...

austria: l`espansione dell`economia favorisce lo sviluppo delmercato

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

austria: l`espansione dell`economia favorisce lo sviluppo delmercato
D
OSSIER
FIERAGRICOLA EUROPE TOUR 2007 • FIERAGRICOLA EUROPE TOUR 2007 • FIERAGRICOLA
di Giuseppe
Francesco Sportelli
AUSTRIA: L’ESPANSIONE DELL’ECONOMIA
FAVORISCE LO SVILUPPO DEL MERCATO
DI TRATTORI E MACCHINE AGRICOLE
EXPANSION OF AUSTRIAN
ECONOMY FAVORING
DEVELOPMENT OF MARKET FOR
TRACTORS AND AGRICULTURAL
MACHINERY
di Giuseppe Francesco Sportelli
he Austrian economy is expanding beyond the average
rate of the other European
countries and this is creating, more
than anywhere else, favorable conditions for the market for tractors
and agricultural machinery. Following GDP growth of 2.0% in 2005,
the Austrian economy continued
on the increase to reach a gain of
3.2% in 2006, the highest rate in
the past six years. The leading factors behind this development have
been investments and exports, as
well as an increase in private sector consumption. The most important factor figuring in the growth of
the economy in 2006 was foreign
demand.
After the modest increase of 2.2%
in 2005, Austrian exports rose
10.4% in 2006. The increase in exports to Russia, Romania, the United States and Poland were especially steep, with growth rates exceeding 20%. Imports in 2006, on
the other hand, rose 7.9% to trim
the balance of trade deficit. For
2007 there are expectations of a
slowdown in exports, growing by
7.8%, and a stable development of
imports for a gain of 8.2%.
T
78 – MMW n. 7-8/2007
n Austria l’espansione
dell’economia, superiore
alla media degli altri Paesi europei, crea più che altrove condizioni favorevoli per
un mercato attivo dei trattori e delle macchine agricole.
Dopo l’incremento del Pil
del 2,0% nel 2005, l’economia austriaca ha continuato
la sua crescita fino a raggiungere il 3,2% nel 2006, che
corrisponde al tasso più alto
da sei anni. I fattori trainanti
di questo sviluppo positivo
sono stati gli investimenti e
le esportazioni, nonché l’au-
I
L’agricoltura e la forestazione,
malgrado le dimensioni limitate sia dei
settori sia delle aziende, contano su
una meccanizzazione tecnologicamente
avanzata, e in ulteriore potenziamento
In spite of the limited scale of the sectors as well as the
companies, agriculture and forestry are counting on
technologically advanced mechanization, and
strengthening further
mento dei consumi privati. Il
fattore più importante dell’espansione dell’economia
nel 2006 è stato rappresentato dalla domanda estera.
Le esportazioni austriache,
dopo il modesto aumento
del 2005 (+2,2%), nel 2006
sono cresciute del 10,4%.
L’aumento delle esportazio-
Esportazioni italiane di trattrici in Austria (numero)/Export of italian tractors to Austria (units)
2.373
2.190
2.500
1.589
2.000
1.500
1.000
500
0
2004
2005
Fonte/Source: elaborazioni UNACOMA su dati Istat/Istat data processed by UNACOMA
2006
FIERAGRICOLA EUROPE TOUR 2007 • FIERAGRICOLA EUROPE TOUR 2007 • FIERAGRICOLA
ni verso Russia, Romania,
Usa e Polonia è stato particolarmente alto con tassi di
crescita oltre il 20%. Invece
le importazioni, sempre nel
2006, sono aumentate del
7,9% portando alla diminuzione del saldo negativo della bilancia commerciale. Per
il 2007 si prevede un rallentamento delle esportazioni
(7,8%) e uno sviluppo stabile delle importazioni con un
aumento dell’8,2%.
Le imprese austriache hanno tratto ampi benefici dalla
posizione di maggior fornitore delle industrie tedesche. La competitività dei
loro prezzi ha consentito di
cogliere nuove opportunità
sui mercati mondiali, ampliando la quota di mercato
in particolare verso i Paesi
dell’Europa centro-orientale e meridionale e il Nord
America. Il livello degli ordini dall’estero ha fatto crescere sensibilmente il settore manifatturiero, in particolare per la costruzione di
macchine: il valore della
produzione del 2006 ha superato del 6,8% quello dell’anno precedente.
