...

Real Tolve, cinico e spietato

by user

on
Category: Documents
17

views

Report

Comments

Transcript

Real Tolve, cinico e spietato
Risultati e classifica
Az Picerno-Moliterno
6ª
2-1
Marcatori
25' pt Malito all’11’ st. AntoHI (P), al 25’
st. Falivena, 33’ st. Vizzuso
Miglionico-A. Tursi
Promossa
31' pt Bacio T., 43' pt Mainenti (M), 44'
st Falanga
GValdiano-Pietragalla 3-1
R. TOLVE
18
6
6
0
0 18 2
3
3
0
0 11 1
3
3
0
0
7
1 16 +6
1-1
R. METAPONTINO
18
6
6
0
0 14 3
3
3
0
0
9
2
3
3
0
0
5
1 11 +6
1-0
GR VALDIANO
13
6
4
1
1 13 5
3
3
0
0
9
2
3
1
1
1
4
3
8 +1
VIGGIANO
11
6
3
2
1
6
3
1
1
1
5
5
3
2
1
0
4
1
3
-1
POLICORO
11
6
3
2
1 10 9
3
3
0
0
8
3
3
0
2
1
2
6
1
-1
ROSSOBLÙ
10
6
3
1
2 13 10 3
2
1
0
8
4
3
1
0
2
5
6
3
-2
MOLITERNO
8
6
2
2
2
8
7
3
2
0
1
5
3
3
0
2
1
3
4
1
-4
0-2
A. CRISTOFARO
7
6
2
1
3
7
9
3
1
1
1
3
4
3
1
0
2
4
5
-2 -5
0-1
VULTUR
7
6
2
1
3
2
4
3
0
1
2
0
2
3
2
0
1
2
2
-2 -5
AZ PICERNO
6
6
2
0
4
5 10 3
2
0
1
5
2
3
0
0
3
0
8
-5 -6
PIETRAGALLA
6
6
2
0
4
5 12 3
2
0
1
3
2
3
0
0
3
2 10 -7 -6
S. PIGNOLA
5
6
1
2
3
8 11 3
0
2
1
5
7
3
1
0
2
3
4
-3 -7
MURESE
5
6
1
2
3
5
3
1
1
1
1
2
3
0
1
2
4
6
-3 -7
MIGLIONICO
4
6
1
1
4
7 13 3
1
1
1
5
4
3
0
0
3
2
9
-6 -8
A. MARCONIA
3
6
1
0
5
4 10 3
0
0
3
0
4
3
1
0
2
4
6
-6 -9
A. TURSI
3
6
0
3
3
6 15 3
0
1
2
2
8
3
0
2
1
4
7
-9 -9
10’ pt Martemucci, 48’st Nicoletti
MECCANISMI
Murese-A. Cristofaro
PROMOZIONE: La prima classificata sale automaticamente in
Serie D. La seconda va agli spareggi nazionali direttamente
RETROCESSIONE: Non sono
previsti playout, le ultime due retrocedono direttamente. Per
stabilire eventuali posti in più bisognerà attendere i verdetti del
campionato di serie D
37’ pt Dutra
Metapont.-Marconia
3-1
10’ pt e 16’ st Altieri, 27’ pt Douglas, 43’
st Ciriglaino
Rossoblù-Policoro
2-2
12’ pt Carriero, 17’ pt Frabetti, 1’ st
Grieco, 33’ st Miranda
S. Pignola-Viggiano
13’ pt Sileno, 46’ st Gilfone
Vultur-R. Tolve
4’ pt Saccente
La festa della capolista con i
tifosi
7ª giornata
21/10/12 ore 15.30
A. Cristofaro-Vultur
A. Marconia-Az Picerno
Moliterno-Gr Valdiano
Murese-Miglionico
Pietragalla-A. Tursi
Policoro-S. Pignola
R. Tolve-Rossoblù
Viggiano-R. Metapontino
RETROCESSA
Prossimo turno
giornata
9
8
7 reti: Arpaia (R. Tolve)
5 reti: Starna (1) (S. Pignola); Salamone (Valdiano)
4 reti: Dutra (1) (Murese); La Neve
(1) (A. Tursi); Sperandeo (Rossoblù),
Mainenti (1) (Moliterno);
3 reti: Petilli (A.C. Oppido); Bacio
Terracino (1) (AZ Picerno); Verri (A.
Marconia); Armento Altieri Cirigliano (R. Metapontino); Ardino, Gruosso (R. Tolve) Malito (Valdiano), Grieco (Rossoblu), Anthoi (Pietragalla);
2 reti: Campisano, Leone G. (A.C.
Oppido); Gallitelli (Miglionico);
Gialdino, Manolio (Policoro);, Di
Senso P., Di Senso S. (R. Metapontino); Di Nella (Rossoblu); Angelastri,
Zocco (R. Tolve); Brindisi (S. Pignola);
Vizzuso (Valdiano); Gilfone, Serritella (Viggiano), Martemucci (Miglionico)
1 rete: Fanelli, Nicoletti (A. Tursi);
Falanga, Magliano (AZ Picerno);
Douglas (A. Marconia), Andrulli, Cacace, Cerabona (Miglionico); Branda (1), Genovese, Torzillo (Moliterno); Giordano (Murese); D'Amico,
Pietragalla L. (Pietragalla); Fabretti,
Ferrara (1), Mirando, Modarelli,
Schettino, Silvestri (Policoro); Ostaku
(R. Metapontino); Di Tolve, Girelli,
Notari, Carriero (Rossoblù); Saccente (R. Tolve); Lamorte (S. Pignola); Falivena, Ricchiuto, Vizzuso (Valdiano); Anastasio, De Biase, De Pascale,
Di Maio, Sileno (Viggiano); Corbo
(Vultur)
Alla capolista basta la rete in avvio di Saccente. Ma è una buona Vultur
Real Tolve, cinico e spietato
0
1
V. RIONERO: Castelgrande, Larotonda, Maiorino, Vena, Corbo, Sabatiello, Barbaro (19's.t.
Di Tacchio), Bosso (12's.t. Virgilio), Zuccaro (25's.t. Cetrone),
Sacco, Falaguerra. A disp.: Zucale, Eterno, Laus, Imparato.
