...

PROGETTO per un nuovo Centro Culturale

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

PROGETTO per un nuovo Centro Culturale
Ass. cult. Racconti Teatrali
ringrazia:
Mario Palladino
Ivan Palladino
Noé Torda
presidente Tubi Spa
amministratore delegato Tubi Spa
direttore stabilimento Tubi spa Rieti
Pierpaolo Palladino
direttore artistico FabbricAzioni
Fiammetta Baralla
Marialuisa Giordano
Antonella Lepore
ufficio stampa
ufficio stampa
produzione e amministrazione festival
Sandro Scarmiglia
Elettra Mallaby
Gabriele Perilli
scenografo - responsabile allestimento spazi
fotografa
capo squadra allestimento festival
“Migliaia, milioni di individui lavorano, producono e risparmiano nonostante tutto quello che noi possiamo inventare per
molestarli, incepparli, scoraggiarli. E’ la vocazione naturale che
li spinge; non soltanto la sete di denaro”. (L.Einaudi)
Ci piace citare Luigi Einaudi, economista e politico oltre che indimenticato giornalista per parlare di FabbricAzioni, Festival nato
all’interno della Tubi Spa, azienda siderurgica nel complesso industriale di Cittaducale alle porte di Rieti.
FabbricAzioni è teatro, musica, danza, cinema in fabbrica!
Franco Cionini
Avi digital studio 44- riprese video FabbricAzioni
Massimiliano Lucandri Nexine per allestimento sito - www.fabbricazioni.org
Alessandro Cerroni
Raffaella Vitiello
Massimo Luna
Light & Sound - service allestimento luci e fonica
light designer - responsabile allestimento luci
responsabile allestimento fonica
Arch. Mauro Trilli
Arch. M. Luisa Trilli
progettisti nuovo Centro Culturale Polifunzionale
Giancarlo Luna
responsabile sicurezza stabilimento Tubi spa
Pino Bucci
punto ristoro “Dolce e Saporito”
Rock under Rocks
prevendita
SE.GE.CO.V. - pubblicità - marketing - eventi
Bruno Targusi
sviluppo marketing - ottimizzazione - comunicazione
Lucia Ricciardi
grafica
Rita Santoprete
segreteria
Hotel Ristorante Valerio - Santa Rufina, Cittaducale
Trasformare lo spazio dove le macchine piegano e modellano
l’acciaio in un luogo di arte e cultura è l’idea da cui è partito il
direttore artistico Pierpaolo Palladino.
Tre giorni di ospiti celebri e di nuove proposte in un ambiente
dedito al lavoro, dove siderurgia e spettacolo convivono ad arte.
Un festival che nasce con un contributo della Regione Lazio, il
patrocinio della Prefettura, della Provincia, della Ausl e dei comuni di Rieti e Cittaducale, della Fondazione Varrone e dal sostegno economico di sponsor privati, aziende che lavorano
nell’indotto siderurgico sia a livello nazionale e internazionale,
ma presenti anche nella realtà imprenditoriale reatina, per valorizzare il binomio tra arte e lavoro.
Coils e teatro, montacarichi e coreografie, saldatrici, folk rock e
cortometraggi…FabbricAzioni trasloca lo spirito aziendale in
uno spazio multimediale animato da storie, corpi, voci e personaggi, fermando e valorizzando le macchine per dar vita all’azione artistica.
venerdi 25 settembre
ore 19.00 - palco grande
Brancaleone
Dal celebre film del 1973 le avventure della mitica armata medievale con i ragazzi del Laboratorio Integrato G. R. Schirripa.
Uno spettacolo organizzato dall’Ausl di Viterbo e
dall’associazione di volontariato Eta Beta.
Adattamento e regia di
Pierpaolo Palladino
ore 20.15 - palco grande
Futur è
Musica, rumori, movimento, rotture, asimmetrie,
dinamica, velocità e colori contrastanti, cravatte
psichedeliche, tute arcobaleniche a coni e losanghe ritagliate e messe insieme in stoffe diversissime l'una dall'altra, gilet con tessuti dal disegno
inconsueto, fosforescenze…
Compagnia Akerusia
Coreografia di Sabrina D’Aguanno
ore 21.30 - palco grande
Fabbrica
di e con Ascanio Celestini
Un maestro del teatro di narrazione racconta la
fabbrica in dismissione, il dramma delle tute blu,
la perdita e la ricerca di una nuova identità.
Cinquant’anni di storia italiana, una storia purtroppo attuale.
