...

“EX CASERMA GAVOGLIO” - Urban Center

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

“EX CASERMA GAVOGLIO” - Urban Center
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE DEL COMPENDIO
“EX CASERMA GAVOGLIO”
ANALISI DELLO STATO DI FATTO AMBIENTALE, INSEDIATIVO,
SOCIO-ECONOMICO, INFRASTRUTTURALE
24 marzo 2015
Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Il Federalismo Culturale
D. Lgs. 85/2010, art. 5 c. 5: trasferimento agli enti locali a titolo gratuito dei beni del
patrimonio culturale dello Stato sulla base di un Programma di Valorizzazione
Avvio del Programma di Valorizzazione ai fini dell’acquisizione del bene
Attivazione del Tavolo Tecnico Operativo TTO (MiBACT e Agenzia del Demanio)
Analisi del bene e del contesto
Elaborazione del Programma di Valorizzazione: specifiche di attuazione, sostenibilità
economico-finanziaria e tempi di attuazione del programma
Approvazione del Programma di Valorizzazione da parte del TTO
Sottoscrizione dell’Accordo di Valorizzazione da parte di Comune, MiBACT, Agenzia
del Demanio
Trasferimento del Bene al Comune
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
2
Attività svolte
06.03.2014: Delibera di Giunta n° 38 per l’avvio del Programma di
Valorizzazione della ex caserma Gavoglio
20.03.2014: L’Agenzia del Demanio effettua la consegna anticipata e
provvisoria di parte del compendio della ex caserma al Comune di Genova
15.04.2014: Riunione del Primo Tavolo Tecnico Operativo
maggio-dicembre 2014:
Analisi dello stato di fatto ambientale, insediativo, socio-economico,
infrastrutturale
Analisi dei vincoli storici, idro-geologici e ambientali
Esame dei contributi provenienti da cittadini e associazioni
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
3
Il confronto con i Cittadini
DGC n° 38 del 06.03.2014:
•Avvio del Programma di Valorizzazione della ex caserma Gavoglio
•Percorso di comunicazione, dialogo e confronto con cittadini, associazioni,
categorie, Enti e Amministrazioni Pubblici
In conseguenza di ciò, gli Uffici Comunali si sono attivati per:
•Individuazione di un Punto d’ascolto da aprire al pubblico nei locali dell’ex
caserma
•Progetto di riqualificazione dei locali
•Progetto di messa in sicurezza del cortile “Piazza Italia”
•Protocollo di intesa con i soggetti ancora presenti nel compendio per
regolamentare l’accesso carrabile entro il cortile
•Bando pubblico per individuazione del soggetto gestore dei locali e del cortile
“Piazza Italia”
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
4
Il metodo
Avvio del procedimento
Analisi del bene e del contesto
Analisi
ambientale
Analisi
territoriale
Analisi
storico-insediativa
Analisi socioeconomica
Analisi
infrastrutturale
Contributi dei
cittadini
Analisi SWOT
Ipotesi di sviluppo
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
5
Inquadramento Territoriale del Bene
L’ex caserma si trova in posizione
centrale rispetto alla città di Genova
Municipio Centro-Est
Caserma Gavoglio
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
6
Inquadramento Territoriale del Bene
L’ex caserma è a meno di un chilometro dalla zona della Stazione Marittima e
dalla stazione ferroviaria di Genova Principe
Terminal Crociere
Porto Antico
Stazione Marittima
Stazione ferroviaria Genova Principe
Caserma Gavoglio
Via Bari
Via Napoli
Via del Lagaccio
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
7
Il quartiere del Lagaccio – le origini
Fine ‘800
Istituto Idrografico della Marina
Via del Lagaccio
Residenze per operai volute dalla
duchessa di Galliera
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
8
Il quartiere del Lagaccio – le origini
Via Napoli
Caserma Gavoglio
Lagaccio
Dopo il 1925 – il lago è stato poi riempito negli anni ’60 e ospita oggi dei campi sportivi
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
9
Il quartiere del Lagaccio – oggi
Caserma Gavoglio
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
10
Il quartiere del Lagaccio – oggi
Nel secondo dopoguerra ogni spazio utile, per quanto acclive e difficile
da utilizzare, è stato colmato da condomini spesso di grandi dimensioni
che hanno completamente trasformato il carattere ancora rurale della
vallata, rendendolo urbano-residenziale.