All.: Ceruzzi.
R.TOLVE: Fusco, Loiudice M.,Trifone, Saccente, Gambino, Giaconelli, Caputo, Ardino, Gruosso (22's.t.Incampo), Arpaia, Angelastro (8's.t.Zocco). A disp.:
Loiudice F., Militiello, Melucci,
Russo, Livrieri. All.: De Nora.
ARBITRO: Cimino di Sala Consilina. Assistenti: Benevento e
Buonavoglia (entrambi di Potenza).
RETE: 8' Saccente
NOTE: Ammoniti: Larotonda,
Maiorino, Bosso (VR). Rec.:
2'pt; 4'st. spettatori: 400 rioneresi. 100 tolvesi.
di FRANCESCO PREZIUSO
ATELLA- La capolista Real
Tolve espugna di misura il
campo della Vultur e si conferma in vetta a punteggio
pieno.
Il risultato, però, è un pò
''bugiardo'' perchè, per
quello che si è visto in campo, la Vultur avrebbe meritato almeno il pari.
Il gol, arrivato in apertura di gara (al 8'), non ha certamente abbattuto i padroni di casa che nella prima
frazione di gioco sono riusciti a giocare alla pari degli avversari. Nella ripresa,
dal momento in cui Ceruzzi
ha mandato in campo il
neo-arrivato Di Tacchio (al
19'), la Vultur ha preso in
mano il controllo del match, ma non è riuscita ad agguantare il pari anche per
via di un pizzico di sfortuna. Sugli spalti del Comunale pubblico delle grandi
occasioni con circa quattrocento tifosi rioneresi ed
un centinaio di tolvesi.
Grande senso di civiltà mostrato dalle due tifoserie
che hanno assistito alla gara in maniera esemplare e
corretta.
Passando alla cronaca
della gara, al primo affon-
do il Tolve passa in vantaggio. Al 8' corner battuto da
sinistra da Giaconelli che
''pesca'' in area Saccente,
abile ad insaccare di testa.
Ospiti che ci provano ancora al 17' con una punizione
dalla distanza di Gruosso
con palla che sorvola la traversa. La Vultur si rende
pericolosa al 24' quando
Bosso smarca in area Falaguerra che da buona posizione calcia fuori a fil di palo. Ultima occasione degna
di nota per quanto riguarda il primo tempo al 35',
con un tiro rasoterra dal limite di Gruosso messo in
corner da Castelgrande
con la punta delle dita. Nella ripresa, occasione ospite
al 9' quando il neo-entrato
Zocco lancia Arpaia che da
posizione defilata sulla destra scaglia un forte tiro
che si stampa sull'esterno
della rete. Al 14' Ceruzzi richiama Barbaro ed inserisce Di Tacchio. Il forte attaccante pugliese sembra
prendere per mano la squadra, con tanto di sponde
per i compagni, lanci precisi e smarcanti che mettono
in crisi la retroguardia
ospite e strappano applausi
ai tifosi locali. Il ''granitico''
bomber bianconero al 24',
con un forte tiro dai 20 metri, impegna Fusco in una
parata a terra. Al 32' ci prova con una rovesciata acrobatica da dentro l'area con
Fusco che blocca. Al minuto 37' ancora un super Di
Tacchio che ''apre'' a destra
per Falaguerra il quale, solo davanti al portiere, calcia a colpo sicuro, ma l'estremo difensore Fusco è
bravo a respingere di piedi.
Sul proseguimento dell'azione, cross da sinistra di
Cetrone che imbecca proprio Di Tacchio, ma questi
da buona posizione centra
in pieno la traversa, facendo strozzare in gola l'urlo
della folta platea bianconera. Fino al triplice fischio
finale è un assedio alla porta ospite con gli avversari
che resistono a ''denti stretti'' portando a casa la vittoria. Arbitraggio non molto
convincente.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
De Nora: «Gara durissima»
Ceruzzi: «Sfida equilibrata»
A FINE GARA AVVICINATo al nostro taccuino il tecnico ospite De Nora dichiara: ''E' stata una partita durissima, come ce l'aspettavamo, con un Rionero orgoglioso, stuzzicato da un
pubblico delle grandi occasioni. Per conquistare le luci della ribalta ci ha messo
in gravi difficoltà in più di
qualche occasione. E' stato
determinato e ha cercato di
contrastarci con le armi che
le sono proprie, mettendo a
dura prova la nostra imbattibilità. Alla fine il risultato
ci ha premiato e questo è
motivo di grande soddisfazione per noi''. Il tecnico locale Ceruzzi ha affermato: ''
Il Tolve
Il taccuino
VULTUR
R.TOLVE
Partita equilibrata, ben
giocata da entrambe e noi
meritavamo almeno il pari.
Sono soddisfatto della prova dei miei ragazzi''. Infine
abbiamo chiesto un commento sulla sua prestazione e sul pubblico bianconero al neo arrivato Michele
Di Tacchio che ha detto: ''
Devo ritrovare ancora il ritmo giusto, visto che sono
stato fermo per un pò, ma
sono sicuro di migliorare la
mia tenuta atletica quanto
prima. Sono rimasto impressionato dall'encomiabile sostegno del pubblico
verso la propria squadra
per tutti i novanta minuti''.
f.p.
