...

Kerakoll Catania, ripresa da favola Volley Valley, una piacevole

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Kerakoll Catania, ripresa da favola Volley Valley, una piacevole
LA SICILIA
MERCOLEDÌ 6 APRILE 2011
20. lo SPORT. VOLLEY
Kerakoll Catania, ripresa da favola
A2 maschile
Gela, è cominciato il progetto salvezza
B1 maschile. Cittadino ha recuperato: «Sette punti dopo 6 ko sono un buon bottino. Vogliamo continuare» Il tecnico Rigano: «Sì, possiamo farcela»
La pallavolo per lui ormai è un «lavoro», ma anche «uno dei più belli»; il
suo mondo, Marco Cittadino, classe
’84, centrale di peso della Kerakoll Catania di B1, ama raccontarlo così, con
serietà e caparbietà, la stessa che lo
porta a dire: «A questo sport ho dato
tanto e tanto mi è stato dato. Ogni
stagione è una storia che, nel bene o
nel male, ti fa crescere e ti lascia tanto;
ci sono persone che resteranno sempre, momenti, gioie e dispiaceri. È proprio bella la pallavolo».
I problemi fisici alla spalla non
l’hanno fermato, se non per un breve
periodo, poi è tornato in campo per
dare il suo contributo alla squadra del
presidente Sabister, guidato da coach
Bonaccorso, che l’ha voluto dopo la
sua conclusione col Brolo, nella scorsa stagione, e con lui anche tutta la
squadra è ritornata a sorridere. «Il problema alla spalla è stato duro da superare - ammette - più che altro perché
ho saltato 6 partite e tanti allenamenti e per me questa è la cosa peggiore».
Dopo la partita contro Ortona, in
cui era ritornato a ricoprire il suo ruolo, aveva confessato di voler dare il
meglio e mostrando la sua tenacia,
nonostante il recupero non fosse ancora completo, aveva dichiarato «dovrò lavorare tanto di più ma sono convinto di farcela. Avevo voglia di riprendere e finalmente sono sceso in
campo: abbiamo conquistato la vittoria dopo 6 sconfitte, fatto importante».
Dopo Matera e l’ultima partita col
Club Italia sabato scorso, la ripresa è
ancora lenta, ma questo gigante dal
cuore grande, implacabile con gli avversari e leale con i suoi amici, ha un
unico pensiero: «Riunirmi al gruppo e
finire il campionato cercando il meglio
da me stesso». Dopo una prima esperienza siciliana nel 2006 sempre a
Brolo, le parentesi di Lamezia e Cortona, la scorsa stagione ancora a Brolo, in
questa stagione, ormai quasi finita, il
suo orizzonte ha incrociato le ambizioni della società catanese e lui ha
detto sì ad un gruppo nuovo e a nuove motivazioni: «Cambiare è sempre
un’incognita ma il gruppo c’è ed è anche stupendo e per quanto riguarda il
coach, mi trovo bene con lui, mi piace
tanto come prepara le gare. È un bel
caratterino, ma da parte mia ha stima
e fa parte del gruppo».
Un bilancio di questa esperienza e i
suoi progetti futuri lasciano spazio al
proseguo dell’avventura, magari con
qualche rimpianto in meno: «L’esperienza catanese, purtroppo è stata caratterizzata dal mio infortunio, ci sono
rimpianti per come è andata a finire a
livello di classifica, ma è inutile versare lacrime sul latte versato, ora c’è da
pensare a finire la stagione il meglio
possibile, ci sono ancora tante soddisfazioni da toglierci. Sono contento
che da quando sono tornato abbiamo
FINALI NAZIONALI BOY LEAGUE
GIOVANNI FINOCCHIARO
preso 7 punti su 9. Per il futuro non mi
esprimo ma a Catania ho avuto a che
fare con una società molto seria e corretta: persone genuine che, purtroppo
per la pallavolo di oggi, sono rarissime.
Quando partirò ringrazierò la società,
augurando tutto il bene possibile; se
tornerò sarà un’altra bella avventura».
