...

yacht design - Wetzels Brown Partners

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

yacht design - Wetzels Brown Partners
YD
YACHT DESIGN
N. 1 February-March 2013 (febbraio-marzo).
Euro 8,00 (Italy only). Foreign Prices: UK £ 7,60 - L € 8,70 CH Sfr 13,00 - B € 8,70 - F € 9,15 - D € 9,15 - E € 9,50 A € 8,00 - GR € 8,30 - NL € 9,00 - P € 12,70 - S Skr 120,00.
Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70%, DCB MI
Special feature
A focus on the 50-metre
megasailer Better Place by Wally
Luca Bassani ● Wetzels Brown Partners ● Gerry McGovern ● Stefano Ricci Luxury Yacht Division
A portrait of Luca Bassani, who designed his first
yacht Wallygator, 83 feet, in 1991 and founded
the Wally yard, of which he is president, in 1994. /
© Giovanni Malgarini
Un’immagine di Luca Bassani, che ha disegnato il suo
primo yacht, l’83 piedi Wallygator, nel 1991 e fondato
il cantiere Wally, di cui è presidente, nel 1994.
10
the leader / better place
The founder of the Monaco yard talks about the
challenges of the stunning 50-metre sailing yacht
better place and explains the concept of wallycitÀ
(wally-icity) which includes quality of life aboard
Luca Bassani
as told to emilio martinelli
T
he course set by Better Place in the world of yacht design
isn’t new because it’s a route that Wally has followed since
its foundation. That is, to create genuine sailing yachts. I believe it’s also a sincere route: in recent years, certainly yachts have
been marketed as sailing craft yet were anything but. However,
with Better Place, which at 50 metres is the world’s longest carbon-fibre sloop, the challenge was, once again, to build a really
genuine sailing boat. This was at a time when hulls of 50, 60 metres and even larger, were out there claiming to be sailing yachts.
While it’s true they did have sails, to me they were more big motorsailers than anything else. Their ratios of weight to sail surface
did not mark them out as sailing yachts. To give you an example,
let’s say that in a wind of under 15 knots they really struggle to
make any progress under sail alone, while in winds of over 25
knots, they have to strike some sail because they start to heel so
much due to the fact that their centres of gravity are very high.
They are fake sailing yachts, albeit very comfortable ones. What
we wanted to create, on the other hand, was a genuine 50-metre
sailing yacht that would deliver the same comfort and amenities
11
“our desire to create not just something different, but something better resulted in better place”
as these very motorsailers, yet still retain the characteristics of
a sailer in terms of the relationship between displacement,
sail area and length along the waterline. A 50-metre yacht that
would be enjoyable and functional in all the different conditions one would normally use a sailing boat. Which means
anywhere between 6 and 30 knots of wind. The Better Place
design came into being about five years ago, but it took four
years to build her. That’s quite a lengthy construction time.
Even with our previous experience of the 40-metre Angel’s
Share, the 43-metre Esense and the 45-metre Saudada, Better
Place was something of a big jump for us. It wasn’t so much
because of the kinds of technical problems a hull of that kind
poses, but more in terms of the design and creation of the
diesel-electric propulsion system. Better Place is actually the
first sailing yacht to use this system and both ourselves and
the Siemens engineers worked on it for a long time. The latter
even had to optimise their own systems for this installation.
Apart from being more efficient, reducing fuel consumption,
noise and vibration, the diesel-electric system allows you
12
to convert certain hydraulic sail controls to electric via three
generators (with a total output of 705 kW). Most significantly of all, Better Place won the RINA Green Star certification
for the system and the many other green solutions aboard.
I personally feel the Green Star is absolutely essential, even
though energy-saving and environmental responsibility at sea
are part of a broader theme. However, we have to start becoming committed here in the sailing yacht world: it’s the
only truly environmentally sustainable transportation method.
Even though there’s a lot of work needs doing in the motoryacht world too. We, for instance, are developing a propulsion system that’s as hybrid as possible for the WallyAce,
our displacement yacht. It is partly electric and will be good
for proper passage-making, not little two or three hour hops.
Sustainability, reduced fuel consumption, larger volumes and
more comfort were the challenges with the WallyAce which
makes 12 knots, but has a duel connection with the 118 WallyPower, the 2003 36-metre that delivered 60-plus-knots in
all seas. In both instances, as with Better Place, we had the
«better place è il risultato della nostra volontà di presentare non qualcosa di diverso ma di migliore»
A rendering of the 50-metre Better Place, the world’s longest carbon-fibre
sloop. Bottom: a view from the stern that shows the dimensions of the
cockpit and in particular the glass deckhouse. Right: Luca Bassani. /
Il rendering di Better Place, che con i suoi 50 metri di lunghezza è il più grande
sloop in carbonio al mondo. Sotto, una vista di poppa che mostra le dimensioni
del pozzetto e la particolare tuga tutta a vetri. A fianco, Luca Bassani.