Anche le componenti della
domanda hanno registrato
una ripresa nel 2006: gli investimenti hanno mostrato un
certo dinamismo, aumentando nel 2006 del 5,2% in ter-
mini reali. Per il 2007 si prevede un andamento simile
con un aumento percentuale
del 4,9% degli investimenti.
Rispetto alla media europea
si possono considerare soddisfacenti gli indicatori relativi al mercato del lavoro
che si attesta su un tasso di
disoccupazione del 4,9%.
Nel 2006 questo indicatore
è leggermente diminuito
grazie al miglioramento della congiuntura, nonostante
una crescente offerta di manodopera. Per il 2007 è prevista un’ulteriore riduzione
del tasso di disoccupazione
(4,6%). Ma per l’Austria,
abituata a tassi più bassi,
questa percentuale viene
considerata ancora molto
elevata. Il tasso d’inflazione
nel 2006 è sceso all’1,4%
nonostante l’alto costo dei
prodotti energetici e l’aumento delle spese d’esercizio per gli appartamenti. Per
il 2007 si prevede invece un
leggero aumento del tasso
d’inflazione (1,6%).
Dopo un risultato vicino al
pareggio negli anni 2001 e
2002, a partire dal 2003 il
deficit del bilancio federale
è di nuovo aumentato, senza
tuttavia raggiungere i livelli
elevati degli anni ’90. Nel
2006 il deficit era pari
all’1,2% del Pil. Il peggioramento rispetto agli anni
precedenti è attribuibile, oltre che a influenze cicliche,
anche agli effetti della riforma fiscale che intendeva diminuire il carico fiscale sui
cittadini e sulle imprese (riduzione dell’imposta societaria dal 34% al 25%).
La situazione economica in
Austria è migliorata considerevolmente nonostante l’alto
costo della spesa energetica.
Per il 2007 si prevede uno
sviluppo positivo, anche se
con una crescita minore, causata dall’aumento più modesto delle esportazioni,dal rallentamento della congiuntura
internazionale in generale,
Austrian enterprises have drawn
ample benefit from their position as
leading suppliers to German industry. The competitiveness of their
prices has allowed them to take
hold of new opportunities on world
markets to expand their market
shares especially in the countries of
eastern, central and southern Europe and North America. The level
of foreign orders has meant substantial growth for the manufacturing sector, especially machinery
manufacturing, to take the value of
production in 2006 to a gain of
6.8% over that of the previous year.
Also the components of demand
showed recovery in 2006. Investments displayed a degree of dynamism in climbing 5.2% in real
terms in 2006. The forecast for
2007 is for a similar increase in investments, 4.9%.
Compared to the European average, labor market indicators can be
considered satisfactory with a rate
of unemployment set at 4.9%. This
indicator declined slightly in 2006
thanks to an improvement in the
general trend, in spite of a growing
supply of manpower. A further reduction in joblessness, down to
4.6%, is expected for 2007. But
Austria is used to low unemployment levels so this rate still appears
very high. Inflation in 2006 fell to
1.4% despite the high cost of energy products and increases in operating expenses for apartments.
For 2007, on the other hand, the
outlook is for a slight increase in inflation to 1.6%.
After results in 2001 and 2002
which brought the budget close
Esportazioni italiane di trattrici in Austria (valore expresso in migliaia di euro)
Export of italian tractors to Austria (value in thousand euros)
50.884
60.000
44.754
50.000
30.698
40.000
30.000
20.000
10.000
0
2004
2005
Fonte/Source: elaborazioni UNACOMA su dati Istat/Istat data processed by UNACOMA
2006
MMW n. 7-8/2007 – 79
FIERAGRICOLA EUROPE TOUR 2007 • FIERAGRICOLA EUROPE TOUR 2007 • FIERAGRICOLA
to balancing, the federal budget
deficit begin rising in 2003 without, however, reaching the levels
in the red of the 1990s. In 2006,
the budget deficit came to 1.2%
of GDP. This was the worst of the
past few years and was assigned
to, other than cyclic influences,
the effects of fiscal reform aimed
at reducing the fiscal load borne
by individuals and businesses,
with the reduction of corporate
taxation from 34% to 25%.
Austria’s economic picture has
improved considerably in spite of
the high cost of energy. The outlook for 2007 is positive for development, but at a lower rate of
growth because of a modest increase in exports, a general slowdown in the international trend, a
Value Added Tax hike in Germany, Austria’s most important
trading partner, and the strength
of the euro against the dollar.
