...

LEGGI UNA DETTAGLIATA SINTESI DEGLI

by user

on
Category: Documents
14

views

Report

Comments

Transcript

LEGGI UNA DETTAGLIATA SINTESI DEGLI
L’USO CORRETTO DEI FARMACI
Conoscere e decidere consapevolmente
Sempre più spesso viene chiesto al cittadino di partecipare alle scelte che riguardano il suo stato di
salute. Questo vuol dire, necessariamente e doverosamente, essere informati ed agire con
consapevolezza, competenza e responsabilità nei comportamenti e nelle decisioni che devono essere
assunte.
L’informazione ci aiuta a trovare soluzioni e risposte che, in qualche caso, possono essere non solo
di terapia farmacologica. In questo tempo sorgono tante domande a cui spesso, troppo spesso, il
cittadino si trova a dover rispondere: funziona o non funziona? Il farmaco nuovo è sempre meglio?
Esistono cure miracolose? Quanta e quale informazione è necessaria? I farmaci possono essere
l’unica terapia risolutiva a quella patologia?
Per questa ragione la FAP Acli ha organizzato a fine novembre un interessante incontro a cui sono
intervenuti PAOLA MOSCONI dell’Istituto di ricerca farmacologica “Mario Negri” di Milano,
MICHELE TESSARIN direttore sanitario dell’Ulss 9. Ha introdotto il dibattito: FRANCO BERNARDI
segretario provinciale Fap Acli di Treviso.
Ne riportiamo una sintesi.
SALUTI INTRODUTTIVI
“Ringrazio la nostra FAP per aver organizzato questo momento di approfondimento e di confronto
ponendo all’attenzione l’uso corretto dei farmaci – ha detto Andrea Citron, presidente provinciale
Acli, nel suo saluto iniziale -. A questo primo argomento vorrei anche aggiungerne un altro che mi
colpisce particolarmente: l’aumento dei costi che i cittadini devono sostenere nell’ambito del
servizio sanitario nazionale per rispondere alle proprie esigenze di cura e di salute. Su questo come
Acli poniamo l’attenzione perché crediamo sia questione fondamentale per la tutela dei diritti dei
cittadini”.
“E’ fondamentale in una fase storica che presenta criticità importanti cominciare a discutere sulle
questioni più urgenti e sull’utilizzo dei servizi – ha ribadito Michele Tessarin, direttore sanitario
Ulss 9 -. Deve essere chiaro che il modo con cui la nostra azienda programma e mette in opera i
servizi si basa su conoscenze scientifiche, sulla normativa. Ma se attua strategie di risparmio questi
soldi sono utilizzati per fornire ulteriori migliori servizi alla popolazione. E’ pur vero che le
prestazioni stanno calando; la nostra azienda lo vede nei numeri. Sono tuttavia anche frutto di una
precisa strategia aziendale per offrire prestazioni sempre più adeguate. Quello che vorremmo
condividere con tutti è che “La salute è nelle nostre mani”. I medici di medicina generale sono la
vera sfida del futuro, su cui si addensano anche nubi e grandi schiarite, che stanno vivendo un
momento difficile ma che andrà affrontato con forti scelte politiche e conseguentemente di strategia
sanitaria”.
“Sul consumo dei farmaci – ha proseguito - cito solo un esempio: il diabete di tipo 2, tipico degli
anziani, descritto come una piaga sociale, epidemia del presente, dipende in primo luogo dagli stili
di vista sani (il più importante determinante, benchè non l’unico) e tuttavia noi spendiamo una cifra
folle, oltre 4 milioni di euro l’anno, uno sproposito. L’alleanza con i cittadini è d’obbligo oltre che il
coordinamento tra tutti gli operatori sanitari ai diversi livelli”.
Nel suo intervento introduttivo Franco Bernardi, presidente provinciale della Fap Acli, ha posto
alcune domande per partire: “Riteniamo importante la corretta informazioni ai cittadini sull’uso dei
farmaci? Chi si occupa di ricerca farmacologica in Italia? Sappiamo dei nessi tra farmaci e profitti?
Chi controlla? Quali sono le responsabilità degli organi di comunicazione? Quale equilibrio tra
messaggio commerciale e obiettivo del farmaco che si va ad assumere? Le industrie farmaceutiche
influenzano gli studi nel settore? Come affrontiamo il tema della trasparenza e degli sponsor?
Ed inoltre: Quanto crediamo sia utile l’alleanza tra medico e paziente? Dagli ultimi dati sappiamo
che circa il 40% della popolazione non segue adeguatamente il piano terapeutico (lo sospende, lo
