...

Vivere con un ICD - St. Jude Medical

by user

on
Category: Documents
22

views

Report

Comments

Transcript

Vivere con un ICD - St. Jude Medical
Vivere con un
ICD
Breve descrizione dell'ICD
n
Il cuore è un muscolo grande come un pugno, che
possiede un sistema elettrico complesso. In effetti,
è il cuore stesso a generare gli stimoli elettrici che
ne provocano la contrazione e il rilassamento in
una sequenza appropriata, pompando il sangue
all'organismo.
n
uando il cuore funziona correttamente, le camere si
Q
contraggono in modo coordinato con una frequenza
cardiaca a riposo compresa tra 60 e 100 battiti al
minuto.
n
I segnali elettrici cardiaci possono bloccarsi o
diventare irregolari provocando l'accelerazione
(tachicardia o fibrillazione) o il rallentamento
(bradicardia).
n
I defibrillatori cardioversori impiantabili (Implantable
Cardioverter Defibrillator, ICD) sono computer in
miniatura, così piccoli che possono stare nel palmo
di una mano. In genere vengono impiantati sotto la
pelle, nella zona del torace.
n
li ICD aiutano a trattare disturbi caratterizzati da
G
ritmi troppo veloci, come la tachicardia ventricolare
(VT) e la fibrillazione ventricolare (VF), nelle camere
inferiori del cuore (ventricoli).
n
L a fibrillazione ventricolare provoca una contrazione
del cuore così veloce da farlo tremare impedendogli
di pompare il sangue. Ciò provoca un arresto
cardiaco improvviso (SCA) che, se non viene trattato
immediatamente, risulta fatale.
n
uando si verifica una fibrillazione ventricolare, l'ICD
Q
può inviare un forte impulso elettrico al muscolo
cardiaco per defibrillarlo, cioè arrestare il ciclo di
contrazione rapida.
n
li ICD hanno salvato centinaia di migliaia di persone
G
e offrono un maggiore livello di sicurezza ai pazienti
a rischio di arresto cardiaco improvviso.
Domande frequenti
Vivere con l'ICD
L'ICD è un piccolo dispositivo impiantabile, simile a
un pacemaker. La maggior parte degli ICD può stare
facilmente nel palmo di una mano. I pacemaker
possono accelerare un ritmo cardiaco troppo lento,
mentre gli ICD sono progettati per rallentare un
ritmo cardiaco troppo veloce ed erogare una terapia
salvavita in caso di ritmo cardiaco pericolosamente
veloce. Gli ICD hanno salvato centinaia di migliaia
di vite e offrono un maggiore livello di sicurezza ai
pazienti a rischio di arresto cardiaco improvviso.
Perchè ho bisogno di un ICD?
Il cuore possiede un sistema elettrico complesso.
In effetti, è il cuore stesso a generare gli stimoli
elettrici che ne provocano la contrazione e il
rilassamento in una sequenza appropriata, pompando
il sangue all'organismo. I segnali elettrici possono
però bloccarsi o diventare irregolari provocando
l'accelerazione (tachicardia) o il rallentamento
(bradicardia). Quando il cuore funziona
correttamente, le camere si contraggono in modo
coordinato con una frequenza cardiaca a riposo
compresa tra 60 e 100 battiti al minuto.
Gli ICD sono progettati per trattare disturbi
caratterizzati da ritmi pericolosamente veloci, come
la tachicardia ventricolare (VT) e la fibrillazione
ventricolare (VF), nelle camere inferiori del cuore
(ventricoli). Quando i ventricoli fibrillano, non si
contraggono normalmente e quindi non riescono a
pompare il sangue in modo efficiente. Appena inizia
la fibrillazione ventricolare, il sangue non viene
più pompato in modo efficiente. La maggior parte
dei medici definisce la fibrillazione ventricolare
come una condizione in cui il cuore cerca di
battere 300 volte o più al minuto. Quando trema,
il muscolo cardiaco non riesce più a pompare il
sangue e, se questa condizione non viene trattata
immediatamente, può risultare fatale.
