...

Schermatura di stanze per pazienti sottoposti a terapia

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Schermatura di stanze per pazienti sottoposti a terapia
Dipartimento federale dell'interno DFI
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Unità di direzione protezione die consumatori
Pagina 1 / 5
Divisione radioprotezione
www.str-rad.ch
Codice della pratica:
Redatta il:
N. di revisione: 2
L-07-03mi.doc
22.11.2004
06.01.2009
Directive L-07-03
Schermatura di stanze per pazienti sottoposti a terapia
1. Scopo
Nell'ordinanza concernente la manipolazione di sorgenti radioattive non sigillate non vi sono
indicazioni particolari sul dimensionamento della schermatura di stanze per pazienti sottoposti a
radioterapia o di pareti protettive mobili. Per conseguire un uso uniforme vengono definite
concretamente le condizioni minime da rispettare per la terapia I-131
2. Situazione iniziale
Secondo l'ordinanza concernente la manipolazione di sorgenti radioattive non sigillate, i pazienti sottoposti a terapia devono, a determinate condizioni, essere ricoverati in stanze separate e isolati dagli
altri pazienti non trattati con sostanze radioattive (articoli 34 e 37). La disposizione delle stanze per i
pazienti avviene secondo l'articolo 32 della stessa ordinanza.
3. Basi di calcolo
Le basi di calcolo per la radioprotezione delle stanze per pazienti sottoposti a terapia I-131 sono le
seguenti:
3.1
La schermatura delle stanze per pazienti sottoposti a terapia (pareti, pavimento, soffitto, porte,
ecc.) deve essere progettata per un'occupazione continua della stanza, vale a dire 168 ore alla
settimana.
3.2
La schermatura degli spazi può essere dimensionata in base alla metà dell'attività massima
esercitata durante le applicazioni (di regola 3,7 GBq I-131 per un massimo di 7,4 GBq applicati).
In questo modo viene tenuto conto dell'attività di decadimento radioattivo piuttosto rapida (tempo di dimezzamento effettivo).
Le stanze per pazienti sottoposti a radioterapia possono avere anche una destinazione specifica (p. es. la cura a dosi ridotte). In questo caso occorrerà definire individualmente la massima
attività applicata e le stanze dove essa potrà essere esercitata. Questo sarà in particolare il caso di stanze per pazienti nelle quali non sarà possibile modificare l'infrastruttura.
3.3
Le massime intensità di dose ambientali ammesse per i locali adiacenti vengono fissate secondo l'Allegato 2 dell'ordinanza concernente la manipolazione di sorgenti radioattive non sigillate.
Nell'allegato 1 della presente direttiva sono riportati esempi in merito.
3.4
La distanza determinante per il calcolo della radioprotezione è misurata dal punto di riferimento
per la fonte d'irradiazione, vale a dire dal centro del letto del paziente ad un'altezza di 1 m, fino
al limite dell'area da proteggere.
3.5
Se si dovessero curare pazienti costretti a letto, per ridurre l'intensità di dose ambientale almeno a 25 µSv/h è necessario disporre lungo il letto del paziente una schermatura dalle dimensioni minime di 110 cm di altezza e 200 cm di lunghezza.
Occorre che nella stanza del paziente vi sia almeno una schermatura mobile (vedi schizzo nell'Allegato 1) dalle seguenti dimensioni minime:
altezza:
120 cm; la schermatura è efficace se posta a 60 cm dal pavimento;
larghezza:
70 cm;
spessore:
1 cm di piombo o 5 cm di ferro (che corrisponde a ca. 1 ZWS).
Dipartimento federale dell'interno DFI
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Unità di direzione protezione die consumatori
Pagina 2 / 5
Divisione radioprotezione
www.str-rad.ch
Codice della pratica:
Redatta il:
N. di revisione: 2
L-07-03mi.doc
22.11.2004
06.01.2009
4. Schema di calcolo generale
4.1 Grado di attenuazione
⎛
⎜ 0,5 ⋅
Grado di attenuazione F = h10 ⋅ ⎝
A max ⎞⎟
⎠
2
j⋅ a
()
Si ha:
h10
= 62 (µSv/h)/GBq a 1 m di distanza dalla fonte d'irradiazione I-131 (ORaP Allegato 3)
Amax = massima attività applicata (vedi punto 3.2 di questa direttiva)
j
= massima intensità di dose ambientale ammessa (Allegato 1 di questa direttiva o Allegato 2 dell'ordinanza
concernente la manipolazione di sorgenti radioattive non sigillate)
a
= distanza tra la fonte d'irradiazione e l'area da proteggere (secondo il punto 3.4 di questa direttiva)
4.2 Spessore della schermatura
d=
Massa areica
Peso specifico del materiale
Si ha:
- Massa areica in g/cm2, da leggere nel diagramma, di cui all'Allegato 2, in funzione del grado di attenuazione e del materiale di protezione.
