...

Meravigliose Giulie Tarvisio e la sua foresta

by user

on
Category: Documents
52

views

Report

Comments

Transcript

Meravigliose Giulie Tarvisio e la sua foresta
a
i
A23
Gemona
del Friuli
Europa
Aeroporto FVG
Ronchi dei Legionari
A4
V
Interneppo
en
s
a
t
1818
assa
Oseacco
u
1869
M.
Mu
Forgaria
nel Friuli
e
Campo
S. Floreano
ccea
p
i
G
i
1636
M o
n t
e
Monteaperta
s
Tarcento
a
c
i
n
Ri
o
a
g
ra
T. Sli
zza
bruna
ne
L
l
e
d
T
ja
a
ica
Za
i c
ritn
Ko
K o r i
t n
dn
j
a
a
Soč
L
S
Žaga
Sedilis
Taipana
Ramandolo
pe
nj
r
e
n
t a
.I
(F
son
zo
Sci alpino
Windsurf
Kal
2001
1773
Trnovo
ob Soči
1673
A
ica
Autostrade
A23
Krasji Vrh
So
č a
1613
Cornappo
Montemaggiore
I
N
E
V
O
Strade principali
Sci nordico
Casa delle Farfalle
Altre strade
Sleddog
Centro storico
Ferrovie
Pista ciclabile
Comprensori sciistici
e attività sulla neve
Infopoint
TurismoFVG Tarvisio
Platischis
F . Na
Na
ne
tiso
Kred
diž a
Staro Selo
2244
Kobarid
234
Idrsko
Prossenicco
Krn
Drežnica
1094
Smast
1237
Vrsno
M. Mia
Kamno
Val Pontebbana,
Val Aupa
e Passo
Pramollo
Val Pontebbana, Val Aupa e Passo Pramollo
(09) La Val Pontebbana e la (10)
Val Aupa rappresentano le due
principali vallate del Canal del
Ferro. Si trovano a nord ovest di
Pontebba e consentono il collegamento con i Comuni di Moggio
e Paularo. Questo vasto comprensorio è delimitato dalle principali
catene montuose del Pontebbano
(Alpi Carniche): il gruppo del Gleris (2058 metri), il Monte Chiavals (2098 metri) ed il Zuc del Bor
(2195 metri), ben visibili salendo
da Pontebba lungo la Val Aupa, e
la Creta Grauzaria (2065 metri) salendo verso Moggio. Percorrendo
la Val Pontebbana è possibile ammirare tutta la catena del Monte
Cavallo (2239 metri) e del Monte Malvuerich (1899 metri). Area
molto interessante dal punto di
vista naturalistico, ambientale ed
escursionistico.
(11) La zona del Pramollo (1530
metri) è anch’essa situata nelle
Alpi Carniche al confine con l’Austria. La linea di cresta costituisce lo spartiacque tra il bacino
idrografico danubiano, in Austria,
e quello adriatico, in Italia. Sia il
toponimo italiano Pramollo (prato
mollo) che quello tedesco Nas-
sfeld (campo bagnato) devono la
loro origine alla presenza di zone
umide e paludose sul passo. La
zona, raggiungibile attraverso la
strada che sale da Pontebba, riveste grande importanza sotto
l’aspetto naturalistico e geologico.
Quest’area, oltre ad essere molto
ricca di fossili, è conosciuta per
la presenza, unica in Italia, della
Wulfenia Carinthiaca, pianta che
appartiene alla flora preglaciale,
che nel periodo della sua fioritura (giugno - luglio) colora i prati di
una particolare sfumatura di blu.
230
a
1641
Bueris
M. Mataiùr
Nimis
Segnacco
Treppo
Grande
Presidenza del Consiglio dei Ministri
zza
Uč j a
478
Ciseriis
Raspano
Torzolano
Boka
1720
M. Guarda
Breginj
Coia di la
Ursinis
Casasola
i e
Debellis
Collerumiz
S. Stefano
234
Magnano
in Riviera
Urbignacco
Avilla
Cimano
l
Čezsoča
V
Coia
Buia
u
Stella
Monte
Tomba
Castelnovo
del Friuli
T. U
l
Villanova
Isola
Sammardenchia
d
n
Kal Koritnica
Borjana
Madonna
213
o
Rivoli di
Osoppo
Flagogna
a
Capovilla
200
Cornino
AGENZIA TURISMOFVG
Villa Chiozza - Via Carso, 3
Toppo
I - 33052 Cervignano del Friuli (UD)
tel +39 0431 387111 Travesio
/ fax +39 0431 387199
[email protected]
Monte
B.go
Buins
Cornino
INFORMAZIONI TURISTICHE
Artegna
Trenta
T
Soča
460
l e
C
270
210
2587
Bovec
P r
a
ento
aglia
m
n
l
Progettazione e realizzazione: Five Zone Udine _ Cartografia Tarvisano: Attilio De Rovere _ Cartografia Ciclovia: Archivio Consorzio Promozione Turistica del Tarvisiano, di Sella Nevea e di Passo
M. Ciaurlec
VitoArchivio
d'Asio
Clauzettodi Tarvisio _ Fotografie:
Pramollo _ Stampa: Ellerani - San Vito al Tagliamento _ Testi a cura dell’Infopoint
Turismo FVG, Archivio Consorzio Promozione Turistica del Tarvisiano, di Sella
533Verin.
Nevea e di Passo Pramollo,
C. Beltrame, N. Brollo, A. Castiglioni, C. Costerni, M. 558
Milani, Pentaphoto, M.
S. Rocco Somp
1148
Lusevera
Cretto
Gemona
Osoppo
F. T
i
o
Cologna
Trentski Pelc
2109
c a
v š i
B a
2208
o)
z
a
Anduins
Aplia
Rombon
Stol
472
Sornicco
Lessi
Osoppo
Micottis
Vedronza
Iòuf
Montenars
185
Monte Prat
Maniaglia
Paludo
Peonis
IN TRENO
www.trenitalia.it
Call Center 89.20.21
504
Flaipano
Taboga
IN AEREO
Aeroporto Regionale Trieste
40 km da Trieste e Udine
15 km da Gorizia
Pradis
80
km da Pordenone
www.aeroporto.fvg.it
Cesàriis
3
Triglavski
Narodni Park
nz
ARRIVARE
Pradielis
1372
Gemona del Friuli
272
A2
a
Iso
r
884
nt
Bavški Grintavec
2587
Z u f f i n e
Cuel di Forchia
1478
Pers
Pineta
re
Izvir Soče
(Sorg. d. Isonzo)
(F.
o
zin
Ar
M. Cuar
rizzato da ampi pascoli. Qui vengono svolti l’alpeggio e la lavorazione
e produzione di prodotti caseari
tra cui il “formaggio Montasio”, tipico prodotto friulano che prende
la denominazione da quest’area. Il
pascolo alpino, ambiente misto di
praterie e massi affioranti, costituisce l’habitat ideale per la marmotta, facilmente visibile.
e
l p
2347
M. Forato
e
Comugne
M. Cuarnan
217
e
k
s
j
i
l
u
J
1850
Uccea
G r a n
r
Braulins
T.
A
Pielungo
M. Chiampon
1709
Trasàghis
Log pod
Mangartom
Rif. Gilberti
M. Canin
Stolvizza
si
re
- Palù di Livenza -
M. Cergnala
a
851
Ospedaletto
Rif. Div. Julia
13
Simaz
1015
03
1092
r a
l e
Cim
Tanataviele
Musi
224
M. Brancot
l
de
1162
Sella Carnizza
08
e d
el
To r
- Cividale del Friuli -
'
- Dolomiti Friulane -
i
e inserito in un paesaggio molto
suggestivo, grazie alle imponenti
montagne che lo circondano e alle
splendide vedute panoramiche.
(14) L’Altipiano del Montasio è un
ambiente particolarmente suggestivo. È raggiungibile anche
in auto da Sella Nevea, e riveste
grande importanza per le pregevoli caratteristiche ambientali. Posto proprio al di sotto della catena
montuosa del Montasio, è caratte-
)
e
P.so di Tanamea
Avasinis
1309
R.
o
R
SLOVENIA
d
TRIESTE
l
A
2643
Coritis
M. Cjadin
zon
o
d
ia
o
r
Grado
V a l l on e d i U g
ovi
Val
l
e
la
di
o
r
ll a
T. Venzonass
a
a
L. del Predil
go
La
Jalovec
P.so del Predil
1156
2344
Oncedis
Lignano
Sabbiadoro
IN AUTO
Con le autostrade:
A4 Torino - Trieste
A23 Palmanova - Udine
- Tarvisio
V
A28 Portogruaro - Conegliano
del
Venzone
Bordano
VENEZIA
- Aquileia -
492
Alesso
Aquileia
Zuc di Santis
c
N
Valle
R
Strmec
na predelu
Stretti
a
2324
Prato di Resia
Vršič
Le
A4
r
S. Francesco
l
A28
195
Italia
Palmanova GORIZIA
a
B.go Sottomonte
Pioverno
1615
a
SLOVENIA
PORDENONE
TREVISO
F. F
e
Somplago
M. Piciat
Regione
Friuli Venezia Giulia
UDINE
R es
Resia
Tamaroz
n
V
Rif. Cregnedul di Sopra
M. Sart
Borgo
Lischiazze
1505
L. di Cavazzo
Cividale
del Friuli
Palù di Livenza
S. Giorgio
a
l
2274
Rif. Zacchi
2677
959
i
Sella Nevea 12
07
F.
