...

Lavoriamo uniti per Armeno, pronti al dialogo con tutti.

by user

on
Category: Documents
9

views

Report

Comments

Transcript

Lavoriamo uniti per Armeno, pronti al dialogo con tutti.
in Comune
Comune di Armeno
Resoconto -
Maggio 2014
Armeno: Comune Virtuoso
Raddoppiati gli investimenti,
Il municipio e l’indebitamento,
la piazza della Vittoria
dimezzato
senza aumentare le tasse.
Sussidiarietà:
associazioni attive, solidali
e desiderose di fare.
Lavoriamo uniti per Armeno,
pronti al dialogo con tutti.
In borgata Bassola, sono ultimati i lavori di riqualificazione
L’amministrazione comunale ringrazia tutti coloro che nel ruolo di cittadini disponibili e
solidali, volontari o amministratori, che prima e durante il nostro mandato hanno contributo
al bene della Comunità.
Si è cercato di valorizzare quanto di buono abbiamo incontrato, aggiungendo il nostro
contributo strategico e organizzativo, consapevoli dei limiti e delle difficoltà che il periodo
evidenzia.
Ci siamo messi al servizio del paese con passione, ora chiediamo ai cittadini di guardare la realtà
con lo sguardo aperto di chi desidera esaltare tutto il positivo che il paese offre, per continuare
il percorso impegnativo che ci attende.
Il paese può crescere se eprime i propositi migliori con idee e programmi rivolti a migliorare i
servizi, con investimenti che possano favorire l’occupazione e la riduzione delle spese a carico
dei cittadini. Perché ciò avvenga, servono contributi costruttivi e un lavoro corale di tutti
coloro che desiderano fare il bene comune.
A partire dal 2012 abbiamo pubblicato sul sito web, tutti gli atti, delibere e determine.
Consapevoli che molti non utilizano gli strumenti digitali abbiamo ritenuto opportuno, informare anche in forma cartacea
per permettere a tutti di conoscere seppur in modo sintetico, quanto abbiamo realizzato.
Saluto del sindaco
Care concittadine e cari concittadini,
Prima di tutto Vi saluto con sentimenti di cordialità e amicizia nel desiderio di informarvi sul
lavoro svolto nel corso del mandato elettorale al servizio del paese che amiamo.
Nei cinque anni trascorsi insieme abbiamo dedicato alla comunicazione solo il tempo strettamente
necessario, perché abbiamo ritenuto più costruttivo concentrarci sui fatti, evitando parole superflue.
Abbiamo tuttavia pubblicato gli atti sul sito internet del Comune, permettendo a tutti di seguire in
tempo reale il nostro lavoro.
Ci siamo impegnati con passione a “fare”, ora è giunto il momento di illustrare con orgoglio il lavoro
realizzato per cercare di migliorare la qualità della vita delle persone. Con questa pubblicazione
intendiamo quindi far conoscere e, speriamo, apprezzare la strada percorsa per consentire a ognuno
di esprimere liberamente il proprio giudizio sull’operato svolto che è sotto gli occhi di tutti.
Abbiamo cercato di esercitare il nostro ruolo in modo responsabile, prestando molta attenzione ai
criteri di scelta per ridare vero valore al territorio e salvaguardare i conti economici. La relazione
di fine mandato, - redatta per la prima volta e pubblicata sul sito - evidenzia che il Comune di
Armeno ha un bilancio in controtendenza rispetto a quello dello Stato: si è ridotto l’indebitamento,
si sono raddoppiati gli investimenti, senza aumentare le tasse. Pur nelle difficoltà attuali siamo
riusciti a ridurre le spese di amministrazione per far quadrare i conti. Siamo consapevoli di aver
detto qualche “no” e di aver deluso alcune richieste, ma riteniamo di averlo fatto per il bene comune,
senza penalizzare i servizi di pubblica utilità.
Grande impegno è stato profuso per partecipare a bandi della Regione Piemonte e della Comunità
Europea, di enti e fondazioni, ottenendo contributi anche del 100% del valore delle opere. Un costante
rapporto con associazioni, consorzi e sindaci ci ha permesso di fare economie di scala, ridurre i costi
e collaborare con efficacia insieme ad altre realtà.
Le tante ore di lavoro permettono ora di rivolgerci ai cittadini in modo sereno: questo dimostra
che, con impegno e competenza, si possono raggiungere risultati concreti, avere un bilancio virtuoso,
realizzare opere e garantire i servizi che merita la collettività. Se ciò è possibile ad Armeno, può
esserlo anche per l’Italia. Pur con la riduzione dei trasferimenti e il patto di stabilità, che ci hanno
penalizzati, abbiamo trasformato le difficoltà in occasioni per migliorare. Sappiamo anche che se
avessimo avuto gli stessi trasferimenti economici degli anni precedenti alla crisi, avremmo potuto
fare di più.
Sono state portate a termine opere che non erano previste nel programma elettorale, suggerite
da particolari opportunità colte attraverso una continua comunicazione con gli enti sovralocali.
Sono stati esclusi lavori e interventi non compatibili con il bilancio, per non gravare con pagamenti
aggiuntivi a carico dei cittadini. Se lo Stato svilupperà politiche specifiche, fornendo contributi o
detassazioni su asili nido, realtà sportive e museali, impegneremo ancora una volta competenze e
passione per presentare progetti interessanti e di valore, nell’ottica di una crescita umana e culturale
della comunità.
Abbiamo vissuto cinque anni di intenso lavoro, di coinvolgimento personale, di esperienza
amministrativa, completamente diversa rispetto alle concezioni di governo del passato.
La crisi ha eliminato i trasferimenti automatici, la distribuzione di contributi “a pioggia”, costringendo
a ridisegnare il ruolo dell’amministratore, che sempre più deve essere proattivo e dinamico, orientato
alle ottimizzazioni, con lo sguardo rivolto a efficienza e innovazione. Solo se si amministra con questa
visione si può dare futuro al Comune; diversamente, saremo costretti ad accorparci ai Comuni più
grandi, che oggi hanno anche maggiori difficoltà di noi.
1
Questa è la vera sfida, nella continua ricerca del bene comune; anni difficili, ma contraddistinti
dal rispetto nei confronti di ognuno, da un rapporto aperto, sincero e cordiale con i cittadini,
cercando di essere sensibili a tutte le diverse realtà del paese.
Essere “al servizio del paese che amiamo” è stato l’impegno assunto con gli elettori, pertanto gli
assessori responsabili delle attività comunali e i consiglieri attivi al servizio delle associazioni hanno
lavorato per fare di più e spendere meno.
Noi ci siamo impegnati, abbiamo messo al servizio del paese le nostre capacità, ora ci auspichiamo
di essere valutati per quanto abbiamo realizzato. Siamo pronti ad accogliere critiche costruttive e
proposte concrete per migliorare, ma respingiamo con decisione le azioni denigratorie e gli attacchi
personali, che tendono ad imitare i cattivi esempi della politica nazionale, che allontanano la gente
dalla politica e non permettono ai giovani di appassionarsi e guardare al futuro con speranza.
Purtroppo in questi anni abbiamo dedicato troppe energie per denigrare, amplificare i difetti di ognuno
ed esaltare i lati negativi delle cose. Occorre cambiare atteggiamento e incominciare a valorizzare il
positivo di ognuno per favorire la crescita umana e sociale delle persone e il coinvolgimento delle
stesse per il bene di tutti. La politica deve essere un servizio al prossimo e alla realtà in cui viviamo.
I miei collaboratori ed io abbiamo cercato di essere sempre a disposizione di chi aveva bisogno e
ancora una volta ci scusiamo con chi si aspettava altro ed è rimasto sfiduciato.
Abbiamo cercato con senso di responsabilità di rispondere alle priorità del paese, ci auspichiamo che
nei prossimi anni vi sia una maggiore libertà di bilancio, che permetta di essere più attenti a tanti
piccoli interventi utili a migliorare il paese, prima di tutto all’ambiente naturale che ci circonda, ricco
di un’indiscutibile bellezza.
Ringrazio i cittadini che, partecipando alla vita sociale con convinto impegno personale, hanno
contribuito a rendere Armeno vivibile e più bella; ringrazio chi opera nelle associazioni con le quali
ho avuto il piacere di collaborare in varie occasioni, manifestazioni e iniziative.
Ringrazio i dipendenti comunali che lavorano costantemente sommersi dalla burocrazia,
che impedisce spesso di procedere celermente come vorremmo e costringe a perdite di tempo e
insoddisfazione.
Vi invitiamo a leggere con attenzione questo resoconto, certi che potrà permettervi di conoscere il
frutto del nostro lavoro. Se sapremo avere più orgoglio nel rappresentare un paese che crede in se
stesso; se sapremo favorire il lavoro, la crescita degli investimenti e dell’occupazione, rinunciando
alle critiche faziose, potremo costruire una realtà positiva, partendo dalle nostre profonde radici che
l’hanno visto crescere.
Il miglioramento dipende da ognuno di noi, da chi ha a cuore il paese e le sue tradizioni e desidera
guardare avanti, regalando un sorriso a chi si mette al servizio della gente e del territorio.
Abbiamo il privilegio di abitare in un luogo bello, che in questi anni difficili ha sentito meno crisi,
rispetto alle grandi città, perché ha fatto investimenti e ha favorito lo sviluppo nel rispetto delle
persone e dell’ambiente.
Con cordialità e gratitudine, auguro tanta salute a tutti.
Pietro Fortis
2
i CONTI sono A POSTO !
illustriamo, quanto fatto per il paese.
3
Il bilancio del Comune è VIRTUOSO
GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL MANDATO
Tutti siamo a conoscenza dei problemi del bilancio che affliggono lo Stato italiano e di come
la risposta che è stata data in questi ultimi anni sia essenzialmente quella di aumentare le
accise, le tasse, le imposte ed i tributi senza però riuscire a frenare il debito pubblico che
supera ormai il 133% della ricchezza prodotta ogni anno dagli italiani. Inoltre è sotto gli
occhi di tutti l’immagine di una pubblica amministrazione italiana sprecona e spendacciona
abituata sempre più a mettere le mani nelle tasche dei cittadini senza saper essere efficiente.
E negli ultimi cinque anni la gestione del Comune di Armeno come è andata?
I CONTI DEL COMUNE DI ARMENO SONO IN ORDINE E STRUTTURALMENTE SANI
Parametri obiettivi per l’accertamento della condizione di ente strutturalmente deficitario (ai sensi dell’art. 242 del
T.U.E.L.) periodo 2012 /2013:
ANNO 2012 ANNO 2013
1) Valore negativo del risultato contabile di gestione superiore in termini di valore assoluto al 5 per cento rispetto alle entrate correnti (a tali fini al
risultato contabile si aggiunge l'avanzo di amministrazione utilizzato per le spese di investimento);
NO
NO
2) Volume dei residui attivi di nuova formazione provenienti dalla gestione di competenza e relative ai titoli I e III, con l'esclusione delle risorse a
titolo di fondo sperimentale di riequilibrio di cui all'art. 2 del decreto legislativo n. 23 del 2011 o di fondo di solibarietà di cui all'art. 1, comma 380
della legge 24/12/2013 n. 2228, superiori al 42 per cento dei valori di accertamento delle entrate dei medesimi titoli I e III ad esclusione degli
accertamenti delle predette risorse a titolo di fondo sperimentale di riequilibrio o di fondo di solidarietà ;
NO
NO
3) Ammontare dei residui attivi di cui al titolo I e al titolo III superiore al 65 per cento ad esclusione di eventuali residui da risorse a titolo di fondo
sperimentale di riequilibrio di cui all'art. 2 del decreto leg.vo n. 23 o di fondo di solidarietà di cui all'art. 1 comma 380 della legge 24/12/2013 n.
