...

guida lotta ai topi ok

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

guida lotta ai topi ok
Zapi:
ambiente protetto dai topi
I.P.
GUIDA
ALLA LOTTA
CONTRO
I TOPI
La
lotta contro i Topi
“Chi l’avrebbe detto che nel terzo millennio il mondo si sarebbe ritrovato ancora pericolosamente invaso
dai ratti e topi indesiderati e pericolosi?
Sembra una contro tendenza, ma proprio la modernità, con tutti i suoi eccessi consumistici, sta
contribuendo alla prolificazione dei topi e ratti a ritmi sempre più elevati.
I roditori non conoscono confini geografici: arrivano ovunque e sono dappertutto perché la loro capacità
di adattamento e di sopravvivenza è superiore rispetto a qualsiasi altro animale.
Nessun ambiente è al sicuro da topi e ratti: dove
c’è l’uomo loro arrivano portando contamininazioni e malattie.
ZAPI S.p.A., azienda con esperienza
t r e n t e n nale nel settore a t t r a v e r s o
questa “Guida alla lotta contro i
Topi” si propone di aumentare la
conoscenza del pubblico verso
questi
nemici
e
di
fornire
indicazioni e soluzioni
per
prevenire e risolvere efficacemente il problema.”
■
■
■
■
Un po’ di storia . . . . . . . . . . .
Perché ci sono così tanti topi? . .
Perché i topi sono così pericolosi?
Quali sono le specie più diffuse? .
• Il Ratto delle Fogne . . . . . .
• Il Ratto Nero . . . . . . . . . .
• Il Topolino Domestico . . . . .
• L’Arvicola Campestre . . . . .
■ La prevenzione . . . . . . . . . . .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
2
3
3
5
6
7
8
9
10
■ A chi rivolgersi . . . . . . . . . . . . . . .
■ La lotta con i topicidi in esca . . . . . . .
• Dove posizionare il topicida . . . . .
• Precauzioni d’impiego . . . . . . . . .
• Il monitoraggio dei consumi . . . . .
■ La lotta con le trappole adesive . . . . .
• Quando utilizzare le trappole adesive
• Come aumentarne l’attrattività . . .
• Dove posizionarle . . . . . . . . . . .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
14
14
18
18
18
20
20
20
20
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
22
23
24
26
28
29
LA LOTTA CONTRO I TOPI
S O M M A R I O
ALLA SCOPERTA DI TOPI E RATTI
LE SOLUZIONI
■
■
■
■
■
■
Linea
Linea
Linea
Linea
Linea
Linea
Bait Station - contenitori di
Bonirat . . . . . . . . . . . .
Muskil Super . . . . . . . . .
Broditop . . . . . . . . . . .
Gardentop . . . . . . . . . .
Storm . . . . . . . . . . . . .
sicurezza
. . . . . .
. . . . . .
. . . . . .
. . . . . .
. . . . . .
per esche
. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1
ALLA SCOPERTA DEI TOPI
Un
po’ di storia
Il topo ed il ratto sono sempre stati
indesiderati e combattuti dall’uomo.
Nel 1900 a.C. i topi rappresentavano una calamità fra gli
Egiziani e gli Assiro-Babilonesi in
quanto distruggevano le loro
risorse di cereali nei granai.
L’egemonia del Ratto Nero, p r i m o
incontrastato nemico dell’uom o , durò per circa 18 secoli
quando nel 1700 iniziò ad
evolversi il Ratto delle Fogne
(Surmolotto).
“ ... attualmente tale
rapporto viene stimato
7 volte la presenza umana,
un dato senza
dubbio spaventoso! “
2
Le cause del loro insediamento furono
senz’altro m o l t e p l i c i : c o n l ’ a u m e n t o d e l l a
popolazione,
lo
sviluppo
dell’edilizia e la progettazione di reti fognarie sotterranee
non fu per nulla difficile trovare
un habitat ideale in cui vivere.
Negli ultimi decenni i topi si
sono moltiplicati in misura
incontrollabile nonostante i metodi di lotta messi a disposizione
dalla più avanzata ricerca scientifica.
Infatti, circa 25 anni fa la popolazione murina era
in rapporto 1:1 con la popolazione umana,
mentre attualmente tale rapporto viene stimato
7:1, 7 volte la presenza umana, un dato senza
dubbio spaventoso!
