...

Divagazioni Il Comune prigione e la sua posizione giuridica rispetto

by user

on
Category: Documents
47

views

Report

Comments

Transcript

Divagazioni Il Comune prigione e la sua posizione giuridica rispetto
7742 P O S C H I A V O , 27 G E N N A I O 1965
No. 4
Fondato 3 luglio 1852
J( urigioneJtaßm
SETTIMANALE DI PUBBLICAZIONE
D E L L A VALLE D I P O S C H I A V O
Si pubblica il mercoledì. — Gli abbonamenti sì riceTono esclusivamente presso la spedizione del Giornale a Poschiavo, Tipografia Menghinì, telefono082 / 5 0163, conto chèquea postali no. 70 - 200 Coìrà.
Condizioni di abbonamento : Poschiavo e Valle anno f r . 12.—, semestre f r , 6.50, trimestre f r . 4.—. Nella Svizzera anno f r . 13.50, sem. f r . 7.—, trim. f r . 4.50. All' estero anno f r . 18.—, : Prezzi delle
inserzioni: per millimetro d i altezza, larghezza di una colonna: i n Valle 14 cent.; f u o r i 15 cent.; Reclame 40 cent.; annunci funebri 30 cent. Le inserzioni della Valle di Poschiavo, Engadina e Bregaglia vanno inviate all'amministrazione a Poschiavo. Quelle del resto della Svizzera e dall'Estero vanno a Publicitas SA. Coirà. — Non si pubblicano scritti anonimi; i manoscritti non si restituiscono.
Divagazioni
A D A M O E I L LAVORO
F o r s e s i è p e n s a t o t r o p p o poco a l m o t i v o p e r c u i D i o i m p o s e
i l l a v o r o a d A d a m o n e l p a r a d i s o t e r r e s t r e ; l a supposizione
c h e v i sia rimasto pochissimo t e m p o h a dispensato d i p e n sarvici. I n v e c e Dio, i m p o n e n d o g l i i l l a v o r o , gli a f f i d ò i l c o m ­
p i t o e l e v a t o d i c o o p e r a r e con L u i n e l p e r f e z i o n a m e n t o d e l
creato. I n o s t r i d u e p r o g e n i t o r i e r a n o felici e n o n m a n c a ­
v a n o d i nulla; eppure dovevano lavorare, e il loro lavoro
n o n e r a c e r t o q u e l l o d i P e n e l o p e , d i f a r e e d i s f a r e l o stesso
lavoro. I l l o r o l a v o r o a v e v a u n o scopo. Q u i l a f r a s e : — C r e a ­
t i a d i m m a g i n e e somiglianza d i Dio, —
• assume u n ampio
s i g n i f ic a to : essi cioè e r a n o simili a D i o n o n solo p e r l ' a n i ­
m a s p i r i t u a l e e i m m o r t a l e , m a a n c h e p e r l a ragione, con l a
q u a l e venivano a d a v e r e u n a certa qual potenza o facoltà
c r e a t r i c e . P e r m e z z o d e l l a r a g i o n e (studio e lavoro) a v r e b ­
b e r o c r e a t o , p r e s a q u e s t a p a r o l a i n u n s e n s o u n p o ' largo,
n u o v e speci e n u o v e razze, p i ù b e l l e e p i ù redditizie, d i fiori,
d i frutti e di animali; avrebbero creato opere d'arte; s f r u t ­
t a n d o l e energie immesse d a Dio nella natura, avrebbero
c r e a t o t a n t e cose p e r r e n d e r e p i ù c o m o d a e m i g l i o r e l a p r o ­
p r i a esistenza s u l l a t e r r a . P o s s i a m o a s s e r i r e c h e D i o p r e p a r ò
a l l ' u om o u n a d i m o r a i ncompl et a, l a s c i a n d o a l u i i l c o m p i t o
di provvedere alle opere di f i n i t u r a e d i abbellimento.
Avrebbe anche potuto d a r e L u i direttamente t u t t e l e como­
d i t à m o d e r n e d i m a c c h i n e , d i veicoli, d i elettrodomestici,
d i p r o d o t t i i n d u s t r i a l i : n o n l o fece, p r e f e r e n d o c h e a v e s s e
l u i l a soddisfazione d i c r e a r l i col s u o l avoro. D e l r e s t o a i
d u e progenitori n o n avrebbero certo servito n é i l televisore
n é l a lavatrice automatica: Vi avrebbero provveduto m a n
m a n o c h e crescendo, a v r e b b e r o s e n t i t a l'utilità. Noi, a b i t u a t i
a i p r o d o t t i d e l l a tecnica, l i s e n t i a m o neces s ari . T a n t o c h e
u n ragazzo, a c u i a v e v o d e t t o d i e s s e r e t a n t o vecchio c h e a i
m i e i t e m p i n o n si conosceva n é r a d i o n é televisione, m i f e c e
l ' i n g e n u a d o m a n d a : E a l l o r a c h e cos a f a c e v a t e a l l a s e r a
dopo cena ?
A d a m o quindi aveva il suo lavoro: migliorare i f r u t t i della
t e r r a , n o n c h é l a p r o p r i a esistenza s u d i essa. M a i l l a v o r o
n o n gli c o s t a v a f a t i c a , e n o n e r a i m p o s t o d a necessità.
I L LAVORO E L'UOMO
I l p e c c a t o d i A d a m o capovolse l ' o r d i n e p r e s t a b i l i t o d a Dio:
i l l a v o r o n o n e r a p i ù u n o svago, u n p i a c e r e ; m a u n a p e n a ,
u n a f a t i c a , u n castigo. L a c o n d a n n a s a r e b b e s t a t a l a m o r t e :
gli lasciò l a v i t a ; m a u n a v i t a f a t i c o s a m e n t e l a b o r i o s a : —
G u a d a g n e r a i i l p a n e col s u d o r e d e l l a t u a f r o n t e . — E s s o
d i v e n n e l a condizione a s s o l u t a p e r p o t e r v i v e r e , s e n z a p e r ò
p e r d e r e l o scopo p r i m i t i v o i n t e s o e v o l u t o d a Dio.
I l contadino che suda p e r p r o d u r r e f r u t t i sempre più belli
e gustosi; l ' o p e r a i o c h e a f f a t i c a p e r p r e p a r a r c i l e comodità
m o d e r n e ; gli scienziati c h e si l a m b i c c a n o i l cervello i n c e r c a
d i n u o v e in v e n z io n i e s c o p e r t e ; i m e d i c i c h e s i s a c r i f i c a n o
p e r d e b e l l a r e l e m a l a t t i e ; gli a r t i s t i c h e c r e a n o i l o r o c a ­
p o l a v o r i p e r i l n o s t r o diletto, n o n l o f a n n o p e r i l solo b i ­
sogno d i p r o c u r a r s i il p a n e ; m a a n c h e p e r r e c a r e b e n e s s e r e
a l l ' u m a n i t à , p e r a l l e v i a r e l e p e n e d e l g r a n d e castigo, p e r
rendere più comoda e p i ù felice l a vita s u questa terra, p o r ­
t a n d o cioè il p r o p r i o c o n t r i b u t o a q u e s t ' o p e r a d i a b b e l l i ­
m e n t o . N e l l a v o r o n o n ci d e v ' e s s e r e solo egoismo, v a l e a
d i r e i l proprio interesse:vi dev'essere a n c h e u n a b u o n a dose
d i a l t r u i s m o , cioè i l b e n e e l ' u t i l e degli a l t r i . I l L a v o r o è
il g r a n d e v i n c o l o c h e s t r i n g e i n s i e m e t u t t i i m e m b r i della
umanità.
S i d e v e q u i n d i a m a r e il l a v o r o : n o n p e r l a sola necessità p e r
vivere, m a a n c h e p e r il benessere comune; perché è opera di
espiazione, e c o m e t a l e d e s t i n a t o d a D i o stesso p e r a l l e v i a r e
l e p e n e d e l peccato. E ' solo s e h a q u e s t o scopo c h e i l l a ­
v o r o n o b i l i t a l ' u o m o e l o r e n d e migliore. N e s s u n o d e v e a r ­
r o s s i r e p e r il p r o p r i o l a v o r o , q u a n d o è onesto, u t i l e e c o r ­
r e t t o . S o l o l'ozioso d e v e a r r o s s i r e : egli è i l p a r a s s i t a della
società e d e g n o d i b i a s i m o e d i disprezzo.
I L RIPOSO
I l l a v o r o costa f a t i c a , e l a f a t i c a r i c h i e d e il riposo. I l g r a n ­
d e r i s t o r a t o r e v o l u t o d a l l a n a t u r a è il sonno, m a i n u n a
g i u s t a m i s u r a . M a si p u ò r i p o s a r e a n c h e c o n u n ' a l t r a o c c u ­
pazione, c o n u n o svago, col d i v e r t i m e n t o : m a i con l'ozio.
C u r i o s o c o m e si o c c u p a n o m o l t e p e r s o n e p e r t r o v a r e u n o
svago alle loro fatiche. Adenauer è u n g r a n d e coltivatore
d i r o s e ; C h u r c h i l l si d a v a a l l a p i t t u r a ; i l r e d i D a n i m a r c a
è u n g r a n d e archeologo; l ' u l t i m o r e d ' I t a l i a e r a u n f a m o s o
n u m i s m a t i c o ; i l t r e m e n d o K a i s e r f a c e v a i l f a l e g n a m e (o l o
s p a c c a l e g n a ? ) ; c e l e b r i p r o f e s s o r i , s t a t i s t i e scienziati colti­
v a v a n o u n ' a r t e , f a c e v a n o collezioni, o si d a v a n o a q u a l c h e
l a v o r o m a n u a l e , u t U e o dilettevole. D a simili g r a n d i a b b i a ­
m o d a i m p a r a r e a n c h e noi. D a t a l a r i d u z i o n e delle o r e l a ­
v o r a t i v e , m o l t o s i è discusso s u l c o m e i m p i e g a r e i l t e m p o
libero. O r a s o n o d i m o d a i cosidetti « h o b b y » : s o n o l e o c c u ­
pazioni c h e c i a s c u n o p r e f e r i s c e p e r u t i l i z z a r e i l t e m p o l i ­
b e r o d a l la v o r o . L a scelta è v a s t i s s i m a : b a s t a a v e r b u o n a
volontà.
I DIVERTIMENTI
M a c r e d o c h e p e r m o l t i l o s v a g o p r e f e r i t o s i a il d i v e r t i ­
m e n t o . Esso, p u r c h é s i a o n e s t o e lecito, è r a c c o m a n d a b i l e ,
sia esso u n giuoco, u n o sport, u n a passeggiata, o c h e s o io.
E s s o è distensivo, r i p o s a n t e , e r i c o s t r u t t o r e d i e n e r g i a e d i
vigore. P u r t r o p p o p e r m o l t i esso è l o scopo p r e c i p u o della
v i t a : V i v o n o p e r divertirsi, e n o n si d i v e r t o n o p e r p o i l a ­
v o r a r e , p e r v i v e r e ; o l a v o r a n o solo q u e l t a n t o p e r a v e r d i
c h e divertirsi. L'amore s f r e n a t o e sregolato d i divertirsi è
i n d i c e d i u n a n i m o frollo, pigro, fiacco, i gnobi l e e p e r f i n
vizioso. P e r f i n o l o s p o r t ? P e r f i n o l o s p o r t , p a r o l a s t r a n i e r a
c h e i n d i c a diporto, d i v e n t a f i n e a s e stesso, e i n v e c e d i e s s e ­
r e u n p i a c e r e e u n o svago, i n v e c e d i r i n v i g o r i r e e r i n f o r ­
z a r e , indebolisce e a f f l o s c i a e a n i m o e corpo. Q u a n t i d e l i t t i
e misfatti sono causa ed effetto di u n o smoderato diverti­
m e n t o . P e r p o t e r divertirsi, s i t r a s c u r a n o i p r o p r i d o v e r i :
i d i r e t t o r i d i u f f i c i , d i o f f i c i n e e d e l l e scuole n e s a n n o q u a l ­
c h e cosa. U n t a l e d i v e r t i m e n t o a b b r u t t i s c e , p o r t a a l f u r t o ,
f a c a d e r e n e i vizi p i ù ignominiosi: q u i s o n o i d i r e t t o r i d e ­
gli o sp e d a li e d e l l e p r i g i o n i c h e n e s a n n o q u a l c h e cosa. U n
d e t t o p o p o l a r e d i c e t u t t o i n p o c h e p a r o l e : Bacco, T a b a c c o
e Venere, riducono l'uomo i n cenere.
I L CARNEVALE
Febbraio è il m e s e del carnevale. S e U carnevale consi­
stesse i n u n a m a s c h e r a t a , i n giochi c h e s u s c i t a n o i l a r i t à
(albero d e l l a cuccagna, c o r s a a i sacchi ecc.) i n q u a l c h e b u r l o n a t a (carnevale, ogni s c h e r z o vale... m a n o n e s a g e r a r e !),
v i a , s a r e b b e a n c h e u n a b e l l a cosa: p o r t e r e b b e u n p o ' d i a l ­
legria a tutti. M a p e r carnevale si aprono l e porte a certi
veglioni, gozzoviglie, b a l l i i n m a s c h e r a , d i v e r t i m e n t i p r o ­
caci e n e f a n d i , a b r u t t u r e l e p i ù b a s s e della d i g n i t à u m a n a .
Quanti mali, q u a n t e iniquità, q u a n t e offese a l b u o n Dio e
a l l e s u e leggi, i n occasione d e l c a r n e v a l e !
L'avvicinarsi del carnevale m i h a suggerito questi pensie­
r i n i : s u l lavoro c h e s a n t i f i c a e n o b i l i t a l ' u o m o e gli p r o ­
c u r a u n a d i m o r a m i g l i o r e s u l l a t e r r a ; s u l riposo, c h e gli
r e c a n u o v e e n e r g i e e n u o v o vigore; s u l divertimento s a n o e
onesto, c h e g l ' i n f o n d e gioia d i v i v e r e e d i l a v o r a r e , m a c h e
n o n gli sia c a u s a d i m a n c a n z e a i p r o p r i d o v e r i ; s u l carne­
vale, c h e gli p o r t a allegria, m a c h e n o n a b b i a a m a c c h i a r e
l a s u a a n i m a c r e a t a a d i m m a g i n e e somiglianza d i Dio. C h e
questi pensieri V i abbiano a f a r del Bene !
Buon carnevale !
P . A. R.
LETTERA D A I GRIGIONI
Il Comune prigione e la sua posizione
giuridica rispetto al Cantone
(CPS) I l C o m u n e g r i g i o n e n o n è n a t o i n s i e m e a l C a n t o n e
d e i Grigioni, m a m o l t o p r i m a . G i à n e i secoli 14. e 15., q u a n ­
d o v e n n e r o f o n d a t e l e l e g h e retiche, i l Comune rivestiva u n a
g r a n d i s s i m a i m p o r t a n z a . E r a u n piccolo S t a t o i n s e n o allo
S t a t o . Q u a s i ogni C o m u n e c o m p r e n d e v a u n a i n t i e r a valle,
a d es. l a V a l l e d i Poschiavo, t u t t a l a Bregaglia, t u t t a l ' a l t a
E n g a d i n a , e g i à p e r q u e s t a r a g i o n e a v e v a a u t o r i t à n e l coro
d e i C o m u n i retici. M o l t i C o m u n i d i v a l l e d i s p o n e v a n o p o i d i
u n v a l i c o s o p r a l e Alpi, e ciò r a f f o r z a v a l a l o r o posizione
n o n s o l t a n t o a l l ' i n t e r n o m a a n c h e v e r s o l ' e s t e r n o dello S t a t o .
L a definizione d i «piccolo Stato entro l o Stato», p e r i l v e c ­
c h i o C o m u n e g r i g i o n e s i giustifica a p p i e n o : esso a v e v a il s u o
piccolo esercito, il s u o arsenale, l a s u a a m m i n i s t r a z i o n e e l e
s u e leggi e i s u o i r e g o l a m e n t i a m m i n i s t r a t i v i , civili e p e ­
nali, e n o n accettò m a i u n a legislazione r e g o l a t r i c e p r o v e ­
n i e n t e dall'alto. I l f a t t o c h e ogni C o m u n e p o s s e d e v a l a s u a
forca dimostra che l'autonomia comunale e r a si p u ò dire a s ­
soluta. L o Stato delle Tre Leghe era u n a federazione di Co­
muni i quali alla Dieta avevano diritto a u n o d u e t r e voti
secondo i l n u m e r o d e i l o r o a b i t a n t i . L e L e g h e f a c e v a n o b l o c ­
co solo v e r s o l ' e s t e r n o ; a l l ' i n t e r n o r e g n a v a s o v r a n o i l C o ­
m u n e e... q u a l c h e v o l t a a n c h e l a confusione.
I l C a n t o n e d e i G r i g i o n i h a e r e d i t a t o i suoi C o m u n i d a l l o
Stato delle T r e Leghe, i quali n o n accettarono m a i u n a co­
s t i t u z i o n e c a n t o n a l e c h e i n t e n d e s s e d i m i n u i r e i l o r o vecchi
diritti, l a l o r o a m p i a a u t o n o m i a . Cosi i l C o m u n e g r i g i o n e
g o d e a n c o r a oggi d i u n a l i b e r t à e d a u t o n o m i a c o m p l e t a m e n t e
sconosciute n e l r e s t o d e l p a e s e e all'estero.
