...

Insert Coin: PopCorn!

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Insert Coin: PopCorn!
pCor
o
P
:
n
i
o
C
Insert
n!
.E.
Zilog Z80 N
on
i Zaxx
d
i
t
e
r
g
e
s
I
ASSOCIAZIONE
CULTURALE
#retrogame
#retrocomputing
#eventi
#internet
con un orientamento dal
gusto squisitamente retrò,
ovvero il poter leggere
liberamente in formato
digitale tutte le riviste
Il progetto no-profit
italiane videoludiche e
“RetroEdicola Videoludica” si informatiche uscite in
pone l’obiettivo di riportare
edicola. Con questo
in vita le retro-riviste
progetto, inoltre, vorremmo
informatiche e videoludiche, avvicinare non solo i
attraverso scansioni in alta
nostalgici, ma anche gli
risoluzione (300dpi), con un appassionati delle nuove
editing curato e senza
generazioni, desiderosi di
l’aggiunta di watermark.
ripercorrere le tappe
storiche più significative
In questo modo, cercheremo
dell’informatica e dei
di realizzare il sogno più
videogiochi, l’evoluzione
ambito dei videogiocatori
termini di miglioramenti
continui, occorre di tanto in
tanto sapersi soffermare e
guardare indietro per
riconoscere e ricordare le
pietre miliari del cammino
finora percorso.
L’associazione Culturale
RetroCampus si pone
L’associazione in particolare
l’obiettivo della divulgazione
si prefigge di:
della storia dell'informatica e
del personal computer.
1.
Recuperare
conoscenze e
In un mondo tecnologico a
materiale inerente la
"dimenticanza rapida" come
storia
quello del computer, che
dell’informatica.
appare sempre più
proiettato verso il futuro in
2.
Restaurare il
“DVG - Il
Dizionario
dei
VideoGiochi"
è un sogno
nel cassetto nato in periodi
non sospetti, in cui la parola
retrogioco era esclusivo
appannaggio dei
retrogiocatori “veri”, e non
un fenomeno di massa
estremizzato a moda come
accade oggi... Nel 1993
venne pubblicata un'opera
di Fabio Rossi che fu una
rivelazione. Il "Dizionario dei
Video Game" (edizioni
AVallardi), proponeva un
breviario in cui venivano
descritte terminologie
tipiche, utilizzate nel tempo
da tutti i videogiocatori...
Oltre alla terminologia, il
dizionario era un vero e
proprio festival di vecchi e
nuovi videogiochi, ricordati
appunto per le loro
peculiarità innovative e
quindi importanti ed
essenziali ai fini della storia
videoludica. L'idea venne sul
finire del 1999... l'opera
iniziò su un file word in cui
vennero copiati tutti i
termini riportati in quel
dizionario, con l'accortezza
degli stessi, i flop, le curiosità
e gli aneddoti legati a questo
mondo…
Una sorta di macchina del
tempo fatta di articoli,
immagini e recensioni di 20
anni di emozioni, che verrà
arricchita anche con
materiali e testimonianze
inedite di coloro che la storia
dei videogiochi l’hanno già
raccontata.
Noi siamo pronti per questo
viaggio!!!
www.retroedicola.it
suddetto materiale.
3.
Preservare,
condividere e
divulgare le suddette
conoscenze ed il
suddetto materiale.
4.
Promuovere e
organizzare eventi.
La sede dell’associazione si
trova a Rovato (BS) in via
Europa 54.
www.retrocampus.it
dell'aggiunta di nuove parole
e nuovi videogiochi. Dopo
migliaia di termini il passo
per riportare tutto il lavoro
su un sito fu breve e alla fine
del 2006 il "DVG" divenne
una realtà. Il progetto oggi è
a disposizione di tutti ed è
open source, per permettere
a chiunque di aggiungere
voci e contribuire a rendere
questo strumento sempre
più utile a tutta la comunità
di retrogiocatori
appassionati in cerca di
informazioni...
www.dizionariovideogiochi.it
PUOI TROVARE LA TUA COPIA Bologna - Spazio Tilt!
CARTACEA DI RETROEDICOLA
Via Stalingrado 59
VIDEOLUDICA QUA:
Santena (TO)
Milano
Edicola di Randazzo Salvatore
via Palmanova, 145
Milano - circolo Arci Métissage
via Gaetano De Castillia, 9
Roma - Edicola Mauro Pallotta
Viale Antonio Ciamarra 38
Piacenza - Edicola
Via Martiri Della Resistenza 15
Edicola "Mondi" S.n.C.
Via Trinità 2
Santena (TO)
Edicola "L'Informazione"
Crotone Edicola Gullo
Via Poggioreale N.43 88900
Crotone Edicola Tonolli
Salvatore
Viale Regina Margherita 88900
Crotone Edicola Gerace
Piazza Pitagora 88900Crotone
(KR)
Piazza Martiri della Libertà 19
Crotone Edicola Lorenzano
Giuseppe
Chieri (TO)
via vittorio veneto n 6 88900
La Gilda Fumetti Via San
Giorgio 6/A
Forlì
Barbeer
Via Decio Raggi 25A
Se vuoi una copia di
RetroEdicola Videoludica
nella tua città, presentaci al
tuo edicolante e scrivici, gli
invieremo gratuitamente le
copie!
QRcode: come funziona
1.
Accedi al tuo AppStore, ricerca QRcode e scarica l’applicazione che preferisci.
2.
Assicurati di avere una connessione internet.
3.
Inquadra il codice nei box “Shoot me!”.
4.
Salva il link nei preferiti per non perderlo!
RETROEDICOLA VIDEOLUDICA
Il mensile gratuito sul retrogaming
EMAIL
[email protected]
WEB
www.retroedicola.it
PROGETTO EDITORIALE
Mauro Corbetta
GRAFICA
Mauro Corbetta e Luca Antignano
STAFF:
Andrea Pastore, Alessandro Gerelli,
Emiliano Buttarelli, Emanuele
Labruzzo , Giancarlo Oneglio
A
mici, vi diamo il
benvenuto in
questo nuovo
progetto di
RetroEdicola Videoludica,
lo nostra sfida più grande
intrapresa finora.
Da una semplice idea di
dare ai collaboratori e ai
donatori uno strumento
per seguirci, con un colpo
di testa, ci siamo detti,
perchè non renderlo
disponibile a tutti, e anche
stamparlo e distribuirlo in
edicola? Da li il passo è
stato breve...
Ecco, per quelli che ancora
non ci conoscono, non
preoccupatevi, in questo
primo numero
presenteremo tutte le
realtà che ruotano intorno
a RetroEdicola.
RetroCampus.
E poi tutti gli eventi retrò,
organizzati in un comodo
calendario. E infine il
nostro scanner sarà
Se poi siete dei "novizi" che puntato anche sul web e
si avvicinano al mondo del nei social network per
Retrogaming e del
parlarvi dei progetti più
Retrocomputing per la
interessanti.
prima volta, questo piccolo
Siete pronti a seguirci in
pocket sarà la vostra guida
questa nuova avventura?
mensile.