P erché
CONTRO I
L OTTA
Anche se quest’animale vive solo tre anni,
Causa principale dell’elevata diffusione di
in questo tempo può generare circa un
questi animali è da ricercare nella loro
massimo di 160 piccoli. Se ognuno di
straordinaria adattabilità e prolificità.
questi producesse, in media, 130 piccoli,
Il topo:
e ognuno di questi ultimi ne producesse
• può infatti vivere e riprodursi a
altri 130, allora, in tre generazioni
temperature veramente proibitive;
sarebbero stati prodotti 2.704.000
• può sopportare altissime dosi
ratti.
di radiazioni;
E’
pressoché
impossibile
• può nutrirsi con qualsiasi
“In 3 anni può
generare circa un
quantificare le perdite di
sostanza organica
massimo di 160 piccoli.
derrate alimentari dovute alla
disponibile;
Se ognuno di questi
presenza di questi roditori
• può dissetarsi con acqua
producesse, in media, 130
anche se si stima che ogni
di fogna o con acqua
piccoli, e ognuno di questi
anno circa 33 milioni di
salata;
ultimi ne producesse altri
tonnellate
di
alimenti,
• può sopravvivere a shock
130, allora, in tre
quantità che basterebbe a
elettrici fino a 200V per
generazioni sarebbero
soddisfare i fabbisogni di 200
oltre un minuto;
stati prodotti
milioni di persone, vengono
• può cadere da un’altezza di
2.704.000 ratti.”
avariati dai topi.
20 metri superando
agevolmente i conseguenti
traumi fisici.
T OPI
i topi sono
così pericolosi?
ALLA
ci sono così
tanti topi?
G UIDA
P erché
3
Si pensi che in un anno un singolo topo è
in grado di mangiare dai 12 ai 28 kg di
alimenti inquinandone, nello stesso
tempo, altri 150 kg! Incidenti, a volte
molto gravi, possono
essere causati dalla
costante necessità di
rosicchiare qualcosa.
L’ e r o s i o n e , a c a r i c o a d
esempio di cavi el ettrici,
può essere conseguenza di
cortocircuiti, mentre l’erosione di tubazioni di acqua
e gas può essere causa di
inondazioni ed incendi.
Negli allevamenti zootecnici,
la presenza di topi costituisce un continuo disturbo per gli animali
4
d’allevamento con conse-guente riduzione
della produttività.
I Topi possono essere veicolo di numerose
malattie.
I parassiti che vivono su di
essi, principalmente pulci
ed acari, facilitano la
t ra s m i s s i o n e d e g l i a g e n t i
p a t o g e n i all’uomo ed agli
animali domestici.
Quando un topo appestato
muore, le pulci lo abbandonano aggredendo così
altri topi e diffondendo il
contagio.
Riportiamo di seguito le
principali malattie ed il loro
mezzo di diffusione.
Ratto delle Fogne
Ratto Nero
CONTRO I
Le caratteristiche generali di questi animali
sono:
• grande capacità di adattamento;
• altissima prolificità;
• attività prevalentemente notturna;
• dieta onnivora;
• spiccata curiosità e diffidenza nei confronti di cose nuove.
L OTTA
Le specie più diffuse e conosciute dall’uomo sono essenzialmente:
• il Ratto delle Fogne (Rattus Norvegicus);
• il Ratto Nero (Rattus Rattus);
• il Topolino Domestico (Mus Musculus);
• l’Arvicola Campestre (Microtus Arvalis).
ALLA
La presenza di questi si riconosce da:
• topi morti o vivi;
• tane;
• rumori tipici;
• escrementi solidi (dalla loro forma è
possibile identificare la specie infestante
senza avere la necessità di vederla);
• impronte;
• segni di rosicchiature;
• segni di passaggio (specialmente
all’esterno);
• tracce di unto;
• tracce di urina (rilevabili anche con
lampada fluorescente);
• puzza (odore tipico specialmente del
Topolino domestico).
T OPI
sono le specie più diffuse?
G UIDA
Q uali
Topolino Domestico
Arvicola Campestre
5
• Ratto delle Fogne
(RATTUS NORVEGICUS)
vive in gruppi numerosi nel caso disponga
Il Ratto delle Fogne gode senza dubbio
di abbondante nutrimento; è un buon
della maggiore diffusione ed è considerata
nuotatore e saltatore (da fermo riesce
la specie più pericolosa come
“…è
a far salti di quasi 80 cm e salti in
potenziale vettore di malattie.
considerata
lungo di 110-120 cm); scava
Nella ricerca di cibo segue percorsi
gallerie sotterranee dove
costanti; è onnivoro con
la specie più
costruisce il nido, preferendo
predilezione per cibi di origine
pericolosa come
terreni compatti e vicini a corsi
animale; attacca e
potenziale vettore
d’acqua, zone incolte e trascurate.
uccide piccoli
di malattie”
La sua moltiplicazione è favorita da
animali
reti fognarie in cattive condizioni e
domestici
dall’accumulo di rifiuti dove trova
come pulcini,
grandi quantità di cibo; ha
coniglietti,
odorato, gusto, tatto ed udito
ecc.;
molto sviluppati ed una vista
piuttosto ridotta.