Nella maggior parte dei casi, la fibrillazione
ventricolare provoca un arresto cardiaco
improvviso. È importante sapere che, nonostante
il suo nome, l'arresto cardiaco improvviso
non è sempre fatale, se vengono prestate
immediatamente le cure appropriate, che
comprendono la rianimazione cardiopolmonare
(CPR) per cercare di far riprendere il pompaggio
del sangue. Inoltre, entro quattro - sei minuti, è
necessario che venga erogato un forte impulso
elettrico (o shock) da un defibrillatore esterno o
da un defibrillatore cardioversore impiantabile per
interrompere l'attività elettrica caotica, ripristinare
il ritmo cardiaco normale e contribuire a evitare
gravi complicanze conseguenti al periodo in cui il
flusso di sangue è stato molto ridotto.
Come funziona un defibrillatore
cardioversore impiantabile (ICD)?
L'ICD è un dispositivo medico che viene impiantato
nel corpo per tenere sotto controllo il ritmo cardiaco
allo scopo di trattare alcuni tipi di disturbi in cui
il ritmo è troppo veloce e quindi potenzialmente
pericoloso. L'ICD viene impiantato sotto la pelle
e collegato a uno o due elettrocateteri (sottili fili
isolati) che vengono posti a contatto col muscolo
cardiaco o all'interno dello stesso.
Quando si verifica un episodio di fibrillazione
ventricolare, l'ICD può inviare uno shock al muscolo
cardiaco per defibrillarlo, cioè arrestare il ciclo di
contrazione rapida.
Come può uno shock ripristinare la
frequenza cardiaca?
La sequenza dei battiti del cuore si chiama ritmo
cardiaco. L'ICD tiene sotto controllo il cuore, battito
per battito. Quando rileva un ritmo pericolosamente
veloce, l'ICD può erogare uno shock elettrico, che
interrompe la sequenza dei battiti del disturbo del
ritmo e può far riprendere il ritmo normale al cuore.
Quale altra terapia viene fornita
dall'ICD?
La defibrillazione è la funzione più importante di un
ICD, tuttavia alcuni dispositivi forniscono anche una
terapia a energia molto bassa per il trattamento di
disturbi del ritmo più lievi. Questo tipo di terapia si
chiama stimolazione antitachicardica (ATP) Inoltre,
l'ICD è in grado di stimolare il cuore come fanno i
pacemaker.
Oltre ad aiutare il cuore a mantenere il ritmo,
l'ICD registra molte informazioni relative al
cuore, che possono essere recuperate dal medico
consentendogli di programmare il dispositivo in
modo da fornirLe la terapia migliore per la Sua
condizione.
Quali sensazioni provoca uno shock?
Uno shock provoca sensazioni differenti nelle
diverse persone, quindi esiste una vasta gamma di
esperienze. Alcune persone possono non rendersi
neppure conto di aver subito uno shock, altre
possono percepire una lieve sensazione e altre ancora
descrivono lo shock come la sensazione di aver
ricevuto un calcio al torace. Per quanto possa essere
fastidioso ricevere uno shock, significa che l'ICD ha
risposto a un ritmo molto pericoloso per il cuore.
Con quale frequenza viene erogato uno
shock?
Dipende da paziente a paziente; alcuni hanno un ICD
impiantato da anni e non hanno mai ricevuto uno
shock mentre altri ricevono shock più frequenti. Non
è raro incontrare pazienti portatori di un ICD da anni
che hanno ricevuto solo uno o due shock. Chieda al
medico cosa deve aspettarsi, ma sappia che neppure
il medico può prevedere con precisione la frequenza
con cui Lei può aver bisogno di questo tipo di terapia.
Cosa devo fare se ricevo uno shock?