Il risultato di questa azione, spesso alquanto disordinata, è la presenza
di un tessuto
edilizio molto denso e dotato di
una viabilità scarsa, dove l’accesso carrabile alle abitazioni
è a volte impossibile, e il collegamento con le strade principali avviene
tramite ripide scalinate che “tagliano” i pendii collinari.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
11
Il quartiere del Lagaccio – oggi
Vista aerea
dell’ex caserma
nel contesto
urbano del
Lagaccio
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
12
Il quartiere del Lagaccio – oggi
I collegamenti viari e pedonali
Il quartiere del Lagaccio, data la sua particolare ubicazione, risulta
ad un tempo centrale e isolato rispetto al
resto della città.
Stretto entro la valletta del rio che gli dà il nome si ritrova alle spalle del
parco ferroviario di Genova Principe, che costituisce una ulteriore e
notevole barriera rispetto al tessuto cittadino costiero.
Se in linea d’aria quindi esso dista meno di un chilometro dal lungomare,
la percezione che di esso si ha, tra gli stessi cittadini e residenti del
quartiere, è quello di un luogo che si differenzia nettamente dalla città,
con la quale vi è una scarsa integrazione. Questa percezione si riflette
anche, come vedremo, negli aspetti socio-culturali che costituiscono un
altro interessante versante di indagine della realtà del quartiere.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
13
L’evoluzione storica del compendio
Il compendio edilizio giunto fino a noi è stato edificato a partire dall’800
Fine ‘800 Inizi del ‘900
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Metà dell‘800
14
L’evoluzione storica del compendio
Il complesso della ex caserma Gavoglio, già proiettificio del Lagaccio, è
stato progressivamente realizzato nei secoli XIX e XX
nella valletta dell’omonimo rio, che è stato tombinato e trasformato, in
pratica, in collettore fognario.
Il complesso è stato realizzato, a partire dall’Ottocento, in sostituzione di
un precedente polverificio fatto edificare dalla Repubblica di Genova alla
metà del XVII secolo immediatamente a valle del “Lagaccio”, il lago
artificiale.
Il polverificio fu qui insediato in ragione del fatto che la zona si
presentava, all’epoca, completamente disabitata ed incolta, nonché
vicina al porto le cui galere potevano facilmente essere rifornite con le
polveri da sparo prodotte. Furono così costruiti un edificio principale e
alcuni secondari depositi per i prodotti finiti in attesa di essere destinati.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
15
Il valore storico artistico
Alcuni edifici del compendio dell’ex caserma sono stati
riconosciuti di interesse storico artistico e sottoposti a
vincolo come previsto dalle leggi in materia, e anche il sedime di tutta
l’area è stato riconosciuto di interesse archeologico.
Gli edifici individuati corrispondono al mappale 359 e a parte del
mappale 362 del F. 4 del NCEU
Il corpo principale del compendio presenta una struttura muraria che si
articola su quattro corpi di fabbrica, realizzati in tempi diversi, che
compongono attualmente un edificio che si struttura attorno ad un cortile
centrale.
Le murature sono realizzate in mattoni pieni, e seguono stilemi tipici delle
architetture militari di epoca sabauda. Le coperture sono state realizzate
mediante l’impiego di capriate lignee e manto di abbadini di ardesia,
secondo l’uso genovese.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
16
Il valore storico artistico
Il complesso edilizio presenta una
notevole varietà tipologica di
ambienti, che riflettono le diverse
destinazioni d’uso assegnate nel
corso del tempo. Si segnalano in
particolare spazi per la residenza,
per attività produttive, spazi di
servizio e spazi di deposito.
