...

regolamento sulle anticipazioni

by user

on
Category: Documents
19

views

Report

Comments

Transcript

regolamento sulle anticipazioni
FONDO PENSIONE PRIAMO
REGOLAMENTO
SULLE
ANTICIPAZIONI
Testo in vigore dal 29.05.2014
1
FONDO PENSIONE PRIAMO
REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI
Articolo 1 - Oggetto
1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell’articolo 13 dello Statuto, le modalità di
erogazione delle anticipazioni a valere sulla posizione individuale degli associati al fondo
pensione Priamo.
Articolo 2 - Casistica
1. L’anticipazione può essere concessa dal Fondo esclusivamente nei seguenti casi:
a) spese sanitarie a seguito di gravissime situazioni relative a sé, al coniuge, ai figli o agli altri
familiari fiscalmente a carico per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti
strutture pubbliche. In questo caso, qualora ricorra una particolare gravità, la cui sussistenza è
rimessa alla prudente valutazione del Direttore, l’anticipazione può essere corrisposta anche
prima che sia stata effettivamente sostenuta la relativa spesa;
b) acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli. Si intende prima casa per sé
anche la casa acquistata dal coniuge a condizione che i coniugi abbiano adottato il regime
legale di comunione dei beni all’atto dell’acquisto.
L’anticipazione è commisurata all’onere
complessivamente sostenuto per l’acquisizione dell’immobile quale risulta dal rogito notarile
nonché da altra idonea documentazione di spesa. Le somme erogate a titolo di anticipazione
possono essere utilizzate anche per la copertura delle spese connesse e necessarie all’acquisto,
purché debitamente documentate. Agli effetti della presente norma si considera prima casa di
abitazione quella per la quale sono riconosciute le agevolazioni fiscali in materia di imposta di
registro e di imposta sul valore aggiunto;
c) spese per la realizzazione degli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, di
restauro e di risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia, di cui alle lettere a), b), c)
e d) del comma 1 dell’articolo 3 del D.P.R 380/2001, relativamente alla prima casa di
abitazione.
Tali interventi devono riguardare la prima casa di abitazione dell’aderente o dei figli. Si intende
prima casa dell’aderente anche la casa acquistata dal coniuge a condizione che i coniugi
abbiano adottato il regime legale di comunione dei beni all’atto dell’acquisto. Per prima casa di
abitazione si intende quella per la quale sono riconosciute le agevolazioni fiscali in materia di
imposta di registro e di imposta sul valore aggiunto, incluso l’immobile acquistato a titolo di
successione ereditaria, di donazione o permuta.
L’anticipazione è concessa per i seguenti interventi:
1. di manutenzione ordinaria: opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle
finiture degli edifici e opere necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli
impianti tecnologici esistenti;
2. di manutenzione straordinaria: opere e modifiche necessarie per rinnovare e sostituire
parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienicosanitari e tecnologici, purché non alterino i volumi e le superfici delle singole unità
immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni d’uso;
3. di restauro e di risanamento conservativo: interventi volti a conservare l’organismo
edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che,
nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell’organismo stesso, ne
consentano destinazioni d’uso con essi compatibili. Tali interventi comprendono il
consolidamento, il ripristino ed il rinnovo degli elementi costitutivi dell’edificio,
l’inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell’uso
nonché l’eliminazione degli elementi estranei all’organismo edilizio;
4. di ristrutturazione edilizia: interventi volti a trasformare gli organismi edilizi mediante
un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto
od in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la
sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell’edificio, l’eliminazione, la modifica e
l’inserimento di nuovi elementi ed impianti.
Le somme erogate a titolo di anticipazione possono essere anche utilizzate a fronte di oneri
sostenuti per:
a) progettazione ed esecuzione dei lavori, perizie e sopralluoghi, altre prestazioni professionali
richieste dal tipo di intervento;
Testo in vigore dal 29.05.2014
2
FONDO PENSIONE PRIAMO
b) acquisto dei materiali;
c) oneri di urbanizzazione, IVA, imposta di bollo e diritti pagati per concessioni, autorizzazioni e
denunce di inizio lavori;
d) relazione di conformità degli interventi alle leggi vigenti e documentazione obbligatoria atta
a comprovare la sicurezza statica del patrimonio edilizio;
e) altri eventuali costi strettamente inerenti alla realizzazione degli interventi e agli
adempimenti posti dal regolamento ministeriale del 18 febbraio 1998, n. 41.
d) ulteriori e non documentate esigenze dell’aderente. Rientrano in tale ambito anche le
anticipazioni fruibili durante i periodi di godimento dei congedi per la formazione e per la
formazione continua (art. 7, comma 2, legge n. 53/2000) e quelle connesse alla fruizione dei
congedi parentali (art. 5, comma 1, D. Lgs. n. 151/2001).