IN ALTO
Marco Cittadino
in attacco
durante il match
Kerakoll CataniaClub Italia
SAMANTHA VIVA
B2 FEMMINILE: ETNEE PRIME IN CLASSIFICA
Gupe, onorevolissimo quinto posto Tremestieri a un passo dal salto in B1
Gulisano: «Un risultato gratificante» Maccarone: «Io faccio finta di nulla...»
La Gupe Ct u. 14 maschile s’è clasgliato una sola partita, riscattansificata quinta alla Final Six della
doci e mettendo paura alla corazBoy League, a Sestola. Dopo l’inzata Treviso. L’emozione, per
felice debutto contro Milano (0molti dei nostri, è stata grande,
3), i ragazzi di Gulisano, Trombetma bisogna considerare che erata, Petrone hanno lottato (1-2)
no alla loro prima vera esperiencon la Sisley Tv, futuri vincitori
za in campo nazionale. Arrivare
del torneo, chiudendo con un 2-0
in finale, su 30 contendenti è stanetto sul Merano nella finalina IL PROF. GULISANO
to gratificante. Esprimo soddisfaper il 5’ posto.
zione, assieme a Petrone e TromÈ stata una due giorni appassionante, ric- betta per l’ottimo lavoro sin qui svolto dal
ca di talenti in mostra, tra tutti Zoppellari nostro ancor giovane sodalizio. Ricordiamo
(opposto di Padova), Durigon (universale di che la Gupe aveva superato brillantemente
Treviso), Simoni (martello) e Baratti (regista) i concentramenti di Modena, Carpi, Fano, S.
di Milano. «Forse con un po’ di attenzione in Croce, con 7 successi e un solo ko per 2-1».
più - ha affermato il prof. Gulisano - potevaLa Gupe, campione provinciale u. 14, dimo guadagnare una posizione, ma il nostro sputerà le regionali per arrivare alla fase
livello attuale è questo e sono felice della scudetto (fine maggio, a Padova). Ben 40
prestazione dei miei ragazzi. Abbiamo sba- catanesi hanno seguito i ragazzi a Sestola.
La prima promossa della staMaccarone ha conquistato
gione potrebbe essere l’Orizsette promozioni, in carriera:
zonte Tremestieri femmini5 con la Winner, condotta dalle, club di B2 che ha bruciato
la Seconda Divisione alla B2,
le tappe, arrivando al dunque
uno con il Clan, un altro con il
con ben quattro turni di antiVolley Club Ct: «La B2 attuale
cipo.
è un campionato molto equiLe ragazze allenate dal giolibrato. Gela e Pallavolo Sicilia
vane-veterano Piero Macca- PIERO MACCARONE
erano le superfavorite, noi abrone, sabato riceveranno il
biamo vinto due volte con le
Cinquefrondi, secondo in graduatoria: catanesi e una con il Gela che andremo
«Sarà un confronto come gli altri - mini- ad affrontare in casa tra due settimane.
mizza il tecnico etneo - loro hanno l’ul- Speriamo di arrivare a quella trasferta
tima possibilità per sperare nell’aggan- con... la felicità nel cuore».
cio al primo posto, nonostante il nostro
Sabato, intanto, l’impianto di Tremeottimo quoziente set (8 parziali appena, stieri sarà, come sempre, stracolmo di
persi, ndr) a noi piacerebbe vincere in tifosi, altra vera forza di questo giovane,
casa per legittimare una stagione ad al- ambizioso club.
G. FIN.
to livello di prestazioni».
UNDER 18 FEMMINILE ETNEO
La Teams Catania rinnova la tradizione
Gravagno: «Che duello col Caltagirone»
Le ragazze della Teams Volley Catania, allenate da Ina Baldi, vittoriose nell’under
18 femminile etneo, rinnovando una solida tradizione
Fino all’ultimo respiro. La Teams Volley festeggia il titolo Under 18 donne etneo, completando la straordinaria rimonta e vincendo
alla bella il duello con il Caltagirone. La formazione torna a vincere dopo 8 anni e di
candida a un ruolo importante in campo regionale. La fase interprovinciale si giocherà il
19.
«È un gruppo sul quale puntiamo molto - afferma il presidente Elio Gravagno - infatti alcune di loro sono in pianta stabile in Serie C.
