...

La tortura oggi nel mondo

by user

on
Category: Documents
20

views

Report

Comments

Transcript

La tortura oggi nel mondo
in caso di mancato recapito, rinviare a ufficio poste Roma Romanina per la restituzione al mittente previo addebito
Fondazione
Internazionale
Lelio
Basso
La tortura
oggi nel mondo
#2/3
Anno XI, n°2/3, aprile - settembre 2005
#2/3
In questo numero
Una tragica questione mondiale
di Veronic Algeri pag 3
La violenza del più forte
di Giuliano Battiston pag 7
Una inquietante assenza di legge
Intervista a Luigi Ferrajoli di Rebecca Samonà pag 9
Prima vittima i diritti umani
di Nicola Zippel pag 12
Appunti di lavoro pag 15
Una logica autodistruttiva
Intervista a Nello Preterossi di G. Battiston pag 19
Il pentimento e il perdono
di Veronic Algeri pag 22
Gli artigli del Condor
di Andrea Mulas pag 25
Curando le ferite dell’anima
Intervista a Gill e Tim Cox di Rebecca Samonà pag 28
Condannata da tutti ma ancora praticata
di Lelio Basso pag 30
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
Fondazione
Internazionale
Lelio
#2/3
Basso
Anno XI, n°2/3, aprile - settembre 2005
Trimestrale della Fondazione Lelio e Lisli Basso
Sezione Internazionale
Autorizzazione del Tribunale di Roma
n° 538/95 del 2 novembre 1995
Spedizione in abbonamento postale
L. 662/96, art 2, co. 20/C - Filiale di Roma
Direttore Responsabile: Massimo Loche
Redazione: Veronic Algeri, Giuliano Battiston,
Mascia Consorte, Anna Frangione, Rachele Masci,
Andrea Mulas, Rebeca Samonà, Nicola Zippel
Segreteria: Mascia Consorte
Sede: Via della Dogana Vecchia, 5 - 00186 Roma
Tel. 06/68.80.14.68 Fax 06/68.77.774
E-mail: [email protected]
Sito Web: www.internazionaleleliobasso.it
Progetto Grafico e Impaginazione:
Giovanni Binel per Mekkanografici Ass.
Stampa: Tipografia Esse3
Sottoscrizione: Studenti 10 euro - Ordinario 20 euro
Amico 50 euro - Sostenitore 200 euro
CC Postale 82103003
I dati personali sono raccolti e gestiti elettronicamente
al solo fine di promuovere le iniziative della FILB.
Su richiesta ne potrà essere chiesta la cancellazione
o l’aggiornamento, scrivendo ai nostri uffici.
2
Fondazione
Le immagini di questo numero monografico sulla questione della tortura sono parte della mostra promossa dal Polo Museale Romano e dalle Gallerie
Contini (Venezia) e Benucci (Roma). Si ringraziano gli Enti promotori per
la gentile concessione delle fotografie pubblicate in questo numero.
Uomini bendati, legati, a terra e insanguinati contrapposti ad altri in piedi,
con bastoni e coltelli.
Nel ciclo di opere dedicate agli orrori perpetrati dai soldati statunitensi ai
danni dei detenuti del carcere di Abu Ghraib a Bagdad, l’artista colombiano Fernando Botero abbandona i suoi personaggi dolci e popolari e si concentra su temi dolorosi. Traduce nel linguaggio dell’arte la violenza, la degenerazione, la brutalità che le istantanee dal carcere portavano in sé.
Grandi corpi - da sempre sovrappeso - contorti dal dolore, feriti, sodomizzati, umiliati in tutti i modi. La pesantezza dell’atto di tortura è messa in scena attraverso il colore, la forma, lo spazio. Il torturatore, a volte, è solo suggerito: un guanto verde al bordo del quadro, nell’atto di prendere per i capelli il prigioniero o mentre tiene al guinzaglio i cani. La sottomissione, il
non poter reagire, corrisponde al non poter vedere il volto dei prigionieri,
incappucciati o di spalle, ma anche al non poter vedere i volti dei torturatori. Come se lo sdegno per quelle facce soddisfatte e sorridenti - che fecero il giro del mondo - si percepisca nei busti senza testa. Gli strumenti di
tortura assumono un aspetto continuo: le corde, le sbarre di ferro delle celle, le bende sono le figure del racconto, dove la vita e la morte si trasformano in non vita e non morte, nello spazio di confine in cui il corpo non
è vivo ma neppure morto. E muovono non alla pietà estetica, ma alla condanna etica, spingono all’angoscia e a non esserne solo spettatori.
Rachele Masci
La tortura oggi. Il convegno
Una tragica questione
mondiale
La tortura è diventata una questione
di rilevanza mondiale: oggi più di 150
Paesi ne denunciano la pratica. Le
commissioni d’inchiesta istituite in
Marocco, con l’Instance justice et reconciliation, e in Cile, in seguito all’Inchiesta Valech, catalizzano l’attenzione dell’opinione pubblica internazionale sugli orrori del passato al grido di passionali «mai più». Ma: «attenzione, perché i “mai più” alla guerra
e ai campi nazisti oggi sono crollati».
Questo è il monito di Pietro Barrera,
direttore generale della provincia di
Roma, che ha aperto la prima sessio-
ne del seminario internazionale organizzato dalla sezione Internazionale
della Fondazione Lelio e Lesli Basso:
La tortura oggi nel mondo. Basti pensare a Guantanamo e a Abu Ghraib, o
alla caserma di Bolzaneto di Genova
nel 2001. È difficile usare la parola
tortura quando questa rientra nelle
sofisticate ragioni del diritto o nei fatti di cronaca del nostro emisfero.
Quello della tortura è un tabù e lo dimostra, secondo Franco Ippolito, magistrato, consigliere della Corte di cassazione e membro di Magistratura democratica, «la variazione semantica
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
che questo termine ha subito sottraendo pericolosamente alla nostra
consapevolezza questo fenomeno».
La tortura viene simbolicamente associata a un mondo di dittatori e oppressori. Invece la tortura sempre più
si pratica in nome dello stato d’eccezione proclamato da governi democratici. Negli Stati uniti, i cosiddetti
manuali della dieta racchiudono le
pratiche più atroci in fatto di tortura
fisica e psicologica. Se si parla oggi di
tortura è addirittura per legittimarla
come prevenzione di mali peggiori.
Newsweek, un anno fa, intitolava una
delle sue copertine: “Legittimare la
tortura?”. Questo vuol dire che assistiamo a una regressione, in fatto di
diritti umani, e prima che sul piano
giuridico, sul piano culturale. Lo
sconforto in seguito agli atti di Abu
Graib e Guantanamo offrono uno stimolo alla riflessione. Appare sproporzionata la pena inflitta alla soldatessa americana accusata di sevizie
nei confronti dei prigionieri di Abu
Graib alla quale sono stati dati solo 6
mesi di carcere. Se si pensa che in cima alla catena di comando vi è la potenza mondiale “esportatrice di democrazia” non si può non rimanere
colpiti e condividere il sentimento di
umiliazione e di indignazione del
mondo islamico. Ancora Ippolito parla di «uso ideologico della carta dei diritti» in nome di una guerra umanitaria per la democrazia che si è andato
costruendo dopo l’11 settembre e che
ha prodotto un intero arsenale giuridico ai limiti della legalità. Una delle
pratiche usate dagli Usa, denunciata
da numerose Ong, è l’invenzione del
decentramento della tortura. Cosi intitolava la sua interessante ricerca Ste-
Fondazione
3
Una tragica questione mondiale
phen Gray, su Le monde diplomatique dello scorso aprile. «Dall’11 settembre gli Stati uniti sono coinvolti
nell’organizzazione mondiale di un
traffico di detenuti», ha scritto il giornalista francese, «gli Stati uniti organizzano sistematicamente la deportazione dei militanti islamici nei paesi
del Maghreb e del Medio oriente» dove saranno sottoposti a pratiche di
tortura che loro non sono autorizzati
a praticare. Questa tortura per procura
si avvale del «trasferimento straordinario» e dei centri di detenzione off-shore
posti sotto il controllo della Cia.
Senza andare troppo indietro nel tempo, l’Europa coloniale ha responsabilità che oggi non si possono trasferire
agli Stati uniti. Le colpe della Francia in
Algeria sono ancora visibili. La tortura
vi è stata praticata come sistematico
esercizio di dominio. Il governo algerino – dice ancora Ippolito – ha introiettato le pratiche del suo oppresso-
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
4
Fondazione
re di un tempo. José Reda Freiman, dice Edoardo Freiler, cita le parole che
Sartre usò nel 1957 in Colonialismo e
anticolonialismo riferendosi alla repressione in Algeria. Il filosofo francese sapeva che nel Paese del Maghreb si
torturava e indica la soluzione nell’ascoltare le grida dei torturati. Grida che
non si sentono a causa dell’ignoranza
nella quale ci fanno vivere i nostri governi. Grida che non si vogliono sentire perché i cittadini francesi non potrebbero dormire: «Non siamo ingenui
o candidi, siamo sporchi».
La tortura oggi. Il convegno
Oltre che sul piano culturale la questione della tortura regredisce anche
sul piano giuridico e questo soprattutto a casa nostra.
Il convegno ha insistito ripetutamente sull’arretratezza della giurisdizione
italiana in materia. Da anni il Parlamento rimanda la discussione di una
legge sulla tortura. La Corte europea
dei diritti umani (sulla base della convenzione dei diritti umani), ha ricordato Giannelli, ha ammonito l’Italia
per non aver provveduto a introdurre
nel suo diritto interno il reato di tortura. Ma l’Italia ha risposto che una legislazione internazionale già esiste.
L’urgenza di introdurre un reato specifico tuttavia rimane.
L’articolo 1 della Convenzione delle
Nazioni unite contro la tortura la definisce così: «ogni atto mediante il
quale siano inflitti intenzionalmente a
una persona dolore o sofferenze gravi allo scopo di ottenere […] informazioni […] di punirla […], a condizione che il dolore o la sofferenza
siano inflitti da o su istigazione o con
il consenso o l’acquiescenza di un
pubblico ufficiale […]. Non comprende il dolore o la sofferenza che risultino esclusivamente da […] sanzioni
lecite».
Nonostante la tortura sia assolutamente vietata da numerose convenzioni internazionali, prima fra tutte la
Dichiarazione universale dei diritti
dell’uomo, la sua pratica è stata denunciata in oltre cento Paesi. Dati forniti da numerose organizzazioni non
governative denunciano che la tortura è ancora largamente praticata.
Questi dati sono confermati dall’associazione Mct che ha assistito persone
provenienti da 28 Paesi di quattro differenti continenti.
Quando le sofisticate ragioni del diritto possono servire per opprimere, occorre che, dall’altra parte, i «mai più» si
traducano in formule giuridiche, ha
insistito Salvatore Senese, in costruzioni che coniughino la passione per
la giustizia col rigore della legge.
In Italia, ha ancora precisato Senese,
l’unica norma in cui è espresso un dovere di punizione è l’articolo 13 della
Costituzione che sanziona ogni forma
di violenza fisica sulla persona detenuta. Ispiratore della legge fu il saggio di Lelio Basso La tortura oggi in
Italia ispirato da Filippo Turati.
«Quando le norme giuridiche legittimano un superpotere militare in nome della dottrina di sicurezza nazionale, può salvarci lo studio dei tratti
istituzionali del potere che pratica la
tortura e che produce la sua legittimazione». Bisogna ricordare che «le
origini della dottrina della sicurezza
nazionale, per la quale le vittime di
tali pratiche non sono più uomini, ma
nemici, si trovano nel maccartismo
che negli anni Cinquante guidava la
lotta al comunismo», ha detto Senese.
Dell’Argentina parla Eduardo Freiler.
Nel 1984, per la prima volta al mondo,
vengono messi sotto accusa dei militari. I limiti dell’inchiesta non sono però pochi: prima di tutto non si indaga
sulle fasce intermedie per individuare
i responsabili solo al vertice della catena di comando, basandosi sul principio dell’obbedienza gerarchica. Ma
ancor più grave è la vicenda dei bambini nati dalle madri prigioniere, a cui
sono stati tolti, e affidati in molti casi
ai carnefici delle loro stesse madri. La
storia dei figli delle desaparecidas
creò un vero e proprio caso di coscienza: si doveva indagare sui loro
genitori adottivi o preferire l’oblio? Infine si è deciso che i minori hanno diritto a conoscere la loro famiglia di
sangue. Questo è stato reso possibile
dalle proteste delle nonne della Plaza
de Mayo. Leandro Despouy conclude
il suo intervento chiedendo il premio
Nobel per la pace per queste donne
coraggiose. Il genocidio e le sparizioni forzate non sono a tutt’oggi compresi nella legislazione argentina e solo recentemente il Paese dell’America
latina ha adottato un protocollo di lotta contro la tortura.
Leandro Despouy, relatore speciale
delle Nazioni unite, afferma che nei
Paesi in guerra si stabilisce una assurda dicotomia tra il diritto umanitario
della guerra e i diritti umani. Nello
stato d’eccezione i diritti umani vengono sospesi; si assiste quindi ad una
regressione del diritto internazionale
che non applica la Convenzione di
Ginevra. Un esempio su tutti: nel
2001 la Commissione dei diritti umani ha proposto una vergognosa risoluzione che chiedeva il divieto dell’esportazione degli strumenti di tortura
dal mondo occidentale.
Ci parla dell’Africa del sud Marcello
Flores. In questo caso non si tratta di
oppressione di un governo su una
minoranza dissidente, ma di un vero
e proprio disegno di annientamento
del nemico su base etnica. La tortura
psicofisica praticata nelle carceri sudafricane ha raggiunto livelli disumani a cavallo tra gli anni Settanta e gli
anni Ottanta. Il passaggio dalla conoscenza dei fatti alla consapevolezza
del loro significato è stato possibile
solo quando con la Truth and reconciliation commission (Trc) si è data
voce alla dignità oppressa, vera forza
contro il governo dell’apartheid. Anche in questo caso è difficile accettare che un indennizzo ai familiari delle vittime possa portare alla riabilitazione delle vittime (o dei carnefici?).
Questa può avvenire solo sulla base
di un accordo, all’interno della collettività, basato sulla verità e sulla giustizia. Far luce sul crimine non basta,
è necessario risalire per i gradini della catena di comando e individuare le
diverse responsabilità.
Torna in questa occasione il dibattito
sulla intenzionalità e sulla funzionalità della violenza: i torturatori sono sadici o esecutori di un comando?
Michael Lapsley, prete anglicano neozelandese, ha partecipato alla Trc ed
è oggi a capo del Centro per la guarigione della memoria, porta sul suo
corpo, ferito da un pacco bomba, le
tracce di una pratica contro la quale
Fondazione
5
Una tragica questione mondiale
ha lottato per una vita e che, racconta, «durante gli anni dell’apartheid, faceva parte della vita quotidiana di tutti. Ci sono stati 80 mila torturati fra chi
si opponeva al governo dell’apartheid. Perché la tortura? È un’arma
dell’arsenale del terrorismo di Stato
che ha lo scopo di reprimere la coscienza degli individui che aspirano
alla libertà».
Perché si diventa torturatori? Lapsley
risponde parlando di «ordine morale
invertito». Il carnefice ha la ragione
dalla sua parte, la vittima, designata
dall’alto come assassino, sviluppa un
paradossale senso di colpa. Spesso
per esser sopravvissuto ai suoi figli.
Mai in nessun Paese si è guardato allo specchio della storia come in Sudarfica. La commissione giustizia, celebrata in tutto il mondo, ha in realtà
ottenuto solo un terzo del riconoscimento dei colpevoli e ha causato una
enorme frustrazione delle vittime. Ma
attenzione perché «il desiderio di vendetta rende vittima per sempre».
Le vittime diventano carnefici e lo dimostra il fatto che dopo la fine di ogni
conflitto c’è sempre un aumento della violenza. Allora come rompere la
catena? Come passare dalla memoria
della violenza alla creazione di vita?
Non c’è niente con cui riconciliarsi.
Quello che Lapsley teorizza e mette
in atto nei suoi centri è un modello
sperimentale di riconciliazione attraverso il racconto di sé.
Secondo Luigi Ferrajoli il torturato è
nemico, non persona, né detenuto,
né combattente, è privo quindi delle
garanzie processuali garantite dalla
convenzione di Ginevra. Questo è legittimato da un impianto ideologico
che definisce le vittime nemici della
patria.