Luca Bassani
Il fondatore del cantiere monegasco parla di Better Place, delle sfide
vinte con questo 50 metri a vela e
della sua Wallycità. Che significa
anche vivibilità a bordo
L
a rotta di Better Place nel mondo dello yacht
design e dell’innovazione non è nuova,
perché è la rotta di Wally fin dalla nascita.
Quella di realizzare vere barche a vela. Ma credo
anche sia una rotta di sincerità: negli ultimi anni
sono stati spacciati per barche a vela oggetti
naviganti che tali non sono. Con Better Place,
lungo 50 metri, il più grande sloop in carbonio al
mondo, la sfida è stata, ancora una volta, quella
di costruire una vera barca a vela. E questo nel
momento in cui navigano scafi di 50 o 60 metri, e
anche più grandi, dotati sì di vele, ma che ritengo
essere solo grandi motorsailer. Il rapporto tra
peso e superficie velica non le identifica infatti
come barche a vela. La dimostrazione? Con
vento sotto i 15 nodi faticano a navigare a vela
e sopra i 25 nodi occorre ridurre tela in quanto
sbandano moltissimo avendo un baricentro
molto alto. Sono finte barche a vela, però molto
comode. Quello che abbiamo voluto realizzare
è invece un vero yacht a vela di 50 metri con gli
stessi comfort di questi motorsailer, ma con le
caratteristiche proprie di un’imbarcazione a vela
nei rapporti tra dislocamento, superficie velica
e lunghezze delle linee d’acqua. Uno yacht di
50 metri che fosse godibile in tutte le condizioni
nelle quali normalmente si naviga con una barca
a vela. Diciamo da 6 nodi a 30 nodi di vento.
Un progetto, quello di Better Place, nato circa
cinque anni fa e che ha richiesto quattro anni
per la costruzione. Un tempo abbastanza lungo.
Anche con l’esperienza di Angel’s Share di 40
metri, di Esense di 43 metri e di Saudade di 45
13
“The slogan ‘fast and easy’ sailing embodies a concept that is also at the heart of this 50-metre”
desire to create not just something different but something
better. That approach has been called Wallycità (Wally-icity)
and Better Place, aside from being a genuine “fast and easy”
sailing yacht, is also a Wally in terms of her onboard liveability. Starting with the space available on all her decks which
from the cockpit to the foredeck to the flybridge area are
very clean with lots of liveable spaces and no annoying and
dangerous sail controls getting in the way. In the interior, the
saloon has full-height windows which do away with the feeling of being in a deckhouse – you feel like you’re outside
under a bimini top. That’s one major difference between
her and other sailing yachts. Then in the owner’s stateroom,
which has glass doors opening on to the stern terrace and
enormous portholes in its walls, you are really close to the
sea and never far away from it. That’s a very Wally approach. Most importantly, in terms of style and feel, you always
know you are on a sailing yacht. Better Place features all of
the most innovative technical and design solutions. Because
Above: Bassani aboard a Wally yacht. Right: Better Place seen from
above with the large flybridge, twin wheels and a 100-square-metre
sundeck. To the bow of the wheelhouse is a second guest cockpit. /
In alto, Bassani a bordo di uno dei suoi Wally. A fianco, Better Place, visto
dall’alto, con il grande flybridge con le due timonerie e il sundeck di 100
metri quadrati. A pruavia della tuga, il secondo pozzetto ospiti.
14
«il nostro slogan “fast and easy” racchiude un’impostazione che è alla base anche di questo 50 metri»
metri, Better Place ha rappresentato per Wally
un salto di categoria. Non tanto per i problemi
tecnici che pone uno scafo del genere, ma per
la progettazione e la realizzazione del sistema
di propulsione diesel-elettrico. Better Place è
infatti il primo yacht a vela che utilizza questo
sistema che ha imposto un lungo lavoro a noi e
agli ingegneri di Siemens, i quali hanno dovuto
ottimizzare i loro sistemi per questa installazione.