In particolare mi riferisco a Marino, Puleo,
Giambirtone, Arena, Costantino, De Luca. La
finale è stata emozionante. Il Caltagirone l’avevamo battuta, nel girone. E la sconfitta in
casa nostra è stata una scossa e un brusco risveglio. Pensavamo forse di aver già vinto. Sono servite due gare incerte per spuntarla, festeggiando nella bella di Militello. Nota di
merito per Roberta Chiesa che, dopo il ritor-
no dall’esperienza napoletana, è stata determinante».
Risultati importanti che danno ragione alla
vostra politica societaria.
«Questo risultato è frutto di una programmazione biennale tecnica ed economica. Ringraziamo chi ci ha sostenuto: Tttines ha creduto
in noi. In Serie C gli infortuni gravi di quattro
titolari non ci hanno permesso di ripetere la
straordinaria stagione».
La rosa è allenata da Ina Baldi e seguite anche
da Giuseppe Barbagallo: le registe Federica
Costantino e Daniela Puleo; le laterali Roberta Chiesa, Lucia Catania (prestito dallo
Zafferana), Gisella Battiato (dal Clan), Alessandra Marino, Rossella Arena; le centrali: Nicoletta De Luca, Alessia Giambirtone; i liberi
Demetra Famoso e Erika Marino, opposti:
Roberta Raciti, Roberta Spedalieri.
N. CUR.
UNDER 18 MASCHILE ETNEA: LA FASE FINALE
Volley Valley, una piacevole conferma
Dominio assoluto dalla prima all’ultima gara senza soste. La Volley Valley Catania non è certo una sorpresa.
Da protagonista annunciata la squadra di Giordano
Marino ha conquistato il secondo titolo di fila nell’Under 18 maschile etneo, bissando il successo conquistato nella passata stagione. La vittoria della società etnea è arrivata in due partite sull’Universal Tremestieri (3-1 nella gara d’andata e un netto 3-0 nel match di
ritorno).
L’obiettivo dichiarato è la conquista di un posto nell’ennesima finale nazionale che rappresenterebbe la degna
conclusione di due cicli consecutivi (1992-1993) che
resteranno nella storia della giovane società. Prima di
fare ritorno a Castellana Grotte, dove si svolgerà dal 9
al 12 giugno la kermesse tricolore, bisognerà vincere il
titolo regionale. La fase interprovinciale si giocherà l’11
maggio. I giovani di questo ciclo biennale hanno conquistato la salvezza in Serie C maschile con due turni
d’anticipo.
«Vorrei - afferma il presidente Marco Cutore - ringraziare sin d’ora tutti gli atleti e gli allenatori (dal prof.
Manlio Elia, a Vittorio Tranquillo, al prof. Paolo Reale fino al duo Giordano Marino e Carlo D’Urso ndr) che nel
corso di questi anni hanno dato il loro valido contribu-
to per il raggiungimento dei prestigiosi risultati, che
hanno fatto della Asd Volley Valley una importante
realtà nell’ambito della pallavolo siciliana».
La rosa a disposizione di Marino è molto valida: in prestito giovanile dalla Poiatti Giarratana è arrivato lo
schiacciatore Giovanni Chillemi. L’asse Pricoco-Arezzo
è di qualità. Il primo è una macchina in ricezione ma in
prima linea, grazie all’intesa con Tomaselli (in cabina
di regia è una garanzia), riesce a fare la differenza: due
anni fa lo premiarono al Foroni come migliore giocatore d’Italia). Il secondo è una garanzia in prima linea, che
il tecnico etneo sta schierando in Serie D nel ruolo di
opposto. I baby Nicotra e Carbone sono espressione del
vivaio (entrambi 95). Grazie all’accordo tra Volley Valley e Roomy hanno vinto anche nell’Under 16.
Nella foto in alto da sinistra: Giordano Marino (1°Allenatore), Francesco Scuderi (centrale, una garanzia in C),
Simone Cavallari, Simone Nicotra, Giovanni Chillemi,
Franco Arezzo, Federico Ventimiglia (mancino dispone di buoni margini di miglioramento), Carlo D’Urso
(2° Allenatore). In basso da sinistra: Mario Tomasello
(capitano), Tancredi Grillo, Francesco Pricoco, Dante
Calì, Alessio Fichera, Roberto Carbone.