RATTO DELLE FOGNE
(Rattus Norvegicus)
Lunghezza: 25-30 cm
Peso medio: 300-500 g
Coda: 17-22 cm
Muso: arrotondato
Orecchie: piccole, coperte
da peluria
Occhi: piccoli
6
Pelo: ruvido ed ispido. Castano con
macchie nere sul dorso. Da grigio a
giallo-bianco sul ventre
Escrementi: a forma di capsula, di
circa 20 mm
Periodo riproduttivo: tutto l’anno
con due picchi in primavera-autunno
Numero nidiate per anno: 7 ca.
Figli per anno: 50/60 ca.
Durata media di vita: 1/3 anni ca.
Dieta: onnivoro: carne, pesce,
vegetali, semi, prede vive, rifiuti
(25-60 g al giorno)
Nido: principalmente in tane
sotterranee
CONTRO I
solai, granai, sottotetti ed addirittura
chiome di alberi da frutto.
E’ capace di camminare sui fili del
telefono e sui cavi elettrici tramite i quali
può trasferirsi nelle abitazioni
alla ricerca di cibo.
Il danno che provoca
deriva dalla distruzione
“ E’ capace di
delle derrate alimentari
camminare sui fili del
e dall’inquinamento che
telefono e sui cavi
consegue alla
elettrici tramite i quali
contaminazione con
può trasferirsi nelle
escrementi, potenziali
abitazioni alla ricerca
vettori di malattie.
L OTTA
Il Ratto Nero è un roditore diffidente e
curioso che ama cibarsi di granaglie,
frutta, noci e nocciole.
E’ un agilissimo
arrampicatore e
vive, per
tale
motivo,
in zone
elevate
come
soffitte,
T OPI
(RATTUS RATTUS)
ALLA
• Ratto Nero
G UIDA
di cibo.”
RATTO NERO
(Rattus Rattus)
Lunghezza: 20 cm
Peso medio: 150-300 g
Coda: 19-25 cm
Muso: affusolato
Orecchie: grandi,
pressoché nude
Occhi: grandi, sporgenti
Pelo: morbido e soffice. Da grigio a
nero sul dorso. Bianco sul ventre
Escrementi: A forma di fuso, fino a
12 mm
Periodo riproduttivo: tutto l’anno
con due picchi primavera-autunno
Numero nidiate per anno: 7 ca.
Figli per anno (max): 50/60 ca.
Durata media di vita: 1/3 anni ca.
Dieta: onnivoro: preferisce frutta,
noci, grano, verdura (25-40 g al
giorno)
Nido: soprattutto in crepe di
muri, soffitti, vigne, alberi, ecc.
7
• Topolino Domestico
Il Topolino Domestico è un piccolo
roditore apparentemente gracile, ma
estremamente resistente ad ogni tipo
di clima.
Il Topolino Domestico ama la
compagnia degli esseri umani e
preferisce insediarsi nelle loro
case. Infesta in genere gli
scantinati e le abitazioni
al pianterreno, ma
può anche
raggiungere i
solai ed altri
spazi idonei
(MUS MUSCULUS)
all’interno degli edifici. Le tane vengono
costruite dentro divani, armadi e mobili
inutilizzati, intercapedini dei muri,
tubazioni ed altre cavità che
“Si riproduce
vengono foderate con quanto di
facilmente in ogni
morbido e caldo riesce a reperire
ambiente vivendo
nell’ambiente (stoffa, carta,
negli stessi luoghi
gommapiuma, cotone, ecc.).
Corre, si arrampica e salta
abitati dall’uomo.”
(massimo 40 cm in altezza) su ogni
superficie; mangia sostanze di ogni
tipo, preferendo cibi grassi, granaglie,
formaggio, ecc.
A differenza delle altre specie, è raramente
veicolo di malattie restando comunque un
ospite scomodo ed indesiderato!
TOPOLINO DOMESTICO
(Mus Musculus)
Lunghezza: 10 cm
Peso medio: 15-30 g
Coda: 7.5-10 cm
Muso: affusolato
Orecchie: grandi, rotonde
e nude
Occhi: piccoli
8
Pelo: castano chiaro-grigio chiaro sul
dorso e bianco sul ventre
Escrementi: a forma di bacchette, 36 mm
Periodo riproduttivo: tutto l’anno
con due picchi primavera-autunno
Numero nidiate per anno: 6-10 ca.
Figli per anno (max): 60 ca.
Durata media di vita: 1/2 anni ca.
Dieta: onnivoro: preferisce i
cereali (2-3 g al giorno in più di
10 assunzioni)
Nido: generalmente in materiali
stoccati, ma anche in tane
scavate nel terreno
G UIDA
"....si ciba
voracemente di semi
e germogli con
conseguenze
disastrose per le
colture attaccate."
CONTRO I
l'Arvicola avendo una dieta vegetariana, si
ciba voracemente di semi e germogli con
conseguenze disastrose per le colture
attaccate.
L OTTA
L'arvicola Campestre vive all'aperto in
gallerie sotterranee superficiali ed è
conosciuta dai coltivatori per i danni che
provoca nelle colture in pieno campo.
