...

Page 1 of 8 DONNA -MATRIMONIO -PARENTI 04/08/2010 file://C

by user

on
Category: Documents
34

views

Report

Comments

Transcript

Page 1 of 8 DONNA -MATRIMONIO -PARENTI 04/08/2010 file://C
DONNA -MATRIMONIO -PARENTI
Page 1 of 8
DONNA -MATRIMONIO -PARENTI
'A fimmana a quarant'anni jettala a mara cu tutti i panni.
A quarant'anni la donna è da buttare via.
'A fimmana ch'è beddha pe natura, cchiù scioperata va, cchiù beddha para.
La donna che è bella per natura, più va trasandata e più appare bella.
'A fimmana chi annaca l'anca si non è puttana pocu nci manca.
La donna che dondola l'anca se non è puttana ci manca poco.
'A fimmana destra conza 'a minestra.
La donna esperta aggiusta la minestra.
'A fimmana è comu 'a minestra: si non 'a pigghi ngiru ngiru, ti vrusci.
La donna è come la minestra, se non la pigli in giro in giro, ti scotti.
'A fimmana maritata è de tutti rispettata.
La donna sposata è rispettata da tutti.
'A fimmana mpasta 'a pasta e 'u furnu conza e guasta.
La donna impasta il pane ed il forno lo accomoda o lo guasta.
'A la puttana l'aspetta la canna.
Alla puttana infine tocca il bastone (per appoggiarsi nel chiedere la carità).
A li cugini futtali mprima; ma cchiù de l'atri futta i canati.
I cugini fregali per primi, ma più di ogni altro devi fregare i cognati.
'A fortuna è na fimmana puttana e s'annamura sempa de' minchiuni.
La fortuna è una femmina puttana e s'innamora sempre dei minchioni.
All'omu la scupetta, a la fimmana 'a cozetta.
All'uomo lo schioppo, alla donna la calza.
Amara chiddha trizza chi de venneri si ntrizza.
Sventurata quella treccia che si intreccia di venerdì.
'A mugghiera d'o latru non sempa canta e rida.
La moglie del ladro non sempre canta e ride.
'A puttana 'on dicia mai no.
La puttana non dice mai di no.
file://C:\Documents and Settings\pc\Desktop\Nuova cartella\donna.htm
04/08/2010
DONNA -MATRIMONIO -PARENTI
Page 2 of 8
Arrassu sia d'a puttana vecchia e d'a cantinera giuvana.
Stai lontano da vecchia puttana e da giovane locandiera.
'A scarpa è comu 'a fimmana: doppu chi va commoda, mbecchia.
La scarpa; è come la donna: quando va comoda, invecchia.
Casa stritta e fimmana destra.
Casa piccola e donna esperta.
Cui beddha vo' parira gran doluri ha de patira.
Chi vuole sembrare bella deve patire gran dolore.
Cui cu puttani vo' m'addhotta, scatta e crepa o va de sutta.
Chi vuole lottare con putttme, schiatta e crepa o va sotto.
Cui nescia beddha è menza maritata.
Chi nasce bella è maritata per metà.
Dio ti guarda d'omu sbanu e de fimmana varvuta, de remitu j fimmana chi ama 'u spassu.
Dio ti guardi dell'uomo senza peli, della donna barbuta, dell'eremita grasso e di donna a cui piace il divertimento.
Duva non ci su' campani non ci su' puttani.
Dove non ci sono campane non ci sono puttane.
Fimmina beddha e senza judizziu è comu aneddhu d'oru nte scifu.
La donna bella e senza senno è come un anello d'oro dentro il truogolo.
Fimmana e bagascia ti fannu 'a gurza liscia.
La donna e la puttana ti rendono il portafoglio vuoto.
Fimmani 'e chiesa, diavuli ncasa.
Le donne, che frequentano assiduamente la chiesa, in casa si manifestano diavole.
Figghi e gutta, tenili 'e sutta.
Figli e botte tienili sotto controllo.
Fimmana savia fravica casa, 'a ciota la sdarrupa quandu trasa.
La donna savia edifica la casa, la stolta la distrugge quando mette piede.
Fimmana 'e vinu non vala nu carrinu.
La donna dedita al vino non vale un carlino.
Fimmina, terra e focu vonnu sempa l'assai cà un pocu e' pocu
file://C:\Documents and Settings\pc\Desktop\Nuova cartella\donna.htm
04/08/2010
DONNA -MATRIMONIO -PARENTI