The increase in investments will
hold steady despite reduced foreign
demand. Private sector consumption will improve but will be unable
to offset negative tendencies.
From the point of view of geographic areas, the EU countries
and especially the old EU fifteen
still make up the area of greatest
interest for Austrian trade relations. Though data on the past
few years show a smaller gain
compared to that for global trade,
it must be stressed that 75% of
Austria’s imports come from the
EU countries which, in turn, take
up 71.2 of Austrian exports.
Italy, after Germany, is Austria’s
second supplier with a share of the
import market of around 7%. This
Italian share, however, is shown to
be in continuous and gradual decline over the years, from 9% in
1990 to 6.6% in 2005. It would
seem that this negative trend can
be largely assigned to the crisis of
the typical old-line Italian products,
furniture, textiles, clothing and
footwear, which are suffering heavily from competition from the countries of the East and the Far East.
There are, however, good opportunities for high-quality Italian products in almost all sectors, especially in mechanics, beginning with automobiles, agricultural and forestry
machinery, secondary supplies,
consumer items like furniture,
home furnishings, footwear, etc.,
agri-food products and beverages.
This scenario in which Austrian
agriculture works is positive if compared to those of the neighboring
European countries which recently
80 – MMW n. 7-8/2007
dall’aumento dell’Iva in Germania – il partner commerciale più importante per
l’Austria – e dall’euro forte in
confronto al dollaro. L’aumento degli investimenti resterà stabile nonostante la ridotta domanda estera.Il consumo privato migliorerà, ma
non potrà compensare le
tendenze negative.
Sotto il profilo delle aree
geografiche è sempre l’Ue,
soprattutto i Paesi della
vecchia Ue a 15 membri,
l’area di maggiore interesse
per l’interscambio austriaco. Sebbene i dati degli ul-
timi anni dimostrino una
dinamica d’aumento inferiore a quella dell’interscambio globale, si sottolinea che il 75% delle importazioni austriache proviene
pur sempre dai Paesi dell’Ue, che a loro volta assor-
bono il 71,2% delle esportazioni austriache.
L’Italia è, dopo la Germania,
il secondo fornitore dell’Austria, con una quota di mercato sul totale dell’import austriaco di circa il 7%. La quota di mercato italiana risulta
Esportazioni italiane di macchine agricole in Austria (peso espresso in kg)
Export of italian agricultural machinery to Austria (weight in kg)
8.124.649
9.000.000
7.727.262
7.938.582
8.000.000
7.000.000
6.000.000
5.000.000
4.000.000
3.000.000
2.000.000
1.000.000
0
2004
2005
Fonte/Source: elaborazioni UNACOMA su dati Istat/Istat data processed by UNACOMA
2006
FIERAGRICOLA EUROPE TOUR 2007 • FIERAGRICOLA EUROPE TOUR 2007 • FIERAGRICOLA
Esportazioni italiane di macchine agricole in Austria (valore espresso in migliaia di euro)
Export of italian agricultural machinery to Austria (value in thousand euros)
47.560
45.423
45.797
50.000
45.000
40.000
35.000
30.000
25.000
20.000
15.000
10.000
5.000
0
2004
2005
2006
Fonte/Source: elaborazioni UNACOMA su dati Istat/Istat data processed by UNACOMA
però da alcuni anni in continua e graduale riduzione: dal
9% nel 1990 al 6,6% nel
2005. L’andamento negativo
appare ampiamente ascrivibile alla crisi dei prodotti maturi tipicamente italiani (mobili, tessile, abbigliamento e
calzature), che risentono pesantemente della concorrenza dei Paesi dell’Est e dell’Estremo Oriente. Esistono,
tuttavia, buone opportunità
per i prodotti italiani di alta
qualità in quasi tutti i settori,
soprattutto nel comparto
della meccanica, parti di autoveicoli,macchine agricole e
forestali, subforniture, articoli di consumo (mobili e articoli d’arredamento, calzature, ecc.), prodotti agroalimentari e bevande.
