...

Articolo Cacciaviti alla mano siamo "entrati dentro" tratto da

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Articolo Cacciaviti alla mano siamo "entrati dentro" tratto da
Articolo tratto dal numero 9- maggio 2009- Anno II de http://www.lascuolapossibile.it
Cacciaviti alla mano ... siamo "entrati dentro"
Informatica&Media
Oltre a noi... - di Protasi Davide
Tanti di noi hanno fatto e continuano a fare esperienza del modo in cui gli strumenti informatici ed in particolare il pc
si siano integrati nelle nostre attività professionali e non solo. Diverse forme di accesso alle informazioni, di
comunicazione, di modalità di lavoro si sono gradualmente modificate o in alcuni casi hanno subito dei veri e propri
salti, sia in termini qualitativi che in termini quantitativi.
L'avvento dell'era digitale sembra ormai lontana ed i ricordi di calcolatori grandi come stanze paiono già foto sbiadite.
Quello che un tempo appariva come il vaso di pandora ad un certo punto è divento accessibile e fruibile a gran parte
della popolazione. Dall'uso domestico, al complesso ed intricato sviluppo delle reti neurali, il computer è parte della
nostra contemporaneità.
Come educatori che ogni giorno lavorano con persone con disabilità, il nostro interrogativo è stato quello di
capire che valore funzionale potesse avere il computer nella vita di persone con disabilità psichica. A cosa, in
modo molto riduttivo, poteva essergli utile.
Da questo "semplice" interrogativo è nato presso "Il Centro Medico Psicopedagogico Casa Giocosa" il nostro piccolo
laboratorio "Informatica & Media".
Gli obiettivi che ci siamo posti possono essere facilmente sintetizzati in competenze specifiche correlate in modo
significativo all'uso del Pc, come ad esempio le abilità di lecto-scrittura, la capacità di organizzazione oculo-spaziale,
ed in competenze contingenti, come lo sviluppo delle abilità legate alla creatività o la possibilità di maggiore accesso alle informazioni tramite internet.
Il nostro è stato un vero e proprio corso d'informatica nel quale abbiamo letteralmente smontato l'informatica. Per
comprendere dovevamo rendere visibile ed allora cacciaviti alla mano ci siamo addentrati nel vaso di pandora.
Ventole, processori, schede di memoria, tutto davanti a noi smontato pezzo per pezzo, il sistema Hardware non era
poi così inaccessibile come temevamo. Non ci restava che addentrarci nella parte più complicata per chi ha forse
maggiori difficoltà ad afferrare concetti astratti...il software.
La nostra soluzione è stata quella di sperimentare facendo, non era nostro interesse illustrare un programma, ma
rendere visibile quello a cui può servire, sperimentarne l'utilizzo.
Le aspettative non sono state deluse ed i risultati, al contrario si sono rilevati superiori rispetto ai nostri obiettivi. Lo
stupore con cui accadono le cose sorprendenti è sempre un buon incentivo per lavorare al meglio.
In questi giorni stiamo creando un fotoromanzo ambientato nel west, il fotoritocco è diventato nostro alleato in
questo, poi abbiamo fatto ricerche delle più disparate e qualcuno dei nostri ragazzi ha rivelato un talento artistico
inaspettato con l'uso della grafica digitale.
Nessuno di noi sarà un genio dell'informatica, ma
nel nostro piccolo tutti noi abbiamo aggiunto
qualcosa al nostro bagaglio esperienziale. Siamo stati nel selvaggio west, abbiamo disegnato la nostra
fantasia, abbiamo cooperato per risolver problemi tecnici e non solo.
Siamo stati parte di un mondo, protagonisti delle nostre scoperte, piccoli esploratori ed apprendisti stregoni.
In poche parole ad ognuno è stata offerta una possibilità unica, quella di lasciare una traccia, la propria
impronta nella realtà.
Davide Protasi & Simona Antosi educatori del Diurno per disabili adulti - Centro Medico Psicopedagogico
Casa Giocosa - Roma
Pagina: 1 di 1
Fly UP