Page 3 of 8
La femmina, la terra ed il fuoco pretendono sempre il molto perche' il poco e' poco.
Hai vogghia mu nda fai ricci e cannola, si nescia beddhi sulu pe natura.
E' inutile imbellettarti facendo riccioli, belle si nasce.
I corna su' comu i denti: dolanu quandu nescianu, poi aiutanu a mangiara.
Le corna sono come i denti. danno dolore quando nascono, poi aiutano a mangiare.
I fimmani comu su' fannu li cosi; li ligna comu su', fannu li vrasci.
Le donne come sono fanno le cose; le legna come sono fanno le braci.
I fimmani hannu i capiddhi longhi e 'u cerveddhu curtu.
Le donne hanno i capelli lunghi ed il cervello corto.
L'omu pe natura guarda minni e culu.
L'uomo per natura guarda sempre gli attributi femminili.
'A pagghia a la pagghiera e la fimmina a la lumera.
La paglia nel fìenile e la donna accanto alla lucerna.
Na fimmana beddha e senza judizziu è come fungiu beddhu e mbalenatu.
Una donna bella e senza giudizio è come un bel fungo velenoso.
Na fimmana e na sumera ficiaru na fera.
Una donna ed un'asina fecero una fiera.
Né fimmana, né tila a lustru de candila.
A lume di candela non si sceglie né donna, né tela.
Non ti mentira cu li donni, cá ti ricogghi c'u saccu scotulatu.
Non metterti con donne perché te ne ritorni col sacco spolverato
Si d'o cora d'a fimmana ti fidi, facci de paradisu non nda vidi.
Se ti fiderai della donna, non vedrai facce di paradiso.
Si la campana sona cu stu ntinnu, li cordi sugnu fatti 'e pilu 'e cunnu.
Se la campana suona con questo timbro, vuol dire che le corde sono fatte con pelo di pube.
Si voi vidira na fimmana ciota, guardala quandu mangia a la nchianata.
Se vuoi vedere una donna sciocca guardala quando mangia in salita.
Tandu poi dira, beddha, ca si' zita: doppu ottu jorni chi ti si' spusata.
Puoi dire, bella, di essere sposata soltanto otto giorni dopo il matrimonio.
file://C:\Documents and Settings\pc\Desktop\Nuova cartella\donna.htm
04/08/2010
DONNA -MATRIMONIO -PARENTI
Page 4 of 8
Tira cchiù nu pilu 'e cunnu a la sagghiuta, ca nu sciartu a lu pindinu.
Ha più forza un pelo di fìca in salita, che una grossa fune in discesa.
Aguannu chi non ebbi lu maritu, pignata non nda misi e focularu.
Quest'anno che non ho avuto mio marito non ho cucinato e non ho acceso il fuoco.
'A maritata è prena a la jornata.
La donna sposata è gravida alla giornata.
Amaru cui non ha linu e maritu, e accussì dicu si 'u maritu è malu
Infelice chi non ha lino e marito, e affermo questo anche quando il marito e' cattivo.
'A mugghiera 'e l'atri è sempa beddha.
La moglie altrui è sempre più bella.
Cattiva arraggiata, panza arrappata e dota mbrogghiata, si perda la nominata.
Della vedova arrabbiata, della pancia rugosa e della dote imbrogliata che vada perduto anche il nome.
Cui ava pocu dinari sempa cunta; cui ava beddha mugghiera sempa canta.
Chi possiede pochi denari conta sempre, chi ha una bella moglie sempre canta.
Cui non ava omu non ava nomu.
Chi non ha marito non ha nome.
Cui sa pigghiara pulici pigghia bonu maritu.
Chi sa prendere pulci prende buon marito.
Cui si marita sta cuntentu nu jornu; cui ammazza 'u porcu sta cuntentu n'annu.
Chi si sposa sta contento per una giornata, chi ammazza il maiale sta contento per un anno.
Cui pe la roba na brutta si pigghia, la vita si nda va e la roba squagghia.
Chi sposa una donna brutta per la roba, la vita si consuma e la roba si squaglia.
Cui si marita si menta nu jugu, chi non pota rahara nu paricchiu
Chi prende moglie si mette un giogo, che non può essere trascinato da un paio di buoi.
Cui si marita si menta la varda e va gridandu comu ciuccia gurda.
