...

Linguaggio giovanile nell`italiano contemporaneo

by user

on
Category: Documents
7

views

Report

Comments

Transcript

Linguaggio giovanile nell`italiano contemporaneo
Lucyna Marcol
Università della Slesia
Linguaggio giovanile
nell’italiano contemporaneo
Espressioni del linguaggio giovanile
e la loro provenienza

MASS MEDIA

Capito mi hai?
Vamos a la playa
C’est plus facile
Ma de che?
Non capisco ma mi adeguo
Silenziao! Parla Agnesao (dal cacao meravigliao) –
Silenzio! – Parla Agnesi!
Nuovo? No, lavato con Perlana.
Cedimento strutturale – quando qualcosa crolla







Espressioni del linguaggio giovanile
e la loro provenienza


















INTERNAZIONALISMI
cucador
un bit
con mucho gusto
road map
ami me gusta
arrapescion – ragazzo eccitante
compilescion
tentacolescion
nomination
authorithy
andiamo al fitness center anziché in palestra
shit come scuola
cash come denaro
Clochards – è non più barboni quelli che dormono nel sottopasso della stazione
(soprattutto a Milano)
Ministero del Welfare – Ministero del Benessere
Ti piacciono i jeans? – Sì, sono nais, ma poi c’è la targhetta che è più nais ancora!
In che aula siamo oggi? – Aula G o H. – Ah, perché c’è la television. – Oh, yes!
Espressioni del linguaggio giovanile
e la loro provenienza

ITALIANO COLLOQUIALE


suffisso –aro: panninaro / metallaro / casinaro
suffisso –oso: galloso / palloso / incazzoso / sciccoso
suffisso –ata: figata
prefisso –mega: megafesta / megadiscoteca / “è mega”

LESSICO SESSUALE (abbondanza)

“Mi sono svegliata ed ho urtato contro quel cazzo di mobile (non so
chi sia stato quel pirla a metterlo proprio lì) dopo di che quel
bastardo dell’autista dell’autob. non mi ha fatto salire”
“+ sfigata che mai la “bestia” mi interroga in storia ed io, ingrippata
al massimo, non gli spaccico neanche una parola xché mi sta
pesantemente sulle palle. Uscita da scuola vedo quel pezzo di
stronzo che 2 anni fa si è messo con me ma che io ho mollato dopo
1 settimana”



Espressioni del linguaggio giovanile
e la loro provenienza









DIALETTO del luogo
strizza – paura
arrapare – eccitare sessualmente; voce di origine napol., prob. deriv.
di rapa, con allusione erotica o salace
bono/a – sessualmente attraente
gnocco/a – persona molto attraente
racchia – brutta, sgraziata; contro tutte le tentazioni
burino – (roman.) rozzo, zotico, villano
scorfano – persona molto brutta
pirla – sciocco
Espressioni del linguaggio giovanile
e la loro provenienza










GERGHI TRADIZIONALI
(specialmente gergo militare e gergo della malavita)
cesso – luogo o cosa lurida, schifosa; cosa di pessima qualità,
persona brutta, sgraziata
cotto/a – persona ubriaca o molto innamorata
dritto – furbo, scaltro
figo (fico) – giovane dall’aspetto fisico piacevole, che si veste
e si comporta secondo i gusti di moda; come agg. può essere riferito
anche a cosa alla moda, particolarmente attraente
frocio – omosessuale maschile; checca
ganzo – cool; persona abile, furba, scaltra
imbranato – imbrigliato, impacciato
leccare – (arruffianarsi i professori)
smaronarsi – rompere le scatole
Espressioni del linguaggio giovanile
e la loro provenienza












