...

POF 2015_16 - Istituto Comprensivo Orsogna

by user

on
Category: Documents
10

views

Report

Comments

Transcript

POF 2015_16 - Istituto Comprensivo Orsogna
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
ISTITUTO COMPRENSIVO ORSOGNA
Corso Umberto I, 44 – 66036 Orsogna (CH) –
Tel/Fax 0871/86117 - Dirigente 0871/869770
[email protected]
www.istitutocomprensivoorsogna.it
“Ascuolainarmonia…
perimparareadessere
cittadiniattivinelmondo”
ApprovatodalCollegioDocenti
Verbalen.4del23Ottobre2015
ApprovatodalConsigliod’Istituto
Verbalen.2del30Ottobre2015
Pianodell’Offerta
Formativa
A.S.2015-2016
IlDirigenteScolastico
Dott.ssaIrmaNicolettaD’Amico
1
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
INDICE
RIFERIMENTINORMATIVIEDOCUMENTAZIONEALLEGATApag.4
PREMESSApag.5
ILNOSTROISTITUTOpag.6
• Lanostrastoria
• L’Orchestrad’Istituto“DomenicoCeccarossi”
• Contestoterritorialeesocio–economico
• Iplessi
• Levariabilidelterritorio
• Esperienzedidatticheemetodologiche
PERCORSOFORMATIVOpag.12
• RAPPORTODIAUTOVALUTAZIONE:Individuazionedellepriorità
• Obiettiviformativiindividuaticomeprioritari
• Scelterelativeall’Organicopotenziato
• PianodiMiglioramento
• Scelteeducative
• Sceltedidattiche
AMBIENTEDIAPPRENDIMENTOpag.24
INCLUSIONEEACCOGLIENZApag.27
RISORSEUMANEpag.29
CURRICOLOpag.33
• Monteoreperdisciplina
• Temposcuola
• Ampliamentodell’Offertaformativa
VALUTAZIONEEAUTOVALUTAZIONEpag.53
FORMAZIONEDELPERSONALEpag.58
COMUNICAZIONEEINFORMAZIONIpag.60
GLOSSARIOpag.62
2
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
LASCUOLANELCUORE
Innoscrittoemusicatodaalunnieinsegnanti
dell’Orchestra“DomenicoCeccarossi”
Conoscounascuolalapiùallegrachecisia
Incuimisentoaccoltocomefossiacasamia.
Amicidaincontrare,nuovecosedascoprire,
tantodastudiare,maunfuturodacostruire.
ScuoladiOrsogna,lamiascuolatusarai
Tantibeiricorditumilascerai.
Nonaverpaura,senoncapirai
Cisaràqualcunochetiaiuterà.
Lascuolaèunagrandefamiglia
Lascuolachetiguidaeticonsiglia. Potràesserenoioso,studiareeimparare
Verifichedimateeitalianodaaffrontare;
proved’ingleseefrancesechetensione,
maeccochearrivalaricreazione!
Eseaggiungimusica,pennelliefantasia
Allorasìcheilgiornotrascorreinallegria.
Nonaverpaura,senoncapirai
Cisaràqualcunochetiaiuterà.
Lascuolaèunagrandefamiglia
Lascuolachetiguidaeticonsiglia.
Chipuòdimenticarequelgiornodavantialportone,
strettimanonellamano,cheemozione!
Ilgrembiulinonuovoeinamidato,
lozainoappenaspacchettato…
Gliannipassanovelocemente
Eunanuovaavventuragiàciattende…
Nonaverpaura,senoncapirai
Cisaràqualcunochetiaiuterà.
Lascuolaèunagrandefamiglia
Lascuolachetiguidaeticonsiglia.
Ma,nelcuore,ilricordopiùemozionante…
Èilsuonodell’Orchestradolceevibrante…
Nonaverpaura,senoncapirai
Cisaràqualcunochetiaiuterà.
Lascuolaèunagrandefamiglia
Lascuolachetiguidaeticonsiglia
3
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
RIFERIMENTINORMATIVI
•
Articoli3–33-34-30della
•
CostituzionedellaRepubblicaitaliana;
•
ConvenzioneONUsuiDirittidel
RaccomandazionedelParlamento
EuropeoedelConsigliodel18/12/2006
•
Fanciullo20/11/1989(ratificatadalla
DecretoMinisterialen.139del
22/08/2007
L.179del27maggio1991)
•
Attodiindirizzodel08/09/2009
•
RisoluzioniUEafavoredell’infanzia
•
IndicazioniNazionaliperilCurricolo
•
Cartadegliimpegnicontrolo
2012
sfruttamentodellavorominorile
•
DirettivaMinisteriale27/12/2012
•
Legge241/90
•
CircolareMinisterialen.8del
•
Legge59/97
•
Legge285/97
•
DPR80/2013
•
Legge104/90
•
“LineeGuidaperL’Orientamento
•
Legge170/2010
•
DPRn°275/99art.3
06/03/2013
Permanente”del19/02/2014
•
C.M.3/2015
•
Legge107/2015
ALLEGATIALPOF
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
AllegatoA:
CurricoloVerticale;
TabelledocimologicheperItalianoeMatematica
ProtocollidiosservazioneperlecompetenzediCittadinanza
AllegatoB:Viaggid’istruzione,visiteguidateeuscitedidattiche
AllegatoC:FunzioniStrumentaliperl’attuazionedell’offertaformativa
AllegatoD:Oraridiclasse/sezioneeCalendarioscolastico
AllegatoE:Unabussola…perorientarsi
DOCUMENTIALLEGATI
v
v
v
v
v
v
v
CostituzionedellaRepubblicaItaliana
Cartadeiservizi
Regolamentod’Istituto
Contrattointegrativod’Istituto
Ilmioregolamento
PianodilavoropersonaleA.T.A.
Documentidicontabilitàfinanziaria
GRUPPODIPROGETTAZIONE
DirigenteScolastico:Dott.ssaIrmaNicolettaD’Amico
D.S.G.A.Dott.ssaDanielaSpadaro
F.S.Area1VittoriaIocco
F.S.Area2BarbaraDiMoia
F.S.Area3MaddalenaSaraceni
F.S.Area4AdrianaMartelli-MarisaSalviani
F.S.Area5MinaDellaBarba
4
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
PREMESSA
Le novità introdotte dal DPR 28 marzo 2013, n. 80 (pubblicazione del Rapporto di
Autovalutazione, Piano di Miglioramento), l’entrata in vigore della Legge 107/2015 e
l’introduzionedelPianoTriennaledell’OffertaFormativadeterminanoilcaratteretransitorio
delpresentePianodell’OffertaFormativa2015/2016.
La scelta del Dirigente Scolastico e del Collegio Docenti è stata quella di confermare
l’impostazione del POF dell’anno precedente, apportando alcune indispensabili modifiche
riguardantiidatiistituzionali,l’organizzazioneoraria,l’ampliamentodell’offertaformativa,le
informazioni e la comunicazione. Sono stati inseriti i traguardi, le priorità e gli obiettivi di
processoindividuatinelRAV,leprioritàstabilitedalCollegioDocentiinriferimentoallaLegge
107/2015Art.1Comma7,lescelteperl’organicopotenziatoeperilPianodiMiglioramento.
È stato inoltre aggiunto un excursus sulle esperienze attivate dall’Istituto Comprensivo in
ambitodidatticoemetodologicoesonostateampliatelevocidelGlossario.
Nell’anno scolastico 2015/2016 si registra anche la particolare situazione dovuta a ingenti
lavori di ristrutturazione, iniziati già dall’estate 2015, nella sede della Scuola Primaria di
Orsogna.Acausadegliinterventiedilizi,lasedecentraleèsoloparzialmentedisponibileele
classi della Scuola Primaria sono dislocate in tre plessi, con notevoli disagi nella
comunicazione,nell’organizzazioneenelladidattica.
UnsalutospecialeeuncalorosoringraziamentovannoalDirigenteScolasticoProf.ssaLucilla
Taraborelli,chehadirettoeguidatol’IstitutoComprensivoOrsognafinoal31.08.2015.
DalcorrenteannoilDirigenteScolasticoèlaDott.ssaIrmaNicolettaD’Amico.
5
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
ILNOSTROISTITUTO
La popolazionescolasticaèdi651alunni,dicui182frequentantilaScuoladell’Infanzia,308frequentantila
ScuolaPrimaria,161frequentantilaScuolasecondariadiIgrado,ècostituitoda6plessidiversisu4Comuni
limitrofi.
SCUOLA
DELL’INFANZIA
FILETTO
ORSOGNA
POGGIOFIORITO
Totale
Alunni
SCUOLAPRIMARIA
Alunni
13
111
58
182
ARIELLI
FILETTO
ORSOGNA
totale
72
31
205
308
SCUOLASECONDARIADII
GRADO
ORSOGNA
Alunni
161
LanostraStoria
IlnostroIstitutoComprensivosiècostituitonell’annoscolastico1997/98,perapplicazionedelPianoProvinciale
diRazionalizzazionedellaretescolasticaconl’aggregazionedellaScuolaMediadiOrsognaedelCircoloDidattico
di Orsogna, comprendente pure i plessi di Scuola dell’Infanzia ed Elementare, territorialmente afferenti ai
ComunidiArielli,FilettoePoggiofiorito.
L’Istituto,findallasuacostituzione,sièimpegnatonellaricercadistrategieemetodologieinnovative,tendential
conseguimentodelsuccessoformativodiciascunallievoeafavorirel’integrazioneel’accoglienzadeglialunnidi
diversa provenienza; ha altresì attivato processi di formazione per il personale, ha progettato percorsi e
laboratoriattiviperlapersonalizzazioneelavalorizzazionedelleinclinazioniedelleattitudinidiognistudente.
L’attenzione a ciascuno è stata data attraverso la creazione di un ambiente educativo di apprendimento
stimolanteesereno,superandolalezionefrontalecomeunicostrumentodidattico,strutturandoeutilizzando
gli spazi in modo funzionale e finalizzandoli all’uso del metodo della ricerca scientifica. La valorizzazione delle
competenze personali ha necessitato dell’ attivazione di percorsi didattici individualizzati con l’utilizzo dei
laboratoriel’impiegodidiversimediatorididattici.
Dopoannidiesperienza,nelcontestodell’IstitutoComprensivosirilevaunasoddisfacenteintegrazione,alivello
umanoeprofessionale,fraidocentideitreordinidiscuola,sicuramenteancoradapotenziareemigliorare,ma
pienamente funzionale alla realizzazione di un Progetto Formativo ispirato ai principi di continuità e
orientamentoeintegratonelTerritorio.
Ilrinnovamentodelcurricolohacontraddistintolaricercadirinnovamentoprofessionaletraeconidocentidei
treordinidiscuola,haavutocomepuntidiforza:valorizzareleconoscenze,lecompetenzeeleabilitàpregresse
dell’alunno;operaresceltemetodologico-didattichefunzionaliperformareunalunnocostruttoreattivodeisuoi
saperi;considerareladiversitàcome“risorsa”.
6
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
Lerisorseinterne,aldilàdiquelleumaneeprofessionali,davalorizzareedaincentivare,sonoquellegarantite
daifinanziamentipubblici,dalledotazionistrumentaliedilaboratorio,dalladisponibilitàaprestazionididattiche
aggiuntiveecompensativedapartedeidocenti.Lascuola,inoltre,garantisceunservizioamministrativochesi
rivelaefficacenelsupportarel’attivitàdeidocenti,puntualeedefficientenelsoddisfareleesigenzedell’utenza.
L’individuazione delle risorse esterne è affidata a un’attenzione costante della scuola al territorio e ad una
funzionecapacediinterazioneconlacomunitàlocale.Essesonocostituite,siadall’utenzaedallefamigliedegli
alunni,siadainumerosisoggettiedenticonfinalitàsociali,assistenziali,culturali,religiose,dirilevanzaeducativa
esociale,cheaccettanodicollaborareconlascuolaattraversoconvenzioniedaccordidiprogramma.
L’esperienzadelProgettod’Istituto“NOI…[email protected]”neglia.s.2013/2014e
2014/2015haconsolidatoilsensodiappartenenzaalterritorioeallascuola,consentendodisuperare
lebarrieretraordinidiscuolaeplessi.Attraversolesocializzazioni“congiunte”,alunni,genitorie
docentihannoconosciutoeapprezzatoillavorodialtriplessieordinidiscuola,potenziandola
prospettivadellaContinuità.
L’ORCHESTRAD’ISTITUTO“DOMENICOCECCAROSSI”
Conunacerimoniapubblica,il24maggio2008,pressoilTeatroComunalediOrsogna,èstataistituital’Orchestra
d’Istituto“DomenicoCeccarossi”,formatadaglialunnidellaScuolaSecondariadiPrimoGradochefrequentanoil
corsodistrumentomusicale.
L’Orchestra d’Istituto rappresenta un momento importante di crescita per i giovani strumentisti perché fare
musicainsiemeabituairagazziacreare,averificareeadaccettareleregole,arispettareleideedeglialtriead
accoglierleinsensocostruttivo,acomprenderelapossibilitàdicambiamentodeiruolie,nonultimo,asuperare
l’individualismo e a essere autonomi nel gruppo stesso. Tutti gli alunni iscritti al corso di strumento musicale
fanno parte dell’Orchestra d’Istituto che si esibisce ogni anno nei saggi finali e durante le manifestazioni
dell’Istitutoenelleoccasionipubbliche.Nell’a.s.2013/2014 l’Orchestra ha partecipato a diversi Concorsi
Musicalialivellonazionale,classificandosiaiprimiposti.
7
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
Contestoterritorialeesocioeconomico
Le scuole dell’Istituto Comprensivo sono ospitate dai COMUNI DI ORSOGNA, ARIELLI, FILETTO E
POGGIOFIORITO, lungo l’asse della strada provinciale Marrucina. Il territorio si estende per un’area di 43 Km
quadratiedhaunapopolazionedicirca8000abitanti.Leattivitàeconomicheprevalentisonol’agricolturae,in
secondo luogo, i servizi e l’industria. Quest’ultima nella zona compresa tra Orsogna, Arielli e Poggiofiorito. La
produzione di olio e di vino è notevole nelle numerose cantine e nei frantoi. Il settore terziario, oltre alle
tradizionaliattivitàdelcommercioaldettagliedeipubbliciesercizi,recentementehavistoun’espansionedella
ricettivitàturistica(alberghi,B&B,agriturismo,ristoranti)edeiserviziallapersona(palestre,centriestetici,studi
professionali,ecc.).
La collocazione geografica dei comuni è favorevole, per la vicinanza ai centri urbani di Ortona, Lanciano e
GuardiagreleeperlafacilitàconcuisiraggiungonosialacostateatinacheilmassicciodellaMaiella.
Tralesuebellezzenaturaliilterritorioannoverailparcoterritorialedell’AnnunziatadiOrsogna,vastocirca120
ettari.Iprincipaliedificistoricisono:ilConventofrancescanodell’Annunziatafondatonel1448daSanGiovanni
da Capestrano, la “Torre di Bene”, tipico esempio di edificio rurale fortificato, costruito tra i secoli XVI e XVII,
usatocomeluogodipostazione,didazio,dicontrolloodiavvistamento.AdArielliLachiesadellaMadonnadelle
Grazie,oveècustoditaunastatuainterracottadatata1590-1600.AFilettoilColledeiSaracenielaGrottadei
Briganti.
