...

Wendy?!

by user

on
Category: Documents
8

views

Report

Comments

Description

Transcript

Wendy?!
PRESS REVIEW
Wendy?!
Notebook
Tide Records – 2014
Wendy?! / Notebook - press 2014
Press Office:
TIDE Records
www.tides.it
[email protected]
Tel +39 06 9042949
(UK)
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
Wendy?! / Notebook - press 2014
(USA)
Wendy?! - Notebook
Review by G. W. Hill
The blend of rock sounds here is pretty diverse. Some of this is hard edged, while other songs land closer to more melodic. Things
from psychedelia to punk rock to glam are all referenced here and there. The most frequent influence I hear is David Bowie. This is
quite an effective set. The vocals, though, are a little rough around the edges at times.
Track by Track Review
Brain Drain
After a proggy, intricate jam at the opening, this powers out to some serious hard rocking sounds. It’s a bit grungy and quite riff driven.
There are hints of punk on this and just a lot of energy. It has some unusual shifts and turns, though, with some more melodic
movements emerging at times. There are moments when this leans towards vintage psychedelia, really.
Lover's Lies
More of a melodic rocker, this has some great musical moments. I really love the tasteful guitar solo section and the whole piece is
very classy. It has almost a power ballad approach to it in a lot of ways.
I'm Sick
Combining a bluesy hard rock with a punk type concept, this is good. It’s just not at the same level as the two opening pieces.
Hallelujah, I've Got a Gun
Psychedelia, punk and more combine on this piece. It’s got a fairly complex arrangement. At times I’m reminded just a bit of David
Bowie. It should be noted that this piece does earn a bit of a parental advisory. It drops back to mellow psychedelia mid-track and then
comes out with a melodic jam that starts mellow and turns harder edged as it continues. That gives way to a return to the song proper,
though.
I'm Gonna Try
A mellower and more psychedelic number, Bowie would be a valid reference point at times here. This does rock out more at times. It’s
got a real 60s vibe to it.
Ddr (The Sea of Rome)
I love the smoking hot riff that drives this. This instrumental has a very 1970s kind of vibe and is just a great groove.
Everything Will Be Done
This instrumental is mellower and more like a ballad.
At Your Door
Another that seems to combine hard edged blues rock and a punk sensibility, this is fun. The guitar solo section on this is pretty hot.
There is a real Mott the Hoople vibe later, too.
Breakout Plan
I love the riff driven hard rocking sound on this tune. It’s accessible and quite tasty. It’s a great tune, really. The mellower section here
again calls to mind Bowie a bit.
Sleepwalker
This melodic rocker definitely makes me think of Bowie. It’s a cool tune and one of the better ones here.
Reprise
A balladic tune, this has some elements of Bowie in the mix. It’s a little bluesy, too. It’s not a bad song, but not one of the highlights
and perhaps not the best choice to end things.
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
Wendy?! - Notebook
Lorenzo Canevacci è stato il chitarrista dei Bloody Riot, band capitolina tra le protagoniste della scena hardcore tricolore, e anche solo per
avermi fatto tornare in mente i tempi della Meccano, della Toast e dell’audio rivista Punto Zero (tutte creature di Giulio Tedeschi, arguto
pioniere della discografia italica all’insegna del Do It Yourself), questo “Notebook”, il secondo albo della sua nuova avventura artistica
denominata Wendy?!, intasca un encomio particolare dal sottoscritto, ancor prima di essere sottoposto alle incuriosite sessioni d’ascolto.
Messe da parte le “rimembranze” e le facezie, il lavoro in questione, alla prova dei fatti, dimostra di meritare tutta l’attenzione dei rockofili
interessati a una miscela sonora fatta di crudezze punk, lirismi glam, bagliori psichedelici e delle suggestioni caliginose del post-punk e di
certo grunge, in un universo narrativo piuttosto cupo e ombroso (qualcuno potrebbe definirlo, ahimè, semplicemente “realistico” …), tra
deturpazioni ambientali, “nuovi poveri” e frustrazioni varie.
Materiale adatto agli estimatori di Stooges, Bowie (verosimilmente il più influente di tutti …), Velvet Underground, Radio Birdman, Cult,
Motorpsycho e Screaming Trees (ma dall’elenco non escluderei nemmeno gli Afterhours), insomma, pilotato dal registro vocale
tormentato, graffiante, disincantato e seducente di un cicerone che conosce assai bene come condurre l’astante nei meandri del lato
oscuro della mente e dell’animo umano.