Oltre a conferire una maggiore efficienza, a ridurre
i consumi, il rumore e le vibrazioni, il dieselelettrico permette, grazie ai tre generatori (per
complessivi 705 kW) di convertire alcuni sistemi
idraulici di manovra in elettrici. Ma soprattutto il
diesel-elettrico, assieme a tutte le altre soluzioni
“eco” di bordo, ha permesso a Better Place di
ottenere la Green Star dal Rina. Una certificazione
che ritengo obbligatoria anche se il risparmio
energetico e il rispetto ambientale in mare fanno
parte di una tematica più generale. Ma occorre
cominciare e impegnarsi in particolare nel mondo
delle barche a vela: unico mezzo di trasporto
ecosostenibile al mondo. Anche se c’è molto da
fare nel motore. Noi, per esempio, su WallyAce,
la nostra navetta, stiamo studiando un sistema di
propulsione più ibrido possibile, in gran parte
elettrico e che permetta vere navigazioni e non
autonomie di due o tre ore. L’ecosostenibilità, i
consumi ridotti, la ricerca di maggiori volumi e di
maggior comfort sono gli elementi della sfida di
WallyAce che naviga a 12 nodi, ma che è legata
a doppio filo con il 118 WallyPower, il 36 metri
varato nel 2003 capace di oltre 60 nodi con ogni
mare. In entrambi i casi, così come per Better
Place, si tratta della nostra volontà di presentare
qualcosa non semplicemente di diverso, ma di
migliore. È stata definita Wallycità e Better Place,
oltre agli aspetti legati al suo essere un vero yacht a
vela per prestazioni e facilità di manovra, nel solco
di quel “fast and easy” che ritengo sia un valido
slogan per definirci, è un Wally anche dal punto
di vista della vivibilità a bordo. A cominciare dagli
spazi sui vari ponti che, dal pozzetto a quello
di prua, al flybridge, sono tutti molto puliti, con
molti spazi abitabili, senza manovre che diano
noia o creino pericolo. All’interno del salone le
vetrate a tutta altezza cancellano la sensazione di
essere dentro una tuga: è come essere all’aperto,
sotto un bimini. E questa è una grande differenza
rispetto ad altre barche a vela. Poi, nella cabina
armatoriale, con la vetrata della terrazza di poppa
e gli enormi oblò sulle murate, si è vicinissimi
al mare e non ci si allontana mai da questo
elemento. E questa è un’impostazione molto
Wally. Soprattutto, come stile e come sensazione,
si è sempre su una barca a vela. Better Place è
15
“Better Place is the first yacht to use a diesel-electric propulsion system, winning a Rina Star”
«essere il primo yacht a vela a impiegare la propulsione diesel-elettrica è un altro primato di Better Place»
there are now design solutions and megayacht construction
techniques that really are innovative. Right now, we have the
50-metre Better Place, but we’re already working on an even
more comfortable 66-metre design with a very different kind
of line, so it’s not just a bigger boat. But we’re also ready to
take on a 100-metre. That wouldn’t be a yacht to tackle using
a conventional approach, you would
have to have the courage to come up
with new ideas that would replace
old ones, just as we did with Better
Place, which brought us to the famous Wallycità. A search for speed
and easy sailing that’s also safe. And
then, without it being my main goal,
we had the stylistic side. By attempting to create fast, simple boats, we
created the Wally style. •
16
Above: Better Place without
the deckhouse roof. Below:
the founder of Wally. / Sopra,
una vista senza tuga mostra gli
interni di Better Place. Sotto, il
fondatore e presidente di Wally.
un’imbarcazione nella quale sono applicate tutte
le più innovative soluzioni tecniche e progettuali.
Perché esistono le soluzioni in termini di progetto
e le tecnologie per costruire grandi yacht a vela
che siano davvero tali. Noi, per il momento,
siamo arrivati ai 50 metri di Better Place, ma
abbiamo già il disegno di un 66 metri con ancora
più comfort e con una linea molto diversa, quindi
non semplicemente più grande. Ma siamo pronti
anche ai 100 metri. Una dimensione da affrontare
non con i consueti schemi, ma con il coraggio
culturale di proporre nuove idee per superare
vecchie impostazioni, come abbiamo fatto anche
su Better Place, e che ha portato alla famosa
Wallycità. Un insieme e una ricerca di velocità e
facilità di conduzione che è anche sicurezza. Poi,
senza che fosse il mio obiettivo è arrivata la parte
stilistica. Cercando di realizzare barche semplici
e veloci è nato anche lo stile Wally. •
A rendering of the lounge aboard Better Place.
The full-height windows create a dramatic
indoor-outdoor environment. Opposite: Gillian
Brown and Rob Wetzels, founders of the
design studio. / Il rendering del living di Better
Place: le vetrate a tutta altezza creano un ambiente
unico con l’esterno. Pagina a fronte, Gillian Brown
e Rob Wetzels, fondatori dello studio.
18
the leader / better place
with a philosophy of developing the Wally DNA to
the next generation and a particular focus on
Wetzels
Brown Partners
outdoor living, the studio has made better place
an innovative example of understated luxury
by Gillian Brown as told to Désirée Sormani
W
e had worked closely with Luca Bassani on a great number of other projects in the past (building the WallyPower 118, and interior design for the WallyPower 64 and
70). Thanks to our knowledge and empathy with the Wally DNA and
philosophy, Luca didn’t hesitate to recommend us to the owner,
who is highly intelligent, questions standard assumptions to check
they are correct and is a pleasure to work with. The owner also
briefed Wetzels Brown Partners to create a really special yacht that
would take the Wally concept for outdoor living on sailing yachts to
the next generation. The idea was to keep the sporty style of a Wally
sailing yacht, but to add to it the luxury and comfort an owner requires on a megayacht. Our job was to push boundaries, question
requirements and provide a framework for a relaxed onboard life19
“Our philosophy was to encapsulate the ideas that are the Wally DNA and take them to the next level”
20
«la nostra filosofia: incapsulare le idee alla base del DNA Wally e portarle a un livello successivo»
style with no compromises on comfort. One of the key qualities
of the yacht was the connection between the outside and inside
space, so the interior design had to retain and enhance that.
