...

Mutuo Ipotecario "Fondo di Garanzia Prima Casa"

by user

on
Category: Documents
15

views

Report

Comments

Transcript

Mutuo Ipotecario "Fondo di Garanzia Prima Casa"
FOGLIO INFORMATIVO
Mutuo Ipotecario "Fondo di Garanzia Prima Casa"
INFORMAZIONI SULLA BANCA
BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO
Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa
Piazza Marconi, 28 - 70010 Locorotondo (BA)
Tel.: 0804351311 - Fax: 0804316601
E-mail: [email protected] - Sito internet: www.bcclocorotondo.it
Registro delle Imprese della CCIAA di Bari n. 00369440722
Iscritta all’Albo della Banca d’Italia n. 4494 - cod. ABI 08607
Iscritta all’Albo delle società cooperative n. A169020
Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia, al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo e al
Fondo di Garanzia dei Portatori di Titoli Obbligazionari emessi da Banche appartenenti al Credito Cooperativo
CHE COS'È IL MUTUO IPOTECARIO "FONDO DI GARANZIA PRIMA CASA"
Il mutuo ipotecario “Fondo di Garanzia Prima Casa” è un finanziamento a medio – lungo termine, di durata
compresa tra 5 e 30 anni, assistito, oltre che dalla garanzia ipotecaria di primo grado su un immobile (lo stesso per il
cui acquisto o per la cui ristrutturazione viene contratto il mutuo medesimo), anche dal “Fondo di Garanzia per i mutui
per la Prima Casa” di cui all’art. 1, comma 48, lett. c) della Legge 27.12.2013, n. 147, concesso in virtù dell’adesione
all’iniziativa in base al Protocollo d’intesa sottoscritto l’8 ottobre 2014 tra Ministero dell’economia e delle finanze e ABI.
Come previsto dal decreto interministeriale del 31 luglio 2014, concernente “Disciplina del Fondo di garanzia prima
casa di cui all’art. 1, comma 48, lett. c) della legge 27.12.2013, n. 147, sono ammessi alla garanzia del “Fondo” i mutui
ipotecari:
di ammontare non superiore a 250 mila euro, erogato in un’unica soluzione;
destinati all’acquisto – ovvero all’acquisto e all’esecuzione di interventi di ristrutturazione e accrescimento di
efficienza energetica – di unità immobiliari, site sul territorio nazionale, da adibire ad abitazione principale,
anche con accollo da frazionamento, non rientranti nelle categorie catastali A1 (abitazioni di tipo signorile), A8
(ville) e A9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici) e prive delle caratteristiche di lusso indicate nel
decreto del Ministero dei Lavori Pubblici in data 2 agosto 1969, n. 1072.
L’immobile deve essere adibito ad abitazione principale del mutuatario che, alla data di presentazione della domanda
di mutuo, non deve essere proprietario di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli acquistati per successione mortis
causa, anche in comunione con altri successori, ed in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.
La Garanzia del Fondo, a prima richiesta, diretta, esplicita, incondizionata ed irrevocabile, è concessa nella misura
massima del 50% della quota capitale, tempo per tempo in essere, ed è efficace a decorrere, in via automatica, dalla
data di erogazione del mutuo.
Non sono richieste al mutuatario garanzie aggiuntive non assicurative, queste ultime nei limiti consentiti dalla
legislazione vigente.
In presenza di più domande per l’ammissione alla garanzia pervenute nella stessa giornata, il gestore del Fondo,
Consap S.p.A., attribuirà priorità per l’accesso al credito da parte di:
giovani coppie: nuclei familiari costituiti da almeno due anni, coniugati o conviventi more uxorio, con uno dei
componenti con età inferiore ai 35 anni;
nuclei monogenitoriali con figli minori: persona singola non coniugata, separata, divorziata o vedova con
almeno un figlio convivente minore;
giovani di età inferiore ai 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico di cui all’art. 1 della Legge 28.06.2012,
n. 92;
conduttori di alloggi di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari.