Articolo 3 - Anzianità richiesta
1. L’anticipazione di cui al precedente articolo 2, comma 1, lettera a) può essere richiesta
dall’aderente in qualsiasi momento.
2. L’anticipazione di cui al precedente articolo 2, comma 1, lettere b), c) e d) può essere
chiesta se l’anzianità di iscrizione dell’associato è pari ad almeno otto anni.
3. Ai fini del calcolo dell’anzianità di iscrizione sono considerati validi tutti i periodi di iscrizione
a forme pensionistiche complementari per i quali l’interessato non abbia già esercitato il
riscatto totale della propria posizione individuale.
Articolo 4 - Importo dell’anticipazione
1. L’importo massimo erogabile a titolo di anticipazione è pari al:
a) 75% della posizione individuale maturata, incrementata delle anticipazioni percepite e non
reintegrate, nei casi di cui alle lettere a), b) e c) del comma 1 del precedente articolo 2;
b) 30% della posizione individuale maturata, incrementata delle anticipazioni percepite e non
reintegrate, nel caso di cui alla lettera d) del comma 1 del precedente articolo 2.
2. Il Fondo non eroga anticipazioni di importo inferiore a 2.000,00 (duemila) euro al lordo delle
imposte di legge.
3. Fermi restando i limiti previsti al precedente comma 1, l’anticipazione può essere concessa
anche più volte per la stessa causale.
4. Le somme complessivamente percepite a titolo di anticipazione non possono
in ogni
caso eccedere il 75% della posizione individuale maturata, incrementata delle anticipazioni
percepite e non reintegrate.
5. L’importo massimo erogabile a titolo di anticipazione è riferito alla posizione individuale
maturata, incrementata delle anticipazioni percepite e non reintegrate, decurtata delle somme
gia percepite per il medesimo titolo. L’importo massimo erogabile a titolo di anticipazione non
può comunque superare, al netto delle imposte, l’onere effettivamente sostenuto e
documentato con riferimento alla singola richiesta.
6. L’erogazione dell’anticipazione è effettuata al netto degli oneri fiscali. Si rammenta al
riguardo che la normativa prevede che le richieste di anticipazione vengano soddisfatte
prioritariamente utilizzando il capitale maturato alla data del 31.12.2006 e solo in caso di sua
incapienza anche il capitale maturato a partire dal 01.01.2007. Le anticipazioni effettuate
attingendo al capitale maturato alla data del 31.12.2006 sono assoggettate a tassazione
separata salvo conguaglio. Le anticipazioni effettuate attingendo al capitale maturato a partire
dal 01.01.2007 sono tassate a titolo definitivo con aliquota massima del 15% (anticipazioni per
spese sanitarie) oppure con aliquota del 23% (anticipazioni per acquisto prima casa ovvero per
ulteriori esigenze)
Testo in vigore dal 29.05.2014
3
FONDO PENSIONE PRIAMO
7. A tutela dell’equilibrio e della sana e prudente gestione il Fondo, in situazioni di particolare
straordinarietà, si riserva, previa determinazione congiunta del Presidente e del Direttore che
deve essere ratificata con delibera assunta dal primo Consiglio di Amministrazione successivo,
di non erogare tutte le anticipazioni di cui sia stata fatta richiesta qualora l’importo
complessivo oggetto di anticipazione superi il 30% del flusso mensile destinato agli
investimenti. In tal caso le richieste saranno soddisfatte secondo la data di ricezione. Le
richieste non soddisfatte in un mese sono antergate a quelle di competenza del mese
successivo.
Articolo 5 - Anticipazione su posizione a garanzia di cessione del quinto
1. Per tutte le richieste di anticipazioni di aderenti con in atto una cessione del quinto è
necessario avere la liberatoria della Finanziaria.
2. Se la Finanziaria non autorizza l’anticipazione, Priamo non può erogare l’anticipazione. Solo
nel caso di richiesta anticipazione per spese sanitarie, vengono erogati all’aderente i 4/5
dell’importo richiesto in quanto le anticipazioni per spese sanitarie straordinarie derivanti da
gravissime situazioni, sono sottoposte agli stessi limiti di cedibilità, sequestrabilità e
pignorabilità previsti per le prestazioni previdenziali obbligatorie.