Il colpaccio dopo 20 mesi
2010-11 e identico risultato nella scorsa stagione) la terza
consecutiva interna. Il Viggiano, che è in forte credi Bianculli vittoria
scita dopo un avvio non certo brillante, con la sua terza vit-
IL DUELLO a distanza tra i due Real sembra non terminare
mai. Tolve e Metapontino comandano la vetta della classifica ancora a punteggio pieno tenendo lontane le più immediate inseguitrici. Gr Valdiano a +5 e Viggiano a +7. I
bradanici, che per la seconda volta di fila vincono di misura, tornano ad espugnare il fortino della Vultur Rionero
(alla terza sconfitta consecutiva senza segnare reti e rimanendo con uno zero all’attivo nella casella gol interni realizzati) dopo più di 20 mesi. Era il 30 gennaio 2011 quando
i giallorossi vinsero per 1-2 al Corona e ieri con il minimo
scarto ad Atella sono tornati a ripetersi. Gli jonici, che hanno ritrovato finalmente il bomber Altieri (tre gol nelle ultime due partite), in casa continuano a mantenere l’imbattibilità interna che dura da più di un anno arrivando a conquistare con il successo sull’Aurora Marconia (al quarto
stop consecutivo) il quindicesimo risultato utile di fila. La
Gaetano Romanelli Valdiano, terza incomoda del campionato, dimostra di essere squadra in salute con il quarto risultato utile in serie, raggiungendo con il successo sul Pietragalla (sempre battuto a Monte San Giacomo: 1-0 nel
toria consecutiva viola il Pantano di Pignola che era imbattuto dall’11 dicembre 2011 (Sporting Pignola – Grottole 02) e resta senza sconfitte lontano dal Coviello con due vittorie e un pareggio. Il cambio di panchina al Rossoblu Potenza non ha prodotto gli esiti sperati perché la formazione
del capoluogo di regione con il pari interno contro il Policoro (al suo quarto risultato utile consecutivo e primi due
gol realizzati in trasferta) ha raccolto soltanto il quarto
punto nelle ultime quattro gare. Il Picerno conquista la
sua seconda vittoria interna di fila ritornando a battere il
Moliterno al Curcio, questa volta in zona Cesarini, dopo
più di 22 mesi (l’ultima vittoria tra le mura domestiche contro i valligiani è del 28 novembre 2010 Picerno – Moliterno
5-0). Primo sorriso stagionale per la Murese che acuisce il
periodo poco felice dell’Oppido (tre sconfitte nelle ultime
quattro gare) che torna a vincere dopo cinque mesi di astinenza (è del 29 aprile l’ultimo successo della Murese con un
4-1 rifilato al Real Tolve). Infine il Miglionico racimola un
punto dopo tre insuccessi di fila seppur raggiunto nei secondi finali dall’Aurora Tursi guidato ieri dal vicepresidente Virgallito e non ancora da Angelino come ci si aspettava.
E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di parte di essi con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per mezzo di fotocopie, microfilms, registrazioni o altro
31
ECCELLENZA
Lunedì 15 ottobre 2012
ECCELLENZA
Lunedì 15 ottobre 2012
Vittoria all’inglese contro un Pignola che avrebbe meritato di più
Il Viggiano inizia a marciare
S. PIGNOLA
VIGGIANO
0
2
PIGNOLA: Masi, Lauria, Galluzzi
(16' st Santarsiero), Chiorazzo,
Lamorte (22' st Brindisi), Cocina, De Carlo, Santopietro, Padula (1' st Laurino), Starna, Villano. A disp: Di Pasquale, Gerardi, Olita, Pepe. All: Lauria
VIGGIANO: Davide, Santalucia,
Anastasio, Perna Roberto,
Mollo, De Pascale, Sileno (41'
pt Lobosco), Di Maio, De Biase,
Gilfone, Scarici (26' st Scarici).
A disp: Perna Ruggiero G.,
Vaccaro, Serritella, Nigro. All:
Taglianetti,
ARBITRO: Pavone Marco Leonardo di Bernalda. Pescuma
Savino di Venosa e Ruggiero
Paolillo di Matera
RETI: 1t: 13' Sileno. 2t: Gilfone.
NOTE: Angoli: 3 a 2 SP. Ammoniti: Chiorazzo, Lamorte (SP).
Scarici, Perna Roberto (V).
Espulsi: Santopietro, doppia
ammonizione, Conte Antonio,
allenatore portieri Pignola:
espulso per aver contestato la
posizione di fuori gioco di un
giocatore del Viggiano. 2T:
Concessi 5 minuti di recupero.
Spettatori: 500 circa
Lauria: «Troppe occasioni sprecate»
A FINE gara questi i commenti dei due allenatori. Mister Lauria dice: «Le sconfitte ci stanno nel calcio. Abbiamo giocato
alla pari con una squadra solida. Le occasioni sprecate nel primo tempo ci hanno
penalizzato ulteriormente.
Con l'infortunio a Lamorte costretto ad
uscire in un momento clou della partita e
l'espulsione di Santopietro hanno dato la
svolta all'incontro quando stavamo pressando per raggiungere un meritato pareggio e il loro portiere e riuscito a deviare un tiro di Starna sicuramente in porIl Viggiano
Il Pignola
di LEONARDO MARTINO
PANTANO DI PIGNOLA Passa il Viggiano, ma il Pignola avrebbe meritato
qualcosa in più.
Nei primi minuti, Anastasio del Viggiano libera
l'area su un tiro ribattuto
di Starna. Dal lato opposto
Cocina anticipa Gilfone.
Ancora il Pignola con Galluzzi-Starna con tiro centrale finito tra le braccia di
Davide.
Il Viggiano ci prova con
Santalucia e Sileno, cross
per la testa di De Biase che
mette fuori.
