...

Metodologia ICA Cavaliere GIORNATA DI STUDIO 25 GIUGNO 2012

by user

on
Category: Documents
29

views

Report

Comments

Transcript

Metodologia ICA Cavaliere GIORNATA DI STUDIO 25 GIUGNO 2012
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
M ETODO PER LA DETERMINAZIONE
DEGLI I NDICI DI C OMPLESSITÀ
A SSISTENZIALE (ICA)®
GIORNATA DI STUDIO
L’ OSPEDALE
ORGANIZZATO PER INTENSITÀ DI CURA :
STRUMENTI DI CLASSIFICAZIONE DEI PAZIENTI
BOLOGNA 25 GIUGNO 2012
B R U N O C AVA L I E R E
2
V ERSIONE 3/2012
M ETODOLOGIA ICA
Realizzare un «sistema di cure» integrato,
equo, appropriato e sicuro organizzato per
processi;
Misurare le cure personalizzate (piani di
assistenza) attraverso «indici»;
Supportare le decisioni strategiche per
realizzare «interventi» di eccellenza in un
regime di cure sicuro.
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
1
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
M ETODOLOGIA ICA
3
RIFERIMENTI DALLA LETTERATURA
«Clinical Governance» sulla responsabilizzazione
dei professionisti;
«Direzione
per
processi»
per
l’integrazione delle competenze ;
realizzare
«Projet management» per lo sviluppo dello
strumento ICAcode ®;
«Modello delle competenze» per la mappatura e
valutazione;
Mintzberg come
organizzativo».
riferimento
«modello
26/06/2012
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
4
del
Storia e sviluppo della metodologia ICA
Validazioni
scientifiche
Dal 2005 ad oggi
Start prima
pubblicazione nel 1999
A CUI SONO SEGUITE 3
PUBBLICAZIONI DAL 2000
AL 2006
NEL 2012 ULTIMO
ARTICOLO PUBBLICATO
SU SANITA’ PUBBLICA E
PRIVATA N.1
> 15 Studi osservazionali
LONGITUDINALI
PROSPETTICI
3 VALIDAZIONI
COMPARATIVE (con met.
Svizzero, TISS28,
ASGO/VIA
VERIFICHE DI
CUSTOMER e
VALIDAZIONI dei
Dizionari e Modelli
DOTT. BRUNO CAVALIERE
[email protected]
2009
Campo d’applicazione
Pubblicazione Libro
Ospedale
2010
Territorio
Applicativo web
Sala operatoria
ICAcode ®
Ambulatori
dedicato alla
«governance »delle
professioni sanitarie
Diagnostiche
26/06/2012
2
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
Sperimentazioni/applicazioni
5
Studi sperimentali (tesi)
condotti in diversi atenei –
ultimi lavori
MONODISCIPLINARI
Massa Pasquinucci CNR
Napoli Santobbono
struttura pediatrica
MULTIDISCIPLINARI :
ULSS Vicentina – Arziniano
valdagno montecchio
Siena USL 7
Verbania
Usl 10 fiorentina
Infermieristico; riabilitativo;
pediatrico; ostetrico; tecnico
Ospedale di alessandria
Humanitas Milano
Roma San Camillo Forlanini ;
San Raffaele Milano
Aviano CRO
Matera ;
Osp. Di Empoli
Viareggio versilia
Azienda USL Roma H ;
Osp. Di Asti
Lanusei .
Osp. Alessandria
Omegna
Osp di Crema
Ancona ASRU
DOTT. BRUNO CAVALIERE
P ROBLEMA
6
Teoria della
complessità.
Seth Loyd,
fisico
Teoria della
decisione
Kahneman
Tversky,
economisti
Classificare
e
misurare
gli
«elementi» le «connessioni» e le
«interazioni»
del
sistema
assistenziale;
Produrre indicatori di «feed-back»
a supporto del
«dilemma del
giudizio»;
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
26/06/2012
3
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
T EORIA
7
Teoria della complessità. Seth Loyd, fisico
L’incertezza
determina un
incremento
della
complessità
e pone
di fronte
al dilemma
del giudizio
Teoria della decisione Kahneman Tversky, economisti
«dilemma di Giudizio»
Tutto
ciò
determina
una
incertezza elevata sull’agire che
di conseguenza rende complessa
la decisione
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
8
A PPROCCIO
26/06/2012
ALLA COMPLESSITÀ
Elementi connessioni e interazioni non lineari.
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
4
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
9
26/06/2012
C OMPLESSITÀ ASSISTENZIALE
• Problema
