...

La «Rosa dei venti - Fondazione Erri De Luca

by user

on
Category: Documents
13

views

Report

Comments

Transcript

La «Rosa dei venti - Fondazione Erri De Luca
a1
m
Martedì 8 febbraio I97
4 - LOTTA CONTINUA
DOCUMENTAZIONE
La «Rosa dei venti»
ha spine in Alto Adige?
Nel luglio scorso un'improvvisa sortita a Bolzano del giudice Tamburino che,
negli archivi della stazione ferroviaria, acquisisce tutto il materiale dell'antiterrorismo - L'indagine ha uno scopo: accertare il comportamento del SID (ex SlFAR) all'epoca della guerra dei tralicci e degli agguati mortali.
di Piero Agostini
L a m v o a Bolzano del giudice i s t r u ì
tore Giovanni T a m b u r i n o a v v e n n e in
u n giorno iffiprecisato del luglio scorso,
nelle p r i m e ore del pomeriggio. Sette
mesi p r i m a , a P a d o v a , a s s i e m e al collega Luigi N u n z i a n t e , T a m b u r i n o aveva
d a t o il via all'inchiesta sulla «Rosa dei
venti». T r e mesi dopo a v r e b b e messo
agli a r r e s t i l'ex capo del SID, il g e n e r a le Vito Miceli- Q u a t t r o mesi dopo, infine, a v r e b b e i n c r i m i n a t o il colonnello
Federico Marzolle a c c u s a n d o l o formalm e n t e di associazione sovversiva med i a n t e associazione, u n a i m p u t a z i o n e
di cui lo stesso Marzollo a v e v a fatto
a b b o n d a n t e uso in Alto Adige q u a n d o q u a l c h e a n n o p r i m a - e r a stato uno
•degli uomini di p u n t a
dell'antiterrorismo.
P e r q u a n t o è d a t o s a p e r e , l'idea di
m e t t e r e gli òcchi (e se n e c e s s a r i o a n c h e
le m a n i ! su tutti gli atti dell'antiterr o r i s m o altoatesino - in p a r t i c o l a r e su
quelli, pressoché, introvabili, dei servizi
segreti - ^ra stata u n a delle p r i m e che
T a m b u r i n o a v e v a avuto d a q u a n d o il
24 d i c e m b r e del 1973 a v e v a iniziato
l ' i n c h i e s t a sulle t r a m e eversive. E r a
d i v e n t a t a poi u n a v e r a e p r o p r i a curiosità q u a n d o , m a n o a m a n o c h e l'inchiesta p r o c e d e v a , il giovane m a g i s t r a t o
s ' e r a i m b a t t u t o nel sospetto che la dbs i d d e t t a strategia della tensione gódes
se di autorevoli, protezioni negli am
bienti del SID.
Per togliersi la curiosità. T a m b u r i n o
a v e v a agito con eccezionale t e m p i s m o .
E r a p a r t i t o da P a d o v a senza dir nulla a
n e s s u n o , p o r t a n d o con sé soltanto u n
v e r b a l i z z a n t e , ed e r a g i u n t o a Bolzano
ad u n ' o r a qualsiasi del pomeriggio
p u n t a n d o diritto a un indirizzo ben preciso: la stazione f e r r o v i a r i a . Raggiuntala, si e r a f a t t o i n d i c a r e l'ufficio, della
Polfer (la polizia f e r r o v i a r i a ) e all'unico
sottufficiale p r e s e n t e in quel m o m e n t o
a v e v a - e s i b i t o le credenziali . c h i e d e n d o
di v e d é r e subito, senza indilgi, tutto il
m a t e r i a l e d ' a r c h i v i o relativo agli atti
terroristici. Tutto.
. i r r a g i o n a m e n t o del giùdice e r a stato, da a n punto di vista s e m p l i c e m e n t e
strategico, del tutto, ineccepibile. .Non
a v e n d o certezza sull'esito della missione (e a v e n d o s o p r a t t u t t o l'interesse a
poterla c o m p i e r e nel più b r e v e t e m p o
possibile, senza i n c o n t r a r e ostacoli imb a r a z z a n t i , senza d a r e nell'occhio a
n e s s u n o ! ' T a m b u r i n o a v e v a scelto gli
uffici della Polfer non a caso e - sempre n o n a caso - he a v e v a s c a r t a t i altri. A v e v a . s c a r t a t o la q u e s t u r a , il com a n d o dei c a r a b i n i e r i , quello della .Fin a n z a e il Corpo d ' a r m a t a p e r c h è evid è n t e m e n t e troppo affollati, troppo
m u n i t i e > troppo b a t t u t i - quale più,
q u a l e m e n o - da p e r s o n e ' e s t r a n e e ,
giornalisti compresi. Aveva s c a r t a t o la
. s e d e del SID p e r t h è , a l l ' o c c o r r e n z a ,
a v r e b b e potuto essere i m p e n e t r a b i l e
•anche per un m a g i s t r a t o . Aveva-scartato gli ufTici giudiziari p e r c h é s a r e b b e
s t a t o ingenuo f a r e li le ricerche: negli
uffici giudiziari, allegati ai fascicoli
processuali, ci sono gli atti ufficiali, i
verbali d ' i n t e r r o g a t o r i o ; le c a r t e istrut
torie. T r o p p o poco per u n a i n d a g i n e
c o m e la sua. T r o p p o poco, anzi, per
q u a l s i a s i i n d a g i n e che già non. fosse da
a n n i conclusa e p a s s a t a in giudicato.
