...

Metel: se non ci fosse bisognerebbe inventarlo

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Metel: se non ci fosse bisognerebbe inventarlo
> Attualità
rexel
44
Da tempo, all’interno delle pagine
della nostra pubblicazione, abbiamo
avuto modo di parlare in maniera
ampia e approfondita di Metel e di
ciò che ruota direttamente e indirettamente intorno ad esso. Si tratta di
un efficiente e consolidato sistema, come è
noto a tutti gli addetti ai lavori del comparto
elettrico, che garantisce a quanti decidono
di utilizzarlo di ottenere la standardizzazione delle procedure di creazione e gestione
di documenti quali: listino prezzi, ordine,
conferma d’ordine, DDT, fattura.
Per mezzo delle tecnologie conosciute con
l’acronimo di EDI (Electronic Data Interchange), queste fasi diventano gestibili in
modo più facile e preciso e, soprattutto, si
ha la possibilità di distribuire le informa-
zioni relative ai suddetti documenti con la
certezza che il destinatario possa essere in
grado di leggerle e utilizzarle velocemente
per la propria attività quotidiana. Va anche
messo in luce un altro aspetto di particolare
rilevanza: rispetto a quelli tradizionali, il
sistema EDI abbatte considerevolmente i
costi di gestione ed elimina gli errori umani,
aumentando così l’efficienza complessiva
dell’azienda.
Inoltre, tra gli obiettivi più importanti del
sistema Metel, fin dalla sua creazione, vi è
quello di favorire il passaggio dal processo
manuale cartaceo al processo digitale,
creando efficienza all’interno delle aziende
della filiera: produttori, distributori, grossisti
e agenti rappresentanti.
Utilizzare lo Standard Metel significa so-
stanzialmente adottare un dizionario che
consente ai sistemi gestionali delle singole
imprese di dialogare.
La mission di Metel
Alla luce di quanto finora detto è corretto
valutare anche quella che è attualmente
la mission di Metel: dare valore aggiunto
alla filiera del materiale elettrico e dell’illuminazione attraverso servizi altamente
qualificati nell’ambito dell’automazione dei
sistemi per il coordinamento aziendale.
La gestione di base dello Standard Metel è
l’EDIFACT e Metel permette l’interscambio
automatico di documenti attraverso la sua
piattaforma denominata MetelWebEdi.
Partendo dal documento “Listino”, realizzato dal produttore e certificato da Metel,
di
>
Gianluca Cupellini
>>
La sua utilità per i
protagonisti della filiera
è ormai indiscutibile.
La conferma giunge
anche da Massimo Ferri,
amministratore delegato
di Rexel
Metel:
se non ci fosse
bisognerebbe inventarlo
>> Commercio Elettrico > n.6 - giugno 2009 - www.elettricoplus.it
Attualità <
rexel
lo stesso sistema Metel gestisce quello che
viene definito FPO (Fast Perfect Order),
ossia l’interscambio di ordini, conferme
d’ordine, bolle e fatture.
Il parere di Rexel
Al di là degli aspetti più legati all’operatività e alle diverse funzionalità che
Metel è all’altezza di offrire, aspetti che
periodicamente vengono aggiornati e tecnicamente migliorati al fine di assicurare
un servizio ad alto valore aggiunto per
gli operatori del settore elettrico che da
tempo utilizzano tutte o in parte le “voci”
che arricchiscono il sistema, vogliamo
proseguire il nostro percorso di raccolta di
pareri da parte di utenti del sistema stesso
allo scopo di conoscere più nel dettaglio
>>
“Ritengo che, prima di ogni altra cosa, sia
importante sottolineare che questa nostra
grande realtà di distribuzione di materiale
elettrico ed elettronico – ci ha riferito Massimo Ferri – ha iniziato il proprio cammino
con Metel nel 1999, anno nel quale Metel
poteva contare ancora su poche decine di
aziende che utilizzavano il suo sistema.
Non fu difficile capire subito le opportunità
che poteva offrire, opportunità riferite in
particolare ai segmenti su cui aveva fin
dall’inizio operato con efficiente capillarità,
segmenti peraltro meglio definiti anche
documenti, quali listino fornitori, ordine,
conferma d’ordine, DDT (Documento Di
Trasporto) e fatturazione.
All’inizio, naturalmente, il nostro approccio
con Metel era limitato in termini di numero
portante tenere sempre molto aggiornata
la parte relativa al software informatico
dell’azienda che opera sempre in stretta
sinergia con la piattaforma Metel.