Il capannone dell’ex proiettificio
(mapp. 362) risale al periodo
antecedente la Seconda Guerra
Mondiale e rappresenta un
pregevole esempio di archeologia
industriale.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
17
Il corpo principale (ex alloggi)
Edificio sottoposto a vincolo storico-artistico (decreto del 06/02/2009)
Il prospetto sud con l’ingresso principale
Il prospetto nord su Largo D’Antoni
Il prospetto sud dall’interno del cortile
L’avancorpo ovest visto dal cortile interno
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
L’accesso da Piazzale Italia a Largo D’Antoni
18
Spazi esterni e percorrenze
Sedime sottoposto a vincolo archeologico (decreto del 06/02/2009)
L’ala est su Largo D’Antoni
A destra, l’edificio industriale su Largo D’Antoni
L’incrocio tra salita Chiodo e via Sobrero
Una delle strade militari, salita Gen. Chiodo
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Piazzale Santa Barbara verso nord-ovest
19
L’ex proiettificio
Edificio sottoposto a vincolo storico-artistico (decreto del 06/02/2009)
L’angolo sud ovest con l’ingresso principale
Vista interna dello spazio industriale
Il carro ponte ancora nella posizione originaria
Scorcio del prospetto ovest dell’ex proiettificio
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Scorcio del prospetto rivolto a est
20
Elementi di cesura
Cesura “interna”
Cesura “esterna”
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
21
Polarità urbane e relazioni con l’ex caserma
cerchi gialli: polarità con
valenza prevalentemente
turistica (forti, porto
antico, scali croceristici,
via Balbi, Centro Storico,
ecc.).
cerchi azzurri: polarità
con funzione di servizi
pubblici (campi sportivi,
università, uffici pubblici,
scuole superiori, ecc.).
cerchi verdi:
concentrazioni di attività
economiche.
L’area rossa individua il
Centro Storico.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
22
La viabilità del quartiere
Via Del Lagaccio
Via Avezzana - Salita Della Provvidenza
Via Napoli
Via Avezzana
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Via Bari
23
Le “strade parcheggio”
Via Ponza
Via Centurione
Via Cinque Santi nel tratto verso via Napoli
Via Ponza da via Del Lagaccio
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Via Ventotene
24
La mobilità pedonale
Percorsi di antica origine
Salita Oregina
Salita Oregina
Salita Caldetto
Via dei Cinque Santi
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Vico Chiuso dei Cinque Santi
25
La mobilità pedonale
Le scalinate
Scalinata dalla fermata di via Centurione
Via Avezzana, scala per salita Oregina
Scalinata da via dei Cinque Santi verso via Ventotene
Scalinata pubblica tra via Del Lagaccio e via Avezzana
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Scalinata da via Del Lagaccio verso via Bari
26
La mobilità pedonale
I marciapiedi
Marciapiede invaso dai veicoli in via Ponza
I veicoli sui marciapiedi“sfrattano” i pedoni in via Bari
Bidoni e veicoli sul marciapiede in via Centurione
Motorini in sosta sul marciapiede in via Napoli
“Percorso pedonale” tra i bidoni in via Bari
I portoni “assediati” dai veicoli in sosta in via Bari
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
27
La mobilità pedonale
Aree per la sosta
I giardini di via Sapri
Giardini Don Acciai in via Napoli
Spazi “rubati” ai parcheggi in via del Lagaccio
Le scalinate sono usate dai più giovani come spazi di
ritrovo
Lungo via Bari non esistono aree di sosta per i pedoni
Area di sosta in via del Lagaccio
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
28
La mobilità pedonale
Autobus e ascensori
Fermata del bus in via Napoli
Riqualificazione dell’area di sosta in via Napoli
Il capolinea del bus 54 presso la caserma Gavoglio
Fermata del bus in via Napoli
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