How did we manage to fulfil the owner’s wishes? By following our own philosophy, which was to encapsulate the
ideas that are the DNA of a Wally and take them to the next
level in this large yacht. Design cannot be expanded to fit a
bigger yacht – you have to add layers of detailing and larger
architectural gestures to structure the layout of the interior. We
wanted to connect all three deck levels and add all the living and storage functions in a way that continued the spirit
of the exterior design into the interior. For example, the saloon is almost a “winter garden” placed over the main deck: it
is not an interior space at all. Our approach to sailing yacht
interior design is that you should always feel in touch with
the sea, see that you are on a yacht (the hull shape is visible
throughout) and have a different experience from being on
land. This may sound obvious, but with yachts getting bigger,
stabilisers getting better, and the carpets, marble and refined
joinery of some yachts, you could be forgiven for forgetting
you are afloat! Because we are trained and experienced in
land architecture and commercial interior design, we approach each project from a “branding perspective” with a clear
arrangement of space and functions. Each design decision is
part of the overall concept and not about the decoration of
different spaces. We have worked with Wally for over 10 years
and also with other shipyards so we have developed a deep
knowledge of the detailing of understated luxury. We focused
on flexibility of use throughout: the saloon coffee table converts into a dining table for 8, the navigation area converts into
dining for 10, the sundeck dining table converts into a sun
Below: an example of the
modular furniture. Above: the
two partners. Opposite: a
rendering of the owner’s suite;
the LED light possibilities in the
Wetzels Brown
Partners
L’estremizzazione della relazione
corridor and the living area. /
tra interno ed esterno. Questa la
Sotto, la modularità di un mobile;
chiave di lettura per Better Place
sopra, i due partner in studio.
Pagina a fianco, i rendering della
suite armatoriale, il gioco di led
nel corridoio e il living.
affidata allo studio d’interni che da
sempre condivide la filosofia Wally
N
on ha avuto dubbi Luca Bassani. La
scelta di affidare al nostro studio gli
interni del suo ultimo, innovativo, 50
metri, è stata quasi immediata. Abbiamo lavorato
gomito a gomito con Luca innumerevoli volte
(sulla costruzione del WallyPower 118, e sugli
interni del WallyPower 64 e del 70) e in modo
così empatico che abbiamo fatto nostro il DNA e
la filosofia Wally. Per questo non ha esitato a
raccomandarci all’armatore, uomo intelligente,
propositivo e curioso, persona ideale con cui
lavorare. Il suo brief era preciso: voleva uno yacht
speciale per viverlo all’aria aperta secondo i
parametri di generazioni future, mantenendo al
contempo lo stile sportivo di un veliero Wally ma
aggiungendo il lusso e il comfort di un
megayacht. Il risultato doveva spingersi oltre i
confini dell’immaginabile, senza compromessi al
relax, mantenendo ben presente la chiave di
lettura di questo progetto, la relazione esterno/
interno, che doveva essere esaltata al massimo.
Come siamo riusciti a sviluppare i desiderata
21
“We wanted to show the shape and length of the yacht. you should feel in touch with the sea”
bed, the lounge in the owner cabin can also be used as a bed
on the portside for long crossings, the crew dining table folds
to convert into a lounge area and with furniture in the same
finishes both internally and externally. We also created flexibility in the tableware, which coordinates in many combinations from unbreakable deck lunch settings (Mario Luca Giusti,
Whitbread Wilkinson, Mebel Italia) for the sundeck, to crystal
and porcelain for fine dining and cocktail parties (from collections by Baccarat, Christofle, Hermés, Alessi and others).
One of the underlying guidelines for the whole project was to
22
minimise weight: we sought to create good solutions that were
both functional and light in all aspects of the design. The deck
furnishings have carbon frames and the sundeck dining table
lowers – with the addition of an inflatable mattress, it converts
into one enormous sun bed. Colour is a very important aspect
of this yacht too: Bugatti blue is continued from the exterior
concept into the owner’s loft with raspberry, black and ice green in the guest cabins and calming sky blue in the crew areas.
The greatest challenge, however, was space. No matter how
large a yacht is there is always a limited space to fit in all the
«volevamo mettere in mostra la forma di questo yacht, far sentire il contatto con il mare»
requirements which just increase with the yacht’s size. An
example is that in the 86-square-metre main saloon we have
no solid walls and the central storage/pantry unit needed to
maintain openings to give the vision through it, yet at the same
time hide the structural supports, audio-visual racks and airconditioning outlets, yet still house fridges space, ice-maker
and waste bin, coffee machine, sink and storage of glasses –
quite a challenge! And this was before finding the space for
20 fine china and glassware place settings.
