...

Dimmi l`Italia - Fondazione Il Faro

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Dimmi l`Italia - Fondazione Il Faro
Dimmi l'Italia
Parole chiave per
osservare e capire gli italiani
Fondazione Il Faro di Susanna Agnelli
Roma, 2013
Colophon
Realizzato con il contributo di
Dimmi l’Italia
Fondazione Il Faro di Susanna Agnelli
Roma, gennaio 2013
Ideazione: Mario Rotta per Garamond Srl
Testi: Chiara Aranci, Giovanna Valla
Fotografie: Rosia Ambro, Chiara Aranci, Carlo
Columba, Peter Duwe, Tatiana Parmeeva, Georgie
Pauwels, Luca Prasso, Mario Rotta
La Fondazione Il Faro di Susanna Agnelli è un centro di
orientamento e formazione professionale per giovani
italiani e stranieri provenienti da situazioni di disagio
socio-economico.
Il Faro ha sede a Roma e in poco più di 10 anni di
attività, ha realizzato oltre 200 corsi totalmente gratuiti
per i suoi allievi, formando più di 2.500 nuovi artigiani,
di cui il 60 per cento ha trovato lavoro entro pochi mesi
dalla conclusione della formazione.
Insegnare un mestiere in uno dei settori maggiormente
richiesti dal mercato, favorire un percorso di crescita
personale degli allievi, lavorare per costruire una società
più coesa e aperta al dialogo.
Sono questi gli obiettivi principali che la Fondazione
continua a porsi con impegno, ogni giorno.
Quest'opera è distribuita con licenza:
Creative Commons
Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo
stesso modo 3.0 Italia.
2
Dimmi l'Italia
Dimmi l'Italia
Che vuol dire oggi “essere italiani”? Al di là del freddo riconoscimento
burocratico e delle definizioni giuridiche. Legate queste ultime, come si
sa, a mille variabili del tutto contingenti. Ius soli, ius sanguinis...
Questo piccolo libro vuole invece fare riferimento a un altro “ius”, che
potremmo definire “ius cordis”. L’italianità insomma, come un fatto
culturale, vissuto in prima persona.
Perché oggi tanti giovani, magari egiziani sul passaporto, possono
essere romanissimi nella realtà e quindi capaci di riconoscere al volo
una battuta di un citatissimo film di Carlo Verdone. Molto più di
quanto non saprebbero fare dei loro coetanei nati e vissuti a Bologna o
a Palermo.
La domanda che ci siamo posti quindi è: “Cosa ci accomuna in
profondità e ci fa sentire davvero tutti parte di questo paese bello e
nobile?”. E poi ancora: “Quali di questi aspetti potrebbero essere di non
intuitiva comprensione per un cittadino da poco arrivato in Italia?”.
La risposta è nelle vostre mani. Un mix condiviso di cultura, storia,
tradizioni, vizi e speriamo virtù.
Le schede, pensate per essere una sorta di appunti di viaggio, sono per
questa ragione suddivise in quattro categorie, che fanno riferimento a
percorsi di conoscenza via via sempre più approfonditi e “astratti”: da
come si compone un menù tipico italiano agli archetipi propri
dell’immaginario collettivo nazionale.
L’impressione che speriamo emerga dal lavoro è che tutti - seppure in
modo diverso - facciamo riferimento a un codice unico, che è quello
dello stare insieme per il piacere di conoscersi e sentirsi parte, pur nelle
differenze, di un’unica comunità. Sempre aperta all’accoglienza e
all’incontro.
Fondazione Il Faro di Susanna Agnelli
3
Dimmi l'Italia
A chi serve questo libro
Zaman, Abdul, David, Amir, Victoria, Besa… Sono solo alcuni dei tanti
ragazzi che ogni anno frequentano i corsi di formazione del Faro.
Giovani non italiani sulla carta, ma intenzionati a costruire il proprio
futuro, o una parte di esso, proprio in Italia. E quindi interessati non
solo a conquistare una professionalità, a padroneggiare un mestiere che
consenta loro in breve tempo di rendersi autonomi, spesso per
provvedere ai bisogni delle proprie famiglie. Ma anche, in quanto
giovani, ad essere pienamente in relazione con la società in cui vivono.
Capire al volo l’umorismo sotteso alle battute di un film, sapere cosa
aspettarsi a tavola dopo la seconda portata, orientarsi nel ricchissimo
paesaggio italiano. E ancora, riuscire a leggere le tante sensibilità che
animano la terra dai mille campanili; comprendere in quali forme,
gesti, ricorrenze, si esprimano sentimenti come l’amore, l’amicizia, il
dolore.
“Dimmi l’Italia” è pensato in primo luogo per loro, per questi ragazzi. E
per tutte le persone che dell’Italia “vissuta” vogliono sapere di più, per
realizzare con semplicità e in armonia la propria avventura, la vita, in
questo Paese.
4
Dimmi l'Italia
La mappa dei concetti essenziali
La mappa è una rappresentazione grafica simbolica delle quattro grandi
tracce scelte per raccontare l’Italia e i suoi abitanti. Comportamenti,
Atteggiamenti, Sentimenti e Modelli culturali. Ciascun insieme
contiene a sua volta delle parole chiave, vere e proprie tappe su cui
soffermarsi per ampliare la propria conoscenza degli aspetti che
costituiscono il “sentirsi italiano”.
5
Dimmi l'Italia
Come si legge la mappa?
Per dare immediatezza al lettore della mappa si è scelto di identificare
ogni concetto/categoria con un colore. Le parole chiave di ogni
categoria hanno lo stesso colore della categoria cui appartengono. Nello
specifico:
Comportamenti: il colore identificativo è l’azzurro;
Atteggiamenti: il colore identificativo è il verde;
Sentimenti: il colore identificativo è il rosso;
Modelli Culturali: il colore identificativo è il giallo;
Indice analitico delle parole chiave
Amicizia è in: sentimenti
Amore è in: sentimenti
➔ Arte è in: modelli culturali
➔ Bellezza è in: sentimenti
➔ Casa è in: comportamenti
➔ Chiesa è in: comportamenti
➔ Cinema è in: comportamenti
➔ Dimensione locale è in: atteggiamenti
➔ Famiglia è in: atteggiamenti
➔ Figli è in: sentimenti
➔ Immaginario è in: modelli culturali
➔ Legge è in: atteggiamenti
➔ Libertà è in: modelli culturali
➔ Luogo di lavoro è in: comportamenti
➔ Morte è in: sentimenti
➔ Negozio è in: comportamenti
➔ Pace è in: modelli culturali
➔ Paesaggio è in: modelli culturali
➔ Politica è in: atteggiamenti
➔ Popolo è in: modelli culturali
➔ Ristorante è in: comportamenti
➔ Sport è in: atteggiamenti
➔ Storia è in: modelli culturali
➔ Strada è in: comportamenti
➔ Tempo libero è in: atteggiamenti
➔
➔
6
a pagina 39
a pagina 41
a pagina 51
a pagina 43
a pagina 9
a pagina 11
a pagina 13
a pagina 25
a pagina 27
a pagina 45
a pagina 53
a pagina 29
a pagina 55
a pagina 15
a pagina 47
a pagina 17
a pagina 57
a pagina 59
a pagina 31
a pagina 61
a pagina 19
a pagina 33
a pagina 63
a pagina 21
a pagina 35
Comportamenti
C
Ch
Ci
L
N
R
S
come Casa
come Chiesa
come Cinema
come Luogo di lavoro
come Negozio
come Ristorante
come Strada
SS
Ch
Ch
CiCi
LL
CC
NN
RR
7
Comportamenti
Che cosa si intende per comportamenti?
Come si comporta un italiano al lavoro, per strada o al ristorante? Non
c’è una definizione univoca ma con questa categoria si è voluto
tratteggiare una comunanza di modi e stili di vita esteriori legati a
situazioni più o meno quotidiane e diffuse.
Le parole chiave sono:
Casa, Chiesa, Cinema, Luogo di lavoro, Negozio, Ristorante, Strada.
8
La casa
Image @ by Mario Rotta
Le cose importanti da osservare
APPARTAMENTI: abitazioni all'interno di palazzi.
VILLETTE: singole o divise tra più famiglie.
EDILIZIA POPOLARE: case costruite dallo Stato, a volte sono edifici
molto grandi e poco ospitali.
Nei palazzi esistono REGOLAMENTI CONDOMINIALI che vanno
rispettati per una buona convivenza di vicinato.
L'interno delle case è formato da: cucina, soggiorno, camere da letto e
bagno, talvolta c'è una camera per lo studio e un ripostiglio. Alcune
hanno un riscaldamento autonomo con un caldaia propria.
Per cercare un appartamento puoi leggere gli annunci sui giornali o
rivolgerti a un'agenzia immobiliare. Il costo delle case dipende dalla
zona della città in cui si trovano, più sono vicine al centro solitamente
più sono care.
9
La casa
Per capire meglio
COME SONO LE CASE
In Italia trovi appartamenti in palazzi più o meno grandi, con giardini
condominiali o senza, villette a schiera o singole con giardini di
proprietà. Spesso i palazzi hanno anche un garage o posti auto nel
cortile per i proprietari delle case.
