALE DI AMIANTO
Per la mappatura dei siti con presenza di amianto naturale sono stati acquisiti i dati di dettaglio del
lavoro del gruppo regionale “Pietre Verdi”, di cui è avvenuta la Pubblicazione a cura della Regione
Emilia-Romagna (“Il progetto regionale pietre verdi : Le ofioliti, la loro estrazione e il problema
amianto”). Sono inoltre stati acquisiti i dati cartografici informatizzati degli affioramenti ofiolitici.
Tutte le informazioni sono state inserite nel data-base in cui, in accordo con quanto previsto dal
documento delle Regioni richiamato precedentemente, è stato predisposto l’apposito algoritmo per
il calcolo dei punteggi:
P = (in1 * in 4 + in3 + in5 + in6 ) * in 2
in cui gli indicatori in esprimono le seguenti caratteristiche:
- (i1) materiale costituente gli affioramenti rocciosi
- (i2) presenza di affioramenti entro 50 m di area abitata o con frequenza abituale
- (i3) fibre aerodisperse in prossimità dei ricettori (ff/l)
- (i4) estensione degli affioramenti contenenti amianto
- (i5) coinvolgimento del sito in lavori di urbanizzazione
- (i6) dati epidemiologici riferiti a casi di mesoteliomi.
I punteggi ottenuti non implicano di per sé la necessità di intervento; tale eventualità potrà essere
valutata ad avvenuta mappatura sulla scorta dei dati relativi della Regione.
Ad ogni sito naturale mappato è associato:
1. un report in cui sono riassunte tutte le informazioni contenute nella scheda di rilevamento,
il livello di Priorità e il relativo punteggio (Fig. 5).
2. una scheda di dettaglio del Gruppo Regionale Pietre Verdi.
Infine è stata effettuata la rappresentazione cartografica secondo gli standard del sistema
informativo nazionale ambientale (SINANET).
La tabella 36 rappresenta la sintesi dei sopralluoghi effettuati indicando la sigla riportata nelle
schede di dettaglio del Gruppo Regionale Pietre Verdi, il nome dei siti, la loro ubicazione e il tipo di
attività al 31/12/2003.
61
Tab. 36: Sopralluoghi effettuati per i siti con presenza di amianto naturale.
Sigla
(°)
PC-1
PC-2
PR-1
PR-2
PR-3
PR-3
PR-4
PR-5
PR-6
PR-7
PR-8
PR-8
PR-9
PR-10
RE-1
RE-2
RE-3
RE-4
RE-5
RE-6
RE-7
RE-8
MO-1
MO-2
MO-3
MO-4
MO-5
MO-6
MO-7
MO-8
Nome Cava
Comune
Forni di Sotto°
Montemangiapane °
Pietra Macinata – Rocca Galgana°
Rio Bargolo°
Groppo di Gora – lotto I°
Groppo di Gora –lotto II°
Predellara°
La Rocca – Il Groppo°
Le Predelle°
Monte Zirone°
Lago del Brodo – lotto I°
Lago del Brodo – lotto II°
Il Montaletto°
Ramar – Santa Maria di Taro°
Sabbionara-Nigone di Ramiseto°
Campotrera-Guardiola est ed ovest°
Bottaccio – Villa Minozzo°
Casale
Guardiola Est
Guardiola Ovest
Castellaro
Cerrè
La Miniera Molino Cappelletti°
Vesale – Sestola°
Dei Cinghi – Palagano°
I Ponticelli
Monticino
Poggio Medola
Sasso Puzzino
Sasso Nero
scheda di dettaglio disponibile
62
Coli
Coli
Fornovo di Taro
Varano Melegari
Bardi
Bardi
Varsi
Bardi
Borgo Val di Taro
Terenzo
Valmozzola
Valmozzola
Terenzo
Tornolo
Ramiseto
Canossa
Villa Minozzo
Busana
Canossa
Canossa
Villa Minozzo
Villa Minozzo
Frassinoro
Sestola
Palagano
Sestola
Polinago
Montefiorino
Pavullo
Montese
Stato di
attività al
31/12/03
Attiva
Esaurita
Attiva
Attiva
Attiva
Attiva
Attiva
Attiva
Attiva
Attiva
Attiva
Attiva
Da attivare
Da attivare
Esaurita
Esaurita
Esaurita
Esaurita
Esaurita
Esaurita
Esaurita
Esaurita
Non Attiva
Attiva
Attiva
Esaurita
Mai Attivata
Esaurita
Esaurita
Esaurita
Fig.5: esempio di report associato a ciascun sito naturale mappato.
63
Nella tabella 37 è riportato l’elenco dei Siti con Presenza Naturale di Amianto inseriti all’interno
del Progetto Mappatura, indicandone il codice di identificazione, la denominazione del sito, il sito
di ubicazione, le coordinate X,Y (coordinate UTM, fuso 32), il punteggio ottenuto dall’applicazione
dell’Algoritmo di Calcolo e le principali caratteristiche annotate. I siti sono elencati in ordine di
punteggio decrescente.
