...

guida domanda online - Cassa depositi e prestiti spa

by user

on
Category: Documents
8

views

Report

Comments

Transcript

guida domanda online - Cassa depositi e prestiti spa
GUIDA DOMANDA ONLINE
COS'È “DOMANDA ONLINE” .......................................................................................................... 3
REGISTRAZIONE E ACCESSO AL SERVIZIO ....................................................................................... 4
REGISTRAZIONE NUOVI UTENTI................................................................................................................ 4
COME ACCEDERE.................................................................................................................................. 5
COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI PRESTITO ............................................................................ 7
PRIMO ACCESSO - BONIFICA DEI DATI ....................................................................................................... 7
INSERIMENTO DI UNA NUOVA DOMANDA .................................................................................................. 8
SELEZIONE PRODOTTO........................................................................................................................... 9
REQUISITI MINIMI PER L’ACCESSO AL CREDITO .......................................................................................... 10
COMPILAZIONE MODULI ...................................................................................................................... 11
Domanda di prestito ................................................................................................................. 13
Condizioni per il ricorso all’indebitamento e patto di stabilità interno..................................... 16
Capacità di indebitamento ....................................................................................................... 17
Certificazione parametri obiettivi ............................................................................................. 18
Informazioni sull’indebitamento dell’Ente ................................................................................ 19
DATI SOTTOSCRITTORE ........................................................................................................................ 20
DOCUMENTAZIONE RICHIESTA .............................................................................................................. 22
ELENCO PRATICHE .............................................................................................................................. 23
TRASMISSIONE DELLA DOMANDA ............................................................................................... 25
IL RESPONSABILE DELLA DOMANDA ........................................................................................................ 26
IL CARICAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE ............................................................................................. 27
CONFERMA DELLA TRASMISSIONE .......................................................................................................... 30
MONITORAGGIO ONLINE DELLA DOMANDA DI PRESTITO ........................................................... 32
FASE INTERLOCUTORIA ............................................................................................................... 33
ANNULLAMENTO DOMANDA DI FINANZIAMENTO ..................................................................................... 35
AFFIDAMENTO E CONTRATTO ONLINE ........................................................................................ 36
COMPILAZIONE E GENERAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE ......................................................................... 40
CARICAMENTO E TRASMISSIONE DELLA DOCUMENTAZIONE ......................................................................... 42
MONITORAGGIO ONLINE DEL CONTRATTO .............................................................................................. 44
CONTRATTO ANNULLATO .................................................................................................................... 46
CONTATTI .................................................................................................................................... 47
Ultimo aggiornamento del 06 Giugno 2016
2
Cos'è “Domanda online”
“Domanda online” (DOL) è un servizio web, ideato da CDP e riservato ai Comuni, alle
Province e alle Città Metropolitane, finalizzato a supportare l’Ente nelle fasi di
compilazione e di trasmissione della documentazione necessaria per perfezionare una
richiesta di prestito ordinario o flessibile.
L'utilizzo da parte degli Enti della DOL consente di raggiungere importanti risultati in
termini di efficienza ed efficacia, velocizzando i tempi di servizio grazie alla rapidità
propria del canale web.
3
Registrazione e accesso al servizio
Il servizio Domanda online è riservato agli utenti dei Comuni, delle Province e delle Città
Metropolitane registrati ai servizi dell’Area riservata dedicata agli Enti Locali e alla PA
(Portale Enti Locali e PA).
Registrazione nuovi utenti
Per registrarsi al Portale Enti Locali e PA è necessario:
1) accedere all’homepage del sito e cliccare su AREE RISERVATE
2) cliccare su Richiesta di registrazione
4
3) scaricare, compilare e inviare il modulo CDP02 secondo le seguenti istruzioni:

Con firma digitale: La richiesta dell’Ente, correttamente compilata, potrà
essere inviata telematicamente a CDP via Posta Elettronica Certificata (PEC)
dell'Ente all’indirizzo di PEC [email protected];

Senza firma digitale: Il documento dovrà essere anticipato in copia,
accompagnato dalla fotocopia di un valido documento di riconoscimento del
soggetto per il quale viene richiesta l’abilitazione, all’indirizzo di PEC
[email protected] ovvero a mezzo fax al numero +39 06
4221.2607. All'invio dei documenti in copia dovrà seguire l'invio degli originali
all’indirizzo:
Enti Pubblici – Registrazione Area Riservata ELPA
Cassa depositi e prestiti società per azioni
Via Goito, 4 00185 Roma
Come accedere
1) accedere al Portale Enti Locali e PA;
2) autenticarsi utilizzando le credenziali già in uso per il servizio “InCDP” (Username e
password) ovvero quelle rilasciate da CDP agli utenti per i quali è stata richiesta la
registrazione per l’utilizzo del servizio Domanda Online;
5
3) entrare nel “Portale dei Finanziamenti”;
4) selezionare il servizio Domanda Online.
6
Compilazione della domanda di prestito
Primo accesso - Bonifica dei dati
Al primo accesso al servizio è richiesto di aggiornare i dati relativi all’utente registrato e di
modificare la propria password. I dati inseriti saranno utilizzati per inviare la
documentazione prodotta e per altre finalità di comunicazione da parte di CDP.
7
Inserimento di una nuova domanda
Nella homepage del servizio Domanda Online, è presente un menù navigabile che, oltre a
fornire alcune informazioni di base, consente di scaricare la presente guida.
La procedura di compilazione della domanda di prestito si avvia cliccando sul pulsante
Inserisci nuova domanda.
Nell’esame della documentazione istruttoria per la concessione dei prestiti, CDP fa
affidamento sulla veridicità, completezza e liceità della documentazione, delle
informazioni e delle attestazioni fornite in piena autonomia dall’Ente.
In ogni caso, la concessione di un prestito è sempre subordinata:

alla verifica della documentazione fornita dall’Ente;

all’esito favorevole dell’iter istruttorio interno di CDP;

all’approvazione dei competenti Organi deliberanti di CDP.
Le condizioni economiche del prestito, tassi di interesse e maggiorazioni, sono
determinate, come di consueto, ad intervalli temporali predeterminati (es. su base
settimanale).
Qualsiasi richiesta di finanziamento che verrà presentata, utilizzando dati o informazioni
presenti sul sito CDP, è di esclusiva responsabilità dell’Ente.
La documentazione fornita da CDP, con format standardizzati ed uniformi, è necessaria
per effettuare l’istruttoria della pratica.
8
Selezione prodotto
Per avviare l’iter di compilazione di una nuova domanda è necessario confermare che
l’Ente debitore coincida con l’Ente beneficiario; diversamente non sarà possibile
procedere con la compilazione online.
Dopo aver selezionato “Si” alla voce descritta in precedenza, sarà possibile procedere
nella scelta del prodotto (prestito ordinario o prestito flessibile) e del tipo di investimento
oggetto del finanziamento1.
Compilati tutti i campi richiesti, il sistema rende disponibile un elenco riepilogativo della
documentazione istruttoria necessaria per la domanda di prestito (elencata nella relativa
scheda istruttoria disponibile per il download), eventualmente integrabile con ulteriore
documentazione, che sarà indicata nel prosieguo dell’iter di completamento della
domanda.
1
La presente guida fa riferimento all’iter previsto per la richiesta di un finanziamento per un investimento in “Opere e
lavori pubblici”. Per altri tipi di intervento (es. “Debiti fuori bilancio”, “Conferimenti di capitale e partecipazione azionaria”)
potrà essere richiesta la compilazione di ulteriori documenti.
9
Requisiti minimi per l’accesso al credito
In fase di verifica delle condizioni, l’utente prende visione del disclaimer proposto
e dichiara di possedere i requisiti minimi necessari per accedere al credito
E’ sufficiente che l’utente non sia in possesso di uno solo dei requisiti richiesti perché la
procedura sia interrotta.
10
Compilazione moduli
La compilazione guidata consente di inserire i dati necessari per produrre la domanda di
prestito e le relative attestazioni.
I passi necessari per la compilazione di ciascun modulo sono:
1. cliccare sul modulo da compilare
2. valorizzare tutti i campi richiesti
3. cliccare su Salva Modulo per validare e salvare i dati inseriti
Nel lato sinistro dei moduli sono presenti delle icone grafiche atte ad indicare lo stato di
completamento del modulo (rosso modulo non completo, verde modulo completo).
Utilizzare il pulsante Salva per salvare i dati ed il pulsante Torna ad elenco pratiche per
interrompere temporaneamente la compilazione guidata (in questo caso la domanda sarà
presente nell’Elenco pratiche in stato “Bozza”).
11
Si raccomanda la massima cura nella compilazione dei vari moduli e nella verifica dei
dati immessi.
All’interno dei moduli da compilare sono previsti dei testi guida per aiutare l’utente nella
comprensione di ciò che gli viene richiesto; inoltre alcuni campi si valorizzano in modo
automatico in base a precedenti selezioni dell’utente, rendendo più semplice e veloce la
compilazione.
12
Domanda di prestito
Oltre alla richiesta dei dati sulla situazione dell’Ente (presenza di operazioni in strumenti
derivati e di disavanzo di amministrazione negli ultimi due esercizi) è necessario inserire i
seguenti dati:
-
oggetto dell’appalto (da scegliere tra SOLA ESECUZIONE e FATTISPECIE TIPO
APPALTO CONCORSO);
-
tipo di intervento (COSTRUZIONE, MANUTENZIONE STRAORDINARIA o
RISTRUTTURAZIONE);
-
dati relativi alla domanda di prestito (importo richiesto, descrizione
dell’investimento, scelta del tipo di tasso di interesse e dell’inizio e durata
dell’ammortamento).
Per completare il modulo EP001 - Domanda di prestito2 è necessario inserire i dati relativi
al progetto da finanziare. Cliccando su Inserisci nuovo progetto è possibile inserire uno o
più progetti finanziabili nella stessa domanda di prestito.
2
La domanda di prestito è identificata dal codice EP001 per la domanda di prestito ordinario e dal codice EP014 per la
domanda di prestito flessibile.
13
Tra i dati relativi al progetto da finanziare è necessario inserire:
-
Tipologia oggetto finanziamento (suddiviso in 3 livelli progressivi di dettaglio);
-
Codice Unico Progetto (CUP)3;
-
Numero e data della delibera/determina di approvazione del progetto
definitivo/esecutivo.
Nel caso in cui il progetto non sia interamente finanziato con il prestito richiesto sarà
necessario compilare le informazioni relative ai mezzi finanziari aggiuntivi destinati alla
residua copertura del progetto stesso. In particolare, nel campo Contributi da terzi, dovrà
essere indicato l’importo delle eventuali contribuzioni ricevute da terzi (ad esempio:
Stato, Regione).
3
Se il CUP, previsto dall’art. 11 della L. 16/01/2003, n° 3, non è stato ancora acquisito, è possibile richiederlo collegandosi al
sito http://cupweb.tesoro.it/CUPWeb. Per assistenza rivolgersi all’Help Desk CUP, che può essere contattato nei seguenti
modi:

Numero Verde 800.961.966

E-mail [email protected]
Per finanziamenti destinati a trasferimenti di capitale o alla copertura di debiti fuori bilancio, per i quali il CUP potrebbe
non essere disponibile, il sistema procederà ad una valorizzazione automatica del campo CUP.
14
Se il progetto è relativo a lavori pubblici di somma urgenza ai sensi dell’art. 191, comma 3
del TUEL, sarà necessario selezionare “Si” alla relativa domanda ed inserire, nei
corrispondenti campi, numero e data della delibera di Consiglio che ha adottato tale
provvedimento.
Cliccando su Salva progetto il sistema verificherà se l’importo totale del progetto inserito
(o la somma degli importi dei progetti inseriti) sia coerente con quanto inserito
nell’importo richiesto nella maschera relativa ai dati del finanziamento. In caso di errore
non sarà possibile continuare nella compilazione della domanda.
Per ogni progetto inserito è possibile:
-
Visualizzare le informazioni relative al progetto;
-
Modificare le informazioni e i dati relativi al progetto con la possibilità di salvare le
modifiche tramite il pulsante Salva;
-
Eliminare il progetto cliccando sul pulsante Cancella progetto.
15
Condizioni per il ricorso all’indebitamento e patto di stabilità
interno
Nel modulo EP009 - Condizioni per il ricorso all’indebitamento e patto di stabilità interno il
sistema propone la compilazione guidata dei requisiti oggettivi e soggettivi per l’accesso al
credito, secondo quanto disposto rispettivamente:

dall’art. 203 del TUEL (attivazione delle fonti di finanziamento derivanti dal ricorso
all'indebitamento)

dalla normativa vigente in materia di patto di stabilità interno;

dall’art. 243 del TUEL (procedura di riequilibrio finanziario pluriennale)

dall’art. 27 comma 2 c) e dall’art. 37 comma 1 b) del D.L. 66/2014 in materia di
Pagamento dei debiti delle pubbliche amministrazioni
16
Capacità di indebitamento
Nel modulo EP002 – Capacità di indebitamento, dopo aver compilato tutti i campi, il
sistema calcola in automatico se la capacità di indebitamento dell’Ente rientra nei limiti
stabiliti dall’art. 204 del TUEL.
17
Certificazione parametri obiettivi
L’ente dovrà compilare il seguente modulo EP033 – Certificazione parametri obiettivi4
sulla base di ciò che è riportato nel rendiconto dell’anno indicato nell’applicativo, in
coerenza con l’art. 242 comma 1 TUEL (Parametri di deficitarietà strutturale).
N.B.: Nella fase di trasmissione della domanda sarà comunque richiesto all’Ente di
inviare la certificazione sui Parametri di deficitarietà strutturale estratta dal rendiconto
approvato.
4
Il presente modulo dovrà essere compilato in occasione della prima richiesta online dell’anno. Per le successive richieste,
pertanto, la compilazione non sarà riproposta. Il modello EP033 è valido per i Comuni. Per le Province e Città Metropolitane
è disponibile il modello EP034.
18
Informazioni sull’indebitamento dell’Ente
Nei seguenti moduli sono richieste informazioni sull’indebitamento dell’Ente Locale ed in
particolare:

EP035 – Informazioni indebitamento  stock di debito a carico dell’Ente Locale al
31 dicembre dell’anno precedente (con indicazione della quota a totale carico
dell’Ente e quella assistita invece da contributi pubblici) e ripartizione percentuale
per tipologia tasso5;

EP036 – Informativa ricorso a nuovo indebitamento con soggetti diversi da
CDP descrizione di nuove eventuali operazioni di indebitamento (mutui, prestiti
obbligazionari, etc.) con soggetti diversi da CDP rispetto all’ultimo bilancio
disponibile dell’Ente.
5
Il presente modulo dovrà essere compilato in occasione della prima richiesta online dell’anno. Per le successive richieste,
pertanto, la compilazione non sarà riproposta.
19
Dati sottoscrittore
Per proseguire nella compilazione della domanda e nella sua trasmissione è necessario
individuare il soggetto dotato dei poteri di sottoscrizione della domanda di prestito6.
I seguenti quesiti sono necessari per individuare la documentazione che potrà
eventualmente essere acquisita direttamente dall’utente collegato ovvero sottoscritta dai
soggetti dotati dei poteri necessari.
I° QUESITO: L’utente che sta compilando la domanda è il soggetto che sottoscrive la
domanda?
i.
SI  Se l'utente che sta compilando la domanda è il soggetto che sottoscrive la
domanda stessa, alcuni moduli saranno precompilati con i dati anagrafici
dell’utente attualmente collegato.
ii.
NO  In caso di risposta negativa sarà proposto il seguente quesito: Il soggetto
che sottoscrive la domanda è già registrato?
i.
SI  Sarà necessario selezionare il nominativo dall’elenco degli utenti già
registrati, all’indirizzo e-mail specificato sarà inviata copia della documentazione
prodotta.
6
Al soggetto dotato dei poteri di sottoscrizione della domanda verrà richiesto di accettare i termini e le condizioni di utilizzo
del servizio di cui al Regolamento per l’utilizzo della DOL pubblicato sul sito CDP (c.d. “Responsabile della domanda”).
20
ii.
NO  Se il soggetto che sottoscrive la domanda non è già registrato, sarà
necessario fornire i suoi dati anagrafici e il suo indirizzo e-mail, a cui sarà inviata
copia della documentazione prodotta ed il modulo di registrazione per l’utilizzo
del servizio Domanda Online (CDP02).
II° QUESITO: Il soggetto che sottoscrive la domanda coincide con il responsabile
finanziario o con il soggetto che possiede i poteri corrispondenti?
i.
SI  Nel caso in cui il soggetto che sottoscrive la domanda coincida con il
responsabile finanziario (o con il soggetto dotato dei poteri corrispondenti) le
seguenti attestazioni saranno acquisite direttamente da Domanda Online in sede
di trasmissione:

EP002 – Capacità di indebitamento;

EP009 – Condizioni per il ricorso all’indebitamento e patto di stabilità interno;

EP035 – Informazioni indebitamento e EP036 – Informativa ricorso a nuovo
indebitamento con soggetti diversi da CDP.
ii.
NO  Le suddette attestazioni dovranno essere sottoscritte dal responsabile
finanziario (o dal soggetto che ne possiede i poteri) e quindi caricate e trasmesse
attraverso l’utilizzo della piattaforma, con le modalità specificate nel prosieguo.
21
Documentazione richiesta
Una volta prestato il consenso al trattamento dei dati personali, la domanda sarà in stato
DA COMPLETARE.
Cliccando su Completa Processo il processo di compilazione sarà terminato7 e la domanda
passerà automaticamente in stato DA TRASMETTERE.
Sarà inoltre possibile inserire un eventuale indirizzo e-mail aggiuntivo (facoltativo) a cui
inviare la documentazione compilata.
7
In questa fase sarà anche possibile scaricare la documentazione di cui CDP fornisce lo schema e che riveste carattere
meramente esemplificativo, per la successiva compilazione e trasmissione.
22
Elenco Pratiche
Nella pagina iniziale è riportato l’elenco delle domande per le quali sono disponibili
diverse operazioni a seconda dello stato in cui si trovano:
a)
BOZZA  “Modifica” permette di proseguire nella compilazione della domanda
ed eventualmente di modificare i dati già inseriti.
b)
DA COMPLETARE  “Modifica” permette di modificare i dati già inseriti;
“Completa Domanda” riporta l’utente nella fase Documentazione richiesta (pag.
22 della Guida) e permette di finalizzare la compilazione della domanda cliccando
su Completa processo.
23
c) DA TRASMETTERE  “Modifica” permette di modificare i dati già inseriti;
“Trasmetti” consente di trasmettere la domanda e “Scarica documentazione
istruttoria” permette all’Ente di poter scaricare sia la documentazione di cui CDP
fornisce lo schema sia i moduli già compilati (il Modulo di conferma EP040 è da
compilare).
24
Trasmissione della Domanda
Per proseguire nella trasmissione della domanda, è necessario che il soggetto dotato dei
poteri di sottoscrizione della domanda ("Responsabile della domanda") compili e
sottoscriva il modulo EP040 - Modulo di conferma8, incluso nella documentazione ricevuta
tramite e-mail (o scaricata come descritto in precedenza), in cui dichiara di accettare i
termini e le condizioni di utilizzo del servizio di cui al Regolamento per l'utilizzo della DOL
pubblicato nel sito internet CDP.
Per la trasmissione dei documenti è necessario accedere all’Elenco domande e, in
corrispondenza della domanda di interesse in stato DA TRASMETTERE, scegliere
l’operazione “Trasmetti”9.
N.B.: L’applicativo non permette di effettuare una trasmissione parziale della
documentazione. Occorre essere quindi in possesso di tutti i documenti richiesti da CDP,
così come elencati nelle schede istruttorie proposte nella fase di “Selezione Prodotto”
(cfr. pag.9 della presente guida).
8
Dal 15 Aprile 2016 sarà possibile trasmettere il Modulo EP040 - Modulo di conferma solo sottoscritto con firma
elettronica digitale, come specificato meglio a pag. 27 della presente guida.
9
L’operazione “Trasmetti” è consentita solo al Responsabile della domanda individuato tramite la procedura descritta nella
fase “Dati sottoscrittore” alle pagine 20-21 della presente guida.
25
Il Responsabile della domanda
Al fine di garantire il corretto completamento della procedura, l’invio delle domande via
WEB è subordinato alla validazione della domanda da parte del soggetto dotato dei poteri
di sottoscrizione della stessa (c.d. “Responsabile della Domanda”) con le modalità
specificate di seguito.
La validazione della domanda da parte del Responsabile è effettuata via web mediante il
caricamento della documentazione richiesta in formato elettronico, la sottoscrizione del
Modulo di Conferma (modulo facente parte della documentazione istruttoria richiesta e
con il quale egli accetta i termini e le condizioni di utilizzo della DOL specificate nel
Regolamento) e l’autorizzazione alla trasmissione della domanda attraverso l’immissione
di un Codice Dispositivo nella esclusiva disponibilità del Responsabile.
Con il modulo di Conferma in particolare, il Responsabile della domanda dichiara:

di aver preso visione del Regolamento e di accettarne in toto il contenuto;

la veridicità e la correttezza formale dei dati inseriti nei moduli compilati
online sulla piattaforma DOL, ai fini dell’inoltro della domanda di Prestito,
e acquisiti direttamente da CDP;

la conformità all’originale dei documenti informatici trasmessi online alla
CDP, previo caricamento, tramite la piattaforma DOL, costituiti da copia
per immagine dei documenti originali in possesso dell’Ente di
appartenenza e ivi disponibili.
Il processo di trasmissione della domanda prevede una sezione, in cui il “Responsabile
della Domanda” dovrà specificare l’indirizzo e-mail su cui ricevere il codice dispositivo.
Questo indirizzo e-mail sarà legato alla specifica domanda e NON al profilo dell’utente.
26
Il caricamento della documentazione
Inseriti il numero e la data di protocollo (campi obbligatori) è necessario allegare la
documentazione richiesta (fase di upload).
Cliccando sul pulsante Sfoglia è possibile selezionare il relativo documento da allegare:
I documenti trasmessi possono consistere in:
•
copia per immagine dell’originale cartaceo preventivamente scansionato;
•
documenti elettronici firmati digitalmente.
N.B.: Tra i documenti da caricare in particolare, è previsto anche il modulo EP040 Modulo di conferma che il Responsabile della domanda dovrà compilare e sottoscrivere
con firma elettronica digitale.
27
Per ogni documento trasmesso è permessa una dimensione massima, indicata di volta in
volta, in funzione della tipologia del documento. Si consiglia pertanto di effettuare
eventuali scansioni di allegati ad una risoluzione massima di 150 dpi in scala di grigi o 300
dpi in bianco e nero.
Inoltre, i documenti trasmessi via web sono considerati validi ai fini del procedimento
amministrativo soltanto se corrispondono alle caratteristiche di sicurezza, integrità,
leggibilità, accessibilità e immutabilità del contenuto e della sua struttura nel tempo.
Tali caratteristiche sono necessarie ai fini della garanzia del valore giuridico-probatorio del
documento stesso (artt. 3 e 4 Deliberazione AIPA n. 51/2000) e sono le seguenti:
1. i file non devono contenere macro istruzioni o codici eseguibili tali da attivare
funzionalità che possano modificare la struttura e gli atti, i fatti o i dati in esso
rappresentati (come ad esempio, l’aggiornamento automatico di data e ora o di altre
parti del documento); riferimenti (link) a pagine od oggetti esterni al documento;
2. i file devono essere redatti con formati non proprietari, aperti, standard e trasparenti
in grado di garantire la conservazione a lungo termine dei documenti informatici.
Sono formati non proprietari quelli non legati all’esistenza di una specifica azienda
che ne detiene i diritti di proprietà intellettuale. Si dicono aperti quei formati il cui
codice sorgente e le cui specifiche tecniche sono state rese pubbliche in modo
esaustivo e sono liberamente accessibili. Un formato è invece standard quando le sue
specifiche sono definite o approvate ufficialmente da un organismo di
standardizzazione (standard de jure) oppure è diventato uno standard grazie alla sua
ampia diffusione (standard de facto). Infine, il formato è trasparente se ne è possibile
la lettura diretta da parte dell’uomo, adoperando semplici strumenti software di base.
Accanto a questi requisiti di primo livello, i formati dei file destinati alla conservazione
devono inoltre garantire: robustezza, stabilità (compatibilità in avanti e indietro),
auto-contenimento, auto-documentazione, indipendenza dal dispositivo, assenza di
meccanismi tecnici di protezione, assenza di limitazioni sull’utilizzo, accessibilità, non
modificabilità, sicurezza ed efficienza.
28
Di seguito i formati ammessi per la presentazione della domanda:

PDF (.pdf);

PDF/A (.pdf);

TIFF (.tif);

JPEG (.jpg);

JPEG 2000 (.jp2, .j2f).
Non sono pertanto ammessi formati non indicati anche se comunemente utilizzati quali
ad esempio file Word (.doc o .docx) e Excel (.xls o .xlsx).
Non è inoltre consentito l’utilizzo di formati di compressione di file quali .zip, .rar o altro.
29
Conferma della trasmissione
Una volta completato il caricamento della documentazione, il “Responsabile della
domanda”, dopo aver inserito il numero e la data del protocollo di trasmissione della
domanda a CDP, potrà confermare la trasmissione della domanda di prestito, che avviene
tramite i seguenti step:

richiesta del codice dispositivo (o PIN);