Leprincipaliricorrenzeetradizioniculturalisono:laSacraRappresentazionedeiTalamichesisvolgeaOrsognail
lunedì dopo Pasqua e a Ferragosto, in edizione notturna; le solennità religiose dei Santi Patroni dei quattro
Comuni; la festa di di San Mauro Abate e quella della Madonna delle Grazie ad Arielli; la rappresentazione
itinerante de “Lu Sant’Antonie” ad Arielli; la sagra del peperoncino a Filetto. Nel territorio operano numerose
associazioniculturali,sportive,ricreative,teatrali,coraliedivolontariato.
Ilterritoriovedeunaforteesemprecrescentepresenzadiimmigratididiversaprovenienza:Europaorientale,
NordAfrica,Cina.
I Comuni dispongono di strutture quali: il Teatro Comunale “Camillo De Nardis” di Orsogna, il Palazzetto dello
SporteilCentroPolivalenteaOrsogna,laPalestraComunaleaFiletto,ilTeatroaFiletto.
L’edificio scolastico che ospita a Orsogna la Scuola dell’Infanzia, la Scuola Primaria, la Presidenza e gli uffici di
Segreteria risale agli anni ’20 del Novecento ed è stato più volte ristrutturato nel corso dei decenni. La Scuola
dell’InfanziadiPoggiofioritohasedeinunedificioinauguratoasettembre2013,ancheilplessodiFilettoèstato
costruito da pochi anni. Il plesso scolastico di Arielli e la Scuola Secondaria di I grado sono sati recentemente
ristrutturati.
8
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
IPLESSI
Scuola Primaria Arielli
Via Roma, 28
Tel. 0871/930058
Scuola dell’Infanzia e Scuola
Primaria Filetto
Via Papa Giovanni XXIII
Tel. 0871/891109
Scuola dell’Infanzia Orsogna
Tel. 0871/86216
Scuola Primaria Orsogna
Tel. 0871/86117
C.so Umberto I, 40
Scuola Secondaria di I grado
Via A. Rosica
Orsogna
Tel. 0871/86120
Scuola dell’Infanzia
Via Coccione
66030 Poggiofiorito
Tel. 380 1704618
9
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
LE VARIABILI DEL TERRITORIO
CONTESTO SOCIALE:
REFERENTI
ISTITUZIONALI
ISTITUTO NAZIONALE DI
COMUNI DI ORSOGNA,
ARIELLI POGGIOFIORITO
FILETTO
ISTITUTO NAZIONALE DI
DOCUMENTAZIONE PER
L’INNOVAZIONE E LA
RICERCA EDUCATIVA
INVALSI
MIUR
U.S.R.
USP .
DISTRETTO
SINDACATI
CURIA
ASL CHIETI ORTONA,
LANCIANO
CENTRI TERRITORIALI
PERMANENTI
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
REFERENTI SOCIALI
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
PARROCCHIE DI ORSOGNA, ARIELLI
POGGIOFIORITO , FILETTO
ISTITUTO “SANTO STEFANO “
ISTITUTO “SANTA CATERINA”
FONDAZIONE PAPA PAOLO VI
A.F.I.A - ANFASS
E.N.S.
COOPERATIVA FRAMMENTI
AMBITO TERRITORIALE ORTONAN.28
La maggior parte dei genitori:
-possiede un diploma di scuola media
superiore;
-svolge un lavoro di operaio/a in aziende,
servizi ,commercio e pubblico impiego;
-una grossa quota svolge lavoro
agricolo in proprio;
Si evidenziano inoltre:
-piccole comunità di macedoni, albanesi,
argentini,venezuelani,marocchini,
rumeni. cinesi
I centri di aggregazione presenti sul
territorio:
-parrocchia;
-associazioni di vario tipo
(sportive,teatrali,corali)
RETI
ACCOMPAGNAMENTO
- associazioni di volontariato
DI SCUOLE
ALL’APPLICAZIONE
DELLE
INDICAZIONI NAZIONALI 2012 E ALLA CERTIFICAZIONE
DELLE COMPETENZE.
ACCOMPAGNAMENTO ALL'IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA
NAZIONALE
DI
VALUTAZIONE,
CON
PARTICOLARE
RIFERIMENTO ALLA PROGETTAZIONE E ALL’ATTUAZIONE
DEI PIANI DI MIGLIORAMENTO E ALLA FORMAZIONE DEL
PERSONALE
RISORSE
I rapporti tra
l'Istituzione Scolastica, gli Enti Locali
territoriali, le associazioni culturali e
sportive del territorio sono improntati
alla massima collaborazione allo scopo
di:
· promuovere un impiego efficace ed
integrato delle risorse umane che il
Territorio mette a disposizione delle
scuole;
· realizzare un impiego efficace ed
integrato delle risorse finanziarie che gli
Enti Locali mettono a disposizione delle
scuole;
· offrire agli alunni proposte didattiche
ed educative ampie e al tempo stesso
integrate e congruenti con le linee guida
indicate nel POF.
REFERENTI CULTURALI
-BIBLIOTECHE COMUNALI
CHIETI/ORTONA
-MUSEI (Archeologico di Chieti e di
Scienze Biomediche)
Ø ASSOCIAZIONE TALAMI
Ø ASSOCIAZIONE D.CECCAROSSI
Ø PRO-LOCO di Arielli
Ø CENTRI EDUC.AMBIEN.
Ø Associazione Spritz
CONVENZIONE PER PERCORSI
INNOVATIVI CON:
-SISTEMA BIBLIOTECARIO
PROVINCIALE e di zona
FAMIGLIE:
-ESIGENZE :
-chiarezza nei rapporti scuolafamiglia
-maggiore partecipazione alle
varie attività proposte dalla
scuola
-ottimizzazione dei tempi
-attività miranti all’integrazione
delle diverse comunità.
-ASPETTATIVE:
-raggiungimento delle
competenze prefissate in uscita
nei diversi ordini di scuola
-positività nelle relazioni sociali
verticali e orizzontali
-sviluppo e appropriazione del sé
REFERENTI ECONOMICI
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
Ø
MIUR
U.S.R.
IMPRESE E AZIENDE
CANTINA SOCIALE DI ORSOGNA
COOPERATIVE AGRICOLE
COMUNI DI ORSOGNA, ARIELLI
POGGIOFIORITO,FILETTO
CARICHIETI
UFFICI POSTALI
10
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
ESPERIENZEDIDATTICHEEMETODOLOGICHE
Findallasuacostituzione,L’IstitutoComprensivosièdistintonellaricercadistrategieemetodologieinnovative,rivolte
all’accoglienzaealsuccessoformativodiciascunallievo.Sonostatiattivatiprocessidiformazioneperilpersonale
elaboratorifinalizzatiallacreazionediunambientediapprendimentostimolante,inquantoèstataavvertital’esigenza
disuperarelalezionefrontalecomeunicostrumentodidattico.
NeglianniscolasticiprecedentisonostatesvolteimportantiattivitàdiformazioneericercasulleIndicazioniNazionalidel
primociclo,finanziatenell’ambitodelleMisurediaccompagnamentoMIUR:
RetediscuoleFORMATEeRetediScuoleFOR.MATERicerca-azione
RetidiscuoleconcapifilaIstitutoComprensivodiOrsognaperlaformazioneinservizioalfinediapprofondireeinnovarele
metodologie e le strategie nella didattica della matematica e delle altre discipline, attraverso la lettura critica delle
IndicazioniNazionali2012dapartediunacomunitàeducantedidocentididiversediscipline.
I docenti, guidati dall’Ispettore Prof. Carlo Petracca e dalla Dott.ssa Franca Da Re dell’U.S.R. Veneto, hanno appreso e
sperimentatonelleclassimetodologieinnovativeperlosviluppodeiprocessicognitivi(diastrazioneedialettici).
La sperimentazione ha accresciuto la collaborazione e il confronto tra docenti coinvolgendo anche coloro che non hanno
partecipatodirettamenteallarete.
Inumerosilavori,speciequelliprodottidalnostroIstituto,sisonorivelatidiparticolarevaloredidatticoesonoconfluitiindue
pubblicazioni(unainternaedunaesternacuratadalProf.CarloPetraccaperlacasaeditriceLisciani).
CLASSI2.0(UNACLASSEPERLAPRIMARIAEUNAPERLASECONDARIA
Il percorso multi/interdisciplinare, multimediale e multimodale di [email protected] 2.0 ha previsto una pluralità di contenuti e
strumentinelladidatticachehannofattoriferimentoadalcunemacroaree,mediantelequaliidocentihannoritagliatopiùin
dettaglioiloropercorsidisciplinariincollegamentoconlealtrediscipline.
L’attivitàhaconsentitoaglialunnidispaziarenellaconoscenzaenell’utilizzodeglistrumentiedeilinguaggimultimedialidalla
letteratura,allacittadinanzaeallarappresentazioneiconica,simbolicaesonoraattraversooperazionimentalididecodificae
transcodifica.
FORMAZIONEINTERNADOCENTI:COSTRUZIONEDIUNITÀDIAPPRENDIMENTO
Ilcorso,interamentetenutodadocentidell’istituto,haavutoleseguentifinalità:PerfezionareilCurricoloverticaled’Istituto
secondoleIndicazioniNazionali2012,attuareladidatticapercompetenzeevalutarelecompetenze.
I docenti tutor hanno guidato i colleghi nell’approfondimento delle conoscenze relative alla struttura delle Unità di
Apprendimentoenellacondivisionedeglistrumenti.
Nelleattivitàlaboratorialiidocenti,suddivisiingruppidilavoroorganizzatiperplesso,hannoelaboratoleUdAelerubriche
valutative.QuesteultimesonostateriferitealprofilodellostudenteadottatodalCollegioinviasperimentale.
LeUdAprogettatesonostatesperimentateconsuccessonelleclassiecondiviseinunincontrocollegiale.
ADESIONEALMODELLOSPERIMENTALEPERLACERTIFICAZIONEDELLECOMPETENZE(C.M.3/2015);
elaborazionediCriteridivalutazionecoerenticolmodellonazionale:Inseguitoall’adozionedellaSchedaperlacertificazione
dellecompetenzealterminedelprimociclo,idocentidell’Istitutohannoanalizzatolemodalitàdiadozionedeldocumentoin
raccordoaglistrumentidiprogrammazioneevalutazioneinusonellascuola.
Inparticolaresonostateindividuateledisciplinedesignateallavalutazionedellediversecompetenzeedèstataelaboratauna
schedadirilevazionedellestesseriferitaaicompitidirealtàconcriteri,descrittorielivelli.
Tale scheda è stata esposta da due docenti presso l’Istituto Tecnico Statale “Aterno-Manthonè” a delegazioni delle scuola
delleprovinciediChietiePescara.
Irappresentantideigenitori
Inoltre è stato organizzato un incontro informativo/formativo per esporre ai genitori degli alunni delle classi quinte della
scuola primaria e delle classi terze della scuola secondaria la didattica per competenze e la scheda per la certificazione.
Oggi tale impegno deve proseguire nella direzione del potenziamento delle dotazioni tecnologiche e degli ambienti di apprendimento, del
rafforzamentodellecompetenzedigitalidistudentiedocenti,intesenelladeclinazioneampiaeapplicatadidigitalliteracy,educazioneaimedia,
allacittadinanzadigitale,all’usodeidati,all’artigianatoeallacreativitàdigitale,perstimolarelecompetenzetrasversalideglistudenti.Ilpossesso
dellecompetenzedigitalièinfattidiventatounadellecondizioniminimepergarantirelivelliadeguatidiinclusionesocialeedigitale.Perciò,peril
miglioramento della qualità della vita e per lo sviluppo socio-economico tutti devono vedersi garantire le stesse opportunità nell’utilizzo della
rete,ugualipossibilitàdiaccederealleinformazioni,allaconoscenza,aiservizi,all’istruzioneeallaformazioneperillavoro.
L’Istituto ha proposto la propria candidatura per il PON “Per la Scuola - competenze e ambienti per l’apprendimento”, richiedendo un
finanziamentoperlarealizzazionediinfrastrutturedirete.
L’Istituto ha aderito inoltre alle nuove Reti “ACCOMPAGNAMENTO ALL’APPLICAZIONE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012 E ALLA
CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE” E “ACCOMPAGNAMENTO ALL'IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE, CON
PARTICOLARERIFERIMENTOALLAPROGETTAZIONEEALL’ATTUAZIONEDEIPIANIDIMIGLIORAMENTOEALLAFORMAZIONEDELPERSONALE”.
11
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
PERCORSOFORMATIVO
RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE:
INDIVIDUAZIONE DELLE PRIORITÀ
ESITI DEGLI STUDENTI
Risultati scolastici
Risultati nelle prove
standardizzate nazionali
Descrizione delle priorità
Descrizione del traguardo
Migliorare i risultati scolastici
nella primaria e nella
secondaria di I grado.
Adeguare la percentuale di
alunni licenziati all'Esame di
Stato conclusivo del I ciclo con
votazione 6 e 7 alla media
provinciale e regionale.
Nelle classi finali, la variabilità
all'interno di ciascuna fascia di
livello deve essere inferiore al
20% dei componenti della
fascia migliore
Rientrare nella media
nazionale della variabilità tra le
classi
Adeguare alla media nazionale
i livelli 1 e 2 degli alunni nelle
prove di matematica INVALSI
sia nella scuola primaria che
nella scuola secondaria
Rendere uniformi gli esiti dei
traguardi formativi nei diversi
plessi della scuola primaria e
nelle sezioni della secondaria
di I grado.
Riduzione della variabilità fra
le classi.
Migliorare i livelli degli alunni
nelle prove di
matematica INVALSI sia nella
scuola primaria che nella
scuola secondaria di I grado
MOTIVAZIONE
Nella scuola primaria i risultati in matematica sono inferiori rispetto alle scuole con background simile.
La distribuzione dei livelli è molto diversa in italiano e matematica.
In ITALIANO la differenza nei risultati rispetto a classi/scuole con background familiare simile è di -4,4,
inferiore all’Abruzzo e all’Italia, uguale al Sud. In matematica la differenza nei risultati è negativa, tuttavia la
media è in linea con l’Abruzzo e il Sud, anche se inferiore all’Italia.
La distribuzione degli alunni nei livelli di apprendimento in italiano e matematica è simile a quella dell’Abruzzo,
del Sud edell’Italia. In matematica la percentuale del livello 2 è superiore alla media.
Per quanto riguarda le classi terze di scuola secondaria, in matematica la media è superiore a quella del Su ma
inferiore a quella dell’Abruzzo e dell'Italia.
La distribuzione degli studenti per fascia di voto conseguita all’esame di Stato evidenzia che il 38,6% si colloca
nella fascia del voto 6, mentre nella provincia, in Abruzzo e in Italia la percentuale è inferiore.
OBIETTIVI DI PROCESSO
AREA DI PROCESSO
DESCRIZIONE DELL’OBIETTIVO DI
PROCESSO
Utilizzare criteri omogenei e condivisi di progettazione
CURRICOLO, PROGETTAZIONE E
e valutazione per la matematica nella scuola primaria e
VALUTAZIONE
nella secondaria di I grado.
Utilizzare criteri omogenei e condivisi di progettazione
e valutazione per italiano nella scuola primaria e nella
secondaria di I grado.
MOTIVAZIONE
La valutazione delle competenze costituisce un elemento prioritario al fine di potenziare i risultati nelle prove
standardizzate nazionali e internazionali. Nel contempo, la valutazione delle competenze è fondamentale per
costruire conoscenze e abilità, in modo che gli alunni le utilizzino con autonomia e responsabilità. Ai docenti è
affidato il compito di progettare e valutare in modo uniforme e coerente con il Curricolo d'Istituto, per evitare
differenze tra classi/sezioni. L'aumento dei livelli di apprendimento degli alunni è un fattore di qualità per una
scuola che progetta e forma.