228, rapportata agli accertamenti della gestione di competenza delle entrate dei medesimi titoli I e III ad esclusione degli accertamenti delle
predette risorse a titolo di fondo sperimentale di riequilibrio o di fondo di solidarietà ;
NO
NO
4) Volume dei residui passivi complessivi provenienti dal titolo I superiore al 40 per cento degli impegni della spesa;
NO
NO
5) Esistenza di procedimenti di esecuzione forzata superiore allo 0,5 per cento delle spese correnti se non hanno prodotto vincoli a seguito delle
disposizioni di cui all'art. 159 del tuoel ;
NO
NO
6) Volume complessivo delle spese di personale a vario titolo rapportato al volume complessivo delle entrate correnti desumibili dai titoli I II e III
superiore al 40 per cento per i comuni inferiori a 5.000 abitanti. Il valore è calcolato al netto dei contrubuti regionali nonchè di altri enti pubblici
finalizzati a finanziare spese di personale per cui il valore di tali contributi va detratto sia al numeratore che al denominatore del parametro;
NO
NO
7) Consistenza dei debiti di finanziamento non assistiti da contribuzioni superiori al 150 per cento rispetto alle entrate correnti per gli enti che
presentano un risultato contabile di gestione positivo e superiore al 120 per cento per gli enti che presentano un risultato di gestione negativo
(fermo restando il rispetto del limite di indebitamento di cui all'articolo 204 del tuoel con le modifiche di cui all'art. 8, comma 1 della legge
12/11/2011 n. 183, a decorrere dal 1/01/2012;
NO
NO
8) Consistenza dei debiti fuori bilancio riconosciuti nel corso dell'esercizio superiore all' 1 per cento rispetto ai valori di accertamento delle entrate
correnti fermo restando che l'indice si considera negativo ove tale soglia venga superata in tutti gli ultimi tre esercizi finanziari;
NO
NO
9) Eventuale esistenza al 31 dicembre di anticipazioni di tesoreria non rimborsate superiori al 5 per cento rispetto alle entrate correnti;
NO
NO
10) Ripiano squilibri in sede di provvedimento di salvaguardia di cui all'art. 193 del Tuoel con misure di alienazione di beni patrimoniali e/o
avanzo di amministrazione superiore al 5% dei valori della spesa corrente, fermo restando quanto previsto dall'art. 1, commi 443 e 444 della legge
24/12/2012 n. 228 a decorrere dal 01/01/2013; ove sussistono i presupposti di legge per finanziare il riequilibrio in più esercizi finanziari, viene
considerato al numeratore del parametro l'intero importo finanziato con misure di alienazione di beni patrimoniali, oltre che di avanzo di
amministrazione, anche se destinato a finanziare lo squilibrio cei successivi esercizi finanziari.
NO
NO
Il Comune di Armeno ha rispettato il Patto di stabilità.
Non si sono rilevati debiti fuori bilancio.
La gestione del Comune è stata talmente virtuosa che non solo siamo riusciti a ripettare
tutti i rigidissimi parametri di legge, ma addirittura abbiamo diminuito l’indebitamento,
ridotto la spesa ed aumentato contemporaneamente gli investimenti, mantenendo il
più basso prelievo fiscale su tutti i cittadini. Contenere il livello delle tasse, sopratutto
in questi
tempi, è obiettivo prioritario di chi vuole fare buona amministrazione.
4
Il debito pubblico italiano è aumentato, mentre...
... il debito di Armeno è diminuito.
5
Si è sentito spesso parlare dello “SPREAD” il differenziale tra il tasso di rendimento di un’obbligazione
statale e quello di un titolo tedesco (preso a riferimento), che lo Stato Italiano deve pagare per collocare
i titoli del proprio debito pubblico.
IL COSTO PER GLI INTERESSI DEL DEBITO
CONTRATTO DAL COMUNE DI ARMENO E’ DIMINUITO E
LA SUA INCIDENZA SULLE ENTRATE E’ PIU’ CHE DIMEZZATA.
TUTTO QUESTO E’ STATO POSSIBILE NONOSTANTE IL COMUNE ABBIA LIQUIDATO:
1.714.708 EURO per INVESTIMENTI e LAVORI.
In
Italia
le
spese
vengono
pagate
dai
cittadini
con
l’aumento
delle
tasse,
ad Armeno abbiamo gestito le spese e gli investimenti senza gravare sui cittadini:
l’imposta sull’abitazione principale è stata diminuita e i cittadini non sono stati costretti a pagare
il balzello di gennaio 2014 come accaduto invece in altri comuni del novarese e di tutta Italia.
La tassazione sugli altri immobili è stata applicata nella misura minima prevista per legge.
Aliquote ICI/IMU
Aliquota abitazione principale
Detrazione abitazione principale
Altri immobili
2009
2010
2011
05.00%
05.00%
05.00%
103.29
103.29
103.29
07.00%
07.00%
07.00%
2012
04.00%
200.00
07.60%
2013
04.00%
200.00
07.60%
E’ importante ricordare che in questi anni abbiamo chiuso in modo definitivo i contenziosi pregressi,
è un ulteriore passo che ha permesso di liberare risorse necessariamente previste a bilancio che sono
state sbloccate e orientate a favore di tutta la collettività.
6
Rispetto a Comuni come Novara o Borgomanero, che hanno innalzato il coefficiente
dell’addizionale IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) allo 0,8% o come
il Comune di Omegna che è passato ad un’aliquota dallo 0,7 allo 0,79%
l’addizionale applicata ad Armeno è più bassa ed è rimasta
invariata allo 0,2 %
Aliquote addizionale lrpef
Aliquota massima
2009
2010
0.2%
0.2%
2011
2012
0.2%
0.2%
2013
0.2%
Si sente spesso dire che il problema principale della
pubblica amministrazione è la spesa per il personale.
Non è così per il Comune di Armeno,
dove i lavoratori si sono fatti carico dell’aumento della burocrazia e dove è stato attuato un piano di
informatizzazione e di incremento di attrezzature e di dotazioni tecniche che hanno consentito di
raggiungere risultati di miglioramento della spesa per il personale rispetto alla spesa complessiva:
NESSUNA TASSA DI SOGGIORNO E’ STATA APPLICATA PER NON
PENALIZZARE STRUTTURE RICETTIVE E BED AND BREAKFAST.
Abbiamo deciso di NON APPLICARLA, per non infierire sulle attività che già soffrono
la crisi e per DARE maggiore possibilità allo SVILUPPO DEL TURISMO,
punto cardine del nostro programma e determinante per l’economia locale.
7
Ci siamo impegnati a far pagare meno possibile l’applicazione della TARES, (Tassa Rifuti e
Servizi) Purtroppo L’OBBLIGO di SALDO delle spese pregresse, ha concentrato i pagamenti nel
2013. Cercando soprattutto di aiutare le famiglie, abbiamo utilizzato l’avanzo di amministrazione,
senza però aumentare di 1 centesimo la tassa comunale.
GRAZIE ai Cittadini! ARMENO ha raggiunto il 76% di Raccolta Differenziata.
1° Comune in Provincia di Novara.
A questo proposito, in Italia il costo medio della TARES è stato di Euro 305 euro, (più
della media dell’IMU sulla prima casa) ad Armeno è la metà.
Tutto questo è stato possibile nonostante la legge obblighi il comune a prevedere “la copertura
integrale del costo per lo smaltimento dei rifiuti a carico del cittadino” con l’aumento di + 20%
sul valore complessivo. La legge impone inoltre gli aumenti che derivano dalle spese “componente
servizi”; consiste in una maggiorazione che vale 30 centesimi al mq. relativa all’addizionale per i
servizi indivisibili dei Comuni, che viene incassata dallo Stato.
Nella maggioranza dei Comuni, negli ultimi 3 anni la TARSU (tassa per lo smaltimento dei rifiuti
solidi urbani) è stata aumentata di oltre il 20 % Per il 2014 il comune di Armeno, ha previsto accordi
con la cooperativa Risorse, finalizzati a ridurre i costi e miglioramenti dei servizi su verde e umido.
Nei Comuni di Borgomanero e Novara, si è pagato quasi il doppio rispetto ad Armeno.
La situazione
entrate TARSU
nel 2009
Dal grafico di colore verde, risulta che negli anni scorsi, le entrate relative ai pagamenti dei tributi
erano incomplete, perchè molti cittadini non ricevendo comunicazioni non pagavano anche in
buona fede.
Le azioni intraprese, hanno permesso di far pagare a tutti il giusto. Siamo consapevoli che possiamo
ancora migliorare, nel servizio compleassivo. Abbiamo il dovere di farlo.
La mancanza di trasferimenti dello Stato, ha indotto molti Comuni ad aumentare le tasse.
Il Comune Armeno, per non aumentare il prelievo dalle tasche delle persone, ha attivato una
azione di allineamento, aggiornando la banca dati dei tributi e allineando i pagamenti pregressi.
Non abbiamo aumentato di 1 centesimo le tasse per NON gravare su famiglie e aziende..
La situazione
entrate TARSU
aggiornata.
8
SINTESI dei RISULTATI
Ci siamo trovati ad amministrare 5 anni di dura crisi in cui sono mancati i
contributi, in cui lo Stato ha ridotto i trasferimenti e ha cercato di indurre i
Comuni ad aumentare il più possibile il prelievo dalle tasche delle persone.
Abbiamo aumentato il patrimonio del Comune cercando di attingere
esclusivamente dai pochi contributi erogati dagli enti superiori, di conservare
e migliorare il paese coinvolgendo le associazioni e gli armeniesi di buona
volontà che pur con poco hanno saputo fare tanto.
Abbiamo messo la persona, al centro della nostra azione.
Per questo non ci siamo avventurati in opere faraoniche scaricando il costo
sugli abitanti di Armeno e delle frazioni, ma abbiamo portato avanti una
politica tributaria che partisse, prima di tutto dal rispetto della singola
persona. In questo momento Armeno è tra i Comuni fiscalmente più virtuosi
d’Italia.
A fine mandato consegniamo un Comune con i conti a posto e privo di
rischi finanziari, orgogliosi e certi non solo per quello che abbiamo fatto,
ma anche per molte cose che non abbiamo fatto:
-non abbiamo aumentato le aliquote IMU,
-non abbiamo aumentato le addizionali IRPEF,
-non abbiamo applicato nuove tasse,
-non abbiamo applicato la TARES secondo i rigidi schemi ministeriali.
Abbiamo inserito circa 26 agevolazioni o riduzioni per aiutare tutti coloro
che potevamo aiutare.
Se da un lato la pubblica amministrazione italiana è malata,
Armeno può vantarsi di aver combattuto per fare bene,
in primo luogo stando dalla parte della gente.
La Comunità non è stata intesa come un’entità indistinta, ma come un insieme di
persone conosciute una per una per i suoi bisogni e il singolo non è mai stato visto
come un mero “contribuente” ma come persona dotata di un volto, di una vita e di
una famiglia da mantenere e far crescere.
9
Introduzione nuove tecnologie
Installato negli uffici, il nuovo sistema digitale.
Il nuovo software SISCOM, consente agli uffici di lavorare in modo integrato, anche con altre
amministrazioni e alimenta in tempo reale il sito internet del Comune. Il cittadino può consultare
le notizie dell’attività amministrativa, leggere delibere, determine, atti e comunicazioni da qualsiasi
parte del mondo, tutto ciò migliora il servizio, riduce i costi, i tempi di attraversamento, inoltre attua
la dematerializzazione cioè la conversione dei documenti cartacei in formato digitale e la trasparenza
delle attività comunali.
dall’archivio cartaceo
al computer
Olimpo, riunisce in una unica soluzione software le funzionalità necessarie per gestire i procedimenti
amministrativi informatici, integrando i servizi di Protocollo Informatico, Gestione Elettronica Documentale,
dei Procedimenti Amministrativi, riducendo passaggi inutili, tempi e costi; oltre a permettere di pubblicare
direttamente sul sito web del comune.