GERGHI INNOVANTI
cannarsi – bere ingordamente, tracannare
farsi una pera – iniezione di eroina
sballo – effetto allucinatorio prodotto da una sostanza stupefacente;
situazione eccitante e fuori dal comune
overdose – dose eccessiva di un farmaco o di una droga
schizzato – nervoso, stressato
avere il trip di qualcosa – essere pieno di qualcosa
sbarellamento – sballo; effetto allucinatorio prodotto da una
sostanza stupefacente
sapiens, arterio, fossile – genitori (come una volta si diceva
‘medusa’)
tamarro – giovane di periferia che veste alla moda, ma in maniera
volgare
sfitinzia – ragazza giovane e graziosa
interfacciare – mollare uno schiaffone
Espressioni del linguaggio giovanile
e la loro provenienza

IPERBOLE


da dio / mitico / favoloso / stupendo
atroce / bestiale / mostruoso / mitico – non più bellissimo o fantastico
allucinante
pauroso / pazzesco / roba da matti
oceanico - come la fortuna è cieca così la folla diventa oceanica

METAFORE

mollusco / ameba – persona priva di carattere e di volontà
pizza – persona o cosa noiosa; persona pesante
cozza – ragazza brutta
sgommare – fare una sgommata, cioè stridio provocato dagli pneumatici di un
veicolo che affronta una curva a velocità sostenuta o parte da fermo accelerando
violentemente
lampadato (osram) – abbronzato grazie a frequenti sedute di lampada abbronzante







Espressioni del linguaggio giovanile
e la loro provenienza

TELEFONESE (troncamento)

Da dv dgt? – da dove digiti?
Cm t kiami? – Come ti chiami?
Qnti anni hai? – Quanti anni hai?
80 voglia di te 15’ncontriamo? TVB :* – Ho tanta voglia di te quindi ci incontriamo? Ti voglio bene, un
bacio.
80 voglia d vederti. Facc dom? Cmq c sentiamo! – Ho tanta voglia di vederti. Facciamo domani?
Comunque ci sentiamo!
Nn – non / sn – sono / dv – dove / +/- – più o meno / vaitra – vai tranquillo
Cm va? Io +/- ok, così così. Xké nn c ved da me dom? Così facc 2 chiakk in pace. Squilla se è ok. Baci
Dom – Come va? Io più o meno ok., così così. Perché non ci vediamo da me domenica? Così facciamo
due chiacchiere in pace. Squilla se è ok. Baci Domenico.
Xké nn mi risp sul cell – Perché non mi rispondi sul cellulare?
Tkiedo Xdono...1 bacione – Ti chiedo perdono con un bacione oppure Ti chiedo come regalo un bacione
Hai axto la mail oggi? – Hai aperto la mail oggi?

SIGLE











PPC – pronto per crisantemi, cioè vecchio
TVTB – ti voglio tanto bene
Peculiarità linguistiche dell’italiano di chat, e-mail e sms
(con esempi)

Uso modale dell’imperfetto


“Volevo sapere se potevo passare a fare 2 chiacchiere ma se non c’è non fa niente”
“Ciao! Sn Tommaso, avevo kiamato x kiederle se si ricordava se i libri Franco
me li ha messi a 50 0 60 euro. Xké io e Stefano avevamo capito 60, ma nn m tornano
i conti.

Ridondanza pronominale

“Ciao Giorgia, tu eri al corrente della cena di classe della settimana scorsa? Il Pietro
e il Franco c’erano...a noi nn ci hanno chiamato...tu ci sei andata?

Segnali discorsivi in posizione iniziale

“Comunque riguardo, si, deve essere corrisposto. Cambiare si cambia lo stile di vita,
si rinuncia a parecchie cose ma il carattere...
Cmq io ci sono sempre anche se non possiamo andare tutti i giovedì allo stadio.
Un abbraccio.
Ma dico...lo vedi?