12
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
OBIETTIVIFORMATIVIPRIORITARI
(Legge107/2015)
Lalegge107/2015,entratainvigoreil16/07/2015,da'pienaattuazioneall'autonomiadelleistituzioni
scolastichedicuiall'articolo21dellalegge15marzo1997,n.59esuccessivemodificazioni.
L’ Articolo 1, comma 7, stabilisce che : “Le istituzioni scolastiche, nei limiti delle risorse umane,
finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi o maggiori
oneri per la finanza pubblica, individuano il fabbisogno di posti dell'organico dell'autonomia, in
relazione all'offerta formativa che intendono realizzare, nel rispetto del monte orario degli
insegnamentietenutocontodellaquotadiautonomiadeicurricoliedeglispazidiflessibilità,
nonchéinriferimentoainiziativedipotenziamentodell'offertaformativaedelleattivitàprogettuali,
perilraggiungimentodegliobiettiviformativiindividuaticomeprioritari”.
IlCollegioDocentihaindicatoperilnostroistitutoiseguentiOBIETTIVIPRIORITARI:
a) valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento
all'italiano nonche' alla lingua inglese e ad altre lingue dell'Unione europea, anche mediante
l'utilizzodellametodologiaContentLanguageIntegratedLearning;
b)potenziamentodellecompetenzematematico-logicheescientifiche;
l) prevenzione e contrasto della dispersione scolastica, di ogni forma di discriminazione e del
bullismo, anche informatico; potenziamento dell'inclusione scolastica e del diritto allo studio
degli alunni con bisogni educativi speciali attraverso percorsi individualizzati e personalizzati
anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-sanitari ed educativi del territorio e
delleassociazionidisettoreel'applicazionedellelineediindirizzoperfavorireildirittoallostudio
deglialunniadottati,emanatedalMinisterodell'istruzione,dell'universita'edellaricercail18
dicembre2014;
p) valorizzazione di percorsi formativi individualizzati e coinvolgimento degli alunni e degli
studenti;
q) individuazione di percorsi e di sistemi funzionali alla premialita' e alla valorizzazione del
meritodeglialunniedeglistudenti;
c) potenziamento delle competenze nella pratica e nella cultura musicali, nell'arte e nella storia
dell'arte,nelcinema,nelletecnicheeneimediadiproduzioneedidiffusionedelleimmaginiedei
suoni,anchemedianteilcoinvolgimentodeimuseiedeglialtriistitutipubblicieprivatioperantiin
talisettori;
13
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
ACQUISIZIONEDELFABBISOGNODELL'ORGANICODELPOTENZIAMENTO
PROPEDEUTICAALL'ATTUAZIONEDELLAFASECDELPIANOASSUNZIONALE
(NotaMIURn.30549del21settembre2015)
La legge 107/15 ha introdotto la dotazione organica in oggetto, finalizzata alla piena attuazione
dell'autonomia scolastica di cui all'articolo 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59 e successive
modifiche. Con il potenziamento dell'offerta formativa e l'organico dell'autonomia le scuole
sono chiamate a fare le proprie scelte in merito a insegnamenti e attività per il raggiungimento
di obiettivi. Ciascuna istituzione scolastica è stata chiamata a individuare le priorità d'intervento
nell'ambito degli obiettivi suddetti, coerentemente con la programmazione dell'offerta
formativa e con azione di coinvolgimento degli organi collegiali, chiamati all'elaborazione e
all'approvazione delle proposte. L'ordine di preferenza espresso costituirà un utile strumento di
lettura del fabbisogno dell'istituzione scolastica da parte degli Uffici Scolastici Regionali
indicando le priorità che le singole scuole intendono perseguire nell'ampliamento della propria
offerta formativa. Le scuole hanno definito un ordine di preferenza dei campi proposti
individuando, in questo modo, le priorità dell'azione di potenziamento dell'istituzione scolastica
in una descrizione qualitativa prima ancora che quantitativa dell'organico del potenziamento.
L’Istituto Comprensivo Orsogna ha individuato il seguente fabbisogno, elencate nella tabella
IN ORDINE DI PRIORITÀ:
CAMPI DI POTENZIAMENTO
OBIETTIVI FORMATIVI COMMA 7 ART. 1 LEGGE 107/2015
2
POTENZIAMENTOLINGUISTICO
“a)”
“p)”
“r)”
3
POTENZIAMENTOSCIENTIFICO
“b)”
“n)”
“p)”
“q)”
4
POTENZIAMENTOARTISTICOE
MUSICALE
“s)”
“c)”
“f)”
valorizzazioneepotenziamentodellecompetenzelinguistiche,con
particolareriferimentoall'italianononchéallalinguaingleseeadaltre
linguedell'Unioneeuropea,anchemediantel'utilizzodella
metodologiaContentlanguageintegratedlearning;
Valorizzazionedipercorsiformativiindividualizzatiecoinvolgimento
deglialunniedeglistudenti;
Alfabetizzazioneeperfezionamentodell'italianocomelinguaseconda
attraversopercorsielaboratoriperstudentidicittadinanzaodilingua
nonitaliana,daorganizzareancheincollaborazioneconglientilocalie
ilterzosettore,conl'apportodellecomunitàdiorigine,dellefamigliee
deimediatoriculturali;
potenziamentodellecompetenzematematico-logicheescientifiche;
aperturapomeridianadellescuoleeriduzionedelnumerodialunnie
distudentiperclasseoperarticolazionidigruppidiclassi,anchecon
potenziamentodeltemposcolasticoorimodulazionedelmonteorario
rispettoaquantoindicatodalregolamentodicuialdecretodel
PresidentedellaRepubblica20marzo2009,n.89;
Valorizzazionedipercorsiformativiindividualizzatiecoinvolgimento
deglialunniedeglistudenti;
individuazionedipercorsiedisistemifunzionaliallapremialitàealla
valorizzazionedelmeritodeglialunniedeglistudenti;
definizionediunsistemadiorientamento;
potenziamentodellecompetenzenellapraticaenellaculturamusicali,
nell'arteenellastoriadell'arte,nelcinema,nelletecnicheeneimedia
diproduzioneedidiffusionedelleimmaginiedeisuoni,anche
medianteilcoinvolgimentodeimuseiedeglialtriistitutipubblicie
privatioperantiintalisettori;
Alfabetizzazioneall'arte,alletecnicheeaimediadiproduzionee
diffusionedelleimmagini
14
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
“e)”
1
“s)”
“d)”
POTENZIAMENTOUMANISTICO
SOCIOECONOMICOEPERLA
LEGALITÀ
“l)”
“e)”
“r)”
“p)”
“q)”
5
POTENZIAMENTOMOTORIO
“g)”
6
POTENZIAMENTO
LABORATORIALE
“h)”
“m)”
sviluppo di comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al
rispetto della legalità, della sostenibilità ambientale, dei beni
paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali
definizione di un sistema di orientamento
sviluppodellecompetenzeinmateriadicittadinanzaattivae
democraticaattraversolavalorizzazionedell'educazioneinterculturale
eallapace,ilrispettodelledifferenzeeildialogotraleculture,il
sostegnodell'assunzionediresponsabilitànonchédella
solidarietàedellacuradeibenicomuniedellaconsapevolezzadeidirittie
deidoveri;potenziamentodelleconoscenzeinmateriagiuridicaed
economico-finanziariaedieducazioneall'autoimprenditorialità;
Prevenzioneecontrastodelladispersionescolastica,diogniformadi
discriminazioneedelbullismo,ancheinformatico;potenziamento
dell'inclusionescolasticaedeldirittoallostudiodeglialunnicon
bisognieducativispecialiattraversopercorsiindividualizzatie
personalizzatiancheconilsupportoelacollaborazionedeiservizi
socio-sanitariededucatividelterritorioedelleassociazionidisettore;
sviluppodicomportamentiresponsabiliispiratiallaconoscenzaeal
rispettodellalegalità,dellasostenibilitàambientale,deibeni
paesaggistici,delpatrimonioedelleattivitàculturali;
Alfabetizzazioneeperfezionamentodell'italianocomelinguaseconda
attraversocorsielaboratoriperstudentidicittadinanzaodilinguanon
italiana,daorganizzareancheincollaborazioneconglientilocalieil
terzosettore,conl'apportodellecomunitàdiorigine,dellefamigliee
deimediatoriculturali;
Valorizzazionedipercorsiformativiindividualizzati
ecoinvolgimentodeglialunniedeglistudenti;
individuazionedipercorsiedisistemifunzionali
allapremialitàeallavalorizzazionedelmeritodeglialunniedegli
studenti;
potenziamentodelledisciplinemotorieesviluppodicomportamenti
ispiratiadunostiledivitasano,conparticolareriferimento
all'alimentazione,all'educazionefisicaeallosport,eattenzionealla
tuteladeldirittoallostudiodeglistudentipraticantiattivitàsportiva
agonistica;
sviluppodellecompetenzedigitalideglistudenti,conparticolare
riguardoalpensierocomputazionale,all'utilizzocriticoeconsapevole
deisocialnetworkedeimedianonchéallaproduzione;
potenziamentodellemetodologielaboratorialiedelleattivitàdi
laboratorio(comma7,lettera“i”);valorizzazionedellascuolaein
gradodisviluppareeaumentareinterazioneconlefamiglieeconla
comunitàlocale,compreseleorganizzazionidelterzosettore;
15
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
PIANODIMIGLIORAMENTO
Con la chiusura e la pubblicazione del RAV si apre la fase di formulazione e attuazione del
piano di miglioramento. A partire dall'inizio dell'anno scolastico 2015/16 tutte le scuole
(statali e paritarie) sono tenute a pianificare un percorso di miglioramento per il
raggiungimentodeitraguardiconnessialleprioritàindicatenelRAV.
Taleprocessononvaconsideratoinmodostatico,mainterminidinamiciinquantosibasasul
coinvolgimentodituttalacomunitàscolasticaefalevasullemodalitàorganizzativegestionali
edidattichemesseinattodallascuolautilizzandotuttiglispazidiautonomiaadisposizione.
IlDirigenteScolastico,avvalendosidelleindicazionidelnucleointernodivalutazionecostituito
perlafasediautovalutazioneeperlacompilazionedelRAV,haindividuatoleseguenti
AZIONIDIMIGLIORAMENTO:
Ø DOCENTI:
2CORSIDIFORMAZIONE
a) Approfondimentosuitemidell’inclusione,dell’intercultura,disabilità,BES…
b) Nuovetecnologieenuoviambientidiapprendimento
Ø DIDATTICA:
a)MIGLIORAMENTODELL’ORGANIZZAZIONEDELLESTRATEGIEFINALIZZATE
ALRECUPERODELLECARENZE(corsidirecupero,pausadidattica,ecc…)
APARTIREDAIPUNTIDIFORZAEDICRITICITÀRISCONTRATINELLEESPERIENZE
PREGRESSE(numerodeglialunni,gravitàdellecarenze,criteriperl’assegnazionedei
corsiaidocenti…)
b)PROVEDIVERIFICAECRITERIDIVALUTAZIONECOMUNIPERCLASSIPARALLELE
Ø ALUNNI:
-SPORTELLOPOMERIDIANODICONSULENZAESTUDIOASSISTITONELLASCUOLA
PRIMARIA
-POTENZIAMENTODELLEECCELLENZE(Latino,altreattivitàdadefinire)
Ø GENITORI:
a)CORSODIFORMAZIONEASUPPORTODELLAGENITORIALITÀesuitemi
dell’inclusione,BESecc…
b)CORSODIFORMAZIONEsullemodalitàdifruizionedelRegistroElettronicoedelsito
webdell’Istituto
Ø COMUNICAZIONE:
REALIZZAZIONEDELNUOVOSITOWEBENTROL’ANNO.
16
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
Ilnostropercorsoformativoèfinalizzatoadoffrireatuttieaciascunalunnolepossibilitàdiprocedere,crescere
edesserecentralinelprocessoeducativo.
L’IstitutoComprensivodiOrsognasiadoperaaffinchél’azioneeducativasibasisuiprincipidi:
1. UGUAGLIANZAEPARIOPPORTUNITÀ
• Ogniattivitàdidatticaèrivoltasempreindistintamenteallacollettivitàdeglialunniedellealunne;
• Lascuolasiadoperaperimpedirechelediversitàpossanoinqualchemodolimitarel’effettivoesercizio
deldirittoalsuccessoformativo;
• Nessunalunnoèesclusopermotivieconomicidaattivitàopzionalie/ointegrativedelcurricolo
organizzateinorarioscolastico(visiteguidate,escursionisulterritorio…);
• Lascuolasiimpegnaagarantireunaregolarefrequenzascolasticaaglialunnichesoffronodi
temporaneielimitatiimpedimentidisalute.
2.IMPARZIALITÀEREGOLARITÀDELSERVIZIO
Lascuolagarantisceregolaritàeimparzialità:
• nellaformazionedelleclassiedellesezioni;
• nelladefinizionedeitempidestinatiaicolloquifrainsegnantiegenitori;
• nellaformulazionedeglioraridelleclassiedeidocenti;
3.ACCOGLIENZAEINCLUSIONE
• Tuttiglialunnisonougualisenzadistinzionedisesso,lingua,colore,religione,modidivitaecultura;
• Glialunnielealunne,diversiedoriginali,sonoaccolticonillorobagagliodiesperienze,competenze,
sicurezzeepaure;
• L’organizzazionedell’ambientescolasticosipresentaimpegnato,armonicoesereno,centratosulla
cordialità,l’accoglienza,lafiducia,l’entusiasmoesuatteggiamentidiascoltoecolloquionelrapporto
conglialunni;
• Lascuolainstauraindialogoconlefamigliededicandoparticolareattenzioneallafaseinizialedi
inserimentoenellesituazionidirilevanteparticolarità;
4.PERSONALIZZAZIONE
• Lascuolagarantiscepercorsididatticimotivanti,creativiegeneratoridiulterioriprospettivedi
conoscenze,dicompetenzeediintegrazionedeisaperi;
• Idocenti“personalizzano”ipercorsiformativideglialunnialfinedivalorizzarelediversepotenzialità
individualidiapprendimento;
• Ledisciplinesonoconsideratecomeunmezzoperlaformazioneintegraledellapersonalitàdell’alunno:
lasceltadegliobiettivi,deicontenuti,delleattivitàèguidatadallaconsapevolezzadeglistimolidaoffrire
alprocessodisviluppodell’alunno.
5DIRITTOALLASCELTA,OBBLIGOEFREQUENZA
• Aigenitorièriconosciutoildirittodisceltafraistituzioniefrapianiformativi,nonchéildoveredi
assolvimentodell’obbligoscolastico,diun’adeguataattenzioneallafrequenzadeglialunniperevitarela
dispersionescolastica.
6.PARTECIPAZIONE,EFFICIENZA, TRASPARENZA
• Igenitorisonoinvitatiaparteciparedemocraticamenteallavitaeallagestionedellascuolaneitempie
neimodistabilitidagliorganicollegiali;
• L’attivitàel’orariodiserviziosonoimprontatiacriteridiefficienza,efficaciaeflessibilità,sianell’attività
didatticaantimeridianacheneiprogettipomeridianidell’offertaformativaintegrataediampliamento.