L’ascensore di via Bari
29
La mobilità pedonale
Cremagliera Principe - Granarolo
L’interno del vagone della cremagliera
La cremagliera presso il capolinea di Principe
La fermata di via Bari
Il vagone della ferrovia passa tra le case
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Fermata della cremagliera presso via Centurione
30
La mobilità pedonale
Linea ferroviaria – stazione Genova Principe
Il parco ferroviario di Genova Principe
Il parco ferroviario visto da salita Avezzana
Il “Palazzo Rosso” chiude la visuale di via del Lagaccio
Salita Avezzana
La stazione vista da salita Avezzana
Vista su piazza Principe da salita Avezzana
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
31
Il paesaggio
Un “teatro” di alti palazzi
Vista sull’edificato da salita Oregina
Vista sull’ex caserma da via Ventotene
La valle vista dalla zona di via Napoli
Veduta sulla valle del rio Lagaccio dal ponte Don Acciai
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Veduta sul porto antico da via Bari
32
Il paesaggio
Le coperture dell’ex caserma, il quinto prospetto
Vista da via Ventotene
Vista da una scalinata sul lato ovest verso via Bari
Vista sulla valletta laterale
Auto in sosta lungo via Ventotene
Veicoli e bidoni ingombrano le vedute sulla valle in via Bari
Auto in sosta impediscono la vista da via Bari
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
33
Il paesaggio
Percorsi e verde urbano
Alberature in via Napoli
I rampicanti ingentiliscono i muraglioni di sostegno
Inserimento del verde nel percorso pedonale
Vegetazione rampicante lungo il percorso pedonale
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Posti auto inseriti nel verde di rispetto delle residenze
34
Il paesaggio
La qualità degli spazi pubblici
Spazi pedonali resi impraticabili dalle auto
Scale in cemento armato a vista
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Antica crosa parzialmente “cementificata”
35
Gli abitanti
Dati anagrafici 2013
I residenti totali nel Municipio Centro Est risultano essere 88.727, e
rappresentano il 14,81% del totale cittadino che è di 598.973 unità.
L’u.u. Lagaccio è quella più popolosa, seguita da Oregina e da
Castelletto. Ad un livello intermedio si trovano Molo, San Nicola e
Prè.
Seguono infine Manin, Carignano, Maddalena e San Vincenzo.
Rispetto al 2012 i residenti del Lagaccio sono calati di 81 unità, un
calo tutto sommato assai lieve, che testimonia una tenuta della
popolazione dopo anni di accentuato calo demografico: tra il
censimento del 1971 e quello del 2001 il calo è stato del 31%, più
marcato rispetto a quello registrato nell’intera città (-25%).
Al Lagaccio abitano più di 12.000 persone
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
36
Numero di componenti per famiglia
Dati anagrafici 2013
La media dei componenti per famiglia è, nell’u.u. Lagaccio, di 2,04
componenti, leggermente superiore al dato cittadino (1,97) e a
quello del Municipio (1,89). Esso si pone in linea con le u.u. San
Nicola, Castelletto e Manin.
Coerentemente a quanto abbiamo già rilevato nel caso delle famiglie
unipersonali, le u.u. Prè-Molo-Maddalena presentano la media più
bassa.
La famiglia: in media 2,04 componenti
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
37
Residenti nativi del Lagaccio
Dati anagrafici 2013
I residenti del Municipio Centro-Est sono nativi del Comune di
Genova nel 61% dei casi (contro il 63% a livello cittadino). Nell’u.u.
del Lagaccio tale percentuale scende al 54,7%.
Il quartiere del Lagaccio presenta una presenza cospicua di residenti
stranieri e di immigrati dal centro e dal sud dell’Italia.
Recenti ricerche evidenziano una concentrazione della componente
ecuadoriana significativamente più elevata del dato cittadino, per
quel che riguarda l’immigrazione di stranieri.