trasmissione della documentazione.
Per procedere alla richiesta del codice dispositivo, necessario per la trasmissione della
domanda, è obbligatorio rispondere al quesito indicato dall’applicativo: “Confermi la
seguente e-mail per l’invio del codice?”
i.
SI  Confermando l’indirizzo del Responsabile della Domanda (tale indirizzo email deve essere nell'esclusiva disponibilità del Responsabile della domanda)
indicato in fase di registrazione, l’utente potrà richiedere il Codice dispositivo
(PIN) cliccando sull’apposito pulsante Genera Codice dispositivo. Il codice sarà
inviato all’indirizzo e-mail del Responsabile.
30
ii.
NO sarà necessario fornire il nuovo indirizzo del Responsabile della domanda.
Terminato l’inserimento è possibile richiedere il codice dispositivo. Verrà inoltre
inviato al nuovo indirizzo mail indicato, il modulo EP040 – Modulo di conferma
contenente le nuove informazioni sul Responsabile della Domanda, da
trasmettere in sostituzione di quello precedentemente ricevuto.
Ricevuto il codice dispositivo, il Responsabile, dopo aver cliccato sul pulsante Trasmetti
(che verrà visualizzato solo dopo aver generato il codice dispositivo),
potrà confermare la trasmissione della domanda attraverso l’inserimento del Codice
ricevuto e cliccando sul pulsante Conferma trasmissione.
Il sistema confermerà l’avvenuta trasmissione della domanda e l’avvio della fase
istruttoria.
31
Monitoraggio Online della domanda di prestito
Le domande compilate (anche parzialmente) sono disponibili nell’Elenco domande in cui è
descritto lo stato delle stesse:
 pre-trasmissione: BOZZA, DA COMPLETARE, DA TRASMETTERE
 post-trasmissione:
TRASMESSA,
PROTOCOLLATA,
IN
LAVORAZIONE,
INTERLOCUTORIA, ANNULLATA, AFFIDATA e CONCESSA.
A partire dallo stato PROTOCOLLATA, nelle operazioni disponibili sarà possibile
visualizzare la voce “Visualizza documenti trasmessi” in cui sono visibili tutti i documenti
relativi all’interazione CDP/Ente successivi alla trasmissione della domanda (attraverso il
menù Elenco trasmissioni).
Il pulsante nella colonna “Apri”
consente di eseguire il download dei documenti
trasmessi (per aprire il documento in lettura, o salvarlo in locale).
32
Fase interlocutoria
CDP esaminando la domanda di prestito può richiedere all’Ente, tramite e-mail, una
rettifica e/o un’integrazione della documentazione trasmessa. In questo caso, lo stato
della domanda si aggiornerà da IN LAVORAZIONE a INTERLOCUTORIA.
1. Nel caso in cui sia richiesto di modificare uno o più moduli compilati online, l’Ente
dovrà selezionare la voce “Modifica” e procedere alle modifiche richieste (verranno
presentati solo i moduli oggetto dell’interlocutoria CDP).
Dopo aver completato il processo, lo stato della domanda tornerà allo stato DA
TRASMETTERE e sarà possibile procedere nuovamente con la trasmissione
selezionando la voce “Trasmetti”.
2. Nel caso sia richiesto di modificare o aggiungere gli allegati alla domanda, l’Ente
dovrà selezionare la voce “Trasmetti” e procedere al caricamento della sola
documentazione richiesta.
3.
Se è necessario modificare sia i moduli sia gli allegati, l’Ente dovrà eseguire prima
quanto descritto al punto 1 e quindi, in fase di trasmissione, caricare anche gli allegati
richiesti.
33
Anche nel caso di trasmissione della domanda in interlocutoria, è sempre presente la
sezione di conferma dell’indirizzo e-mail sul quale si desidera ricevere il PIN.
N.B.: Il codice dispositivo (PIN) ricevuto in sede di prima trasmissione della
domanda di prestito è valido anche per le eventuali successive trasmissioni a
seguito di una o più interlocutorie di CDP.
Nel caso invece di risposta negativa, il Responsabile della domanda dovrà
obbligatoriamente inserire la nuova e-mail su cui ricevere il PIN. Solo dopo aver compilato
i campi richiesti, potrà procedere con la richiesta di invio del codice dispositivo. Ciò
comporta:

Generazione di un nuovo PIN, invalidando quello precedente.

Interlocutoria automatica sul modulo EP040 - Modulo di conferma, qualora
questo non fosse in tale stato.

Abilitazione della funzionalità di trasmissione per l’invio della documentazione
aggiuntiva.