Tratteremo sia argomenti
squisitamente videoludici,
coadiuvati dagli amici del
"DVG - Il Dizionario dei
VideoGiochi", sia più
tecnici, grazie agli esperti
dell' associazione culturale
MERCATINI 2014
MERCATINO DI MARZAGLIA
13 settembre - Marzaglia
C/O Caravan Camping Club
Modena
FIERE DI ELETTRONICA
3° MOSTRA SCAMBIO RADIO
GENOVESE
3 Ottobre - Genova—Palmaro
c/o Pala Cep
www.arimodena.it
www.arigenova.it/
13° BIELLARADIO MERCATINO
DI SCAMBIO
3° EXPO RADIO CASARZA
21 settembre - Biella
www.aribiella.it
8 Novembre
Casarza Ligure (GE)
6-7 Settembre
MONTICHIARI (BS)
MOSTRA NAZIONALE
MERCATO RADIANTISTICO +
MERCATINO
www.centrofiera.it
13-14 Settembre - UDINE
FIERA DI ELETTRONICA +
MERCATINO MEMO
www.eventi2000.com
exporadiocasarza.weebly.com
13-14 Settembre
2° MOSTRA SCAMBIO DEL
RADIOAMATORE
4 ottobre - Torrita di Siena (SI)
[email protected]
1° MERCATINO
DELL'ELETTRONICA
5 Ottobre - Volterra (PI)
BUSTO ARSIZIO (VA)
EXPO ELETTRONICA & DEL
RADIOAMATORE
www.expoelettronica.it
13-14 Settembre - PIACENZA
FIERA DELL'ELETTRONICA &
DEL RADIOAMATORE +
MERCATINO
www.mondoelettronica.net
www.lesha.it
7° MOSTRA SCAMBIO RADIO
D'EPOCA, APPARATI PER
RADIOAMATORI, HI-FI
11-12 Ottobre
Piana delle Orme (Latina)
www.franconervegna.it
20-21 Settembre - MACERATA
MOSTRA MERCATO
DELL'ELETTRONICA
APPLICATA
www.cbclubmaceratese.com
20-21 Settembre - NOVEGRO
RADIANT AND SILICON +
MERCATINO
www.parcoesposizioninovegro.it
SETTEMBRE/OTTOBRE 2014
20-21 Settembre
MONTESILVANO (PE)
FIERA ELETTRONICA
www.uefe.fierelettronica.com
27-28 Settembre
GONZAGA (MN)
FIERA DELL'ELETTRONICA E
DEL RADIOAMATORE +
MERCATINO MEMO
www.fieramillenaria.it
27-28 Settembre - RAVENNA
FIERA DELL'ELETTRONICA &
DEL RADIOAMATORE +
MERCATINO
www.mondoelettronica.net
4-5 Ottobre - ROVIGO
FIERA INFORMATICA
ELETTRONICA RADIANTISMO
www.arearebus.com/fiera
4-5 Ottobre - TREVIGLIO (BG)
FIERA ELETTRONICA
www.fieramercatodellelettronica.it
11-12 Ottobre - POTENZA
EXPO RADIO POTENZA
[email protected]
11-12 Ottobre - FERRARA
FIERA ELETTRONICA,
INFORMATICA, RADIANTISMO
www.mondoelettronica.net
11-12 Ottobre
4-5 Ottobre - FERMO
FIERA DELL’ELETTRONICA,
INFORMATICA, RADIANTISMO,
TEMPO LIBERO + MERCATINO
www.electrofiere.it
4-5 Ottobre - BOLOGNA
FIERA ELETTRONICA +
MERCATINO
www.mondoelettronica.net
CASALE MONFERRATO (AL)
FIERA DELL'ELETTRONICA +
MERCATINO MEMO
www.elettronicanovi.it
17-19 Ottobre - OSNAGO (LC)
FIERA ELETTRONICA
www.fieramercatodellelettronica.it
18-19 Ottobre
4-5 Ottobre - RIMINI
EXPO ELETTRONICA MOSTRA
MERCATO + MERCATINO
www.expoelettronica.it
FASANO (BR) ex BARI
MOSTRA MERCATO DEL
RADIOAMATORE E
DELL'ELETTRONICA
[email protected]
18-19 Ottobre
FIRENZE (Obihall)
FIERA DI ELETTRONICA
[email protected]
18-19 Ottobre - FAENZA (RA)
EXPORADIO ELETTRONICA
MOSTRA MERCATO +
MERCATINO
www.expoelettronica.it
25-26 Ottobre
TERNI - DA CONFERMARE
11° Edizione MOSTRA
MERCATO TERNIEXPO
[email protected]
25-26 Ottobre
SCANDIANO (RE)
10° MOSTRA REGIONALE
ELETTRONICA
www.fierascandiano.it
25-26 Ottobre
VENETO - DA CONFERMARE
FIERA ELETTRONICA
www.fierelettronica.it
25-26 Ottobre
BASSANO DEL GRAPPA (VI)
FIERA ELETTRONICA +
mercatino
www.uefe.fierelettronica.com
MANIFESTAZIONI 2014
RETROGAMING NIGHT
ALTRI APPUNTAMENTI
MANTOVA GAMING PARK
INSERT COIN
PLAYMARKET - VIGAMUS
27-28 settembre
Andrea Babich e Fabio
Roma - 6 Settembre
Kenobit Bortolotti organizzano
www.vigamus.com
serate a tema.
Mantova, PalaBAM.
www.mantovagamingpark.it
24 ottobre, Insert Coin: POP
CORN, dedicata al cinema e ai
videogiochi .
NINTENDON - retroGAME Fest
24-26 ottobre
Ex sala giochi WAVE, in via
Edmondo de Amicis 28
www.vigamus.com
Milano
Ingresso gratuito.
www.gamesweek.it
www.facebook.com/
InsertCoinRetrogaming
MILAN GAMES WEEK
BRUSAPORTO
RETROCOMPUNTING
26 ottobre
Roma - 13 Settembre
VINTAGE MARKET feat.
VIGAMUS
Roma - 21 Settembre
ARCADE NIGHT
www.circoloartisti.it
Brusaporto (BG)
Il Retrogaming Club Bergamo
organizzano serate a tema.
www.brusaretro.it
Arcade Night #3
HISTORIC ARCADE
CHALLENGE
Mercoledì 24 settembre
Salsomaggiore Terme (PR)
FIRENZE VINTAGE BIT
alle ore 22.00
19 - 20 - 21 Settembre
Dicembre (Data da confermare)
Via Resistenza, 4, 24041
Brembate
http://tinyurl.com/n67mmqx
Date e Appuntamenti:
LUCCA COMICS AND GAMES
http://tinyurl.com/mvycg3l
Lucca - da Giovedì 30 Ottobre
a Domenica 2 Novembre.
Lastra a Signa (FI)
www.retrocomputer.org
www.luccacomicsandgames.com/it
…ma che cos’e’ SPAZIO realizzare una show room
permanente della nostra
TILT!…?