Per i mutui ai quali è stata assegnata priorità è, inoltre, previsto che il Tasso Effettivo Globale (TEG) del rapporto non
sia superiore al Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM), pubblicato trimestralmente dal Ministero dell’Economia e delle
Finanze, ai sensi della legge 7 marzo 1996, n. 108.
Il rimborso della somma di denaro mutuata avviene mediante il pagamento periodico di rate mensili, comprensive di
capitale e interessi, secondo un tasso che può essere fisso o variabile.
Nell’ipotesi di inadempimento del mutuatario, la banca può chiedere l’intervento della garanzia del Fondo con le
modalità definite dalla Consap S.p.A. ed avviare, a proprie spese, la procedura per il recupero del credito di propria
FOGLIO INFORMATIVO - Aggiornato al: 01/04/2016
(ZF/000003288)
Pagina 1 di 8
spettanza e degli accessori nel rispetto dei limiti di legge.
A seguito della corresponsione dell’importo spettante ai soggetti finanziatori da parte del Gestore (Consap S.p.A.),
sorge l’obbligo in capo al mutuatario di restituire le somme pagate dal Fondo, oltre agli interessi, calcolati al saggio
legale e maturati a decorrere dal giorno del pagamento fino alla data del rimborso, e alle spese sostenute per il
recupero.
Qualora il cliente non riesca, per qualunque motivo, a restituire la somma ricevuta dalla banca, questa potrà procedere
alla vendita dell’immobile ricevuto in ipoteca.
Al cliente viene reso noto il tasso annuo effettivo globale (TAEG), cioè un indice che esprime il costo complessivo del
credito a suo carico espresso in percentuale annua del credito concesso.
I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI
Mutuo a tasso variabile
Rispetto al tasso iniziale, il tasso di interesse può variare, con cadenze prestabilite, secondo l’andamento di uno o più
parametri di indicizzazione (ad esempio il tasso Euribor) fissati nel contratto.
Il rischio principale è l’aumento imprevedibile e consistente dell’importo delle rate.
Il tasso variabile è consigliabile a chi vuole un tasso sempre in linea con l’andamento del mercato e può sostenere
eventuali aumenti dell’importo delle rate.
Mutuo a tasso fisso
Rimangono fissi per tutta la durata del mutuo sia il tasso di interesse sia l’importo delle singole rate.
Il rischio principale è non poter sfruttare eventuali riduzioni dei tassi di mercato e quindi delle rate.
Il tasso fisso è consigliabile a chi vuole essere certo, sin dal momento della firma del contratto, della misura del tasso,
degli importi delle singole rate, e dell’ammontare complessivo del debito da restituire, indipendentemente dalle
variazioni delle condizioni di mercato.
Per saperne di più:
La Guida pratica al mutuo, che aiuta a orientarsi nella scelta, è disponibile sul sito www.bancaditalia.it, presso tutte le
filiali della banca e sul sito della banca.
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL MUTUO IPOTECARIO
Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)
Tasso Variabile (Euribor)
Capitale: € 100.000,00
Durata del finanziamento (anni): 10
T.A.E.G.: 1,9%
Durata del finanziamento (anni): 10
T.A.E.G.: 2,04%
Tasso Variabile (BCE)
Capitale: € 100.000,00
Tasso Fisso
Capitale: € 100.000,00
Durata del finanziamento (anni): 5
T.A.E.G.: 2,33%
Capitale: € 100.000,00
Durata del finanziamento (anni): 10
T.A.E.G.: 2,77%
Capitale: € 100.000,00
Durata del finanziamento (anni): 15
T.A.E.G.: 3,14%
Capitale: € 100.000,00
Durata del finanziamento (anni): 20
T.A.E.G.: 3,3%
Capitale: € 100.000,00
Durata del finanziamento (anni): 25
T.A.E.G.: 3,37%
Capitale: € 100.000,00
Durata del finanziamento (anni): 30
T.A.E.G.: 3,41%
Oltre al TAEG vanno considerati altri costi, quali le spese e le imposte per la stipula del contratto e l’iscrizione
dell’ipoteca, nonché le spese di assicurazione dell’immobile ipotecato.
