...

vedi brochure completa del progetto

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

vedi brochure completa del progetto
!
Pronti a
all’azione
PRONTI ALL’AZIONE
è un progetto
con la collaborazione di
www.anlaidslazio.it
www.arcigay.it
Testo originale a cura del Terence Higgins Trust
Marzo 2012
!
=
Pronti a
all’azione
Prima dell’azione
Grazie al sesso protetto e ai preservativi, gli uomini gay e bisessuali possono
godersi una vita sessuale serena. Praticare sesso protetto ha permesso a
milioni di persone in tutto il mondo di evitare di contagiarsi o di trasmettere
l’HIV. Ciò dovuto ovviamente all’utilizzo del preservativo.
Tuttavia a volte succede che si decida di non utilizzarlo per vari motivi,
pensando che quello che stiamo facendo non è tanto pericoloso. È in queste
situazioni che l’HIV agisce – come succede a oltre 3.500 persone che , in Italia,
ogni anno, scoprono di essere sieropositivi.
Benché il sesso non possa mai essere completamente sicuro, tu puoi decidere
con quale livello di rischio ti senti a tuo agio. Quest’opuscolo fornisce dati
concreti riguardanti cosa rende il sesso più o meno sicuro.
Non ti scordare: anche se ci sono situazioni meno a rischio, ciò non significa
che non possa succedere. Quindi, più incorri in situazioni più o meno rischiose,
maggiori sono le probabilità di essere infettati. Molte delle attività descritte in
questo libretto e ritenute come “meno pericolose” sono in realtà abbastanza
rischiose se praticate spesso.
Ricorda che il preservativo è l’unico metodo efficace per proteggersi
dall’infezione da HIV.
3
Dove si trova l’HIV?
Il virus normalmente si trasmette attraverso:
●● Sangue
●● Sperma
●● Secrezioni vaginali
L’HIV si può anche prendere attraverso i liquidi pre-eiaculatori, (liquidi
trasparenti emessi dal tuo pene quando sei in erezione). Il virus si trova anche
nelle mucose anali, quel rivestimento all’interno dell’ano.
L’HIV non si trova in concentrazioni sufficientemente elevate nella:
●●
●●
●●
●●
Saliva
Lacrime
Urina
Sudore
Pertanto non si può trasmettere.
y
!
Quale tipo di rapporto sessuale è rischioso?
Si è esposti a un rischio con qualsiasi tipo di rapporto sessuale che permette
a sangue infetto, sperma (ma anche liquidi pre-eiaculatori e muco anale) di
entrare nel corpo di un altro uomo – e da lì nel flusso
sanguigno.
La stragrande maggioranza delle persone che ha
l’HIV lo contrae penetrando o facendosi penetrare
senza preservativo. Una quantità minore lo contrae
attraverso un rapporto orale.
Non sono emersi casi di uomini che hanno
contratto l’HIV attraverso il:
●● Bacio
●● Golden shower
●● Rimming
4
Due uomini che si masturbano sono sicuri tranne nel caso in cui si usi lo
sperma dell’altro come lubrificante.
L’HIV si trasmette facilmente?
Rispetto ad altre infezioni, l’HIV non si trasmette
facilmente. Anche con rapporti sessuali a più alto rischio
– cioè fare sesso senza preservativo –il virus può non
trasmettersi. Ma attenzione: sebbene l’HIV non si
trasmetta necessariamente dopo un rapporto a rischio,
c’è sempre la possibilità che ciò accada e anche dopo
un solo rapporto sessuale non protetto.
Alcuni fattori aumentano le probabilità: per esempio, le probabilità sono più
alte quando fate sesso non protetto con qualcuno che ha l’HIV solo da qualche
settimana o mese. Questo libretto ti spiega quali fattori aumentano o riducono
i rischi.
È troppo tardi quando l’HIV è dentro qualcuno?
No! Dopo aver praticato sesso non protetto o se si rompe il preservativo è
ancora possibile evitare di diventare sieropositivo, se si agisce in fretta.
