...

Rotazione della terza falange

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Rotazione della terza falange
Rotazione della terza falange: la
fine di una carriera sportiva?
Dr. Massimo Magri
Clinica Veterinaria Spirano
Scopi della presentazione
Riportare le esperienze personali nel
trattamento della rotazione della
terza falange.
Richiami anatomici
Terza falange
Tendine flessore
profondo delle
falangi
Apparato
lamellare
Muraglia
elementi fondamentali:
elementi fondamentali:
•Apparato lamellare
•Muraglia
Meccanismo di rotazione della
terza falange
Normale trazione
del tendine
flessore profondo
delle falangi
Cedimento di uno
dei sistemi di
sostegno
rotazione della
terza falange con
asse anteroposteriore
Cause
Laminite
Tarlo (malattia della linea bianca)
Gradi di gravità
Indispensabile eseguire radiogrammi
in proiezione latero-laterale
Valutare le condizioni dello zoccolo
– cerchiature della muraglia
– profilo anteriore concavo
– suola piatta o convessa
Valutare il grado di zoppia
Cause: tarlo
Rotazione della terza falange solo nel
caso i cui sia interessata la punta
Assenza di segni caratteristici
all’esame esterno
Zoppia da assente a lieve
Possibile peggioramento anche
grave dopo asportazione della parte
Tarlo: rotazione della terza falange
Tarlo
TERAPIA
È sufficiente asportare la parte
interessata. Nel caso si desideri
ricostruire la muraglia è consigliabile
applicare un sottile strato di materiale
inerte (pongo).
Cause: laminite
È sicuramente la principale causa di rotazione
Scopi della terapia:
Fase acuta: prevenire o limitare la
rotazione
Fase cronica: cercare di ristabilire i
normali rapporti tra osso e muraglia
per ottenere un piede “normale”
Fase acuta
Sistemi per prevenire la rotazione
Ferro con traversa a cuore fissa o
regolabile
Ferro con solette ai talloni
Ferro con talloni rialzati
Supporto ai talloni (Lilly pad) dr.
Redden
Solette in poliuretano fissate con
nastro
Scarpetta di gesso (prof. Huskamp)
Ferro con traversa a cuore fissa o
regolabile
Solette in poliuretano fissate con
nastro
Laminite: fase acuta
Alzare di circa 18°i talloni diminuisce
la tensione del flessore profondo
limitando il rischio di rotazione.
( dr.Ric Redden)
Per ottenere ciò preferisco utilizzare il
metodo proposto dal prof. Huskamp
(scarpetta di gesso)
Scarpetta di gesso
vantaggi
Consente di ottenere il rialzo desiderato,
fornendo un ottimo appoggio a tutta parte
posteriore del piede
Non necessita di particolari attrezzature
Semplice da applicare e adattabile a
qualsiasi conformazione di zoccolo
Ottima durata nel tempo e resistenza
all’usura
Facilmente asportabile
Scarpetta di gesso
Scarpetta di gesso
Scarpetta di gesso
applicazioni
Utilizzare prima possibile in tutti i
casi di laminite acuta
Utilizzare in caso di improvviso
peggioramento (dopo grooving o
dopo asportazione della muraglia)
Mantenere fino alla remissione dei
sintomi o alla loro stabilizzazione
Scarpetta di gesso
asportazione
MOLTO IMPORTANTE
Quando si decide di togliere la scarpetta di
gesso, applicare un rialzo ai talloni
(solette) in modo di mantenere la
precedente inclinazione.
Si provvederà poi a diminuire gradualmente
l’inclinazione fino ad ottenere un normale
appiombo.
Scarpetta di gesso
asportazione
Scarpetta di gesso
asportazione
Scarpetta di gesso
Con gesso
asportazione
Con solette
Laminite: fase cronica
Verificare molto accuratamente che
la terza falange sia ormai stabilizzata,
eventualmente con radiogrammi
ripetuti nel tempo
importante La prognosi è inversamente
proporzionale alla gravità della
rotazione
Laminite fase cronica
Il metodo migliore, a mio parere, per
ottenere nuovamente un normale
allineamento della terza falange con la
muraglia è la tecnica del solco in
corona (grooving) proposta da
Fergusson.
In alternativa è possibile asportare
tutta la muraglia in punta, ma questo è
un metodo più invasivo.
Trattamento conservativo
Asportazione parete anteriore
Grooving
vantaggi
Semplice e veloce da realizzare
Richiede un’attrezzatura minima
È una tecnica relativamente poco
invasiva
Discreti risultati
Grooving
Meccanismo d’azione
Secondo gli autori il beneficio della
tecnica del grooving è nella diminuzione
della compressione del letto vascolare a
livello della corona
Personalmente ritengo che esista anche
una notevole componente meccanica che
consente il normale scorrimento
dell’unghia durante la crescita.
Componente meccanica
Grooving
Tecnica d’esecuzione
Asportare, con una fresa o con una
raspa, una porzione di muraglia di
circa cm. 1,5 a circa cm.2 dalla
corona (fare radiografie).
Bisogna raggiungere lo strato lamellare corneificato, estendendo il solco
dalla punta ai quarti.
Grooving
Tecnica d’esecuzione
Grooving
Tecnica d’esecuzione
Prima
Dopo
Grooving
Tecnica d’esecuzione
Grooving
complicazioni
Infezione secondaria
In caso di eccessiva profondità del solco
Necrosi da surriscaldamento
In caso di utilizzo di fresa elettrica
Ripresa della rotazione
Cedimento meccanico con distacco
della parte distale
Peggioramento della zoppia
Grooving
Cedimento meccanico
complicazioni
Rotazione della terza falange: la
fine di una carriera sportiva?
La rotazione della falange non sempre
rappresenta una complicazione
irreversibile. È possibile, in alcuni casi,
ottenere una completa guarigione.
Grooving
guarigione
Prima
Dopo sei mesi
Grooving
Dopo sei mesi
Guarigione
Grooving
evoluzione
Dopo
5 mesi
Prima
Grooving
evoluzione
Molto importante
I cavalli sottoposti a grooving
necessitano di controlli periodici,
ogni 2-3 mesi, per valutare la crescita
dell’unghia nel tempo, intervenendo
con le opportune correzioni.
Meglio programmare i controlli in
anticipo, avvertendo il proprietario.
Take home message
Selezionare molto attentamente i casi
per decidere il miglior trattamento per
ogni singola situazione
Mantenere sempre un atteggiamento
di estrema prudenza circa la prognosi
Esporre le alternative terapeutiche se
ne esistono di valide
Fly UP