3. Il Fondo non è responsabile per la erogazione dell’anticipazione in presenza di un contratto
di finanziamento assistito dalla garanzia della retribuzione se non è stata comunicata
l’apposizione del vincolo sulla posizione previdenziale.
4. L’associato con la presentazione della richiesta di anticipazione esplicitamente consente ed
autorizza il Fondo a comunicare alla Società Finanziaria i dati relativi all’ammontare della
propria posizione previdenziale.
Articolo 6 - Modalità della richiesta
1. L’anticipazione deve essere richiesta utilizzando l’apposito modulo prelevabile dal sito del
fondo (www.fondopriamo.it).
2. Il modulo di richiesta, compilato in ogni sua parte e corredato di tutta la documentazione da
presentare in relazione alla causale della anticipazione, deve essere inviato al Fondo
esclusivamente a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento.
Articolo 7 - Documentazione probatoria per spese sanitarie
1. La richiesta di anticipazione per spese sanitarie in dipendenza di gravissime situazioni di cui
al precedente articolo 2, comma 1, lettera a), deve essere corredata dalla seguente
documentazione:
a) attestazione, da parte della competente struttura pubblica, della straordinarietà delle
terapie e degli interventi attinenti gravissime situazioni, ai sensi dell’art. 11 comma 7
del Decreto Legislativo 252/05;
b) fatture emesse non oltre 120 giorni prima della richiesta e ricevute fiscali attestanti le
spese effettivamente sostenute comprese le spese accessorie strettamente connesse
alla terapia e/o all’intervento (a titolo esemplificativo e non esaustivo: viaggio e
soggiorno del soggetto per la cui cura si chiede l’anticipazione e dell’eventuale
accompagnatore);
c) fotocopia della carta d’identità del richiedente e del soggetto in relazione al quale si
chiede l’anticipazione.
d) Nel caso si richieda l’anticipazione per spese sanitarie per il coniuge, ai figli o agli altri
familiari fiscalmente a carico, deve essere trasmesso certificato di stato di famiglia con
l’indicazione del rapporto di parentela.
Testo in vigore dal 29.05.2014
4
FONDO PENSIONE PRIAMO
e) Il Fondo si riserva la possibilità di richiedere all’associato ulteriore documentazione a
supporto della validazione della domanda di anticipazione.
2. Nei casi in cui, ricorrendo una particolare gravità, si proceda alla erogazione della
anticipazione prima che sia stata effettivamente sostenuta la relativa spesa la richiesta deve
essere corredata dalla seguente documentazione:
a) attestazione recante data non anteriore ai 180 giorni precedenti la richiesta, da parte
della competente struttura pubblica, della straordinarietà delle terapie e degli interventi
attinenti gravissime situazioni, ai sensi dell’art. 11 comma 7 del Decreto Legislativo
252/05. Tale attestazione rilasciata dalle strutture pubbliche non preclude all’aderente
la possibilità di scelta della struttura sanitaria, anche privata, italiana od estera, presso
la quale effettuare la terapia o l’intervento;
b) autocertificazione attestante la richiesta nonché l’impegno a fornire successivamente le
fatture e le ricevute fiscali comprovanti le spese effettivamente sostenute;
c) preventivo, firmato per accettazione da parte dell’iscritto, recante data non anteriore ai
180 giorni precedenti la richiesta. Resta inteso che l’associato si impegna a consegnare
le fatture e le ricevute fiscali attestanti gli oneri effettivamente sostenuti entro 30 giorni
dalle emissione delle stesse;
d) fotocopia della carta d’identità del richiedente e del soggetto in relazione al quale si
chiede l’anticipazione.
e) Nel caso si richieda l’anticipazione per spese sanitarie per il coniuge, ai figli o agli altri
familiari fiscalmente a carico, deve essere trasmesso certificato di stato di famiglia con
l’indicazione del rapporto di parentela.
f) Il Fondo si riserva la possibilità di richiedere all’associato ulteriore documentazione a
supporto della validazione della domanda di anticipazione.
Articolo 8 - Documentazione probatoria acquisto prima casa di abitazione
1. La richiesta di anticipazione per acquisto prima casa deve essere corredata dalla
documentazione di seguito indicata in relazione alle diverse situazioni.