Quando l’HIV accede al flusso sanguigno di una persona, serve un po’ di
tempo prima che il virus lo infetti definitivamente. Durante questa fase, è
possibile effettuare la PPE (Profilassi Post Esposizione), per fermare il virus
prima che sia troppo tardi. La PPE consiste nella somministrazione di una
terapia antiretrovirale per un mese e bisogna in tal caso rivolgersi ai centri
specializzati.
Non è sicuro che tale trattamento funzioni e può causare effetti collaterali
(per es. diarrea e senso di nausea), per cui non è un’alternativa al profilattico.
Tuttavia sembra ridurre le probabilità di sviluppare l’infezione.
Il ricorso ripetuto e frequente a PPE in caso di acquisizione di infezione può
determinare l’acquisizione di resistenze.
La PPE ha maggiori possibilità di funzionare se iniziata entro 24 ore dal
rapporto a rischio. Ma può essere somministrata fino a 72 ore (3 giorni) dopo
il rapporto.
5
Un giorno tu – o qualcuno con cui hai fatto sesso – potrebbe aver bisogno
della PPE. Per maggiori informazioni e per sapere dove richiederla chiama il
Telefono Verde AIDS e IST all’800 861 061.
Preservativi
Di tutte le cose trattate in questo libretto, nessuna (inclusa
la PPE) funziona meglio del preservativo per fermare l’HIV.
Se usati correttamente hanno un tasso d’insuccesso molto
basso. Tuttavia può capitare che il preservativo si rompa o
si sfili. Le possibilità che il preservativo si rompa o si sfili
variano moltissimo a seconda di come viene utilizzato.
Alcuni suggerimenti:
●● Usa una misura che calza – puoi comprare marche che li
producono più grandi o più piccoli.
●● Quando apri la confezione del preservativo, fai attenzioni a non
strapparlo con denti o gioielli.
●● Cerca di non srotolare o allungare il preservativo troppo prima di
metterlo.
●● Un preservativo può solo essere infilato bene su un
pene in erezione.
●● Srotola fino in fondo il preservativo (se lo
infili solo fino a metà è probabile che si
sfili).
●● Evita di far incastrare aria – strizza
fuori l’aria dalla punta prima di infilarlo.
●● Mettere due preservativi vuol dire
che si strofinano, facilitando rotture o
sfilature.
●● Dopo esser stati usati per circa 30
minuti è più probabile che si rompano.
Continuate a controllare o mettetene
uno nuovo.
●● Dopo essere venuto, prendi il
preservativo dalla base prima di tirarlo
fuori così il contenuto rimane li.
6
=
=
CONSIGLIO
La mancanza di esperienza è causa di errori, quindi fai delle prove
usando preservativi quando ti masturbi.
Lubrificante
Non usare lubrificante causa un maggiore attrito che aumenta le possibilità che
il preservativo si rompi o sfili.
●● La saliva è inutile – non ce n’è mai abbastanza e si asciuga
rapidamente.
●● Sono necessari i lubrificanti a base d’acqua. Quelli a base d’olio
indeboliscono i preservativi, quindi evitate creme per il corpo o la
pelle, la vaselina o qualsiasi olio per cucinare.
●● Mettete molto lubrificante sul pene
dopo aver infilato il preservativo,
oltre che all’interno e intorno all’ano.
●● Usate il lubrificante sul lato esterno
del preservativo. Metterlo all’interno
aiuta il preservativo a sfilarsi.
●● Evitate i lubrificanti con Non-oxynol
9 (l’ingrediente sarà riportato sulla
confezione): questa sostanza irrita
l’interno dell’ano, aumentando il
rischio di contrarre l’HIV.
=
Per informazioni e consigli riguardo l’utilizzo del preservativo visitate
www.anlaids.org
CONSIGLIO
Si ai lubrificanti a base d’acqua. No a quelli a base d’olio.
‘Attivo’ o ‘passivo’
C’è una differenza a livello di rischio tra essere quello
che penetra (attivo) e quello che è penetrato
(passivo).