modifica) prescritto dal proprio specialista. Cosa sta succedendo? Perché sempre più spesso
vengono eliminati farmaci ancora non scaduti?”.
PAOLA MOSCONI
I temi posti per questo approfondimento - della ricerca, del conflitto di interesse, della corretta
informazione, dell’uso adeguato dei farmaci - sono poco trattati nel nostro Paese e tuttavia risultano
fondamentali per coinvolgere e far partecipare i cittadini alla sanità,. Si tratta di una esigenza a cui
va trovata risposta perché i problemi legati all’appropriatezza dell’attività e delle cure
somministrate in medicina non può non essere approfondito per diventare consapevolezza di tutti i
cittadini. La sanità ci appartiene, non solo perché da noi tutti viene finanziata ma perché da essa
dipende il nostro benessere, la nostra salute.
Tutti noi riconosciamo che i farmaci sono molto utili e molto importanti per migliorare la qualità
della vita delle persone che sperimentano segni e sintomi di una malattia.
Per questa ragione è bene da un lato usarli con attenzione e cautela solo quando servono e dall’altro
conoscere bene come i farmaci vengono sviluppati.
- In Italia nei primi nove mesi del 2012 la spesa farmaceutica territoriale pubblica è stata pari 152,1
euro a testa, per un totale di spesa di 9.223 milioni di euro.
- La spesa per i farmaci varia molto da regione a regione e l’Italia è al momento il sesto mercato a
livello mondiale per la spesa farmaceutica.
Funziona o non funziona?
L’utilizzo di un farmaco deve essere sostenuto da prove della sua efficacia. I risultati di studi clinici
devono cioè documentare che su aspetti rilevanti della vita dei pazienti il farmaco porta a
significativi miglioramenti rispetto alla terapia standard o a nessuna terapia.
Tutto in medicina - sui farmaci, sulle terapie, sulle cure - deve essere sostenuto da una importante
documentazione scientifica. La piramide delle evidenze prevede diversi gradini che portano a
certificare ciò che viene prima intuito, poi studiato, poi ancora analizzato: dal basso gli studi
preliminari (in vitro, su animali), seguono l’opinione di esperti, case-report, serie di casi, studi casocontrollo, studi di coorte, studi clinici.
Nessuna teoria, né l’opinione di professionisti da sole costituiscono una guida affidabile per
trattamenti sicuri ed efficaci. Solo perché un trattamento è “riconosciuto” non significa che abbia
più benefici che danni. Anche se i pazienti non soffrono a causa di trattamenti non testati in modo
adeguato, usarli può portare a sprecare risorse degli individui e della comunità.
Esempio: la questione della cosidetta “morte in culla” dei bambini per il loro dormire pronio. La
storia comincia attorno al 1950 con il dott. Spock (che consigliava la posizione supina); a partire
dagli anni Sessanta alcuni studi clinici hanno cominciato a suggerire effetti dannosi finchè a metà
del 2010 si è giunti alla pubblicazione della revisione sistematica di quell’assunto.
Le novità: il nuovo è sempre meglio?
Non sempre i farmaci nuovi sono migliori dei farmaci di cui avevamo disposizione; spesso i
risultati non sono completamente esaustivi sull’efficacia e gli effetti collaterali dei farmaci. In questi
anni abbiamo assistito al ritiro di farmaci che, messi in commercio prematuramente, si sono poi
dimostrati rappresentare un rischio per la salute del paziente.
Esempio: Vioxx, un farmaco antinfiammatorio. Anno 1999: introdotto in commercio come
alternativa presumibilmente più sicura dei farmaci più vecchi. Anno 200: ritirato dal commercio a
causa di importanti effetti collaterali.
In altre parole: studi fatti non correttamente, risultati non dichiarati, conflitti di interesse dei
partecipanti (non solo economico ma anche accademico), forte spinta commerciale (il nuovo costa
di più ma promette maggiori risultati…).
La sovradiagnosi: diventare malati inseguendo la salute
Collegato al tema del “farmaco nuovo” va segnalata la forte spinta alla medicalizzazione,
all’intenzione di aumentare il bacino delle persone malate (es: il pre-diabete, la pre-ipertensione…).
Esempio: Ecco alcuni “sintomi” che probabilmente in tanti abbiamo: ho bisogno di annotare liste di
cose da fare; dimentico spesso i nomi delle persone che conosco; devo annotarmi tutti i pin e le
