...

Cosa è l`immigrazione?

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Cosa è l`immigrazione?
I.C. «AMERIGO VESPUCCI»
DI VIBO VALENTIA MARINA
LABORATORIO DISCIPLINARE:
«IMMIGRAZIONE»
GRUPPO N°8 «COLOMBO»
PAUSA DIDATTICA
15/02/2016
19/02/2016
DOCENTI: VENTRICE CATERINA
VOLPE ANNUNZIATA
IMMIGRAZIONE:
L’INGRESSO E L’INSEDIAMENTO IN UN PAESE O IN UNA REGIONE DI PERSONE
PROVENIENTI DA ALTRI PAESI O REGIONI.
EMIGRAZIONE:
FENOMENO SOCIALE IN BASE AL QUALE SINGOLE PERSONE O GRUPPI SI SPOSTANO DAL
LUOGO D’ORIGINE VERSO UN’ALTRA DESTINAZIONE, SOLITAMENTE CON LA FINALITÀ DI
REPERIRE NUOVE OCCASIONI DI LAVORO.
(VEDI VOCABOLARIO TRECCANI)
I ATTIVITÀ: BRAINSTORMING E COOPERATIVE LEARNING
(PER SOCIALIZZARE I RISULTATI DELL’INDAGINE):
1) COSA PENSATE DEGLI STRANIERI PRESENTI NEL NOSTRO PAESE?
VENGONO DA NOI PERCHÉ NEI LORO PAESI C’È LA GUERRA E QUI STANNO PIÙ SERENI;
SONO PERSONE COME NOI;
2) CHE COSA SPINGE UN UOMO A LASCIARE LA PROPRIA TERRA?
GUERRA, POVERTÀ, FAME.
3) QUALI SENTIMENTI PROVA CHI È COSTRETTO AD ABBANDONARE RICORDI, AFFETTI E RADICI?
SENTIMENTO DI TRISTEZZA;
DISPIACERE, DOLORE;
RANCORE E RABBIA PERCHÉ TALVOLTA DEVONO LASCIARE I PROPRI FIGLI ED ALTRI PARENTI.
BRAINSTORMING E COOPERATIVE LEARNING (PER
SOCIALIZZARE I RISULTATI DELL’INDAGINE):
4) COSA SIGNIFICA «VIAGGI DELLA SPERANZA»?
FARE UN VIAGGIO VERSO ALTRI PAESI, SPERANDO CHE TUTTO VADA BENE, PER
SCAPPARE DALLE GUERRE E TROVARE UN POSTO MIGLIORE IN CUI VIVERE;
VIAGGI PER LA LIBERTÀ E PER LA VITA.
II ATTIVITÀ: SIMULAZIONE DI UNA SEDUTA
PARLAMENTARE CHE TERMINA CON UNA «PROPOSTA
DI LEGGE» PRO O CONTRO L’IMMIGRAZIONE: (M.S.).
PRO
• BISOGNA ACCOGLIERE GLI
IMMIGRATI CHE SCAPPANO DALLA
GUERRA PER DARGLI UN RIFUGIO IN
ITALIA.
• INVIARE MILITARI NEI PAESI DA DOVE
QUESTI FUGGONO E FERMARE LA
GUERRA.
CONTRO
• RIACCOMPAGNARLI NEI PAESI D’ORIGINE
PERCHÉ INSIEME AI RIFUGIATI VERI, NEI
BARCONI CI POSSONO ESSERE ANCHE
TERRORISTI CHE POTREBBERO PORTARE, IN
ITALIA, GUERRA E DISPERAZIONE.
III ATTIVITÀ: RIFLETTERE COME IL FENOMENO DELLA
MIGRAZIONE SIA SEMPRE ESISTITO.
IL FENOMENO DELLA MIGRAZIONE È SEMPRE ESISTITO
PER CAUSE DI TIPO DIVERSO.
L’UOMO PREISTORICO
EMIGRAVA PER:
-SEGUIRE LE MIGRAZIONI DEGLI
ANIMALI DA CACCIARE, PER IL PROPRIO
SOSTENTAMENTO (NELLA PREISTORIA).