IL SENSO DELLA CASA
La casa è per gli italiani il luogo “proprio” per eccellenza, dove la
famiglia passa la maggior parte del tempo insieme. Chi entra chiede
generalmente “Permesso?” e gli viene risposto “Avanti, prego,
accomodatevi”.
L'INTERNO DELLA CASA
Gli italiani tengono con molta cura l'interno delle loro abitazioni, anche
se non ne sono proprietari. Spesso negli appartamenti puoi trovare
piante o fiori, quadri e tappeti. Tutto è pensato per rendere il più
accogliente possibile l'ambiente, in previsione anche di visite di parenti,
amici e conoscenti: quando un amico viene per la prima volta a casa è
buona tradizione mostrargli l’appartamento dove viviamo.
CASA DI PROPRIETÀ O IN AFFITTO
La casa può essere di proprietà o in affitto e sulla proprietà spesso è
sottoscritto un mutuo, cioè un prestito che la persona che compra casa
stipula con una banca e che ripaga negli anni.
Sulla casa gli italiani pagano una tassa, detta IMU, in relazione alla
grandezza e al suo valore; questa tassa viene pagata dal proprietario.
Molti italiani hanno una casa di proprietà. Per loro significa poter dire
di avere sempre “un tetto sopra la testa”, una sicurezza che è alla base
dell'esistenza, considerato l'investimento ancor oggi più importante.
Ma non dimenticare:
Famiglia
Bellezza
Popolo
10
La chiesa
Image @ by Luca Prasso
Le cose importanti da osservare
La Chiesa è il luogo di ritrovo della comunità cristiana. In Italia la
maggioranza dei cristiani è cattolica, per cui anche le chiese sono per la
maggior parte di rito latino.
CATTOLICESIMO
PAPA
CITTÀ DEL VATICANO
BASILICA DI SAN PIETRO
PATRIMONIO ARTISTICO
11
La chiesa
Per capire meglio
UN LUOGO DI RIFERIMENTO
In Italia, in ogni centro abitato c’è almeno una piazza. Molte piazze
sono nate attorno a una chiesa, ancora oggi punto di riferimento per la
vita di molti italiani e per la comunità dei credenti. In chiesa si festeggia
l’ingresso nella cristianità attraverso il battesimo, si celebra il
matrimonio o il funerale. È il posto dove incontrare il parroco, figura
centrale per la vita di una comunità, dove i ragazzi trovano lo spazio per
fare sport o passare del tempo insieme, un punto di incontro per il
quartiere e dove le persone in difficoltà possono cercare un aiuto. Una
chiesa si può trovare nei punti più sperduti del paese, nei quartieri più
difficili delle grandi città, nei centri storici, ricche di monumenti e
affreschi preziosi.
LA MESSA PER I CATTOLICI
L’appuntamento della messa domenicale è quello più sentito, più
partecipato e raccoglie in chiesa la comunità locale di fedeli. Nei piccoli
paesi la messa della domenica è l’occasione più importante di incontro.
In Italia la religione dominante è quella cattolica anche se con l’arrivo
di tanti stranieri c’è sempre più spazio per altre preghiere. I cattolici
credono nella parola di Cristo e riconoscono il Papa come loro capo.
LO STATO DI CITTÀ DEL VATICANO
A Roma c'è il piccolo stato di Città del Vaticano, la cui immagine più
nota è sicuramente la Basilica di San Pietro, meta di pellegrinaggio e
attrazione turistica. Ogni domenica a mezzogiorno il Papa si affaccia
dalla finestra di un edificio a lato della Basilica: dopo un breve discorso
e dopo aver recitato la preghiera dell'Angelus, dona la benedizione a chi
si trova in piazza San Pietro e a chi lo segue in diretta televisiva in ogni
parte del mondo. Con il passare del tempo il numero di fedeli si è
ridotto: sono calate le nascite, la società italiana ha abbandonato molte
abitudini e tradizioni religiose, i matrimoni misti e le migrazioni hanno
portato nuove forme di credo.
Ma non dimenticare:
Famiglia, Tempo libero
Amore
Arte
12
Il cinema
Image @ by Mario Rotta
Le cose importanti da osservare
Il cinema italiano ha trovato grande spazio all'estero e ha segnato
l'immaginario delle generazioni nate nel dopoguerra. I nostri grandi
registi del passato hanno definito un'epoca della storia del cinema.
REGISTI
ATTORI e ATTRICI
SALA – MULTISALA – SALA D'ESSAI
ARENE
POLTRONE
LOCANDINE
13
Il cinema
Per capire meglio
ORGOGLIO ITALIANO
Dopo la seconda guerra mondiale e quando ancora la televisione non
era un oggetto comune nelle case degli italiani, il cinema ha
rappresentato sia una possibilità di svago che una forma di orgoglio
della cultura italiana. Presto è diventato un momento di condivisione di
culture diverse e oggi è ancora un immancabile appuntamento per
molti italiani. E il Festival del Cinema di Venezia, quello di Torino e
l'ultimo nato di Roma, ne sono preziose testimonianze. Sono tanti i
nomi di attori e attrici, registi italiani entrati nella storia del cinema,
chiamata anche “Settima arte”. Sophia Loren e Vittorio De Sica,
Marcello Mastroianni e Vittorio Gassman, sono solo alcuni dei nomi
che hanno fatto grande il cinema italiano.
I CINEMA
Oggi le sale cinematografiche distribuite nel territorio sono di diverso
tipo: quelle con un'unica sala, dove si proietta un unico film per un
periodo in media di due o, al massimo, tre settimane, e le cosiddette
multisala, che hanno invece a disposizione più sale per la proiezione di
diversi film. Questo tipo di sale sono molto amate dai giovani: sono
fornite di ampi spazi per mangiare e bere qualcosa e per trascorrere il
tempo libero. Insomma non solo cinema ma anche luogo per passare
tempo con i propri amici e/o fidanzati!
I cinema d'essai sono nati per diffondere un cinema non commerciale,
quello più generalmente detto “d'autore”, ma oggi propongono invece
film usciti dalla grande catena di distribuzione o specifiche rassegne a
tema.
D'estate, nei paesi come nelle città, sorgono le arene: luoghi all'aperto,
generalmente in giardini o spazi pubblici. Qui viene allestito uno
schermo con dei posti a sedere per la proiezione di un film,
permettendo al pubblico di godere oltre che della pellicola anche del
clima piacevole di una serata estiva.
Ma non dimenticare:
Tempo libero
Amicizia
Immaginario
14
Il luogo di lavoro
Image @ by Rosia Ambro
Le cose importanti da osservare
Il CAPO: la persona responsabile dell'ufficio o del reparto.
I COLLEGHI: le persone con le quali lavori.
Il BADGE: tessera magnetica che viene data per registrare l'entrata e
l'uscita dai luoghi di lavoro.
I CONTRATTI DI LAVORO: possono essere a tempo indeterminato
o determinato, tempo pieno o part-time. Esistono pure i “contratti in
nero” (quelli non registrati e che sono illegali).
La PAUSA CAFFÈ
La MENSA AZIENDALE: il luogo dell'azienda messo a disposizione
per i pasti.
Gli ANNUNCI DI LAVORO: le offerte di lavoro vengono segnalate
sui giornali, su Internet o presso le Agenzie per il Lavoro o nei Centri
per l'Impiego.
15
Il luogo di lavoro
Per capire meglio
IL LAVORO
“L'Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro.” Così recita
l'articolo 1 della nostra Costituzione che sancisce il diritto di tutti i
cittadini ad avere un lavoro. Il lavoro in Italia può essere autonomo o
dipendente. Viene comunque regolato dallo statuto dei lavoratori,
altrimenti si chiama “lavoro in nero” e questo viene punito dalle leggi
italiane in quanto esce da ogni tipo di tutela per il lavoratore e dal
controllo fiscale dello stato.
DOVE SI LAVORA E CON CHI
In Italia si lavora negli uffici pubblici o privati, nelle fabbriche, nei
negozi o nelle botteghe artigianali (come officine o laboratori).
Generalmente c'è sempre un responsabile o “capo” per ogni reparto o
ufficio. All'interno del luogo di lavoro ci può essere la rappresentanza
sindacale, che è l'organizzazione a difesa dei diritti dei lavoratori alla
quale rivolgersi se si hanno problemi con il capo o con i colleghi.
Tutti i luoghi di lavoro devono essere adeguati alle norme di sicurezza
stabilite dalla legge, che tutelano la salute e l'incolumità dei lavoratori.
Generalmente i rapporti sono molto cordiali e spesso i colleghi
diventano anche degli amici con cui passare anche le ore dopo il lavoro.
PAUSA CAFFÈ
Un momento importante di aggregazione sul lavoro è la pausa che si
svolge davanti alla macchinetta automatica del caffè o al bar, che si
trova all'interno o nei pressi del luogo di lavoro. La prima pausa caffè
avviene spesso anche già la mattina presto prima di cominciare a
lavorare, altre possono seguire a metà mattina, dopo il pranzo o nel
pomeriggio. Qui i colleghi si ritrovano per un momento di relax e
chiacchierano fra di loro.
Ma non dimenticare:
Legge
Amicizia
Popolo
16
Il negozio
Image @ by Mario Rotta
Le cose importanti da osservare
GRANDI MAGAZZINI o SUPERMERCATI: ci si serve da soli e poi
ci si mette in fila davanti alle casse per pagare.