Al Lagaccio 54,7% sono nativi del quartiere
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
38
Reddito medio
Dati 2011
Il reddito medio degli abitanti del Municipio Centro Est risulta
secondo solo a quello degli abitanti del Municipio Medio Levante
(dati 2011), il Lagaccio tuttavia risulta l’u.u. con il reddito medio più
basso del Municipio (19.614 euro) seguito da Oregina (21.278
euro).
In generale, il reddito medio degli uomini è costantemente
superiore a quello delle donne, la differenza massima si registra
nella fascia di età 60-64 anni (+ 19.122 euro). Solo tra i giovani con
meno di 25 anni la differenza di reddito tra i generi è contenuta (+
2.399 euro a favore dei maschi).
Elaborazione dati Settore Progetti Speciali su dati del Comune di Genova
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Valori immobiliari nel Municipio
Prezzi al mq
3.000
2.500
2.000
1.500
1.000
500
0
Valori riferiti ad abitazioni considerate di fascia media da
borsinoimmobiliare.it
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
I servizi pubblici
Dati 2012
L’ unità urbanistica del Lagaccio appare sotto
dotata se confrontata a tutte le altre unità urbanistiche del
Municipio e anche rispetto al Comune nel suo complesso. Le
dotazioni di servizi del Municipio per abitante risultano nel 2012
lievemente superiori (19,72 mq/ab) a quelle del Comune (19,43
mq/ab).
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
I Vincoli
Beni Culturali ex D. Lgs. 42/2004 art. 10
Beni Paesaggistici ex D. Lgs. 42/2004 art. 136
Aree tutelate per legge ex D. Lgs. 42/2004 art. 142
Classificazione sismica
Vincolo idrogeologico
Suscettività al dissesto (Piano di Bacino)
Fasce di inondabilità (Piano di Bacino)
Rischio idraulico (Piano di Bacino)
Rischio geologico (Piano di Bacino)
Elementi a rischio (Piano di Bacino)
Aree inondabili e storicamente inondate (Piano di Bacino)
Frane (Piano di Bacino)
Vincoli geomorfologici e idraulici (PUC 2011)
Zonizzazione geologica (PUC 2011)
Classificazione acustica
Eventi alluvionali
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
42
Geologia e Ambiente
Altimetria
Il compendio dell’ex
caserma si sviluppa
lungo il pendio che
segue l’attuale
fondovalle del
Lagaccio. Il cortile
dell’edificio
principale è posto
ad una quota di
circa 35 mt. s.l.m.,
quindi le quote si
elevano
gradualmente verso
nord/ovest
raggiungendo i 63
mt. s.l.m.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
43
Carta Geologica
Fonte documentale: Descrizione
fondativa del PUC 2011
Legenda
Il quartiere del Lagaccio è
caratterizzato da versanti collinari
costituiti da torbiditi carcareomarnose, talvolta siltose,
calcareniti, marne e marne calcaree,
alternate ad argilliti emipelagiche.
Il fondovalle del rio Lagaccio e
l’antico invaso dell’omonimo lago
artificiale risultano ad oggi colmati
da strati di riporti artificiali di varie
epoche che hanno livellato
l’originario sedime fluviale.
L’originaria coltre di calcari marnosi
è stata ricoperta nella valle centrale
con riporti di terreno che hanno
livellato l’originario sedime fluviale.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
44
Carta Geomorfologica
L’area si caratterizza per la
presenza generalizzata di rocce
affioranti in buone condizioni
di conservazione e con
disposizione favorevole delle
proprie strutture rispetto al
pendio. Nella zona dei campi
sportivi esistono aree dove la
disposizione delle strutture
risulta sfavorevole e una in
particolare dove le rocce si
presentano in scadenti
condizioni di conservazione e
fratturate (porzione a nord-est
del campo da calcio).