Ecco il perché….
7
Il rischio maggiore deriva dalla presenza di sperma infetto all’interno dell’ano.
Il suo rivestimento interno è delicato e si danneggia facilmente. Inoltre assorbe
liquidi (il motivo per cui i dottori a volte somministrano medicine per via anale).
Questo rivestimento assorbente e delicato lascia attraversare l’HIV (presente
nel sangue, sperma, liquidi pre-eiaculatori) e penetrare il flusso sanguigno.
Per cui….
Se sei HIV negativo
Penetrare = Minor rischio di contrarre l’HIV
Essere penetrati = Maggior rischio di contrarre l’HIV
Se hai l’HIV
Essere penetrati = Minor rischio di passare l’HIV
Penetrare = Maggior rischio di passare l’HIV
Può un uomo con l’HIV negativo che è ‘attivo’ contrarre l’HIV?
Sì. A molti è successo. Quando il suo pene penetra l’ano di una persona ,
può entrare in contatto con sangue o mucose anali, entrambe infette. Il virus
poi entra nel flusso sanguigno attraverso la pelle assorbente e facilmente
lesionabile del:
●● Prepuzio
●● Glande
●● O attraverso l’uretra (il tubo all’interno del pene attraverso cui
passa l’urina)
Basti solo pensare che milioni di uomini eterosessuali hanno contratto l’HIV da
donne semplicemente facendo sesso. Dato che le vagine sono più resistenti e
perdono sangue meno facilmente rispetto all’interno dell’ano, fare sesso anale
con qualcuno comporta un rischio maggiore di contrarre l’HIV.
8
=
CONSIGLIO
Se sei HIV positivo, ci sono meno rischi se sei ‘passivo’. Se sei HIV negativo,
ci sono meno rischi se sei ‘attivo’.
Tirare fuori prima di venire
Un uomo che viene penetrato da una persona con l’HIV è sicuramente ad alto
rischio di infezione. Se l’uomo sieropositivo eiacula mentre è ancora dentro, il
rischio è ancora più alto.
L’HIV nello sperma passa attraverso il delicato e facilmente lesionabile
rivestimento all’interno dell’ano ed entra nel flusso sanguigno.
Se l’uomo lo tira fuori prima di venire riduce il rischio.
Ma la situazione è ancora rischiosa perché:
●● Nonostante le migliori intenzioni, è difficile per uomo controllare
quando eiacula.
●● L’HIV può essere presente nei liquidi pre-eiaculatori (quel liquido
trasparente che esce dal pene quando si è eccitati). Quindi il virus
potrebbe essere trasmesso se questo fluido entra nell’ano.
CONSIGLIO
Venirgli sopra è meglio che venirgli dentro.
Più uomini o meno uomini
Ogni uomo con cui fai sesso senza protezione è una possibilità in
più di prendere l’HIV. Più sono gli uomini, maggiore è la
possibilità che queste persone possano avere:
●● Uno status di HIV diverso dal
tuo.
●● Oppure una malattia venerea
(che vuol dire che l’HIV si
trasmette più facilmente- vedi
dopo come).
9
Non tutti gli uomini con l’HIV sono ugualmente infettivi. Se sei HIV negativo e
fai sesso senza protezione con molti uomini, non solo alcuni di loro potrebbero
avere l’HIV, ma alcuni potrebbero essere molto infettivi avendo delle cariche
virali molto alte (vedi dopo perché).
CONSIGLIO
Un minor numero di uomini vuol dire un rischio minore. Si riduce ulteriormente
il rischio se fai meno sesso senza protezione o se pratichi altri tipi di sesso.
Un rapporto sessuale lungo o breve
Durante un rapporto sessuale non protetto, l’HIV può passare da un uomo
a un altro in pochi secondi. Ma più il rapporto sessuale dura, maggiore è la
probabilità che ciò accada. Più duraturo è il rapporto sessuale, maggiore è il
rischio di perdite di sangue o di danni alla pelle- oppure che lo sperma o i liquidi
pre-eiaculatori entrino nell’ano.