SLOVENIA
1660
1515
T.
San Daniele
del Friuli
Spilimbergo
P
M. S. Simeone
V
Piancavallo
l
o
1745
1611
1190
Gniva
o
Dolomiti Friulane
F
l
a
t
V
a
a
R
l
c
c
Ponza Grande
1380
Rif. Corsi
Piani
di la
Ciprnik
M. Mangart
1874
Pianatti
T
M.Valcalda
Cesclans
1743
G i
u l
i e
l
1908
M.Piombada
Pozzis
Tolmezzo
a
316
Portis
Mena
Cave
del Predil
2666
Piani
di qua
T. Racco
lana
Saletto
Pezzeit
V
Carnia
1958
TARVISIO
Chiout Cali
Chiout Michel
A23
Roveredo
Patocco
Raccolana
391
Casasola
02
2063
Jôf Fuart
2753
14
Laghi di Fusine
p
790Terme
Arta
l p
i
Ortigara
in Valromana
Picco di Mezzodì
Rif. Pellarini
Jôf di Montasio
Altipiano
del Montasio
Villanova
T.
954
Sella Chiampon
05
Aclete
Muda
1499
M. Cimone
Chiusaforte
l
a
n
B.go Povici
M. Plauris
Foresta di
Tarvisio
01
870
(12) Sella Nevea si trova a 1190
metri nella conca tra il (13) Monte Canin e lo Jôf di Montasio ed è
conosciuta come stazione sciistica
collegata ora con il polo sloveno di
Bovec, ma anche come centro di
alpinismo e importante area speleologica grazie ai celebri abissi
sul Monte Canin. Interessante il
ˇ che
sentiero botanico del Bila Pec,
si sviluppa in una conca glaciale
in quota, facilmente percorribile
S
AUSTRIA
t
Carnia
Tolmezzo
Sella Chianzutan
r
e
a
b
l
A
t
T. Bû
o
i
o
r
c
I
'
sò
d
a
Ovedasso
340
Tagliament
o
S
l
e
1073
Fusine
in Valromana
Rutte-
-Piccolo
Rateče
KRANJSKA GORA
AUSTRIA
Valle di Preone
A
o
red d
Villa- -alta
-bassa
-Grande
Valico di Fusine
KRANJSKA GORA
C
Intissans
Pusea
o
D
l
Costamolino
V
C.Dueibis
a
g
Va
s
ai
Poscolle
1324
oF
C. del Cacciatore
Rif. Di Brazzà
Resiutta
296
V
419
F . F e ll a
Amaro
T. Dogna
Rif. Grego
Sella Nevea, Altipiano del Montasio e Monte Canin
S. Antonio
Tarvisio
Riofreddo
2071
a
n
B.go Aupa
Chiaulis
Cavazzo 284
Carnico
Dogna
-di Gus
Vidali
Chiaicis
1915
Campone
COME
Campiolo
2087
1389
Plèziche
2379
Moggio
Udinese
1905
410
Chiout-
-di Puppe
Plagnis
Chiout
Zucuin
Chiout
Tarvisio
e
Sella Nevea,
Altipiano
del Montasio
e Monte Canin
1508
1789
M. Santo
di Lussari
1392
Martin
M. Forno
M. Prisnig
Plezzut
Sella di Somdogna
2195
o
Verzegnis
M.Verzegnis
monti
otto
Moggio
di sotto
Jôf di Miezegnòt
2046
Seltschach
Lussari
l
Rif. Lussari
Rif. Al Convento
Pöckau
Coccau
04
F. F e ll a
a
li
en t
p
M. Amariana
Lago di
Verzègnis
onti
zzo
Moggessa-di qua
Moggio
di sopra
ag
m
Villa
Zuc dal Bôr
a
Arnoldstein
e
Valbruna
Due Pizzi
Pradis
-di là
Tolmezzo
F. T
e
am
o
t
n
460
Illegio
Caneva
Villa
Santina
Esemon
di sotto
Invillino
Preone
Chiaranda
Fusea
363
Quinis
479
Bû
Stavoli
Enemonzo
Socchieve
T.
n
a
l
Jôf di Dogna
Riulade
B.go di Mezzo
Morolds
Casanova
Lauco
u
Lorenzaso
Curiedi
Nonta
a
Terzo
Cazzaso
o
Badiuz
1785
gnò
Gla
394
Mediis
e nto
A
Allegnidis
Esemon
di sopra
Maiaso
Fresis
Dilignidis
M. Palavierte
Imponzo
Cazzaso
nuovo
719
Viaso
F. Tag
lia m
Grauzaria
Cadunea
Malborghetto - Valbruna
C
a
578
732
Sella
di Camporosso
Arnoldstein
1736
Tarvisio
Ugovizza
Saletto
T.
Colza
Feltrone
654
Pra di Lunge
S. Caterina
1961
2058
10
Buttea
Vinaio
Crete di Glerîs
Dordolla
l
o
Raveo T. D
ega
n
Forca di Priuso
Cedarchis
Uerpa
518
Lungis
429
Formeaso
Avaglio
Rif. Grauzaria
Creta Grauzaria
721
A23
V
Pietratagliata
2065
Pesmulet
Trava
1250
2187
Rinch
Sezza
Valdie
Voltóis
C
Zuglio
M. Sernio
a
Cludinico
a
V
t
Pani
Pian
di Cocés
Val
Muina
a
n
e
l
Lovea
Piedim
Cabia
Corva
Bagni di
Lusnizza
685
Capin di Ponente
Camporosso
in Valcanale
Ugovizza
Plans
T. A u p a
r
Fiélis
Rivalpo
o
t r
Trischiamps
Agrons
442
Fella
Bevorchians
e
o
Arta
Terme
Cella
Hohenthurn
l o
t
Avosacco
h
Malborghetto
S. Leopoldo
Laglèsie
Studena alta
Saps
i
1967
M. Arvenis
Valle
P
Bû
Ovaro
Mione
ntile
T.
G
Lenzone
Chiaulis
Piano
d'Arta
1970
525
Trelli
F.
Aupa
1066
a
l
t o
B a r
M. Tamai
Luint
1901
S.
Noiàriis
568
Sella di Cereschiatis
Gailtal
n
Thörl
V a l
Lambrugno
Liariis
M. Forchia
Priola
Pontebba
Pontebba
Salino
1959
Clavais
Chialina
Studena bassa
Castoia
o
Ovasta
09
1764
Dierico
M. Tersadia
Sutrio
1740
Luincis
i
p
M. Zoncolan
M. Cullar
ett
Braida
Rivo
572
1999
T. Pontebbana
06
rgh
i
Maranzanis
Casaso
670
M. Scinauz
c
albo
e di M
Entrampo
d
a
Paularo
r
lon
n
Paluzza
Cercivento
i
n
nco
553
Pradumbli
602
d i
Comeglians
Croce
607
958
a
l d
a
c
V a l
Povolaro
C
Treppo Carnico
Stalis
a
Misincinis
1857
be
1941
Bia
Runchia
671
M. Salinchiet
Ravinis
Villamezzo
1010
Rio
Sostasio
Avausa
Forc. di Lius
V
di
Tualis
Mieli
Salars
e
674
Zenodis
Casteons
Ravascletto 950
Calgaretto
arnico
Vidal
M. Corona
ne
1093
Zovello
949
G
z
ra
M. Cocco
1832
11
llo
l
Rif. Talm
2239
M. Cavallo
di Pontebba
t
ri
Feist
al
Costa
Valpicetto
1530
P.so di Pramollo
Naßfeldpaß
Ligosullo
Tausia
Naunina
2050
Va
a
Magnanins
Valdaier
t
M. Osternig
Watschiger A.
Naßfeld H.
n
Gracco
Rigolato
2143
1999
VILLACH - KLAGENFURT
800
P.so del
Cason di Lanza
hiarsó
T. C
Vuezzis
1552
l
M. Poludnig
2195
2279
M. Zermula
C a n a l e
ulon
2043
Laipacco
ia r
Stalis
Ludaria
Piani di Vâs
Cleulis
2251
Gartnerkofel
Creta di Aip
T.
Givigliana
no
TARVISIANO
ega
M. Paularo
Cimon di Crasulina
Mappa turistica e guida al comprensorio del Tarvisiano
Un piccolo territorio con grandi attrattive
.D
T
n
COME E DOVE
a
C
Muse
2251
a
M.Crostis
Autimis
Ch
Tors
555
Nötsch
im Gailtal
Feistritz
an der Gail
a
Sigilletto
l
Sonnleitn
l
enetto
Vorderberg
llo
Timau
P
M.Lodin
i
Ga
Collinetta
G
2186
2015
Va
2122
G ailitz
Hochwipfel
Creta di Timau
Rif. Marinelli
Collina
Attimis
Loneriacco
DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITÀ DEL TURISMO
Mels
Majano
INFOPOINT TURISMOFVG di Tarvisio
SPILIMBERGO
- PORDENONE
via Roma,
14 - 33018 Tarvisio (Ud) SPILIMBERGO - PORDENONE
Realizzato nell’ambito del progetto interregionale
tel +39 0428 2135 / fax +39 0428 2972
di sviluppo turistico L.135/01 “Alpi Estive”, col cofinanziamento del Dipartimento per lo sviluppo e la
[email protected]
competitività del turismo, Presidenza del Consiglio.