Tab. 37: Siti con Presenza Naturale di Amianto, in ordine di punteggio decrescente.
Scheda
Sito
Ubicazione
Coordinate
X
Y
Punteggio
33016-1
Forni Di Sotto (Pietre Verdi)
Loc. Forni Di Sotto, Coli
(Pc)
536708
961553
38,0
34002-1
La Rocca - Il Groppo
Pietranera (Pietre Verdi)
Loc. Dorbona, Bardi (Pr)
552973
943776
38,0
36043-2
Sestola - Vesale (Pietre Verdi)
643698
902396
38,0
34006-1
Il Gorro - Le Predelle (Pietre
Verdi)
569074
931003
26,0
602930
919846
26,0
622609
908822
19,0
556034
946796
19,0
584004
944490
19,0
585079
943411
19,0
583737
941483
19,0
570076
936535
19,0
539354
957577
19,0
616387
912183
19,0
537577
922755
18,0
584991
950251
17,0
612642
937247
17,0
628801
907958
17,0
629972
906242
17,0
643804
906338
17,0
35031-1
36016-1
Sabbionara - Nigone (Pietre
Verdi)
La Miniera - Molino
Cappelletti (Pietre Verdi)
Groppo Di Gora 1e 2 (Pietre
Verdi)
34002-2
Groppo Di Gora 1 e 2 - Cagno
Di Gazzo (Pietre Verdi)
Pietra Macinata - Rocca
Galgana (Pietre Verdi)
Il Montaletto - Gusaliggio
(Pietre Verdi)
Monte Zirone - Corniana
(Pietre Verdi)
Loc. Vesale, Sestola
(Mo)
Loc. Rocca Murata - Le
Predelle, Borgo Val Di
Taro (Pr)
Loc. Nigone, Ramiseto
(Re)
Loc. Molino Cappelletti,
Frassinoro (Mo)
Loc. Cagno Di Gazzo,
Bardi (Pr)
34045-1
Rio Bargolo - Viazzano (Pietre
Verdi)
35018-1
Campotrera (Pietre Verdi)
36025-1
Poggio Medola (Pietre Verdi)
36029-1
I Cinghi - Boccassuolo (Pietre
Verdi)
Loc. Pietra Macinata,
Fornovo Di Taro (Pr)
Loc. Boschi Di Bardone,
Terenzo (Pr)
Loc. Corniana, Terenzo
(Pr)
Loc. Gusaliccio - Lago
Del Brodo, Valmozzola
(Pr)
Loc. Monte Mangiapane,
Coli (Pc)
Loc. Ca' De Zobbi, Villa
Minozzo (Re)
Loc. Pianazzo - S. Maria
Di Taro, Tornolo (Pr)
Loc. Rio Bargolo,
Varano De’ Melegari
(Pr)
Loc. Rossena, Canossa
(Re)
Loc. Poggio Medola,
Montefiorino (Mo)
Loc. Boccasuolo,
Palagano (Mo)
36030-2
Sasso Puzzino - Renno (Pietre
Verdi)
Loc. Renno, Pavullo Nel
Frignano (Mo)
34017-2
34038-1
34038-2
34044-1
33016-2
35045-1
34040-1
Lago Del Brodo 1e 2 Gusaliccio (Pietre Verdi)
Monte Mangiapane (Pietre
Verdi)
Bottaccio - Ca' De Zobbi
(Pietre Verdi)
Ramar - Pianazzo (Pietre
Verdi)
In figura 6 è rappresentata, a livello regionale, la distribuzione geografica dei Siti con Presenza
Naturale di Amianto.
64
Fig.6: Siti con Presenza Naturale di Amianto mappati.
520000
540000
560000
580000
600000
620000
640000
660000
680000
700000
720000
740000
760000
780000
800000
1000000
1000000
980000
980000
$
T
T
$
960000
960000
T
$
$ $
T
T
940000
T
$
$
T
$
T
TT
$
T$
$
T
$
920000
940000
T
$
T
$
920000
T
$
T T
$
$$
T
900000
$
T
T
$
900000
880000
880000
860000
860000
840000
840000
520000
540000
560000
580000
600000
620000
640000
660000
680000
700000
720000
740000
760000
780000
800000
N
T
$
Sito con presenza naturale d'amianto
40
0
40
80 Kilometers
W
E
S
In Allegato 4 si riporta l’elenco completo dei siti mappati, indicandone, il Comune e la Provincia di
ubicazione, il codice della scheda, il nome del sito e il relativo indirizzo, le X,Y (coordinate UTM,
fuso 32), la Classe di Priorità e il punteggio ottenuti. I siti sono ordinati in base al Comune di
appartenenza.
65
Fly UP