Invio e-mail contenente il codice dispositivo con allegato il modulo EP040 Modulo di conferma, da compilare nuovamente.
34
Annullamento Domanda di finanziamento
L’Ente ha la possibilità di annullare la domanda trasmessa finché la stessa non è
AFFIDATA, selezionando la voce “Annullamento” .
Il sistema genererà automaticamente il documento di annullamento. Sarà possibile
visualizzare il documento generato (EP043 – Richiesta di annullamento) tramite un click
sul pulsante Scarica richiesta di annullamento. Per trasmettere la richiesta di
annullamento procedere con le consuete modalità di trasmissione.
Lo stato della domanda si aggiornerà in ANNULLATA.
N.B.: Nel caso in cui l’Ente voglia riproporre una domanda annullata sarà necessario
inserire una nuova domanda seguendo la procedura descritta nei paragrafi precedenti.
Anche nel caso della richiesta di annullamento della domanda, il responsabile dovrà
confermare o meno l’indirizzo e-mail su cui desidera ricevere il codice dispositivo.
35
Affidamento e Contratto Online
In seguito all’esito favorevole dell’istruttoria, CDP invierà al Responsabile della Domanda,
tramite e-mail, la Lettera di Affidamento; lo stato della domanda si aggiornerà da IN
LAVORAZIONE in AFFIDATA. Sarà ora possibile, selezionando “Contratto Online” dal menù
delle operazioni, accedere alla procedura di compilazione, generazione e trasmissione
dello schema contrattuale, della delegazione di pagamento e dell’attestazione identità e
poteri del firmatario del contratto.
Per ogni pratica AFFIDATA viene anche indicata la Data Scadenza Stipula entro la quale
dovranno essere inviati a CDP i documenti compilati e scaricati attraverso la procedura
descritta di seguito. La proposta di affidamento ha validità 21 giorni dalla data di
comunicazione tramite e-mail al Responsabile della Domanda (e comunque non oltre la
data riportata nella lettera di affidamento); trascorso tale termine la proposta sarà priva
di qualsiasi effetto10.
N.B.: Nel caso in cui l’Ente voglia riproporre una domanda annullata per la scadenza dei
21 giorni, sarà necessario inserire una nuova domanda seguendo la procedura Domanda
online.
10
Qualora la data indicata venga superata, l’affidamento verrà annullato e non si potrà più accedere alla compilazione e
generazione dei documenti; la pratica di finanziamento passerà in stato ANNULLATA.
36
L’utente potrà accedere alle seguenti aree:
1) Riepilogo finanziamento;
2) Verifica PEC;
3) Compilazione.
Nel Riepilogo finanziamento vengono visualizzate tutte le informazioni sul finanziamento
acquisite dalla CDP durante la fase istruttoria, le informazioni sul tasso/maggiorazione11
(compresa la data di fine validità dello stesso) ed i CUP relativi alla pratica in oggetto.
Attraverso la funzione “Visualizza PdA”, sarà possibile inoltre avere un’anteprima del
Piano di Ammortamento, alle condizioni vigenti al momento della visualizzazione, che
verrà allegato alla Proposta di contratto.
11
Le condizioni di tasso, presenti in Riepilogo finanziamento, sono quelle vigenti al momento dell’accesso nell’applicativo
per il prestito richiesto ed hanno validità, di norma, settimanale.
37
L’invio della documentazione può avvenire usando esclusivamente il canale Web,
attraverso il caricamento dei documenti sottoscritti con firma digitale.
N.B.: La trasmissione attraverso il Canale Web richiede di effettuare preliminarmente la
verifica del proprio indirizzo PEC attraverso il pulsante "Verifica indirizzo" in quanto il
contratto controfirmato da CDP sarà inviato solo a tale indirizzo, sostituendo il
tradizionale invio dell’originale cartaceo.
È possibile inserire un indirizzo PEC da verificare oppure scegliere uno tra gli indirizzi PEC
già verificati in precedenza.
La verifica dell’indirizzo PEC richiede un tempo di attesa di circa 20 minuti. Qualora i tempi
di attesa si prolunghino sarà possibile interrompere la verifica attraverso il pulsante
“Annulla Verifica”.
Al termine della verifica l’esito potrà essere:
-
Verifica avvenuta con successo: sarà ora possibile generare e trasmettere la
documentazione compilata.
38
-
Verifica non andata a buon fine: le cause potrebbero essere imputabili a 1) mail
PEC piena, 2) indirizzo del destinatario non corretto o 3) server destinatario
indisponibile. È possibile scegliere tra gli indirizzi PEC già verificati oppure
inserirne uno nuovo attraverso il pulsante “Cambia indirizzo PEC”.
Durante la fase di verifica dell’indirizzo PEC è comunque possibile procedere alla
compilazione della documentazione necessaria alla stipula del contratto cliccando su
“Compilazione e generazione”.
39
Compilazione e generazione della documentazione
All’interno dell’area Compilazione, l’Ente procede alla compilazione dei campi richiesti
che andranno a popolare il contratto, la delegazione di pagamento e l’attestazione
identità e poteri del firmatario del contratto.
Tutti i campi presenti vanno compilati obbligatoriamente, con l’esclusione dei dati
inerenti la “Relata di notifica” della delegazione di pagamento.
E’ sempre possibile utilizzare il pulsante Salva Modifiche per salvare i dati già inseriti ed
interrompere temporaneamente la compilazione guidata (in questo caso la domanda sarà
presente nell’Elenco pratiche in stato “CONTRATTO IN BOZZA”), o il tasto Annulla per
ritornare all’Elenco pratiche, anche senza effettuare salvataggi.
40
Una volta compilati tutti i dati, l’Ente può passare alla funzione di generazione della
documentazione:
-
Proposta contrattuale con PdA in allegato12
-
Delegazione di Pagamento (con Piano unico di Ammortamento in allegato in caso