S. DANIELE - CODROIPO
Meravigliose Giulie
TRA NATURA, SPORT E SUGGESTIVE TRADIZIONI
Nell’angolo nord-est del Friuli Venezia Giulia un territorio multiforme si estende dall’area subalpina alle
Alpi Giulie offrendo al visitatore natura, storia, arte, sport, enogastronomia, tradizioni e molto altro ancora
da scoprire o riscoprire.
Nella zona del Tarvisiano, dove l’incontaminata e millenaria Foresta regala ambienti unici, si incontrano
luoghi ancora intatti, dove tradizioni ed eventi legati alla storia del territorio sono all’ordine del giorno.
Straordinario è lo spettacolo delle vette alpine: il Mangart, lo Jôf Fuart, lo Jôf di Montasio
e il Canin. Piacevolissimi e circondati da boschi e sentieri sono i laghi di Fusine; suggestivo l’effetto
cromatico delle acque del lago di Raibl.
Le tradizioni di Resia, per la loro unicità, sono ancor oggi oggetto di studio. Da non perdere l’affascinante
e suggestiva meta di pellegrinaggio del Monte Santo di Lussari.
Di grande importanza è il Parco naturale delle Prealpi Giulie, esteso su sei comuni, in cui si possono
percorrere affascinanti sentieri.
Santuario del Monte Lussari
Sella Prevala
Monte Mangart
Tarvisio
Laghi di Fusine
Tramonto sul Montasio
FAGAGNA-UDINE
Pers
Treppo
Piccolo
UDINE
UDINE - VENEZIA
Fraelacco
UDINE
UDINE
UDINE
Tarvisio
e la sua foresta
millenaria
impiegato per la fabbricazione di
strumenti musicali di ottima fattura.
La fauna si presenta ricca e varia:
tra i mammiferi si trovano il camoscio, il cervo, lo stambecco, il
capriolo, la volpe, la martora, il tasso, la lepre variabile, lo scoiattolo,
il topo selvatico dal collo giallo, il
toporagno comune e quello nano.
Da alcuni anni sono stati avvistati
l’orso e la lince. Tra gli uccelli, il
gallo cedrone (che è anche il simbolo della foresta), il fagiano di
monte, l’aquila reale, il gufo reale,
il grifone, il gheppio, lo sparviero,
il corvo imperiale, il picchio nero e
il picchio tridattilo. Le prime note
storiche risalgono all’anno 1007,
quando l’imperatore di Germania
Enrico II il Santo donava il territorio
della foresta di Tarvisio al Vescovado di Bamberga, in Baviera. Nel
1759 venne acquistata da Maria Teresa Imperatrice d’Austria. Nel corso del 1800 la Foresta fu proprietà
di numerosi nobili sino a quando
il Governo Austriaco, preoccupato
per la pesante deforestazione cau-
CIVIDALE
CIVIDALE
sata dai frequenti passaggi di proprietà e motivato dalla necessità
di garantire la tranquillità sociale
in un’area di confine militarmente
importante, riacquistò il territorio
e ne affidò la gestione a tecnici forestali statali. Alla fine del primo
conflitto del 1915-18, in base al
Trattato di pace di Saint-Germain
dell’anno 1919, la foresta passò
all’Italia e fu affidata al Demanio
dello Stato Italiano. Con gli accordi
Lateranensi, i patrimoni dei fondi di
religione ex austriaci furono uniti
ai patrimoni demaniali italiani per
costituire un’azienda amministrata
dal Fondo per il Culto, dipendente
ora dal Ministero dell’Interno.
02 Laghi di Fusine
03 Lago di Raibl
La conca dei laghi di Fusine, Sito
di Interesse Comunitario, è uno dei
luoghi più affascinanti della regione. I laghi di origine glaciale, sono
collegati tra loro da facili sentieri
nascosti dentro un fitto bosco di
abete rosso e posti alla base della
catena montuosa del gruppo del
Mangart. Questi luoghi trasmettono una sensazione di serenità e
imponenza che permette da subito
di entrare in sintonia con la natura.
Vi si nota la presenza di numerosi
massi erratici (blocchi di notevoli
dimensioni trasportati dai ghiacci
lontano dal luogo di origine), tra i
più grandi delle Alpi. Il maggiore,
il masso Pirona o Rudolffels, ha un
volume di poco superiore ai 30.000
metri cubi.
Il lago di Raibl o del Predil è situato a una decina di chilometri a sud
di Tarvisio, in un’antica conca glaciale. Le sue acque sono limpide e
fredde, d’un colore verde-azzurro
intenso. Un’isoletta, relitto di un
arco morenico in parte distrutto, in
parte sommerso, crea un paesaggio molto suggestivo e misterioso
che ha dato origine a numerose
leggende. Una di queste è la Leggenda del Lago: «C’era una volta,
nel luogo in cui ora il lago si adagia, una bella conca verdeggiante
con un paese ricco e popolato. Ma
gli abitanti erano insensibili e duri
di cuore. In una buia e gelida notte d’inverno, mentre la gente stava rintanata nel calduccio sicuro
della propria casa, giunse in pae-
Val Resia
e Parco delle
Prealpi Giulie
Valbruna,
Val Saisera
e le malghe
Laghi di Fusine
e Lago di Raibl
01 Tarvisio e la sua foresta millenaria
Se si escludono i parchi, Tarvisio
si trova nella più grande foresta
demaniale d’Italia: 24.000 ettari di
comprensorio alpino di cui 15.000
ricoperti di boschi produttivi gestiti dal Corpo Forestale dello Stato.
La foresta è attraversata dal fiume
Fella e si estende sino al confine
con l’Austria e la Slovenia, lungo
tutta la Valcanale e la valle dello
Slizza interessando i comuni di
Pontebba, Malborghetto-Valbruna
e Tarvisio. Comprende numerose
valli a sud e a nord di questo corso
d’acqua, come quelli di Rio Bianco
e di Malborghetto, vallone di Ugovizza, Valbruna, canale del Bartolo
e valle Rio del Lago.
Rappresenta una delle aree naturalistiche più preziose d’Italia
e uno dei sistemi faunistici più
completi delle Alpi. Sono comprese due Riserve Naturali Integrali:
quella di Rio Bianco e del Monte
Cucco.
Il legname qui prodotto è particolarmente apprezzato per l’utilizzo
che se ne fa in campo tecnologico. Molto pregiata è una qualità
di abete rosso (detto di risonanza)
UDINE
se una giovane donna che teneva
in braccio il suo figlioletto implorando invano un riparo. Solo dopo
molto peregrinare venne accolta
con festa da un’umile famiglia.
Nella notte una bufera, terremoti e precipitazioni sommersero il
paese, creando il lago di Raibl e
risparmiando la sola casetta che
ospitava la famiglia pietosa. La
donna ed il bimbo (La Madonna e
Gesù Bambino) erano scomparsi.
Si dice che i resti presenti sull’isoletta nella parte settentrionale del
lago, siano proprio di quell’abitazione».
04 Valbruna
05 Val Saisera
Valbruna, frazione del Comune di
Malborghetto-Valbruna,
situata
in una piana circondata dai monti
Lussari, Nabois, Jôf Fuart, Montasio e Jôf di Miezegnot, è molto
nota per la sua vocazione turistica. Già in passato fu meta di
molti turisti tra i quali si ricorda
l’alpinista-poeta Julius Kugy che,
tra gli anni 1885-1910 scelse Valbruna come punto di partenza per
le sue ascensioni alle cime delle
Alpi Giulie.
La Val Saisera e le sue montagne
rappresentano uno degli ambienti di maggior pregio ambientale e
paesaggistico della Valcanale, ma
sono state anche teatro di aspri
combattimenti durante la Grande
Guerra a ricordo dei quali sono
presenti numerosi resti bellici, in
particolare lungo i versanti dello
Jôf di Somdogna e dello Jôf di Miezegnot che costituivano la linea di
confine durante la Prima Guerra
Mondiale. Queste imponenti pareti
naturali che separano la Val Dogna
06 Le Malghe di Ugovizza
L’ampia area compresa tra il
monte Acomizza (1813 metri) ed
il monte Cocco (1941 metri) è inserita all’interno delle Alpi Carniche, lungo il confine con l’Austria.
La vetta principale è costituita
dal monte Osternig (2050 metri),
imponente cupola pascolativa da
dove si ha uno splendido panorama sulle cime delle Alpi Carniche e Giulie, sulle Caravanche e i
Tauri. La particolare morfologia
dei monti ha contribuito a formare, all’interno dell’area, splendide
vallate che prendono il nome dagli omonimi corsi d’acqua che le
attraversano: Val Uqua, Val Filza e
Val Rauna dove sono sorte diverse
malghe con numerosi stavoli e baite. In zona si trovano anche alcuni
ristori agrituristici raggiungibili in
macchina o con brevi passeggiate.
07 Val Resia
dalla Valcanale, furono di enorme
rilevanza strategico-militare per
molti secoli tra Venezia e Austria
e costituirono il confine politico del
Regno d’Italia nel 1866. Dall’abitato di Valbruna, anche attraverso
strada asfaltata, si può raggiungere la Malga Saisera da dove si gode
uno stupendo panorama sulle Alpi
Giulie. D’inverno in questa Valle
si snodano alcune tra le più belle
piste di sci di fondo del Tarvisiano.