Proprio in quest’ottica, anche se sono
passati dieci anni da quando è iniziato
il nostro cammino con Metel, periodicamente apportiamo alcune piccole, ma
sostanziali, modifiche al nostro software;
tra le più recenti vorrei ricordare un aggiornamento per recepire in maniera completa
la conferma d’ordine”.
Tutto questo significa – ci ha riferito Massimo Ferri – che ogni documento del sistema
Metel richiede, da parte dell’azienda che
lo adotta, dei tempi obbligatoriamente
medio-lunghi per poterlo utilizzare in
modo completo e ottimizzante; sia io sia
Da sinistra: Massimo Ferri,
amministratore delegato
di Rexel, e il responsabile
dell’area Information
Technology Daniele Lanfranchi
le sue potenzialità e i suoi vantaggi.
Su questo numero di Commercio Elettrico
abbiamo ascoltato le parole di Massimo
Ferri, amministratore delegato di Rexel,
una tra le più grandi e importanti realtà
della distribuzione elettrica in tutto il mondo, la cui sede italiana si trova ad Agrate
Brianza, alle porte di Milano.
Massimo Ferri ha voluto coerentemente
e correttamente coinvolgere, al fine di
offrirci una visione più ampia e completa
possibile di alcuni aspetti, anche il responsabile dell’area Information Tecnology
dell’azienda, Daniele Lanfranchi, che ha
seguito in prima persona i cambiamenti
tecnici e pratici del sistema da quando
Rexel ha scelto di utilizzarlo.
di documenti impiegati e anche di funzioni
offerte dagli stessi.
Anno dopo anno le possibilità di utilizzo
di ogni documento furono migliorate e
ampliate: la nostra azienda seguì con
molta attenzione tale sviluppo per poter
impiegare al meglio le diverse operatività.
Infatti, non va dimenticato che impiegare
un documento di questo sistema, allo scopo di ottenere dei vantaggi sia reali sotto
il profilo pratico riguardo alle funzioni che
è in grado di esprimere sia economici per
quanto riguarda il recupero dell’investimento effettuato, vuole dire sfruttare a
pieno quello che uno stesso documento
è in grado di dare”.
“Per raggiungere questo obiettivo è im-
>> Commercio Elettrico > n.6 - giugno 2009 - www.elettricoplus.it
il collega Daniele Lanfranchi suggeriamo a
tutte quelle realtà che pensano in prospettiva di avvicinarsi al sistema Metel di farlo
con estrema gradualità, ma soprattutto
di affrontare, in tutta la sua potenzialità
e funzionalità, un documento per volta.
Rexel è arrivata da poco a sfruttare nel modo migliore i documenti di questo sistema,
ma ci ha impiegato dieci anni, durante i
quali ha apportato continui aggiornamenti
all’area informatica dedicata al sistema e
che dialoga con lo stesso”.
Alla nostra domanda riguardante i benefici
rilevati dall’utilizzo del sistema Metel, Ferri
ci ha spiegato che sono sostanzialmente di
due tipi: il primo riguarda la perfetta esecuzione di determinate operazioni che, se
45
> Attualità
rexel
46
fossero eseguite con la metodologia tradizionale, conterrebbero alcune inesattezze
che richiederebbero ulteriore tempo per
poter essere sistemate; mentre il secondo
è rappresentato da un risparmio nell’effettuare alcune procedure che si trovano
all’interno dei documenti, quantificabile
mediamente intorno al 50 per cento.
“Un altro beneficio che abbiamo potuto
rilevare – ci ha riferito l’amministratore
delegato di Rexel – è senza ombra di
dubbio quello di avere una maggiore
efficienza in termini di operatività aziendale in quanto il personale che prima
era dedicato a determinate mansioni,
ora seguite in modo ottimale dal sistema
Metel, riesce a concentrarsi meglio su altre
attività incrementandone, di conseguenza,
la qualità”.
Al di là dei miglioramenti che il sistema
offre, abbiamo domandato al nostro interlocutore se è in grado di darci qualche
dato significativo di Rexel riguardo proprio
allo stretto rapporto che la società stessa
ha da così tanto tempo con Metel.
“Siamo ormai a metà anno e un primo
elemento che le posso fornire è quello che
per la fine dell’esercizio in corso supereremo 30mila ordini, che sono il frutto di un
consolidato rapporto di acquisto/vendita
con diversi fornitori dei quali, però, solo
una cinquantina rappresenta ben il 70%
del nostro business.