Una punizione calciata
da Lamorte del Pignola allontanata dai difensori
centrali del Viggiano e raccolta fuori area da De Carlo
con tiro che finisce alto
La Romanelli passa al 25’ st
Antohi illude Natiello
col momentaneo pareggio
GR VALDIANO
PIETRAGALLA
ta».
Per gli ospiti corsari parla mister Taglianetti: «Ringrazio i miei ragazzi che
con spirito di sacrificio sono riusciti a
chiudere vittoriosi questo incontro regalando una importantissima vittoria su
un campo difficilissimo. Nonostante alcuni uomini acciaccati e costretto a sostituire anticipatamente Sileno, voglio
complimentarmi con il tecnico Lauria
per aver una squadra ben organizzata in
tutti i settori».
LeoMar
3
1
G ROMANELLI VALDIANO (4-4-2). Gallone; Marchesano, Calandriello, Malito,
Ietto; Puoli, Iodice (dal 17’ st Morena),
Pascuzzo, Falivena; Salamone (dal 42’
st Sanseviero), De Franco (dal 28’ st Vizzuso); A dip. Morello, Canonico, Lardo,
Criscito. All. F. Masullo.
PIETRAGALLA (4-5-1). Cerillo; Summa (
dal 32’ st. Pappalardo), Franco, Sabia,
Gorga S.; Leone, Gorga E.(dal 22’ st.
Benedetto), Lani (dal 28’ st. Zotti), Pietragalla, D’amico, Gorga L.; Antohy; A
disp. Pietrafesa, Cillie, Potenza, Tornillo.
All. Natiello.
ARBITRO: Manigoldi della sezione di Matera. Assistenti: Albano e Aquino della
sezione di Potenza.
MARCATORI: 24’ pt. Malito (GRV), all’11’
st. Antohy (P), al 25’ st. Falivena (GRV),
33’ st. Vizzuso (GRV).
di NICOLA SENATORE
MONTE SAN GIACOMO- Una bella gara quella disputata al Gaetano Romanelli di Monte San Giacomo tra due compagini che per
gran parte della partita hanno
giocato a viso aperto e senza risparmiarsi. I due allenatori avevano ben impostato la gara, Masullo
con un gioco principalmente basato sullo sfruttamento delle fasce e
la velocità dei suoi ragazzi, mentre l’esperto Natiello con una
squadra corta e pronta nelle ripartenze.
Il terreno di gioco non ha permesso grandi giocate individuali,
zuppo d’acqua com’era. La prima
azione che abbiamo annotato degna di nota si è svolta al 7’ minuto
del pt. con un cross di Puoli su cui
ha colpito di testa Salamone ma la
sfera è finita alta sulla traversa.
Ancora Salamone tre minuti più
tardi su assist di Pascuzzo tira ma
il portiere para senza problemi.
Sul ribaltamento di fronte Gallone
manda in angolo una punizione
ben calciata da Pietragalla che poteva avere maggior fortuna se il
portiere della GRV non era attento. Al 24’ pt capitan Malito realizza
la rete del vantaggio capitalizzando una bella azione di Falivena dopo un batti e ribatti in area. Questa
rete squote i ragazzi del pietra galla che con D’Amico provano alla
distanza al 36’ pt ma è attento Gallone.
La compagine di casa risponde
al 42’ pt con un gran tiro che finisce alto sulla traversa. Il primo
tempo si conclude con i locali in
vantaggio 1-0. Nel secondo tempo
si riparte ancora con Salamone
che al 5’ st tira a colpo sicuro ma
l’intervento in scivolata di Sabia
gli impedisce la realizzazione. Gol
sbagliato e nel capovolgimento di
fronte subito, Antohy raccoglie
un assist dalla fascia e capitalizza
permettendo alla squadra di Natiello di pareggiare 1-1. Il terreno
di gioco è ancora peggiorato e giocare diventa un’impresa difficile, i
tiri da fuori di Pascuzzo e Malito
non impensieriscono il portiere
Cerillo.
La rete del vantaggio per i padroni di casa arriva al 25’ st con il
giovane Falivena che spinge in rete un bellissimo cross di Puoli dalla fascia. Questa rete permette ai
ragazzi di Masullo di ragionare e
pochi minuti dopo al 33’ st il neo
entrato Vizzuso grazie ad un assist di Falivena realizza la rete della
tranquillità 3-1. Con questo risultato si conclude anche la gara che
vede la Gaetano Romanelli Valdiano al terzo posto solitaria dietro le
due squadre di testa che continuano a correre appaiate (Real Tolve e
Real Metapontino), contento della
prestazione l’allenatore Masullo
che ora spera in un risultato positivo anche mercoledì per proseguire anche in coppa.
sulla traversa.
Nel capovolgimento di
fronte, al 13' ospiti in vantaggio. Di Maio smarca
sulla sinistra Gilfone, il
numero 10 effettua un
cross teso per l'accorrente
Sileno, piatto destro e palla
in rete.
Primi cartellini gialli
della partita. Chiorazzo
per un fallo su Perna e Scarici su De carlo. Altra punizione per il Pignola. Santopietro-Galluzzi,
cross
per Padula anticipato da
Davide che allontana la
sfera con un pugno. Al 20'
Pignola vicino al pareggio
con Villano.
Il suo slalom non viene
premiato dal tiro che termina al lato.
Ancora Starna, ma il suo
tentativo e bloccato da Davide. Galluzzi per il Pigno-
la e Gilfone per il Viggiano, tutti e due in posizione
di ala sinistra non riescono a superare i diretti avversari. Si arriva al 33'.
Angolo per il Viggiano. Va
sulla bandierina Sileno,
svirgola il tiro e resta fermo sulla bandierina per
uno stiramento all'inguine. Sarà sostituito da Lobosco.
Ancora un'occasione per
i padroni di casa con azione confezionata da Galluzzi e Villano per l'accorrente Starna.
