...

03A Macchine per il disboscamento ed il decespugliamento

by user

on
Category: Documents
42

views

Report

Comments

Transcript

03A Macchine per il disboscamento ed il decespugliamento
Macchine per il
disboscamento ed il
decespugliamento
ing. Maines Fernando
Fondazione E. Mach – C.I.F.
Indice
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Premesse;
metodi disboscamento;
levaceppi;
estirpatori per radici;
cippatori;
decespugliatori.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
2
Premessa
• Interventi per la preparazione del terreno all’impianto:
o
o
o
o
o
o
o
asportazione della vegetazione preesistente;
eliminazione delle ceppaie;
movimenti terra (preventiva asportazione dello strato umico);
scasso degli strati esplorati dall’apparato radicale ed
eliminazione delle radici della vegetazione preesistente;
predisposizione della rete di capezzagne;
predisposizione dell’impianto per drenare gli strati
superficili;
predisposizione dell’eventuale impianti di subirrigazione.
• si utilizzano macchine di derivazione cantieristica e/o
forestale:
o
necessario rivolgersi a ditte specializzate o ai contoterzisti
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
3
Macchine utilizzate
• Macchine per il disboscamento ed il
decespugliamento;
• macchine per la rottura del terreno;
• macchine per lo scavo ed il carico del terreno;
• macchine per lo scavo, spostamento e lo
spietramento;
• macchine per l’apertura e la manutenzione di fossi
e per il drenaggio.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
4
Metodi di disboscamento
• Il disboscamento consiste nella eliminazione della
copertura vegetale boschiva ed arbustiva per far
posto ad una diversa utilizzazione del terreno.
o
per disboscare ampie superfici si possono adoperare
diversi metodi, a seconda della vegetazione presente:
•
•
•
•
17/08/2009
grandi trattrici a cingoli apripista con lama frontale o con trave
frontale di spinta per abbattere i singoli alberi o cespugli;
due grandi trattrici a cingoli che trascinano le estremità di una
catena che avanzando abbatte tutta le vegetazione anche di
grandi dimensioni (metodo poco usato in Trentino);
utilizzare decespugliatrici per cespugli o la vegetazione del
sottobosco;
uso motoseghe per piante con diametro consistente.
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
5
Trattamento ceppaie
• Dopo il taglio degli alberi si dovrà procedere
all’eliminazione dei ceppi presenti nel terreno;
o
i macchinari specifici utilizzati sono:
•
•
o
tritaceppi;
levaceppi.
altri macchinari, non specifici, come:
•
•
•
17/08/2009
escavatori;
sollevatori idraulici appositamente modificati;
ripuntatori.
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
6
Deceppatori
• Sono le macchine più tradizionali di derivazione
forestale:
o
o
deceppatore fisso;
deceppatore idraulico.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
7
Tritaceppi
• Sono macchine agricole in grado di entrare nel
terreno e di sminuzzare le ceppaie con un organo
rotante che può essere:
o
o
verticale;
orizzontale.
• alla fine della lavorazione si avrà uno stato di
cippato attorno alla zona di lavoro
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
8
Tritaceppi orizzontale (1)
• L’elemento lavorante è
costituito da un disco di
diametro variabile:
o
o
ruota intorno al proprio
asse orizzontale a grande
velocità perpendicolare
alla direzione di
avanzamento;
su cui sono montati dei
denti che triturano il
ceppo o, più
frequentemente, le radici.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
9
Tritaceppi orizzontale (2)
Prima
Dopo
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
10
Tritaceppi verticali
• Trivella dotata alla periferia di robusti
denti rivestiti di materiali molto duri:
o
o
portata da trattrice e mossa da PTO;
ruotando a grande velocità triturano i ceppi
per strati successivi;
•
•
o
17/08/2009
fino a diametri di 0,6 – 0,7 m;
per altezze fuori terra che possono raggiungere1,2
m.
possono essere montate anche su camion o
escavatori.
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
11
Levaceppi (1)
• Consiste in una specie di trivella
cilindrica:
o
avvolge il ceppo, lo isola e lo solleva dal
terreno.
• viene portata posteriormente dalla
trattrice a mezzo dell’attacco a tre
punti:
o
l’organo ruotante viene mosso dalla presa
di potenza del trattore.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
12
Levaceppi (2)
Prima
17/08/2009
Dopo
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
13
Asportazione delle radici (1)
• Attualmente le
attrezzature più
utilizzate sono le
levaradici rotanti:
o
è un’attrezzatura portata
dal trattore e collegata
alla presa di potenza:
•
•
17/08/2009
dotata di dischi ruotanti su
un asse normale alla
direzione di avanzamento;
svolge un’azione fresante
di triturazione delle radici.
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
14
Asportazione delle radici (2)
• Si possono anche utilizzare i più tradizionali
ripper o estirpatori.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
15
Estirpatori
• Sono delle attrezzature ad ancora costituite dai
seguenti elementi:
o
i denti possono avere forme diverse:
•
•
17/08/2009
denti con punta a triangolo con base larga (a piede
d’oca);
denti sottili che facilitano lo scavo e la risalita delle
radici.
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
16
Trattamento del legname
• Il legname ricavato dal taglio delle piante può
essere:
o
o
venduto direttamente se è pregiato;
distribuito sul terreno:
•
in viticoltura la seconda opzione è poco utilizzata, dato che
potrebbe divenire vettore di patologie.