S i a g g i u n g a c h e i G r i g i o n i s o n o coi l o r o 7'000 e p a s s a c h i l o ­
m e t r i q u a d r a t i i l C a n t o n e p i ù esteso della C o n f e d e r a z i o n e :
essi c o n t a n o b e n 221 C o m u n i , g r a n d i e piccoli, i n p a r t e p i c ­
colissimi, con solo a l c u n e d e c i n e d i a b i t a n t i (come q u e l l o
c h e v e n n e p o r t a t o a l l ' E x p o : 35 abitanti), c h e s o n o p e r l o p i ù
Comuni d i montagna, c h e vivono principalmente dell'agri­
coltura, d e l l ' a l l e v a m e n t o e della selvicoltura.
G i à d a a l c u n i l u s t r i , a l c u n i piccoli C o m u n i — e a n c h e q u a l ­
che comunità u n po' p i ù g r a n d e e m a l e amministrata — n o n
riescono, p e r m a n c a n z a d i risorse, a d a f f r o n t a r e i l o r o p r o ­
b l e m i e a t r o v a r e i l d e n a r o necessario p e r l e l o r o spese.
I l C a n t o n e h a i s t i t u i t o g i à d a t e m p o u n U f f i c i o d i controllo
dei Comuni, m a q u e s t o p u ò i n t e r v e n i r e , p e r l ' a u t o n o m i a c h e
l e c o m u n i t à g o d o n o q u a s i i l l i m i t a t a m e n t e , solo t r o p p o t a r d i ,
solo q u a n d o l ' i n t e r v e n t o d e l C a n t o n e v i e n e chiesto.
Già subito dopo l'entrata del Cantone nella Confederazione
si p r e s e n t a r o n o p r o b l e m i — c o m e a d es. l a posizione d e l l e
vicinie r i s p e t t o a i C o m u n i e l a f u s i o n e d i piccole c o m u n i t à
i n u n a sola — c h e si s a r e b b e p o t u t o r i s o l v e r e b e n p i ù f a c i l ­
m e n t e e i n m o d o p i ù lineare, se si avesse potuto invocare
u n a legge sui Comuni. G i à l a costituzione c a n t o n a l e d e l 1854
e l e edizioni r i v e d u t e d e l 1882 e d e l 1892 p r e v e d o n o u n a
s i m i l e legge, i l c u i c o m p i t o s a r e b b e s t a t o allora, c o m e s a r e b ­
b e oggi, d i d a r e f o r z a l e g a l e a i v a r i d e c r e t i d e l G o v e r n o c a n ­
tonale, p r o n u n c i a t i n e l corso degli scorsi decenni. L a l e g g e
i n parola v o r r e b b e d u n q u e creare u n a situazione giuridica
c h i a r a e s i c u r a p e r t u t t i i C o m u n i . È ovvio c h e i C o m u n i , i
q u a l i posseggono l e p r e m e s s e p e r u n a b u o n a a m m i n i s t r a z i o n e
e c h e dispongono d e i mezzi n e c e s s a r i p e r f a r f r o n t e a i l o r o
compiti, p o t r e b b e r o c o n t i n u a r e a g o d e r e d e l l a l o r o v e c c h i a
a u t o n o m i a . I l C a n t o n e c h i e d e solo, i n sostanza, d i p o t e r i n ­
tervenire i n t e m p o e d i poter aiutare i Comuni i n difficoltà
n o n solo q u a n d o s o n o a l l a f i n e delle l o r o f o r z e , m a g i à d a l
m o m e n t o i n c u i si p r e s e n t a n o l e p r i m e difficol t à.
I l primo disegno di legge sui Comuni v e n n e p r e s e n t a t o a l
G r a n Consiglio n e l 1943, q u a n d o i l D i p a r t i m e n t o d e l l ' I n t e r n o
e r a presieduto dal prof. dott. P e t e r Liver, ore docente d i
s t o r i a d e l d i r i t t o all'U niversità d i B e r n a . L a r e a z i o n e d a
p a r t e dei deputati f u i n p a r t e addirittura violenta. Inutile
d i r e c h e il popolo, n e l 1945, bocciò q u e s t a legge, c h e si p e ­
r i t a v a d i l i m i t a r e l ' a u t o n o m i a c o m u n a l e ! E.... n e l f r a t t e m p o
altri Comuni sono impoveriti a l p u n t o d a dover essere a i u ­
tati dallo Stato.
Il Cantone n o n h a comunque dormito; h a emanato t u t t a
u n a s e r i e d i leggi i n t e s e a d i m i n u i r e gli o n e r i f i n a n z i a r i e
i g u a i d e i C o m u n i d i m o n t a g n a , c o m e a d es. l a legge p a u p e r i l e d e l 1955, l a l e g g e s u i d i r i t t i d e i c i t t a d i n i d e l 1956, l a l e g ­
g e s u l conguaglio f i n a n z i a r i o t r a i C o m u n i d e l 1956, l a l e g g e
sull'esercizio d e i d i r i t t i politici d e l 1962 e l a legge f i s c a l e
d e l 1964. — N o n o s t a n t e q u e s t a diligenza legislativa d a p a r t e
d e l C a n t o n e , nel 1962 u n a mozione f i r m a t a d a c i r ca 20 d e ­
p u t a t i chiedeva ancora u n a volta u n a legge cantonale sui
Comuni, o r m a i u r g e n t e , p e r l ' u r b a n e s i m o , p e r l a d i f f i c o l t à d i
d i s t r i b u i r e l e v a r i e c a r i c h e n e i C o m u n i piccoli, p e r l a d i f f i ­
coltà d i t r o v a r e b u o n i f u n z i o n a r i comunali, p e r i l c o n t i n u o
a u m e n t a r e dei problemi che il Comune si trova a d a f f r o n ­
t a r e . L a m o z i o n e è s t a t a accolta, e i n a u t u n n o h a a v u t o l u o ­
g o l a p r i m a l e t t u r a d e l n u o v o disegno d i l e g g e s u i C o m u n i .
M a d i n u o v o s i è, d a t a l u n a p a r t e , d i c h i a r a t o g u e r r a , i n d i ­
f e s a del l a q u a s i incondizionata a u t o n o m i a d e i C o m u n i , a n ­
c h e d i quelli l e cui forze vitali sono esaurite. Speriamo co­
m u n q u e c h e il P a r l a m e n t o e il P o p o l o v o g l i a n o s t a v o l t a
p r e n d e r e u n a decisione positiva. (Reto)
NOTIZIARIO FUORI VALLE
d i D . S. G i u l i a n i
( T r a s m e s s o a l l a R a d i o i l 16 c o r r . m e s e )
*** A l l a f i n e d i d i c e m b r e d e l 1964 è u s c i t o a B e r n a i l v o l u m e
statistico r i g u a r d a n t e i l n o s t r o c a n t o n e , e l a b o r a t o i n b a s e
a i d a t i d e l c e n s i m e n t o del l a popolazione d e l 1. d i c e m b r e '60.
S i t r a t t a d i u n v o l u m e d i ci r ca 150 p a g i n e e c o n t i e n e p r a t i ­
c a m e n t e solo c i f r e , m a p e r coloro c h e s i i n t e r e s s a n o d i s t a ­
tistiche è u n a pubblicazione molto interessante. Rileviamo
solo p o c h i d a t i d i i n t e r e s s e g e n e r a l e . I l n o s t r o c a n t o n e c o n ­
t a v a a l 1. d i c e m b r e 1960: 147'458 p e r s o n e . L ' a u m e n t o d e l l a
popolazione n e l decennio 1950-60 è s t a t a d i 10'358 p e r s o n e e
p r e c i s a m e n t e d e l 7,6 »/o n e i c o n f r o n t i d e l 1950. L ' a u m e n t o è
s t a t o p a r t i c o l a r m e n t e sensibile n e i c o m u n i con f o r t e s v i l u p p o
i n d u s t r i a l e e n e i c o m u n i d o v e n e l 1960 e r a n o i n corso i m ­
p i a n t i idroelettrici. Cosi l a c a p i t a l e C o i r à h a s e g n a t o u n a u ­
m e n t o d e l 28 »/o, T h u s i s p u r e d e l 28 "/o, I g i s - L a n d q u a r t 39,7
p e r cento e il comune d i Innerferrera h a segnato il record
con u n a u m e n t o d e l 328 °/o. P e r q u a n t o c o n c e r n e i l G r i g i o n i
I t a l i a n o l a s i t u a z i o n e è l a s e g u e n t e : Circolo d i Mesocco a u ­
m e n t o d e l 13,7 "/o, R o v e r e d o 5,7 »/o, C a l a n c a u n a d i m i n u z i o n e
d e l 13,1 "la, circolo d i B r e g a g l i a a u m e n t o d e l 16 "/o, circolo
d i B r u s i o d i m i n u z i o n e d e l 5,4 "/o e P o s c h i a v o d i m i n u z i o n e d e l
7,2 "/o. I l c o m u n e d i P o s c h i a v o c h e e r a a l t e r z o p o s t o n e l c a n ­
tone, h a d o v u t o c e d e r e i l p o s t o a I g i s - L a n d q u a r t e S t . M o r i t z
e d è p a s s a t o i n q u i n t a posizione.
L a r i p a r t i z i o n e d e l l a popolazione secondo l e confessioni n e l
c a n t o n e è o r a l a s e g u e n t e : P r o t e s t a n t i 70*818 cioè i l 48°,'o.
Cattolici 75'448 cioè i l 51,1 "lo, a l t r e confessioni 1192 cioè 0,9
p e r cento. D a l p u n t o v i s t a linguistico ecco i d a t i : t e d e s c h i
83'544 cioè 56,6 "/o, f r a n c e s i 760, i t a l i a n i 23'682 cioè U 16,1 °/o
e r o m a n c i 38'414 cioè 26,1 Vo. L a l i n g u a i t a l i a n a h a s e g n a t o
il p a s s o q u e s t a v o l t a con u n a u m e n t o d a 18'079 n e l 1950 a
23'682 n e l 1960. N e s s u n a illusione p e r ò : s i t r a t t a i n m a s s i m a
p a r t e d i u n c o n t r i b u t o d a t o d a i l a v o r a t o r i del l a v i c i n a r e ­
pubblica. I l Grigionitaliano come t a l e n o n n e approfitta.
*** I l C o m i t a t o « S e g a n t i n i » f o n d a t o n e l l o n t a n o 1905 e c h e
h a a l s u o a t t i v o l a costruzione d e l m u s e o S e g a n t i n i a S t .
Moritz, c o n t i n u a a s v o l g e r e l a s u a a z i o n e p e r s e m p r e m e g l i o
f a r conoscere e d a p p r e z z a r e i l g r a n d e p i t t o r e del l a m o n t a ­
g n a . P e r N a t a l e 1964 il c o m i t a t o h a p u b b l i c a t o u n v o l u m e t t o
d a l titolo « G i o v a n n i S e g a n t i n i » . L a p u b b l i c a z i o n e è r e d a t t a
i n tedesco, f r a n c e s e , i t a l i a n o e inglese. E s s a c o n t i e n e f r a a l ­
tro l a riproduzione i n bianco e n e r o d i t u t t e l e opere d i S e ­
g a n t i n i c o n t e n u t e n e l m u s e o d i S t . Moritz. L e o p e r e p r i n c i ­
p a l i p o i s o n o r i p r o d o t t e a n c h e a colori.
*** L ' a n n o 1965 s a r à p e r i l n o s t r o c a n t o n e l ' a n n o d e l l e n o ­
m i n e pol i t i che e a m m i n i s t r a t i v e . L ' u l t i m a d o m e n i c a d i f e b ­
b r a i o s i d o v r a n n o e l e g g e r e i d u e consiglieri agli S t a t i e g i à
o r a s i p u ò p r e v e d e r e l a c o n f e r m a d e g l i a t t u a l i i n c a r i c a on.li
D r . T h e u s e D r . D a r m s . P u r e i n q u e s t o giorno s i a v r a n n o l e
n o m i n e d e i consiglieri g o v e r n a t i v i p e r i l t r i e n n i o 1966-68.
G l i on. R e n z o L a r d e l l i e Giorgio Brosi, p r e s i d e n t e d e l g o ­
v e r n o il p r i m o e v i c e i l secondo p e r l ' a n n o i n corso, n o n p o ­
t r a n n o v e n i r rieletti, a v e n d o assolto i l t r e v o l t e p r e v i s t o c o ­
m e m a s s i m o p e r l a c a s a grigia. G l i on. D r . H u o n d e r e D r .
Willi s o n o rieleggibili p e r u n t r i e n n i o a n c o r a e Fon. S t i f f l e r
v e r r à p o r t a t o p e r l a seconda v o l t a . I l p a r t i t o l i b e r a l e h a g i à
designato il suo candidato nella persona del signor Ludwig
d i Schiers. — N e l m e s e d i m a g g i o p o i s i a v r a n n o l e elezioni
d i circolo c h e p r e v e d o n o l e s e g u e n t i n o m i n e : N o m i n a d e i
granconsiglieri p e r i l b i e n n i o m a g g i o 1965-maggio 1967, n o ­
m i n a d e i t r i b u n a l i d i circolo p e r il b i e n n i o 1. g i u g n o 196531 m a g g i o 1967. P i ù t a r d i s i a v r a n n o p o i l e n o m i n e d e l t r i ­
b u n a l e c a n t o n a l e e d e i t r i b u n a l i d i distretto, c h e p e r ò s o n o
d i c o m p e t e n z a d e l governo, r i s p. d i d e l e g a t i d e l popolo.
*** C o n i l 1. g e n n a i o a n n o c o r r e n t e l a c i t t à d i C o i r à v i e n e
d i r e t t a d a u n collegio d i t r e p e r s o n e c h e f o r m a n o i l consiglio
cittadino, assistito d a l consiglio c o m u n a l e a m p l i a t o e c h e
c o n t a 21 consiglieri. I l Consiglio c i t t a d i n o è c o m p o s t o d e i
s i g n o r d r . Giorgio S p r e c h e r , c h e è p u r e p r e s i d e n t e d e l l a c i t ­
tà, Trippel e Maier. Attualmente l a città d i Coirà conta
28'400 p e r s o n e c o n t r o l e 24'825 d e l 1. d i c e m b r e 1960.
*** L e f e s t e d i N a t a l e e C a p o d a n n o , f a v o r i t e i n p a r t e d a l b e l
tempo, h a n n o visto il pieno stagione i n tutti i luoghi d i c u r a
e di sport del nostro cantone. L a ferrovia retica e l e poste
a l p i n e s o n o s t a t e sottoposte a g r a n d i s f o r z i p e r s m a l t i r e i l
t r a f f i c o e ci s o n o r i u s c i t e con m o l t a m a e s t r i a , g r a z i e a l l a
b u o n a collaborazione d i t u t t o i l p e r s o n a l e . S u l t r a t t o C o i r a S t . M o r i t z v e n n e r o t r a s p o r t a t i f r a i l 20 e 26 d i c e m b r e o l t r e
12'000 t u r i s t i , f r a L a n d q u a r t e D a v o s o l t r e 14 m i l a (compresi
i n q u e s t i u l t i m i ci r ca 1000 c h e h a n n o p r o s e g u i t o p e r l ' E n gadina). F r e q u e n z e r e c o r d s o n o p o i s t a t e r e g i s t r a t e s u l l e f u ­
nicolari, f u n i v i e e slittovie d i t u t t i i c e n t r i turistici. U n solo
e s e m p i o : il 30 d i c e m b r e 1964 l a f u n i v i a del l a C h a n t a r e l l a d i
S t . M o r i t z h a t r a s p o r t a t o 12'250 sciatori.
*** I l t e a t r o c i t t a d i n o d i Coirà h a a p e r t o l a s u a s t agi one i n ­
v e r n a l e il 9 c. m . con l a r a p p r e s e n t a z i o n e d e l pezzo: L a n o t t e
d i A i a x di Antonio Schwengeler. I l programma prevede f r a
a l t r o : I l m a l a t o i m m a g i n a r i o d i Molière, I l giudice d i Z a l a m e a di Calderon della Barca, Guai a chi m e n t e di Grillparzer
ecc. D u r a n t e l a s t agi one s a r à o s p i t e d e l t e a t r o c i t t a d i n o u n
complesso i t a l i a n o c h e d a r à « I l B a r b i e r e d i Siviglia » d i
Rossini. S e m p r e n e l c a m p o c u l t u r a l e s o n o i n p r o g r a m m a a
C o i r à a l c u n i c o n c e r t i p e r o r g a n o n e l l a chiesa d e l C o m m a n ­
d e r . L ' u n o h a a v u t o l u o g o i l 17. 1. 65 con o p e r e d i B a c h , e s e g u i t e d a C a r l o Kolly. I l grigionitaliano s i g n o r p r o f . O r e s t e
Z a n e t t i c h e si è già esibito con u n b e l concerto il g i o r n o 11
ottobre, s a r à n u o v a m e n t e a l l ' o r g a n o i n occasione d e l c o n ­
certo previsto il 9 maggio e eseguirà opere d i Bruhns, W.
Burkhard e D. Buktehude.
I
Cronaca della Valle
t I N MEMORIA DI LARDI ROBERTO, LE PRESE
S a b a t o scorso u n l u n g o e m e s t o corteo accompagnava all'ul­
t i m a dimora, n e l cimitero di L e Prese, il n o s t r o c a r o amico
Roberto Lardi. A p p e n a adolescente a v e v a lasciato il s u o p a e ­
sello p e r assolvere gli studi commerciali e d indi p a s s a r e a l
servizio doganale. Nel q u a l servizio seppe accapparrarsi l a
s t i m a e fiducia dei superiori e dei compagni e i n b r e v e t e m ­
p o f e c e bella carriera. Benvoluto e r a p u r e f r a i suoi c o m m i ­
litoni, specialmente d u r a n t e il l u n g o periodo di servizio a t ­
tivo. I l direttore delle dogane pronunciò sull'aperto avello
p a r o l e commoventi, p i e n e d i riconoscimento e b e n a p p r o ­
p r i a t e alle f a s i della v i t a dell'Estinto.
