...

Palazzo Balucanti_ Descrizione

by user

on
Category: Documents
8

views

Report

Comments

Transcript

Palazzo Balucanti_ Descrizione
Palazzo Poncarali Oldofredi già Balucanti, Corso Magenta 56, Brescia
Il palazzo presenta una facciata grezza interrotta al centro da un elegante portale
sormontato da balconcino sorretto da telamoni in marmo. L’androne immette nel cortile
chiuso da tre lati dal bel porticato che presenta cinque campate a monte e quattro a
mattina e sera, piene di slancio e ben disegnate. Uno scalone di media dimensione,
con solida balaustrata, conduce al piano nobile; come decorazione, sul soffitto, un
affresco della metà del Settecento raffigurante Giove che accoglie Venere nell’Olimpo.
Il complesso architettonico e l’apparato decorativo riflettono le scelte stilistiche e
funzionali dei proprietari che nei secoli l’hanno posseduto ed utilizzato. La pianta
dell’edificio, costruito dalla famiglia Provaglio nel XVII secolo, segue la consueta
tipologia dei palazzi seicenteschi bresciani: il corpo centrale con due ali laterali e le
scuderie sul lato orientale; già all’inizio del Settecento fu acquistato dalla famiglia
Poncarali che presto si estinse. Il palazzo divenne quindi dimora dei conti Cigola che lo
vendettero al nobile Giacinto Balucanti il quale, probabilmante, commissionò a
Giuseppe Teosa la decorazione degli ambienti al piano nobile. La galleria è abbellita
da affreschi di inizio Ottocento con immagini all’antica, secondo il gusto neoclassico. Il
salone di rappresentanza è decorato da una volta monocroma, sempre in stile
neoclassico: delicati fregi incorniciano dieci medaglioni con illustri personaggi della
cultura italiana, eseguiti dal Vantini. Le volte delle tre salette orientali, decorate dal
Teosa e dai suoi collaboratori, raffigurano L’incontro fra Diana ed Enea, L’allegoria
della Pace (o della Luce) attorniata dalle scienze, e, nella terza, decorata anche sulle
pareti con figure danzanti su campiture di colore uniforme, campeggiano Giustizia e
Pace. Quando, nel 1817 il conte Giovanni Balucanti fu assassinato in casa per rapina,
il patrimonio di famiglia fu diviso fra vari discenti, fino a che nel 1925 il Comune di
Brescia acquistò il Palazzo e vi trasferì la sede del Liceo Classico Arnaldo, istituito nel
1797. Le scuderie furono adattate a aule-laboratori e si perse parte della vasta
adiacenza verde che rendeva questa dimora rinomata per possedere il più bel giardino
privato di Brescia. Punto di forza del palazzo era infatti l’ampio parco che si estendeva
a sud fino in via Gezio Calini ed a ovest fino all’abside di San Barnaba. Il Comune ne
cedette una parte in affitto alla scuola ed una parte lo aprì al pubblico (gli attuali
Giardini Oriana Fallaci); la costruzione dell’occidentale ala nuova della scuola causò
poi, negli anni ottanta del secolo scorso, l’abbattimento di piante secolari. Una lapide
posta sulla facciata alla fine dell’Ottocento ricorda un importante evento storico che
provocò la fine del dominio della Serenissima sulla città e l’istituzione della Repubblica
Bresciana: fra il 17 e il 18 marzo 1797 trentanove capi rivoluzionari bresciani si
riunirono qui per organizzare il moto che il giorno seguente avrebbe rovesciato il
governo della città, giurando sul tricolore libertà o morte.
Nel cortile del palazzo sono stati riportati alla luce i resti di un vasto complesso termale
di età romana imperiale. L’impianto, sorto nel I sec. d.C. durante il principato di
Vespasiano, era situato a ridosso del tratto meridionale della cerchia muraria augustea.
Sono stati individuati una aula absidata destinata a calidarium, la stanza per le
immersioni nell’acqua tiedida ed altri ambienti di servizio. Nel corso del II sec. d.C. il
complesso termale venne ampliato con la costruzione di un imponente edificio a due
piani del quale si conservano alcuni muri perimetrali e i resti di massicce fondazioni per
una scala. Le terme furono precocemente abbandonate e sulle loro macerie si impiantò
fra il III e IV secolo d.C. una necropoli ad inumazione con tombe “alla cappuccina”
Fly UP