17
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
SCELTEEDUCATIVE
Nel rispetto della libertà didattico-metodologica di “ciascun insegnamento” attivato nel nostro Istituto, ogni
Docente cura l’organizzazione educativo – didattica modulata sia in funzione degli obiettivi d’apprendimento
comuni e personalizzati, sia in funzione delle caratteristiche personali dei singoli alunni (livelli, ritmi e stili
cognitivi).
L’autonomiaorganizzativa,stabilitadallanorma,incrementalaflessibilitàdell’Istituzionescolasticaintesa
come:
• organizzazioneflessibile;
• attivitàeducativeedidatticheconmetodologiesperimentali;
• raggruppamentodeglialunni;
• attivitàdilaboratorioaclassiaperte
Lestrategiemuovonodalfavorirelaconoscenzadiséintuttiisuoiaspetti(sécorporeo,familiare,scolasticoecc.)
per individuare, in maniera realistica, i punti di forza e quelli di debolezza, e cercare di valorizzare i primi e di
attenuareisecondi.
Tuttelediscipline,asecondadeglispecificilinguaggi,concorronoafavorirelaconoscenzadisé.
Leattivitàdirecuperosonofinalizzateasostenereglialunnineiprocessidiapprendimento,accrescendoillivello
dicompetenzaindividualee,contestualmentemigliorandoillivellopersonalediautostima.
L’organizzazionedipercorsipersonalizzatinascedall’esigenzadiattivareformeprecocididecondizionamentoe
dioffrireatuttiglialunnil’opportunitàdipervenirealsuccessoformativo.
Variando la quantità, la qualità ed il tempo di istruzione, a seconda delle esigenze e delle risorse di ciascun
alunno, l’insegnamento diventa un’attività progettuale volta ad ottimizzare i processi di insegnamentoapprendimento,attraversointerventiconsapevolisullevariabilichecaratterizzanotaliprocessi.
Le informazioni ottenute consentono agli insegnanti di operare scelte calibrate sui bisogni e sulle risorse dei
singolialunni,avvalendosi,inmodoflessibiledidiversestrategieoperative.
Asecondadelleparticolaridifficoltàdell’alunnoidocentiutilizzanoidiversimediatorididattici(prassico–iconico
-analogico e simbolico) e/o linguaggi (musicale –iconico -motorio ecc.)si fa uso di materiale strutturato e di
sussidi specifici, creare spazi per l’operatività e la manipolazione, organizzare attività di piccolo gruppo, di
tutoring(perlestrategiedell’individualizzazionesirimandaalcapitolorelativo.
In base alle esigenze contestuali, gli insegnanti, avvalendosi del contributo degli insegnanti di sostegno,
organizzanogruppidirecuperoomogeneie/odisomogenei,dinamicie/odurevolineltempoancheconprogetti
diclassiaperte,strutturandoinmanieraflessibilel’orariosettimanale.
L’insegnamentoindividualizzatoelapersonalizzazioneeducativanasconodaunadupliceesigenza:
• Elevare la qualità dell’istruzione esplorando procedure metodologiche che consentano di rispondere alle
esigenzediun’utenzascolasticaeterogenea.
• Garantire a tutti l’uguaglianza delle opportunità formative, per contrastare il fenomeno della dispersione
scolastica.
L’istituto comprensivo di Orsogna pone al centro dei suoi obiettivi la formazione, l’apprendimento e
l’insegnamentoincondizionidiserenitàebenessereditutti.
L’organizzazionedelleattivitàs’imperniasullaspintamotivazionaleadinsegnareeadapprendereinunrapporto
interattivo fra adulto e bambino/ragazzo che abbia come sfondo l’emozione del conoscere e il desiderio
dell’apprendere.
Lostilediinsegnamentotienecontodeibisognipsicologicierispondeaquellieducativitipicideibambinidella
societàcontemporanea.
18
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
SCELTEDIDATTICHE
SCUOLADELL’INFANZIA
FILETTO,ORSOGNA,POGGIOFIORITO
La Scuola dell’Infanzia nei plessi di Filetto, Orsogna e Poggiofiorito persegue le finalità previste nelle Nuove
indicazioni per il Curricolo del 2012: promuovere nei bambini lo sviluppo dell’identità, dell’autonomia, della
competenza e vivere le prime esperienze di cittadinanza. L’attività didattica nasce da un’idea
dell’apprendimentocomepartecipazioneecostruzione.
A)CONSOLIDAREL’IDENTITÀpervivereserenamenteledimensionidelproprioio,starebene,sentirsisicuriinun
ambiente sociale allargato, sperimentare diversi ruoli e forme di identità. Tutto ciò consente di appartenere a
unacomunitàsemprepiùampiaeplurale,caratterizzatadavaloricomuni,abitudini,linguaggi,riti,ruoli.
B) SVILUPPARE L’AUTONOMIA per avere fiducia in se stessi e fidarsi degli altri, partecipare alle decisioni,
imparandoaoperarescelteeadassumerecomportamentieatteggiamentisemprepiùconsapevoli.
C) ACQUISIRE COMPETENZE per giocare, muoversi, manipolare, curiosare, domandare, imparare a riflettere ,
rappresentareeripetereconsimulazioniegiochidiruolo,situazioniedeventiconlinguaggidiversi.
D) VIVERE ESPERIENZE DI CITTADINANZA per ascoltare l’altro e rispettarne il punto di vista, comprendere le
diversità di genere, riconoscere l’uguaglianza dei diritti e dei doveri. Le principali caratteristiche organizzative,
metodologicheedidattichesonostatedelineateinseguitoadueprogettisperimentalichehannosegnatouna
svoltainquestoordinediscuola.
Il progetto A.S.C.A.N.I.O. ha introdotto il potenziamento di modelli organizzativi che facilitano la funzione di
filtro, di arricchimento e di valorizzazione delle esperienze dei bambini nei diversi contesti ed ambienti di vita.
Esso ha consentito l’adozione di modelli organizzativi atti a spezzare la rigidità della mono-sezione, mediante
un’organizzazioneeducativaedidatticaflessibileeapertaalterritorio.
E’ stata così introdotta l’articolazione del tempo-scuola e la costituzione del "team" docente con la
ridefinizionedegliorarielacostituzionediun"gruppodocente"operantesugruppidibambinidipiùsezioni.
Nel 1998 il progetto Alice ha approfondito il ruolo esercitato dai sistemi simbolico-culturali, il significato e alle
modalità di sviluppo dei 'campi di esperienza' e l'intreccio tra curricolo implicito e curricolo esplicito; ha
contribuito alla crescita di una cultura dell'infanzia, attraverso la 'promozione di una qualità della vita intesa
come grande finalità educativa', sulla base del diritto delle bambine e dei bambini all'identità individuale,
etnica,linguistica,culturaleereligiosa,inmododapromuoverefindai3-6anniunamodalitàdiapprendimento
attiva.
IprotagonistidellaScuoladell’Infanziasono:ibambini,lefamiglie,idocenti,gliambientidiapprendimento.
L’organizzazionediunambientedivita,direlazioniediapprendimentodiqualità,garantitodalla
professionalitàdeglioperatoriedaldialogosocialeededucativoconlefamiglieeconlacomunità.
Leattivitàdidattichesonoflessibili,sonoscelteconmodalitàdiverseinrelazioneaidiversiritmi,tempiestilidi
apprendimento,allemotivazionieagliinteressidellebambineedeibambini,eprevedono:
attivitàdiLaboratorieSezioniaperte;
attivitàdigruppoinSezione;
attivitànelpiccologruppo;
attivitàpergruppidietàeterogenea.
19
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
SCUOLAPRIMARIA
ARIELLI,FILETTO,ORSOGNA
LaScuolaPrimarianeitreplessidiArielli,FilettoeOrsognahaelaboratoesperienzeprogettualisignificativeed
innovative, sul piano educativo, didattico e professionale, sostenendo e diffondendo una cultura del
cambiamento che ha consentito di pervenire a obiettivi di qualità e di raggiungere traguardi notevoli. Questa
capacità di innovazione didattica conferma i principi ispiratori che sostengono l’azione formativa della nostra
scuola e li coniuga con le Indicazioni nazionali per il curricolo 2012. Il sistema educativo attuato nella partica
didattica quotidiana è finalizzato alla crescita e alla valorizzazione della persona umana, nel rispetto dello
sviluppoevolutivo,delledifferenzeedell’identitàdiciascuno.Attraversolacooperazionetrascuolaefamiglia,la
scuolasiproponediassicurareatuttil’opportunitàdiconquistare“icontenutiessenzialiperlaformazionedi
base”edisvilupparecapacitàecompetenzecoerenticonleattitudinipersonali,adeguateall’inserimentonella
vitasocialeedirelazione.
GliinsegnantidellaScuolaPrimariadiArielli,FilettoeOrsognaorganizzanoleattivitàmirandoallacreazionedi
unclimasereno,basatosuunrapportointerattivoconl’alunno.L’inserimentodialunnistranierinelleclassie
nellesezioniavvieneconadeguateattivitàdiaccoglienzaedèconsideratocomeunarisorsaeun’opportunitàdi
aperturaallarealtàmultietnica.
La nostra scuola si presenta come sistema aperto che interagisce con l’ambiente socio-culturale esterno e
predisponepercorsidicittadinanzaattivachefavorisconol’acquisizionedicompetenzeadeguateaviverenella
dimensione europea come cittadini attivi e consapevoli. Nella nostra scuola la costruzione dei saperi è intesa
come un’impresa collettiva e condivisa, realizzata con la metodologia della ricerca: le discipline, le forme
laboratoriali e le uscite nel territorio offrono molteplici opportunità di analisi del mondo circostante e chiavi
interpretative della realtà. L’insegnamento mira a offrire ai bambini diversi strumenti e strategie di
apprendimentopergarantireatuttiilsuccessoformativo,medianteilcoinvolgimentoemotivoedaffettivodegli
alunni in situazioni motivanti e stimolanti che implichino la partecipazione attiva, la libertà di espressione,
l’eserciziodelpensiero.Leattivitàdidattichesonoflessibili,inmododa:
soddisfarelediverseesigenze;
rispondere alle necessità specifiche delle molteplici intelligenze che caratterizzano i diversi stili cognitivi di
ciascuno;
garantireilsuccessoformativo.
Ampiospazioèriservato:
all’innovazionemetodologica;
allasperimentazione;
all’utilizzodellenuovetecnologie.
L’utilizzo dei mediatori didattici è continuamente differenziato e la scuola necessita di tempi distesi in cui il
singolo alunno possa trovare spazi di lavoro, espansioni e approfondimenti originali e personali, secondo stili
reattiviemodalitàindividuali.
E’previstalapossibilitàdi:
operareaclassiapertepergruppiorizzontali
lavorareperpiccoligruppi
realizzarelaboratoriaclassiaperte.
La scuola, intesa come LABORATORIO, è il luogo in cui non solo si elaborano saperi, ma si producono anche
nuoveconoscenze.L’interessedellascuolaèrivoltoallametacognizione,ovveroallaesplicitazionedeiprocessi
sottesiall’apprendimento.
LaDIDATTICALABORATORIALEoperaattraverso:
lavalorizzazionedell’esperienza;
Ilconfrontointerpersonale;
l’impegnopersonaleallacollaborazione.
Essa facilita negli alunni l’acquisizione di strategie operative; è un’esperienza trasversale a tutti i percorsi
formativi;consenteall’alunnodioperareinmodointenzionaleediacquisirecompetenze.
I tre plessi hanno adottato ciascuno il tempo scuola più adeguato, sempre privilegiando il benessere psico –
affettivodeibambinielenecessitàdelladidattica.
L’organizzazioneorariaprevedelapresenzasuogniclassedell’insegnateprevalenteedegliinsegnatispecializzati
diIngleseediReligione,cheinserisconoiloroinsegnamentineitempieneimodiapprovatinellaprogettazione
di classe. Gli insegnanti dedicano le ore di compresenza allo svolgimento di progetti finalizzati, laboratori ed
attivitàdipotenziamentoerecupero.
20
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
SCUOLASECONDARIADIIGRADO
ORSOGNA
LaScuolaSecondariadiIGradodiOrsognasiproponecomeunascuolamodernaedinamica,proiettataverso
l’innovazionee,nelcontempo,ancorataallaricchezzadellatradizione.
Nel panorama socio-culturale attuale, caratterizzato da notevoli cambiamenti e discontinuità, essa pone al
centrodelproprioagirel’alunno,offrendooccasionid’apprendimentodeisaperiedeilinguaggiculturalidibase;
promuovendolacapacitàdielaboraremetodiecategorieutiliperorientarsi;favorendol’autonomiadipensiero
conunadidatticafinalizzataallacostruzionedisaperiapartiredaibisogniformativi;permettendol’acquisizione
degli strumenti di pensiero necessari per apprendere e selezionare informazioni; fornendo le chiavi per
apprendereadapprendere.
OBIETTIVIFORMATIVI
Gli obiettivi che la scuola ha prefissato sono molteplici; in sintesi, essi sono volti alla crescita dell’alunno dal
puntodivistaculturaleeumano.Relativamenteallasferasocio-affettivasifavoriranno,traglialtri,iprocessidi
socializzazione, collaborazione, assunzione di responsabilità; relativamente all’ambito didattico, si
svilupperanno a) le capacità inerenti al metodo, alla pianificazione del lavoro, alla motivazione mediante
l’acquisizione/affinamento di tecniche di studio/apprendimento; b) il rafforzamento dell’ identità dello
studente;
c)lariduzionedeltempodistudiopomeridianoevitandotuttiglielementichedisperdonol’attenzione.
Per il raggiungimento di tali ed altri obiettivi non menzionati, è indispensabile la stretta e continua
collaborazione tra scuola e famiglia.
La scuola mira a sostenere il successo scolastico di tutti gli studenti lavorando nell’ottica delle comunità di
apprendimento per promuovere l’inclusività, specie nel contesto territoriale in cui opera dove è presente un
forte flusso immigratorio. Per questo agisce nell’ottica di un ampio confronto con il territorio, sia per quanto
riguardalacontinuitàdeipercorsieducatividall’Infanziaall’ultimoannodellaSecondaria,siaperl’orientamento
allasceltadell’IstitutoSuperiore,allaqualeiragazzivengonoaccompagnaticonattenzioneecompetenza.
I docenti, aperti alle nuove pratiche didattiche, attuano percorsi educativi che presentano agli studenti
l’opportunità di vivere ripetute e positive esperienze di successo che li vedano coinvolti in modo attivo e
collaborativo,percostruireinsiemeunsapereedunaconoscenzadialogiche.
A tale scopo la scuola si distingue anche per l’importante ampliamento dell’offerta formativa che vede
l’attuazione annuale di laboratori extra-curricolari di teatro, musica, latino, arte, scrittura creativa, sport, con
l’intentodisoddisfarelediverseesigenzeformative,legateaidiversistilidiapprendimentoedifornireoccasioni
utiliallosviluppoglobaledell’alunno.
Semprelegataall’ampliamentodell’OffertaFormativaèlatradizionedelbilinguismo(linguafranceseedinglese)
chetrovailsuocompimentonellapartecipazionedilungadataalProgettoComenius.
ILCORSODISTRUMENTOMUSICALE
L’Istituto Comprensivo di Orsogna ha istituito, dall’anno scolastico 2006/2007, presso la Scuola Secondaria di
Primo Grado, il CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE per gli strumenti pianoforte, clarinetto, sassofono e corno.