A i superstiti l e n o s t r e p i ù sincere condoglianze e dell'amico
p a s s a t o a miglior v i t a serberemo ognora u n g r a t o ricordo.
Apud Te est fons vitae, e t i n lumine tuo videbimus lumen.
(Salmo 35). P r e s s o di T e o Signore è l a sorgente della v i t a
e n e l T u o splendore v e d r e m o l a v i t a eterna.
Nel decorso d i 15 giorni ci troviamo u n a seconda volta a
d a r e sepoltura a d u n figlio della n o s t r a parrocchia.
Lardi Roberto Lucio, figlio d i Beniamino e Emilia n . C r a m e r i n a c q u e a L e P r e s e il 25 gennaio 1910. F r e q u e n t ò l a
scuola della s u a t e r r a natale, p o i si p o r t ò alla Scuola c a n t o ­
n a l e di Coirà ove assolve con ottimo successo il corso c o m ­
merciale. Nel giugno d e l 1931 gli m o r i v a i l b u o n p a p à q u a n ­
d o già l o t r o v i a m o alle dipendenze delle n o s t r e dogane.
D a t e l e s u e belle capacità f u i n seguito definitivamente a s ­
s u n t o q u a l e impiegato doganale, d a p p r i m a a Lugano, poi a
Basilea, p i ù t a r d i l o t r o v i a m o a L u c e r n a e poi d i n u o v o a
Basilea. — I l 18 luglio 1942 f a c e v a b e n e d i r e il suo m a t r i m o ­
n i o con l a signorina M a r g h e r i t a T h ö n i nella chiesa p a r r o c ­
chiale cattolica di Weggis e i n questa u n i o n e mat r i m o n i a l e
f u p a d r e d i u n figlio e d i u n a figlia.
Ogni a n n o q u a l e a m a n t e del suo p a e s e n a t a l e egli passava
l e s u e vacanze a L e P r e s e assieme alla famiglia d e i suoi
cari, p e r godersi l'aria s a l u b r e delle s u e m o n t a g n e e l a b e l ­
lezza del nostro lago, come p u r e p e r ritrovarsi con i suoi
concittadini.
Q u a l e impiegato delle dogane e r a laborioso, puntuale, co­
scienzioso e stimato d a i suoi superiori e subalterni. P r o v a d i
questo è ch'egli e r a a r r i v a t o a l g r a d o di Capoufficio d i d o ­
g a n e a Basilea. I l b u o n Roberto e r a d ' u n c a r a t t e r e aperto,
sincero e a m a n t e della v e r i t à e giustizia.
Questa s u a probità scaturiva d a i profondi principi morali
ereditati d a i suoi b u o n i genitori e convalidati dalle verità
cristiane della n o s t r a s a n t a Fede.
D a d u e a n n i circa l a sua salute f u scossa, e nella s u a g r a v e
m a l a t t i a sopportò con cristiana e paziente rassegnazione i
dolori come a n c h e i r i p e t u t i interventi chirurgici, s e m p r e
nella speranza d i vincere il male. Q u a n d o l a m a l a t t i a s e m p r e
p i ù s'aggravò egli volle r i t i r a r s i presso il s u o f r a t e l l o s a ­
cerdote, M. R . Don A r t u r o a D a v o s b e n conoscendo l'aiuto
spirituale della Chiesa.
L a m a t t i n a d e l 20 gennaio, q u a n d o s t a v a p e r raggiungere il
s u o 55.mo compleanno, confortato r i p e t u t a m e n t e d a i S a c r a ­
m e n t i della n o s t r a s a n t a F e d e passava alla v i t a e t e m a a
godersi il p r e m i o riservatogli d a l Signore, come dice il S a l ­
m i s t a : « N e l splendore del Signore v e d r e m o e godremo l a S u a
visione nella luce e t e r n a ».
Caro Roberto riposa i n pace.
t NECROLOGIO. — M a r t e d ì della scorsa settima n a ebbero
luogo i f u n e r a l i d i Fridolin Hösli m o r t o il sabato pr e c e d e n t e
all'età di 75 a n n i all'ospedale d i S a n Sisto. I l signor Hösli
passò l a maggior p a r t e della s u a v i t a a St. Moritz. E r a v e ­
n u t o a d a b i t a r e a Poschiavo d u e a n n i f a , i n casa della si­
g n o r a A n n a Erni-Paravicini, l a q u a l e p r i m a s t a v a p u r e a
St. Moritz. Già a St. Moritz, dopo c h e e r a r i m a s t o vedovo,
l a signora E m i p r o v v i d e al governo della s u a casa. S ' e r a t r a ­
sferito q u i a Poschiavo nella speranza d i poter ristabilire
l a s u a s a l u t e m a l f e r m a . Nonostante l e p r e m u r o s e c u r e il s u o
s t a to di s a l u t e andò peggiorando f i n o c h e l a signora E m i f u
costretta d i f a r l o ricoverare all'ospedale. L'«Engadiner Post»
l'organo di pubblicazione d i St. Moritz, h a pubblicato u n n e ­
crologio, d a l q u a l e togliamo q u a n t o segue: « I l signor Hösli
v e n n e a St. Moritz i n giovane e t à e f u p e r decenni p r i m a
contabile poi capo-contabile dell'Hotel K u l m . Col t e m p o d i ­
v e n n e l'uomo d i f i d u c i a della famiglia B a d r u t t , proprietaria
del K u l m . I n seguito occupò l a carica d i cassiere dell'Ente
turistico. Dopo l a seconda g u e r r a mondiale a p r i u n ufficio
fiduciario p e r conto proprio. F u p e r molti a n n i il solerte e conomo della Comunità Evangelca. P e r l a competenza, l a
coscienziosità, l'esattezza e l'onestà, con l e quali svolgeva l e
mansioni affidategli, godeva l a fiducia e l a stima generale
della popolazione ».
Alla signora E m i , c h e h a assistito il D e f u n t o d u r a n t e l a s u a
m a l a t t i a con m a t e r n o a f f e t t o e abnegazione, il Grigione I t a ­
liano porge p u r e sentite condoglianze.
COMUNITÀ' EVANGELICA RIFORMATA
Culto domenicale il 31 gennaio alle o r e 10.15. Testo: R o m a n i
6/15-23. I n n i : 82, 105, 102, 136. — I l circolo di Famiglie si
è spostato a l martedì. Prossimo ritrovo: m a r t e d ì il 9 f e b ­
braio. Mercoledì il 3 f e b b r a i o o r e 20.00 nell'Aula: Q u a t t r o
m e m b r i dell' Esercito della Salvezza raccontano con u n a
conferenza, diapositive e canti dell'attività del loro m o v i ­
mento.
FESTA FAMILIARE
La Corale di San Vittore organizza i l 6 febbraio al Suisse
una serata familiare pubblica. Tutti sono gentilmente invi­
tati, m a soprattutto gli amanti del canto, della musica e
del buon umore.
—^
SPORTIVA « P A L Ü » POSCHIAVO. — S a b a t o 30 gennaio
alle o r e 20.00 a v r à luogo all'Albergo Croce Bianca l a t r a d i ­
zionale F e s t a F amiliare; t u t t i i soci sono gentilmente i n v i ­
t a t i con i l o r o familiari e amici.
Domenica 7 f e b b r a i o v e r r à organizzato a Selva il, p r i m o S l a lomgigante « Selva », p a r t e n z a Selva - t r a g u a r d o Gargatti.
Inizio della g a r a alle ore 13.30. T u t t i gli scolari sono i n v i ­
t a t i a p r e n d e r p a r t e alla gara, l'assicurazione v a a carico
del partecipante. I l t r a s p o r t o a Selva s a r à organizzato p e r
mezzo J e e p . Annunciarsi e n t r o il 5 f e b b r a i o presso J e n n y
S p o r t Poschiavo. — Domenica 14 f e b b r a i o i n occasione delle
g a r e internazionali d i sci maschile a M a d o n n a di Campiglio
s a r à organizzata u n a gita i n società, p a r t e n z a d a Poschiavo
alle o r e 5.30; gli interessati devono annunciarsi e n t r o il 5
f e b b r a i o presso J e n n y Sport Poschiavo.
I l Comitato
RINGRAZIAMENTO. — S e n t o il dovere d i ringraziare p u b ­
blicamente Colleghi, scolari giovani e ultracinquantenni, n o n ­
ché autorità, p a r e n t i e amici c h e m i vollero o n o r a r e n e l
giorno del m i o 75mo compleanno con biglietti e t e l e g r a m m i
a u gurali e con regali e visite personali.
I n modo speciale ringrazio l'egregio corrispondente del n o ­
s t r o settimanale p e r le s u e espressioni d i v e r a amicizia e
collegialità e p e r i suoi voti. — Ringrazio i Colleghi e gli
scolari della scuola dell'Annunziata p e r l'inaspettata p u b ­
blica dimostrazione d i a m o r e e simpatia espressami con c a n ­
t i e poesie appropriati. — Non d a u l t i m o m i è g r a t o r i n g r a ­
ziare p e r i suoi voti il Comitato direttivo della « P r o G r i gioni Italiano».
Luigi Menghini 1890, Prada
D A RADIO TIVÙ. — Studio Lugano, 1. P r o g r a m m a : Venerdì
29 gennaio o r e 14.00: Emissione radioscolastica: S E I C A P A ­
C E D I L E G G E R E d i Giancarlo Zappa. Sabato: O r e 18.15
Voci del Grigioni Italiano: I N O S T R I PROBLEMI.
CONCERTO DEL CORO MISTO A L CINEMA-TEATRO RIO
Come già a n n u n c i a t o n e l p r e c e d e n t e n u m e r o d i q u e s to s e t ­
timanale, domenica s e r a 31 gennaio il Coro Misto c a n t e r à
p e r voi a l Rio. F o r t e d i 37 elementi, f r a cui c in q u e n u o v i
m e m b r i e n t r a t i nell'ottobre scorso, il Coro c a n t e r à compo­
sizioni classiche e folcloristiche. I l p r o g r a m m a comprende
f r a a l t r o « Alla mente confusa » d i L . Mapelli c a n t a t a d a i
Cori Uniti come canzone d i g a r a alla f e s t a d i c a n t o 1964 a
Vicosoprano. S a r à eseguita questa volta con accompagna­
m e n t o di piano. Si c a n t e r a n n o inoltre, p e r l a p r i m a v o lta a
Poschiavo, « Ruscello alpestre » e « La Rosina », d u e n u o v i s ­
sime canzoni del signor Remigio Nussio. Conclude i l c o n ­
certo « La montanara », l a tipica e i n t r a m o n t a b i l e canzone
della montagna, eseguita a c i n q u e voci e solo.
Dopo l a p a u s a alcuni m e m b r i del Coro r e c i t e r a n n o l a c o m ­
m e d i a «QUALE ONORE», u n a t t o d i P e p p i n o D e Filippo,
il commediografo e g r a n d e a t t o r e napoletano, noto special­
m e n t e p e r « Napoli milionaria ». L a commedia c h e v i p r e ­
senteremo, a m b i e n t a t a nella Napoli borghese dell'anteguer­
r a , è m o l t o m o v i m e n t a t a e p i e n a d i situazioni impreviste.
I l Coro Misto rivolge u n gentile invito agli amici e a tutti
i simpatizzanti del canto. Riservate domenica sera al n o ­
stro concerto.
Il comitato
Segue il p r o g r a m m a : p a r t e p r i m a :
1. Ruscello alpestre — Coro — R . Nussio
2. A v e bel fior — Coro — F r . S c h u b e r t
3. Alla mente confusa — Coro e p i a n o — L. Mapelli
4. I Trovatori — Coro — R . S c h u m a n n
5. La Rosina — Coro — R. Nussio
6. Tace il vento — Coro — G. Verdi
7. La Montanara — Coro e solo — T. Ortelli
P A U S A — P a r t e seconda — TEATRO « QUALE ONORE ».
u n a t t o di P e p p i n o D e Filippo.
u n a gustosa cenetta all'albergo Sciora dì Promontogno, g e ­
n e r o s a m e n t e o f f e r t a dall'Hockey-Club Bregaglia.
L'entusiasmo dei nostri discatori è s ta to alimentato d a q u e ­
s t a p r i m a esperienza che, n o n o s t a n t e il risultato i n cifre, è
s t a t a gradevolissima. Già si p e n s a d i organizzare a l t r i incon­
t r i e d ì f o r m a r e u n a società con t a n t o di statuti.
L e r e t i p e r Poschiavo sono s t a t e s e g n a t e r is p e ttiv a me n te d a :
G. L. Battaglia 2, J . Battaglia 2, G. A. G e e r 1, M. J ä g e r 1.
A. F .
PREMI DELLA TOMBOLA. — L a f e s t a f a m i l i a r e i n f a v o r e
delle Missioni si svolse domenica scorsa i n m o d o v e r a m e n t e
soddisfacente. I l concorso f u r a l l e g r a n t e e l a generosità s q u i ­
sita. Così, p u r dovendo r i n u n c i a r e p e r f o r z a maggiore alla
prevista lotteria, si riuscì n o n d i m e n o a svolgere u n intenso
p r o g r a m m a . N o n siamo ancora i n g r a d o d i p o t e r a n n u n c i a r e
l'esito finanziario finale, m a s i a m o convinti c h e raggiunse
u n a bella quota. — I n magazzino rimangono a n c o r a p a r e c ­
chi p r e m i della tombola. Chi h a dei n u m e r i vincenti, f a v o ­
risca r i t i r a r e i p r e m i il p i ù p r e s t o presso l a presidente del
Terz'Ordine Francescano, signora Pagnoncini-Rossi.
U n sentito grazie a q u a n t i collaborarono e p a r te c ip a r o n o i n
q u a l c h e modo alla b u o n a riuscita della festa.
CASSA AMMALATI DI BRUSIO. — Nella s u a s e d u ta del
19 corr. l a sovrastanza della Cassa a m m a l a t i d i B r u s ì o dopo
a v e r p r e s o a t t o delle dimissioni dell'amministratore della
Cassa, sig. M.le L e o n e Della Ca, dimissioni a v v e n u t e i n s e ­
guito alla s u a n o m i n a a segretario aggiunto del Comune,
scelse q u a l e n u o v a g e r e n t e l a sìg.na Andreina Della Ca d ì
Lugi, Campascio, già d a q u a l c h e t e m p o i n f u n z i o n e dì a i u t o
cassiere. L a n u o v a sede della Cassa a m m a l a t i s a r à installata
i n u n locale a p i a n t e r r e n o della casa Rossi, a f i a n c o dell'am­
bulatorio del medico condotto Dott. Milvio.
Ringraziamenti all'amministratore dimissionario p e r q u a n t o
h a f a t t o f i n o r a a f a v o r e della Cassa e complimenti alla n e o ­
eletta gerente.
D A SAN CARLO. — T i r a t e l e s o m m e e f a t t o il bilancio, il
comitato dell'Asilo I n f a n t i l e si s e n t e i n d o v e r e di p o r g e r e i
suoi p i ù sentiti ringraziamenti a t u t t i coloro c h e con oboli
0 prestazioni f u r o n o d i valido a i u t o p e r t a l e lusinghiero s u c ­
cesso, c h e d à l a possibilità all'Ente di p o t e r c o n t a r e s u a n ­
cora alcuni a n n i di continuità, m e n t r e culla l a dolce s p e ­
ranza, f o r s e a n c h e p r e s t o (comunque n o n dopo il 2000), d i
iniziare l'erezione della n u o v a sede universitaria d i cui n e
h a impellente bisogno. U n grazie particolare l o ripetiamo a i
graditi ospiti d i Neuchâtel che sacrificarono l e l o r o o r e d i
libero di f i n e settimana, p e r d a r c i l a possibilità d i v e d e r e i
loro f i l m umoristici, sull'organizzazione e automazione i n
corso i n seno alle P T T i n questi u l t i m i anni, passando i n
rassegna il modesto u f f i c i o postale dei paesi d i m o n t a g n a
f i n n e i grossi centri della Svizzera. Degno d i rilievo e d o p ­
p i a m e n t e gustato il f i l m sull'Expo, ove molti e b b e r o occa­
sione di v i s i t a r n e gli S t a n d nell'estate e d a u t u n n o scorsi.
I n complesso u n a bella serata c h e ci a u g u r i a m o a b b i a sod­
disfatto t u t t i ì convenuti che generosamente contribuirono
all'esito finanziario cui ci e r a v a m o preposti.
,
S u o r a e bambini, c h e già s t a n n o p r e p a r a n d o i progetti p e r
l a n u o v a scuolina, s e m p r e i n attesa c h e q u a l c h e zio d ' A m e ­
r i c a f o r s e si ricorda d e l s u o paesello natio, ringraziano p u r e
p e r t a n t a generosità loro riservata, i n v i a n d o d a queste co­
l o n n e a i Signori della Svizzera f r a n c e s e u n arrivederci
p r e st o a S a n Carlo.
I l comitato a n n u n c i a : si t r o v a a n c o r a n e l l e loro m a n i i l p r e ­
m i o r u o t a della f o r t u n a serie 3 no. 34, come p u r e d u e p r e m i
tombola. Si posson r i t i r a r e presso R i s t o r a n t e P a l ü S a n Carlo.
PREZZO PER LEGNAME D'OPERA DI LICENZA 1965
PREZZO PER LEGNA D A FUOCO 1965
IMPOSTE, LEGNAME E CONFUSIONE
P e r f o r t u n a , m a l g r a d o il l u n g o e c o n f u s o t r a f i l e t t o sull'ul­
t i m o n u m e r o del n o s t r o c a r o Grigione, l a v e r i t à r i m a n e s e m ­
p r e a n c o r a u n a sola. I l sistema d i f f e r e n t e d i tassazione n o n
toglie di mezzo il f a t t o che, p e r l ' a n n o 1964, i n m a t e r i a d i
imposte comunali v e n n e r o adottati d u e pesi e d u e misure.