Il sistema permette la gestione dei documenti indipendentemente dal formato nativo; l’utilizzo in modo semplice
e integrato di strumenti come la posta elettronica certificata, la Firma Digitale. Inoltre è possibile gestire i
procedimenti amministrativi in modo condiviso tra tutti gli operatori dell’ente.
Il nuovo sistema digitale
per il controllo tributi.
Nel cerchio verde a sx, si
vede l’allineamento dei
tributi pagati.
Gli spicchi rossi arancione,
corrispondono alle
irregolarità, che sono una
minima parte.
A sx. si rileva la
percentuale di anomalie,
rosse e arancione, prima
dell’introduzione
del sistema.
10
Installato il nuovo visore touch screen
Nell’atrio del municipio è operativo uno schermo che permette di consultare l’albo pretorio
digitale, dove sono pubblicate: le delibere di consiglio e di giunta, le determine di impegno di
spesa, le ordinanze del Sindaco e dirigenziali; gli avvisi di convocazione del consiglio comunale; gli
avvisi di gara; i bandi di concorso; gli elenchi dei permessi di costruire rilasciati; tutti gli atti che per
disposizioni di legge o su richiesta devono essere pubblicati mediante affissione.
Lo schermo “touch screen”
installato nell’atrio del Comune,
rende possibile consultare in tempo
reale, gli atti e le informazioni
relative al Comune, oltre alle varie
informazioni utili del territorio.
A decorrere dal 2010 è operativa sul sito del Comune www.comune.armeno.no.it; la sezione
contenente l’Albo pretorio informatico. Il sito internet del comune è uno strumento molto utile, indispensabile per chi vuole aggiornarsi e partecipare alla vita collettiva. Permette di consultare le
informazioni sui servizi di utilità pubblica e di conoscere le attività che si svolgono sul territorio.
Strettamente correlata a questa applicazione, nella
zona centrale del paese, Piazza della Vittoria,
piazzale della chiesa parrocchiale, area Tonella,
scuola primaria e secondaria, è attivo il servizio
Wi-Fi Armeno GRATIS per tutti.
Realizzato per rispondere alle esigenze delle
scuole, di residenti e turisti, che possono fruire
gratuitamente della connessione per due ore ogni
giorno.
Il servizio Wi-Fi Armeno è stato realizzato con il contributo della Regione Piemonte, grazie ai
fondi previsti per favorire la connessione e l’utilizzo delle tecnologie alle realtà montane periferiche.
Una risposta utile e concreta per coloro che utilizzano le tecnologie, senza dover sottoscrivere contratti
e sostenere costi fissi, un incentivo a chi si affaccia per la prima volta alle realtà multimediali.
L’obiettivo è quello di permettere a tutti indistintamente di poter fruire di servizi di connessione.
11
Elenchiamo i
LAVORI FATTI
12
La fognatura in borgata Cheggino
Sono completati i lavori, iniziati nell’estate 2013, per collegare la nuova fognatura con il
collettore di via Omegna, si sta procedendo alla riqualificazione finale con posa di cubetti in
sasso e nuovo tappeto di asfalto. L’opera si è resa possibile perché il Comune ha chiesto ad ATO,
(Ambito Territoriale Omogeneo, ente competente su acque e fognature) di occuparsi direttamente
dei lavori. Integrando una quota di Euro 50.000 ottenuta con un mutuo presso la CDP (cassa depositi
e prestiti) e aggiungendola ai 245.000 stanziati dall’ATO, siamo riusciti ad avviare l’affidamento e la
realizzazione dei lavori.
NUOVA FOGNATURA CHEGGINO
COSTO OPERA € 295.000
A.T.O.
Alla realizzazione del collegamento fognario si aggiungerà la pavimentazione della piazzetta adiacente al
lavatoio. Al termine dei lavori fognari si procederà nella riqualificazione del parcheggio.
ASFALTATA LA STRADA CHE PORTA ALL’ACQUEDOTTO
13
La riqualificazione della borgata Bassola
Bassola, sono completati i lavori di riqualificazione della borgata, a favore del comune la
Comunità Europea ha concesso un contributo del 100% senza iva- Invece 14 cantieri di privati, che
hanno aderito al programma, sono finanziati mediamente al 50% circa. Quest’opera ha una duplice
importante valenza, da un lato la riqualifica e la valorizzazione del borgo, che lo rendono bello e
accessibile a tutti. Dall’altro, in tempi di crisi ha permesso investimenti che hanno dato lavoro alle
attività artigianali del territorio. Nel nostro piccolo, abbiamo dato una dimostrazione concreta per
combattere la crisi; fare investimenti pubblici con incentivi ai privati, ha mosso in modo concreto
l’economia, facendo l’interesse di tutti. Riaperta la viabilità del centro storico, iniziano i lavori per la
posa del metano e la stesura dell’asfalto in via Ca’ di Fondo.
Bassola, lavori di riqualificazione in corso nel 2013 e ultimati nel primo trimestre del 2014
BASSOLA, LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE
CONTRIBUTO EUROPEO € 813.000
14
EU
15
La fognatura in frazione Coiromonte
Completata la fognatura di Coiromonte con la significativa valorizzazione del centro storico.
Durante i lavori è stata fatta una variante in corso d’opera per portare migliorie e prevedere la posa
dei tratuar originari del vecchio nucleo abitato, che sono emersi durante l’esecuzione dei lavori. Il
costo complessivo è stato di Euro 285.000 sostenuto con il contributo ATO. L’opera era già stata avviata
dalla precedente amministrazione. Il progetto del parcheggio antistante il circolo, per ora non può
essere attuato perché non sono previsti contributi da enti esterni, finalizzati a questi interventi. Se in
futuro vi saranno bandi rivolti ai parcheggi e saremo esonerati dal patto di stabilità, prenderemo in
considerazione l’idea di procedere, considerato che il progetto è già predisposto.
L’AREA DONATA DA PRIVATI
Abbiamo ricevuto donazioni di terreni da
famiglie che hanno a cuore Coiromonte,
purtroppo non possiamo fare gli atti pur avendo
gli impegni sottoscritti, perché la spending
review non permette ai comuni di acquisire i
beni. Abbiamo comunque già preso contatto con
un’impresa locale disposta a realizzare i lavori in
convenzione per eseguire l’intervento.
COSTO OPERA € 285.000
LAVORI IN CORSO DELLA FOGNATURA DI COIROMONTE, LUGLIO 2010
16
Riqualificazione piazza XX settembre a Sovazza
Riqualificata la piazza XX settembre, con un notevole miglioramento estetico, i lavori sono stati
progettati dall’ufficio tecnico e sostenuti con avanzo di amministrazione.
PIAZZA XX SETTEMBRE DI SOVAZZA , PRIMA E DOPO I LAVORI
IMPORTO LAVORI € 32.000
Riqualificazione piazza Fiorito a Sovazza
Sono stati avviati i lavori della nuova pavimentazione di piazza Fiorito, che la renderà più bella, con
l’estetica simile a piazza XX settembre.
PIAZZA FIORITO A SOVAZZA, PRIMA DEI LAVORI
IMPORTO LAVORI € 28.000
17
Messa in sicurezza masso pericolante alla FIUNA
Con il contributo complessivo della Regione Piemonte, in seguito ad ordinanza e interruzione strada,
è stato finanziato e messo in sicurezza il costone roccioso posto in prossimità del ponticello che
attraversa l’Agogna in località Fiuna.
COSTO OPERA € 30.000
REG
Sistemazione ponte sul rio Vaudolera
COSTO OPERA € 25.000
18
REG
Riqualificato il ponte Bernaggia
Con una spesa complessiva a carico dell’avanzo di bilancio è stato messo in sicurezza il ponte di
Bernaggia, posto sulla via comunale per Arona. Da anni era pericoloso l’attraversamento in quanto
la barriera era divelta e la struttra portante richiedeva un consistente intervento di rafforzamento.
Il ponte di Bernaggia, durante e dopo i lavori
PONTE BERNAGGIA € 16.000
Intervento alle Martogne
Con il contributo regionale è stata realizzata la sistemazione dell’area in zona Martogne, con la canalizzazione dell’acqua, l’intervento di ingegneria naturalistica con la sistemazione del fondo stradale
in pietre, come previsto dalla normativa degli interventi in montagna. E’ previsto a breve, un intervento di asfaltatura oltre alla manutenzione straordinaria del ponte romanico delle Martogne.
COSTO OPERA € 45.000
19
REG
Ristrutturazione marciapiede scuola primaria
Rifatto a nuovo il marciapiede della scuola primaria, consolidamento e messa a norma con il contributo provinciale.
IL MARCIAPIEDE DELLA SCUOLA PRIMARIA
COSTO OPERA € 16.000
20
Fognatura in via Cavour
La realizzazione delle opere di fognatura sulla via Cavour, è stata gestita direttamente dall’ATO,
purtroppo la ditta che ha vinto l’appalto è fallita durante i lavori creando notevole disservizio.
L’appalto e la realizzazione della fognatura di Cheggino sono stati più rapidi, in quanto gestiti
direttamente dal Comune che ha presidiato con direzione e ufficio tecnico in modo attento e costante.
via Cavour durante e dopo gli interventi.
Interventi di manutenzione preventiva sui torrenti
Sono stati attuati su rii e torrenti, Sogna, Ronzone, Bassola, Marculega e Ondellaccio interventi di
manutenzione preventiva, finalizzati a contenere i rischi di eventuali disastri e aumentare la sicurezza.
Le condizioni dei torrenti, prima degli interventi pianificati, ora realizzati.
COSTO OPERE € 35.000
21
REG
Restaurati 5 affreschi
Con il contributo economico della Fondazione Comunitaria Novarese, il Comune ha fatto restaurare
5 affreschi presenti sul territorio comunale, situati in piazza della Vittoria, sant’Anna a Lavignino,
(le foto sono precedenti l’intervento) e quelli di Sovazza e Coiromonte, con le foto che sono state
eseguite successivamete agli interventi.
COSTO RESTAURI € 22.000
22
FOND
Il parco giochi in piazza della Vittoria
Con la posa del fondo in erba sintetica nel parco giochi, sono migliorate le condizioni di gioco per i
bambini e ridotti i pericoli di infortuni dovuti al fondo sterrato con presenza di sassi.
PARCO GIOCHI Euro 5.000
La bacheca digitale in piazza della Vittoria
Il Comune e la Pro Loco, con il contributo economico del Distretto Turistico dei Laghi, hanno installato
la bacheca digitale in legno con il tettuccio in sasso, per permettere le comunicazioni e gli avvisi delle
iniziative del paese.
LA BACHECA IN LEGNO
COSTO € 7.000
23
D. TURIST
La fibra ottica è arrivata ad Armeno
La posa della fibra ottica, permetterà ad Armeno di avere prestazioni di rete come quelle delle
grandi città. A opere completate e connessioni attive si ridurrà il divario digitale, consentendo ad
aziende e privati di ottenere servizi migliori. Prima dell’estate saranno date adeguate informazioni
in merito, sarà possibile sottoscrivere i contratti con l’operatore.
COSTO OPERA € 120.000
REG
Più sicurezza con le videocamere
Per migliorare la sicurezza dei cittadini sono state installate video camere, che
hanno già ottenuto l’obiettivo di ridurre i furti, senza limitare la privacy dei
cittadini. In collaborazione con la stazione dei Carabinieri, sono stati promossi
incontri di prevenzione a favore di giovani e anziani. Le statistiche evidenziano
che il comune ha una livello di sicurezza superiore alla media. Con il contributo
totale del PSR sono state installate web cam che permettono a chi è lontano dal
paese, di vedere le condizioni meteo di Armeno da ogni angolo del mondo.