CONSIGLIO
Fermarsi dopo qualche secondo è più sicuro che continuare. Usare il
preservativo fin dall’inizio è il metodo più sicuro.
Forte o piano
Un rapporto sessuale forte e pesante
vuol dire una maggiore possibilità
che il pene e l’ano si danneggino.
Minuscoli tagli, escoriazioni o pelle
indolenzita, o anche perdite di
sangue danno all’HIV una via più
facile per passare da un uomo a un
altro.
Un rapporto sessuale più delicato e l’utilizzo del
lubrificante riducono le possibilità di danneggiare la
pelle.
10
=
=
CONSIGLIO
Si corre un minor rischio con un po’ di delicatezza e molto lubrificante.
Perdite di sangue nell’ano.
Il rivestimento all’interno dell’ano è delicato e pieno di capillari sanguigni.
Infilarci dentro un pene, un dildo o delle dita può causare irritazione o piccoli
strappi o perdite di sangue dal rivestimento. Questi danni possono essere
troppo piccoli da vedere, o possono essere non visibili, essendo all’interno.
Se sanguina l’ano di un uomo HIV negativo:
●● Questo danno lo lascia più aperto alla possibilità che lo sperma, i
liquidi pre-eiaculatori, sangue infetto da HIV entri nel suo corpo e
nel flusso sanguigno.
Se sanguina l’ano di un uomo HIV positivo:
●● Il sangue infetto dal suo ano può uscire ed entrare nel pene
dell’uomo che lo penetra.
Questi che seguono sono fattori che rendono più probabili perdite di sangue
dall’ano:
●● Un rapporto sessuale violento- soprattutto senza
lubrificante.
●● Sniffare popper mentre si fa sesso.
●● Inserire oggetti nell’ano (es. pene, dita, dildo).
●● Fisting (soprattutto prima di fare sesso).
●● Pelle danneggiata da malattie sessualmente
trasmettibili all’interno o intorno all’ano.
●● Prendere droghe per via anale.
I dildo, le dita, i pugni possono trasferire l’HIV se passano dall’ano di un uomo
ad un altro. Coprirli con un preservativo nuovo (o con guanti di latex) per
ciascun ano da cui passano elimina questo rischio.
CONSIGLIO
Fermatevi se vedete sangue. Evitate oggetti che aumentano il rischio di perdite
sanguigne.
11
Poppers
Gli studi hanno dimostrato che gli uomini che sniffano poppers mentre si fanno
penetrare senza preservativo sembrano essere molto più a rischio di contrarre
l’HIV (rispetto agli uomini che fanno lo stesso, ma senza poppers).
Le possibili ragioni sono:
P
●● I poppers dilatano i capillari sanguigni,
aumentando il flusso di sangue
nell’ano. Questo potrebbe facilitare il
passaggio dell’HIV per questi capillari,
soprattutto se l’utilizzo dei poppers
aumenta le possibilità di perdite di
sangue all’interno dell’ano durante il
sesso anale.
●● È più probabile che gli uomini che
usano i poppers facciano sesso più
violento (con più perdite di sangue).
●● Alcuni ricercatori credono che i
poppers indeboliscano il sistema
immunitario per qualche giorno,
rendendo le persone più sensibili al
contagio dell’HIV. Altri tuttavia non
credono che abbiano questo effetto.
CONSIGLIO
Se non hai l’HIV, evita di usare i poppers quando ti penetrano. O assicurati che
sia usato un preservativo.
Carica virale
Mai sentito parlare di ‘carica virale’? Significa quanto HIV c’è nel corpo di
qualcuno che ha il virus. La carica virale può essere misurata, normalmente
con un test del sangue. Le cariche virali possono essere ‘alte’, ‘basse’ o
‘irrilevabili’. Se è ‘alta’ vuol dire:
●● Maggiore rischio che la persona si ammali.
●● Maggiori possibilità di contagiare altri con l’HIV facendo sesso non
protetto.