La Val Resia è situata nella parte
nord-orientale del Friuli Venezia
Giulia. È una valle alpina che si
estende in direzione ovest - est per
circa 20 chilometri. Ad est la valle
è chiusa da un massiccio montuoso, del quale il monte Canin (2587
metri) rappresenta il punto più
alto. Questo massiccio segna il
confine fra l’Italia e la Slovenia. Le
origini di Resia sono legate all’insediamento della sua popolazione
nella vallata, che potrebbe risalire
al VII secolo. Un tempo isolata tra
i monti Musi a sud e l’imponente massiccio del Canin ad est e a
nord, Resia rappresenta un’isola
linguistica e di tradizioni estremamente importante. Vi si parla una
singolare lingua, oggetto di molti
studi, e si custodiscono e tramandano tradizioni (costumi, canti,
balli, cerimonie) di grande interesse anche per chi non è conoscitore di questa materia. Dal punto
di vista storico, essendo soggetta
alla giurisdizione dell’Abbazia di
Moggio, ne seguì le vicende nel
corso dei secoli. Sotto il dominio
veneziano ha rivestito una certa importanza per la difesa delle
Selle di Carnizza e di Guarda che
permettono di raggiungere la valle
dall’Isonzo in Slovenia.
È per questo motivo che nella vallata ci fu per lungo tempo la presenza di una guarnigione militare
con fortificazioni a Stolvizza e a
San Giorgio. Oltre all’indiscussa
importanza linguistico-culturale,
il profilo naturalistico è l’altro importante aspetto della valle.
gione). La vegetazione del parco,
per l’estrema diversificazione del
paesaggio, dovuta alla morfologia,
all’orientamento dei rilievi, alla
varietà dei suoli e dei microclimi,
è particolarmente ricca di specie.
Per le stesse motivazioni coesistono elementi faunistici di impronta
meridionale, circummediterranea
ed orientale come la coturnice, il
driomio, la lucertola di Horvath
e la vipera del corno, di impronta eurasiatica come il camoscio,
l’arvicola delle nevi e la marmotta, oltre a tutti i mammiferi alpini
ungolati e diversi uccelli rapaci.
Durante tutto l’arco dell’anno vengono organizzate escursioni per
avvicinare alla natura ogni persona amante della montagna.
08 Parco delle Prealpi Giulie
Il Parco naturale delle Prealpi
Giulie, con sede a Prato di Resia,
si estende a cavallo delle Alpi e
delle Prealpi Giulie e investe i territori dei Comuni di Chiusaforte,
Lusevera, Moggio Udinese, Resia, Resiutta e Venzone, per una
superficie complessiva di circa
10.000 ettari (per estensione, la
seconda area protetta della re-
Sono presenti sale di: Geologia,
Paleontologia, Preistoria (con plastici), Miniere di Raibl, Sezione Etnografica, Sale della foresta (con
diorami), mostra sulla storia del
palazzo Veneziano e sulle attività
imprenditoriali locali, ricca biblioteca. Inoltre nello splendido cortile
Si trova lungo la carreggiata nord
dell’Autostrada A23 Udine-Tarvisio, dopo l’area di servizio “Fella
Est” in località Bagni di Lusnizza (accesso anche dalla SS.13).
All’interno mostra permanente
dedicata all’aspetto ecologico-forestale supportata da foto, plastici e diorami. All’esterno Giardino
botanico con la ricostruzione degli
ambienti forestali della zona.
Una vasta raccolta di materiale
fotografico testimonia la vita rurale e contadina prima e dopo il
sisma del 1976, attraverso la ricostruzione dell’interno di una
casa prefabbricata utilizzata dagli
sfollati e il recupero di strumenti
legati al mondo del lavoro agricolo
e dell’abbigliamento tradizionale.
Info:
S.Giorgio di Resia - Loc. Poje
Associazione museale
tel +39 0433 53428
e-mail: [email protected]
interno del Palazzo svetta un imponente tiglio secolare (400 anni).
Info:
Autostrada Udine - Tarvisio
Località Bagni di Lusnizza
tel +39 0428 60415
Entrata gratuita
a
c
i
T. Sliz
n
a
l
o
g
L a
P i s
n i
c a
za
r
F
Ri
e di
Vallon
l
d
ja
dn
nic
a
Za
T
n
t
p
l
A
a
Z a d n j
Trenta
Na Logu
2151
p
o
son
.I
(F
zo
agl
iam
ent
o
F. T
Ci m
e
nel Friuli
S. Rocco
r
T
Stella
Salt
210
B.go
Buins
Artegna
Monte
Magnano
tiso
F. Na
478
Sammardenchia
Platischis
K. pod Bogatinom
ne
Buia
Savica
K.pri Savici
1761
653
1520
Bohinjsko
Jezero
Krn
2244
2182
Gomiš čkovo
zavetiš č e
Tolminski Kuk
H.Vogel
2085
Na
diž
Kred
a
Kobarid
Staro Selo
A23
234
Strade d'interesse locale
991
Ferrovie con stazioni
Krn
Idrsko
Prossenicco
Autostrade
Strade principali
Zavetiš č e
na Pl. Kuhinja
1094
213
1453
K. na Pl. pri Jezeru
Dom na Komni
Drežnica
Taipana
A
Pršivec
Borjana
in Riviera
Rifugi gestiti
Vogel
1922
Ciclovia Alpe Adria
Smast
1237
Vrsno
M.Mia
M. Mataiùr
Matajur
Cuesta
Tarcento
J.
h
ski
lav
Trig
Breginj
200
Flagogna
1385
Pl. dom pri Krnskih j.
Trnovo
ob Soči
K. na Stolu
e
T
Krn Jezero
č a
Montemaggiore
V
Sotto
Castello
Stol
Villanova
l
Isola
or r
Cologna
Monteaperta
I
2001
1513
1773
So
1673
Lusevera
Kal
N
Krasji Vrh
Srpenica
Vedronza
Cretto
Capovilla
a
Aplia
1685
E
700
e
r
Iòuf
472
Sornicco
Lessi
Cornino
V
Dom K. Juga
M o
n t
e
o
Cesàriis
Flaipano
Maniaglia
Paludo
Somp
Cornino
O
1636
1613
504
Montenars
gliam
ento
G r a n
l e
Forgaria
K. pri Triglavskih j.
pe
nj
ic
L
Vrši č
.T
Taboga
Gemona
Osoppo
Čezso ča
S
Učja
Žaga
Pradielis
1372
A2
Osoppo
Boka
1720
M. Guarda
Skutnik
Uccea
851
1897
Gemona
del Friuli
272
F. T
a
Anduins
Parco Naturale
delle
Prealpi Giulie
M.Chiampon
Pers
185
T r i g l a v s k i
N a r o d n i P a r k
T. Uccea
M.
Mu
si
224
Pineta
884
Monte Prat
1869
del
2568
2071
Soča
Kal Koritnica
460
1818
Ve
nzo
nass
a
Kanjavec
Zasavska K.
ˇ pičje
V.S
M.Cjadin
la
Percorsi MTB
Kamno
230
1641
1 km
0
5 km
Cimano
Nimis
PORDENONE
VENEZIA / UDINE / TRIESTE
UDINE
NOVA GORIZA
CIVIDALE / UDINE
Monumenti
e luoghi
di interesse
Principali
eventi
SAN NICOLÒ E I KRAMPUS
“Al calar della sera del 5 dicembre,
nell’aria frizzante, si odono strani
suoni di campanacci e in lontananza appare un inquietante corteo;
avvolti dal fumo e dal brillare delle
fiaccole i terribili Krampus scortano San Nicolò sulla sua carrozza”.
Questa suggestiva e antica tradizione si svolge, con alcune varianti
anche di data, in tutti i paesi della
Valle.
EIN PROSIT
Nel mese di novembre a Tarvisio e a Malborghetto il meglio dei
vini autoctoni regionali, nazionali
ed internazionali. Da più di dieci
anni 150 aziende di vino e più di 50
aziende di gastronomia, insieme
agli chef più importanti del momento ed i ristoranti della Valcanale a disposizione dei palati più
esigenti per un weekend.
FIACCOLATA DEL MONTE LUSSARI
La sera del primo gennaio a Camporosso si svolge la più lunga e
spettacolare fiaccolata delle Alpi,
che scende lungo la pista Di Prampero. Dal pomeriggio lungo le vie
del paese il Mercatino di prodotti e piatti tipici, dimostrazioni di
sleddog, giri in slitta trainata dai
cavalli , musica e fuochi d’artificio,
rendono la festa ancora più suggestiva.
NO BORDERS MUSIC FESTIVAL
A luglio Tarvisio ospita alcuni fra i
migliori artisti del panorama musicale. Nel corso degli anni il festival ha acquisito sempre maggior
rilevanza nel quadro degli eventi
musicali internazionali. L’obiettivo
è trasmettere attraverso la musica
un messaggio di pace e fratellanza in grado di superare le barriere
geografiche e linguistiche.
NOTTE DI NATALE
A Stolvizza di Resia durante la magica notte della Vigilia, una stella
illuminata di enormi dimensioni,
scendendo dal Püsti Gözd, annuncerà la festa più bella dell’anno.
All’arrivo della stella si animerà il
suggestivo Presepio vivente in sintonia con un concerto di canzoni
natalizie. La manifestazione viene
riproposta anche il 26 dicembre e
il 5 gennaio.
IL CARNEVALE DELLA VAL RESIA
Come da tradizione esistono due
tipi di maschere: i babaci/kucaci, vestiti semplicemente con abiti
vecchi e logori ed il viso sporco di
fuliggine o carboncino, e le te lipe
bile maškire (le belle maschere
bianche). Queste sono composte da
una o più gonne bianche ornate da
merletti e nastri e un cappello adorno di fiori di carta colorata e piccoli
sonagli Gli uomini (maškarun) portano il cappello più basso.