R e s t a v a la Polfer. Qui, verosimilm e n t e , a v r e b b e potuto agire nella di
screzione più assoluta, n o n - a v r e b b e do
vuto rispondere a d o m a n d e i m b a r a z zanti. s a r e b b e a r r i v a t o con e s t r e m a ra
pidità agli archivi e - p e r giunta a v r e b b e a v u t o la possibilità di t r o v a r e
n o n tutto, certo, m a q u a s i tutto in fatto
di rapporti, a p p u n t i riservati, segnala
zioni urgenti, f o n o g r a m m i segretissimi,
verbali d ' i n t e r r o g a t o r i o , esili di indagi
ni, copie- di d e n u n c e . Ordini di c a t t u r a ,
s c h e d e segnaletiche, relative agli anni
del terrorismo:, un arco di t e m p o che
va dal 1946 126 aprile: salta in aria per
la p r i m a volta l'orribile «Alluminium
Duce» di Ponte G a r d e n a r al 1969
m
C o m p l e s s i v a m e n t e , quindi, un a r c o
di t e m p o di v e n t i d u e anni d u r a n t e i
quali s ' e r a n o contati 3 3 0 a t t e n t a l i in
g r a n p a r t e c o n c e n t r a t i negli anni ' 6 0 :
9 2 n e l 1 9 6 1 ( l ' a n n o d e l l a « n o n e dei
fuochi»!: 59 nel 1963: 22 nel 1964: 35
nel 1965: 27 nel 1967 (l'anno tragico
di Cima Vallona).
Quello che Giovanni T a m b u r i n o potè
v e d e r e in quel pomeriggio di luglio, non
é d a t o di saperlo Si sa però, sia p u r e
con molta approssimazione, quello che
fece e come si c o m p o r t ò . S e m p r e segui
lo dal v e r b a l i z z a n t e - al quale, di t a n t o
in tanto, egli d e t t a v a degli a p p u n t i T a m b u r i n o si fece a p r i r e a r m a d i e c a s
setti, a p e r s e e rinchiuse un g r a n n u m e
ro di fascicoli, p r e s e u n a serie di ap
punti sui proprio t a c c u i n o personale,
interrogò un certo n u m e r o di p e r s o n e
che o p e r a v a n o in Alto Adige ai tempi
del terrorismo, s inquietò q u a n d o le ri
sposte (non per colpa degli interrogati,
ma per il molto t e m p o p a s s a t o i gli semb r a r o n o non del tutto precise, s e m b r ò
i r r i t a t o ogni q u a l v o l t a a p p a r v e r o nec e s s a r i a m e n t e degli' e s t r a n e i , mise a
verbale che g r a n p a r t e degli atti rima,
• e v a n o d a quel m o m e n t o provvisoriamente a sua disposizione e quindi sotto
^ u e s t r o , infifie vincolò tutti perentoriamente 'al segreto istruttorio diffidando chiunque dal raccontare ciò che
aveva visto, osservato o narrato. Quin-
di-riparti e, da quel momento, la saracinesca calò per davvéro sul seguito,
della vicenda
. Una cosa è certa; a Tamburino.inte
ressava moltissimo conoscere qual era
s t a t o il c o m p o r t a m e n t o del SID (allora
SIPARI nella, lotta al t e r r o r i s m o altoate
sino e, s i c c o m e in quel m o m e n t o egli
aveva già m a t u r a t o l'ipotesi che alcuhi
uomini del SID più r e c e n t e (non più SI
FARI fossero coinvolti negh episodi.più
inquietanti della c o s i d d e t t a «strategia
della tensione» fino a confondersi in
q u a l c h e x;aso con essa. può. a p p a r i r e
c h i a r o c h e egli m i r a v a ad a c c e r t a r e
s o p r a t t u t t o una cosa: se il'SID. avesse
sperimentato, in Alto Adige e nel q u a
dro del t e r r o r i s m o locale metodi e com
p o r t a m e n t i poi t r a s f e r i t i s u t e r r e n i di
versi, in circostanze storiche diverse,
con obiettivi di eversione diversi. In
p a r t i c o l a r e e r a p a r s o c h e . al giovane
m a g i s t r a t o di P a d o v a . i n t e r e s s a s s e - c o
n o s c e r e qualcosa in p i ù su Federico
Marzollo, l'ufficiale dei servizi segreti
c h e aveva a lungo o p e r a t o in Allo Adi
ge e che - q u a t t r o mesi dopo la sortita
a Bolzano - egli a v r e b b e f o r m a l m e n t e
i n c r i m i n a t o nell'ambito di u n ' i s t r u t t o
ria che è t u t t o r a in corso e di cui nessu
no può, in questo m o m e n t o , p r e v e d e r e
l'esito finale.
Quella di Federico Marzollo era sta^
la, fino a un certo m o m e n t o , u n a c a r
riera - come si suol dire - brillante.
Nel quadrò regionale era iniziala
negli a n n i ' 5 0 a Trento.
A quell epoca Marzollo c o m a n d a il
nucleo di polizia giudiziaria col g r a d o
di c a p i t a n o . Intelligente, efficiente, atti
vissimo, si o c c u p a di tutto q u a n t o la
c r o n a c a n e r a t r e n t i n a può o f f r i r e : mol
ti f u r t i , q u a l c h e t r u f f a , a l c u n e rapine,
rari delitti Quei pochi c h e deve a f f r o n
t a r e , li risolve in pochissime b a t t u t e . A
Daone, nel giro di q u a r a n t o t t ore, mette le m a n e t t e al 'responsabile dell'uccisione di due c o n t a d i n i - m a r i t o e moglie -- m a s s a c r a t i a colpi di fucile da
caccia. I n t e r r o g a a lungo il figliolo e
s c o p r e che, " da "tempo,, . m o r d e il freno
per a v e r e più libertà e q u a t t r i n i per
godersela. L'assassinò è lui e Marzollo
lo-porta diritto in Corte d'assise. A Bez '
zecca - altro caso - s t a n a in pochi gior
ni il b r a c c o n i e r e Che ha f u l m i n a t o il
g u a r d a c a c c i a che l'ha s o r p r e s o in f l a
g r a n z a di reato, rt Lavai une identifica
subito il g i o v a n e che, a r a n d e l l a t e , ha
ucciso un prestinaio per r a p i n a . È un
suo ex d i p e n d e n t e e anch'egli finisce .
dentro.:
Marzollo è un .ottimo inquirente. Ha
la. polizia giudiziaria nel s a n g u e e di
spone di collaboratori di p r i m ' o r d i n e ^
magislFali lo s t i m a n o e gli c r e o o n o . ,
superiori la T r e n t o h a . a v o l o a n c h e /iin
za. appei.iii .-ilkinfi.inatt; fla R(;ma dove
ha svolto le i'iida);ini sul caso Montesil
loapprezzano.