SPAZIO TILT! e’ la nuova sede
dell’associazione Tilt!, un
circolo aperto ai soci in orari e
giorni predeterminati, per
appassionati di flipper, vecchi
videogiochi e retrogaming in
generale… o anche solo per
chi vuole farsi una partita ad
un gioco ormai scomparso dai
bar e dalle sale giochi!
SPAZIO TILT! in via
Stalingrado 59 a
Bologna, vicinissimo
alla Fiera ed alla
tangenziale cittadina
(uscita 7, direzione
fiera/centro). A
questo indirizzo c’e’
una ex-fabbrica
abbandonata che
PLANIMETRIE
CULTURALI (un
associazione bolognese che si
occupa di custodire e togliere
dal degrado spazi
abbandonati), ha ottenuto in
uso gratuito della proprietà,
grazie anche alla mediazione
del Comune di Bologna –
Quartiere San Donato.
Una volta bonificata l’area, gli
immensi spazi interni sono
stati offerti alle associazioni
bolognesi in cerca di una sede
per le loro attivita’, tra cui noi
di TILT. Abbiamo quindi a
nostre spese ripristinato e
restaurato un’area di una
settantina di metri quadri, per
collezione e delle nostre
attivita’, oltre che
concretizzare un punto di
ritrovo fisso per tutti gli
appassionati di flipper,
videogiochi e retrogaming in
generale. Non e’ il Museo del
Flipper, e’ lo SPAZIO TILT! –
70mq in uso gratuito di giochi
e memorabilia. Il Bignami del
Museo del Flipper! Un
esperimento di tre anni, al
termine del quale si capira’ se
Bologna merita di più... :)
Altre associazioni stanno
preparando i loro spazi
all’interno della stessa
struttura; inoltre, e’ stata
realizzata una osteria/punto
ristoro, ed e’ in preparazione
un ostello di circa venticinque
posti.
L’ingresso a SPAZIO TILT! e’
gratuito; si richiede solo il
tesseramento a PLANIMETRIE
CULTURALI per avere accesso
all'interno della struttura. E'
possibile tesserarsi
all'ingresso. Sono disponibili
due tipi di tessera, una
giornaliera al costo di 2 euro,
l'altra annuale al costo di 10
euro. Scegliete voi!
Quando e’ aperto lo
SPAZIO TILT!…?
In genere, lo Spazio Tilt! e’
aperto il:
giovedi’ sera (dedicata alle
riparazioni,
installazioni di nuovi
apparecchi e
chiacchiere);
venerdi’ sera;
sabato tardo
pomeriggio e sera;
domenica
pomeriggio
Ci possono essere
variazioni, a seconda
degli eventi previsti,
serate particolari o
altro. Se intendete visitarci,
mandateci una mail
all’indirizzo [email protected] con
qualche giorno d’anticipo, e ci
faremo trovare aperti!
Seguiteci su Facebook!
www.facebook.com/
SpazioTilt
Insert Coin: POP CORN,
dedicata al cinema e ai
videogiochi .
sono tagliate su misura per i
retrogiocatori.
giochi, lo spazio “Wave”.
Situata (per chi non è del
posto e sponsorizzando anche
Semplicità è la parola
il capoluogo milanese) in zona
24 ottobre, Ex sala giochi
d'ordine, coadiuvata da un bel
Sant'Ambrogio, è uno dei
WAVE, in via Edmondo de
locale accogliente, un grande
luoghi più belli di Milano ed e
Amicis 28
proiettore, un arcade stick con
anche a pochi passi dalla
qualche joypad di scorta
basilica di Sant'Ambrogio
“INSERT COIN è una serata di
nell'evenienza di una sana
stessa, una chiesa tra le più
retrogaming ideata e
partita in doppio e ottima
antiche e amate del milanese.
organizzata da Andrea
musica accompagnata da
Tornando all’evento, la
"Bisboch" Babich e Fabio
buona birra. L’ingrediente
formula prevede, come di
"Kenobit" Bortolotti. Tra una
principale poi, la classica
consueto, un tema portante
birra, un proiettore e un
(picchiaduro, sparatutto,
arcade stick, si ripercorrono le
platform etc.), con un
vecchie glorie del passato dei
alternanza di videogiochi
videogiochi e si riscoprono
classici in cui troveranno
perle dimenticate. Tutti i
posto anche quelli inloriosi e
presenti possono giocare e
orribili, giusto per farsi due
l'atmosfera è sempre
risate e perchè anche i giochi
rilassata. “
"brutti", loro malgrado,
Questa è la descrizione che
possiedono un'anima... :D
troneggia nel loro canale
ciliegina sulla torta, è senza
E se poi la serata procede
facebook, e riassume
dubbio la simpatia - che ben si come le altre edizioni (e noi lo
perfettamente un nuovo
speriamo vivamente), sarà
modo di intendere il concetto sposa con l'altrettanta
competenza in materia - di
facile andare anche di
di “serate retrogame”. A
Fabio e Andrea.
’improvvisazione... si sa,
differenza di altri eventi che
quando si è in ottima
ruotano attorno al mondo del
Per questa nuova edizione,
compagnia e la buona birra
retrocomputing e retrogaming
visto il crescente successo di
scorre a fiumi, quel che
(di solito costituiti da ampi
pubblico, si parte dalla
veramente conta è divertirsi.
spazi per accogliere una
sperimentazione di nuovi
E su questo siamo di parola,
grande varietà di pubblico), le
spazi. E c’è poco da dire, con
non è mai capitato che alle
serate Retrogaming Milanesi – un colpo da maestro shaolin, i serate di "Insert Coin", non ci
nostri amici hanno scelto
ma non sono rare anche
si diverta alla grande.
nientemeno che una ex sala
trasferte in quel di Roma –
S
tare dietro a questi
due ragazzi è davvero
dura, non si fa in
tempo a dirgli “bravi!”
che già son avanti, pronti con
un’altra idea, sempre sotto la
filosofia del puro retrogaming.
Kenobit
aggiormanenti, (inserirlo nei
preferiti è cosa buona e
giusta) è Retrogaming Milano:
Già online le due parti con il
grande classico Monkey Island 2
Per la stagione 2014/2015
Kenobit si lancia nello
streaming. Per far crescere la
comunità di bella gente che è
nata intorno a Insert Coin - a
retrogaming night e alle mille
Ecco quindi una breve guida
cose che organizza con
dei loro progetti, dove trovarli, Bisboch. L’idea è semplice:
leggerli e ascoltarli.
degli stream di grandi classici
(o di chicche dimenticate), a
Tenete presente che il loro
volte in solitaria, altre con
canale facebook, dove
ospiti illustri.
postano tutti gli
http://tinyurl.com/ocdn8bf
http://www.hitbox.tv/
Kenobit
Insert Coin - a
retrogaming night
Kenobit e chiptune
music
Ne abbiamo parlato nella
pagina precedente, ci resta
solo da riportarvi il link per
seguire tutti gli eventi:
Per ora ci limitamo a citare
giusto questo progetto, ma è
un argomento che tratteremo
approfonditamente nei
prossimi numeri. Per chi non
ne fosse a conoscenza, la
chiptune, o 8-bit music, è
musica elettronica realizzata
facendo sudare i chip sonori
di console e altre macchine da
gioco: una su tutte, il vecchio
Game Boy, spremuto con
appositi software.
www.facebook.com/
InsertCoinRetrogaming
Retrostreaming con
Tre sono gli album realizzati
da Kenobit, se amate i
videogiochi, la buona musica,
e volete ascoltare qualcosa
che vi metta
addosso il
buon umore e
una carica di
adrenalina,
fatevi un
favore,
catapultatevi a
questo link:
kenobit.bandcamp.com
Tutti i brani sono in free play,
se li volete acquistare è
possibile pagando la cifra che
ritenete più opportuna..