Nel 1963, soggiornaTiti e domiciliati h a n n o p a g a t o l'imposta
comunale p a r i all' 80 »/o d i quella cantonale, cosa c h e si f a r à
a n c h e n e l 1965. Solo p e r il 1964, p a r t e dei cittadini pagò
l'imposta comunale i n b a s e al vecchio regolamento, l ' a l t r a
p a r t e invece secondo l e n u o v e disposizioni.
I n q u a n t o concerne il prezzo p e r l a legna d'ardere, l a r is p o ­
s t a è s t a t a d a t a d a l lod. Consiglio comunale, il quale, i n o c ­
casione della sua se d u t a del 13.1.1965 constatò, c h e l a m e d i a
delle spese di taglio e condotta e r a superiore all'attuale p r e z ­
zo del lotto. A f f i n c h é il C o m u n e n o n d e b b a rimetterci, il
lod. Consìglio approvò u n a u m e n t o del prezzo del lotto i n
ragione d i f r . 6.— a l m3.
S i c u r a m e n t e n e ssu n cittadino d i m e d i a intelligenza c o m ­
p r e n d e r à mal, p e r q u a l e m o t i v o il fatto, che p a r t e dei c i t ­
tadini p a g a un'imposta comunale p a r i all' 80 "/o e l ' a l t r a p a r t e
p a r i a l l ' 8 5 »/o d i quella cantonale, a b b i a qualcosa a c h e f a r e
con m i s u r e di risparmio. O p p u r e e n t r a f o r s e il f a t t o che, p e r
i l 1964, i l C o m u n e h a d o v u t o r i m e t t e r e l a b e l l a sommetta d i
f r . 20'000.— p e r coprire l e spese d i taglio e d i condotta dei
lotti ?? — Beniamino F r a n k l i n , il cui n o m e v e n n e citato
dall'autore del trafiletto, nella s u a m a n s i o n e d i presidente
degli S t a t i U n i t i d'America n o n decretò m a i a u m e n t i d ' i m ­
poste con forza retroattiva. È f o r s e p e r q u e s t o f a t t o c h e d i ­
Pungolo.
v e n t ò notissimo ??
1 CAMPI D I PATTINAGGIO. — I l n o s t r o p a e s e v a n t a i n
q u e s t a stagione i n v e r n a l e d i d u e b e i c a m p i p e r il p a t t i n a g ­
gio. Quasi t u t t i gli scolari si esercitano o r e e d o r e s u questi
ghiacci. A n c h e b u o n n u m e r o di adulti, f r a i q u a l i diverse
p r o v e t t e giovani pattinatrici si d a n n o a q u e st o sport, a t u t t o
vantaggio del corpo e dello spìrito. Specialmente q u e s t ' i n ­
verno, così scarso d i neve, questi c a m p sono quasi u n a n e ­
cessità. U n r i n g r a z i a m e n t o agli ideatori d i t a l e opera, a l c u ­
stode sig. Claudio Godenzi e a t u t t i coloro che cooperano p e r
a v e r e i c a m p i i n b u o n stato. A i ragazzi raccomandiamo m a g ­
gior disciplina p e r n o n c o r r e r e il pericolo d ì essere espulsi
d a l c a m p o p e r t u t t a l a stagione.
G.
DISCO SU GHIACCIO: BREGAGLIA—POSCHIAVO9 - 6
(1—4, 4—2, 4—0)
Gentilmente invitati dalla s q u a d r a bregagliotta u n b e l g m p p e t t o di baldi giovanotti poschiavini sì r e c a v a s a b a to p o m e ­
riggio nella Valle consorella p e r d i s p u t a r e u n a p a r t i t a d i
Hockey. L'incontro sulla p i st a d i S t a m p a e b b e inizio alle
ore 20.30. L a n o s t r a s q u a d r a e r a così composta: P o r t i e r e :
Reto P o l a (riserva Vincenzo Rada). Difesa: E n e a Fanconi,
E r n e s t o W e i d m a n n ; D i n o Vassella, A r n o Fisler. Attacco:
Gian-Luzì Battaglia, F r a n c o Compagnoni, M a r i o J ä g e r ; J o s i
Battaglia, G i a n - A n d r i Geer, Sergio T u e n a . — Già all'inizio
della p a r t i t a i nostri, con brillanti azioni e bel gioco d ' i n ­
tesa, p a s s a v a n o a l vantaggio, lasciando piuttosto perplessi i
già p r o v e t t i ospiti. I l p r i m o t e m p o si concludeva con u n v a n ­
taggio della n o s t r a s q u a d r a di 4 r e t i a 1. Nei secondi v e n t i
m i n u t i i bregagliotti f o r t i d i t r e arditi attaccanti d i M a loggia, riducevano l e distanze, portandosi a q u o t a 5-6. Nel
terzo t e m p o l a n o s t r a compagine, alle p r i m e armi, a v e v a l a
peggio e doveva i n c a ssa r e b e n 4 volte. I n complesso a b b i a ­
m o assistito a d u n a p a r t i t a v e r a m e n t e piacevole e d equili­
b r a t a , i m p r o n t a t a sull'amicizia. L a s e r a t a si concludeva con
I L FILM DELLA SETTIMANA A L RIO
QUANDO TORNA L'INVERNO
con Jean Gabin, Jean Paul Belmondo e Suzanne Flon.
D u e g r a n d i attori f r a n c e s i p e r l a p r i m a volta insieme i n u n o
spettacolo piacevolissimo. J e a n Gabin, u n veccio s o t t u f f i ­
ciale dei fucilieri dì M a r i n a c h e n e l v i n o t r o v a modo d ì r i ­
v i v e r e le a v v e n t u r e p a s s a t e e J e a n P a u l Belmondo, u n gio­
v a n e c h e a m a b e r e p e r a n n e g a r e i dispiaceri, s'incontrano
casualmente e f a n n o amicizia.
P a r l a t o i n italiano. Solo giovedì e sabato. Domenica sera,
concerto e recita del Coro Misto.
Cronaca dì Brusìo
LA NUOVA PARROCCHIA DELLA SACRA FAMIGLIA.
Dopo l a s u a costituzione definitiva e legale q u a l e c o m u n e
parrocchiale a i sensi della costituzione della Chiesa c a tto ­
lica dello S t a t o dei Grigioni l'assemblea («sindacato») della
n u o v a parrocchia della S a c r a Famìglia a Campocologno, con­
vocata p e r domenica scorsa, approvò sia l o s t a t u t o del n e o ­
costituito c o m u n e parrocchiale c h e il regolamento concer­
n e n t e l'imposta di culto.
Nella s u a seduta del 9 gennaio corr. i l lod. Consìglio c o m u ­
n a l e h a stabilito ì seguenti prezzi:
Legname di licenza : P A T R I Z I
Domiciliati svizzeri
franco strada
cantonale e segheria On*
Of* U*
On*
Of*
U*
Abete/Viez p/m3 fr. 104.— 95.— 94.— 118.— 106.— 104.—
Larice/Teone p/m3 fr. 105.— 86.— 79.— 119.— 96.— 84.—
Supplemento per tronchi da 8.— m e più di lunghezza il 10»/o
On* = b o r r e s o p r a 30 c m 0 n o r m a l e
Of* = b o r r e sopra 30 c m 0 difettoso
U* = t r o n c h i sotto 30 c m 0
LEGNAMENTA PER I L FIENO:
Concessione i n piedi Zona I I .
Abete da fendere p/m3 fr.
11.—
12.50
Priai per pezzo fr.
0.25
0.30
LEGNAME PER SIEPE:
Concessione i n piedi Z o n a I/II.
Abete/teone per pezzo fr.
0.50
0.60
Larice per pezzo fr.
0.80
1.—
P e r le concessioni i n piedi il p e t e n t e d e v e sopportare l a s p e ­
s a dì bollazione, controllo e misurazione = p e r ora (com­
p r e s o viaggi) Ispettore f o r . f r . 8.—; aggiunto f o r . f r . 6.—.
LEGNA D A FUOCO:
o
f.co domicilio
•Ö.S
o «
a
0) o
D
( O
O <JI
oè:
0)
O
M<
^ a)
43.—
o O
O co
co
fi 0)
73 D
<
O^
J
<
u
PH
PH
53.—
46.—
p/m3
fr. 49.—
Concess. i n piedi
p/m3 Z. I. fr. 24.—
19.—
6.—
28.—
21.—
7.—
p/m3 Z. II. fr. 11.—
6.— gratis
12.—
6.50 gratis
* P e r l e concessioni i n piedi — v e d i sopra.
I domiciliati esteri n o n n e h a n n o diritto e devono p a g a r e il
prezzo dì commercio. Possono raccogliere legna m o r t a gratis
nella zona II. (alta) con i l permesso dell'Ispettore forestale.
U F F I C I O FORESTALE B R U S I O
Cantone dei Grigioni
DALLE RISOLUZIONI DEL PICCOLO CONSIGLIO
R i g u a r d o all'applicazione delle t a r i f f e me d ic h e il Governo
h a fissato, i n conformità della r i v e d u t a legge f e d e r a l e sulla
assicurazione c o n tr o l e m a l a t t i e e gli infortuni, a SO'OOO f r .
p e r i celibi e a 60'000 f r a n c h i p e r i coniugati il limite m a s ­
simo di reddito ammissibile p e r assicurati i n condizioni f i ­
nanziarie particolarmente prospere. È computabile il reddito
imponibile, p i ù u n ventesimo della sostanza imponibile i n
q u a n t o s u p e r a i 300'000 f r a n c h i .
Sono stati approvati progetti d i correzione f l u v i a l e p e r l a
L a n d w a s s e r presso Glaris, p e r l a V a l S a n Giorgio e l a V a l
Drenola s u territorio del C o m u n e di Lostallo e p e r l a V a l
Furcela s u territorio d i Vicosoprano. P e r q u e s t e spese, p r e ­
v e n t i v a t e complessivamente a circa u n milione, si sono a c ­
cordati contributi secondo l a legge cantonale sulle a r g i n a ­
t u r e e l a legge s t r a d a l e cantonale.
I l Piccolo Consiglio h a approvato i registri degli immobili e
delle servitù del c o m u n e d i Schleuis, dichiarandoli i n vigore
a p a r t i r e d a l 1. f e b b r a i o 1965. I l territorio comunale è s ta to
annesso a l circondario di registro fondiario d i I l a n z con s e ­
d e i n Ilanz.
A l f i n e di p r o c u r a r e locali p e r i servizi dell'Amministrazione
cantonale il Governo h a concluso con l a Cooperativa f i d u ­
ciaria immobiliare delle corporazioni e istituti svizzeri d i
diritto pubblico, i n S a n Gallo, u n contratto d i a f f i t t o p e r
d u e immobili sulla Steinbruchstrasse a Coirà.
I l giurista Bernardo Lardi, di Poschiavo-Le Prese, è s t a t o
n o m i n a t o giudice i s t r u t t o r e della P r o c u r a pubblica. — I l
cantoniere s tr a d a le M a r t i n Wasescha è stato a s s u n t o i n s e r ­
vizio stabile.
COMMISSIONE NAZIONALE A KLOSTERS. — L a C o m ­
missione del Consiglio nazionale p e r l a legge f e d e r a l e s u lla
imposta p r e v e n t i v a p r e le v a ta alla fonte, si è r i u n i t a a K l o ­
sters n e i giorni 18 e 19 gennaio. F r a a l t r o h a deciso di a b o ­
l i r e l a tassa sui tagliandi che e r a del S'/o, m a n e l contempo
d i p o r t a r e d a 27°/o a l 30 Vo l'imposta preventiva e d i accor­
d a r e u n contributo del 6"/o del n e t t o di d e tta imposta a i
cantoni interessati. Tali decisioni dovranno ancora v e n i r r a ­
tificate e e v e n tu a lme n te modificate d a l Consiglio nazionale
nella sessione d i marzo.
QUALCHE CIFRA S U L CANTONE DEI GRIGIONI
(CPS) L'Ufficio f e d e r a l e d i statistica h a r e c e n t e m e n t e p u b ­
blicato u n v o lu me dedicato a l censimento del 1960 n e l c a n -
t o n e d e i Grigioni. N e r i s u l t a c h e i 147'458 a b i t a n t i , c h e i l
C a n t o n e c o n t a v a a l p r i m o d i c e m b r e 1960, f o r m a v a n o c o m ­
p l e s s i v a m e n t e 37'541 f a m i g l i e alloggiate r i s p e t t i v a m e n t e i n
24'052 abitazioni. Ciò r a p p r e s e n t a d u n q u e 6,1 p e r s o n e p e r a b i t a z i o n e e 3,9 p e r f a m i g l i a . L a popolazione c o n t a v a a l l o r a
75'033 u o m i n i , d i c u i 11'141 s t r a n i e r i (14,8 Vo) e 72'425 d o n n e ,
d i c u i 6'024 s t r a n i e r e (8,3 Vo). D e i 17'165 s t r a n i e r i , 2'606 e r a n o
Tedeschi, l'072 Austriaci, 105 d e l Li echt ens t ei n, 12'242 I t a ­
liani, 66 F r a n c e s i e, i n f i n e , 650 c i t t a d i n i p r o v e n i v a n o d a a l ­
t r i P a e s i e u r o p e i e 127 d a P a e s i e x t r a e u r o p e i . S u l p i a n o c o n ­
fessionale, l a popolazione grigionese e r a compos t a d a 70'818
p r o t e s t a n t i , 75'448 c a t t o l i c i - r o m a n i , 387 cattolici-cristiani, 115
i s r a e l i ti: 690 p e r so n e , i n f i n e , p r a t i c a v a n o a l t r e religioni o
e r a n o a t e e . R i l e v i a m o i n o l t r e c h e il C a n t o n Grigioni c o n t a v a ,
a l p r i m o d i c e m b r e 1960, B3'544 a b i t a n t i d i l i n g u a tedesca, d i
c u i 5'521 s t r a n i e r i , 38'414 d i l i n g u a r o m a n c i a , d i c u i 426 s t r a ­
nieri, 23'682 d i l i n g u a i t a l i a n a , d i c u i 10'253 s t r a n i e r i e 760
d i l i n g u a f r a n c e s e , d i c u i 86 s t r a n i e r i : l'058 a b i t a n t i , d i c u i
869 s t r a n i e r i , p a r l a v a n o a l t r e l i ngue.
PICCOLA DOMANDA. — G l i s f o r z i i n t r a p r e s i n e l M o e s a n o
d a p a r t e d e l l ' i s p e t t o r e scolastico p r o f . E d o a r d o F r a n c i o l l i e
d a l l a speciale C o m m i s s i o n e p e r l'istituzione i n Mesolcina d i
u n g a b i n e t t o d e n t i s t i c o p e r l a c u r a d e n t a r i a degli allievi, così
c o m e p r e v i s t o d a l l a n u o v a L e g g e scolastica e r i s p e t t i v a o r d i ­
n a n z a d'esecuzione, s o n o s t a t i v a n i . L e r i c h i e s t e d i m e d i c i d e n t i s t i d e l l i m i t r o f o Ti ci no s o n o s t a t e i n f r u t t u o s e .
N o n p e n s a il lodevole G o v e r n o d i d o v e r i n t r a p r e n d e r e i p a s ­
si n e c e s s a r i p r e s s o l'associazione d e i m e d i c i d e n t i s t i d e l C a n ­
tone, a f f i n c h é a n c h e gli scolari d e l M o e s a n o p o s s a n o e s s e r e
adeguatamente curati già a p a r t i r e d a l prossimo a n n o sco­
lastico ?
Coirà, 20 m a g g i o 1964
Max G i u d i c e t t i
RISPOSTA D E L PICCOLO CONSIGLIO. — Il Dipartimen­
to d'igieneh a informato l'ordine cantonale dei medici di q u e ­
s t a piccola d o m a n d a . L a Commi s s i one d i t a l e o r d i n e s i è d i ­
c h i a r a t a disposta a o r g a n i z z a r e u n servizio d e n t i s t i c o p e r l ê
scuole d e l Moesano, v i s t o c h e i d e n t i s t i d i Bellinzona n o n
v i p r o v v e d o n o . — I l 22 a g o s t o 1964 i r a p p r e s e n t a n t i d e i C o n ­
sigli scolastici e c o m u n a l i r i u n i t i a G r o n o d e v o n o a v e r e s a ­
m i n a t o il r e g o l a m e n t o l o r o p r o p o s t o e u n a convenzione. I n
d a t a 3 n o v . 1964 l ' I s p e t t o r e scolastico F r a n c i o l l i h a p o t u t o
comunicare alla Commissione c h e l e proposte e r a n o s t a t e
accettate. D o v r e b b e q u i n d i e s s e r e p r o s s i m a m e n t e r e a l i z z a b i ­
l e l ' a p e r t u r a d i u n g a b i n e t t o d e n t i s t i c o ausiliario n e l M o e s a ­
no, c h e r e n d e r à possibile a n c h e l'organizzazione d e l servizio
d e n t i s t i c o n e l l e scuole d i Mesolcina e C a l a n c a . L a C o m m i s ­
sione s u d d e t t a r i t i e n e c h e i l servizio p o t r à c o m i n c i a r e a
funzionare nei primi mesi del prossimo anno.