VOCI
Requisiti del richiedente
Età massima alla scadenza del mutuo: 65 anni
Importo massimo finanziabile dalla Banca
€ 200.000,00
Importo minimo finanziabile dalla Banca
€ 25.000,00
Durata massima
30 anni
FOGLIO INFORMATIVO - Aggiornato al: 01/04/2016
(ZF/000003288)
Pagina 2 di 8
Anno civile
Criterio di calcolo degli interessi
TASSI
Tasso di interesse nominale annuo, parametro e spread
Ipotecario 1^ casa (F.di G.) TV Euribor:
EURIBOR 3 M: 360 (Attualmente pari a: -0,24%) + 1,95
punti perc.
Valore effettivo attualmente pari a: 1,71%
Ipotecario 1^ casa (F.di G.) TV BCE:
TASSO B.C.E. (Attualmente pari a: 0%) + 1,85 punti perc.
Valore effettivo attualmente pari a: 1,85%
Ipotec. 1^ casa (F.di G.) 0-5 anni TF:
IRS 5Y/6M LET (Attualmente pari a: 0,06%) + 1,95 punti
perc.
Valore effettivo attualmente pari a: 2,01%
Ipotec. 1^ casa (F.di G.) 6-10 anni TF:
IRS 10Y/6M LET (Attualmente pari a: 0,57%) + 2 punti
perc.
Valore effettivo attualmente pari a: 2,57%
Ipotec. 1^ casa (F.di G.) 11-15 anni TF:
IRS 15Y/6M LET (Attualmente pari a: 0,92%) + 2,05 punti
perc.
Valore effettivo attualmente pari a: 2,97%
Ipotec. 1^ casa (F.di G.) 16-20 anni TF:
IRS 20Y/6M LET (Attualmente pari a: 1,05%) + 2,1 punti
perc.
Valore effettivo attualmente pari a: 3,15%
Ipotec. 1^ casa (F.di G.) 21-25 anni TF:
IRS 25Y/6M LET (Attualmente pari a: 1,08%) + 2,15 punti
perc.
Valoreeffettivo attualmente pari a: 3,23%
Ipotec. 1^ casa (F.di G.) 26-30 anni TF:
IRS 30Y/6M LET (Attualmente pari a: 1,08%) + 2,2 punti
perc.
Valore effettivo attualmente pari a: 3,28%
Euribor 3 mesi/360 rilevato l'ultimo giorno lavorativo di ogni
Modalità di rilevazione del parametro di indicizzazione
trimestre solare e applicato con decorrenza 1° giorno del
(tasso variabile Euribor)
trimestre successivo
Tasso BCE: Tasso di interesse sulle operazioni di
Modalità di rilevazione del parametro di indicizzazione
rifinanziamento principale determinato dal Consiglio
(tasso variabile BCE)
Direttivo della BCE.
IRS rilevato ogni ultimo giorno lavorativo della settimana
Modalità di rilevazione del parametro di riferimento (tasso
ed applicato ai mutui stipulati dal lunedì
fisso)
successivo fino al venerdì
Tasso di interesse di preammortamento
Preammortamento non previsto
Tasso di mora
Tasso di ammortamento in vigore al momento della mora +
1,5 punti percentuali
SPESE
Spese per la stipula del contratto
Istruttoria
€
400,00
Spese stipula fuori sede
€
200,00
Visure ipocatastali
€
0,00
Visure Crif
€
0,00
Spese per la gestione del rapporto
Gestione pratica
Non previste
Incasso rata
€
Invio documenti periodici trasparenza
POSTA: €
1,00
CASELLARIO ELETTRONICO: €
FOGLIO INFORMATIVO - Aggiornato al: 01/04/2016
1,50
(ZF/000003288)
0,00
Pagina 3 di 8
Se le condizioni economiche in vigore a fine anno non sono cambiate rispetto alla comunicazione precedente, il
documento di sintesi non verrà inviato. Il cliente potrà, comunque, in qualsiasi momento ottenere gratuitamente copia
del documento di sintesi con le condizioni economiche in vigore. Qualora il cliente abbia scelto il regime di
comunicazioni telematiche, potrà richiedere il documento di sintesi aggiornato in qualsiasi momento tramite il servizio di
Banca Virtuale o ottenerne tempestivamente copia per posta elettronica.