password. Diagnosi: pre-demenza.
Su tutto questo dobbiamo cercare di porre barriere con la forza della ragione.
Il sovra utilizzo di esami diagnostici e trattamenti si dimostra un fenomeno sempre più diffuso e
importante: da tempo è stato evidenziato che molti esami e molti trattamenti farmacologici e
chirurgici largamente diffusi nella pratica medica non apportano benefici per i pazienti, anzi
rischiano di essere dannosi.
Slow Medicine ha lanciato in Italia, “FARE DI PIÙ NON SIGNIFICA FARE MEGLIO”: il
presupposto è che la spinta all’utilizzo appropriato e senza sprechi delle risorse disponibili non
possa che partire da una assunzione di responsabilità da parte dei professionisti della salute e in
primo luogo dei medici, in alleanza con pazienti e cittadini.
Le cure miracolose esistono?
Per sviluppare una nuova cura, oltre che buone idee, serve tempo, tanto tempo (e buoni
investimenti) durante il quale le prove sulla bontà del trattamento si accumulano. Per questa ragione
è importate sostenere la ricerca clinica e capire i meccanismi che la sostengono. La ricerca di nuove
terapie procede a piccoli passi attraverso dapprima le analisi svolte in laboratorio e poi, solo quando
i risultati sembrano essere promettenti, attraverso la ricerca clinica con i pazienti.
Su questo tema noi italiani siamo più volte incappati, senza farci onore. Le cure miracolose non
esistono.
Esempio: il caso Stamina che ci ha tutti colpito per il forte impatto emotivo, per la gravità della
malattia… Tuttavia si tratta di una trappola perché senza documentazione non possiamo permettere
che la terapia venga somministrata ai pazienti.
Quanta informazione è necessaria?
E’ fondamentale che tutte le informazioni necessarie vangano fornite con chiarezza, esaustività ed
attenzione. I bisogni informativi di ogni persona sono diversi ed è fondamentale per partecipare e
seguire con attenzione una cura che il cittadino sia ben informato su tutti gli aspetti rilevanti.
Esempio: Campagne di informazione focalizzate sul cittadino possono ridurre il consumo di
antibiotici. In uno studio italiano ricercatori hanno studiato gli effetti nelle province di Modena e
Parma di una campagna, realizzata durante l’inverno 2009/10, che comprendeva pubblicità sui
media locali, manifesti negli studi medici, brochure distribuite in farmacia differenziate tra
contenenti informazioni generali lasciate sul bancone a disposizione dei cittadini e quelle che il
farmacista consegnava al paziente che presentava una prescrizione di antibiotico. Infine, l’invio di
una newsletter sui dati locali di antibiotico-resistenza, destinata a medici e farmacisti.
I risultati sono stati confrontati con altre due province emiliane prese a riferimento. L’iniziativa ha
portato a una riduzione del 4,3% del consumo, con un risparmio stimato tra 200 e 406mila euro.
(Farmacista 33, 2013).
L’antibiotico è troppo spesso usato in modo eccessivo e sregolato.
E’ tempo di cambiamento
E allora sarebbe utile che cittadini, i pazienti e la comunità tutta si attivassero concretamente per:
creare la cultura di evidence-based-medicine e e-b-advocacy; promuovere l’informazione
indipendente; promuovere una ricerca veramente centrata sul paziente (non sul pre-); sviluppare
modelli per decidere in modo partecipato; portare effettivamente il cambiamento al letto del malato.
GIANNI TERRAZZANI
La nostra azienda Ulss 9 conta 420.000 assistiti, 260 medici di medicina generale, 70 pediatri, 100
farmacie e 5 dispensari, una spesa farmaceutica convenzionata di circa 50 milioni di euro l’anno.
Per l’assistenza integrativa, organizzata a livello regionale, la spesa è di 5 milioni di euro (per il
paziente diabetico).
Alcune premesse:
1. la maggior parte dei farmaci forniti dalle farmacie in convenzione sono a carico del servizio
sanitario nazionale; in questi casi il paziente paga una “piccola” quota (pensando ai costi dei
farmaci). I farmaci non a totale carico di fatto non sono considerati essenziali per il paziente
e le sue patologie.
2. rileviamo degli “sprechi”: non solo vengono gettati nei contenitori i farmaci scaduti ma
anche quelli non scaduti (con costi enormi). In questo secondo caso c’è l’impegno a