Oggi, come ieri, l’assenza di statistiche e di ogni possibilità di identificazione rende le vittime di tortura nel
mondo una cifra nera. Questo è vero
anche a casa nostra: a Bolzaneto abbiamo assistito allo scatenarsi di una
violenza premeditata e ad arresti arbitrari, tortura e mortificazione che
hanno negato la dignità dell’individuo. L’Italia, che ha nella sua costituzione la punizione dei maltrattamenti
ai prigionieri, ha in questo caso spesso vietato la presenza di un difensore. Lo stesso si dica del “Patriot act”
che rende invisibili i torturati.
Le vittime di tortura si trovano in condizioni di particolare fragilità. Le loro
storie mostrano due tipologie: essi sono perseguitati in quanto intellettuali
dissidenti o appartenenti a classi dirigenti sconfitte in guerre civili o persone perseguitate in quanto appartenenti a una etnia discriminata, come
nel caso dei curdi.
La tortura è una patologia difficile da
valutare. Cos’è la guarigione per una
vittima di tortura? Può mai guarire una
vittima di tortura? Lo scopo vero della
tortura non è quello di estorcere informazioni dal torturato quanto di annientare la persona, il voler mettere a
tacere una voce e una storia intera
Veronic Algeri
Interventi 1. Franco Ippolito
La variazione semantica per cui non si parla più di tortura, ma si parla di altre cose,
ha sottratto alla nostra coscienza il fenomeno della tortura, che è ricomparso prepotentemente con la guerra. E oggi di tortura
non solo si ricomincia a parlare per denunciarla, ma, fatto grave, anzi direi aberrante, di tortura si comincia a parlare per ri-legittimarla.
E quel che è più grave è che Alan Dershowitz, un illustre e famosissimo avvocato
americano, pubblica un libro dedicato al
terrorismo e cioè alle politiche del dopo 11
settembre 2001 e intitola un capitolo ad argomenti a favore della tortura contro il terrorista a conoscenza di attentati imminenti.
Dershowitz usa come tecnica di risoluzione
di problemi terribili, di tipo politico, sociale, giuridico, la tecnica che usa come pro-
6
Fondazione
fessore, in aula, mettendo gli studenti di
fronte al dilemma tra due soluzione estreme: «Tu hai un autobus carico di gente,
l’autista deve scegliere, in un’emergenza,
se andare a sfracellarsi contro un’abitazione dove stanno cinquanta persone, o invece
deviare a destra, dove sicuramente uscirà
un disabile con la sua carrozzella».
Il dilemma tragico non è ignoto alla scienza
giuridica e di fronte ad esso scattano una
serie di istituti, come lo stato di necessità.
Il buon Dershowitz usa questo schema per
dire: «Ma scusate, se noi abbiamo un terrorista che ci può dare delle informazioni
per evitare un altro disastro tipo quello
delle torri gemelle, perché non dovremmo
usare una violenza per evitare un male più
grande?».
Il problema è:
I. Tu dici che questo è un terrorista, e intanto lo tieni a Guantanamo e non hai provato, con un giudizio, che questo sia un terrorista;
II. Hai violato tutti i diritti di questo soggetto, perché può essere perfettamente un
innocente, che, disgraziatamente, si trova
in una certa circostanza e non gli procuri
un avvocato, né istituisci un giudice;
III. Presumi che abbia delle informazioni e
lo torturi per avere informazioni.
Di fronte a casi di questo genere noi ci interroghiamo e ci chiediamo se non siamo di
fronte a una regressione di tipo culturale,
che insieme tocca i problemi dei diritti umani, della dignità e della tortura, e i problemi dell’effettività e vigenza del diritto internazionale.
La tortura oggi. Gli Stati Uniti
La violenza del più forte
In occasione della prima sessione del seminario “La tortura oggi nel mondo”, Salvatore Senese ha sostenuto che, per svilupparsi, la tortura necessita di «specifiche
condizioni politico-istituzionali e culturali».
I provvedimenti adottati dall’amministrazione Bush a partire dall’11 settembre
2001 sembrano volti a garantire tali condizioni e, più in generale, a creare una terra di nessuno giuridico-politica all’interno
della quale, in virtù della sospensione o
dell’unilaterale modificazione dell’ordine
giuridico, sia possibile esercitare arbitrariamente la forza.
Si tratta di un tentativo grave poiché la costruzione consapevole di una zona di
anomia, il disconoscimento e la neutralizzazione dei meccanismi di autorizzazione all’esercizio del potere, non soltanto lacerano l’incompleto edificio eticonormativo dell’Occidente, ma indicano
un vero e proprio cambiamento di paradigma politico-culturale che, alla progressiva giuridificazione del potere della tradizione moderna del razionalismo politico-giuridico, sostituisce un allarmante
processo di decostituzionalizzazione.
Tale processo passa anche attraverso il
rafforzamento dei poteri dell’esecutivo, in
particolare del presidente, George W.
Bush, il quale, mediante la Risoluzione
Congiunta di “Autorizzazione all’uso della forza militare”, approvata dal Congresso degli Stati Uniti il 15 settembre 2001, è
stato autorizzato «all’uso di tutta la forza
necessaria e appropriata contro quelle
nazioni, organizzazioni o persone che
egli stesso decida» siano coinvolti a vario
titolo negli attacchi dell’11 settembre.
L’approvazione da parte del Congresso
(26 ottobre 2001) dello Usa Patriot Act ha
alterato ancora di più i delicati equilibri
dell’assetto politico-istituzionale degli Stati Uniti: le misure introdotte rafforzano infatti il potere esecutivo, neutralizzano i
meccanismi di protezione delle libertà
fondamentali e riducono il controllo giu-
diziario sulle procedure penali.
Tale decreto, inoltre, autorizza l’Attorney
general, il ministro della Giustizia, a
«prendere in custodia» ogni straniero sospettato di attività che mettano a repentaglio la «sicurezza nazionale degli Stati Uniti». La sospensione del diritto statunitense
per gli individui che non godano della nazionalità americana rientra nel più generale processo di autorizzazione a un illimitato esercizio del potere e costituisce la
premessa per la cancellazione dello statuto giuridico di chiunque sia considerato “nemico” dall’amministrazione Bush.
Una cancellazione legittimata da diversi
provvedimenti del governo Usa, il primo
dei quali porta la firma di George Bush.
Il 13 novembre 2001, infatti, «in forza dell’autorità di Presidente e Comandante in
Capo delle Forze armate degli Stati Uniti»,
Bush ha consegnato al Federal Register
un’ordinanza militare relativa alla «detenzione, trattamento e procedimento nei
confronti di alcuni non-cittadini nella
guerra al terrorismo». L’ordinanza autorizza la «detenzione indefinita» di «ogni individuo non cittadino degli Stati Uniti nei
confronti del quale» lo stesso Bush determini «che vi siano ragioni per ritenere che»
appartenga ad Al Qaeda, o che comunque abbia partecipato, cospirato o concorso in atti di terrorismo internazionale.
L’ordinanza stabilisce inoltre che ogni individuo così arbitrariamente individuato,
definito “combattente nemico”, sia sottoposto alle regole di detenzione stabilite
dal dipartimento della Difesa e che il suo
processo sia affidato a “Commissioni militari”, tribunali speciali al di fuori di ogni
quadro giuridico, per i quali Bush ha stabilito «la non applicabilità» «dei princípi di
legge e delle regole di valutazione della
prova generalmente vigenti nei processi
penali» dei tribunali americani, deragliando dagli standard del giusto processo caratteristici del sistema penale statunitense.
La creazione di una nuova categoria di
prigionieri, i “combattenti nemici”, produce dunque esseri giuridicamente inclassificabili, soggetti di una pura signoria di fatto, o, per dirla con Senese, «soggetti che
sono prigionieri, ma non sono prigionieri
di guerra, soggetti che sono prigionieri,
ma non sono prigionieri di diritto comune e che quindi non hanno statuto».
I documenti segreti scambiati tra dicembre 2001 e febbraio 2002 tra la Casa Bianca e il dipartimento di Giustizia, di Stato e
di Difesa per definire lo “status” giuridico
dei prigionieri della guerra al terrorismo
(si veda l’accurata ricostruzione di Cinzia
Sciuto, Torture act, MicroMega, 4/2004)
testimoniano come l’amministrazione
Bush abbia operato in maniera sistematica e consapevole affinché ad ogni “combattente nemico”, disconosciuto persino
nel suo status di nemico legittimo, fosse
negato l’accesso alle garanzie del diritto
penale e processuale ordinario degli Stati Uniti e di quello internazionale.
Il 21 gennaio 2002, per esempio, i comandi operativi militari hanno ricevuto
dal presidente di Stato maggiore, generale Richard B. Myers, una nota del segretario alla Difesa, Donald Rumsfeld. Nella
nota, Status of Taliban and al-Qaida,
Rumsfeld sostiene che i prigionieri catturati nel corso della guerra al terrorismo
«non sono titolari dello status di prigioniero di guerra ai sensi della Convenzione di
Ginevra del 1949». Il 22 gennaio 2002, Jay
Bybee, capo dell’ufficio legale del dipartimento di Giustizia, sostiene in un memorandum che «lo status di “failed State” dell’Afghanistan è da solo motivo sufficiente
perchè il presidente sospenda la Terza
Convenzione di Ginevra» (quella relativa,
in particolare, al trattamento dei prigionieri di guerra); il 25 gennaio 2002, Alberto Gonzales, allora consigliere legale della Casa Bianca, dichiara perfettamente legale «una certa flessibilità» nell’osservanza
delle norme internazionali in materia di
diritti e doveri delle truppe d’occupazio-
Fondazione
7
La violenza del più forte
ne; il 1 febbraio è invece il ministro di Giustizia, John Ashcroft, a sostenere, in una
lettera inviata al presidente, di essere contrario all’applicazione dei trattati internazionali al conflitto in Afghanistan.
Il frenetico scambio di pareri legali si conclude il 7 febbraio 2002 con un memorandum redatto dal presidente Bush, secondo il quale «nessuna della convenzioni di Ginevra si applica al nostro conflitto
contro al-Qaeda in Afghanistan o in qualunque altra parte del mondo».
La discriminazione unilateralmente decisa verso i “combattenti nemici”, indice di
una forte regressione sul terreno della civiltà politico-giuridica, non soltanto incrina pericolosamente l’universalismo giuridico, ma spoglia l’altro, come ricorda Senese, «di ogni connotato di umanità», rendendo plausibile la pratica della tortura
nei confronti di quelli che, rispetto alla justa causa, sono «non più uomini, ma nemici, fuori della legge, fuori dell’umanità».
Alla legittimazione ideologica promossa
con abilità retorica, e basata sulla contrapposizione manichea tra il Bene e il
Male, per sconfiggere il quale tutto è permesso, l’amministrazione Bush ha unito i
migliori sforzi dei suoi consulenti legali,
sollecitati a giustificare giuridicamente la
tortura.
Il 1 agosto 2002, per esempio, in un memorandum indirizzato ad Alberto Gonza-
les, Jay Bybee, dopo aver sostenuto che,
per poter essere definite torture, le pene
fisiche inflitte ai detenuti devono «essere
equivalenti in intensità alle pene che accompagnano serie lesioni fisiche, come il
malfunzionamento di un organo, la menomazione di funzioni corporali, o anche
la morte», e che quelle psicologiche devono «produrre un significativo danno
psicologico di una significativa durata»,
sostiene che «la necessità o l’autodifesa
possono giustificare metodi di interrogatorio che possono violare» il Codice degli
Stati Uniti.
Nel gennaio 2003, poi, Rumsfeld incarica
un gruppo di lavoro di analizzare tutte le
«questioni legali, politiche e operative relative agli interrogatori dei detenuti nell’ambito della guerra al terrorismo»: nel
rapporto conclusivo (che include una tabella con 35 tecniche di interrogatorio, 24
delle quali saranno approvate da Rumsfeld il 16 aprile 2003), si sostiene, tra l’altro, che il presidente degli Stati Uniti, in
quanto comandante in capo delle forze
armate, «non è vincolato né alla legge nazionale né a quella internazionale sulla
proibizione della tortura».
Ancora una volta è l’autorità del comandante in capo a giustificare le più gravi
violazioni. Il presidente degli Stati Uniti
sembra incarnare dunque una nuova tipologia di sovrano: un iper-sovrano che,
in virtù della sua autorità ab-soluta, si libera di ogni subordinazione al diritto per
affermarsi come legibus solutus, capace di
accordare legittimità a pratiche che non la
possiedono e sospendere il diritto, creando uno spazio vuoto di diritto in cui tutte
le determinazioni giuridiche siano disattivate, un non-luogo, cioè, all’interno del
quale sia lecito violare i diritti degli individui. Un luogo come Abu Ghraib, dove,
secondo il rapporto redatto nel marzo
2004 dal generale di divisione Antonio
Taguba, sono stati inflitti ai detenuti «abusi sadici, evidenti e arbitrari in modo criminale».
L’amministrazione Bush, dunque, ha
creato le condizioni politico-giuridiche
necessarie al radicamento della tortura: risolvendo l’ordine giuridico nella giustificazione del diritto del più forte e demonizzando strumentalmente l’avversario,
ha autorizzato la violenza più cruda; realizzando uno spazio anomico, in cui è sostanzialmente sospesa la “vis obligandi”
del diritto e in cui provvedimenti che non
sono formalmente leggi ne acquistano la
forza, ha sollecitato l’arbitrio assoluto;
adottando provvedimenti eccezionali per
difendere l’ordinamento democratico, si è
privata degli strumenti che garantiscono
l’integrità e la sopravvivenza di quello
stesso ordinamento.
Giuliano Battiston
Interventi 2. Alessandra Gianelli
Ci sono alcuni aspetti, anche cruciali, del diritto internazionale
che oggi sono in crisi, e tra questi soprattutto la norma fondamentale sul divieto dell’uso della forza e sul ricorso alla guerra.
Ma il divieto di tortura mi sembra una di quelle norme assolutamente ferme, e anzi dotate di meccanismi di garanzia che non
si ritrovano per molte altre norme internazionali. Secondo me il
problema non sta nel diritto internazionale, il problema sta nel
diritto interno, nel diritto statale.
[…]
Di per sé il diritto internazionale non riesce ad entrare nell’ordinamento giuridico di uno Stato, ma ha bisogno che questo ordinamento si apra agli obblighi, ai poteri, alle facoltà, ai diritti
che il diritto internazionale attribuisce allo Stato.
E tanto più questo ordinamento si apre, tanto meno è necessa-
8
Fondazione
rio un intervento statale, per esempio del Parlamento, per ogni
singola norma a cui si vuole dare esecuzione.
Un problema è che a volte le norme internazionali generali, proprio perché sono consuetudinarie, hanno un carattere piuttosto
generico. Un altro problema è che non tutte le norme, neanche
di diritto internazionale generale, sono, come si dice, self-executive, cioè non hanno quei caratteri che permettono immediatamente all’operatore del diritto interno di dare attuazione alla
norma autonomamente, ed è necessario quindi, in questo caso,
un qualche intervento del legislatore.
Il sistema non funziona non perché non ci sia la norma internazionale; non funziona perché il nostro legislatore o i legislatori
di altri Stati non danno esecuzione a questo preciso obbligo posto dalla norma internazionale.
La tortura oggi. Il diritto
Una inquietante assenza di leggi
Intervista a Luigi Ferrajoli
Nel suo intervento al convegno sulla
tortura Lei ha parlato di un fondamentalismo dell’Occidente, perché?
«Nella lotta al terrorismo l’Occidente
mette in pratica un fondamentalismo
simmetrico a quello degli “altri”. Il nemico, che sia un intero Paese o un so-
spetto terrorista, viene identificato come il “male assoluto”. In questa lotta
l’Occidente identifica se stesso come
il “bene”, legittimando di fatto anche
la pratica sistematica della tortura,
considerata uno strumento utile a
sconfiggere il “male”. Si tratta di un tipo di tortura strutturale che io chiamo
“strategica”. È la tortura come strumento di controllo e di governo, utilizzata a suo tempo in America latina
e oggi praticata ad Abu Grahib, a
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
Fondazione
9
Intervista a Luigi Ferrajoli
Guantanamo, in Afghanistan. Mi sembra, questa, un’involuzione fondamentalista da parte “nostra”, che mette in pericolo le basi giuridiche delle
democrazie occidentali: la tortura,
cioè la negazione del diritto, diventa
strumento giuridico di intervento in
una guerra che perde i suoi confini
con il diritto penale».