2. In caso di acquisto di prima casa di abitazione da terzi deve essere prodotta la seguente
documentazione:
a) autocertificazione da cui risulti la residenza anagrafica o l’intenzione di voler trasferire
entro 18 mesi dall’acquisto la propria residenza nel comune ove è ubicato l’immobile in
oggetto;
b) autocertificazione da cui risulti la non titolarità, anche in comunione, di alcun diritto
reale di proprietà relativamente ad altre abitazioni nel territorio del comune ove è
ubicato l’immobile;
c) copia dell’atto notarile di compravendita ovvero, in caso di acquisto in itinere, copia del
contratto preliminare di compravendita registrato presso l’Agenzia delle Entrate, nonché
copia delle quietanze o dei bonifici degli acconti pagati. Tali atti devono avere data non
antecedente a 540 giorni alla richiesta di anticipazione. In caso di acquisto in itinere il
rogito notarile deve essere trasmesso non appena disponibile;
d) certificato di stato di famiglia con l’indicazione del rapporto di parentela, in caso di
acquisto di immobile da parte di soggetto diverso dall’associato; in caso di acquisto a
favore del coniuge del/la figlio/a dell’associato, occorre presentare una
autocertificazione del/la figlio/a dell’associato dalla quale risulti il regime legale della
comunione dei beni tra coniugi;
e) dichiarazione di veridicità della documentazione trasmessa;
f) fotocopia della carta d’identità del richiedente e del soggetto in relazione al quale si
chiede l’anticipazione.
g) Il Fondo si riserva la possibilità di richiedere all’associato ulteriore documentazione a
supporto della validazione della domanda di anticipazione.
Testo in vigore dal 29.05.2014
5
FONDO PENSIONE PRIAMO
3. In caso di acquisto prima casa di abitazione in cooperativa deve essere prodotta la seguente
documentazione:
a) autocertificazione da cui risulti la residenza anagrafica o l’intenzione di voler trasferire
entro 18 mesi dall’acquisto la propria residenza nel comune ove è ubicato l’immobile in
oggetto;
b) autocertificazione da cui risulti la non titolarità, anche in comunione, di alcun diritto
reale di proprietà relativamente ad altre abitazioni nel territorio del comune ove è
ubicato l’immobile;
c) copia dell’estratto della delibera del consiglio di amministrazione della cooperativa
attestante la assegnazione in proprietà dell’alloggio e la documentazione dei pagamenti
già sostenuti e, non appena possibile, copia dell’atto notarile di conferma della
compravendita dell’alloggio;
d) copia del documento attestante l’acquisto della proprietà del terreno da parte della
cooperativa;
e) copia della dichiarazione di inizio lavori;
f) certificato di stato di famiglia con l’indicazione del rapporto di parentela, in caso di
acquisto di immobile da parte di soggetto diverso dall’associato; in caso di acquisto a
favore del coniuge del/la figlio/a dell’associato, occorre presentare una
autocertificazione del/la figlio/a dell’associato dalla quale risulti il regime legale della
comunione dei beni tra coniugi;
g) dichiarazione di veridicità della documentazione trasmessa;
h) fotocopia della carta d’identità del richiedente e del soggetto in relazione al quale si
chiede l’anticipazione.
i) Il Fondo si riserva la possibilità di richiedere all’associato ogni altra documentazione per
la validazione della richiesta di anticipazione.
4. In caso di costruzione in proprio deve essere prodotta la seguente documentazione:
a) autocertificazione da cui risulti la residenza anagrafica o l’intenzione di voler trasferire
entro 18 mesi dall’acquisto la propria residenza nel comune ove è ubicato l’immobile in
oggetto;
b) autocertificazione da cui risulti la non titolarità, anche in comunione, di alcun diritto
reale di proprietà relativamente ad altre abitazioni nel territorio del comune ove è
ubicato l’immobile;
c) copia della concessione edilizia;
d) copia del titolo di proprietà del terreno;
e) copia del contratto di appalto o dei preventivi di spesa aventi data non anteriore ai 180
giorni precedenti la richiesta;
f) copia della dichiarazione di inizio lavori ovvero dichiarazione di fine lavori;
g) copia delle fatture che attestino lo stato di avanzamento dei lavori effettuati:
progettazione, acquisto di materiali, esecuzione dei lavori aventi data non anteriore ai
180 giorni dalla richiesta;
h) relazione di conformità dei lavori alle vigenti disposizioni di legge;
i) copia di attestazione di pagamento degli oneri di urbanizzazione;
j) imposta sul valore aggiunto, imposta di bollo e diritti pagati per le concessioni e le
autorizzazioni;
k) certificato di stato di famiglia con l’indicazione del rapporto di parentela, in caso di
acquisto di immobile da parte di soggetto diverso dall’associato; in caso di acquisto a
favore del coniuge del/la figlio/a dell’associato, occorre presentare una
autocertificazione del/la figlio/a dell’associato dalla quale risulti il regime legale della
comunione dei beni tra coniugi;
l) dichiarazione di veridicità della documentazione trasmessa;
m) fotocopia della carta d’identità del richiedente e del soggetto in relazione al quale si
chiede l’anticipazione.
n) Il Fondo si riserva la possibilità di richiedere all’associato ulteriore documentazione a
supporto della validazione della domanda di anticipazione.
