...

Chiara Mosca - Università Bocconi

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Chiara Mosca - Università Bocconi
Il ruolo dei Technical Standard ESMA in
alcuni casi concreti
Chiara Mosca – Università Bocconi
30 maggio 2016
Il sistema di vigilanza europeo. Prospettive e problemi del ruolo
dell’ESMA
Università Bocconi – BAFFI CAREFIN
Il ruolo dei Technical Standard ESMA
nel Regolamento sugli abusi di mercato
o 28 September 2015 / ESMA/2015/1455: Final Report – Draft Technical
standards on the Market Abuse Regulation [319 pagine !! Ai sensi degli artt. 10 e 15
Reg. (UE) 1095/2010].
o Table of contents.
o Cost Benefit Analysis.
o Opinion Securities and Markets Stakeholder Group (art. 37 Reg. (UE) 1095/2010).
o Feedback on the Consultation Paper.
o Drafts [n. 11, suddivisi tra RTS-Regulatory technical Standards e ITCImplementing Technical Standards].
2
Chiara Mosca, 30 maggio 2016 – Bocconi/Baffi Carefin
Il market sounding: RTS [7] + ITS [5] + Guidelines [2]
«Il sondaggio di mercato consiste nella comunicazione di informazioni,
anteriormente all’annuncio di un’operazione, al fine di valutare l’interesse dei
potenziali investitori per una possibile operazione e le relative condizioni» [art.
11(1) MAR]


ABB e block trade, private placements, aumenti di capitale in opzione e
book building;
Offerte pubbliche di acquisto [art. 11(2) Mar].
ALTRE IPOTESI? (cfr. recital 32 … «rafforzare il dialogo con gli
azionisti» e Final Report par. 74 e Opinion SMSG).
QUALI INFORMAZIONI? (non necessariamente informazioni
privilegiate: cfr FR pag 142, considerazioni sull’esito della consultazione).
3
Chiara Mosca, 30 maggio 2016 – Bocconi/Baffi Carefin
Il market sounding e i partecipanti al mercato coinvolti nel
processo: MSB, DMP, MSR [art. 11(9)(10) MAR]
MSB: beneficiario del
sondaggio di mercato
DMP:
partecipante al
mercato che
comunica
MSR:
partecipante al
mercato che
riceve
 Il DMP opera per conto del MSB.
 Il DMP: valuta la natura delle informazioni trasmesse nell’ambito del
market sounding.
 La comunicazione dal DMP al MSR delle informazioni – se
privilegiate – si considera effettuata «nel normale esercizio di
un’occupazione, di una professione o di una funzione».
 Il DMP deve informare il MSR quando l’informazione privilegiata
cessa di essere tale (cleansing).
Quali costi, quali benefici?
Chiara Mosca, 30 maggio 2016 – Bocconi/Baffi Carefin
4
Il market sounding: Guidelines (orientamenti) per il MSR
[art. 11(11) MAR]
o
Valutazione della natura (privilegiata?) dell’informazione:
a)
b)
o
Misure da adottare quando l’informazione ricevuta è privilegiata:
a)
b)
o
il MSR può essere/non essere d’accordo con l’esito della valutazione del DMP;
il MSR può disporre di informazioni ulteriori e, nel complesso, disporre, all’esito del
MS, di un’informazione privilegiata.
il MSR deve disporre di reporting lines interne che consentono solo al personale
preparato di ricevere e esaminare le informazioni trasmesse nell’ambito del MS;
il MSB deve redigere una lista delle persone in possesso di informazioni privilegiate
all’esito del MS.
Le testimonianze da conservare:
a)
b)
la valutazione della natura privilegiata (o meno dell’informazione ricevuta);
i verbali dei contatti intercorsi con il DMP (firmati o non firmati in duplice copia).
Chiara Mosca, 30 maggio 2016 – Bocconi/Baffi Carefin
Il market sounding: quali sanzioni
Il MS è un safe harbour? Preclude, cioè, le sanzioni ex art. 14 (4)
MAR, ossia la comunicazione illecita di informazioni
privilegiate? (tipping, cfr art 10 MAR):
o
sì, nell’ambito delle sanzioni dell’art. 4 MAD (art. 4 direttiva
2014/57/UE).
o
Tendenzialmente no nell’ambito della MAR … (Cfr . risposte
alla consultazione vs. considerazioni ESMA).
6
Chiara Mosca, 30 maggio 2016 – Bocconi/Baffi Carefin
Le ragioni di una disciplina speciale per il market sounding




Sì, la struttura della disciplina dell’istituto consente di raggiungere
una sostanziale uniformità;
facilitando l’enforcement («supervisory convergence»).
Inoltre, l’istituto del MS ha portata generale e può – anzi deve –
trovare applicazione alle varie possibili ipotesi di comunicazione a
terzi di informazioni privilegiate (o potenzialmente privilegiate);
al contempo esso non legittima alcuna prassi generalizzata di
trasmissione asimmetrica di informazioni privilegiate, ancorché
protetta da vincoli alla riservatezza.
7
Chiara Mosca, 30 maggio 2016 – Bocconi/Baffi Carefin
Conclusioni sul ruolo dell’ESMA
o
Un ruolo centrale come standard setter indipendente dalla
Commissione.
o
Un ruolo svolto, in posizione, sovraordinata alle autorità
nazionali: gli standard tecnici sono infatti direttamente
applicabili;
o
con potere anche di soft regulation (v. Guidelines) per facilitare la
supervisory convergence.
È davvero un single rulebook?
8
Chiara Mosca, 30 maggio 2016 – Bocconi/Baffi Carefin
Fly UP