...

Sella del Diavolo, novembre 2014

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Sella del Diavolo, novembre 2014
Great Med Project
Generating a Risk and a Ecological Analysis Toolkit for the Mediterranean
Cagliari, 17 novembre 2014
Parco naturale regionale Molentargius-Saline, Edificio Sali Scelti
*********************************************
Associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus – Via Cocco Ortu n. 32 – 09128 Cagliari – posta
elettronica [email protected]
Il sentiero naturalistico e archeologico
della Sella del Diavolo, un esempio di
corretta fruizione del litorale costiero.
dott. Stefano Deliperi – comunicazione
La Sella del Diavolo.
La Sella del Diavolo per le sue particolarità ambientali, paesaggistiche, naturalistiche e storicoculturali, è tutelata con specifico con vincolo paesaggistico ai sensi e per gli effetti degli artt. 136140 (individuata con D.M. 26 aprile 1965) e 142, comma 1°, lettera a, del decreto legislativo n.
42/2004 e s.m.i., nonché con vincolo di conservazione integrale ai sensi dell’art. 1, comma 1°,
lettera a, della legge regionale n. 23/1993 ed in parte con vincolo idrogeologico ai sensi del regio
decreto n. 3267/1923 e successive modifiche ed integrazioni.
Interessa , inoltre, i siti di
importanza comunitario – SIC "Torre del Poetto" (codice ITB042242) e "Monte S. Elia, Cala
Mosca e Cala Fighera" (codice ITB042243), ai sensi della direttiva n. 92/43/CEE ai sensi della
direttiva n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli habitat naturali e semi-naturali, della fauna e della
flora, esecutiva con D.P.R. n. 357/1997 e s.m.i. (elenco regione biogeografica mediterranea
approvato con decisione Commissione europea n. 3261 del 19 luglio 2006 in G.U. CE n. L259 del
21 settembre 2006) e l’istituenda riserva naturale regionale "Capo S. Elia" (legge regionale n.
31/1989).
L’area è attualmente demanio militare – ramo Esercito e ramo Marina (artt. 822 e
ss. cod. civ.) e, inoltre, per le notevoli testimonianze archeologiche e storiche presenti, riveste
estremo interesse culturale ai sensi dell’art. 12 del decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i. (vds.
nota Sopr. Arch. n. 3517 del 6 maggio 2004).
il sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo
Il sentiero naturalistico e archeologico.
Il sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo è operativo da oltre dieci anni,
promosso delle associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico.
E’
uno dei pochi “gioielli” naturalistici e culturali di Cagliari a esser fruibile tutto l’anno. Sono ormai
circa 10 mila gli escursionisti accompagnati dalle guide ecologiste ad aver conosciuto questo
splendido gioiello ambientale e culturale del Mediterraneo.
Il sentiero è stato predisposto a
proprie spese dalle associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico
grazie alla collaborazione del Comando Militare autonomo della Sardegna e del Comando
Militare Marittimo autonomo in Sardegna, titolari dell’area.
Spesso è stato inserito in
manifestazioni pubbliche nazionali e internazionali, quali la Settimana della Cultura, le
Giornate europee del Patrimonio, la Giornata del Trekking Urbano con la partecipazione di
rappresentanti di amministrazioni pubbliche, nonché decine e decine di escursioni guidate per
scuole e studenti di ogni ordine e grado, sempre con grande successo di pubblico e mai con il
benché minimo incidente di qualsiasi natura.
Il sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo, pannello illustrativo.
Il predetto sentiero non conduce alle aree di demanio marittimo oggetto dell’ordinanza della
Capitaneria di Porto di Cagliari n. 47 del 30 luglio 1987 , integrata dalla successiva n. 48 del 4
agosto 1987, che inibisce l’accesso al litorale posto alla base della Sella del Diavolo a causa di
frane.
Per ovviare a qualsiasi eventuale erronea fruizione da parte di escursionisti non accompagnati, è
in corso il progetto “Potenziamento delle strutture tecnologiche e/o infrastrutture SIC Torre
del Poetto, Monte S. Elia, Cala Mosca, Cala Fighera – Recupero di un fabbricato sito nel
promontorio S. Elia” – POR FESR 2007-2013 – linea di intervento 4.2.1.b – Comune di
Cagliari, al quale le Associazioni ecologiste proponenti hanno fornito ogni utile collaborazione.
Aree del demanio marittimo interdette al transito e alla sosta (in giallo) ai sensi dell’ordinanza Capitaneria di
Porto di Cagliari n. 47 del 30 luglio 1987, integrata dalla successiva n. 48 del 4 agosto 1987.
L’escursione.
L’escursione si snoda lungo il sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo ed è
una vera e propria passeggiata attraverso la natura e la storia cagliaritana, grazie alle due funzioni
svolte nei millenni dal Promontorio, quella militare e quella religiosa. Lungo il tragitto sono visibili
peculiarità botaniche (es. Palma di S. Pietro, Chamaerops humilis, in una delle due sole stazioni
naturali italiane), una ricca macchia mediterranea (Ginepri, Euforbie, Ginestre, Olivastri, Pini,
ecc.), specie faunistiche di rilievo (Falco Pellegrino, Gheppio, Coniglio selvatico, Colubro Ferro
di Cavallo, Laridi, ecc.), testimonianze archeologiche fin dall’epoca punico-romana (viabilità,
strutture per la raccolta idrica, cisterne, resti di edifici cultuali, ecc.), medievale (resti del
monastero di S. Elia), spagnola (torri costiere), fino alla II guerra mondiale (centro di
osservazione e tiro antiaereo, postazioni antiaeree).
Una
descrizione
puntuale
è
in:
http://selladeldiavolo.wordpress.com/2008/07
/01/il-sentiero-naturalistico-ed-archeologicosulla-sella-del-diavolo-il-percorso/
Il percorso complessivo (andata e ritorno)
è lungo circa km. 4,3, percorribili in circa due
ore e mezza (comprese le soste per
l’illustrazione delle particolarità ambientali e
storico-culturali),
con
medio-bassa
difficoltà. E’ accessibile a chiunque privo di
difficoltà motorie
Promontorio della Sella del Diavolo.
Come effettuare l’escursione.
L’accesso al sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo è libero. Chi volesse
effettuare un’escursione guidata (gruppi, scolaresche, comitive) può rivolgersi al Gruppo
d’Intervento Giuridico onlus, posta elettronica [email protected], telefono 3450480069,
siti
internet
http://gruppodinterventogiuridicoweb.wordpress.com,
http://selladeldiavolo.wordpress.com (quest’ultimo contiene tutte le informazioni sulla Sella del
Diavolo e il sentiero naturalistico-archeologico).
Studenti durante un’escursione guidata sul sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo.
Il sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo costituisce un esempio di
fruizione sostenibile sotto il profilo ambientale di un sito naturalistico e culturale di grande
interesse. In fondo, spesso ci vuol poco per fare molto.
Fly UP