T OPI
(MICROTUS ARVALIS)
ALLA
• L’Arvicola Campestre
ARVICOLA CAMPESTRE
(Microtus Arvalis)
Lunghezza: 9-13 cm
Peso medio: 18-50 g
Coda: senza pelo
Muso: ovoidale con corti
baffi
Orecchie: piccole ed
arrotondate
Pelo: grigio tendente al marrone
Durata media di vita: 9/12 mesi ca.
Periodo riproduttivo: tutto l’anno
Dieta: vegetariana
con due picchi in primavera-autunno
Nido: gallerie sotterranee
Numero di nidiate per anno: 3-6 ca.
superficiali
Figli per anno (max): 35 ca.
9
La
prevenzione
“I topi hanno la capacità di intrufolarsi
dappertutto, sono abili equilibristi in
grado di arrampicarsi e passare
attraverso spazi piccolissimi alla ricerca
di cibo e di un rifugio sicuro.”
Per evitare la loro presenza basta
seguire alcuni semplici accorgimenti che
possono variare a seconda dell’ambiente
in cui ci si trova.
3
4
8
• Come prevenire le infestazioni
nelle abitazioni
1 Controllate che nella casa non ci siano
crepe o brecce nel muro.
2 Evitate, in vostra assenza, di tenere
porte e finestre aperte soprattutto in
cucina.
10
3 Eliminate eventuali piante rampicanti
non curate onde evitare che il topo si
arrampichi e si intrufoli nei piani
superiori della casa.
4 Evitate di accatastare legna a ridosso
del caseggiato.
5 Cercate di non dimenticare scale o tavole
in legno appoggiate al muro in quanto
favoriscono il passaggio dei roditori.
T OPI
CONTRO I
L OTTA
2
1
ALLA
8
6
7
6 Non ammassate i rifiuti all’esterno
dell’abitazione; rimuoveteli giornalmente
e riponeteli negli appositi cassonetti.
7 Se avete animali domestici, evitate di
lasciare avanzi di cibo nelle loro ciotole.
G UIDA
5
E’ la prima fonte di cibo per i ratti e
quindi di infezione.
8 Tenete sempre pulito il giardino
circostante (non lasciare zone incolte).
11
• Come prevenire le infestazioni nelle abitazioni rurali
• Come prevenire
le infestazioni
nei magazzini
Le merci a magazzino vanno ordinate
su pallet o scaffalature, sollevate dal
suolo e distanziate
fra loro per permett e r e semplici e frequenti controlli.
3
Nelle case rurali, la concentrazione di
alimenti stoccati (granai) e la presenza di
animali da cortile e da reddito (stalle)
portano ad una soglia più elevata il rischio
di infestazione.
Oltre ad osservare i comportamenti prima
riportati, si raccomanda di:
12
1
conservare le scorte alimentari in
armadi chiusi o su apposite mensole;
2
stoccare in maniera ordinata tutti gli
alimenti (es.: sacchi di cereali);
3
curare la pulizia delle stalle e dei
recinti degli animali.
Il disordine va assolutamente evitato
poiché il materiale accatastato alla rinfusa
fornisce ai roditori un rifugio sicuro.
2
1
Zapi:
ambiente protetto dai topi.
0-2)%
BaitStation
I contenitori di sicurezza
per le esche topicide:
Più sicurezza per persone e animali
Più rispetto per l’ambiente
Derattizzazione efficiente
www.zapi.it
LA LOTTA CONTRO I TOPI
Se la prevenzione non basta e ci si trova in presenza di topi, occorre intervenire
subito per ostacolare la loro diffusione ed evitare che il problema peggiori.
A chi
rivolgersi
Pe r b l o c c a r e e d e l i m i n a r e l ’ i n f e s t a z i o n e , i l
fattore tempo è determinante; è quindi
indispensabile poter contare
sul consiglio di un professionista in grado di indicare
tempestivamente il prodotto
giusto per risolvere il problema.
La persona più qualificata,
in questo caso, è senza
dubbio il rivenditore specializzato che con competenza e professionalità è
a disposizione del consumatore per trovare soluzioni
specifiche al problema dell’infestazione e consigliare quindi il topicida più adatto.
14
La
lotta con i
topicidi in esca
Il topicida è formulato in esche di diversa
forma e caratteristiche contenenti una o più
sostanze attive con il compito di eliminare
l’animale.
Le esche topicide, a base di anticoagulanti,
agiscono provocando la morte dei roditori
per emorragie interne. I topi muoiono dopo
circa 3-5 giorni dall’ingestione senza provare
dolore, solitamente all’aperto perché presi
da senso di soffocamento, lontano dal resto
della colonia e senza destare sospetti tra i
loro simili (i roditori sono molto sospettosi e
se collegassero la morte improvvisa di uno di
loro con del cibo appena ingerito, questo non
verrebbe più consumato da nessuno).