Chi si marita si mette il basto da soma e va gridando come un'asina sazia.
Cu nuddhu pozzu e cu mugghierma pozzu.
Con nessuno ho potere e con mia moglie sì.
Cummara de Roma, mugghiera de ruga.
file://C:\Documents and Settings\pc\Desktop\Nuova cartella\donna.htm
04/08/2010
DONNA -MATRIMONIO -PARENTI
Page 5 of 8
Comare di Roma, moglie del rione.
De vennari e de marti, non si spusa e non si parta.
Di venerdì e di martedì non ci si sposa e non si parte.
Gutta ncignata e fimmana maritata non s'affida a nessunu.
La botte incominciata e la donna maritata non si affìdano a nessuno.
Mantu, umbrella e mugghiera non la mprestara cá non torna com'era.
Il mantello, l'ombrello e la moglie non li prestare a nessuno perché non tornano com 'erano.
Matrimoni e viscuvati su' d'o celu destinati.
Il matrimonio ed il vescovato sono destinati dal cielo.
Mugghiera e voi d'o paisa toi.
Moglie e buoi del tuo paese.
Né mulu, né mulinu, né garzuna cosentinu, né jardinu cu funtana mugghiera tropiana.
Né mulo, né mulino, né servo cosentino, né giardino con fontana moglie di Tropea.
Non c'è luttu senza risi, né ziti senza chianti
Non c'è lutto senza risate, né sposalizi senza pianti.
Non c'è otaru senza crucia, non ce su' ziti senza vuci.
Non c'è altare senza croce e non ci sono matrimoni senza discussioni.
Non sugnu li donni chi non gustanu, ma sugnu li dinari chi non bastanu.
Non sono le donne che non piacciono, ma sono i denari che non bastano
Quandu 'a fimmana arriva a quindici anni, o 'a mariti o 'a scanni.
Quando la donna compie i quindici anni o la sposi o la scanni.
Sbenturata 'a maritata chi campa cu 'a socera e 'a canata.
Infelice la sposina se vive con la suocera e la cognata.
Si 'a fimmana non curra a prima vucia, è signu c'a canzuna non li piacia.
Se la donna non viene alla prima chiamata, vuol dire che il cantare le piace.
Si i corna fusseranu arvuri, tuttu mundu fussera nu voscu.
Se le corna fossero alberi, tutto il mondo sarebbe un bosco.
Si monacu ti fai lu mpernu attizzi, si ti mariti poi lu mpernu abbrazzi.
Se ti farai monaco alimenterai l'inferno, se ti sposerai abbraccerai l'inferno.
file://C:\Documents and Settings\pc\Desktop\Nuova cartella\donna.htm
04/08/2010
DONNA -MATRIMONIO -PARENTI
Page 6 of 8
Si sapera 'a schetta quantu sapa 'a maritata, si curchera a lu lettu e facera 'a malata.
Se la nubile sapesse quanto sa la donna sposata, si metterebbe a letto fingendosi ammalata.
Si voi vidira na bona massara, guardala quandu fila a la lumera.
Se vuoi vedere una buona massaia, guardala quando fila al lume di lucerna.
Tantu mu duri, donna mia, mpalazzu pe quantu dura la niva de marzu.
Tanto devi durare, suocera mia, in casa quanto dura la neve di marzo.
Tantu mu duri, nora mia gentila, quantu dura la niva d'aprila.
Tanto devi vivere, nuora mia gentile, quanto dura la neve di aprile.
Zita vasata non cangia ventura.
Sposa baciata non cambia sorte.
'U dolura d'a mugghiera morta dura finc'a porta.
Il dolore per la moglie morta dura finché la bara non oltrepassa la porta di casa.
'U maritu è mara, si non porta oja porta domana.
Il marito è un mare, se non porta oggi porterà domani.
Accatta d'o parenta e vincia a lu stranu.
Compra dal parente e vendi all'estraneo.
'A figghia a la mamma assimigghia.
La figlia rassomiglia alla mamma.
'A genta senza figghi né dinari, né cunzigghi.
A chi non ha figli (non chiedere) né denari, né consigli.
'A la nora cacciala fora.
La nuora cacciala fuori.
Cui ava figghi fimmani apparenta cu li cani; cui ava figghi masculi apparenta cu puttani.
Chi ha figlie s'imparenta con i cani, chi ha figli s'imparenta con puttane.