9 settem.bre 1961. Marzollo compie
..in piccolo r:apolavoro. È s a b a t o e, ver
so s e r a , una «Volkswagen^). f:on targa
g e r m a n i c a s b a n d a iniprovvisaniente in
via Romagnosi e f i n i s t e di schianto
.c:oniro un platano. A : bordo c'è stata
un'esplosione, il pilota ha perso il con
Irollo. e q u a n d o Marzollo a r r i v a questi'
si ta.-prenderé. piang(;nre f in p r e d a a
c h o c , assieme." a i r e c o m p l i c i con i
quali s t a v a recand.o al bat'.agliaio della
stazione lerrnviaria un carico di «molo
tov» collegate a congégni a tempo. Noli
(-."é gran m e n t o nella c a t t u r a di questo
. c h e é uno dei primi «commando» in
trodolli in Italia dai circoli pang'erma
nisli o nazisti gerrhanici per c r e a r e pa
n i r o intorno alla questione Sltoalesina,
ma Marzollo i suoi, meriti (olire che fa
r e n d o . c a n t a r e c o m e fringuelli i quattroterroristi! li acquisisce la sera stessa
del 9 s e t t e m b r e in via Romagnosi. Infatti. dopo a v e r , fallo a r r e t r a r e la folla
che SI è a s s i e p a l a intorno alla «Volks w a g e n » f u m a n t e , egli a p r e , da solo,
una a u n a , tutte le valigie inesplose. Disinnesca le «molotov» e, q u a n d o più
t a r d i arriva l'artificere. gliele consegna
e l e g a n t e m e n t e o r m a i inoffensive Manca poco che la folla l o . a p p l a u d a A chi
gli chiede chi gliel-ha f a t t a f a r e di ris c h i a r e la pelle «le valigie potevano cont e n e r e ordigni a strappo, chissà .1 ri
s p o n d e c o n s u f f i c i e n z a : «Mi s a r e b b e
scocciato, con tutta quella messinscena, se avessimo f a t t o a p r i r e le valigie a
u n artificiere per t r o v a r v i - che so? m u t a n d i n e o reggiseni da donna...». Al
l ' i n d o m a n i i giornali scrivono che quel
Marzollo h a a n c h e del fegato. Da Bolz a n o il C o m a n d o di legione chiede conf e r m a ai cronisti dei loro resoconti e,
a v u t a l a , p r o p o n e Marzollo per la promozione a maggiore. Nel f r a t t e m p o anc h e il g e n e r a l e De Lorenzo (il f u t u r o
d e p u t a t o del MSI) i m p a r a a conoscerlo
e siccome De Lorenzo è il c o m a n d a n t e
g e n e r a l e dell'Arma, Marzollo finisce a
Bolzano dove d i v e n t a , come s'è detto,
uno degli uomini di p u n t a dell antiterrorismo.
M a Marzollo, in questo m o m e n t o ,
non è a n c o r a del SID. L'uomo del SID è
il colonnello Menico, un ufficiale che
pochissimi conoscono, c h e a quell'epoca ha la sua s e d e in via Garibaldi e
o p e r a in Alto Adige dal 1953. Si dice
che sui t e r r o r i s t i sappia tutto e che dal
suo ufficio passi il meglio degli agenti
segreti c h e il nostro controspionaggio
possa p e r m e t t e r s i . Alcuni sono a Bolzano. Molti, la maggior parte, in Austria
e in p a r t i c o l a r e a I n n s b r u c k
Ma nel 1961 .- l ' a n n o della «notte Qei
fuochi» e del t e r r o r i s m o t a r d o risorgi
m e n t a l e altoatesino, fatto di un ribellismo non privo di c a n d o r e e di r e m a n t i
cismo - il SID registra un insuccesso e,
i m m e d i a t a m e n t e , riesce a f a r e s a p e r e
di non a v e r n e l a colpa. I n f a t t i - i pochi
. c h e finora si soHo dedicali alla storia
oltre c h e alla, c r o n a c a , di quella prima
. grossa f a s e del t e r r o r i s m o c h e a n d ò
sotto il. n o m é di «goerra dei tralicci» (e
cito Gianni Biancp e Vittorio Lojacono
c h e r i e m e r g e r à r i p e t u t a m e n t e più
avanti) sono concordi n e l l ' a f f e r m a r e
c h e il controspionaggio e r a riuscito a
s a p e r e in anticipo tutto, c o m p r e s a la da
• ta in cui i tralicci s a r e b b e r o saltati,
compresi i metodi che gli a t t e n t a t o r i
a v r e b b e r o u s a t o . La d a t a e r a il 12 giugno, festa del Sacro Cuore. Gli a t t e n t a
tori si s a r e b b e r o mescolati alle centin a i a di altoatesini che - a l l ' i m b r u n i r e si s a r e b b e r o r e c a t i sulle m o n t a g n e per
a c c e n d e r e i tradizionali fuochi e, dur a n t e la notte, f a l ò e d i n a m i t e a v r e b b e
ro d i v a m p a t o e d e f l a g r a t o insieme. In
quello "stesso anno, in aprile, al contro
spionàggio e r a riuscito p e r f i n o dell'altro: con- u n a t e l e f o n a t a alla g e n d a r m e ria a u s t r i a c a a v e v a messo q u e s t a nella
condizione di r e c a r s i al n u m e r o 4 di
piazza Ha-ydn a I n n s b r u c k e di t r o v a r e
in u n a stanza d'affitto, in c a s a della
vedova di un diplomatico, un gran
q u a n t i t a t i v e di esplosivo. La stanza era
a f f i t t a l a al giornalista P f a u n d l e r . Que
sti negò di avercelo messo e a c c u s ò il
controspionaggio italiano di averlo in
c a s t r a t o , m a in tempi in cui e r a prassi
che al di là del B r e n n e r o si dicesse
e s a t t a m e n t é il c o n t r a r i o di ciò che si
diceva al di q u a , la cosa a p p a r v e del
tutto n o r m a l e e fini lì.