Alla sensazione di trovarsi immersi in un misto di velluto, fumo, vetri rotti ed emozioni intense e profonde, contribuisce fattivamente,
inoltre, una selezione oculata di chitarre, basso, batteria e tastiere, attenta ad assecondare sia il potere dell’essenzialità del rock e sia il suo
lato più passionale e creativo.
Con pezzi diretti come “Brain drain”, “I'm sick”, lo strumentale "DDR (The sea of Rome)” e "Breakout plan”, o malinconici e metafisici come
“Lover's lies”, “I'm gonna try” e "Sleepwalker”, i Wendy?! mettono in luce tutta la notevole cultura e il “cuore” di cui sono dotati, mentre a
esibire il loro “cervello” ci pensa ”Hallelujah, I've got a gun”, brano caratterizzato da pulsazioni maggiormente ricercate e oblique, a
testimonianza di un eclettismo non trascurabile, che, forse, andrebbe sfruttato in maniera superiore.
“Notebook” garantisce calore, passione, tensione e forza d’urto … bel disco.
Marco Aimasso
Wendy?! / Notebook - press 2014
(EG)
Wendy?! - Notebook
Wendy?! is a rock band with a genre of alternative rock, the band was formed in 2008 and the band’s hometown is Rome, Italy.
A lot of people may wonder about the band’s name –which is exactly what happened - and in fact the reason behind that name is that the
founders were inspired by “ The Shining” movie then, so they named the band Wendy?! .
The bands current members are:
Lorenzo “Mr. Grady” Canevacci: Voice and guitar - Andrea DRM Giuliano: Bass and back vocals - Alessandro Ressa: Rhythm guitar, back vocals,
keyboards - Luca Calabrٍ: Drums
Wendy?! has released two albums so far. First release was Eleven in 2012 , and the second one is Notebook released in 2014 and which I will
review in the meantime .
The album starts with a track called ‘Brain Drain’. Frankly as a start this track gave me a vibe of the 90’s or the 80’s, the rhythm is so related to
Rock ‘n’ Roll! It made me feel like I’m playing AC/DC or The Beatles. This song was a great mix between classic rock and modern rock, it’s a
brilliant start actual.
I like the fact of being unconventional, as in ‘Lover’s Lies’ the solo came between verses, it wasn’t like what we all used to that the solo
usually comes in the final part of the song but Wendy?! changed that concept in this exact song , and by the way it’s a great solo played here.
This album is really turning into a radio station, they play distinctive genres in one album, and did I say in one album? It’s maybe in one song!
For example ‘I’m gonna try’ this track’s intro is more country in its style and guitar tabs but in a second the song goes back to the main genre,
rock! This album is becoming more fantastic and entertaining than many of the enormous rock bands.
This album is simply amazing as well as this band themselves. I’ve liked it much; I felt I’m listening to a new kind of album, new thoughts and
new rock!
I haven’t mentioned all songs in detail, because I don’t like the fact that I might blow this on many. So I’ll leave it widely open for your
comments or opinions because this album needs to be listened closely form your left chest part.
Amged Mahmoud
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
Gianni Della Cioppa
WENDY?!
‘NOTEBOOK’
(Tide, 2014)
Roba che scotta.
Potrei quasi dire che mi sono piaciuti prima ancora di ascoltarli questi Wendy?!. Il motivo? Semplice: nella
biografia il titolare della band, il navigato cantante e chitarrista Lorenzo “mr. Grady” Canevacci, già negli
storici Bloody Riot, band dell’alba hardcore punk italiano, ci confessa che da ragazzo ascoltava di tutto dai
Joy Division a Frank Zappa, perché la buona musica è ovunque. E con questa premessa l’ascolto è
diventato prima curiosità e poi certezza. Lo stile del quartetto, che si puntella anche sul chitarrista Andrea
DMR Giuliano (ex Destir) è una miscela di rock ad alto voltaggio, sporcato di punk e blues malato, che
chiama in causa tanto il David Bowie era Ziggy; richievocato in versione abrasiva da Lorenzo; quanto i
Ramones, quanto certo hard rock folk acido degli Screaming Trees L’approccio è chiaramente punk, non nel
senso letterale, ma nell’attitudine perché in ogni brano può succedere qualcosa di anomalo. E così ci
lasciamo sommergere dall’energia di ‘Brain Drain’, ‘I’m Sick’, ‘I’m Gonna Try’, ‘Sleepwalker’ e la
splendida ‘Everything Will Be Done’, forse il manifesto di questo secondo album dei Wendy?!.