L’insegnamento di strumento musicale è disciplina curriculare e costituisce “integrazione interdisciplinare ed
arricchimento dell’insegnamento obbligatorio di Musica”. Esso concorre allo sviluppo della formazione globale
dell’alunnooffrendo,attraversol’esperienzamusicaledellostudiodiunostrumento,un’occasioneprivilegiatadi
maturazione,espressivaecomunicativaedisviluppodellediversepotenzialità.
AlmomentodelpassaggiodallaScuolaPrimariaallaSecondariadiPrimoGrado,iragazziscelgonodiiscriversial
corso di strumento musicale. Una prova attitudinale, a cura degli insegnanti di strumento musicale, indirizza i
ragazziallostudiodellostrumentopiùadattoaloro.
21
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
SCELTEPROGETTUALIDELL’ISTITUTO
Leiniziativediarricchimentodell’offertaformativasonoesaminate,discusseeselezionatedagliinsegnantidei
singoliplessiinriferimentoalpianoeducativod’Istituto,alleesigenzedeglialunnidellefamiglie,anchesulla
basedeldialogoconleassociazionidelterritoriochecollaboranoallarealizzazionedelprogettoeducativo.
Il nostro Istituto recepisce i bisogni educativi specifici e le attese del proprio contesto ambientale e si avvale
delle risorse e delle strutture che il territorio mette a disposizione. I progetti trasversali presuppongono una
visione globale della persona e mirano alla crescita di persone equilibrate, che sappiano esplicare
conoscenze, abilità e valori all’interno della società. Tali progetti intendono ampliare l’ambito strettamente
cognitivo delle discipline e propongono una forma personalizzata di educazione, in una scuola aperta alla
creatività, al progresso scientifico – tecnologico, ai valori sociali e morali.
PIENO SVILUPPO DELLA PERSONA UMANA
Formazione di tutte
le dimensioni della
persona umana,
considerate come
“sistema integrato”
(motoria, affettiva,
sociale…)
Rispetto della identità
personale, sociale,
culturale, e
professionale dei
singoli alunni.
Realizzazione al
massimo livello delle
possibilità formative
dei singoli alunni.
22
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
SCELTEPROGETTUALI
SUCCESSO
FORMATIVO DEL
SINGOLO ALUNNO
ESIGENZE E
RISORSE DEL
TERRITORIO
PIENO
SVILUPPO
DELLA
PERSONA
PROGETTI
TRASVERSALI
BISOGNI
EDUCATIVI
SPECIFICI
ORIENTAMENTOPERMANENTE
Come previsto dalle “Linee Guida per L’Orientamento Permanente” del 19/02/2014, il nostro Istituto investe
sulla formazione iniziale e continua di tutti i docenti, affinché essi si facciano carico di esigenze diverse, delle
mutaterichiestedellasocietàedelmondodellavoro,nonchédeinuovimodellidiapprendimentodeigiovani,
come pure delle loro difficoltà e disagi. A partire dalle strategie di Lisbona , tutti i documenti europei
ribadisconol’importanzadiconcettichiavecome“lifelonglearning”,“lifewidelearning”,“lifelongguidance”e
“careerguidance”.Ilnostroistitutoconsideral’Orientamento,infatti,comeuninsiemediattivitàchemettein
grado i cittadini di ogni età, in qualsiasi momento della loro vita, di identificare le loro capacità, competenze,
interessi;prenderedecisioniconsapevoli;gestireipropripercorsipersonalidivita.
23
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
L’AMBIENTEDIAPPRENDIMENTO
AMBIENTE FISICO –
AMBIENTE VIRTUALE
RELAZIONI SOCIOAFFETTIVE
DINAMICHE DI
GRUPPO
INTEGRAZIONE
AMBIENTE EDUCATIVO - AMBIENTE SOCIO –
AFFETTIVO E COMUNICATIVO
INTEGRAZIONE
INTEGRAZIONE
APPROCCI
METODOLOGICODIDATTICI
DISPOSIZIONE ARREDI
NELL’AULA
DISPOSIZIONE SPAZI
INTERNI ED ESTERNI
NUOVE TECNOLOGIE
INTEGRAZIONE
L’AmbientediapprendimentoèintesocomeSPAZIOD’AZIONEcreatoperstimolareesostenerelacostruzionedi
conoscenze,abilità,motivazione;nellospaziosiverificanol’interazioneeloscambiotraallievi,oggettidelsaperee
insegnanti.Questiultimipredispongonol’ambientecreandosituazionichemettonoglialunniincondizionediimpararee
diventanomediatoritrailsapereegliallievi.
L’ambientediapprendimentodevefacilitareiprocessidiapprendimentoeaccompagnaregliallievinell’acquisizionedi
competenzeenellacostruzionedeisaperi,sullabasediinteressicomuniediesperienzesignificativesulpianocognitivo,sul
pianoaffettivo-emotivoesulpianointerpersonale–sociale.
Il docente introduce, anche nelle più tradizionali lezioni, ulteriori strumenti quali slides, filmati, mappe concettuali, giochi
virtuali didattici ed esercizi interattivi, per rendere il processo di insegnamento/apprendimento più efficace, in quanto
comprendeilnotevoleimpattodellenuovetecnologiesullapropriadisciplinaesullasuadidattica,illororuolodifacilitatori
nellostudiodelladisciplina,l’individuazionedisoftwaredidatticierisorseutiliall’apprendimentodellapropria disciplina.
L’AMBIENTEDIAPPRENDIMENTOCOMEPALESTRAFORMATIVA
Le metodologie attive del learning-by-doing, della scrittura collaborativa, del role-playing, del cooperative learning, del
tutoring,dellesettimanelaboratorialihannoportatoaverieproprilaboratoridiinnovazionepertuttiidocentidell’Istitutoe
all’apertura di nuovi spazi per gli alunni i quali possono nella nostra scuola sperimentare ed integrare modalità diverse di
lavoroaloropiùcongeniali.
Nelle nostre aule di ogni ordine di scuola entrano le arti: la musica, il teatro, la danza e il movimento, la pittura, la
letteratura e la storia, il cinema e la multimedialità. L’integrazione dei linguaggi formativi delle arti facilita e rende
significativol’apprendimentodeinostrialunniepermettediesplorareilloromondoemotivoeaffettivo(l’amore,latristezza,
lagioia,lacollera,lapaurasiesprimonoattraversoilpotereevocativodell’arte).
Per progettare e gestire l’ambiente di apprendimento gli insegnanti pensano: IL LUOGO, IL CLIMA, LE STRUTTURE, IL
COORDINAMENTO,LAPERSONALIZZAZIONE
24
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
L’ ambiente educativo di apprendimento
si crea:
ATTRAVERSO
- il superamento della lezione
unico strumento;
CON
frontale come
- la strutturazione degli spazi e utilizzazione
degli arredi in modo funzionale e finalizzato;
-l’utilizzo del metodo della ricerca;
-l’utilizzo dei vari mediatori didattici:
•
drammatizzazione
•
manipolazione
•
rappresentazione;
-forme di lavoro di gruppo;
-l’utilizzo dei laboratori;
-lezioni al di fuori dell'aula:
•
visite guidate
•
viaggi d'istruzione
§
escursioni;
-l’attivazione di percorsi didattici
individualizzati;
-la partecipazione ad attività culturali:
•
cinema
•
teatro
•
concerti
•
spettacoli circensi;
l’utilizzo di sussidi multimediali;
-interventi di esperti e specialisti;
- fruizione di esperienze di genitori e di
operatori economici e culturali dell'ambiente
locale.
-il rispetto dei tempi e degli stili
individuali di apprendimento;
-l’ascolto di esperienze e vissuti
significativi del bambino e del ragazzo;
-la valorizzazione, in ogni situazione,
degli aspetti e dei risultati positivi rispetto
alle negatività;
-la risoluzione, in senso collaborativo,
di momenti di forte competitività;
-l’adozione di forme di tutoring;
-l’uso dell' errore come momento di presa
di coscienza dei propri limiti e delle
proprie possibilità;
-uso di stimoli facilitanti;
-uso di rinforzo positivo;
-attivazione di momenti di accoglienza;
-inserimento della dimensione ludica nel
processo di apprendimento (soprattutto
nei primi momenti di esso);
-attivazione di momenti comunicativi
strutturati (circle time);
- attivazione di procedure didattiche
innovative come il cooperative learning.
25
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
RISORSESTRUMENTALIDELLASCUOLA
AulaMagna"Plinio
Silverii"conpalco
teatrale
6laboratoridi
Informatica
LaboratoriodiArtee
Immagine(Scuola
SecondariadiIgrado)
Mediateca
Biblioteca"Ilgrillo
parlante"apertaal
pubblico(Scuola
SecondariadiIgrado)
Bibliotecanelleclassi
dellaScuolaprimaria
diArielli,Filetto,
Orsogna
Bibliotecanell'Aula
MeetingScuola
primariaOrsogna
3Palestre(Primaria
AriellieFiletto,
SecondariadiIgrado)
2piccolepalestre
(PrimariaeInfanzia
Orsogna)
60pcperusodidattico
Laboratoriattrezzati
conpc
19Classidotatedi
strumentimultimediali
21AuledotatediLIM
Atrioattrezzatoconla
LIMnellaScuola
secondariadiIgrado
4auleattrtezzate
(ScuolaPrimaria
Orsogna,Filetto,Scuola
sec.diIgrado)
Strumentimusicaliin
dotazione:pianoforte,2
tastiere,1pianoforteda
tavolo,3corni,3
sassofoni.
Sedieeleggiiper
l'orchestra
Giaccainvernale
et-shirtestivaper
l'orchestra
MensainternaScuola
dell'InfanziadiFiletto,
OrsognaePoggioQiorito
Mensaconcatering
ScuolaPrimariaArielli
26
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
INCLUSIONEEACCOGLIENZA
L’Accoglienzaèunatteggiamentoumanoeculturale,rivoltoatuttigliallieviinmaniera
costanteecontinuativaeconsistenell’attenzioneall’individualitàdiciascuno.
L’Istituto Comprensivo di Orsogna è impegnato nella ricerca di strategie e metodologie innovative,
finalizzate al conseguimento del successo formativo di ciascuno e favorisce l’integrazione e
l’accoglienzadialunnididiversaprovenienza.
L’educazione interculturale si configura come dimensione trasversale che investe l’intero settore
educativo e può essere considerata come l’asse culturale di fondo a cui tutte le discipline possono
fare riferimento. L’apertura mentale e la disponibilità a mettere in discussione le proprie idee si
imparanodapiccoli,incontrandosi,scontrandosieconfrontandosi.
La presenza di alunni provenienti da diversi Paesi e di diversa cultura diventa perciò occasione di
arricchimento e di maturazione, in vista di una convivenza basata sulla cooperazione, lo scambio e
l’accettazionedellediversitàcomevalorieopportunitàdicrescitademocratica.
PERCORSO
INTERCULTURALE
Favorirela
socializzazione
Aumentare
l'autostima
Valorizzarela
culturadi
appartenenza
Promuoverelo
sviluppocognitivo
ALUNNISTRANIERI
CITTADINANZA
ALBANESE
MAROCCHINA
MACEDONE
RUMENA
POLACCA
PAKISTANA
CINESE
UZBEKA
KIRGIKA
PORTOGHESE
TOT
NUMERO
37
7
27
17
3
3
3
1
1
1
100
27
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
PROTOCOLLODIACCOGLIENZA
Assegnarel'alunnoallaclassenel
rispettodellanormativavigentee
sullabasedicritericondivisied
esplicitati.
Curareleprocedurediiscrizione
Dareilbenvenutoaglialunni
eaigenitori;fornire
informazioni
sull'organizzazionedella
scuola;visitareinsiemei
localiscolastici.
Valutareilgradodiconoscenza
dellalinguaitaliana.
Somministraretestpervalutareil
livellodegliapprendimenti
pregressinegliambitilinguistico-
espressivo,logico-matematico-
scientiLico,artistico,motorio,
manipolativo.
Conoscerelasituazionefamiliare
elastoriapersonaledell'alunno;
acquisireinformazionisulla
storiascolasticadell'alunno
(disciplinestudiate,successie
insuccessiscolastici,interessie
attitudini).
Predisporreunalistadiparolee
frasidiusocorrente;utilizzare
testi,cartegeograLiche,immagini
delpaesed'originedell'alunno
OrganizzarecorsiilL1
tramitel'interventodi
mediatoriculturali.
Informarelaclassesull'arrivo
dell'alunno;prepararefrasidi
benvenutonellasualingua
d'origine;avviareunafasedi
presentazionereciprocatragli
alunni;individuareunalunno
conesperienzapregressadi
immigrazionedaafLiancarecon
funzioniditutor.
Organizzarecorsidirecuperoin
precisiambitidisciplinari(se
possibileancheinorario
pomeridiano);deLiniregli
obiettiviminimidellediscipline;
individuareinucleifondanti
dellediscipline;personalizzareil
percorsodell'alunno.
Usaresussidimultimedialie
tecnologici;organizzareprogettiche
favoriscanolasocializzazione,la
comunicazionenonverbaleela
creatività;crearenellabiblioteca
scolasticaunasezionemulticulturale.
Coinvolgerelafamiglianelleattività
scolastiche;usufruire,in
collaborazioneconleistituzionilocali,
delmediatoreculturale.
28
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
RISORSEUMANE
CollaboratoridelDirigenteScolastico:GentileGraziella-SalvianiMara
Referentidiplesso:
INFANZIA:ORSOGNAMastrocolaRosaliaPOGGIOFIORITO:ConsalviRenata
FILETTO:TinariGraziella
PRIMARIA:
ORSOGNASanteusanioSoniaARIELLIColaneroAnnaMariaFILETTOCapuzziMariaGrazia
SECONDARIADII°GRADO:MoranoPiera
FUNZIONISTRUMENTALIEAREEDIINTERVENTO
29
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
FUNZIONISTRUMENTALIEAREEDIINTEVENTO
FS
1
AREA
GESTIONEDELPIANO
DELL’OFFERTAFORMATIVA
REFERENTE
MISSION
IOCCO
VITTORIA
Rendere visibile sul territorio la
realtà del nostro Istituto; offrire
una panoramica sul percorso
formativodeivariordinidiscuola
apartiredariferimentinormativi,
valorialiesocio–culturali;fornire
informazioni
all’utenza
relativamente a orari, modalità e
tempi organizzativi; valutare e
auto valutare per riprogettare;
incrementare le connessioni tra
sistema nazionale di valutazione
(INVALSI)
e
progettazione
didattica; coadiuvare i processi
educativiedidatticitrasversali.
2
INTERVENTIESERVIZIPER
ALUNNI
DIMOIA
BARBARA
Favorirelosviluppopsicofisico
deglialunni;incrementarele
capacitàcomunicativeattraverso
l’usodilinguaggidiversi;
arricchirel’esperienzaespressiva
dell’alunnoadoperandometodi,
strumentiemodelliche
promuovanoilinguaggicreativi.
PROGETTI/
Areedilavoro
P.O.F.eallegati
CoordinamentoFF.SS.
CoordinamentoPiano
Triennaledell’Offerta
Formativa
Coordinamentodella
progettazione
curricolare
CartellinaFF.SS.
RevisioneCurricolo
verticaled’Istituto
Autovalutazione
d’Istituto
Implementazionedi
specifichestrategie
d’interventoe
raccordoconleFF.SS.e
iReferentidiplesso
Educazioneallasalute
(I,P,M)
Raccoltaearchivio
buoneprassi
Coordinamentodelle
attivitàrelativeaviaggi
d’Istruzione,uscite
didatticheevisite
guidate(I,P,M)
Coordinamentodei
laboratoririguardanti
laletturaela
biblioteca
“Conunlibro…mi
libro”(progetto
Bibliotecascolastica)
I,P,M
“Libriamoci“,giornate
nazionalidellalettura
(I,P,M)
30
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
3
ORIENTAMENTOE
CONTINUITA’I
SARACENI
MADDALENA
Favorirelacontinuitàeducativa
attraversolosviluppodellapresa
dicoscienzadiséedell’abilitàdi
operarescelteconsapevoli.