La cosa migliore è cercare un posto tranquillo per sedersi
e respirare con calma. Dopo qualche secondo il cuore
dovrebbe tornare al ritmo normale. Può darsi che per un
po' di tempo le giri la testa o si senta disorientato, quindi
non abbia fretta. Alcuni pazienti si riprendono in pochi
minuti, mentre ad altri possono anche occorrere ore. La
maggior parte dei medici consiglia ai propri pazienti di
contattarli quando ricevono uno shock. Il medico può
chiederLe di recarsi da lui dopo uno shock per poter
effettuare dei controlli. Dato che il medico conosce la
Sua condizione medica, è meglio chiedere a lui come
deve comportarsi dopo uno shock.
Come fa l'ICD a sapere che non deve
erogarmi uno shock perché il ritmo
veloce del mio cuore non è pericoloso?
Nel caso di sforzi prolungati, una persona attiva
presenta un certo grado di tachicardia, ciò è del tutto
normale. Al termine dell'attività, un cuore sano torna
gradualmente alla velocità normale.
Molti ICD avanzati possiedono funzioni che permettono
di distinguere una tachicardia non pericolosa da una
pericolosa. In termini medici, la differenza tra un
ritmo cardiaco veloce provocato da uno sforzo e un
ritmo cardiaco veloce che potrebbe essere pericoloso
dipende dalla zona del cuore da cui ha origine l'impulso
elettrico. Durante uno sforzo, un cuore sano genera
un impulso elettrico nelle camere superiori del cuore.
Questo impulso percorre le vie elettriche del cuore fino
alle camere inferiori facendole contrarre. I ritmi cardiaci
veloci pericolosi hanno invece origine nei ventricoli. Per
distinguere i due tipi di ritmi, gli ICD utilizzano apposite
formule chiamate algoritmi discriminatori.
Come viene impiantato un dispositivo
ICD?
In genere l'impianto di un dispositivo cardiaco non
viene eseguito in anestesia generale, ma in sedazione
cosciente. Questo significa che al paziente vengono
somministrati dei farmaci per aiutarlo a rilassarsi, ma
è cosciente e in grado di ascoltare l'équipe medica
e anche di parlare con essa durante la procedura.
Nel punto in cui verrà eseguita l'incisione, viene
iniettato un anestetico locale, che elimina il
dolore acuto. Tuttavia, quando viene impiantato il
dispositivo, il paziente può avvertire una sensazione
di compressione.
Come si svolge l'intervento di impianto
di un dispositivo ICD?
Inizialmente il medico pratica un piccolo taglio
nella parte superiore del torace e individua una
vena. Poi esegue una piccola puntura nella vena
guidando gli elettrocateteri, fili lunghi e flessibili,
attraverso la vena fino al cuore. L'équipe chirurgica
monitora l'avanzamento dell'elettrocatetere usando
un fluoroscopio, un grande monitor appeso al soffitto,
che fornisce una specie di radiografia in movimento.
Poi vengono posizionati gli elettrocateteri: spesso
questa è la fase più lunga dell'intervento. A questo
punto il medico verifica che gli elettrocateteri
si trovino nella posizione migliore per erogare la
stimolazione al cuore.
Quando gli elettrocateteri sono posizionati, il medico
li collega al dispositivo impiantabile. Infine il medico
prepara una tasca separando la pelle e il tessuto
sottostante dal muscolo. Una volta che l'ICD è stato
collegato agli elettrocateteri, viene infilato nella
tasca. Quando il dispositivo è a posto, il medico
chiude l'incisione.
Dopo la guarigione dell'incisione, molti notano
appena una piccola cicatrice e un leggero
rigonfiamento. Tuttavia nelle persone magre o minute
il dispositivo potrebbe essere più sporgente. Se
l'aspetto finale dell'impianto La preoccupa, ne parli
con il medico. In alcuni casi il dispositivo può essere
posizionato in un altro punto, meno visibile.
