...

Lo Scherzo - I Piccoli Pomeriggi Musicali

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Lo Scherzo - I Piccoli Pomeriggi Musicali
i piccoli
pomeriggi
musicali
in collaborazione con Sconfinarte
Direttore Daniele Parziani
mer 31 ottobre 2012, ore 17.30
concerto di halloween:
dolcetto
o scherzetto?...
in musica
Uguali e Opposti
Musica per rendere
più Uguali gli Opposti
Interpreti e personaggi:
Orchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali
Benedetta Borciani: La Streghetta
I Piccoli Pomeriggi Musicali: L’Orchestra Mostruosa
Daniele Parziani: Il Direttore dell’Orchestra Mostruosa
Violino
Saint Saens: Danza Macabra
Grieg: In the Hall of the Mountain King da “Peer Gynt”
Dukas: Apprendista stregone
Mendelssohn: Musiche da “Sogno di una notte di mezza estate”
Williams: Harry Potter, suite
Mizzy: Famiglia Addams
Mussorgsky: Una notte sul Monte Calvo
Jackson: Thriller, trascrizione Marco Murru*
Jovanotti: La notte dei desideri, trascrizione di Alice Berni*
*Novità di questa Stagione: il M°Alessandro Solbiati ha coinvolto gli Allievi
della sua classe di Composizione presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di
Milano nell’attività di trascrizioni ad “hoc” per l’Orchestra dei Piccoli. Si crea così
l’opportunità per compositori e professori d’orchestra in erba - pressappoco coetanei
- di sperimentare in un ambiente protetto e con la giuda dei Maestri i limiti e le
potenzialità di quello che dovrà essere il loro lavoro.
Ilaria Bellina
Bianca Beltramello Cecilia Bonucchi Paola Cardarelli Niccolò Cazzola Diego Ceretta Simone Ceriani Simone Ciccarelli Francesco Dal Zotto Francesco Della Volta Caterina Dubini Margherita Gimelli
Sofia Gimelli Sofia Goetz
Mara Kitzarakis
Alberto Maruzzelli
Emanuele
Mazzarella
Martina Menichella
Lorenzo Meraviglia Viola Muneratto Agnese Omini Iris Tripodi Federica Trombetta Viola
Tromba
Violoncello
Sax
Francesco Mariotti
Gabriele Battaglia
Michele Cardarelli
Marcello Pojaghi
Mughihiko Sano
Francesco Tamburini
Contrabbasso
Davide Polloni Flauto
Mara De Luca
Beatrice Minniti
Valeria Vertemati
Oboe
Luca Ragona
Giacomo Riva
Clarinetto
Riccardo Acciarino
Elena Sale
Federico Scaglione
Riccardo Savioli
Trombone
Davide Pogliani
Percussioni
Letizia Grassi
Matteo Savio
Diego Verzeroli
Pianoforte
Marta Ceretta
Lo Scherzo
C’era una volta lo Scherzo.
Come tutte le storie che si rispettino anche la nostra comincia così.
C’era una volta lo Scherzo.
Voi sapete cosa è uno scherzo, vero? Tutti sanno cosa è uno scherzo e tutti
fanno scherzi perché gli scherzi mettono allegria.
Che c’entrano gli scherzi con la musica?
C’entrano e come, perché la musica non è altro che il racconto in suono
della nostra vita, di quello che ci emoziona, di quello che ci commuove, di
quello che ci rende felici.
Se esistono gli scherzi nella vita, state sicuri che qualcosa di simile c’è anche
in musica.
E infatti lo Scherzo è anche una forma musicale, una composizione che
imparerete a riconoscere presto, perché in musica - come nella vita – è
un Allegro, un Vivace, un Presto, insomma è un ritmo veloce che porta
distensione a chi lo ascolta.
In musica gli Scherzi esistono da sempre, ma noi ne abbiamo seguito
la storia soprattutto dal 1600 in poi. Nel 1600 gli Scherzi venivano
cantati o suonati con gli strumenti musicali. Erano musiche semplici, molto
popolari, piene di fantasia.
Poi nel 1700 Joseph Haydn pensò che inserire uno Scherzo nei suoi
Quartetti poteva essere una buona idea. In realtà stava facendo una cosa
molto importante, stava aprendo una nuova strada nel modo di comporre
musica.
Non passò molto tempo che anche Ludwig van Beethoven cominciò a
guardare lo Scherzo con occhi nuovi. Nelle Sinfonie, a quel tempo, il terzo
movimento era quasi sempre un Minuetto, una danza molto amata nel
1700 che Haydn e Mozart avevano inserito con molto successo nelle
loro composizioni per orchestra.
Beethoven pensò che uno Scherzo nel corpo delle sue Sinfonie poteva
funzionare molto bene. In fondo, rispetto al Minuetto, lo Scherzo è un
tempo più veloce, ha un gusto più arguto, più giocoso e quindi è perfetto
per allentare la tensione creata dal secondo tempo, solitamente un Adagio,
e preparare l’ascoltatore a gustare a pieno l’ultimo movimento, quello che
deve coinvolgerti, esaltarti, trascinarti ad applaudire. Pensate che Beethoven
inserì uno Scherzo finanche nella più monumentale delle sue sinfonie, quella
Nona che si chiude con l’Inno alla Gioia che tutti noi conosciamo perché
è l’inno dell’Unione Europea.