Chiese
di interesse
e Santuario
del Lussari
MONUMENTO ASBURGICO
DELLE GUERRE NAPOLEONICHE
Tarvisio Località Boscoverde
L’opera, dello scultore Josef Kassin, raffigura un fuciliere austriaco, fu eretta a ricordo dei caduti
nelle guerre combattute in Carinzia tra il 1797 e il 1813. È raggiungibile in cinque minuti a piedi dalla
frazione di Boscoverde.
MONUMENTO
AL CAPITANO HENSEL
Malborghetto - Ss 13
Monumento costituito da una
piramide di lastre di pietra con
scritta
commemorativa.
Alla
base un grande leone in lega
metallica,appoggiato su un fascio
littorio e uno scudo, è trafitto al
fianco da una punta di lancia, a
simboleggiare l’impero asburgico
colpito a morte nella guerra del
1809. È stato eretto a ricordo del
capitano Hensel e dei difensori del
Forte di Malborghetto , di cui sono
visibili i resti.
MONUMENTO
AL CAPITANO HERMANN
Tarvisio - Passo Predil
Monumento identico a quello di
Malborghetto, salvo che è dedicato
al capitano Hermann e ai difensori del forte che si trovava al passo. La resistenza del forte fermò
l’avanzata dei francesi nella valle
tra il 15 e il 18 maggio 1809. L’intera guarnigione fu massacrata
nell’assalto finale.
LEONE DI SAN MARCO
Chiusaforte - Via Campolaro
Un tempo si trovava nella fortezza
della Chiusa Veneta mentre oggi
sovrasta la fontana del Leon. Ricorda la fine della Serenissima.
Si dice che il naso del leone sia
stato rotto in segno di disprezzo
dai francesi o dagli austriaci, che
si spartirono i territori dell’antica
Repubblica.
COLONNA SS.TRINITÀ
Tarvisio - Via Roma
Del 1637, è stata eretta come voto,
e per la liberazione della calamità le sarebbe stato sovrapposto il
capitello con bassorilievi di contenuto religioso. Per un periodo è
stata anche utilizzata come colonna dell’infamia.
LA STELE ROMANA
Camporosso - Via Montenero
Stele funeraria del II secolo d.C.,
scoperta a Camporosso nel 1908,
con dedica in memoria di Avilia
Leda.
MONUMENTO ALL’ARROTINO
A Stolvizza In Val Resia
Nei secoli passati, la popolazione
della Val Resia ha dovuto ingegnarsi ad eseguire lavori che permettessero di sopravvivere in una
valle isolata. Tra questi il mestiere
dell’arrotino, che richiedeva impegno, provata esperienza, ed elevato spirito di adattamento.
Mostra della Miniera del Rio Resartico - Resiutta
Info:
via Roma, 32 - 33010 Resiutta (Ud)
tel e fax +39 0433 550241
[email protected]
Chiesa Parrocchiale
SS.Pietro e Paolo - Tarvisio
Chiesa della Beata
Vergine di Loreto - Tarvisio
Chiesa di Santa Dorotea
Camporosso
Risale al 1445 ed è uno degli
esempi più interessanti di chiesa
fortificata dei paesi alpini: è circondata da un muro di cinta eretto a difesa delle invasioni turche
(1474), rafforzato da quattro torri
quattrocentesche. La larga navata centrale è in stile gotico, le due
cappelle laterali in stile barocco.
Vi sono affreschi dell’Imperatore
Carlo V a cavallo, Gesù e i bambini,
il Giudizio Universale.
Risale al 1688, vi si conservano notevoli affreschi e stucchi della fine
del 600 e pregevoli dipinti su tavola
del 1520 ca. di pittore carinziano,
due tele della fine del 600, copie
delle portelle dell’organo di Venzone del pittore Gian Antonio De
Sacchis detto il Pordenone, dipinte
da Lucio Candido. Sul maggiore
dei tre altari lignei settecenteschi,
è posta la statua della Madonna
Nera con il Bambino benedicente.
In stile gotico-carinziano sorge
su uno sperone di roccia. La data
della fondazione potrebbe risalire
al 1007 oppure al 1017. L’altare in
marmi policromi è del 1700. Alcuni saggi di pulitura, eseguiti sulle
pareti dell’aula e dell’abside che
erano intonacate di bianco, hanno
evidenziato la presenza di uno o
più strati di affreschi del 15° sec.
di ottima fattura e ben conservati,
altri purtroppo piuttosto rovinati.
Pieve di Santa Maria
Maggiore Pontebba
Chiesetta di San Nicolò
Coccau
Chiesa di Maria
e San’Antonio - Malborghetto
Risalente al XII secolo, fu ricostruita in stile gotico nel 1504.
Sull’altare maggiore si conserva
un Flügelaltar, prezioso altare ligneo tardogotico del 1517, probabilmente del maestro Enrico da
Villaco, costituito da un corpo centrale con due portelle mobili. Le
sculture nella scena centrale raffigurano l’incoronazione di Maria in
Cielo. Nella portella di sinistra la
Natività e la Resurrezione, in quella di destra l’adorazione dei Magi e
la morte di Maria.
Chiesa fortezza del 1300, era dotata di feritoie per la difesa dall’interno, una delle quali è tuttora visibile. Conserva il più bel ciclo di
affreschi della Valcanale risalenti
al XIV secolo, alcuni splendidamente recuperati, come un grande
frammento dell’Ultima Cena.
Dell’antica chiesa del 1200 rimane il portale sul versante sud. La
costruzione attuale risale probabilmente al XV secolo. La chiesa
risulta dall’unione di due edifici:
uno cinquecentesco e l’altro settecentesco di San Giovanni. Durante
i restauri del 1985 sono emersi alcuni affreschi del XV secolo.
Santuario e Borgo del Monte Lussari
Il Monte Lussari (1790 metri) è un
gioiello di incomparabile bellezza:
vi sorge un Santuario risalente al
1360, che nel corso dei secoli è
stato soggetto a diverse distruzioni e ricostruzioni. La chiesa che
ammiriamo oggi è stata riedificata
nel 1924, dopo le devastazioni della Prima Guerra Mondiale. Nel rifarla si è voluto ricostruire identico
all’originale anche il tetto. Oggi si
presenta con un’unica navata coperta da un bellissimo e singolare soffitto ligneo a carena di nave
(omaggio alla basilica di Aquileia,
il cui Patriarca fu riferimento spirituale e temporale per secoli) e
decorato da stelle dipinte. Già dal
XVI secolo i fedeli dei popoli di ceppo slavo, italiano e tedesco, salivano attraverso il “sentiero del Pellegrino”, (CAI 613) per raggiungere
il Santuario e venerare la Madonna
col Bambino (una piccola statua in
legno, i cui mantelli sono in lamina
d’argento). Ora è anche raggiungibile con una moderna telecabina
che parte da Camporosso. Il Monte
Lussari è anche famoso come stazione sciistica sulla quale si disputano le gare di coppa del mondo
femminile e si pratica anche lo sci
in notturna.
Chiesa di S.Egidio
Camporosso
Chiesa di Sant’Anna
Cave del Predil
Chiesetta di San Leonardo
Fusine in Val Romana
Risale al 1444 e fu la prima pieve
della vallata. La torre campanaria
risale al 1769 ed ha la caratteristica copertura a cipolla.
L’interno a tre navate presenta
l’abside tardo-gotica poligonale
con soffitto a volta costolonata.
Sul soffitto vi sono alcuni dipinti
settecenteschi. L’altare maggiore
del 1704 è ornato dalla statua lignea di Sant’Egidio.
Nel XVI secolo venne eretta la cappella di Santa Barbara, distrutta
successivamente da un’alluvione.
Per opera di Susanna Struckel,
sullo stesso luogo, nel 1730 venne
costruita l’attuale parrocchiale.
Il campanile presenta la singolare
cuspide “a casco prussiano” unica
della zona. I due altari sono in stile
barocco.
Risale al 1463, in stile gotico. Intorno al 1797 venne aggiunta la
cappella dell’Addolorata.
Chiesetta di San Antonio
Chiusaforte Loc. Casasola
Del 1721 con il dipinto raffigurante
la Sacra Famiglia con i Santi Matteo e Nicolò di Nicola Grassi.
2515
Dom Planika
Tržaš ka K.
Dolina
ss a
Venzone
Triglavski dom
2864
Triglav 2401
a
ča
So
S
lla
F. F
e
e
d
j
e
Chiese di interesse storico e Santuario del Lussari
Info:
via Garibaldi, 18 - Cave del Predil
tel +39 0428 68257
e-mail: [email protected]
Ingresso a pagamento
Museo della Foresta - Bagni di Lusnizza
2347
c a
v š i
B a
n
1092
Rozza
Ospedaletto
In tutti i paesi del Tarvisiano vengono organizzate molte interessanti manifestazioni,
quali sagre paesane con musica e gastronomia tipica, importanti eventi sportivi e concerti.
Ne segnaliamo di seguito alcune tra le più originali.
“Rivive la memoria storica di un
umile mestiere” è quanto scritto
all’ingresso del Museo dell’arrotino. Numerosi reperti, vecchi macchinari, biciclette e foto storiche.
zione a grandezza naturale di una
galleria con carrello all’interno.
Esposizione di campioni di rocce,
in particolare di scisti bituminosi,
e di attrezzature. Inoltre, un plastico della valle riportante l’andamento degli strati e delle gallerie
e una presentazione informatica
dei documenti raccolti durante le
ricerche.