NEGOZI: c'è una persona che sta dietro il bancone e serve i clienti. I
clienti sono disposti in modo confuso ma tutti sanno bene chi sia
“prima” e “dopo” nella fila.
ELIMINA CODE: apparecchio che distribuisce ai clienti numeri
stampati su carta in ordine progressivo. Gli stessi numeri appaiono su
un display permettendo così di servire i clienti nella giusta successione.
VETRINE: espongono merce con i prezzi e le occasioni
CARTE FEDELTÀ: sono carte del grande magazzino o supermercato
che permettono di accumulare punti facendo la spesa. Raggiunto un
certo numero di punti si ha diritto a regali o sconti sulla spesa.
17
Il negozio
Per capire meglio
TIPI DI NEGOZI IN ITALIA
Esistono supermercati o grandi magazzini o semplici negozi che
vendono un solo tipo di merce. Oggi sono molto diffusi i centri
commerciali, soprattutto nelle periferie delle città. Questi sono dotati di
grandi parcheggi e all'interno puoi trovare oltre a un grande
supermercato anche tanti negozi. In questi centri si prende il carrello e
ci si serve da soli. Dentro ci sono anche aree attrezzate per i bambini
con personale a loro dedicato. I genitori possono lasciare lì i figli e fare
la spesa con tranquillità. Spesso i supermercati fanno offerte
commerciali molto convenienti.
I NEGOZI PIÙ PICCOLI
Nel centro città e nella prima periferia, esistono poi negozi più piccoli.
Questi possono essere di generi alimentari (come macellerie,
panetterie, fruttivendoli ecc...) o di altri generi (scarpe, abiti,
ferramenta ecc...). In questi non c'è il carrello, ma la gente viene servita
direttamente dal personale al bancone. Questi esercizi commerciali
spesso hanno una clientela abituale che conoscono da tempo: abitano
nei dintorni, e a questi a volte fanno degli sconti e li trattano con
maggior riguardo. Alcuni panettieri, per esempio, usano la cortesia di
metter via il pane per i clienti fissi e affezionati. I negozi del centro città
spesso sono i più cari e i più noti. In Italia c'è l'abitudine di andare in
centro anche solo per vedere le vetrine.
I SALDI
Tutti i negozi di abbigliamento in gennaio/febbraio e in luglio/agosto di
solito fanno periodi di “saldi”, nei quali la merce della stagione che sta
finendo viene messa in vendita con grandi sconti. Questo permette ai
negozianti di svuotare i magazzini dalle rimanenze e alla clientela di
fare ottimi affari.
Ma non dimenticare:
Famiglia
Amicizia
Immaginario
18
Il ristorante
Image @ by Rosia Ambro
Le cose importanti da osservare
È sicuramente il ristorante uno dei luoghi dove gli italiani amano
ritrovarsi. Pizzerie, osterie, taverne, ristoranti, bistrot, tavola calda, bar
con aperitivi e fast food. L'offerta dove poter mangiare con calma o più
velocemente, spendendo poco o tanto, è ampia.
TAVOLI e SEDIE
LUCI e CANDELE
TOVAGLIE
MENÙ
IL MODO IN CUI È APPARECCHIATA LA TAVOLA
19
Il ristorante
Per capire meglio
"BUON APPETITO!" E "CIN CIN"
Quando ascolterete queste battute è molto probabile che siate seduti in
un ristorante, prima di iniziare un pasto. La prima è un'espressione
usata per augurarsi di godere insieme il cibo e la buona compagnia. La
seconda è un brindisi: un augurio che si scambia guardando negli occhi
il nostro commensale, mentre si fanno toccare leggermente i bicchieri
pieni di vino. Per un pranzo di lavoro, per incontrarsi con un amico, per
festeggiare un compleanno, per qualsiasi ricorrenza, per trascorrere
una serata in compagnia, non c'è dubbio: gli italiani scelgono il
ristorante. È proprio a questo luogo che ogni italiano lega almeno un
ricordo importante della sua vita, dalla cena di fine anno di scuola al
giorno del matrimonio e molti altri ancora.
A TAVOLA SI MANGIA!
Generalmente un pasto completo è composto da: un prosecco per
l'aperitivo, un antipasto (affettati, paté vari), un primo (una pasta, un
risotto), un secondo (di carne o di pesce), un contorno (una verdura),
un dolce, un digestivo (un superalcolico che aiuti a digerire il pasto) e
un caffè (indispensabile per riprendersi dalla sonnolenza della
digestione). Immancabile a ogni buon pasto è il vino. Ma pasti di questo
tipo si svolgono per importanti celebrazioni; nella vita di tutti giorni,
invece, la scelta è tra un primo o un secondo, a cui segue un contorno.
IN TUTTA ITALIA
Al nord, al sud e al centro l'offerta di cibo è molto varia e i piatti locali
sono diversi: ognuno offre le prelibatezze del luogo con un proprio
gusto e creatività. Ma il modo di assaporare la buona tavola, quello
rimane comune ovunque ci si trovi nel "Bel Paese". Ogni mamma ha
insegnato al proprio figlio come comportarsi a tavola: no ai gomiti sul
tavolo, sì alle spalle dritte e vietato parlare con la bocca piena di cibo.
Piccole ma solide regole: perché comportarsi bene a tavola è sinonimo
di buona educazione!
Ma non dimenticare:
Tempo libero, Dimensione locale
Amicizia, Figli
Popolo, Immaginario
20
La strada
Image @ by Rosia Ambro
Le cose importanti da osservare
VICOLO: strada stretta spesso nei centri delle città.
VIALE: strada alberata o a più corsie.
PIAZZE: luoghi ampi e accoglienti, spesso diventano luogo di incontro.
GIARDINI PUBBLICI: spazi aperti a tutti per passeggiare, riposare o
far giocare i bambini in aree a loro dedicate.
CARTELLONI PUBBLICITARI: presenti in ogni angolo della città,
reclamizzano prodotti o iniziative culturali.
CASSONETTI e CESTINI DEI RIFIUTI: possono essere neri (per
rifiuti generici) o colorati (carta, plastica, vetro).
21
La strada
Per capire meglio
ZONA PEDONALE
Aree vietate alle automobili per proteggere i centri storici dal traffico e
dallo smog. Sono le zone più frequentate dai cittadini per passeggiare,
incontrarsi e fare shopping.
STRADE GRANDI
Fuori dai centri storici ci sono vie grandi, percorse da macchine,
motorini e mezzi pubblici (autobus, tram e taxi). Spesso sono molto
trafficate e rumorose e a volte inquinate. Nelle ore di punta ci sono
lunghe file di automobili ferme ai semafori. In alcune vie trovi corsie
preferenziali dedicate ai mezzi pubblici. A volte ci sono le piste ciclabili
per chi si muove in bicicletta. Spesso per le strade si sentono le sirene
delle macchine della polizia o dell'ambulanza. È obbligatorio lasciar
passare tutti i mezzi di soccorso perché si muovono in casi di necessità e
di urgenza.
CODICE DELLA STRADA
In Italia ci sono leggi e regole su come guidare e sulla velocità da tenere.
Per chi non le rispetta sono previste le multe (fatte dai vigili urbani),
più o meno care a seconda della violazione al codice della strada.
AUTOSTRADE E RACCORDI
Inoltre ci sono le strade esterne alle città come il raccordo anulare (a
Roma), le tangenziali (soprattutto nelle grandi città) che evitano
all'automobilista di attraversare i centri urbani. Sono segnalate con
scritte bianche su cartelli verdi, come le autostrade che attraversano
tutta l'Italia e che sono a pagamento. Queste strade sono molto
trafficate nei weekend o durante le vacanze quando molti automobilisti
si mettono in viaggio contemporaneamente.
Ma non dimenticare:
Tempo libero, Legge
Amicizia
Popolo
22
Atteggiamenti
D
F
L
P
S
T
come Dimensione locale
come Famiglia
come Legge
come Politica
come Sport
come Tempo libero
TT
LL
PP
FF
DD
23
SS
Atteggiamenti
Che cosa si intende per atteggiamenti?
La categoria atteggiamenti comprende concetti per i quali bisogna fare
riferimento a norme, regole e consuetudini. In ogni situazione
presentata nelle parole chiave non possiamo agire in modo istintivo, ma
dobbiamo sempre tener presente il complesso di regole che
armonizzano la nostra società.
Le parole chiave sono:
Dimensione locale, Famiglia, Legge, Politica, Sport, Tempo libero.
24
La dimensione locale
Image @ by Peter Duwe
Le cose importanti da osservare
In Italia ci sono grandi differenze tra nord e sud.
Le REGIONI italiane hanno stili, abitudini e modi di vivere molto
diversi fra loro. Questo è dovuto alla storia e alla loro conformazione
geografica.
CITTÀ e CAMPAGNA
CAMPANILISMO: attaccamento alla propria città, con la difesa di
propri usi e costumi spesso in rivalità coi centri vicini.