N. C.
IL VOLLEY VALLEY CAMPIONE PROVINCIALE
La sfida sembrava impossibile. Due vittorie di fila, hanno consegnato al
Gela il passaporto per sognare concretamente la salvezza, in A2 maschile di volley. Gianpietro Rigano è il tecnico che ha portato, nell’ambiente,
una rinnovata fiducia.
Tre partite gestite da lei, Rigano, due successi consecutivi. Cos’è cambiato in palestra?
«Poco o nulla. I ragazzi hanno preso coscienza delle difficoltà in cui si trovavano. E, dunque, le affrontano passo dopo passo, con la consapevolezza di poter superare ogni ostacolo».
Tatticamente ha mutato assetto?
«No. Le vittorie sono frutto del lavoro in palestra. Un lavoro che si è sobbarcato il gruppo. Facciamo bene le cose che siamo in grado di fare».
E, esaminando le prove dei singoli?
«Abbiamo acquisito energie, molte energie grazie a Scott. Veloso, quando ha giocato, l’ha fatto al meglio».
Dopo le settimane da primo allenatore a Gela, le chiediamo: che gliel’ha
fatto fare accettare una A2 a rischio, lasciando una squadra di B2, il Tremestieri, che aveva riacciuffato per i capelli, traghettandola dalla zona play
out a un passo dai play off?
«Mi ha chiamato una società di A2, la massima espressione in Sicilia. Dinanzi a un appello del genere, ho risposto presente. Mi stimolava molto,
mi gratificava partecipare al mantenimento del titolo, il più importante
nella mia terra».
Magari ci riesce. Sembra che l’ambiente abbia ripreso quota.
«Se dovessi farcela, potrei mettere sulla carta d’identità: Gianpietro Rigano, professione allenatore».
Ma, in realtà, lei ha conquistato spesso risultati eclatanti. Siamo stati fortunati testimoni di un salto in B2, della Sicily Data Catania, costruita all’ultimo istante e con giocatori che non avevano trovato collocazione nei
clubn etnei. Ma anche il successo di Piazza, le esperienze a Gela e in A2, a
Catania...
«Credo che questa sia la sfida più difficile, anche perché dev’essere paragonata al livello attuale della serie A2».
Il 20 cominciate l’avventura nei play out, ospitando la vincente dei confronti tra Perugia e Mantova.
«Due avversarie di grande caratura. Nel Perugia giocano due vecchie conoscenze siciliane come Saitta e Tomasello».
E a Pasqua...
«Sì, a Pasqua c’è gara due in casa nostra. E vorremmo chiudere qui la... partita lunga».
Come ha organizzato la preparazione a questa fase? Conoscendo i suoi
metodi pensiamo a lunghe sedute video per studiare gli avversari e allenamenti fitti fitti.
«Intanto, mercoledì prossimo saremo a Segrate per due giorni. Affronteremo in amichevole la formazione di casa. Darò due giorni liberi, quindi
per dieci giorni ci concentreremo sull’obiettivo, senza pensare ad altro».
A Catania, la città in cui abita, Tremestieri potrebbe andare in B1, la Kerakoll si è salvata con ampio margine e potrebbe rilanciare le quotazioni.
«Tremestieri mi auguro possa cominciare un ciclo di lusso per il volley
femminile di vertice, che da Catania manca da tempo. Eccoci al maschile: la Kerakoll? Aspettiamo il prossimo anno per capire se ci sarà un rilancio definitivo. Credo che ci siano le condizioni».
Costanzo Sr campione provinciale Under 16
1ª divisione etnea: Pedara e Riposto in fuga
NUNZIO CURRENTI
La stagione entra nel vivo. In tutti i campionati si giocano sfide importanti. Ecco una rapida carrellata degli appuntamenti clou.
