...

Diapositiva 1 - Michele A. Cortelazzo

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

Diapositiva 1 - Michele A. Cortelazzo
Michele A. Cortelazzo
Competenza orale e scritta
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
il docente
Michele Cortelazzo (Padova 1952) è Professore ordinario di Linguistica italiana nel
Dipartimento di Studi linguistici e letterari dell′università di Padova. Ha insegnato
anche nella Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori
dell′università di Trieste e nelle università di Saarbrücken, Innsbruck, Venezia e
Ferrara, oltre che Rijeka (Fiume).
È Accademico corrispondente dell'Accademia della Crusca.
Il nucleo fondamentale delle sue ricerche riguarda l′italiano contemporaneo e le
lingue speciali (linguaggio medico, linguaggio scientifico, linguaggio giuridico). Si è
occupato anche dei processi di italianizzazione, in particolare nel Veneto, di storia
della lessicografia, di insegnamento della lingua materna. È autore o redattore di
diverse opere lessicografiche. Negli ultimi anni si è occupato in particolare di
semplificazione del linguaggio amministrativo e di linguaggio istituzionale-politico.
Nell'Università di Padova è Delegato del Rettore per la Comunicazione
istituzionale.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
per restare in contatto
e-mail: [email protected]
sito istituzionale: www.disll.unipd.it
sito personale: www.cortmic.eu
sito del corso: www.cortmic.eu/didattica.html
blog: www.cortmic.myblog.it
facebook: https://www.facebook.com/SentieriDellaLingua?ref=hl
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
programma
12.10.
• La variazione linguistica. Il repertorio linguistico italiano
• Standard e neostandard
• Scritto e parlato
• Registri e situazioni comunicative
• La lingua dei giornali
• La lingua della televisione e del web
• L'italiano delle traduzioni
• I linguaggi settoriali
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
calendario
12.10.2015
13.10.2015
Presentazione del corso
Il repertorio linguistico italiano
Standard e neostandard 1
26.10 2015
27.10.2015
Standard e neostandard 2
Scritto e parlato
09.11.2015
10.11.2015
Registri e situazioni comunicative
Verifica
Registri linguistici
07.12.2015
La lingua dei giornali
21.12.2015
22.12.2015
La lingua della televisione e del web
Verifica
L'italiano delle traduzioni
18.01.2016
19.01.2016
Introduzione ai linguaggi settoriali
Verifica di recupero
Introduzione ai linguaggi settoriali
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
orario
lunedì, 12.15-13.45
lunedì, 17.15-18.45
martedì, 8.15-10.00
martedì, 10.15-11.30
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
tanti modi per dire la stessa cosa
• non sono affatto a conoscenza di che cosa sia stato loro detto
• non sono affatto a conoscenza di che cosa abbiano loro detto
• non so affatto che cosa abbiano loro detto
• non so affatto che cosa abbian loro detto
• non so affatto che cosa hanno loro detto
• non so mica che cosa gli hanno detto
• non so mica che cosa gli han detto
• non so mica cosa gli han detto
• so mica cosa gli han detto
• so miga cosa che i ghe gà dito
(Berruto, G., 1987, Sociolinguistica dell’italiano contemporaneo, con
variazioni).
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
varietà della lingua
Ogni varietà è un insieme di tratti congruenti di un
sistema linguistico che co-occorrono con un certo
insieme di tratti sociali, caratterizzanti i parlanti o le
situazioni d’uso.
È quindi sempre un’entità che presuppone una
correlazione tra fatti linguistici e fatti non linguistici, e
deve essere caratterizzata sulla base di entrambi.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
esempi di varietà dell'italiano
italiano aulico
italiano popolare
italiano dei giovani
italiano parlato
italiano scritto
italiano colloquiale
italiano trascurato
italiano burocratico
italiano tecnico-scientifico
…….
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
la variazione linguistica
Per variazione linguistica si intende il carattere delle
lingue di essere mutevoli e presentarsi sotto forme
diverse nei comportamenti dei parlanti.
A livello della generale facoltà del linguaggio verbale