Negli ultimi due anni diversi reportage pubblicati da media anglosassoni
(BBC, Guardian, Washington Post)
hanno dimostrato che l’Afghanistan è
diventato una enorme Guantanamo,
con caserme-carceri dove migliaia di
“desaparecidos” vengono detenuti e
torturati dalle forze della coalizione.
A volte le vittime di tortura muoiono,
a volte vengono rilasciate senza una
spiegazione. È stato anche dimostrato
che ci sono decine e decine di casi in
cui i servizi di sicurezza statunitensi,
spesso in collaborazione con i servizi
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
10
Fondazione
locali, prelevano in ogni paese del
mondo (Stati Uniti, Svezia, Canada,
Gran Bretagna, Italia e altri) sospetti
terroristi per poi interrogarli in paesi
dove la tortura è praticata quotidianamente, come l’Egitto, la Giordania
o uno dei grandi nemici degli Stati
Uniti, la Siria.
«Appunto, si tratta di una tortura ‘strategica’».
In Italia se ne è parlato soprattutto in
relazione all’interrogativo se il nostro
La tortura oggi. Il diritto
governo fosse a conoscenza del rapimento in piena Milano da parte della
Cia di un sospetto terrorista internazionale, avvenuto nel marzo del
2003. A denunciare la sua scomparsa con un’intervista alla Bbc è stato a
febbraio un magistrato italiano che
stava indagando proprio su di lui. Ma
della circostanza che un uomo sia stato torturato “in trasferta” si è parlato
pochissimo in Italia…
«Se il governo fosse stato al corrente
dell’operazione si sarebbe reso complice di un reato gravissimo. È un fatto di
enorme rilevanza e non mi stupisce che
si sia parlato poco delle torture che
l’uomo ha subito. Se si esclude il caso
di Abu Grahib, documentato addirittura dalle foto, la tortura è ancora oggi
considerata un fenomeno medioevale,
premoderno, insomma superato, che
non ci riguarda più. Ma non è così, ci
riguarda molto da vicino, come dimostrano il caso del rapimento di Milano
e, andando indietro nel tempo, i fatti
avvenuti nella caserma di Bolzaneto,
che furono allora rivelati grazie alla testimonianza di alcuni bravi giornalisti.
Una circostanza per così dire fortunata.
In genere, infatti, chi denuncia di aver
subito torture da parte delle forze di polizia non viene creduto, anzi, spesso
viene anche accusato di calunnia. Nel
2001 a Genova e prima a Napoli è stato attuato un tipo di tortura illegale, ma
tradizionale, diverso dalla tortura che
ho chiamato strategica».
zione e violenza gratuita, i maltrattamenti che arrivano alla tortura su persone private della libertà non mi stupisce che vengano compiuti in assenza di testimoni. E c’è l’aggravante che
il nuovo codice di procedura penale
permette l’interrogatorio di polizia in
assenza dell’avvocato difensore, cancellando una norma del 1974 che invece lo considerava illegale».
Secondo Lei della cancellazione di
questa norma sull’interrogatorio di
polizia che può creare le condizioni
per degli abusi si è parlato abbastanza prima che passasse la riforma del
codice di procedura penale?
«Se ne è parlato molto, ma non è servito. Ormai nel nostro Paese la politica ha
un’agenda dettata dai sondaggi d’opinione… E poi c’è una questione per così dire culturale. Chiamare le cose col
proprio nome vuol dire ammetterne l’esistenza».
è adeguata per questo crimine. Per capire quanto questo sia grave, basti
pensare che in Italia la tortura sarebbe vietata, prima ancora che dalla
Convenzione contro la tortura del
1984, che il nostro Paese anche ha ratificato, dall’articolo 13 comma 4 della Costituzione. L’Italia ha anche ratificato lo Statuto della Corte Penale Internazionale, firmato nel 1998 proprio
a Roma, che stigmatizza come delitto
di tortura qualunque atto che consiste
“nell’infliggere intenzionalmente gravi
dolori o sofferenze, fisiche o mentali,
a una persona di cui si abbia la custodia o il controllo”. Neanche dopo Genova e Napoli si è capita la gravità di
questa lacuna nel nostro ordinamento. Sono anni ed anni che insieme ad
amici giuristi e parlamentari scrivo disegni di legge, ma non si è mai arrivati ad un risultato».
Anche durante gli anni di governo del
Centrosinistra?
Cioè?
«Si, con lo stesso risultato. Zero».
«Introdurre il reato di tortura significherebbe, appunto, ammetterne l’esistenza nel nostro Paese. E non è questione di oggi. Ricordo lo scandalo
che si creò quando un magistrato coraggioso, Vittorio Borraccetti, dimostrò che alcuni brigatisti che avevano
rapito il generale Dozier erano stati
torturati durante la detenzione».
Oltre alla mancanza di pene commisurate alla gravità del reato quali sono le conseguenze di questa lacuna
nel nostro ordinamento?
In cosa consiste la differenza
Ma oggi non ci sono degli strumenti
giuridici internazionali di garanzia?
«Questo tipo di tortura non viene teorizzato come arma contro il terrorismo, come nel caso della tortura “strategica”. Mentre quest’ultima infatti è
addirittura codificata in manuali che si
possono comprare in una qualsiasi libreria, il tipo di tortura “occulta” è
praticata nel segreto delle camere di
sicurezza ed è caratterizzata da un’enorme cifra nera. Non sappiamo nulla di quanti siano gli atti di intimida-
«La nostra situazione è paradossale. Le
numerose norme di diritto internazionale che vietano la tortura ne prescrivono anche la previsione e punizione
come crimine interno degli Stati, ma
in Italia il reato di tortura ancora non
esiste, non è stato mai introdotto nel
nostro ordinamento! Questo implica
che per punire chi pratica la tortura la
magistratura deve riferirsi ad altri reati previsti dal codice, la cui pena non
«Se si introducesse il reato di tortura ci
sarebbe un forte effetto deterrente.
Dei semplici “abusi” non creano nell’opinione pubblica quel senso di
scandalo e stigmatizzazione verso le
forze di polizia che invece susciterebbe un’accusa per tortura ove questa si
verificasse. Nella situazione attuale,
nazionale ed internazionale, c’è il pericolo che questi crimini vengano
commessi senza la consapevolezza di
compiere un gravissimo reato, insomma credendo che si tratti di pratiche
comuni verso le quali ci sia impunità.
Non sarebbe la prima volta che questo si verifica nella Storia, basta guardare agli anni del fascismo».
Intervista di Rebecca Samonà
Fondazione
11
La tortura oggi. Il rapporto di Amnesty International
Prima vittima i diritti umani
Nel mese di maggio, presso la sede
dell’istituto dell’Enciclopedia Italiana
a Roma, la sezione italiana di Amnesty
International ha presentato il suo rapporto annuale, che esamina le violazioni dei diritti umani in 149 Paesi.
Nel corso della conferenza stampa, significativamente intitolata “Il tradimento dei diritti umani”, Riccardo
Noury, portavoce della sezione italiana di Amnesty, ha delineato tre scenari che, considerati nel loro insieme,
aiutano a comprendere la gravità della situazione globale: la “guerra al terrorismo”, le “crisi dimenticate” e le
“violazioni ordinarie”, queste ultime
riguardano principalmente l’uso della
tortura.
La “guerra contro il terrore”, teorizzata, almeno ufficialmente, dopo l’attentato a Manhattan dell’11 settembre e
praticata attraverso gli interventi in Afghanistan e Iraq, rappresenta, secondo Noury, una pericolosa erosione
dello Stato di diritto, sia a livello nazionale che internazionale.
Questo aspetto è stato messo in luce
da Paolo Pobbiati, presidente della
sezione italiana, il quale ha denunciato l’inazione della comunità mondiale
e l’assenza dei singoli governi dinanzi a quella che sembra ormai rappresentare una spirale inarrestabile, che
si alimenta delle sue stesse paure. La
definizione di “terrorista”, ha spiegato
Pobbiati, costituisce un comodo viatico, in grado di legittimare le più palesi violazioni delle libertà fondamentali, da Guantánamo alla Cecenia, dalla
Cina allo Zimbabwe. D’altra parte, il
rispetto dei diritti umani è assente anche nei Paesi estranei alla lotta al terrorismo, come Cuba, Iran, Siria o ex
Birmania, dove si è perseguiti per motivi di opinione, oppure in realtà dell’Africa subsahariana, in cui la questione dei profughi si intreccia alle ir-
12
Fondazione
risolte crisi politiche, o, ancora, in
America latina, dove si registrano continui episodi di violenza esercitata dalle forze di polizia. La guerra al terrore, secondo Pobbiati, ha aggravato l’oblio di queste zone, dove le violazioni in materia di diritti umani sono ormai endemiche. Solo un rafforzamento di una politica multilaterale, che abbia nel rispetto delle libertà fondamentali il proprio criterio di attuazione, sarà in grado, ha concluso Pobbiati, di opporsi a una deriva esiziale
delle relazioni internazionali.
L’Italia, purtroppo, non ha dato in tal
senso alcun contributo valido, come
ha ricordato il direttore della sezione
italiana di Amnesty, Gabriele Eminente, il quale ha stigmatizzato il vuoto legislativo del nostro ordinamento giudiziario, ancora privo di una normativa che riconosca il reato di tortura. Tale assenza, secondo Eminente, va letta in relazione a un’insensibilità generale del governo italiano verso la questione dei diritti umani, come è dimostrato dal comportamento assunto in
materia di diritto di asilo; le rigide misure antisbarco e le continue “deportazioni” verso la Libia, indicano per
Eminente una convinta avversione ai
principi di solidarietà e accoglienza,
emblematicamente testimoniata dai
Centri di permanenza temporanea,
autentici luoghi di detenzione, più
volte denunciati anche in sede comunitaria e internazionale.
Nell’ultimo intervento, Paola di Pirro,
coordinatrice per la Cina della Sezione italiana di Amnesty, ha offerto un
quadro sconfortante della situazione
vigente nello Stato asiatico, dove la
violazione dei diritti umani è di carattere sistematico e connaturato all’esercizio del potere: dalla pena di morte, che riguarda 64 tipologie di reato,
dall’omicidio al tifo violento, alla tor-
tura, che spesso provoca la morte di
chi ne è vittima, dalla libertà religiosa,
formalmente riconosciuta e de facto
violentemente negata, al rigido controllo di internet, con la corresponsabilità dei fornitori di servizi internet
occidentali. A queste violazioni croniche, la Cina aggiunge la sua partecipazione alla nuova lotta al terrorismo
rivolta, in questo caso, contro i musulmani della regione dello Xinjiang,
dove, ha ricordato di Pirro, sono praticate le forme più crudeli di tortura.
Leggendo il Rapporto Annuale 2005,
basato su dati statistici relativi al periodo 1° gennaio – 31 dicembre 2004,
si ha la sensazione che Amnesty abbia
voluto riappropriarsi di un tema, quello dei diritti umani, che, negli ultimi
anni, è servito da sostegno per discutibili teorie e azioni politiche di singoli Stati nazionali, dagli interventi umanitari alle guerre contro i cosiddetti
Stati canaglia. Pur rimanendo ferma
ed esplicita la condanna di atti omicidi contro civili inermi, il rapporto denuncia allo stesso tempo l’arbitrarietà
della reazione bellica al terrorismo,
che, oltre a dimostrarsi inefficace, mina alla base qualsiasi speranza di un
equilibrio mondiale fondato sul rispetto dello Stato di diritto.
In questo contesto, l’attenuazione del
livello di sensibilità verso il divieto di
tortura, svolge un ruolo determinante
nell’accelerazione del processo di abbrutimento delle relazioni umane e
sociali.
Stando ai numeri del rapporto, in ben
95 dei 149 Paesi esaminati si sono registrati casi di maltrattamento e tortura da parte delle forze di polizia o di
altre autorità preposte alla sicurezza
dello Stato: 16 nell’Africa Subsahariana (tra cui Eritrea, Kenya, Sudan, soprattutto nella regione del Darfur,
Uganda e Zimbabwe, dove la tortura
Prima vittima i diritti umani
è un abituale strumento di repressione politica); 19 nelle Americhe (in Stati come Brasile, Messico o Haiti, in cui
la polizia tortura sistematicamente durante le fasi dell’arresto e della detenzione); 14 in Asia e nel Pacifico (dove,
oltre alla Cina, si hanno casi di tortura, tra gli altri, in Corea del Nord e in
Nepal dove i pestaggi e le violenze costituiscono una pratica comune negli
interrogatori); 30 in Europa e Asia centrale (molti Paesi della Ue, tra cui
Francia, Austria, Germania o Svizzera,
si segnalano per i maltrattamenti esercitati dalla polizia, spesso nei confronti di immigrati, mentre vere e proprie torture hanno luogo in Spagna,
nell’ambito della “lotta al terrorismo” e
nell’Est europeo in Bulgaria o Romania, o nell’ex-Urss, ad esempio Russia
e Tagikistan); 16 in Medio Oriente e
Africa del Nord (dove la tortura è praticata sistematicamente, da autorità
statali, in Algeria, Egitto, Iran, Yemen,
Israele, ma anche nei Territori amministrati dall’Autorità Palestinese).
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
Di questi 95 Paesi, 20 non hanno ratificato lo Statuto di Roma della Corte
penale internazionale; tra di essi, spiccano Stati Uniti, Israele e Pakistan, impegnati a vario titolo sul fronte antiterrorismo. Risultano 9, invece, i Paesi dove la tortura e la violenza sui prigionieri sono state compiute da gruppi armati (ad esempio nella Repubblica democratica del Congo e in alcuni
Stati nord-orientali dell’India).
È opportuno dare nota dei numeri riguardanti quelle condizioni che favoriscono oggettivamente la pratica della tortura, ossia: le incarcerazioni senza accusa né processo (registrate in 37
Paesi), le detenzioni in centri segreti
(riscontrate in 10 Paesi), i governi che
hanno violato i diritti umani mediante
una legislazione anti-terrore (12) e i
Paesi in cui maltrattamenti e torture
sono stati eseguiti nel contesto della
guerra al terrorismo (12). Alle ultime
due categorie appartengono Usa e
Gran Bretagna, di cui il Rapporto denuncia l’applicazione reiterata della
tortura ad opera sia dei militari americani nelle prigioni di Bagram in Afghanistan, di Abu Ghraib in Iraq e nel
campo di detenzione di Guantánamo
Bay (circa 300 casi di denunce complessive), sia dei soldati inglesi nelle
zone irachene sotto controllo britannico. Vengono poi segnalati continui
reati di maltrattamenti sul territorio
nazionale di Stati Uniti e Gran Bretagna, in applicazione appunto delle
norme anti-terrorismo (ma anche, nel
caso del Regno Unito, nel contesto del
decennale conflitto in Irlanda del
Nord).
L’adozione della tortura come pratica
sistematica, da parte di due nazioniguida della politica occidentale, rappresenta il sintomo più allarmante del
processo di indebolimento della nozione stessa di diritti umani, allorché
questi, in nome della loro difesa, vengono programmaticamente violati. Di
fronte all’immobilismo delle istituzioni internazionali, che spesso assume
le forme di un complice silenzio, Amnesty, anche attraverso la pubblica-
Fondazione
13
La tortura oggi. Il rapporto di Amnesty International
zione di questo importante documento, non cessa di adoperarsi per favorire la creazione di una società mondiale fondata «sullo Stato di diritto
piuttosto che sul potere arbitrario, sulla cooperazione globale piuttosto che
sull’avventurismo unilaterale, nella
convinzione che il rispetto dei diritti
umani è il miglior antidoto contro il
‘terrorismo’». Importanti segnali sono
in tal senso la decisione della Corte
suprema degli Stati Uniti, che ha riconosciuto alle Corti federali la giurisdi-
zione sui detenuti di Guantánamo e la
sentenza dei lord della Suprema corte
di giustizia britannica contro la detenzione senza processo dei sospetti di
terrorismo.
La costante campagna di sensibilizzazione per estendere il divieto di tortura, si coordina con l’azione volta a promuovere un trattato internazionale per
il controllo del mercato delle armi, principale sostegno ai conflitti sparsi per il
globo, e con quella in difesa delle donne, continuamente esposte a una vio-
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
14
Fondazione
lenza ormai cronica, che le perseguita
dalle mura di casa ai teatri di guerra.
La tortura, scrive nella prefazione Irene Khan, segretaria generale di Amnesty International, «disumanizza al
contempo la vittima e l’aguzzino. Rappresenta il massimo grado di corruzione dell’umanità»; la lotta sempre vigile alla pratica della tortura costituisce la base della civiltà. «Se la comunità internazionale permette l’erosione di questo pilastro fondamentale conclude Khan - non può pensare di
riuscire a salvare il resto».