SORTEGGI GIOVANILI. Oggi, nella sede della Fipav Sicilia, saranno sorteggiati gli accoppiamenti e le sedi delle finali interprovinciali: i primi a scendere in campo l’11 aprile saranno le ragazze dell’Under 16 (13
aprile). Il 14 aprile si giocherà il preliminare tra la vincitrice dell’Under 18 ad Agrigento e la seconda classificata a Siracusa: la vincitrice
giocherà il turno interprovinciale. Il 18 aprile toccherà agli Under 14
maschile esordire sulla scena regionale: due giorni dopo si disputeranno i triangolari interprovinciali (tre gironi da tre). Il 21 aprile si giocherà
la seconda fase interprovinciale Under 14 donne. L’11 maggio si giocherà la poule decisiva nell’Under 18.
COSTANZO CAMPIONE. La Finnova Costanzo Volley di Siracusa è campione provinciale Under 16 femminile, conquistando così il primo titolo a solo pochi mesi dalla sua nascita. Le ragazze allenate da Franco
Rubera (secondo allenatore Antonella Scollo), nella palestra dell’istituto Sant’Angela Merici addobbata con decine di bandierine tricolore per festeggiare l’Unità d’Italia (è stato eseguito anche l’inno nazionale), hanno conquistato con un doppio 3 a 0 il triangolare di finale che
le vedeva contrapposte alla Pallavolo Augusta e alla Volley Pachino.
PRIMA DIVISIONE. Questi i risultati dei play off donne dove domina incontrastata la capolista Pedara. Alle spalle la Cyclopis Valverde di
Trombetta vince in casa dell’Indigo e vola in seconda posizione. In
campo maschile grande battaglia tra Jonia Team Riposto e la Roomy:
vince la prima per 3-2 al termine di una sfida infinita.
I risultati: La Zattera-Virlinzi 0-3, Royal Catena-Trinacria 3-2, IndigoCyclopis 1-3, Pedara-Teams Volley 3-0. Classifica: Pedara 48; Cyclopis
36; Indigo 35; Trinacria, Virlinzi e Royal 34; Team Volley 28; La Zattera 24.
Play out donne: Misterbianco-Vis Battiati 2-3, Vis Battiati-Usco Gravina 3-1, Gravina-Volley Team 7 Torri 0-3, Aldo Agosta-Misterbianco 13, Normanna-Papiro 2-3.
Classifica: Volley Team 7 Torri 27; Vis Battiati 22; Vizzini e Papiro 14;
Usco Gravina 11; Gravina 7; Normanna 7; Misterbianco 6.
Play off: Volley Club Etna-Olimpia 3-1, Usco Battiati-Arci Randazzo 32, Jonia-Roomy 3-2, Viagrande-Aquilia Sport 3-0.
Classifica: Jonia 43; Pallavolo Viagrande 42; Arci Randazzo e Volley
Club 32; Usco e Roomy 31; Olimpia 29; Aquilia 28.
Play out: Paternò-Volley Valley 0-3, Papiro-Aquila Bronte 1-3. riposa
Fz Catania. Classifica: Volley Valley e Aquila Bronte 23; Fz School 22;
Gupe 17; Paternò 7; Virtus Pedara 4; Papiro 2. Acli ritirata.
SECONDA DIVISIONE. In Seconda divisione donne la Liberamente Acicatena ha preso il volo. La Civetta insegue a quattro punti (38 punti in
14 gare, due in meno del sestetto catenoto). Risultati: Orizzonte Tremestieri-Acli Sport 0-3, Civetta-Elephant 3-0, Lavina-Liberamente
Acicatena 0-3, Pall. Sicilia-Pgs Luce 3-1.
Classifica: Liberamente Acicatena 42; Civetta 38; Acli 36; Mascalucia
35; Open 29; Lavina 23; Elephant 18; Athena 12; Pgs Luce 8; Pall. Sicilia 8; Orizzonte Tremestieri 0.
In Seconda divisione giovanile la Kerakoll ha ragione del Discobolo per
3-0. Classifica: Kerakoll e Gupe Universal 6; Fz Catania 4; Discobolo 2;
Volley Valley 0.
RECUPERI. Oggi si giocano due recuperi. In Prima divisione maschile
per i play out si affrontano la Gupe e il Pedara (alle 19.30). In Seconda divisione donne sfida tra l’Open e il Volley Mascalucia (alle 19).
Fly UP