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
Notebook – Wendy?!
L'importanza della predisposizione agli ascolti più disparati aiuta spesso il musicista capace a trasportare, sul genere che gli viene più
naturale suonare quando imbraccia il proprio strumento, tutte le influenze che ha assorbito contribuendo con le proprie conoscenze
musicali alla ricerca e alla costruzione di un proprio stile che possa uscire fuori dalle tante proposte, e se possibile rimanere impresso
nella memoria e nei gusti del pubblico. Con il loro ultimo album, “Notebook”, i Wendy?! – i segni di punteggiatura non sono un errore di
battitura – band romana formatasi nel 2008 dall'incontro tra Lorenzo Canevacci (già chitarrista dei Bloody Riot, tra le più conosciute
hardcore band della penisola all'inizio degli anni '80) ed Andrea Giuliano (ex chitarrista dei Destir), riescono a proporre un sound
compatto, chiaramente riconducibile al panorama hard rock ed ai suoi canoni, e contemporaneamente se ne distaccano, con profonde
contaminazioni punk e post punk, grazie a ritmiche estremamente energiche e ad atmosfere dark e cupe. Sono diverse le influenze che
possono essere riconosciute, anche ad un primo ascolto: “Breakout plan”, nella melodia della strofa e nel modo di cantarla, ricorda
molto quel gran pezzo di Duca Bianco di David Bowie, mentre “Sleepwalker” è un felice incontro tra gli U2 di inizio anni '90 e la new
wave di band come gli Echo And The Bunnymen; “DDR (the sea of Rome)” non sfigurerebbe affatto tra i migliori lavori dei Muse ed
“Hallelujah, I've got a gun” riesce persino a rievocare, anche se con atmosfere decisamente più cupe e in ambiti molto diversi, dei mostri
sacri come i King Crimson. Un album completo, pieno di idee e di episodi riusciti, sicuramente un disco di ottima musica e di gran
qualità. Da avere.
Flavio Talamonti
Wendy?! / Notebook - press 2014
(GE)
Dutch Progressive Rock Page
Wendy?! - Notebook
TIDE Records (2014)
(11 Stücke, 39:05 Minuten Spielzeit)
Wendy?! (ja, die Schreibweise ist richtig) ist eine Band aus Italien. Kopf der Band ist der Sänger und Gitarrist Lorenzo „Mr. Grady“ Canevacci, der seine
musikalische Karriere bei der Band Bloody Riot begann, einer der besten italienischen Hardcore-Bands. Vor einigen Jahren trafen sich Lorenzo und der Bassist
Andrea DRM Giuliano (vormals Gitarrist bei der Band Destir), deren Zusammenarbeit im Namen Wendy?!, mündete. Lorenzo hat eine Ader für die dunkel Seite
der Psyche und der menschlichen Seele und so ist es nicht verwunderlich, dass der Bandname von Stanley Kubricks Film „Shining“ inspiriert ist.
Zur aktuellen Band gehören außerdem noch Alessandro Ressa (Rhythmusgitarre, Backgroundgesang, Keyboards) und Luca Calabrò (Schlagzeug). Bereits im
Jahr 2012 erschein das Debütalbum „Eleven“, dem zweijährige Liveaktivitäten folgten. Danach gingen sie mit dem neuen Drummer Luca Calabrò an das zweite
Werk heran, das den Titel „Notebook“ trägt und Mitte 2014 als CD und digitalem Download veröffentlicht wurde.
Die Musik ist von Hardrock, der Energie des Punk, Dark Post-Punk-Atmosphären, Progressive Rock-Elementen und dem rauen Sound des Alternative Rock
durchzogen. Auch der Spirit des 70’er Jahre Classic Rock scheint ein ums andere Mal in den Stücken durch.
Recht proggige Gitarrenmotive eröffnen aber erst mal den Opener „Brain Dead“, die nach wenigen Sekunden dann aber in kraftvolles Riffing übergehen. Jetzt
kommen Hardrock und Punkelemente zum Tragen. Mit diesen ersten Klängen zeigen Wendy?! wohin die Reise auf dem Album gehen wird. Sie verstehen es, die
unterschiedlichen Zutaten perfekt zu vermischen und so etwas Neues zu entwickeln. Das ist knackiger Rock, der Spaß macht.