• Domanda
assistenziale
Professionista
• competenze
• Esperienze
finalizzate
• abilità
Assistito
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
• Processi
• tecnologie
• logistica
Struttura
organizzativa
26/06/2012
C OMPLESSITÀ ASSISTENZIALE
10
DEL PROCESSO DI CURA
• Classificazione
• Sicurezza
• tracciabilità
Professionista
• Dilemma del
giudizio
• Decisione
Assistito
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
• Processi di
ricorrenza (durata)
• Frequenza (carico
di lavoro )
Struttura
organizzativa
26/06/2012
5
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
F EEDBACK / INTERAZIONI
11
Assistito
Problema
Professionista
Struttura organizzativa
Pianificazione
Esecuzione
Riconoscimento
strategico
Complessità
Assistenziale
Elementi
connessioni
e interazioni
Competenza
Metodi
Bisogno
Strumenti
Domanda
espressa o
inespressa
Accertamento
Autonomia
Responsabilità
Risultato garantito
In termini di
efficacia ed
efficienza
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
26/06/2012
M ETODOLOGIA
DEGLI I NDICI DI C OMPLESSITÀ
A SSISTENZIALE (I.C.A.)
12
Strumenti di sistema (elementi):
Dizionari degli interventi;
Modelli di pianificazione e di raccolta dati
Indicatori (feed-back):
Indice di Complessità Assistenziale (ica), Classe di Gravità (CdG), Peso
Intervento (PI), livello di Priorità intervento (P), Indice di Criticità di
Struttura (ICS).
Strumenti gestionali (feed-back):
carico di lavoro, determinazione del fabbisogno di personale; pesatura degli
interventi e valutazione del ricovero / presa in carico (quali-quantitativa);
Strumenti operativi (connessioni e interazioni):
pianificazione ed esecuzione del processo di cura , programmazione del
carico di lavoro per priorità d’intervento ;
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
6
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
TASSONOMIE VALIDATE E CONDIVISE
MULTIDISCIPLINARI
PESATE (P I )
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE
MAIL [email protected]
14
F RAME
13
DIZIONARI INTERVENTI
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
26/06/2012
7
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
15
26/06/2012
TASSONOMIE CONDIVISE
P ESO INTERVENTO ( PI )/ ALGORITMO
SU SCALA LIKERT A 5 LIVELLI
Punteggio
Peso
intervento
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
16
0-7
1
8 - 15
2
16 - 23
3
24 - 31
4
32 - 40
5
26/06/2012
D IZIONARI DEGLI INTERVENTI
Tassonomie
condivise
validate
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
8
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
A PPROPRIATEZZA DELL’ACCERTAMENTO
DELLA DOMANDA ASSISTENZIALE
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE
MAIL [email protected]
F RAME
17
26/06/2012
MODELLI DI RACCOLTA
18
DATI
Sono completamente configurabile nel loro contenuto;
Vengono abilitati per singolo centro di costo ;
Permettono di realizzare qualsiasi documento di accertamento;
Multidisciplinari .
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
9
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
A CCERTAMENTO /
E
19
RIVALUTAZIONE
www.ICAc
ode.it
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
20
26/06/2012
S CALE / CHECK - LIST
www.ICAc
ode.it
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
10
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
21
26/06/2012
M ODELLI DI PIANIFICAZIONE
Rappresentano la costruzione di clinical pathwais,
profili di cura
Sono uno strumento che facilita la stesura dei
piani di assistenza mediante la standardizzazione
Consentono di definire: il Problema, l’Obiettivo,
il Risultato atteso e gli interventi ad essi associati
Gestiscono la schedulazione della ricorrenza:
durata (gg.) e frequenza (ore).
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