formalizzare per legge ad avere la possibilità di riutilizzare i farmaci non scaduti, altrimenti
gettati. Come possiamo recuperarli, se conservati in modo idoneo?
3. dovremo anche affrontare il tema dei farmaci equivalenti a brevetto scaduto, validi, a basso
costo. Come fare? Purtroppo il Veneto è la regione in cui meno si usano questi farmaci in
tutto il mondo. Per vari motivi che possiamo immaginare.
Come poter assicurare il miglioramento della prescrizione farmaceutica
Mettendo il paziente al centro.
1. l’aderenza alla terapia (per alcune patologie il 50% dei pazienti non risponde a questa
caratteristica, dunque non raggiunge il target terapeutico – il risultato atteso);
2. rischio di interazione tra farmaci e dunque danni. Farmaci da evitare nel paziente anziano.
3. farmaci a brevetto scaduto equivalenti, usati da anni, non nuovi, con una ricerca clinica e in
commercio da tempo (altrimenti sarebbero stati ritirati), non hanno il nome commerciale ma
quello del principio attivo (e i pazienti dovrebbero cominciare a chiamarli con questo
secondo nome non con quello di fantasia). Raccomandiamo alle farmacie di dare al paziente
sempre lo stesso medicinale, altrimenti soprattutto quello anziano può fare confusione.
4. distribuzione diretta all’atto della dimissione.
Decalogo per l’assistito per il corretto uso dei farmaci e il contenimento della spesa sanitaria
1. Prevenire le malattie con un corretto stile di vita è molto più salutare che non doverle curare
poi (es. alimentazione, dieta equilibrata)
2. Fare attività motoria (fa ridurre la pressione, fa dimagrire…)
3. Non assumere farmaci per migliorare le proprie prestazioni (corticosteroidi = effetti ricercati
antifatica, contro il dolore, psico-stimolanti, anti-infiammatori; effetti secondari: fragilità di
tendini e muscoli, disturbi cardiovascolari e del ritmo cardiaco, diabete ulcere infezioni,
modificazioni psichiche. Inoltre, attenzione ad integratori, prodotti acquistati via internet…)
4. Non chiedere una terapia o esame al medico solo perché lo si è letto in una rivista o
consigliato da un amico (Come tutti i mercati, anche l’industria della salute per crescere
deve moltiplicare i prodotti, spingere a consumi crescenti e reclutare nuovi clienti,
soprattutto tra coloro che non hanno disturbi o si ritengono sani).
Esempio.
NUOVE MALATTIE
FATTORE COMUNE: Promozione della paura (della morte, del deficit ecc)
TRASFORMARE PROCESSI NATURALI IN PATOLOGIE: innanzitutto le risposte
neurovegetative di difesa e guarigione (febbre, dolori, stanchezza ecc.), gravidanza,
difficoltà sessuali, menopausa, calvizie, osteoporosi…….
DARE UN NUOVO NOME AD UN VECCHIO DISTURBO: depressione, disturbo
ossessivo compulsivo, sindrome del colon irritabile, sindrome delle gambe senza riposo,
disturbo di attenzione degli adulti, sindrome da affaticamento cronico, fobia sociale,
sindrome premestruale, disordine da stress postraumatico, disturbo da deficit di attenzione e
iperattività dei bambini, cleptomania, disturbo da shopping compulsivo, disturbo da
disfunzione erettile, disturbo bipolare.
In questi casi di solito un farmaco già esistente viene dimostrato efficace per una nuova
sindrome che prima non esisteva.
TRASFORMARE FATTORI DI RISCHIO IN MALATTIE: ipertensione, colesterolo,
glicemia.
Da “Farmaci che ammalano” di Ray Moyniahan e Alan Cassels, 2005
5. Assumere sempre la terapia prescritta seguendo le indicazioni del medico e collaborare con
lo stesso per il raggiungimento del target terapeutico (fattori che incidono sull’efficacia
terapeutica: costituzione genetica, corretto dosaggio, dieta, risposta terapeutica,
modificazioni fisiologiche legate all’età, durata della terapia, malattie, aderenza alla terapia,
terapie concomitanti).
6. Conservare correttamente i farmaci ed evitare di farli scadere usando prima quelli che
scadono prima
7. Non fare scorte (Non eccedere i due mesi perché: la terapia può cambiare; i farmaci
scadono; si può guarire).
8. Chiedere sempre la stessa marca del medicinale equivalente
9. Nel caso fosse necessario cambiare la terapia i medicinali non più in uso, e correttamente
conservati, possono essere consegnati alle Residenze per Anziani
10. Se uscite dall’ambulatorio senza alcuna prescrizione medica è molto meglio!!!!
Fly UP