Tiro immediato con deviazione in angolo. Santopietro, Starna, De Carlo:
Davide protagonista mette
in angolo. Dalla bandierina Santopietro, riprende
Chiorazzo, alto.
Il Viggiano, chiuso nella
propria metà campo e il Pi-
gnola che attacca da tutti i
lati.
Il pari sembra arrivare.
Ma il finale è convulso. I
padroni di casa perdono il
difensore centrale Lamorte, costretto ad abbandonare per un stiramento.
Dal 85' restano in dieci
per l'espulsione per doppia
ammonizione di Santopietro e viene allontanato dalla panchina l'allenatore
dei portieri Antonio Conte
per contestazioni nei confronti del direttore di gara.
La punizione calciata da
Di Maio viene raccolta sulla destra da Gilfone.
In velocità scarta tutti
compreso l'estremo difensore Masi e al 92' realizza
la seconda rete che di fatto
chiude l'incontro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Miglionico dura un tempo
Nel finale il gol di Nicoletti
punisce il portiere Villa
MIGLIONICO
TURSI
1
1
MIGLIONICO: Villa, Palmirotta, Galante,
Cerabona, Perrone, Pietracito, Gallitelli (43'st Angelino), Battilomo A., Andrulli, Cacace (39'st Fiore), Martemucci (25'st Tragni P.) A disp.: D'Adamo,
Vulpis, Battilomo M., D'Angelo. All. Michele Fontana.
AURORA N.R. TURSI: Gulfo, Manfredi,
Dalessandro, Giannini (32'st Salerno),
Gioia, Nicoletti, Fanelli, Montano, Bruno (15'st Mangieri), La Neve, D'Oronzo (6'st Amendolara). A disp. Abitante,
Rubolino, Erdogmus,Stalfieri. All.: Luciano Virgallito
ARBITRO: Russo di Bernalda (FaraldiManolio).
RETI: 10'pt Martemucci(M), 48'st Nicoletti(T).
NOTE: Espulso al 35'st La Neve(T).
Ammoniti: Andrulli(M), Manfredi,Giannini,Gioia(T). Rec:1'pt, 3'st. Angoli: 6 a
5 per il Miglionico.
di ANTONIO CENTONZE
MIGLIONICO. Un Villa al massimo non basta al Miglionico. La
saracinesca del Miglionico è stata forzata solo all'ultimo secondo
di recupero e 2 dei 3 punti che la
squadra di Fontana stava mettendo in cascina, sul fischio finale di Lorenzo Russo sono svaniti
lasciando l'amaro in bocca ai locali e premiando i ragazzi di Virgallito che ci hanno creduto e lottato fino alla fine. Appunto la fine, quella del Miglionico che dopo essere passato in vantaggio al
10'pt con Martemucci, ha tirato i
remi in barca lasciando il campo
al Tursi che ha fatto un secondo
tempo votato all'attacco. Un secondo tempo che lo ha visto premiato solo al 48' quando in 10
contro 11 la squadra tursitana
ha messo alle corde il Miglionico.
Dopo un palo centrato da Saler-
no al 1' di recupero è
arrivato il gol con un
tiro dal limite di Giuseppe Nicoletti che
ha portato le due
squadre a dividersi la
posta. Si era partiti già dai primi
minuti con un botta e risposta
sintomo della buona fisicità delle
squadre in campo nonostante la
pioggerellina che rendeva scivoloso il manto del Ditrinco. Villa
di pugno salvava su La Neve
mentre un minuto dopo era Gulfo ad opporsi ad un siluro di Andrulli. Al 6' un cross dalla destra
di Antonio Battilomo veniva intercettato dalla testa di Cacace.
La sfera faceva la barba al palo alla sinistra di gulfo. Al 7' era Andrulli a rubare palla ad un disimpegno difensivo e silurare verso
la rete. Di poco fuori. Al 10' la
strada del gol era spianata per
Martemucci che raccoglieva un
angolo dalla destra di Gallitelli e
di piatto angolava e gonfiava la
rete mettendo la gara in discesa
per i locali. Reazione del Tursi al
15' con fanelli che sfiorava il palo
alla sinistra di Villa. Al 22' occasione per il Miglionico su punizione di Gallitelli. Il palo gli nega
la rete. Al 24' è D'Oronzo a mancare di un soffio un tap-in in area
miglionichese mentre al 25' ancora il Tursi su punizione impegna Villa. Il tiro di La Neve diretto sotto la traversa esalta il portierone miglionichese che di pugno devia in angolo. Al 42' tambureggia il Miglionico con Battilomo e Gallitelli dalla destra e tiro di Cerabona senza fortuna. La
zampata di Manfredi evita alla
sfera di terminare a rete. La prima frazione si chiude sull'1-0. La
ripresa vede un Tursi rinvigorito anche se le prime azioni sono
di marca locale. Punizione di Cacace al 4' sulla barriera ed di Gallitelli al 9' con intervento in due
Virgallito e Nicoletti
tempi di Gulfo che con l'aiuto di
Manfredi sventa il pericolo. Dal
10' il Tursi sale in cattedra ed interroga a ripetizione Massimiliano Villa. All'11 è Bruno a vedersi
negare da un Villa a braccia spiegate una rete che sembrava già
fatta. Mani nei capelli per l'attaccante ospite. Al 20' è Gioia con un
colpo di testa ad intercettare una
punizione di La Neve dalla sinistra ad impegnare Villa in una
plastica parata. Tursi su di giri
con i nuovi entrati Amendolara,
Mangieri e Salerno. Miglionico
in affanno al 25' quando Fanelli
in slalom dalla sinistra arriva al
tiro dal limite diretto nell'angolino. Villa si distende e gli spegne
l'urlo del gol in gola. Ancora Villa si ripete, ancora su Fanelli, al
30' tra gli applausi del pubblico
ospite e locale. Al 31' l'unica azione degna di nota d'attacco è propiziata da Andrulli che lancia
Pietro Tragni sulla sinistra. Solo
in area è Gulfo a pararsi davanti
e chiudergli lo specchio della
porta. Dal 35'st il Tursi resta in
10 per l'espulsione di LaNeve per
doppia ma non arretra anzi si
coagula ancor più sul fronte
d'attacco. Miglionico arretra e
dopo il palo al 1' di recupero, arriva la beffa al fischio finale. Un
pareggio meritato dagli uomini
di Virgallito che non hanno perso mai fiducia nelle possibilità di
recupero. Miglionico dopo un
buon primo tempo deve ringraziare Villa e ricordarsi di scendere in campo nei secondi 45 minuti.