Noi…[email protected]
Scuola(I,P,M)
Laboratoriocome
cantierediideee
linguaggi:
-Latino(M)
-Fruttanellescuole
(P)
-Orchestrad’Istituto
(M)
-Sportdiclasse(P
Orsogna,classiIII,IVe
V)
-LaScuolain
movimento(Pclassi
primeeseconde)
-Orienteering(M)
-Nuotiamo(Mclassi
seconde)
-Volleyeminivolley
Tennis(Mclassiprime
eterze)
-Parliamoaltrelingue:
HappyEnglish(I)
-Certificazione
Cambridge(Pclassi
quinte;Mtutte)
-eTwinning
(Mclassiterze)
Recuperoe
potenziamento(M)
ProgettoAmbiente
(I,P,M)
Educazionestradale
Unmaredi
divertimento(I)
Musicaemovimento
(I)
Fruttanellescuole
(I,P)
ProgettoContinuità/
Orientamento(I,P,M)
-Classiponte:Pronti,
partenza,via…(P,M)
31
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
4
INTEGRAZIONEEDINCLUSIONE: MARTELLI
INTERCULTURAEDISABILITA’
ADRIANA
SALVIANI
MARISA
Educare alla tolleranza e alla
convivenza democratica per
consentire il confronto libero e
pluralistico con gli altri; garantire
lo sviluppo di capacità di
ricostruzione del reale nella
ricerca di senso, di appartenenza
e di azione con l’acquisizione di
conoscenzenellaunitàdelsapere
econl’assunzionedivaloriquali:
l’accettazione della diversità, il
rispettodiséedeglialtri.
5
SOSTEGNOALALVORODEI
DOCENTI
DELLABARBA
MINA
Favorirelosviluppodiunmodello
docentequaleprofessionista
corresponsabiledeidiversi
processidicrescitadella
comunitàscolastica,fornendo
stimoliestrumentiperla
formazioneel’auto-formazione
finalizzateall’innovazioneealla
qualitànell’azionedidattica.
Insiemeversoil
traguardo(P,M)
Progettointegratodi
orientamento(P,M)
Coordinamentodelle
attivitàrelativea
disabilitàeBES
Coordinamentodelle
attivitàdiintegrazione
ediinclusionedegli
alunni:
Illuogodelleragioni
concorrenti(I,P,M)
Progettiareearischio
(I,P,M)
Ioeglialtri
Percorsiaggregativi
conl’Ented’Ambito
Socialen.28(P,M)
Analisideibisogni
formativiegestione
delpianodi
formazionee
aggiornamentodei
docenti
Coordinamentoe
supportodidatticoper
attivitàfinalizzate
all’usodistrumenti
multimediali
(laboratoridi
informatica,
laboratoriolinguistico,
LIM,registro
elettronico)
Formazionedei
docentiperla
sperimentazionedei
registridigitali
Aggiornamentosito
webdellascuola
Programmailfuturo
(P,M)
32
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
PROGETTITRASVERSALI:
IOCCO
DIMOIA
SARACENI
MARTELLI
SALVIANI
DELLABARBA
Rendere visibile sul territorio la
realtà del nostro Istituto; offrire
una panoramica sul percorso
formativodeivariordinidiscuola
apartiredariferimentinormativi,
valorialiesocio–culturali;fornire
informazioni
all’utenza
relativamente a orari, modalità e
tempi organizzativi; valutare e
auto valutare per riprogettare;
incrementare le connessioni tra
sistema nazionale di valutazione
(INVALSI)
e
progettazione
didattica; coadiuvare i processi
educativiedidatticitrasversali.
Dipartimentidi
Italiano,Matematicae
Linguecomunitarie
Cittadinanzae
Costituzione
Valutazionee
Autovalutazione
(I,P,M,S,T)
INVALSI(P,M)
PianodiMiglioramento
(I,P,M,S,T)
PianoTriennale
dell’OffertaFormativa
(I,P,M,S,T,)
La tabella sarà aggiornata nel corso dell’a.s.
LEGENDA:
I=SCUOLADELL’INFANZIA
P=SCUOLAPRIMARIA
M=SCUOLAMEDIA
S=DIRETTOREDEISERVIZIGENERALIEAMMINISTRATIVI
T=TERRITORIO
33
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
ARTICOLAZIONEDELCURRICOLO
SCUOLAINFANZIA
•
40oresettimanalineiplessidiOrsogna,FilettoePoggiofiorito
SCUOLAPRIMARIA
•
•
•
27oresettimanali+2MENSEacuradeidocentiNELPLESSODIARIELLI
27oresettimanali(conunrientropomeridiano)NELPLESSODIFILETTO
30oresettimanaliNELPLESSODIORSOGNA
Pre-scuoladalleore8.00alle8.30
34
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
MONTEOREPERDISCIPLINA
ARIELLI
CLASSEPRIMA
OBBLIGATORIO
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
Storia/CittadinanzaeCostituzione
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
Educazionefisica
ORE
2 1
7
2
2
3
5
2
1
1
1
27
TOTALE
CLASSESECONDA
OBBLIGATORIO
ORE
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
Storia/Cittadinanza
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
Educazionefisica
2
2
7
1
2
4
5
2
1
1
1
TOTALE
28
(27ore+1
oradi
compresenza
CLASSETERZA
OBBLIGATORIO
ORE
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
Storia/Cittadinanza
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
Educazionefisica
TOTALE
2
2
6
1
2
4
5
2
1
1
1
27
35
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
CLASSEQUARTA
OBBLIGATORIO
ORE
2
2
7
1
2
3
5
2
1
1
1
28
(27ore+1
oradi
compresenza
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
Storia/Cittadinanza
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
Educazionefisica
TOTALE
CLASSEQUINTA
OBBLIGATORIO
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
Storia/Cittadinanza
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
ScienzeMotorieeSportiveTotale
ORE
TOTALE
2
3
6
1
2
3
4
2
2
1
1
27
36
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
FILETTO
CLASSEPRIMA
OBBLIGATORIO
ORE
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
Storia/Cittadinanza
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
Educazionefisica
2
1
8
1
2
3
5
2
1
1
1
27
TOTALE
CLASSESECONDA
OBBLIGATORIO
ORE
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
Storia/Cittadinanza
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
Educazionefisica
2
1
8
1
2
3
5
2
1
1
1
27
TOTALE
CLASSETERZA
OBBLIGATORIO
ORE
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
Storia/Cittadinanza
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
Educazionefisica
TOTALE
2
2
7
1
2
3
5
2
1
1
1
27
37
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
CLASSEQUARTA
OBBLIGATORIO
ORE
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
Storia/Cittadinanza
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
Educazionefisica
2
2
7
1
2
3
5
2
1
1
1
27
TOTALE
CLASSEQUINTA
OBBLIGATORIO
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
StoriaeCittadinanzaeCostituzione
Matematica
Scienze
Tecnologia/Informatica
Musica
ScienzeMotorieeSportiveTotale
ORE
TOTALE
2
1
8
1
2
2+1
5
2
1
1
1
27
38
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
ORSOGNA
CLASSIPRIME
OBBLIGATORIO
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Geografia
StoriaeCittadinanzaeCostituzione
Matematica
Scienze
Tecnologia/Informatica
Musica
Educazionefisica
ORE
2
1
9
2
2
3
6
2
1
1
1
30
TOTALE
CLASSISECONDE
OBBLIGATORIO
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
StoriaCittadinanzaeCostituzione
Geografia
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
ORE
2
2
8
2
2
2
7
2
1
1
Educazionefisica
1
30
TOTALE
CLASSITERZE
OBBLIGATORIO
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
StoriaCittadinanzaeCostituzione
Geografia
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
ORE
2
2
9
2
2
2
7
2
1
1
Educazionefisica
TOTALE
1
31
39
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
CLASSIQUARTE
OBBLIGATORIO
ORE
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Storia/Cittadinanza
2
3
8
1
3
Geografia
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
2
7
2
1
1
Educazionefisica
TOTALE
1
31
CLASSIQUINTE
OBBLIGATORIO
ORE
Religione
Inglese
Italiano
ArteeImmagine
Storia/Cittadinanza
2
3
8
1
3
Geografia
Matematica
Scienze
Tecnologia
Musica
2
6
2
1
1
Educazionefisica
TOTALE
1
30
40
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
SCUOLASECONDARIADI1°GRADO
NelnostroIstituto,laScuolaSecondariadiPrimoGradoèAINDIRIZZOMUSICALE.
L’insegnamentostrumentale:
ü promuove la formazione globale dell’individuo offrendo, attraverso un’esperienza musicale più
completadallostudiodellostrumento,occasionidimaturazionelogica,espressiva,comunicativa;
ü integrailmodellocurriculareconpercorsidisciplinariintesiasviluppare,neiprocessievolutivi
dell’alunno,unitamentealladimensionecognitiva,ladimensionepratico-operativa,esteticoemotiva,improvvisativo-compositiva;
ü offre all’alunno, attraverso l’acquisizione di capacità specifiche, ulteriori occasioni di sviluppo e
orientamentodellepropriepotenzialità,unapiùavvertitacoscienzadiséedelmododirapportarsi
alsociale;
ü fornisce ulteriori occasioni di integrazione e di crescita anche per gli alunni in situazioni di
svantaggio
L’insegnamento dello strumento viene così ripartito:
- praticastrumentaleindividualee/operpiccoligruppidialunnianchevariabilinelcorsodell’anno–n.1
orasettimanale;
- teoriaeletturadellamusica-n.1orasettimanaleperogniclasse(anchepergruppistrumentali);
- ascoltopartecipato;
- attivitàdimusicad’insieme.
Durantel’oradireligionecattolica,glialunnichenonsiavvalgonoditaleinsegnamentopossonosceglieretra
diversilaboratori.
SCUOLA SECONDARIA DI I
GRADO
ARTICOLAZIONE
ORARIA DEL
CURRICOLO:
• 30 ore settimanali
• 33 ore settimanali per alunni
iscritti
al Corso di
Strumento
(Clarinetto
Sassofono,
Corno)
SCUOLASECONDARIADIIGRADO
QUOTEORARIEPERDISCIPLINA
Italiano6
Approfondimento1
Storia/CittadinanzaeCostituzione2
Geografia1
Matematica4
Scienze2
Tecnologia2
Linguainglese3
Linguafrancese2
Arteeimmagine2
Musica2
Scienzemotorie2
Religione1
*Oraalternativaallareligione1
Strumentoinorarioextracurricolare
2oremusicad’insieme
1orastrumentoindividuale
(asceltatraclarinetto,pianoforte,corno,sassofono)
41
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
TEMPOSCUOLA
Articolazioneorariosettimanalea.s.2015/2016
ScuolaPrimariadiFilettodal14settembre2015al07giugno2016
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Sabato
8.30-13.30
8.30-13.30
8.30-13.30
8.30-13.30
8.30-13.30
x
Mensa13.3014.30
x
14.30-16.30
Scuoladell'InfanziaFilettodal01ottobre2015al30giugno2016
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Accoglienza8.00–9.30Uscita16.30(conserviziomensa)
x
Sabato
x
ScuolaPrimariadiAriellidal14settembre(*)2015al07giugno2016
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Sabato
8.30-12.30
8.30-12.30
8.30-12.30
8.30-13.30
8.30-12.30
x
Mensa
12.30-13.30
Mensa
12.30-13.30
x
13.30-16.30
13.30-16.30
x
(*)NelgiornodiLunedì14settembre2015ilterminedellelezionièfissatoperleore12.30
Scuoladell'InfanziadiPoggiofioritodal5ottobre2015a30giugno2016
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Sabato
Accoglienza8.00–9.30Uscita16.30(conserviziomensa)
x
42
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
ScuolaSecondariadi1°gradodiOrsognadal14settembre2015al07giugno2016
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Sabato
8.20-13.20
8.20-13.20
8.20-13.20
8.20-13.20
8.20-13.20
8.20-13.20
Rientripomeridianiperilcorsoadindirizzomusicale:lunedìemercoledìdalleh.13.20alle
19.20apartiredal21.09.2015
Scuoladell'InfanziadiOrsognadal21settembre2015al3ottobre2015
peribambinidelprimoanno(bambinididueanniemezzoedi3anni):
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Sabato
8.00-13.00
8.00-13.00
8.00-13.00
8.00-13.00
8.00-13.00
Scuoladell'InfanziadiOrsognadal5ottobre2015al30giugno2016
pertutteleclassi
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Accoglienza7.45-9.15Uscita16.15(conserviziomensa)
ScuolaPrimariadiOrsogna-SedeCentrale(Classi1A-1B/5A-5B)
dal14settembre2015al07giugno2016
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
8.30-13.30
8.30-13.30
8.30-13.30
8.30-13.30
Sabato
x
Sabato
8.30-13.30
ScuolaPrimariadiOrsogna–c/oCentroPolivalente(Classi2A-2B/4A-4B)
dal14settembre2015al07giugno2016
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Sabato
8.30-13.30
8.30-13.30
x
8.30-13.30
8.30-13.30
8.30-13.30
8.30-13.30
ScuolaPrimariadiOrsogna–c/oScuolaSec.di1°grado(Classi3A-3B)
dal14settembre2015al07giugno2016
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
8.20-13.20
8.20-13.20
8.20-13.20
8.20-13.20
8.20-13.20
8.30-13.30
Sabato
8.20-13.20
43
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
AMPLIAMENTODELL’OFFERTAFORMATIVA
Nel corso dell’anno scolastico l’offerta potrà essere ampliata con progetti in
fase di approvazione
SCUOLAINFANZIADIORSOGNA
Sezione1ª
Bambinidi3,4e5
anni
ProgettoContinuità
ProgettoLettura“Conunlibro…milibro“
Progetto“Unmaredidivertimento”
Laboratorio“HappyEnglish”
Laboratorio“Mangiarepervivere”
Progetto“Musicaemovimento”
“Noi…[email protected]”
Sezione2ª
Bambinidi5anni
ProgettoContinuità
Laboratoriodieducazioneambientale:
Laboratorio“HappyEnglish”
Laboratorio“Iofaccioladifferenza”
Progetto“Musicaemovimento”
ProgettoLettura“Conunlibro…milibro”
“Noi…[email protected]”
Progetto“Unmaredidivertimento”
Sezione3ª
Bambinidi3,4e5
anni
Laboratorio“IO…mangioediventogrande”
Laboratorio“IOelemieemozioni”
ProgettoLettura“Conunlibro…milibro”
Progetto“Musicaemovimento”
Laboratorio“HappyEnglish”
“Noi…[email protected]”
Progetto“Unmaredidivertimento”
44
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
Sezione4ª
Bambinidi5anni
ProgettoContinuità
Laboratorio“Allegramenteinfattoria”
Progetto“Musicaemovimento”
ProgettoLettura“Conunlibro…milibro”
Laboratorio“HappyEnglish”
“Noi…[email protected]”
