...

legge - La Repubblica.it

by user

on
Category: Documents
103

views

Report

Comments

Transcript

legge - La Repubblica.it
LADOMENICA
DOMENICA 22 SETTEMBRE 2013
NUMERO 446
LE
VITTIME
Accamilesi Luigi
Adami Egidio
Adolfo Riccardo
Adolfo Roberta
Aldrigo Ad
Alessi Fortunata
Allegrezza Dario
Allegrezza Meri
Allegrezza Oriana
Ampezzan Aldo
Ampezzan Elda
Ampezzan Silvio
Angelini Maria
Angeloni Maria Pia
Anterni Luigi
Anzolut Emilio
Anzolut Eugenio
Anzolut Gianmarco
Anzolut Giovanna
Anzolut Antonio
Anzolut Giovanna
Anzolut Mario
Arduini Cesare
Arduini Cesare
Arduini Flora
Argenton Giuditta
Argenton Maria Teresa
Arlant Franca
Arnoldo Anna
Arnoldo Gianni
Arnoldo Giovanni
Arnoldo Maria Silvia
Arnoldo Paola
Arnoldo Pietro
Aste Graziano
Aste Stefano
Austoni Elvira
Austoni Teresa
Baccichetto Gianfranco
Baglivo Aniello
Baglivo Carmela
Balbinot Giovanni
Baldan Anna
Baldassarra Alessandro
Baldassarra Antonio
Barel Antonio
Barel Aurelio
Barel Bruna
Barel Bruno
Barel Carolina
Barel Claudio
Barel Dino
Barel Elena
Barel Emilio
Barel Ennio
Barel Erminia
Barel Fabio
Barel Ferruccio
Barel Franco
Barel Fulvia
Barel Guerrino
Barel Guerrino
Barel Loretta
Barel Luciana
Barel Mario
Barel Olga
Barel Renzo
Barel Sergio
Barel Silvia
Barel Vanna
Baron Toaldo Bianca
Baron Toaldo Ugo
Basso Bianca
Basso Costante
Bearzi Leonardo
Beccati Angelo
Beccati Carmelino
Beccati Daniela
Beccati Emilio
Beccati Gilberto
Beccati Giorgio
Beccati Giuliana
Beccati Giuliano
Beccati Ilario
Beccati Mirka
Beccati Renata
Beccati Santina
Benedetti Ida
Bentivoglio Amedeo
Bentivoglio Rodolfo
Bergamasco Fiorentina
Bergamasco Francesca
Bergamasco Giovanni
Bernardi Gianna
Bertin Armida
Bertin Battista
Bertin Mauro
Bertin Paolo
Berto Antonio
Berto Ornella
Bertoia Angela
Bertoia Bruna
Bertoia Elisabetta
Bertoia Giuseppe
Bertoia Giuseppe
Bertoia Marino
Bertoia Paola
Bertotti Armando
Bessega Adamo
Bessega Claudio
Bettiol Giuseppina
Bettiol Luisa
Bevilacqua Antonietta
Bez Agostino
Bez Angela L.
Bez Anna Maria
Bez Antonio
Bez Apollonia
Bez Arcangelo
Bez Arcangelo
Bez Carla
Bez Danila
Bez Francesca
Bez Francesca
Bez Giacoma
Bez Gianmario
Bez Gianni
Bez Gioachina
Bez Giovanni Battista
Bez Giulio
Bez Giuseppe
Bez Giuseppe
Bez Jole
Bez Lea
Bez Livia
Bez Luciana
Bez Luigino
Bez Marco
Bez Maria Luigia
Bez Maria Luisa
Bez Maria Modesta
Bez Maria Rosa
Bez Maria Teresa
Bez Osvaldo
Bez Piera
Bez Pietra
Bez Vanna
Bez Vincenza
Biamonte Saverio
Bianchin Maria
Bianchin Pierina
Bianchin Teresa
Biscaldi Alessandra
Bogo Secondo
Bolamperti Franca
Bolzan Antonietta
Bolzan Antonio
Bolzan Elena
Bolzan Ermenegilda
Bolzan Giuseppe
Bolzan Mario
Bolzan Pietro
Bolzan Virginia
Bon Claudio
Bon Fausto
Bon Luigi
Bona Siro
Bonarini Gina Luisa
Bonifacio Letizia
Bonora Amelia
Bonora Carmina
Bonora Marcello
Bontempo Antonietta
Bordignon Antonella
Bordignon Massimo
Boria Maria Dolores
Borillo Lidia
Borsoi Antonio
Borsoi Emilia
Borsoi Guido
Borsoi Lorenzo
Bortolazzo Dario
Bortolazzo Fabrizio
Bortolazzo Maria
Bortolazzo Moreno
Bortolazzo Olindo
Bortolazzo Sonia
Bortolin Erminio
Bortolin Maria
Bortolomei Maria
Bortoluzzi Giulio
Bortoluzzi Giuseppina
Bortoluzzi Maria M.
Bortot Caterina
Bortot Maria
Bortot Oliva
Boschetto Giovanna
Bozzato Maria
Bratti Albino
Bratti Alessandra
Bratti Anna Maria
Bratti Antonio
Bratti Antonio
Bratti Assunta
Bratti Attilio
Bratti Carla
Bratti Cesare
Bratti Domenica
Bratti Fernanda
Bratti Francesca
Bratti Franco
Bratti Giorgio
Bratti Lino
Bratti Luciano
Bratti Luigi
Bratti Luigia
Bratti Luigia
Bratti Luigia
Bratti Maria
Bratti Maria
Bratti Pier Antonio
Bratti Pierina
Bratti Silvana
Bratti Umberto
Bristot Domenico
Bristot Dora
Bristot Romano
Brun Maria
Burello Ettore
Burigo Onelia
Burigo Vincenza
Calani Aristeo
Caldart Silvia
Caldonazzi Maria suor
Gianluigia
Callegari Almerino
Callegari Marinella
Cambi Dante
Cambi Giovanni
Cambi Maurizio
Cambi Vanna
Campodall'Orto Maria
Campodall'Orto Silvio
Campus Giovannina
Candiago Maria
Antonietta
Canzonieri Maria Pia
Canzonieri Paolo
Cappeller Carla
Cappeller Grazia
Cappeller Mario
Capraro Cesarino
Capraro Diego
Capraro Gianni
Capraro Narciso
Capraro Nori
Capraro Rino
Capraro Rosa Maria
Caracchini Alvaro
Caracchini Carmen
Caracchini GioBatta
Caracchini Morena
Cardin Maria Aurelia
Cardin Wer Deon
Carlesso Ida
Carlesso Irma
Carlon Teresa
Carnelutto Francesca
Carnelutto Vincenzo
Carrara Antonio
Carrara Eugenia
Carrara Lucia
Carrara Orazio
Carrara Sabina
Carrer Rosina
Cartini Maria
Casagrande Bruno
Casal Olga
Casanova Filomena
Casanova Stua Pierina
Casarin Mirelia
Casol Federico
Casol Vittorio
Castagner Enrico
Castagner Giulietta
Castellan Giuseppe
Cattozzo Elio
Cazzetta Amatore
Cazzetta G. Battista
Cazzetta Fabio
Cazzetta Gigliola
Cazzetta Maria
Cazzetta Noemi
Cazzetta Remo
Cazzetta Piero
Cazzetta Silvano
Cecchinel Maria
Cellot Elisa
Celso Giuseppe
Guglielmo
Celso Mario
Celso Roberto
Centore Angelo
Cerentin Domenico
Cerentin Giordano
Cesari Pina
Ceschelli Ida
Cesco Bolla Giovanna
Cesco Bolla Maristella
Cescon Danila
Chiamulera Giulio Silvio
Chiarusi Dora
Chiarusi Pierluigi
Chicco Cesare
Chicco Livio
Chicco Marina
Cian Bruno
Ciocci Antonio
Ciocci Pierpaolo
Ciocci Riccardo
Cioci Elena
Ciotti Battistina
Ciotti Carlo
Coletti Alessandro
Coletti Amalia
Coletti Annita
Coletti Antonella
Coletti Antonio
Coletti Antonio
Coletti Bruna
Coletti Enrico
Coletti Fabio
Coletti Florindo
Coletti Giacomo
Coletti Giorgio Livio
Coletti Giovanni Battista
Coletti Giovanni Luigi
Coletti Lelia
Coletti Luigi
Coletti Maria Grazia
Coletti Mario
Coletti Primo
Coletti Sergio
Coletti Silvia
Colla Maria
Colle Carlotta
Colle Wincler Gemma
Colotto Erna
Colotto Giovanna
Colotto Italo
Colotto Lelia
Comacchio Donatella
Comacchio Lauro
Comacchio Paolo
Comina Caterina
Comina Enrico
Comis Ada
Conego Maria
Conego Roberto
Corbanese Caterina
Cornaviera Andrea
Cornaviera Attilio
Cornaviera Barbara
Cornaviera Fioravante
Cornaviera Gianni
Cornaviera Lidia
Cornaviera Massimo
Corona Adriana
Corona Angelica
Corona Antonio
Giuseppe
Corona Antonio Lino
Corona Armanda G.