Atmosphärisch und fast im Singer/Songwriter-Stil wirkt dagegen „Lover’s Lie“. Sehr melodisch und eingängig zeigt sich aber auch dieses Stück, das ein wenig
Nostalgie aufkommen lässt. Dabei wirkt der Song recht rau. „Hallelujah, I’ve Got A Gun“ ist sehr abwechslungsreich und bietet gar wieder Progrock vermischt mit
Hardrock/Punk und auch Musik im Stile eines Westernsoundtracks. Im kurzen „Everything Will Be Done“ treten dann Gitarrensounds zu Tage, die an Genesis‘
frühe Tage erinnern.
Auch die folgenden Stücke folgen diesem Muster, wobei Wendy?! ein ums andere Mal in den Songs zwischen ruhigen, manchmal hypnotischen Phasen und
knackig rockigen Parts umschalten.
Auf „Notebook“ präsentiert die italienische Band Wendy?! eine wilde Mixtur aus Hardrock, Progressive Rock, Alternative Rock, Punk und Singer/Songwriter-Stil.
Das klingt jetzt so als ob die Band kein Konzept hätte, aber genau das Gegenteil ist der Fall, denn die Stücke passen erstaunlich gut zusammen. Ein Geheimtipp,
den man antesten sollte.
Stephan Schelle, July 2014
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
WENDY?! - Notebook
Tide Records
Distribuzione italiana: si
Genere: Rock
Support: CD – 2014
I Wendy?! sono una band capitolina al secondo album. Il gruppo è capitanato dal cantante e chitarrista Lorenzo Canevacci, che
nei primi anni ’80, in piena tempesta punk, militava nella band hardcore Bloody Riot. Il nome della band si ispira al famoso film
di Kubrick Shining, una scelta non casuale, perché Canevacci con la sua musica intende indagare i lati oscuri dell’animo umano.
Gli altri componenti della band sono il bassista Andrea Giuliano, il chitarrista ritmico e tastierista Alessandro Ressa e il
batterista Luca Calabrò. Il passato punk di Lorenzo trasuda dalla sua musica, che tiene conto anche di quanto c’era prima e
di quanto è venuto dopo, con la speranza di proporre un sound corposo, energico e soprattutto capace di suscitare emozioni profonde.
Apre “Brain Drain”, un classico intro fa da preludio ad un riffing incendiario che è tributo sia agli anni ’70 che ’80, dei primi ha la
maestosità, dei secondi ha l’immediatezza e la ruvidezza, i Wendy?! si dimostrano subito rocker di razza, che sanno dar vita
ad un rock stradaiolo dal buon impatto. “Lovers’ Lies” è una ballata elettrica vagamente alla Mark Lanegan, la base è blues,
anche se non manca una sterzata energica. Stessa struttura per “I’m Sick”, che però è più punk come attitudine.
Brano sul disperato è “Hallelujah, I’ve Got a Gun”, un brano di spessore, molto più complesso dei precedenti e che prova la
buona vena dei nostri. “I’m Gonna Try” è una vera ballata, nel vero senso del termine, anche se non è scontata.
Se pensavate ad un ammorbidimento ecco arrivare la metallica “DDR (The Sea of Rome)”, la chiave è ancora blues, ma è
maledettamente acido e caustico. Bella anche “At Your Door”, ci sono diversi richiami, si sente che questi musicisti conoscono
parecchia musica, il bello è che e ne fanno un mix sufficientemente personale. “Breakout Plan” aggiunge poco a quanto già detto.
Si rimane su buoni livelli anche nella seguente “Sleepwalker” e nella finale “Reprise”, definiscono il sound della band senza dire di più.
I Wendy?! sono ottimi rocker e questo disco offre un discreto spaccato delle loro capacità, penso che il panorama italiano
vada stretto a questi musicisti, speriamo abbiano la possibilità di far girare la loro musica fuori dai confini nazionali.
Giancarlo Bolther
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
2014, Tide Records
Hard Rock
di Francesco Maraglino
C’erano una volta gli anni Ottanta, e c’erano una volta i Bloody Riot, una delle più note band italiane di hardcore punk di quei tempi.