CARATTERISTICHE SPECIFICHE: nord - centro - sud
DIALETTI
DIFFERENZE CULTURALI
25
La dimensione locale
Per capire meglio
NORD-SUD: “MOGLIE E BUOI DEI PAESI TUOI”
Con questa espressione si vuole sottolineare che la “donna” e gli “affari”
devono appartenere alla zona in cui vivi. Questo detto rende l'idea della
diffidenza che c'è sempre stata fra gli italiani di regioni diverse. Sebbene
sia un’unica nazione, l’Italia, comprende tante realtà diverse tra loro,
tante piccole “Italie”, l’una vicina all’altra. La caratteristica del
paesaggio italiano e la storia hanno condizionato molto anche le
popolazioni delle diverse regioni del Paese.
A TAVOLA
Le tante culture che esistono nel Paese si riflettono anche nella cucina e
nella gastronomia, l'arte culinaria che fa invidia al mondo. Troverai
pietanze diversissime e molto varie in tutta l'Italia.
IL TEMPO
La differenza di clima è molto forte fra nord e sud, dove il tempo è
decisamente più mite. Difficilmente italiano che viene dal sud potrà
sentirsi a casa fra le “nebbie” e il freddo invernale del nord.
I DIALETTI
La lingua italiana ha diversi accenti e dialetti che, se parlati in maniera
stretta, rendono difficile la comprensione fra gli stessi italiani di diverse
regioni.
Esiste un partito in Italia, la Lega Nord, che sostiene la “secessione”,
vorrebbe cioè dividere il nord dal sud del Paese, più povero e meno
industrializzato.
Ma non dimenticare:
Ristorante
Bellezza
Paesaggio
26
La famiglia
Image @ by Tatiana Parmeeva
Le cose importanti da osservare
La famiglia è il nucleo originario della nostra società. Nasciamo dentro
una famiglia e subito diventiamo parte di una società, prima protetti dai
nostri genitori e poi con la maggiore età (18 anni) come soggetti
autonomi e indipendenti.
GENITORI
FIGLI
PARENTI
SOCIETÀ
27
La famiglia
Per capire meglio
LA FAMIGLIA OGGI
Se fino agli anni '50 le famiglie erano composte da numerosi figli,
genitori, nonni e tutti insieme vivevano sotto lo stesso tetto, oggi non è
più così. In media sono due i bambini per famiglia e i nonni, seppur
presenti e talvolta presenze insostituibili nella vita quotidiana, vivono
in un'abitazione diversa. È all'ora di cena che la famiglia si ritrova
riunita intorno al tavolo: si mangia insieme e finalmente genitori e figli
parlano tra di loro.
LA GIORNATA
Durante il giorno la famiglia è separata per motivi diversi: i piccoli a
scuola e i genitori al lavoro. In genere è la mamma ad occuparsi della
casa e dei figli, ritagliando tempi al lavoro o ricorrendo anche all'aiuto
di persone esterne: per badare ai bambini o per la pulizia della casa. Il
padre è spesso via per tutto il giorno. Il fine settimana diventa il
momento per stare più tempo insieme: per una visita ai nonni o per una
gita all'aperto quando c'è il sole.
LE NUOVE FAMIGLIE
In Italia c'è ancora un senso forte della famiglia, anche se il numero
delle separazioni e dei divorzi (ammesso dal 1970) è aumentato negli
ultimi anni. Sono nate per questo motivo le “famiglie allargate”: coppie
sposate con figli si separano e successivamente creano nuovi legami con
altri compagni/e. Da queste nuove unioni possono nascere altri figli,
che se non nati all'interno di un nuovo matrimonio, vengono chiamati
figli di coppie di fatto o figli di secondo letto. Ma se un matrimonio
finisce, il legame dei genitori con i propri figli rimane forte e ognuno di
loro farà a gara per assicurarsi la loro compagnia nel giorno delle
tradizionali feste come il Natale o la Pasqua. Eh già, agli italiani piace
festeggiare e le feste religiose sono quelle più sentite da trascorrere
rigorosamente in famiglia mangiando un dolce tipico come il panettone
o la colomba!
Ma non dimenticare:
Casa
Amore, Figli
Popolo, Paesaggio
28
La legge
Image @ by Mario Rotta
Le cose importanti da osservare
È un universo infinito quello delle leggi in Italia. Tante, troppe, che si
traducono spesso in una burocrazia complicata, come pure in processi
che durano anni.
COSTITUZIONE: legge fondamentale dello Stato italiano.
DIRITTO: insieme di leggi che regolano la vita dello Stato, si divide in
molti settori specifici.
TRIBUNALE: luogo dove si svolgono i processi o per dare una
condanna a chi ha commesso un reato o per risolvere liti (divorzi, liti
condominiali, eredità).
AVVOCATO: è il difensore di parte in tribunale.
29
La legge
Per capire meglio
LA NOSTRA SOCIETÀ E LA LEGGE
Per sposarci dobbiamo seguire le indicazioni dettate dalla legge, per
iscrivere un figlio a scuola, per guidare, per lavorare, per votare, per
essere eletti in Parlamento, per portare il cane a passeggio. Ogni singola
attività che conduciamo è regolata dalla legge. Questa parola può
indicare sia una regola di comportamento sia un testo giuridico.
IN TRIBUNALE
La legge deve essere rispettata altrimenti sanzioni, proporzionate alla
violazione della legge, ricadranno su di noi! Si andrà in tribunale e si
avrà un processo per cui l'imputato, colui che ha presumibilmente
violato la legge, dovrà provare la sua innocenza, e chi lo accusa la sua
colpevolezza. È il giudice che, ascoltate le parti e valutate le prove,
deciderà sulla colpevolezza o meno dell'imputato. In Italia la legge è
suddivisa in due grossi rami: il diritto pubblico (che regola i rapporti tra
gli organi dello stato o tra lo stato e i cittadini) e il diritto privato (a cui
spetta il rapporto tra privati cittadini).
LA COSTITUZIONE
La Costituzione è la legge fondamentale dello Stato Italiano: è entrata
in vigore il 1° Gennaio del 1948. Nel testo vengono elencati i principi
fondamentali, i diritti e doveri dei cittadini, gli organi dello Stato
(Parlamento, Presidente della Repubblica, Governo, la Pubblica
Amministrazione, la Magistratura, la Corte Costituzionale) e i loro
compiti. Il compito di elaborare le leggi spetta al Parlamento (composto
da Senato e Camera dei Deputati), eletto dal popolo; ma in casi di
necessità e urgenza può intervenire direttamente il Governo (composto
dal Presidente del Consiglio e dal Consiglio dei Ministri). Anche i
cittadini hanno la possibilità di proporre una legge attraverso la
raccolta di 50.000 firme. Alla Magistratura spetta il compito di
applicare la legge. Al Governo quello di dettare le linee guida della
politica italiana.
Ma non dimenticare:
Strada
Figli
Libertà, Popolo
30
La politica
Image @ by Mario Rotta
Le cose importanti da osservare
La Politica che appassiona, annoia, coinvolge, che regala soddisfazioni o
che le nega. È un argomento che unisce e divide, ma che se fatta con
onestà e convinzione crea le fondamenta per uno Stato solido.
ELEZIONI
VOTO
DESTRA: con questa parola oggi si fa riferimento alle posizioni
politiche conservatrici.
SINISTRA: con questa parola si fa riferimento alle posizioni politiche
progressiste, ispirate al principio di uguaglianza.
CENTRO: la posizione politica di coloro che si pongono al centro tra
destra e sinistra.
PARTITO POLITICO
31
La politica
Per capire meglio
GLI ITALIANI E LA POLITICA
Chi vincerà le prossime elezioni? Ci sarà un aumento delle tasse? Sono
giuste le parole del presidente della Repubblica? Sui giornali, in
televisione, nei posti di lavoro, al bar, la politica è uno dei temi di cui si
parla di più nel nostro Paese. Per molti italiani, essere vicini a un
partito o a una idea politica significa quasi tifare un uomo politico o il
suo movimento. Anche per questo i toni delle discussioni sono spesso
molto accesi.
LE CORRENTI POLITICHE
In generale si fa una distinzione tra essere “di destra”, essere “di
sinistra” o anche di “centro”. Decidere a quale fronte appartenere,
dipende il più delle volte dal leader che si sceglie. Questa divisione,
grosso modo, si ritrova in molti aspetti della vita italiana: si definiscono
di “destra”, di “sinistra” o di “centro” i giornali, le televisioni, ma anche i
modi di pensare e di vedere la realtà. E le divisioni si possono trovare
anche all’interno di una stessa famiglia: una figlia che vota un partito di
destra, un padre che ne vota uno di sinistra.
COSA SI DISCUTE
La discussione politica si può concentrare su tanti aspetti particolari: su
quanto è morale il comportamento di un politico, come viene
amministrata una città, su quali scelte si devono fare per dare lavoro ai
giovani, per far andare avanti l’economia, per garantire l’informazione,
l’assistenza medica e la giustizia. Da diversi anni un tema molto
discusso è quello della corruzione e dell’uso che si fa dei soldi pubblici. I
processi che si aprono contro questo o quel politico sono spesso
argomento di continue discussioni tra i vari sostenitori. Tra tante
divisioni, spicca però il presidente della Repubblica, figura “super
partes”, indipendente dai partiti e di garanzia della Costituzione.
