...

guida alla bollatura di registri e libri sociali

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

guida alla bollatura di registri e libri sociali
GUIDA ALLA BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI
Aggiornamento marzo 2015
La legge 383/01 ha introdotto, con decorrenza 25 ottobre 2001, alcuni importanti novità in
materia di bollatura di scritture e libri contabili. In particolare è stato soppresso l’obbligo di
bollatura per i seguenti libri:



libro giornale (e relativi sezionali)
libro inventari
libri/registri fiscali (libri IVA e scritture contabili previste ai fini delle imposte dirette)
Per questi libri permane il solo obbligo alla numerazione e al pagamento delle imposte
di bollo nella misura corrente che viene eseguita direttamente dal soggetto obbligato alla
tenuta delle scritture. La CCIAA di Bergamo non vidima i suddetti libri/registri.
Il d.lgs 4/2008, entrato in vigore dal 13 febbraio 2008 attribuisce la competenza della
vidimazione dei registri di carico/scarico rifiuti, in via esclusiva, alle Camere di commercio
territorialmente competenti. I registri non sono soggetti alla corresponsione della tassa di
concessione governativa né all’assolvimento dell’imposta di bollo ma al solo pagamento
del diritto di segreteria.
La vidimazione dei formulari di identificazione dei rifiuti è di competenza sia delle Camere
di commercio sia dell’Agenzia delle Entrate. I formulari non sono soggetti alla
corresponsione di diritti, tasse di concessione governativa e imposta di bollo.
La legge 2/2009, con effetto dal 30/3/2009, ha eliminato l’obbligo di tenuta del libro soci
delle società a responsabilità limitata; pertanto, la bollatura di tale libro diviene facoltativa.
La CCIAA di Bergamo non vidima tale libro.
Dal 15 agosto 2009, il registro tenuto dal commissario liquidatore delle società
cooperative, enti o consorzi cooperativi (nel quale sono annotate le operazioni relative alla
sua amministrazione) deve essere vidimato dalla Camera di Commercio competente per il
territorio (art. 10 comma 7 della legge 23/7/2009 n. 99).
BOLLATURA LIBRI SOCIALI PREVISTI DAL CODICE CIVILE
Libri sociali obbligatori per le società per azioni, società a responsabilità limitata e
cooperative:
Società per azioni (art. 2421 c.c.)




Libro dei soci
Libro delle obbligazioni
Libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee
Libro delle adunanze e delle deliberazioni del consiglio di amministrazione o del
consiglio di gestione
1
Vers. 1.3



Libro delle adunanze e delle deliberazioni del collegio sindacale ovvero del
consiglio di sorveglianza o del comitato per il controllo della gestione
Libro delle adunanze e delle deliberazioni del comitato esecutivo
Libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee degli obbligazionisti.
In aggiunta le società per azioni devono tenere:


il libro degli strumenti finanziari emessi ai sensi dell’art. 2447 sexies c.c.
il libro del revisore o della società incaricata al controllo contabile ai sensi dell’art.
2409 ter c.c.
Per le società cooperative si applicano in quanto compatibili le norme previste per le S.P.A.
I libri sociali delle società a responsabilità limitata sono (art. 2478 c.c.):



libro delle decisioni dei soci
libro delle decisioni degli amministratori
libro delle decisioni del collegio sindacale o del revisore
BOLLATURA LIBRI O REGISTRI PREVISTI DA NORME SPECIALI
Sono soggetti a bollatura tutti i libri/registri previsti da norme speciali per i quali si fornisce
un elenco peraltro non esaustivo. In presenza di libri diversi dovrà essere fornito il rinvio
alla legge che stabilisce l’obbligatorietà della bollatura e la competenza in capo alla
Camera di Commercio.

