Corona Bortolo Giovanni
Corona Domenica
Corona Eugenio
Corona Fabiano
Corona Felice
Corona Felice P.
Corona Gioacchino E.
Corona Giuseppina
Corona Giuseppina M.
Corona Lidia
Corona Lucia
Corona Luigia M.
Corona Margherita
Corona Margherita
Rachele
Corona Oliva
Corona Osvalda G.
Corona Pietro
Corona Pietro Aldo
Corona Rosa
Corona Sabina
Corona Sabina
Corona Santo Antonio
Corona Sara Maria
Corona Silvano
Corona Teresa
Corona Valentino M.
Corona Marchi Amalia
Corsini Giuseppina
Cosma Giuliana
Cosma Mario
Cosma Renzo
Costa Dino
Costa Valentina
Costantin Eugenio
Costantini Adriana
Costantini Emilio
Costantini Giancarlo
Costantini Giovanna
Costantini Giovanni
Costantini Lucia
Costantini Luciana
Costantini Marisa
Costantini Pietro
Costantini Renzo
Costantini Rodolfo
Costantini Romana
Curti Giacoma
D'Alberto Gino
D'Alberto Giuliana
D'Angora Anna
D'Incà Angela
D'Incà Annarella
D'Incà Attilio
D'Incà Giovanni
D'Incà Maria
D'Incà Maria Teresa
D'Isep Luigi Sergio
D'Olif Emilia
Da Boit Caterina
Da Boit Elvira
Da Cas Angelina
Da Cas Arcangela
Da Cas Christian
Da Cas Erina
Da Cas Lucia
Da Cas Luigi
Da Cas Luigia
Da Cas Marcellino
Da Cas Maria
Da Cas Modesta
Da Cas Renata
Da Cas Rosanna
Da Cas Vincenzo
Da Col Antonia
Da Col Luigia
Da Cortà Corinna
Da Forno Anna Maria
Da Re Maria
Da Re Vanda
Da Rin De Rosa Giovanni
Da Rin Zanco Paolino
Da Riz Noemi
Da Rold Gelinda
Da Ronch Grazia Maria
Da Ronch Lidia
Da Ros Veronica
Dai Pra Anna Maria
Dai Pra Giovanni
Dai Pra Giuseppe
Dal Borgo Primo
Dal Canale Carla
Dal Checco Ernesto
Dal Checco Nora
Dal Checco Ondina
Dal Cin Mario
Dal Col Luigi Angelo
Dal Col Silvana
Dal Fabbro Enrico
Dal Fabbro Francesco
Dal Farra Fiore
Dal Farra Pietro
Dal Farra Virgilio
Dal Molin Antonia
Dal Molin Giacomo
Dal Molin Gigetta
Dal Molin Giorgio
Dal Molin Guido
Dal Molin Marco
Dal Molin Pierluigi
Dal Molin Romeo
Dal Molin Rosetta
Dal Pian Gilda
Dal Pian Gino Luigi
Dal Pian Paolo
Dal Pont Rosa
Dal Zot Italia
Dalla Betta Antonio
Dalla Betta Carlo G.
Dalla Betta Italia M.
Dalla Betta Manuela
Dalla Betta Mario
Dalla Porta Elma
Dalle Ceste Mosè
Damian Agostino
Damian Corinna
Damian Francesca
Damian Giacoma
Damian Gianna
Damian Giovanni
Damian Lucia
Damian Luigia
Damian Pietro
David Bruno
David Olimpia
De Barba Giovanni
De Bastiani Mario
De Battista Anna
De Biasi Luigia
De Biasi Rosa
De Biasio Ada
De Biasio Giovanni
De Biasio Giuliana
De Biasio Giuseppe
De Biasio Gloria
De Biasio Lucia
De Biasio Manuela
De Biasio Maria Luisa
De Biasio Norma
De Bon Agnese
De Bon Pasquale
De Bona Alberta
De Bona Angela
De Bona Angela
De Bona Anna
De Bona Anna Maria
De Bona Annamaria
De Bona Antonia M.
De Bona Antonio
De Bona Armando
De Bona Attilio
De Bona Battistina
De Bona Bernardo
De Bona Caterina
De Bona Dina
De Bona Dolcino
De Bona Dosolina
De Bona Elide
De Bona Elio
De Bona Elisabetta
De Bona Emilia
De Bona Ennio
De Bona Fides
De Bona Flavio
De Bona Gasperina
De Bona Gemma
De Bona Giacomo
De Bona Giacomo
De Bona Gioconda
De Bona Giovanna
De Bona Giovanna
De Bona Giovanni
De Bona Giovanni
De Bona Grazia Maria
De Bona Lamberto
De Bona Luca
De Bona Lucia
De Bona Luciano
De Bona Luigia
De Bona Luigia
De Bona Maria
De Bona Maria
De Bona Mariano
De Bona Marino
De Bona Mario
De Bona Marisa
De Bona Paola
De Bona Paolino
De Bona Pasquale
De Bona Pierluigi
De Bona Pietro
De Bona Pietro
De Bona Romeo
De Bona Pietro
De Bona Rita
De Bona Rosetta
De Bona Stefano
De Bona Umberto
De Bona Umberto
De Bona Velia
De Bona Walter
De Bona Wanda
De Bona Stefano
De Bortoli Celsina
De Carli Carmen
De Castello Luigia
De Castello Vittorina
De Cesero Agostina
De Cesero Antonio
De Cesero Domenica
De Cesero Dora
De Cesero Dorino
De Cesero Elisa
De Cesero Emilia
De Cesero Emilio
De Cesero Ennio
De Cesero Ernesto
De Cesero Ezio
De Cesero Ezio
De Cesero Francesca
De Cesero Franco
De Cesero Gianna
De Cesero Giorgio
De Cesero Giorgio
De Cesero Giovanna
De Cesero Giovanni
De Cesero Giuseppina
De Cesero Ivana
De Cesero Livio
De Cesero Loredana
De Cesero Lucia
De Cesero Luigi
De Cesero Luigi
De Cesero Luigi
De Cesero Luigia
De Cesero Marco
De Cesero Maria
De Cesero Maria
De Cesero Marino
De Cesero Michela
De Cesero Mirella
De Cesero Noemi
De Cesero Pierfelice
De Cesero Pierino
De Cesero Renato
De Cesero Romano
De Cesero Rossanna
De Cesero Sincero
De Cesero Valentino
De Cesero Vittorina
De Cesero Viviana
De Col Ada
De Col Daniela
De Col Ettore
De Col Giuseppe
De Col Luigi
De Col Maria
De Col Mauro
De Col Rosa
De Col Ugo
De Dea Luciano
De Dea Luigia
De Dea Norita
De Dea Virginia Renata
De Filippo Giuseppe A.
De Filippo Olivo Roberto
De Filippo Roberto P.
De Filippo Rosa
De Fina Bruna
De Florian Fania Mario
De Francesch Giovanni
De Francesch Ilusca
De Francesch Nelide
De Giovanni Mario
De Lazzero Domenico
De Lazzero Fioravante
De Lazzero Giulio
De Lazzero Liana
De Lazzero Maria Teresa
De Lazzero Marianna
De Lazzero Paolina
De Lazzero Teresa
De Lorenzi Ada
De Lorenzi Agostino
De Lorenzi Alfeo
De Lorenzi Antonio
De Lorenzi Bernardino
De Lorenzi Caterina
De Lorenzi Celestina
De Lorenzi Dina
De Lorenzi Ettore
De Lorenzi Felice
De Lorenzi Fulvio
De Lorenzi Gaetano
De Lorenzi Giacomina
De Lorenzi Giovanni
Battista
De Lorenzi Giovannina
De Lorenzi Maria
De Lorenzi Maria
De Lorenzi Mario
De Lorenzi Osvaldo C.
De Lorenzi Remira
De Lorenzi Renza
De Lorenzi Romano
De Lorenzi Tranquilla
De Lorenzi Vinicio L.