Invio comunicazioni per sollecito di pagamento
€
0,00
Spese per eventuale variazione/restrizione ipoteca
€
0,00
Spese per rinnovazione di ipoteca
Nella misura
documentate
Accollo mutuo con liberazione del debitore originario
Uguale a spese di istruttoria
Sospensione pagamento rate
Esente da spese
Spese per decurtazione del mutuo
€
0,00
Spese estinzione anticipata
€
0,00
Informativa precontrattuale
Gratuita
Spese per rilascio certificazione interessi passivi
€ 0,00
in
cui
effettivamente
sostenute
e
PIANO DI AMMORTAMENTO
Tipo di ammortamento
FRANCESE
Tipologia di rata
COSTANTE (tasso fisso)
COSTANTE e rideterminata ad ogni variazione del
parametro (tasso variabile)
Periodicità delle rate
Mensile
ULTIME RILEVAZIONI DEL PARAMETRO DI RIFERIMENTO
EURIBOR 3 M: 360
Data
Valore
01.04.2016
-0,24%
01.01.2016
-0,13%
01.10.2015
-0,04%
Data
Valore
B.C.E.
16.03.2016
0%
10.09.2014
0,05%
11.06.2014
0,15%
Data
Valore
29.03.2016
0,06%
21.03.2016
0,04%
14.03.2016
0,08%
Data
Valore
29.03.2016
0,57%
21.03.2016
0,57%
14.03.2016
0,65%
Data
Valore
29.03.2016
0,92%
21.03.2016
0,92%
14.03.2016
1%
IRS 5Y/6M lettera
IRS 10Y/6M lettera
IRS 15Y/6M lettera
IRS 20Y/6M lettera
FOGLIO INFORMATIVO - Aggiornato al: 01/04/2016
(ZF/000003288)
Pagina 4 di 8
Data
Valore
29.03.2016
1,05%
21.03.2016
1,05%
14.03.2016
1,14%
Data
Valore
29.03.2016
1,08%
21.03.2016
1,08%
14.03.2016
1,17%
Data
Valore
29.03.2016
1,08%
21.03.2016
1,09%
14.03.2016
1,17%
IRS 25Y/6M lettera
IRS 30Y/6M lettera
Prima della conclusione del contratto è consigliabile prendere visione del piano di ammortamento
personalizzato allegato al documento di sintesi.
CALCOLO ESEMPLIFICATIVO DELL'IMPORTO DELLA RATA (TASSO VARIABILE EURIBOR)
Tasso di
applicato
1,71%
1,71%
1,71%
1,71%
1,71%
interesse Durata
del Importo della
finanziamento (anni)
mensile
per
capitale
di:
100.000,00
10
€
907,21
15
€
630,24
20
€
492,26
25
€
409,88
30
€
355,29
rata Se
il
tasso
di Se
il
tasso
di
un interesse
aumenta interesse diminuisce
€ del 2% dopo 2 anni
del 2% dopo 2 anni
€
€
€
€
€
980,54
712,67
581,08
503,96
454,04
€
€
€
€
€
847,29
564,73
423,44
338,67
282,16
CALCOLO ESEMPLIFICATIVO DELL'IMPORTO DELLA RATA (TASSO VARIABILE B.C.E.)