Nicola Zippel
Dentro la Fondazione
Appunti di lavoro
Seminario Internazionale:
la tortura oggi nel mondo
• «Le notizie su reiterati episodi di tortura che
hanno scosso il mondo recentemente non sono
soltanto sintomo della crisi di effettività del
Diritto internazionale. La tortura infatti rappresenta uno dei momenti di crisi più acuta del
rapporto con “l’altro”. Condannata, ripudiata e confutata nelle sue pretese giustificazioni
teoriche, riappare sotto forme e motivazioni diverse costringendo tutti ad interrogarsi sulle
dinamiche che la generano».
Per questo la nostra Fondazione ha ritenuto
importante e urgente promuovere un Seminario internazionale sulla tortura da sviluppare nel corso del 2005 in tre sessioni e in
tempi diversi, in tre città italiane.
La sessione di Roma, presieduta da Linda
Bimbi e Gianni Tognoni, su America Latina
e Sud Africa si è svolta, con il patrocinio e finanziamento della Provincia di Roma, il 21
maggio scorso presso la Sala di Porta Castello con il seguente programma:
Mattina
Intervento del Direttore generale della Provincia di Roma: Pietro Barrera
Introduzione generale: Franco Ippolito
Tortura e Diritto internazionale: Alessandra
Gianelli
Tortura e dittature militari in America Latina negli anni ’70 – La dottrina della sicurezza nazionale: Salvatore Senese
Argentina – Dalla violenza della dittatura alla Nuova Argentina – inchieste e processi
contro i Generali: Eduardo Freiler
Partecipazione di Leandro Despouy, relatore
speciale delle Nazioni Unite per l’indipendenza della magistratura e dell’avvocatura.
Pomeriggio
Tattica e strategia del golpe militare cileno e
le responsabilità del Dipartimento di Stato:
Andrea Mulas
Violazione dei Diritti umani in Cile e il processo a Pinochet: Maria Rosaria Stabili
La tortura nel sistema dell’Apartheid: il Sud
Africa di Mandela e l’accertamento della verità: Marcello Flores
Il dolore e la memoria nella costruzione dello stato di Diritto: Michael Lapsley
Considerazioni finali: Luigi Ferrajoli.
La seconda sessione si svolgerà a Napoli il 5
novembre 2005 in collaborazione con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici sul tema:
Europa e area mediterranea.
La terza sessione si svolgerà a Firenze il 3 dicembre 2005 con la collaborazione della Regione Toscana e si occuperà di tortura nel
contesto del ritorno della guerra: g u e r r a
vera vis-à-vis, guerra al terrorismo.
sofi (Michelangelo Bovero, Giacomo Marramao), giuristi (Luigi Ferrajoli, Stefano Rodotà, Salvatore Senese), sociologi (Carlo Donolo, Eligio Resta), storici (Marcello Flores, Anna Rossi Doria, Mariuccia Salvati), storici del
diritto (Pietro Costa). Partendo dalla ricostruzione del contesto storico in cui fu approvata
la Dichiarazione universale, i relatori si sono
soffermati, da angolazioni diverse, sul faticoso iter seguito dai diritti dell’uomo, fino ad arrivare a trattare dei nuovi diritti, con cui è
adesso necessario confrontarsi.
Convegni
La Costituzione europea
• Il 17 maggio e il 15 giugno 2005 si sono
svolti i due convegni che avevamo preannunciato nel numero precedente: rispettivamente, Enron e Parmalat. Due “sistemi-paese” a confronto (nell’ambito del programma
“La tutela dei diritti tra autorità indipendenti e giurisdizione”) e “Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo” (10 dicembre
1948): nascita, declino e nuovi sviluppi
(nell’ambito del programma “Globalizzazione e diritti universali”).
Al primo hanno partecipato esponenti della
magistratura (Francesco Greco, Renato Rodorf, Giovanni Salvi), professori di diritto e di
economia (Alberto Alessandri, Bruno Inzitari, Marco Onado), un membro degli ordini degli avvocati di Washington e Parigi (William
B. McGurn), un parlamentare (on. Alfiero
Grandi, vicepresidente della Commissione
Finanze della Camera dei deputati); ha coordinato Elena Paciotti e ha concluso Giuliano
Amato. Attraverso l’analisi dei due casi, Enron e Parmalat, è stato delineato un confronto tra il sistema statunitense e quello italiano
da cui sono emerse le profonde differenze
esistenti e anche l’impossibilità di importare
in Italia un modello che mal si adatterebbe
alla nostra realtà. Due i temi su cui è stata in
particolare richiamata l’attenzione: la tutela
civile del risparmio e il sistema dei controlli.
Il convegno sulla Dichiarazione universale
dei diritti dell’uomo del 1948 ha visto la partecipazione di economisti (Paolo Leon), filo-
• Per la seconda metà del novembre 2005 è
in corso di preparazione un convegno internazionale il cui titolo provvisorio è Quale futuro per l’Europa costituzionale? La Fondazione Basso intende infatti proseguire il suo
impegno di riflessione e di studio sul processo di costituzionalizzazione dell’Unione europea e in questo momento ritiene opportuno
offrire il proprio contributo al dibattito sui
problemi posti dalla battuta di arresto subita
dal processo di ratifica del Trattato costituzionale con l’esito dei referendum in Francia
e in Olanda. E ciò tenendo ben presenti i rischi che si prospettano per la democrazia e
per i diritti fondamentali delle persone, se
nelle decisioni assunte a livello europeo non
sarà assicurato il rispetto sia della volontà dei
rappresentanti dei popoli europei sia della
Carta dei diritti fondamentali dell’Unione.
Globalizzazione
e diritti fondamentali
• Il 18 ottobre 2005, si svolgerà a Roma il secondo dei convegni previsti dal programma
“Globalizzazione e diritti universali” che
avrà come tema Diritti sociali e mercato globale. I temi affrontati da più punti di vista saranno: Il ruolo dell’organizzazione internazionale del lavoro, I diritti socio-economici tra
lex mercatoria e organismi internazionali, Il
ruolo dell’Unione europea, Sfera pubblica
mondiale e garanzie sociali. Vi parteciperanno economisti, giuristi, sociologi.
Fondazione
15
Dentro la Fondazione
Gruppo Colombia
• Il Gruppo Colombia ha preso parte all’Assemblea dell’ONU dei popoli e alla Marcia
per la Pace Perugia – Assisi nell’ambito del
III Forum internazionale Colombia vive! che
si è tenuto a Cascina nei giorni 17-18 settembre 2005.
Partecipazione al working
group on indigenous people
• In rappresentanza del Gruppo di Ricerca Lelio Basso per i Diritti Indigeni (GRI), la delegazione guidata da Gerardo Bamonte e costituita dai ricercatori del GRI, Maura Romeo,
Elena Santiemma e Tullia Baldassari, ha partecipato alla 23° Sessione del Gruppo di Lavoro sulle Popolazioni Indigene dell’Onu
svoltasi a Ginevra dal 22 al 26 Luglio 2005.
Ad accompagnare il Gruppo, quale invitata
speciale, è stata la professoressa Maria de
Lourdes Beldi de Alcantara, docente alla
Universidade de Sao Paulo in Brasile. L’accreditamento è stato realizzato grazie all’interessamento di Verena Graf, segretaria della
Lega Internazionale per i Diritti e la Liberazione dei Popoli (LIDLIP), ONG con status
consultivo presso ECOSOC.
La partecipazione a tale evento ha consentito di instaurare, in maniera diretta, contatti
con differenti gruppi indigeni e delegazioni
governative.
Due le aree alle quali è stata dedicata particolare attenzione:
• Sud Est Asiatico di cui si è occupata
Tullia Baldassarri
• America Latina che ha come referente
Maura Romeo.
Parallelamente al Working Group si è svolto
il Social Forum 2005 indetto dalla Sottocommissione per la Promozione e Protezione dei
Diritti Umani, a cui ha assistito Elena Santiemma.
Di entrambi gli eventi si è prodotta una documentazione dettagliata, disponibile per la
consultazione presso il Centro Studi Americanistica “Circolo Amerindiano” di Perugia.
• È stato appena pubblicato il IV volume degli “Annali” della Fondazione, in gran parte
dedicato all’attività politica di Basso tra gli
anni quaranta e gli anni sessanta. Esso comprende un ampio saggio di Fabrizio R. Amati su “Il movimento di unità proletaria (19431945)”e sul ruolo in esso avuto da Basso, un
saggio di P. Mattera su “Lelio Basso e il Psi
dalla destalinizzazione al centro-sinistra
(1955-1963)” e uno scritto-testimonianza di
Elio Giovannini sulla “liquidazione” di Basso dal Psi nei primi anni cinquanta.
Pubblicazioni
Le attività della Scuola
di giornalismo
• È stato di recente pubblicato il catalogo del
fondo sulla Comune di Parigi posseduto dalla biblioteca Basso. Il volume, dal titolo La
Comune di Parigi nella biblioteca Basso,
16
pubblicato dall’editore Olschki, oltre al catalogo del fondo e a una ricca bibliografia, comprende una introduzione di Mariuccia Salvati e, in appendice, un saggio sulla Comune
della stessa Salvati e il testo di un discorso
commemorativo pronunciato da Lelio Basso
nel corso di una seduta straordinaria tenuta
dal Comune di Bologna nel 1971, in occasione del centenario della Comune di Parigi.
Fondazione
• Sono in preparazione e saranno pubblicati
tra ottobre e novembre 2005 due volumi che
comprenderanno gli atti dei due convegni
svoltisi il 17 maggio e il 15 giugno.
• Prossimamente saranno disponibili gli Atti del Convegno su “La tortura oggi nel mondo” (Roma 21 maggio 2005).
• Di prossima pubblicazione sono le relazioni presentate al X Corso di Formazione e Perfezionamento sul Diritto dei Popoli “Incontro
o scontro di civiltà?” svoltosi a Roma presso
Palazzo Marini da febbraio a giugno u.s. Tale
compendio, che sarà pubblicato a cura della
Casa editrice Sperling & Kupfer, racchiuderà i testi e le testimonianze di: Ignacio Ramonet, Sami Naïr, Roberto Toscano, Ramin
Jahanbegloo, Amira Hass, Salvatore Senese,
Madjid Benchikh, Biancamaria Scarcia
Amoretti, Tariq Ramadan, Michael Lapsley,
Don Luigi Ciotti, Andrey Soldatov, Dima
Khatib
• Nel mese di giugno la Scuola di giornalismo
ha concluso il primo ciclo di lezioni e nei mesi di luglio e agosto gli allievi di entrambi i
corsi hanno seguito gli stage previsti dal piano generale di studio per un totale di 250 ore.
Gli stage si sono svolti presso agenzie di
stampa (Ansa, Reuters, Dire, Misna, Ips,
Adnkronos, Redattore sociale): quotidiani
(La repubblica, La Gazzetta del Sud, La gazzetta del mezzogiorno, Il manifesto, L’unità,
Liberazione, Il corriere della sera, Italia oggi);
periodici (Libera, Carta, Nuova ecologia, Avvenimenti, Aprile), radio (Radio vaticana,
Giornale radio Rai, Radio Città aperta) e televisioni (Tg La 7, Romaone, Rainews 24),
ma anche presso la redazione televideo del
Comune di Roma, Axia Multimedia, la Fondazione Musica per Roma e l'Ufficio comunicazione del Comune di Roma.
Complessivamente i risultati degli stage possono considerarsi positivi da molti punti di
vista; con alcune eccezioni gli studenti hanno espresso piena soddisfazione e i rapporti
dei tutor degli stage sono stati molto buoni e
spesso lusinghieri.
Ma non si tratta solo di parole vuote, ci sono
risultati concreti che devono essere tenuti in
considerazione e riguardano le possibilità future di impiego degli allievi della scuola.
Senza entrare nei dettagli passiamo a elencare i risultati concreti. Un numero limitato di
studenti ha ottenuto contratti di lavoro di praticantato giornalistico per essersi fatti apprezzare per le loro capacità durante lo stage.
Un gruppo molto più vasto si è visto offrire
rapporti di collaborazione non contrattualizzati, come “free lance”, per utilizzare una terminologia in voga. Ad altri ancora è stato offerto di continuare lo stage, una volta concluso il corso, con prospettive di rapporti di lavoro più stabili in futuro.
Si può affermare che oltre la metà degli allievi della scuola ha ottenuto dalla partecipazione allo stage delle possibilità di inserimento nel mondo del giornalismo e della comunicazione. Risultato non disprezzabile vista la pesante chiusura e la crisi dell’occupazione particolarmente acuta nel settore giornalistico.
Il corso si conclude con gli esami tenuti dal
10 al 14 ottobre in corso di svolgimento
mentre veniva chiuso questo numero di
Fondazione.
Dentro la Fondazione
Libri sulla, della e attorno alla Fondazione
Giancarlo MONINA (a cura di), Il Movimento di Unità Proletaria (1943-1945). Con due
contributi su Lelio Basso e il PSI nel dopoguerra, Carocci editore, 2005. (248 pagine)
Il libro si articola su tre saggi che, attraverso
un’approfondita analisi di tre momenti cruciali per la storia della Sinistra italiana, testimoniano la straordinaria portata dell’esperienza politica e intellettuale di Lelio Basso .
Il primo di questi tre momenti è quello della
Resistenza e delle lotte partigiane: il saggio
di Fabrizio Amati (nettamente il più ampio
dei tre) evidenzia l’importanza del ruolo del
Movimento di unità proletaria (Mup), che
ebbe in Lelio Basso uno dei fondatori.
Spesso snobbato dalla storiografia, pure molto attenta alle vicende di quegli anni del Partito comunista e del Partito d’azione, il Movimento di unità proletaria ebbe il merito di
formulare e di praticare un delicato percorso
politico e programmatico che potesse indicare ai socialisti italiani il modo di superare le
tensioni e le storiche divisioni tra ‘riformisti’
e ‘massimalisti’.
La breve storia del Movimento si chiuse con
la fusione con il Psi per dare vita, nell’agosto
del 1943, al Partito socialista di unità proletaria (Psiup), nel quale Lelio Basso e i suoi
compagni assunsero fin dal primo momento
posizioni di primo piano.
I profili biografici e alcuni documenti di notevole suggestione aiutano il lettore a ricostruire l’originalità dell’esperienza del Mup,
e sottolineano lo straordinario contributo di
uomini che pagarono con la clandestinità, le
privazioni, e in alcuni casi con la morte il loro diritto alla libertà politica e alla partecipazione.
Il secondo saggio, scritto da Elio Giovannini,
ci porta all’Italia del post-1948, ovvero all’indomani di una delle sconfitte più dolorose per la Sinistra italiana.
La storia del PSI di quegli anni è la storia di
un Partito dominato dalla maggioranza facente capo a Nenni e dall’opposizione interna guidata da Morandi, di un partito segnato da una logorante subalternità al Pci
filostaliniano.
In questa cornice l’esperienza politica di Lelio Basso è ricostruita attraverso il suo tormentato rapporto col PSI, attraverso la sua
corrispondenza con Nenni, e ci trasmette il
dramma di un uomo desideroso di portare
avanti una critica serrata alle scelte del partito, allo stesso tempo però rimanendogli fedele al di sopra di ogni sospetto.
Dopo anni di duro isolamento all’interno del
Psi, Lelio Basso torna a rivestire un ruolo di
primo piano dopo il 1956. Come ci dimostra
il terzo saggio, scritto da Elio Mattera, il processo di ‘destalinizzazione’, avviato dal XX
Congresso del Pcus, aveva consentito la
creazione di nuove tensioni e di nuovi equilibri all’interno della Sinistra italiana e del
Psi.
E così la figura di Lelio Basso torna a occupare una posizione centrale nel dibattito che
porterà il Psi, a partire dal 1962, a divenire
protagonista del primo governo di centrosinistra, in una fase che segnerà l’addio di Lelio
Basso al Psi per la fondazione del nuovo
Psiup.
Daniele Marta
Andrea Mulas, Allende e Berlinguer. Il Cile
dell’Unidad popular e il compromesso storico
italiano. Lecce, Manni editore 2005, 252
pag, 18 euro.
Il libro di Andrea Mulas esce in un momento particolarmente significativo per la
storia cilena, mentre, gettata alle spalle la
buia eredità di Pinochet, il Paese riflette sul
suo passato e sulla esperienza dei tre anni
del governo di Salvador Allende. Una riflessione che non ci è estranea, vista la
grande influenza che gli avvenimenti cileni
ebbero sulla politica italiana. E di questo si
tratta nello studio di Mulas che, per discutere del compromesso storico italiano, parte da lontano.