VIDEOCAMERA IN PIAZZA DELLA VITTORIA
COSTO OPERA € 6.000
PROV
24
Realizzato il centro stagionatura formaggi
La Regione Piemonte, la Provincia di Novara e il Comune di Armeno nel marzo 2010 hanno
sottoscritto un “Accordo di programma per interventi a sostegno del settore agro alimentare”;
nell’ambito dell’accordo è stata prevista la realizzazione da parte del Comune di Armeno di una
struttura per la stagionatura dei formaggi. La Regione, il Settore Agricoltura della Provincia di
Novara, hanno condiviso con le organizzazioni di categoria agricole la valenza dell’iniziativa,
inserendola nell’ambito del programma di sviluppo della zona Montana Novarese e dei Comuni
dei due laghi. Appena riceveremo il saldo finale, verrà indetto il bando per assegnare la gestione.
Una parte dell’area acquistata è stata adibita a sede della Protezione civile e magazzino del Comune.
EX AREA DE GAUDENZI, OGGETTO DELL’INTERVENTO
COSTO OPERA € 313.000
L’EX AREA
DE GAUDENZI
è stata COMPRATA
dal COMUNE
La spesa sostenuta
dal comune è il 17%
del costo complessivo.
La realizzazione di impianto di stagionatura dei formaggi, a fronte di un progetto complessivo di
€ 313.600,00 ha ottenuto il contributo di € 262.000 dalla Regione Piemonte.
La parte di spesa non coperta da finanziamento regionale, pari a € 51.600,00 è stata sostenuta dal
Comune di Armeno e da contributo della Comunità Montana due laghi Cusio Mottarone e Valstrona.
25
La festa interprovinciale del ringraziamento
L’associazione dei coltivatori diretti, ha riconosciuto ad Armeno un ruolo di riferimento nell’attività
agricola montana, promuovendo la festa interprovinciale del ringraziamento il 1 dicembre 2013
Le genti del territorio ringraziano per quanto ricevono dalla terra, la festa del ringraziamento ha un
significato profondo per la tradizione cristiana ed è una testimonianza di fede e speranza.
FESTA DEL RINGRAZIAMENTO INTERPROVINCIALE
Migliorare il territorio, con interventi di riqualificazione.
In occasione del passaggio del giro d’Italia, sulla strada provinciale del Mottarone è stata fatta la
posa di guard-rail in legno, sono stati asfaltati i tratti più sconnessi, sono stati eseguiti interventi di
asfaltatura nel centro abitato e in via due Riviere.
COSTO OPERE € 100.000
GUARD RAIL DI LEGNO E NUOVA ASFALTATURA SULLA STRADA DEL MOTTARONE
26
PROV.
Armeno, capofila del PAES per il risparmio energetico
Il Comune di Armeno in collaborazione con la Comunità Montana, ha fatto da capofila nella
predisposizione del PAES (Piano di Azione Energia Sostenibile) che risponde alle direttive di
Kyoto, ottenendo il contributo a fondo perduto dalla Fondazione Cariplo. Il PAES permettere ai
comuni di conoscere consumi, costi e inquinamento prodotti dagli immobili di proprietà.
L’analisi ottenuta permette di pianificare gli interventi rivolti al risparmio energetico, per programmare
gli investimenti in modo adeguato; l’azione si è completata nel 2013 con l’approvazione in Consiglio
comunale dell’allegato energetico, con la presentazioone dei risultati ai cittadini.
Il PAES è un documento redatto dai comuni che sottoscrivono il Patto dei Sindaci per dimostrare in
che modo l’amministrazione comunale intende raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni.
Il Patto dei Sindaci è un’iniziativa sottoscritta dalle città europee che si impegnano a superare
gli obiettivi della politica energetica comunitaria in termini di riduzione delle emissioni di CO2.
L’adesione al Patto rappresenta per gli Enti Locali un’opportunità per ridurre le emissioni nel proprio
territorio, garantendo una maggiore sostenibilità ambientale e cogliendo le opportunità economiche
derivanti (sviluppo dell’offerta locale, creazione di posti di lavoro, risparmio sui consumi energetici
e maggior efficienza nei servizi).
APPRO
V
PER R ATO IL PAE
IS
S
ENERGPARMIO
ETICO
FONDAZIONE CARIPLO € 28.000
FOND
27
Nuovi mezzi per migliorare l’efficienza
Acquisto di nuovo automezzo per servizio tecnologico.
Il Comune di Armeno disponeva di un automezzo Piaggio Porter immatricolato nell’anno 1997 ed
essendo ormai obsoleto, necessitava di interventi continui di manutenzione.
Pertanto si è deciso di acquistare un nuovo automezzo più a norma, con la cessione in permuta del
vecchio mezzo in dotazione, al fine di controllare i costi certi e soddisfare le esigenze di utilizzo.
Piaggio Porter 1,5 ton, motorizzazione 1.300 cc. benzina.
E’ stata acquistata una macchina spazzatrice per la pulizia delle strade, permette di evitare i costi
del consorzio che sono a carico dei cittadini. La ditta Dulevo International, ha formulato un’offerta
particolarmente vantaggiosa proponendo un mezzo dimostrativo quasi nuovo, al prezzo ridotto del
50% rispetto al valore di mercato.
AUTOMEZZO DULEVO IMPORTO € 35.000
28
IMPORTO € 12.000
Automezzo Suzuki 4x4 durante gli interventi invernali sulla neve
Comprato un 4x4 che ha sostituito quello vecchio di 20 anni. Risulta necessario per i numerosi
interventi sul territorio comunale che ha una estensione di olte 31 Kmq. composto per la maggior
parte da strade interpoderali. E’ inoltre fondamentale per gli interventi previsti nel periodo invernale,
in quanto il personale del comune gestisce direttamente lo sgombero neve, che permette al comune
di evitare i costi di affidamento esterno.
COSTO € 7.900
Il nuovo taglia erba Kubota.
Per la manutenzione del verde, è stato acquistato un taglia erba che permette la gestione diretta di
attività che in passato erano decentrate, in quanto finanziate da contributi pubblici che da oltre 3 anni
non sono più erogati. Per non gravare sulla spesa corrente, con il coinvolgimento del personale e dei
lavoratori socialmente utili, abbiamo organizzato il servizio interno migliorando la produttività
complessiva e completando gli ammortamenti in due anni.
29
Stipulate convenzioni per fare economie di scala
Sono state stipulate nuove convenzioni per condividere le risorse umane con altri Comuni.
Con le amministrazioni di Borgomanero, Pettenasco, Ameno, Miasino e la Comunità Montana,
abbiamo definito l’utilizzo in convenzione di risorse umane, in un quadro di interazione operativa
finalizzata a garantire il migliore funzionamento dei servizi comunali. L’utilizzo del personale in
convenzione, ha permesso di contenere la spesa e garantire la funzionalità dei servizi, in particolare
dell’ufficio tecnico stante l’assenza per malattia del Tecnico Comunale che riveste anche il ruolo di
Responsabile.
CONDIVISE RISORSE UMANE CON
RIDUZIONE DI COSTI
Progetto Lavori Socialmente Utili
Considerata l’impossibilità di assumere personale, ci siamo avvalsi delle norme previste dalle
leggi vigenti, che permettono ai Comuni l’attivazione di lavoratori socialmente utili.
Abbiamo richiesto gli iscritti nelle liste di mobilità, occupandoli per un numero di ore proporzionato
alla misura del trattamento previdenziale in godimento. A carico del Comune è previsto unicamente
l’onere finanziario per contributi INAIL e dell’assicurazione per responsabilità civile verso
terzi. Nel caso di lavoratori non residenti nel Comune, é previsto il rimborso per le spese sotenute
nell’utilizzo del proprio mezzo per raggiungere il posto di lavoro.
PERSONALE A DISPOSIZIONE
A COSTI RIDOTTI
Cogliamo l’occasione di ringraziare le risorse umane per l’impegno profuso, perché oltre a collaborare
con il personale in organico al Comune; sono state preziose nelle numerose attività svolte dall’assessorato ai
lavori, contribuendo alla realizzazione di molti interventi straordinari.
BANDO PROGETTI di PUBBLICA UTILITA’
Abbiamo partecipato al Bando promosso dalla Regione, per ottenere finanziamenti Europei
finalizzati all’occupazione. Il soggetto attuatore, potrà beneficiare di contributo a fondo perduto
finalizzato all’inserimento lavorativo di soggetti in condizioni di svantaggio occupazionale in
progetti di pubblica utilità, di cui al bando “Azioni di politica attiva del lavoro per la realizzazione
di progetti di pubblica utilità”. All’avviso pubblico emesso dal Comune di Armeno ha aderito la
Cooperativa Risorse che nel mese di maggio 2014 potrà rendere operativa la proposta formulata.
Il progetto ha la finalità di migliorare i servizi e contenere i costi della raccolta differenziata, con
l’impiego temporaneo di lavoratori disoccupati.
Da una parte si crea lavoro, dall’altra si migliorano i servizi, utilizzando soldi messi a dsposizione
dalla Comunità Europea. Purtroppo la burocrazia oltre alla complessità della formulazione, richiede
oltre 6 mesi di tempo per l’attuazione, per questo motivo sono pochi i comuni che ne fanno utilizzo.
STAGES per GIOVANI ARMENIESI presso il COMUNE
Per coinvolgere i giovani nelle attività comunali, abbiamo attivato stages formativi: “TIROCINIO
DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO PER STUDENTI DI SCUOLA SECONDARIA DI
SECONDO GRADO”. Abbiamo beneficiato delle normative che consentono ai datori di lavoro
pubblico di ospitare tirocinanti. La concreta esperienza lavorativa è stata utile ai giovani e al
Comune, che li ha coinvolti nelle attività di dematerializzazione e ufficio tecnico, con ottimi risultati.
Un partecipante allo stages ha fatto uso di un progetto comunale per presentare la tesi di diploma.
30
Promosso il turismo in collaborazione con le associazioni
Abbiamo collaborato attivamente con le associazioni, consapevoli che la situazione economica
di questi anni non permette di realizzare grandi manifestazioni. Siamo riusciti a essere considerati
dalla rete di promozione eventi regionali, che ha permesso alla Pro Loco di organizzare eventi con il
contributo della Regione, dell’Uncem e di Fondazioni.
Siamo certi che nei prossimi anni se sapremo migliorare i rapporti in rete, si potranno promuovere
iniziative per favorire lo sviluppo turistico del territorio. Sono stati promossi eventi che hanno
permesso di valorizzare in modo adeguato le tradizioni, i percorsi, le esperienze e la storia del paese.
Nel mese di maggio 2014 in seguito al lavoro svolto per valorizzare il nostro paese e per aver
ottenuto il contributo europeo per la riqualificazione delle borgate montane, ci verrà consegnata la
bandiera di “BORGO ALPINO”.
Progetto di educazione all’escursionismo
Promosso dalla provincia di Novara in collaborazione con la Comunità Montana e il Comune, il
progetto all’escursionismo rivolto alle scuole primarie, ha lo scopo di valorizzare e far conoscere
il territorio provinciale stimolando i bambini a frequentare i numerosi sentieri del territorio
della Comunità Montana in provincia di Novara. Il sito internet appositamente predisposto, mette
a disposizione la descrizione del percorso, il tracciamento in GPS e file in formato google earth di
sentieri e itinerari ritenuti prioritari e strategici a fini turistici.
Nonostante i tagli subiti, abbiamo conservato tutti i servizi.
Ci siamo sforzati di rispondere ai bisogni delle famiglie collaborando con enti e associazioni;
abbiamo rinunciato alle entrate comunali, impegnandoci a non aumentare le tasse per non gravare
sui bilanci delle famiglie. Tutte le energie utili si sono riunite, per ridurre le tante difficoltà di
molte famiglie, per essere più incisivi negli aiuti si è cercato di collaborare e ottimizzare gli sforzi
per aumentare i risultati. Abbiamo dedicato attenzione e presenza, per mantenere i servizi socio
assistenziali, minacciati dai mancati trasferimenti degli enti sovra locali.