D u n q u e sugli a t t e n t a t i del '61 gli
uomini del SID s a p e v a n o t u l l e in a m i
cipe. Le c r o n a c h e aggiungono che essi
i n f o r m a r o n o le a u t o r i t à militari e che
l'allera c o m a n d a n t e il IV Corpo d ' a r m a t a gen. Beolchini (lo stesso che alcuni anni dopo a v r e b b e c o m p i u t o un'inchiesta proprio sul SID) p r e d i s p o s e un
piano d ' e m e r g e n z a che non ebbe alcun
seguito. Beolchini fu t r a s f e r i t o altrove
Le b o m b e s c o p p i a r o n o e il SID ebbe
b u o n gioco a l a s c i a r e capire che s a r e b
be b a s t a t o ascoltarlo per e v i t a r e il tutto. (Nel periodo i m m e d i a t a m e n t e prec e d e n t e gli uomini del controspionaggio
a v e v a n o i n d a g a l o a lungo a n c h e su
Viktoria S t a d l m a i e r , l ' e s p e r t a di cose
altoatesine del Governo tirolese. La
S t a d l m a y e r e r a stata a r r e s t a t a il 2 9
aprile m e n t r e , i g n a r a di tutto, e n t r a v a
in t r e n o in Allo Adige. Sul suo a r r e s t o
s ' e r a accesa u n a polemica f u r i b o n d a e
alla fine, dopo pochissimo tempo, la
m a g i s t r a t u r a di Bolzano non a v e n d o
trovato g r a n - c h e sul suo conto l ' a v e v a
rilasciata con t a n t e scuse).
Gli a t t e n t a l i i n t a n t o , si m o l t i p l i c a
ne. E a c c a d o n o cose diverse. T a n t o per
c o m i n c i a r e la b a s e lerreristica altoate
Sina - quella della «notte dei fuochi»,
t a n t o per capirci - viene r a p i d a m e n t e
s g o m i n a t a o c o m u n q u e messa alle cor
de. A I n n s b r u c k i circoli oltranzisti però si r i o r g a n i z z a n o e si r a f f o r z a n o . Dalla G e r m a n i a e in p a r t i c o l a r e dalla Baviera dove si a n n i d a il peggio del neo
nazismo e de! n e o f a s c i s m o internazionale - dai nuovi epigoni del nazionalsocialismo agli ultimi relitti dell'OAS o
della Legione s t r a o r d i n a r i a sfiduciali e
corrotti ma ricchi di esperienza algeri
na 0 f r a n c e s e - giungono sollecitazioni
nuove. In Alto Adige il Governo m a n d a
migliaia di uomini e mobilila lutti: ca
rabinieri, polizia, g u a r d i a di
finanza,
esercito e n a t u r a l m e n t e il controspio
naggio. Ogni giorno a Bolzano si riunisce u n «comitato di sicurezza» nel quale
tutti sono r a p p r e s e n t a t i m a , a volte
almeno, si ha la sensazione che i corpi
m a r c i n o c i a s c u n e p e r c o n t o s u o . C"è
a n c h e c o n c o r r e n z a f r a loro, ed è logico
A volte però non c'è c o o r d i n a m e n t o , il
che è meno logico.
Chi ha già mezzi e più i n t r a p r e n d e n
za cerca di sfruttarli. Chi li s f r u l l a me
(ilio è chi meglio riesce a i n f d l r a r s i nel
terreni) a v v e r s a n o Sono in molti, in
quel periodo, ad a s s i c u r a r e che Inn
sbruck - t a n t o per f a r e un esempio pullula di agenti italiani e la s t a m p a
a u s t r i a c a ne a p p r o f i t t a per s c a r i c a r e su
costoro la colpa di n u m e r o s i a l l e n t a t i .
L'articolo
che riproduciamo
in-- stendersi delle manoxrre golpiste e sta di adottare tecniche di rastrelscadenzate di volta in lamento della popolazione, come i
tegralmente
in questa pagina ri- reazionarie,
sale ad epoca « non sospetta » (a- volta dalle stragi a livello nazio- « villaggi protetti » già attuati neprile 1975) ed è comparso su di nale. a partire dal 1969 in poi. gli stessi anni in Vietnam,
sull'
una rivista ancora meno « sospetonda dell'immancabile
telegrc}mE Trento rientra in questo quata », Tempi e cronache, « mensile dro non solo come anello di con- ma del Presidente della
Repubblidi problemi sull'uomo e la monta- giunzione
sùt piano storico,
ma ca Saragat e dijpapa Paolo VI —,
gna» come recita il sottotitolo, al- anche per la strage alla
stazione risultano in realtà essere stati dei
lora diretto
da Gianni
t'austini ferroviaria
e propri
« autoattentati »
del 30 settembre
1967, veri
(oggi direttore del quotidiano Al- in cui morirono i due
degli « insottufficiali quando non addirittura
to Adigej e redatto da
giornalisti della Polfer Foti e Martini e so- cidenti sul lavoro », poi
attribuiti
che appartenevano
politicamente prattutto
perché a Trento
opera- ai « terroristi ». Basti pensare per
all'arco che va dalla DC stessa al rono uomini come Marzollo, Moli- risalire ancora più, indietro, che il
PSI. Niente di più lontano da Lot- no, Pignatelli, Monico,
« regolamento
di conti »
Musumeci, preteso
ta Continua, dunque. E in un pe- che figuravano « attivi » negli anni fra terroristi della notte tra il 6
riodo in cui Lotta Continua risul- '60 in Alto Adige o
1964 — nel corso
figureranno e il 7 settembre
tava imputata di « notizie false e almeno alcuni di essi come prota- del quale fu ucciso Luis
Amplatz
tendenziose atte a turbare
l'ordine gonisti dell'organizzazione
gravemente
Georg
golpista e fu ferito
pubblico » di fronte al
Tribunale ed eversiva del SID e degli Affari Klotz — fu in realtà una vera e
di Roma, per la serie di articoli Riservati a livello nazionale negli propria ^a esecuzione »
organizzata
con cui, nel novembre 1972 aveva anni '70.