I topicidi in esca si differenziano tra loro per
l a d i ve r s a e f f i c a c i a , c o m e r i p o r t a t o d a l l a
tabella seguente:
*****
BRODITOP
*****
*****
****
*****
®
L’EFFICACE
BONIRAT
®
IL SELETTIVO
GARDENTOP ®
IL TRADIZIONALE
IL MARCHIO
***
*****
***
**
La scelta dell’esca
è quindi molto
importante per
garantire la
soluzione ai
problemi
dell’infestazione.
Di seguito
riportiamo una
selezione delle
esche topicide
Zapi tra le più
efficaci ed
utilizzate.
T OPI
CON 2
PRINCIPI ATTIVI
CONTRO I
****
®
Gli ingredienti
alimentari
utilizzati nella
formulazione di
esche topicide
sono differenti a
seconda
dell’ambiente e
del tipo di
roditore da
combattere. La
loro funzione è
quella di conferire
al topicida
l’appetibilità
necessaria per il
suo consumo ed
adescare così
agevolmente la
specie bersaglio.
L OTTA
EFFICACIA
SUL TOPOLINO
ALLA
MUSKIL
SUPER
EFFICACIA
SUL RATTO
G UIDA
MARCHI
15
r
la
lo
tt
aa
i topi
LE ESCHE
TOPICIDE
le soluzioni Z
ip
ap
e
MUSKIL
SUPER
®
CON 2 PRINCIPI ATTIVI
BRODITOP
®
L’EFFICACE
BONIRAT
®
IL SELETTIVO
GARDENTOP
IL TRADIZIONALE
16
IL MARCHIO
®
BOCCONCINO
PLUS
PER TUTTI I RODITORI
• Si può impiegare in
ambienti interni ed esterni
• Si consiglia l’uso di 3-5
buste dose (all’interno del
contenitore di sicurezza)
ogni 10 metri
BOCCONCINO
CARNE
PER IL RATTO
DEGLI ALLEVAMENTI
• Si può impiegare in
ambienti interni ed esterni
• Si consiglia l’uso di 3-5
buste dose (all’interno del
contenitore di sicurezza)
ogni 10 metri
BLOCCO
PARAFFINATO
PER IL RATTO
DEGLI ESTERNI
• Si può impiegare in
ambienti interni ed
esterni
• Si consiglia l’uso di 2-3
buste (all’interno del
contenitore di sicurezza)
ogni 10 metri
PER IL TOPOLINO
DOMESTICO
• Si può impiegare in
ambienti interni
• Si consiglia l’uso di 2-3
buste (all’interno del
contenitore di sicurezza)
ogni 10 metri
PASTA
PER TUTTI I RODITORI
• Si può impiegare in
ambienti interni ed esterni
• Si consiglia l’uso di
30-50 g (all’interno del
contenitore di sicurezza)
ogni 10 metri
• Si può impiegare in
ambienti interni ed
esterni
• Si consiglia l’uso di 3-5
buste dose (all’interno del
contenitore di sicurezza)
ogni 10 metri
T OPI
PER IL RATTO NERO
• Si può impiegare in
ambienti interni
• Si consiglia l’uso di
30-50 g (all’interno del
contenitore di sicurezza)
ogni 10 metri
GRANO
PER IL RATTO NERO,
ARVICOLA E TOPO
CAMPAGNOLO
CONTRO I
GRANAGLIE IN
BUSTE DOSI
L OTTA
• Si può impiegare in
ambienti interni ed
esterni
• Si consiglia l’uso di
30-50 g (all’interno del
contenitore di sicurezza)
ogni 10 metri
FIOCCHI
GRASSATI
ALLA
PER IL RATTO NERO,
ARVICOLA E TOPO
CAMPAGNOLO
G UIDA
MIX DI CEREALI
17
• Dove posizionare il
topicida
Notata la presenza dei r o ditori, è necessario d i s tribuire le esche topicide
nei luoghi più adatti, attenendosi alle dosi indicate
per grado d’infestazione.
Alcuni luoghi dove posizionare le esche sono:
- all’interno delle tane in uso;
- lungo i percorsi/camminamenti;
- lungo i muri perimetrali;
- sotto i rifiuti;
- nelle intercapedini di pavimenti e soffitti;
- dietro tavole e mobili;
- sotto i lavelli.
• Precauzioni d’impiego
Le esche topicide devono essere sempre
mascherate per i seguenti motivi:
1 . Sicurezza: per impedire a persone ed
animali
domestici
l’ingestione
accidentale.
2 . Efficacia: il roditore si sente più sicuro
quando si nutre al coperto e quindi
ingerisce più facilmente la sua Dose Letale.
Per mascherare le esche è necessario
utilizzare uno dei contenitori specifici
18
per esche topicide Zapi “Bait
Station”, dotati di chiusura
di sicurezza per p r o t e g g e r e b a m b i n i e d
a n i m a l i n o n bersaglio da ingestioni
accidentali.