De Lorenzo Angela
De Lorenzo Battista
De Lorenzo Costantino
De Lorenzo Ermenegildo
De Lorenzo Teresa
De Luca Elvira
De Luca Franco
De Luca Giorgio
De Luca Renzo
De March Livio
De March Umberto
De Marco Caterina
De Nes Claudio
De Nes Erasmo
De Nes Ida
De Nes Natalia
De Nes Rina
De Paris Eugenia
De Pasqual Enza
De Pellegrin Ada
De Pellegrin Alice
De Pellegrin Angelo
De Pellegrin Antonia
De Pellegrin Eugenio
De Pellegrin Norma
De Poi Angelica
De Pollo Teresa
De Pra Angelo
De Pra Cunegonda
De Pra Luciano
De Pra Maria
De Pra Renza
De Rossi Ermenegilda
De Rossi Meris
De Salvador Albina
De Salvador Giuseppe
De Silvestri Margherita
De Silvestri Maria
De Silvestri Milena
De Silvestri Silvio
De Silvestro Giovanni
Battista
De Silvestro Roberto
De Silvestro Vigilio
De Sivestro Dorina
Del Vesco Fabrizio
Del Vesco Alfredo
Del Vesco Anna
Del Vesco Antonio
Del Vesco Antonio
Del Vesco Bianca
Del Vesco Edi
Del Vesco Flora
Del Vesco Francesco
Del Vesco Fulvio
Del Vesco Gianfranco
Del Vesco Giovanni
Del Vesco Lorella
Del Vesco Maria Cesira
Del Vesco Maria Teresa
Del Vesco Marzio
Del Vesco Pietro
Del Vesco Roberto
Del Vesco Veronica
Del Vesco Vincenzo
Dell'Agnola Matilde
Della Mora Livio
Della Mora Olga
Della Putta Antonio
Della Putta Antonio
Della Putta Assunta L.
Della Putta Bruna
Della Putta Claudio
Della Putta Costantino
Della Putta Costantino B.
Della Putta Delfina M.
Della Putta Domenico
Della Putta Enrica M.
Faganello Daniele
Faganello M.Cristina
Faganello Orlando
Faganello Riccardo
Fagarazzi Berta
Fagarazzi Giacinta
Fagarazzi Giuseppe
Fagarazzi Luigia
Fagherazzi Gilda
Fain Antonio
Fain Lucia
Fain Maria
Fain Pierina
Fant Clorinda
Fattorel Pasqua
Fedon Ines
Feltrin Agnese
Feltrin Antonio
Feltrin Elettra
Feltrin Gianni
Feltrin Giuseppina
Feltrin Leonardo
Feltrin Lorenzo
Feltrin Teresa
Ferigo Antonia
Ferranti Gino
Ferranti Giorgio
Ferranti Maria Grazia
Ferrarese Rosa
Ferrari Liliana
Ferrazza Giovanna
Fiamberti Irma
Filippin Anastasia
Filippin Marco Osvaldo
Filippin Margherita
Filippin Margherita D
Filippin Margherita G.
Filippin Maria
Filippin Maria
Filippin Maria
Filippin Maria Antonia
Filippin Maria Italia
Filippin Maria Maddalena
Filippin Pietro
Filippin Pietro
Filippin Pietro Antonio
Filippin Pietro Benedetto
Filippin Pietro D.
Filippin Pietro Giuseppe
Filippin Raffaello
Filippin Rosa Stella
Filippin Sergio Giacomo
Filippin Silvia C
Filippin Vittorio
Finotti M. Giuliana
Fiorin Antonio
Fiorin Bernardo
Fiorin Francesca
Fiorin Francesca
Fiorin Lelio
Fiorin Luigia
Fiorin Rosa Maria
Fiorin Sergio
Fistrarol Gianfranco
Fistrarol Giuseppe
Fistrarol Maria Teresa
Fontanella Gian Pietro
Fontanella Gianluigi
Fontanella Gianmarco
Fontanella Gigetto
Fontanella Gino
Fontanella Gioconda
Fontanella Giuseppe
Fontanella Graziella
Fontanella Graziella
Fontanella Ida A.
Fontanella Ines
Fontanella Ivana
Fontanella Lea
Fontanella Livio
Fontanella Loriana
Fontanella Luciana
Fontanella Luciano
Fontanella Luigi
Fontanella Luigi
Fontanella Luigia
Fontanella Margherita
Fontanella Maria Carolina
Fontanella Maria
Fontanella Maria Corinna
Fontanella Maria Dolores
Fontanella Marianna
Fontanella Mariano
Fontanella Mario
Fontanella Mario
Fontanella Massimiliano
Fontanella Maurizia
Fontanella Nadia
Fontanella Natalina
Franchini Giorgio
Franco Angela
Franzo Elena
Franzoso Maria
Fregona Corinna
Fruscalzo Gastone
Fumei Arturo
Furlan Giacomo
Furlan Giordano
Furlan Laura
Furlan Luigi
Furlan Maria
Furlan Maria
Gabrielii Stefano
Gabrielli Libero
Gabrielli Luciano
Gaio Giuseppina
Gaio Luigia
Gaio Rita
Galletto Alessandro
Galletto Federico
Galli Leo
Gamelli Chiara
Gandin Elisa
Garbo Adriana
Garbo Marino
Garbujo Alessandro
Garbujo Sergio
Gardi Giovanni
Garosi Learco
Gasparetto Luigia
Gatti Stefania
Gatti Tomaso
Lettarghe Delia
Lettarghe Vittorio
Libralesso Gianfranco
Libralesso Renato
Libralesso Salvatore
Ligabue Ennio
Logoz Lisa
Longoni Adriana
Longoni Paolo
Lorenzini Antonio
Lorenzini Luca
Lorenzini Maria Pia
Losego Anna
Losego Ettore
Losego Franco
Losego Lino
Loss Margherita
Loss Mirella
Losso Albino
Losso Aldo
Losso Alice
Losso Amedeo
Losso Angela
Losso Anna Maria
Losso Denis
Losso Leonora
Losso Ernesto
Losso Giovanna
Losso Giovanni
Losso Giulia
Losso Giuseppe
Losso Ivana
Losso Leo
Manarin Donato
Manarin Emilia
Manarin Felice
Manarin Francesca
Manarin Francesca A.
Manarin Giosuè
Manarin Italo
Manarin Maddalena
Manarin Maria Antonietta
Manarin Maria Letizia
Manarin Ruggero
Maraner Pia
Marcello Del Majno Anna
Maria
Marchesin Elena
Marcon Maria
Marcuzzo Antonietta
Marelli Giorgio
Marelli Luigi
Mares Maria
Marin Antonio
Marin Antonio
Marin Carolina
Marin Giovanni
Marin Guido
Marin Marianna
Marin Renato
Marinello Michele
Marinello Tarcisio
Mariot Alice
Mariot Erminia
Mariot Giacomo
Mariot Gio Maria
1963-2013
Il racconto
VAJONT
del
“ Sono passati cinquant’anni
ma non abbiamo imparato la lezione”
Portò in scena la tragedia
salvandola dall’oblio
Ora Marco Paolini lancia
un ultimo atto d’accusa
MARCO PAOLINI
«I
De Marco Giovanni
De Marco Luigia
De Marta Caterina
De Marta Clementina
De Mattia Elvira
De Mattia Fulgenzio
De Mattia Giovanni
Battista
De Mattia Palmira
De Menech Chiara
De Menech Concetta
De Menech Daniele
De Menech Domenico
De Menech Elisabetta
De Menech Franco
De Menech Gianni
De Menech Ida
De Menech Ida
De Menech Luigi
De Menech Luisa
De Menech Maria
De Menech Mario
De Menech Mario
De Menech Mario
De Menech Pietro
De Menech Vittorio
De Menech Walter
De Min Edi
De Min Giuseppe
De Nardi Fernanda
De Nes Elena Oliva
De Nes Amelia
n tempi atomici si potrebbe dire che questa è una sciagura pulita, gli uomini non ci hanno messo le mani, tutto è stato fatto dalla natura, che non è buona, non è cattiva, ma indifferente. E ci vogliono queste sciagure per capirlo! Non uno di noi moscerini vivo se la natura si decidesse a muoverci guerra».
Queste parole le scriveva Giorgio Bocca su Il Giorno venerdì 11
ottobre 1963 e quell’articolo, bellissimo, così come quello di Dino
Buzzati, lo stesso giorno, sul Corriere della Sera, così come quello
di Indro Montanelli sulla Domenica del Corriere, erano sbagliati.
Bellissimi ma sbagliati. La diga del Vajont, rimasta in piedi, sembrava assolvere, nello spirito di quel tempo, il lavoro degli uomini, lasciando ogni responsabilità alla natura. Non è stato facile
cambiare questo pregiudizio. È stato quasi con fastidio che, gradualmente, si è dovuto fare i conti con il punto di vista di Tina Merlin, giornalista di Belluno che conosceva da tempo la vicenda per
averla seguita in prima persona. Poi, quel punto di vista, confermato da prove, documenti e testimonianze, è diventato un’istruttoria processuale. Ma prima, per ragioni quasi offensive nei
confronti delle vittime, la sede del processo sulle responsabilità
della tragedia del Vajont fu trasferita da Belluno a L’Aquila, per legittima suspicione. Italo Filippin, sopravvissuto di Erto, racconta
che per i «viaggi di giustizia» del 1968-’69, servivano circa tre giorni di corriera per fare i 900 chilometri che separavano le due città.