Il comune si è reso parte attiva nel consiglio dei sindaci proponendo lo stanziamento di importi
integrativi che hanno permesso di garantire i servizi alla persona, in particolare agli anziani.
Si consideri che nei grandi centri urbani, alcuni servizi sono stati necessariamente ridotti.
Dal mese di aprile 2014 il Comune è dotato di DEFIBRILLATORE, per il corretto utilizzo è stato
previsto dalla Regione, un corso di formazione per le risorse autorizzate a utilizzarlo. Sarà collocato
in piazza della Vittoria, in uno spazio facilmente raggiungibile, a disposizione del territorio.
Per i servizi alla persona,
in 5 anni,
il Comune ha sostenuto costi
per 418.000 Euro.
Adesione alla Rete “Comune-Regione per la saggia ecologia”
Sottoscritta la Carta dello sviluppo sostenibile.
La tutela ambientale e la corretta educazione ambientale sono problemi che ci coinvolgono tutti
quanti ed è con convinzione che il Comune di Armeno per il tramite del Consiglio Comunale ha
deliberato all’unanimità l’adesione alla rete « Comune – Provincia – Regione per la saggia ecologia »
con delibera di C.C. n. 51 del 29/05/2012 - dichiarata immediadamente eseguibile.
31
Interventi a favore della scuola
Si è concretizzata nel 2013 l’unione degli istituti comprensivi di Orta e di San Maurizio d’Opaglio,
che ha permesso di costituire l’istituto comprensivo “San Giulio” composto da una direzione
autonoma che garantisce tutti i servizi alle scuole di Armeno, compresa la possibilità d’iscrizione online. Il comune montano di Armeno ha assunto un ruolo importante per favorire l’unione, la quale
ha permesso di avere una dirigente scolastica a tempo pieno.
E’ stato appaltato il servizio mensa con nuove integrazioni di contratto più rispondenti ai servizi
di qualità e certificazione di filiera del prodotto. Prima dell’appalto è stata fatta una verifica sul
territorio per individuare strutture in grado di fornire oltre 230 pasti giornalieri che potessero
garantire il massimo rispetto delle norme previste dalla legge. Si ricorda che per servizi di questa
consistenza, la legge prevede l’obbligo dell’appalto e non possono essere affidati direttamente a
operatori locali. E’ stata istituita per la prima volta la commissione mensa, con il coinvolgimento
dei rappresentanti dei genitori e di un tecnologo alimentare, con l’intento di essere trasparenti e
ottenere contributi utili al miglioramento dei servizi,
In seguito all’incremento delle iscrizioni nella scuola secondaria, è stata istituita una prima classe in
più, pertanto sono stati acquistati nuovi banchi e attrezzature per la sezione B.
NUOVA AULA E BANCHI NELLA SCUOLA SECONDARIA
Per l’istruzione pubblica, il comune in 5 anni
ha sostenuto costi per 942.000 Euro
La spendig review impone al comune di ridurre le spese generali e chiede di far pagare interamente alle famiglie i costi dello scuolabus. Ad Armeno il costo del trasporto grava solo per il 5%
sulle famiglie, per non aumentare i costi a carico delle famiglie abbiamo ritenuto, in accordo con la
dirigente scolastica, di tagliare alcuni servizi non fondamentali, quali le uscite extrascolastiche con lo
scuolabus, per esempio il trasporto per portare i bambini a sciare al Mottarone.
Andare qualche volta in meno in gita non ha penalizzato gli alunni e la scuola, in quanto la loro
partecipazione a concorsi è stata premiata in diverse occasioni e i ragazzi hanno potuto comunque
vivere straordinarie esperienze nel recarsi in Regione, al Quirinale e in Sicilia.
Cogliamo l’occasione per ringraziare il corpo docente che si applica con dedizione senza rivendicare e apparire, consapevoli che il loro ruolo è importate per la crescita delle nuove generazioni.
32
A favore della scuola, il Comune di Armeno ha sostenuto in cinque anni, una spesa corrente di
942.000 euro, l’importo comprende i contributi all’Istituto comprensivo, il riscaldamento, il servizio
scuolabus e altri servizi. Armeno ha il plesso più numeroso rispetto ai comuni limitrofi, collocati in
tre spazi distinti, pertanto le spese sono più elevate rispetto agli standard imposti dalla spending
review.
La scuola secondaria ha l’impianto di riscaldamento obsoleto e utilizza ancora il gasolio, abbiamo
pertanto previsto un’intervento di risparmio energetico finalizzato a ridurre la spesa annuale.
Nei tre anni scorsi abbiamo eseguito azioni di messa a norma delle scuole, elaborato valutazioni per
adeguarci alle recenti norme e formulato una richiesta di contributo al nuovo governo, che prevede
stanziamenti specifici a favore delle scuole.
Grazie al coinvolgimento di aziende locali che hanno dato un contributo economico mirato, a partire da inizio anno scolastico 2013 tutte le aule delle scuole, sono dotare di LIM (Lavagna Interattiva Multimediale). Le spese non sono state sostenute dall’ente pubblico, ma dalle aziende private,
che hanno permesso agli alunni, in alcuni casi i propri figli, di apprendere con modalità tecnologiche.
Questo un evidente esempio di sussidiarietà applicata alla scuola.
LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE
La ristrettezza economica e il rispetto delle norme di bilancio, non ci ha permesso di sostenere spese
aggiuntive rivolte a servizi come il doposcuola e pur avendolo previsto in programma e avendo il
desiderio di erogare il servizio, non poteva essere sostenuto economicamente.
In accordo con l’istituto comprensivo, che ha svolto un sondaggio, abbiamo fatto incontri dove è
emerso che le richieste reali, non raggiungevano il minimo di presenze necessarie per strutturare
l’iniziativa. Le oggettive difficoltà economiche e gli eccessivi costi a carico delle poche famiglie
interessate, hanno reso impossibile attivare il servizio.
Chi ha la responsabilità di gestire il bene comune, deve far quadrare i conti e nei momenti
economicamete difficili, ha il dovere di non assecondare le rivendicazioni che se non sono
sostenibili, impongono per legge l’aumento di tasse a carico di tutti.
Armeno ha servizi scolastici medio alti, ma ha il punto di debolezza nei costi fissi troppo alti
che devono essere contenuti. Per questo motivo abbiamo previsto un piano di miglioramento,
che consiste nella sostituzione delle caldaie a gasolio e l’introduzione di sistemi di controllo per
ottimizzare i consumi con l’obiettivo di contenere le spese. Il nostro compito è di non aumentre le
spese, ma di recuperare risorse economiche da utilizzare a favore di nuove attività e servizi.
33
Nuova variante strutturale del piano regolatore
Predisposta la nuova variante strutturale del PRGC (Piano Regolatore Generale Comunale) che il
Consiglio Comunale ha già votato nel rispetto del principio di economicità degli atti amministrativi.
Sono stati predisposti anche; il nuovo regolamento edilizio, il regolamento per l’emissione delle
onde sonore, il regolamento per l’emissione luminose, l’adeguamento del P.R.G. alle nuove norme
sul commercio, l’allegato energetico previsto dal PAES.
Variante Piano Regolatore Generale Intercomunale.
E’ stata fatta per la prima volta, la VAS.
(Valutazione Ambientale Strategica).
Concluso il PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS)
DELLA VARIANTE STRUTTURALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE.
La VAS è parte integrante del procedimento di approvazione per la variante strutturale al PRG.
La Valutazione è stata effettuata durante la fase
preparatoria al Progetto Preliminare del Piano,
anteriormente alla sua adozione.
Soggetti competenti in materia ambientale:
• Azienda Sanitaria Locale ASL
• Servizio Igiene e Sanità Pubblica;
• Agenzia Regionale Protezione Ambientale
A.R.P.A. Piemonte;
• Soprintendenza Beni Architettonici
e Paesaggistici del Piemonte;
• Regione Piemonte, Settore Valutazione
Piani e Programmi (referente per tutti i settori);
• Provincia Novara (referente per tutti i settori);
• Corpo Forestale dello Stato
34
Eseguita la ripresa aerofotogrammetrica del territorio.
Il piano è stato redatto in forma interamente digitale.
Per la prima volta il Comune ha commissionato la fotografia aerea, che è stata pagata con le entrate
degli usi civici, inoltre sono state aggiornate le classificazioni degli immobili per permettere il
recepimento delle recenti leggi che consentono gli ampliamenti nei centri storici.
Realizzato dall’associazione forestale dei due laghi e approvato dal Comune, il piano regolatore
forestale che ha classificato le proprietà boschive del territorio comunale.
Approvato il piano regolatore cimiteriale di Sovazza, Coiromonte e Armeno, di cui nell’immagine
sotto, vediamo la planimentria digitale. A lato il nuovo intonaco sul muro del cimitero.
35
ALIENAZIONE IMMOBILE
AD USO RESIDENZIALE di via Omegna - UNICO BENE DISMESSO
Con nota pervenuta in data 30 marzo 2013 la sig.ra Tronconi,
ha espresso la volontà di acquisto di una piccola parte
dell’immobile, composto da cantina al piano terra, un
locale al primo piano e sottotetto, corrispondente a circa
1/6 dell’intera proprietà comunale, sita in Via Omegna;
manifestando inoltre la volontà di rinuncia alla servitù di
passaggio gravante sull'immobile di proprietà del Comune
di Armeno e offrendo l’importo di € 60.100
Abbiamo ritenuto di cogliere questa vantaggiosa
opportunità che elimina il passaggio di servitù, che da
sempre condiziona e limita il valore del bene comunale.
L’alienazione ha permesso alle parti di risolvere una
situazione poco funzionale per entrambi.
La restante parte dell’immobile, corrispondente a 5/6
resta di proprietà comunale, indipendente pertanto più
appetibile in quanto non più gravata da servitù.
ACQUISITI TRE IMMOBILI,
VIA SAPPA, EX AREA DE GAUDENZI E CASA del POPOLO.
Valore reale dei beni:
410.000 euro
Spesa sostenuta dal Comune: 60.000 euro
PAGATO da REGIONE € 130.000
Con il contributo di Euro 130.000 sono stati comprati gli immobili nella corte interna di via Sappa, è
stato acquistata l’area ex De Gaudenzi grazie all’accordo di programma sottoscritto con la Regione
Piemonte nel 2010 è stato acquisito a costo zero l’immobile ex casa del Popolo, dove il comune
paga l’affitto per l’utilizzo del primo piano utilizzato come sala consigliare e archivio, dove al piano
terra è collocato il bar. Le procedure per il passaggio di proprietà dal demanio al Comune sono state
perfezionate, pertanto si sta concludendo il lungo iter di acquisizione.
36
Riqualificazione dei sentieri e nuova segnaletica
La partecipazione a PSR (Piani di Sviluppo Rurale) ha permesso di ottenere contributi Regionali ed
Europei pari all’80% dei costi sostenuti per la riqualificazione della rete viabile secondaria, sono stati
fatti interventi di recupero e posa della segnaletica sui sentieri di oltre 25 comuni del territorio. Il
Comune di Armeno è stato capofila del progetto in collaborazione con la Comunità Montana.
37
Manutenzione delle persiane e ingresso di Villa Virginia
CONTRIBUTO PROVINCIALE € 22.000
Il risultato cromatico
al termine dell’ intervento,
ripropone le tonalità
originarie dell’immobile.
I lavori di “Manutenzione straordinaria delle persiane di Villa Virginia” sono previsti nel mese
di maggio 2014 per una spesa complessiva di € 25.000 che trova imputazione nel bilancio 2013.