La durata dell'intervento dipende dal tipo di
dispositivo che viene impiantato, come anche dalla
Sua anatomia e dal tempo necessario per individuare
la posizione migliore degli elettrocateteri. L'impianto
di un ICD può richiedere alcune ore.
Cosa succede dopo l'intervento?
Appena terminato l'intervento, La porteranno
in sala post-operatoria. Per un po' di tempo
potrebbe avvertire un certo indolenzimento nel sito
dell'impianto. Può dover restare in ospedale per
qualche ora o alcuni giorni. Discuta i dettagli del Suo
caso con il medico.
Nel periodo post-operatorio deve seguire
scrupolosamente le istruzioni del medico. In
particolare, deve riferirgli se nota arrossamento,
dolore o indolenzimento attorno al sito di impianto.
Se è già stato dimesso dall'ospedale e nota
arrossamento o dolore attorno alla cicatrice, contatti
immediatamente il medico senza aspettare il
successivo appuntamento.
Quanto dura la convalescenza?
È difficile dare un'indicazione precisa sulla durata
della convalescenza, perché ogni paziente è diverso
dagli altri. Segua scrupolosamente le istruzioni
del medico. Per un certo periodo di tempo dopo
l'intervento dovrà limitare le Sue attività. Una volta
che si sarà ripreso dall'intervento, il medico saprà
indicarLe con precisione quando potrà riprendere le
Sue normali attività.
Quali rischi sono associati a un ICD
impiantato?
Il medico potrà spiegarLe con precisione i rischi
associati al dispositivo ICD, gli esponga tutti i Suoi
problemi e dubbi in proposito.
Una piccola percentuale di pazienti con dispositivo
ICD presenta complicazioni dovute all'intervento
chirurgico, come infezione, reazione a un farmaco
usato durante l'intervento o al dispositivo stesso,
perdita di sangue o lesioni a un vaso sanguigno, alla
parete del cuore o ad altri organi. Dopo l'intervento
potrebbe avvertire un certo fastidio e sentirsi stanco,
ma a mano a mano che guarisce, si sentirà meglio.
Tuttavia alcuni pazienti continuano ad avvertire
qualche disagio nel punto di impianto del dispositivo
ICD. Se accade anche a Lei, ne parli con il medico.
Dopo l'impianto di un dispositivo ICD è importante
adottare alcune precauzioni. Può utilizzare la
maggior parte degli elettrodomestici, se sono in
buone condizioni di funzionamento e hanno una
messa a terra adeguata, ma deve evitare le situazioni
in cui sono presenti campi magnetici intensi, come
nel caso dei dispositivi MRI. Il medico discuterà con
Lei le precauzioni a cui dovrà attenersi. Inoltre legga
tutta la documentazione fornita con il dispositivo
prestando particolare attenzione alle avvertenze e
alle precauzioni (frasi accompagnate dalla parola
"avvertenza" o "importante"), che contengono
informazioni importanti sulla sicurezza.
Nel caso in cui si verifichi un'aritmia, il trattamento
ICD può non arrestarla oppure la può addirittura
aggravare. In entrambi i casi, alla fine il dispositivo
ICD eroga un trattamento più intenso per cercare
di arrestare l'aritmia. Esiste un rischio minimo che
il dispositivo ICD non eroghi il trattamento quando
è necessario o, viceversa, lo eroghi quando non
serve. L'ICD non è sempre in grado di eliminare
tutti i sintomi dell'aritmia. Potrebbe ancora avvertire
capogiri, vertigini o potrebbe svenire.
Una volta impiantato il dispositivo,
quale sarà la frequenza delle visite dal
medico?
Le sarà richiesto di sottoporsi ai consueti controlli di
routine dal cardiologo o dal medico. Probabilmente,
subito dopo l'intervento Le sarà chiesto di presentarsi
a numerose visite, che sono molto importanti perché
consentono al medico di verificare che il dispositivo
funzioni correttamente. A volte può essere necessaria
una piccola regolazione del dispositivo, che può
essere eseguita nello studio del medico in modo
indolore utilizzando un computer (programmatore).