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Fonte documentale: Descrizione
fondativa del PUC 2011
45
Carta della suscettività al dissesto
Suscettività al dissesto
L’area presenta una suscettività medio bassa. Sono
presenti rilevanti riporti artificiali intravallivi lungo tutta
l’estensione del sedime su cui insistono gli edifici del
complesso militare.
Nella parte alta della valle sono presenti forme di
erosione dovute a ruscellamento diffuso delle acque
piovane. A nord-ovest del campo sportivo è presente un
fronte di frana attivo.
Fonte documentale: Cartografia del Piano di Bacino
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
46
Carta del rischio geologico
Carta del rischio geologico
L’area della caserma Gavoglio presenta aree caratterizzate
da rischio medio e molto elevato (queste in particolare sui
bordi esterni).
Il Piano non prevede interventi idraulici sul rio Lagaccio (Cfr
Carta degli interventi).
Fonte documentale: Cartografia del Piano di Bacino
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
47
Zonizzazione geologica
Zonizzazione Geologica
L’area della caserma Gavoglio presenta aree
caratterizzate
da
suscettività
parzialmente
condizionata (B) e, in alcuni casi, limitata (C e D)
Aree B) presentano condizionamenti eliminabili con
interventi di piccola o media difficoltà e onerosità.
Aree C) le condizioni riscontrate in fase
di rilevamento alla scala di P.U.C. pongono alcune
limitazioni nterpretative, connesse appunto alla scala
di esecuzione delle indagini; tuttavia nelle linee
generali non esistono le premesse per l'insorgere di
limitazioni significative nei riguardi del territorio.
Aree D) le condizioni rilevate alla scala di P.U.C.
pongono in evidenza criticità di una certa rilevanza.
Fonte documentale: Cartografia del PUC 2011
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
48
Carta Idrogeologica
Tutta l’area del Lagaccio presenta
ampie zone di ammassi rocciosi
caratterizzati da bassa permeabilità
per fessurazione, in buona parte resi
impermeabili dalle successive
edificazioni.
In corrispondenza dei riporti su cui
insistono gli edifici centrali del
complesso della caserma Gavoglio
troviamo terreni variamente
permeabili per porosità.
Il rio Lagaccio è classificato di tipo 4
in base alla gerarchizzazione di
Strahler. (Cfr. Relazione Generale al
Piano di Bacino Ambito 14)
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Fonte documentale: Descrizione
fondativa del PUC 2011
49
Carta dello Stato dei Corsi d’Acqua
Il rio Lagaccio scorre,
tombinato, sotto i
sedimi di molti edifici,
tra i quali l’ex
proiettificio, gli ex
alloggi della caserma,
edifici residenziali
lungo via del
Lagaccio. Esso è
inoltre interferito dal
fascio di binari
ferroviari e dal
tracciato della
metropolitana che
passa nella zona di
Principe.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
Fonte documentale: Studi per il Piano
Regolatore Generale del 2000
50
Carta dello Stato dei Corsi d’Acqua
Fonte documentale: Studi per il Piano
Regolatore Generale del 2000
Il rio Lagaccio, nella
parte a monte, scorre
libero e riceve il
deflusso del
ruscellamento da
acque meteoriche
proveniente dai ripidi
versanti del Peralto,
prima di essere
tombinato in
prossimità del sedime
del lago artificiale.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
51
Idrografia della valle del Lagaccio – vista aerea
Rio Granarolo
Rio Lagaccio
Rio Lagaccio
Rio dei
Cinque Santi
Programma di Valorizzazione
del Compendio “EX
CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova Direzione Patrimonio e
Demanio - Settore Progetti
Speciali
52
Fonte fotografica: Bing Maps
I rii della valle del Lagaccio
Lago artificiale
Rio dei Cinque Santi
Rio Lagaccio
Rio Lagaccio
Via del Lagaccio
Rio Granarolo
Planimetria storica della caserma Gavoglio dove sono evidenziati i rii che, tombinati, scorrono nel sottosuolo della valle e sono spesso interferiti dalle costruzioni realizzate
successivamente al loro tombinamento. Originale della planimetria conservato presso il Primo Reparto Infrastrutture del Ministero della Difesa -Torino.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
53
I rii della valle del Lagaccio
Il rio Lagaccio si congiunge con il rio Sant’Ugo poco prima di sfociare in mare,
in corrispondenza di Ponte dei Mille (stazione marittima).