di prestito flessibile);
-
Attestazione identità e poteri firmatario contratto.
-
Approvazione Clausole vessatorie del Contratto13
Tramite un click sui pulsanti “Genera Contratto”, “Genera Delegazione di Pagamento” e
“Genera Attestazione identità e poteri firmatario contratto” e “Genera approvazione
clausole vessatorie” verranno generati i pdf dei quattro documenti sulla base di quanto
compilato dall’Ente.
12 N.B.:
13
È necessaria una sola copia del contratto da firmare digitalmente, caricare e trasmettere tramite l’applicativo.
L’ art. 1341, secondo comma del Codice Civile dispone di sottoscrivere specificatamente le clausole vessatorie di un
contratto, pena la nullità dello stesso.
41
Caricamento e trasmissione della documentazione
Cliccando sui link creati, si potrà aprire il pdf dei documenti, che dovranno essere salvati,
firmati digitalmente, caricati nel portale attraverso il pulsante “Upload Documenti” e
trasmessi a CDP.
N.B. la delegazione di pagamento, munita di firma autografa e notificata al tesoriere, va
trasmessa a CDP nella forma di immagine dell’originale con apposizione di firma
digitale.
L’acquisizione della delegazione di pagamento in tale forma non sostituisce l’invio,
successivo alla stipula del contratto di prestito, del documento in originale a CDP.
L’Ente dovrà inviare esclusivamente i documenti generati e scaricati attraverso Domanda
Online, in quanto muniti di “barcode” (codice identificativo del documento), necessari al
riconoscimento e validazione dei documenti da parte di CDP.
42
N.B.: Si ricorda che, al fine di consentire la puntuale lavorazione da parte di CDP, una
volta generati i suddetti documenti, unitamente alla copia valida del documento di
identità, gli stessi dovranno essere inviati, di norma, entro le ore 11.59 del giovedì.
L’Ente dovrà controllare i documenti generati per verificare che siano stati compilati
correttamente dal sistema in ogni sua parte. In caso di errore è possibile modificare e
aggiornare i dati tramite la funzione “Modifica i dati”, con cui si potrà sostituire i dati
sbagliati e procedere alla nuova generazione della documentazione.
Cliccando su “Upload Documenti” si potrà caricare e trasmettere la documentazione
generata (a cui va aggiunto il documento di identità del firmatario del contratto) e firmata
43
digitalmente14 (i formati ammessi sono pdf.p7m e .pdf con firma digitale). Cliccando sul
pulsante Sfoglia è possibile selezionare il relativo documento da allegare.
Cliccando su “Invia Documenti” il sistema confermerà l’avvenuta trasmissione del
contratto. Lo stato della domanda si modificherà in CONTRATTO TRASMESSO.
Monitoraggio Online del Contratto
Lo stato della domanda si modificherà nell’Elenco pratiche, in base allo stato di
compilazione e trasmissione dei documenti necessari alla stipula del contratto:
 pre-trasmissione: CONTRATTO IN BOZZA, CONTRATTO COMPLETATO
 post-trasmissione: CONTRATTO TRASMESSO, LAVORAZIONE CONTRATTO,
INTERLOCUTORIA CONTRATTO, CONTRATTO ANNULLATO, CONCESSO.
Non appena il contratto sarà inviato a CDP, la pratica passerà in stato LAVORAZIONE
CONTRATTO.
Durante
questa
fase
sarà
possibile
visualizzare
i
dati
inseriti
precedentemente nonché i documenti trasmessi.
14
L’acquisizione della delegazione di pagamento nella forma di immagine dell'originale con apposizione di firma digitale da
parte dell'Ente non sostituisce l’invio, successivo alla stipula del contratto di prestito, del documento in originale a CDP.
44
Nel caso in cui CDP richieda tramite e-mail al Responsabile della domanda una modifica
della documentazione trasmessa, lo stato si aggiornerà in INTERLOCUTORIA CONTRATTO.
L’Ente potrà accedere nuovamente alla fase di compilazione e generazione della
documentazione richiesta da CDP.
Dopo aver completato, salvato le modifiche e rigenerato i documenti richiesti, lo stato
della pratica tornerà in CONTRATTO COMPLETATO e sarà possibile procedere
nuovamente alla trasmissione della sola documentazione oggetto dell’interlocutoria,
seguendo i passi descritti nei paragrafi precedenti.
Esaminata positivamente la documentazione inviata dall’Ente, CDP controfirmerà il
contratto e lo invierà all’indirizzo PEC precedentemente verificato. Nel momento in cui
CDP acquisirà la ricevuta di consegna della PEC il contratto di finanziamento sarà
perfezionato; lo stato della pratica passerà in stato CONCESSO.
45
Contratto Annullato
Nel caso in cui i documenti non siano stati inviati entro i termini previsti dalla circolare n.
1280/2013 (di norma le ore 11.59 del giovedì), la CDP si riserva la possibilità di annullare il
contratto e di richiedere all’Ente un nuovo invio.
La pratica passerà nello stato CONTRATTO ANNULLATO, con la possibilità per l’Ente di
procedere nuovamente alla compilazione ed alla generazione dei documenti.
Sarà possibile rientrare all’interno dell’area di compilazione e successivamente di
generazione dei documenti, seguendo i passi descritti nei paragrafi precedenti.
46
Contatti
Enti locali del Piemonte
Tel. +39 064221.5101
Fax +39 064221.5566
Tatiana DI TELLA
[email protected]
Enti locali di Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia
Romagna, Liguria
Tel. +39 064221.3243
Fax +39 064221.5566
Luigi CANGIANO
[email protected]
Enti locali di Lombardia, Lazio, Marche, Toscana, Umbria
Tel. +39 064221.3635
Fax +39 064221.5566
Monica MISSO
[email protected]
Enti locali di Abruzzo, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata, Campania
Tel. +39 064221.3228
Fax +39 064221.5566
Massimo CUNTO
[email protected]
47
Fly UP