...

Antonella Piperno e Piero Valesio

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Antonella Piperno e Piero Valesio
 Antonella Piperno e Piero Valesio
E vissero vicini e (s)contenti
Chi sono gli autori.
Antonella Piperno e Piero
Valesio
E vissero vicini e (s)contenti
Giulio Perrone Editore
123 pagine, 10 euro
Piero Valesio e
Antonella Piperno è nata a Roma. Giornalista di Antonella Piperno
“Panorama”, si occupa prevalentemente di attualità e
costume ma segue anche il mondo televisivo.
Piero Valesio è nato a Torino. Giornalista di “Tuttosport” si occupa di tennis,
motori, sci e ghiaccio, ma è anche un attento critico televisivo non solo
sportivo.
Di che cosa parla il libro.
Nel primo libro E vissero felici e lontani la coppia di scrittori spiegava,
attraverso la teoria del Pad (Partner a distanza) perché amarsi a 600 km di
distanza conviene. Ora, con E vissero vicini e s(contenti) è il momento della
svolta: i protagonisti Chiara e Luca si lanciano nell'avventura di diventare Pav,
partner assolutamente (e pericolosamente) vicini. Ma le abitudini di due single
incalliti sono dure a morire. Inizia la convivenza e tutto cambia: dalla spesa, ai
lavori in casa, dalla presenza dei figli di lui al tempo libero, dal sesso alla gelosia.
La coppia entra in crisi ma l’amore rimette tutto in gioco.
Perché leggerlo.
E’ un libro, solo in parte autobiografico, che entra nel mondo della coppia con
ironia e ragionata lucidità, mostrando le difficoltà che si incontrano in una
convivenza, raccontando il tentativo di trovare un equilibrio tra piccole e
imperdibili abitudini da single e ritmi di una vita a due.
Le frasi chiave.
Tema la gelosia
Il punto di vista di lei – Io, ex gelosa (e controllatrice) cronica, ero <<pulita>>,
come dicono in gergo quelli che frequentano i centri di disintossicazione da
alcool o droghe varie, da sette anni. Due settimane fa invece ho vanificato
tutto: perché la mattina seguente a una serata dominata da dieci sms di
“Virgilio suonerie”, mentre Luca era sotto la doccia mi sono impossessata del
suo telefonino abbandonato sul comodino… a Luca non ho detto niente però
si è accorto che ero un po’ tesa. E l’indomani sera sono tornata alla carica con
il suo telefonino. Solo che aveva messo il Pin, l’aveva bloccato. Vero genio del
male.
Il punto di vista di lui - Non ci posso credere. L’ha fatto. E’ andata a curiosare
nel mio telefono. E quel che è peggio è che probabilmente pensa io sia un
cercopiteco. Perché solo un primate poco avvezzo ad osservare la realtà che
gli sta intorno non si sarebbe accorto dell’avvenuta violazione…. L’ha fatto, l’ha
fatto davvero. “Del resto non raccontare balle, l’hai lasciato lì apposta il
telefonino. Per vedere se avrebbe ceduto o no alla tentazione di piazzarci le
sue ditine sante”.
Fly UP