Inquadra intanto l’esperienza cilena nel contesto latinoamericano, segnato profondamente dall’esperienza della rivoluzione cubana. Ma tutti i tentativi di trasferire sul continente l’esperienza vittoriosa di Fidel Castro
e dei suoi compagni conoscono una lunga serie di sconfitte e fallimenti in quasi tutti i
Paesi latinoamericani. Avviene così che iniziano a farsi strada le idee di transizione democratica al socialismo bollate immediatamente da Cuba come errate e “di destra”.
Fondazione
17
Dentro la Fondazione
D’altra parte in contrapposizione alla rivoluzione cubana gli Stati Uniti con Kennedy
lanciavano l’Alleanza per il progresso, che
avrebbe dovuto favorire le esperienze democratico-liberali favorendo lo sviluppo economico e il consolidamento delle borghesia locali. Ma nella grande maggioranza dei Paesi latino-americani prevalsero le preoccupazioni dei militari e fu la repressione contro i
“fuochi di guerriglia” e una serie di colpi di
stato autoritari che negarono le basi stesse
della impostazione kennediana dell’Alleanza per il progresso. Con l’eccezione del Cile
dove i governi democristiani di Eduardo
Frei tentarono di applicare i principi di sviluppo economico, grazie a ingenti aiuti statunitensi in un clima democratico, ma alla
vigilia dell’esperienza Allende anche questa
esperienza poteva considerarsi fallita. Scrive Mulas dopo aver illustrato i risultati economici del tutto negativi dei governi Frei:
«Si evince […] il fallimento del programma
freista (ammesso dallo stesso presidente ad
Allende: «la tua vittoria, Salvador, rappresenta per me una grande sconfitta»), complementare a quello della “Alianza para el
Progresso”, come pubblicamente riconosciuto nell’ottobre del 1969 anche da presidente Nixon».
È su questo sfondo che Salvador Allende
tenta una esperienza del tutto nuova, ma sono proprio queste condizioni generali a determinare le enormi difficoltà che il governo
di Unità Popolare si trova a fronteggiare.
«Occorre sottolineare, scrive Mulas, l’importanza fondamentale che ebbero il sottosviluppo e la dipendenza dell’economia cilena
[…] furono più deleterie per il governo di Allende la recessione dell’Europa occidentale
del 1971-72 (che provocò la caduta del prezzo del rame) e la ripercussione sulla bilancia
dei pagamenti dell’inflazione internazionale
che i mutamenti di struttura economica e sociale avviati in Cile». Il governo Allende si
pone con audacia e determinazione il problema di dare al Paese indipendenza economica come base per uno sviluppo che favorisca i ceti meno abbienti. Ma proprio questa
politica suscita sospetti e ostilità soprattutto
a Washington, ma ovviamente anche tra le
classi dirigenti cilene.
La “pericolosità” della politica di Allende
18
Fondazione
non sfugge a Henry Kissinger che intuisce
immediatamente che: «lo sviluppo politico
del Cile è gravido di pericoli per la sicurezza nazionale degli Stati uniti, a causa delle
influenze che può esercitare sulla Francia e
sull’Italia». Per il segretario di Stato americano la via democratica cilena appare ben
più pericolosa dei sterili tentativi guerriglieri, non solo per la salvaguardia del “cortile di casa” latino-americano, ma per più
vasti equilibri mondiali. E così fin dal primo momento gli Stati uniti intervengono pesantemente nella vita politica cilena per
rendere difficile, se non impossibile il successo dell’esperimento diAllende. Interventi di ogni tipo: dal finanziamento dei
partiti d’opposizione, alla costituzione di reti clandestine di spionaggio e sovversione,
fino agli interventi tesi a far dimenticare all’esercito cileno la sua tradizione (molto rara in America latina) di non intervento nella vita politica del Paese. Queste azioni, come sappiamo sfoceranno nel colpo di Stato
del generale Augusto Pinochet e nell’assassinio del presidente Allende.
Ma l’analisi di Andrea Mulas non si limita a
documentare l’ingerenza statunitense, ma
analizza le debolezze interne della coalizione e le difficoltà istituzionali. Allende diventa presidente senza avere la maggioranza del Paese e governa con un Parlamento
ostile e, a parte alcune eccezioni, sordo alle
aperture del presidente convinto tuttavia di
poter «usare un potere forte, la presidenza,
per modificare radicalmente la società cilena […] a condizione però di far pesare sulle
strutture statali, ancora influenzate da forze
reazionarie e conservatrici la forza del popolo mobilitato».
Tuttavia non va dimenticato che nelle elezioni comunali tenutesi durante la presidenza
Allende la coalizione di Unità popolare moltiplica i suffragi sfiorando il 50% dell’elettorato. Ma come sappiamo questo non bastò.
«Il fallimento del tentativo allendista, scrive
Andrea Mulas, aveva prodotto una grave lacerazione nella sinistra socialista e comunista non solo in Cile, ma anche in Italia, perché da un lato metteva in crisi il tipo di strategia gradualista dominante nei partiti comunisti occidentali, e dall’altro non riusciva
a indicare una strategia alternativa che aves-
se serie prospettive di successo che non fosse quella della guerriglia». Ma c’era un’altra
via, quella che in Italia tentò Enrico Berlinguer dando vita alla strategia del compromesso storico, analizzata nell’ultima parte
del libro alla luce dell’esperienza cilena.
Una luce che aiuta a capire meglio anche
quelle vicissitudini che segnarono profondamente la vita politica italiana e sulle quali
non si è mai riflettuto a sufficienza. Questo
studio offre una occasione preziosa per ripensare non solo al passato, ma alle prospettive italiane dell’oggi.
Massimo Loche
Guerra e Informazione
A cura di Maurizio Torrealta
Con interventi di: Baffour Ankomah, Abdel
Bari Atwan, Giovanna Botteri, Marc Cooper, Giovanni De Mauro, Antonio Ferrari,
Robert Fisk, Salima Ghezali, Amira Hass,
David A. Klatell, Joachom Manza, Anna
Politkovskaia, Ignacio Ramonet, Marjane
Satrapi, Mawfak Tawfik, Peter Verlinden.
Sperling & Kupfer editori, Milano 2005
290 pagine, euro 10,50
Il volume raccoglie i testi delle Conferenze
organizzate dalla Fondazione Internazionale Lelio Basso nel 2004. Fondazione si è
già occupate di questo libro nel n. 1 del
2005.
La tortura oggi. L'Occidente
Una logica autodistruttiva
Intervista a Nello Preterossi
Nell’intervista a Nello Preterossi - docente di Filosofia del diritto e Diritti dell’uomo presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Salerno e autore, tra l’altro, di Carl Schmitt e la tradizione moderna (Laterza 1996), Autorità
(Il Mulino, 2002), L’Occidente contro se
stesso (Laterza, 2004) - abbiamo cercato
di individuare le matrici, di ordine giuridico e politico, della tortura.
La guerra preventiva contro l’Iraq, decisa unilateralmente dall’amministrazione Bush, sembra aver messo in questione l’indissolubilità del nodo che lega la
forza alle regole, quell’indissolubilità
che, secondo l’analisi svolta nel suo ultimo libro, L’Occidente contro se stesso,
costituisce il duplice e contraddittorio
volto dell’Occidente moderno e che, sola, garantisce, attraverso la centralità
dei meccanismi di giuridificazione dell’esercizio del potere, che la nuda forza
sia trasformata in potere giuridico legittimo. Il limbo giuridico in cui vivono i
detenuti della base di Guantanamo, le
torture alle quali sono stati sottoposti i
detenuti nel carcere di Abu Ghraib, possono essere considerati manifestazioni
epidermiche di questa grave frattura inferta alla matrice stessa della tradizione
moderna del razionalismo politico-giuridico?
Le torture di Abu Ghraib e il campo di
Guantanamo sono delle trasformazioni
strutturali che non possono essere derubricate a episodi gravi ma contingenti; rappresentano una vera e propria fenomenologia dell’Occidente contro se
stesso. Indicano infatti un processo
strutturale di decostituzionalizzazione,
di abbandono del vincolo ai principi, ai
criteri e alle regole fondamentali del costituzionalismo, soprattutto novecente-
sco. Tali fenomeni revocano in dubbio
lo statuto non solo delle democrazie costituzionali, ma in qualche modo “tout
court” della modernità: essi sono l’espressione non solo di una svalorizzazione e di un attacco radicale al diritto,
ma, soprattutto, di un uso politico del
concetto di civiltà, che va in totale controtendenza rispetto a quella che è e dovrebbe essere la cifra della cultura “occidentale”. Prendendo sul serio l’idea,
altamente discutibile, che l’Occidente
sia una fortezza monolitica e che dicendo Occidente si intenda democrazia e libertà, sapendo che tale identificazione,
e soprattutto la pretesa di brandirla come un’arma, è culturalmente discutibile
e politicamente inaccettabile, ebbene,
detto ciò, proprio la reazione del cosiddetto Occidente alla guerra globale, soprattutto la reazione degli Stati Uniti, è
quanto di più contrario al senso normativo anche minimo della democrazia liberale, perché quel nucleo normativo è
frutto della costituzione dell’epoca moderna, che nasce proprio da un gesto di
neutralizzazione delle pretese fondazioniste, fondamentaliste della verità, soprattutto della verità teologica. Il moderno, cioè, è proprio uno straordinario
dispositivo, fortemente aporetico e contraddittorio, che funziona sulla base dello svuotamento di contenuti sostanziali
divenuti polemogeni, fonti di conflitto
estremo, per provare a costruire artificialmente ordinamenti non più basati su
mobilitazioni missionarie o su contenuti di verità assoluti, ma sulla distinzione
forte tra diritto e morale, politica e religione, foro interno e foro esterno.
Questo dispositivo originario, che assicura la laicizzazione degli ordini politico-giuridici, è cio che ha reso possibile
anche la costruzione delle libertà soggettive, della cosiddetta soggettività giu-
ridica moderna, perché all’interno di un
ordine effettivo ma “svuotato” sono
possibili nel tempo le libertà, i diritti.
I diritti, però, sono fondamentali nella
misura in cui sono ascritti a “tutti” gli uomini: l’universalismo non sta, dunque,
nella pretesa universalità della religione
o nella pretesa universalità dell’ideologia occidentale, ma nel prendere sul serio la soggettività giuridica, la titolarità
dei diritti di ogni uomo, l’indisponibilità
dei diritti, intesa come uguale rilevanza
dei diritti di ogni uomo in quanto tale.
L’ammissione di deroghe nel campo dei
diritti distrugge la credibilità, già molto
problematica, del nostro discorso normativo: le torture di Abu Ghraib fanno
emergere una strategia che in nome dell’universalità dell’Occidente, inteso come primato morale di una civiltà, produce come scontata la possibilità della
negazione della umanità, dell’universalità, della comune appartenenza, una
vera e propria strategia di deumanizzazione, a volte consapevole e cinica, a
volte, soprattutto nel discorso pubblico,
drammaticamente presupposta. Le torture di Abu Ghraib, cioè, sono il precipitato, la conferma della logica della politica assoluta, che implica inevitabilmente una denegazione dell’altro, la
sua criminalizzazione; il nemico, secondo questa logica di assolutizzazione dell’ostilità, è il nemico criminale, l’altro assoluto, ciò che, se denegato, consente
la piena purificazione dell’umanità, il
dispiegamento della propria spontanea
universalità e purezza. Tra l’altro, il corollario di questa denegazione dell’umanità altrui è l’essersi negato il cordoglio, come dice Judith Butler, l’indifferenza persino all’idea che ci sia una soglia minima sotto la quale non si puo
scendere.
Bobbio, nell’Età dei diritti, ci insegna
Fondazione
19
Intervista a Nello Preterossi
che, sebbene i diritti siano contraddittori, storici, ambivalenti, frutto di lotte, il
diritto a non essere torturato e il diritto
a non essere reso schiavo vanno considerati normativamente come assoluti;
questi due diritti non possono essere
oggetto di compromesso, non si possono ammettere dei vincoli, delle deroghe
nei loro confronti, perché un uomo torturato o reso schiavo è negato nella sua
soggettività, manipolato come una cosa.
Affinché ci siano dei diritti bisogna che
tutti gli uomini siano considerati come
soggetti e non come cose: ammettere
anche parzialmente la tortura e la schiavitù significa fuoriuscire dal presupposto minimo di qualsiasi giuridicità moderna e dall’idea che esistano dei diritti.
Con abile retorica il presidente George
Bush ascrive spesso le sue azioni a una
missione redentrice assegnata agli Stati
Uniti d’America, sostituendo in maniera pericolosa, come ha notato Jurgen
Habermas, le leggi della comunità internazionale con un «unilateralismo eticamente fondato». Questo slancio messianico universalistico non soltanto è
costantemente contraddetto dal particolarismo degli interessi economici e strategici perseguiti dagli Usa, ma, cosa ancor più grave, è alimentato da un presunto primato morale che, discriminando moralmente e giuridicamente l’altro,
istituisce un doppio paradigma giuridico-politico. È lecito sostenere che questa
forma di «odiosa violenza ideologica»,
come lei l’ha definita, affossando l’universalismo giuridico costituisca una delle matrici di quella spregevole violenza
fisica e psicologica scatenata dai militari statunitensi contro i prigionieri iracheni?
La tortura diventa accettabile, sì sgradevole, ma iscrivibile in una logica e in un
disegno, se al posto delle procedure e
delle regole tassative formali, al posto
dei diritti fondamentali si pone una generica etica più o meno universalistica,
garantita da un “Dio”; secondo quest'ottica i principi morali, che non sono
20
Fondazione
altro che una certa declinazione dell’idea di Occidente, possono stare al posto dei principi e delle regole giuridiche,
che sono inevitabilmente più onerose,
perché prevedono delle tecniche di garanzia, degli accertamenti, delle procedure per prendere le decisioni, non si
contentano della retorica e della propaganda ideologica; non è un caso che gli
Usa siano una sorta di iperpotenza, un
ipersovrano, in grado di decidere se applicare un paradigma o un altro, pretendendo di rivendicare per sé l’immunità, la certezza del diritto, le garanzie,
l’impermeabilità legata al vecchio concetto di sovranità che il diritto moderno
assicura, denegando però agli altri,
asimmetricamente, la stessa logica.
Esiste una sorta di doppio paradigma:
uno basato sulla vecchia nozione dello
stato-nazione sovrano (sebbene gli Usa
siano un Iper-stato sovrano), l’altro, giuridico-morale (in cui il discorso pseudomorale sostituisce o si mischia a quello
giuridico internazionalistico), che consente di discriminare gli Stati, riqualificandoli come Stati canaglia o fuorilegge, non più sovrani né rispettati nei loro ordinamenti, tali per cui la democrazia vi può essere esportata come si fa
con le merci.
Occorre considerare anche un altro
aspetto, comunque.
Ogni potere ha sempre a che fare con
una deriva totalizzante, con una dimensione allucinatoria, con una zona opaca
che corrisponde alle dinamiche passionali, alla dimensione emotiva; nel politico esiste sempre l’elemento di mobilitazione simbolica passionale. Il pensiero liberale, però, aveva dato per scontato che ormai fossero esauriti e consumati i grandi conflitti politici, che il politico come sfida estrema di potere fosse disciplinato dal liberalismo; che il diritto potesse arginare completamente le
derive totalizzanti della politica dell’ostilità, che esso potesse disciplinare, fino a espungerli, gli elementi passionali,
quella dimensione che può essere usata anche in chiave regressiva a fini plebiscitari, per ridurre radicalmente gli
spazi pubblici e privatizzare o “passivizzare” le esistenze. Ora, i fatti si sono
incaricati di mostrare che questo quadro
edificante e lineare non funzionava, che
l’ordine liberal-liberista non produce la
normale “amministrazione delle cose”:
il “politico”, inteso come conflittualità, ci
è rivenuto addosso, in una veste fortemente identitaria e strumentale come
quella di un presunto scontro di civiltà,
e ci è venuta addosso anche perché tutte le volte che si pensa di aver esaurito,
consumato il “politico”, quello è il momento che si determina il rischio di una
intensità polemica estrema.