Un altro sito dove si trovano i
suoi ultimi lavori è il seguente:
soundcloud.com/kenobit
Outcast Sound Shower
Il suo progetto più noto, il
podcast Outcast Sound
Shower, curato insieme
all'amico Andrea Babich.
http://tinyurl.com/pxgcz3x
Chiudiamo questa carrellata di
progetti assolutamente da
seguire, con il canale Youtube
di Kenobit, di tutto un pò.
Anche qua, non vi annoierete.
http://tinyurl.com/p459ltd
P
er il primo numero
avevamo solo
l'imbarazzo della
scelta, in due anni il
progetto ha macinato davvero
tantissime riviste.
Paradossalmente la prima
rivista di videogiochi
pubblicata siamo riusciti a
proporla solo di recente.
Prendiamo l'assist al volo e
iniziamo proprio da questa,
per parlarvi delle
nuove riviste inserite
nel progetto.
Che lo scriviate
Videogiochi o Video
Giochi o ancora
VideoGiochi, non
cambia, resta la prima
rivista pubblicata in
Italia a trattare
unicamente
l'argomernto
videogiochi. Non che
prima non si parlasse
(o scrivesse) di videogiochi,
ma si trattava solo di rubriche
inserite in altri contesti più o
partendo quasi da zero, e
prendendo probabilmente
qualcosa da Electronic Games
(la prima rivista a livello
mondiale a trattare
l'argomento videogame) - di
cui Albini ne apprese le
potenzialità, avendola
conosciuta nel breve periodo
passato in America.
La redazione era formata da
da uno sparuto gruppo di
sicuro dove rifugiarci. "Il Posto
Della Posta", ad esempio, era
il luogo dove confrontarci,
sicuri di trovare altri ragazzi
con la nostra stessa passione.
Inutile dire che la rivista ebbe
un successo editoriale
notevole, riuscendo, tra alti e
bassi, ad arrivare alla
pubblicazione di ben 28
numeri. In seguito cambiò
nome e redazione, ma ne
parleremo un’altra
volta.
Concentriamoci ora
su questo primo
numero, che offre
molti spunti di
riflessione. Iniziamo
subito con una
curiosità. Benchè sia
datato Gennaio 1983,
uscì in realtà - pochi lo
sanno - il 15 dicembre
1982.
quattro persone - che presero Passando velocemente la
in futuro il nome di Studio Vit . sezione delle news chiamata Ready- segnaliamo
Per capire l'importanza che ha
l’anteprima del Vectrex di MB,
meno pertinenti (come ad
avuto su noi videogiocatori,
il primo e unico sistema di
esempio, la pionieristica TV
basta ricordare quel preciso
giochi a grafica vettoriale.
periodo storico. Di certo non
Video).
Quello che salta subito
eravamo visti di buon occhio
all’occhio poi è il bellissimo
Ma è solo grazie alla visione di in una società non ancora
speciale su Tron, film cult che
Riccardo Albini che si abbe la
pronta per i computer, le
non ha bisogno di
svolta decisiva.
console e quei "demoniaci"
presentazioni. Nella rubrica “A
videogiochi...
Il numero 1 di videogiochi
che gioco giochiamo” la
venne realizzato nell'arco di
Ma con VideoGiochi tutto fu
recensione di punta è
un mese di duro lavoro,
diverso, ora avevamo un lido
l’intramontabile platform
Elenco uscite e stato delle scansioni di VideoGiochi
Mancante - In lavorazione - Pubblicato
Link download: http://www.retroedicola.it/go?XQE64W
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
1983
1
2
3
4
5
6
7
1984
11
12
13
14
15
16
17
1985
22
23
24
25
26
27
28
Set
Ott
8
18
19
Nov
Dic
9
10
20
21
Annuario 1984
game Pitfall, pubblicato
per Atari 2600 da Activision e
ideato dal geniale David
Crane.
Una particolarità di
VideoGiochi, poi riproposta
nelle altre due riviste targate
Jackson, sono le rubriche sui
Pinball, da noi conosciuti
Nella rubrica “Al Bar”, si va giù
come Flipper. In questo primo
pesante con Tempest,
numero troviamo due pezzi
classicone di Atari, ideato e
da novanta: Soccer Kings
programmato da David
dell’italiana Zaccaria e Mr. &
Theurer come una versione in
Mrs. Pac-Man di Bally.
prima persona di Space
Invaders. Donkey Kong di
Segue un altro speciale molto
Nintendo è un altro titolo di
bello, dove viene snocciolato il
importanza seminale. Nel
fenomeno dei giochi portatili,
gioco compaiono per la prima da noi meglio conosciuti come
volta i celebri
schiacciapensieri. I titoli
personaggi Mario e
trattati sono moltissimi, per gli
ovviamente Donkey Kong.
appassionati dei classici, il
Chiude questo tris di chicche il piatto forte ovviamente sono
bellissimo Frogger di Sega,
quelli di Nintendo, che per
sviluppato da Konami e
tecnologia e titoli proposti,
distribuito negli Stati
non avevano rivali.
Uniti da SEGA/Gremlin
Entriamo nella seconda parte
Interactive. Un altro speciale,
della rivista, quella dedicata
che rappresenta un piccolo
agli Home Computer—che in
affresco nella storia
seguito verrà scissa in una
videoludica, “Il chi è dei
rivista a parte, HC home
videogiochi” riporta tutte le
computer—dove nella famosa
console che sono sbarcate in
rubrica “Di fronte al fatto
Italia in quel periodo.
computer” vengono svelati i
rudimenti di programmazione
e linguaggio informatico. Oggi
forse può far sorridere, ma
bisogna entrare in un’ottica
retrospettica, in un mondo
dove il computer, fino a pochi
anni prima, era esclusivo
appannaggio di pochi.
Siamo giunti alla fine di
questo primo numero,
possiamo considerarlo una
vera bibbia per i retrogamer,
divertitevi a rileggerla e vi
troverete a scoprire sempre
qualcosa di nuovo.
Leggi e scarica il pdf di
VideoGiochi :
www.retroedicola.it/go?
XQE64W
Link di approfondimento:
Retrospettiva VideoGiochi su
Blog Approdo:
http://tinyurl.com/l9y9d7e
Intervista a Riccardo Albini su
Players 0:
www.playersmagazine.it/pdf/
players00.pdf
N
ell'affascinante
universo
dell'informatica gli
argomenti che
vantano la maggior presenza
di progetti amatoriali di
divulgazione informativa sono
probabilmente il
retrocomputing e il
retrogaming in particolare.