22
M ODELLI DI PIANIFICAZIONE
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
26/06/2012
11
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
23
26/06/2012
M ODELLI DI PIANIFICAZIONE
Indicano il/i problema/i da risolvere
Indicano il/i risultato/i da garantire
Indicano il percorso e gli interventi
Determinano preventivamente le condizioni
organizzative necessarie per una «buona pratica»
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
24
26/06/2012
M ODELLI DI PIANIFICAZIONE
Costituiscono lo strumento con il quale i
professionisti definiscono standard di cura
rappresentano dei facilitatori della pianificazione
personalizzata
Aumentano la sicurezza dell’assistito e del
professionista
Rendono più efficace ed efficiente il processo di
cura
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
12
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
25
26/06/2012
Modelli di pianificazione
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
26
PIANIFICAZIONE
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
26/06/2012
13
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
27
26/06/2012
PIANIFICAZIONE
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
28
PIANIFICAZIONE
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
26/06/2012
14
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
29
26/06/2012
LO STRUMENTO ICA CODE ®
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
30
I DENTIFICAZIONE DEI
P ROBLEMI ED OUTCOME
26/06/2012
ATTESI
www.ICAcode.it
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
15
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
C LASSE DI GRAVITÀ GIORNALIERA
31
ASSOCIATA AL PIANO
Classe di Gravità
Descrizione
Intervallo delle
classi d’intervento
ICA= ∑ interventi a > peso per categoria
1
Gravità molto lieve
0 – 11
2
Gravità lieve
12 – 22
3
Gravità moderata
23 – 33
4
Gravità elevata
34 – 44
5
Gravità molto
45 – 55
elevata
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
26/06/2012
C LASSE DI GRAVITÀ GIORNALIERA
32
ASSOCIATA AL PIANO
Classe di
Gravità
1
2
3
4
5
Descrizione
Gravità molto
lieve
Gravità lieve
Gravità
moderata
Gravità elevata
Gravità molto
elevata
Valore ICA per
dizionario
Infermieristico
Valore ICA per
dizionario
Riabilitativo
0 – 11
0–5
12 – 22
6 – 10
23 – 33
11 – 16
34 – 44
45– 55
ICA= ∑ interventi a > peso per categoria
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
17 – 21
Classe di Gravità
Descrizione
22 – 25
Intervallo delle
classi d’intervento
1
Gravità molto lieve
0 – 11
2
Gravità lieve
12 – 22
3
Gravità moderata
23 – 33
4
Gravità elevata
34 – 44
5
Gravità molto
45 – 55
elevata
26/06/2012
16
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
33
26/06/2012
M ONITORAGGIO DEL CASO ATTRAVERSO
INDICATORI : ICA; C D G; IMPRONTA
Indicatori
Direttamente
Associati
Al piano di
cura
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
34
26/06/2012
M ONITORARE IL CASO : IMPRONTA
Studio
Su U.O.
Chirurgia
Toracica
Caso più
Complesso
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
17
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
35
26/06/2012
Monitorare il caso: problemi
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
36
M ONITORARE IL CASO : PRIORITÀ (P);
FREQUENZA ;
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
26/06/2012
18
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
37
26/06/2012
ANALISI INTERVENTI RICOVER0
ANALITICO E COMPLESSIVO
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
38
26/06/2012
M ONITORARE IL CASO : PRIORITÀ (P)
E FREQUENZE
Studio
Su U.O.
Chirurgia
Toracica
Caso più
Complesso
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
19
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