NEL MONDO GRECO SI EMIGRAVA PER:
- CERCARE NUOVE
TERRE DA COLTIVARE E
FONDARE NUOVE
CITTÀ (VIII SEC. A.C.).
NEL MONDO ROMANO SI EMIGRAVA PER:
- MOTIVI MILITARI: I LEGIONARI VENIVANO
RICOMPENSATI CON L’ASSEGNAZIONE DI TERRE E CON
L’OPPORTUNITÀ DI SOTTOMETTERE E CONTROLLARE LE
POPOLAZIONI VINTE. (MONDO ROMANO III SEC. A.
C.).
<<>
- MIGRAZIONI FORZATE: L’ITALIA ERA IL LUOGO DI
ARRIVO DI SCHIAVI DI ETNIE DIVERSE IMPIEGATI
NELL’AGRICOLTURA, NELLE MINIERE O COME MAESTRI (
MONDO ROMANO, II SEC. A.C.).
- <<GLI IMPERATORI ROMANI SI RALLEGRANO CHE
MOLTI POPOLI BARBARI VENGANO A CERCARE «LA
FELICITÀ ROMANA» (IV SEC. D.C.) >> (CIT. BARBERO
ALESSANDRO).
NEL MONDO ISLAMICO SI
EMIGRAVA PER:
• CONQUISTARE NUOVI TERRITORI.
L’ISLAM:
TRA IL 634 ED IL 711 PORTÒ ALLA
SCOMPARSA DELL’IMPERO BIZANTINO E
PERSIANO;
SOTTOMISE L’AFRICA SETTENTRIONALE,
LA SPAGNA; LA SICILIA NELL’878.
<<>>
CON LA SCOPERTA DEL
NUOVO MONDO SI
EMIGRAVA PER:
FARE FORTUNA, MIGLIORARE LA PROPRIA
CONDIZIONE SOCIALE, SFUGGIRE ALLA GIUSTIZIA,
SERVIRE DIO COME MISSIONARIO O IL RE COME
UFFICIALI, ACCOMPAGNARE O TROVARE MARITO.
MIGRAZIONE FORZATA, MEGLIO NOTA COME «
TRATTA DEGLI SCHIAVI» CHE ‘’DEPORTÒ’’ DALL’AFRICA
NELLE AMERICHE CIRCA 12 MILIONI DI SCHIAVI (FINO AL
1867): FU QUESTA UNA DELLE PIÙ GRANDI MIGRAZIONI
DELLA STORIA, O COME SI SUOL DIRE, LA PIÙ GRANDE
DEPORTAZIONE.
<<>>
TRA IL 1820 ED IL 1914, 13 MILIONI DI
ITALIANI EMIGRARONO PER ARGENTINA,
BRASILE E STATI UNITI D’AMERICA.
<<>>
OGGI SI EMIGRA PER:
• CERCARE LAVORO
• MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI VITA
• FUGGIRE AD UNA DIFFICILE SITUAZIONE
POLITICA ( PERSECUZIONI RELIGIOSE,
POVERTÀ, PERSECUZIONI POLITICHE, LIBERTÀ
NEGATE …)
• STUDIARE
• ALTRO ..
GLI IMMIGRATI:
L’IMMIGRAZIONE IN
ITALIA
OGGI COME IERI L’ITALIA È
VISTA «COME TERRA FELICE»;
È UNO DEI GRANDI PAESI
EUROPEI DI IMMIGRAZIONE,
CON OLTRE 5 MILIONI DI
STRANIERI RESIDENTI.
( DATI DOSSIER STATISTICO DI
IMMIGRAZIONE 2015)
QUANTI SONO? ATTUALMENTE GLI IMMIGRATI PRESENTI SUL
TERRITORIO NAZIONALE CENSITI DAL MINISTERO DELL’INTERNO SONO
78 MILA 784. DI QUESTI 48.437 SONO OSPITATI IN STRUTTURE
TEMPORANEE.