dal SIFAR tramite
il falso
terdato avvio pubblicamente
al lavo- . « Sernbra di assistere in tempi e rorista Christian Kerbler, in realro di controinformazione
e di de- Imghi diversi ad una
regolarmenrappresen- tà agènte provocatore
nuncia sul ruolo dei corpi di poli- tazione in cui gli stessi
protago- te assoldato; e stipendiato, che non
zia e dei servizi segreti dello Sta- nisti e le stesse comparse
immediatamente
giocano a caso fu fatto
to, nella strategia
della
tensione ruoti simili o perfettamente
sim- fuggire con i milioni della « ricom.a Trento.
e un passaporto
falso
metrici», hanno dichiarato gli stes- pensa»
(Giannettini
ha
degli
illustri
preMa proprio per questo
Varticolo si giudici Tamburino e Nunziante
cedenti).
E
neppure
a
caso
—
noè di particolare
interesse.
E, a pochi giorni fa, commentando
i
nostante
una
condanna
a
più
di
quanto pare, la sua uscita
allar- recenti risultati dell'istruttoria
di
mò» pesantemente
CC e SID, che Trento, che confermano
in modo 22 anni di carcere inflitta al Kersperavano di avere seppellito' sot- impressionante
l'assoluta
centrali- bler « latitante » dalla Corte d'Asto un cumulo di macerie, e di ca- tà dei servizi: segreti in tutte le sise di Perugia, non è mai esistinei
daveri, le tremende vicende e le vicende della strategia della stra- ta una richiesta di estradizione
suoi
confronti
dall'estero,
al
pungrandi manovre
dei servizi
se- ge e del colpo di stato in Italia.
greti nel periodo più oscuro del E questa loro, dichiarazione fa com- to che quando :(dc/po 12 anni di
e indisturbata
« lati« terrorismo sud-tirolese ». In quei prendere il perché essi stessi ave- tranquilla
tanza»)
lo
stesso
Kerbler
è
stato
mesi era stata da poco « affossa- vano indagato sul ruolo del SIFAR
dalla polizia inglese aU
ta » (tramite l'intervento della Cor- e degli Affari riservati in Alto A- arrestato
te di Cassazione
con il consueto dige negli anni ""60, trovando
sem- l'inizio del dicembre 1976, non ridalla poli« conflitto
di competenza ») l'i- pre porte ermeticamente
sbarrate sultò affatto ricercato
struttoria
padovana
dei
giudici (a Bolzano come a Roma),
salvo zia italiana, ma anzi si moltipliTamburino e Nunziante sulla Rosa riuscire ad aprirne qualcuna im- carono le pressioni del SID perlo
dei Venti e, d'altra parte,
l'attua- provvisamente,
in prima persona e ché la stessa polizia inglese
rilasciasse
al
più
presto,
corfie
di
zione del « pacchetto » governati- su propria diretta iniziativa.
Basettimane
vo sull'Alto Adige assorbiva
tutte sti pensare. che a Bolzano « ope- fatto è avvenuto' poche
le attenzioni a livello politico sulla ravano » in questi anni, oltre agli fa!
Alto-Adige,
Trento,
Rosa
dei
questione « sud-tirolese », che però ufficiali e ai funzionari già citati
un lungo filo
pochi mesi dopo, in piena estate a uomini come- il gen. Ciglieri, che Venti: è davvero
e dell'eseguito del grande successo
della poi fu assassinato
nell'aprile 1969 nero della provocazione
di Stato che viene
da
sinistra nelle elezioni del 15 giu- mentre a Padova
comandava
il versione
tutto,
gno, sarebbe stata fatta
r[esplode- Comando- Designato
della
terza lontano, ma che nonostante
re pesantemente
dal sen. Brugger Armata
(successivamente
disciol- e nonostante centinaia di cadaveri
della SVP (la DC di lingua tede- to); comé i questori Testa,
Allit- che ancora puzzano dentro gli armilitasca nel Sud Tirolo) in chiave di- to Bonanno, D'Anchise e Sciaraf- madi dei « Segreti politici
rettamente
anticomunista,
per fia; come i generali dei CC Pa- ri » dello Stato non è andato lonconto della stessa CSU di Strauss, lombi (oggi a capo della Divisione tano.
di cui sono noti i diretti
legami Pastrengo
di Milano) e Grassini
Questo però non significa
che
con la NATO e con i servizi se- (oggi a capo della VI Brigata di nel 1977 non continui ad operare
greti.
Padova); come i generali
Andreis questa rete eversiva
e
criminale
L'inchiesta
di Trento,
apertasi (il cui nome è riemerso in rela- che dopo ogni colpo subito e dopo
dell'estate ogni successivo
smascheramento,
dopo l'assoluzione
di Lotta Conti- zione al mancato golpe
e rilanciata su
nua a Roma, ha invece
ripropo- 1974) e Sangiorgio (che negli anni viene riorganizzata
sto con forza specialmente
dopo i '70 avrebbe comandato l'arma dei grande scala. Dal SIM si passò al
dell'attuale
generale SIFAR, dal SIFAR al SID, e oggi
mandati di cattura contro Pigna- CC, prima
Mino);
e
la
lista
sarebbe
ancora dal SID si sta passando al SIS
telli. Molino e Santoro, lo strettismolto
lunga.