Parlare di retroinformatica ha
una profonda radice
emozionale in quanto i temi
trattati provengono
direttamente dai ricordi legati
a periodi della nostra vita
tipicamente emotivi e
idealizzati ovvero, nella
maggioranza dei casi,
l'infanzia o la prima
adolescenza.
Non è facile realizzare una
corretta informazione in
questo settore in quanto
spesso, nella valutazione dei
contenuti, le valutazioni
soggettive si scontrano con
quelle oggettive.
Nei tanti anni (quasi 20 ormai)
che ho passato frequentando
le più varie realtà, online e
non, dedicate all'argomento,
ho visto di tutto: nascita e
morte di progetti in meno di
un mese, altri che portavano
avanti dei discorsi più “di
propaganda” a favore dei loro
sistemi preferiti piuttosto che
fare una vera informazione e,
generalmente, una mancanza
di approfondimento per cui
nei “millemila” siti dedicati a
questi temi si finiva sempre
per trovare le stesse,
superficiali, informazioni sugli
stessi, pochi, argomenti di
grande richiamo, informazioni
spesso tutte uguali
“copiancollate” da chissà
quale fonte.
Quando insieme agli altri
amici creammo "The
Retrogames Machine" o più
semplicemente "RGM",
volevamo cercare di creare
qualcosa che si distinguesse
dalla massa e pensammo a un
progetto che proponesse al
pubblico una visione, una
prospettiva, diversa su come
avvicinarsi alla cultura
retroinformatica.
La nostra filosofia di fondo,
che è un concetto
essenzialmente semplice e
palese ma che spesso viene
sottovalutato o (peggio)
dimenticato sia da chi legge
che (molto peggio) da chi
scrive, è che non si può capire
il presente senza conoscere il
passato.
Suona un tantinello retorico
vero? Ma se ci pensate quanta
gente oggi parla di informatica
(per rimanere nel “nostro”
settore) senza veramente
capire cosa ci sia dentro un
computer? O quanti si
lanciano in valutazioni “paraprofessionali” dei videogiochi
moderni senza conoscere
l'evoluzione del settore che ha
portato a questi?
Forse è decisamente più
retorico quello che proclama
questa gente che non una
considerazione di sostanziale
buon senso come quella in cui
crediamo noi di The
Retrogames Machine. Non
siete d'accordo?
Convinti di questo pensammo
che quello di cui aveva
veramente bisogno il
pubblico, fosse un progetto
che gli permettesse di
acquisire una consapevolezza
dell'evoluzione
dell'informatica in generale, in
modo da poterla meglio
comprendere come è oggi. E
quale miglior modo per
insegnare la storia se non
attraverso una pratica che
l'essere umano ha da sempre
considerato come la più la più
idonea all'apprendimento? Di
cosa stiamo parlando? Ma
ovviamente del GIOCO...
Presentando contenuti legati
direttamente o indirettamente
all'aspetto ludico
dell'informatica cercheremo di
proporvi dei temi non banali o
quanto meno di trattarli in
modo non banale.
Non vogliamo essere il solito
sito che non fa altro che
presentare la solita semplice
carrellata di giochi d'epoca, tra
l'altro sempre gli stessi e su
cui sempre si scrivono le
stesse cose.
Su The Retrogames Machine
troverete argomenti non
comuni, persino di nicchia, ma
trattati sempre in una
prospettiva comunicativa più
ampia e funzionale alla
“mission” del progetto.
Siamo, però consci, che la
conoscenza non è un
privilegio di pochi, ma un
patrimonio comune e per
questo abbiamo immaginato
The Retrogames Machine
come uno spazio aperto a
tutti dove tutti possano
trovare spazio per
confrontarsi, discutere e
apportare la propria
esperienza, in cui l'ultima
parola non sia
necessariamente la nostra.
Vogliamo che questo sia
anche il VOSTRO spazio e per
questo abbiamo pensato di
estendere la nostra presenza
sui social network.
In breve tempo il nostro
gruppo su Facebook - http://
tinyurl.com/o56ft4n—è saltato
alla ribalta come uno dei
principali protagonisti della
retroinformatica italiana ed è
oggi il gruppo con più membri
cuore del nostro progetto,
ovvero il nostro sito.
Tutto questo è The
Retrogames Machine, ma non
vogliamo fermarci qui.
In collaborazione con altri
importanti progetti di settore,
tra i quali OVVIAMENTE
Retrodicola Videoludica
(www.retroedicola.it), il
Dizionario dei Videogiochi
(www.dizionariovideogiochi.it)
e IoCero.com
(www.iocero.com), cerchiamo
di offrirvi sempre argomenti
interessanti e di qualità e di
proporveli nel modo più
coinvolgente.
Vorremmo cercare di lanciare
nuove iniziative per favorire
ancor di più la divulgazione
dei nostri contenuti e per farvi
partecipare sempre più
attivamente al nostro
progetto. Il nostro sogno è
quello di rendere, un giorno,
la storia dell'informatica un
argomento visto attraverso la
ludicità, finalmente,
e più attivo del panorama
“mainstream”, e per questo
nostrano.
abbiamo bisogno di voi, di
una comunità sempre più
grande e attiva che possa
L'interazione, il “feedback”,
che riusciamo in questo modo sostenere i nostri sforzi.
ad avere con i nostri lettori è
estremamente dinamico e ci
Continuate a seguirci come
permette non solo di
avete fatto fin'ora e anche di
approfondire gli argomenti
più, chi può dire dove
trattati ma anche di “tastare il riusciremo ad arrivare
polso” alla comunità di
insieme?
appassionati per capire cosa
cercano e, perché no?, di cosa
Parafrasando il mitico slogan
“hanno bisogno” così da poter
del NeoGeo vi saluto
portare tutto questo alla
dicendovi : The Retrogames
ribalta dell'attenzione
Machine... The Future Was
pubblica attraverso quello
Now!
che, non dimentichiamolo, è il
C
ome primo articolo
di RetroCampus, la
parte tecnica del
nostro piccolo
freepress, vi raccontiamo la
storia del Computer di Nuova
Elettronica, partendo dal
computer "vero" di Roberto
Bazzano, fino al computer di
Giorgio Morocutti, ancora in
fase di costruzione.
IL COMPUTER
Z80
DI NUOVA
ELETTRONICA
Testo tratto da
computerhistory.it
Nuova
elettronica è una
rivista nata nel
1969 da una
iniziativa di
Giuseppe
Montuschi. La
rivista pubblica
progetti
elettronici e
propone l'acquisto dei
componenti necessari alla
loro realizzazione in scatola di
montaggio.
Dal 1979 inizia la
pubblicazione di una serie di
articoli sulla costruzione di un
computer basato sul
microprocessore Z80 di Zilog.
Il sistema "base" è un
computer didattico
programmabile con una
tastiera esadecimale in
linguaggio macchina. In un
lungo periodo di tempo
Nuova Elettronica pubblica
progetti di numerose schede
di espansione che
consentivano di ampliare la
macchina fino a farla
Il progetto originale era stato
realizzato da un'azienda
esterna, lo Studio LG di
Genova (che poi diventerà
Micro LG prima e Micro
Design in seguito).