Bavški Grintavec
r
2389
3
Viaggio tra natura e storia alla
scoperta dei piccoli, grandi tesori
della montagna. Ospita una sezione paleontologica dedicata al ritrovamento delle piste fossili di un
fitosauro del Norico, una storica
ed una etnografica.
L’attività economica del Canal del
Ferro è stata a lungo influenzata dalla presenza di una miniera
per l’estrazione di scisti bituminosi nella parte alta della valle del
rio Resartico. Numerosi pannelli,
corredati da foto, illustrano le attività che si svolgevano in miniera,
la storia delle ricerche compiute,
gli aspetti geologici e naturalistici
dell’area. Suggestiva è la ricostru-
k
s
j
i
l
Trdnjava Klu
ž e
2260
Sella Carnizza
M.Cuarnan
unica e dall’alto valore formativo.
All’interno c’è una temperatura
costante di circa 11°, pertanto si
consiglia abbigliamento adeguato.
Info:
Palazzo Veneziano - Malborghetto
tel +39 0428 64970
[email protected]
Ingresso a pagamento
u
e
Dom Petra Skalaria
Comugne
Museo Etnografico - Malborghetto
Nella bella cornice architettonica
del Palazzo Veneziano, il museo
etnografico è una struttura realizzata per salvaguardare e valorizzare gli aspetti storici-culturali
della Valcanale e illustrare gli
aspetti morfologici sia della Val
Canale che del Canal del Ferro.
2109
J
e
a
FESTA DELL’AMICIZIA
SUL MONTE GORIANE
Al confine Austria - Italia ogni prima domenica di agosto. Marcia
non competitiva, specialità gastronomiche, musica e folclore dei due
Paesi. Accesso: a piedi da Coccau
o in auto da Göriach in Austria.
2208
2346
Trentski Pelc
2587
2587
2050
Poga č nikov dom
n
FESTA DELL’AMICIZIA
SUL MONTE FORNO
La seconda domenica di settembre, con specialità gastronomiche,
musica e folclore dei tre Paesi. Accesso: da Fusine in Valromana in
auto per un tratto, poi a piedi per
45’oppure in seggiovia da Arnoldstein (A).
FESTA DELL’AMICIZIA
IN SELLA DI LOM
Al confine Austria - Italia, ogni prima
domenica di agosto. Esercitazione
dei pompieri volontari dei due Paesi,
specialità gastronomiche, musica e
folclore. Accesso: in auto da Ugovizza fino al termine della carrozzabile,
poi a piedi per circa 1 ora.
tori che vi hanno lavorato, di Cave
del Predil di oggi e di ieri, di interessanti notizie sui minerali che si
ricavano dall’estrazione, sul loro
utilizzo e sulle loro proprietà, ricca
esposizione di attrezzature.
Parco: a bordo di un trenino e per
alcuni piccoli tratti a piedi, si visitano con accompagnatore, le gallerie della miniera, un’esperienza
M. Canin
Kanin
a
Aljažev dom
a
m
FESTA DELL’AMICIZIA
FRIULI - CARINZIA
In località Passo Pramollo, sul
Confine Austria - Italia, ogni prima
domenica di agosto. Concerto bandistico, specialità gastronomiche,
musica e folclore dei due Paesi.
Accesso in auto da Pontebba.
Il paese di Cave del Predil, originariamente Raibl, deve la sua esistenza alla presenza di un ricco
giacimento di piombo e zinco. La
miniera, attiva sin dall’epoca romana, fu definitivamente chiusa
nel 1991. La mostra è un piccolo
viaggio attraverso la storia e l’attualità delle miniere, antiche immagini della miniera e dei mina-
i
Rombon
Bovec
Val
le
de
T. Venzona
l
1709
Cuel di Forchia
1478
Museo Etnografico - Resia
Mostra della Tradizione Mineraria e Parco Geominerario - Cave del Predil
M. Cergnala
Hudi Vršič
Rif. Gilberti
M.Forato
Prestreljenik
nt
o
Il Monte Forno (1508 mt) è la punta più estrema verso nord est di tutto il territorio italiano
e funge da triplice confine tra Italia, Austria e Slovenia; rappresenta simbolicamente
il punto d’unione delle tre culture.
s
Ledina
Sottomonte
1015
M.Cuar
Museo dell’Arrotino - Resia
Info:
Dogna - Vicolo del museo, 2
Informazioni e appuntamenti
Comune di Dogna
tel +39 0428 93000
e
Briceljk
Coritis
Pioverno
217
Museo del Territorio - Dogna
Info:
Stolvizza di Resia
tel +39 0433 53167
www.resianet.org
Ingresso a offerta libera
i
1850
Stolvizza
Oseacco
1015
re
K
Musei
e mostre
permanenti
l
1162
B.go Lischiazze
Izvir Soče
(Sorg. d. Isonzo)
Zavetiš če pod
Špičkom
T
2344
e
Gniva
1958
M.Brancot
Musei e mostre permanenti
Triplice
confine
e le feste
dell’amicizia
R
2064
a
492
Prisojnik
2547
P.so del Predil
Predel
Log pod
Mangartom
Rif. Div.Julia
Prato di Resia
1156
L. del Predil
go
La
a
PONTEBBA
GIRO DEL MONTE CORONA
Itinerario: Passo Pramollo - Casera Auernig - Casera For - Monte
Corona - Sella Carnizze - Casera
l
de
zo)
ORRIDO DELLO SLIZZA
Itinerario: Tarvisio (località Boscoverde) - Monumento Soldato
Austro-Ungarico – Anello dell’Orrido - Boscoverde
Tempo di percorrenza: ore 1,30
Grado di difficoltà: escursionistico
Percorrendo la statale che conduce a Fusine, a sinistra si entra in
Loc. Boscoverde - Via Bamberga.
Dall’indicazione del percorso si ar-
ANELLO DEL MONTE SFLINCIS
RESIUTTA
Itinerario: Resiutta - Povici di sotto- Borgo Cros - Ricovero Sfincis
- Resiutta
Tempo di percorrenza: ore 2,00
Grado di difficoltà: escursionistico
Da Resiutta, percorrendo la strada
della Val Resia si raggiunge Povici di sotto (360 m). Sulla destra si
imbocca il sentiero CAI n.743, che
attraversando il ponte sul rio Serai, procede nel bosco fino a Borgo
Cros (530 m), splendido balcone
panoramico. Il sentiero continua
R.
2740
Poštarski dom
Le
Passeggiate naturalistiche ed escursioni
CAVE DEL PREDIL
GIRO DEL MONTE RE
Itinerario: Cave del Predil - Sella
delle Cave - Valle di Riofreddo - Riofreddo
Tempo di percorrenza: ore 4,00
Grado di difficoltà: escursionistico
Si consiglia di posteggiare un’auto
alla partenza e una all’arrivo.
Dal rione di Caroli nell’abitato di
Cave del Predil, si prosegue lungo una strada forestale che si
abbandona nei pressi di un rudere (1014 m.); si prosegue lungo
un sentiero sulla destra che sale
verso Sella delle Cave. Raggiunta la Sella (1334 m.) con vista su
Cima Cacciatore, Cima Riofreddo
e Cime delle Rondini, si scende su
l
a
Stretti
a
P.so di Tanamea
Trasàghis
TA LIPA POT
Itinerario: Sentiero circolare
a Stolvizza di Resia
Tempo di percorrenza: Ore 2,30
Grado di difficoltà: turistico
Da piazza dell’Arrotino si scende
lungo una mulattiera e, costeggiando la cascata del rio Potök, ci
si addentra nel bosco per arrivare
ad un tipico stavolo in località Hostje. Proseguendo si scende verso
l’abitato di Zamlin e si costeggia
la riva del torrente Resia da dove
si può ammirare il massiccio del
M. Canin. In alcuni tratti si attraversano suggestive passerelle sul
´
torrente, poi si risale verso “Aca”,
pianoro destinato alla coltivazione
del rinomato aglio di Resia, sino ad
arrivare al punto di partenza.
V
son
ALPE VECCHIA
Itinerario: Lago Superiore - Rifugio Zacchi - Alpe Vecchia - Alpe
Tamer - Lago Superiore
Tempo di percorrenza: ore 4,00
Grado di difficoltà: escursionistico
Dal Lago Superiore si arriva al
Rifugio Zacchi (1380 m.) con il
segnavia 512 (ore 1,15). Da qui si
procede lungo la strada forestale
che riporta a valle e dopo un breve tratto si imbocca il segnavia
513 in direzione Alpe Vecchia . Si
prosegue fino ad imboccare il se-
SOMPDOGNA
Itinerario: Malga Saisera – Rif.
Grego - Laghetto - Sella Sompdogna e rientro
Tempo di percorrenza ca. ore 3,00
Grado di difficoltà: escursionistico
Dall’abitato di Valbruna si raggiunge in macchina la Malga Saisera,
da cui parte il sentiero CAI 611 che
conduce al Rifugio Grego (1389
m) da dove si possono ammirare
lo Jôf Fuart, lo Jôf di Montasio,
il Grande Nabois. Da qui in 20’ si
raggiunge il laghetto di origine
glaciale. Si sale poi alla cresta boscosa e seguendo i resti di guerra
si raggiunge la sottostante Sella
Sompdogna. Rientro al Rifugio
Grego in 15’. Il Rifugio è raggiungibile anche da Dogna su 18 km. di
strada asfaltata e 15‘ di cammino.
u
1688
1620
ˇ krlatica
S
K. v Krnici
1113
Strmec
na predelu
I
(F.