Ma non dimenticare:
Strada
Amore
Libertà, Popolo
32
Lo sport
Image @ by Rosia Ambro
Le cose importanti da osservare
Sport principali in Italia:
CALCIO: la serie A / la serie B / lo Scudetto.
AUTOMOBILISMO: la Ferrari.
BASKET
NUOTO
PALLAVOLO
SPORTIVO PROFESSIONISTA e/o AMATORIALE
ASSOCIAZIONI SPORTIVE
LUOGHI DELLO SPORT: stadio, palazzetto, piscina, palestra.
Il TIFO
La SQUADRA
33
Lo sport
Per capire meglio
MALATO DI CALCIO
Il maschio italiano ha una malattia e si chiama “calcio”. Tutti gli uomini
italiani (con rare eccezioni) hanno giocato a calcio da bambini, almeno
nei campetti verdi vicino a casa o sulla strada, e hanno una squadra del
cuore, che amano in modo totale.
LE PARTITE
La domenica è la giornata del calcio: nel pomeriggio le partite allo
stadio e la sera i programmi sportivi in tv con interviste e commenti (c'è
una canzone proprio su questo tema: “La partita di pallone” cantata da
Rita Pavone). Il lunedì mattina, nei bar, gli uomini spesso parlano della
partita del giorno prima: si sentono tutti esperti di calcio, tutti
allenatori e dicono di sapere cosa va fatto e cosa serve alla loro squadra
del cuore. Ci sono bar che pagano un abbonamento alla televisione
privata, proprietaria dei diritti televisivi su molte partite di calcio. In
questo modo, gli appassionati, sprovvisti dell’abbonamento, possono lo
stesso godersi lo spettacolo della partita desiderata.
LA SQUADRA DEL CUORE
I maschi italiani “malati di calcio” non ammettono critiche alle loro
squadre, amano la loro squadra a prescindere che giochi bene o male, la
amano e la ameranno sempre. Il calcio viene quasi prima di tutto: se, ad
esempio, il mercoledì sono previste partite di calcio internazionali, è
facile che gli appassionati non prendano altri impegni e rimangano
concentrati sull’avvenimento sportivo.
IL GIOCO
Ogni uomo, che fin da piccolo ha giocato a calcio, ha sognato in cuor
suo di diventare un campione del pallone, e ancora oggi possiamo
vedere persone, non più giovani, correre dietro a una palla, come
bambini. È il loro sogno, il loro gioco, cui non rinunceranno mai.
Ma non dimenticare:
Strada
Amore
Immaginario
34
Il tempo libero
Image @ by Georgie Pauwels
Le cose importanti da osservare
Quando parliamo di tempo libero in Italia parliamo del weekend o del
dopo cena. Sono questi i momenti che gli italiani amano passare con gli
amici, per divertirsi insieme.
I luoghi più comuni dove gli italiani passano il tempo libero sono:
DISCOTECA
BAR/PUB
Facendo GITE e SPORT
Ascoltando MUSICA
IMPEGNO / VOLONTARIATO
CINEMA / TEATRO / EVENTI CULTURALI
35
Il tempo libero
Per capire meglio
DOVE PASSARE IL TEMPO LIBERO
Molti ragazzi si danno appuntamento la sera sul tardi, verso le 22.00,
per andare in qualche locale a bere e poi a ballare. Un posto molto
frequentato è la discoteca, che generalmente chiude molto tardi. I
giovani, dopo essere usciti da un locale, si fermano spesso in qualche
bar o panetteria per mangiare i cornetti appena sfornati, prima di
tornare a casa.
APERITIVO
Si tratta di un momento di incontro molto comune: gli amici si
ritrovano la sera, prima di cena, nei bar per bere un bicchiere di vino o
un aperitivo, mangiando piccoli panini, pizzette e patatine.
APPUNTAMENTI CULTURALI
Altre persone la sera o la domenica vanno al cinema, a teatro o
partecipano a eventi culturali di loro interesse: ci sono conferenze, fiere,
manifestazioni di tutti i generi cui si può accedere spesso anche
gratuitamente.
IMPEGNO
Sempre più italiani utilizzano il tempo libero facendo attività di
volontariato presso associazioni umanitarie, o associazioni animaliste,
oppure nelle parrocchie per l'animazione dei ragazzi. Altri si dedicano
alle fasce più deboli della società aiutando anziani, malati, disabili o
poveri.
QUANDO E COME STANNO INSIEME GLI ITALIANI
Molto del tempo libero è passato con gli amici, organizzando“qualcosa”
insieme. Per esempio si fanno delle gite fuori città. Spesso gli italiani si
ritrovano in casa, per cenare insieme. E' un modo semplice per stare
con gli amici, ridere e parlare e trascorrere una bella serata.
Ma non dimenticare:
Ristorante
Amicizia
Paesaggio
36
Sentimenti
A
Am
B
F
M
come Amicizia
come Amore
come Bellezza
come Figli
come Morte
AA
BB
FF
MM
Am
Am
37
Sentimenti
Che cosa si intende per sentimenti?
In questo gruppo troviamo parole che esprimono aspetti della vita
legati alle emozioni. Attraverso le parole chiave si è voluto raccontare il
modo di sentire degli italiani e descrivere come vivono queste
situazioni.
Le parole chiave sono:
Amicizia, Amore, Bellezza, Figli, Morte.
38
L'amicizia
Image @ by Rosia Ambro
Le cose importanti da osservare
Gli AMICI in Italia sono molto importanti.
Ogni momento è buono per stare in COMPAGNIA. Si vedono spesso
gruppi di amici al bar, che si incontrano anche solo per un caffè. Con gli
amici si esce, ci si diverte, si parla. Agli amici si chiede aiuto nel
momento del bisogno.
FARE AMICIZIA: l'italiano parla e fa amicizia molto facilmente. La
parola “amico” è molto usata anche per definire semplici conoscenti.
TENERE I CONTATTI: telefonare è il modo preferito degli italiani
per tenersi in contatto con gli amici. Oggi poi con Internet gli amici si
incontrano e si parlano molto attraverso i social network.
CONTATTO FISICO: gli italiani si abbracciano e si baciano quando
incontrano un amico, soprattutto tra le donne è molto diffuso.
39
L'amicizia
Per capire meglio
FARE AMICIZIA
In Italia è facilissimo conoscere persone nuove e fare amicizia, perché
gli italiani sono abituati a conversare, a parlare anche con gli
sconosciuti, sui treni, nelle sale d'aspetto, nei luoghi di lavoro. E dalla
semplice conoscenza può nascere un’amicizia. L'amico o l'amica del
cuore però è di solito uno, è la persona con la quale ci si confida su
tutto, che sa tutto di noi, alla quale si telefona per ogni piccolo
problema o per raccontare qualcosa che ci è successo.
CHIEDERE UN FAVORE
Chiedere un favore a un amico è una cosa molto comune in Italia,
spesso l'italiano usa l'amicizia anche per chiedere dei piaceri a persone
delle Istituzioni, per risolvere o sveltire una pratica. Non è certo una
buona prassi, ma l’italiano vi ricorre spesso anche per sveltire la
tradizionale lentezza della pubblica amministrazione e della burocrazia
italiana.
CONTATTI
Anche nella gestualità verso gli amici, gli italiani sono molto “aperti”,
baciarsi ed abbracciarsi nei saluti è molto comune. Il contatto fisico è
spontaneo e senza malizia.
Oggi ci si tiene molto in contatto con Internet. Si comunica attraverso i
social network come Facebook, Twitter o altri simili.
Anche nella letteratura italiana, nella musica l'amicizia è sempre stata
raccontata come elemento importante e imprescindibile nella vita di
ciascuno di noi. Il tradimento di un amico viene ritenuto un'offesa quasi
imperdonabile, è una delusione che si ricorda sempre e che fa soffrire
moltissimo.
Ma non dimenticare:
Casa
Tempo libero
Popolo
40
L'amore
Image @ by Luca Prasso
Le cose importanti da osservare
L’amore in Italia, come in tutti i Paesi del mondo, è il sentimento che ci
avvicina agli altri, che ci fa lottare per rimanere insieme a chi amiamo,
che ci fa svegliare ogni mattina più consapevoli. La sua declinazione è
molteplice.
AMORE PER GLI ALTRI: aiuto disinteressato per qualcuno che ha
bisogno.
AMORE PER GLI ANIMALI: cani, gatti, animali domestici. Ad
esempio: la “gattara”, generalmente una donna anziana e sola che
riversa il suo affetto sui gatti randagi, portandogli del cibo.
AMORE PER LA PROPRIA DONNA/UOMO: rapporto fra uomo e
donna in Italia.
AMORE PER LA PATRIA: il sentimento degli italiani che amano il
proprio Paese.
AMORE CRISTIANO
41
L'amore
Per capire meglio
NELLA LETTERATURA
L'amore è stato celebrato nella letteratura, nella musica e in tutte le
forme artistiche fin dai tempi più antichi come valore supremo.
Soprattutto è l'amore fra l'uomo e la donna l'elemento più
rappresentato: Dante Alighieri (1265-1321), il più grande poeta della
letteratura italiana, ha celebrato nella sua opera l'amore per una
giovane, Beatrice, diventata quasi un simbolo dell’idea stessa di amore.