(Servizio
informazioni
e sicurezsimo legame di continuità
storica
Basti pensare che « stragi » co- za). Dagli Affari Riservati
si è
e << operativa » tra il periodo sude dall'
tirolese degli anni '60 (che pos- me quello di Malga Sasso del 9 passati all'Anti-terrorismo
1966 — in cui morirono Anti-terrorismo
si è passato al Sersiamo identificare
come una vera settembre
e propria « preistoria », o meglio 3 finanzieri e che scatenò una ve- vizio di Sicurezza. Le sigle camstreghe biano, gli uomini e i metodi recome una « prova generale », del- ra e propria caccia alle
e la richie- stano. I risultati si vedono.
la strategia
della tensione) e l'e- contro il terrorismo
- d u e dei q u a t t r o «bravi ragazzi della
valle Aurina», i u t i e r a fuorusciti in Austria - di e s s e r n e stali gh artefici. Spiega di essersi messo sul treno q u a n d o ,
intuito che l'esplosione a v r e b b e falciato
decine e decine di innocenti, fu prese
da u n a crisi acutissima che lo convinse
a g u a s t a r e i piani dei terroristi. Risultato: Joosten dovette fuggire dall'Auslria (dove t e m e v a di essere fatto fuori
a un qualsiasi angolo di s t r a d a ) e dall'Italia (dove tuttora v e r r e b b e a r r e s t a t o
se vi mettesse piede!. Lo incontrò un
giorno sulle rive di un lago svizzero,
a c c o m p a g n a t o a una bionda deliziosa,
s p a u r i t o e a m b i g u o più che mai. il giornalista Vittorio Lojacono che per la
«Domenica del corriere» ebbe p e r mesi
una sorta di esclusiva sulle vicende più
s c o n c e r t a n t i del t e r r o r i s m o altoatesino
e s i c u r a m e n t e conobbe una serie di se
greti del c o n t r o s p i o n a g g i o . J o o s l e n
aveva pronto un m e m o r i a l e . Lojacono
lo raccolse e - come egli scrive - prima
di pubblicarlo lo c o n f r o n t ò a Bolzano
col questore dell'epoca, col colonnello
Marzolle e con gli uomini del SID. Joosten t e n t a v a di s c a g i o n a r s i di tutto. In
Austria replicar^ino l o m e sempre, aff e r m a n d o che la storia del «Brenner
Express» era -itala utia messinscena
c o m m i s s i o n a t a d ,roi>sten dagli italiani.
E Kerbler? Kerbler è un altro dei
personaggi - c h i a v e di quell'anno, il
1964. Di lui non s'é d i m o s t r a t o mai
nulla se non c h e oggi è s c o m p a r s o e
c h e p o t r e b b e essere o in Sud Africa, e
nel Congo, e in Sud A m e r i c a .
Il gioco va a v a n t i senza esclusione di
colpi.
J o o s l e n . per esempio. Charles Jooslen, architetto, tedesco di Lubecca,
a m b i g u o la sua parte, s c o n c e r t a n t e nella s o s t a n z a e nei dettagli, viene immed i a t a m e n t e definite un agente del controspionaggio italiano il giorno in cui a t t r a v e r s a t o il B r e n n e r o su u n a c a r r o z z a di 2. c l a s s e d e l « B r e n n e r Express» nel cui bagagliaio viaggia a n c h e
una valigia di esplosivo plastico - r a g
giunge il p r i m e telefono che t r o v a e
a v v e r t e la n o s t r a polizia che, se il t r e n o
non viene f e r m a l o , ci s a r à una strage.
Il t r e n o viene f e r m a l o a Bressanone. Il
bagagliaio viene t r a s c i n a t o su un bina
rio m o r t e e li vi r i r a a n e finché u n a deflagrazione t r e m e n d a lo m a n d a in pezzi. È il 14 n o v e m b r e 1964. All'indomani la popolazione é c h i a m a t a alle u r n e .
Come s a p e v a J o o s t e n dell'esplosivo?
Semphce: lui spiega che per u n a serie
di ragioni e r a finito f r a i terroristi e
aveva assistito alla p r e p a r a z i o n e dell ' a l l e n t a t o . Accusa O b e r l e c h n e r e F e r e r
Austriaco, giovanissimo, di apsetto
leggiadro e (dice chi lo ha incontrato)
un po' e f f e m i n a t o , Christian Kerbler è
l ' u o m o che u n a Corte di assise italiana,
quella di Perugia, ha c o n d a n n a t o a
v e n t i d u e anni per l'omicidio di Luis
Amplatz e il f e r i m e n t o di Georg Klotz
in un fienile s o p r a Saltusio la n o t t e del
6 s e t t e m b r e 1964. Al p r e c e s s e di Perugia il suo difensore, l ' a v v o c a t o Bellini,
lo difese (lui latitante, o v v i a m e n t e !
"^mettendo c h e forse Kerbler lavorap e r la pohzia i t a l i a n a alla q u a l e for
..i\.- notizie (e buone, pare) sui movim e n t i dei terroristi. M a - aggiunse e r a n o tanti ad a v e r e interesse a f a r e
f u o r i Amplatz e Klotz e, f r a questi, c er a n o a n c h e alcuni esponenti del terror i s m o con B u r g e r in p r i m a linea che,
rispetto a Klotz, t e n e v a u n a linea decis a m e n t e più oltranzista. Quindi - concluse Bellini - Kerbler a n d a v a assolto
per i n s u f f i c i e n z a di prove, q u a n t o meno.