Finanziata per € 22.050 con contributo della Provincia di Novara ed € 3.000,00 con fondi propri di
bilancio. Verranno eseguiti lavori di tinteggiatura sui marcapiani e bordi estetici.
Eseguita la verifica di interesse culturale del patrimonio Comunale.
Per poter predisporre interventi sui beni del Comune abbiamo approvato l’intesa con il Ministero
per i Beni e le Attività Culturali e Paesaggistici del Piemonte per la verifica dell’interesse culturale
dei beni immobiliari di proprietà del Comune.
Completata la compilazione e la trasmissione di tutti i dati e le operazioni connesse, realtive ai
seguenti beni immobili appartenenti al patrimonio immobiliare comunale, quali prioritari da
sottoporre alla verifica: Immobile ex Ospedale Sappa di Via Roma; Immobile ex Asilo Sappa di Via
Badanelli; Area Tonella sita in Via Dei Prati; Palazzo Municipale sito in Piazza Della Vittoria, 11;
Immobile residenziale in Via Omegna, 31 ; Edificio ex scuole in Frazione di Sovazza - sede legale
della Comunità Montana Due Laghi, Cusio Mottarone e Val Strona e ambulatorio medico.
Il marciapiede di via due Riviere e nuova illuminazione LED
Completato il tratto di marciapiede precedentemente
appaltato, nel corso dei lavori è stata eseguita una
variante per la nuova illuminazione a led e la posa
di cordoli in sasso. L’amministrazione, ha previsto
il collegamento agevole con il piazzale della chiesa
e l’entrata del cimitero, in modo da permettere gli
accessi anche a coloro che sono in carrozzina.
E’ nostro intenzione realizzare il collegamento
pedonale con il viale della chiesa, in modo tale da
permettere camminate ad anello intorno al paese.
L’intento è di migliorare sicurezza e qualità della
vita di residenti e turisti.
38
MARCIAPIEDE E ILLUMINAZIONE LED
Progetti approvati e FINANZIATI
Intervento di risparmio energetico in municipio
Predisposto un progetto finalizzato al risparmio energetico del palazzo comunale con conseguente
riqualificazione, abbiamo ottenuto il contributo di fondi europei dalla Regione. Il nostro obiettivo
è dimezzare i costi di riscaldamento, con interventi finalizzati al risparmio energetico e riduzione
dell’inquinamento. Il beneficio consiste nella riduzione della spesa corrente, si consideri che il Comune
spende per il riscaldamento del Municipio oltre 14.000 euro annui, dopo l’intervento pianificato la
spesa prevista sarà di 7.500 euro. Avremmo potuto procedere con l’appalto già nell’estate del 2013
purtroppo il patto di stabilità non ha permesso di attivare il mutuo per ottenere il contributo della
CDP (Cassa depositi e Prestiti). Sono previsti interventi di sostituzione caldaia a gasolio presso la
Villa Virginia e le scuole di Sovazza sede dell’Unione dei Comuni Montani.
REG
COSTO OPERE € 220.000
PREVISTA LA RIDUZIONE DEL 50% SULLE SPESE DI RISCALDAMENTO
La Giunta ha deliberato le opere di “Realizzazione
fognatura e riqualificazione di Piazza della Vittoria
in Armeno, il 28 maggio 2013. Intende procedere
nella realizzazione della fognatura della piazza
della Vittoria e la contemporanea sistemazione e
riqualificazione di Piazza della Vittoria. La spesa
prevista è di Euro 450.000
Accorpando i progetti, della fognatura in piazza
della Vittoria e la riqualificazione energetica del
municipio, abbiamo partecipato al “Programma
ministeriale 6000 Campanili” formulando una
richiesta contributo a fondo perduto per l’intero
importo delle opere. Se sapremo essere incisivi
abbiamo buone probabilità di ottenere il finanziamento.
39
Realizzazione della fognatura in Piazza della Vittoria
e riqualificazione estetica.
ABBIAMO PARTECIPATO al “BANDO 6000 CAMPANILI”
promosso dal Ministero delle Infrastruture, per creare lavoro
e muovere l’economia. Sono previsti “CONTRIBUTI del 100%
dei COSTI” solo per progetti approvati e pronti da appaltare,
che rispondano ai criteri selettivi definiti.
40
La sistemazione del piazzale della chiesa parrocchiale,
il viale al cimitero, il parcheggio e il marciapiede.
UE
COSTO OPERA € 215.000
La partecipazione a un bando regionale-europeo, ha permesso di ottenere un contributo di euro
140.000 pari al 65% del costo, per la riqualificazione del sagrato della chiesa parrocchiale. Il Comune
sentita la Parrocchia, ha approvato il progetto definitivo e ottenuto il finanziamento, ora si può
procedere nella realizzazione dell’opera, contando sul coinvolgimento della Comunità. La chiesa
romanica è stata realizzata dai nostri avi oltre 900 anni fa, grazie alla partecipazione solidale di
tutto il paese. Nel 1966 il Comitato pro Armeno, in momenti in cui il comune era privo di risorse, ha
eseguito l’intervento di sistemazione del piazzale. Oggi, seppur nella difficoltà economica, abbiamo
ottenuto un contributo economico che premia l’importanza del monumento storico, edificato con
fatica delle generazioni precedenti, ci permette di realizzare un intervento nel luogo dove tutta la
comunità può ritrovare l’unità, intorno all’opera simbolo del paese: la chiesa romanica.
Realizzare il sagrato, il viale al cimitero, il parcheggio e il marciapiede che collega via due riviere,
trasmette al viandante, l’immagine di una comunità attenta ai beni e porta benefici turistici favorevoli
all’economia locale. (Il progetto approvato allo stato definitvo, potrà essere soggetto a contributi migliorativi).
VIALE, MARCIAPIEDE E PARCHEGGIO DEL CIMITERO
41
Sistemazione idrogeologica del Monte Giasso.
Approvato il progetto definitivo delle opere di “SISTEMAZIONE IDROGEOLOGICA MONTE
GIASSO, VERSANTE INCOMBENTE SULL’ABITATO DI ARMENO”, composto dalla Relazione
illustrativa e tecnica; Quadro economico; Computo metrico estimativo; Cronoprogramma; 4 Tavole
di planimetria.
Il progetto ha già ottenuto il contributo di Euro 40.000 per la progettazione, siamo in attesa di
conferma del contributo complessivo di euro 690.000 che permetterà di mettere in totale sicurezza
tutta la parte alta del centro abitato, oltre alla regimentazione della acque di via Omegna.
COSTO OPERE € 690.000
REG
Abbiamo partecipato al Programma nazionale per
la promozione dell’energia solare promosso dal
Ministero dell’Ambiente. “Scuola a impatto zero
Impianto fotovoltaico da 8,75 Kw presso la scuola
primaria di Armeno”.
Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio
e del Mare”, Direzione generale per lo sviluppo
sostenibile, il clima e l’energia, ha emanato il Programma
Nazionale per la promozione dell’energia solare, “Il
Sole a scuola”, con il quale promuove la realizzazione
di impianti fotovoltaici sugli edifici scolastici e l’avvio
di attività didattiche volte alla realizzazione di analisi
energetiche e di interventi di razionalizzazione e
risparmio energetico nei suddetti edifici, tramite il
coinvolgimento degli studenti; che i soggetti beneficiari
del suddetto Bando, sono i Comuni proprietari di
edifici ospitanti Scuole elementari e che il Comune di
Armeno soddisfa pienamente tale requisito; pertanto
è previsto l’intervento per un importo complessivo di CONTRIBUTO MINISTERO € 36.000
MIN
Euro 36.200,00 Iva Inclusa.
42
Realizzazione fognatura in via dei Pini.
Concluso l’iter progettuale per la realizzazione della fognatura di via dei Pini, siamo riusciti ad
ottenere il contributo del 50% del valore dell’intervento, con l’utilizzo dei fondi ATO da parte della
Comunità Montana per realizzare le opere mirate alle acque bianche, mentre per gli interventi sulla
fognatura il finanziamento è stanziato dal bilancio di ATO. A settembre 2014 si potrà procedere con
l’appalto definitivo.
COSTO OPERA € 160.000
ATO - CM
Completamento del marciapiede di via due riviere.
IMPORTO LAVORI € 50.000 + OPERE IN CONVENZIONE
L’ufficio tecnico comunale ha realizzato il progetto esecutivo del marciapiede che va dalla piazzetta
di Lavignino a Pool, sono già state ottenute tutte le autorizzazioni; abbiamo atteso i contributi
della Provincia, purtroppo causa la difficoltà di bilancio non ci sono pervenuti. Nell’assestamento
di bilancio 2013 abbiamo confermato la quota a carico del comune. L’illuminazione sarà identica
a quella del tratto precedentemente eseguito. A breve verranno realizzati in convenzione, anche il
parcheggio posto all’incrocio tra via Pariani e via due Riviere e il marciapiede di via dei Prati.
43
Realizzazione appartamenti ATC
Aderendo al programma 10.000 alloggi abbiamo modificato l’azione già intrapresa sulla casa di via
Omegna e con il contributo regionale di euro 130.000 abbiamo comprato l’immobile di via Sappa,
dove è prevista la realizzazione di 6 nuovi appartamenti comunali finanziati al 90%.
Causa la crisi economica nazionale, lo Stato e la Regione hanno bloccato i finanziamenti e il Comune
è fermo in attesa della conferma del contributo. Il desiderio è di procedere, ma con il cofinanziamento
del 10% a carico del Comune, è doveroso restare in attesa del contributo, perché l’attuale situazione
finanziaria non permette di appaltare alle imprese, senza adeguate garanzie della copertura
economica, onde evitare il rischio di non riuscire pagare i lavori che vengono eseguiti.
Le recenti azioni del governo, lasciano intendere la conferma dei contributi, pertanto appena
riceveremo comunicazioni positive, procederemo nella fase di appalto e affidamento lavori.
Nell’immobile situato in via Sappa, saranno realizzati 6 appartamenti popolari, dimostrando che è possibile
riqualificare i rustici, nel centro storico che è più vicino ai servizi.
COSTO OPERA € 825.000
44
Ristrutturazione del vecchio ospedale Sappa
da adibire a pubblica utilità sanitaria
Il Comune ha sottoscritto la convenzione con ASL e CISS e predisposto il progetto, previsto a
bilancio la quota d’intervento di Euro 60.000, i recenti tagli alla sanità hanno bloccato la disponibilità
economica dell’ASL pertanto siamo in attesa di ricevere una conferma. Il Comune, ha sottoscritto
accordi precisi, ma non ritiene di avviare i lavori senza la certezza della copertura economica degli
enti gestori. Per rendere comodo l’accesso e la fruizione dei servizi, sono previsti 12 posti auto di
fronte all’entrata e i dissuasori sull’intero tratto di strada, per rallentare il traffico.
Stato di fatto
Planimetria del progetto approvato
COSTO OPERE € 185.000
ASL
45
Nuovi impianti di illuminazione,
sostituzione delle lampade tradizionali con LED
L’approvazione del PAES, (Piano di Azione Energia Sostenibile) ha permesso l’analisi sul
risparmio energetico, che consente al comune di ridurre i costi del 40% sulla spesa corrente per
l’illuminazione pubblica, per ottenere tali risultati, si prevede di sostiutire tutti i corpi illuminanti
con nuove lampade LED. L’azione già realizzata, sul marciapiede di via due Riviere e quella in
borgata Bassola nel centro storico, ha dimostrato che l’illuminazione a LED consuma la metà, dura
il triplo e inquina di meno. A fronte di una accresciuta attenzione ai temi dell’efficienza energetica,
si riscontra una situazione in cui gli investimenti faticano a diffondersi, sia in ambito pubblico che
privato. Per essere propositivi dal basso, il Comune di Armeno con altri 16 comuni del lago d’Orta
e Maggiore ha presentato la candidatura per ottenere il contributo al progetto di illuminazione
pubblica e risparmio energetico, finalizzato a ottenere finanziamenti europei.