I progetti del sistema base
sono presentati a partire dal
numero 68 dove sono
descritte le schede :
La scheda BUS
LX381
La scheda CPU
LX382
L'interfaccia
tastiera
esadecimale
LX383
La scheda tastiera
esadecimale e
display LX384
Il costo
complessivo dei
kit è di 200.000
lire, una cifra
abbordabile da
parte degli
Lo Z80NE nel mobile formato rack - Foto di
hobbisti ed
Roberto Bazzano
allineato con quello
dell'Amico 2000, presentato
dalla rivista concorrente
diventare un vero computer.
"Sperimentare" pochi mesi
L'apprendimento del
prima.
funzionamneto del computer A questi kit doveva
avveniva pari passo con la
necessariamente essere
realizzazione delle sempre più aggiunto un alimentatore, la
numerose e sofisticate
rivista presentò un modello
schede di espansione.
adatto allo scopo (LX380) sul
numero sucessivo, insieme alle
istruzioni basilari per l'utilizzo
del "micro-computer".
tastiera esadecimale e la
relativa interfaccia, non più
necessarie) affrontava una
spesa di 675.000 lire.
Il sistema base permetteva di
realizzare piccoli programmi da
inserire meticolosamente con
la tastiera esadecimale
utilizzando gli 8 display a led
che mostravano gli indirizzi di
memoria ed il loro contenuto.
Il computer poteva essere
collegato ad un televisore o ad
un monitor videocomposito. La
soluzione del televisore era
possibile poichè la scheda
video generava una matrice di
soli 32x16 caratteri. Nuova
Elettronica forniva un monitor
videocomposito (dal costo di
160.000 lire) ed un mobile
metallico di colore azzurro
dove montarlo (85.000 lire).
La prima scheda di espansione
fu l'interfaccia cassette LX385
che permetteva di salvare su
audiocassetta i programmi
pazientemente
digitati dato che
questi venivano
ovviamente persi
allo spegnimento
della macchina.
Sullo stesso
numero è presente
il progetto della
scheda di
espansione di
memoria da 8K
LX386.
Sui numeri 72 e 73
appaiono i progetti
della tastiera
alfanumerica
(LX387) e
dell'nterfaccia
video (LX388). Con
queste due schede
il sistema diventa
finalmente un vero computer,
completo di linguaggio BASIC,
fornito su cassetta insieme
all'interfaccia video. Una
particolarità del BASIC era che
era stato tradotto in italiano,
per renderlo più facilmente
assimilabile dall'utenza. Il
comando LIST diventava LISTA
ed il PRINT un SCRIVI.
L'utente che acquista i sette kit
per costruire la prima
configurazione di un computer
completo (escludendo la
Sul numero 75 appare il
progetto di un programmatore
di eprom (LX394-LX395) e
quello di una interfaccia per
floppy disk (LX390). Nuova
Elettronica fornisce il drive a
singola faccia Tandon TM100-1
da 5,25" (dal costo di 595.000
lire). Con il controller viene
fornito un floppy contenente i
programmi per formattare e
duplicare i floppy ed il Basic in
versione 1.0, lo stesso già
fornito su cassetta. Nello stesso
numero viene anticipato che
sarà presto disponibile per il
computer il sistema operativo
CP/M ed un
Basic da 16K.
Sul numero
seguente viene
presentata una
scheda di
espansione con
ram dinamica
da 32k (LX392).
Il case dello Z80NE e l’alimentatore di
Giorgio Morocutti
Nello stesso mobile poteva
essere inserita la tastiera
alfanumerica ed il floppy disk.
Le schede del computer
dovevano essere ospitate in un
mobile separato, la rivista ne
vendeva uno apposito in
formato rack.
Altre opzioni disponibili erano
l'interfaccia stampante LX389
ed una stampante termica della
americana Trendcom.
Sul numero 79
viene
finalmente
annunciato il
tanto atteso
sistema
operativo per il
computer. Non
si tratta
dell'annunciato
CP/M, ma di un
sistema operativo che viene
chiamato NE/DOS e definito
"un DOS studiato
appositamente per Nuova
Elettronica" con "caratteristiche
e potenza comparabili al
sistema operativo CP/M".
La Micro LG di Genova creò un
club degli utenti di questo
computer. A partire da Gennaio
1981 inviava agli iscritti un
bollettino contenente
informazioni utili sull'uso e lo
sviluppo del computer. La
Micro LG continuò a sviluppare
schede per il computer anche
dopo che la rivista abbandonò
il progetto, terminando la
pubblicazione degli articoli.
Nuove espansioni di memoria,
controller floppy a doppia
densità, interfaccie parallele,
una nuova scheda video
grafica, e perfino un modem,
che poteva essere utilizzato
per accedere al "bulletin
board" (a pagamento) gestito
dalla società.
IL COMPUTER Z80
DI GIORGIO
nostro retromondo tutto può
succedere!!!)
Roberto possiede alcune
schede “di scorta” ancora
totalmente da montare che ha
recuperato nelle sue ricerche
e con gran generosità me le
ha offerte a fronte della
promessa di utilizzarle per la
realizzazione di un secondo
esemplare di Z80NE.
Detto fatto: verificato che
anche a casa l'amato Lemon
funzioni correttamente,
comincio a verificare il
T
Con grande entusiasmo inizio
le migliaia di saldature che mi
aspettano, ma dopo qualche
tempo ad un controllo con la
lente mi accorgo che un buon
numero delle stesse sono
“fredde”.
Non ho capito se per lo stagno
di tipo moderno, se per il
saldatore non adatto e se per
qualche trattamento
superficiale che hanno
ricevuto le schede: la
realizzazione si ferma.
E siamo ad oggi: le schede
sono tornate a casa proprio
poche ore fa dalla sede di
RetroCampus dove erano
conservate e la sfida riparte.
utto nasce dalla
disponibilità datami
alcuni anni or sono da
Roberto Bazzano a
rifare le eprom per il mio
Lemon partendo dalle eprom
sane del Lemon di BBK (niente
di semplice nel nostro
retromondo!)
Purtroppo le eprom vergini
sono di un tipo introvabile e
difficile anche avere il
programmatore adatto:
naturalmente Roberto ha sia
le une che l'altro, ed allora
una passeggiata a Ponte Tresa
(quasi Svizzera) dall'amico
BBK a recuperare il Lemon
sano e poi una puntata ad Asti
da Roberto con i due Apple II
compatibili.
zoccoli e spine.
Giorgio Morocutti
materiale datomi da Roberto
e subito appare una prima
difficoltà: manca del tutto la
scheda relativa
all'alimentatore!
Dopo qualche momento di
panico, mi viene in soccorso
un amico di Rovato che a
fronte del disegno della
scheda che ho potuto
realizzare scalando
correttamente il disegno che
compare sulla rivista, riesce a
realizzare l’indispensabile
basetta.