I n n o m e d e l Piccolo Consiglio
I l P r e s i d e n t e ; Huonder
II Cancel l i ere: Seiler
Rapporto
DELLA COMMISSIONE D I CONTROLLO SULL'AMMINI­
S T R A Z I O N E D E L B O R G O D I P O S C H I A V O p e r l ' a n n o 1963
Lodevole Consiglio del Borgo,
Stimatissimo Signor Presidente,
Egregi Signori,
C o n f o r m e m e n t e all'incarico r i c e v u t o e a n o r m a d e l l ' a r t . 21
d e l R e g o l a m e n t o d e l Borgo, a b b i a m o e f f e t t u a t o i n d a t a 4 n o ­
v e m b r e 1964 l a r e v i s i o n e d e i c o n t i p e r l ' a n n o 1963.
I l n o s t r o e s a m e s i è e s t e s o a l controllo d e l l i b r o cassa, d e l
giornale, d e l c o n t o c o r r e n t e p o s t a l e e q u e l l o b a n c a r i o . A b ­
b i a m o c o n t r o l l a t o i l p r e v e n t i v o e d il bilancio. D a l l e n u m e ­
r o s e p r o v e s a l t u a r i e r i s u l t a u n a t e n u t a p e r f e t t a d e i conti,
n o n m a n c a n o l e p e z z e g i u s t i f i c a t i v e e d a l protocollo r i s u l t a
c h e l e decisioni d e l Consiglio e S i n d a c a t o s o n o a n c h e s t a t e
m e s s e i n atto.
L a g e s t i o n e 1963 c h i u d e con u n r i g u a r d e v o l e a v a n z o d i f r .
10'545.40. L e e n t r a t e s o n o l e g g e r m e n t e a u m e n t a t e , m a l e u scite a s s o r b o n o i l m a g g i o r introito. L ' a v a n z o è d o v u t o a l f a t ­
t o c h e n e l '63 n o n f u r o n o f a t t e g r a n d i o p e r e s t r a o r d i n a r i e .
I l d e b i t o è s t a t o r i d o t t o d a f r . 74'000.— a f r . 64'000.—. L ' a m ­
m o r t a m e n t o è s t a t o possibile g r a z i e a l p o c o v o l u m e d e i l a ­
v o r i eseguiti, e g r a z i e a d u n a p a r s i m o n i o s a a m m i n i s t r a z i o n e .
Ci p e r m e t t i a m o i n f i n e d i r a c c o m a n d a r e u n a c e r t a s e v e r i t à
n e l c o n c e d e r e n u l l a o s t a a n u o v e costruzioni c h e d a n n e g g i a n o
l'estetica e l a c a r a t t e r i s t i c a d e l Borgo.
L a proposta p e r l'introduzione di u n nuovo sistema contabile
p i ù razionale, a c c e t t a t a d a l Consiglio, n o n è a n c o r a a t t u a t a .
A u g u r i a m o u n a t e m p e s t i v a r i u s c i t a a l l e o p e r e del l 'acqua p o ­
t a b i l e e dell'illuminazione p u b b l i c a a l l a c u i realizzazione d o ­
v r e b b e e s s e r e d a t a p r e c e d e n z a , i n q u a n t o possibile, a l l ' i n d u ­
stria e artigianato vallerani.
Con ciò p r o p o n i a m o a l L o d e v o l e Consiglio l'accettazione d e i
conti e il b i l a n c i o p e r il 1963 d a n d o cosi scarico a i f u n z i o ­
n a r i con v i v i r i n g r a z i a m e n t i p e r il g r a n d e e coscienzioso
operato.
Poschiavo, 20 n o v e m b r e 1964.
I revisori;
RICC. G E R V A S I L U I G I L A N F R A N C H I A M . M A R C H E S I
Corporazione del Borgo d i Poschiavo — A n n o 1963
ENTRATE
T a s s o 2%o s u l caseggiato
f r . 20'497.90
Tasso famiglie p e r illuminazione
» 2'468.50
Tasso famiglie p e r acquedotto
» 1*730.—
Tasso famiglie p e r rubinetti
» 18'595.30
Tasso famiglie p e r spazzature
» 4'333.—
Privati a strade
» 7'361.20
Privati a acquedotto
» 6'137.70
Privati a fognature
»
104.15
Privati a diversi
» 2'462.65
Privati a spazzature
»
638.—
Privati a sabbionera
»
5.—
Privati a magazzino e fondi
»
7.50
Diversi a pareggio
»
175.65
fr. 64'516.55
SORTITE
Strade
fr. 12'349.10
Acquedotto
» 19'002.10
Fognature
» l'300.80
Diversi
» 6'115.50
Spazzature
» 5'878.95
»
129.10
Sabbionera
» 6'924.90
Illuminazione
M a g a z z in o e f o n d i
»
25.70
»
25.—
Arginature
» 2'220.—
I n t e r e s s i d e b . obbligazioni
A v a n z o
» 10'545.40
fr. 64'516.55
BILANCIO al 31 dicembre 1963
ATTIVI
PASSIVI
Cassa
f r . l'269.56 D e b i t o o b b l i g . f r . 64'000.—
C o n t o c h è q u e s p o sta li » 20'746.49
Conto corr. Banca
» 7'236,—
Libretto risparmio
» 7'351.30
Debitori
»
786.50
Arretrati
» 10'903.60
Immobili
» l'OOO.—
M a t e r i a l e m a g a z z i n o » 7'945.50
D e b i t o d ' a m m i n i s t r . » 6'761.05
fr. 64'000.fr. 64'000.—
S a l d o p a s s i v o a l 31 d i c e m b r e 1962
S a l d o p a s s i v o a l 31 d i c e m b r e 1963
Diminuzione del debito nell'anno 1963
Poschiavo, 22 g e n n a i o 1964
f r . 17'306.45
f r . 6'761.05
fr. 10'545.40
I l cassiere; Guido Lardelli
t
t
RINGRAZIAMENTO
La grande e spontanea partecipazione
al nostro
lutto ci è stata prova tangibile
della stima e
dell'affetto
che godeva il nostro carissimo scom­
parso
D o p o l u n g a m a l a t t i a , s o p p o r t a t a con r a s s e g n a ­
zione e c o n f o r t a t o d a i c a r i s m i d i S a n t a Chiesa,
spirava serenamente nel Signore il nostro c a ­
rissimo
Roberto Lardi
Pietro Pianta fu Andrea
a i r e t à d i q u a s i 70 a n n i .
Sentite grazie al M. R. Parroco Don Giuseppe,
al Yen. Clero intervenuto
alle onoranze fune­
bri, all'egregio Direttore
delle dogane di Basi­
lea, signor Liithi, per il cordiale discorso sulla
tomba, al Capo sig. Seiler di Basilea, al Capo
sig. Dettwiler
di Coirà, alle Guardie dì confine,
al Coro, a tutti coloro che offrirono
ss. Messe
e corone, e a quanti accompagnarono
la cara
Salma al riposo del cimitero.
Vivamente
dialità
grati
non
scorderanno
tanta
cor­
i fratelli i n lutto
Don
Arturo
e Cesare
e famìglia
Con dolore lo annunciano ;
l a m ogl i e: Giuseppina Pianta - Manfredotti
i figli; Olimpia Rada e famiglia, S. Antonio
Lidia Lipp, Coirà
Piera, Coirà
Aldo
anche a n o m e dei fratelli e di tutti 1 parenti.
C a m p o c o l o g n o - M o n t e Scala, 26 g e n n a i o 1965
I f u n e r a l i s a r a n n o a Campocologno il 29 c o r r .
m e s e a l l e o r e 9,00 p a r t e n d o d a M o n t e S c a l a .
L e P r e s e , 2 5 g e n n a i o 1965
Valga q u a n t o s o p r a a n c h e p e r l e condoglianze
scritte ricevute.
AVVISO FORESTALE
Azione legna d'ardere
Rammentiamo al pubblico l'AZIONE riguardante la
sostituzione della legna d'ardere usuale tenor l'av­
viso apparso sul «Grigione Italiano» del 20 m. corr.
Il prezzo pro 1965 della legna di abete e rami è di
Fr. 46.— al me e della legna larice di Fr. 55.— al
me franco domicilio.
L'azione organizzata dal Comune fornisce della legna
pressata di buonissima qualità calorica. 250 k g di
legna pressata sostituiscono almeno uno stero di
buona legna di abete o di larice. Per ogni me di lotto
non ritirato il Comune può fornire in compenso 250
kg di legna pressata al prezzo di favore di Fr. 37.—
franco domicilio. Questa legna è già pronta per l'uso
senza nessun ulteriore lavoro e quindi nessuna spesa.
E' possibile anche la fornitura di legna pressata sen­
za rinunciare al lotto al prezzo di Fr. 46.— per 250
chili.
RACCOMANDIAMO DI PARTECIPARE A QUE­
STA AZIONE. Il termine per annunciarsi viene pro­
lungato fino al 4 febbraio 1965.
t
Nella luttuosa
stra famiglia,
il nostro
quelle
circostanza che ha colpito la no­
sentiamo il dovere di esprimere
vivo senso di riconoscenza
persone
che ci furono
e che ci furono
di prezioso
verso
vicine
tutte
nel dolore
ausilio.
FAMIGLIA ZALA-LARDI, BRUSIO
CHE INTENDONO MITIGARE I L
CONTINUO RINCARO DEL P R E Z ­
Z O DELLA MERCE D'OGGIDÌ ;
OLIO COMMESTIBILE SAIS, L O
OFFRIAMO FINO A E S A U R I ­
MENTO DEL DEPOSITO,A L
P R E Z Z O D I FR. 3.30 L A BOTTI­
GLIA C O L 5»/o D I S C O N T O .
Z U C C H E R O F I N O A 95 CENT. I L
K G . (CON 5«/o D I SCONTO) C O N
ADATTAMENTO ANALOGO D I
PREZZO P E R ACQUISTI D A KG.
10.- E S A C C H I O R I G I N A L I .
Poschiavo, 27 g e n n a i o 1965
UFFICIO FORESTALE - Poschiavo
ARANCIA BIONDE A L KG.
C EN T. N E T T O .
75
CS
Pozzy&SeniM^
POSCHIAVO
CARNEVALE
MASCHERE, CORIANDOLI, S T E L L E FILANTI,
PALLINE, BOMBE D A TAVOLA.
VARI ARTICOLI I N SCHERZI UMORISTICI.
COSTUMI A NOLO, P E R S E R A T A f r . 6.00
CHI S I INTERESSA P E R ARTICOLI SPECIALI
P E R I L TRADIZIONALE BALLO MASCHERATO
PREGO ANNUNCIARSI A TEMPO.
QUESTI ARTICOLI S I RICEVONO SOLO NEL
NEGOZIO PIAZZUOLA.
M A R I O TEMPINI
VENDESI
motorino CONDOR i n buo­
APPARTAMENTO i n a f f i t ­
n o stato.
t o annuo.
Rivolgersi a l l ' a m m i n i s t r a z .
Rivolgersi a l l ' a m m i n i s t r a z .
SERATA FAMILIARE DELLA SOCIETÀ' CACCIATORI
C o m e deciso all'assemblea l a n o s t r a società cacciatori o r g a ­
nizzerà l a t r a d i z i o n a l e s e r a t a f a m i l i a r e con cena, p r e m i a z i o n e
t r o f e i e t r a t t e n i m e n t i , il 13 f e b b r a i o p r o s s i m o a l l ' a l b e r g o
C r o c e B i a n c a . P e r t a l e occasione e t r a t t a n d o s i d ' u n a s e r a t a
p r i v a t a l ' A l b e r g o s a r à solo a disposizione d e i p a r t e c i p a n t i
a l l a f e s t a , — A i cacciatori d i volpi r a c c o m a n d i a m o d i a n ­
nunciarsi subito p e r l a premiazione e rendiamo noto che f a
s t a t o il n u m e r o d i v o l p i u c c i s e f i n o a l 12 f e b b r a i o e n o n solo
q u e l l e c a t t u r a t e f i n o a l g i o r n o dell'annuncio. S i r a c c o m a n d a
p u r e di annunciarsi tempestivamente p e r l a serata, conce­
d e n d o così agli organizzatori il m o d o e il t e m p o d i f a r e l e
cose « p e r b e n e ». — I cacciatori s o n o i n v i t a t i a p r e s e n t a r s i
i n t e n u t a d a caccia, a n c h e s e q u e s t a p r e s e n t a q u a l c h e s e g n o
dei trofei portati a l piano.
Per fine stagione
Vendita a prezzi ribassati dal 1 0 - 2 0 - 3 0 7 o
con p e r m e s s o governativo dal 2 8 gen­
naio a l 1 2 febbraio 1 9 6 5
Scarpe
da
uomo
donna
e
bambini
S c a r p e d a Ski e Aprés Ski occasioni
Cogliete l'occasione farete buoni acqui­
sti, tutta merce regolare
G. BONDOLFI-POLA
POSCHIAVO
I Vendita di fine stagione |
# c o n p e r m e s s o governativo dai2 3 genn. ai 13 febb. 1965
I
1||
'
Z
RIBASSI DAL 10 AL 5 0
I
0
Scarpe
da
SCI
per
uomo
donna
bambini
Daini gennaio al 13 febbraio portate alla
Lavanderia cbimica Poschiavo ß articoli
e pagherete per solo 2
ß
per 2 = 25 —40Vo di ribasso
N
<
1
P f l g y a Semadeni
POSCHIAVO
LAVANDERIA
CHIMICA POSCHIAVO
DINO VASSELLA
Tel. 082 5.06.88
Tengo una bella scelta di
pattini per adulti ambo i
sessi — Si noleggiano pat­
tini per bambini da 2 7 - 3 6
l ö ) % %% % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % '
Articoli ribassati dal 2 0 al 50%
Biancheria — lyiagiieria
Confezioni ^ Cartoleria
Articoli pelle — Stoffe ecc.
Vendita
dì ribasso
con permesso governativo
Occasione
VW L i m o u s i n e 1200, 1958
VW L i m o u s i n e 1200, 1959
VW L i m o u s i n e 1200, 1959
VW L i m o u s i n e 1200, 1960
VW L i m o u s i n e 1200, 1961
Porsche Coupé
1960
Chevrolet Limousine 1954
Concediamo l e più f a v o r e ­
voli occasioni d i cambio e
pagamento.
Rappresentanza VW
4132 Muttens
ST. MORITZ
CERCA 2 AUTISTI QUALIFICATI
CHRISTIAN MATHIS
Telefono 082 / 3.30.77
dal 16 al 2 9 gennaio 1 9 6 5
F. Stebler S.A.
1 P E R TRASPORTI BENZINA E NAFTA
1 P E R RIBALTABILE
escluse l e domeniche
Buona paga. Rivolgersi a
GIOVANNI LARDI-CRISTEN, Kraftstr. 3 4000 BASEL
o direttamente alla ditta
Ribasso speciale del 10°/o s u qualunque a l t r o articolo, a d
eccezione degli articoli di m a r c a Hanro, Jockei, Calida
Non lasciatevi sfuggire l'occasione c h e v i si o f f r e d a
Piazza Poschiavo
Telefono 5 0 1 4 7
t r a t t o r e « M O T R A C » come
nuovo, a prezzo d'occasione,
con c a r r o a trazione.
Rivolgersi all'amministraz.
Buon formaggio
t u t t o grasso f r . 4.90 p. k g
Vi grasso
» 3.90 p. k g
VB grasso
» 3.30 p. k g
G. H E S S , Formaggi
4511 HORRWIL - Soletta
Telefono (065) 3 7141
CINEMA RIO
Giovedì 28 e sabato 30 gennaio
Quando torna l'inverno
con J e a n Gabin, J e a n P a u l Belmondo e Suzanne Flon.
PARLATO I N ITALIANO
nnnnnnnnnnnnnMnnxHnnnnitnnnnnnnHnnititnnitHmtnnnnnimimimim
vendita di fine stagione
dal 2 3 gennaio al 6 febbraio 1 9 6 5
— Con p e r m e s s o governativo
in questo periodo vendiamo con ribassi dal 10 al 5 0 Vo
Vestiti da uomo e ragazzo - Giacche Sport - Pantaloni da signora, uomo e
ragazzo - Mantelli Invernali - Gabardine - Impermeabili - Giacche Canadienn - Giacche a vento - Camicie - Cravatte - Pullover di diversi tipi - Giac­
c h e in lana - Biancheria da uomo e signora nel negozio Merceria - Non la­
sciatevi sfuggire questa buona occasione!!! — Risparmierete denaro!!!
Gianoli-Marchesi - Poschiavo
Supplemento dl due pagine al no. 4 del 27 gennaio 1965
EUROPA DI OGGI
(UNO — UNICEF — GATT — WHO — UNESCO — FAO
TANUNION — EWG — EURATOM — EFTA — SEATO)
NATO — COMECON — OEEC — OECD — WEU — MONDietro queste sigle si celano
Patti e organizzazioni
internazionali!
ALLEANZE SCIENTIFICHE ECONOMICHE e CULTURALI
Gli Stati europei sono uniti oggi d a alleanze e patti d i s v a ­
r i a t a n a t u r a e con scopi d i g r a n d e portata e d interesse i n ­
ternazionale. Problemi militari e politici, a l t r e che a motivi
economici, h a n n o indotto questi Stati a d a r e vita a molti
d i questi p a t t i ed alleanze, creati s u u n a base d i internazio­
nalità d i t a l e vitale importanza, che nessuno dei «cittadini
del mondo» p u ò e deve oggi ignorare. Quale spimto e con­
seguenze p r i m i e diretti a i catastrofali avvenimenti della s e ­
conda g u e r r a mondiale, troviamo oggi, celati dietro a miste­
riose sigle o denominazioni, u n n u m e r o molto ragguardevole
d i organizzazioni, istituzioni e commissioni internazionali
alle quali, sola sopra tutte, troviamo quell'organizzazione
«vertice» nel mondo politico, militare e d economico-com­
merciale che risponde alla sigla di ONU (United Nation O r ­
ganisation = Organizzazione delle Nazioni Unite). Questa
organizzazione p r e s e lo spunto dalle p i ù disparate e diverse
alleanze e associazioni, che già esistevano p r i m a dello scop­
pio della seconda G r a n d e Guerra.