Per la quasi totalità del percorso il rio Lagaccio risulta tombinato (non lo è il
tratto montano).
Le canalizzazioni sono state realizzate in tempi successivi e con modalità
costruttive eterogenee. Nei rivi, oltre alle acque bianche, hanno recapito
anche i collettori della rete fognaria nera e mista delle aree urbanizzate che
attraversano; ciò ha modificato la funzione originale e il regime idraulico
degli alvei trasformandoli in veri e propri collettori fognari principali.
La superficie complessiva del bacino risulta completamente urbanizzata con
l’esclusione della parte superiore del bacino del rio Lagaccio.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
54
Aspetti idrogeologici: la normativa
Il rio Lagaccio è classificato quale corso d’acqua significativo, pur non
essendo ad oggi indagato. Esso raccoglie le acque di altri rivi significativi
defluenti dalla parte alta della valle, a partire dall’area di forte Sperone e, più
in basso e più a ovest, dalla zona di Granarolo e di Oregina.
•Il Piano di Bacino - D.L. 180/98 - Ambito 14
•Regolamento Regionale 3/2011
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
55
Tombinature e coperture
Artt. 9 e 10 Norme Piano di bacino e Art. 8 RR 3/2011
In generale, non sono ammesse, se non per particolari casi motivati.
Per opere esistenti che risultino insufficienti rispetto ai valori di portata di cui al
comma 3 del RR 3/2011, deve essere previsto l’adeguamento in sede di rinnovo
delle concessioni.
Tale adeguamento può essere effettuato anche con gradualità, in ragione dei vincoli
di urbanizzazione eventualmente presenti, (…) purchè la porzione effettuata
contribuisca ad un significativo miglioramento delle condizioni di deflusso.
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
56
La gestione delle acque meteoriche
copertura vegetale: il deflusso superficiale è compreso fra lo 0% ed il 20% del totale della
precipitazione.
superfici impermeabilizzate: oltre il 90% della pioggia defluisce superficialmente
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
57
La gestione delle acque meteoriche
Effetti negativi dell’eccessiva impermeabilizzazione del suolo:
•Alterazione del regime dei corsi d’acqua
•Sovraccarico della rete fognaria
•Diminuzione della falda acquifera
•Peggioramento del microclima
•Aumento dei costi di smaltimento delle acque meteoriche
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
58
La DGC-2014/38 : le linee guida
1. La limitazione delle nuove edificazioni a quelle che si rendano necessarie per assicurare la
funzionalità degli interventi di riqualificazione e rispondere alle esigenze di servizio
2. L’integrazione del compendio con il contesto insediativo e con gli interventi di
riqualificazione in esso avviati o in previsione
3. Il recupero dell’edificato storico che costituisce una risorsa per l’inserimento di funzioni
urbane di qualità compatibili con l’ambiente di contesto e nel contempo un segno che
rafforza l’identità dell’insediamento, da concordare con la competente Soprintendenza
4. La ristrutturazione degli edifici esistenti escludendo l’introduzione di funzioni attrattrici di
traffico, valutando anche possibili interventi di demolizione ai fini di contribuire al
miglioramento del microclima e della dotazione di spazi aperti
5. L’incremento degli spazi di servizio e/o verdi e la previsione di una rete di percorsi pedonali
interni al compendio che connettano il quartiere con il versante a monte, collegandosi con la
rete di sentieri che interessano il parco delle Mura ed il sistema centrale delle fortificazioni
genovesi
6. Le verifiche e le azioni conseguenti in merito alla bonifica, la messa in sicurezza, la
sistemazione geologica e idrogeologica e la regimentazione idrica, necessarie alla
