...

Anffas Onlus di Gravina in Puglia S.O.S.TENGO Assistenza AREA

by user

on
Category: Documents
11

views

Report

Comments

Transcript

Anffas Onlus di Gravina in Puglia S.O.S.TENGO Assistenza AREA
Nome ente
Nome progetto
Settore e area d’intervento
Sedi di attuazione.
Per ogni sede esplicitare il numero di posti
disponibili.
Obiettivi di progetto. Riportare un elenco
dei principali obiettivi specifici di progetto
Anffas Onlus di Gravina in Puglia
S.O.S.TENGO
Assistenza AREA A06 (DISABILI)
Sede
Num. Volontari
Gravina in Puglia 4
Via Luigi Longo
s.n.c.
1) Raccogliere informazioni sui bisogni e sul
potenziale bacino di utenza.
Questa fase prevede la realizzazione di uno
screening del target sul territorio, con lo scopo di
creare un sistema integrato di fonti statistiche
sul target di riferimento che tenga conto anche
del quadro normativo e istituzionale.
2) Il secondo obiettivo sarà quello di progettare e
mettere in atto risorse e strategie che mirino a
promuovere lo sviluppo, l’educazione, gli
interessi e il benessere degli individui e che ne
migliorano l’indipendenza e la produttività
personale, l’integrazione sociale nella comunità
di riferimento e il miglioramento della qualità
della vita. Gli scopi saranno perseguiti attraverso
attività ricreativo-culturali, attività
psicoeducative, attività di drammatizzazione,
attività creative multimodali, partecipazione ad
eventi e conoscenza del territorio. Saranno
promosse attività sulla base delle esigenze
espresse dai partecipanti e gli utenti saranno
sostenuti nel precorso di socializzazione in
contesti non strutturati.
3) Il terzo obiettivo riguarderà il sostegno nelle
attività della vita quotidiana, relative ai diversi
ambiti: ambiente domestico, vita comunitaria,
apprendimento, salute e sicurezza, attività
sociali. L’intervento sarà mirato
all’individuazione delle aree funzionali e al
potenziamento delle stesse. Tali obiettivi
saranno valutati sulla base di specifici indicatori
quantitativi (griglie di osservazione) e qualitativi
(questionari di gradimento).
4) Il quarto obiettivo prevede la sensibilizzazione
alla disabilità attraverso il coinvolgimento di tutti
gli attori istituzionali. La promozione del
progetto riguarderà le finalità del SCN, con
riferimento al progetto specifico mediante la
divulgazione dei risultati del progetto che potrà
essere fatta anche attraverso la partecipazione
ad eventi organizzati dalla comunità. Tali
obiettivi saranno valutati sulla base di specifici
indicatori quali il numero e la tipologia delle
attività di sensibilizzazione.
Attività di progetto.
Descrivere brevemente e con molta chiarezza
le attività previste dal progetto ed in
particolare le attività nelle quali i volontari
saranno impiegati
I volontari
- parteciperanno a incontri di formazione
generale e specifica sul territorio e sul target
di riferimento;
- contribuiranno alla mappatura dei bisogni dei
disabili presenti sul territorio, nonché delle
risorse formali ed informali del territorio
attraverso contatti con Servizi Sociali, Scuole
e altre Associazioni;
- parteciperanno alla elaborazione di un
intervento specifico per ogni soggetto;
- alla pianificazione organizzativa e temporale
dell’intervento;
- alla realizzazione di attività ricreativo-culturali
(es. ed. alimentare, ed. stradale), attività
psicoeducative (es. intervento sulle abilità
sociali, attività sulle emozioni), attività di
drammatizzazione (es. realizzazione di uno
spettacolo), attività creative multimodali (es.
musica,attività manipolative, uso di internet),
partecipazione ad eventi e conoscenza del
territorio (es. gite, visite guidate,
partecipazione a fiere), di attività educative
per l’autonomia personale (es.
abbigliamento, igiene, alimentazione), attività
educative per le abilità interpersonali (es.
identità, contatto sociale di cortesia, rispetto
delle regole) attività educative di autonomia
sociale (es. lettura funzionale, matematica
funzionale);
- all’organizzazione di attività di
sensibilizzazione sul territorio (es. convegni,
giornate di formazione, partecipazione a
fiere);
- alla progettazione e attuazione di momenti
di monitoraggio delle iniziative avviate.
Eventuali particolari obblighi per i Frequenza di corsi, di seminari e ogni altro momento
volontari , secondo quanto previsto di incontro e confronto utile ai fini del progetto e
nel box 15 di progetto
della formazione del volontari coinvolti.
Realizzazione (eventuale) delle attività previste dal
progetto anche in giorni festivi e prefestivi,
coerentemente con le necessità progettuali.
Numero ore e giorni di servizio a
settimana
30 ore settimanali
5 giorni a settimana
Formazione specifica.
I moduli per la formazione specifica prevedono:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
Presentazione del corso
Il lavoro di equipe
La relazione d’aiuto
Politiche del welfare e territorio
Nozioni di legislazione in materia di disabilità
Elementi di pedagogia speciale
Elementi di psicologia dell’handicap
Interventi tecnico-operativi nella disabilità
Interventi di animazione di carattere
educativo, espressivo, ludico
10. Assistenza nei contesti di vita quotidiana
11. Rischi, salute e sicurezza dell’operatore
12. Comunicazione sociale e Fundraising
Fly UP