I superstiti alloggiavano negli uffici del tribunale. Per risparmiare, certo, ma anche perché nelle poche stanze d’albergo disponibili a L’Aquila dormivano avvocati e giornalisti.
Era grande la distanza tra Belluno e L’Aquila. Eppure le spirali degli eventi oggi ne avvicinano i destini. Negli ultimi anni
abbiamo visto le due città accostarsi, più per carattere che per
figura, anche se, dopo il terremoto, L’Aquila non è più una città,
ma un’aspirazione usurata dalla frantumazione imposta con
decreti d’emergenza.
(segue nelle pagine successive)
con un articolo di PAOLO RUMIZ
De Toffol Dario
De Toffoli Bruno
De Toffoli Giorgio
De Toffoli Girolamo
De Toffoli Giuseppe
De Toffoli Manuela
De Valerio Angelo
De Valerio Antonia
De Valerio Carla
De Valerio Cristina
De Valerio Jole
De Valerio Lucia
De Valerio Pierpaolo
De Valerio Pietro
De Vecchi Carlo
De Vecchi Alessandro
De Vecchi Carlo
De Vecchi Erina
De Vecchi Giacomo
De Vecchi Giuseppe
De Vecchi Luigi
De Vecchi Luigia
De Vecchi Maria Pia
De Vecchi Roberto
De Vido Caterina
De Vido Daniele M.
De Vido Giorgio N.
De Vido Giovanni
De Villa Teresa
De Zolt Antonietta
De Zolt Pietro
De Zolt Sandro
Della Putta Gabriella
Della Putta Giacomo
Della Putta Giampietro
Della Putta Guerrino
Della Putta Maria
Della Putta Maria M.
Della Putta Maria Lucia
Della Putta Maria Luigia
Della Putta Maria Luisa
Della Putta Maria Luisa
Della Putta Osvaldo P.
Della Putta Roberto
Della Putta Virgilio
Della Putta Wanda
Della Vedova Gianpaolo
Demonis Claudette
Di Giusto Elvira
Di Leo Maria Teresa
Dipol Renata
Dolce Guido
Donelli Ettore
Dotta Giovanni
Dotta Luciano
Dotta Luigina
Ederle Giuseppe
Egeo Emilia
Endrizzi Rosida
Fabbro Valentina
Facchinetti Giacomo P.
Facchinetti Ornella
Faganello Antonio
Faganello Daniela
Filippin Angelica O.
Filippin Angelica V.
Filippin Anna
Filippin Anna Maria
Filippin Antonia
Filippin Antonio
Filippin Bruna
Giuseppina
Filippin Carlo Francesco
Filippin Caterina
Filippin Claudio
Filippin Daniela A.
Filippin Daniele Fortunato
Filippin Daniele G.
Filippin Domenica
Filippin Domenica
Filippin Domenico
Filippin Domenico
Filippin Enzo
Filippin Felice Nino
Filippin Flora Maria
Filippin Fortunato
Filippin Francesco
Filippin Franco
Filippin Gabriella V.
Filippin Giacoma
Filippin Giacomina
Filippin Giovanni
Filippin Giuseppe
Filippin Giuseppe
Filippin Giuseppina
Filippin Iole
Follis Maria
Fontanella Alfredo
Fontanella Adriana
Fontanella Agostino
Fontanella Alberto
Fontanella Ambrogio
Fontanella Amalia
Fontanella Angela
Fontanella Anna Maria
Fontanella Annibale
Fontanella Annita
Fontanella Antonella
Fontanella Antonietta
Fontanella Antonio
Fontanella Antonio
Fontanella Arturo
Fontanella Aurora
Fontanella Bernardo
Fontanella Bianca
Fontanella Bruno
Fontanella Bruno
Fontanella Carmen
Fontanella Corinna
Fontanella Emanuela
Fontanella Emilio
Fontanella Ernesto
Fontanella Francesco
Fontanella Fulvia
Fontanella Gabriele
Fontanella Germana
Fontanella Giacoma
Fontanella Giacomo
Fontanella Nori
Fontanella Osvaldo
Fontanella Paolina
Fontanella Paolo
Fontanella Pietro
Fontanella Remo
Fontanella Remo
Fontanella Renata
Fontanella Roberta
Fontanella Rosanna
Fontanella Santa L.
Fontanella Sante
Fontanella Sergio
Fontanella Trieste
Fontanella Umberto
Fontanella Virgilio
Romolo
Fontanella Vincenza
Fontanella Vincenzo
Fontanella Vincenzo
Fop Francesco
Fop Gianni
Fop Maria Teresa
Fop Mario
Forcellini Anna Maria
Forcellini Jole
Forzati Linda
Fraghì Edima
Fraghi Luigina
Franceschi Angelo
Franchini Delfina
Franchini Fabio
Gatto Attilio
Gatto Franco
Gennaro Elisa
Gentile Goffredo
Giacobazzi Angiolina
Giacomini Lucia
Giacomini Tiziano
Giacomini Virginia
Giannelli Gianni
Giordani Elisa
Girardi Aurora
Giusti Angelo
Giusti Arrigo
Giusti Francesco
Giusti Francesco
Gobitta Alfredo
Gordiani Marino
Granzotto Girolamo
Granzotto Susi
Grava Giovanna
Gregori Annita
Gregori Maria Marta
Gschnitzer Carolina
Guerra Anna
Guerra Chiara
Guerra Franca
Guidi Maria Luisa
Gumina Vincenzo
Guolo Lucio F.
Guolo Mario
Larese Bortolo
Larese don Lorenzo
Losso Lina
Losso Lina
Losso Lucia
Losso Luigia
Losso Marco
Losso Margherita
Losso Olindo
Losso Oliva
Losso Ornella
Losso Palmira Giovanna
Losso Patrizia
Losso Pia Nelsa
Losso Pietro
Losso Marisa (Sandra)
Losso Solidea
Lunardi Alfredo
Lunardi Carlo
Lunardi Rosa
Maggioni Elena
Maggiora Enrica
Majer Giannella
Majer Giovanni
Majer Giuseppina
Malano Caterina
Malench Ida
Malinverni Angelo
Manarin Anna Maria
Manarin Antonia Natalia
Manarin Antonio
Manarin Carlo
Manarin Carmela
Manarin Dante Giacomo
Mariot Lodovica
Mariot Lucia
Mariot Lucia Angela
Mariot Paolo
Mariot Pietro
Mariot Pietro
Mariot Teresa
Martin Giuseppe
Martin Luigi
Martinelli Antonio Benito
Martinelli Antonio
Giuseppe
Martinelli Claudio
Martinelli Giacobbe P.
