...

PARLARE Livello - TED

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

PARLARE Livello - TED
PLIDA
Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri
Certificazione di competenza in lingua italiana
Novembre 2010
PARLARE
Livello
MATERIALE PER L’INTERVISTATORE
2
PLIDA
Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri
Certificazione di competenza in lingua italiana
PROVA ORALE
Livello C1
MATERIALE PER L’INTERVISTATORE
Durata totale: 10-15 minuti circa. La prova può essere sostenuta − a discrezione dei candidati −
in coppia o singolarmente.
La prova del livello C1 è composta di 3 parti: presentazione, interazione guidata e monologo.
La presentazione ha il solo scopo di abbassare la tensione da esame e far parlare il candidato
su un argomento non troppo personale ma a lui molto noto: generalmente l’intervistatore, dopo
essersi presentato, chiede al candidato di presentare brevemente sé stesso e descrivere gli usi che
intende fare della lingua italiana in futuro.
L’interazione guidata prevede la partecipazione attiva del candidato alla conversazione:
l’intervistatore presenta una situazione adatta al livello e chiede di risolvere un compito.
Il monologo deve essere svolto dai candidati su un tema scelto da una lista di tre argomenti
proposti dall’intervistatore. Il candidato ha a disposizione qualche minuto per scegliere
l’argomento preferito e organizzare le idee; può prendere qualche appunto ma non può
utilizzare materiali personali. L’intervistatore è tenuto a sostenere il colloquio con osservazioni,
suggerimenti e brevi commenti su quello che dice il candidato.
1. Presentazione (1 minuto circa).
Il candidato dovrà presentarsi spiegando in modo chiaro i suoi progetti futuri.
2. Interazione guidata (5-7 minuti).
In questa parte il candidato dovrà risolvere situazioni relative ad argomenti non familiari,
anche presentati in modo allusivo o scherzoso; dovrà partecipare attivamente alla
conversazione con l’intervistatore o con un altro candidato facendo domande adatte
all’argomento e ben formulate, commenti appropriati, proposte alternative a quelle degli altri,
spiegando con spontaneità la sua opinione, motivando le sue scelte, e contrapponendosi con
valide argomentazioni a quanto detto dagli altri. L’intervistatore suggerisce un tema scelto
dalla lista seguente, tenendo conto delle caratteristiche del candidato e modificando la scelta
dell’argomento nel caso in cui non si rivelasse adatto al candidato stesso. A discrezione
dell’intervistatore, è possibile lasciare al candidato un breve lasso di tempo per riflettere sul
tema proposto. L’intervistatore è tenuto a incoraggiare la conversazione tra i candidati nel caso
di un esame sostenuto in coppia; se il candidato è uno solo, l’intervistatore sosterrà una
conversazione con lui.
Gli argomenti di conversazione potranno essere scelti dalla lista seguente:
3
1. State cercando una casa per vivere a Roma perché il prossimo mese vi
dovrete trasferire per motivi di lavoro. Attraverso un giornale di annunci
avete preso appuntamento per visitare un appartamento: durante la visita vi
accorgete però che è decisamente diverso da come il proprietario ve lo aveva
descritto per telefono: è molto più piccolo, poco curato, male attrezzato.
Dovete:
• descrivere con perplessità l'appartamento, evidenziando i difetti e
ironizzando sulle differenze fra la descrizione fornita a voce dal
proprietario e la realtà;
• spiegare per quali ragioni l'appartamento non può soddisfare le vostre
esigenze;
• commentare il comportamento poco corretto del proprietario.
(Indicazioni per l’intervistatore: siete una persona senza scrupoli e volete affittare
l'appartamento ad ogni costo. Cercate di convincere il possibile affittuario che
l'appartamento è migliore di quello che sembra, trascurando i difetti e sottolineando gli
aspetti positivi: Ha una splendida esposizione; I vicini sono molto tranquilli; È
vicino al centro ed è ben collegato con i mezzi di trasporto).
2. Lavorate da alcuni anni, con passione ed entusiasmo, in una società privata.
Quando un vostro collega va in pensione, pensate di poter finalmente
ricevere la tanto attesa promozione. Scoprite presto però che, malgrado a voi
vengano attribuite le responsabilità che il collega precedentemente aveva,
non riceverete nessuna promozione, né nessun aumento di stipendio. Siete
molto delusi e decidete di andare a parlare con il direttore:
• spiegate per quale motivo avete chiesto un colloquio e perché pensate di
meritare una promozione e un aumento dello stipendio;
• chiedete la ragione per cui, malgrado per voi aumentino le