12
Quindi la carica virale è collegata a quanto una persona è contagiosa. Minor è
la carica virale, minore è la possibilità di contagiare con l’HIV altre persone. La
carica virale (e quanto è infettivo il sangue, lo sperma etc) può essere molto
alta:
●● Nelle prime settimane dopo aver contratto l’HIV (spesso prima che
uno si accorga di averlo contratto).
●● Se le medicine per l’HIV non stanno funzionando (o se non
vengono prese).
●● Se la persona è debilitata o ha altre infezioni, incluse quelle
trasmesse per via sessuale.
Carica virale ‘irrilevabile’
Carica virale ‘irrilevabile’ non vuol dire che l’HIV
non c’è. Sicuramente c’è ancora, ma il test non è
abbastanza sensibile da misurare livelli così bassi.
Il sesso non protetto con qualcuno che ha la carica
virale ‘irrilevabile’ è più sicuro, ma non del tutto,
perché:
●● Potrebbe esserci abbastanza virus da infettare
un’altra persona.
●● La carica virale potrebbe essere aumentata dall’ultimo test (può
aumentare o diminuire nel tempo).
●● Il test misura l’HIV nel sangue. Ma i livelli possono essere molto
più alti nello sperma, nei liquidi pre-eiaculatori o nel muco anale.
CONSIGLIO
Maggiore è la carico virale, maggiore è il rischio.
!
MTS significa maggior rischio
Non usare i preservativi ti lascia molto più esposto alle malattie trasmesse
sessualmente (MTS) come gonorrea, epatite C, herpes e sifilide. Sono tutte
molto più facili da contrarre rispetto all’HIV. Maggiore è il numero di uomini con
13
cui fai sesso – soprattutto se non protetto – maggiore è il rischio di contrarre
qualche MTS.
Avere una MTS:
●● Aumenta il rischio che gli uomini con l’HIV trasmettano l’HIV.
●● Aumenta il rischio che gli uomini HIV negativi contraggano il virus.
Ecco come l’HIV interagisce con altre infezioni a trasmissione
sessuale.
L’HIV esce dal flusso sanguigno di una persona ed entra in quello di un altro
attraverso la delicata e assorbente pelle all’interno dell’ano, sulla punta del
pene o nella bocca e gola. Se una MTS rende la pelle in queste aree più
delicata, infiammata o se la fa sanguinare, è ancora più facile per l’HIV entrare.
Ma non si tratta solamente di pelle danneggiata. Quando qualcuno ha l’HIV
e una MTS, la loro carica virale aumenta, rendendo il loro sangue, sperma e
liquido pre-eiaculatorio più infettivo. Questo è dovuto al fatto che il corpo sta
cercando di sconfiggere entrambe le infezioni, per cui non può opporsi con
forza all’HIV se non prima di aver sconfitto la MTS.
CONSIGLIO
Sono consigliabili check-up regolari (ogni 3 mesi se si hanno rapporti con molti
uomini). Se pensi di avere una MTS, non sprecare tempo prima di farti visitare.
Fare sesso senza preservativo con uomini che condividono
lo stesso status
Siete entrambi HIV negativi?
Allora non potete trasmettere un virus che non c’è.
O tutti e due HIV positivi?
Il sesso non protetto non può portare a una nuova infezione di
HIV, se già l’avete entrambi. Tuttavia vi lasciate entrambi aperti
al rischio di altre infezioni che sono
impossibili
14
o difficili da curare, come l’herpes o l’epatite C. L’epatite C
è un’infezione del fegato molto seria che molti uomini con
l’HIV stanno contraendo facendo sesso senza preservativo.
!
Sappiamo inoltre che adesso è possibile contrarre un’altra
tipologia di HIV da quella che uno già ha, una che potrebbe
farti ammalare più velocemente. Non è chiaro quanto spesso
ciò succeda, ma vale la pena rifletterci sopra.
Cose cui pensare
Puoi provare a fare sesso senza preservativi solo con uomini che abbiano il tuo
stesso status HIV. Questo elimina il rischio se:
●● Se sei sicurissimo che entrambi abbiate lo stesso status HIV.