E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di parte di essi con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per mezzo di fotocopie, microfilms, registrazioni o altro
32
Metapontino
un tris
perentorio
METAPONTINO
MARCONIA
3
1
REAL METAPONTINO: Marino, Paterno, Mascolo,
Cordisco (36’ s.t. Lavecchia), Armento, Falanca,
Ostaku, Filardi, Lupacchio (13’ st Di Senso P.), Di
Senso S., Altieri (29’ st Cirigliano). A disp. Maida,
Cicchelli, Grittani, Di Lerma. All. Fortunato.
A. MARCONIA: Lattanzi, Natuzzi, Tucci, Sportelli
(20’ .t Castrignano), Centrone, Cati, Verri, Guarino, Moscara (30’ st De Mare), Motti, Sangalli (38’
st Galileo). A disp. Parisi, Adorisio, Iannuzziello,
Ricchiuti. All. Danza
ARBITRO: Santoro di Messina
RETI: 10’ p.t. e 16’ s.t. Altieri, 29’ pt Sangalli, 43’ st
Cirigliano.
IL METAPONTINO sbriga la pratica Marconia con un perentorio e meritato 3-1. Ma
sul neutro di Policoro, la squadra di Fortunato, pur meritando ampiamente la vittoria finale, la legittima nei minuti finali
con la rete del 3-1 di Cirigliano.
Prima, in mezzo alla doppietta di Altieri,
la rete di Sangalli aveva fornito speranze
di risultato ai ragazzi di Danza.
I padroni di casa avevano iniziato bene
con il gol di Altieri all’11’ su ottimo servizio di Falanca.
Vicino al 2-0 con Cordisco (traversa), il
Metapontino si rilassa e bcca il pari di Sangalli su assist di Natuzzi.
Prima del raddoppio di Altieri (grande
inzuccata) il gol è sfiorato da Di Senso, ancora traversa. Prima del tris di Cirigliano,
di prepotenza, l’espulsione di Guarino.
[email protected]
I Rossoblù non vanno oltre il 2-2 con il Policoro
Camelia, solo un pari
ROSSOBLU
POLICORO
2
2
ROSSOBLU POTENZA: G.Grieco, Girelli (82' Girelli), Patrone, Lucia, Pastore, Pietrafesa (70' Ielpo), Carriero, A. Grieco, Sperandeo, Mastroberti, Di Tolve (77' Notari). A disp: G.
Grieco, Luongo, Palermo, Di Nella,
Cioffredi. All. Camelia
POLICORO HERACLEA: N. Labriola,
Manolio, Mele, Gialdino, D'Aria,
Corleto (64' Schettino), Modarelli,
Frabetti, Miranda, Ferrara, Camardi
(70' Silvestri). A disp: Pasquino, Trupo, Fiorenza, Ciaglia, Fittipaldi. All.
Rocco Labriola
ARBITRO: Berardone (Catino - Martone)
RETI: 12' Carriero, 45'A. Grieco
(Ro), 17' Frabetti, 78' Miranda (P)
NOTE: Giornata soleggiata, campo
in buone condizioni. Spettatori circa
300 . Ammoniti: Manolio, Patrone,
Frabetti, Lucia Espulsi: Al 90' D'Aria
. Recupero: 5'pt, 3'st.
ESORDIO CASALINGO con
un pari per Pinuccio Camelia e
per la divisa rossoblù dei potentini che sfidano il Policoro
con un 4-2-3-1 contraddistinto
dal rientro di Massimo Pietrafesa davanti alla difesa affiancato da Anselmo Grieco.
Forfait dell'ultimo minuto
per il giovane Foscolo alle pre-
I Rossoblù Potenza
se con un fastidio muscolare.
Rispondono gli jonici di mister Labriola con un 4-4-2 con
Camardi e Miranda di punta,
supportati dalle avanzate di
Corleto.
Al 12' lancio col contagiri di
Pietrafesa che imbecca l'inserimento dalla corsia di destra di
un impeccabile Carriero, il
quale incrocia e sigla la prima
marcatura in stagione.
Pareggio del Policoro al 17'
del tutto fortuito. Camardi tenta la gran botta dai venti metri
e trova la correzione in rete di
Frabetti che di testa pareggia i
conti. La gara viaggia su ritmi
blandi e su qualche timido tentativo di cross prontamente respinto dagli ospiti. Mastroberti al 40' prova il gran destro,
ma la sfera termina abbondan-
Vittoria sofferta, ma meritata, per la Murese in dieci
temente alta, facendo intuire
che per i tiri da lontano non è
giornata.
Al 50' è ancora Camardi a
rendersi pericoloso con un destro di punta, ma sulla sua
strada trova l'intervento di
Giuliano Grieco che smanaccia in corner. Dopo cinquanta
secondi la ripresa sorride al
Rossoblu Potenza e Grieco con
un inserimento di testa gira in
rete un angolo dalla destra di
Mastroberti, riportando avanti i suoi.