Cose diverse disse la p a r t e civile. In
quel processo gli interessi della v e d o v a
di Amplatz - u n a d o n n a molto coraggiosa, molto fiera, uscita dalla t r a g e d i a
con u n unico obiettive: quello di allegg e r i r n e il peso sui figli - e r a n o sostenuti da Hugo C a m p e r , ' a v v o c a t o di Bolzano, e s p o n e n t e della Volkspartei. Ebbene G a m p e r , p r i m a del processo, s ' e r a
b u t t a t o in u n a serie di indagini. Aveva
f a t t o f o t o g r a f a r e tutti gli alberi e tutti i
p a r a c a r r i c h e c o s t e g g i a n o la s t r a d a
per M e r a n o nel t r a t t o d e v e - secondo i
resoconti - il g i o v a n e Kerbler e r a saltato da u n a c a m i o n e t t a , m e n t r e veniva
t r a s c i n a t o a u n interrogatorio, dopo
a v e r e d a t o u n colpe all'autista e a v e r
f a t t o finire il mezzo c o n t r o un albero (e
un p a r a c a r r o ) . Le foto - disse G a m p e r
- n o n lo d i m o s t r a v a n o . I n v e c e e r a certe c h e , il giorno stesso della f u g a , Kerbler e r a riuscito a r a g g i u n g e r e la Svizzera dove, a Zurigo, a v e v a preso u n aereo p e r Londra dove - m a s s i m o della
precisione! - a v e v a soggiornato nell'albergo tal dei tali. Poi e r a s c o m p a r s o .
Peccato - a v e v a aggiunto la p a r t e civile - che nel f r a t t e m p o f o s s e r o s c o m p a r se a n c h e altre persone. A Zurigo s ' e r a
suicidalo certo Ravanelli c h e gli a v e v a
p r o c u r a t o il biglietto d e l l ' a e r e o per
Londra. In Austria, a Solbad Hall, si
era suicidato a n c h e un g i o v a n e giornalista di nome H a n s Wagner. Di lui si sa
che fino a pochi giorni p r i m a della tragedia di Saltusio e r a s t a t o a fianco di
Kerbler fine a c o n o s c e r n e tutti i movimenti. Poi, all'improvviso, si e r a ritirato dicendo c h e di lì a pochi giorni si sar e b b e sposato. Infine, sposatosi, aveva
deciso di l a s c i a r e p r e m a t u r a m e n t e vedova sua moglie. Il c h e e r a p u r t r o p p o ,
puntualmente avvenuto.
Misteri.
A q u e s t o p u n t o p e r ò - s i a m o nel
1965 e la s c e n a del t e r r o r i s m o è g u i d a
ta dal nazista N o r b e r t B u r g e r - il q u a dro si complica non poco.
Secondo il solito Lojacono a q u e l l ' a n no risalgono i primi c o n t a t t i f r a il SID
del colonnello Monico e uno dei protagonisti dell'ultima o n d a t a t e r r o r i s t i c a :
P e t e r Kienesberger. È l'unica occasione, q u e s t a , in cui' taU rivelazioni non
vengono da fonte a u s t r i a c a m a d a fonte i t a h a n a (il Lojacono, appunto) e poiché Kienesberger p a s s a per uno dei terroristi più spietati e s a n g u i n a r i la reazione é d u r a , i r r i t a t a , c a t t i v a .
Sul caso, d i r e t t a m e n t e o i n d i r e t t a
mente, p a r l a n o tutti. P a r l a Kienesber
ger e parla a n c h e Monico (altrimenti
non si spiegherebbe c o m e u n a sua v e r
sione sia riferita da Lojacono).
Kienesberger a m m e t t e . È s t a l o in
c o n t a t t o col SID (allora SIFAR), m a lo
risveglio dati recentemente oltre confi
ne da alcuni tristi figuri del neonazl
smo ai quali n o e dispiacerebbe un ri
lancio della q u e s t i o n e altoatesina) il
q u a d r o è t o t a l m e n t e c a m b i a t o . Per gli
uomini del controspionaggio c'è stato
un ritorno di scalpore solo nella provincia di T r e n t o q u a n d o , in tutt'altra situazione, è e m e r s o un e n n e s i m o monum e n t o di a m b i g u i t à : Marco Pisetia, 26
anni, ortolano. Su di lui Marco Boato,
u n o dei « l e a d e r » d e l l a contestazione
s t u d e n t e s c a t r e n t i n a negli anni rugget
li di sociologia, sta p r e p a r a n d o da due
a n n i . u n volume che si intitolerà: «Pisetla
Sid: a n a t o m i a di una provocazioI d u e s ' i n c o n t r a r o n o ? Lojacono afne». E p a r l a n d o del suo progetto a «Pa
f e r m a di si. Anzi dice che il c o n t a t t o fu
norama». Boato disse: «La -storia delle
propizialo, da Federico Marzolle al quaBrigate Rosse è a t t r a v e r s a t a da una
le Kienesberger aveva scritto o f f r e n d o
delle più colossali m a n o v r e di provocala p r o p r i a collaborazione. Quale sede
zione organizzata dai servizi segreti».
degli incontri - che s a r e b b e r o stati
Allude a Pisetta? gli aveva chiesto il
q u a t t r o e, in q u e s t a occasione, Kienegiornalista R o m a n o Cantore. «Certa
sberger a v r e b b e p a r l a t e p e r a l m e n o
m e n t e si», aveva risposto Boato. 'A
cinque ore d e n t r o il microfono di un
là s t r a d a f r a T r e n t o e Bolzano, in
r e g i s t r a t o r e - e r a slato scelto un villag
villetta ai Pochi di Salorne al cui 9"'
gio svizzero vicino al confine: un posto
prietario C a r m e l o F o n t a n a aveva
ideale per un agguato, t a n t ' è vero che
c o n t a t o di essere uno scrittore, ilfi^'j
Monico l ' a v r e b b e evitale a n c h e p e r c h è
ta aveva scritto il f a m o s o memoria^'**
- secondo Lojacono - s ' e r a a v u t a la
93 pagine sulle Brigate Resse che da»'
s e n s a z i o n e che Kienesberger a v r e b b e
sue mani, prima a n c o r a c h e in q"'-'
voluto rapirle, farlo p r o c e s s a r e da un
della m a g i s t r a t u r a , era passato n^-'
t r i b u n a l e di terroristi e offrirlo al Gom a n i della s l a m p a italiana di estreff'
v e r n o italiano in c a m b i o di alcuni pri
destra!.