Membri d i questa suprema organizzazione sono t u t t e l e n a ­
zioni europee, oltre che a moltissime extra-europee, eccet­
t u a t e l a Svizzera (a causa della s u a f e r r e a neutralità) e l a
Germania (quale conseguenza alla divisione d i questo Paese
in DBR e DDR = Deutsche Bundesrepublik e Deutsche D e ­
mokratische Republik oppure Rep. Federale e Rep. Demo­
cratica Tedesca). M e n t r e il Quartiere Generale dell'ONU si
trova a l Palazzo d i Vetro a N e w York, numerose sue orga­
nizzazioni speciali e d istituzioni umanitarie h a n n o l a loro
sede i n diversi Stati europei. A Den H a a g (Olanda) si tr o v a
l a sede del Tribunale internazionale; questo Tribunale spe­
ciale è chiamato a decidere s u eventuali vertenze venutesi
a creare t r a Stati m e m b r i dell'ONU. A Ginevra, l a primitiva
sede dell'Unione Popolare (o Lega Internazionale) troviamo
l e sedi di; Alto Commissariato p e r i profughi; Opera M o n ­
diale d'Assistenza a i bambini (UNICEF); Comitato p e r l'E­
migrazione Europea; Commissione Economica dell'ONU p e r
l'Europa; Unione Internazionale d i Radiotelegrafia; Organiz­
zazione Meteorologica Internazionale; Organizzazione I n t e r ­
nazionale del Lavoro; Contratto Generale d i Dogana e Com­
mercio (GATT); e d a ultima l'Organizzazione Mondiale della
Salute e dell'Igiene (WHO). A Parigi risiede l'Organizzazione
dell'ONU p e r l'Educazione, Scienza e Cultura (UNESCO);
Vienna ospita l a sede centrale dell'Organizzazione I n t e r n a ­
zionale dell'Energia Atomica; Roma dal canto suo, è sede
dell'Organizzazione p e r l'Alimentazione e l'agricoltura (FAO)
a Berna h a i suoi uffici l'Unione Postale Mondiale e d a u l t i ­
mo, a Londra troviamo l a sede dell'Organizzazione della N a ­
vigazione Marittima. T u t t e queste organizzazioni, istitu­
zioni e comitati stanno sotto l o stretto controllo dell'ONU
e vengono d a essa dirette.
PATTI MILITARI
Quale conseguenza a i contrasti e a d u n o spiccato e n e t t o dis­
senso t r a E s t e Ovest, a causa del p e r m a n e n t e attrito mili­
t a r e e strategico a d essi connessi, si formò il cosiddetto P a t t o
del Nord-Atlantico (NATO). Il contratto della NATO v e n n e
f i r m a t o nell'aprile 1949 a New York d a p a r t e dei dodici
Paesi fondatori. Nel 1952 Grecia e Turchia, n e l 1955 l a R e ­
pubblica Federale Tedesca vennero ammessi alla NATO. Non
sono m e m b r i d i questo P a t t o l a Finlandia, Spagna, Svezia,
Svizzera, Austria e Cipro; gli Stati d i orientamento o t e n ­
denza orientali, come p u r e Jugoslavia sono estromessi d a
questo Patto. Il t r a g u a r d o e l o scopo della Nato sono l a d i ­
fesa comune contro un'aggressione a r m a t a diretta all'Europa
o a l Nordamerica.
Il « P a t t o d i Varsavia» rappresenta, i n u n certo senso, l a
controfigura della NATO; è u n P a t t o Militare questo con
sede a Mosca e al q u a l e sono legati t u t t i gli Stati del cosidetto «Blocco Orientale» i quali Stati, come nella NATO,
sono t e n u t i a prestarsi reciproco aiuto in caso di un'aggres­
sione a r m a t a proveniente dall'esterno. Come p e r gli Stati
m e m b r i della NATO, qualora u n Paese di questo P a t t o v e ­
nisse aggredito, ogni a l t r o m e m b r o del « P a t t o d i Varsavia»
è in obbligo d i p r e s t a r e il suo aiuto militare ed economico
allo S t a t o vittima dell'aggressione.
Quale Comunità Economica degli Stati del Blocco Orien­
tale, e q u a l e contrapposto alle diverse Unioni Occidentali è
n a t o il « COMECON » o « Consiglio p e r il reciproco aiuto e conomico». Membri d i t a l e Consiglio, d i p r e t t a m a r c a comu­
nista, sono, oltre all'Unione delle Repubbliche Socialiste dei
Soviet! (URSS), Albania, Bulgaria, Polonia, Rumenia, Ceco­
slovacchia, Ungheria, Repubblica Democratica Tedesca (DDR)
e l a Repubblica Popolare Mongola. L a Jugoslavia e d i Paesi
d i regime comunista asiatici n o n sono m e m b r i del COME­
CON, d i volta in volta e a seconda della convenienza, essi
però possono partecipare alle riunioni del Consiglio d i q u e ­
sta Comunità. Obiettivo principale del COMECON è l a coor­
dinazione dei piani economici dei singoli Stati e con ciò
realizzare e r a f f o r z a r e sempre più u n a maggiore potenza e conomico - commerciale del Blocco Orientale.
RAGGRUPPAMENTO ECONOMICO E POLITICO
L'Europa Occidentale cominciò a d unirsi e a raggrupparsi
i n patti ed organizzazioni dapprima esclusivamente i n campo
economico. Con l'apporto e l'aiuto degli americani, i quali
n e l 1947 chiamarono i n vita il « P i a n o Marshall » p e r l'aiuto
economico all' Europa provata dalla catastrofica G r a n d e
Guerra, venne fondata, nel 1948, 1'« Organizzazione Europea
d i cooperazione Economica » (OEEC), l a quale h a p e r scopo
la liberalizzazione del commercio europeo e l'appoggio alla
politica d i soppressione dei dazi doganali. I l suo raggio d ' a ­
zione e l a sua forza convintiva v e n n e ragguardevolmente
rafforzata dalla fondazione, n e l 1950, dell'« Unione Europea
dei Pagamenti». A causa del secco diniego e dalla p r e s a d i
posizione estremamente negativa assunta dall'Unione Sovie­
tica n e i suoi confronti, t a n t o il « P i a n o Marshall » q u a n t o
r « O E E C » videro preclusa ogni via p e r r a g g r u p p a r e nelle
loro file a n c h e i Paesi del Blocco Comunista e restarono così
delle istituzioni esclusivamente europee-occidentali. L ' « U nione Europea dei Pagamenti » v e n n e poi sostituita nel 1958
d a l « Trattato Europeo d i Pagamento » ; l'OEEC, a sua volta,
v e n n e messa d a p a r t e p e r lasciare il posto, n e l 1960 all'« O r ­
ganizzazione p e r l a Cooperazione e lo Sviluppo Economico»
(OECD). F a n n o p a r t e d i questa organizzazione t u t t i gli Stati
dell'Europa Occidentale, oltre agli USA e a l Canadà. L a
Finlandia e l a Jugoslavia partecipano a questa organizzazio­
n e solamente poco attivamente.
Sul piano politico, il movimento europeo cominciò a passare,
e si e r a n e l 1948, d a quella sfera d i pronunciamento teorico
alla politica pratica. 11 pensiero d i un'unione politica euro­
pea, grazie al famoso discorso pronunciato d a S i r Winston
Churchill nel 1946 all'Università d i Zurigo, ebbe nuovi e
f o r t i impulsi. Nel luglio 1948, l'allora Ministro degli Esteri
fracese Bidault, propose all'Inghilterra e d agli Stati del B e n e l u x (Olanda, Belgio e Lussemburgo) di f o r m a r e con l a
Francia u n a organizzazione politica Europea. L e trattative,
d a p a r t e dei cinque Governi interessati, si manifestarono ben
presto molto ardue. 11 Governo britannico, sotto il P r e m i e r
Attlee, aveva molti e seri dubbi i n riguardo; finalmente a
Londra, n e l maggio 1949, vennero fissati gli S t a t u t i del
«Consiglio d'Europa». L a nuova organizzazione ebbe così u n a nuova e p i ù leggera .ma molto efficente struttura. Sicco­
m e l e questioni economiche e militari e r a n o già st a t e a f f i ­
date a d a l t r e istituzioni (OEEC e NATO), al « Consiglio d ' E u ­
r o p a » vennero a f f i d a t e quelle quelle inerenti l a politica e l a
cultura. F r a i suoi m e m b r i esso cercò d i accaparrarsi e d u n i r e t u t t i gli Stati democratici d'Europa. Vicino a Francia,
Inghilterra e S t a t i del Benelux, quali Paesi fondatori del
«Consiglio d'Europa», ben presto si trovarono u n i t i anche
Danimarca, Irlanda, Italia, Norveglia e Svezia; più t a r d i p u ­
r e Islanda, Grecia, Turchia e Repubblica Federale Tedesca
facevano p a r t e del Consiglio. A t u t t i questi Stati si unirono,
n e l 1955 l'Austria, nel 1963 l a Svizzera. U n a volta raggiunta
l a sua completa indipendenza, p u r e l a Repubblica di Cipro
v e n n e ammessa i n seno al « Consiglio d'Europa » alla cui
sede v e n n e scelta l a città di Strassburg. È in questa città
che i d u e organi principali, cioè i 135 delegati dei parlamenti
nazionali che f o r m a n o l'Assemblea e d il Consiglio dei Mini­
stri, si r a d u n a n o d a d u e a t r e volte all'anno p e r corti p e ­
riodi d i sessioni parlamentari. I l « Consiglio d'Europa »,
purtroppo, n o n potè m a n t e n e r e f in o r a t u t t e l e promesse e l e
aspettative p e r un'unione europea. Quando nell'agosto 1954,
i n seguito al diniego francese, l a «Comunità Europea d i Di­
f e s a » fallì ancora p r i m a d i nascere, con essa n a u f r a g a r o n o
p u r e t u t t e l e speranze e d i piani p e r l a costituzione d i u n a
«Unione Politica Europea». Nell'ottobre 1954, l a Repubblica
Federale Tedesca v e n n e ammessa alla NATO. Con i cambia­
menti apportati e l a riorganizzazione del « Contratto di B r u ­
xelles» del 1948, si arrivò alla formazione di u n a «Unione
Europea Occidentale», si era nel 1954. Questa unione (la
WUE) i n seguito n o n riuscì a guadagnare l'importanza, sic­
come però a d essa faceva p a r t e p u r e l a G r a n Bretagna, essa
restò d i u n a particolare importanza, approfittando appunto
l a G r a n Bretagna d i essa p e r t r a t t a r e con l a cosiddetta
«Comunità dei Sei» (Francia, Italia, Repubblica Federale
Tedesca e Stati del Benelux).
LA COMUNITÀ' DEI SEI, DEI SETTE,
EURATOM E MONTANUNION
Attraverso l a formazione della « Comunità Europea del C a r ­
bone e l'Acciaio» (MONTANUNION), avvenuta con il con­
corso d i Francia, Italia, Repubblica Federale Tedesca e Stati
del Benelux nel 1952, l'opera d i unificazione europea si r i ­
volse sempre p i ù al campo economico. L a Montanunion, il
cui contratto entrò i n vigore nel 1952 p e r l a d u r a t a d i 50
anni, si prefisse l'istituzione d i u n Mercato Comune p e r i l
carbone e l'acciaio. Dalla sua fondazione l a Montanunion
conseguì, in seno alla comunità, dei lusinghieri successi, però
non potè d a r e l a prova della sua compattezza e della sua
forza persuasiva i n occasione delle molte crisi avvenute in
seno allo smercio del carbone. L'Alta Autorità d i questa co­
m u n i t à h a l a sua sede nel Lussemburgo; i sei Stati della
Montanunion fecero nel 1957 u n passo i n avanti verso u n a
p i ù stretta collaborazione e d u n a intesa economica dei loro
Paesi. Essi fondarono l a «Comunità Economica Europea»
(EWG) e l a «Comunità Atomica Europea» (EURATOM);
i contratti di queste d u e comunità entrarono in vigore il 1.
gennaio 1958. L a E W G fissò il suo traguardo nell'istituzione
di u n «Mercato Comune» economico; sarà compito d i q u e ­
sto raggiungere l a m e t a consistente nella totale eliminazione
delle Dogane i n seno alla comunità e d i fissare, al confronto
con gli Stati non m e m b r i d i essa, un'unica t a r i f f a doganale
comune. Oltre a ciò, è nell'intento dei suoi Stati membri,
d i raggiungere u n a comune linea congiunturale, sociale m o ­
netaria e politica. Contratti di associazione all'EWG vennero
i n seguito f i r m a t i anche d a Turchia e Grecia; l e trattative
inerenti l'ammissione della G r a n Bretagna alla comunità,
fallirono all'inizio del 1963 a causa del secco e severo veto
apposto dalla Francia. I n seguito a ciò t u t t e l e a l t r e t r a t t a ­
tive già intraprese con altri Stati interessati all'EWG, subi­
rono u n notevole raggelamento e non approdarono f i n o r a a
niente. All'interno dell' EWG sono subentrate negli ultimi
tempi delle serie difficoltà inerenti alla costituzione di u n
«Mercato Agrario». Affinché la comunità non abbia a subire
u n g r a v e contraccolpo, queste difficoltà dovranno essere a p ­
pianate al più presto; (mentre scriviamo apprendiamo che,
grazie alla votazione avvenuta in seno al Consiglio della co­
m u n i t à il 15 12. 64 a Bruxelles, l e difficoltà agrarie poterono
essere sormontate felicemente). L a sede dell'EWG si trova
appunto a Bruxelles, m e n t r e il suo Parlamento, che control­
l a contemporaneamente anche l'Euratom e l a Montanunion,
si riunisce a Strassburg. Quale contrappeso alla EWG, v e n ­
n e firmato, verso l a f i n e del 1959 d a p a r t e di Danimarca,
G r a n Bretagna, Norvegia, Austria, Portogallo, Svezia e
Svizzera, u n contratto sulla fondazione di u n a «Zona E u r o ­
pea di Libero Scambio» (EFTA).
L'EFTA, con l a quale a n c h e l a Finlandia più t a r d i f i r m ò u n
contratto d i associazione, v e n n e istituita dagli Stati a d essa
interessati, quale organizzazione p e r l a protezione dei r i ­
spettivi e comuni interessi commerciali ed economici. Finora
ogni tentativo di gettare u n ponte f r a l e « Comunità dei Sei »
e l a « Comunità dei Sette », che anziché u n i r e dividono l a
Europa Libera i n d u e blocchi economici e commerciali, non
ebbe alcun successo.
APPOGGIO D A OGNI CONTINENTE
U n a comunità europea, forse l a p r i m a d i questo genere, m a
comunque l a più solida, che è s ta ta e lo è oggi ancora e sempio a t u t t o il mondo libero, è quella degli Stati del B e ­
n e l u x (Belgio, Olanda e Lussemburgo). Dopo aver introdotto
un'unione doganale, dal 1958 u n contratto comune lega a n ­
cor più strettamente questi t r e Stati e l i sprona verso il t o ­
tale conseguimento d i u n a vera e propria Unione Economica.
Gli S t a t i del Nord-Europa, d a l canto loro si sono u n i t i i n u n
«Consiglio Nordico»; dal 1952 n e f a n n o p a r t e Danimarca,
Islanda, Norvegia e Svezia; la Finlandia v i entrò n e l 1955.
L a m e t a del «Consiglio Nordico», con sede a Copenhagen,
è u n a sempre p i ù stretta collaborazione e cooperazione nel
campo economico e culturale. I l « P a t t o dei Balcani» stretto
nel 1953 t r a l a Grecia, Jugoslavia e Turchia, n o n raggiunse
m a i u n a g r a n d e importanza, essendo esso praticamente r i ­
m a s t o sempre inattivo. Diversi Stati europei appartengono
a Organizzazioni d i importanza non sempre esclusivamente
europea. L'Inghilterra e Cipro sono m e m b r i del «Common­
wealth Britannico», del quale f a n n o p u r e p a r t e quasi t u t t e
l e ex-colonie britanniche d'oltremare. L a Turchia e l a stessa
Inghilterra sono m e m b r i del « P a t t o dei Cento » che a n n o ­
vera nei suoi ranghi p u r e il P a k is ta n e l'Iran, ammessi so­
lamente più tardi. Al « P a t t o dell'Asia Sud-Orientale (SEA­
TO), quali rappresentanti europee sono legate Francia e I n ­
ghilterra. — Da ultimo l a URSS f a p a r t e degli « St a t i di
Bandung», un'organizzazione questa f o r m a t a dai p i ù dispa­
r a t i Paesi d'Asia e d'Africa, i quali tennero a Bandung (In­
donesia) nel 1955 l a loro p r im a Conferenza.
* C. F . "•
BOLLETTINO COMITATO DI COORDINAMENTO
30 gennaio: Serata familiare Sportiva P a l ü al Croce Bianca
31 gennaio: Concerto del Coro Misto
6 febbraio: Corale San Vittore: Serata pubblica con giuochi
e intrattenimento
7 febbraio: Conferenza P G I
13 febbraio: Serata familiare dei cacciatori con prem. trofei
20 febbraio: Serata familiare dei pescatori al Suisse
21 febbraio « Fiori nell'ombra » - Teatro delle Aspiranti
27 febbraio Assemblea generale P r o Grigioni Italiano
27 febbraio 1965: Ballo mascherato al Croce Bianca t r a d i ­
zionale della Filarmonica comunale Poschiavo
6 marzo: Assemblea della P G I
19 anrile: Ballo Lunedì d i Pasqua, Albergo Croce Bianca
E la circonvallazione
di Poschiavo?
