...

`5 all`accoglienza ma un tetto numero dei migranti deve essere dato

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

`5 all`accoglienza ma un tetto numero dei migranti deve essere dato
Nardella: '5 all'accoglienza ma un tetto
numero dei migranti deve essere dato"
OBBIAMO mettere un
/¡
tetto chiaro all'acco\\
glienza dei migranti.
Stabiliamo un numero, non è
che possiamo ricevere all'infinito», avverte il sindaco Dario
Nardella. Che detto ieri, alla vigilia del mega vertice di oggi pomeriggio con il prefetto, sembra un altolà. Come tirare il freno d'emergenza prima che sia
troppo tardi.
D
S EGUE A PAGINA V
d Narde a
"Chiederò un ' etto
per l'= ^coglienza"
i
h
Alla vigilia dell'incontro prefetto-Co munì il sindaco
mette uno sto : nonpossiamo accettare all'infinito
DALLA PTtCMA IÏI CTtC7NACA
ERNESTO FERRARA
ON abbiamo ancora chiari i numeri, non sappiamo che mole di arrivi abbiamo di fronte e solo all'incontro
che ho convocato con i sindaci della Città metropolitana si capirà
meglio l'entità del fenomeno.
Quello che però posso già dire è
che chiederò un ragionamento sulla sostenibilità dell'accoglienza
per Firenze e i Comuni metropolitani», anticipa Nardella. Della serie: va bene trovare posti in più, va
bene aprire le porte. Ma non senza
limiti. Non a rischio di dover ricorrere alle tendopoli, alle caserme
vuote, ai capannoni, alle palestre
o a tutto quello che esuli dalla rete
del welfare fiorentino, ritiene il
sindaco. Quasi l'opposto di quanto
teorizza il prefetto Luigi Varratta,
che ha chiesto posti in più ai Comuni oppure si è detto pronto a fare
requisizioni per legge, pur di fare
spazio ai migranti in arrivo.
Ormai l'allerta umanitaria sfocia in battaglia politica. E svela
una trincea fin qui inedita per
l'area fiorentina, sebbene centrale nel dibattito nazionale: la sostenibilità dell'accoglienza. E la necessità di distribuire i carichi di migranti in arrivo. Il ragionamento
di Nardella non riguarda solo la città metropolitana, ha un respiro
che scavalcai confini. Persino quelli toscani. È vero che ci sono 18 Comuni dell'area metropolitana su
42 che non per ora non accolgono
nessuno, da Bagno a Ripoli (che
però ha dieci posti pronti e poi sta
ristrutturando un monastero per
prenderne altri) a Pontassieve a
Calenzano: «Su questo chiederò
l'assunzione di una piena corresponsabilità a tutti», avverte Nardella. Ma è giusto che il grande tema dell'esodo dall'Africa attraverso il Mediterraneo diventi europeo: la prima accoglienza non può
"Chiederò la
collaborazione
di tutti i
•n
mun i c ip1
"Caserme?
Palestre?
Ci
sono soluzioni
m igli ori"
toccare solo al nostro Paese, è il
convincimento che Nardella condivide col governo Renzi. Per questo
quello che chiederà oggi al prefetto è che Firenze faccia pesare la
sua voce, in Toscana e nel resto
d'Italia. Che si stabilisca un tetto
per l'accoglienza a livello nazionale e non solo fiorentino, che si individui una soglia massima di sostenibilità. Perchè è meglio non fare
accoglienza che fare cattiva accoglienza, ripetono le persone più vicine a Nardella.
E se Varratta si dice pronto a requisire immobili sul territorio, il
sindaco non ci sta: «Palestre? Caserme? Non commento ipotesi.
Ma sono convinto esistano soluzioni migliori» dice ieri alla festa dei
60 anni dell'Isolotto mentre i residenti lo braccano per chiedergli
della passerella chiusa e dell'Esselunga all'Argingrosso scomparsa.
Intanto dopo gli scontri e i feriti il
centrodestra di Massa chiede le dimissioni dei tre consiglieri comunali - Elena Mosti (Sel), Riccardo
Ricciardi (M5S) e Stefano Alberti
(Pd) - che hanno partecipato alla
manifestazione del leader leghista Matteo Salvini, che teorizza lo
stop all'accoglienza dei migranti.
l9NIPNODU>JONE NIíERJATA
Fly UP