La militarizzazione delle società, l’asfissiante e spesso strumentale preoccupazione sicuritaria sembra pervadere tutto l’Occidente con un processo lento ma
costante. Ha ragione Judith Butler, secondo la quale Guantanamo rappresenta un modello delle istituzioni repressive che rischia di generalizzarsi alla società nel suo complesso, compromettendo l’architettura istituzionale democratica, le garanzie giuridiche, le libertà civili, lo Stato di diritto in cui siamo abituati a vivere?
Il rischio è forte, anche perché le società possono regredire. Per questo motivo le istituzioni democratiche, che a volte ci sembrano un possesso acquisito,
vanno sostenute, attraverso gli strumenti interni alle stesse istituzioni, ma, soprattutto, culturalmente: il vero sostegno è culturale, si tratta infatti di un problema culturale, in qualche modo anche di “egemonia” culturale, poiché se
la democrazia è minacciata a difenderla
saranno i cittadini di quella democrazia,
la loro cultura politica. Occorre dunque
essere attenti agli “scantonamenti” e alle derive in atto, come la diffusa criminalizzazione del sospetto, della persona
non in quanto tiene un certo comportamento, ma in quanto appartiene a una
certa categoria. Il processo di cui lei parla è costituito da tanti piccoli passi in cui
la possibilità di tornare indietro diventa
sempre più difficile. Guantanamo è un
La tortura oggi. L'Occidente
caso eccezionale, un luogo estremo di
condensazione del processo, ma l’eccezione rischia di diventare quotidiana,
con il ricorso, come fosse ordinaria amministrazione, a pratiche estreme, e con
l’aumento degli spazi di indistinzione e
di sospensione delle garanzie tradizionali dello stato di diritto.
Assistiamo dunque alla tendenza a
promuovere uno stato di eccezione
generalizzato?
Assistiamo alla tendenza a promuovere
uno stato in cui qualcuno ha il monopolio “morale” del giuridico, conferisce
patenti, è in grado di riservare per sé il
diritto, mentre lo disconosce asimmetricamente agli altri, impedendone l’esistenza politica.
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
La crisi della mediazione giuridica, paradossalmente assunta e rilanciata come
segno di modernizzazione, ci costringe
in un “antico regime globale”, perché sul
piano globale ci troviamo di fronte a dei
poteri particolaristici, ma fortissimi, selvaggi, privi di freni. Questa crisi della
mediazione giuridica è un segno grave,
cui si accompagna una inconsapevolezza politica, l’acconciarsi all’idea che la dimensione politica complessivamente intesa sia superflua. Per evitare il rischio di
una normalizzazione di Guantanamo, di
una desertificazione tale dello spazio
pubblico per cui Guantanamo possa diventare la regola, il lavoro da fare, invece, è quello di ricostruire una narrazione politica, una egemonia politico-culturale, ben al di là della dimensione partitica, intesa come spazio che ci permette di identificarci, di dare valore alla dimensione collettiva, che richiami anche
quei fattori elementari e passionali di cui
parlavo prima. Occorre dunque elaborare una teoria e una politica che sappiano riconoscere l’impossibilita di sottrarsi all’opaco nucleo decisionistico della politica, intesa come conflitto e potere, che non si sottraggano al residuo
conflittuale non operabile, che alcuni
pensavano fosse interamente consumabile. In questi termini Guantanamo è il
residuo che ci viene addosso, il residuo
che può trasformarsi in norma; il paradosso di una norma che nega la norma,
che nega l’idea di un nomos, di un criterio. Non vorrei che ci preparassimo a
una sorta di totalitarismo sotto mentite
spoglie, apparentemente “soft”, senza
adunate oceaniche (ma magari mediatiche): se non produciamo culturalmente
gli antidoti, questa negazione di qualsiasi aspettativa emancipativa, questo riduzionismo crasso può diventare un destino. L’unico modo di gestire un mondo
post-politico, un mondo che ha creduto
di superare definitivamente i vincoli della politicità, risiede in un pensiero radicale, che pensa alla radice, criticamente,
se stesso, mettendosi costantemente alla prova.
Intervista di Giuliano Battiston
Fondazione
21
La tortura oggi. Sudafrica
Il pentimento e il perdono
Michael Lapsley: «Il desiderio di vendetta rende vittima per sempre»
La sua voce è posata e ferma e le sue
parole sono quelle della saggezza,
della clemenza, del coraggio e della
volontà di costruire ancora, nonostante tutto, un futuro per le vittime di tortura. «Il corpo mortificato di chi ha subito la tortura deve poter riuscire a
elaborare il proprio dolore per riconquistare la dignità rubata e per poter
tornare a sognare».
Michael Lapsley sa di cosa parla. Il
suo corpo è quello di una vittima sopravvissuta, segnato dalla violenza
subita. Una violenza vendicativa e
volta ad annientare colui che da anni
si batteva per la difesa delle vittime
dell’Apartheid.
Siamo nel 1990, tre mesi dopo la liberazione di Nelson Mandela, che aveva
combattuto per la libertà in Sud Africa,
giunge a Michael Lapsley un pacco
contenente delle riviste fra le quali è
nascosta una sofisticatissima bomba,
quando lo apre, l’esplosione distrugge
il soffitto dell’abitazione, produce un
buco nelle pareti e fa esplodere le finestre. Padre Lapsley subisce gravi
ustioni, perde le mani e un occhio.
Il prete anglicano di origine neo-zelandese aderisce all’African National
Congress (Anc) nel 1970, dopo esser
stato espulso dal Sud Africa per il suo
impegno politico. Durante il suo esilio trascorso al servizio dell’Anc,
combatte insieme per la pace e contro l’Apartheid. Michael Lapsley ha in
seguito lavorato al Trauma Center for
the Victims of Violence and Torture
di Cape Town, che sta assistendo la
Comission for Truth and Reconciliation (Ctr) presieduta dall’arcivescovo
anglicano di Johannesburg, premio
Nobel per la pace, Desmond Tutu.
Nata nel 1993, la Ctr ha evitato a questo Paese il bagno di sangue al quale era votato dopo la fine dell’Apartheid. La Ctr rappresenta un esemplare tentativo di amnistia. Questo
esperimento di “cura della memoria”,
inedito sul piano giuridico, è «molto
doloroso per le vittime a maggioranza nera del regime di discriminazione razziale sudafricano» ha spiegato
Michael Lapsley durante il Seminario
internazionale sulla tortura organizzata dalla Fondazione Basso lo scorso 21 maggio. Il principio è semplice: l’amnistia viene concessa a tutti
coloro che verranno davanti alla
Commissione a confessare i loro atti.
Si tratta soprattutto di agenti di polizia che avevano torturato e talvolta
ucciso i militanti dei movimenti di liberazione neri, essenzialmente del-
Interventi 3. Marcello Flores
Nella storia dell’Apartheid si possono rintracciare due fasi diverse in cui la tortura ha cambiato ruolo, natura e manifestazione, anche se alcuni tratti sono rimasti, ovviamente, invariati. In una prima fase, che ha avuto il suo culmine nella metà degli anni ’70, la tortura era in genere sinonimo di brutalità, di percosse, di violenza fisica casuale e indiscriminata, che
colpiva prevalentemente i giovani.
Nella prigione di Robben Island, dove Mandela trascorse ventisette anni come detenuto, quando i secondini scoprivano
una “lezione” del programma che i prigionieri dell’ANC si
erano dati per resistere e insegnare ai più giovani, mettevano
i malcapitati in delle buche scavate nel terreno e, dopo averli
picchiati, orinavano su di loro insultandoli e minacciandoli.
Con gli anni ’80 le cose cambiano. La lotta contro l’Apartheid
diventa più articolata, più sofisticata, più di massa, e anche la
tortura si adegua, cercando di acquistare una sorta di maggiore “scientificità” cui partecipano in prima linea medici e
psicologi. Il passaggio, in realtà, avviene proprio a cavallo tra
gli anni ’70 e ’80 e la tortura, seguita da uccisione, di Steve Biko, ne offre una precisa testimonianza, con la presenza di me-
22
Fondazione
dici che autorizzano il proseguimento della tortura e con magistrati che certificano la “casualità” e inevitabilità della morte del leader di Black Consciousness, non dovuta ad alcun atto preciso di alcuno.
In questa nuova fase della tortura si modifica il rapporto tra
il carceriere e la vittima, perchè la tortura, a volte anche o
quasi esclusivamente psicologica, crea un rapporto, un'interazione maggiore.
[…].
La tortura è una pratica che invade tutta la vita. Resta per
sempre, viene interiorizzata, nel ricordo, nella paura, nel
senso della propria debolezza. Qual è stato rispetto alla tortura il ruolo della Trc – “Truth and Reconciliation Commission” di questa coraggiosa e innovativa scelta istituzionale,
pubblica, di fare i conti con il passato? Soprattutto, dalla tortura, dal racconto della tortura si passa dalla conoscenza dei
fatti al riconoscimento pubblico del loro significato, dalla
knowledge all’acknowledgement, a ridare cioè dignità alle
vittime. E ridare dignità alle vittime era stato uno dei pilastri
su cui si era costruita la Trc.
Il pentimento e il perdono
l’African National Congress di Nelson
Mandela. L’amnistia viene concessa a
due condizioni: in primo luogo, è necessario non omettere nessun dettaglio del crimine o delitto commesso
durante la deposizione; inoltre bisogna dimostrare di aver agito seguendo l’ordine di un superiore gerarchico nella convinzione di servire un
obiettivo politico (una pretesa difesa
della razza bianca, per esempio).
Al contrario di ciò che aveva creduto
il vecchio presidente Frederik De
Klerk, la rivelazione delle atroci sevizie inflitte non ha ostacolato il processo di riconciliazione tra la comunità nera e la bianca. La Commissione,
in questo modo, è riuscita a raggiungere l’obiettivo che si era prefissato:
«un modello sperimentale di riconciliazione attraverso il racconto di sé».
Oggi, Michael Lapsley è presidente
dell’Institute of Healing of Memories
fondato nel 1998. L’associazione è nata dal Healing of Memories Champlaincy Project afferente al Trauma
Centre for Victims of Violence and
Torture. Il Centro si propone di facilitare il difficile lavoro della rielaborazione delle emozioni legate al periodo dell’Apartheid.
La tortura, all’epoca, faceva parte della vita quotidiana di tutti. Questo atto
punitivo e intimidatorio si è abbattuto
su una parte della popolazione invertendo l’ordina morale. È questo, secondo padre Lapsley, a rendere così
difficile, oggi, il superamento della ferita storica. La rabbia, il senso di colpa
e il difficile processo per la riconciliazione e l’oblio sono accompagnati,
nella logica della Ctr, da un nuovo approccio alla storia del proprio Paese.
All’epoca della Ctr, solo una piccola
minoranza di sudafricani ebbe la possibilità di raccontare la sua esperienza
e poter far parte dei pochi testimoni.
Il progetto, portato avanti dall’Institute of Healing of Memories, è stato già
esportato in altri Paesi che hanno sofferto di tortura. Come per esempio,
nel 1999, in Rwanda e in Sri Lanka. Sul
modello dell’Africa del sud, il prossimo 29 settembre, in Algeria la popolazione sarà invitata a esprimersi attraverso un voto referendario sull’amnistia delle atrocità commesse da esercito e gruppi armati islamisti durante
gli anni della “sale guerre”.
La tortura nel sistema dell’Apartheid
Le regole dell’Apartheid furono organizzate all’interno di un sistema politico insieme all’arrivo al potere, nel
1948, del Partito nazionale. La teoria
dello “sviluppo separato” traduceva in
un rigido progetto geografico una politica di discriminazione razziale dalle
antiche radici. In effetti, già nel 1913 il
Land Act stabiliva che le popolazioni
nere non potevano possedere più del
13 per cento delle terre del Paese. Le
riserve attribuite alle tribù venivano a
formare una sorta di ferro di cavallo
sulle periferie del territorio nazionale:
al nord i Tswana; nella regione orientale Zoulou e Xhosa. Pur se meno colpiti da tale politica discriminatoria,
asiatici e meticci furono ugualmente
privati dei loro pochi vantaggi.
Ma nel 1950, il Group Areas Act radicalizzò tale tendenza. Venivano prese
di mira soprattutto le “macchie nere“
che corrispondevano alle terre acquistate dai neri prima del 1913. La popolazione indigena fu espulsa dalle
“terre bianche” con il presunto scopo
di favorire la modernizzazione dell’agricoltura secondo un modello alla
europea.
Fra il 1960 e il 1983, circa 2 milioni e
600 mila neri furono cacciati dalle zone rurali bianche e mandati nelle riserve sotto l’amministrazione del
Bantu Self-Government Act (promulgato nel 1959 e volto a razionalizzare
un sistema di amministrazione autonoma delle riserve in preparazione
dell’organizzazione dei bantoustan).
Quattro di loro (Transkei, Bophutatswana, Venda e Ciskei) ricevettero tra
il 1976 e il 1981 l’indipendenza ma
questa non venne mai riconosciuta
dalla comunità internazionale.
Stranieri nella loro terra, i neri incontravano sempre più difficoltà per andare a stabilirsi nelle città. Si cercava
di ridurre al minimo la loro presenza.
Vi potevano risiedere solo coloro che
potevano dimostrare di avere un contratto di lavoro. Il “pass”, passaporto
interno imposto ai neri dal 1923, permetteva il controllo dei loro movimenti. La segregazione razziale divenne sistematica nei quartieri delle grandi città. Questo si traduceva per le
popolazioni di colore nell’espulsione
e distruzione delle loro abitazioni e
nel loro spostamento forzato in apposite città-ghetto (township).
Nonostante gli sforzi compiuti nella
costruzione di zone industriali in contiguità delle abitazioni dei bantoustan,
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
Fondazione
23
La tortura oggi. Sudafrica
numerose erano le persone che dovevano andare a lavorare, con tempi di
spostamenti lunghissimi, nelle zone
dei bianchi.
Negli stessi anni, l’opposizione al sistema di Apartheid venne spezzata:
nel 1950, il partito comunista, multirazziale, venne dichiarato illegale. Nel
1960, fu la volta dell’ African National
Congress (Anc) e del Pan Africanist
Congress in seguito alle manifestazioni organizzate contro il sistema dei
“pass” che si erano concluse con il
massacro di Sharpeville. Nelson Mandela e alcuni capi dell’Anc furono
condannati all’ergastolo. L’Africa del
sud si staccò così dal resto del mondo: nel 1961 abbandonò il Commonwealth, contrario all’Apartheid, e il 31
maggio venne proclamata la Repubblica sudafricana.
Le proteste dei neri continuarono. Dal
1984 al 1986 fu dichiarato lo stato
d’urgenza. Il presidente Botha fu costretto a tollerare la presenza dei neri
nelle città e, nel 1987, concesse a meticci e asiatici seggi in Parlamento. Per
dividere i neri, il presidente sostenne
l’Inkatha Freedom Party, il partito a
base tribale zulù. Queste misure non
fecero altro che accrescere i disordini
e finirono per spingere Botha alle dimissioni nel 1989. Gli successe Frede-
rik De Klerk che, appoggiato dalle
grandi istituzioni finanziarie internazionali, fece la scelta di un cambiamento politico: intraprese una negoziazione con l’Anc e l’Inkatha. Nel
1993 venne promulgata in seguito a
un referendum, al quale parteciparono solo i bianchi, una nuova Costituzione provvisoria.
Le prime elezioni multirazziali si sono
tenute nel 1994 e hanno condotto alla vittoria del Anc con il 60 per cento
dei suffragi. Il 9 maggio, i 400 deputati del nuovo parlamento hanno portato Nelson Mandela alla presidenza
della Repubblica. Al termine delle elezioni generali, organizzate nel giugno
1999, l’Anc ha raccolto la maggioranza dei voti e il successore designato
da Nelson Mandela, Thabo Mbeki, è
stato eletto al capo dello Stato.
Dalla memoria della violenza
alla creazione della scrittura
La poetessa e giornalista sud africana
bianca Antjie Krog ha raccontato per
la radio nazionale tutte le sedute della Commissionane, negli anni 19961998. Il suo libro, Country of My Skull,
pubblicato nel 1998 (con il sottotitolo
Guilt, Sorrow and the Limits of Forgiveness in the New South Africa) è il
racconto delle torture inflitte dalla co-
munità afrikaner, alla quale lei dichiara dolorosamente di appartenere. Tra
le tante storie, colpisce quella del poliziotto bianco che aveva applicato l’elettrochoc a cinque sospettati neri in
una fattoria isolata trasformata in un
centro di tortura. Ancora, attraverso i
ricordi atroci delle vittime, descrive la
storia della mano tagliata di un uomo
nero conservata in un boccale sugli
scaffali di un commissariato di polizia.