●● Se parlate di HIV. È pericoloso dare per scontato che il dir nulla
equivale ad avere lo stesso status. Ed è molto rischioso giudicare
lo status dell’HIV in base all’età, al look o a quello che ci interessa.
●● Basatevi solo sul Test HIV e non su altro.
●● Non basate la vostra opinione su test troppo vecchi, soprattutto se
avete corso qualche rischio dall’ultimo test.
●● Se vi fidate che la persona vi dia una risposta accurata. Fra gli
uomini gay con l’HIV, 1 su 3 non sa di averlo.
L’esito negativo di un test non vale niente se non sono passati tre mesi tra il
test e l’ultima volta che si ha avuto un rapporto a rischio. Ci vogliono fino a tre
mesi prima che i segni dell’infezione (anticorpi) siano visibili nei test. Durante
questi tre mesi è possibile che una persona riceva un risultato negativo, anche
se è infetto (e nel frattempo può essere molto infetto).
Infine immaginatevi questo. Una persona ha l’abitudine di fare sesso senza
preservativo con persone che crede condividano il suo stesso status. Ma si
sbaglia e diventa infetto col virus senza accorgersene. A questo punto avrà
livelli molto alti di HIV nel suo sperma, sangue etc.: adesso metterà
tutti quelli con cui fa sesso senza preservativo ad altissimo rischio.
15
CONSIGLIO
Non dare niente per scontato. Un test recente è il miglior indicatore
per sapere se hai il virus o no.
QUANTO È SICURO avere rapporto orali?
Non c’è una risposta semplice ed esatta. Molte delle persone che hanno l’HIV
quasi sempre hanno fatto sia sesso anale sia orale senza preservativo. Per
questo è difficile sapere come il virus è entrato nel corpo.
Alcune persone sono sicure di aver contratto l’HIV facendo un rapporto orale.
Altri dicono di aver preso l’HIV tramite un rapporto orale, ma poi ammettono di
aver fatto anche sesso anale non protetto.
Studi suggeriscono che fino al 5% delle infezioni potrebbero essere causate
dal sesso orale. Questo vuol dire che la quantità d’infezioni tra gli uomini gay
causata da sesso anale non protetto si aggira fra il 95% e il 100%.
Normalmente è più difficile per l’HIV passare per il rivestimento della bocca
perché è più resistente rispetto al rivestimento dell’ano. Infezioni di HIV
causate da rapporti orali di solito comportano che lo sperma entri in bocca e/o
tagli, ferite, infezioni o infiammazioni nella bocca, gola (o pene).
Se un tipo ha un’alta carica virale, anche questo
aumenta il rischio.
Maggiore è il numero di uomini con cui
si fa sesso orale, maggiore il rischio –
soprattutto se lo sperma viene in contatto
con la bocca.
16
Se sei HIV negativo……
Farti fare un rapporto orale praticamente non comporta alcun rischio. La saliva di
un uomo con l’HIV non ha abbastanza virus da infettare qualcuno. L’unico rischio
potrebbe esserci se ha una perdita di sangue nella bocca.
Quando fai un rapporto orale USA IL PROFILATTICO:
●● Cerca di non prendere sperma in bocca. Anche il liquido preeiaculatorio potrebbe avere il virus.
●● Chiedere a uomo di non venirti in bocca prima di fargli un rapporto
orale significa una possibilità maggiore che lui faccia quello che
hai chiesto.
●● Se un uomo ti viene in bocca, sputa prima che puoi.
●● Evita di fare rapporti orali se soffri di mal di gola o se hai tagli,
infiammazioni, infezioni nella bocca o gola- oppure se lui ce li ha
sul pene.
●● La gonorrea nella gola di solito non causa sintomi, per cui ricordati
di farti controllare spesso, soprattutto se fai rapporto orali a molti
uomini
●● Spazzolare i denti o passare il filo interdentale può farti sanguinare
le gengive. Evita di farlo nell’ora prima di fare un rapporto orale.