Testo in vigore dal 29.05.2014
6
FONDO PENSIONE PRIAMO
5. In caso di ristrutturazione della prima casa deve essere prodotta la seguente
documentazione:
a) copia dell’atto notarile di compravendita attestante la proprietà dell’immobile
da ristrutturare come prima casa di abitazione. Si intende prima casa dell’aderente
anche la casa acquistata dal coniuge a condizione che i coniugi abbiano adottato il
regime legale di comunione dei beni. Per prima casa di abitazione si intende quella per
la quale sono riconosciute le agevolazioni fiscali in materia di imposta di registro e di
imposta sul valore aggiunto, incluso l’immobile acquistato a titolo di successione
ereditaria, di donazione o permuta.
b) se gli interventi riguardano parti comuni dell’immobile, copia della delibera assembleare
e della tabella millesimale di ripartizione delle spese;
c) copia delle fatture o ricevute fiscali (aventi data non anteriore ai 120 giorni antecedenti
la richiesta) intestate all’interessato o al condominio attestanti le spese sostenute
ovvero i preventivi di spesa firmati per accettazione (recanti data non anteriore ai 180
giorni antecedenti la richiesta) nonché copia dei bonifici bancari o delle quietanze a
comprova dell’avvenuto pagamento. Dalla ricevuta deve risultare la causale del
versamento ed il beneficiario. Nel caso di richiesta di anticipazione su presentazione del
preventivo resta inteso che l’associato si impegna a presentare copia delle fatture o
delle ricevute fiscali nei 30 giorni successivi alla loro emissione.
d) Nel caso in cui l’importo complessivo dei lavori superi i € 50.000 deve essere prodotta,
inoltre, la dichiarazione di esecuzione dei lavori sottoscritta da un professionista
abilitato (per gli interventi di manutenzione straordinaria), ovvero dal responsabile della
ditta appaltatrice (per gli interventi di manutenzione ordinaria).
e) In caso di anticipazione richiesta per gli interventi di ristrutturazione sulla prima
abitazione dei figli dovrà essere allegato, inoltre, un certificato di stato di famiglia,
rilasciato dal comune di residenza, attestante il rapporto di parentela; in caso di
ristrutturazione a favore del coniuge del/la figlio/a dell’associato, occorre presentare
una autocertificazione del/la figlio/a dell’associato dalla quale risulti il regime legale
della comunione dei beni tra coniugi;
f) copia della concessione, dell’autorizzazione ovvero della comunicazione di
inizio dei lavori, se previste dalla normativa edilizia;
g) dichiarazione di veridicità della documentazione trasmessa;
h) comunicazione alla ASL, ove necessaria in base alle norme sulla sicurezza dei cantieri;
i) fotocopia della carta d’identità del richiedente e del soggetto in relazione al quale si
chiede l’anticipazione.
l) Il Fondo si riserva la possibilità di richiedere all’associato ulteriore documentazione a
supporto della validazione della domanda di anticipazione.
L’Anticipazione è erogabile in relazione a fatture e documenti fiscali emessi nei
antecedenti la data della richiesta.
120 giorni
Articolo 9 - Documentazione richiesta per il caso di ulteriori esigenze
1. Nel caso di richiesta di anticipazione per ulteriori esigenze unitamente al modulo di richiesta
deve essere allegato unicamente il documento di identità del richiedente.
Articolo 10 - Modalità di inoltro della documentazione
1. La documentazione dovrà essere prodotta dall’aderente in copia dichiarata conforme
all’originale dallo stesso con apposizione della propria firma e non sarà restituita dal Fondo.
Articolo 11 - Richiesta di integrazione documentale
1. Il Fondo, nei 30 giorni lavorativi successivi alla ricezione della richiesta di anticipazione, ove
verifichi la incompletezza ovvero la incongruità della documentazione probatoria trasmessa
laddove richiesta, chiede all’associato di provvedere alla integrazione documentale necessaria.