Mentre Roberto copia le
eprom senza problemi e ridà
vita al mio Lemon, mi
racconta della realizzazione
del computer di Nuova
Elettronica, il famoso Z80NE,
Parte allora la ricerca del
la cui storia completa è nei siti
materiale necessario,
in calce.
integrati, resistenze,
condensatori, pulsanti (i
(Ho trovato tra l'altro molto
pulsanti della tastierina
interessante e significativa la
parte che racconta la scoperta esadecimale li ho trovati
abbandonati in un cassetto
del clone dell'har disk
presso la ex-GBC di Brescia!),
dedicato dello Z80NE: nel
P.S. Poiché l'età non perdona,
il racconto potrebbe essere
impreciso sia nei tempi che
per le descrizioni e me ne
scuso in anticipo.
SITI DI RIFERIMENTO:
computerhistory.it
http://tinyurl.com/l4lsqlh
The Home Z80 N.E.
http://www.z80ne.com/
missili, caccia e il temuto
robot nemico “Zaxxon”. Con
l'aiuto di un altimetro controlli
axxon è un
costantemente la tua
videogioco arcade
altitudine, mentre con un
(coin-op) di genere
joystick in stile aereo, controlli
sparatutto isometrico la tua navetta, facendoti
rilasciato dalla Sega
strada attraverso aperture nei
nel 1982.
muri, sotto campi di forza,
evitando missili e in un livello
<<Alcune fonti sostengono
più avanzato, duellando con
che l'azienda di elettronica
Zaxxon, l'insidioso robot
giapponese Ikegami Tsushinki
nemico. Un attacco condotto
abbia lavorato allo sviluppo di
con successo attraverso la
Zaxxon assieme a Sega>>.
prima piattaforma ti porta ad
uno scontro nello spazio
Zaxxon dà al giocatore
profondo contro aerei nemici.
l'esperienza di pilotare una
Mentre sali, viri e scendi,
navetta da combattimento
appare su schermo un
attraverso una fortezza
“mirino” per indicare la
asteroide, mentre si spara a
posizione esatta del colpo
entità nemiche. Lo scopo del
gioco è di colpire più bersagli laser sul mezzo in
avvicinamento. Oltre alla tua
possibili, senza essere
altitudine, vengono mostrati il
abbattuti o rimanere a corto
di combustibile. Quest'ultimo tuo punteggio, il numero di
navette che ti rimangono, il
può essere rifornito,
numero di navette nemiche
paradossalmente, facendo
da distruggere e il carburante
esplodere dei fusti di
rimanente. Bonus di
carburante.
carburante, oltre che per i
Gameplay
punti, vengono assegnati per
la distruzione di serbatoi di
Zaxxon é presentato in una
carburante, ma la tua navetta
particolare prospettiva
isometrica, nella quale ti trovi si schianta se rimani senza
durante i livelli.
ai comandi di un mezzo
spaziale “shuttle di attacco”,
Distrutto un determinato
mitragliando la cittá asteroide numero di navette nemiche,
del nemico, nel tentativo di
appare Zaxxon, lanciando
distruggere serbatoi di
missili a ricerca. La
carburante, cannoni torretta, distruzione di Zaxxon richiede
Z
sei colpi diretti nel
lanciamissili del robot,
dopodiché il livello cambia,
con difficoltá maggiore. Il
numero di navette del
giocatore e i livelli dei
punteggi bonus sono
selezionabili dall'operatore.
La partita termina con la
perdita della tua ultima
navetta.
Controlli
Joystick: Un realistico joystick
a cloche controlla l'altitudine
e il movimento laterale della
vostra navetta. E' dotato di un
pulsante di fuoco e una luce
rossa per segnalare il fuoco di
ogni colpo.
Pulsanti di fuoco: Oltre al
pulsante di fuoco sul joystick,
ci sono altri due pulsanti
posizionati sul pannello di
controllo. Hanno tutti e due la
stessa funzione. Utilizzandoli
entrambi allo stesso tempo,
possono garantire il fuoco
costante. Uno si trova sulla
sinistra, per i piloti destri e
l'altro è posizionato sulla
destra per i mancini.
1-2 Giocatori: Premere uno
dei due tasti per iniziare una
partita a uno o due giocatori.
Gameplay riassuntivo
È possibile controllare una
navetta da combattimento
che deve essere pilotata
attraverso due piattaforme di
una città asteroide.
La vostra navetta può
muoversi a destra e a sinistra,
così come può salire e
scendere. Un altimetro
visualizzerà l'attuale altezza
dal suolo.
E' possibile sparare un laser
per distruggere bersagli a
terra e avversari aerei. La
navetta deve trovarsi alla
stessa altezza del bersaglio
per distruggerlo.
Si perde una navetta
scontrandosi con qualsiasi
oggetto o se si viene colpiti
dal fuoco nemico.
Tra il primo e il secondo
paesaggio nella città, potrete
volare attraverso lo spazio
esterno, mentre venite
attaccati da una squadra di
aerei nemici.
Alla fine del secondo
passaggio in città, dovrete
affrontare un grande robot
(Zaxxon), in un duello
all'ultimo sangue.
era pilotare un piccolo caccia
stellare in una missione di
incursione su una serie di
fortezze nemiche sospese
nello spazio, sino ad
incontrare e distruggere il
robot lanciamissili che dava il
nome alla macchina arcade.
”Zaxxon” era caratterizzato da
una notevole complessità nel
controllo del veicolo
protagonista, capace di
muoversi nelle tre dimensioni,
che ne fece uno dei primi
cosidetti “mangiasoldi”.
Per dare meglio al giocatore il
senso della profondità, Sega
decise di dotare la navetta di
un'ombra verticale per
indicare l'altitudine della
navetta stessa al di sopra
della superficie: fu il primo
esempio di ombreggiatura
implementata in un
videogioco. Di fatto, pur
essendo un semplice esempio
di grafica tridimensionale, nel
1982 fu da molti ritenuto il
gioco da bar dotato della
miglior grafica in assoluto e
l'impressione suscitata fu tale
che due anni dopo, al
momento del lancio europeo
È necessario colpire il missile
del robot sei volte per
distruggerlo, se non riuscirete,
perderete una navetta.
Processore Principale
dello standard MSX, recitava
con vanto il fatto che: “L'MSX
ha Zaxxon, con la sua favolosa
grafica tridimensionale”.
Dati Tecnici
C'erano due differenti cabinati
dedicati disponibili per
Zaxxon, uno verticale ed uno
cocktail:
La versione verticale era
distribuita in un bel cabinet
color legno con adesivi neri e
blu sulle fiancate. Il marquee
è il logo ”Zaxxon” su uno
sfondo stellato. Il pannello di
controllo ha un massiccio
joystick a 8 direzioni in stile
controllo di volo, e illustrazioni
che mostrano come giocare.
Infine, il cabinet verticale usa
due set di gettoniere in uno
strano stile un pò “spoglio”.
La versione cocktail era
distribuita nel tavolo cocktail
standard Sega/Gremlin
(questo stesso tavolo venne
usato per ”Frogger”, ”Carnival”
e molti altri titoli). Era una
macchina relativamente
spoglia, le cui uniche
decorazioni erano due set di
ZAXXON - DATI TECNICI
Z80 (@ 3.04125 Mhz)
Modalità di Gioco
Chip Audio
Circuiti discreti
Zaxxon appartiene al genere
sparatutto a scorrimento.