Il colluttorio può eliminare alcune delle protezioni naturali della
bocca contro le infezioni. Utilizza le gomme oppure risciacquati la
bocca con il dentifricio per deodorare l’alito.
●● Cerca di evitare di fare rapporti orali se ti hanno fatto dei lavori ai
denti nelle ultime settimane.
Sputare o ingoiare?
Probabilmente c’è ben poca differenza. Quel che importa è liberarsi dello
sperma in fretta.
Sputarlo potrebbe riportarlo in contatto con la bocca o le gengive (che potrebbe
sanguinare o avere tagli).
17
Ingoiarlo lo mette in contatto con la gola. Gli acidi dello stomaco potrebbero
uccidere l’HIV. Ma è più probabile che il virus entri nel flusso sanguigno
attraverso il rivestimento della bocca o gola prima che raggiunga lo stomaco.
Se hai l’HIV…..
Fare un rapporto orale a un uomo è quasi privo di rischi. La tua saliva non
ha abbastanza HIV da infettarlo. L’unico rischio possibile è se la tua bocca
sanguina.
Quando ti fanno un rapporto orale:
●● Evita di venire in bocca.
●● Se la tua carica virale è “alta”, pensaci bene prima di farti fare un
rapporto orale, soprattutto a venire in bocca a qualcuno.
●● Evita di farti fare rapporti orali se hai tagli, arrossamenti o irritazioni
sul pene – o se lui ce li ha in bocca.
●● Curati le malattie trasmesse sessualmente in fretta (alzano il livello
dell’HIV nei liquidi pre-eiaculatori, nello sperma e nel sangue).
Se sei preoccupato dai rischi causati dai rapporto orali, usa i preservativi.
Quelli aromatizzati sanno meno di plastica.
CONSIGLIO
Evitare di venire in bocca abbassa il rischio.
Rimming
Il rimming è ad alto rischio per alcune
infezioni, soprattutto l’epatite A . Tuttavia
non ci sono stati casi di persone che hanno
contratto l’HIV facendo rimming a qualcuno.
18
L’unico rischio potrebbe essere causato da tagli, arrossamenti (incluso
l’herpes), perdite di sangue (per es. da emorroidi) intorno all’ano della persona
cui si fa rimming o sulla bocca della persona che fa il rimming. La pelle rotta,
piccoli tagli e perdite di sangue sono più probabili dopo il sesso anale, fisting
o dopo giochi anali con dildo. Sarebbe meglio evitare il rimming dopo aver
praticato queste attività.. Il sangue a volte può essere presente anche nelle
feci.
Se sei preoccupato riguardo qualsiasi infezione, si può provare a fare rimming
utilizzando una barriera, come un preservativo tagliato a forma di quadrato
oppure un pezzo di pellicola da cucina (di quella non adatta ai micro-onde).
CONSIGLIO
Il vaccino contro l’epatite A è essenziale se ti
piace il rimming.
Dita e pugni
I rischi causati dall’infilare dita sono
minimi. L’HIV non può entrare o uscire dalla pelle integra.
Gli unici rischi potrebbero presentarsi se la pelle delle
dita ha dei piccoli tagli o irritazioni e/o se l’interno
dell’ano perdesse sangue o fosse danneggiato (per
es. tagli o infezioni).
Il fisting è considerato a basso rischio, poiché non
comporta che lo sperma infetto penetri l’ano. Ma il
fisting può provocare perdite di sangue anali che
innalzano il rischio, soprattutto se poi fate
sesso senza preservativo.
19
Se quello che fa fisting ha l’HIV….
È improbabile che si passi l’HIV in quanto il virus non
riesce a uscire da una mano o un avambraccio che
abbia la pelle integra. Ma se la pelle è tagliata, ha
arrossamenti o infiammazioni queste darebbero all’HIV
una possibilità di uscire dal corpo e penetrare l’ano
dell’uomo che sta ricevendo il fisting.
Se quello che fa fisting è HIV negativo….
