...

Guida adempimenti al Registro Imprese previsti dalla Legge

by user

on
Category: Documents
26

views

Report

Comments

Transcript

Guida adempimenti al Registro Imprese previsti dalla Legge
Adempimenti al Registro Imprese
previsti dalla Legge Fallimentare
e normative ad essa collegate
in capo al Curatore Fallimentare
ai Commissari e Liquidatori Giudiziali
Data aggiornamento: 16 gennaio 2014
Le informazioni contenute nella presente Guida possono essere soggette ad aggiornamenti periodici
dovute a variazioni normative e/o a revisioni dei software, da parte del gestore,
utilizzati per le predisposizioni delle pratiche telematiche.
(per eventuali informazioni a riguardo è possibile rivolgersi a Nicola Compagno resp. dell'ufficio Procedure
Concorsuali al seguente n° di telefono 049/8208117)
COMUNICAZIONE INDIRIZZO PEC AL REGISTRO IMPRESE
Premessa
La presente guida vuole essere un supporto operativo per effettuare gli adempimenti
imposti dalla recente normativa (legge 228/2012 ) al curatore fallimentare (nonchè ai
commissari e ai liquidatori giudiziari) nei confronti del registro delle imprese.
In particolare si sottolinea che la comunicazione dell'indirizzo della PEC (posta
elettronica certificata) al Registro Imprese apparirà nella visura camerale in
corrispondenza della persona nominata alla carica prevista dalla procedura concorsuale.
Diversamente, con la comunicazione della PEC per le società (legge 2/2009) e imprese
individuali (legge 221/2012), l'indirizzo di posta elettronica certificata appare pubblicato in
corrispondenza della sede legale dell'impresa. La modulistica usata per questo
adempimento è la variazione “dati sede” ( per chi utilizza starweb), e il modello S2
compilato al riquadro 5 (per le società ) per chi utilizza Fedra.
Ciò premesso si precisa quanto segue.
 RIFERIMENTI NORMATIVI: d.l. 179/2012 comma 2 bis dell'art. 17 convertito con la
legge di Stabilità n°228 del 24/12/2012 art.1 comma
19.
 SOGGETTI OBBLIGATI
adempimento in capo a:
 CURATORE FALLIMENTARE nominato dal Tribunale;
 COMMISSARIO GIUDIZIALE nominato a norma dell'articolo 163 del regio
decreto 16 marzo 1942, n. 267;
 COMMISSARIO LIQUIDATORE : nominato con decreto dal ministero;
 COMMISSARIO GIUDIZIALE nominato a norma dell'articolo 8 del decreto
legislativo 8 luglio 1999, n. 270;
 TERMINE: entro 10 giorni dalla propria nomina per ciascuna impresa in cui viene ad
assumere tale qualifica;
 ALLEGATO: non previsto
 MODULISTICA:
 Se si utilizza FEDRA, si userà come modello base un S5 a cui aggiungere
un INTERACALARE P di modifica compilato al riquadro A (dati anagrafici)
e B (domicilio/sede della curatela) dove verrà compilato il campo della Posta
Elettronica Certificata;
 Se si utilizza STARWEB vedere le schermate riportate sotto.
 CODICE ATTO: non obbligatorio altrimenti utilizzare A15 (o A99 )
2
 DIRITTI DI SEGRETERIA: 10 € (con floppy digitale Euro 20,00);
 IMPOSTA DI BOLLO:
non prevista per le comunicazioni effettuate né dal curatore né dal
commissario giudiziale (art 163) mentre la comunicazione della PEC effettuata
dal commissario liquidatore, nella liquidazione coatta amministrativa, nonché
dal commissario giudiziale, nell’amministrazione straordinaria delle grandi
imprese in crisi, sconta diritti l’imposta di bollo di € 65.00 per le società di
capitali, € 59.00 per le società di persone, € 17.50 per imprese individuali
PREDISPOSIZIONE DELLA PRATICA ATTRAVERSO L’UTILIZZO DEL PROGRAMMA STARTWEB
PASSAGGIO 1
OPERATIVAMENTE: l’adempimento sarà effettuato con le seguenti modalità:
Cliccare su VARIAZIONE:
(operazione di partenza valida per qualsiasi
tipo di modifica citata nella presente guida)
Selezionare la Camera di Commercio destinataria presso cui è iscritto il fallimento e
selezionare il numero REA della posizioni interessata come mostrato nel SECONDO
PASSAGGIO
3
PASSAGGIO 2
Selezionare la PROVINCIA
presso cui ha la SEDE LEGALE
l’IMPRESA ed INSERIRE IL
REA
VERIFICATO I DATI RISULTANTI CON UNA VISURA AGGIORNATA
DOPO AVER
PROSEGUIRE COME SEGUE.
PASSAGGIO 3
La SCHERMATA SUCCESSIVA è una schermata di base per tutti gli adempimenti
previsti nella presente guida.
Pertanto al riquadro delle COMUNICAZIONI, scegliere l’adempimento a cui si è interessati
in funzione della PROCEDURA CONCORSUALE in atto e che si intende comunicare al
Registro Imprese:


COMUNICAZIONE PEC
COMUNICAZIONE CURATORE
4

DEPOSITO RAPPORTO RIEPILOGATIVO DEL CURATORE
Per quanto trattato in questa sezione procedere scegliendo l’adempimento relativo alla
“COMUNICAZIONE PEC (legge 228/2012 art.1 comm19)”
SELEZIONARE il riquadro DENUNCE INDIRIZZATE AGLI ALTRI ENTI qualora
l’adempimento di interesse richieda una comunicazione anche ad altri enti (Agenzia delle
Entrate, Inps, Inail);
ATTENZIONE: L'adempimento PREVISTO nella presente SEZIONE può essere svolto
contestualmente (purché entro 10 giorni dalla nomina di CURATORE)
a quello di cui all'art. 29 del D.L. n. 78/2010 (“comunicazione del curatore
ai fini dell’insinuazione al passivo della procedura concorsuale”).
5
PASSAGGIO 4
Dopo aver selezionato la “COMUNICAZIONE PEC (legge 228/2012 art1 comma 19”)
cliccare su MODIFICA in corrispondenza del CURATORE FALLIMENTARE
Si visualizzeranno i dati anagrafici del CURATORE/COMMISSARIO/LIQUIDATORE
GIUDIZIARIO precedentemente pubblicati d’ufficio dal Registro Imprese a seguito delle
dovute comunicazioni da parte degli enti competenti (Tribunale, Ministero):
Indicare in corrispondenza della” DATA
VARIAZIONE” la DATA NOMINA ALLA
CARICA DI CURATORE (oppure di
COMMISSARIO GIUDIZIALE o di
LIQUIDATORE GIUDIZIALE o
COMMISSARIO STRAORDINARIO);
6
QUINDI INSERIRE I DATI RELATIVI ALLA:


SEDE DELLA CURATELA E
CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA
Terminata la compilazione cliccare su “SALVA E CHIUDI”, quindi si ritorna alla schermata
del passaggio 4, da cui si potrà continuare cliccando su “AVANTI”, in questo modo il
programma ci indirizzerà alla compilazione della “DISTINTA”
7
PASSAGGIO 5
Indicare i Dati del Dichiarante (schermata prevista per la predisposizione di ogni pratica
telematica): in corrispondenza della “QUALIFICA” dovrà essere indicato il ruolo della
persona obbligata al deposito che sarà il CURATORE (o alternativamente a seconda dei
casi Commissario Giudiziale, Liquidatore Giudiziale, o Commissario Straordinario).
Terminata la compilazione procedere con il “SALVA TOTALE” dei dati
8
PASSAGGIO 6A
Dalla seguente schermata è possibile gestire eventuali ALLEGATI da inserire a corredo
della pratica che si sta predisponendo in relazione all’adempimento e destinati al Registro
Imprese o ad altri enti: si ricorda che i file dovranno essere del tipo PDF/a (escluso
modello procura e documenti di riconoscimento) e firmati digitalmente.
9
Una volta selezionato “INSERISCI ALLEGATI” procedere con l’associazione del file
corretto che si è predisposto e salvato in precedenza in una cartella a parte (come mostra
il passaggio successivo).
PASSAGGIO 6 b
PASSAGGIO 7
Dal menù del DETTAGLI PRATICA selezionare “FIRMA”
10
Quindi procedere firmando DIGITALMENTE la pratica seguendo le modalità indicate
direttamente dal programma :
PASSAGGIO 8
E’ ora possibile gestire il pagamento dei diritti di segreteria e l’imposta di bollo ( per gli importi vedi
pag. 2/3) nonché la protocollazione automatica (o spedire la pratica come reinvio a correzione di
una precedente trasmissione telematica).
Dopo aver cliccato su “CONFERMA” è possibile procedere con l’invio della pratica
11
COMUNICAZIONE DEI DATI PER L’INSINUAZIONE AL PASSIVO
Ai sensi dell’art 29 (R.D. 267/42) Accettazione del curatore .
“Il curatore deve, entro i due giorni successivi alla partecipazione della sua nomina, far
pervenire al giudice delegato la propria accettazione. Se il curatore non osserva questo
obbligo, il tribunale, in camera di consiglio, provvede d'urgenza alla nomina di altro curatore.” Poi
ai sensi dell’art 29 d.l. 78/10 provvede alla comunicazione
 RIFERIMENTI NORMATIVI: art. 29 decreto-legge 31 maggio 2010 n.78 (convertito in legge
122 del 30/07/2010)
 SOGGETTO OBBLIGATO: CURATORE FALLIMENTARE;
 TERMINE: entro 15 giorni dalla data di ACCETTAZIONE della carica da parte del curatore
fallimentare per ciascuna impresa in cui viene ad assumere tale qualifica;
 ALLEGATO: non previsto;
 MODULISTICA:
 Se si opta per il FEDRA si userà come modello base un S2 compilandolo ai riquadri A, B, e 20 (altri atti e fatti) selezionando quale
tipo di atto “procedure concorsuali”- aggiungendo l’INTERACALARE P
di modifica – compilato ai riquadri relativi all’anagrafica, domicilio, e carica
per comunicare la data di accettazione (ed eventualmente anche la PEC
fallimentare).
 Se si utilizza STARWEB vedere le schermate indicate sotto
 CODICE ATTO: A15 rapporto del curatore ;
 DIRITTI DI SEGRETERIA: 10 € (con floppy digitale Euro 20,00);
 IMPOSTA DI BOLLO: non prevista
ATTENZIONE:
Si ricorda che l'adempimento può essere svolto contestualmente (purché entro 10 giorni
dalla nomina) a quello di cui all’art.1 comma 19 della legge di Stabilità n°228 del
24/12/2012 (COMUNICAZIONE DELLA PEC DEL CURATORE).
12
PREDISPOSIZIONE DELLA PRATICA ATTRAVERSO L’UTILIZZO DEL PROGRAMMA STARTWEB
PASSAGGIO 1
Cliccare su VARIAZIONE
Selezionare la Camera di Commercio destinataria presso cui è iscritto il fallimento e
selezionare il numero REA della posizioni interessata come mostrato nel SECONDO
PASSAGGIO
PASSAGGIO 2
Selezionare la PROVINCIA
presso cui ha la SEDE
LEGALE l’IMPRESA ed