Dei Bloody Riot faceva parte Lorenzo Canevacci, chitarrista e cantante, che dopo tanti anni di assenza dalla scena rock tricolore, ha deciso di riprendere
in mano la sua sei-corde e ha fondato una nuova band.
Il nome del nuovo combo è Wendy?!, in omaggio al celebre film Shining ed all’intento del musicista di indagare sul lato oscuro delle persone.
Nel 2012 vede la luce il primo album di Canevacci e soci, dal titolo Eleven.
Dopo sue anni trascorsi dedicandosi ad una intensa attività live, ecco arrivare un nuova proposta discografica dei Wendy?!, dal titolo “Notebook”.
Il nuovo full-length conferma l’intendimento della formazione di omaggiare molteplici risvolti della musica rock, dal punk all’hard, passando per la new wave,
l’alternative e l’indie rock.
Il versante più hard rock dell’anima musicale dei Wendy?! trova rappresentazione in tre brani di egregia confezione: Breakout Plan, rocker sconfinante
nell'hard e ricco di bagliori power-pop, Brain Drain, trafitto da riff di chitarra punk-metal, e DDR (The Sea of Rome), hard rock strumentale rischiarato da
bordate psichedeliche.
Altrove, in Notebook, l’ascoltatore si trova alle prese con mood più lontano dai generi cari al lettore di TM, ma, in ogni caso, sempre di pregevole caratura.
Citiamo, tra questi, Lover’s Lies, in cui gli umori indie rock si colorano delle ombrose influenze di Mark Lanegan e Leonard Cohen, I’m Sick Believe,
dall’andamento piacevolmente catchy, nonché Hallelujah, I’ve Got a Gun, dal taglio cantautorale.
Notebook, in definitiva, proprio perché non classificabile in toto all’interno di uno specifico sottogenere del rock, rappresenta un interessante sfoggio di
grande amore per una musica senza confini, modellata dai Wendy!? con gradevole risolutezza.
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
Wendy?!
Notebook
di Vittorio Lannutti
Cresciuto nell’ambiente del punk, Lorenzo Canevacci, dopo aver lasciato il mondo della musica, per vari motivi e dopo due
eventi traumatici, ha deciso di rimettersi in carreggiata due anni fa con la creazione dei Wendy?! ad oggi al loro secondo lavoro
dopo il debutto di “Eleven” datato 2012. L’indole punk Canevacci ormai la mantiene solo nello spirito dal momento che in
sostanza, nella musica, sono pochissimi gli spunti che provengono da quel genere. Piuttosto si assesta su un rock classico che
deve molto ai mostri sacri degli anni ’70, a partire da David Bowie, che sembra riapparire nel suo timbro vocale, ma anche Iggy
Pop e Lou Reed.
Tuttavia, nonostante i richiami, il disco non puzza affatto di nostalgia perché il gruppo riesce a trovare soluzioni che ben si
emancipano da quel periodo, come accade in particolare in brani come Breakout plan, un’ottima cavalcata rock, Lover’s lies,
impreziosito da bellissime chitarre sferraglianti e At your door, che rilegge e attualizza i fasti del glam rock.
Solo un paio di note dolenti: la strumentale DDR (The sea of Rome) e alcuni frangenti vocali eccessivamente barocchi ed
enfatici. Sì, ma giusto per trovare il pelo nell’uovo.
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
Wendy?!
Notebook
di Emma Bailetti
Il nuovo disco dei Wendy?! inizia soft per poi esplodere come ogni disco rock che si rispetti. È “Brain drain” a dare il via a
questo nuovo lavoro dal nome “Notebook”, il secondo, uscito a due anni di distanza dal precedente. All’inizio sembra un brano
lento e melodico, poi scoppia di energia, urla, elettricità che percorre corpi e voci.
“Lover’s lies” continua sulla stessa linea energica, senza dimenticare la melodia; “I’m sick” si costruisce su ripetizioni ossessive e
distorsioni che ne sottolineano la tragicità; “Halleluja, I’ve got a gun” rallenta il ritmo e tutto sembra andare a rallentatore, si
interrompe più o meno a metà con suoni che sembrano rievocare spazi aperti, vento ed acqua che scorre, poi cresce
progressivamente, come se iniziasse un altro brano, e si conclude all’improvviso all’apice della sua forza. In questi brani iniziali
c’è tutto l’andamento del disco, che sale e scende continuamente, tra accelerate e rallentamenti nel ritmo.