Inoltre il medico esaminerà l'incisione per verificarne
la guarigione. In seguito il medico programmerà
visite di controllo regolari alla frequenza che ritiene
necessaria. Se la situazione è stabile, il medico
può fissarLe una visita di controllo una o due volte
all'anno oppure dopo che Lei abbia ricevuto uno
shock dal dispositivo. Il medico potrebbe volerLa
vedere anche nel caso in cui i Suoi familiari o il
medico di base abbiano dei dubbi.
Se durante una visita vengono apportati molti
cambiamenti, il medico potrebbe volerLa
rivedere prima del previsto per accertarsi
che questi cambiamenti siano efficaci e non
provochino altri problemi.
Come si svolgono le visite di controllo?
Le visite di controllo sono assolutamente indolori
e in genere durano meno di mezz'ora. Il medico o
l'infermiere pone una sonda in corrispondenza del
punto in cui è impiantato il dispositivo. La sonda
ha le stesse dimensioni e la stessa forma di un
telecomando.
Per alcuni dispositivi non è necessario usare la
sonda perché il dispositivo invia informazioni in
modalità wireless (senza fili). Il dispositivo fornisce
informazioni sullo stato della batteria, esegue altri
controlli del sistema e può anche fornire informazioni
sul ritmo cardiaco nel periodo trascorso dall'ultima
visita. Se ha ricevuto uno shock o una terapia dopo
l'ultima visita, il dispositivo invia al programmatore
anche le informazioni relative a questo evento.
Se necessario, il medico può anche regolare alcune
impostazioni del dispositivo per modificare la terapia.
Perciò è molto importante rispettare il programma di
visite di controllo fissato dal medico.
In che modo il medico sostituisce le
batterie del dispositivo?
I dispositivi impiantabili sono alimentati da batterie
speciali, progettate per durare a lungo.
Queste batterie non si esauriscono improvvisamente,
come le batterie delle torce, ma segnalano quando
sono quasi esaurite.
Il medico controlla lo stato della batteria durante
ogni controllo del dispositivo. La maggior parte delle
batterie dura da tre a sei anni, in base al tipo di
dispositivo e alla frequenza con cui invia impulsi
elettrici al cuore.
Quando il dispositivo indica che il livello di carica
delle batterie è basso, il medico programma la
sostituzione del dispositivo.
I dispositivi impiantabili sono sigillati, pertanto non
è possibile sostituire le batterie, ma il medico deve
impiantare un nuovo dispositivo. In genere, questo
intervento è più breve dell'impianto originale perché
di norma il medico deve collegare il nuovo dispositivo
agli elettrocateteri già posizionati.
Un dispositivo impiantabile può
cambiare la mia vita?
In realtà, la Sua vita potrebbe essere più lunga, più
produttiva, più felice e più sana. Dopo l'intervento,
per un po' di tempo non dovrà affaticarsi e seguire
scrupolosamente le istruzioni del medico, ma presto
potrà svolgere tutte le attività che praticava prima
e altre ancora.
Devo stare lontano da elettrodomestici
come il forno a microonde, dalle
calamite e dalle luci stroboscopiche?
I dispositivi impiantabili non subiscono danni a
causa della presenza di apparecchiature elettriche
funzionanti correttamente, come i forni a microonde,
le coperte elettriche e la maggior parte degli
strumenti elettrici. Anche l'utilizzo di sistemi di
saldatura ad arco e di accensione di automobili non
danneggiano i dispositivi ICD, tuttavia potrebbero
interferire temporaneamente con il funzionamento
del dispositivo. Alcune apparecchiature mediche
possono anch'esse interferire con il funzionamento
del dispositivo ICD. Se avverte vertigini o palpitazioni
(battiti rapidi e irregolari del cuore), deve
semplicemente spegnere l'apparecchiatura elettrica
o allontanarsi da essa; il dispositivo impiantato
riprenderà a funzionare normalmente.