INSERIRE IL REA
VERIFICATO I DATI RISULTANTI CON UNA VISURA AGGIORNATA
DOPO AVER
PROSEGUIRE COME SEGUE.
13
PASSAGGIO 3
Nel riquadro sottostante della COMUNICAZIONE, scegliere l’adempimento relativo alla
“COMUNICAZIONE prevista in capo al CURATORE secondo l’art.29 del d.l. 78/2010”
SELEZIONARE il riquadro DENUNCE INDIRIZZATE AGLI ALTRI ENTI qualora
l’adempimento di interesse richieda una comunicazione anche ad altri enti (Agenzia delle
Entrate, Inps, Inail);
Ai sensi dell’art. 29 decreto-legge 31 maggio 2010 n.78 (convertito in legge 122 del 30/07/2010)
il curatore fallimentare ha l’obbligo di comunicare agli Enti coinvolti nella comunicazione unica, i
dati necessari al fine di un’eventuale insinuazione al passivo della procedura fallimentare
individuati nelle seguenti informazioni:
o denominazione della società o impresa, codice fiscale, sede e numero della
procedura concorsuale:
o data di accettazione dell’incarico e cognome e nome del curatore fallimentare;
o data e ora dell’udienza fissata dal giudice delegato per l’accertamento dello
stato passivo;
o giudice delegato nominato per la procedura fallimentare
o sede della curatela
Si ricorda a tutti i creditori coinvolti nella procedura (ed eventualmente anche a terzi interessati)
che la domanda di ammissione al passivo si propone con ricorso da trasmettere esclusivamente al
curatore fallimentare mediante trasmissione telematica all’indirizzo PEC (ai sensi dell’art. 93 L.F.
come modificato dal d.l. n° 179 del 18/10/2012 convertito in legge n° 221 del 17/12/2012
pubblicato in G.U n° 245 ed entrato in vigore il 19/12/2012).
14
PASSAGGIO 4
Quindi compilare quanto richiesto nel riquadro riportato di seguito
Terminata la compilazione cliccare su “AVANTI“ per procedere alla compilazione della
DISTINTA
15
PASSAGGIO 5
Quindi indicare i Dati del Dichiarante (schermata prevista per la predisposizione di ogni
pratica telematica) e in corrispondenza della “QUALIFICA” dovrà essere indicato il ruolo
della persona obbligata al deposito che sarà il CURATORE.
Terminata la compilazione cliccare su “SALVA TOTALE”
16
PASSAGGIO 6A
Dalla seguente schermata è possibile gestire eventuali ALLEGATI da inserire a corredo
della pratica che si sta predisponendo in relazione all’adempimento e destinati al Registro
Imprese o ad altri enti: si ricorda che i file dovranno essere del tipo PDF/a (escluso
modello procura e documenti di riconoscimento) e firmati digitalmente.
17
Una volta selezionato “INSERISCI ALLEGATI” procedere con l’associazione del file firmato
digitalmente che si è predisposto e salvato in precedenza in una cartella a parte (come mostra il
passaggio successivo).
PASSAGGIO 6 b
PASSAGGIO 7
Dal menù del DETTAGLI PRATICA selezionare “FIRMA”
18
Procedere firmando DIGITALMENTE la pratica telematica secondo le modalità proposte dal
programma:
PASSAGGIO 8
E’ ora possibile gestire il pagamento dei diritti di segreteria (per gli importi vedi pag. 12) nonché la
protocollazione automatica (o spedire la pratica come reinvio a correzione di una precedente
trasmissione telematica).
Dopo aver cliccato su “CONFERMA” è possibile procedere con l’invio della pratica
19
RAPPORTO RIEPILOGATIVO DELLE ATTIVITÀ SVOLTE DAL CURATORE
Ai sensi dell’art 33 (R.D. 267/42) Relazione al giudice e rapporti riepilogativi .
“Il curatore, entro sessanta giorni dalla dichiarazione di fallimento, deve presentare al giudice
delegato una relazione particolareggiata ……..”. “Il curatore, ogni sei mesi successivi alla
presentazione della relazione di cui al primo comma, redige altresì un rapporto riepilogativo
delle attività svolte, con indicazione di tutte le informazioni raccolte dopo la prima relazione,
accompagnato dal conto della sua gestione. Copia del rapporto è trasmessa al comitato dei