PASSEGGIATA MONTE BORGO
Itinerario: Tarvisio Città - Via delle
Pinete - Parco Cervi - Pendici del
Monte Borgo - Tarvisio Centrale Via Romana - Tarvisio Città
Tempo di percorrenza: ore 2,00
Grado di difficoltà: turistico
Da Via delle Pinete si raggiunge
il “Parco Cervi” e sulla destra si
imbocca il sentiero che inizia con
breve salita e continua senza difficoltà nel sottobosco. Ad un bivio
ben segnalato a quota 825 m. si
prosegue sulla sinistra. Si scende
poi progressivamente e in breve si
raggiunge la Via Romana nei pressi della chiesetta di San Michele a
gnavia 517, e al bivio seguente, si
prosegue in discesa fino all’Alpe di
Tamer (1010 m.) da dove attraverso l’Alpe del Lago si arriva al Lago
Superiore.
n
Erjavč eva K.
Tičarjev dom
i
R
i
2324
Resia
Res
ia
Musi
Forte di
Osoppo
Tarvisio Centrale. Da qui comodo
rientro su strada asfaltata.
Tamaroz
M. Sart
M.Plauris
Peonis
Tra le numerose passeggiate ed escursioni presenti nel territorio, ne segnaliamo alcune
adatte anche a chi non ha grande dimestichezza con i sentieri di montagna.
l
o
1525
2677
c
T.
Portis
Interneppo
Braulins
GIRO DELLE MALGHE
DEL MONTASIO
Itinerario: Sella Nevea - Casera
Cregnedul di Sopra - Rifugio di
Brazzà - Sella Nevea
Tempo di percorrenza: ore 5,00
Grado di difficoltà: turistico
Da Sella Nevea nei pressi della
Caserma della G.d.F. si imbocca
il sentiero (C.A.I. 625) che sale a
fianco della sciovia e poi nel bosco
fino alla malga Cregnedul di Sopra
(1515 m.). Da qui su comoda strada (sentiero C.A.I. 624) si attraversa l’altipiano, incontrando alcune
Casere (Larice e Parte di mezzo).
Il percorso, prevalentemente pianeggiante, consente di gustare
la vista affascinante del versante
nord del Canin. Imboccando poi
sulla destra il sentiero CAI 622
si raggiunge il Rifugio di Brazzà
(1660 m). Si rientra sullo stesso
percorso o si scende a Sella Nevea
su strada asfaltata.
c
c
1505
Avasinis
SELLA BISTRIZZA
MADONNA DELLA NEVE
Itinerario: Val Uque - bivio sentiero C.A.I. 507 - Sella Bistrizza Confine di Stato - Madonna della
Neve - Sella Pleccia - Val Pleccia
e rientro
Tempo di percorrenza: ore 3,30
Grado di difficoltà: escursionistico
Al termine della strada asfaltata
che sale da Ugovizza si parcheggia. Si prosegue a piedi su strada
forestale costeggiando il rio Uque
fino ad imboccare, sulla destra,
il sentiero CAI 507 che sale fino
al bellissimo pascolo di malga
Bistrizza (1718 m.). Costeggiando
la linea di confine con l’Austria,
attraverso una vecchia mulattiera
di guerra, si giunge alla Madonna
della Neve (1750 m.) e poi a Sella
Pleccia (1616 m). Da qui si prende
il sentiero che scende sulla destra
e percorre la Val Pleccia fino al
punto di partenza.
a
R
l
1108
2643
959
ˇ pik
S
Dom v Tamarju
M. Mangart
Mangrt
i
B.go Povici
S. Giorgio
1745
Jalovec
1190
l
M.S.Simeone
Bordano
Passeggiate
naturalistiche
ed escursioni
G
1660
Pianatti
a
1906
Rif. Corsi
Sella Nevea
a
Oncedis
verso Ovest fino al Ricovero Sflincis (600 m), poi procede senza segnavia, dalla parte opposta, per
giungere in breve sulla cresta boscosa del Monte Sflincis. Si scende
poi su stretti tornanti su un sentiero con scalini di legno, ponticelli e
parapetti che termina a Resiutta
presso l’ex stazione ferroviaria.
a
Saletto
Ciprnik
2472
K. na Mangrtskem S.
Kor
it
V
Pezzeit
Rif. Zacchi
1874
Piani di la
Piani di qua
T. Racco
lana
2274
Vršič
K o r i t n i
c a
Roveredo
Tanataviele
Auernig - Passo Pramollo
Tempo di percorrenza: ore 4,00
Grado di difficoltà: escursionistico
Dal Passo Pramollo nei pressi degli alberghi, si prende la strada forestale che sale alla base del versante Sud del M. Auernig. In breve
si giunge a Casera Auernig (1609
m.) e poi a Casera For (1614 m.).
Da qui si imbocca il sentiero C.A.I.
501, per raggiungere la vasta cima
prativa del Monte Corona (1832
m.), dal quale si ha una splendida
veduta sul territorio austriaco e
sui monti della valle del Gail. Da
qui si costeggia il confine di Stato lungo un sentiero in cresta che
porta a Sella Carnizze (1675 m.).
Si scende poi fino alla strada forestale in direzione Casera Auernig e
Passo Pramollo.
Chiout Cali
Chiout Michel
Ponza Grande
Visoka Ponca
1380
2063
1611
2666
Gozd
Martuljek
809
Picco di Mezzodì
Cave
del Predil
Jôf Fuart
i
Patocco
Raccolana
A23
Kranjska Gora
Cesclans
M.Piciat
195
tornanti in Val di Riofreddo, che si
raggiunge presso la Capanna Pastor dopo aver attraversato il rio.
Continua la strada forestale fino
alla frazione di Riofreddo.
391
Casasola
Villanova
Podkoren
870
Lago inferiore
Lago superiore
929
Muda
2753
p
Wurzenpaß
Korensko Sedlo
Rateče
1073
do
ed
o
l
Chiusaforte
l
a
n
Carnia
Carnia
Tolmezzo
Rif. Pellarini
Jôf di Montasio
l
e
a
Ovedasso
280
Mena
Ortigara
in Valromana
o
r
e
F
a
C
V
296
a
l S
Valico di Fusine
Rat eče
Villa Alta
Laghi di Fusine
Riofreddo
1499
Altipiano
del Montasio
316
Amaro
A
Va
a
n
g
o
D
2379
Resiutta
407
Plèziche
Chiout
l
M. Cimone
F. Fella
Verzegnis
Cavazzo
Carnico
Chiout
di Gus
T. Dogna
d
CORTINA / CADORE
V
340
1905
a
1423
Fusine
in Valromana
Aclete
924
Foresta di
Tarvisio
e
is
Rif. Di Brazzà
Moggio
Udinese
Riù
Valbruna
o
r
a
b
l
A
l
a
323
Chiout
di Puppe
V
Costamolino
Aupa
Moggio
di sotto
Travasans
Moggio
di sopra
Campiolo
419
Dogna
Vidali
Pradis
M.Amariana
Rutte
Piccolo
1789
M.Santo
di Lussari
Dreiländer H.
P
i o
o
r
a
d i
c
p
e
C a n a l
u
Stavoli
Tolmezzo
Zuc dal Bôr
Plagnis
Chiaranda
CAVALLI E CARROZZE
Uscite a cavallo o in slitta trainata
da cavalli con accompagnatore nei
paesaggi incantati della Val Saisera, coperti dal soffice manto della
neve.
Poscolle
Villabassa
Rutte
Grande
Plezzut
Radendorf
1071
Tarvisio
M. Prisnig
2071
1389
Hart
Riegersdorf
Pöckau
M. Forno
Dreilanderek
Peč
732
C. del Cacciatore
Rif. Grego
Chiout
Zucuin
itz
a il
Oltreacqua
1324
Sella di Somdogna
2195
Moggessa
di là
L. di Cavazzo
MONTE OSTERNIG
- 2050 m. (variante)
Itinerario: Val Uque – bivio sentiero C.A.I. 507 - Sella Bistrizza –
Monte Oisternig
Tempo di percorrenza: ca. ore 5,30
Grado di difficoltà: escursionistico
Dalla Sella Bistrizza (vedi itinerario precedente) in prossimità del
villaggio alpino (Feistrizer Alm),
si prende il sentiero numerato 406
che sale sulla sinistra all’interno
dell’ampio pascolo . La cima erbosa del monte può essere raggiunta
in un’ora. Ampio panorama su tutte le Giulie, le Carniche, le Caravanche, i Tauri.
1961
Neuhaus
Seltschach
Tarvisio
Lussari
1392
Riulade
B.go di Mezzo
Moggessa
di qua
Thörl
1508
Valbruna
2046
Jôf di Dogna
Gail
Arnoldstein
578
Arnoldstein
LUBIANA
A
t
Bû
685
Coccau
di sopra
Sella di Camporosso
2087
Warmbad
Villach
A2
Hohenthurn
Coccau
di Sotto
e
Jôf di Miezegnòt
Saletto
Badiuz
Morolds
Draschitz
Göriach
e
1736
Capin di Ponente
Kapin Berg
l o
t o
B a r
l
2058
Martin
Grauzaria
V a l
Crete di Glerîs
Dordolla
2065
1785
a
C
A
VillachWarmbad
l
Tarvisio
l
a
n
a
I
Gailtal
Achomitz
Rif. Al Convento
F. Fella
Creta Grauzaria
Illegio
lia
me
nto
l
h
Camporosso
in Valcanale
Ugovizza
Malborghetto - Valbruna
A23
a
Due Pizzi
Pietratagliata
a
SCUOLE E NOLEGGI
Nel territorio sono presenti Scuole
di sci alpino e nordico, Scuola di
Alpinismo e Sci Alpinismo, Scuola
Internazionale Mushing, e diversi
noleggi attrezzature.
a
1250
e
l
a
Rif. Grauzaria
2187
M. Palavierte
T.