Se l'utilizzo di apparecchiature che interferiscono
con il dispositivo ICD fosse inevitabile, il medico
Le spiegherà cosa fare. Può anche contattare il
produttore del dispositivo per ricevere istruzioni.
Le apparecchiature mediche possono
interferire con il dispositivo ICD?
La maggior parte delle apparecchiature mediche
non influenza in alcun modo l'ICD, tuttavia alcune
ne influenzano il funzionamento. Prima di essere
sottoposto a qualsiasi procedura medica, come
elettrochirurgia, elettrocauterizzazione, litotrissia,
radioterapia, procedure dentali o analisi, avverta
il personale ospedaliero che è portatore di un
dispositivo ICD.
Non si sottoponga a procedure di diatermia,
anche se l'ICD è stato spento perché potrebbero
provocare delle lesioni al tessuto attorno agli
elettrodi impiantati o danni permanenti all'ICD.
Cerchi di evitare gli elettrostimolatori dei nervi e dei
muscoli (unità TENS), che possono interferire con
il funzionamento dell'ICD. Gli esami di creazione
di immagini mediante risonanza magnetica (MRI)
possono danneggiare gravemente l'ICD. Se si trova
dentro o vicino a una sala MRI, il suo ICD potrebbe
subire un'influenza ambientale.
Posso usare il telefono cellulare?
I telefoni cellulari, che inviano segnali elettromagnetici,
possono interferire con il funzionamento corretto del
dispositivo. Tuttavia, alcune semplici precauzioni,
come non tenere il telefono in una tasca sul petto in
corrispondenza dell'ICD e appoggiarlo all'orecchio più
lontano dal dispositivo ICD impiantato, riducono al
minimo il rischio.
St. Jude Medical ha dotato i propri dispositivi ICD di
filtri specifici che impediscono l'interferenza da parte
dei telefoni cellulari.
L'iPod® o altri lettori multimediali
portatili possono interferire con il
dispositivo ICD?
Non esistono indicazioni secondo cui i lettori
multimediali compatti, come l'iPod o i lettori MP3,
possano interferire con il normale funzionamento dei
dispositivi St. Jude Medical.
Quando posso riprendere l'attività fisica?
Il medico Le dirà quando potrà riprendere senza
problemi l'attività fisica. È importante che eviti di
urtare o colpire l'area attorno all'impianto, pertanto
gli sport di contatto, come il calcio, sono da evitare
perché possono danneggiare il dispositivo o gli
elettrocateteri. Dopo l'impianto del dispositivo
potrebbe avere più energia: molti si accorgono di
avere prestazioni fisiche migliori che in passato
perché i loro sintomi sono diminuiti.
Posso partecipare ad attività faticose,
come l'escursionismo, lo sci o la corsa?
È sempre meglio che ne parli prima con il medico,
che può consigliarLa per quanto riguarda i Suoi
limiti o i segni da valutare qualora partecipasse ad
attività troppo faticose. Se svolge particolari attività,
che coinvolgono il torace o il braccio (per esempio,
nuotare o giocare a golf), può essere utile discuterne
con il medico prima dell'impianto perché ciò
potrebbe influire sul dispositivo da impiantare e sulla
posizione o la modalità dell'impianto.
È rischioso avere rapporti sessuali?
A parte la breve degenza in ospedale e un breve
periodo di convalescenza, in genere l'impianto di
un dispositivo non comporta effetti indesiderati
sulla vita sessuale. Tuttavia, è importante seguire le
indicazioni del medico per quanto riguarda la ripresa
di qualsiasi attività fisica.
Potrò guidare?
Ne parli con il medico. Ricordi che il dispositivo ICD
è in grado di arrestare un ritmo troppo rapido ma
non di impedire che compaiano i sintomi (vertigini,
svenimento) associati a quel ritmo. È sempre meglio
parlare con il medico, prima di riprendere a guidare.