sabato 26 settembre
ore 19.00 - palco grande
Telemomò
La distruzione dell’elettrodomestico che ha ‘fatto
l’Italia’. La messa in scena dell’assoluta povertà
del linguaggio televisivo.
E contemporaneamente il pulpito autorevole, il
leader opinion da cui lanciare proclami politici,
sociologici, religiosi.
Esilarante e surreale Andrea Cosentino racconta
la sua televisione.
di e con Andrea Cosentino
alla chitarra Bernardo Nardini
ore 20.30 - spazio Officina
Si replica domenica 27 ore 17.00
Impresa di Famiglia
di Ivan e Pierpaolo Palladino
mise en espace a cura di Pietro Bontempo
6 personaggi in cerca di soluzioni.
Una famiglia ruota intorno ad un’azienda
intorno a cui ruota la loro vita.
Ansie, incertezze, conti e riconti…
con Bruno Alessandro, Fabio Bussotti,
Pietro De Silva, Caterina Misasi,
Daniele Monterosi, Sante Paolacci
aiuto regia Maddalena Capponi
ore 23.00 - palco grande
Ratti della Sabina
Concerto folck rock
Apertura con i Borgensis
“Va tutto bene” titolano ironicamente, ma con la
volontà di non starci, di non farsi inscatolare, di
esprimere ciò che si sente e ciò che si crea...
domenica 27 settembre
ore 12.00 - palco grande
ore 20.30 - spazio officina
Faust ein fragment
Corti assaggi
dal testo di Adalbert von Chamisso
drammatizzato da Enrico Bernard
cortometraggi a cura di Pietro de Silva
Lettura di Mariano Rigillo
con AnnaTeresa Rossini e Cristina Aubry
musiche di Pino Cangialosi
a cura di Francesco Branchetti
Un Faust che rifiuta sia il bene che il male affermando la dignità dell'uomo e
rivendicando la libera scelta.
Un Faust che rappresenta l’uomo moderno in rivolta contro i “poteri” sovrastanti.
Fisico da spiaggia di E. De Angelis
La grande menzogna di C. Giardina
Cronaca di un rapimento di G. Tortorella
Il mio ultimo giorno di guerra di M. Tondini
Bisesto di G. Esposito e F. Prisco
Il nuovo giovane cinema indipendente d’autore selezionato per il pubblico di
FabbricAzioni
Seguirà incontro e aperitivo con gli attori, il regista e il drammaturgo Enrico Bernard.
ore 19.00 - palco grande
ore 22.00 - palco grande
ingresso libero
Corpo a corpo
Final party
Compagnia Cie-Twain
un progetto di Marco Giannoni
e Loredana Parrella
coreografie di Loredana Parrella
Pino Cangialosi Art Ensemble
“C’è nel mondo qualcosa che ci costringe a pensare.
Questo qualcosa è l’oggetto di un incontro” (Deleuze, Differenza e ripetizione).
Il corpo come materiale sonoro ed estensione delle sue capacità “vocali”
Rock under rocks
e ospiti a sorpresa...
un nuovo teatro...
PROGETTO
per un nuovo Centro
Culturale Polifunzionale
FabbricAzioni vuole essere il punto di
partenza di un progetto altrettanto
ambizioso: un nuovo Centro Culturale
Polifunzionale dedicato all’Arte e agli
Artisti alle porte di Rieti.
Un luogo fisico donato all’Arte, all’interno del complesso industriale
Tubi S.p.a.
Un centro polifunzionale dotato di
tre spazi per seguire le diverse esigenze produttive, dalla sala prove al
palco per i debutti.
• Un centro per la didattica e la formazione di operatori teatrali, artisti e
tecnici.
• Un teatro per le scuole
• Un teatro integrato per le diverse
abilità.
• Un programma rivolto al teatro di innovazione.
• Il teatro di narrazione, che valorizza
l’evocazione e la memoria di miti collettivi.
• Una casa all’insegna della multiculturalità.
• L’impegno nel teatro civile, per testimoniare le ferite del tempo presente.
• La nuova drammaturgia.
- stabilimento in origine-
Un nuovo Centro Culturale Multime diale, luogo d’incontro e produzione
per artisti e tecnici.
• La danza contemporanea.
•I concerti di musica da camera
e contemporanea.
• Rassegne cinematografiche.
• Vernissage, presentazioni di libri e
conferenze nello spazio Caffè Letterario in collaborazione con le biblioteche
e le librerie del territorio.
Progetto architettonico a cura di
Arch. Mauro Trilli
Arch. M. Luisa Trilli
Foto di Elettra Mallaby
Fly UP