...

Dove va l`eni? Il futuro occupazionale preoccupa i lavoratori

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Dove va l`eni? Il futuro occupazionale preoccupa i lavoratori
Regionale Lombardia
Dove va l’eni?
Il futuro occupazionale preoccupa i lavoratori
Da tempo la nostra organizzazione ha colto i segnali del cambiamento che il
gruppo Eni stava realizzando.
Già nel convegno organizzato nel mese di gennaio intitolato “Dove va l’Eni”, alla
presenza di esperti e di alcuni rappresentanti di Eni, avevamo espresso i nostri
dubbi e perplessità oltre ad aver manifestato le criticità, riguardo alla nuova
strategia del gruppo che si stava concentrando sul core business dell’oil
abbandonando gli altri.
Il giorno 30 ottobre 2015 l’Amministratore Delegato di Eni, incontrando i segretari
generali Femca Cisl, Filctem Cgil- e Uiltec Uil durante la presentazione del piano
di investimenti e sviluppo dell’Eni, ha confermato la strategia aziendale di
concentrarsi sul core business e abbandonare tutte le attività definite come noncore. A seguito di ciò le Segreterie Nazionali chiederanno un incontro con il
Governo e la Presidenza de Consiglio per ottenere risposte alle possibili
ripercussioni negative sulla politica energetica, di tale riassetto, per la
chimica, l’esplorazione, la produzione e distribuzione di idrocarburi in Italia.
ERAVAMO CONTRARI E ANCORA OGGI LO SIAMO
La Segreteria Regionale con i delegati della Femca Cisl Lombardia riuniti alla
presenza del Segretario Generale Angelo Colombini e del segretario dell’energia
Antonello Assogna, hanno manifestato le loro preoccupazioni riguardo al futuro
occupazionale delle società eni in regione Lombardia e al centro direzionale di
San Donato Milanese. In particolare risultano di grave criticità:

La situazione di Versalis in tutto il territorio lombardo: quale sarà il
futuro dei colleghi della sede se la proprietà diventasse di un fondo di
investimento? Quale sarà il futuro dello stabilimento di Mantova e
della centrale elettrica di Enipower?
 L’evoluzione di Saipem sembra apparentemente più tranquilla per
l’ingresso
del
Fondo
Strategico
Italiano.
Desta
tuttavia
preoccupazione il precario assetto societario, la dismissione di attività
no-core ed il piano di rilancio, considerato che il basso prezzo del
petrolio potrebbe creare difficoltà al rilancio.
 La costituenda società di vendita Gas “ex Retail” si occupa di mercato
GAS & POWER nel mercato retail, nella piccola e media impresa e nel
gas per uso autotrazione.
Ora si sente parlare di Societarizzazione; a chi conviene? Riguarda
solo il mercato italiano o tutta la Direzione?
E se poi si farà, come riferiscono, “lo spezzatino”, che conseguenze
avrà in termini occupazionali?
Femca Cisl Lombardia – viale Fulvio Testi, 42 –Sesto San Giovanni
Tel.02/24426282 –fax 02/24426281 email [email protected]
Regionale Lombardia
Riteniamo importante che si chiarisca bene ai lavoratori la strategia
industriale, per non perseguire solo l’interesse del businnes a breve
termine.
 Il futuro delle attività di sede in Enipower. Quale impatto
occupazionale è previsto se saranno cedute le centrali di produzione
di energia elettrica in Italia?
Emerge evidente che il gruppo eni sta cambiando identità con un significativo
ridimensionamento del personale in Italia, anche per la mancanza di valutazione
dell’impatto prodotto dalle attività trasversali della support function e da
eniservizi.
Per questi motivi i delegati della Femca Cisl di eni della regione Lombardia
condividono e confermano il percorso individuato in occasione del coordinamento
nazionale di venerdi’ 6 .11. u.s. nel quale si sono definite le azioni sindacali
trasversalmente programmate nei confronti dei vari livelli politico istituzionali che in
ambito societario e si impegnano a realizzare la massima partecipazione a tutte le
iniziative che si svolgeranno sui territori, a partire da quella del 28 novembre a
Roma.
Resp. Sett. Petrolio Lombardia
Roberto Scarlatella
Segretario Generale Lombardia
Paolo Ronchi
11 novembre 2015
Femca Cisl Lombardia – viale Fulvio Testi, 42 –Sesto San Giovanni
Tel.02/24426282 –fax 02/24426281 email [email protected]
Fly UP