Un altro grande scrittore, Alessandro Manzoni, nell'800 raccontò la
storia di Renzo e Lucia ne “I Promessi Sposi”, un romanzo che celebra il
trionfo di un amore contrastato. Si possono ricordare anche le
“serenate”, canzoni cantate sotto il balcone della propria amata, nei
tempi passati.
AMORE ROMANTICO
Ancora oggi nelle coppie l'uomo e la donna si dedicano canzoni, si
regalano cene a lume di candela, si scambiano doni in occasione degli
anniversari. La gelosia è legata all'idea dell'amore nella coppia, perché il
sentimento è vissuto in modo esclusivo.
ALTRI TIPI DI AMORE
Un sentimento molto forte è quello che lega gli italiani agli animali da
compagnia, come i cani e i gatti. Ci sono persone che dedicano agli
animali tutto il loro tempo libero, con grande impegno. Caratteristica in
Italia è la figura della “gattara”, una persona che sfama i gatti randagi
per non lasciarli senza cure e magari li accoglie in casa.
Ma l'amore più intenso in Italia è quello per i figli. Ogni italiano si
sacrificherebbe per i figli, farebbe rinunce e darebbe la propria vita per
la loro felicità.
Ma non dimenticare:
Strada
Famiglia
Immaginario
42
La bellezza
Image @ by Mario Rotta
Le cose importanti da osservare
Bellezza e bellezze! In Italia la bellezza è un patrimonio che ritroviamo
nella natura del nostro territorio, nell'arte ma anche in quella simpatia
affabile, nella spontaneità e nel fascino degli uomini e delle donne.
PAESAGGIO
PATRIMONIO ARTISTICO
MUSICA
UOMINI e DONNE
CLIMA
43
La bellezza
Per capire meglio
IL “BEL PAESE”
La bellezza deve appagare almeno uno dei cinque tradizionali sensi.
Forse proprio per questo l'Italia ha l'appellativo di "Bel Paese": qui
infatti vista, udito, gusto, olfatto e tatto trovano soddisfazione in misura
non comune. Abbiamo un clima mite e invidiabile durante tutto l'anno,
uomini e donne dal fascino mediterraneo, una tradizione gastronomica
varia e creativa che ci distingue da molti altri Paesi. Abbiamo un
patrimonio artistico e culturale unico, ad esempio la musica lirica
composta dai nostri musicisti. In Italia sono moltissime le risorse della
natura, come il mare, la montagna, la campagna, la collina, i laghi.
Abbiamo inoltre una moda e un design al top nelle classifiche mondiali.
TROPPA BELLEZZA?
E se abbiamo molto da scegliere tra le cose belle, spesso però le
sottovalutiamo e non le tuteliamo. Ci sembra tutto normale, tutto così
scontato, quando per molte altre nazioni non è così. E a questo nostro
"difetto" si contrappone però la simpatia innata, lo spirito geniale, la
semplicità, la creatività degli italiani ma anche la bellezza delle nostre
donne e dei nostri uomini, dai tratti regolari e dagli occhi luminosi.
“CIAO BELLA”
"Ciao bella", un saluto abituale e affettuoso tra amici, ha assunto una
fama internazionale fino ad essere stampato sulle magliette souvenir.
Ma attenzione a non confondere "Ciao bella" con "Bella ciao", titolo di
una canzone simbolo della resistenza antifascista durante la seconda
guerra mondiale, oramai adottata da molti movimenti della resistenza
in diversi paesi del mondo!
Ma non dimenticare:
Ristorante
Tempo libero
Popolo, Arte, Paesaggio
44
I figli
Image @ by Carlo Columba
Le cose importanti da osservare
I figli sono sempre al “centro” della vita familiare, su di loro e sulle loro
esigenze ruotano le priorità e le attenzioni della famiglia.
NUMERO DI FIGLI
RAPPORTO CON I GENITORI
FIGLI VIZIATI
EDUCAZIONE
45
I figli
Per capire meglio
NUMERO DI FIGLI
La famiglia italiana è composta da madre, padre e in media due figli.
Sono rare le coppie senza prole. Tuttavia la tendenza è quella di fare
sempre meno figli, non solo per le difficoltà economiche ma anche
pratiche: una madre che lavora si trova di fronte a grandi difficoltà
nell’accudire i figli se non ha i nonni o una babysitter che la aiutano. La
legge prevede per la donna un periodo di astensione dal lavoro in caso
di maternità. Gli asili nido pubblici sono pochi e con pochi posti
disponibili.
AUTONOMIA DEI FIGLI
I figli in Italia difficilmente escono da casa a 18 anni, spesso restano a
vivere con i genitori anche se studiano all'università o lavorano. Questo
per motivi economici: è difficile trovare una sistemazione a buon
mercato dove vivere da soli, ma anche per comodità. Sono molti i
ragazzi, anche di 30 anni, che abitano con i genitori. Spesso in Italia i
figli lasciano la casa dei genitori solo quando si sposano o vanno a
vivere con un'altra persona.
SCELTE DEI FIGLI
Molti figli scelgono di seguire i percorsi professionali dei genitori:
saranno con ogni probabilità avvocati se il padre è avvocato,
imprenditori se il padre ha un’azienda. I genitori sono sempre presenti
nella loro vita, commentano o influenzano le loro scelte anche quando
sono adulti. Generalmente però i figli sono lasciati liberi di scegliere
secondo le loro inclinazioni; hanno presto le chiavi di casa per una loro
indipendenza e l'educazione è molto “libera”. Vengono comunque
sempre “seguiti” e consigliati dai genitori.
Ma non dimenticare:
Casa
Tempo libero, Famiglia, Legge
Libertà
46
La morte
Image @ by Chiara Aranci
Le cose importanti da osservare
La morte è un momento che fa parte della vita. A volte ci sorprende
perché arriva improvvisa o prematura, lasciandoci sgomenti.
FUNERALE - FIORI
NECROLOGIO - VEGLIA FUNEBRE
OBITORIO - CIMITERO - CREMAZIONE
ANNIVERSARIO - MESSA IN SUFFRAGIO
DONAZIONE ORGANI
TESTAMENTO
47
La morte
Per capire meglio
L'ULTIMO SALUTO
La morte è l'evento a cui l'uomo arriva sempre impreparato. Non ci si
abitua mai, neanche da adulti o da anziani. Scuote l'intimo, anche se
con la maturità cambia l'approccio al lutto. In Italia, paese a
maggioranza cattolica, l'estremo saluto a una persona deceduta si fa con
la cerimonia religiosa del funerale. Una messa celebrata dal sacerdote,
cui partecipano i familiari e gli amici del defunto. Durante la cerimonia
non mancano di solito i fiori, ma molte famiglie preferiscono chiedere
agli amici del defunto, invece dei fiori, un contributo per opere di
beneficenza. Dopo la funzione religiosa, un corteo più ristretto,
costituito dai familiari e dagli amici intimi della persona cara, si reca al
cimitero. Lì si procederà alla sepoltura o alla cremazione. Due modi
distinti che ci separano per sempre dalla persona cara. L'annuncio della
morte può essere dato, soprattutto nelle grandi città, attraverso la
pubblicazione di un avviso su un giornale, detto “necrologio”. Nei paesi
invece si usa ancora affiggere sui muri un manifesto funebre, con il
nome della persona defunta. In entrambi i casi si rende noto il giorno, il
luogo e l'ora dei funerali.
UN ULTIMO GESTO D'ALTRUISMO
Se la morte coglie all'improvviso una persona che gode di buona salute,
i familiari, per conto del defunto se ha lasciato espresse volontà in tal
senso o su loro iniziativa, potranno decidere di procedere con la
donazione degli organi per salvare altre vite umane. È un gesto di
grande solidarietà verso il prossimo, ma non ancora ampiamente
diffuso.
LE ULTIME VOLONTÀ
Il testamento è un documento scritto con il quale una persona definisce
come si dovrò disporre dei propri beni dopo la morte. Con questo atto si
esprimono le proprie volontà e si indica a chi e in che modo andranno
distribuiti i beni posseduti.
Ma non dimenticare:
Chiesa
Famiglia
Popolo
48
Modelli Culturali
A
I
L
P
Pa
Po
S
come Arte
come Immaginario
come Libertà
come Pace
come Paesaggio
come Popolo
come Storia
LL
Pa
Pa
PP
II
AA
SS
Po
Po
49
Modelli Culturali
Che cosa si intende per modelli culturali?
Attraverso la categoria dei modelli culturali si è voluto indicare tratti
generali e universalmente noti del patrimonio culturale e storico
italiano. Un patrimonio che ha fatto di noi il “Bel Paese”.
Le parole chiave sono:
Arte, Immaginario, Libertà, Pace, Paesaggio, Popolo, Storia.
50
L'arte
Image @ by Georgie Pauwels
Le cose importanti da osservare
Arte è tutto quello che l'uomo riesce a creare con la propria ispirazione
e con il proprio studio. È una forma di espressione della creatività
umana, che si applica in ogni campo. L'Italia è universalmente
riconosciuta come il Paese col patrimonio artistico più ricco e vario.