si realizza nella diversità delle lingue in cui si articola
la capacità umana di parlare.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
la variazione linguistica
A livello di ogni singola lingua storico-naturale si
realizza nella diversità interna, che è legata alla
diversità dell’accesso e dell’utilizzazione da parte dei
singoli parlanti delle lingue e varietà di lingua che lo
costituiscono.
Le lingue e varietà di lingua presenti nel repertorio di
una comunità non sono infatti ugualmente a
disposizione né possedute nella stessa misura da
tutti i membri della comunità.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
un modello del repertorio dell'italiano
.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
il repertorio linguistico
Repertorio linguistico è l’insieme delle risorse
linguistiche a disposizione di una comunità
linguistica (repertorio comunitario) o di un parlante
(repertorio individuale).
Il repertorio linguistico comunitario è l’insieme delle
varietà di lingua e dialetto simultaneamente
disponibili alla maggior parte dei parlanti di quella
comunità, in un dato periodo di tempo.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
il repertorio linguistico
Per descrivere il repertorio linguistico di una
comunità non basta individuare le varietà a
disposizione dei suoi membri. Occorre anche definire
il modo in cui queste si ripartiscono lo spazio
comunicativo; le comunità scelgono quali codici
isolare nel continuum delle varietà del repertorio
(ossia a quali varietà dare un nome esplicito) e a
quali di questi assegnare le diverse funzioni
comunicative.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
il repertorio linguistico
Nel repertorio linguistico, le varietà linguistiche si
dispongono secondo una struttura gerarchica. Si
riconoscono due estremi: un polo alto, destinato allo
scritto e ai contesti formali (la scuola e l’università, la
giustizia, la liturgia, i mezzi di comunicazione ...) e un
polo basso, che comprende le varietà che la comunità
riserva alla conversazione familiare e ordinaria, spesso
apprese dai bambini come lingua di prima
socializzazione. Vi possono anche essere una o più
varietà che occupano uno spazio intermedio.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
il repertorio linguistico
Il repertorio linguistico individuale è dato dall’insieme
di varietà dominato dal singolo parlante. Il repertorio
linguistico individuale è in genere un sottoinsieme di
quello comunitario, che è una sorta di minimo
comune multiplo di quelli degli individui che
compongono la comunità. Solo in casi particolari
possono esserci varietà che sono appannaggio solo
di un parlante o di pochissimi, come avviene nel
caso dei bilingui isolati.
.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
il repertorio linguistico
Difficilmente un parlante ha accesso a tutte le varietà
e a tutti i registri del repertorio linguistico. Tutti i
membri di una comunità linguistica condividono però
le stesse informazioni su quali risorse sono a
disposizione della comunità.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
dimensioni della variazione linguistica
(a) tempo
(b) spazio
(c) gruppo sociale
(d) situazione comunicativa
(e) mezzo di comunicazione
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
dimensioni della variazione linguistica
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
fonti
Gaetano Berruto, Sociolinguistica dell'italiano contemporaneo, Roma, NIS,
1987
Gaetano Berruto, Variazione linguistica, in Enciclopedia dell'italiano, vol. II,
Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, 2011.
Gaetano Berruto, Varietà, in Enciclopedia dell'italiano, vol. II, Roma,
Istituto dell'Enciclopedia italiana, 2011.
G. Iannaccaro, Repertorio linguistico, in Enciclopedia dell'italiano, vol. II,
Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, 2011.
Michele Cortelazzo
Competenza scritta e orale
fonti
Inoltre, immagini, commenti, esempi sono state tratti da:
• diapositive di Isabella Chiari su "La variazione linguistica. Analisi del
testo letterario"
• diapositive di Massimo Cerruti su "Le varietà dell’italiano. L’opposizione
formale/informale"
• appunti di Donatella Lippi su "I medici e le parole"
Fly UP