L’obiettivo ambizioso, è il contenimento della spesa corrente, il miglioramento della qualità
della luce e la riduzione della manutenzione; l’obsoloescenza degli impianti, rispetto ad altri paesi
europei, può favorire in modo significativo il progetto.
Con l’associazione forestale, il Comune ha attivato azioni di
riqualificazione delle strade interpoderali
L’azione del comune di Armeno ha inciso anche su alcune attività dell’associazione forestale
favorendo la partecipazione a PSR che hanno permesso di realizzare interventi straordinari su
boschi e strade interpoderali. Queste attività hanno creato lavoro per gli associati e migliorato
la viabilità secondaria sulla dorsale del Mottarone, sono interventi conosciuti dagli operatori del
settore e frequentatori dei boschi, ma contribuiscono a mantenere in vita l’economia forestale del
territorio. L’adesione all’associazione ha permesso di realizzare il piano regolatore senza costi a crico
del Comune.
In questi anni la difficoltà si è fatta sentire in modo significativo anche nel settore forestale, pertanto
le azioni intraprese hanno permesso di offrire qualche opportunità di lavoro agli associati.
Abbiamo perseguito efficienze contabili recuperando importi a
favore delle casse comunali
Abbiamo da subito prestato attenzione al bilancio, per uscire dall’anticipazione di cassa abbiamo
recuperato fondi residui, completando il tiraggio dei mutui accesi negli ultimi 15 anni, per un valore
di oltre 75.000 euro.
Con l’applicazione di una legge regionale, abbiamo ottenuto l’indennità per gli usi civici comunali
di oltre 125.000 euro, che ci è stata riconosciuta e saldata dalla SNAM.
Abbiamo rivisto i residui attivi e passivi portando benefici di cassa.
Nonostante le forti difficoltà economiche e i drastici tagli di trasferimenti dello Stato a favore dei
Comuni siamo riusciti a fare opere ed evitato qualsiasi anticipazione di cassa.
46
Di tutti gli argomenti illustrati potete consultare atti e delibere
sul sito del Comune: www.comune.armeno.no.it
Elenchiamo in modo schematico gli investimenti in corso o già completati, gli importi sono da leggere in
migliaia di euro e sono arrotondati per facilità di lettura. Informazioni dettagliate per ogni argomento le potete
trovare sulle delibere pubblicate e consultabili sul sito internet del Comune.
Nelle tabelle, compaiono solo gli interventi significativi per importo e rilevanza, numerosi altri
interventi sono stati effettuati dall’assessorato ai lavori pubblici, ma per dovere di sintesi non sono
stati esposti.
Sintesi Programma opere maggiori:
47
Interventi minori:
Il lavoro che abbiamo esposto, è il risultato dell’impegno assunto a favore del paese che amiamo,
abbiamo cercato di rispondere alle varie emergenze e richieste di intervento ricevute dai cittadini, nonostante
la scarsa possibilità di azione che ci è stata imposta dal patto di stabilità. Mai come in questo mandato, si è resa
necessaria una seria politica di controllo dei conti, abbiamo fatto gli investimenti solo se non generavano spese
di gestione, in quanto le casse del comune ormai prive di trasferimenti sono in sofferenza continua.
Quanto abbiamo fatto e illustrato è frutto di un lavoro corale, un’impegno di tutta l’amministrazione,
dove ognuno ha messo al servizio del paese, le proprie capacità.
Il Sindaco ha avuto il piacere di coordinare la sintonia di un gruppo valido e appassionato; composto
dal Vice sindaco, assessore al bilancio e vigilanza: Sappa Stefano; degli assessori, ai lavori pubblici: Piumarta
Bruno; all’istruzione e sociale: Idrocchi Anna; all’agricoltura e frazioni: De Gaudenzi Cecilia. Ai
consiglieri: Cereda Renzo capogruppo resposabile di associazioni e turismo; Santini Ugo attività produttive,
Pro Loco e sport; Lovisi Giovanni associazione calcio e Iudici Nicoletta per i giovani.
A differenza degli esempi nazionali sempre contrapposti, nei 5 anni trascorsi, il Consiglio comunale di
Armeno è stato un esempio di lavoro costruttivo e civico, anche grazie alla responsabilità dei consiglieri:
Anchisi Marinella, Mariotti Werther, Mascolo Eliseo e Frascoia Orietta, che hanno controllato il nostro
operato in modo attento, con spirito critico e senza degenerare in demagogie che non sono mai utili al bene.
48
Le Associazioni VIVE
La sussidiarietà: si opera dal basso, con il desiderio di contribuire allo sviluppo del paese.
Una motivazione particolare, che ha indotto l’amministrazione a dedicare tempo al paese è la convinzione che la società può migliorare se applica il principio di sussidiarietà, è un principio regolatore per
cui se un ente che sta più in basso è capace di fare qualcosa, l’ente che sta più in alto come autorità deve
lasciargli questo compito, eventualmente sostenendone anche l’azione. Si realizza la sussidiarietà quando
lo Stato offre sostegno economico, istituzionale alle entità sociali minori, Associazioni, Famiglie, Comunità
religiose, le quali possono soddisfare un determinato bisogno meglio dello Stato. In questo modo, tutti possono
essere protagonisti nel favorire la lotta all’inefficienza, all’assistenzialismo, nel partecipare attivamente all’espressione del dovere civile e nel contribuire alla riduzione di un eccessivo centralismo burocratico.
Per applicare concretamente tale principio, l’amministrazione ha istituito il bando delle associazioni, stimolando la realizzazione di progetti a favore della comunità; con l’obiettivo di rendere partecipi le associazioni
locali, attraverso l’impegno diretto nelle opere e nei servizi. Quando si ha a cuore un’iniziativa, si ha davvero
la migliore garanzia di continuità e controllo, anche dopo i cambi di amministrazione. Si può concretamente
costruire un futuro migliore, se le istituzioni, creano lavoro e mettono in condizione le persone di esprimere al
meglio le proprie capacità e i talenti di cui ognuno è dotato. Questa amministrazione comunale ha cercato,
partendo dal basso, di collaborare con tutti quelli che desiderano costruire. Per questo motivo rivolge un
particolare ringraziamento alle associazioni che sono ad oggi, la dimostrazione pratica del principio di sussidiarietà. Molti sono le realtà del passato già consolidate, come ad esempio la Pro loco, ma le più recenti sono
rappresentate sicuramente dai Giovani di Armeno. I partecipanti hanno fondato l’associazione con l’intento
di fare un percorso insieme e hanno promosso l’iniziativa tra i rioni “un bicer par canton”, la “sera di falisp”
e collaborano attualmente con varie associazioni. Tra queste “un aiuto per tutti” che si impegna a favore di
varie attività e contribuisce alla riuscita di nuove iniziative rivolte all’infanzia, il presepe vivente, i mercatini
di natale e altro ancora; la banda musicale che ha incrementato i corsi di musica gratuiti per i bambini; i
cacciatori che organizzano la “giornata all’alpe Fey” per le scuole; il consiglio comunale dei ragazzi che
promuove la giornata ecologica; il “gruppo Padre Pio” che in collaborazione con la parrocchia è di supporto
discreto a chi ha bisogno. Sono tutte iniziative promosse con sentimento, che animano il paese, lo rendono vivo
e permettono di fare, anche in momenti di reale difficoltà economica come quelli che stiamo vivendo. Altre
associazioni realizzano numerose opere come: gli edili che stanno restaurando la cappella di San Rocco; gli
Alpini che costruiscono la nuova sede attivando una rete solidale; il gruppo folkloristico che insieme ad altri,
ha restaurato il lavatoio; i fanti di Sovazza in collaborazione con i Combattenti, hanno costruito la barriera del
cimitero; varie associazioni che unendo le forze hanno realizzato la nuova pavimentazione dell’area Tonella, in
cui gli alberghieri offrono la loro disponibilità e professionalità e altri ancora, che non citiamo perché presenti
attivi e apprezzati già da tanti anni nella vita della Comunità.
Tutti con desiderio e competenza esprimono la bellezza di una società, che in tempi di crisi reagisce e
cresce con semplicità e solidarietà, riuscendo a fare meglio spendendosi e spendendo poco. Questi anni,
caratterizzati dalla difficoltà economica, dal taglio dei trasferimenti e il patto di stabilità, non ci hanno permesso di finanziare ogni iniziativa ideata. Siamo certi però di aver cercato di essere vicini ad ognuno, nonostante
tutte le limitazioni imposte “dall’alto”. Se in futuro i comuni saranno esonerati dal patto di stabilità, il bando
delle associazioni potrà essere nuovamente riproposto per coinvolgere sempre più persone che desiderano impegnarsi per il bene e la ricchezza del nostro paese.
L’amministrazione comunale ha collaborato con chi lavora in modo concreto al servizio del
paese; pertanto rivolge un sincero “grazie” alle associazioni e a tutti coloro che si sono prodigati
per promuovere eventi, attività solidali, opere che contribuiscono efficacemente allo sviluppo
del paese. E’ importante sottolineare che proprio in questi momenti difficili c’è stato un livello di
partecipazione addirittura maggiore rispetto agli anni in cui vi erano più possibilità economiche.
La crisi può diventare realmente una possibilità per ripartire e non soltanto una situazione negativa!
Purtroppo chi non vive il paese e non partecipa agli eventi non si è accorto del lavoro silenzioso
svolto da molti volontari, ma non per questo smetteremo di accettare nuove sfide e continueremo a
dare il nostro contributo. Il Comune ha cercato di aiutare con contributi economici mirati a progetti
definiti, con gesti concreti di supporto o semplicemente con la presenza.
49
La banda musicale del Mottarone
La banda musicale, con il giovane presidente Pizzi e un direttivo composto da molti giovani, organizza
i corsi di musica gratuiti per i bambini, ed è sempre presente alle feste rendendole importanti e
partecipate.
BANDA MUSICALE DEL MOTTARONE
L’associazione calcio
Ha operato con impegno e nel 2010 con il contributo di Euro 10.000 della banca popolare di Novara è
stato fatto un intervento straordinario di manutenzione del tappeto verde; nel corso del campionato
2013-2014 l’avvento della nuova presidenza, ha deciso di installare le nuove panchine e di dare alla
stampa il volume fotografico che ricorda i 40 anni di vita dell’associazione.
A.C. ARMENO
50
L’associazione Cacciatori, in seguito smottamento del piazzale dell’alpe Fey, hanno realizzato
un intervento di ingegneria naturalistica. Inoltre programmano periodicamente la manutenzione
della strada e organizzano la “giornata all’alpe del comune” per le scuole.
L’intervento realizzato in seguito allo smottamento, avvenuto presso l’alpe Fey di proprietà comunale.
Il gruppo Padre Pio e la San Vincenzo in collaborazione con la Parrocchia, sono stati
preziosi nella risposta ai bisogni immediati, sempre attivi con un supporto discreto ma concreto.
Sono tante iniziative promosse con sentimento che animano il paese, lo rendono vivo e permettono di
fare molto per gli altri, in particolare nei momenti di forte difficoltà come quelli che stiamo vivendo..
51
L’associazione Edili sta restaurando la cappella di San Rocco, ha partecipato al bando del Comune
ottenendo Euro 8.000 di contributo. Sta procedendo anche alla riqualificazione del tetto in piode del
rifugio Cortano.
La cappella san Rocco, pronta per il restauro, già ripulita dalla vegetazione che non la rendeva più visibile.
Gli Edili di Armeno, hanno ripristinato la cappella di Cheggino che ha compiuto 50 anni nel 2013.
Volontari hanno tinteggiato il Lavatorio di Farfareno.