CHI SONO?
IN PREVALENZA PERSONE PROVENIENTI DALL’AFRICA SUBSAHARIANA:
NIGERIA (10.135)
MALI (9.790)
GAMBIA ((8.575)
SENEGAL (4.675)
SEGUITI DA PAESI ASIATICI QUALI: PAKISTAN (7.150)
BANGLADESH (4.535)
AFGHANISTAN (3.120)
ED EUROPEI, CON L’UCRAINA CHE FATTO REGISTRARE 2.800 RICHIESTE
D’ASILO IN SEGUITO ALLE FORTI TENSIONI CON I FILORUSSI NELL’EST DEL
PAESE.
GLI IMMIGRATI: DOVE VIVONO?
STAZIONI E FRONTIERE SONO DIVENTATE DEGLI ACCAMPAMENTI. LA REGIONE CHE NE
ACCOGLIE DI PIÙ, SECONDO I DATI AGGIORNATI AL 18 GIUGNO 2015, È LA SICILIA
CON IL 19% DEL TOTALE. A SEGUIRE IL LAZIO CON L’11%, LA LOMBARDIA 10%, PUGLIA
E CAMPANIA A PARI MERITO CON IL 7%.
LA CALABRIA NE ACCOGLIE 4708; INVECE IL MINISTERO DELL’INTERNO NE AVEVA
RICHIESTO 2731
(DATO AGGIORNATO AL 18 GIUGNO 2015).
GLI IMMIGRATI: COSA FANNO?
LAVORI NELLE PROFESSIONI MENO QUALIFICATE
• PIZZAIOLI (A MILANO SONO PIÙ EGIZIANI CHE NAPOLETANI)
• RACCOGLITORI DI MELE (IN VAL DI NON LA RACCOLTA DELLE MELE È AFFIDATA AI SENEGALESI)
• A REGGIO EMILIA FACCHINI E MUNGITORI SONO QUASI TUTTI INDIANI
• SIKH È LA COMUNITÀ CHE SI DEDICA ALL’ALLEVAMENTO DELLE BUFALE IN CAMPANIA, PIÙ CHE
ITALIANI.
• I PESCATORI TUNISINI A MAZZARA DEL VALLO, IN SICILIA
• CAMIONISTI, ALBANESI E RUMENI
• LE COLF SONO PER LO PIÙ FILIPPINE
• LE BADANTI, UCRAINE
• IMPRENDITORI TESSILI CINESI A MODENA E A PRATO
(FONTE, PANORAMA)
GLI IMMIGRATI: COME ARRIVANO?
• FRONTEX, L’AGENZIA EUROPEA DI CONTROLLO DELLE FRONTIERE ( ALLA QUALE PARTECIPANO 29 PAESI) RAGGRUPPA
IN 5 LE VIE SEGUITE DAI VIAGGI DEI PROFUGHI:
• IL MEDITERRANEO CENTRALE: LA VIA SEGUITA DALLE IMBARCAZIONI PARTE DALL’AFRICA SETTENTRIONALE, DI
SOLITO DALLA LIBIA, E CONCLUDE IL SUO PERCORSO IN ITALIA O A MALTA: TUNISINI, SIRIANI, GAMBIA, SOMALIA
E SENEGAL.
• DAL MEDITERRANEO ALLA PUGLIA E ALLA CALABRIA ATTRAVERSO IMBARCAZIONI PARTITE DA TURCHIA E
GRECIA. QUESTA ROTTA È GIUDICATA PIÙ SICURA DA FRONTEX RISPETTO A QUELLA CHE PARTE DALLA LIBIA. LA
MAGGIOR PARTE DEI PROFUGHI ARRIVATI IN PUGLIA E CALABRIA PROVENIVANO DALLA SIRIA, MA TRA DI LORO
C’ERANO ANCHE MOLTI PAKISTANI E MIGRANTI PROVENIENTI DAL PAKISTAN.