The challenge was also to invent storage space for the growing
Main picture: the owner’s
suite. Above: a rendering of a
bathroom. Top: the corridor
that follows the form of the
boat. / Nell’immagine grande,
la suite armatoriale. Sopra, il
rendering di un bagno e, più in
alto, il corridoio che rimanda
alle forme della barca.
dell’armatore? Semplicemente seguendo la
nostra filosofia: incapsulare le idee che formano il
DNA di un Wally portandole al livello richiesto
per creare un grande yacht come questo. Il
design non può essere espanso come un elastico
a seconda della dimensione di uno yacht;
bisogna aggiungere maggiori dettagli ed elementi
architettonici per strutturare il layout d’interni di
una barca più grande. Volevamo creare un
collegamento fra i tre differenti ponti e
aggiungere tutte le fruizioni dello spazio vivibile e
di contenimento in modo da portare lo spirito
del design degli esterni anche all’interno. Per
esempio, il salone nella deckhouse è una specie
di giardino d’inverno, non è affatto uno spazio
interno. Essendo a bordo di una barca a vela,
volevamo mettere in mostra la forma e la
lunghezza di questo yacht, far sentire il contatto
con il mare, esaltare il concetto di essere a bordo
di una barca (la forma dello scafo è visibile
ovunque) e sottolineare la diversa esperienza
dell’essere a terra. Ciò può sembrare ovvio, ma
con gli accorgimenti usati sui grandi yacht
(stabilizzatori, moquette, marmi ecc.), spesso ci
si dimentica di essere su un oggetto galleggiante.
Dalla nostra esperienza nel residenziale abbiamo
preso il metodo, un approccio che considera
l’insieme dello spazio e delle funzioni e non la
mera decorazione di ambienti singoli e differenti.
Abbiamo lavorato insieme a Wally per 10 anni
(oltre ad altri cantieri) e questo ha sviluppato in
noi una certa capacità nel considerare il dettaglio
di un lusso dimesso senza esagerazioni.
Ovunque abbiamo pensato alla flessibilità di
fruizione: il coffee table del salone si trasforma
all’occorrenza in un tavolo per otto commensali,
la zona navigazione si converte in area pranzo
da 10, il tavolo da pranzo del sundeck diventa
un prendisole, il salottino della cabina
armatoriale può essere usato come letto di
sinistra nelle lunghe navigazioni, il tavolino nella
crew mess si piega e l’area diventa una lounge
per l’equipaggio; i mobili poi hanno tutti le
stesse finiture, internamente come
esternamente, cosicché la stessa sedia può
essere messa in qualsiasi ambiente. Abbiamo
pensato che la flessibilità dovesse riguardare
anche i servizi da tavola, le porcellane e i cristalli
(selezionati tra le collezioni di Baccarat,
Christofle, Hermés, Alessi, tanto per citarne
alcune), per poterli usare ovunque.
Il colore poi è uno degli aspetti focali di questo
yacht: il blu Bugatti dall’esterno si ripete nel loft
armatoriale, lampone, nero e verde ghiaccio
nelle cabine ospiti, nero e azzurro cielo
nell’area equipaggio.
23
“The biggest challenge was space. No matter how large a yacht is there is always limited space”
«La sfida più grande di questo progetto è stato lo spazio. Che a bordo non è mai abbastanza»
list of technical requirements, medical supplies, lifesaving equipment and other essential items during the build while minimising
the impact on guest comfort. Innovative details include the teak
decking and exterior upholstery which continue from outside to
inside on the main deck, so it really does function as one space.
The saloon has full-height windows on all sides. The food lift is a
suitcase that travels up a carbon pole – a first on a yacht. TVs in
the ceilings of the cabins can project art or rotate for viewing in
bed. However, most impressive of all is the fact that we’ve created a streamlined interior without excessive ornament or accessories that not only fits in with weight-saving principles but also
the Wally philosophy of creating refined, state-of-the-art luxury. •
24
Above: renderings of a helm
wheel; a table unit; a bedside
reading light. Top: the two
architects, who had already
worked on the Wallypower
118, 64 and 70. / Sopra, i
rendering della postazione della
timoneria, di un tavolinocontenitore e della luce che
serve un letto. In alto, i due
architetti che hanno già lavorato
sui Wallypower 118, 64 e 70.
Altre linee guida erano il contenimento dei pesi:
in tutti gli aspetti di design abbiamo cercato
soluzioni che fossero sia funzionali sia leggere. I
mobili in coperta sono in fibra di carbonio e il
materassino, per convertire il tavolo del sundeck
in un prendisole, è gonfiabile.
La sfida più grande nell’affrontare questo
progetto è stato lo spazio. Che a bordo non è
mai abbastanza, nonostante in questo caso le
dimensioni siano generose, per inserire tutto ciò
che è necessario e che aumenta in proporzione
alla lunghezza di uno yacht. Un esempio? Negli
86 metri quadrati di salone è stata una vera sfida il
riuscire a nascondere il sistema d’aria
condizionata, quello audio-visivo, l’icemaker e i
bidoni della spazzatura in uno spazio senza muri
solidi e con una pantry centrale dove la visuale
doveva essere mantenuta libera. E tutto ciò anche
prima di trovare spazio per i migliori servizi da
tavola per 20 persone.