• Il monitoraggio dei consumi
Posizionato il topicida, inizia la fase più
importante della lotta ai roditori: il monitoraggio dei consumi.
Monitorare significa verificare con specifiche tempistiche i consumi delle esche con il
duplice obiettivo di:
1. verificare se la scelta del topicida è
corretta;
2. mantenere disinfestato l’ambiente
evitando pericolose e incontrollate
reinfestazioni.
E’ fondamentale che non venga mai
“ a b b a s s a t a l a g u a r d i a ”, l a s o g l i a d i a ttenzione deve sempre rimanere elevata per
evitare pericolose reinfestazioni o insuccessi nei trattamenti.
Consigli di prudenza per l’utilizzo
delle esche topicide
• Conservare sotto chiave e fuori dalla
portata dei bambini.
• Conservare lontano da alimenti o mangimi
e da bevande.
• Non mangiare, né bere, né fumare durante
l’impiego.
• Non ingerire.
• Conservare il recipiente ben chiuso.
In caso di ingestione accidentale
Tenere la confezione originale per poter dare
l’indicazione del principio attivo contenuto nel topicida.
CONSULTARE UN CENTRO ANTIVELENI:
tel 02 66101029 Ospedale Niguarda di Milano.
Sintomi: avvelenamento grave per ingestione,
inibizione della Vitamina K, emorragie cutanee e
mucose. La sintomatologia a carico di altri sistemi
od apparati è prevalentemente emorragica.
Terapia: in caso di ingestione di grosse quantità
provocare il vomito, lavanda gastrica, monitorare
l’attività protrombinica, se diminuzione
somministrare Vitamina K.
T OPI
CONTRO I
L OTTA
ALLA
• Tenere fuori dalla portata degli animali domestici.
• Non contaminare durante l'uso alimenti, bevande
o recipienti destinati a contenerne.
• Evitare il contatto con la pelle - In caso di contatto
con la pelle lavarsi abbondantemente con acqua e
sapone.
• Le esche devono essere disposte all’interno
di adeguati contenitori con accesso previsto
solo per l’animale bersaglio, opportunamente fissati, in modo da minimizzare il rischio
di ingestione da parte di specie non target.
• Durante il trattamento la zona interessata deve
essere chiaramente segnalata.
• I roditori morti devono essere rimossi dalla zona
del trattamento ad intervalli frequenti e le
carcasse devono essere adeguatamente smaltite.
• Terminata la disinfestazione eliminare le esche
residue secondo la normativa vigente.
• In caso di ingestione consultare il medico e
mostrargli l’etichetta.
G UIDA
Azioni consigliate:
A. e f f e t t u a r e i l p r i m o c o n t r o l l o d e l l e
postazioni dopo 3 giorni dal posizionamento delle esche;
B. cambiare la dislocazione di quelle che
non evidenziano alcun consumo;
C. r i p e t e r e l ’ e s a m e 4 g i o r n i d o p o e
rimpiazzare le esche consumate;
D. r i p e t e r e l ’ o s s e r v a z i o n e d i t u t t e l e
postazioni e delle tane ad intervalli di 7
giorni, rimpiazzando le esche consumate.
Di norma sono sufficienti da tre a
quattro controlli.
19
La
lotta con le trappole adesive
• Quando utilizzare le trappole adesive
Nel caso in cui sia sconsigliabile l’uso di
esche topicide (alimentari, macellerie,
forni, ecc.), si può ricorrere all’uso delle
trappole a base di colla.
La colla utilizzata è atossica e svolge la
sua azione catturando il roditore, intrappolandolo e impedendogli la fuga.
Le trappole adesive possono risultare
molto utili ed efficaci in caso di infestazioni non massicce garantendo
rapidità dei risultati e possibilità di
verificare l’effettiva eliminazione del
roditore.
• Come aumentarne l’attrattività
Per funzionare al meglio, la colla ha
bisogno di un innesco, ovvero di un
adescante che attragga il topo facendolo
cadere in “trappola”.
Consigliamo quindi, per aumentare l’attrattività, di mettere al centro delle
20
trappole
mentari
pezzi di
maggio,
me, ecc.
delle esche alicome: biscotti,
cioccolato, forpezzetti di sala-
• Dove posizionarle
Le trappole adesive vanno distribuite sulle
v i e d i t ra n s i t o d e i r o d i t o r i , l o c a l i z z a t e
tramite i loro escrementi o altre tracce:
- lungo i percorsi /
camminamenti;
- lungo i muri
perimentrali;
- sotto i rifiuti;
- nelle intercapedini di
pavimenti e soffitti;
- lungo tubature e
condotte;
- dietro tavole e mobili;
- sotto i lavelli.