Peculiarità linguistiche dell’italiano di chat, e-mail e sms
(con esempi)

Indicativo al posto del congiuntivo

“Spero che stai passando un buon ferragosto...auguri da me e famiglia...saluta Dario...
vi voglio bene...ciao e buon divertimento...”
“Ciao Gianni. Spero che vi state divertendo...a me la settimana è andata bene...scusami che non ti
ho
risposto
prima
però
ho
preso
il
cell
adesso...
ti
saluta
mamma...
CMQ anch’io vi ho pensato...VVTB”

Uso della marca ‘debole’ che


“Alle 15:30 pronta che ci facciamo un giro al mare!”
“Come potrà mai passarmi la gastrite che sono ancora in ufficio? Ahhhhrg! Che palleeee!
“Ciao Tamara! Mi cerchi x favore il num della tirrenia che devo chieder un info? Grazie Ps: risp.
tramite sms”
“Come è che ti chiami?”

Uso di profasi con elementi olofrastici





“Mi inviti a pranzo? Io mi posso sganciare alle 15, se si mi squilli? Ma abbiamo prenotato o no?
Altrimenti stasera è un casino!”
“Vorrei sapere se sono stata ammessa o no perché per problemi familiari non posso andare
a vedere i quadri...La prego me lo faccia sapere.”
Peculiarità linguistiche dell’italiano di chat, e-mail e sms
(con esempi)

Estensione e lessicalizzazione dell’uso di ci

“Si può sapere ke kavolo di orari fai? Non ci kapisko nulla!”
“Prego professoressa! L’ho fatto perché so che lei ci tiene a queste cose e scusi ancora se non
gliel’ho detto prima. A martedì”

Verbi in forma pronominale (“dativo etico”)








“Ho camb idea, c’è mare forza 3,2 mt di onda e 12 kt ca di vento. Mi faccio 1 bagno”.
“Alle 15:30 pronta che ci facciamo un giro al mare!”
“Mi sono rotto, partiamo x CA il 23, ci affit una casa dove vuoi tu, torniamo il 3 da BG ed il 6 and
Roma. Così vedi la famiglia amici e via, cos ne pens? Risp. a wind.”
Perifrasi progressive: stare + gerundio
“Io mi devo alzare alle 6 domani, sto provando a chiamarti ma 6 sempre occup! Ma con chi 6 al
tel?! Notte:( “
“Sono alla frutta! Dalle 8 sto correndo e in + stasera devo lavorare al concerto di Bob Dylan! Oggi
cmq passo 4 your ticket”
“Sto trascrivendo i tuoi sms xché non ho + posto in mem. Ma mi si kiudono gli occhi. Buonanotte!
Ps: 6 stata una ottima receptionist oggi...”
Peculiarità linguistiche dell’italiano di chat, e-mail e sms
(con esempi)

‘Cosa’ e ‘che’ interrogativi

“Ti sto kiamando da 1 cifra e mi da sempre occupato! Cosa combini?”
“Ke fai? Io sto decidendo che agli esami andrò x sport...non so un tubero!”
“Buon giorno prof! Sono Domenico! Come procedono le vacanze? Spero bene! Volevo chiederle,
visto ke a casa ho ‘I nuovi racconti romani’ di Moravia, se poteva andare bene leggere questo
libro! Lei che dice? Scusi per il disturbo e...buone vacanze!”

Ordine dei costituenti e strategie di tematizzazione









“Domani vengo a scuola un po’ impreparata su storia xke il 16 capitolo non l’ho capito!”
“La lettera che le ho scritto sarà meglio che gliela porti a mano! Buone vacanze! Baci”
[...] Comunque li ha corretti i compiti? Sono andati bene?...Ho una paura!
Sottosistema pronominale (lui, lei, loro PPS e allargamento funzioni del
dativale gli)
“Sul nostro volo c’è un talebano a cui volevo offrire una birra, ma lui mi ha risposto: no, grazie,
non posso, devo guidare l’aereo...!
“Ho litigato con Carmela e anche se gli ho chiesto scusa lei non vuole perdonarmi, vabbè
pazienza.”
“Ma come posso fare loro faranno sicuramente storie risp p*”
Peculiarità linguistiche dell’italiano di chat, e-mail e sms
(con esempi)