Al 58' Di Tolve tenta l'azione
personale, culminata da un sinistro che lambisce il palo alla
sinistra di Labriola, vivacizzando un po' la manovra offensiva.
Nel frattempo Di Tolve prova a fare breccia all'interno
della difesa ospite, ma senza
l'esito sperato. In prima battuta prova un mancino che spaventa e non poco Labriola, dopodichè da pochi passi manda
alle ortiche la palla che avrebbe
potuto chiudere le sorti dell'incontro.
E così il Policoro prende coreggio. Alla mezz'ora punizione di Miranda e respinta plastica da un ottimo Giuliano
Grieco. Stessa situazione all'80' e stavolta lo stesso numero nove policorese fa centro,riagguantando una partita che sembrava ad appannaggio dei ragazzi di mister Camelia. All' 82' lo stesso tranier potentino tenta il tutto per tutto
inserendo Rocco Di Nella al posto di Girelli, ma il punteggio
non cambia e il pareggio sa di
beffa per non essere stati abili
a capitalizzare le opportunità
che avrebbero potuto consegnare tre punti preziosi come
il pane, oltre che per i punti in
classifica anche e soprattutto
per l'aspetto mentale dei suoi
ragazzi.
La vetta dista ora otto lunghezze e nel frattempo mercoledì si torna in campo per il ritorno di Coppa Italia Regionale contro lo Sporting Pignola.
Serve una vittoria, il diktat è
fin troppo chiaro.
Al 42’st il Picerno piega il Moliterno
Dutra inguaia l’Oppido e Manniello Falanga, bordata finale
MURESE
OPPIDO
1
0
MURESE: Piccirillo, Gaudioso, Nano
V., Muslera (63’ Cella), Gerbasio, Ricigliano, Rota, Iacullo G., De Martino
(69’ Marolda, Iacullo V., Dutra (86’
Giordano). A disp.: Pirolo, Latorre,
Galante, Cardone. All. Lardo
OPPIDO: Robertone, Provenzale, Marone, Leone A., Giganti Ge., Stefanile, Leone G., Vaccaro, Campisano,
Petilli (16’ Manniello D.), Messina (55’
Cilla). A disp.: Barbarino, Nardiello,
Giganti Giu., Manniello F. Molletta. All.
Manniello
ARBITRO: Contini di Matera (Perrotta
– Franciosa)
RETE: 34’ pt Dutra
NOTE: gara interrotta per 12 minuti al
2’ per infortunio dell’assistente Perrotta. espulso Ricigliano (M) per somma di ammonizioni. Ammoniti: Piccirillo, Gaudioso, Rota, Iacullo G., Giordano (M); Leone A., Manniello D. (O)
di MAURIZIO CARDONE
MURO LUCANO – Al fischio finale di Contini, nel grande boato del Rigamonti, c’è tutta la liberazione per una vittoria che
sembrava non arrivare mai. Se
a questo si aggiunge il tabù sfatato – la Murese non aveva mai
vinto in casa con l’Oppido – la
sofferenza per aver giocato
mezz’ora in dieci e un super Dutra, il sapore dei tre punti è ancora più dolce. La rete dell’uruguaiano conferma la forza di
questo ragazzo dalle straordinarie doti tecniche abbinate ad
un grande fiuto del gol. Paga
un conto più salato del dovuto
l’Oppido, con l’allenatore Manniello che a fine gara dichiarerà
di “essere pronto a dimettersi”.
La prima emozione della partita
la regala l’assistente Perrotta al
2’: nel rientrare verso il centrocampo si accascia a terra per un
malore muscolare. Il gioco è fermo per 12 minuti, l’arbitro applica il regolamento imponendo
al secondo assistente, Franciosa, di lasciare il campo. Le bandierine vanno ad un addetto
dell’Oppido e uno della Murese.
Paradosso. La gara riprende e a
patire un infortunio e un uomochiave, Petilli, costretto a lasciare il campo dopo una manciata
di minuti. Il gioco stenta a de-
Dutra premiato a
fine partita
collare con le due squadre che si
fronteggiano prevalentemente
a metà campo. Ci prova la Murese al 34’ con una bella triangolazione Dutra- Iacullo V. il cui tiro
esce non di molto alla sinistra di
Robertone. Azione che si rivelerà, anche per i protagonisti,
una prova tecnica di gol. Iacullo
V. calcia una punizione al miele
dall’out di destra per la testa di
Dutra che imperiosamente trafigge Robertone. Nella ripresa
la Murese rimane in dieci dopo
il primo quarto d’ora in virtù
della doppia ammonizione inflitta a Ricigliano. I padroni di
casa sono costretti a rivedere il
proprio assetto, l’Oppido ne approfitta prendendo in mano il
pallino del gioco e rendendosi
pericoloso in virtù di alcune
leggerezze commesse da Piccirillo. Ci prova Vaccaro al 51’ ma
la punizione non impensierisce
più di tanto piccirillo. Poi è la
volta di Leone G. – grande prova
– che con una gran botta dal limite chiama Piccirillo all’inter-
vento in due tempi. Lo stesso
Leone si rende pericoloso a dieci
dal termine con una conclusione insidiosa. La Murese però sa
soffrire difendendosi in maniera ordinata con Iacullo G. nel
pacchetto difensivo, sopperendo al meglio all’uscita anticipata di Ricigliano. L’Oppido non
ci sta ma la Murese col coltello
tra i denti tiene fino al 90’ quando fa esplodere la sua gioia. Una
vittoria, la prima stagionale,
che serve ai biancorossi per lasciare l’ultima posizione in classifica ma soprattutto per il morale dei ragazzi di Lardo, scalfito da qualche prova incolore e
da punizioni troppo severe. Per
l’Oppido, partito con ambizioni
indubbiamente diverse da quelle dei biancorossi, è notte fonda:
terza sconfitta in sei gare e con
Manniello pronto a lasciare la
panchina biancoverde. Proprio
dopo Muro Lucano dove non
aveva mai perso. Stranezze del
calcio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
SPOGLIATOIO
IL TECNICO PRONTO A DIMETTERSI
NEGLI SPOGLIATOI tensione e amarezza in casa Oppido, con Manniello che ha
la valigia sul letto: “Parlerò col Presidente, credo sia giunto il momento di lasciare.