O r sono u n p a i o d'anni, alcuni lungimiranti si occupavano
della misera situazione dell'ognor crescente traffico automo­
bilistico limgo il borgo d i Poschiavo. I l Grigione Italiano
pubblicava diversi articoli, i cui autori entravano a b b a s t a n ­
za dettagliatamente n e l problema della circonvallazion^, f a ­
cendo risaltare la sua attualità, sempre nell'intento d'evitare
infortuni e d'integrare e migliorare l e condizioni propizie al
turismo. — Ogni anno questa questione solleva discussioni
particolarmente d u r a n t e i mesi d i grande traffico e addita
l'impellente necessità di sistemare le povere condizioni at­
tuali. F r a l'altro veniva rilevato che n o n si accontenti d i
mezze soluzioni e che non si aspetti troppo, m a si p r e n d a
finalmente u n a coraggiosa decisione sul d a f a r e .
U n f a t t o è che l e strade del Borgo sono tutt'altro che a r r e ­
date p e r agevolare il movimento misto (pedoni e automezzi)
se si tiene in particolare considerazione la sicurezza dei non
motorizzati. Quando l e arterie principali possono v a n t a r e
solo u n a larghezza minima lungo t u t t o il Paese, appena s u f ­
ficiente d a lasciare libero l'andito alle auto ed agli autocarri,
obbligando però i passanti a pigiarsi alle facciate delle case,
sembra venuto il momento d'affiatarsi onde cercare e tro­
vare soluzioni adatte a diminuire la miseria dell'aera stra­
dale esistente. P e r creare viabilità non è necessario demolire
edifici perché se questa fosse u n a soluzione, Poschiavo v e r ­
r e b b e a cambiare radicalmente l a sua fisionomia edile, ora
ancora d i sagoma chiusa, u n carattere paesistico che d a l
p u n t o d i vista tettonico ed urbanistico non vorremmo v e ­
derlo n è alterato n è falsificato. Poschiavo o f f r e in questo r i ­
guardo, se si contempla il nucleo della Borgata, un quadro
di simpatica attraenza, nel quale si rispecchiano la storia ed
i costumi di una stirpe che seppe e saprà farsi strada .
Rammentiamo ancora u n a volta l e proposte d i circonvalla­
zione possibili nel fondovalle, sottoponendole a b r e v e analisi:
1. A sinistra (Folone-Palestra-Ospedale-Sta. Maria). Neces­
sità di u n a galleria t r a il Folone e l a Palestra, passaggio in
vicinanza dell'Ospedale, delle erigende Scuole e di Sta.
Maria. Proposta con più inconvenienti che vantaggi, v. a d.
ingombro di terreni privati coltivi, collisioni con fabbricati
esistenti, dislivelli, ecc. L e zone dell'Ospedale ed anche d i
Sta. Maria dovrebbero assolutamente venire rispettate. Pro­
getto più teorico che pratico.
2. A destra (Ponte d i Toni Moro-S. Pietro-Crotto-Valle d ' U r sé-Val d a Gull-S. Antonio ev. Viale). Necessità di u n ponte
sul Poschiavino, d i d u e cavalcavia sopra l a via di Martino
e la Ferrovia Retica, d i terreno difficile t r a S. Pietro ed il
erotto, del taglio della linea d i tiro, d i ponti sui torrenti delle
Acque e di Spineo. Sarebbe a n c h e possibile l a circonvallazione
d i S. Antonio, benché non incondizionata. Incomodi: richie­
sta di molto terreno coltivato, di diversi m a n u f a t t i artificiali,
dello spostamento dell'impianto di tiro, di volume lavorativo
assai grosso e, considerata l a lunghezza totale, spese molto
alte. Progetto fattibile, ma costosissimo e d'esecuzione r i ­
chiedente un lungo periodo di tempo.
3. Al centro (letto del Poschiavino dal Folone alle Gerre).
Necessità: immissione del f i u m e in tubazione posata sotto il
livello dell'alveo odierno d a Cimavilla alla giardineria Com­
pagnoni. Questa soluzione vale d'essere esaminata più a t t e n ­
t a m e n t e perché prospetta il minore numero di inconvenienze
e possiede il maggior numero di argomenti favorevoli.
I l f a t t o che il letto del f i u m e è proprietà comunale h a e m i ­
n e n t e importanza perché semplifica l a questione e p u ò s e r ­
v i r e d a «pernio municipale». I n più, elimina lunghe t r a t t a ­
tive p e r compere d i terreni privati, seguite d a eventuali e spropriazioni o d'altre eterne differenze, oppure a condizioni
d i prezzo esagerate. Già q u i v a n n o rilevate d u e superiorità
della proposta « al centro » n e i confronti con i d u e altri p r o ­
getti: la lunghezza limitata del piano stradale diminuisce enormemente i costi di preventivo ed accelera di molto la sua
realizzazione. — L'opera richiederebbe:
1. l a deviazione temporanea del Poschiavino d u r a n t e i lavori,
2. l a presa dell'acqua al Folone e il suo scarico alle Gerre,
3. lo scavo,
4. l a posa dei t u b i sotto il livello del letto fluviale,
5. il trasporto del materiale scavato rimanente,
6. l'immissione delle bocche d i fognatura, ora aperte a l f i u ­
me,
7. il ripieno stradale con pista,
8. eventuali scarpate a i m u r i attuali del fiume,
9. imbocchi stradali al Folone ed alle Gerre,
10. l a segnalazione.
L e due ultime posizioni verrebbero richieste anche dalle a l ­
t r e varianti.
I l progetto deve prevedere u n sistema di tubazione atto a
poter smaltire l'intiera quantità d'acqua, anche in caso d'al­
luvione. Grazie alla Provvidenza, nella storia di Poschiavo i
casi d'inondazione non sono stati soventi; tuttavia, questo
problema v a preso in serissima ponderazione.
L a deviazione dell'acqua induce a d eseguire l'opera nel t a r ­
d o a u t u n n o ed i n inverno, d u n q u e nel lasso di tempo i n cui
il volume d'acqua è minimo. Onde guadagnare tempo, l e
bocche all'entrata ed uscita del Borgo sarebbero fattibili
p r i m a del lavoro principale, p u r e d u r a n t e l a stagione scarsa
d'acqua. Si favorirebbe il lavoro d i posa immettendo il m a ­
gro quantitativo in tubi provvisori a livello dell'alveo o, se
ancora possibile, usufruendone dei pontonali.
L o scavo della trincea p e r l a tubazione, eseguito con scava­
trici che carichino il materiale s u autocarri lungo gli anditi
possibili i n riva al f i u m e (quasi dappertutto) come anche il
trasporto non creerebbero grandi impicci e sarebbero esegui­
bili con ambienti disponibili sul posto ed in un tempo non
troppo duraturo.
L'immissione nella tubazione degli scoli e bocche di f o g n a ­
t u r a lungo l'abitato gioverebbe anche di abbellimento del
Borgo. Nei mesi con carenza d'acqua, i fluenti di acque
guaste e cloache offrono ora tutt'altro che un'atmosfera di
attrativa, anzi vanno eliminati perché in contrasto con l'i­
giene ed il prestigio turistico. Con ciò sparirebbero p e r s e m ­
p r e certi depositi poco appetitosi che si vedono nel fiume.
—• L e arginature odierne lungo l a carreggiata n o n dovreb­
b e r o venir rimosse, anzi sembrerebbe possibile poter f o r m a r e
delle scarpate, inclinate verso i margini della pista, scar­
p a t e che potrebbero alloggiare arbusti e fiori. D u n q u e p r o ­
babilità di p r o d u r r e u n a strada accompagnata d a fianchi
floreali e d'arricchire così il « quai » di Poschiavo. L'argo­
m e n t o delle scarpate non rappresenta però u n a v e r a neces­
sità, m a potrebbe venir preso i n considerazione qualora l ' a ­
sportazione del materiale rimanente causasse costi troppo
elevati, ciò che u n a confrontazione delle debite posizioni del
preventivo metterebbe senz'altro in luce .
L a sistemazione degli imbocchi ai d u e estremi della nuova
carreggiata corrisponde praticamente all'importo richiesto in
analoga misura dalle d u e altre varienti d i circonvallazione.
— Rammentiamo ancora alcuni aspetti che riguardano l'e­
sercizio della erigente pista. Data l'agevolezza di viabilità
(visibilità, curve assai vaste, poca pendenza, ecc) non sembra
necessario o utile dover prevedere un impianto d'illumina­
zione del fosso o solo all'entrata ed uscita, contributo occor­
r e n t e i n t u t t i i t r e casi circonvallatori. — Coloro che n u t r o ­
n o dubbi in merito allo smistamento d'acqua urgente (inon­
dazione, tubazione guasta o turata), siano tranquillizzati poi­
ché la pista medesima potrebbe e dovrebbe servire da vaso
fluviale come adesso. È n a t u r a l e che i n tali condizioni, p e r
u n paio d i giorni, bisognerebbe praticare l e strade attuali,
ritornando in pista appena cessato il pericolo.
C i t i a m o a n c o r a u n positivo p e r il p r o g e t t o « a l c e n t r o » . P r o ­
v e e d e sp e r ie n z e c o n f e r m a n o c h e i l r u m o r e p r o v o c a t o d a a u ­
tomezzi d u r a n t e l a corsa i n t r i n c e a risulta molto più atte­
nuato che percepito al medesimo livello stradale. I n p i ù ,
n o r m a l m e n t e , il t r a n s i t o i n p i s t a n o n richiede cambi di m a r ­
cia c o m e l o p u ò esigere i l t r a f f i c o a t t u a l e e contribuisce a
ridurre il frastuono a d u n minimo irrilevante. I n trincea
diminuisce anche il puzzo del carburante, essendo l ' a r e a l u n ­
g o l a c a r r e g g i a t a n o n f i a n c h e g g i a t a d a case. R i s u l t a t o : P o ­
chissimo rumore e praticamente nessun inauinamento della
salubre aria poschiavina, d u e c a l a m i t e t u r i s t i c h e d a n o n n e ­
gligere. — R i p a s s a n d o i l p r o g e t t o « a l c e n t r o » n e l s u o c o m ­
plesso si p u ò a s s e r i r e t r a t t a r s i d ' u n c o n c e t t o c a r i c o d i d o t i
e p r i v o d'incomodi, d u n q u e del l a circonvallazione p r e v e d i ­
b i l m e n t e migliore. V a n t a semplicità d ' i n s i e m e e chiarezza d i
d e t t ag li. Certo, p r e t e n d e u n p r o g r a m m a l a v o r a t i v o m o l t o
a c c u r a t o , c h e elimini a p r i o r i ogni i mprevi s t o, sia d a l l a t o
t e c n i c o c h e economico. S e r v e a d e p u r a r e e s a n a r e p e r s e m ­
p r e l ' a t t u a l e deficienza s t r a d a l e . P r o m e t t e realizzazione n e l
corso d i d u e i n v e r n i , p e r i o d i i n c u i t u t t e l e a z i e n d e edili p o ­
trebbero contribuire impiegando p e r lo p i ù personale indi­
g e n o p o r t a n d o g u a d a g n o i n Valle. A n c h e d a l l a t o « c r e a r e
possibilità d'occupazione f u o r i o r a r i o » , i l p r o g e t t o « a l c e n ­
t r o » h a i suoi b u o n i p r e g i .
U n a p a r o l a r e l a t i v a l a f i n a n z i a m e n t o . L a circonvallazione i n ­
t e r e s s a i l C o m u n e q u a l e p r o p o n e n t e e d e l i b e r a n t e , p o i il
C a n t o n e , r e s p o n s a b i l e delle correzioni d i p r e c a r i a viabilità.
P i a n i f i c a z i o n e e d esecuzione a n d r e b b e r o p r e v e d i b i l m e n t e a
c a r i c o d e l C a n t o n e c h e d o v r e b b e p e n s a r e a n c h e all'acquisto
d e l t e r r e n o p r e t e s o d a l l a circonvallazione. I l Comune, q u a l e
proprietario del Poschiavino, col c e d e r e q u e s t o « t e r r e n o » a l
C a n t o n e t i e n e u n a b u o n a c a r t a i n m a n o , m e s s a solo a l l o r a
i n giuoco d o p o essersi a c c o r d a t i s u l p r o g e t t o « a l c e n t r o »,
però opponendo alle g i à accennate mezze soluzioni, p . es. a l
s e n s o u n i c o n o r d - s u d ( C i m a v i l l a - p o n t e sbieco s ul P o s c h i a v i n o - P a l a z z o M e n g o t t i - S . Bartolomeo-Piazzola-Fondovilla) e
s u d - n o r d (Fondovilla-Via pri nci pal e-Pi azza-Ci mavilla). Col
p r o g e t t o « a l c e n t r o », i l C o m u n e p o t r e b b e c a v a r s e l a r e l a t i ­
v a m e n t e b e n e , a s s u m e n d o s i solo b a s s i costi a g l i i m b o c c h i
della n u o v a pista.
U n u l t i m o accenno. U n abbozzo s u l G r i g i o n e I t a l i a n o n o n h a
n e s s u n v a l o r e s e l'idea c r e a t i v a n o n v i e n e a p p r o p r i a t a , s o ­
s t e n u t a e d i n o l t r a t a a l l e c o m p e t e n t i I s t a n z e . Toccherà a l l e
n o s t r e A u t o r i t à d i f a r e i p r i m i passi, certo, a p p o g g i a t e p u b ­
b l i c a m e n t e e d a I sti t uzi oni i n t e r e s s a t e c o m e il TCS, A C S e d
E n t e Turistico. B i s o g n e r à b a t t e r e e r i b a d i r e f i n o a l m o m e n t o
i n c u i v e n g a d a t o i l v i a al l 'opera. A l t r i C o m u n i , m e n o t r a v a ­
g l i a t i d a l t r a f f i c o , e b b e r o successo con l a loro c i r c o n v a l l a ­
E. P .
zione, p e r c h é n o n d o v r e m m o a v e r l o a n c h e n o i ?
CERCASI
giovine r a g a z z o q u a l e
commissionario
Panetteria - Pasticceria
HANS BAYER
Kornplatz 9, 7000 C O I R À
T e l e f o n o 081 / 2.25.49
Carne per salsicce
al k g a partire da fr. 5.—
CARNE D I CAVALLO
Carne tritata al k g fr. 5.—
Carne per arrosto a l k g fr.
5.60. Carne per bistecche al
k g fr. 8.—/9.—. Formaggino
di carne al k g fr. 5.—. Car­
n e affumicata al k g fr. 12.
Ottimo grasso per cucina
al k g fr. 1.50 i n latte d a 5
e 10 chili.
Spedizioni contro rimborso
H. BCRGI, macc. equina
4123 ALLSCHWIL
Telefono (061) 38 78 40
0
I
I
Alta la qualità — basso il prezzo |
tutto per la Vostra economia familiare |
#
#
Per gli
sposi
Annùnci matrimoniali
L'aiuto alla m a d r e — un
compito di scottante attualità
P e r l a benefica vendita 1964 della
Fondazione nazionale PRO JUVENTUTE
Tipografia Menghini
Poschiavo
Biglietti d'auguri
da approfittare subito $
0
CARNE D I PULEDRO
p e r arrosto al k g fr. 9.—
per u m i d o
al k g fr. 8.—
Bomboniere
S i d i c e c h e i popoli felici n o n h a n n o storia. L o si p u ò a s s e ­
r i r e a n c h e d e l l a g e n t e f e l i c e e d è v e r o p e r coloro i q u a l i
r e n d o n o felici l e p e r s o n e c h e l i circondano. D e f i n i r e q u e s t a
a t m o s f e r a d i b e n e s s e r e c h e f a n n o n a s c e r e a t t o r n o a sè, è
difficile. Essi h a n n o t r o p p o p u d o r e p e r p a r l a r e d i q u e s t e cose
d a n u l l a con l e q u a l i a t t e s t a n o il l o r o e f f e t t o , l a l o r o c o m ­
prensione. Manifestano i loro sentimenti con naturalezza,
s e n z a i m p o r l i e s e n z a o p p r i m e r e il loro p r o s s i m o con e s a g e ­
r a t e p r e m u r e . Q u e s t o è il c a s o p e r l e d o n n e v e r a m e n t e m a ­
terne. Jean-Louis Barrault, il grande attore e scenografo
f r a n c e s e , s e m b r a a v e r l e d e f i n i t e p a r z i a l m e n t e q u a n d o scrisse
il soggetto d e l p e r s o n a g g i o f e m m i n i l e p r i n c i p a l e d i « L a
n u i t e t s a c l a r t é » , d i C r i s t o f o r o F e y , « E s s o n o n è essenzial­
m e n t e p e r v a s a solo d ' u m a n i t à , d i c a r i t à , d i a m o r e , m a è s o ­
p r a t u t t o f o n t e d i v i t a , riscatto, essenza d i redenzione... m a l ­
g r a d o l e s u e volubilità, l e s u e incoscienze e i suoi sbalzi d i
u m o r e , essa i n c a r n a il p r i n c i p i o d i v i n o s u l l a t e r r a » .
A questa nozione d'incarnazione divina allude p u r e l a p o e ­
tessa tedesca G e r t r u d e von L e Fort, quando p a r l a della M a ­
d r e . P u r d a n d o v i l a r g h i a c c e n t i poetici, essa t r a d u c e l ' a t t a c ­
c a m e n t o d e lla m a d r e a l s u o b a m b i n o , c h e p u ò g i u n g e r e sino
all'eroismo, m a c h e si e s p r i m e spesso n e l l e piccole c u r e
giornaliere, n e l l e u s u a l i f a c c e n d e q u o t i d i a n e .