Cui figghi masculi vo' fara, de fimmana ava a cominciara.
Chi vuole fare figli maschi deve cominciare con l'avere una femmina.
Cui ha mamma ha banca.
Chi possiede una mamma possiede una banca.
Cui si curca cu 'a mamma, 'u chiamu «tata».
file://C:\Documents and Settings\pc\Desktop\Nuova cartella\donna.htm
04/08/2010
DONNA -MATRIMONIO -PARENTI
Page 7 of 8
Chi si corica con la mamma lo chiamo «papà».
Cui si menta ammenzu i parenti perda 'a manu cu tuttu 'u guantu.
Chi si pone in mezzo ai parenti perde la mano con tutto il guanto.
Cu patra e cu patruna 'on c'è ragiuna.
Col padre e col padrone non c'è ragione.
D'amici e de parenti 'on accattara e non vindira nenta.
Dagli amici e dai parenti non comprare e non vendere niente.
De' toi scapppa cchiù ca poi.
Dai tuoi (parenti) scappa più che puoi.
Figghia fimmana e mala nottata.
Figlia femmina e mala nottata.
Figghia nfascia, dota ncascia.
Figlia in fasce, dote in cassa.
Figghi postarari, orfani promentii.
Figli tardivi, orfani piccoli.
Frati, pocu nda trovi pe li strati.
Fratelli, pochi ne trovi per le strade.
I neputi putali e si tornanu a jettara, tornali a putara.
I nipoti (come i rami parassiti) potali, e se tornano a germogliare tornali a potare.
I parenti d'o maritu sugnu serpi de cannitu; i parenti d'a mugghiera sugnu duci comu 'u mela.
I parenti del marito sono serpi di canneto; quelli della moglie sono dolci come il miele.
I parenti sugnu i denti, e 'u veru parentatu esta 'u pana a lu chiancatu.
I parenti sono i denti; e il vero parentato è il pane riposto in soffitta.
Mazzi e panelli fannu i figghi belli.
Batoste e piccoli pani fànno i figli educati.
Megghiu mu fai li corna a nu cornutu, ca pemmu ncaji nu cora ncajatu.
E' preferibile fàre le corna ad un cornuto, che far soffrire un cuore addolorato.
Megghiu ricchizza 'e sangu ca de sordi.
Meglio ricchezza di affetti che di soldi.
file://C:\Documents and Settings\pc\Desktop\Nuova cartella\donna.htm
04/08/2010
DONNA -MATRIMONIO -PARENTI
Page 8 of 8
Na mamma fa pe centu figghi; centu figghi non fannu pe na mamma.
Una mamma fa per cento figli, cento figli non fanno per una mamma.
Non puoi dire di aver figli se non avranno completato la dentizione.
Nu figghiu non si sapa quantu vala, e non si sannu i guai chi po' portara.
Non si conosce quanto vale un fìglio, e neppure quanti guai può procurare.
Panelli senza mazzi fannu i figghi pazzi.
Piccoli pani senza batoste fanno i figli scapestrati.
Porci e figghioli, comu 'i mpari 'i trovi.
I porci e i fìgli te li ritrovi per come li hai abituato.
Quala patra, tala figghiu, tala picciulu conigghiu.
Come il padre tale il figlio, tale il piccolo coniglio.
Quandu è tempu de zappa e de puta né cumpari, né neputi; quandu è tempu 'e vindignara tutti neputi, tutti
cumpari.
Quando è tempo di zappare e cli potare non trovi né compari, né nipoti; quando è tempo della vendemmia diventano
tutti nipoti e tutti compari.
Pendigghiu, pendigghiu, com'u patra vena' u figghiu.
Pendaglio, pendaglio, come il padre viene il figlio.
Signurina senza statu è comu pana senza levatu.
Signorina senza matrimonio è come pane senza lievito.
Soru e frati, nimici pagati.
Sorelle e fratelli, sono nemici pagati.
'U primu figghiu è baruna.
II primogenito è considerato un barone.
'U sangu jungia e l'interessi sparta.
Il sangue unisce, l'interesse divide.
'U Signura 'u ti libera d'a figghia mpicciusa e d'a vicina mbidiusa.
Che il Signore ti liberi dalla figlia capricciosa e dalla vicina invidiosa.
'U vicinatu è menzu parentatu.
Il vicinato è mezzo parentato.
file://C:\Documents and Settings\pc\Desktop\Nuova cartella\donna.htm
04/08/2010
Fly UP