SNOW PARK
Il Gold Snow Park si trova sulle piste di Tarvisio. Numerosi rail, salti
da 4,8 e 16 metri, box vari e kickers
per principianti ed esperti.
Bevorchians
M.Sernio
Alesso
riva in pochi minuti al monumento.
Da qui il sentiero scende a tratti
ripido e con piccoli tornanti, fino
a raggiungere le acque chiare del
torrente Slizza. Si continua lungo
la suggestiva gola scavata dal torrente su spettacolari passerelle, e
si risale con comodi gradini fino al
punto di partenza.
V
Plans
Bagni di
S. Caterina
Lusnizza F. Fella
S. Leopoldo
Laglesie
Studena alta
1066
n
1615
Passeggiate naturalistiche ed escursioni
nco
Sella di Cereschiatis
n
R
1712
c
721
Saps
G
tz
ri
be
ra
T
Schönwipfel H.
Ugovizza
Malborghetto
V
PARCO AVVENTURA
Emulando le gesta di Tarzan, si
affrontano in completa sicurezza
percorsi attrezzati sospesi sugli
alberi, di difficoltà crescente in
base all’età (dai 3 anni in su).
C
n
I
'
d
429
o
Bia
568
Aupa
1959
Zuglio
ett
M.Tersadia
T. Aupa
ARRAMPICATA SPORTIVA
Numerose palestre naturali di arrampicata con diversi gradi di difficoltà. Palestra indoor in inverno.
Pontebba
Pontebba
i
1941
rgh
Rio
Studena bassa
Glagnò
T.
NORDIC FITNESS WALKING
Possibilità di uscite e corsi con
istruttore lungo affascinanti percorsi.
SCI ALPINO E SNOWBOARD
Piste di tutto rispetto che scendono da montagne
affascinanti e che ospitano anche gare di Coppa
Europa e Coppa del Mondo.
Tra le piste più belle la “Di Prampero” che scende
dal Monte Lussari, dove si scia anche in notturna e
la “Canin” di Sella Nevea, ora collegata al comprensorio sloveno di Bovec. I poli sciistici sono dotati di
innevamento programmato al 100%.
di
1999
1764
Arta Terme
g
Ta
F.
GOLF CLUB TARVISIO
Campo da 18 buche lungo dolci
pendii, ampi fairways, greens spaziosi e insidiosi bunkers, rendono
il Golf Club Tarvisio uno dei più
interessanti campi di montagna.
Ideale sia per il professionista che
per il dilettante, si sviluppa in una
splendida cornice panoramica.
ne
A
M. Scinauz
T. Pontebbana
M.Cullar
Feist
M.Cocco
n
Va
r
a
C
i
p
l
H. Oisternig
1720
1832
M. Corona
1857
Forc. di Lius
670
556
1460
1530
M.Salinchiet
Paularo
2050
P.so di Pramollo
Naßfeldpaß
2239
M. Cavallo
di Pontebba
Rosskofel
t
M.Osternig
Oisternig
Wh. Starhand
Malbo
e di
Sutrio
M.Zermula
1010
602
1999
2195
U S
Nötsch
im Gailtal
Feistritz
an der Gail
l
1759
Watschiger A.
Naßfeld H.
A
555
M.Poludnig Poludniger A.
Gartnerkofel
2279
Villach
Gail
i
C.ra Cason di Lanza
1552
949
Paluzza
a
)
Creta di Aip
Trogkofel
P.so del
Cason di Lanza
2143
Ligosullo
607
HERMAGOR
Vorderberg
1422
1365
2043
Cercivento
G
Egger A.
Dellacher A.
M.Paularo
Treppo
Carnico
HERMAGOR
Sonnleitn
G
HERMAGOR
2186
Timau
on
SCI NORDICO
Piste di diversi livelli di difficoltà
che si snodano attraverso prati e
boschi incontaminati.
Hochwipfel
AUSTRIA
ll
SULLE ORME DI JULIUS KUGY
Escursioni guidate e sci alpinismo
con Guide Alpine, indirizzate ad
escursionisti esperti.
PALAGHIACCIO
Il Palaghiaccio di Pontebba è
aperto al pubblico dall’autunno
alla primavera. Ospita importanti
gare della serie A1 di hockey dove
milita la squadra locale.
llo
VIVERE LA MONTAGNA
Passeggiate ed escursioni con le
racchette da neve, pedagogia nel
bosco, accompagnati da una guida
naturalistica.
ARRAMPICATA SPORTIVA
Palestra indoor, situata presso il
Palazzetto dello Sport di Tarvisio,
è dotata di tutti i gradi di difficoltà.
Aperta durante la stagione invernale.
Va
ESCURSIONI STORICO BELLICHE
Escursioni alla scoperta dei numerosi resti di trincee e fortificazioni della Grande Guerra, accompagnati da uno storico.
SLEDDOG
Uscite con la slitta trainata dai
cani su itinerari alla portata di tutti. Possibilità di lezioni individuali
e per gruppi.
T. Bû
t
WINDSURF E VELA
Le acque azzurro-verde del lago
di Raibl, sono il luogo ideale per
praticare queste attività. Noleggi
attrezzature sul posto.
VIENNA / SALISBURGO
EQUITAZIONE E CARROZZE
Bellissimi itinerari nei boschi della Val Saisera, sia a cavallo che in
carrozza trainata da splendidi cavalli Haflinger.
Chiusaforte, Dogna, Pontebba,
Malborghetto, Tarvisio – (quota minima slm 315 m. – quota massima
slm 816 m di Camporosso). Da qui
la ciclabile continua attraversando
il confine italo-austriaco di Coccau
fino ad Arnoldstein, oppure il confine italo-sloveno di Fusine fino a
Mojstrana, per un totale complessivo di un centinaio di chilometri.
ca. Il progetto che unisce le Alpi
al Mare, prevede un tracciato che
dall’Austria e dalla Slovenia porta
fino a Grado, per una lunghezza di
Km. 175 (Coccau-Grado) o Km. 177
(Fusine-Grado).
Percorrendo la ciclabile da sud
a nord, il tratto che interessa il
territorio del Tarvisiano inizia da
Resiutta, per poi proseguire per
La Ciclovia Alpe Adria rappresenta
il primo caso di riconversione di un
bene pubblico abbandonato e restituito al territorio con una valenza turistica. La linera ferroviaria
su cui sorge è un capolavoro ingegneristico, costruito a cavallo tra
l’Ottocento e il Novecento, e presenta un innegabile valore legato
soprattutto alle difficoltà dell’epo-
hiarsó
T. C
SULLE ORME DI JULIUS KUGY
Escursioni, uscite alpinistiche,
speleologiche e vie ferrate con
l’accompagnamento di Guide Alpine.
Pista ciclabile
Alpe Adria
SCI ALPINISMO
Una pratica per veri intenditori e
appassionati di itinerari arditi in
ambienti selvaggi, dove cercare
solitudine e silenzio.
Il comprensorio del Tarvisiano, Sella Nevea e Passo Pramollo offre una vasta opportunità
di scelta per gli amanti di tutte le discipline invernali; vengono anche proposti diversi
programmi di uscite organizzate con guide naturalistiche e alpine, adatti a tutti.
TENNIS
Campi outdoor e al coperto, in terra rossa e in erba sintetica. A disposizione spogliatoi e docce.
VIVERE LA MONTAGNA
Passeggiate, escursioni, pedagogia del bosco per scoprire angoli
suggestivi con le guide naturalistiche.
CASCATE DI GHIACCIO
Avvicinarsi al meraviglioso mondo
delle cascate di ghiaccio accompagnati da guide alpine per affrontarle con la dovuta preparazione e
sicurezza.
P i e
t r
o
Durante l’estate vengono proposte numerose escursioni organizzate con guide
naturalistiche e alpine, di differente durata e livello di difficoltà, adatte sia per famiglie
con bambini che per escursionisti esperti.
RACCHETTE DA NEVE
Un’attività suggestiva al di fuori
dei tracciati battuti, per ascoltare
il silenzio della montagna: il solo
rumore è il fruscio delle “cjaspe”
sulla neve.
za
DOG TREKKING
Escursione in montagna legati ad
un cane da slitta. Praticabile da
tutti,con la guida di un esperto
istruttore che insegna ad apprendere le tecniche.
ra
SKATEPARK
Il parco per freestyler dello Skateboarding, pattini e bmx, denominato “Forest Park” è una struttura
a 3 livelli sito in una bella cornice
naturale.
Vallo e di Ug
n
oviz
MOUNTAIN BIKE
Numerosi percorsi di tutte le difficoltà e possibilità di uscite con
accompagnatore.
Attività
invernali
nel Tarvisiano
S a n
Attività
estive
nel Tarvisiano
Attività invernali nel Tarvisiano
Z u f
f i n e
Attività estive nel Tarvisiano
Chiesa di San Bartolomeo
Chiusaforte
Di scuola veneta, ospita una Via
Crucis del 1619 e dipinti di un anonimo del XVIII secolo.
Fly UP