R i s p o n d e a l v e r o c h e solo i f a n c i u l l i c h e h a n n o a v u t o u n a
buona m a d r e s a r a n n o u n giorno adulti d a l carattere equili­
b r a t o e f e l i c e ? È cosa ovvia e s s e r e u n a b u o n a m a m m a ?
S i sostiene c h e l a d o n n a è d e s t i n a t a , già p e r l a s u a n a t u r a
p r o f o n d a , a d esser m a d r e . N e h a l e q u a l i t à i n n a t e c h e si
p a l e s a n o s u b i t o n e l l a b a m b i n a , q u a n d o gioca con l a b a m ­
bola, c h e esplodono p o i c o m e u n f u o c o d ' a r t i f i c i o all'epoca
d e l l a m a t e r n i t à e g r a z i e a l l a stessa. È p r o p r i o così ?
A i g i o r n i n o s t r i ci si p e r f e z i o n a o c i s i specializza. L a p r o ­
f e s s i o n e d i m a d r e invece, c o m p r e n d e l'esercizio d i s v a r i a t i
m e s t i e r i a l l a volta, q u e l l o d ' i n f e r m i e r a , d'educatrice, d i m a s ­
s a i a ,di cuoca, d i s a r t a . A c u i si a g g i u n g o n o i d o v e r i d i m i ­
n i s t r o degli i n t e r n i , d e l l e rel azi oni e s t e m e , d e l l e f i n a n z e e
altri ancora.
I n o s t r i p r o g r a m m i scolastici t e n g o n o c o n t o d i q u e s t e e s i ­
g e n z e ? I n m o l t e scuole si r i t i e n e a n c o r a s e c o n d a r i o o t r a ­
scurabile l'insegnamento della puericoltura, l'introduzione
a i m i s t e r i d e l l a v i t a . C h e cosa o f f r i a m o p i ù t a r d i a l l e f u ­
t u r e m a m m e t i m o r o s e d a v a n t i alle n u o v e r e s p o n s a b i l i t à c h e
l e a s p e t t a n o ? M o l t e d i l o r o n o n h a n n o n e s s u n a esperienza
nelle c u r e richieste d a u n neonato. Accaparrate dalla loro
professione, n o n h a n n o m a i a v u t o occasione d i o c c u p a r s i d i
u n b a m b i n o . L a f a m i g l i a con p o c a p r o l e è u n a d e l l e c a r a t t e ­
r i s t i c h e d e l l a società m o d e r n a e n o n o f f r e p i ù a l l e g i o v a n i
l o stesso t e r r e n o d i p r a t i c a c o m e n e l p a s s a t o . U n a volta, e s ­
s e i m p a r a v a n o il l o r o m e s t i e r e m a t e r n o p r e n d e n d o a d e s e m ­
p i o l e l o r o m a m m e . P e r a n a l o g a ragione, corsi d i cucito e
d i c u c i n a r i s u l t a n o s e m p r e p i ù indispensabili, d o v e l e d o n n e
p o s s a n o c o m p l e t a r e l a l o r o educazione. L a s t r u t t u r a e c o n o ­
m i c a e sociale d e l m o n d o m o d e r n o è i n c o s t a n t e e r a p i d a
evoluzione. Oggi p i ù c h e m a i , si h a b i s o g n o d i consigli p e r
a l l e s t i r e u n bilancio, p e r i m p a r a r e a c o m p e r a r e c o n d i s c e r ­
n i m e n t o e appositi servizi speciali esistono all'uopo.
II b a m b i n o , crescendo, p u ò p r e s e n t a r e d e i p r o b l e m i r i f e r e n t e s i a l l a s u a sa lu te , a l l a s u a educazione, c h e u n a m a d r e a n ­
c h e e s p e r t a , t a l v o l t a n o n s a r i s o l v e r e d a sola. H a a s u a d i ­
sposizione c e n t r i sociali d o v e p u ò consigliarsi con p e r s o n e
c o m p e t e n t i ? S a p p i a m o p e r e s e m p i o c h e i consultori l a t ­
t a n t i e i c e n t r i d i p u e r i c o l t u r a s o n o organi zzat i solo i n u n
terzo dei comuni del nostro paese. S e n e dovrebbero creare
s e m p r e p i ù e o c c o r r e i n c r e m e n t a r e l e scuole d e i genitori.
B i s o g n a esser p r e s i d ' e n t u s i a s m o p e r il p r o p r i o m e s t i e r e s e
si v u o l e eccellervi. N e s s u n ' a l t r a p r o f e s s i o n e esige u n a s o m ­
m a cosi g r a n d e d i t a t t o e d i a m o r e , d i r i n u n c i a , i n u n a p a ­
r o l a d i m a t u r i t à , c o m e il m e s t i e r e d i m a m m a . S e esistono
persone aventi i n sé abbastanza risorse p e r manovrarsi e
p e r s e r v i r e d a g u i d a agli a l t r i i n q u e s t o l a b i r i n t o c h e è i l
m o n d o , c e n e sono i n v e c e a l t r e c h e si p e r d o n o e si_ s m a r r i ­
scono n o n a p p e n a v i p o n g o n piede. S o n o alla m e r c é d i f o r ­
z e d i n a m i c h e c h e scuotono l e c r e d e n z e a c q u i s i t e e n o n i n travvedono nessuna uscita verso v i e nuove, dove possano
v o l ge r e i l o r o p a s s i . C h e d i r e d i q u e l l e m a d r i i g n o r a n t i ,
d i m e n t i c h e d e i l o r o doveri, insaziabili n e l l a r i c e r c a d e l l a
l o r o soddisfazione pers onal e. N o n n e s i a m o f o r s e u n p o ' t u t ­
t i r e s p o n s a b i l i ? P i ù c h e m a i s ' i m p o n e l ' a i u t o agli a d u l t i i n
t u t t i i c a m p i , s u l p i a n o educativo, psicologico, p e r s i n o p s i ­
c h i atr ic o : l'organizzazione d e l t e m p o libero, l ' a i u t o d e i c o n ­
s u l e n t i p e r i p r o b l e m i coniugali e q u e l l o d e i servizi m e d i c o ­
pedagogici, ecc.
A r d u o è i l t r o v a r e d a s o s t i t u i r e u n a m a d r e allorché, a m m a ­
l a t a 0 estenuata dalle fatiche, n o n è più in grado di a d e m -
$ PARTITA
I
CALZE NYLON con e senza cucitura
CALZE HELANCA con cucitura
CALZE HELANCA senza cucitura
SOTTOVESTE IN NYLON
VESTAGLIE IMBOTTITE NYLON
CAMICIE DA NOTTE tipi solidi ed eleganti
GONNE, GREMBIULI, ecc.
CALZE UOMO HELANCA in varie tinte
CALZE UOMO lana rinforzata
CAMICIE UOMO NYLON, grandezza 38—42
CAMICIE NYLON Nylsuisse con ometto
CAMICIE POPELINA, grandezza 38—44
PIGIAMA DA UOMO
CAMICIE DA BAMBINI, popelina
PIGIAMA, PANTALONI, PULLOVERS, ecc.
PER BAMBINI,
LENZUOLA FELPATE a righe o disegni
COPERTE DI LANA rigate
ASCIUGAMANI, LAVETTE, FAZZOLETTI
e vari altri articoli.
paio da fr. 0.80
paio
fr. 2.50
paio
fr. 2.95
fr. 9.80
da fr. 19.80
da fr. 8.90
paio
paio
fr.
fr.
fr.
fr.
da fr.
da fr.
da fr.
2.95
5.50
13.50
17.80
10.90
12.90
5.50
\
da fr. 9.50
da fr. 19.80
Questa merce a prezzi di risparmio si riceve solo nel negozio
in piazza.
Mario Tempini Poschiavo
i % %
p i e r e a i suoi d o v e r i . Q u e l l a che, p e r n e c e s s i t à e p e r m o l t o
tempo deve esercitare u n mestiere, oltre c h e provvedere a l ­
l a casa e a i bambini, è costretta a d abusare della s u a salute
e d e l l e p r o p r i e f o r z e . Ciò v a l e a n c h e p e r l a m a d r e a l l a q u a l e
l e c u r e c h e esige u n a f a m i g l i a n u m e r o s a n o n l a s c i a n o n é
riposo, n é distensione, d u r a n t e l u n g h i a n n i . P e r a l l e v i a r e
q u e s t e m a m m e , p e r d a r e i m p u l s o a i servizi d e l l ' a i u t o f a m i ­
liare, l ' a i u t o delle v o l o n t a r i e , l e colonie d i v a c a n z a g r a t u i t e
p e r m a d r i esauste, m a n c a n o p e r s o n e d i b u o n a v o l o n t à . C h e
n e l c a m p o legislativo l a s i t u a z i o n e d e l l a p r o t e z i o n e m a t e i m a
s i a p r e c a r i a d a noi, è o r m a i notorio. C i s i p r o d i g a s e n z ' a l t r o
p e r r i m e d i a r v i , e soluzioni v e n g o n o p r o p o s t e d a commissioni
e sottocommissioni.
T r o p p a g e n t e r i t i e n e c h e l a p r o t e z i o n e m a t e r n a consiste n e l
distribuire u n aiuto i n denaro, viveri o ricostituenti a m a ­
d r i bisognose e c h e q u e s t i s o n o gli u n i c i p r o v v e d i m e n t i
s p e t t a n t i all'assistenza p u b b l i c a o a l l e o p e r e p r i v a t e . Q u e s t i
soccorsi s o n o n e c e s s a r i p e r o v v i a r e a situazioni d ' u r g e n z a ,
m a l a p r o t e z i o n e m a t e r n a c o m e l a v e d i a m o noi, è d i u n ' a l ­
t r a n a t u r a a n c o r a . E s s a v u o l r e n d e r e a t t o il singolo a d a i u ­
t a r s i d a sé, c e r c a d i r i m e t t e r e i n a r c i o n i colui c h e n o n v i
r i e s c e con l e p r o p r i e f o r z e . F a a p p e l l o a l d i r i t t o d i o g n u n o
d i v i v e r e u n a v i t a n o r m a l e e decorosa. P e r t a l m o t i v o i l
p r o g r a m m a della p r o t e z i o n e delle m a d r i c o m p r e n d e m o l t e ­
plici azioni, sul p i a n o medico, sanitario, giuridico, t e n d e n t e
a d a p p o g g i a r e l e m a d r i n e l c o m p i m e n t o d e l l a l o r o missione,
c h e è q u e l l a d i d a r e l a v i t a n e l l e m i g l i o r i condizioni p o s s i ­
bili, d i s a l v a g u a r d a r e l a p r o p r i a s a l u t e e q u e l l a d e i p r o p r i
cari, d i e s s e r e l a c u s t o d e d i u n f o c o l a r e a r m o n i o s o .
E . S.
CERCASI p e r subito o tenor accordo
un auto m e c c a n i c o
un fabbro o fabbro di fucina
come p u r e
1 apprendista fabbro maniscalco
Offerte a
S. BOTT, garage e of f i ci ne meccanica, 7524 ZUOZ
Telefono (082) 6.72.16
V.
E' stata c o s ì
I l r e p a r t o a p i c o l t u r a all'Espo C o m p a g n o n i 1964, è s t a t o u n a
a t t r a z i o n e e u n a i n f o r m a z i o n e , p e r c h é l'opinione p u b b l i c a
n o n conosce a b b a s t a n z a l ' a t t i v i t à degli apicoltori e d e l l e
s u e p r e d i l e t t e api.
Q u a n d o l a curiosità u m a n a n o n è s o d d i s f a t t a , i n v e n t a ciò
c h e essa i g n o r a e d i n v e n t a s e m p r e a s c a p i t o d i c h i a v r e b b e
p o t u t o s o d d i s f a r l a . Q u e s t e esposizioni d e v o n o p r e c e d e r e a d
ogni occasione l a curiosità d e l p u b b l i c o e d a l m o m e n t o p r e ­
ciso i n c u i i l p u b b l i c o d e s i d e r a e s s e r e o r i e n t a t o con mezzi
d'attrazione e mettendo i n evidenza l a tecnica f o n d a m e n ­
t a l e dell'apicoltura. V i s o n o a n c o r a d e l l e p e r s o n e c h e r e ­
stano, m a l g r a d o l ' e t à degli i m p e n i t e n t i a v v e r s a r i a l l e a p i
(a conseguenza dell'apicoltura) m e n t r e s o n o n e c e s s a r i e p e r
i suoi prodotti e p e r l a fecondazione dei fiori a t u t t o v a n ­
t a g g i o d e i d i v e r s i s e t t o r i dell'economia nazional e.
Non basta « f a r b e n e e tacere». Bisogna f a r b e n e e f a r l o
s a p e r e , ciò i l m o d o d ' e v i t a r e il discredito. I n p i ù h a i l p r e ­
gio d i f a c i l i t a r e i c o n t a t t i t r a gli apicoltori e l a s u a c l i e n ­
tela. Chi h a visitato il r e p a r t o apicoltura e d osservato a t ­
tentamente, h a potuto farsi un'idea p u r lontanamente, i n c h e
consiste l a l a v o r a z i o n e d e l dolce p r o d o t t o d e l l e a p i . M o l t o
semplice s c o p e r c h i a r e u n a scatola d i m i e l e e c o n s u m a r n e i l
c o n t e n u t o s e n z a conoscere l a q u a l i t à , i sacrifici, l e f a t i c h e e
spese c h e n e derivano.
D a q u e s t a esposizione s i h a p o t u t o c o n s t a t a r e c h e i l p u b ­
blico d e s i d e r a v a v e d e r e e d a v e r e d e l l e spiegazioni n e l c a m p o
apistico. L o h a d i m o s t r a t o i l f a t t o c h e i n p i ù r i p r e s e , b e n c h é
coadiuvato d a m i a moglie n o n riuscivamo a d a r e a tutti l e
n e c e s s a r i e spiegazioni. — A ll'Espo C o m p a g n o n i 1964 i v i s i t a ­
t o r i s u p e r a r o n o i 5000, v i e r a m e r c e p e r t u t t i i g u s t i e t u t t e
l e borse. P e r i f o r t u n a t i vincitori e r a n o g r a t u i t a m e n t e a d i ­
sposizione 46 p r e m i della l o t t e r i a p i ù u n p r o s c i u t t o e d u e
chili d i m i e l e Moraschini.
C o m u n q u e l'Esposizione è t e r m i n a t a con g r a n d e s o d d i s f a ­
zione s i a d e i v i s i t a t o r i c h e dell'espositore.
U n r i n g r a z i a m e n t o v a d a a l l e gentili v i s i t a t r i c i e g e n t i l i v i ­
sitatori, e d i n p a r t i c o l a r e a l p a p à dell'Esposizione, S i g n o r
A . Compagnoni, a i signori E . W i l d p r e s i d e n t e c a n t o n a l e d e ­
gli apicoltori, a l signor J . L u t z r e d a t t o r e d e l g i o r n a l e s v i z ­
z e r o degli apicoltori V D S B , a l S i g n o r W . M ä d e r c a s s i e r e
c e n t r a l e VDSB, a i signori R . S e m a d e n i e E . Bondolfi, m a e ­
s t r i della s e c o n d a r i a r i f o r m a t a con t u t t i gli scolari. A i S i ­
g n o r i B . G. e L . F . c h e m i o n o r a r o n o con i loro s c r i t t i n e l
g i o r n a l e locale e t u t t i coloro c h e v i s i t a r o n o i m i e i a p i a r i .
A t u t t i l ' a u g u r i o d i u n d o l c e a n n o 1965.
A. M o r a s c h i n i , a p i c o l t o r e dipi.
r M s a b t e i W f l
Vorberert*»"«
Frühjanf und
Beginn
p.ospeW®
Verlang®**
RISTORANTE TICINO - COIRÀ
Ritrovo dei poschiavini Telefono
Cucina e v i n i italiani. 081-2.34.12
CAMPIONATI MONDIALI D I B O B A D U E E A QUATTRO.
I c a m p i o n a t i d i b o b a d u e e a q u a t t r o si s t a n n o s v o l g e n d o
a St. Moritz sulla famosa pista del Cresta R u n . I campionati
m o n d i a l i d i b o b s o n o a l l a l o r o 31. edizione. S t . M o r i t z l ì h a
ospitati g i à p a r e c c h i e volte, così n e l 1928 (allora solo b o b a
q u a t t r o ) , n e l 1931 (solo b o b a q u a t t r o ) , n e l 1935 (bob a q u a t ­
tro), n e l 1937 (a q u a t t r o ) , n e l 1938 (a due), 1939 (a due), n e l
1947, 1948, 1955, 1957 1959 e n e l 1965.
A l t r i p o s t i d o v e s ì svolgono ì c a m p i o n a t i m o n d i a l i d i b o b d i
q u a n d o i n q u a n d o s ono: C o r t i n a , G a r n i s c h , L a k e Placide,
Igls, C ham oni z. I l p r i m a t o è s e m p r e t e n u t o d a S t . Moritz.
D a l 1947 i l b o b a d u e e a q u a t t r o p e r i c a m p i o n a t i m o n d i a l i
è s e m p r e a b b i n a t o e s i svolge c o n t e m p o r a n e a m e n t e n e l l o
stesso posto, così q u e s t ' a n n o a S t . Moritz, n e l 1964 a Igls ecc.
C a m p i o n e d e l m o n d o p e r i l b o b a q u a t t r o e r a d a l 1964 V .
E m e r y del Canadà e p e r il b o b a d u e A . N a s h Cap dell'In­
ghilterra.
Fly UP