Testo in vigore dal 29.05.2014
7
FONDO PENSIONE PRIAMO
2. In caso di richiesta di integrazione documentale il decorso del termine di cui al successivo
articolo 12, comma 1, decorre per nuovamente dalla data di ricezione della integrazione
documentale.
Articolo 12 - Accoglimento o rigetto della richiesta di anticipazione
1. Il Fondo, verificata laddove richiesta la completezza e la congruità della documentazione
probatoria trasmessa, provvede alla erogazione della anticipazione entro 120 giorni dalla
data di ricezione della richiesta.
2. In caso di posizione gravata da vincolo relativo alla cessione del quinto ai sensi del
precedente articolo 5, il decorso del suddetto termine è sospeso nelle more del ricevimento
da parte della Società Finanziaria della liberatoria ovvero del conteggio estintivo.
3. Il Fondo, in caso di evidente infondatezza della richiesta di anticipazione ovvero nel caso di
impossibilità per qualsiasi causa di procedere alla erogazione della anticipazione, informa ,
l’associato, tramite comunicazione scritta, il rigetto della richiesta entro 30 giorni dalla data
di ricezione della richiesta.
4. Il Fondo verifica le domande di anticipazione e i documenti trasmessi a supporto ed in caso
di incompletezza, informa l’associato, tramite comunicazione scritta, della richiesta di
integrazione entro 30 giorni dalla data di ricezione della richiesta.
5. In presenza di vincolo sulla posizione previdenziale dipendente da prestito assistito dalla
garanzia della retribuzione, la richiesta di anticipazione per acquisto prima casa,
ristrutturazione prima casa e ulteriori esigenze , deve essere comunque rigettata in caso di
mancanza della liberatoria quando la Società Finanziaria che ha erogato il prestito.
6. La richiesta di anticipazione deve essere rigettata se ha per oggetto un importo inferiore a
2.000,00 (duemila) euro al lordo delle imposte di legge.
7. Per tutte le anticipazioni per le quali si prevede la possibilità di erogazione sulla base di un
preventivo, l’aderente si assume la responsabilità per le conseguenze nei confronti
dell’Amministrazione Finanziaria e del Fondo stesso, derivanti da dichiarazioni mendaci o
dalla mancata trasmissione della documentazione comprovante l’avvenuta assunzione delle
spese sostenute.
8. Qualora la richiesta di anticipazione sia corredata da documentazione preliminare
(preventivi di spesa), la documentazione a chiusura della richiesta erogata, comprovante
l’avvenuta assunzione delle spese sostenute (fatture), deve essere inviata al Fondo
tempestivamente, successivamente dalla data di erogazione dell’anticipazione.
9. In caso di mancata trasmissione della documentazione di cui al precedente punto 7, non
saranno accolte le richieste di anticipazione avanzate da aderenti che non abbiano
debitamente documentato le precedenti erogazioni ottenute.
Articolo 13 - Modalità di pagamento
1. L’erogazione della prestazione è effettuata esclusivamente tramite bonifico bancario
accreditato sulla base delle coordinate bancarie indicate nel modulo compilato dall’aderente.
Articolo 14 - Reintegro delle anticipazioni
1. Le somme erogate a titolo di anticipazione possono essere reintegrate dall’aderente, ai sensi
dell’art. 11, comma 8 del D. Lgs. 252/2005, in qualsiasi momento, anche mediante
contribuzioni annuali eccedenti il limite di deducibilità di euro 5.164,57.
2. Il versamento dovrà essere eseguito tramite bonifico bancario con causale “Reintegro
anticipazioni” seguito dal codice fiscale dell’aderente secondo modalità da definire con il Fondo.
Testo in vigore dal 29.05.2014
8
FONDO PENSIONE PRIAMO
AVVERTENZA
Ai sensi dell’art. 11 comma 4 del Decreto Legge n. 174, G.U. 10 ottobre 2012 (convertito dalla
legge 07 dicembre 2012 n. 213, G.U. 7 dicembre 2012), per le richieste di anticipazione di cui
all’articolo 11, comma 7, lett. b) e c) del D.Lgs. 252/05 avanzate da parte degli aderenti
residenti nelle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, si
applica in via transitoria quanto previsto dall'articolo 11, comma 7, lettera a) del citato D.Lgs.
252/05. Tale disciplina transitoria ha durata triennale e si applica alle domande inviate al
Fondo nel periodo intercorrente fra il 22 maggio 2012 e il 22 maggio 2015.
Testo in vigore dal 29.05.2014
9
Fly UP