Zaxxon fu il primo gioco ad
impiegare una
rappresentazione grafica in
proiezione assonometrica,
particolare questo che ha
dato il nome al gioco (AXXON,
dall'inglese AXONometric, che
vuol dire “assonometrico”). Il
tipo di proiezione
assonometrica è quella
isometrica, un'idea che venne
presto imitata da diversi altri
produttori. Scopo del gioco
Orientamento dello schermo
Verticale
Risoluzione video
224 x 256 pixel
Aggiornamento schermo
60.00 Hz
Colori palette
256
Giocatori
2
Controllo
Joystick a 8 direzioni
Pulsanti
1 (FUOCO)
Livelli
20 (senza fine - dopo il 20° livello il
contatore del livello viene sostituito
dalla frase “GIVE UP!”, che significa
“RINUNCIARE!”, e il gioco continua
all'infinito)
fogli di istruzioni sotto il vetro.
Questa macchina aveva il
pannello di controllo da
entrambi i lati ed usava due
joystick Wico “a palla” invece
dei joystick di tipo “da volo”.
Tutte le versioni utilizzavano
un monitor verticale a cornice
aperta, ed usavano le stesse
schede. Zaxxon è
completamente compatibile
con ”Congo Bongo”, ”Super
Zaxxon”, e ”Future
Spy” (queste schede si
collegano senza modifiche).
Nella cultura popolare
Un porting di Zaxxon per una
console casalinga viene
mostrato nel video musicale
della canzone ”Blue Monday”,
dei New Order.
Zaxxon era il tema principale
di un film indipendente del
1986, ”Hollywood Zap!”.
Serie
1. Zaxxon (1982)
2. Super Zaxxon (1982)
Curiosità
3. Zaxxon 3-D (1987, Sega
Master System)
Pubblicato durante il Gennaio
del 1982.
4. Zaxxon Motherbase 2000
E' stato il primo gioco arcade
ad essere pubblicizzato in
televisione, con uno spot
prodotto dalla Paramount
Pictures per 150.000 dollari.
Vernon Kalanikaus detiene il
record ufficiale per questo
gioco con 4.680.740 punti il
15/03/1982.
Una unità di Zaxxon appare
nel film 'WarGames' del 1983.
Un bootleg di questo gioco è
conosciuto come ”Jackson”.
Zaxxon's Motherbase 2000
venne rilasciato per il Sega
32X nel 1995. E' stato il primo
gioco di Zaxxon ad utilizzare la
grafica 3D. Il gioco portava il
marchio di Zaxxon solo negli
Stati Uniti, la versione
giapponese venne rinominata
Parasquad e la versione
europea Motherbase.
Zaxxon è stato il primo gioco
recensito su YouTube nello
show Classic Game Room HD
il 20 Febbraio 2008.
Al momento della
pubblicazione, Zaxxon era
unico in quanto era il primo
ad usare proiezioni
isometriche, qualcosa come
una vista a tre quarti. Questo
effetto simula le tre
dimensioni (sebbene dal
punto di vista di una
seconda persona).
Nel gioco, Zaxxon è il nome
del robot nemico che devi
distruggere. Milton Bradley
ha convertito questo ed altri
titoli Sega in giochi da tavolo.
'Can You Complete Your
Mission Before Zaxxon Zaps
You?'
console faceva uso degli
occhiali 3D, un'add-on che
permetteva una percezione
extra della profondità. Come
per i port Atari 2600 e
Intellivision, il gioco era a
scorrimento in avanti
piuttosto che isometrico.
Nel 2012 Zaxxon venne
presentato alla mostra ”The
Art of Video Games”, al
museo Smithsonian. Un
sequel diretto, Zaxxon
Escape, venne rilasciato il 4
Ottobre 2012 per i dispositivi
Apple e Android. Il gioco
venne criticato per avere
poca somiglianza con
l'originale arcade.
(1995, Sega 32X)
5. Zaxxon Escape (2012,
dispositivi Apple e Android)
Eredità
Zaxxon generò un sequel:
Super Zaxxon. Lo schema di
colore era differente, la
navetta del giocatore volava
più veloce (rendendo il gioco
più difficile), e il robot alla fine
della seconda fortezza venne
sostituito da un drago. Non
fece così successo come
l'originale.
Nel 1987 Zaxxon 3-D venne
rilasciato per il Sega Master
System. Questa variante per
Scheda con altri dettagli:
tinyurl.com/lnjtbfk
D
ue novità da
Cloanto; le edizioni
2014 di Amiga
Forever e C64
Forever.
Vediamo nel dettaglio le
novità di questi pacchetti
software ormai noti da tempo
alla comunità Amiga e
Commodore64 (in parte
introdotte anche nelle versioni
2013 e 2013R2):
Tutte le versioni per Windows
sono ora disponibili per il
download in versione
"Installer" (non è più
necessario masterizzare CD o
DVD o montare l'immagine
ISO per installare il software).
É presente la possibilità di
creare immagini ISO
personalizzate (CD o DVD) e
ambienti portabili (da
eseguire per mezzo di penna
USB per esempio).
Supporto per template "RPImage" di terze parti.
Funzionalità ripristino
configurazione di file di
sistema (menu Strumenti) per
ripristinare i componenti
condivisi (Amiga ROM e file
del sistema operativo, RP9s
nuove caratteristiche di
montaggio dei supporti.
L’integrazione con i social
network per gli aggiornamenti
"Now Playing", post manuali e
screenshot.
Nelle immagini, alcune delle
novità introdotte.
sistema, ecc).
Nuovo provider RP9 per
miniature; più veloce aprire,
modificare e convertire RP9,
comandi accessibili
direttamente da Esplora file,
per offrire una migliore
esperienza di contenuti al di
fuori del player.
WinFellow è ora disponibile
come plug-in aggiuntivo di
emulazione. È possibile fare
clic su qualsiasi titolo
compatibile e selezionare
"Gioca con / WinFellow",
oppure selezionare la priorità
del plugin e opzioni aggiuntive
nelle impostazioni di
emulazione.
Aggiornato AROS e altri
contenuti.
Nuovo Visual Screen Clip
Editor, per una facile
regolazione delle impostazioni
della modalità schermo Amiga Migliorato l' RP9 Editor, con
nuove opzioni e decine di
Per C64 Forever le novità
sono: (oltre in parte a quelle
già descritte sopra per Amiga
Forever).
Possibilità di usare
l'emulazione C128 in modalità
80 colonne.
Emulazione SX-64.
Emulazione di CBM 510, CBM
720, CBM 232, CBM V364.
Build image tool (come sopra).
RP9 miniature preview, ecc...
(come sopra).
Speciale Fightin’ Spirit
Un monografico dedicato al
videogioco italiano cult per Amiga,
con un’esclusiva intervista al grafico
Giacinto Platania.
Speciale RoboCop
Un monografico dedicato a un’icona
pop degli anni ‘80, con articoli inediti
per sapere tutto sul famoso cyberpoliziotto.
Fly UP