Anche questi nostri importanti partner, per
le esigenze che una grande realtà come
Rexel presenta, sono da diverso tempo all’interno del ciclo virtuoso Metel, riuscendo
così a garantirci listini dei prezzi sempre
aggiornati, veloci conferme degli ordini
effettuati e tracciabilità della merce in arrivo presso i nostri centri logistici al fine di
organizzare le consegne ai clienti nei tempi
stabiliti, dandoci la situazione in tempo
reale dei pagamenti e delle fatture.
Oggi essere al passo con i tempi, ma soprattutto riuscire ad offrire sempre e costantemente con immediatezza un servizio
ad alto valore aggiunto e un’informazione
aggiornata sugli acquisti, sugli ordini, sul
numero delle fatture, fa realmente la differenza e consente di mantenere le quote
di mercato e di acquisirne, anche in un
momento difficile come quello che stiamo
attraversando, di nuove”.
Ma in prospettiva, secondo Massimo Ferri,
il sistema Metel verrà considerato e utiliz-
>>
Al responsabile dell’area informatica, Daniele Lanfranchi, abbiamo, infine, chiesto
se ritiene ci possano essere degli elementi
che potrebbero essere migliorati o ap-
Anche le piccole realtà, per poter sopravvivere, dovranno adeguarsi
ad un linguaggio comune
zato anche dai produttori medio-piccoli?
L’amministratore delegato di Rexel ci ha
risposto che anche le piccole realtà, per
poter sopravvivere, dovranno adeguarsi ad
un linguaggio comune come quello di Metel
dove esistono delle regole standard, un linguaggio che consente ai sistemi gestionali
delle imprese della filiera di dialogare.
Naturalmente, anche il sistema dovrà a sua
volta essere costantemente implementato,
attraverso soluzioni sempre più innovative
che aiutino il rapporto tra i diversi attori della filiera, arrivando a dare risposte concrete
sia ai distributori sia agli installatori.
Un riconoscimento
al nostro impegno
Abbiamo, infine, chiesto a Ferri se aver
ricevuto a fine 2008 il riconoscimento
‘Metellino d’oro’ servirà per spingere
ancora di più Rexel verso nuovi traguardi
in termini di vendite.
“Il ‘Metellino d’oro’ è un riconoscimento
che ci è stato attribuito in quanto abbiamo dimostrato una particolare efficienza
aziendale grazie all’utilizzo del sistema
Metel, raggiungendo considerevoli incrementi di ordini stipulati rispetto al
precedente esercizio.
Ma, indipendentemente da questo, il
significato più rilevante è che questo riconoscimento sottolinea sia l’importanza
che noi diamo sia quanto crediamo alla
metodologia Metel.
I recenti contatti con nuove potenziali
aziende produttrici dalle quali ci forniremo
prevedono transazioni tra le stesse e noi
da effettuarsi esclusivamente con il sistema Metel: questo potrebbe portarci alla
fine dell’anno in corso a ricevere ancora
l’ambito ‘Metellino d’oro’”.
portati ex novo al sistema. “Oltre al mio
ruolo istituzionale in Rexel, faccio parte
del Comitato Tecnico di Metel e posso
evidenziare, ad esempio, che più volte si
è già parlato dell’esigenza, da parte dei
distributori di materiale elettrico che operano da tempo con il sistema, di aggiungere un nuovo documento che raccolga le
immagini e le schede tecnico/prestazionali
dei prodotti, almeno di quelli più recenti
e più importanti, delle più significative
tipologie.
Purtroppo, le aziende produttrici non
si dimostrano molto sensibili a questo
discorso, in quanto hanno delle riserve
a divulgare immagini relative a dettagli
tecnici; quindi con difficoltà si riescono a
fare passi avanti per raggiungere questa
implementazione al sistema Metel”.
Un piccolo distributore che decide di aderire al sistema Metel, quando può raggiungere i primi risultati e in quanto tempo si
ripaga l’investimento affrontato, abbiamo
domandato a Daniele Lanfranchi?
“Dopo l’acquisto del software per la
distribuzione di materiale elettrico, che
ovviamente deve adottare l’interfaccia con
Metel, mi sento tranquillamente di dire che
i primi risultati positivi vengono raggiunti
in tempi molto brevi, perché immediati
risultano essere i benefici che si ottengono
dal fatto di acquisire un listino oppure di
avere una conferma d’ordine.
Il distributore di materiale elettrico, rispetto al tempo che impiegava quando
utilizzava i sistemi tradizionali di ricerca e
di movimentazione dei dati, oltre al costo
delle risorse umane che doveva dedicare
a questo lavoro, si renderà subito conto
che i vantaggi, sotto ogni profilo, sono
immediati”.
>> Commercio Elettrico > n.6 - giugno 2009 - www.elettricoplus.it
Fly UP