...

reimpiego scorta

by user

on
Category: Documents
9

views

Report

Comments

Transcript

reimpiego scorta
Segreteria Regionale della Basilicata
Via Appia 175 , 85100 – Potenza
Email : [email protected]
tel. 0971.471017 / 338.4444016
fax 0971.54855 / 0971.54649
Prot. nr. 656 /08 S.R/PZ
del 09 febbraio 2008
Al Dir. Gen. Dott. Napoleone GASPARO
Provveditore Regionale della Basilicata
Potenza
Al Dott. Donato CAPECE
Segretario Generale S.A.P.PE.
Roma
e per conoscenza
Al Dott. Michele FERRANDINA
- Direttore della Casa Circondariale Potenza
Alla Dr.ssa Mariateresa PERCOCO
- Direttore delle CaseCircondariali Melfi - Matera
Al Signor Giuseppe MANNIELLO
Segretario Regionale S.A.P.PE.
Melfi
Al Personale di Polizia Penitenziaria
- Nuclei Traduzioni e Piantonamenti Potenza – Melfi - Matera
OGGETTO : SERVIZIO DI TRADUZIONE DETENUTI .
- Reimpiego della scorta -
Dopo numerose lamentele ricevute dal personale di Polizia Penitenziaria che svolge servizio
presso i Nuclei T.P. della Basilicata, in relazione ai servizi indicati in oggetto, questa Segreteria,
dopo aver attentamente visionato le disposizioni dipartimentali che regolano la materia specifica,
ritiene ormai indispensabile dover affrontare concretamente le gravi problematiche emerse durante
la frequente esecuzione dei suddetti servizi .
In premessa si ritiene fondamentale richiamare la nota dipartimentale nr. 272656 del
17.07.1997, lettera c , nella quale si evince che l’Amministrazione Penitenziaria , nell’intento di
impartire le direttive di carattere generale sulle modalità di reimpiegare le scorte durante la fase di
rientro in sede , indica , quale condizione assoluta ed imprescindibile, la piena efficienza psicofisica degli uomini che la compongono.
La successiva nota dipartimentale nr. 255466/S.C.T.P. del 28.11.2000, oltre a richiamare
nuovamente che la condizione assoluta ed imprescindibile per poter reimpiegare le scorte è quella di
una piena efficienza psico-fisica del personale che la compongono, precisa che nei casi di
traduzioni aeree il reimpiego è obbligatorio e pertanto non vincolato al parere del capo scorta.
E’ noto che nella regione Basilicata non esiste alcun Aeroporto, pertanto i Nuclei T.P.
istituiti su questo territorio, in caso di traduzioni a lunghe percorrenze ove è previsto l’uso del
vettore aereo civile, devono necessariamente servirsi degli Aeroporti esistenti nelle limitrofe regioni
della Campania ovvero della Puglia .
Tale condizione impone che per raggiungere uno degli Scali Aeroportuali più vicini, nel
dover anche rispettare gli orari imposti dalle Compagnie Aeree, le traduzioni devono per la maggior
parte del viaggio utilizzare i comuni mezzi stradali dell’Amministrazione (circa otto ore – andata e
ritorno - se l’Istituto di destinazione è situato presso la stessa città dello Scalo Aeroportuale di
arrivo, altrimenti le ore trascorse su strada aumentano a secondo dell’Istituto di destinazione),
riducendo in una insignificante parte , invece, il tempo trascorso utilizzando il vettore aereo (circa
due ore – andata e ritorno) senza tener conto , poi, dei lunghi tempi di attesa presso la sede di
destinazione prima di imbarcarsi sul volo di rientro.
Da verifiche svolte si è constatato che il personale di Polizia Penitenziaria , durante lo
svolgimento dei servizi citati , viene impiegato per circa 20 ore e , tra queste , diverse appartengono
alla fascia notturna.
Alla luce di quanto esposto, allorquando venga imposto il servizio di reimpiego scorta nei
casi sopra descritti, appare ovvio a questa Segreteria che le condizioni psico-fisiche del personale di
Polizia Penitenziaria non siano pienamente sufficienti a garantire il corretto svolgimento del
servizio o quantomeno appare del tutto necessario rimettere, anche in questo caso, tale valutazione
alla determinazione del personale interessato.
In considerazione alla sussistenza di frequenti richieste di reimpiego scorta nei casi sopra
descritti, le quali, inevitabilmente, suscitano tra il personale motivi di disagio e di stress psicofisico, si chiede cortesemente alle SS.LL. di voler investire sull’argomento la competente Direzione
Generale del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria con appositi quesiti, ritenendo
necessario dover chiarire in maniera univoca alle Direzioni degli istituti lucani, sulle modalità e
limiti di esecuzione dei reimpieghi scorte in questione.
Restando in attesa di cortese riscontro , si porgono Distinti Saluti.
IL V. SEGRETARIO REGIONALE
Saverio Brienza
Segreteria Regionale della Basilicata
2
Segreteria Regionale della Basilicata
Via Appia 175 , 85100 – Potenza
Email : [email protected]
tel. 0971.471017 / 349.2430461
fax 0971.54855 / 0971.54649
Prot. nr. 716 /08 S.R/PZ
del 23 settembre 2008
URGENTE
Al Dott. Donato CAPECE
Segretario Generale S.A.P.PE.
Roma
e per conoscenza
Al Signor Giuseppe MANNIELLO
Segretario Regionale S.A.P.PE.
Melfi
Al Personale di Polizia Penitenziaria
- Nuclei Traduzioni e Piantonamenti Potenza – Melfi - Matera
OGGETTO : SERVIZIO DI TRADUZIONE DETENUTI .
- Reimpiego della scorta -
In riferimento alla nota nr. 656/08 S.R./PZ del 09.02.2008 di questa Segreteria e della
successiva nr. 9877/MMG dell’11.02.2008 inoltrata da codesta Segreteria Generale al Capo del
D.A.P. , si comunica che fino ad oggi non sono pervenuti riscontri sulla questione indicata in
oggetto.
Tenuto conto della particolare attenzione che il personale di Polizia Penitenziaria in servizio
c/o i NN. T.P. della regione Basilicata pone sull’argomento, si chiede alla S.V. di far conoscere se
vi sono stati eventuali sviluppi ovvero riproporre la questione alla competente Direzione Generale
c/o il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.
In attesa di riscontro si ringrazia e si inviano Cordiali Saluti.
f.to IL V. SEGRETARIO REGIONALE
Saverio Brienza
Segreteria Regionale della Basilicata
Fly UP