La nostra esperienza in campo residenziale è
emersa proprio nella capacità di inventare la
maggior parte di luoghi possibili dove sistemare
le apparecchiature tecniche, medicali e di
sicurezza senza sacrificare il comfort degli ospiti.
A bordo ci sono dettagli innovativi: il teak della
coperta è un continuum così come le
tappezzerie interne ed esterne; le vetrate a tutta
altezza danno una sensazione di spazio
proiettato all’esterno, racchiuso dalle alte
impavesate; il portavivande (inedito) è una valigia
che viaggia lungo una barra; le Tv scendono dal
cielino delle cabine e possono proiettare anche
opere d’arte o cambiare angolazione per vederle
da sdraiati. Ma è soprattutto la semplicità senza
eccessi e inutili orpelli che stupisce,
perfettamente in linea con la filosofia Wally. E che
conferisce al concetto di lusso un nuovo e
pregnante significato. •
A stunning image of the cockpit
of this 50-metre yacht by Wally.
The chromatic effect of the LED lights
used throughout the interior shines
through. / Una suggestiva immagine
del pozzetto del 50 metri di Wally,
con l’effetto cromatico dei led usati
© Gilles Martin-Raget
in tutti gli interni.
26
megasailer
the world’s largest carbon-fibre
sloop ushers in a new era of innovation. her visionary design offers
easy sailing in comfort and has won
an award for HER green properties
by Désirée sormani
Better Place
Naval architecture: Trip Design Naval Arch.
Interior Designer: Wetzels Brown Partners
Shipyard: Wally
27
the full-height deckhouse windows emphasise the inside/outside link that is a feature of wally
S
tepping aboard a Wally is a little like walking through a stargate as
one really does feel instantly transported to another dimension.
Better Place, the latest creature to sport the visionary stamp of the
great Luca Bassani, certainly lives up to that reputation. Her interiors are
by Wetzels Brown Partners and the naval architecture is by Tripp Design.
Having splashed in spring 2012, the 50-metre is the largest carbon-fibre
sloop in the world and hails a whole new era in terms of innovation. Her
long, sleek, striking lines have a slight aggressive edge that only truly high
performance yachts possess. The whole effect is underscored by a Bugatti blue livery commissioned by the owner. “It was our task to develop an
interior colour scheme to complement the exterior,” says designer Gillian
Brown. “As we knew the owner enjoyed Apple products, we took our
inspiration from the iPod colours. Both the strong colour and the Apple
philosophy of purity in design complemented the spirit of this project.”
Wally chairman and founder Luca Bassani adds: “Better Place introduces
new concepts. These include the linking of large volumes with weightsavings, full-height windows which enhance the signature Wally insideoutside discourse and raised bulwarks. Weight distribution is perfect too:
a 250-ton displacement (88 of which is ballast and spread between fin
and bulb) and 11.5 tons for the rigging. This, combined with superb construction materials, a rational sail plan that delivers even in winds of under
10 knots, and push-button sail controls, make her a megasailer that’s really
quite easy to handle.” As if this were not enough, Better Place was also
designed to be as green and sustainable as possible and thus features
new generation diesel electric propulsion. In fact, she is the very first sailing yacht ever to have been awarded a Green Star rating by RINA.
Above, clockwise from left: the stairs in carbon fibre set in a glass structure; the owner’s ensuite bathroom with Dornbracht fittings and Foglizzo leather on
the floor; the dining area. Opposite: the lounge seen from the stern; the corridor (below). / Sopra, da sinistra in senso orario, la scala in fibra di carbonio inserita in una
struttura di vetro, il bagno armatoriale con rubinetteria Dornbracht e pavimenti in pelle Foglizzo; la zona pranzo. Pagina opposta: il living visto da poppa; il corridoio (in basso).
28
© Toni Meneguzzo
le vetrate a tutta altezza dellA TUGa enfatizzano il già confermato discorso in/out tipico di Wally
Better Place
È il più grande sloop al mondo costruito in fibra di carbonio. Ha un design unico, è
uno yacht easy-sailing ed ecosostenibile. E in fatto di innovazione apre una nuova era
S
alire a bordo di un Wally è come immaginare
di passare lo Stargate: si è sicuri di varcare
una dimensione diversa. E Better Place, ultima
creatura che porta le firme di quel visionario di Luca
Bassani (sempre presente nella fase progettuale),
dello studio Wetzels Brown Partners per gli interni e
di Tripp Design per l’architettura navale, non delude
certo le aspettative. Anzi. Questo 50 metri, che ha
toccato l’acqua nella primavera del 2012, è infatti il più
grande sloop al mondo costruito in fibra di carbonio,
e in fatto di innovazione apre una nuova era. A partire
dalle linee esterne, allungate e un po’ aggressive come
solo una barca a vela dalle grandi performance può
avere, sottolineate da una livrea blu Bugatti voluta
dall’armatore. «Per gli interni è stato nostro il compito
di cercare il colore giusto», precisa Gillian Brown, «e
per farlo abbiamo tratto ispirazione dai colori dell’iPod,
conoscendo la passione del proprietario per i prodotti
e la filosofia Apple, la cui purezza del design ben
si complementa con lo spirito di questo progetto.