ZAP TRAP
Trappola
in cartoncino
pronto uso
15x21cm
Ambienti
INTERNI
Topolini
domestici
ECO-TABLET
Trappola
in cartone
pronto uso
20x30cm
Ambienti
INTERNI
Topolini
domestici
SUPER
ECO-TABLET
Tavola
Rigida
20x30cm
Ambienti
INTERNI
ed ESTERNI
Ratti e
Topolini
domestici
Colla in tubo per
la preparazione
di trappole
adesive
Ambienti
INTERNI
ed ESTERNI
Ratti e
Topolini
domestici
ZAPICOL
T OPI
Contro
CONTRO I
Luogo d’impiego
ALLA
L OTTA
Descrizione
G UIDA
TRAPPOLE CONSIGLIATE
MARCHI
21
LE SOLUZIONI
LINEA
CONTENITORI
DI SICUREZZA PER
ESCHE TOPICIDE
Linea
BAIT STATION
Zapi S.p.A., consiglia l’utilizzo dei contenitori di sicurezza per esche topicide*.
I contenitori hanno molti vantaggi:
1. aumentano la sicurezza d’uso per bambini e animali non bersaglio, evitando il contatto
e l’ingestione;
2. accrescono l’efficacia dei trattamenti: i topi non possono portarsi via le esche;
3. contribuiscono al risparmio nell’utilizzo dell’esca. E’ possibile monitorare i consumi e reintegrare l’esca solo quando necessario.
IMMAGINE
PRODOTTO
CONTRO
AMBIENTE
D’USO
CONFEZIONI
DI VENDITA
RATTO
INTERNI ED
ESTERNI
Astuccio con:
• tubo pvc
• chiave di sicurezza
• fasce e viti per
l’ancoraggio
RATTO O
TOPOLINO
DOMESTICO
INTERNI ED
ESTERNI
Astuccio con:
• scatola pvc
• chiave di sicurezza
TOPOLINO
DOMESTICO
INTERNI ED
ESTERNI
Astuccio con:
• scatoletta pvc
• chiave di sicurezza
T-DISPENSER
BAIT STATION
Contenitore a forma
di tubo in pvc: adatto
per contenere esche
Bocconcino e
Forablock
RAT
BAIT STATION
Contenitore a forma
di scatola in pvc:
adatto per contenere
esche Bocconcino e
Forablock
MOUSE
BAIT STATION
Contenitore a forma
di scatoletta in pvc:
adatto a contenere
esche Bocconcino
22
“Tutti i contenitori Zapi sono dotati di chiave di sicurezza e sistemi di fissaggio a punti fermi.”
LE SOLUZIONI
LINEA
BONIRAT
®
Topicida a base di Difenacoum
IL SELETTIVO
CONTRO
AMBIENTE
D’USO
CONFEZIONI
DI VENDITA
BOCCONCINO
PLUS
TUTTI I RODITORI
INTERNI
ED ESTERNI
Busta 200g - 500g
Secchio 5 Kg
BOCCONCINO
CARNE
RATTI DEGLI
ALLEVAMENTI
ALLEVAMENTI
Secchio 1 Kg
GRANMIX
ARVICOLE E TOPI
CAMPAGNOLI
INTERNI
ED ESTERNI
Tanica 1 Kg
GRANO
ARVICOLE
RATTI NERI E
TOPI CAMPAGNOLI
INTERNI
ED ESTERNI
Vaso 750g
FORMATO
D’ESCA
IMMAGINE
PRODOTTO
23
LE SOLUZIONI
LINEA
MUSKIL SUPER
CON 2 PRINCIPI ATTIVI
Linea
MUSKIL SUPER
®
Topicida bicomponente a base di Bromadiolone
e Difenacoum con azione risolutiva verso i roditori.
Associazione Brevetto Zapi S.p.a.: MI2008A000238.
IMMAGINE
PRODOTTO
CONTRO
AMBIENTE
D’USO
CONFEZIONI
DI VENDITA
TUTTI I RODITORI
INTERNI ED
ESTERNI
Busta 200g - 500g
Vaso 400g
Secchio 5 Kg
TOPOLINO
DOMESTICO
INTERNI ED
ESTERNI
RATTO
DA ESTERNI
ESTERNI
BOCCONCINO
PLUS
Pasta con cereali in
buste dosi da 10 g ca.
ESCA - BOX
Contenitore di
sicurezza usa e getta
con esca topicida
Forablock
FORABLOCK
SYSTEM
Blocchi paraffinati
con foro centrale
da 20 g ca.
24
Astuccio
con contenitore
Secchiello 600g - 3 Kg
con fascette per
ancorare le esche
LE SOLUZIONI
LINEA
MUSKIL SUPER
CON 2 PRINCIPI ATTIVI
FORMATO
D’ESCA
GRANO
Granaglie decorticate
GRANO IN BUSTE
DOSI
Granaglie in buste
dosi da 25 g ca.