Nell’opera di Jacques Derrida e Paul
Ricoeur, Vérité, reconciliation, réparation, sono raccolti saggi sullo spirito che animava i lavori della Commissione. Vi si legge la differenza tra la
Commissione in Sud Africa, il processo di Norimberga (una giustizia applicata dai vincitori), e la legge dell’amnistia generale promulgata in Cile, dopo la caduta di Pinochet. La Ctr non
giudicava, ma amnistiava (o no) alcuni atti (non gli individui), usando una
certa parsimonia: su 7116 richieste di
amnistia, solo 1312 furono accordate.
Veronic Algeri
Interventi 4. Michael Lapsley
Vivevo in Sudafrica dall'inizio degli anni '70, poi sono stato
espulso, ho vissuto nel Lesotho, un Paese piccolissimo, e poi
nello Zimbabwe, sempre nell'Africa australe. In quegli anni
ero membro e cappellano dell'Anc (African National Congress), e viaggiavo per il mondo nella lotta contro l'apartheid:
viaggiavo cercando di mobilitare la comunità dei credenti,
specialmente spiegando che in Sudafrica la verità del Vangelo
di Cristo era a repentaglio, perchè il regime dell'apartheid sosteneva di essere cristiano.
Nell'aprile del 1990, tre mesi dopo la scarcerazione di Nelson
Mandela, ho ricevuto un pacco-bomba: due riviste religiose
inviate dal governo sudafricano. In seguito a quella esplosione ho perso tutte e due le mani ed un occhio; ho subito la perforazione di un timpano ed ho passato mesi e mesi in ospeda-
24
Fondazione
le, prima nello Zimbabwe e poi per sei mesi in Australia.
Dio mi ha consentito di fare di questa bomba uno strumento
di redenzione, di trasformare in messaggio di vita quello che
era stato uno strumento di morte. Mi sono reso conto che se io
continuavo ad essere pieno di rabbia, di desiderio di vendetta, di pietà per me stesso, sarei stato una vittima per sempre:
la bomba non aveva ucciso il mio corpo, ma avrebbe ucciso la
mia anima.
E allora il mio percorso è stato questo: ero una vittima, dovevo sopravvivere per diventare un superstite, e poi dovevo vincere per diventare un vincitore. Ero stato un oggetto della storia, una persona a cui era stato fatto qualcosa, e a quel punto dovevo diventare non solo un sopravvissuto, ma dovevo diventare un soggetto della storia.
La tortura oggi. America Latina
Gli artigli del Condor
All’indomani della vittoria della rivoluzione cubana, dell’insuccesso del tentativo statunitense di rovesciare il regime di Fidel Castro e al conseguente pericolo di una diffusione della «minaccia
comunista» nell’intero subcontinente,
la Casa Bianca iniziò a elaborare le prime linee-guida per fronteggiare l’ondata rossa. Nel gennaio 1966, alla Conferenza tricontinentale antimperialista
tenuta a La Avana tra i Paesi di Africa,
Asia e America Latina, “Che” Guevara
nel suo messaggio aveva ammonito
che «l’America, il continente dimenticato dalle ultime lotte politiche di liberazione […] avrà un compito molto più
grande: la creazione del secondo o terzo Vietnam, o del secondo e terzo Vietnam del mondo. […] Le nostre aspirazioni, in sintesi, sono queste: distruzione dell’imperialismo mediante l’eliminazione del suo baluardo più potente:
il dominio imperialista degli Stati Uniti
d’America».
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
Pochi mesi dopo, Robert McNamara,
ministro della Difesa statunitense, presenta la Dottrina della sicurezza e dello
sviluppo, un documento in cui elabora
una nuova funzione delle Forze armate latinoamericane, che cessano di essere lo strumento di nazioni sovrane,
per integrarsi nel programma strategico
degli Stati Uniti al fine di controllare -e
reprimere- le «ribellioni» di stampo rivoluzionario. Tre anni più tardi, con il
famoso Rapporto Rockefeller, i regimi
militari diventavano una valida alternativa alle democrazie liberali per il rafforzamento dei Paesi latinoamericani.
Questa strumentale teoria assegnava alle
Forze armate il ruolo di “nation-builder”
-quindi non più solo di meri difensori
della società dallo spettro comunista- in
quanto ipocritamente si riteneva che i
Paesi emergenti non fossero ancora
preparati per adottare un governo democratico: «[…] aprire la porta ogni volta ad una maggiore partecipazione popolare in politica di cittadini analfabeti
e insicuri, può facilmente distruggere
ogni possibilità di esistenza di un governo ordinato […] È necessario un governo forte se si vuole che le società
progrediscano».
Proprio seguendo queste direttive progressivamente si instaurano nella regione le dittature militari in Bolivia (19711978), Cile (1973-1988), Uruguay
(1973-1988) e Argentina (1976-1983), i
cui rispettivi regimi idearono la Operación Cóndor.
È a partire dall’inaspettata vittoria di
Unidad Popular in Cile che si può far risalire l’origine di un nuovo corso della
politica statunitense verso i Paesi latinoamericani, caratterizzato da un livello di intervento diretto nella politica interna, mai conosciuto prima di allora.
All’indomani della sorpresa socialista
cilena e all’adozione delle contromisure per evitare conseguenze politiche
Fondazione
25
Gli artigli del Condor
nel subcontinente e in Europa (su questo argomento rimando ai circa 16 mila
documenti “unclassified” del dipartimento di Stato, della Cia, del Fbi, del dipartimento della Difesa o anche Pentagono, dei National Archives, del Consiglio per la sicurezza nazionale e del dipartimento della Giustizia) ci fu subito
l’appoggio all’instaurazione della dittatura del generale Hugo Bánzer in Bolivia. Due anni dopo ci saranno i colpi di
Stato in Cile, in Uruguay e successivamente in Argentina.
Le infauste strategie della repressione
che hanno come scopo principale
quello di eliminare qualsiasi tipo di opposizione politica, economica, culturale e sociale, nascono proprio dalla collaborazione e dalla reciproca integrazione tra questi regimi dittatoriali. In
questo contesto merita sicuramente
particolare attenzione il processo storico-politico argentino sfociato nel “golpe” del 24 marzo 1976, che ha instaurato la feroce dittatura durata fino al 1983.
In Argentina sin dai primi anni Settanta
era in corso la radicalizzazione dello
scontro politico e sociale, che si acutizzò quando, dal 1973, il ministro López
Rega diresse, con l’appoggio delle Forze armate, la Alianza anticomunista argentina (nota come la Triple A avviando la violenta repressione -quindi già
diversi anni prima del golpe- contro i
simpatizzanti e i militanti di sinistra che
causò l’imprigionamento di circa 5.000
persone, oltre a sparizioni, sequestri e
assassini, ecc.
Nell’opinione pubblica dell’epoca predominava l’ipotesi che l’Argentina vivesse uno stato di violenza generato
esclusivamente dallo scontro tra organizzazioni armate di sinistra e di destra,
e che, se queste ultime erano appoggiate dal governo, era con il solo scopo
di distruggere i gruppi armati di sinistra.
La realtà, come emerge da un Rapporto del 1974 di un gruppo di avvocati argentini in esilio, era molto diversa. Solo per citare due dati:
1. Circa 200 omicidi commessi, in assoluta impunità, dalle organizzazioni
di estrema destra, in alcuni dei quali
è provato l’intervento dei funzionari
di governo.
2. Dall’agosto 1973 furono assassinati almeno 22 attivisti del movimento
operaio (delegati, scioperanti, ecc.)
Nuove leggi e decreti “ad hoc” si articolarono coerentemente con questa
violenza: si iniziò con la restaurazione
della legislazione repressiva della dittatura militare, si proseguì con la legge di
sicurezza che convertì in delitto il diritto di sciopero consacrato dalla Costituzione nazionale, restringendo la libertà
di stampa e sancendo il “delitto di opinione”, per culminare con la proclamazione dello stato d’emergenza, che sottometteva la libertà delle persone e il
diritto di stampa all’arbitrio della presidenza della Repubblica.
Quasi contemporaneamente, al di là
delle Ande, veniva creata la cilena Dirección nacional de inteligencia (Dina)
che iniziò a lavorare di concerto con la
Triple A per sequestrare e assassinare
migliaia di rifugiati politici che fuggivano dal Cile, e ignari chiedevano asilo in
Argentina; in questo contesto venne attuata -come abbiamo descritto nel nu-
Interventi 5. Salvatore Senese
La costante normativa che percorreva i vari sistemi istituzionali dell’America Latina, consacrando il super potere
militare, era la cosiddetta legislazione della sicurezza nazionale.
Grazie a questa legislazione e alla sottostante dottrina, che
si ritrovano entrambe con tratti sorprendentemente simili
nei regimi esaminati, diventava possibile interpretare e ricondurre a un medesimo archetipo ordinamenti apparentemente molto diversi, come quello del Brasile, del Cile, dell’Uruguay, della Bolivia.
Ebbene ordinamenti diversi, che riflettevano stadi di maturazione diversa, d’elaborazione culturale e istituzionale diverse, trovavano, nella sicurezza nazionale, il momento
unificatore.
Questa legislazione della sicurezza nazionale aveva un’altra
particolarità, e cioè che essa esisteva anche in contesti socio-politici nei quali una legge siffatta non rendeva alcun
servizio al potere, e tuttavia l’inserimento della legge della
sicurezza nazionale tra l’armamentario giuridico di rango
primario di ciascuno di questi Paesi veniva ad adempiere,
26
Fondazione
anche quando mancavano le ragioni pratiche che la sollecitassero, una fondamentale funzione ideologica.
I principali caratteri comuni di questa legislazione erano
rappresentati da:
- la possibilità giuridica del potere centrale, a volte direttamente nelle mani militari, altre volte posto sotto la loro indeclinabile tutela, di intervenire in qualsiasi momento sulla vita delle massime istanze costituzionali del Paese, con facoltà di scioglimento, sospensione, veto, ecc;
- l’assoluta indeterminatezza del concetto di sovversione e
correlativamente di sicurezza nazionale, che pure erano i
due cardini di questa legislazione;
- la sottrazione ai tribunali ordinari, laddove il sistema
avesse la pretesa di ostentare un meccanismo di controllo
giudiziario dei propri atti, della competenza di indagare e
giudicare sulle infrazioni alla sicurezza nazionale, e l’attribuzione invece di tale competenza a tribunali militari
speciali;
- l’esclusione dell’habeas corpus per chi fosse accusato della violazione della sicurezza nazionale.
La tortura oggi. America Latina
mero precedente- la Operación Colombo. Nel luglio 1975, la settima Conferenza bilaterale dei servizi di sicurezza
tra Paraguay e Argentina giunse alla
conclusione che era necessario coordinare le attività di “intelligence” tra i due
Paesi; così, tre mesi dopo, la Dina organizzò un incontro tra i responsabili
militari di Argentina, Brasile, Uruguay e
Paraguay, nel corso del quale si gettarono le linee di azione della Operación
Cóndor, ovvero la raccolta, l’interscambio e la catalogazione di informazioni
sui leader e sui gruppi politici che si opponevano ai regimi dei Paesi del Cono
Sur al fine di organizzare operazioni
congiunte per la loro eliminazione. Come emerge da uno dei documenti declassificati dal National security archive,
il consigliere Harry W. Shlaudeman riferì a Kissinger che le dittature si sentivano assediate dal «marxismo interna-
zionale e dai suoi esponenti terroristi»,
e dall’ostilità delle democrazie industriali a comprendere la situazione che
dovevano affrontare, i regimi avevano
iniziato a coordinare la repressione regionale. In un rapporto dall’emblematico titolo La Tercera Guerra Mundial en
Sudamérica, il funzionario della Cia illustrava i prodromi della “guerra antisubversiva”: «Adesso coordinano attività di “intelligence” a stretto contatto,
operano in territori di altri Paesi con lo
scopo di perseguire e catturare i “sovversivi”, e hanno avviato la Operación
Cóndor per individuare e uccidere i terroristi del Comitato di coordinamento
rivoluzionario nei propri Paesi e in Europa».
In effetti la struttura repressiva dei regimi latinoamericani raggiunse un altissi-
mo e feroce grado di efficienza, se pensiamo che, come emerge dal Rapporto
della Commissione dei diritti Umani argentina (del 1990), già a metà degli anni Settanta le forze repressive del Cono
Sur controllavano la regione con un saldo di 4 milioni di esiliati in Paesi limitrofi, 50.000 omicidi, almeno 30.000
“desaparecidos”, 400.000 imprigionati e
3.000 bambini assassinati o scomparsi.
Ma l’uso indiscriminato della violenza
per diversi anni non riuscì a soffocare
l’anelito di libertà e di giustizia dei popoli, tanto che progressivamente, ma
inesorabilmente, a partire dagli anni
Ottanta tutti i regimi furono incapaci di
canalizzare e neutralizzare le pressioni
politiche e sociali che rivendicavano il
ritorno alla democrazia.
Andrea Mulas
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
Fondazione
27
La tortura oggi. La riabilitazione
Curando le ferite dell'anima
Intervista a Gill e Tim Cox
Una mattina di circa un anno fa tutto il mondo occidentale si svegliò sotto shock, con due parole a fior di labbra: «Abu
Ghraib» e «tortura». Sotto i nostri occhi tutta la disumanità di quelle pratiche, l’orrore delle foto, lo sconcerto nei salotti
televisivi, i distinguo. Ma si è veramente trattato di una sorpresa, visto che già nel 2003 una inchiesta del Washington
Post aveva rivelato che i servizi di sicurezza degli Stati Uniti dopo l’11 settembre avevano trasferito un centinaio di detenuti in paesi dove la tortura è sistematica (Marocco, Egitto) con il preciso intento di ottenere da loro informazioni sul
terrorismo internazionale?
In questo numero dedicato alla tortura vogliamo affrontare oltre al lato disumano, quello umano, solidale di chi cerca
di aiutare le vittime di tali pratiche vietate da molte norme di diritto internazionale. Fondazione ha intervistato due
tranquilli pensionati inglesi che collaborano con una organizzazione non governativa che dal 1985 fornisce un servizio gratuito di assistenza e riabilitazione alle vittime di tortura che approdano nel Regno Unito come richiedenti asilo
politico, ‘The Medical Foundation fo the Victim of Torture’ (MF). Gill e Tim Cox da alcuni anni ospitano nella loro bella casa in riva al mare vittime di tortura che MF invia loro da Londra per una vacanza.
Come siete entrati in contatto con la
‘MF’?
«Poco più di 10 anni fa facemmo una
piccola donazione in denaro in risposta ad una lettera della MF che ci era
arrivata a casa. In seguito sul bollettino leggemmo di un loro progetto che
forniva opportunità di vacanza alle
persone vittime di tortura. Allora avevamo circa cinquant’anni e abitavamo
vicino a Liverpool, in una grande, vecchia casa con vista sul mare. I nostri
figli erano cresciuti e vivevano in altre
città. Pensammo subito che per noi
dare la disponibilità ad ospitare delle
persone vittime di tortura per una vacanza a casa nostra fosse un modo
molto pratico di aiutarle. Sentivamo
che, siccome avevano vissuto esperienze terribili, forse la bellezza e la
tranquillità della nostra casa avrebbero potuto dare loro un po’ di sollievo.
Dalla MF ci telefonarono dicendoci
che c’era una ragazza turca che aveva
un bisogno disperato di una vacanza
fuori da Londra.
Cosa è successo la prima volta che l'avete incontrata, che aspettative avevate?
28
Fondazione
Avevamo capito che si trattava di
un’esperienza che poteva essere difficile per la giovane donna che avremmo ospitato e per questo le telefonai
qualche giorno prima del suo arrivo.
Alla stazione di Liverpool quando io e
Tim l’abbiamo vista scendere dal treno, abbiamo semplicemente capito
che era lei. Non avevamo idea di quello che sarebbe successo. Ci comportammo con lei come con una nuova
amica. Era timida, in macchina rimase
in silenzio per quasi tutto il tragitto
verso casa. Aveva 20 anni e veniva
dalla Turchia. Rimase con noi una settimana.
Avete parlato delle ragioni che l’avevano portata fino in Inghilterra?