Tasso di
applicato
1,85%
1,85%
1,85%
1,85%
1,85%
interesse Durata
del Importo della
finanziamento (anni)
mensile
per
capitale
di:
100.000,00
10
€
913,43
15
€
636,62
20
€
498,81
25
€
416,59
30
€
362,16
rata Se
il
tasso
di Se
il
tasso
di
un interesse
aumenta interesse diminuisce
€ del 2% dopo 2 anni
del 2% dopo 2 anni
€
€
€
€
€
987,11
719,60
588,36
511,58
462,00
€
€
€
€
€
848,41
565,45
423,97
339,08
282,49
CALCOLO ESEMPLIFICATIVO DELL'IMPORTO DELLA RATA (TASSO FISSO)
Tasso di
applicato
2,01%
2,57%
2,97%
3,15%
3,23%
3,28%
interesse Durata
del Importo della
finanziamento (anni)
mensile
per
capitale
di:
100.000,00
5
€ 1.753,21
10
€
945,89
15
€
689,14
20
€
562,14
25
€
486,26
30
€
436,85
rata Se
il
tasso
di Se
il
tasso
di
un interesse
aumenta interesse diminuisce
€ del 2% dopo 2 anni
del 2% dopo 2 anni
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti
di mutuo, può essere consultato in filiale e sul sito internet (www.bcclocorotondo.it).
FOGLIO INFORMATIVO - Aggiornato al: 01/04/2016
(ZF/000003288)
Pagina 5 di 8
ALTRE SPESE DA SOSTENERE
Al momento della stipula del mutuo il cliente deve sostenere costi relativi a servizi prestati da soggetti terzi:
-
Perizia tecnica: a spese del cliente che può scegliere uno dei periti di fiducia della Banca;
-
Adempimenti notarili: a spese del cliente;
-
Assicurazione contro i rischi di incendio, scoppio e rischi accessori sull’immobile finanziato: a cura del cliente la
scelta della compagnia ed il sostenimento dei relativi costi
Imposta sostitutiva
0,25% dell'importo finanziato
Imposte ordinarie (in luogo dell'imposta sostitutiva)
Nella misura stabilita dalle norme vigenti.
Tasse ipotecarie
Sostenute dal cliente nella misura stabilita dalla legge
vigente
SERVIZI ACCESSORI
Copertura Assicurativa
Assicurazione obbligatoria
Tramite la Banca è possibile sottoscrivere con primaria Compagnia Assicurativa polizze di assicurazione contro i rischi
di incendio, scoppio e rischi accessori sull’immobile ipotecato.
Assicurazione facoltativa
Tramite la Banca è possibile sottoscrivere con primaria Compagnia Assicurativa polizze di assicurazione contro i rischi
di decesso, invalidità totale, temporanea o permanente, dovuta a infortunio o malattia, di perdita involontaria
dell’impiego, etc.
Per maggiori informazioni sulle polizze assicurative e in particolare sul dettaglio delle coperture, dei relativi limiti, dei
costi, della facoltà di recesso e delle retrocessioni riconosciute all’intermediario, si rimanda al rispettivo Fascicolo
Informativo disponibile sul sito internet della Compagnia www.assimoco.it.
In caso di estinzione anticipata, i costi assicurativi saranno rimborsati, per la parte di premio non goduta, secondo le
modalità disciplinate nel contratto di assicurazione.
TEMPI DI EROGAZIONE
Durata dell'istruttoria
34
giorni
lavorativi
dalla
presentazione
della
documentazione richiesta, esclusi i tempi per gli
adempimenti notarili, e fatti salvi i casi in cui emergano
nuovi elementi per i quali si renda necessario effettuare
ulteriori approfondimenti
Disponibilità dell'importo
Alla data stipula
ALTRO
Garanzie
-
Ipoteca di primo grado pari al 200% dell’importo del mutuo;
Garanzia del “Fondo di Garanzia mutui per la Prima Casa”, al massimo pari al
50% della quota capitale, tempo per tempo in essere, del mutuo;
Assicurazione contro i rischi di incendio, scoppio e rischi accessori
sull’immobile finanziato;
Ulteriori garanzie assicurative: eventuali, nei limiti consentiti dalla legislazione
vigente.