creditori…….”. “Il comitato dei creditori o ciascuno dei suoi componenti possono formulare
osservazioni scritte. Altra copia del rapporto è trasmessa, assieme alle eventuali
osservazioni, per via telematica all'ufficio del registro delle imprese, nei quindici giorni
successivi alla scadenza del termine per il deposito delle osservazioni nella cancelleria del
tribunale”
 RIFERIMENTI NORMATIVI: art 33 (R.D. 267/42) Relazione al giudice e rapporti riepilogativi
 SOGGETTO OBBLIGATO:
CURATORE FALLIMENTARE ;
 TERMINE: entro 15 giorni successivi alla scadenza del termine per il deposito delle
osservazioni nella cancelleria del tribunale;
 ALLEGATO:copia del rapporto riepilogativo delle attività svolte in formato PDF/A
sottoscritta digitalmente dal curatore;
 MODULISTICA:
 Se si opta per il FEDRA si compilerà quale modello base un S3 per le
società - compilandolo ai riquadri A, B, e 10 (comunicazione curatore art.
29 DL 78/2010) altri atti e fatti soggetti ad iscrizione) selezionando 008
come tipo di atto “procedure concorsuali” (per le ditte individuali va
compilato il modello I2 riquadro 31 codice atto sempre 008)
 Se si utilizza STARWEB vedere le schermate indicate sotto
 CODICE ATTO: A15 rapporto del curatore;
 DIRITTI DI SEGRETERIA: 10 € (con floppy digitale Euro 20,00);
 IMPOSTA DI BOLLO: non prevista
20
PREDISPOSIZIONE DELLA PRATICA ATTRAVERSO L’UTILIZZO DEL PROGRAMMA STARTWEB
PASSAGGIO 1
Cliccare su VARIAZIONE
Selezionare la Camera di Commercio destinataria e selezionare il numero REA della
posizioni interessata all’adempimento come indicato nel SECONDO PASSAGGIO
PASSAGGIO 2
Selezionare la PROVINCIA
presso cui ha la SEDE
LEGALE l’IMPRESA ed
INSERIRE IL REA
VERIFICATO I DATI RISULTANTI CON UNA VISURA AGGIORNATA
DOPO AVER
PROSEGUIRE COME SEGUE.
21
PASSAGGIO 3
Nel riquadro sottostante scegliere l’adempimento relativo al “DEPOSITO DEL RAPPORTO
RIEPILOGATIVO DEL CURATORE (ART.33 C.5 L.F.)”
e cliccando su “continua” procedere con la compilazione della seguente schermata:
PASSAGGIO 4
Nel riquadro note è possibile aggiungere eventuali
osservazioni presentate dal comitato dei creditori
22
Osservazioni presentate dal comitato dei creditori:
La pratica può essere integrata al riquadro NOTE con osservazioni eventualmente
presentate dal comitato dei creditori. Eventuali osservazioni vanno allegate alla pratica
telematica.
Terminata la compilazione cliccare su SALVA PARZIALE o cliccare direttamente su
AVANTI per procedere alla compilazione della DISTINTA
PASSAGGIO 5
Quindi indicare i Dati del Dichiarante (schermata prevista per la predisposizione di ogni
pratica telematica) e in corrispondenza della “QUALIFICA” dovrà essere indicato il ruolo
della persona obbligata al deposito che sarà il CURATORE.
Terminata la compilazione cliccare su “SALVA TOTALE”
23
PASSAGGIO 6A
Dalla seguente schermata è possibile gestire eventuali ALLEGATI da inserire a corredo
della pratica che si sta predisponendo in relazione all’adempimento e destinati al Registro
Imprese o ad altri enti: si ricorda che i file dovranno essere del tipo PDF/a (escluso
modello procura e documenti di riconoscimento) e firmati digitalmente.
24
Una volta selezionato “INSERISCI ALLEGATI” procedere con l’associazione del file
corretto che si è predisposto e salvato in precedenza in una cartella a parte (come mostra
il passaggio successivo).
PASSAGGIO 6 b
PASSAGGIO 7
Dal menù del DETTAGLI PRATICA selezionare “FIRMA”
25
Procedere firmando DIGITALMENTE la pratica telematica secondo le modalità proposte dal
programma:
PASSAGGIO 8
E’ ora possibile gestire il pagamento dei diritti di segreteria (per gli importi vedi pag. 20) nonché la
protocollazione automatica (o spedire la pratica come reinvio a correzione di una precedente
trasmissione telematica).
Dopo aver cliccato su “CONFERMA” è possibile procedere con l’invio della pratica
26
Fly UP