...

Endoscopia delle cavità nasali e dei seni paranasali

by user

on
Category: Documents
17

views

Report

Comments

Transcript

Endoscopia delle cavità nasali e dei seni paranasali
08/07/2013
CAVITA’ NASALI
Endoscopia delle cavità nasali
e dei seni paranasali
TECNICA
RARAMENTE NECESSARIA LA SEDAZIONE
ESAMINARE SEMPRE ENTRAMBE LE CAVITA’
DURANTE L’INSERZIONE
-MEATO VENTRALE
-CONCA VENTRALE
-PORZIONE VENTRALE DEL SETTO NASALE
DURANTE L’ESTRAZIONE
-FONDO DELLE CAVITA’
-MEATO MEDIO
-CONCA DORSALE
-PORZIONE DORSALE DEL SETTO NASALE
CAVITA’ NASALI
CAVITA’ NASALI
REPERTI NORMALI
CAVITA’ NASALI: DALLE NARICI ALLE COANE
REPERTI PATOLOGICI
SONO QUASI TOTALMENTE OCCUPATE DALLE CONCHE
Rinite (?)
CONCA DORSALE
termina rostralmente con la plica retta
CONCA VENTRALE
termina rostralmente con due pliche
MEATO DORSALE stretto e difficilmente raggiungibile
MEATO MEDIO nella sua parte caudale si trova l’apertura naso
naso--mascellare
MEATO VENTRALE il più grande, termina nel nasofaringe
MEATO COMUNE più largo nella parte ventrale
ENDOTURBINATO I estensione caudale della conca dorsale
ENDOTURBINATO II
ENDOTURBINATO III
ENDOTURBINATO IV
GLI SPAZI TRA GLI ENDOTURBINATI
FORMANO IL LABIRINTO ETMOIDALE
SENI PARANASALI
SENI PARANASALI
ANATOMIA
L’ ENDOSCOPIA DEI SENI PARANASALI VIENE ESEGUITA QUANDO…
-ESAME CLINICO
-ASPIRATI
-ENDOSCOPIA DELLE ALTE VIE
-RADIOLOGIA
…NON PERMETTONO DI ARRIVARE AD UNA DIAGNOSI
E’ L’ULTIMO TENTATIVO PRIMA DELLA SINUSOTOMIA ESPLORATIVA
SENO FRONTALE
SENO MASCELLARE
ROSTRALE
SENO SFENOPALATINO
NON ESISTE INDICAZIONE PER:
-ANOMALI DENTARIE
-MASSE DI TESSUTO MOLLE
perché in questi casi è comunque necessaria una sinusotomia con flap
SENO MASCELLARE
CAUDALE
1
08/07/2013
Un setto trasversale divide i due cornetti in
una parte rostrale ed una caudale.
Nella parte rostrale le loro cavità comunicano con il meato medio
Un setto trasversale divide i due cornetti in
una parte rostrale ed una caudale.
Nella parte caudale le cavità si chiamano SCD (seno concale dorsale) e SCV
e non comunicano con le cavità nasali
Sezione trasversale a livello del primo
dente (P2 o 106
106--206)
Sezione trasversale a livello del 4°
4°
dente (M1 o 109109-209)
Il SCD comunica con il s. frontale e con il s. masc
caudale
Il SCV comunica con il s. mascellare rostrale al di
sopra del canale nasolacrimale
SENI PARANASALI
SENI PARANASALI
INDICAZIONI
SEDAZIONE E ANESTESIA LOCALE
TOSARE L’AREA INTERESSATA
TECNICA
Asportazione di contenuti patologici
Lavaggi
Prelievo di campioni
microbiologici
Citologici
Istologici
Sinusiti croniche
Tumori
Emorragie
Cisti sinusali
Malattie micotiche
Fratture ossee
CAVITA’ NASALI
REPERTI PATOLOGICI
EMATOMA ETMOIDALE
MASSA DI ORIGINE SCONOSCIUTA CHE SI SVILUPPA NEI SENI PARANASALI
MACROSCOPICAMENTE SIMILE AD UN TUMORE
ORIGINA DAL LABIRINTO ETMOIDALE O DALLE PARETI DEI SENI
ESPANDENDOSI INVADE I SENI CIRCOSTANTI E LE CAVITA’ NASALI, SI ULCERA
E DETERMINA EPISTASSI
SINTOMI
> 4 ANNI
EPISTASSI INTERMITTENTE
RUMORI RESPIRATORI IN ESERCIZIO
DISFAGIA (compressioni sul palato molle se molto grandi)
RARAMENTE BILATERALE
DIAGNOSI
LEGGERA EPISTASSI DA LUNGO TEMPO
NB:: se molto piccolI non invadono le cavità nasali!
ENDOSCOPIA NB
RX
TERAPIA:: RIMOZIONE CHIRURGICA PER SINUSOTOMIA
TERAPIA
2
08/07/2013
Osso frontale
Processo coronoidale
Processo coronoidale
Seno frontale
orbita
Osso Nasale
Cavità
craniale
ARTICOLAZIONE
TEMPOROMANDIBOLARE
ARTICOLAZIONE
TEMPOROMANDIBOLARE
Cavità nasale
109
M1
110
M2
111
M3
MARGINE DORSALE DEL RAMO SX DELLA MANDIBOLA
TG
orbite
Ematoma
etmoidale
progressivo
Turbinati etmoidali
CAVITA’ NASALI
EMATOMA ETMOIDALE
Ematoma
etmoidale
progressivo
Turbinati etmoidali
3
08/07/2013
Ematoma etmoidale
Ematoma etmoidale
4
Fly UP