FIOCCHI DI
CEREALI
Cereali tostati
®
Topicida bicomponente a base di Bromadiolone
e Difenacoum con azione risolutiva verso i roditori.
Associazione Brevetto Zapi S.p.a.: MI2008A000238.
IMMAGINE
PRODOTTO
CONTRO
AMBIENTE
D’USO
CONFEZIONI
DI VENDITA
TUTTI I RODITORI
INTERNI ED
ESTERNI
Astuccio
250g - 500g
ARVICOLE
RATTI NERI E TOPI
CAMPAGNOLI
INTERNI ED
ESTERNI
Astuccio 500g
RATTI NERI E
TOPOLINI
DOMESTICI
INTERNI ED
ESTERNI
Vaso 400g
25
LE SOLUZIONI
LINEA
BRODITOP
L’ EFFICACE
FORMATO
D’ESCA
BOCCONCINO
PLUS
BOCCONCINO
CARNE
FORABLOCK
26
®
Topicida a base di Brodifacoum con azione
rapida verso i roditori.
IMMAGINE
PRODOTTO
CONTRO
AMBIENTE
D’USO
CONFEZIONI
DI VENDITA
TUTTI I RODITORI
AMBIENTI INTERNI
ED ESTERNI
Busta 200g - 500g
Secchio 5 Kg
RATTI DEGLI
ALLEVAMENTI
AMBIENTI INTERNI
ED ESTERNI
RATTI DA ESTERNI
AMBIENTI ESTERNI
RESISTE ALL'ACQUA
Busta 500g
Secchio 2,5 Kg
Secchio 500g
LE SOLUZIONI
LINEA
BRODITOP
L’ EFFICACE
®
Topicida a base di Brodifacoum con azione
rapida verso i roditori.
IMMAGINE
PRODOTTO
CONTRO
AMBIENTE
D’USO
CONFEZIONI
DI VENDITA
GRANMIX
ARVICOLE
RATTI NERI E TOPI
CAMPAGNOLI
AMBIENTI INTERNI
ED ESTERNI
Astuccio 500g
GRANO
ARVICOLE
RATTI NERI E TOPI
CAMPAGNOLI
AMBIENTI INTERNI
ED ESTERNI
Astuccio 500g
TOPOLINO
TOPOLINO
DOMESTICO
AMBIENTI INTERNI
Astuccio 200g
FORMATO
D’ESCA
27
LE SOLUZIONI
LINEA
GARDENTOP
®
Topicida a base di Bromadiolone per
derattizzazioni generiche.
IL TRADIZIONALE
CONTRO
AMBIENTE
D’USO
CONFEZIONI
DI VENDITA
BOCCONCINO
PLUS
TUTTI I RODITORI
INTERNI
ED ESTERNI
Busta 200g - 500g
Astuccio 1 Kg
Secchio 5 Kg
GRANO
ARVICOLE E RATTI
NERI
INTERNI
ED ESTERNI
Astuccio 250g
500g - 1 Kg
Vaso 1 Kg
FIOCCO
RATTI NERI
AMBIENTI INTERNI
Astuccio 500g
FORMATO
D’ESCA
28
IMMAGINE
PRODOTTO
LE SOLUZIONI
Topicida a base di Flocoumafen con azione
efficace verso i roditori.
LINEA
IL MARCHIO
FORMATO
D’ESCA
IMMAGINE
PRODOTTO
STORM
CONFETTI
CONTRO
AMBIENTE
D’USO
CONFEZIONI
DI VENDITA
RATTI DA ESTERNI
AMBIENTI ESTERNI
RESISTE ALL'ACQUA
Astuccio 500g
Secchio 2,5 Kg
TUTTI I RODITORI
INTERNI
ED ESTERNI
Astuccio 500g
Secchio 2,5 Kg
®
STORM
PASTA
®
® Storm
è un marchio BASF
29
I PRODOTTI ZAPI SONO VENDUTI NEI NEGOZI SPECIALIZZATI
Timbro
Tutti i diritti di questa pubblicazione sono riservati. Eventuali violazioni saranno perseguiti a norma di legge.
Zapi S.p.A. si riserva la facoltà di modificare in qualsiasi momento i prodotti riportati nella presente Guida.
L’elaborazione dei testi, anche se curata con estrema attenzione, non comporta specifiche responsabilità per errori o
inesattezze. Zapi S.p.A. declina ogni responsabilità per l’errata interpretazione dei consigli contenuti nel presente volume.
Si raccomanda di leggere attentamente le avvertenze, le dosi e le modalità di impiego
riportate sulle confezioni dei prodotti consigliati.
Tutti i marchi citati sono di proprietà delle rispettive case produttrici.
Presa d’atto del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali del 18/09/2009.
940130.04
ZAPI S.p.A.
Via Terza Strada, 12 - 35026 Conselve (Padova) Italia
Tel. 049 9597777 - [email protected]
Fly UP