Martinelli Giacoma
Martinelli Giuseppe
Martinelli Maddalena
Martinelli Silvio
Martini Maria
Maso Bruna
Mattiazzi Erminia
Mattiazzo Raffaele
Mazzali Rosa
Mazzocco Agostino
Mazzorana Ado
Mazzorana Angelo
Mazzorana Cristina
Mazzorana Denis
Mazzorana G. Emfrem
Mazzorana Emma
Mazzorana Fulvia
Mazzorana Gaetano
Mazzorana Gaetano
Mazzorana Gemma
Mazzorana Giacomo
Mazzorana Giovanna
Mazzorana Laura
Mazzorana Lino
Mazzorana Maria
Mazzorana Mario
Mazzorana Pietro
Mazzorana Sergio
Mazzorana Valentino
Mazzucchelli Vittorio
Mazzucco Amabile
Mazzucco Amabile
Mazzucco Arduino
Mazzucco Carmela
Mazzucco Erminia
Mazzucco Gervasio
Mazzucco Giulio
Mazzucco Ivana
Mazzucco Lucia
Mazzucco Maria
Mazzucco Maria
Mecchia Renata
Melosso Angelina
Meneguz Ancilla
Micheletto Adele
Micheletto Annunziata
Michelin Giuseppe
Michelon Bernardina
Miglietta Carmelo
Migotti Enrico
Migotti Mario
Minello Ermenegilda
Minisini Alba
Miot Lorenzo
Mognol Aldo
Mognol Ettore
Mognol Mirto
Mognol Sanio
Mola Giovanni
Molin Pradel Ezio
Molin Pradel Giovanni
Monastier Carmela
Monego Emanuele
Monego Paola
Monego Rosina
Moro Caterina
Moro Dina Mirella
Moro Eugenio Walter
Moro Giulia
Moro Liliana
Moro Narciso
Morossi Ida
Mosena Lorenzo
Mosena Maria Silvia
Mosena Maria Teresa
Mosena Viola Lina
Mozzelin Giovanni
Munarin Annita
Munarin Marcella
Nadalin Loretta
Nardi Amedeo
Nardi Elvi
Nardi Giorgio
Nardi Rosa
Nazzaro Carmine
Nazzaro Manuela
Nazzaro Pasquale
Nebuloni Carlo
Nebuloni Carlo
Nebuloni Elisa
Nebuloni Giuseppe
Negretto Giovanni
Negretto Graziella
Negretto Pietro
Negretto Regina
Nessi Virginia
Nicola Antonietta
Nicola Bruna
Nicola Giacomo
Nicola Giacomo
Nicola Gianfranco
Nicola GioBatta
Nicola Giorgio
Nicola Margherita
Nicola Maurizia
Nicola Nerina
Nicola Paolo
Nicola Silvio
Nicolai Mario
Nicoli Amerigo
Nicoli Fortunato
Nicoli Giuseppina
Nobis Alberto
Nora Teresa
Olivier Alberto
Olivier Aldo
Olivier Amalia
Olivier Angelo
Olivier Carlo
Olivier Cesira
Olivier Fosca
Olivier Ginevra
Olivier Giorgetta
Olivier Giovanni
Olivier Lucio
Olivier Luigia
Olivier Magda
Olivier Maria
Olivier Maria
Olivier Maria
Olivier Maria
Olivier Maria
Olivier Marianna
Olivier Marielisa
Olivier Ovidia
Olivier Pietro
Olivier Romeo
Olivier Rosanna
Olivier Valentina
Olivier Vincenzo
Olivier Vincenzo
Olivier Vittorio
Olivoni Tiziana
Olivotto Antonio
Olivotto Manlio
Osellin Aurelio
Osellin Giuseppe
Osellin Lauro
Osellin Libero
Osellin Rita
Pachner Rosa
Pagogna Enrico
Pagogna Giustina
Paiola Antonio
Paiola Giovanni
Paiola Maurizio
Paiola Raffaella
Paiola Roberto
Panciera Francesca
Panciera Giovanni
Panciera Giuseppe
Panciera Guglielmo
Panciera Lucia
Panciera Paolo
Panciera Pietro
Panciera Valentino
Pancot Amalia
Papa Rosalba
Papa Vito
Papparotto Palmira
Paris Carolina
Paris Giuseppe
Paris Luigia
Parise Maria
Parisotto Ida
Paschini Ines
Pase Flavia
Pase Gregorio
Pasini Angela
Pasquotti Leonilda
Passutti Gina
Pellizzari Antonio
Pellizzari Luciano
Pellizzari Luisa
Pellizzari Mario
Perazza Adriano
Perazza Antonella
Perazza Bruno
Perazza Dora
Perin Pietro
Peron Elisabetta
Perotto Vittoria
Personeni Annetta
Pertoldi Lucia
Pesavento Giuseppe
Pesce Maria Silvia
Petris Sergio
Pezzin Carlo Antonio
Pezzin Giuseppe Antonio
Pezzin Maria
Piaia Augusto
Piat Ennia
Piat Giacoma
Piat Giovanni
Piat Marianna
Piaz Giuseppe
Piazza Antonio
Piccin Lino
Piccin Teresa
Piccin Vittoria
Picottini Giacoma
Pierobon Celestino
Pillon Angela
Pillon Angelo
Pillon Antonio
Pillon Clara
Pillon Dora
Pillon Ezio
Pillon Gino
Pillon Giselda
Pillon Guerrino
Pillon Ivana
Pillon Ivano
Pillon Margherita
Pillon Maria
Pillon Rino
Pillon Silvio
Pillon Tiziana
Pilotto Claudio G.
Pinazza Gianna Maria
Pioggia Maria
Pioggia Todoverto
Francesco
Pison Amabile
Pistollato Elvira
Pistollato Regina
Piucco Franco
Piucco Fulvio
Piucco Maria
Piucco Meri
Piucco Rosa
Piva Pierantonio
Piva Renato
Plattner Elena
Plattner Adone
Plattner Fabrizio
Plattner Flora
Plattner Francesco
Plattner Giovanni
Plattner Maria Luisa
Plattner Patrizia
Plattner Roberto
Plattner Romana
Plattner Umberto
Polla Antonia
Polla Cesare
Polla Cinzia
Polla Duilio
Polla Ester
Polla Fulvia
Polla Germano
Polla Giuseppe
Polla Ines
Polla Margherita
Polla Maria
Polla Maria Giuditta
Polla Rita
Polla Santa
Pontone Cristina
Pontone Marina
Possamai Loris
Possamai Luciano
Possamai Paolo
Pozzan Anna
Pozzobon Alba
Pozzobon Olivo Luigi
Pozzobon Roberto
Pra Baldi Libero
Pra Floriani Fabio
Pradal Rosa Elena
Pradella Dante
Pradella Giampaolo
Pradella Remilio
Pradetto Vicare Maria
Prest Chiara
Pretto Florindo
Prezioso Renato
Protti Giovanni Battista
Protti Maria
Protti Maria Adelaide
Quaglia Eva
Rapino Almo
Rapino Bruno
Ravà Estella
Rech Anna Maria
Refosco Elisa Dora
Refosco Ispana
Remor Maria Bruna
Remor Pietro
Reolon Maria
Revolfato Beniamino
Revolfato Gina
Revolfato Lucia
Revolfato Teresa
Rimini Luciana
Rimini Rodolfo
Rimini Tiziana
Rittmeyer Giancarlo
Rizzo Amatore
Rizzotto Enrico
Rizzotto Ines
Rognoni Ercole
Rombaldi Giuseppe
Ronci Jolanda
Rosada Liliana
Rosetti Albina
Rossa Ennio
Rossi Ines
Rossi Valentino Bruno
Sacchet Agostina
Sacchet Alberto
Sacchet Antonio
Sacchet Antonio
Sacchet Attilio
Sacchet Attilio
Sacchet Celestina
Sacchet Clotilde
Sacchet Cristina
Sacchet Domenica
Sacchet Giacoma
Sacchet Giacomo
Sacchet Gian Pietro
Sacchet Gianna
Sacchet Giampaolo
Sacchet Giorgio
Sacchet Giuseppe
Sacchet Giuseppe
Sacchet Leonora
Sacchet Lidia
Sacchet Lucia
Sacchet Lucia
Sacchet Maria
Sacchet Maria
Sacchet Mariano
Sacchet Nicolò
Sacchet Norma
Sacchet Pasqua
Sacchet Pietro
Sacchet Pietro
Sacchet Renzo
Sacchet Rina
Sacchet Rita Grazia
Sacchet Sergio
Sacchet Silvestro
Saguì Angelo
Saguì Antonietta
Saguì Margherita
Sagui Maria
Salce Bianca
Salce Dino
Salce Lucio Bruno
Salvador Amedeo
Salvador Delcisa
Salvador Giacomo
Salvador Giuseppina
Salvador Guido Gino
Salvador Luigia
Salvador Maria
Salvador Maria
Salvador Merina
Salvador Umberto
Salvador Virginia
Sandrin Carla
Sandrin Elena
Sandrin Giuseppe
Sandrin Laura
Sandrin Lino
Santarossa Santa Anna
Sartor Beatrice V.
Sartor Ferruccia
Sartor Osvalda
Sartor Valentina B.