ESTINZIONE ANTICIPATA, PORTABILITÀ E RECLAMI
FOGLIO INFORMATIVO - Aggiornato al: 01/04/2016
(ZF/000003288)
Pagina 6 di 8
Estinzione anticipata
Il mutuatario in ogni momento può esercitare, senza alcun onere né spesa né penale, il diritto di estinzione anticipata
totale, anche nell’ambito di un’operazione di portabilità, o parziale del mutuo.
Risoluzione del contratto
In determinate ipotesi (ad es.: mancato pagamento delle rate; vicende riguardanti il cliente che – incidendo sulla sua
situazione patrimoniale, finanziaria o economica – pongono in pericolo la restituzione delle somme alla banca), il
contratto si scioglie, automaticamente o a richiesta della banca, che, conseguentemente, ha diritto di ottenere
l’immediato pagamento di quanto dovutole.
Procedura semplificata per la cancellazione delle ipoteche
Ai sensi dell’art.40-bis del D. Lgs. n. 385/1993, la Banca comunica all’Agenzia del Territorio competente, entro 30
giorni dalla data in cui il mutuo è estinto, l’estinzione dell’obbligazione medesima. L’Agenzia del Territorio, acquisita
tale comunicazione di estinzione dell’obbligazione e verificata la mancanza di una dichiarazione di permanenza
dell’ipoteca, procede a cancellare l’ipoteca medesima d’ufficio, cioè senza necessità di un’apposita domanda, entro il
giorno successivo alla scadenza del termine di trenta giorni dall’estinzione dell’obbligazione.
Il rilascio, da parte della banca, della dichiarazione di cui sopra non comporta alcuna spesa a carico del cliente.
Portabilità del mutuo
Nel caso in cui, per rimborsare il mutuo, il cliente ottenga un nuovo finanziamento da un’altra banca/intermediario, il
cliente non deve sostenere neanche indirettamente alcun costo (ad esempio commissioni, spese, oneri e penali). Il
nuovo contratto mantiene i diritti e le garanzie del vecchio.
Tempi massimi di chiusura del rapporto
La banca conclude gli adempimenti connessi alla richiesta del mutuatario entro 30 giorni decorrenti dalla data
dell’integrale pagamento di quanto dovutole a seguito del recesso.
Reclami
I reclami vanno inviati all’Ufficio Reclami della Banca (Segreteria di Presidenza - Piazza Marconi n. 28 – 70010
Locorotondo (BA) – indirizzo di PEC [email protected] - e-mail: [email protected] –
Tel. 080/4351326-27 Fax 080/4310158) che risponde entro 30 giorni dal ricevimento.
Se il cliente non è soddisfatto o non ha ricevuto risposta entro i 30 giorni, può rivolgersi a:
�
Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Per sapere come rivolgersi all’Arbitro si può consultare il sito
www.arbitrobancariofinanziario.it, chiedere presso le Filiali della Banca d'Italia, oppure chiedere alla banca;
�
Conciliatore BancarioFinanziario. Se sorge una controversia con la banca, il cliente può attivare una
procedura di conciliazione che consiste nel tentativo di raggiungere un accordo con la banca, grazie
all’assistenza di un conciliatore indipendente. Per questo servizio è possibile rivolgersi al Conciliatore
BancarioFinanziario (Organismo iscritto nel Registro tenuto dal Ministero della Giustizia), con sede a Roma,
Via delle Botteghe Oscure 54, tel. 06.674821, sito internet www.conciliatorebancario.it.
Qualora per una controversia relativa all’interpretazione ed applicazione del contratto cui si riferisce il presente
servizio, il cliente intenda rivolgersi all’autorità giudiziaria, egli deve preventivamente, pena l’improcedibilità della
relativa domanda, esperire la procedura di mediazione innanzi all’organismo Conciliatore Bancario Finanziario, ovvero
attivare il procedimento innanzi all’Arbitro Bancario Finanziario. Rimane fermo che le parti possono concordare, anche
successivamente alla conclusione del contratto, di rivolgersi ad un organismo di mediazione diverso dal Conciliatore
Bancario Finanziario purché iscritto nell’apposito registro ministeriale.