Dopo un paio di giorni mentre camminavamo sulla spiaggia le chiesi se
aveva voglia di parlarne. Cominciò subito a piangere e ci disse che non
piangeva per se stessa, ma per dei minatori uccisi in una miniera di carbone in Turchia. Viveva a Istanbul quando, con altri studenti come lei, aveva
protestato contro le terribili condizioni di lavoro dei minatori turchi. Gli
studenti erano stati arrestati e lei, con
un gruppo di ragazzi, era stata imprigionata e torturata. La sua famiglia era
in seguito riuscita a farla uscire di prigione e a farla scappare prima dell’inizio del processo.
Cosa avete provato allora?
Fummo veramente commossi dalla
sua storia. Ci rendemmo conto quella
volta, e per tutte, che le esperienze di
queste persone sono orribili, oltre
ogni immaginazione. Con lei sentimmo che il fatto che ci avesse parlato
della sua esperienza era un bene, ma
non tornammo più sull’argomento.
Volevamo semplicemente provare a
darle qualche giorno di vita normale
in una casa inglese. La portammo a visitare i luoghi d’interesse, come un
qualsiasi altro ospite di casa nostra.
Qual è a vostro avviso l’aspetto più importante del soggiorno di persone vittime di tortura nelle case della gente comune?
Ci siamo resi conto che la nostra è
spesso la prima casa inglese dove
Curando le ferite dell’anima
mettono piede; vivono tutti a Londra,
in genere sistemati in bed & breakfast
di infima categoria. Non hanno idea di
come sia la vita quotidiana degli inglesi, di cosa mangiamo, di come viviamo. Sono molto isolati. È una vera
occasione per aiutarli ad imparare
qualcosa del Paese dove sono arrivati
e dove vorrebbero rifarsi una vita.
Chi sono le persone vittime di tortura
che soggiornano con voi, da quali
Paesi provengono e per quali motivi?
Abbiamo avuto come ospiti sia singoli individui che nuclei familiari. Le ragioni che li hanno costretti a fuggire
dal loro Paese d’origine sono varie:
quattro degli ospiti scappavano da
una guerra civile - in Costa D’Avorio,
Etiopia, Kashmir, Afghanistan - avevano perduto familiari, erano stati torturati o erano stati in pericolo di esserlo. Un’altra ragione è la persecuzione
delle minoranze, come nel caso dei
kurdi turchi e iracheni. Infine ci sono
gli esuli vittime di violazioni dei diritti umani provenienti da Turchia e
Iran.
Come si svolge la giornata insieme ai
vostri ospiti?
Ripensando ai giorni passati con i nostri ospiti si affacciano ricordi di cose
normali fatte insieme, cucinare, pulire
casa, fare la spesa, andare in giro a visitare luoghi storici o monumenti.
Quasi tutti vogliono far qualcosa per
noi, come ad esempio cucinare un pasto iracheno o turco, aiutarci in giardino, tagliare la legna, potare un albero. Tutti hanno sempre voluto sapere perchè dividiamo casa con loro,
alcuni pensano che lo facciamo dietro
compenso o che lavoriamo per il governo. E noi spieghiamo ad ognuno di
loro che ci fa piacere condividere la
bellezza di questo luogo con loro e
che ci fa piacere ospitarli.
Vi è mai capitato di sentirvi a disagio?
Soltanto una volta, uno di loro trattava male la moglie e non ne eravamo
contenti.
Ci sono degli argomenti dei quali i vostri ospiti vogliono parlare in particolar modo?
A parte le loro esperienze - alcuni non
ne vogliono parlare affatto - ci sono
due cose delle quali vogliono parlare.
In primo luogo delle loro famiglie rimaste nei Paesi d’origine. La madre
che non ha notizie dei suoi quattro
bambini, scappati quando lei è stata
catturata; il padre che sa che sua moglie e suo figlio sono morti, ma vive
nella speranza che un altro figlio sia
ancora vivo. In secondo luogo sono
tutti preoccupati a causa della pratica
per il permesso di soggiorno in Gran
Bretagna: quando arriverà la ‘lettera’
che gli permetterà di rimanere? La loro sofferenza è senza fine a causa di
queste cose.
Vi sentite cambiati da quando li ospitate?
Prima di tutto ora abbiamo una conoscenza di prima mano di esperienze
terribili che accadono agli individui in
tutto il mondo. Le notizie dei giornali
o della TV sono lontane, queste persone sono qui e sono molto vere. Li
ammiriamo enormemente insieme
con la loro forza e determinazione a
rifarsi una vita in una società e cultura completamente nuove, con una
nuova lingua, un nuovo tutto... Ci sentiamo privilegiati a far parte anche se
in misura minuscola nella vita di queste persone incredibilmente coraggiose, forti e piene di risorse.
remo a farlo.
Siamo però molto preoccupati dell’atteggiamento che la gente e la stampa
hanno nei confronti dell’immigrazione. C’è tanta ignoranza, tanti pregiudizi che creano un clima di odio e paura. Siamo anche molto preoccupati del
modo in cui chi richiede asilo politico
viene trattato dagli uffici governativi.
Abbiamo inviato delle lettere per conto di alcuni dei nostri ospiti per aiutarli a fare domanda di asilo e siamo francamente disgustati del modo in cui le
loro pratiche vengono sbrigate. La
‘Medical Foundation for the Victims of
Torture’ fa quello che può, ma è un
fatto che queste persone vengono perseguitati una seconda volta quando arrivano nel nostro Paese.
Siete rimasti amici con i vostri ospiti
Sì, quasi con tutti, anche se non nello
stesso modo. Alcuni degli ospiti sono
venuti a trovarci ancora e noi siamo
andati da loro a Londra. Vorremmo vederli più spesso, ma semplicemente
non ci sono abbastanza giorni in un
anno! C’è una giovane coppia con un
bambino di cinque anni che vediamo
regolarmente. Tre degli ospiti sono diventati amici intimi, i bambini piccoli
sono cresciuti e sono diventati teenager, li abbiamo avuti con noi a Pasqua.
Intervista di Rebecca Samonà
Cosa pensate di questa esperienza?
C’è così poco che possiamo fare per
aiutare gente che ha sofferto l’inimmaginabile che se ospitarli per qualche giorno da noi e offrire un po’ di
amicizia può essere d’aiuto, continue-
Fondazione
29
La tortura oggi. Un articolo di Lelio Basso
Condannata da tutti ma
ancora praticata
Da migliaia di anni gli uomini praticano la tortura sui loro simili. Essa fu
praticamente usanza comune nell’antichità e nel Medioevo come mezzo
pretesamente di ricerca della verità
(“indagatio veritatis per tormentum”),
e cioè per obbligare gli imputati alla
confessione, in omaggio al principio
che la confessione doveva considerarsi come la regina delle prove e in
molti casi solo l’imputato confesso
poteva essere condannato. Tuttavia
fin dall’antichità fu autorevolmente
osservato – per esempio da Cicerone
– che la tortura non offriva nessuna
garanzia di veridicità alla confessione
così estorta, perché il dolore può obbligare chiunque a confessare. «Etiam
innocentes, diceva Publio Siro, cogit
mentiri dolor». E, per contro, il delinquente incallito può più facilmente
resistere al dolore.
«La tortura, scriveva La Bruyère, è
un’invenzione meravigliosa e assolutamente sicura per perdere un innocente di complessione debole, e salvare un colpevole che è nato robusto». E analogamente il Beccaria:
«Questo è il mezzo sicuro di assolvere i robusti scellerati, e di condannare i deboli innocenti». Con la stessa
motivazione i sovrani del XVIII secolo procedettero all’abolizione. Federico II scrisse che la tortura rappresenta «un uso altrettanto inutile che crudele», e Luigi XVI ne decretò l’abolizione per il motivo che essa «non conduce mai sicuramente alla conoscenza della verità (…) e può più spesso
sviare i nostri giudici che illuminarli».
Tuttavia, anche quando era in vigore,
la tortura non si applicava a tutti i cittadini: i ceti superiori ne erano sempre esentati, salvo che per delitti po-
30
Fondazione
litici. In pratica solo i ceti inferiori (gli
“humiliores”) e gli avversari politici
del regime erano sottoposti a tortura,
e a nulla valse l’ordinanza di Luigi IX
re di Francia che esonerava dalla tortura anche i poveri, purché onesti e
di buona fama.
Scomparsa, tra la fine del XVIII e il
principio del XIX secolo dalla legislazione dei Paesi occidentali, essa fu
a poco a poco proibita in quasi tutti
i paesi del mondo: oggi è ancora ammessa legalmente nell’Iran. Ma anche
dopo la sua abolizione, la violenza fisica, anche se non sistematica, sul
detenuto sfornito di difesa sociale,
cioè sui poveri, e anche sui prigionieri politici, fu praticata abbastanza
largamente dalle polizie. Il fatto che
molte costituzioni, fra cui la nostra,
ne facciano spesso divieto, significa
che i costituenti sapevano che essa
era di fatto in uso. E, se anche non
proclamata espressamente nelle legislazioni, sappiamo che ritornò in
vigore con il fascismo e, più largamente ancora, con il nazismo, e con
gli altri regimi analoghi, così come in
Urss con lo stalinismo.
Di fatto, nel periodo che precedette la
seconda guerra mondiale, essa aveva
di nuovo trovato una larghissima applicazione per ragioni politiche contro gli avversari del regime. In questi
casi essa non era più adoperata soltanto per strappare una confessione a
un presunto colpevole, ma, in molti
casi, a un innocente che si voleva
condannare, e spesso anche era adoperata come mezzo di punizione.
Dopo la fine della seconda guerra
mondiale le varie dichiarazioni dei
diritti dell’uomo, da quella dell’Onu a
quella europea e a quella americana,
ne proclamarono di nuovo il divieto,
ma in effetti essa non è mai interamente scomparsa. Anzi, con l’avvento delle dittature militari in decine di
Paesi, in America latina, Africa e Asia,
essa non solo è stata generalizzata,
ma ha assunto un nuovo ruolo: quello di terrorizzare la popolazione per
indurla a non reagire di fronte agli arbitrii e ai soprusi dei regimi dominanti. Sono state soprattutto le dittature latino-americane, a cominciare
dal Brasile (dve la dittatura è al potere dal marzo 1964), che hanno iniziato un uso sistematico su tutti i prigionieri politici, dando pubblicità al
fatto, e questa “escalation” della tortura è stata accompagnata da una ricerca di mezzi sempre più raffinati e
“scientifici”, impiegati anche con
l'ausilio dei medici, per portare il detenuto al massimo di sofferenza senza provocarne la morte. E ciò al solo
fine di poter ricominciare ancora la
tortura sullo stesso detenuto.
L'esempio del Brasile è stato seguito
dagli altri Paesi a dittatura militare, in
particolare Bolivia, Uruguay, Cile, Argentina, Nicaragua, Guatemala, Haiti,
ecc., ma si può dire ch'essa sia praticata in tutto il Continente. Una larghissima documentazione sulla
estensione e sui metodi di tortura in
questi Paesi è stata raccolta dal Tribunale Russell II sulla repressione in
Brasile, Cile e America latina. Un’altra istituzione, Amnesty International, con sede centrale a Londra, ma
con sezioni nazionali in 33 Paesi, si
occupa in generale della difesa dei
diritti dell'uomo in tutti i Paesi del
mondo e, in particolare, naturalmente, denuncia e combatte la tortura.
Nell’ultima relazione presentata al-
Condannata da tutti ma ancora praticata
l’assemblea di Strasburgo del settembre 1976, essa ha denunciato violazioni dei diritti dell’uomo in quasi
tutti i Paesi, compresi Stati Uniti,
Unione Sovietica, Inghilterra, Francia, le due Germanie, Italia, Israele.
Fra i pochi Paesi non compresi nell'elenco citiamo Canada, Costarica,
Danuimarca, Kuwait,Norvegia, Panama. Naturalmente non ne dobbiamo
dedurre che vi sia certezza che in
questi Paesi non sussistano violazioni dei diritti dell'uomo, come neppure possioamo dedurre che dove c'è
violazione dei diritti dell'uomo vi sia
sempre anche la tortura. Tuttavia essa è certamente molto diffusa. Fra i
Paesi dove è più largamente praticata possiamo annoverare, oltre quelli
già menzionati dell’America latina,
anche l’Indonesia, le Filippine e l’Iran.Si tratta di una situazione assurda. Non c’è dubbio che sulla base dei
principi di morale comunemente accettati, la tortura è inammissibile per
qualsiasi ragione, e tuttavia l’opinione pubblica assiste, senza eccessive
reazioni, al dilagare del fenomeno.
L'ABU GHRAIB DI BOTERO
Ogni giorno i giornali recano notizia
delle torture applicate in Cile, Argentina, Brasile, Uruguay, Iran e altri
Paesi, ma nessun meccanismo sembra mettersi in moto per arrestare
questo massacro. Del resto, fino a
pochi anni fa, la tortura era applicata
su larghissima scala dall’esercito
americano nel Vietnam, e sulla base
di quell’esperienza gli Stati Uniti insegnano oggi agli ufficiali degli eserciti e delle polizie latino-americani i
più raffinati metodi di tortura in scuole specializzate. Non c’è del pari nessun dubbio che la tortura è giuridicamente proibita dalle dichiarazioni e
dalle convenzioni sui diritti dell’uomo, di cui sono firmatari gli Stati stessi che l’applicano in misura maggiore e che, nel medesimo tempo, continuano a partecipare alle commissioni e alle conferenze che dovrebbero denunciarla e impedirla. È la
diffusione stessa del fenomeno che
rende possibile un vicendevole ricatto fra gli Stati e paralizza quindi le istituzioni create in sede internazionale
per la difesa dei diritti dell’uomo.
Di fronte a questa situazione, viene
naturalmente fatto di domandarsi se
esista qualche possibilità di combattere lo straripare di uno dei fenomeni più brutali della condotta umana.
Purtroppo, poiché non funzionano
gli strumenti giuridici internazionali
per la ragione ora indicata, non rimane che il ricorso all’opinione pubblica mondiale con lo scopo di coordinare gli sforzi di tutti coloro che
combattono per liberare i popoli da
ogni forma di oppressione, e quindi
anche dalle dittature che hanno fatto
della tortura un'arma di governo.
Lelio Basso
Storia illustrata, Marzo 1977, n.232
Fondazione
31
3/2#
5002 erbmettes - elirpa ,3/2°n ,IX onnA
enoizadnoF
Ultima pagina
ossaB
oileL
elanoizanretnI
Linda Bimbi
Un nostro impegno
lontano e sempre presente
In questi primi anni del XXI secolo ri-
borazione della Regione Toscana.
prendiamo a misurarci sulla realtà della
Rispetto a questa importante iniziativa che
tortura, andiamo avanti sulla scia delle
affronta un problema diventato purtroppo
esperienze culturali umane e politiche di
di urgente attualità ci è sembrato che fos-
Lelio Basso, che scrisse e operò concreta-
se utilissimo, quasi doveroso riferirsi al
mente contro l’uso e l’abuso della tortura
pensiero di Lelio Basso che si occupò del-
nel contesto storico-culturale della sua
la questione della tortura. Per questo ab-
epoca, e prima.
biamo pubblicato in questo numero, a
Fu un creatore di Tribunali di opinione,
chiusura dei tanti contributi, un articolo
come il Tribunale Russell II per l’America
dal titolo “Condannata da tutti ma ancora
Latina, fu partecipante attivissimo e rela-
praticata”(pag. 30) scritto da Lelio Basso e
tore finale del Tribunale Russell I sul Viet-
apparso su Storia illustrata del marzo
nam, nonché membro della commissione
1977. Un articolo che rimanda alle radici
di inchiesta che operò all’interno di quel
storiche del fenomeno e al suo percorso
Paese per la verifica che rese concrete le
nella vicenda umana.
accuse sui crimini di lesa umanità là per-
Riteniamo di notevole importanza il lega-
petrati dall’esercito americano.
me con il passato che rimanda anche a
Nella presentazione dei risultati del primo
una importante lettura antropologica del
seminario “La tortura oggi nel mondo”, te-
fenomeno. Rimandiamo i nostri lettori al-
nutosi a Roma nel maggio 2005 col patro-
la lettura di “Appello contro la tortura” del-
cinio della Provincia di Roma (il secondo
lo stesso Basso apparso sul Corriere della
e il terzo seminario si terranno rispettiva-
Sera dell’11 ottobre del 1977 per rilevare
mente a Napoli il 5 novembre nella sede
l’importanza che la stampa considerata
e con la collaborazione dell’Università de-
“neutrale” attribuí al filone di cultura poli-
gli Studi di Napoli “L’Orientale”, e a Firen-
tica a cui oggi noi specificamente ci rife-
ze il 3 dicembre nella sede e con la colla-
riamo in quanto identità.
Fly UP