Scagnet Angela
Scagnet Giovanni
Scagnet Giuseppe
Schiavon Bruno
Schincariol Italo
Schirati Attilio
Schutz Hilmar
Schwingshakel Floriano
Schwingshakel Gabriella
Schwingshakel
Giuseppe
Schwingshakel Ilario
Schwingshakel Maria
Luisa
Scussel Livia
Secondo Giuseppe
Secondo Laura
Secondo Luigi
Secondo Luigia
Secondo Paolo
Serafini Antonella
Serafini Bruno
Serafini Lidia
Serafini Marilina
Signori Marcellina
Silletti Maria
Simonetta Giuseppe
Simonetti Raffaele
Simonetti Ugo
Sivieri Italo
Smaniotto Antonietta
Smaniotto Giuseppe
Smaniotto Ida
Smaniotto Lucia
Smaniotto Maria
Maddalena
Smaniotto Plinia
Smaniotto Tullio
Smillovich Stelio
Sogne Augusta
Solagna Floriano
Solari Franca
Solari Giacomino
Solari Maria Valentina
Solari Silvana
Sommariva Arturo
Sommariva Battista
Sommariva Bruna
Sommariva Bruno
Sommariva Ezio
Sommariva Gabriella
Sommariva Giacomo
Sommariva Gioacchino
Sommariva Lucia
Sommariva Maria Teresa
Sommariva Marisa
Sommariva Modesto
Sommariva Pasquale
Sommariva Renato
Sommariva Silvano
Sommariva Walter
Sommavilla Alda
Sommavilla Chiara
Sommavilla Fiori
Sommavilla Francesco
Sommavilla Gabriella
Sommavilla Giuseppe
Sommavilla Maria
Sommavilla Viviana
Sonagere Bortolina
Soppelsa Alberto
Soster Maria Luisa
Spadetto Armando
Spadetto Claudio
Spadetto Elda
Spadetto Elio
Spadetto Giannino
Spadetto Giuseppe
Spadetto Rosanna
Speretta Angela
Spinetti Antonella
Spinetti Antonio
Spinetti Dino
Spinetti Maria Grazia
Sponga Erminio
Stragà Eugenio
Stragà Pietro
Stragà Pietro
Strocchi Giuseppa
Tabacchi Pietro
Tabora Claudia
Tacconi Anna Maria
Talamini Ada
Talamini Antonietta
Talamini Antonio
Talamini Antonio
Talamini Augusto
Talamini Dino
Talamini Elena
Talamini Elena Maria
Talamini Franca
Talamini Giuseppina
Talamini Maria Giovanna
Talamini Renato
Talamini Silvio
Talamini A. Vittorio
Tamburini Nea
Tardivel Teresa
Tasso Angela
Tasso Orsola
Tavoni Ena
Tessari Orazio
Tessaro Edi
Tesser Margherita
Teti Rosa
Teza Antonia
Teza Antonio
Teza Antonio
Teza Bruna
Teza Bruna
Teza Bruno
Teza Caterina
Teza Cinzia
Teza Claudio
Teza Daniela
Teza Enza
Teza Ettore
Teza Francesca
Teza Francesco
Teza Giacomina
Teza Giacomo
Teza Giampietro
Teza Gianvittorio
Teza Gino
Teza Giorgio
Teza Giorgio
Teza Giovanna
Teza Giovanna
Teza Giovanna
Teza Giovanni
Teza Giovanni
Teza Giovanni
Teza Giovanni
Teza Giuliano
Teza Gloria
Teza Imelda
Teza Italo
Teza Laura
Teza Lea
Teza Lodovica
Teza Lodovico
Teza Lorena
Teza Luciano
Teza Luigi Santino
Teza Luigino
Teza Luisa
Teza Luisa
Teza Manuela
Teza Marcello
Teza Marco
Teza Maria
Teza Maria
Teza Maria Rosa
Teza Maria Rosa
Teza Mario
Teza Mario
Teza Osvaldo
Teza Paolo
Teza Piera
Teza Renzo
Teza Roberta
Teza Roberto
Teza Romeo
Teza Rosina
Teza Ruggero
Teza Teresa
Teza Tullio
Teza Vittorio
Teza Mario
Tiritelli Teresina
Tobler Gianni
Tobler Giulio Luigi
Tobler Guido
Tobler Luciano A.
Tobler Werner
Tomasi Lucia
Tomè Graziella
Tonellato Francesca
Tonon Silvano
Torre Dolores
Torre Lauretta
Tovanella Ada
Tovanella Alberto
Tovanella Carla
Tovanella Eugenia
Tovanella Fernanda
Tovanella Francesca
Tovanella Giacomo
Tovanella Giancarlo
Tovanella Ivana
Tovanella Marco
Tovanella Maria Grazia
Tovanella Osvaldo
Trevisan Maria Teresa
Trevisson Pasqualino
Trevisson Roberto
Troian Dolores
Troian Giuseppe
Trombin Maria
Turri Domenico
Turrin Giovanni
Turrin Marula
Turrin Maurizio
Uberti Luigia
Uliana Giuseppina
Urriani Giovanni
Valle Palmira
Vanz Giovanna
Vanz Maddalena
Vascellari Beppina
Vascellari Maria Rosa
Vazza Angelo
Vazza Annalisa
Vazza Aurelio
Vazza Carla
Vazza Clelia
Vazza Costantino
Vazza Domenica
Vazza Eleonora
Vazza Gianna
Vazza Giuseppe
Vazza Lucia
Vazza Luisa
Vazza Paolo
Vazza Pietro
Vazza Teresa
Vazza Ugo
Veldotti Alberto
Versich Elda
Vidmar Silvana
Vido Giovanna
Viel Carmela
Vienna Elisa
Villa Marco
Villa Vinicio
Vincenzi Carla
Vittoria Maria
Zabot Alba
Zabot Fiorella
Zabot Giuseppe
Zabot Rosetta
Zaccaria Sergio
Zaccheo Luciana
Zadra Antonia
Zadra Fulvia
Zadra Gianfrancesco
Zadra Romano
Zadra Vittorio
Zaetta Faustino
Zago Luigi
Zaia Costantino
Zambelli Gnocco Maria
Zanchetta Luciana
Zanchetta Rita
Zanchetta Stefano
Zandomenego Ada
Zandomenego Augusto
Zandomenego Leonora
Zandomenego Maria
Zandomenego Mario
Zandomenego Norma
Zandonella Dosolina
Zanetti Lena Carolina
Zangrando Arcangela
Zangrando Ezio
Zangrando GioBatta
Zangrando Ilario
Zangrando Lucia
Zangrando Marianna
Zangrando Tranquilla
Zanin Bortolo
Zanin Carolina
Zanin Fabrizio
Zanin Giovanni
Zanin Luigi
Zanin Luigina
Zanin Maria Pia
Zanin Natalino
Zanin Pietro
Zanna Cecilia
Zara Vanna
Zardo Franceschina
Zatta Vittorio
Zattoni A. Paolo
Zecchin Irma
Zoldan Antonio
Zoldan Domenica
Zoldan Gabriele
Zoldan Giuseppe
Zoldan Livia
Zoldan Luigia
Zoldan Maurizio
Zuccolini Fiorenza
Zuliani Cesarina
Zuliani Giorgio
Zuliani Nives
Zuliani Novero
Zuliani Vittorio
CULT
All’interno
La copertina
L’evoluzione
è finita o forse no
L’ultima polemica
della scienza
MARCO CATTANEO
e ELENA DUSI
Il libro
Se Alice
decide di lasciare
il paese
delle meraviglie
IRENE BIGNARDI
Straparlando
Asor Rosa
“I miei ottant’anni
tra politica
e letteratura”
ANTONIO GNOLI
DISEGNO DI MASSIMO JATOSTI
DIREPUBBLICA
Il compositore
Addio a Vlad
il patriarca
della musica
italiana
RODOLFO DI GIAMMARCO
L’arte
Il Museo
del mondo
L’umiliazione
di Noè
MELANIA MAZZUCCO
Repubblica Nazionale
DOMENICA 22 SETTEMBRE 2013
LA DOMENICA
■ 34
La copertina
1963-2013
9 ottobre 1963
quella sera un pezzo
del monte Toc
frana nel lago creato
dalla diga sul fiume
Vajont, bacino
artificiale al confine
tra Belluno e Udine
263 milioni
i metri cubi di roccia
che, in circa
venti secondi,
scivolano
a una velocità
di 90 km orari
provocando l’onda
100 metri
l’altezza dell’onda
che scavalca la diga
e sommerge
borghi e paesi
sulle sponde
del bacino
idroelettrico
1.910 vittime
1.450 furono
quelle accertate
nel solo paese
di Longarone,
che venne
quasi interamente
ingoiato dalla frana
1,6 km / 4’
il tratto percorso
e il tempo impiegato
dall’onda dalla diga
a Longarone
sviluppando una forza
due volte superiore
alla bomba atomica
IL PROGETTO
Vajont
Vajont 1963-2013
è un progetto digitale
dei quotidiani del gruppo
L’Espresso-Finegil
Ricorda le 1910 vittime
attraverso i contributi
in arrivo dalla Rete
Uno speciale multimediale
di testimonianze e documenti
si trova online all’indirizzo
bit.ly/vajont63
mentre il memoriale
è all’indirizzo
bit.ly/memoriale63
Il sito di riferimento
è www.corrierealpi.it
Quella lezione
che non abbiamo imparato
8 paesi
colpiti quel giorno
dal disastro:
Castellavazzo,
Longarone,
Rivalta, Pirago,
Villanova,
Faè, Erto, Casso
5 anni
meno tre condonati,
è la condanna
definitiva
per Alberigo
Biadene,
responsabile
tecnico della diga
LA FOTOGRAFIA
Longarone,
sopravvissuti
alla tragedia
Repubblica Nazionale
DOMENICA 22 SETTEMBRE 2013
■ 35
“Senza comprendere le ragioni degli imputati avremo solo colpevoli: è rassicurante, ma non evita che l’errore si ripeta”
Marco Paolini, che col suo monologo salvò la memoria di quella tragedia,
oggi la mette a confronto con quella de L’Aquila. E si interroga sulle responsabilità
di scienza, media e politica. Ma anche sulle nostre. Perché in mezzo secolo troppo poco è cambiato
MARCO PAOLINI
(segue dalla copertina)
atteggiamento della società civile nei confronti della tragedia
del Vajont e del terremoto a
L’Aquila è differente. Il tempo,
oltre che i chilometri, separa i
due eventi. Ma a me interessa
qualche elemento che invece li accomuna. Per
capirli guardiamo i processi di primo grado de
L’Aquila: quello cominciato il 29 ottobre 1968 e
quello conclusosi il 22 ottobre 2012. Alla sbarra,
nel primo processo: dirigenti, tecnici e consulenti della diga del Vajont. Nel secondo: dirigenti, tecnici e consulenti, membri della Commissione grandi rischi della Protezione civile
per il terremoto a L’Aquila del 6 aprile 2009.