In questo scenario,positivo se
confrontato con quelli dei vicini Paesi dell’Europa orientale da poco entrati nell’Ue,
opera l’agricoltura austriaca,
che produce il 2% della ricchezza del Paese (Pil) e dà lavoro al 7% dei lavoratori
(180.000 addetti di cui il 10%
è costituito da dipendenti). I
suoi caratteri distintivi sono:
3.420.000 ettari di terre agri-
cole, occupanti il 40% della
superficie totale, che è pari a
83.857 km2; 210.000 aziende
di cui l’1,5% supera i 100 ha;
15 ha come dimensione media delle aziende agricole
(Ue:18,5 ha);il 21% delle terre agricole in affitto.
L’agricoltura austriaca da secoli, insieme con le grandi foreste, non costituisce solo la
spina dorsale della società e
dell’economia rurale, ma anche uno dei pilastri principali
dell’economia e delle tradizioni storiche e culturali dell’Austria, Paese montagnoso
dell’Europa centrale nel quale le Alpi occupano i due terzi della superficie del suolo.
Gli elevati standard ambientali applicati nella produzione agricola, con un
gran numero di agricoltori
biologici (in Austria, in confronto con altri Paesi europei, l’agricoltura biologica
registra la presenza più alta), moderni regolamenti
sul trasporto degli animali e
le bellezze paesaggistiche
curate dalle mani degli stessi agricoltori, affidano alla
trasparente agricoltura austriaca, in eccellente simbiosi con l’ambiente, un ruolo
da pioniere, all’interno dell’Unione europea, sempre
più rispettato nell’utilizzazione delle risorse naturali.
L’agricoltura dell’Austria è
caratterizzata da strutture
agricole di piccola e media
dimensione. Circa 250.000
aziende agricole e forestali
gestiscono in totale circa
l’80% del territorio federale.
Le dimensioni medie di un’azienda ammontano ad appena 15 ettari di superficie coltivabile. Le dimensioni medie del patrimonio zootecnico per ettaro sono molto
basse rispetto a quelle internazionali. In più la zootecnia
è sottoposta in Austria a rigorose condizioni sulla protezione animale, che obbligano ad un allevamento rispettoso della specie e dei bisogni degli animali; metodi
di produzione naturale garantiscono un’alta immagine
della produzione casearia e
di carni, la cui alta qualità
poggia sulla competenza tecnica e diligenza ecosociale
degli allevatori.
Un’agricoltura e una forestazione dalla gestione così
perfetta, pur nelle dimensioni relativamente limitate
sia dei settori sia delle
aziende, non possono non
contare sull’apporto tecnologico dato da moderni trattori e macchine agricole,
che alimenta un interessante flusso di importazioni in
particolare dall’Italia.
Giuseppe Francesco
Sportelli
joined the EU Farming produces
2% of the country’s wealth in GDP
and provides jobs for 7% of the
population at work, with 180,000 in
farming of whom 10% are counted as hired hands. The distinguishing characteristics are: 3,420,000
hectares of farm lands which cover
40% of the total land area of
83,857 km2; 210,000 farms out of
which 1.5% exceed 100 hectares;
15 hectares as the average size of
farms, compared to 18.5 in the EU;
21% of farm land on lease.
Along with its great forests, Austrian agriculture has for centuries
formed not only the backbone of
the rural social and economic
scene but also one of main pillars
of the economy and in the historic
and cultural tradition of the mountainous central European country,
where the Alps account for twothirds of national territory.
In excellent harmony with the environment, Austrian agriculture must
be assigned the role of a pioneer
within the EU because of the high
environmental standards applied in
farm production, with a large number of organic farms (organic farming has a higher ranking in Austria
compared to the other European
countries), modern regulations on
animal transport, the beauty of the
countryside as cared for by the
hands of the farmers themselves
and increasing respect for the utilization of natural resources.
Austrian agriculture features small
and medium-size farms. About
250,000 farms and forestry operations manage a total of some 80%
of national territory. The average
size of farms comes to only 15
hectares of arable land. The average scale of livestock holdings per
hectare is quite small by international standards. Moreover, livestock operations in Austria are subjected to rigorous conditions covering animal welfare which force
raisers to respect the species and
needs of the animals. Natural production methods ensure a sterling
image for the sector in dairy and
meat production, the high quality of
which rests on the technical skills
of the raisers and their social and
economic diligence. Agriculture
and forestry managed with such
perfection, though the sector as
well as the agencies are relatively
limited in scale, cannot fail to look
to the technological backing provided by modern tractors and agricultural machinery, a factor which
drives an interesting traffic of imports, especially from Italy.
Giuseppe Francesco Sportelli
MMW n. 7-8/2007 – 81
Fly UP