«Better Place introduce concetti nuovi», sottolinea Luca
Bassani, fondatore e presidente di Wally, «tra questi
l’associazione tra grandi volumi e contenimento di pesi,
vetrate a tutta altezza che esaltano il già confermato
discorso in/out tipico di Wally, le falchette rialzate.
Perfetta la distribuzione dei pesi che combaciano
esattamente con i calcoli teorici: 250 tonnellate di
dislocamento (di cui 88 di zavorra, tra pinna e bulbo)
29
30
Minimalist spaces free of obstructions imbued with an unexpected sense of calm and tranquility
spazi minimalistici sgombri da ostacoli e pervasi da un senso inaspettato di calma e tranquillità
The owner’s cabin is a 62-square-metre suite
with a king-size bed to one side. The bathroom
© Toni Meneguzzo
is a veritable spa. / La cabina armatoriale è una
suite di 62 metri quadrati, con letto king size a
murata; il relativo bagno è una vera area benessere.
31
the exterior furniture is designed ad hoc in minimalist style, like the interior, to maximise space
However, Better Place’s offbeat design is what really grabs the attention. Somehow the line sketched by the designer seems smooth and
true to the extent that interior and exterior seem in constant contact. The
86-square-metre deckhouse has full-height windows and dominates the
otherwise clean, uncluttered deck – very unusual in a sailing yacht. Its
interior is a huge open plan area that includes the steering position, the
saloon and a 10-seater dining area with folding chairs by Serralunga. A
forward cockpit, accessible through the deckhouse, also allows up to
20 guests to enjoy views under way and there’s even a Jacuzzi that hides away discreetly when not in use. The fly bridge covers almost 100
square metres of sunning space and is accessible both from the interior
and exterior. The fly also features twin helm wheels, dining, BBQ and
relaxation areas. Below, a large hatch opens out to starboard amidships
to create a swim and tender platform. Better Place’s exterior furnishings
32
were custom-designed by Wetzels Brown Partners to keep the feeling
streamlined, to maximise the sensation of space and to reflect the same
minimalist aesthetic as the interior furnishings. The upholstery fabrics
are by Extex. Better Place has three levels and her two inside decks are
connected by an unusual and colourful carbon-fibre and glass staircase
which draws the eye both upward and downward adding to the three
dimensional feel and flow of the space.
Better Place sleeps up to 12 guests in her five minimalist cabins which
each have artificial skylights with five pre-set colour modes which can be
changed to suit different times of day and create different moods. There are more panoramic windows in the 62-square-metre owner’s suite
which looks on to the sea terrace aft, creating a sense of endless space.
The suite, which has private access aft, features a cabin with a king size
bed, a saloon with a modular sofa, a walk-in closet and a bathroom with
The stern cockpit with, below, the private access to the owner’s cabin.
Opposite, clockwise from left: the dining area and the exterior helm
wheels on the flybridge; the guest cockpit to the bow of the wheelhouse.
© Gilles Martin-Raget
/ Il pozzetto poppiero con, sotto, l’accesso privato alla cabina armatoriale.
Pagina a fronte, da sinistra in senso orario: la zona pranzo e la timoneria esterna
entrambi collocati sul fly; il pozzetto ospiti a pruavia della tuga.
L’arredo esterno è disegnato ad hoc, in stile minimalista come gli interni, per massimizzare lo spazio
e 11,50 di armo; questo, insieme all’alta qualità del
materiale costruttivo, alla razionale superficie velica (che
promette alte performance anche con venti leggeri sotto
i 10 nodi) e alla presenza di un sistema di controllo
delle vele a pulsanti (con boma autoavvolgente, sistema
autovitante della trinchetta e captive winch), lo rende un
megasailer assai facile da manovrare». Senza contare poi
che Better Place, concepito con una grande attenzione
all’ecosostenibilità grazie alla sua propulsione diesel
elettrica d’ultima generazione, è il primo yacht a vela che
ha conquistato la Green Star del Rina.
Ma Better Place si nota subito per il design particolare:
qui la linea tracciata dal progettista pare non
interrompersi mai per adempiere al fine di mettere in
continuo contatto interni ed esterni. Una deckhouse di
86 metri quadrati con vetrate a tutta altezza, atipica per
una barca a vela, domina la coperta pulita; è un grande
open space che include la postazione di comando,
il salone e l’area pranzo per 10 persone con sedie
pieghevoli in fibra di carbonio di Serralunga. Un cockpit
prodiero, direttamente accessibile dal living, permette
a 20 ospiti di godere della navigazione e anche di una
Jacuzzi, nascondibile quando non utilizzata. Il flybridge
misura quasi 100 metri quadrati ed è accessibile
dall’interno o dall’esterno ed è occupata dalle postazioni
di comando, da un’area pranzo e bbq e da una zona
relax. Un portellone laterale si apre a mezzanave sulla
fiancata di dritta per trasformarsi in piattaforma balneare e
attracco per il tender. L’arredo esterno, disegnato ad hoc
dallo studio Wetzels Brown Partners per massimizzare
lo spazio, è minimale esattamente come quello degli
interni; i tessuti dei rivestimenti sono di Extex. Better Place
si sviluppa quindi su tre livelli e i due ponti interni sono
collegati da una scala in fibra di carbonio inclusa in una
vetrata che, variando colorazione, conduce lo sguardo
in su e in giù rinforzando i concetti delle tre dimensioni e
del fluire dello spazio.