Posso viaggiare?
Il medico potrà rispondere con precisione a questa
domanda, tuttavia molti portatori di dispositivi
ICD hanno riscontrato che, con una maggiore
pianificazione e opportune precauzioni, è possibile
intraprendere viaggi in molte località. È sempre
opportuno pianificare con cura l'itinerario e darne
una copia a uno dei propri cari, nel caso insorgano
difficoltà durante il viaggio.
I sistemi di sicurezza aeroportuale
possono interferire con il dispositivo?
Sebbene molti pazienti si preoccupino dei sistemi di
sicurezza aeroportuale, in realtà non ce n'è motivo.
ine di sicurezza aeroportuale
Nonostante
Airi lsistemi
k
hec
siano diventati
severi,
ciò non crea problemi
yC
uritpiù
c
e
S
d
al dispositivo impiantato.
si raggiunge un
arQuando
tient C
Pa
sistema
di sicurezza aeroportuale, la cosa migliore
è attraversare il metal detector a passo normale. Se
l'allarme suona (ma non sempre accade), significa
solo che il sistema ha rilevato la presenza del metallo
nel dispositivo.
Mostri la Sua
di viaggio. Chieda di essere
:
amescheda
Patient N a una perquisizione manuale.
sottoposto
ali
Aeroportu
Sicurezzeack tesserino è un
i
d
i
ll
o
tr
n
h
Co
ker
uridtyel Cpresentented pacetom
rea
line Seocre
lla
la
ri
p
b
fi
im
e
d
n
a
o
IlAirposseess
has aker
uesentiofin
is p rsodni pacem
r. Becan
rilla
pTohrtatore
detoi compeodevicre
e
r dceafiubsa
e
rt
ve
io
A
rd
th
.
a ntabile
, be causa
nts
or pcia
noetr
op
p
b
e
m
o
im
c
l
ta
vo
e ispositi
al, m
larms. .
il d
inetetarnllo
security
i siacurezzwaith a
m
eer adirepll’oartllarme d
g
ig
p
to
attyivtr
n
t
ere al
o
m
en, proceadss
tite
pean
l’a aziallow thseem
e
se
rt
a
.
o
c
le
,
P
u
te
n
Voglia search odnislyp. ositivi. ma ali
n
d
o
n
c
a
h
o
ll
o
tr
con
SPANISH
N
sh
liA
gLI
ITA
En
Il personale di sicurezza eseguirà il controllo con la
r: tal caso è importante chiedere
sonda
portatile.
al CenteIn
Medic
agli addetti alla sicurezza di svolgere l'operazione
rapidamente e di tenere la sonda sopra il dispositivo
ber:pochi secondi.
impiantato
solo
umper
Contact N
erto
el Aeropu
guridad d
e
S
e
d
n
l
u
o
o
Contr
plantad
na lleva im
ido a sus
Esta perso
lador. Deb
ri
b
sfi
e
d
o
s
so
l dispositivo
marcapa
etálicos, e
m
s
te
guridad
n
e
n
compo
rmas de se
la
a
s
la
r
ra
a
puede disp .
erto
u
p
ro
e
paciente y
a
l
e
d
a pasar al
it
rm
e
mente.
p
r,
rsonal sola
Por favo
e
p
o
tr
is
g
n re
realícele u
llen
eitskontro
rten
Cos'altro devo sapere sui viaggi con il
dispositivo impiantato?
Quando viaggia, è importante che porti con sé le
informazioni mediche essenziali, come nome e
dosaggio dei farmaci, nome e numero di telefono
del Suo medico e istruzioni su cosa fare in caso di
emergenza. Inoltre dovrebbe chiedere al medico
una copia della stampata finale del programmatore
che riporti i risultati dei test e le impostazioni del
dispositivo al momento dell'ultima valutazione.