Non possono pagare undici giocatori, quando i risultati non arrivano paga l’allenatore e io sono uno che si assume le sue responsabilità. Sembra di vivere l’annata
della serie D – prosegue Manniello – dove perdevamo partite che erano da vincere”. Laconico il commento finale sulle ambizioni biancoverdi: “l’organico era attrezzato per il vertice ma ci troviamo in una situazione tale da dover guardare a una
tranquilla salvezza”. In casa Murese tutt’altro clima. Lardo: “aAbbiamo sofferto ma
meritato di vincere per spirito e ordine tattico”.
metri, leggermente spostato sulla
destra di Fittipaldi, la traiettoria è
insidiosa e il numero uno di mister
Arleo si salva deviandola sulla traAZ PICERNO: Di Florio, Vaccaro, Mele, Pal- versa.
L’undici di mister Catalano ha
ladino, Cozzolino, Falanga, Basilio (29’ st
Podano), Fioraso, Scuotto, Bacio Terra- avuto, sia prima che dopo il legno
cino (47’ st Ciuffreda), Iannielli (19’st To- colpito dal numero dieci, delle buopazio); A disp. Lettieri, Petrov, Russo, ne occasioni con Scuotto e Fioraso
che sia pure per poco non trovavaLaurino ; All. Peppe Catalano.
MOLITERNO: Fittipaldi, Torzillo, Lancellotti, no la via del goal.
Alla mezzora del
Mastrangelo , Genoveprimo tempo il Pise(15’ st Risi), Savone,
cerno passa meritaPetrocelli, Di Maria, Mai- SPOGLIATOIO
tamente in vantagnenti, Albini (47’ st Gatgio, Savone commetta), Saccende (39’ st Brite fallo ai trenta mecoli); A disp. Arleo, Coiro, Catalano si esalta
tri sulla palla va BaRusso, Annone; All. Ar- «Vittoria voluta
cio T. che questa volleo
ta non perdona è batARBITRO Cauzillo di Po- fortemente»
te Fittipaldi sul protenza (Delfino-Vicino)
RETI: 30 pt Bacio T., 40’ NEL DOPO GARA abbiamo prio palo.
A questo punto il
pt (aut) Mele, 42’st Falan- raccolto il commento di mister
ga.
Catalano: «E’ stata una vittoria Picerno tira il fiato e
che i ragazzi hanno voluto for- il Moliterno né apdi VITO PICCIUOLO
temente, la gara è stata molto profitta, dopo un belcombattuta e sofferta , nel pri- la chiusura di IanPICERNO- Il Picerno mo tempo dovevamo concre- nielli su Petrocelli,
vince la seconda par- tizzare meglio le azioni da rete gli ospiti impattano
tita e si porta a quota costruite, ma non ci siamo riu- la gara; siamo al 40 ‘
6 scalando la classifi- sciti, non ci dimentichiamo che su cross proveniente
ca del campionato di il Moliterno è una signora squa- dalla sinistra Maidra ben messa in campo da mi- menti è bravo a saleccellenza lucana.
E’ stata una vitto- ster Arleo e che fino ad oggi tare Cozzolino e Di
ria tanto meritata non aveva ancora perso fuori Florio in uscita e sul
tiro in diagonale troquanto sofferta, il casa».
va la decisiva deviagoal vittoria è arrivazione di capitan Meto negl’ultimi minuti
le.
della sfida.
Prima del riposo
I rossoblù di casa,
l’Az Picerno va di
oggi in maglia biannuovo vicino alla reca, hanno meritato
te , ma senza successoprattutto in virtù
so, sempre su punidel buon primo temzione di Bacio.
po disputato nel quaIl secondo tempo vede la squadra
le potevano mettere a segno più di
di casa alla disperata ricerca della
una rete.
Veniamo alla cronaca, la partita rete della vittoria, ma la lucidità
ha inizio sotto una pioggia battente non è la stessa vista nella prima frache, visto il tappeto sintetico del “ zione, al 16’ Lancellotti salva su BaD. Curcio”, non crea problemi ai cio Terracino a due metri dalla linea di porta.
ventidue in campo.
Quando al 40’ la traversa negava
Il primo tiro verso la porta avversaria è del Moliterno che al 5’ ci pro- a Bacio T. la gioia della rete e prima
va con un tiro da fuori Mainenti ancora il signor Cauzillo non aveva
spedisce la sfera abbondantemente fischiato, tra le proteste veementi
dei giocatori e dirigenti, la massialta .
Da qui in poi è solo il Picerno a ma punizione per un netto fallo di
collezionare occasioni per portarsi mano in area, per i tifosi picernesi ,
in vantaggio, ma vuoi per bravura difficile sperare in una vittoria dei
dell’estremo Fittipaldi vuoi per po- loro beniamini.
Il goal della meritata vittoria arca precisione non si concretizzano.
La più clamorosa la registriamo riva al 42’, Falanga manda in fondo
al 10’ Bacio Terracino, il migliore al sacco un tiro dalla bandierina
dei suoi, batte una punizione dai 30 dell’onnipresente Bacio T.
AZ PICERNO
MOLITERNO
2
1
E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di parte di essi con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per mezzo di fotocopie, microfilms, registrazioni o altro
33
ECCELLENZA
Lunedì 15 ottobre 2012
Fly UP