responsabilità e il carico di lavoro, lo stipendio rimane invariato;
• cercare di esprimere la vostra delusione nei confronti dell’azienda a cui
avete dato tanto.
(Indicazioni per l’intervistatore: siete il direttore della società privata. Dovete motivare
la vostra scelta, determinata da ragioni economiche: è ancora presto per una sua
promozione; lei è molto giovane, dobbiamo prima essere certi che lei svolga bene il
suo nuovo compito; noi crediamo in lei, ma anche lei deve avere fiducia
nell’azienda).
3. Lavorate da molti anni in un negozio che vende articoli di lusso (orologi,
gioielli, ecc.). Avete sempre dimostrato grande professionalità, affidabilità e
onestà nel vostro lavoro e avete conquistato nel tempo la fiducia del
proprietario del negozio. Un lunedì mattina nel negozio dove lavorate
mancano alcuni oggetti di valore, ma non ci sono segni di effrazione. Il
4
proprietario del negozio vi accusa ingiustamente di avere commesso il furto
poiché siete l’unica persona ad avere le chiavi del negozio oltre a lui:
• dimostrate l’impossibilità del vostro coinvolgimento nel furto;
• esprimete la vostra indignazione per l’accusa che vi è stata mossa e
ricordate al proprietario la vostra lunga esperienza insieme;
• tentate di ricostruire insieme al proprietario quello che può essere
accaduto e ipotizzate il coinvolgimento di altre persone nel fatto.
(Indicazioni per l’intervistatore: siete il proprietario del negozio, siete fuori di voi
dalla rabbia e dalla preoccupazione per il furto subito; ve la prendete con la persona che
lavora con voi, ma poi vi rendete conto che la state accusando ingiustamente).
3. Monologo (3-5 minuti).
In questa parte verrà sottoposta al candidato una scelta di argomenti su temi che possano
rientrare nel suo campo di interesse: egli dovrà fare descrizioni precise e narrare avvenimenti
riferendo particolari, mettendo in evidenza gli aspetti principali dell’evento; dovrà dimostrare
di saper sostenere un ragionamento indicando vantaggi e svantaggi di ogni scelta.
Il tema potrà essere suggerito prendendo spunto dalla seguente lista di argomenti:
1. Nel suo libro sulla scuola italiana, il linguista Luca Serianni scrive:
«L’insegnante deve, più di quel che valga per altre professioni, credere al lavoro
che fa e scommettere su sé stesso, proponendosi agli allievi come un esempio
positivo […]. Come tutte le scommesse, si può vincere o perdere; ma se si vince,
ogni docente – dalle elementari in avanti – resterà un riferimento nitido costante
per l’allievo, anche quando il ragazzo sarà diventato adulto, e la sua lezione non
andrà dispersa».
Ripensando alla vostra esperienza scolastica, che tipo di docenti avete conosciuto?
Ritenete che siano stati un punto di riferimento negativo o positivo? Hanno inciso
unicamente sulla vostra educazione o anche sulla vostra formazione umana? Vi
viene in mente qualche episodio particolarmente significativo del vostro rapporto
con gli insegnanti?
2. Luca e Francesco Cavalli-Sforza, a proposito delle popolazioni che abitano le
foreste tropicali, ricordano:
«Le ultime società di primitivi tuttora esistenti non hanno futuro. Sono ridotte a
piccoli gruppi di individui, spesso solo poche centinaia o migliaia, e le economie
industriali e monetarie stanno distruggendo dappertutto il loro habitat e il loro
stile tradizionale di vita».
5
In che modo i paesi più ricchi ed industrializzati possono agire nei confronti dei
cosiddetti “popoli primitivi contemporanei”? Quali sono secondo voi gli aspetti
positivi e negativi del rapporto tra popolazioni diverse (per cultura, lingua,
religione, usi ed abitudini)? Che cosa possono comunicare e/o insegnare oggi queste
ultime società primitive? Quali soluzioni proporreste per la salvaguardia della
cultura e delle tradizioni delle minoranze etniche?
3. La giornalista Elena Lisa, in un articolo sugli anziani e la città pubblicato su
«La stampa», lancia questa proposta:
«I trentenni di oggi, gli anziani del futuro, osservino oggi la vita dei loro “nonni” e
pensino a come trasformare le città in cui vivono».
Riflettete sul sistema sociale e urbano delle metropoli moderne ed esprimete il
vostro giudizio sugli spazi e i servizi offerti oggi agli anziani nei centri urbani:
ritenete siano sufficienti? Quali sono le facilitazioni e quali le difficoltà e gli
inconvenienti? Come dovrebbe essere la città del futuro per essere realmente una
città a dimensione di anziano? Fate proposte concrete di possibili progetti ed
interventi per migliorare la vita degli anziani nelle metropoli di domani.
Fly UP