• la cippatura del legname in genere viene effettuata
con delle macchine cippatrici:
o
si classificano secondo alcune caratteristiche:
•
•
•
17/08/2009
tipologia organi tritati;
diametro massimo tronchi tritati;
fonte energia utilizzata.
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
17
Classificazione
• In base alla tipologia degli organi tritati si possono
avere:
o
o
o
cippatori a disco;
cippatori a tamburo;
cippatori a martelletti mobili o biotrituratori.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
18
Cippatori a disco (1)
• Hanno un elemento
cippante formato da un
disco rotante ad alta
velocità, su cui sono
presenti dei coltelli:
o
il diametro in genere non
supera i 25 cm per le
macchine di media
potenza.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
19
Cippatori a disco (2)
• Per avere un cippato
uniforme, sono presenti
dei microcoltelli in grado
di calibrare il prodotto
finale:
o
posti successivamente al
gruppo cippante
principale.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
20
Cippatori a tamburo (1)
• Sono i cippatori più diffusi:
o
sono adatti anche per cippare ramagli o scarti della
lavorazione nei campi.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
21
Cippatori a tamburo (2)
• L’organo cippante è formato da
diverse lame montate su un
cilindro con diametro fino a un
metro:
o
sul fondo della bocca di
alimentazione in genere è presente
un nastro trasportatore ad
azionamento idraulico.
• necessario un potente radiatore
per il raffreddamento e dei filtri
per purificare l’aria
• è possibile anche applicare una
griglia che è in grado di far
passare solo il cippato con la
pezzatura richiesta.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
22
Cippatori a martelli mobili
• sono cippatori formati da
un albero rotante con
applicati martelletti
mobili:
o
l’elemento cippante in
questo caso è costituito da
una serie di martelletti
mobili fissati su un albero
rotante in grado di lacerare
e di sminuzzare rami di
diametro non superiore a 5
cm.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
23
Energia utilizzata
• I cippatori possono essere alimentati:
o
o
o
con la presa di potenza del trattore (attrezzi semiportati).
da un motore proprio (cippatori autonomi);
in alcuni casi i cippatori possono essere montati su
camion e vengono alimentati dal motore dell’automezzo.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
24
Decespugliatori
•
I decespugliatori hanno diversi
utilizzi:
eliminare cespugli ed arbusti;
trattare ramaglie sparse sul terreno;
pulizia fossati;
sfalcio scarpate;
taglio siepi e arbusti.
o
o
o
o
o
•
esistono due tipologie:
o
o
17/08/2009
versioni ad albero rotante orizzontale
con martelli portate da grosse trattrici
o da bulldozer e alimentate da PTO;
versioni dotate di un braccio idraulico
che consente avere numerose posizioni
dell’attrezzo.
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
25
Classificazione
• I decespugliatori a braccio (i più utilizzati per la
spiccata flessibilità) si classificano secondo la
potenza e sono:
o
o
o
o
garden (da 15 a 25 HP);
aziendali (da 25 a 40 HP);
semiprofessionali (da 48 a 50 HP);
professionali (sopra i 54 HP).
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
26
Versioni garden
• Vengono utilizzate per la pulizia
di fossati, taglio arbusti, siepi,
erba, ecc.:
o
sono versioni che, pur entrando nella
categoria delle piccole, possiedono
tutte le caratteristiche della
professionale.
• caratteristiche.
o
o
o
o
serbatoio: 65 litri;
braccio: doppio, in acciaio con
ammortizzatore di sicurezza
meccanico;
testata: trinciante con rotore
reversibile;
distributore di movimentazione
indipendente.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
27
Versioni aziendali
• Sono utilizzate per la
pulizia di fossati, taglio
arbusti, siepi, erba, ecc:
o
principali caratteristiche:
• serbatoio: 120 litri;
• testata trinciante con
posizione flottante:
– consente alla stessa di
seguire in modo
adeguato tutte le
variazioni della forma
del terreno.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
28
Versioni semiprofessionali
• Sono simili a quelle
aziendali ma sono più
grandi:
o
composte spesso da un
braccio a tre elementi
ed hanno una maggiore
potenza.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
29
Versioni professionali
•
Offrono agli operatori un grande
comfort di utilizzo:
o
principali caratteristiche.
• geometria: variabile dalla posizione dei
bracci che permette agli stessi di
mantenere l’attrezzo terminale
orizzontale;
• circuito idraulico: totalmente
indipendente;
• ammortizzatore di sicurezza: con
accumulatore di azoto;
• testata trinciante con rotore reversibile;
• cinematica: a parallelogramma dei
bracci.
– permette di lavorare a lato di una siepe,
dal basso verso l’alto, mantenendo il
trattore il più vicino possibile alla siepe
stessa.
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
30
Sistemi di comando
• I movimenti del braccio sono
garantiti da un comando a cavi
flessibili per il controllo delle
principali funzioni:
o
ad esempio l’inversione del senso di
rotazione e variazione della velocità
(fino a 3000 giri al minuto).
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
31
Sistemi di collegamento
• L’attrezzo è collegato al mezzo
attraverso un attacco
semiautomatico a tre punti:
o
per aumentare la sicurezza sono stati
applicati dei tiranti di bloccaggio.
• inoltre c’è un doppio filtro
dell’olio: uno in aspirazione e
uno in scarico;
• alcune macchine sono dotate di
ammortizzatore di sicurezza con
accumulatore di azoto a ritorno
automatico
17/08/2009
ing. Maines Fernando
meccanica viticola
32
Fly UP