MONUMENTI - DIPINTI - SCULTURE
POESIA - MUSICA - DANZA
PIAZZE - FONTANE
CINEMA
CITTÀ D'ARTE
51
L'arte
Per capire meglio
ARTE IN OGNI COSA
Ogni scultura, ogni poesia che studiamo a scuola, ogni mostra che
andiamo a vedere. E ancora, ogni passeggiata nel centro storico di una
città italiana, ogni balletto a teatro o film che guardiamo, ogni musica
che ascoltiamo: sono tutte forme di arte. L'Italia è un paese fortunato
da questo punto di vista: ha a disposizione un patrimonio artistico
ammirato da tutto il mondo e proprio per questo è meta di tantissimi
turisti.
I GRANDI NOMI ITALIANI
Grandi maestri della pittura come Giotto, Raffaello, Caravaggio, celebri
artisti dell'architettura e della scultura come Bernini e Borromini e geni
come Michelangelo: sono tutti nati in Italia. Qui hanno lavorato
regalandoci opere che hanno fatto unico il nostro Paese. Anche per
quello che riguarda la musica e la poesia, si possono citare nomi che
hanno superato i confini italiani. Dante Alighieri, il sommo poeta, è il
padre della lingua italiana. La sua opera, la “Divina Commedia” è
considerata uno dei grandi capolavori della letteratura mondiale. Nella
musica classica Giuseppe Verdi, Antonio Vivaldi e Giacomo Puccini
sono solo alcuni tra i grandi compositori italiani. E l'espressione “genio
italiano” raccoglie tutti questi molteplici aspetti.
LE ANTICHE CIVILTÀ
Le più importanti civiltà dell’età antica sono senz’altro quella greca e
quella romana, che nel nostro territorio hanno lasciato tracce
incredibili: anfiteatri, edifici, strade, colonne, archi e altri monumenti
del passato. Roma, la capitale italiana, è sicuramente la città simbolo
del nostro patrimonio artistico. Qui le tracce della civiltà antica si
confondono con quelle delle età successive. Il risultato? Una città
straordinaria, che regala continue sorprese ai suoi abitanti e ai
visitatori: una magia che la rende tra i luoghi più belli del mondo.
Ma non dimenticare:
Chiesa, Strada
Tempo libero, Dimensione locale
Bellezza
52
L'immaginario
Image @ by Rosia Ambro
Le cose importanti da osservare
L’immaginario sociale di un paese è fatto di eventi e personaggi che
hanno avuto un ruolo, talvolta involontario, nel modellare la storia
recente e che concorrono a formare quell'insieme di simboli, narrazioni
e nomi che plasma la memoria di un paese.
COME CI VEDIAMO
COME CI VEDONO GLI ALTRI
VIZI e VIRTÙ
LETTERATURA
CULTURA
MUSICA
53
L'immaginario
Per capire meglio
FAVOLE E LETTERATURA
Dalla conoscenza condivisa dei testi letterari nasce un patrimonio che ci
accompagna ogni giorno, creando un forte sentimento di identità
nazionale. Le favole raccontate ai bambini (come il celebre “Pinocchio”
di Collodi) e le opere degli autori classici si riflettono ancora oggi anche
nel linguaggio comune.
LA TELEVISIONE
Con l'arrivo della televisione l'immaginario collettivo italiano si è
arricchito di nuovi protagonisti e riferimenti. Per esempio, negli anni
’70, il “Carosello”, un programma serale di soli spot pubblicitari che è
riuscito a entrare nelle abitudini quotidiane di molte famiglie: per i
bambini la sua fine era il segnale della buonanotte.
LA CANZONE
La canzone italiana ha unito intere generazioni, permettendo alle
persone di ritrovarsi in testi e autori comuni. La canzone popolare ha
fatto parte a pieno titolo degli ultimi cinquant’anni della storia italiana,
accompagnata da voci come quella di Modugno, Mina, Battisti o ancora
di Celentano, Morandi, Ramazzotti. Non a caso il Festival di San Remo,
che si svolge nel mese di febbraio, è uno dei maggiori eventi nazionali:
una gara canora fra cantanti diventata a tutti gli effetti la celebrazione
della musica del nostro Paese. Per gli italiani è tradizione seguirlo e
commentarlo giorno dopo giorno.
A TAVOLA
Anche la buona tavola unisce le persone che si riconoscono in un
“gusto” made in Italy. Nell'immaginario di ogni italiano c'è sempre un
piatto particolare capace di risvegliare ricordi dell’infanzia o delle
proprie radici.
Ma non dimenticare:
Ristorante
Dimensione locale
Popolo
54
La libertà
Image @ by Mario Rotta
Le cose importanti da osservare
La libertà è alla base del nostro stato democratico. Anche se talvolta
non ci sembra di esserlo, siamo cittadini di uno stato libero. Uno Stato
ha delle regole necessarie alla convivenza e il rispetto di queste è
fondamentale per la libertà di tutti.
Libertà di decidere, di fare, di continuare gli studi dopo la scuola
dell'obbligo, di votare, di scegliere la propria religione, di sposarsi, di
scegliersi un amico, di far parte di un partito, di scegliersi una
professione o un mestiere.
In Italia non ci sono vincoli in questo senso, ma è necessario il rispetto
delle regole poste alla base della convivenza.
55
La libertà
Per capire meglio
LIBERTÀ IN TUTTE LE FORME
Parlare, scrivere, comunicare le proprie idee senza temere che altri
possano impedirlo. Seguire le proprie convinzioni e metterle in pratica.
Spostarsi sul territorio e frequentare le persone che vogliamo, nel
rispetto delle regole della convivenza. Se chiedete a un italiano cosa è la
libertà, potrete sentire risposte come queste. O potrete sentire anche chi
dice che libertà è fare ciò che più ci piace e vogliamo fare, o non dover
rispondere a molte delle leggi fissate dallo Stato. O che è la possibilità di
agire limitata solo dal rispetto di chi ti è vicino. Che nessuno può essere
toccato, perquisito e anche curato senza il proprio consenso.
LA LIBERTÀ E LE LEGGI
E troverete anche quelli che vi diranno che in Italia non c'è vera libertà:
che troppe leggi impediscono ai cittadini di vivere serenamente, troppe
tasse impediscono di avviare iniziative economiche, che sui giornali e
sulle televisioni non c'è spazio per pensieri diversi da quelli della
maggioranza.
O che i grandi partiti, la religione ufficiale, o il potere in generale
controllano il paese più di quello che sembra. Segno comunque che gli
italiani sono sempre attenti a questo concetto.
LA LIBERTÀ NELLA COSTITUZIONE
La parola "libertà" è scritta ben 13 volte nella Costituzione, scritta per
dimenticare il periodo del fascismo. E la parola "libero", negli ultimi
tempi è divenuta importante anche per chi voleva vendere qualcosa:
"Libero" è il nome di un giornale, è stato il nome di una compagnia
telefonica, e di un popolare portale Internet.
Ma non dimenticare:
Strada
Legge
Amore
56
La pace
Image @ by Mario Rotta
Le cose importanti da osservare
Pace. È forse il valore che subisce costantemente più minacce.
Ripudiando la guerra l'Italia si fa ferma sostenitrice del valore della
pace, anche al costo di utilizzare contingenti militari in luoghi dove la
pace è lontana.
BANDIERA DELLA PACE
MOVIMENTI PER LA PACE
ARTICOLO 11 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA
MANIFESTAZIONI
MARCIA DELLA PACE
57
La pace
Per capire meglio
IL SOGNO DELLA PACE
Alla fine della seconda guerra mondiale l'Italia era un Paese distrutto,
che contava i suoi morti e i danni lasciati in eredità dal conflitto. Nella
ricostruzione democratica del Paese, i governanti dell'epoca si
convinsero totalmente dell'inutilità del conflitto armato. Durante i
lavori della preparazione della carta costituzionale venne votato un
articolo, in cui appare evidente la ripugnanza dello Stato italiano per la
guerra.
LA PACE NELLA COSTITUZIONE
L'articolo 11 della Costituzione italiana recita al principio: "L'Italia
ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri e come
mezzo di risoluzione delle controversie internazionali". In altre parole
l'Italia non può attaccare un altro Paese ne può ricorrere alla guerra per
risolvere problemi di tipo politico. Negli anni '60, quando il mondo era
attraversato da diversi conflitti, quando la minaccia della guerra fredda
sembrava potesse esplodere, in Italia si svilupparono movimenti che
facevano della pace il valore assoluto da difendere a tutti costi.
LA LUNGA MARCIA DELLA PACE
La bandiera, che sventola i sette colori dell'arcobaleno con la scritta
PACE, divenne il simbolo universale delle lotte pacifiste. La prima
marcia della Pace, manifestazione dei pacifisti italiani, ebbe luogo tra
Perugia e Assisi nel 1961. Da allora migliaia di bandiere arcobaleno
sfilano lungo il percorso della marcia quasi ogni anno, per dire no alla
guerra e sì alla pace. Per difenderla ed esserne costantemente
costruttori. Eppure, da trent'anni l'Italia è impegnata con le proprie
forze militari in operazioni di pace all'estero. Una contraddizione dei
nostri governi o un impegno dell'Italia nel quadro delle alleanze
geopolitiche internazionali? Sono tante le risposte possibili, la scelta
spetta alle singole coscienze di ognuno di noi.