Se sta programmando di recarsi in paesi di lingua
spagnola, francese o tedesca, il medico potrebbe
anche essere in grado di fornirLe la stampata
nella lingua specifica (per alcuni dispositivi sono
disponibili anche stampate in italiano, giapponese
e cinese). Porti con sé farmaci a sufficienza e ne
tenga una scorta nel bagaglio a mano e nella valigia
quando viaggia in treno o in aereo.
Infine avverta il personale addetto riguardo alla
sua eventuale dieta speciale e mantenga abitudini
alimentari corrette durante il viaggio.
Una volta impiantato il dispositivo ICD,
dovrò ancora assumere farmaci?
Deve rivolgere questa domanda al Suo medico.
Generalmente un dispositivo impiantabile non
sostituisce i farmaci, anzi farmaci e dispositivi
impiantabili agiscono insieme. Il medico comunque
potrebbe modificare il Suo dosaggio.
Dovrò seguire una dieta specifica?
Per la salute generale del cuore i medici
raccomandano di seguire una dieta povera di sodio,
grassi e zuccheri, e ricca di fibre e carboidrati.
Informazioni importanti
Produttore del dispositivo impiantabile....................
Marca e numero di modello
del dispositivo.......................................................
Medico responsabile dell'impianto...........................
N. telefono del medico responsabile
dell'impianto.........................................................
Data impianto.......................................................
Ospedale in cui è stato
eseguito l'impianto................................................
Medico curante.....................................................
N. telefono del medico curante...............................
Farmaci................................................................
NomeDosaggio
___________________________________
___________________________________
___________________________________
___________________________________
___________________________________
Lista di viaggio......................................................
Scheda ID paziente................................................
Stampata delle impostazioni
del dispositivo.......................................................
Farmaci................................................................
Note aggiuntive e domande
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
Domande di approfondimento
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
......................................
Atrial Fibrillation
Cardiac Rhythm Management
CARDIOVASCULAR
Neuromodulation
Global Headquarters
One St. Jude Medical Drive
St. Paul, Minnesota 55117
USA
+1 651 756 2000
+1.651.756 3301 Fax
St. Jude Medical Italia S.p.A.
Centro Direzionale Colleoni
Palazzo Andromeda 16/1
20864 Agrate Brianza, MB
Italia
+39 039 607471
+39 039 6899513 Fax
Cardiac Rhythm
Management Division
15900 Valley View Court
Sylmar, California 91342
USA
+1 818 362 6822
+1 818 364 5814 Fax
St. Jude Medical AG
Pfingstweidstrasse 60
CH-8005 Zurich
Svizzera
+41 (0)44 444 24 24
+41 (0)44 444 24 25 Fax
SJM Coordination Center BVBA
The Corporate Village
Da Vincilaan 11, Box F1
B-1935 Zaventem, Belgio
+32 2 774 68 11
+32 2.772 83 84 Fax
(GMCRM945IT)
sjm.com
Nota: questa brochure non intende sostituire il manuale del paziente fornito
dal produttore e allegato a ciascun dispositivo.
Breve riepilogo: prima di usare questi dispositivi, consultare il manuale d'uso per
l'elenco completo delle indicazioni, delle controindicazioni, delle avvertenze, delle
precauzioni, dei potenziali eventi indesiderati e delle istruzioni per l'uso. Salvo diversa
indicazione, il simbolo ® o TM indica un marchio commerciale o un marchio di servizio
registrato o non registrato di proprietà di St. Jude Medical, Inc. o di una delle sue
consociate, o concesso in licenza alle stesse. ST. JUDE MEDICAL, il simbolo a nove
quadrati e MORE CONTROL. LESS RISK. sono marchi commerciali o marchi di
servizio registrati e non registrati di St. Jude Medical, Inc. e delle sue consociate.
©2011 St. Jude Medical, Inc. Tutti i diritti riservati. Articolo N. GMCRM945IT.
Fly UP