Lo Scherzo in Musica è proprio una buona idea e tutte le buone idee
non tramontano mai. Il tempo passa, il mondo cambia e le buone idee
cambiano con il mondo ma continuano ad esistere.
Così lo Scherzo ha percorso tutto l’Ottocento e tutto il Novecento ed è
arrivato fino ai nostri giorni.
Chi non ha sentito parlare degli Scherzi per pianoforte di Chopin.
Chopin partì dallo Scherzo di Beethoven è lo ripensò completamente, creò
una composizione completamente nuova, di ampie dimensioni. E per uno
strumento solo, il suo, il pianoforte.
Lo Scherzo di Chopin diventa un componimento, caratterizzato da una
sorprendente la varietà di registri stilistici da quelli più melodici a quelli più
drammatici.
E poi? E poi di concerto in concerto lo Scherzo è arrivato fino a noi
assumendo in alcuni casi la forma di un componimento per orchestra. E’ il
caso dello Scherzo che ascolterete oggi, L’Apprendista Stregone, la musica
che Dukas scrisse per una ballata di Goethe e che nel 1940 Walt Disney
inserì nella colonna sonora del film Fantasia per raccontare la storia di
Topolino.
“Fantasia” è un bellissimo film d’animazione. La colonna sonora è tutto
un programma di musica classica. Ascolterete la “Toccata e fuga in
Re minore” di Johann Sebastian Bach, “Lo schiaccianoci” di Pëtr Il’ic
Cajkovskij, “La sagra della primavera” di Igor Stravinskij, la “Pastorale”
di Ludwig Van Beethoven, la “Danza delle ore” di Amilcare Ponchielli,
“Una notte sul Monte Calvo” di Modest Petrovic Musorgskij e l’ “Ave
Maria” di Franz Schubert .
Guardate il film, vi stupirete: queste musiche le conoscete già tutte, le avete
sentite in televisione, nella pubblicità, al cinema, qualcuna anche sulla play
station, perché la musica classica è una buona idea, e come tutte le buone
idee, cresce insieme alle persone.
Piccola Enciclopedia:
Sinfonia: è un componimento scritto per l’orchestra.
Una Sinfonia dura mediamente 35/40 minuti, ma ve ne sono di molto
più brevi e anche tante molto più lunghe. La Sinfonia classica (quelle di
Mozart, per intenderci, o le prime di Beethoven), è generalmente divisa in
quattro parti, chiamate Tempi oppure Movimenti. Il primo movimento,
Allegro, a volte è preceduto da una breve introduzione in un tempo lento.
Il secondo movimento è solitamente un tempo lento. Del terzo tempo
abbiamo già parlato: il Minuetto che, Beethoven in avanti, spesso è sostituito
dallo Scherzo. Il quarto movimento, quello di chiusura, è un tempo rapido.
Minuetto: Il Minuetto (o Menuetto) è una danza. Il suo nome deriva
da una espressione francese che significa “piccoli passi” perché era così che
si ballava nel ‘700. Il Minuetto è diviso in tre sezioni: Minuetto – Trio
– Minuetto). La sezione Minuetto precede e segue il Trio (così chiamato
perché in origine era affidato a tre strumenti solisti). Inoltre ciascuna delle
tre sezioni prevede la ripetizione (ritornello). Questa forma in tre sezioni con
i ritornelli è stata mantenuta nello Scherzo, il suo diretto erede.
… E la storia continua nella prossima puntata
Uguali e Opposti.
Musica per rendere più Uguali gli Opposti
L’Orchestra de “I Piccoli Pomeriggi Musicali”
ha un nuovo amico: Apeiron.
Apeiron opera in Nepal con progetti di riabilitazione e formazione rivolti a
donne vittime di gravi violenze.
Sono bambine, ragazze, donne Uguali a noi, ma che hanno vite molto
diverse, Opposte.
Il caso ha deciso infatti di farle nascere in Nepal e per questo la loro vita
si è trasformata sin dal primo respiro in una grande sfida. Grazie alla
partecipazione del suo pubblico, la musica dell’Orchestra de “I Piccoli
Pomeriggi Musicali” renderà più Uguali le vite di donne così Opposte a
quelle delle loro coetanee italiane.
Per saperne di più: visita il sito di Apeiron www.apeiron-aid.org, cerca il
profilo di Apeiron Onlus su Facebook o ancora segui le storie delle donne
coinvolte nei progetti di Apeiron su Youtube.
Prossimo concerto:
18 Novembre 2012 ORE 11
MUSICHE IN... DANZA
Musica da ballo, dalle Danze rumene di Bartók
alle Danze ungheresi di Brahms, dal Pizzicato Polka di Strauss
al Pizzicato Jazz di Anderson fino a Flashdance
ORCHESTRA I PICCOLI POMERIGGI MUSICALI
Direttore: DANIELE PARZIANI
teatro dal verme
VIA SAN GIOVANNI SUL MURO, 2 – MILANO
ipomeriggi.it
tel. 02.87.905
Fly UP