E SECUZIONE DEGLI INTERVENTI
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE
MAIL [email protected]
39
P RIORITÀ D ’ INTERVENTO
40
FASE DI
ESECUZIONE DELLE ATTIVITA’
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
26/06/2012
20
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
V ERIFICA
ESECUZIONE DELLA
41
PIANIFICAZIONE
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
26/06/2012
DIMENSIONE MANAGERIALE
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE
MAIL [email protected]
[email protected]
42
26/06/2012
21
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
D ISTRIBUZIONE
CLASSI DI
43
GRAVITÀ
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
ICS - I NDICE
44
26/06/2012
DI CRITICITA’ DI
STRUTTURA
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
(C D G)
26/06/2012
22
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
45
26/06/2012
DETERMINAZIONE DEL CARICO
DI LAVORO PER PRIORITA’
D’INTERVENTO (P)
P1…5 =
Priorità
www.ICAcode.it
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
46
C ALCOLO
26/06/2012
DEL FABBISOGNO DI PERSONALE
• Totale minuti medi per intervallo di
tempo
• Multidisciplinare
• Collegato alla pianificazione
• Delta con l’esecuzione
3705*
3705 : 309 = 11,99…
11,99 * 1,2= 14,39
309 = 36 ore * 60
min / 7 gg (308,57)
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
23
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
47
26/06/2012
C ONTRAZIONE DELL’OFFERTA
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
48
26/06/2012
S VILUPPO DEL SISTEMA
Creare di un indicatore di Complessità Ricovero/presa in
carico
Sviluppo di modelli di pianificazione validati dalle società
scientifiche e dalle associazioni per realizzare sistemi di
eccellenza;
Sviluppo di un sistema di mappatura delle competenze e del
portfolio delle competenze individuali ;
Realizzare un sistema esperto a supporto della “presa in
carico dell’assistito” che gestisca l’esito del processo di cura
(verifica);
Definire nuovi standard di sicurezza attraverso i livelli di
priorità d’intervento (P).
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
24
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
BIBLIOGRAFIA
49
1. Cavaliere B, Snaidero D.,1999, “Metodologia per la rilevazione della
complessità assistenziale: calcolo dell’Indice di Complessità Assistenziale” ,
Management Infermieristico, 1: 32-36;
2. Cavaliere B, Susmel M., 2001,“La qualità dell’assistenza infermieristica:
uno strumento di rilevazione e di elaborazione dell’Indice di Complessità
Assistenziale (I.C.A.)”, Nursing Oggi, 2:20-36
3. Guerra A, Cavaliere B.,2003, Applicazione della metodologia ICA presso
l’ospedale “Pasquinucci”, Massa, A.O. IFC CNR-CREAS – Pisa, Management
Infermieristico ; 1:4-11
4. Cavaliere B. , 2006, Sistema integrato per la determinazione della
complessità assistenziale, Management Infermieristico ; 1: 13-22
5. Cavaliere B. 2009 , Misurare la complessità assistenziale , Maggioli editore
6. Cavaliere B. , 2012,SVILUPPO E APPLICAZIONE DEL METODO ICA. ASPETTI
CORRELATI AL “CARICO DI LAVORO” E ALLA DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO DI
PERSONALE SANITARIO E DI SUPPORTO, Sanità Pubblica e privata 1 : 20-31
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
26/06/2012
50
“La scoperta consiste nel guardare la stessa cosa che guardano
tutti e pensare a qualcosa di diverso”
Albert Szent Gyorgyi
“I problemi che abbiamo non possono essere risolti allo stesso
livello di pensiero che li ha generati”.
Albert Einstein
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
25
25 giugno 2012 regione Emilia
Romagna
26/06/2012
ICA CODE ®
51
COPYRIGHT (C) BRUNO CAVALIERE MAIL [email protected]
[email protected]
26/06/2012
26
Fly UP