• IL MEDITERRANEO ORIENTALE: È LA SECONDA PIÙ SOLCATA DAI BARCONI CHE TRASPORTANO I PROFUGHI. LA
MAGGIOR PARTE DEI PROFUGHI CHE PERCORRE LA VIA DEL MEDITERRANEO ORIENTALE PROVIENE DALLA SIRIA,
CIRCA 31 MILA NEL 2014, E DALL’AFGHANISTAN, QUASI 12 MILA.
• IL MEDITERRANEO OCCIDENTALE: È LA ROTTA CHE PORTA DALL’AFRICA SETTENTRIONALE ALLA SPAGNA. I
CAMERUNENSI SONO IL PRIMO GRUPPO PER PAESE D’ORIGINE SU QUESTA TRATTA, SEGUITI DA ALGERINI E
PROFUGHI DAL MALI.
• DALL’AFRICA OCCIDENTALE ALLE CANARIE: L’UNICA CHE NON APPARTIENE AL MEDITERRANEO.
5.651 MIGRANTI SBARCATI NEL SOLO MESE DI GENNAIO
2016. IL 60% IN PIÙ RISPETTO ALLO STESSO PERIODO
DELL’ANNO SCORSO (3528 MIGRANTI)
(Dall’Osservatorio sull’immigrazione di
Repubblica scattata al 31 gennaio 2016)
CONFRONTO DEI MIGRANTI SBARCATI NEL 2014 2015 - 2016
DATO AL 31 GENNAIO 2016
IV ATTIVITÀ: MSNA
MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI
• NEGLI ULTIMI SETTE ANNI IL NUMERO DEGLI MSNA SI È MANTENUTO SU UNA MEDIA ANNUALE
DI CIRCA 8 MILA MINORI CHE PERÒ NEL 2014 HA RAGGIUNTO UN PICCO DI 11 MILA PRESENZE
SOLO IN ITALIA.
• PURTROPPO MOLTI PAESI EVIDENZIANO CASI DI MINORI VITTIME DI TRAFFIKING, SFRUTTAMENTO
SESSUALE FORZATO E VENDITA.
• MSNA HANNO DIVERSE PROVENIENZE QUALI AD ESEMPIO:
AFGHNISTAN, SOMALIA, SIRIA , ERITREA ,MAROCCO ECC ...
MSNA
MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI
LA LEGGE ITALIANA IMPONE A TUTTI I PUBBLICI UFFICIALI E AGLI ENTI CHE
SVOLGONO ATTIVITÀ SANITARIE E DI ASSISTENZA AGLI IMMIGRATI E CHE
VENGONO A CONOSCENZA DELL'INGRESSO O DELLA PRESENZA SUL
TERRITORIO DELLO STATO DI UN MINORE NON ACCOMPAGNATO, DI DARNE IMMEDIATA
NOTIZIA ALLA DIREZIONE GENERALE DELL'IMMIGRAZIONE E DELLE POLITICHE DI INTEGRAZIONE
ISTITUITE DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI.
SECONDO LA LEGGE TUTTI I MSNA PRESENTI NEL NOSTRO PAESE SONO INESPELLIBILI E HANNO
DIRITTO DI OTTENERE UN PERMESSO DI SOGGIORNO DI MINORE ETÀ ANCHE SE SFORNITI DI
DOCUMENTAZIONE UFFICIALE E QUINDI BISOGNERÀ RITENERE VALIDE LE LORO DICHIARAZIONI.
IN QUESTO CASO SI SONO RISCONTRATI DELLE TRUFFE A CARICO DI ADULTI STRANIERI CHE SI
SONO DICHIARATI MINORENNI PER BENEFICIARE DELLE FORME DI ASSISTENZA.
MSNA
MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI
Con l'articolo 343 del Codice Civile lo Stato italiano impone la
Tutela pubblica dei MSNA che dovranno essere affidati al
Sindaco del territorio in cui sono ritrovati, il quale ha l'obbligo di
garantire al minore l'assistenza necessaria, in un luogo sicuro che
garantisca il rispetto dei suoi diritti fondamentali
(affidamenti, tutela legale, diritto alla salute e all'istruzione,
accoglienza, cura e formazione ecc. ) .