C’è un rischio che viene dall’HIV nel sangue (o muco anale, il rivestimento che
copre l’interno dell’ano) dell’ano di una persona HIV positiva. Qualsiasi taglio,
infiammazione o arrossamento cutaneo sulla mano o avambraccio dell’uomo
che fa fisting da una chance all’HIV di penetrare tramite la pelle danneggiata.
L’HIV può entrare attraverso punti danneggiati della pelle che sono molto
piccoli – anche troppo piccoli da vedere.
Quelli che praticano fisting possono usare guanti di latex (con lubrificanti
specifici per fisting a base di acqua), che possono essere trovati in vendita
online o nei sexy-shop gay. Se i guanti non vengono utilizzati, le seguenti
indicazioni rendono meno probabili il formarsi di tagli o piccole perdite
sanguinee:
●●
●●
●●
●●
Mantenere le unghie corte
Usare molto lubrificante
Fare piano
Non usare poppers (o altre droghe che prevengono il sentire
dolore)
Se non usate preservativi, è ancora più pericoloso fare fisting e poi fare sesso.
Questo è dovuto al fatto che è maggiore la probabilità che il vostro ano perda
sangue. Fare sesso prima e poi fare fisting è meno rischioso.
20
Gli enema o l’irrigazione prima del fisting rimuove il rivestimento mucoso
dell’ano, che protegge dalle infezioni. Senza questa protezione è più facile
contrarre l’HIV.
Il fisting può provocare danni seri se non è fatto con attenzione da una persona
esperta.
CONSIGLIO
I guanti riducono i rischi causati dal fisting. Evitate di fare sesso senza
preservativo dopo aver fatto fisting.
‘Golden shower’
Livelli infettivi di HIV non sono mai stati trovati
nell’urina e non sono mai stati riscontrati casi
di persone infette in seguito a ‘golden shower’
(incluso prendendo l’urina in bocca). L’urina
sulla pelle non danneggiata è sicura. Se entra
in bocca, nell’ano o sulla pelle con tagli,
arrossamenti etc. c’è un rischio teorico, ma
solo se vi è del sangue nell’urina. Ci può
essere del sangue nell’urina se qualcuno
ha i calcoli renali o infezioni alla
vescica.
CONSIGLIO
Non ci sono stati casi di
trasmissione di HIV tramite
urina.
21
Circonciso o non-circonciso
Gli studi mostrano che gli uomini eterosessuali circoncisi hanno meno
probabilità di prendere l’HIV attraverso il pene. Questo è dovuto al fatto che:
●● Rimuovendo la delicata e facilmente danneggiabile pelle del
prepuzio si elimina uno dei modi tramite il quale l’HIV può entrare
nel corpo.
●● Gli uomini senza prepuzio hanno meno probabilità di contrarre
malattie trasmesse sessualmente (le MST facilitano il contagio
dell’HIV).
La circoncisione forse aiuta gli uomini eterosessuali, ma la maggior parte degli
uomini gay prende l’HIV dall’ano e non dal pene. Molti uomini circoncisi (etero
e gay) sono HIV positivi.
CONSIGLIO
Gli uomini circoncisi hanno bisogno del preservativo quanto quelli noncirconcisi.
L’HIV e la legge
C’è un ultimo rischio legato al sesso non
protetto di cui dovremmo essere tutti al
corrente.
Se qualcuno contrae l’HIV può fare
causa a colui dal quale l’ha preso, ma
solo se la persona con l’HIV sapeva di
essere infetto e non ha detto niente. Ci
sono stati diversi processi, alcuni che
coinvolgevano uomini gay e bisessuali,
in cui alcune persone con l’HIV sono
state mandate in prigione.
a
!
22
CONTATTI UTILI
Anlaids
Sezione Laziale
06 4746031
dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 17.00
Istituto Superiore di Sanità
Telefono Verde AIDS e IST
800 861 061
dal lunedì al venerdì dalle 13.00 alle 18.00
Anlaids
Telefono Verde
800 589 088
lunedì e giovedì dalle 16.00 alle 20.00
risponde un medico infettivologo
23
Fly UP