52
Gli Alpini di Armeno, hanno costruito la nuova sede ottenendo collaborazione e solidarietà
di molti iscritti e simpatizzanti, dimostrando che nei momenti di difficoltà, sono molte le persone che
si riconoscono nei valori e nelle tradizioni del territorio. Imprese, artigiani e singoli hanno collaborato
con entusiasmo e spirito di corpo, nella realizzazione dell’opera.
La sede degli alpini di Armeno presso il colle Bagnalera; sotto: l’alzabandiera nel giorno dell’inaugurazione.
ALPINI di ARMENO
53
Il gruppo folkloristico del Mottarone con il sostegno della realtà locale e il contributo del
Comune, ha riqualificato il lavatoio di Sovazza.
Il lavatoio di Sovazza dopo l’intervento di ristrutturazione.
Il gruppo Alpini di Sovazza,
in
occasione dell’anniversario 2014, ha previsto
la riqualificazione della Cappella dedicata
alla Madonna.
Il gruppo Fanti di Sovazza, con i combattenti
e il contributo del Comune ha realizzato la nuova
barriera sul viale del cimitero, migliorando la
funzionalità e l’estetica.
ALPINI di SOVAZZA
FANTI di SOVAZZA
54
Il gruppo intercomunale di Protezione Civile in azione
Il gruppo intercomunale della Protezione Civile di Armeno, Ameno, Miasino è dotato di una sede
presso l’area di proprietà comunale, ex De Gaudenzi. La nuova sede e la riconosciuta disponibilità
ed efficienza del gruppo ha permesso di ottenere in dotazione permanente, un camion 4x4 un fuoristrada e mezzi attrezzati per primo intervento.
Il gruppo durante il taglio albero caduto sulla strada del Mottarone e in azione dopo le abbondanti nevicate.
PROTEZIONE CIVILE
Il gruppo A.I.B. di Armeno
Il gruppo AIB, (Anti Incendi Boschivi) istituito nell’anno 2010 è composto da numerosi volontari che
hanno già avuto modo di agire con competenza in varie occasioni; forte di esperienza e tradizione
consolidata. La squadra A.I.B, ha sede nell’area Monteloso è riconosciuta a livello regionale, ha
stipulato la convenzione con il Comune di Armeno.
Un intervento coordinato dal gruppo AIB
AIB ARMENO
55
Pulizia discarica di Onella
I VOLONTARI
Grazie ad alcuni volontari coordinati da Giuliano Zaretti, si è resa possibile la riqualificazione della scarpata in località Onella, situata in prossimità della Cappella di San Rocco, sulla via per Carcegna.
Giornata ecologica di Armeno, Coiromonte e Sovazza
La giornata ecologica ha l’obiettivo di educare
a comportamenti di salvaguardia e rispetto
dell’ambiente, perché il paese pulito è più bello.
L’iniziativa del Comune, promossa dal Consiglio
Comunale dei Ragazzi e dalle associazioni A.I.B.
Cacciatori, Pro Loco, Alpini e Alberghieri; è resa
possibile grazie alla collaborazione della prof.
Monica Cerutti, è una bella occasione per stare
insieme ai ragazzi e partecipare attivamente a temi
sensibili al paese.
La giornata ecologica si è svolta anche nelle
frazioni di Sovazza e Coiromonte.
56
La collaborazione di varie associazioni, in ricordo dell’amico e volontario Osvaldo,
ha permesso la realizzazione del nuovo pavimento dell’area Tonella.
Sono tutti validi esempi di sussidiarietà, che dimostrano i margini di miglioramento che può avere
una comunità, se valorizza le collaborazioni tra le varie associazioni che desiderano il bene al paese,
nel rispetto della specificità di ognuno.
Il nuovo pavimento verde area Tonella
REALIZZATO DA VARIE ASSOCIAZIONI
Riqualificate tre lapidi e le scritte sul monumento dei caduti
ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI - A.N.P.I.
Se i comuni saranno esonerati dal patto di stabilità, potendo disporre in modo meno vincolato del
bilancio, si potranno attuare modalità di collaborazione con le associazioni che potranno permettere
lo sviluppo di nuove iniziative e opere, come per esempio, il restauro dei lavatoi già in progetto.
57
Con il desiderio di contribuire concretamente alla rinascita del paese e per gratitudine nei confronti
dei Padri Giuseppini e di fratel Giuseppe; Pietro Fortis con persone che hanno a cuore il territorio
hanno messo a disposizione in forma gratuita, le proprie competenze, affinché la casa dei Padri,
parte integrante della storia di Armeno, possa continuare a vivere e contribire allo sviluppo locale.
La casa dei Padri che tanto bene ha fatto al paese, con il bando sul turismo religioso del 2008 e il
progetto emblematico finanziato dalla fondazione Cariplo, “l’innovazione nella tradizione” potrà
riaprire e dare continuità alla tradizione, accogliendo giovani di spirito, interessati alla crescita
personale, come avveniva negli anni passati. Per l’intervento di ristrutturazione, il Comune di
Armeno non ha sostenuto costi, ma ha avuto entrate aggiuntive incassando gli oneri comunali e
ottenuto la realizzazione della fognatura in via Marello.
Per costruire un futuro migliore, dobbiamo impegnarci e mettere a disposizione del paese i nostri
talenti; ridare vita ad una struttura che rischiava di cadere è un modo concreto per contribuire allo
sviluppo di Armeno.
Con le difficoltà economiche è necessario cambiare visione, non possiamo più stare con le mani in
tasca a criticare e aspettare che tutto ci crolli addosso. Dobbiamo avere il coraggio di impegnarci
per il bene comune ed essere protagonisti di azioni che portino speranza alle nuove generazioni.
Il mattone nascosto.
“Ho pensato a quel povero mattone interrato nel buio alla base del grande edificio. Nessuno lo
vede ma lui fa il suo lavoro e altri hanno bisogno di lui. Non conta che io sia in cima alla casa o
nelle fondamenta, perché io sia fedele, al mio posto, nella costruzione”. (M. Quoist)
La semplicità tematica e l’incisività di queste parole, possono offrire uno spunto di riflessione.
L’idea del mattone nascosto che porta il peso dei palazzi sontuosi è certamente significativa.
Dietro la ribalta di chi appare, c’è sempre una folla di anonimi responsabili, che contribuiscono
in silenzio al prevalere del bene. Questo vale per tante situazioni, a partire dalle famiglie che,
senza il “mattone nascosto” dei genitori che s’impegnano, si sfalderebbero.
Siamo riconoscenti a tutti questi sostegni segreti e cerchiamo anche noi -qualunque sia la nostra
posizione- di non far mancare il nostro mattone sempre necessario, soprattutto se nascosto.
58
Alcuni momenti di festa della Comunità
Il paese ha saputo organizzare numerosi eventi, abbiamo vissuto le ricorrenze per i 150 anni dell’unità d’Italia;
le feste per le centenarie, le premiazioni di Cortano, tanti eventi sportivi come il passaggio del giro d’Italia,
la marcia di Furistè, la corsa Armeno Mottarone, i campionati nazionali di ciclismo. Le processioni religiose,
i gemellaggi, le feste all’area Tonella, la fiera del bestiame, la mostra ovi-caprina, i cori alpini a Coiromonte,
il premio alberghieri, il carnevale, il concorso presepi, la sera di falisp, il presepe vivente, i mercatini di natale, la
promozione dell’Armeno calcio in prima categoria, gli eventi teatrali, concerti, sfilate di moda, l’incontro con altri
gruppi, le serate all’aperto e tante altre attività promosse dalle assiociazioni. Grazie per i momenti belli, che la
Comunità viva ci ha regalato. (Ci scusiamo per non aver inserito molti eventi, per mancanza di documentazione fotografica)
59
Il programma presentato nel 2009
Sul programma del mandato amministrativo, sono evidenziati in verde i lavori considerati. La forte riduzione
dei trasferimenti statali e il patto di stabilità non hanno permesso al comune di utilizzare l’avanzo
di bilancio, limitando notevolmente le possibilità di azione. Abbiamo cercato di cogliere le opportunità,
collocandoci tra i comuni più attivi della provincia.
Esponiamo un’aggiornamento dell’attività amministrativa, dove è stato evidenziato in verde, il rispetto del
programma elettorale presentato.
LE ATTIVITA’
FATTE sono
EVIDENZIATE
IN VERDE
In questo momento in cui prevale la diffidenza e il disprezzo, verso la politica e le istituzioni, è
importante che i Sindaci sappiano mantenere un rapporto fatto di fiducia e rispetto, dimostrando di
essere in ogni occasione, una risorsa di credibilità, autorevolezza, dinamismo e concretezza.
Oggi è sempre più difficile fare l’amministratore: serve tanta passione per affrontare i problemi,
serve coraggio per esporsi a impegni che anche se fatti per il bene del paese, vengono spesso criticati.
Il momento che viviamo è veramente difficile, dobbiamo trovare la capacità di guardare con fiducia
al futuro, dalla crisi possiamo uscire solo se sappiamo unire le forze, ridurre le contrapposizioni e se
collaboriamo con tutti coloro che hanno il desiderio di contribuire al bene comune.
Nei 5 anni trascorsi, abbiamo dedicato passione e impegno per fare il meglio possibile, per non ridurre
i servizi abbiamo adottato ogni misura utile, riorganizzato il comune, rivisti i contratti di servizio
e appalti, per fare queste scelte fondamentali per far tornare i conti, non abbiamo avuto paura di
incontrare incomprensioni e impopolatrità. Abbiamo amministrato in un momento in cui i Comuni
hanno contribuito al risanamento del bilancio dello Stato con 8 miliardi di contribuzioni del Patto
di Stabilità e 8 miliardi di minori trasferimenti. Nel rispetto di tutti e con una gestione oculata siamo
riusciti a non togliere servizi ai cittadini, ci auspichiamo che lo sforzo fatto sia apprezzato.
Ringraziamo per aver avuto l’onore di rappresenare il paese e maturare esperienza preziosa per la colletività.
60
Il sociologo Francesco Alberoni, ha pubblicato in questi giorni, un articolo con le seguenti considerazioni sul futuro del paese:
“...perché, in questa epoca, tanta gente prova un senso di disagio e di vuoto?
Perché tutti abbiamo bisogno di sentirci parte di una comunità unita, con una meta e
un futuro.
Invece ci accorgiamo di vivere in una società divisa, litigiosa, dove non ci sono certezze.
Oggi tutto è affidato al vagabondaggio sul web, ai dibattiti tenuti da politici e giornalisti che
non sanno fare analisi approfondite, che non sanno dare spiegazioni, che si limitano a criticarsi
ed insultarsi a vicenda, creando nel pubblico uno stato crescente di dubbio e di confusione.
Tutti hanno uno spaventoso bisogno di chiarezza.
Bisognerebbe far dibattere seriamente, con dati precisi, solo i leader in campo, proibendo
derisione e insulti, costringendoli a descrivere con esattezza il loro programma.
Il paese non ha bisogno di schiamazzi di urla, di denigrazione ma di una guida...”.
I costi per la stampa dell’opuscolo, sono stati sostenuti personalmente dal Sindaco.
Committente : Pietro Fortis
Il protagonista della vita, della realtà è la persona.
Coloro che desiderano collaborare al bene,
devono essere UNITI, ognuno facendo la propria parte.
Il nostro paese, ha la testa, il cuore, le gambe,
le braccia, il desiderio di fare con la voglia
di recuperare l’orgoglio di appartenza al paese.
Impegnamoci nel coinvolgere tutti,
in particolare i giovani che con idee ed energie nuove,
possono contribuire al cambiamento.
La storia serve a costruire nel presente mattone dopo mattone,
una casa con ben-essere e valori, per guardare ad un futuro migliore.
La nuova bacheca digitale che permette di consultare l’albo pretorio,
il sito internet del comune e avere le informazioni di utilità pubblica.
(finanziata con contributo PSR regionale)
Fly UP