LEGENDA
Abitazione principale
Accollo
Imposta sostitutiva
Ipoteca
Per abitazione principale si intende quella nella quale la persona fisica, che
la possiede a titolo di proprietà o altro diritto reale, o i suoi familiari, dimorano
abitualmente.
Contratto tra un debitore e una terza persona che si impegna a pagare il
debito al creditore.
Imposta pari allo 0,25% della somma erogata, per mutui superiori a 18 mesi,
sull'ammontare del finanziamento nel caso di:
- acquisto, costruzione o ristrutturazione della propria prima casa,
destinandola ad abitazione principale;
- destinazione del finanziamento al ripristino della liquidità del cliente nonché
generiche esigenze di spesa da parte di persone fisiche;
- finanziamento concesso a persone fisiche nell’esercizio della propria attività
imprenditoriale o professionale.
In caso di acquisto, costruzione o ristrutturazione della c.d. “seconda casa”,
la percentuale da applicare alla somma erogata è pari al 2,00%.
Garanzia su un bene, normalmente un immobile. Se il debitore non può più
pagare il suo debito, il creditore può ottenere l’espropriazione del bene e
FOGLIO INFORMATIVO - Aggiornato al: 01/04/2016
(ZF/000003288)
Pagina 7 di 8
Istruttoria
Parametro di indicizzazione (per i
mutui a tasso variabile)/ Parametro di
riferimento (per i mutui a tasso fisso)
Perizia
Piano di ammortamento
farlo vendere.
Pratiche e formalità necessarie alla erogazione del mutuo.
Parametro di mercato o di politica monetaria preso a riferimento per
determinare il tasso di interesse.
Relazione di un tecnico che attesta il valore dell’immobile da ipotecare.
Piano di rimborso del mutuo con l’indicazione della composizione delle
singole rate (quota capitale e quota interessi), calcolato al tasso definito nel
contratto.
Piano di ammortamento “francese”
Il piano di ammortamento più diffuso in Italia. La rata prevede una quota
capitale crescente e una quota interessi decrescente. All’inizio si pagano
soprattutto interessi; a mano a mano che il capitale viene restituito,
l'ammontare degli interessi diminuisce e la quota di capitale aumenta.
Quota capitale
Quota della rata costituita dall’importo del finanziamento restituito.
Quota interessi
Quota della rata costituita dagli interessi maturati.
Rata costante
La somma tra quota capitale e quota interessi rimane uguale per tutta la
durata del mutuo.
Spread
Maggiorazione applicata ai parametri di riferimento o di indicizzazione.
Tasso annuo effettivo globale Indica il costo totale del mutuo su base annua ed è espresso in percentuale
(TAEG)
sull'ammontare del finanziamento concesso. Comprende il tasso di interesse
e altre voci di spesa, ad esempio spese di istruttoria della pratica e di
riscossione della rata. Le spese notarili non sono comprese.
Tasso
di
interesse
di Il tasso degli interessi dovuti sulla somma finanziata per il periodo di
preammortamento
preammortamento.
Tasso di interesse nominale annuo
Rapporto percentuale, calcolato su base annua, tra l’interesse (quale
compenso del capitale prestato) e il capitale prestato.
Tasso di mora
Maggiorazione del tasso di interesse applicata in caso di ritardo nel
pagamento delle rate.
Tasso effettivo globale medio Tasso di interesse pubblicato ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia e
(TEGM)
delle Finanze come previsto dalla legge sull’usura. Per verificare se un tasso
di interesse è usurario, quindi vietato, bisogna individuare, tra tutti quelli
pubblicati, il TEGM dei mutui, aumentarlo di un quarto, aggiungere quattro
punti ed accertare che quanto richiesto dalla banca/intermediario (espresso
dal TEG – Tasso Effettivo Globale) non sia superiore.
FOGLIO INFORMATIVO - Aggiornato al: 01/04/2016
(ZF/000003288)
Pagina 8 di 8
Fly UP