Registro di carico e scarico dei rifiuti speciali (articolo 190 comma 6 del D.Lgs.
152/2006, modificato dall'articolo 2 comma 24-bis del D.Lgs. 4/2008)
Formulari di identificazione dei rifiuti trasportati (D.Lgs. 152/2006 art. 193)
Libro giornale delle autenticazioni delle girate
Libro giornale degli incarichi, tenuto dalle imprese di consulenza per la circolazione
dei mezzi di trasporto (legge n. 264 del 08/08/1991)
Libro giornale delle autenticazioni delle girate (RD n. 239 del 29/03/1942)
Listino prezzi
Registro di carico-scarico degli olii usati
Registro di contabilità dei lavori pubblici
Registro operazioni cambi (legge n. 1 del 05/01/1956)
Registro di produzione
Registro di raccolta occasionale fondi
Registro degli affari (tenuto dalle agenzie immobiliari)
Registro dei premi (legge n. 1216 del 29/10/1961)
Registro dei programmi
Registro dei fidi
Registro dei palinsesti (legge n. 223 del 06/08/1990)
Registro tenuto dai produttori di congegni automatici, semiautomatici, elettrici ed
elettronici per il gioco da trattenimento o di abilità
2
Vers. 1.3
COMPETENZA
Libri sociali
La competenza per la vidimazione è delle Camere di commercio e dei notai.
La Camera di commercio territorialmente competente è quella della provincia ove è
ubicata la sede legale.
Per le imprese plurilocalizzate è competente la CCIAA presso la quale è ubicata la sede
legale e per la bollatura dei libri relativi alle sedi secondarie anche la CCIAA ove è ubicata
la sede secondaria.
Registri di carico e scarico rifiuti e formulari di accompagnamento dei rifiuti
Sono competenti alla vidimazione esclusivamente le CCIAA ove è ubicata la sede legale o
l’unità locale dell’impresa presso la quale è utilizzato il registro (anche per soggetti non
iscritti nel registro delle Imprese).
Per i formulari di accompagnamento dei rifiuti la competenza è affidata alle Camere di
Commercio, alle Agenzie delle Entrate e agli uffici della Provincia.
La Camera di Commercio non è competente in merito alla modalità di tenuta dei registri e
dei formulari.
DIRITTI DI SEGRETERIA
I diritti di segreteria ammontano ad Euro 25,00 per ogni libro o registro per il quale si
richiede la vidimazione.
I formulari per il trasporto rifiuti sono esenti dal pagamento del diritto di segreteria.
Per la vidimazione del registro tenuto dal commissario liquidatore delle società
cooperative, enti o consorzi cooperativi è previsto il diritto di segreteria pari a Euro 10,00.
Il diritto può essere corrisposto:



utilizzando il bollettino di c.c.p. n. 12656245 intestato a “Camera di commercio di
Bergamo, Largo Belotti, 16 - 24121 Bergamo - Sportello polifunzionale”
specificando nella causale “Bollatura e vidimazione”;
con bonifico bancario intestato alla C.C.I.A.A. di Bergamo presso “BANCA
POPOLARE DI BERGAMO SPA –- sede di
Bergamo”IBAN
IT
42B0542811101000000017436 - specificando nella causale del versamento il
codice “VID” e il nominativo dell’impresa alla quale si riferisce la vidimazione;
con bancomat o carta di credito allo sportello.
L’importo dei diritti di segreteria è stato stabilito dal Decreto 17 luglio 2012 – pubblicato
sulla G.U. n. 177 del 31/7/2012 – in vigore dal 1° agosto 2012.
3
Vers. 1.3
IMPOSTA DI BOLLO
L’imposta di bollo è dovuta nella misura ordinaria pari a Euro 16,00 ogni 100 pagine o
frazione.
Per individuare i casi di esenzione da pagamento nonché i casi particolari consultare
l’apposita sezione della presente guida.
Per conoscere gli importi dell’imposta di bollo relativa ai libri/registri per i quali è stato
soppresso l’obbligo di bollatura è necessario rivolgersi alla competente Agenzia delle
Entrate.
Registri di carico e scarico rifiuti e formulari di accompagnamento dei rifiuti
Il registri e i formulari sono esenti dal pagamento dell’imposta di bollo.
TASSA DI CONCESSIONE GOVERNATIVA
Soggetti obbligati al pagamento della tassa di concessione governativa in modo
forfetario:
 le società per azioni
 le società in accomandita per azioni
 le società a responsabilità limitata
 le società consortili a responsabilità limitata o per azioni
 le sedi secondarie di società estere
 i consorzi di enti locali e le aziende di enti locali
 gli enti pubblici
L’importo della tassa è:


Euro 309,87 de il capitale sociale è inferiore o uguale a euro 516.456,90;
Euro 516,46 per capitale sociale superiore a euro 516.456,90
Modalità di pagamento
La tassa deve essere versata entro il termine per il versamento IVA nel seguente modo:
1. se il soggetto è neo costituito nell’anno in corso, il versamento deve essere
effettuato utilizzando il bollettino di c.c.p. n. 6007 intestato all’Agenzia delle Entrate;
2. se il soggetto è costituito prima dell’anno in corso la tassa di concessione
governativa sarà versata utilizzando il mod. F24 compilando la sezione “Erario” con
codice tributo 7085.
Casi particolari
Poiché l’importo della tassa dipende dal capitale sociale al 1° gennaio, eventuali aumenti o
riduzioni deliberati successivamente a tale data non incidono sull’importo della tassa per
l’anno in corso.
In caso di trasformazione di società di persone in società di capitali nel corso dell’anno
deve essere versata la tassa forfetaria, mentre nel caso di trasformazione da società di
capitali in società di persone si considera valido il versamento effettuato per l’anno in
corso.
4
Vers. 1.3
Soggetti obbligati al pagamento della tassa di concessione governativa in modo
ordinario nella misura di € 67,00:
 gli imprenditori individuali
 le società di persone
 le società cooperative e le mutue assicuratrici
 i consorzi
 i G.E.I.E.
 le associazioni e le fondazioni
 gli enti tra cui gli enti morali
Il pagamento in modo ordinario comporta il versamento della tassa di concessione
governativa per ciascun libro/registro presentato per la bollatura.
Per ogni altra informazione relativa alle modalità di pagamento, esenzione o rimborso
della Tassa di concessione governativa rivolgersi alla competente Agenzia delle Entrate.
ESENZIONI
Sono esenti dal pagamento dell’imposta di bollo e della tassa di concessione governativa i
seguenti soggetti:




O.N.L.U.S.
cooperative sociali e loro consorzi
gli organismi di volontariato
associazioni sportive dilettantistiche (esenzione limitata alla tassa di concessione governativa)
Le cooperative edilizie sono esenti dal pagamento dell’imposta di bollo ma versano la
tassa di concessione governativa nella misura ridotta di ¼ e cioè euro 16,75.
La qualificazione di ONLUS e/o di cooperativa sociale deve risultare dall’iscrizione al
registro delle imprese diversamente il legale rappresentante dovrà produrre certificazione
sostitutiva dell’atto di notorietà con la quale si attesta la qualifica di ONLUS.
Per le associazioni sportive dilettantistiche il diritto all’esenzione dal pagamento della
tassa di concessione governativa è subordinato alla dimostrazione dell’affiliazione ad
associazioni sportive nazionali.
Particolarità
La bollatura del formulario di accompagnamento dei rifiuti è esente dal pagamento
dell’imposta di bollo, della tassa di concessione governativa e dal diritto di segreteria.
La bollatura del registro di carico e scarico rifiuti è esente dal pagamento dell’imposta di
bollo e della tassa di concessione governativa è soggetto al solo pagamento del diritto di
segreteria.
Per quanto riguarda invece i libri e/o registri previsti da leggi speciali è necessario
verificare di volta in volta la previsione normativa in merito.
RICHIESTA DI BOLLATURA
Libri e registri vanno presentati all’ufficio Attività Complementari del registro imprese –
Piazza Libertà – Bergamo oppure presso la sede staccata di Treviglio durante l’orario di
5
Vers. 1.3
apertura al pubblico utilizzando il “Modulo vidimazione di libri/registri/formulari” che va
compilato seguendo le “Indicazioni per la compilazione del modulo”.
Ogni modulo di vidimazione deve essere riferito ad una sola impresa.
I modelli sono presenti su sito camerale nell’apposita sezione dedicata alla vidimazione
dei libri sociali:
http://www.bg.camcom.gov.it/macroaree/registri/registro_imprese/bollatura-libri/
Alla richiesta di vidimazione vanno allegati i documenti comprovanti il pagamento dei diritti
di segreteria se dovuti. In caso di pagamento con bollettino di c.c.p.: l’originale
dell’attestazione se il pagamento è eseguito con bonifico copia dello stesso dal quale
risulti il numero del CRO.
Allegare inoltre copia del versamento relativo alla tassa di concessione governativa, se
dovuta,(in caso di versamento della T.C.C.G. in modo forfettario allegare fotocopia della
ricevuta di pagamento effettuata con mod. F24 oppure fotocopia del bollettino di c.c.p.
mentre in caso di versamento della T.C.C.G. in modo ordinario allegare l’originale
dell’attestazione di versamento).
Formalità del libro
Si riportano di seguito alcune indicazioni utili per la presentazione dei libri:





le scritture possono essere tenute usando libri rilegati, a fogli singoli o a modulo
continuo;
nei libri o scritture a modulo continuo o fogli singoli vanno riportati su tutte le pagine:
il nome della ditta o la ragione sociale o la denominazione sociale, la sede
legale/sede attività per le imprese individuali, la partita IVA e/o il codice fiscale e il
tipo di libro;
nei libri rilegati i dati di cui sopra vanno riportati sulla copertina o sull’ultima pagina
numerata;
la numerazione è eseguita per facciata utilizzabile, le facciate non numerate devono
essere annullate;
nei registri di carico e scarico è necessario indicare l’ubicazione della sede o unità
operativa in quanto il dato è necessario per stabilire la competenza territoriale alla
vidimazione.
Consegna libri vidimati
Le vidimazioni non sono effettuate in giornata. Di norma la consegna dei libri/formulari
vidimati avverrà entro cinque giorni lavorativi successivi al deposito.
Al fine di evitare inconvenienti di vario genere ed a tutela delle imprese e degli altri
soggetti richiedenti la bollatura, il ritiro dei libri bollati può essere effettuato soltanto dietro
esibizione della ricevuta di protocollo rilasciata dall'ufficio all'atto della consegna dei libri
stessi.
Per ritirare i libri/registri è pertanto indispensabile presentare la suddetta ricevuta e
firmare il modello per il ritiro previa verifica dei libri consegnati.
Per quantitativi ingenti la consegna sarà stabilita al momento della presentazione dei libri.
Il quantitativo di libri/registri da consegnare è specificato sul sito camerale nell’apposita
pagina dedicata alla vidimazione.
6
Vers. 1.3
Informativa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs n. 196/2003 in materia di protezione dei dati personali.
I dati personali raccolti (mediante la compilazione del “Modulo di vidimazione” saranno trattati dalla Camera di Commercio di Bergamo
allo scopo di procedere alla bollatura dei libri sociali o dei registri; il conferimento dei dati è obbligatorio e l’eventuale rifiuto
comporta l’impossibilità ad evadere la richiesta.
I data potranno essere comunicati su richiesta delle pubbliche amministrazioni o ai diretti interessati, sono conservati sia su supporto
cartaceo sia magnetico e potranno venire a conoscenza dei dipendenti della Camera di Commercio che allo scopo sono stati incaricati
del trattamento. Ai sensi dell’articolo 7 del decreto, l’interessato ha diritto di avere conferma dell’esistenza di dati che lo riguardano, a
modificarli ed aggiornarli, e per motivi legittimi a cancellarli o opporsi al loro trattamento.
Titolare dei dati è la Camera di Commercio di Bergamo. Responsabile del trattamento in questione è il responsabile del trattamento dei
dati dell’Area 2 “Attività anagrafiche e servizi di sistema alle imprese”. L’elenco completo dei responsabili nominati dalla Camera di
Commercio è disponibile sul sito internet www.bg.camcom.it/privacy. Qualsiasi richiesta in merito al trattamento dei dati in oggetto dovrà
essere rivolta all’ufficio Attività Complementari Registro Imprese.
7
Vers. 1.3
Fly UP