Come i grandi giornalisti, forgiando l’opinione pubblica nel 1963, offrivano giustificazioni
ai responsabili della tragedia del Vajont, così la
comunità scientifica, nel 2012, scomodava persino Galileo e il suo famoso processo per eludere giudizi sull’operato dei propri componenti.
La comunità scientifica mal sopporta valutazioni sull’operato dei propri membri da parte
della giustizia, si sente incompresa e reagisce
come per lesa maestà, negando le accuse.
Non ho nessuna autorità per fare valutazioni su competenze altrui, ma il coro di proteste
per una sentenza che metteva pesantemente
in discussione l’operato «della scienza», con gli
appelli al sostegno internazionale, gli articoli,
anche in questo caso bellissimi, di acuti giornalisti, fino all’appello al presidente della Repubblica, scritti dall’inizio di quel procedimento e prima ancora di conoscere i fatti contestati, non mi hanno dato solo fastidio, mi
hanno preoccupato e intristito perché sembravano così simili a quanto è successo al tempo del Vajont.
Per contro, è anche vero che molte cose sono
cambiate da quel 1968: la nostra idea dell’uomo
e della natura, la consapevolezza dei diritti. Oggi le vittime a volte si vendicano. Nei confronti
di alcune auctoritas le parti si sono rovesciate.
Un esempio: sempre meno i giovani medici
scelgono chirurgia, perché è la specializzazione più esposta a cause civili. I pazienti che si
sentono danneggiati dagli interventi sempre
più spesso denunciano i chirurghi. Per reazione provo istintiva solidarietà verso chi ha ancora il coraggio di continuare a svolgere con dignità e competenza quelle professioni. Dopo il
Vajont, sull’onda dell’«indignazione popolare», per molti anni nessuno ha più costruito una
diga in Italia. Non fare non è la soluzione, serve
solo a far dimenticare in attesa di ricominciare
come prima. Ma se provassimo a ragionare a
mente fredda, invece che sull’onda delle emozioni, davanti alle catastrofi potremmo cominciare a vedere responsabilità collettive che prima o poi arriverebbero fino a noi stessi, che magari siamo lontanissimi dai luoghi delle catastrofi. Siamo sempre così prevenuti che finiamo per attribuire responsabilità a intere categorie di politici, di tecnici, di scienziati. Ma non
siamo mai disponibili a riconoscere una nostra
parte di colpa.
La storia del Vajont è un esempio di come non
si devono calcolare i rischi, di come nonsi devono gestire le emergenze in tutta la catena di comando e nelle istituzioni preposte al controllo.
Raccontarla è stato un esercizio di educazione
alla prevenzione. In qualche caso è successo. Il
racconto del Vajont, per esempio, ha aperto gli
occhi a molti studenti di geologia che nei loro testi scolastici trovavano la frana del Toc descritta e trattata in modo asettico, senza alcuna domanda imbarazzante sul ruolo subalterno della geologia all’ingegneria, vera protagonista
dell’impresa di progettare e realizzare a ogni costo la diga ad arco più alta del mondo, in una gola ai piedi di una montagna chiamata Toc, cioè
pezzo, frammento, scheggia.
Una possibilità di comprendere le nostre responsabilità è aprirsi alle ragioni di tutti. Ho
sempre cercato di mettermi nei panni proprio
di quei tecnici che hanno progettato la diga, anche nell’aula del processo. Si chiama pietas. È
una pratica antica: senza pietas verso gli imputati non si può comprenderne l’errore, il loro errore. Senza comprendere le ragioni degli imputati abbiamo solo dei colpevoli, criminali, gente
“diversa” da noi. È molto rassicurante. Ma solo
comprendendo gli errori degli imputati possiamo evitare di ripeterli. Gli imputati, quando ammettono l’errore, specie quando assume la dimensione della tragedia, tendono a ridimensionare il proprio ruolo, giustificandosi con gli
L’
errori altrui. La “società civile” non deve comportarsi nello stesso modo. Comprendere —
che non significa giustificare — condividere, è
l’unica strada. Anzi: la pietas, la comprensione,
offrono la possibilità di sottrarsi alla giustificazione consolatoria, di scongiurare anche le forme più subdole di condivisione.
Il processo di primo grado per la catastrofe
del Vajont finì il 17 dicembre del 1969 con condanne lievi rispetto alle richieste. Il tribunale
riconobbe il reato di omicidio colposo per il
mancato allarme alla popolazione, ma non riconobbe la prevedibilità della frana. E invece
una lunga serie di accadimenti mostrano come la frana fosse studiata, osservata, temuta da
anni. Non si poteva sapere a che ora di quale
giorno della settimana l’ultimo filo d’erba che
la teneva su si sarebbe rotto, ma da settembre
’63 si capiva che era questione di poco.
Il processo alla Commissione grandi rischi
de L’Aquila si conclude con una sentenza che
accusa i componenti di negligenza, imprudenza, imperizia, valutazione approssimativa
e generica della portata dell’evento… Per aver
fornito informazioni incomplete e contraddittorie… alla cittadinanza aquilana… si legge a
pagina 25 della motivazione. La sentenza
gliato la comunicazione del pericolo, è: ma la
Commissione grandi rischi dovrebbe essere
uno strumento di valutazione, non di comunicazione, dovrebbe fornire, a chi ha la responsabilità e il ruolo, gli argomenti per decidere.
Perché allora chiedere a tecnici e scienziati di
«comunicare»? Perché esporli alle domande
dei giornalisti, al «circo mediatico»?
Vediamo brevemente come sono andate le
cose. L’Aquila da quattro mesi era investita da
uno sciame sismico culminato in una scossa
più forte il 30 marzo 2009. Per dare una risposta alla paura e alle domande dei cittadini fu organizzato questo consulto di luminari al capezzale del malato. Per dirla brutalmente:
l’impressione, più che di un esame su un problema grave, è piuttosto, appunto, di una messinscena mediatica: la riunione durò meno di
un’ora, e fu chiaramente condizionata dalla
fretta di rientrare a Roma, dalla carenza di elementi per esprimere valutazioni scientifiche.
Ma soprattutto è come se l’esito del consulto
fosse predeterminato: bisognava rilasciare interviste. Bisognava comunicare ai cittadini
l’assoluta «mancanza di relazione tra lo sciame
sismico in corso ed eventuali forti scosse a venire». E questa affermazione, si deve ammette-
Lo spettro della diga
lassù sghignazza ancora
PAOLO RUMIZ
n Italia gli anniversari luttuosi sono fatti per seppellire i problemi e non per risolverli: per attirare folle di curiosi, autorità presenzialiste e conniventi, e talvolta per
trasformare le popolazioni offese in attori professionisti del loro stesso lutto. È un
fatto che nonostante l’evento planetario del ’63 e i fiumi d’inchiostro versati su di esso, nulla è cambiato nella politica energetica italiana e in quella delle grandi opere.
Stessa arroganza stessa sicumera, stesso modo di snobbare il parere di chi sa, stessa sottovalutazione degli allarmi delle popolazioni locali, stesso trionfalismo cementizio sulla pelle dell’ambiente. Per questo si defilano da tempo in questo argomento uomini come Marco Paolini, autore della memorabile orazione civile sulla
frana del ’63, e Mauro Corona, l’elfo che porta nella penna e nelle mani la memoria
di queste montagne, autori senza i quali forse il ricordo del Vajont sarebbe stato rimosso del tutto.