_
t f
i3
gionieri.
Gli -aniefatli r i m s t u n o qui. I laiii
Cosa f r u t t a r o n o gli incontri'' A Kie
vece, proseguono nell'inchiesta ^
n e s b e r g e r - la fonte delle rivelazioni é
s e m p r e la stessa — f r u l l a r o n o poco più Giovanni T a m b u r i n o ha avviato e
la m a g i s t r a t u r a r o m a n a gli ha tolK
di un milione in b a n c o n o t e da diecimila
Chiedersi- il p e r c h è della venuta a Bc^
c h e il SID a v e v a d a t o taglialo a m e t à
z a n o di T a m b u r i n o e del suo i n t e r i
s e c o n d o la m o d a delle s c a r p e i n s t a u r a
c o n c o m i t a n t e per Federico MarzoH^
ta da Achille L a u r o in occasione delle
per i c o m p o r t a m e n t i del SID ali ep ^^
elezioni (la s c a r p a sinistra subito, la
del t e r r o r i s m o altoatesino può snc
d e s t r a dopo a v e r e c o n o s c i u t e l'esito
a p p a r i r e superfluo. Esso - giusto o s
elettorale). Al SID f r u t t a r o n o diverse
gliato che sia - s c a t u r i s c e daWìmmH'^
informazioni che c o n s e n t i r o n o l ' a r r e s t o
ne che di Marzollo il magistrato
di alcuni terroristi, attirali come polli
essersi f a t t o q u a n d o gli attribuì un
i n Italia dalla vicina Austria.
p o r t a n t e compito di t r a m i t e fra il ' ^^
Ma, a p r e s c i n d e r e dalle lunghe di
lonnello nero» Amos Spiazzi - accusa^
scussioni che ci f u r o n o a l l ' i n d e m a n i di
di connivenze con la jcRosa dei ven»'
queste rivelazioni nel tentativo di ac
e l'ex c a p o del SID Vito Miceli, attu^'
c e n a r e se e r a n o v e r e o false, un d a t e è
m e n t e in c a r c e r e . Secondo Tambur'^^^
certo: se é v e r o c h e il SID ebbe Kiene
.Marzolle si s a r e b b e attivalo a q"^
scias b e r g e r f r a i suoi agenti, i risultali non
n u o v e «mansioni» dopo avere i"
a n d a r o n o oltre gli arresti e q u a l c h e al
l'Alto Adige ed e s s e r e arrivato, col g ^^
tro successo.
do di colonnello, al c o m a n d o del SI ^^^
Di li a poco ci s a r e b b e s t a l a la s t r a g e
Verona a v e n d o Spiazzi a sua ^isP^^
di Cima Vallona nella q u a l e p e r i r o n o
zione. E poi a Roma come capo
q u a t t r o militari itahani. L ' a v e r c o n t a i
R a g g r u p p a m e n t o centri C.S.
t a t e Kienesberger (che della s t r a g e fu
Sui r a p p o r t i f r a Miceli e
poi a c c u s a t e ) non era servilo a nulla
u n a t e s t i m o n i a n z a del
|| un»
per evitarla.
ti, s i c u r a m e n t e non amico né e ^^^
II resto é cronaca più recente. Il giù
né dell'altro, c h e viene " P o r t a W
dice Tamburino, al quale premeva evi
l'.Espresso». Dice Maletti: «I .""^P^tu
dentemente ricostruire l'altra storia,
f r a Miceli e Marzolle e r a n o più
^^
quella più vecchia, probabilmente la
di quelli f r a m e e quest'ultimo.conosce assai meglio.
giunge: «Direi che avevano un ca
Il SID a Bolzano opera evidentemen
re mafioso».
te ancora ma (a parte certi sintomi di
ha latto d'accordo con Burget e il suo
stato maggiore in quanto costoro erano
preoccupati. Il controspionaggio sapeva troppe cose sul loro conto e occorreva chiarirne la fonte.
Anche Monico a m m e t t e . Quel b a b bee di Kienesberger - è il succo della
versione - a v e v a c r e d u t e di i n g a n n a r c i
o f f r e n d o s i come delatore. In r e a l t à chi
ci rimise fu lui, perché r i u s c i m m o a
farlo p a r l a r e senza dirgli niente. T a n t ' è
vero c h e a un certo punto se n é accorto e ci ha p i a n t a t i in asso p e r c h è in Au
stria l ' a t m o s f e r a c o m i n c i a v a a farsi pes a n t e per lui.
Martedì
Si è (
I
Si
C
Mozam
Frelim
sa fase
ha coiJ
cane. 1
razione
tanza ]
cana.
contad
stati il
impegr
Fronte
sato s
smo, s
®azior
alsen
aone (
imas
mico c
organi:
comba"
popoli
ra, voi
liberat
CEC<
Ai
rìi
Un
chia t
te flri
saliti
dei te
colpiti
'ippos:
che fu
telle
giorns
^ flrm
®ento
daUa
1975 r
n e dei
sto de
pubbli
^ignifi
chi so
vietic,
•De
es(
libertà
fantita
to mt
di mi|
loro ca
Sono t
quelle
spesso
che vit
fiate c
®«gheri
«ci e
«ociali.
gliaia
fiegaìa
•«ersi
8c»io c<
Fly UP