Nella zona notte Better Place offre ospitalità a 12
persone in cinque cabine dallo stile minimalista, tutte
dotate di lucernari artificiali che variano colore, secondo
cinque mood diversi, per esaltare il senso di leggerezza
e di luminosità. Continua il tema delle finestre
panoramiche anche nell’appartamento padronale di
62 metri quadrati, la cui terrazza poppiera sul mare
conferisce una sensazione di ampiezza impareggiabile.
33
Better Place introduces new concepts including the linking of large volumes and weight savings
© Gilles Martin-Raget
Better Place introduce concetti nuovi, tra cui l’associazione di grandi volumi e pesi contenuti
better Place
LOA/Lunghezza f.t. 50.50 m
Beam max/Larghezza 44.80 m
Draft/Pescaggio 4.60/6.50 m
Displacement/Dislocam. 250 tons
Sail surface/Sup. velica 1,190 m2
Guest berths/Letti ospiti 10/12
Naval arch./Progetto Tripp Design Naval Arch.
Interior design Wetzels Brown Partners
Design Wally/Luca Bassani
Shipyard/Cantiere WallyEurope, Italy
a separate WC. The bathroom is something of a mini spa with colour therapy LEDs, a separate rain forest shower and a central Corian washbasin
with Dornbracht taps and a backlit mirror.
Both polished and satin-finished carbon-fibre abound and are brilliantly
underscored by white-lacquered and satin-finished oak, grey Foglizzo
leather (used instead of carpeting on the floors in the master suite – very
much in line with Wally philosophy). All of the cabins have sublime bed
linen by Lintea Mare with Gwendolino cashmere throws providing the
only splashes of colour (the material and covers are designed by WPB).
The coloured LEDs throughout are used to create a muted atmosphere.
“The concept was to create a unique kind of luxury – the throw off your
shoes and relax kind of luxury – but making no compromise to the fine
linens and porcelain as well as the state-of-the-art audio-visuals and service controls all from a touch screen,” says Gillian Brown. “We approach
the interior of a yacht in a similar way to the interior of a plane or a car
– we try to play with the illusion of space to create interesting environments. One example is the corridor in which the floor, bulkheads and
ceilings are all in oak with curved corners to create one continuous line.
It’s an approach that allows us to create uncluttered spaces with a calm
and relaxing feel.” Very much in line with Wally philosophy. •
34
An image showing the
aggressive lines of
Better Place while
under way. Of note is
the vertical bow, a
typical feature of Wally
hulls. / Un’immagine
che esalta le linee
aggressive di Better
Place in navigazione
con, in evidenza, la
prua verticale tipica
degli scafi Wally.
Con accesso privato anche da poppa, quest’ultima è
composta dalla cabina con letto king size, un office, un
salottino con sofà modulare, una cabina armadio e un
locale bagno con servizi separati. Quest’ultimo è una
vera area benessere con Led che variano colore, doccia
a pioggia separata e lavabo centrale in Corian con
rubinetterie Dornbracht e specchio retroilluminato.
Ovunque domina la fibra di carbonio, sia lucida sia
satinata, esaltata dalla quercia laccata bianca e satinata,
dalla pelle Foglizzo color grigio (usata al posto della
moquette sul pavimento dell’armatoriale, perché più in
linea con il concetto Wally). Tutte le camere da letto sono
fornite di biancheria di Lintea Mare ton sur tone e le uniche
note di colore sono date dalle coperte in cachemire di
Gwendolino (biancheria e coperte disegnate da WBP)
e dalla variazione cromatica dei Led usati ovunque per
creare ambienti soft. «La filosofia dei Wally è creare un tipo
di lusso unico: in sostanza il tirar via le scarpe e rilassarsi tra
gli oggetti più belli che possono esistere», precisa Gillian
Brown. «Il nostro approccio è stato simile a quello che
mettiamo nell’interior di un aereo o di un’auto: cercando
di giocare con l’illusione dello spazio per creare ambienti
accattivanti. Un esempio di ciò è il corridoio dove il
pavimento, le paratie e i cielini sono in quercia con gli
angoli stondati per creare linee continue e dove il gioco
dei Led contribuisce all’esaltazione di una dimensione
atemporale. Un approccio per creare spazi minimalisti
sgombri da ostacoli e pervasi da un senso inaspettato di
calma e tranquillità». In linea con la filosofia Wally. •
Fly UP