Progetto“Unmaredidivertimento”
SCUOLAINFANZIADIFILETTO
SezioneUnica
SezioneUnica
SezioneUnica
Laboratoriolinguistico
Laboratoriopsico–motorio
Laboratoriomatematico
SCUOLAINFANZIADIPOGGIOFIORITO
Bambinidi3anni
ü ProgettoContinuità
ü Progetto“NOI…[email protected]”
ü Progetto“Musicaemovimento”
ü Progetto“unmaredidivertimento”
Bambinidi4anni
ü ProgettoContinuità
ü Progetto“NOI…[email protected]”
ü Progetto“Musicaemovimento”
ü Progetto“unmaredidivertimento”
Bambinidi5anni
ü ProgettoContinuità
ü Progetto“NOI…[email protected]”
ü Progetto“HappyEnglish”
ü Progetto“Musicaemovimento”
ü Progetto“unmaredidivertimento”
45
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
SCUOLAPRIMARIAARIELLI
CLASSEI
LaboratorioAccoglienza (classeIinsiemeallapluriclasse
III/V)
-LaboratorioContinuità (alunnidellaclasseIconibambini
dell’ultimoannodellaScuoladell’InfanziadiPoggiofiorito) Laboratorio“4Novembre”,“GiornodellaMemoria”&
“GiornodelRicordo”
LaboratoriointerculturainriferimentoalProgetto
Integrazioned’Istituto“IlLuogodelleRagioni
Concorrenti…”inoccasionedellaGiornatadellaletturail28
ottobre2015
Laboratorioscientifico-antropologico-espressivoProgetto
“Noi…[email protected]”
LaboratoriodiEducazioneMotoriarelativoalProgetto“
“ScuolainMovimento”
LaboratorioAlimentazioneProgetto“FruttanelleScuole”
RetidiScuole
CLASSEII
LaboratorioAccoglienza
LaboratorioIntegrazioneL2conmediatoreculturale
esterno
LaboratorioLettura–ProgettoMinisterialerelativoalla
“GiornatadellaLettura”indata28/10/2015
Laboratori“4Novembre”,“GiornodellaMemoria”&
“GiornodelRicordo”
Laboratoriointercultura“IlLuogodelleRagioni
Concorrenti…tralePAGINEDIUNLibro”,afferenteal
ProgettoIntegrazioned’Istituto
46
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
Laboratorioscientifico-antropologico-espressivo-
Progetto“Noi…[email protected]”
LaboratoriodiEducazioneMotoriarelativoalProgetto
“ScuolainMovimento”
LaboratorioAlimentazione-Progetto“FruttanelleScuole”
RetidiScuole
CLASSEIII
LaboratorioAccoglienza
LaboratorioIntegrazioneL2conmediatoreculturale
esterno
Laboratori“4Novembre”,“GiornodellaMemoria”&
“GiornodelRicordo”
LaboratorioLettura-ProgettoMinisterialerelativoalla
“GiornatadellaLettura”indata28/10/2015”
Laboratoriointercultura“IlLuogodelleRagioni
Concorrenti…tralePAGINEDIUNLibro”,afferenteal
ProgettoIntegrazioned’Istituto
Laboratorioscientifico-antropologico-espressivo-Progetto
“Noi…[email protected]”
Laboratorioextracurricolareartistico-espressivo“Progetto
Musica”dipotenziamentodellapraticamusicale
LaboratorioAlimentazioneProgetto“FruttanelleScuole”
RetidiScuole
CLASSEIV
LaboratorioAccoglienza
LaboratorioIntegrazioneL2conmediatoreculturale
esterno
Laboratori“4Novembre”,“GiornodellaMemoria”&
“GiornodelRicordo”
LaboratorioLettura-ProgettoMinisterialerelativoalla
47
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
“GiornatadellaLettura”indata28/10/2015”
Laboratoriointercultura“IlLuogodelleRagioni
Concorrenti…tralePAGINEDIUNLibro”,afferenteal
ProgettoIntegrazioned’Istituto
Laboratorioscientifico-antropologico-espressivo-Progetto
“Noi…[email protected]”
Laboratorioextracurricolareartistico-espressivo“Progetto
Musica”dipotenziamentodellapraticamusicale
LaboratorioAlimentazioneProgetto“FruttanelleScuole”
RetidiScuole
CLASSEV
LaboratorioAccoglienza
Laboratorio“ContinuitàeOrientamento”(ScuolaPrimaria
Arielli–ScuolaSecondariadiIGrado)
LaboratorioLettura–ProgettoMinisterialerelativoalla
“GiornatadellaLettura”indata28/10/2015
Laboratori“4Novembre”,“GiornodellaMemoria”&
“GiornodelRicordo”
Laboratoriointercultura“IlLuogodelleRagioni
Concorrenti…tralePAGINEDIUNLibro”,afferenteal
ProgettoIntegrazioned’Istituto
Laboratorioscientifico-antropologico-espressivorelativoal
progetto“Noi…[email protected]”
Laboratorioextracurricolareartistico-espressivo“Progetto
Musica”dipotenziamentodellapraticamusicale
LaboratorioAlimentazioneProgetto“FruttanelleScuole”
RetidiScuole
48
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
SCUOLAPRIMARIAFILETTO
CLASSEI
ProgettoComunale“L’AlberoAmico”
Progetto“Illuogodelleragioniconcorrenti”
ProgettoContinuità
Progetto“Noi…[email protected]”
CLASSEII
ProgettoComunale“L’AlberoAmico”
Progetto“Noi…[email protected]”
Progetto“Illuogodelleragioniconcorrenti”
CLASSI:III-IV
ProgettoComunale“l’AlberoAmico”
Progetto“Noi…[email protected]”
CLASSEV
ProgettoComunale“L’AlberoAmico”
Progetto“Illuogodelleragioniconcorrenti”
ProgettoContinuità
Progetto“Noi…[email protected]”
SCUOLAPRIMARIAORSOGNA
CLASSI
IA-IB
Ø LaboratorioACCOGLIENZA
Ø Progetto“Fruttanellescuole”
Ø Progettomotoria“Scuoleinmovimento"
CLASSI
IIA-IIB
Ø LaboratorioACCOGLIENZA
Ø LaboratoriorelativoalProgettod’Istituto
"NOI…[email protected]"
Ø "BAMBININELVENTO"
LaboratoriodiletturasullaShoah
Ø Progettomotoria“Scuoleinmovimento”
49
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
Ø Progetto"Fruttanellescuole"
Ø Progettiacuradell’Ented’AmbitoSocialen.28
CLASSI
IIIA-IIIB
Ø LaboratorioACCOGLIENZA
Ø LaboratoriorelativoalProgettod’Istituto
"NOI…[email protected]"
Ø Progetto"Fruttanellescuole"
Ø LaboratorioMULTIMEDIALE
CLASSI
IVA-IVB
Ø LaboratorioACCOGLIENZA
Ø LaboratoriorelativoalProgettod’Istituto
"NOI…[email protected]"
Ø Progetto"Fruttanellescuole"
Ø LaboratorioINTEGRAZIONEL2conmediatore
culturale
Ø LaboratorioLettura
Ø LaboratorioACCOGLIENZA
CLASSI
VA-VB
Ø LaboratoriorelativoalProgettod’Istituto
"NOI…[email protected]"
Ø Progetto"Fruttanellescuole"
Ø ProgettoAMBIENTE
Ø LaboratorioCONTINUITA’
Ø LaboratorioINTEGRAZIONEL2conmediatore
culturale
50
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
SCUOLASECONDARIADIIGRADO
CLASSI
IA – IB
ü Recupero Italiano
ü Recupero Matematica
ü Noi…[email protected] Scuola
ü Orchestra d’Istituto
ü Volley
ü Continuità “Un albero forte ha radici profonde”
Giornate della Continuità
ü Il luogo delle ragioni concorrenti
ü Io e gli altri
ü Dal go-back al tennis
ü Reti di scuole
ü “Libriamoci”, giornate nazionali della lettura
ü Riciclo dei rifiuti con ECOLAN
ü Educazione alla salute
ü Certificazione linguistica Cambridge
ü Ore alternative alla Religione cattolica
CLASSI
IIA – IIB - IIC
ü Recupero Italiano
ü Recupero Matematica
ü Latino
ü Noi…[email protected] Scuola
ü Orchestra d’Istituto
ü Programma il futuro
ü Certificazione linguistica Cambridge
ü Dal go-back al tennis
ü Riciclo dei rifiuti con ECOLAN
51
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
ü Laboratori con l’Ente d’Ambito Sociale n.28
ü Il luogo delle ragioni concorrenti
ü Io e gli altri
ü Reti di scuole
ü Con un libro…mi libro Biblioteca scolastica
ü Libriamoci– giornate nazionali della lettura
ü Ore alternative alla Religione cattolica
CLASSI IIIA – IIIB
- IIIC
ü Recupero Italiano
ü Recupero Matematica
ü Latino
ü Orientamento con l’Ente d’Ambito Sociale n. 28
ü “Insieme verso il traguardo”
ü Open day
ü Noi…[email protected] Scuola
ü Orchestra d’Istituto
ü Programma il futuro
ü Laboratori con l’Ente d’Ambito Sociale
ü Il luogo delle ragioni concorrenti
ü Io e gli altri
ü e - Twinning
ü Certificazione linguistica Cambridge
ü Riciclo dei rifiuti con ECOLAN
ü Dal go-back al tennis
ü Unplugged
ü Reti di scuole
ü Con un libro…mi libro biblioteca scolastica
ü Librare…librando – giornate nazionali della lettura
ü Ore alternative alla Religione cattolica
52
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
VALUTAZIONEEAUTOVALUTAZIONE
ILPIANODELL'OFFERTAFORMATIVA
“Ascuolainarmonia…perimparareadesserecittadiniattivinelmondo”,documentofondamentaledell'identità
culturaleeprogettualedellascuola,ponealcentrol'alunno,intuttelesuedimensionifisico-corporea,psicologica,
affettiva, relazionale e cognitiva. Imparare a essere cittadini significa essere in grado di conservare la propria
identitànazionaleedirapportarsiallealtreculture,rispettandoericonoscendoilvaloredelladiversitàcomefonte
diarricchimento.L’educazioneallaCittadinanzarappresentailfiloconduttorecheattraversaleIndicazioninazionali
ediventaunadellegrandifinalitàdellanostrascuola.
L'Istituto Comprensivo di Orsogna si impegna ad attuare una scelta responsabile e consapevole di percorsi
formativi, adottando modalità organizzative finalizzate alla realizzazione della flessibilità organizzativo-didattica,
dellapersonalizzazione,delladiversificazionedegliinterventiformativi,dell'efficienzaedell'efficacia,permigliorare
laqualitàdell'offertaformativa.
Lanostraprogettazioneorganizzativamiraadunacombinazionedituttelevariabilicheintervengononelprocesso
dell'insegnamentoedadun'ottimizzazionedituttelerisorseestruttureinterneedesterneall'istituzionescolastica,
valorizzando l'interazione dialettica fra la scuola e le opportunità culturali e formative presenti sul territorio. Il
nostro Istituto, come ambiente organizzato che opera intenzionalmente e sistematicamente per l'apprendimento,
puòquindiespanderelapropriaoffertaformativainmanieradifferenziataedarticolata,attraversol'attuazionedi
progettirispondentiall'orizzontediesperienzeediinteressidelbambinoedelragazzo,inconnessioneconlepiù
significativesollecitazionipropostedalleistituzionilocali.
Fattoridiqualitàdell’OffertaFormativaedellaScuolasaranno:
ESITIDEGLI
APPRENDIMENTI
CONTESTOE
RISORSE
PRATICHE
EDUCATIVEE
DIDATTICHE
AMBIENTE
ORGANIZZATIVO
PER
L'APPRENDIMENTO
53
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
LAVALUTAZIONEPUÒESSERERIASSUNTANELLASEGUENTETABELLA
VALUTAZIONEDIDATTICA
VALUTAZIONEDISISTEMA
Valutazionesommativa:accertamento/misurazioni
Interna:autovalutazionedell’istituzionescolastica
degliapprendimentideglialunni
finalizzataamigliorareaspetticriticidell’offerta
formativainriferimentoallemodalitàorganizzative,
Valutazioneformativa:regolazionedellestrategiedi
comunicazioneinternaedesterna,climaorganizzativo.
apprendimentoinrelazioneaiprocessidiapprendimento Esterna:
Valutazioneautentica:consapevolezzadell’alunnocirca -nazionale:proveINVALSI,provenazionali,esamidi
ilsuoprocedere
stato,QuestionarioScuolaINVALSI,progettoValutazione
eMiglioramento,SistemaNazionalediValutazione
-internazionale:OCSE-PISA
Valutazionedisistema
L’INVALSIhailcompitodirilevarelaqualitàdell’interosistemanazionaleattraversoedellesingole
scuole:
- unaprovascrittaacaratterenazionalenell’esamediStatoconclusivodelprimociclo
d’istruzione;
- verificheperiodicheesistematichesulleconoscenzeesulleabilitàdeglistudenti(perquantoci
riguarda)delleclassisecondaequintadellascuolaprimariaeprimaeterzadellasecondariadi
primogrado.
Questidaticonsentonoquindiall’istituzionescolasticaunconfrontotravalutazioneedeglistandard
interniedesternievidenziandoeventualidisomogeneità.Taliinformazionipermettonoallascuoladi
affrontarelecriticitàscegliendogliinterventipiùidonei.
VALUTAZIONEDISISTEMA
PERCHE’
•
•
•
•
permigliorarelaqualitàdelservizio
peranalizzareemigliorareiprocessi
perottimizzarel’usodellerisorse
peradeguareilservizioaibisogniformativiealleistanzedegli
stakeholders
54
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
•
•
•
•
•
CHI
•
•
perottimizzareedesplicitarelemodalitàdiorganizzazionedella
struttura
perintegrarelesceltedellascuolaconquelledellealtreagenzie
formative
perattivareunprocessodiorganizzazioneeautoregolazione
permodernizzareilservizio
perconoscerelapopolazionescolastica,iltipodiutenza,lacomunità,il
territorioincuilascuolaopera
perdocumentare
perrendicontare
LEFFSS:
• curanol’autoanalisiel’autovalutazioned’Istituto
• realizzanounavalutazioneacampionedeiprogetti
• analizzanolerisorseculturali
• individuanodebolezzee
• propongonosoluzionimigliorative
• predispongonostrumentiperindividuare,proporreeemigliorare
ILGRUPPODIVALUTAZIONE
• Gestisceladocumentazionerelativaallerilevazionidell’INVALSI
• Analizzaeinterpretaidatirelativaallerilevazionidell’INVALSIper
migliorareeriprogettare
ILCOLLEGIODOCENTI/CONSIGLIDICLASSE,INTERCLASSE,INTERSEZIONE:
individuano,approvano,propongono.
ILDIRIGENTE:presiede,organizza,visionaecomunica
QUANDO
GLISTRUMENTI
ILDSGA/CONSIGLIOD’ISTITUTO/REVISORI:valutanolescelte
economiche/finanziarie.
•
•
•
•
iningresso
initinere
intermedia(quadrimestrale)
finale
•
•
•
•
•
Questionariautovalutativi
Cartellinadocenti
Narrazione,diaridibordo
Schedevalutazionideiprogetti
Questionaridirilevazionedellecaratteristichedelterritorio,delle
famiglieedell’utenza
Schedegradimentoperigenitoriealunni
Schedegradimentoalunni
SchededirilevazioneINVALSI
Reportdatidell’INVALSI
•
•
•
•
55
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
•
•
POF
Cartadeiservizi
Valutazionedidattica
Seinpassatolavalutazioneavevalasolafunzionemisurativadelleconoscenzeappresedall’alunno,apartiredaglianni’90
siattribuisceallavalutazioneunafunzioneregolativa,comunicativaecertificativatenendocontodell’alunnoconlesue
caratteristiche,degliapprendimenticonseguitiinrapportoagliinterventididatticiedeiprogressipersonaliesociali(O.M.