- Peso specifico del materiale di protezione in g/cm3: Pb: 11,3 ; Fe: 7,8 ; Baryt: 3,2 ; Calcestruzzo:
2,2
5. Esempio di calcolo per un corridoio all'esterno della zona controllata
5.1 Calcolo del grado di attenuazione minimo
h10 I-131
Amax
j
a
= 62 (µSv/h)/GBq a 1 m
= 7,4 GBq
= 2,5 µSv/h
=3m
Grado di attenuazione F =
62 μSv / h ⋅ m 2 ⋅ (0,5 ⋅ 7,4GBq )
= 10,2
2
GBq ⋅ (3m ) ⋅ 2,5μSv / h
5.2 Calcolo della schermatura minima
A seconda del materiale di protezione, dall'Allegato è possibile determinare la massa areica, in base
al grado di attenuazione minimo, e da questo ricavare lo spessore della schermatura, in base al peso
specifico del materiale di protezione.
Il grado di attenuazione F = 10,2 corrisponde, nel caso del piombo, ad una massa areica di 12 g/cm2.
Da questa e dal peso specifico del piombo (11,3 g/cm3) si ricava, come segue, lo spessore della
schermatura:
Spessore della schermatura d =
12 g / cm 2 = 1,1 cm di pombo
11,3 g / cm 3
Dipartimento federale dell'interno DFI
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Unità di direzione protezione die consumatori
Pagina 3 / 5
Divisione radioprotezione
www.str-rad.ch
Codice della pratica:
Redatta il:
N. di revisione: 2
L-07-03mi.doc
22.11.2004
06.01.2009
Allegato 1
Esempi della massima intensità di dose ambientale ammessa (Allegato 2 dell'ordinanza)
Uso del settore adiacente alle stanze destinate alla radioterapia
Stanze per pazienti in generale
Massima intensità di
dose ambientale
ammessa in µSv/h
0,1
Spazi abitativi, di sosta o uffici all'esterno della zona di attività (dell'ospedale)
Spazi all'esterno dell'ospedale non
destinati a sosta continua, quali spazi
verdi e strade
0,1
Uffici, spazi di sosta all'interno dell'ospedale
0,5
Corridoio interno dell'ospedale, al di
fuori della zona controllata
2,5
Corridoio all'interno della zona controllata
25
Sale di terapia collegate tra loro
10
Dietro una schermatura fissa applicata al letto del paziente
25
0,5
Osservazioni
Esposizione di persone esposte non
professionalmente a radiazioni durante 168 h/settimana.
Esposizione di persone esposte non
professionalmente a radiazioni durante 168 h/settimana.
Esposizione di persone esposte non
professionalmente a radiazioni in
zone non controllate per un periodo
limitato.
Esposizione di persone esposte non
professionalmente a radiazioni durante 40 h/settimana (permanenza per
motivi professionali).
Esposizione di persone esposte non
professionalmente a radiazioni per un
periodo limitato durante l'esercizio
della loro professione.
Esposizione di persone esposte professionalmente a radiazioni per un
periodo limitato durante l'esercizio
della loro professione (breve permanenza)
Spazio accessibile all'interno di una
zona di attività senza particolari restrizioni per la sosta (tutti coloro che
si trovano regolarmente nelle sale di
terapia, come il personale addetto
alle pulizie, rientrano tra le persone
esposte professionalmente a radiazioni e devono quindi essere sottoposti a misurazioni dosimetriche)
Breve permanenza, nella stanza per
pazienti, di persone esposte professionalmente a radiazioni durante
l'esercizio della loro professione.
Dipartimento federale dell'interno DFI
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Unità di direzione protezione die consumatori
Pagina 4 / 5
Divisione radioprotezione
www.str-rad.ch
Codice della pratica:
Redatta il:
N. di revisione: 2
L-07-03mi.doc
22.11.2004
06.01.2009
Schizzo di una parete di protezione mobile da utilizzarsi in una stanza per pazienti destinata alla radioterapia.
70 cm
1 cm Pb
60 cm
60 cm
Peso: ca. 70 kg
Dipartimento federale dell'interno DFI
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Unità di direzione protezione die consumatori
Pagina 5 / 5
Divisione radioprotezione
www.str-rad.ch
Allegato 2, Gradi di attenuazione per I-131
Codice della pratica:
Redatta il:
N. di revisione: 2
L-07-03mi.doc
22.11.2004
06.01.2009
Fly UP