Quando i MSNA presentano domande di asilo vengono subito
affidati allo SPRAR ( Sistema di Protezione Richiedente Asilo e
Rifugiati istituito dal ministro dell'intero ). A quel punto interviene
la commissione territoriale per il Riconoscimento dello Status di
rifugiato che deciderà in base ai criteri statistici della
Convezione di Ginevra.
MSNA
MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI
L'EUROPA STA PENSANDO A INTERVENTI CHE VALORIZZANO L'AFFIDAMENTO DEI MSNA AD UNA
RETE DI CONNAZIONALI PRESENTI IN ITALIA, PER PREVENIRE LA FUGA DALLE STRUTTURE DI
ACCOGLIENZA, PER UN RIMPATRIO ASSISTITO DALLA MEDIAZIONE CULTURALE MA SOPRATTUTTO
PER LA FORMAZIONE DELLE AUTORITÀ DI POLIZIA DI FRONTIERA IN RELAZIONE
ALL'IDENTIFICAZIONE DELLE VITTIME DI TRAFFIKING.
V ATTIVITÀ: LEGGI E PROVVEDIMENTI
SULL’IMMIGRAZIONE
1982:
PRIMO PROGRAMMA DI REGOLARIZZAZIONE DEGLI IMMIGRATI PRIVI DI
DOCUMENTO.
1986:
FU VARATA LA PRIMA LEGGE IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE (L. 943 DEL 30/12/1986)
CON CUI CI SI PONEVA L’OBIETTIVO DI GARANTIRE AI LAVORATORI EXTRACOMUNITARI GLI STESSI
DIRITTI DEI LAVORATORI ITALIANI.
1991:
PRIMA IMMIGRAZIONE DI MASSA DALL’ALBANIA, ORIGINATA DAL CROLLO DEL BLOCCO
COMUNISTA.
625.000 IL NUMERO DI STRANIERI RESIDENTI IN ITALIA.
1996:
LEGGE MARTELLI. SI CERCA, PER LA PRIMA VOLTA, DI PROGRAMMARE IL FLUSSO D’INGRESSO
DEGLI IMMIGRATI E DI REGOLARIZZARE QUELLI CHE GIÀ SI TROVANO NEL TERRITORIO ITALIANO.
200.000 CIRCA GLI STRANIERI REGOLARIZZATI IN ITALIA, PROVENIENTI SOPRATTUTTO DAL NORD
AFRICA.
924.500 GLI STRANIERI PRESENTI IN ITALIA (DATI DELLA CARITAS)
1998:
LEGGE TURCO-NAPOLITANO. VENGONO REGOLARIZZATI ULTERIORMENTE I FLUSSI MIGRATORI IN
INGRESSO CERCANDO DI SCORAGGIARE L’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA ISTITUENDO, PER LA PRIMA
VOLTA,
« I CENTRI DI PERMANENZA TEMPORANEA» PER GLI STRANIERI SOTTOPOSTI A PROVVEDIMENTI
DI ESPULSIONE.
(DATI DA STEFANO BALDI)
LEGGI E PROVVEDIMENTI SULL’IMMIGRAZIONE
2002:
LEGGE BOSSI-FINI. PREVEDE LA POSSIBILITÀ DELL’ESPULSIONE
IMMEDIATA
DEI CLANDESTINI DA PARTE DELLA FORZA PUBBLICA.
AL 2005:
1.990.159 STRANIERI PRESENTI IN ITALIA.
316.000 PERSONE APPARTENENTI ALLA COMUNITÀ ALBANESE.
294.000 PERSONE APPARTENENTI ALLA COMUNITÀ MAROCCHINA.
AL 1° GENNAIO 2015:
RISULTANO REGOLARMENTE RESIDENTI IN ITALIA
5.014.437 CITTADINI STRANIERI (8,2% DELLA POPOLAZIONE
RESIDENTE).
Fly UP