Quella diga intatta che incombe sulla valle del Piave come uno scudo normanno
minaccia ancora queste montagne. Pochi sanno che le acque del Vajont sono contabilizzate ancora nel bilancio energetico delle Alpi. La loro mancanza autorizza
sciagurati prelievi alternativi, desertifica il Piave, fa del fiume sacro della patria il corso d’acqua più artificiale del mondo. Un deserto di ghiaia. Se il Vajont contasse ancora nella memoria nazionale, non si sarebbe consentito quel “Vajont alla rovescia”
subìto dai fiumi del Mugello, letteralmente risucchiati nel tunnel dell’alta velocità
Bologna-Firenze. Se avesse cambiato qualcosa nella procedura delle grandi opere,
non si imporrebbe a quel modo la Tav alla Val Susa. Se la sicurezza degli italiani contasse davvero qualcosa, il governo non si darebbe tanto da fare per costruire nel cuore di Trieste un terminal di gas liquido ritenuto pericoloso dall’intera comunità
scientifica internazionale.
Lo spettro è dunque lì. Trionfa, sghignazza, deride più di allora le popolazioni offese. Ecco perché il silenzio è la sola risposta. Niente inni, niente messe, niente auto blu.
Chi vuole ricordare davvero vada lassù di notte, da solo, con la nebbia, tra quelle ghiaie
lunari, a sentire la voce dei morti, quando nei boschi non echeggia che il bramito dei
cervi in amore, a genuflettersi davanti allo squarcio immane, alla ferita che i signori
dell’energia, fino a un minuto prima della catastrofe, si ostinarono a non vedere.
I
© RIPRODUZIONE RISERVATA
quindi non accusa gli imputati per il mancato
allarme, come nel caso della sentenza sul
Vajont, perché i terremoti, a differenza delle
frane, non sono prevedibili. La Commissione è
stata accusata di aver fornito informazioni rassicuranti, con esito disastroso. La sentenza dice, sulla base delle prove e testimonianze ammesse, che senza quelle rassicurazioni alcune
di quelle persone non sarebbero morte.
Gli aquilani si erano abituati a convivere con
il terremoto, quando anche quella notte la terra tremò una prima volta non uscirono di casa,
erano meno spaventati perché i dottori venuti
a visitarli li avevano rassicurati. Immagino lo
sconcerto, l’incredulità e anche la buona fede
di chi, facendo lo scienziato o il tecnico, si trova addosso un’accusa di omicidio. È vero che
le case non erano antisismiche, che ognuno dispone del suo comportamento, che nessuno è
stato obbligato a non uscire di casa ma, anche
se è dura da digerire, questa sentenza entra nel
merito di una responsabilità condivisa, ci racconta di come le nostre decisioni siano influenzate da chi riteniamo esperto, autorevole, responsabile. Parla e mette in discussione il
ruolo sociale della scienza.
Il primo pensiero dopo la sentenza de L’Aquila, che accusa la Commissione di aver sba-
re, ha una base scientifica, ma non il corollario
che fu aggiunto e cioè che più scariche di energia facevano il terremoto meno probabile, allontanavano l’eventualità di una forte scossa.
Questa fu una rassicurazione disastrosa, afferma la sentenza.
Ecco: andrebbe raccontata minuziosamente la storia di quel rischio per capire bene le
questioni che abbiamo di fronte oggi e che, in
nuce, si intravedevano negli anni Sessanta, ai
tempi del Vajont. Le questioni sono il crescente dominio dell’informazione e del ruolo degli
scienziati in un mondo in cui la realtà la fanno
gli uffici stampa piuttosto che i tecnici e gli studiosi. E infine, in questa complessità, il ruolo
dei politici.
In un’intervista a un giornale italiano, due
veterani della comunicazione del rischio, Peter Sandman e Jody Lanon, pur auspicando, in
una loro intervista precedente alle sentenze,
l’assoluzione degli imputati, osservavano criticamente: «Gli scienziati non sanno comunicare; quando parlano tra loro tendono a enfatizzare le loro lacune di conoscenza, quando
parlano in pubblico spesso danno l’impressione di sapere tutto». Allora voglio cominciare a
proporre una parola: equilibrio. Ho l’impressione che in tutta questa faccenda, come nella
vecchia storia del Vajont, quello che è mancato sia l’equilibrio tra dubbi e certezze. L’equilibrio è indispensabile alla comprensione. E la
misura della capacità di comprendere la questione la fornisce uno degli illustri membri della Commissione grandi rischi che, dopo la condanna, in un’intervista affermò: «Non ho ancora capito per cosa sono stato condannato».
Erano più o meno le stesse parole con cui un
geologo del Vajont, Edoardo Semenza, figlio di
Carlo, il progettista della diga, mi rimproverava il 9 ottobre del ’97. Mancavano due ore alla
diretta televisiva del Racconto del Vajont, e,
mostrandomi le sue pubblicazioni sulla frana,
cercava di dimostrare che era lui che aveva capito tutto da subito e non l’altro geologo, Müller. Cercava di farmi capire i suoi meriti. Gli
chiesi: «Ma si rende conto che dicendomi questo lei afferma di aver previsto in anticipo e di
non aver fatto nulla per impedirlo? Avrebbero
potuto condannarla per questo». Mi guardò
come fossi un ingenuo: «Non capisco in che
senso lo dice, io quelle cose le avevo scritte,
perché avrei dovuto essere condannato?».
Tutti i condannati de L’Aquila si sentono offesi dalla sentenza, e non la capiscono. Ma proprio questo è il punto. Le comunità scientifiche
dovrebbero permettere che si giudichino i propri membri. Non dovrebbero
comportarsi come famiglie massoniche. E noi, noi cittadini, voglio dire, abbiamo il dovere di
pretendere che gli scienziati non
facciano abuso di ruoli e di auctoritas per vendere pacchetti preconfezionati di notizie e opinioni
a buon mercato. Chi non lo fa merita grande attenzione e rispetto.
Non si pretende che tecnici e
scienziati rinuncino a prestigiosi
incarichi di consulenza. Abbiamo bisogno della loro competenza. Ma proprio per questo chiediamo loro di ragionare da scienziati sempre, anche quando pro- IIL LIBRO
vano ad aiutarci a capire. Questo Il testo di Paolini
pubblicato
si può pretendere.
Quello che serve è un’altra cul- in queste
tura, con regole non scritte di cit- pagine introduce
tadinanza. Regole fondate su una la nuova edizione
giustizia non punitiva ma ripara- de Il racconto
toria. La punizione dei chirurghi, del Vajont,
come di geologi, di sismologi e di il libro che scrisse
ingegneri, serve solo da deterren- con Gabriele
te alla conoscenza, serve a scorag- Vacis nel 1997
giare le imprese. Ma non possia- e che Garzanti
mo rinunciare alla riparazione, rimanda
che passa attraverso la compren- in libreria
sione profonda degli eventi, attra- da martedì
verso la definizione di realtà con- prossimo
divise, in equilibrio tra concretez- (168 pagine,
za empirica e comunicazione. In 14 euro)
definitiva: chiedere agli scienziati Quell’anno
di tenere in ordine questo Paese Paolini portò
non si può proprio fare. Siamo tut- sul Vajont
ti un po’ responsabili della cura il suo monologo,
del nostro Paese. Non serve cerca- oggi reperibile
re responsabili per consolarci e in dvd
(edizioni
assolverci. Tocca anche a noi.
A noi stessi dobbiamo chiede- Rai Trade)
re di più e aspettarci di meno: di
spalare la neve davanti a casa nostra e anche un po’ più in là, di segare l’erba, perché un Paese fatto al settanta
per cento di montagne non può che affidare la
sua manutenzione a chi decide davvero di abitarlo. Anche perché prendersi cura del territorio costerebbe molto meno che rimediare ai
disastri dell’incuria.
La differenza tra l’atteggiamento dei grandi
giornalisti che guardavano l’evento a tragedia
avvenuta e Tina Merlin, l’umile cronista locale, è che lei — una donna guarda caso — si era
presa cura della storia, in prima persona, contro tutto e contro tutti. Se n’era occupata fino a
diventarne parte.
Sembrerà poca cosa rispetto alla dimensione delle catastrofi, ma il senso di un anniversario, perché il 9 ottobre del 2013 sono cinquant’anni della tragedia del Vajont, è prendersi cura dei vivi almeno quanto ricordare i
morti. A Erto, a Longarone, a L’Aquila ci sono
due vite, non sono così distinte, ma un modo di
vivere finisce con le ultime generazioni che
sanno ancora prendersi in carico la manutenzione di una porzione di territorio.
Appaiono anacronistici come ogni specie in
via di estinzione, ma non lo sono.
© 1997, Garzanti Editore s. p. a., Milano
© 1999, 2013, Garzanti Libri S. r. l, Milano
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Repubblica Nazionale
Fly UP