Rispetto al disco precedente i suoni sono più curati, legati tra loro e ben amalgamati. È un disco più maturo e anche i testi
appaiono più attenti. La voce di Lorenzo Canevacci è sempre sufficientemente profonda e ricorda le grandi voci del rock
internazionale più classico. È proprio questa la tradizione a cui i Wendy?! devono molto, e tutto è fatto bene: gli strumenti
combaciano tra loro, le distorsioni sono sempre al punto giusto, il ritmo cresce e cala senza scadere mai nell’eccesso. Insomma,
è un disco assolutamente piacevole e ben fatto.
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
KDCOBAIN
Wendy?! - Notebook
(2014)
“Notebook” è il secondo album per i Wendy?!, formazione romana formata da Lorenzo Canevacci (voce e chitarra),
Andrea Giuliano (basso), Luca Calabrò (batteria) e Alessandro Ressa (chitarra e tastiere). Il riferimento principale
della band capitolina è sicuramente il rock più classico dei Seventies, quello di padri nobili e maledetti come Lou
Reed e Iggy Pop.
L'opener “Brain Drain”, dopo un'intro atmosferica, sferra un pugno rock alla Stooges, “Lover's Lies” sembra una
outtake di “Ziggy Stardust”, “At Your Door” è un bel glam-rock dall'ottimo tiro swing. Degno di nota è anche il brano
strumentale “DDR (The Sea Of Rome)”.
Classici e a loro modo rassicuranti, i Wendy?! non vi promettono nulla se non dell'ottimo rock n'roll; e non è poco.
Wendy?! / Notebook - press 2014
(IT)
Wendy?! il report live 18-10-2014 al Wishlist
Senza prevederlo, in un bel fuoriprogramma sabato sera mi ritrovo al Wishlist (ex Coetus) di Via dei Volsci, dove sono attesi sul palco i Wendy?!, formazione romana
rock dal mix di suoni “novantiani” e “settantiani”.
Il nome “Wendy?!”, come intuibile anche dal videoclip “Hallelujah, I’ve got a gun” nonché da altre composizioni della band, viene da un’ammirazione nei confronti
del regista Stanley Kubrick e in particolare dei controversi personaggi di “Shining”.
Gli Wendy?! si compongono di basso, batteria e due chitarre, oltre che di tastiere all’occasione. Delle parti vocali se ne occupa sempre il leader, nonché lead guitar
Lorenzo Canevacci, ex Bloody Riot e musicista navigato dalle cui movenze si nota ancora l’animo punk.
In un live di circa un’ora, il gruppo propone una sintesi del suo repertorio costituito da due full lenght, di cui l’ultimo (“Notebook”, dall’ottima produzione ndr)
pubblicato per l’etichetta indipendente Tide a giugno di quest’anno.
Le tematiche trattate hanno spesso un sapore amaro, si spazia da problematiche sociali di lavoro e fughe di cervelli alla critica verso la discografia italiana, il tutto
espresso attraverso un suono in-your-face molto potente e meno curato rispetto a quello delle incisioni in studio.
Di spicco la notevole performance del batterista Luca Calabrò, più giovane degli altri membri della band, mentre per quanto riguarda le canzoni è il vecchio singolo
“How do you sleep at night?” ad essere accolto più calorosamente dal pubblico. Curiosa la scelta di dedicare un cadenzato brano strumentale al centrocampista
dell’AS Roma Daniele De Rossi, brano intitolato per l’appunto “DDR (the sea of Rome)”, da uno dei soprannomi del giocatore. La serata verrà ricordata anche per
essere l’ultima con il bassista Andrea Giuliano, energico e coinvolgente sul palco, che per motivi personali ha deciso di separarsi da questo progetto.
Sicuramente i Wendy?! sono capaci di offrire della buona musica, dopo gli applausi di rito è piacevole il pensiero di essere entrati magari come me in un locale quasi
per caso e aver scoperto uno dei tanti gruppi del sottobosco romano che hanno qualcosa da dire ma a cui spesso mancano gli spazi e le possibilità.
E infatti per il genere proposto un palco più ampio e un impianto un di maggiore generosità sarebbe stato ideale, sperando di ritrovarli presto in giro per una
controprova.
Massimo Trentini
Wendy?! / Notebook - press 2014
Fly UP