Ma non dimenticare:
Chiesa
Legge, Politica
Amore
58
Il paesaggio
Image @ by Mario Rotta
Le cose importanti da osservare
Il paesaggio italiano offre panorami diversissimi ed è una vera ricchezza
di questo Paese.
MARE: coste, spiagge.
MONTAGNA
COLLINA
LAGHI
CITTÀ, PAESI e BORGHI
TUTELA DEL PAESAGGIO
59
Il paesaggio
Per capire meglio
IL NORD
Qui si trovano le Alpi, una catena montuosa che ripara l'Italia dai venti
freddi del nord Europa, regalandole in generale un clima mite. Appena
sotto le Alpi ci sono i laghi più importanti d'Italia (Maggiore, di Como,
d'Iseo, il Garda), che rendono affascinante il paesaggio, perché situati
fra le montagne e contornati da borghi e paesi incantevoli. La pianura
padana, poi, si estende piatta e uniforme fino alla catena montuosa
degli Appennini. Si tratta della pianura più estesa del Paese,
attraversata dal fiume più lungo d’Italia, il Po.
IL CENTRO
Gli Appennini attraversano la dorsale della penisola, creando scorci di
territorio spettacolari, con boschi, laghi e incantevoli paesaggi. Nelle
zone collinari si trovano tanti piccoli borghi, spesso di origine antica.
IL MARE E LE COSTE
Anche le coste italiane presentano una varietà notevole: ci sono coste
sabbiose, lunghe e larghe, e coste rocciose, ad esempio verso la Liguria e
la Puglia. Il mare, soprattutto quello delle grandi isole, è considerato tra
i più belli del mondo.
IL SUD E LE ISOLE
La Sicilia e la Sardegna sono le due più grandi isole italiane, considerate
gioielli della natura per il loro fascino e la loro bellezza. Per preservare e
valorizzare un tale patrimonio è necessario tutelare le risorse del
paesaggio, troppo spesso rovinato da situazioni di degrado,
dall’abusivismo edilizio e dall’inquinamento.
Ma non dimenticare:
Strada
Tempo libero
Bellezza
60
Il popolo
Image @ by Chiara Aranci
Le cose importanti da osservare
Il popolo è la gente per strada. Tutta. È chi non ha una casa, chi abita
nelle case popolari, chi negli appartamenti, chi nelle ville. Tutte queste
persone hanno in comune una lingua e una nazionalità: quella italiana.
ITALIA
PERSONE
LINGUA - CITTADINANZA - TERRITORIO
USI E COSTUMI - TRADIZIONI
61
Il popolo
Per capire meglio
ITALIANI: UN POPOLO GIOVANE E ANTICO
Il popolo italiano è formato da cittadini che abitano in Italia, a cui sono
legati dalla comune cittadinanza. L'Italia è diventato uno Stato
autonomo nel 1861. Siamo uno stato giovane, con poco più di 150 anni
di storia. Ma l'Italia e i popoli che abitavano la penisola a forma di
stivale sono molto più antichi. È proprio la comunanza di lingua,
tradizioni, usi e costumi in un uno stesso territorio che definisce
l'identità di un popolo.
LE LOTTE
Per definire i confini del proprio stato, la popolazione italiana ha
combattuto guerre contro l'occupazione straniera nel corso dell'800.
L'Italia è nata come monarchia (i Savoia) nel 1861, e solo dopo la fine
della seconda guerra mondiale, nel 1946, è diventata una Repubblica.
Le battaglie contro la dominazione straniera, per costruire uno Stato
Italiano, hanno contribuito a diffondere il sentimento di appartenenza a
un solo popolo nel Paese. Un sentimento composto da tante realtà locali
orgogliose del proprio patrimonio culturale e ambientale.
LA SOFFERENZA DELLE MIGRAZIONI
Per tutto il '900 milioni gli italiani lasciarono il Paese alla ricerca di un
futuro migliore. Oggi, invece, l'Italia è terra d'immigrazione: non
dovremmo dimenticare il sacrificio dei nostri antenati ma, memori del
passato, accogliere chi cerca una speranza. Anche per questo gli italiani
hanno imparato ad apprezzare valori semplici e fondamentali della vita,
come la sicurezza del lavoro e quello della famiglia, la libertà, l'amore
per la pace e per una buona qualità della vita. Da nord a sud, isole
comprese, parliamo la stessa lingua, studiamo a scuola la stessa cultura,
a casa spesso mangiamo tutti la pasta e guardiamo la stessa televisione.
Magari parliamo con qualche diversità nel dialetto, ma l'amore per
quello che è tipicamente riconosciuto come “la dolce vita” accomuna
tutti gli italiani.
.
Ma non dimenticare:
Strada
Legge, Politica, Dimensione locale
Bellezza
62
La storia
Image @ by Mario Rotta
Le cose importanti da osservare
CIVILTÀ ANTICHE
L'UNITÀ D'ITALIA e il RISORGIMENTO
Il FASCISMO e la LIBERAZIONE
REPUBBLICA ITALIANA
63
La storia
Per capire meglio
L’Italia ha una storia antichissima. Affacciato sul Mediterraneo, il Paese
ha partecipato alla nascita e allo sviluppo delle più antiche civiltà.
I ROMANI
L'impero romano, con la sua organizzazione socio-politica, ha lasciato
un segno profondo nella cultura occidentale. Nell'arte, nei monumenti,
nel diritto, i Romani hanno costruito una civiltà le cui fondamenta sono
ancora oggi alla base della vita di milioni di persone.
L'UNITÀ D'ITALIA
L'Italia come Stato unitario esiste solo dal 1861, quando i moti
risorgimentali portarono all'unificazione dei tanti stati indipendenti
presenti nel territorio. Grazie all'impegno di figure come Garibaldi e
Cavour si realizzò l'unificazione, con grandi entusiasmi ma non senza
difficoltà. L’Italia ancora oggi risente di problemi che affondano le loro
radici nel passato, ma che non sono mai stati davvero affrontati e
risolti.
IL FASCISMO
Il fascismo, movimento politico fondato da Benito Mussolini giunse al
potere in Italia nel 1922. Si tratta di una delle pagine più controverse
della storia italiana. Il Paese, alleato con la Germania di Hitler, fu
trascinato nella Seconda guerra mondiale (1939-1945). La Resistenza,
organizzata dai Partigiani (combattenti e non che scelsero di opporsi al
fascismo) insieme alle forze alleate, liberò infine l’Italia dalla dittatura.
La fine della guerra significò la rinascita delle istituzioni democratiche e
il ritorno alla libertà.
LA REPUBBLICA ITALIANA
Nasce dopo la seconda guerra mondiale, nel 1946, attraverso un
referendum in cui per la prima volta poterono votare anche le donne.
Ma non dimenticare:
Strada
Politica
Pace
64
Dimmi l'Italia
Per riassumere (e per andare oltre)
Questo piccolo libro è stato pensato e strutturato per essere pratico e
semplice da utilizzare. La grafica che abbiamo scelto si basa su pochi
stimoli visivi molto essenziali, come i colori che indicano le categorie in
cui sono state raggruppate le parole chiave, le mappe simboliche (che
rappresentano una parte di una città reale ma evocano una qualsiasi
altra città italiana) e le immagini fotografiche che illustrano i vari
concetti. Alle immagini, in particolare, spetta un ruolo molto
importante: quello di evocare gli scenari (complessi) con cui ci si deve
confrontare per osservare e capire gli italiani. Sono state raccolte in
rete, grazie al contributo spontaneo di fotografi professionisti e
amatoriali di tutto il mondo; e in rete - nell'ambiente Web che
accompagna e integra questa pubblicazione - ne saranno pubblicate
molte altre, sia degli stessi fotografi che hanno contribuito fino a questo
momento, sia di chiunque voglia aggiungere la propria “visione” sul
nostro paese e il nostro modo di vivere. Sempre in rete, inoltre, sarà
possibile per tutti aggiungere commenti e integrazioni alle schede di
tutte le parole chiave: è un invito alla socializzazione di storie ed
esperienze, un modo per andare oltre questo stesso libro, che non è
altro che il punto di partenza per approfondire il rapporto tra noi e gli
altri, ovvero, in una sola parola, la comprensione reciproca dei
significati che ciascuno di noi attribuisce alla vita. Il libro, dunque, non
è che un elemento di un più ampio insieme di informazioni, che da
questo momento in poi si svilupperà, grazie alle tecnologie, in una
dimensione sociale che è già stata definita “società della conoscenza”,
dove ciascuno può partecipare alla costruzione di quel bene comune
particolarmente importante che consiste nel conoscere e nel conoscersi.
Roma, gennaio 2013, Garamond Editoria e Formazione
Garamond è una casa editrice che si concentra sul tema dell'uso didattico delle
tecnologie multimediali e dell’innovazione nei processi di insegnamento e
apprendimento. Per ulteriori informazioni: http://www.garamond.it
65
Risorse ulteriori
Per altre immagini, altre storie e altre
informazioni utili (anche di carattere pratico) si
rimanda all'ambiente Web che è stato allestito
appositamente all'indirizzo:
http://www.dimmilitalia.it/blog/
Dimmi l’Italia
Fondazione Il Faro di Susanna Agnelli
Roma, 2013
Fly UP