...

Charles Rennie Mackintosh (1868

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Charles Rennie Mackintosh (1868
LA GRAN BRETAGNA: MACKINTOSH
Charles Rennie Mackintosh (1868-1928) rimane uno
degli esponenti maggiori dell’art nouveau inglese.
L’Inghilterra che aveva dato il via a questi
movimenti innovatori, rimane ben presto esclusa
dall’espandersi del fenomeno Art Nouveau a
causa di un rigurgito di tradizionalismo.
Lontano dai maggiori centri, a Glasgow, si forma un
gruppo di artisti che si possono collocare nel
contesto della rivoluzione stilistica in atto in Europa.
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
31
LA GRAN BRETAGNA: MACKINTOSH
La linea di Mackintosh, molto personale, è da
considerarsi più vicina alla scuola di Vienna che si
sviluppò intorno a Josef Hoffman e Otto Wagner,
piuttosto che all'Art Nouveau belga di cui
detestava gli eccesi decorativi.
Riesce ad elaborare uno stile geometrico
originale, basato su linee rette e forme
geometriche elementari escludendo il ricorso alle
forme concave e convesse dei francesi e belgi.
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
32
LA GRAN BRETAGNA: MACKINTOSH
Mackintosh espresse un'architettura che combina
materiali tradizionali, come la pietra e il mattone,
con materiali allora nuovi, come il cemento
armato e l’acciaio.
La sua impronta si ritrova in tre tipi di
architettura: quella degli edifici pubblici, quella
delle case private e quella delle sale da tè (la
maggior parte delle quali si trovano nella città di Glasgow).
Creò anche mobili originalissimi.
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
33
La facciata principale verso nord, in granito
grigio locale, è caratterizzata da timpani e
torrette sporgenti, che le conferiscono un carattere
neogotico. La massa muraria è alleggerita dalle
grandi finestre in ferro e vetro delle aule da
disegno.
MACKINTOSH – Scuola d’arte a Glasgow (1898-1909).
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
34
The “Lighthouse"
Facciata Nord della “Scotland Street School” a
Glasgow - Scozia.
MACKINTOSH – The Lighthouse e la Scotland Street School.
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
35
Hill House, realizzata per
l’editore Walter Blackie.
Viene
ideata
nella
tradizionale
pianta
scozzese a L, che
contrasta con gli interni,
dove ogni particolare,
fluente ed armonioso, è
progettato in base alle
esigenze di ogni inquilino
dell’abitazione. Proprio
per la camera da letto
di
Walter
Blackie,
Mackintosh disegna la
Ladderback Chair (ovvero,
sedia dallo schienale a
scala).
MACKINTOSH – Hill house (1902-1903).
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
36
La struttura in legno di frassino scuro, contrasta
con il muro che rimane bianco; l’altezza della
sedia, che sembra eccessiva, vuole in realtà far
risaltare le caratteristiche spaziali della camera; il
lungo schienale è modulato da asticelle, che ad
una certa altezza vengono intrecciate con altre
piccole aste, creando un motivo a listelli ortogonali,
che caratterizza la produzione di Mackintosh.
La Ladderback Chair è esemplificativa della linea
di design seguita dai mobili e dagli elementi
d’arredo creati da Charles Rennie Mackintosh. In
particolare dai primi anni del ‘900, Mackintosh
realizza mobili in noce ebanizzato, che presentano
sobrietà e raffinatezza, ma allo stesso tempo sono
semplici e funzionali e caratterizzati da linee pulite
ed essenziali.
SEDIA HILL HOUSE
MACKINTOSH
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
37
MACKINTOSH
ing. Luca Springhetti
SEDIA HILL HOUSE
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
38
Argyle side chair
Argyle arm chair
INTERNO DELLA PROPRIA ABITAZIONE
MACKINTOSH
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
39
Low Ingram chair
Willow chair
Ingram chair
MACKINTOSH
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
40
D.S. 1” Table
Willow 2 chair
Nittshill Arm chair
MACKINTOSH
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
41
Fotografia dell'originale "Willow tea room“ - Glasgow
"Willow tea room“ (si affaccia sulla via dei Salici
(Willows)) di cui Mackintosh progetta la struttura e
l’arredo. L’ingresso è situato al piano terra (che
originariamente ospitava due sale da tè): attraverso il
negozio "Henderson The Jewellers" si accede al
ristorante-bar decorato in rosa e grigio, the gallery, e
alla sala da tè al primo piano con decorazioni viola e
argento, the room de luxe.
MACKINTOSH
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
42
Specchio decorato nella room de luxe della "Willow tea room".
MACKINTOSH
ing. Luca Springhetti
ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI “A. POZZO”
43
Fly UP