riqualificazione ambientale del compendio e del contesto urbano
7. La messa a punto di un sistema di accessibilità adeguato, la realizzazione di spazi di sosta e
parcheggio per le funzioni previste nel compendio
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
59
Il PUC 2015
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
60
Il PUC 2015
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
61
Il contributo degli Uffici Comunali
•Mobilità e viabilità
•Ambiente
•Urbanistica
•Servizi a rete
•Servizi sociali
•Istruzione
•Abitazioni
•Offerta turistico-culturale
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
62
L’analisi SWOT
Punti di forza
•Posizione baricentrica (quartiere, città)
•Possibili relazioni con polarità urbane
•Prossimità a infrastrutture di trasporto e culturali
•Ampia disponibilità di spazi dell’ex compendio
•Interesse paesaggistico del quartiere da rivalutare
•Tessuto sociale relativamente ricco e con un buon mix di età
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
63
L’analisi SWOT
Punti di debolezza
•Cesure fisiche nel quartiere e con la città
•Rete naturale idrica compromessa, in gran parte tombinata
•Rilevanti costi per la riqualificazione e la bonifica dei terreni
•Carenza di spazi verdi e pubblici nel quartiere
•Mobilità difficile (condizioni orografiche e congestione viaria)
•Prevalenza della funzione residenziale e carenza di servizi
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
64
L’analisi SWOT
Opportunità
•Acquisizione del compendio senza oneri per il Comune
•Distretto di trasformazione strategico per il PUC
•Possibilità di accedere a finanziamenti e/o incentivi dall’UE
•Possibilità di inserire nuove e innovative funzioni
•Possibile recupero e trasferimento di S.A. da demolizione
•Forte motivazione degli abitanti a migliorare la qualità di vita
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
65
L’analisi SWOT
Minacce
•Difficoltà a reperire le risorse per attuare gli interventi
•Perdurare della crisi economica
•Stasi del mercato immobiliare
•Necessità di ingenti risorse per effettuare le bonifiche e le
opere di messa in sicurezza idro-geologica
•Eccessivo prolungamento dei tempi di attuazione
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
66
Il contributo dei cittadini
Le
al progetto preliminare di PUC:
•Aumentare le dotazioni di verde pubblico e di spazi permeabili all’acqua
•Creare nuovi impianti sportivi
•Dotare il quartiere di spazi per la sosta veicolare (solo interrati)
•Demolizione degli edifici non vincolati
•Migliorare il sistema infrastrutturale (veicolare e pedonale)
•Non aumentare le volumetrie presenti (possibilmente diminuirle)
•Recupero degli edifici storici per funzioni appropriate e che non siano
attrattrici di flussi veicolari consistenti
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
67
Il contributo dei cittadini
Le richieste provenienti dalle Associazioni:
•Inserimento nella ex caserma di attività al servizio del quartiere
•Reinterpretare lo spazio dell’ex caserma quale “polmone verde”
•Inserimento di servizi sociali (es.: asilo nido, spazi aperti, piscina, sale
polivalenti per spettacoli e sport, biblioteca, ecc.)
•Ampliamento di via del Lagaccio
•Abbassamento del “Palazzo Rosso” su via del Lagaccio
•Attirare nuove attività e nuovi utenti del quartiere da altre zone della città
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
68
Condivisione e Verifica dei dati raccolti
Amministrazione
Comunale
Cittadini
Sintesi
Programma di Valorizzazione del Compendio “EX CASERMA GAVOGLIO”
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio - Settore Progetti Speciali
69
Grazie per l’attenzione
Arch. Anna Corsi
Arch. Antonella Colombini
Arch. Sonia Zarino
Comune di Genova - Direzione Patrimonio e Demanio
Settore Progetti Speciali
Fly UP