236/93).
Insostanzanonèpiùvalutazionedell’apprendimentomavalutazioneperl’apprendimento,assumendooltreallafunzione
sommativaquelleformativaeproattiva.
Ladimensionepiùampiasirealizzaconlavalutazioneautenticarealizzatatramitecompitidirealtà,singolarmenteoin
gruppo,usandoconoscenze,abilitàecompetenzecheglialunnigiàhannooandandoaricercarnealtre.Essaèmezzo
irrinunciabileperrealizzarel’individualizzazioneelapersonalizzazionenelladidattica.
E’importanteaccrescereunaculturadellavalutazionecheconsenteaidocentidicapiremaggiormenteglialunnieilloro
contestomaanchedicoglieregliaspetticriticieleopportunitàoffertedaglistessiorientamentinormativi.IlD.P.R.
122/2009art.1affermache“lavalutazioneèespressionedell’autonomiaprofessionalepropriadellafunzionedocente,sia
nellasuadimensioneindividualechecollegiale,nonchédell’autonomiadidatticadellesingoleistituzioniscolastiche.Ecco
perchéilnostroIstitutoponeparticolareattenzioneallaformazionedeidocenti.
VALUTAZIONEDIDATTICA
• percontrollarel’azioneeducativo-didattica
• perrendereconsapevolel’alunnodellacrescitapersonale
PERCHE’
• permigliorarel’apprendimento
• percomunicareall’internoeall’esternodelsistemascolastico
• perdocumentare
• percertificare
COLLEGIALMENTE
• Consiglidiintersezione(scuoladell’infanzia)
• Consiglidiinterclasse(scuolaprimaria)
• Consiglidiclasse(scuolasecondaria)
CHI
• team
INDIVIDUALMENTE
• singolodocente
• iningresso
QUANDO
• initinere(bimestrale)
• intermedia(quadrimestrale)
• finale
• simultanea
GLISTRUMENTI
• Schedediosservazionisistematicherelativealcomportamentoealla
cittadinanza
• Verifichedisciplinari(strutturate,semi-strutturate,nonstrutturate)
56
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Narrazione,diaridibordo,verifichedialogiche
Schedevalutazioniquadrimestrale
Certificazionedellecompetenzenelleclassiinuscita
Valutazioneprogetti
Schedegradimentoperigenitori
Schedegradimentoalunni
Cartellinadocenti(classe2.0)
Valutazionedinamica(classe2.0)
Curricoloverticaledisciplinare
Progettazionecurricolare
Protocollidiosservazione
Griglievalutative
Compitoinsituazione
TargacommemorativadelSettantesimoanniversariodell’evacuazionediOrsogna(1944–2014).
PrimopremioMigliorefotografia–Concorsofotografico“Iricordidiunaguerra1940–1945”,indetto
dalComitatoprovincialeperlavalorizzazionedellaculturadellaRepubblicaedell’Europa,inoccasione
del70°anniversariodellaLiberazionediChietiedellaProvincia.
57
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
LAFORMAZIONEDELPERSONALE
58
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
LAFORMAZIONEDELPERSONALE
Assicurauna
crescita
costante
duranteil
percoso
professionale
Lecompetenze
vengono
utilizzateperla
formazione
internaed
esterna
Autoformazione:
puntodiforzadel
CollegioDocenti
perchè...
Diffondela
cultura
dell'autoforma
zioneedel
confronto
Collegio
docentimolto
competente
con
competenze
certiLicate
Stabilità
organico
docenti
59
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
UFFICIORELAZIONICONILPUBBLICO
60
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
COMUNICAZIONEEINFORMAZIONI
L’Istituto attiva una fitta rete di comunicazioni, sia al proprio interno, che all’esterno, mediante i
seguentistrumenti:
BACHECHE,CIRCOLARI,PROGETTAZIONED'ISTITUTO,
PROGETTAZIONEDISCIPLINAREEDICLASSE...
INIZIATIVEAPERTEALPUBBLICO(mostre,spettacoli,
concerti,locandine,manifesti,depliant...)
POFEALLEGATI
SITOWEBwww.istitutocomprensivoorsogna.it
LASCUOLAINCHIAROwww.istruzione.it
Diario,librettoscolastico,
quaderni
IlGruppodiProgettazioneringraziatuttiiDocenti
chehannocollaboratoallastesuradelPOF
61
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
GLOSSARIO
ABILITA’: capacità di applicare conoscenze e di know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi; le abilità
sonodescrittecomecognitive(usodelpensierologico,intuitivoecreativo)epratiche(implicanol’abilitàmanualeel’usodi
metodi,materialiestrumenti).
AMBIENTEEDUCATIVO:luogofinalizzatonellesuecomponentiall’imparare
APPRENDIMENTO: processo di acquisizione, in forma durevole, di conoscenze, abilità, competenze e comportamenti
gradualmentepiùcomplessi,chevedeilbambinoprotagonistaattivoeconsapevoledelpercorsodicrescitapersonale.
ATTITUDINE:disposizionenaturalechepresupponechel’individuononsiasemplicemente“attoa…”,ma“inspecialmodoatto
a…”edipendedallediverseformediintelligenzadicuiognibambinoè,abuondiritto,portatore.
BISOGNOFORMATIVO:èl’esigenzaprofondacheemergedaun’analisidelcontestoincuilaScuolaoperaedall’interpretazione
della“domanda”dell’utenzacuiessasirivolge,alfinedifornireunservizioformativoefficaceedefficiente.
BRAIN STORMING: tecnica fondata su un’attività di gruppo non strutturata basata sulla stimolazione a esprimere e mettere in
comune idee riferite ad un tema precedentemente individuato, senza alcun intervento valutativo su quanto singolarmente
esposto. Si procede poi ad una registrazione delle idee prodotte dai partecipanti, che verranno quindi utilizzate dal gruppo per
avviarsiallagiustasoluzionedellasituazioneproblematicaconcuicisitrovaaconfrontarsi.
COMPETENZA: la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in
situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; le competenze sono descritte in termini di
responsabilitàedautonomia.
CONOSCENZE:ilrisultatodell’assimilazionediinformazioniattraversol’apprendimento;leconoscenzesonol’insiemedei
fatti,principi,teorieepraticherelativeadunsettoredistudioodilavoro;leconoscenzesonodescrittecometeorichee/o
pratiche.
CONTENUTIDISCIPLINARI:teorieeconcetti-chiavepropridellediversediscipline.
CURRICOLO: piano di apprendimento flessibile e individualizzabile comprendente tutti quegli elementi (percorso didattico con
relativi:monte-orecomplessivo,quadroorario,obiettivi,contenuti,strategiedidattiche…)chepermettonodipianificare,attuare
e giustificare i processi formativi. Pur garantendo l’unitarietà del sistema nazionale, nel curricolo trovano il giusto spazio
l’attenzioneallarealtàsocio-culturaleincuilascuolaoperaelarilevazionedirichiesteeattesedelterritorioedell’utenza.
DESCRITTORI:aspettispecificie/oparticolari“saperfare”riferitiadaspettativediprestazione.
DIAGNOSI FUNZIONALE: documento che attesta la situazione di handicap con descrizione analitica dello stesso, ai fini
*
dell’integrazionescolastica.Èstilatodall’UnitàMultidisciplinaredellaASL .
DISCIPLINA: strumento di indagine e/o peculiare modalità di interpretazione della realtà attraverso un complesso dinamico di
concettiemetodichesiconfiguracomerisultatodellaricercascientificainundatocampodiindagine.
EDUCAZIONE:processodiformazionedell’uomo,tramiteuna‘azione’intenzionaleeconsapevoleesercitatadallasocietàinsenso
lato (famiglia, scuola, biblioteca, …) volta alla promozione di uno sviluppo armonico come progressivo arricchimento e/o
potenziamento del bambino nella sua dimensione biologica, psicologica, sociale e spirituale. Si intende promuovere così una
giusta e serena conoscenza di sé (potenzialità e limiti), per una sua integrazione attiva, responsabile e consapevole nel tessuto
socialediappartenenza.
ESITO FORMATIVO: ‘effetto’ di un intervento e/o di un’azione educativa complessiva, il cui raggiungimento è dimostrato da
diversilivellidiprestazione(informata,abileecompetente).
FINALITA’:orientamentogeneraleditiposoprattuttometodologicodiogniinterventoeducativo.
INSEGNANTE:mediatoretral’alunnoeilsapere.
ISTRUZIONE: aspetto dell’educazione che, avendo lo scopo di trasmettere al bambino un insieme di nozioni, contribuisce in
particolareallaformazionecognitivadell’individuoalivellosiadisciplinarechemultidisciplinare.
62
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
MAPPE CONCETTUALI: strumenti metacognitivi* usati per mettere in evidenza le connessioni di significato fra concetti. Nelle
mappeconcettualialverticesitrovanoiconcettipiùgeneraliedinclusiviepiùinbassoquellisemprepiùesplicitieparticolari.
MATERIADIINSEGNAMENTO:(vedi“DISCIPLINA”)
MEDIATORECULTURALE:figuraprofessionaleilcuiruoloèdifacilitarel’incontroelarelazionetraindividuididiversaetniaele
Istituzionidelpaesediaccoglienza.
MEDIATORI DIDATTICI: strumenti di varia natura che consentono di mediare l’oggetto della conoscenza con il soggetto che
apprende.
META-COGNIZIONE : è la consapevolezza che l’individuo progressivamente acquisisce sul proprio modo di imparare e il
controllocheviesercitaattraversostrategie
MODELING: processo spontaneo di apprendimento che, al di là di un insegnamento formale da parte dell’adulto, avviene per
sempliceimitazionediunmodellocompetentediordineorizzontale(bambino–bambino)overticale(bambino–adulto).
MOTIVAZIONE:statointernocheattiva,dirigeesostieneundeterminatocomportamento.
MULTIDISCIPLINARITA’:utilizzo‘reticolare’deisaperirelativiallevariediscipline,perlasoluzionedisituazioniproblematiche.
OBIETTIVO:scopo,fine,metadaraggiungerenelpercorsodicrescitacognitiva,affettivaerelazionaledeglialunni.
OBIETTIVIDIPROCESSO:rappresentanounadefinizionedelleattivitàsucuisiintendeagireconcretamentenelbreveperiodoper
raggiungereleprioritàstrategicheindividuate.
ORIENTAMENTO: percorso educativo continuo e permanente che, coinvolgendo la dimensione sia dell’insegnamento, che
dell’apprendimento,tendeapromuoverenell’alunnounaprogressivascopertadiséedel‘Sé’,alfinedioperarescelteviaviapiù
consapevolieadeguaterispettoalpropriavitafutura.
PROBLEM-SOLVING:strategiadiinsegnamento-apprendimentochepartedallapercezionedirettae/oindirettadiunproblemae,
attraversoilcoinvolgimentoattivodell’alunno,nedeterminalasoluzionemedianteunprocessodiindividuazioneeanalisidegli
elementicostitutividelproblemastesso,diformulazionedellepossibiliipotesidisoluzione,disperimentazioneedimessaapunto
delprogettorisolutivo.
PROGRAMMAZIONE:ricercaedefinizionedellestrategiechedebbonoguidareesostanziarel’azioneel’interventodidatticiche,
soggettiadunarevisionecontinuadettatadalfeedbackdivoltainvoltaricevutodaglialunni,fasìche‘ogni’allievoraggiungagli
obiettiviprefissati.
PREREQUISITI:conoscenzeeabilitàdibasenecessariealbambinoperlacostruzionediapprendimentiviaviapiùcomplessi.
PRIORITÀ:obiettivigeneralichelascuolasiprefiggedirealizzarenellungoperiodoattraversol’azionedimiglioramento.
PROFILODINAMICOFUNZIONALE:documentosuccessivoalla‘diagnosifunzionale’,redattodagenitori,scuola,ASLedaltrefigure
chesioccupanodelbambino,dovevengonoindicatigliobiettivirelativialprevedibilelivellodisviluppodell’alunnoinseguitoad
unpercorsodilavorochesisnodaneltempo.
PROGETTAZIONE : elaborazione di un piano di azione che, al di là di una rigida predeterminazione di obiettivi, contenuti
d’insegnamento e materiali didattici, contemplando l’imprevedibilità propria della persona umana, comporta la predisposizione
deglistrumentinecessari(conoscenze,abilità,soluzioniorganizzativeemetodologie)allaformazionedellapersonanellatotalità
delsuoesserecognitivoesocio-affettivo.
ROLEPLAYINGo‘giocodeiruoli’,facilitalacapacitàdiassumere,inunafinzionescenica,unapluralitàdipuntidivista,alfinedi
promuovereunarelazionalitàsemprepositivaeadeguataallediversecircostanzedivita.
STRATEGIE:leprocedureperaffrontareuncompitoinvistadiunobiettivodaraggiungere.
TEST:provaacuiunindividuovienesottopostoperstabilirelatipologiaeillivellodelleconoscenzeacquisiteedelleattitudiniche
glisonoproprie.
TRAGUARDI DI LUNGO PERIODO: risultati previsti a lungo termine in relazione alle priorità strategiche: articolano in forma
osservabilee/pmisurabileicontenutidellepriorità.
63
IstitutoComprensivoOrsogna-PianoOffertaFormativa2015-2016
TUTORING:contesto‘relazionale’diapprendimento,incuisoggettiinsituazionedidislivellolavoranoinsiemetraendone
reciproco vantaggio, poiché l’alunno in difficoltà è facilitato nell’apprendimento e quello più competente attiva validi
processi metacognitivi necessari per il suo lavoro di traduzione dell’informazione in termini più accessibili per il/i
compagno/i.
UNITÀMULTIDISCIPLINARE:équipemedico-psico-pedagogicaformatada:neuropsichiatra,psicologoeassistentesociale.
VALUTAZIONE:
Definizione: processo sistematico di raccolta e interpretazione dei dati inerenti sia l’azione educativo-didattica ‘sulla’ e ‘per’ la
classe, sia l’organizzazione interna della Scuola rispetto alle attese del territorio, così da pervenire ad un giudizio di valore
indispensabilepereventualiazionidimiglioramentodell’OffertaFormativacomplessivamenteintesa.
Valutazioneformativa:controlloperiodicodelprocessodiinsegnamento-apprendimentononfinalizzatoallaselezioneoalmero
giudiziodelrendimentodell’allievo,mabasatosullaconsapevolezzadellanecessitàdirivedereericalibrarel’azionedidatticasulle
potenzialità e sui bisogni effettivi dell’alunno, tramite la predisposizione di ‘interventi integrativi e di sostegno’ idonei e perciò
funzionalialraggiungimento,dapartediognuno,delproprio‘massimotendenziale’.
VERIFICA: momento interno al processo di valutazione teso ad accertare il livello di conseguimento, da parte dell’alunno, di
conoscenzeeabilitàmutuatedallediversediscipline.
ZONADISVILUPPOPROSSIMALE:secondoVygotskij,consistenella“distanzatraillivelloattualedisviluppodelbambinoeilsuo
livellodisviluppopotenziale,interminidiapprendimentoraggiungibilefacendoaffidamentosulleproprierisorseesuinputmirati
provenientidall’esterno(compagno/ipiùcompetente/i,insegnante/ie/oadultiavariotitolodeputatiallasuaformazione).
64
Fly UP