Segnali di modulazione e focalizzazione
“6 proprio 1 brocca. Accendi la suoneria!”
“Scusami x prima, ma oggi è stata proprio 1 giorn di merd. In b. al l. x dom. Stai serena
e non ti preoccup, 6 la migliore!”
“Ajo! Come va? Mi fai sapere allora cosa fai stasera? Ciao.”
“Guarda ke io sono out, sto a pezzi. Posso sdraiarmi 30 min? Vengo lì alle 15:30 +/- ”
“Ciao seppietta, come va? Sei al mare? E quanto resti ancora? Guarda che stavolta ti voglio
vedere. Un bacione, Claudio.”
“Io c’ero stamattina! Guarda che mica mi devi risp x forza! Avevo voglia di mandarti un msg
e basta...visto che ho ricaricato! Ciao bionda, baciotti!”
“Siamo arrivate al cinema e il film non c’è più...Li hanno cambiati giovedì...Vabbè l’importante
è partecipare! Buone vacanze!”
“Vorrei sapere al voto preso nelle tre prove devo sommare anche i punti di credito...ho un bel po’
di paura per domani...ho paura che vada male e che sia bocciata...arrivederci.”
Giustapposizione
“Tarderò un pokino, passo in auto tra 20 primi”
“Siamo rientrati ora, io doccia poi nanna e poi arrivo...”
“Io da mò arrivato! Ho già finito pure di docciare e tu fai nanna...”
“Ci sentiam + tardi. Ora sono inkasinato. Sto schiattando sotto i fendenti dell’imprenditore
commerciale!”
“Ora non ti posso chiamare, xò 90% domani alle 15...viaaa! A dopo!”
Peculiarità linguistiche dell’italiano di chat, e-mail e sms
(con esempi)

Riferimenti a canzoni, personaggi e fatti dello spettacolo, battute

“Se indovini vinci un tapiro di legno!”
“Però ti vedrei bene con ER PIOTTA!”
“Ciao..studi? Uff che barba che noia...bacissimi”
“Ma che orco il tuo capo! Miii lo odio!”
“Colaz. a base di cioccolat. Spero che tutti questi grassi oltre a farmi diventare “tutto ciccia
e brufoli” mi tirino un po’ su. Che brutta sensazione non averti qui.”
“È proprio un mondo difficile! Ti tel domani dopo pranzo. Notte notte. T.”
“Lucia non c’è, è andata via, è caduta in galleria! I’ll call you later.”

Soluzioni intermedie










“Ero pronta da giorni a scriverle una lettera per raccontarle un pò di cose. Ma sono da giorni
a letto con 40. Oggi no. Mi è saltato pure l’esame! Ero preparatissima la penso sempre!
Se è a casa domani la chiamo. Anche se all’idea della lettera non vorrei rinunciare!
Un abbraccio affettuoso”
“La canzone dei Timoria&Articolo31 si intilola “Mexico”. È carina, scaricatela dal dito dei
Timoria così la puoi ascoltare...e pensami! Testina.”
“Brava topo, magari ti chiamo stasera così mi dici le domande intelligenti ke ti hanno fatto!
“No! La lascio là così si stropiccia tutta ah ah! La tua gonna è già pronta e mi è costata ben 10
euro!”
Riferimenti bibliografici





Banfi E., Sobrero A. (a.c.di), 1992 : Il linguaggio giovanile degli
anni novanta, Laterza, Bari.
Cortelazzo M.A., 1994 : Il parlato giovanile in: SerianniTrifone (a.c.di), Einaudi 1994.
Coveri L. (a.c.di), 1993 : Novità del/sul linguaggio giovanile,
Radtke.
Radtke E. (a.c.di), 1993 : La lingua dei giovani, Narr,
Tubingen.
Radtke E. (a.c.di), 1993 : Varietà giovanili in: Sobrero, Laterza,
Bari.
Fly UP